Archivi categoria: ARTE

arte, mostre, artisti, foto d’arte, storia dell’arte,

Arte a Novara – Dal Rinascimento al Neoclassico – Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi

Castello di Novara

Mostra Dal Rinascimento al Neoclassico.

Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi in cui saranno  esposti oltre 120 capolavori della storia dell’arte italiana dal Quattrocento all’Ottocento della collezione Cavallini-Sgarbi che comprende, tra gli altri, artisti come Niccolò dell’Arca, Lorenzo Lotto, Guercino, Guido Cagnacci, Baciccio, Artemisia Gentileschi, Lorenzo Bartolini, Francesco Hayez.

Questa è anche una grande occasione per la città, perché finalmente dopo oltre un decennio di restauro il castello visconteo, vero fiore all’occhiello di Novara, è stato riaperto e ridonato ai suoi cittadini.

Dal 21 Settembre 2017 al 14 Gennaio 2018

Dopo aver acquisito, dal 1976, 2800 titoli dei 3500 elencati da Julius von Schlosser nella sua La letteratura artistica, Vittorio Sgarbi capisce “che quadri e sculture potevano essere più convenienti e divertenti del libro più raro”.
Questa illuminazione scaturisce dall’incontro con Mario Lanfranchi, collezionista maestro perfetto, il primo dei tanti da lui incontrati dopo aver abbandonato il dogma universitario che lo aveva indotto a “guardare le opere d’arte come beni spiritualmente universali ma materialmente indisponibili”.

Così, dal 1983, incrociando il San Domenico di Niccolò dell’Arca, Sgarbi decide che non avrebbe “più acquistato ciò che era possibile trovare, di cui si poteva presumere l’esistenza, ma soltanto ciò di cui non si conosceva l’esistenza, per sua natura introvabile, anzi incercabile.” Come lui stesso afferma “la caccia ai quadri non ha regole, non ha obiettivi, non ha approdi, è imprevedibile. Non si trova quello che si cerca, si cerca quello che si trova. Talvolta molto oltre il desiderio e le aspettative”.

Da questo irrefrenabile impulso, strettamente connesso all’irrinunciabilità della bellezza e al profondo amore per la propria terra, da questo collezionismo “rapsodico, originale, che ambisce a rapporti esclusivi con le opere come persone viventi”, è sorta, incontro dopo incontro, una vera e propria summa dell’arte italiana, tra pittura e scultura, dal XIII secolo ai giorni nostri: un coltivato assortimento (e accanimento) che riflette la cultura ampia e multiforme di chi ha rintracciato, acquisito, studiato e in ultimo protetto i preziosi tasselli che lo compongono.

Come osserva il curatore della mostra Pietro Di Natale:l’arte ha una funzione culturale, è autenticamente cultura animi, e per questo non è solo utile, ma anche necessaria nel percorso di ogni uomo. Una collezione d’arte privata è dunque la fondazione di un sistema simbolico, la creazione di una palestra per l’anima, un luogo dove si materializzano scelte intime, meditate e, talvolta, sofferte. Sovente si dimentica che la sua più alta vocazione sia quella di accogliere il pubblico, di offrirsi agli sguardi, di raccontare la propria storia”.
Questo accade dunque al Castello di Novara, dove saranno esposte oltre 120 opere, tra dipinti, disegni e sculture, dalla fine del Quattrocento all’Ottocento.

La mostra, dedicata a Rina Cavallini, madre di Vittorio Sgarbi, vuole dar conto in primis della peculiare e complessa “geografia artistica” della nostra nazione; saranno rappresentate infatti le principali “scuole” italiane: lombarda (Giovanni Agostino da Lodi, Morazzone, Schivenoglia, Francesco Hayez), marchigiana (Johannes Hispanus, Cola dell’Amatrice, Battista Franco, Giovanni Francesco Guerrieri, Simone Cantarini, Andrea Lilio, Sebastiano Ceccarini, Giovan Battista Nini, Francesco Podesti), veneta (Pietro Liberi, Johann Carl Loth, Simone Brentana, Enrico Merengo), ferrarese (Nicolò Pisano, Garofalo, Giovanni Battista Benvenuti detto l’Ortolano, Sebastiano Filippi detto Bastianino), emiliana e romagnola(Niccolò dell’Arca, Francesco Marmitta, Ferraù Fenzoni, Guercino, Matteo Loves, Guido Cagnacci, Anna Morandi Manzolini, Giacomo Zampa, Mauro Gandolfi), toscana (Giovanni Martinelli, Giacinto Gimignani, Pietro Paolini, Simone Pignoni, Alessandro Rosi, Onorio Marinari, Giuseppe Moriani, Pietro Balestra, Giovanni Duprè), romana (Cavalier d’Arpino, Artemisia Gentileschi, Pseudo Caroselli, Bernardino Nocchi, Giuseppe Cades, Antonio Cavallucci, Innocenzo Spinazzi, Agostino Masucci).
L’avvincente percorso offrirà al visitatore un’ampia panoramica sulla natura e sulla funzione di dipinti e sculture (pale d’altare, quadri “da stanza”, miniature, bozzetti e cartoni preparatori, etc…), nonché sui soggetti affrontati dagli artisti, da quello sacro, alle raffigurazioni allegoriche e mitologiche (Ignaz Stern, Simone Pignoni, Filippo Comerio, Vincenzo Morani), dal ritratto (Lorenzo Lotto, Luciano Borzone, Philippe de Champaigne, Ferdinand Voet, Baciccio, Pier Leone Ghezzi, Giorgio Domenico Duprà, Giovanni Antonio Cybei, Giacomo de Maria, Lorenzo Bartolini, Raimondo Trentanove, Vincenzo Vela), al paesaggio e la veduta (Jan de Momper, Giuseppe Bernardino Bison, Antonio Basoli, Giuseppe Bernardino Bison), alla scena di genere (Eberhart Keilhau detto Monsù Bernardo, Matteo Ghidoni detto dei Pitocchi).

NOVARA

LUOGO: Castello di Novara

CURATORI: Pietro di Natale

ENTI PROMOTORI:

  • Comune di Novara
  • Fondazione Castello

COSTO DEL BIGLIETTO: Intero € 10, Ridotto € 7 (Over 65, Under 26; Gruppi 15-25 persone, studenti universitari), Scuole € 5. Gratuito Bambini fino a 6 anni; diversamente abili (invalidi e grandi invalidi) e un accompagnatore per chi lo necessiti; giornalisti professionisti e pubblicisti mediante presentazione della tessera dell’Ordine solo previo accreditamento presso l’ufficio stampa della mostra (SECPR), guide turistiche mediante presentazione del patentino

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 0321.394059

E-MAIL INFO: info@turismonovara.it

SITO UFFICIALE: http://www.lestanzesegretedivittoriosgarbi.it

 

Arte a Lugano – LAC – Focus India

Focus India

Ad aprire la terza stagione del LAC ( Lugano CH ) un progetto trasversale fra arti visive, musica, danza, cinema e tanti appuntamenti dedicati ai molteplici aspetti della cultura indiana.

Grande mostra Sulle vie dell’illuminazione.

 

Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017, in programma dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018
24 settembre 2017 – 21 gennaio 2018 LAC Lugano Arte e Cultura

Focus India è un progetto esteso che, fino al 21 gennaio 2018, vedrà il centro culturale incentrato sull’India e sull’influenza che essa ha profondamente esercitato sulla cultura e l’arte occidentale.

Un’ampia e inedita programmazione, pensata per abbracciare in maniera interdisciplinare l’arte visiva, la musica, la danza e il cinema, e le altre numerose sfaccettature della cultura indiana fra cui la medicina, la meditazione e la cucina.

A fianco della regolare programmazione delle rassegne di teatro, danza e musica, la nuova stagione artistica autunnale è arricchita e declinata su questo grande tema, sviluppato e approfondito attraverso assoli e reciproche contaminazioni fra arti diverse.

Focus India racconterà una cultura, quella indiana, che tanto ha affascinato e influenzato il mondo occidentale nei più svariati ambiti culturali con numerosi appuntamenti: una grande mostra, una rassegna cinematografica e momenti di richiamo, con alcuni fra i massimi protagonisti della scena artistica indiana, si alterneranno ad altre attività e appuntamenti, fra cui workshop, laboratori per bambini, conferenze sulla medicina, sessioni di yoga, eventi musicali, la cucina e tanto altro ancora sulla tradizione indiana.

In collaborazione con i suoi Partner artistici – MASI Lugano, LuganoInScena e LuganoMusica – il LAC darà vita a un’intensa programmazione di quattro mesi pensati per soddisfare la curiosità e gli interessi di un pubblico eclettico lungo un viaggio affascinante alla scoperta del mito e della cultura indiana.

Highlights
Arte | Danza | Musica | Cinema
Focus India: Arte
Tra le diverse anime portanti di Focus India, l’arte è in primo piano con la grande mostra Sulle vie dell’illuminazione. Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017, in programma dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018. L’esposizione si estende su due piani del museo, offrendo uno sguardo ampio e diversificato sul modo in cui, dall’inizio dell’Ottocento ad oggi, la realtà indiana – con le sue tradizioni, religioni, paesaggi, culture e forme artistiche – ha affascinato in maniera crescente il mondo occidentale. Non tanto l’India in se stessa quindi, ma l’influenza che essa ha profondamente esercitato sulla cultura e l’arte internazionale. È questo il tema centrale, che si sviluppa lungo il percorso espositivo attraverso una molteplicità di materiali e opere, dalla letteratura di Schopenhauer ed Hermann Hesse, alla fotografia di reportage di Henri Cartier Bresson, dall’avanguardia artistica di Le Corbusier e Alexander Calder all’arte contemporanea di Francesco Clemente, Luigi Ontani, Robert Rauschenberg, Damien Hirst, Maurizio Cattelan e Thomas Ruff, dalla fotografia contemporanea di Sabastião Salgado, Ferdinando Scianna, Steve McCurry e Martin Parr a cinesti come Roberto Rossellini e Louis Malle, fino agli stessi Beatles per la musica.
LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch
1/3



Focus India: Danza

Una delle massime espressioni della cultura indiana è da sempre la danza, che al LAC vede esibirsi l’11 novembre una protagonista d’eccezione, Shantala Shivalingappa, tra le maggiori interpreti contemporanee del Kuchipudi, uno dei sette stili di danza classica indiana.

Il 16 dicembre è invece il momento di Rising, lo spettacolo con coreografie di Russell Maliphant, Sidi Larbi Cherakoui e Akram Kahn, e l’interpretazione di Aakash Odedra, ballerino e coreografo inglese di origine indiana, tra i più richiesti e premiati internazionalmente, il cui stile è un perfetto mix tra la danza classica tradizionale indiana e le più interessanti forme di danza contemporanea.

Focus India: Musica

La rassegna dedicata alla grande tradizione musicale indiana vede come momento clou l’appuntamento del 18 novembre con Nishat Khan, un riferimento mondiale per il sitar. Grazie alla sua tecnica straordinaria, oltre che alla profondità e complessità del suo linguaggio musicale, Nishat Khan ha collaborato con Philip Glass e John McLaughlin ed è stato invitato a suonare con altri mostri sacri delle corde come Eric Clapton e Carlos Santana. Diversi e con svariati approcci gli appuntamenti con la musica, disciplina che insieme alla mostra apre Focus India con un doppio evento il 23 e il 24 settembre: un percorso musicale e performativo dedicato alla scoperta delle connessioni e delle influenze che la musica indiana ha esercitato su quella occidentale, a partire dall’ambito classico per arrivare a quello pop contemporaneo. Durante i tre programmi previsti in settembre e dicembre (il 15) si ascolteranno in diverse postazioni dislocate sui tre livelli della Hall tablas, sintetizzatori, violini e sassofoni, loop machines, sitar, … con anche alcuni interventi di danza. Non mancherà un excursus nel mondo dell’elettronica e di Bollywood in un evento dedicato – India/MOVEMENTS – la notte del 4 novembre nel quale la Hall si trasformerà in un “Bollywood Club” londinese.

Focus India: Cinema

Le affinità elettive. Il cinema e le altre arti è il titolo della rassegna cinematografica, curata dal critico, produttore e direttore di festival Marco Müller, che indagherà i numerosi e mutevoli aspetti del continente indiano attraverso la settima arte. 20 programmi dal 9 novembre al 5 dicembre con diverse proiezioni al giorno, ospiti e tavole rotonde permetteranno di esplorare un continente di “scambi di senso” ancora ignoto in Europa: il rapporto fra il cinema modernista e quello visionario dell’India contemporanea e i linguaggi espressivi della tradizione. Un ciclo di film sulle arti visive, l’architettura, la musica, il teatro e la danza con opere che coprono il periodo 1948-2017, alcune delle quali rimaste inedite fuori dall’India oppure dimorate invisibili per vent’anni, restaurate e sottotitolate in inglese, per l’occasione.

Rendez-vous

Workshop | Conferenze | Letture | Atelier creativi | Yoga
Accanto agli highlights, il progetto Focus India propone una serie di appuntamenti aperti a tutti che guideranno il pubblico alla scoperta delle diverse e affascinanti sfaccettature della cultura indiana. Le attività variano per temi e formati: conferenze, atelier per i più giovani, concerti gratuiti, master class con gli artisti presenti, sessioni di yoga, letture e workshop approfondiranno aspetti quali la “danza narrativa indiana”, l’iconografia, la meditazione, la medicina ayurvedica, ecc. Protagonisti saranno relatori di riferimento nei rispettivi campi, tra i quali la Professoressa Urmila Chakraborty, la Professoressa Marilia Albanese, il Dottor Gianluigi Marini, l’artista Roberto Mucchiut, l’attrice/coreografa Lucrezia Maniscotti e tanti altri ancora.

Il programma completo e aggiornato con tutti gli appuntamenti di Focus India è consultabile da settembre sul sito india.laclugano.ch.

LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch
2/3



Informazioni pratiche

Sede:
LAC Lugano Arte e Cultura
Piazza Bernardino Luini 6, 6901 Lugano +41 (0)58 866 4200
www.luganolac.ch
Orari:
Martedì–domenica: 10:00–18:00 Giovedì aperto fino alle 20:00 Lunedì chiuso

LAC Lugano Arte e Cultura

LAC Lugano Arte e Cultura è il nuovo centro culturale della Città di Lugano dove le arti visive, la musica e le arti sceniche interagiscono in un unico spazio: un luogo pensato per vivere al meglio l’arte in ogni sua forma. Il LAC è concepito come uno spazio dinamico, aperto sulla città e sul lago. Il nuovo cuore pulsante di Lugano, crocevia culturale tra il nord e il sud dell’Europa. Sposano e sostengono l’ambizioso progetto Credit Suisse e UBS, partner principali del LAC.

LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch

Arte a venezia – Fondazione Querini Stampalia

Elisabetta Di Maggio
Natura quasi trasparente
a cura diChiara Bertola

Fondazione Querini Stampalia, Venezia
prorogata al 26 novembre 2017

T Fondaco dei Tedeschi, Venezia
«Fili» incontro con Elisabetta Di Maggio
in conversazione con Chiara Bertola e Bianca Tarozzi
25 ottobre, ore 18.30

La Fondazione Querini Stampalia e Krizia hanno il piacere di annunciare la proroga della mostra Natura quasi trasparente di Elisabetta Di Maggio, visibile fino a domenica 26 novembre 2017 negli spazi del Museo della Querini Stampalia a Venezia.

L’esposizione, a cura di Chiara Bertola, è stata realizzata in occasione della Biennale Arte da Fondazione Querini Stampalia e Krizia, in collaborazione con T Fondaco dei Tedeschi — DFS e Laura Bulian Gallery.

Elisabetta Di Maggio ha trascorso molto tempo nella casa museo della Querini Stampalia per il progetto site specific Natura quasi trasparente.

Qui nel Portego l’intervento dell’artista invade lo spazio e crea una relazione con il tempo passato e quello presente, ponendo lo spettatore all’interno di uno straniamento visivo.

La natura che ora ‘occupa’ il museo si presenta come un elemento vivo e germinativo all’interno di uno spazio congelato dalla storia. Come nelle grandi superfici di carta, anche nelle fragili foglie, Elisabetta Di Maggio ripete il rito della vita e del suo diffondersi ineluttabile.

Come dice l’artista stessa: “Sul concetto di tempo declinato in tutte le sue forme ho basato la mia ricerca, tanto da far diventare il tempo stesso la vera materia del mio lavoro.
La memoria e le sue stratificazioni sono sempre fonte di ispirazione per la nostra esistenza, ci danno delle indicazioni preziose e provocano cortocircuiti mentali da cui nascono le idee…”.

Natura quasi trasparente è parte del programma della Querini Stampalia ‘Conservare il futuro’, che coinvolge artisti contemporanei nella creazione di opere site-specific ispirate al confronto con la storia, gli spazi e le collezioni della Fondazione, con l’obiettivo di proporre sguardi inediti capaci di scardinare le consuete categorie di conservazione, esposizione e fruizione museale dell’opera d’arte.

Un’iniziativa, questa, che ha molte affinità con ciò che è oggi il T Fondaco dei Tedeschi, proprio grazie al progetto promosso dal gruppo DFS: il restauro di Rem Koolhaas e il design interno di Jamie Fobert sono stati realizzati nel cinquecentesco edificio mantenendo vive le testimonianze della sua storia attraverso i secoli.

Il dialogo tra antico e contemporaneo lo trasforma in un luogo al contempo legato al passato e proiettato nel futuro, in cui memoria e innovazione si incontrano e creano a loro volta tracce di storia.

A un anno della sua riapertura al pubblico, è proprio a queste numerose testimonianze del lavoro del tempo che T Fondaco dei Tedeschi dedica il suo nuovo calendario culturale intitolato «Diamoci del tempo».  Attraverso una serie di incontri con artisti, musicisti e scrittori che hanno messo il tempo al centro della loro ricerca, i visitatori sono invitati a interrogarsi su questo tema nell’era dell’immediatezza, dell’effimero e dell’accelerazione del ritmo della vita.

Dopo essere stato partner della Fondazione Querini Stampalia nella realizzazione della mostra Natura quasi trasparente e aver reso possibile il restauro e l’apertura di una stanza ‘segreta’ del Museo, prima chiusa al pubblico, T Fondaco dei Tedeschi ospita nell’Event Pavilion mercoledì 25 ottobre, alle 18.30, «Fili», un incontro con Elisabetta Di Maggio  – che ha fatto del tempo la materia prima del suo lavoro – in conversazione con Chiara Bertola, curatrice della mostra, e Bianca Tarozzi, poetessa e scrittrice italiana.
Come tutti gli appuntamenti organizzati all’interno dell’Event Pavilion, l’incontro sarà aperto al pubblico gratuitamente, su prenotazione scrivendo a fondaco.culture@dfs.com.

Elisabetta Di Maggio
Natura quasi trasparente
Fondazione Querini Stampalia | Museo Querini Stampalia
in collaborazione con T Fondaco dei Tedeschi — DFS e Laura Bulian Gallery

luogo: Fondazione Querini Stampalia. Campo Santa Maria Formosa, Castello 5252, Venezia
mostra: 10 maggio – 26 novembre 2017
orario:  10 – 18. Chiuso il lunedì
biglietti: la visita alle mostre è inclusa nel biglietto d’ingresso alla Fondazione Querini Stampalia. Intero €10; ridotto €8

Per informazioni
Fondazione Querini Stampalia
Santa Maria Formosa, Castello 5252, 30122 Venezia
Tel. +39 041 2711411 / Fax +39 041 2711445
www.querinistampalia.org

Lago di Como eventi – Fiori e piante spontanee nell’erbario – Villa Carlotta

I colori del bosco.
Fiori e piante spontanee nell’erbario Fabani
Villa Carlotta
16 settembre -5 novembre 2017

In occasione del Novantesimo anniversario, Villa Carlotta – (www.villacarlotta.it) – bene demaniale dello Stato Italiano gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta – ospita la mostra I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani, realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro Rusca e curata da Augusto Pirola, professore emerito di Botanica presso Università degli studi di Pavia.

Recentemente studiato e digitalizzato, l’erbario Fabani è composto da circa 3000 tavole di piante e fiori raccolte tra il 1907 e il 1938 dal medico Giuseppe Fabani nel territorio comasco, valtellinese ed elvetico.

L’erbario è organizzato in 25 cartelle e dotato di un indice manoscritto e ogni tavola presenta un ricco cartiglio dove viene data scrupolosa indicazione della famiglia, della specie, del determinatore, della data e del luogo di raccolta (con le caratteristiche del terreno), del periodo di fioritura ed infine delle proprietà officinali.

Per la realizzazione della mostra sono state selezionate 60 tavole attraverso le quali si intende illustrare la composizione del bosco tipico delle aree prealpine della Provincia di Como, individuando alcune specie che colonizzano le fasce caratterizzanti questo tipo di ambiente da un punto di vista fitosociologico.

Le tavole in mostra sono suddivise in diverse sezioni in base all’ambiente naturale di provenienza: il sottobosco, il mantello e il margine. Il visitatore ha così modo di scoprire quanto influiscono luce e tipologia del terreno sulla crescita delle singole specie. Viene inoltre costruito un legame tra le specie illustrate nelle tavole e analoghi campioni o collezioni presenti in vivo presso le collezioni di Villa Carlotta, creando un rimando a piante vive e invitando quindi i visitatori a ritrovarle negli ambienti naturali. Una ulteriore sezione è dedicata alle specie usate dalla popolazione a scopo alimentare e officinale.

I pannelli esplicativi realizzati per la mostra spiegano inoltre l’importanza degli erbari storici nello studio della biodiversità e introducono al pubblico dei visitatori la figura di Giuseppe Fabani, medico condotto di Cernobbio, appassionato di botanica.

In occasione della mostra, Villa Carlotta ha altresì attivato una collaborazione con il Giardino alpino della Valcava di Madesimo e con lo chef pasticcere Stefano Franzi che il giorno dell’inaugurazione illustreranno al pubblico come riconoscere le erbe spontanee che possono essere utilizzate in cucina e come ottenerne gustosi piatti. L’attività verrà riproposta alle famiglie e alle scolaresche durante il periodo di apertura della mostra. Dal progetto è nato anche un piccolo ricettario che il pubblico troverà in mostra e potrà portare a casa per sperimentare in prima persona la cucina con le erbe spontanee.

Giuseppe Fabani, figlio di Luigi e Rosa Nessi, nasce a Como, nella parrocchia di San Donnino, il 18 maggio 1861. Frequenta a Milano il Liceo Beccaria dove emerge subito la sua passione e la sua predisposizione per la storia naturale. Nel 1880 si iscrive alla Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Pavia. Il primo anno accademico frequenta le lezioni di botanica del comasco Santo Garovaglia (1805-1882), oltre ai corsi di anatomia umana, fisica, zoologia, protistologia, mineralogia e antropologia con altri docenti dai nomi illustri. Trasferitosi a Palermo per il servizio militare, si laurea nel capoluogo siciliano nel 1889. L’ anno successivo, rientra a Como e diviene medico condotto di Cernobbio. L’11 ottobre 1893 sposa a Milano, nella parrocchia di S. Giorgio al Palazzo, Maria Gorla. Nel 1909, nonostante le richieste di ripensamento da parte della Giunta municipale e dei suoi assistiti, improvvisamente presenta le dimissioni adducendo motivi personali, non documentati ma probabilmente dovuti a problemi di salute suoi o della moglie.
Gli ultimi anni della sua vita furono interamente dedicati alla raccolta di piante e fiori per l’erbario, a cominciare da quelle che incontrava sulla strada di casa fino ad arrivare al Monte Spluga, al Lago Ritom (Canton Ticino) e alla Val Brembana. Muore all’Ospedale Valduce di Como il 6 giugno 1939 ed è sepolto al Cimitero Monumentale di Como nella tomba di famiglia.

La Fondazione -Centro studi “Nicolò Rusca” onlus costituita nel 2003 e con sede a Como, cura la conservazione e la valorizzazione del patrimonio documentale e librario dell’Archivio storico della diocesi di Como e della Biblioteca del seminario vescovile, nonché –tramite l’Ufficio inventariazione beni culturali ecclesiastici –la catalogazione del patrimonio artistico conservato presso le parrocchie diocesane. Tra i materiali conservati al centro studi vi è l’erbario di Giuseppe Fabani (1861-1939), medico condotto di Cernobbio. L’erbario conserva in 25 cartelle circa 3000 tavole di piante e fiori essiccati raccolti tra il 190’7 e il 1938 nel territorio comasco e valtellinese.

Ente Villa Carlotta di Tremezzina (CO) La villa venne realizzata alla fine del ‘600 in una bellissima conca naturale del lago di Como, nel XIX secolo la famiglia Sommariva la trasformò in una delle più belle e prestigiose dimore del territorio, ricca di opere d’arte di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen, Francesco Hayez e con un invidiabile parco romantico. Dal 1927 viene gestita da un ente privato, dopo la requisizione da parte dello Stato Italiano all’ultima famiglia proprietaria, i Sassonia Meiningen. L’Ente Villa Carlotta, dopo 90 anni, continua nel suo lavoro di conservazione e miglioramento del bene, che è oggi è una struttura museale riconosciuta, dove le storiche collezioni artistiche e il fantastico giardino botanico con centinaia di specie si offrono al vasto pubblico internazionale.

I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani

Sede Villa Carlotta, Via Regina, 2 – 22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como – www.villacarlatta.it tel. (+39) 0344 40405 segreteria@villacarlotta.it
Periodo 16 settembre – 5 novembre 2017
Curatela Prof. Augusto Pirola professore emerito, cattedra di Botanica, Università degli studi di Pavia
Fondazione –Centro studi “Nicolò Rusca” onlus di Comodon Agostino Clerici, Direttore – dott.ssa Francesca Ferraris, Bibliotecaria
Ente Villa Carlottadott.ssa Maria Angela Previtera, Direttore – dott. Ssa Mara Sugni Responsabile dei Servizi Educativi e dei

Orari FINO AL 1 OTTOBRE
APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30) (chiusura museo ore 18.30)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE
APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

Biglietto comprensivo di visita alla Villa e ai giardini
Adulto € 10,00
Over 65 € 8,00 (con carta di identità)
Studente € 5,00 (da 6 a 26 anni con tesserino scolastico/universitario)
Bambini (da 0 a 5 anni) Ingresso gratuito
Famiglia (2 adulti + bambini da 6 a 18 anni): € 20,00
Comitive oltre 20 persone € 8,00
Scolaresche oltre 20 persone € 4,00

MOSTRE IN EUROPA le più importanti del 2017

ELENCO MOSTRE IN EUROPA 2017

Gran Bretagna

LONDRA

British Museum

Picasso: grafica
(fino all’1 marzo
)
Il sogno americano: dal Pop a oggi
(9 marzo– 18 giugno 2017)
Hokusai. Beyond the Great Wave
(25 maggio – 13 agosto 2017)

Tate Modern

ROBERT RAUSCHENBERG
(fino 2 aprile 2017)
The radical Eye: fotografi moderni dalla collezione di Elton Jhon
(fino al 7 maggio 2017)

National Gallery

Australia’s Impressionists
(7 dicembre 2016 – 26 marzo 2017)
The Credit Suisse Exhibition: Michelangelo & Sebastiano
(15 marzo – 25 giugno 2017)
Van Eyck e i Preraffaelliti
(4 ottobre- 2 aprile 2018)

Victoria and Albert Museum

Pink Floyd
(13 maggio – 1 ottobre 2017)
Opus Anglicanum: Capolavori. I ricambi medievali inglesi.
(1 ottobre 2016 – 5 febbraio 2017)

:::::::::::::

Francia

PARIGI

Museo d’Orsay

Frédéric Bazille (1841-1870). Agli albori dell’impressionismo.
(15 novembre 2016 – 5 marzo 2017)
Oltre le stelle. Il paesaggio mistico da Monet a Kandinsky
(14 marzo – 25 giugno 2017)


Ritratti di Cézanne
(13 giugno – 24 settembre 2017)

Louvre

Eugène Delacroix and George Sand. Un’amicizia in parole e immagini
(fino al 27 febbraio 2017)

PARIGI ,DELACROIX, Salone: 1827 “Morte di Sardanapale” si rifà al testo di Byron; forte dello scandalo suscitato con “MASSACRI DI SCIO” il recedente, all’epoca, lavoro al Salone.

Vermeer e la pittura di genere
(22 febbraio-22 maggio 2017)

Centre Pompidou

Jean-Luc Moulène
(fino al 20 febbraio 2017)
C Twombly
(fino al 24 aprile 2017)
André Derain 1904-14
(4 ottobre- 29 gennaio 2018)

::::::::::::::

LIONE

Musée des Beaux-Arts

Matisse in bianco e nero
(fino 6 marzo 2017)

::::::::::::::

Germania

BERLINO

Pergamonmuseum

L’eredità di antichi re. Ctesifonte e le fonti persiane di arte islamica
(15 novembre-2 aprile 2017)

Altes Museum
Dangerous Perfection. Antichi vasi funerari dal sud Italia
(17 giugno al 18 giugno 2017)

Alte Nationalgalerie

Un paesaggio urbano – A 360° Panorama di Roma di Friedrich Loos
(5 agosto 2016-12 marzo 2017)

DUSSELDORF

Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen K20
Otto Dix
(11 febbraio-14 maggio 2017)

Otto-Dix-Ragazza-di-sera-al-caffè-1923-

 

Otto-Dix-Ritratto-del-fotografo-1926-particolare

Surrealismo in Egitto
(15 luglio-15 ottobre 2017)

:::::::::::::

Spagna

MADRID

Museo del Prado

Meta-Painting. Un viaggio alla idea della pittura
(15 novembre-19 febbraio 2017)

Museo Thyssen-Bornemisza

Renoir: Intimità
(18 ottobre- 22 gennaio 2017)
Bulgari e Roma
(30 novembre – 26 febbraio 2017)
Capolavori da Budapest. Dal Rinascimento al Avanguardia
(18 febbraio – 28 maggio 2017)
Picasso / Lautrec
(17 ottobre 2017-21 gennaio 2018)

Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia
Pietà e terrore in Picasso
(4 aprile- 4 settembre 2017)

BARCELLONA

Museu Nacional d’Art de Catalunya

Pere Torné Esquius
(15 marzo-9 luglio 2017)
Ismael Smith
(22 giugno – 17 settembre 2017)

BILBAO

Guggenheim Museum Bilbao

La collezione di Hermann e Magrit Rupf
(fino al 23 aprile)
Espressionismo astratto
(3 febbraio- 4 giugno 2017)
Signac, Redon, Toulouse-Lautrec e coetanei
(12 maggio- 10 settembre 2017)
Bill Viola
(30 giugno – 5 novembre 2017)
Georg Baselitz Eroi
(14 luglio- 22 ottobre 2017)
Arte e spazio
(1 dicembre- 8 aprile 2018)

:::::::::::::::

Olanda

AMSTERDAM

Hermitage Amsterdam

Maestri olandesi
(14 ottobre-27 maggio 2018)
Jean Tinguely macchina Spectacle
(1 ottobre 2016-5 Aprile 2017)
Jordan Wolfson: maniacale / amore / verità / amore
(27 Nov 2016-23 Apr 2017)
Style in the City
(3 dicembre 2016 – 21 maggio 2017)

Van Gogh Museum

Immagini a Parigi: da Bonnard a Toulouse Lautrec
(3 marzo- 7 gennaio 2018)
Olandesi a Parigi: Breitner, van Gogh, Mondrian
(6 ottobre- 7 gennaio 2018)

L’AIA

Gemeentemuseum Den Haag

Piet Mondrian e Bart van der Leck: una nuova arte
(11 febbraio- 21 maggio 2018)
L’architettura e l’arredamento De Stijl
(10 giugno- 17 settembre 2017)

::::::::::::::

Austria

VIENNA

Leopold Museum

IMMAGINI FEMMINILI. Opere della collezione Leopold dal Biedermeier al Modernità
(7 luglio-18 settembre 2017)

:::::::::::::::::

MONACO

Alte Pinakothek


Albert Renger-Patzsch. PAESAGGI Ruhrgebiet
(16 dicembre 2016- 23 aprile 2017)
Cy Twombly: in the studio
(31 maggio 2016-26 agosto 2018)

::::::::::::::

Svizzera

BERNA

Kuntmuseum Bern
Terry Fox
(3 marzo-5 giugno 2017)
La rivoluzione è morta. Da Malevic alle Pussy Riot
(13 aprile-9 luglio 2017)

BASILEA

Foundation Beyeler

Monet
(fino al 28 maggio)
Ernst Beyeler e la sua collezione (I)
(5 febbraio- 7 maggio 2017)
Ernst Beyeler e la sua collezione (II)
(11 giugno- fine settembre 2017)
Paul Klee
(1 ottobre- 21 gennaio 2018)
Ernst Beyeler e la sua collezione (III)
(15 ottobre- 1 gennaio 2018)

Museum fur Gegenwartskunst
Richard Serra
(20 maggio- 15 ottobre 2017)

::::::::::::::

Belgio

BRUXELLES

Museo Reale di Belle Arti

Bruegel. Capolavori mai visti. Quando l’arte incontra la tecnologia
(16 marzo 2016- 16 marzo 2020)
Rik Wouters. Retrospettiva
(10 marzo –  02 luglio 2017)

:::::::::::::

Irlanda

DUBLINO

Galleria nazionale d’Irlanda

Beyond Caravaggio
(11 febbraio- 4 maggio 2017)

::::::::::::::

Ungheria

BUDAPEST

Galleria nazionale ungherese

SHADOW ON STONE. L’arte di  Lili ORSZÁG (1926–1978)
(17 dicembre – 26 marzo 2017)

::::::::::

Grecia

ATENE

Benaki Museum

Antichità liquida
(30 marzp- 30 luglio 2017)

:::::::::::::::

Finlandia

HELSINKI

Klasma Museum of Contemporary art

Mona Hatoum, Ars17. Hello Word! (1 e 2)
(26 febbraio-31 marzo 2017)

::::::::::::::

Portogallo

LISBONA

Museu Calouste Gubenkian

José de Almada Negreiros
(3 febbraio- 5 giugno)

::::::::::::

Svezia

STOCCOLMA

Moderna Museet

Marina Abramovic
(fino al 21 maggio 2017)
Malmo is Burning
(8 aprile – 22 ottobre 2017)

::::::::::

OSLO -Norvegia-

Munch Museet 

Testa a testa: Cronqvist, Bjorlo, Munch
(28 novembre-28 gennaio 2018)
The National Gallery
Il grande boom grafico: Immagini americane 1960-1990
(3 marzo-28 maggio 2018)

 

Orticolario INVITO DALL’ARTISTA  AGNES DUERRSHNABEL

Orticolario

INVITO DALL’ARTISTA

 AGNES DUERRSHNABEL

Orari:

Venerdì 29 settembreore 9.00 – 19.30

Sabato 30 settembreore 9.00 – 19.30

Domenica 1 ottobreore 9.00 – 19.00

(La biglietteria chiude un’ora prima)

Japanese tea ceremony setting on old wooden bench

Sabato 30.9. e domenica  01.10.17

dalle 15.30 – 18.30

ritorna TéRIMONIA:

nelle tazze dell’Atelier verrà servito un assaggio

del prezioso tè verde Matcha,

in collaborazione con

“Frescoadarte”.

www.agnesduerrschnabel.it

+39 3492412583

www.frescoadarte.it

Vi aspettiamo

Cultura a Venezia – 5 film ingresso libero – PALAZZO GRASSI 22 – 23 settembre 2017

 Ingresso libero sino a esaurimento posti
TEATRINO DI PALAZZO GRASSI
22 – 23 settembre 2017
 Heidi Bucher e Gordon Matta-Clark
in scena al Teatrino
 
Cinque proiezioni di film d’artista
in collaborazione con lagalleria ALMA ZEVI.
Heidi Bucher working in the Borg, Zurich (circa 1977).  Courtesy The Heidi Bucher Estate
  Venerdì 22 settembre, dalle ore 18.30  
 
. Sabato 23 settembre, ore 10.00, 13.00, 14.30, 16.00, 17.30
 
 
Film proiettati:
Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”) diHeidi Bucher
Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher
Splitting(1974, 10’50”, muto) di Gordon Matta-Clark
Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto) diGordon Matta-Clark
Substrait (Underground Dailies)(1976, 30′, sonoro) diGordon Matta-Clark
 
 Ingresso libero sino a esaurimento posti.
 
In occasione dell’opening di FLOORS, bipersonale di Heidi Bucher (1926 – 1993) e Gordon Matta-Clark (1943 – 1978) presentata dalla galleria ALMA ZEVI di Venezia da sabato 23 settembre a giovedì 21 dicembre, il Teatrino di Palazzo Grassi ospita Venerdì 22 e sabato 23 settembre la proiezione di una selezione di cinque film firmati dai due artisti.
Le pellicole: Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”), Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher eSplitting (1974, 10’50”, muto), Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto), Substrait (Underground Dailies) (1976, 30′, sonoro) di Gordon Matta-Clark andranno in scena in sequenza dalle 18.30, venerdì 22 settembre e dalle 10.00 alle 17.30, sabato 23 settembre.
Accumunati dal difficile percorso artistico e dalla costante indipendenza intellettuale, sia la svizzera Bucher – ingiustamente oscurata in vita dal marito, l’artista Carl Bucher – che l’americano Matta-Clark hanno a lungo riflettuto sulla messa in discussione dell’architettura come spazio prestabilito, rendendola un qualcosa di estremamente fluido, un concetto manipolabile sulla base delle interazioni che essa esercita sull’essere umano.
 
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.

3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna

PER GIOVANI DONNE IMPRENDITRICI

Prorogato fino al 3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna, riconoscimento all’imprenditoria innovativa di donne e giovani

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo

Torino, 20 settembre 2017Soft skill come antidoto alla robotizzazione. Di fronte alla prospettiva – tracciata dal rapporto McKinsey sull’automazione dello scorso maggio – di vedere fagocitati nell’immediato 1,2 miliardi di posto di lavoro, una delle risposte forti possibili sta nella capacità delle imprese di mettere a capitale il fattore umano. Creatività, intelligenza emotiva e relazionale, capacità di analisi critica come di acquisizione di nuove conoscenze e nuove competenze: in una parola re-skilling.

C’è chi si muove già in questa direzione: a queste imprese, e a quella parte tra loro guidata da donne e giovani, è rivolto il 9° Premio GammaDonna, che da 14 anni premia storie di innovazione poco conosciute e le porta alla ribalta.

Il Premio si rivolge a imprenditrici di ogni età e a giovani imprenditori under 35 che si siano distinti per aver introdotto innovazioni all’interno della propria azienda, costituita non dopo il 31 dicembre 2014. Piccole imprese che hanno saputo adattarsi con successo alle nuove e mutevoli esigenze del mercato, adottando gli strumenti tecnologici a disposizione e sperimentando attività, ruoli e modelli organizzativi nuovi.

Tutte le candidature ritenute idonee avranno uno spazio sulla piattaforma GammaDonna (www.gammaforum.it) che, dal 2004, racconta e diffonde storie di innovazione, leadership, visione. Una rosa di 6 finaliste aprirà il GammaForum – Forum Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, in programma il prossimo 16 Novembre a Milano con il titolo “Intelligenze e competenze nuove per fare impresa nell’era digitale”.  Una giuria formata da personaggi di spicco del mondo dell’impresa, del venture capital e dell’innovazione digitale[1] decreterà il vincitore del Premio GammaDonna, chiarendo le proprie scelte durante un dibattito aperto. In palio, un Master della 24Ore Business School, un percorso d’incubazione in Polihub – Politecnico di Milano, sei mesi di mentoring affiancati da un manager selezionato ValoreD. Anche quest’anno, tra le candidature sarà assegnato il Giuliana Bertin Communication Award, speciale riconoscimento per eccellenze nel campo della comunicazione on/offline (in premio, un Master della 24Ore Business School).

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo, finalizzato alla semplificazione o al miglioramento della vita quotidiana. L’impresa vincitrice di questo Award si aggiudicherà un percorso di mentoring con un Senior Buyer QVC e l’ammissione all’edizione 2018 del QVC Next Lab, percorso di formazione dedicato a startup al femminile con forte focus sulla fase del go-to-market, promosso dalla piattaforma multimediale di shopping TV, ecommerce e social media QVC. Il Lab nasce a seguito del lancio, nel 2016, del programma QVC Next a sostegno delle imprese appena nate, piccole e medie, con particolare attenzione a quelle femminili.

Candidature entro il 3 ottobre 2017. Info e regolamento sul sito www.gammaforum.it

Il 9° GammaForum – promosso dall’AssociazioneGammaDonna® con il Patrocinio di Regione Lombardia e il contributo di Banca Mediolanum, QVC Italia, Facebook, Studio Torta, IBM e Cisco– sarà una giornata di dibattito e confronto sull’evoluzione necessaria nelle aziende per far fronte alle sfide della quarta rivoluzione industriale, con particolare riferimento al cammino che i piccoli imprenditori dovranno intraprendere per guidare questo processo e al contributo che donne e giovani sono in grado di fornire. Sarà un’occasione per stimolare il pensiero, ispirare l’azione, ma anche per ampliare la propria rete di relazioni di affari, nel cuore della business community italiana.                                                                            

[1]LA GIURIA 2017:Presidente: Mariarita Costanza, Co-Founder e CTO Macnil Gruppo Zucchetti; Marina Cima, rappresentante Federmanager Minerva Nazionale; Gianluca Dettori, Executive Chairman Primomiglio SGR; Alessandro Enginoli, Vice Presidente Assolombarda; Riccardo Luna, Direttore Agenzia Italia; Stefano Mainetti, CEO Polihub – Startup, District & Incubator; Sandra Mori, Presidente ValoreD e General Counsel Coca-Cola Europe; Paolo Penati, CEO QVC Italia.

Arte a Venezia – Mostre a Palazzo Grassi e Punta della Dogana

Palazzo Grassi e Punta della Dogana presentano le prossime mostre, in apertura al pubblico domenica 8 aprile 2018.
In programma a Palazzo Grassi una mostra personale dedicata a Albert Oelhen e a Punta della DoganaDancing with myself”, una collettiva con opere dalla Collezione Pinault in collaborazione con il Museo Folkwang di Essen, Germania.
Albert Oehlen selbstportrait mit Palette, 2005 Pinault Collection
Palazzo Grassi presenta la mostra personale di Albert Oehlen (1954, Krefeld, Germania) nell’ambito del programma delle monografiche di artisti contemporanei – inaugurato a Palazzo Grassi nell’aprile 2012 con Urs Fischer e proseguito con Rudolf Stingel, Irving Penn, Martial Raysse, Sigmar Polke – alternate a esposizioni tematiche della Collezione Pinault.
Albert Oehlen Untitled, 2007 Pinault Collection
La mostra, curata da Caroline Bourgeois, traccia un percorso lungo la produzione di Albert Oelhen attraverso una selezione di circa 85 opere, dalle più note a quelle meno conosciute, realizzate dagli anni ’80 ad oggi e provenienti dalla Pinault Collection e da importanti collezioni private e musei internazionali.
La mostra presenta un allestimento inedito, non cronologico bensì scandito da un ritmo sincopato tra i diversi generi e periodi, sottolineando così il ruolo centrale della musica nella produzione dell’artista, metafora del suo metodo di lavoro dove contaminazione e ritmo, improvvisazione e ripetizione, densità e armonia dei suoni diventano gesti pittorici.
Albert Oehlen Untitled, 2016 Pinault Collection
Albert Oehlen si afferma come uno dei protagonisti della pittura contemporanea grazie a una ricerca in continua evoluzione dedicata al superamento dei limiti formali e alle sperimentazioni, più che al soggetto dell’opera.
La mostra a Palazzo Grassi è la più grande monografica dedicata ad Albert Oehlen, già protagonista di importanti esposizioni in tutto il mondo – tra le altre al Museo Nacional de Bellas Artes in L’Avana nel 2017, al Cleveland Museum of Art nel 2016, al New Museum di New York nel 2015, al Kunstmuseum di Bonn nel 2012 e al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris nel 2009.
Cindy Sherman  Untitled #578 , 2016
dye sublimation metal print
50 1/2 x 48 inches; 128.3 x 121.9 cm
Courtesy of the artist and Metro Pictures, New York
A Punta della Dogana, la mostra collettiva “Dancing with myself”, nata dalla collaborazione tra la Pinault Collection e il Museum Folkwang di Essen, è curata da Martin Bethenod,Florian Ebner eAnna Fricke ed è stata presentata in una prima versione a Essen nel 2016.
Rudolf Stingel  Untitled (Alpino, 1976) , 2006
Pinault Collection
Courtesy of the artist
“Dancing with myself” indaga l’importanza primordiale della rappresentazione di sé nella produzione artistica dagli anni ’70 a oggi e del ruolo dell’artista come protagonista e come oggetto stesso dell’opera. Attraverso un’ampia varietà di pratiche artistiche e linguaggi (fotografia, video, pittura, scultura, installazioni…), di culture e provenienza, di generazioni ed esperienze, la mostra mette in luce il contrasto tra attitudini differenti: la malinconia e la vanità, il gioco ironico dell’identità e l’autobiografia politica, la riflessione esistenziale e il corpo come scultura, effigie o frammento, e la sua rappresentazione simbolica.
LaToya Ruby Frazier  Self portrait Oct. 7th (9.30am) , 2008
gelatin silver print
Courtesy The Artist and Gavin Brown’s enterprise, New York /Rome
La mostra riunisce circa 100 opere dalla Pinault Collection – da Claude Cahun a LaToya Ruby Frazier, da Gilbert & George a Cindy Sherman, da Alighiero Boetti a Maurizio Cattelan, in dialogo con una selezione di opere provenienti dal Museum Folkwang, ed è presentata in una versione inedita per gli spazi espositivi di Punta della Dogana con oltre 45 lavori non esposti in occasione della mostra a Essen.
La mostra “Dancing with myself” è organizzata in collaborazione con

Arte autunno 2017 – Picasso a Roma e Genova

UN AUTUNNO ALL’INSEGNA DI PICASSO
Due mostre dedicate all’artista visionario, per ognuna un soggiorno in alberghi sofisticati:
a Roma e Genova

«Picasso-Mediterraneo»

Pablo Picasso è l’artista che ha segnato più profondamente l’arte del Novecento, rivoluzionandola in favore di un’arte più diretta, energica e vitale come era lui stesso.

Per celebrare i 100 anni dal suo arrivo in Italia e negli altri paesi affacciati sul Mediterraneo, nasce

«Picasso-Mediterraneo»

su iniziativa del Musée National Picasso-Paris.

È una rassegna culturale internazionale a cui hanno aderito più di sessanta istituzioni, delineando un percorso nel lavoro dell’artista e nei luoghi che l’hanno ispirato. L’iniziativa ha luogo dalla primavera 2017 alla primavera 2019; in autunno in Italia è la volta delle Scuderie del Quirinale di Roma e del Palazzo Ducale di Genova, che celebrano l’artista con due grandi mostre.

Per il soggiorno, basta affidarsi a Condé Nast Johansens, una delle più importanti collane di guide al mondo. A Genova l’indirizzo consigliato è un albergo liberty, a Roma la scelta è maggiore e ne comprende 6, andando dalla guest house alla lussuosa struttura con piscina immersa in un parco, dall’appartamento privato in centro alla villa con giardino all’italiana.

La mostra di Roma: “Pablo Picasso. Tra Cubismo e Neoclassicismo: 1915-1925”

Alle Scuderie del Quirinale dal 22 settembre 2017 al 27 gennaio 2018.

Raccoglie un centinaio di capolavori da musei e collezioni molto importanti: il Musée Picasso, il Centre Pompidou di Parigi, la Tate di Londra, il MoMa e il Metropolitan Museum di New York sono solo alcuni.
Tema della mostra è il metodo del pastiche, illustrando gli esperimenti condotti da Picasso con diversi stili e generi: dal gioco delle superfici decorative nei collage della prima guerra mondiale, al realismo stilizzato degli “anni Diaghilev”, dalla natura morta al ritratto, in un percorso dal realismo all’astrazione tra i più originali e straordinari della storia dell’arte moderna.
Inoltre, nel salone affrescato da Pietro da Cortona a Palazzo Barberini, verrà esposto per la prima volta a Roma il sipario dipinto per Parade: un’immensa tela lunga 17 metri e alta 11, in un emozionante dialogo tra l’opera di Picasso e l’architettura di Bernini.

Da domenica a giovedì dalle 10.00 alle 20.00. Venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30.
Intero Euro 15,00, ridotto Euro 13,00. Ingresso gratuito fino ai 18 anni.
Tutti i biglietti includono l’audioguida in italiano, inglese e francese.

La mostra di Genova: “Picasso. Capolavori dal Museo Picasso di Parigi”
A Palazzo Ducale dal 10 novembre 2017 al 6 maggio 2018.

Presso l’Appartamento del Doge verrà esposta una selezione di capolavori provenienti dal Museo Picasso di Parigi suddivise in sezioni tematiche, ripercorrendone la vita e l’operato e evidenziandone la poetica. Si tratta di una mostra intima ed emozionale, perché riunisce opere che l’artista ha sempre tenuto con sé nel corso degli anni e dei trasferimenti, che lo hanno accompagnato nella quotidianità del suo vivere, e anche numerose fotografie che lo ritraggono accanto alle opere nei vari atélier, dagli esordi parigini alla campagna provenzale in cui trascorse gli ultimi anni.
Le opere vanno da quelle d’ispirazione africana dei primissimi anni del Novecento fino alle più mediterranee bagnanti e ai celebri ritratti di donna degli anni Trenta e Cinquanta. Vengono messe in luce le radici mediterranee e la profonda vitalità dell’arte di Picasso, il suo sguardo passionale, il suo modo di sentire.

Lunedì ore 11.30–19.30; da martedì a giovedì, e sabato e domenica ore 9.30–19.30; venerdì ore 9.30–22.00.
Intero Euro 13,00, ridotto Euro 11,00, con audioguida. Ridotto giovani fino ai 26 anni Euro 5,00.(ogni venerdì dalle 14 alle 21).

:::::::::::::::::::::::

WEEKEND DI CULTURA

DORMIRE NEL LUSSO

Dove dormire a Roma:

Villa Spalletti Trivelli
Via Piacenza 4, Roma – Tel. 06/4871409
www.condenastjohansens.com/villaspallettitrivelli

Per rimanere vicinissimi alla mostra ma godere del verde, l’albergo giusto è Villa Spalletti Trivelli, residenza dell’inizio del XX secolo che affaccia su uno splendido giardino all’italiana nei pressi del Quirinale. Le camere sono molto eleganti, arredate con mobili antichi della collezione privata di famiglia, come la sala del camino e la storica libreria.

Casa Montani Luxury Town House
Piazzale Flaminio 9, Roma – Tel. 06/32600421
www.condenastjohansens.com/casamontani

Casa Montani gode di una posizione centrale e di uno splendido affaccio, a due passi dalla mostra. Il prestigioso palazzo dei primi del ‘900 che ospita al terzo piano questa confortevole residenza, si trova in Porta del Popolo a due passi dal Pincio e Villa Borghese. I proprietari hanno curato ogni dettaglio, scegliendo mobili e tessuti delle più raffinate marche italiane e francesi o appositamente realizzati da artigiani locali per rendere ognuna delle 5 camere confortevole, ricercata e unica. L’atmosfera è intima e accogliente come in una residenza privata, con tutti i comfort dell’albergo di lusso.

Hotel Dei Borgognoni
Via del Bufalo 126, Roma – Tel. 06/69941505
www.condenastjohansens.com/borgognoni

L’Hotel Dei Borgognoni gode di grande pace e tranquillità pur trovandosi nel cuore più vivo e autentico della Capitale: è un boutique hotel 4 stelle situato in un palazzetto dell’800 tra Piazza di Spagna e Fontana di Trevi, in una delle zone più belle ed esclusive della città, a due passi da tutto. Le 51 camere sono accoglienti e curate nei dettagli, alcune con terrazzo privato.

Treasure Rome Collection
via Arco della Pace 12, Roma
www.johansens.com/europe/italy/rome-and-lazio/treasure-rome-collection/

Si tratta di una elegante residenza situata nel centro storico, alle spalle del Chiostro del Bramante, che è una casa familiare patrizia, con 5 stanze da letto e 5 bagni, due saloni ed una bellissima terraza sul roof. Ogni mobile antico, quadro e dettaglio decorativo racconta di un passato opulento e caratteristico della città.
Può ospitare fino a 13 persone e può essere affittata anche ad uso esclusivo. È possibile avere uno Chef privato.

Parco dei Principi Grand Hotel & Spa
Via G. Frescobaldi 5, Roma – Tel. 06/854421
www.condenastjohansens.com/parc odeiprincipi

L’albergo è situato nel verde di Villa Borghese e a pochi passi dal centro, è circondato da un parco con piscina esterna. Le suites, con vista sul parco e la cupola di S. Pietro, hanno ospitato tanti nomi famosi tra cui i Beatles, Kenneth Branagh, Charlotte Rampling. L’albergo dispone un Ristorante gourmet sempre aperto che la domenica serve anche il brunch. Ha una bellissima Spa con piscina che effettua trattamenti benessere di lusso, caratterizzata da un soffitto con Swarowski incastonati e da un’illuminazione particolare che evoca il cielo stellato.

Buonanotte Garibaldi
Via Garibaldi, 83, Roma – Tel. 06 5833 0733
www.condenastjohansens.com/garibaldi

Rispetto al centro storico dove si trova la mostra, attraversando il Tevere si arriva nel pittoresco quartiere di Trastevere e all’accogliente Buonanotte Garibaldi, Guest house esclusiva concepita come atelier, dove si fondono arte, moda, design e fiber art. Oltre alle opere realizzate dalla padrona di casa, è possibile acquistare pezzi unici come pannelli da parete in organza o seta, appliques dipinte a mano, scialli di chiffon, tende e cuscini.

Dove dormire a Genova:

Hotel Bristol Palace
Via XX Settembre 35, Genova – Tel. 010/592541
www.condenastjohansens.com/hotelbristolpalace

Nel cuore del Liberty di Genova, in via XX Settembre, si trova l’Hotel Bristol Palace, elegante struttura Liberty nel centro della città. Presenta originali arredi Déco, preziosi oggetti e complementi d’arredo dell’Ottocento. Nello splendido Ristorante Giotto si è circondati dagli eleganti stucchi e affreschi alle pareti e sulla volta. Nelle camere Deluxe, Junior Suite e Suite hanno felicemente ritrovato una degna collocazione anche i sontuosi arredi d’epoca, con il rinnovato fascino Liberty dei mobili e dei lampadari, dei tendaggi e del parquet.

Condé  Nast Johansens

Pubblicata da 35 anni dagli editori di Vogue, GQ, Condé Nast Traveller e Glamour, Condé Nast Johansens è la principale guida cartacea e multimediale per viaggiatori indipendenti comprendente 550 hotel indipendenti, Spa, residenze d’epoca, location per eventi di grande bellezza in 60 paesi. Il numero dei lettori si attesta oggi a 5,5 milioni con una distribuzione di 25.250 guide in tutto il mondo. Solo ed esclusivamente le migliori strutture sono annoverate nelle tre Guide “Luxury Hotels & Spas UK, Europe & The Mediterranean”, “Luxury Hotels, Inns, Resorts, Spas & Villas The Americas, Caribbean & Pacific”, “Luxury Spas”. Il livello di attenzione è sempre altissimo fin dalla fase di selezione delle strutture e prosegue nel tempo grazie alle visite ispettive annuali di 30 esperti locali.

Il sito www.condenastjohansens.com – rapido e user friendly – è stato creato espressamente per cercare hotel, prenotare, acquistare guide e buoni regalo, senza dimenticare le sempre gradite offerte speciali promosse dagli alberghi affiliati divise per aree d’interesse (arte, luna di miele, eventi e molte altre). Il numero di accessi al sito internet registrato ogni anno significativi incrementi: attualmente 100.000 pagine visitate al mese, prevalentemente da UK, USA, Italia, Brasile, Spagna, Germania, Canada, Francia, Australia, Svizzera.

Per scaricare gratuitamente l’applicazione iPad delle guide 2017 basta visitare iTunes e cercare ‘Condé Nast Johansens’.

Condenastjohansens.com/app

Find us on FacebookFollow us on TwitterFollow us on Instagram

Condé Nast Johansens – 13 Hanover Square, London W1S 1HN
Tel. +44.20.7499.9080 Fax +44.20.7152 3565
E-mail info@johansens.com – Internet www.condenastjohansens.com