Archivi categoria: ARTE

arte, mostre, artisti, foto d’arte, storia dell’arte,

Arte a Venezia – Xie Kun esporrà la sua opera a Venezia

L’artista Xie Kun esporrà la sua opera a Venezia

Anche quest’anno in mostra all’Arsenale di Venezia sarà presente una giovane artista di Art Nova 100, piattaforma per la promozione degli artisti cinesi, con la quale il Premio Arte Laguna collabora da anni. Uno scambio proficuo che genera dinamicità e sinergie portando in Italia interessanti espressioni artistiche dell’estremo Oriente ed esportando allo stesso tempo i video finalisti dell’edizione in corso.

Dal 25 marzo al 9 aprile 2017 vedremo in mostra alcune delle opere di Xie Kun nelle quali l’artista s’interroga sull’esistenza del corpo e si chiede se esso sia solo un inganno.

L’artista è stata scelta per l’interessante utilizzo della trazione grafica che vede fondersi ispirazioni occidentali con reminiscenze dell’art brut.

Venice Arsenale
Xie Kun

1987 Born in Zhangjiakou, Hebei Province. Graduated from the Mural Painting Department of the Central Academy of Fine Arts. Currently works and lives in Beijing.

1987 Nasce a Zhangjiakou, Provincia di Hebei. Laureata presso il Dipartimento di Pittura Murale dell’Accademia Centrale di Belle Arti, attualmente vive e lavora a Pechino.

————–

The artist Xie Kun will exhibit her work in Venice

Also this year, on display at the Arsenale of Venice there will be a young artist from Art Nova 100, a platform for the promotion of Chinese artists, with which the Arte Laguna Prize has been collaborating for years. A fruitful exchange that generates dynamism and synergies, bringing to Italy a number of interesting artistic expressions from the Far East and at the same time exporting the finalist videos of the current Prize edition.

From March 25 to April 9, the exhibition will include some works by Xie Kun, in which the artist wonders about the existence of her body and asks herself if this is only a deception.
Xie Kun was selected for the interesting display of graphic tension that merges Western inspirations with reminiscences of art brut.

ARTE AI MUSEI DI NERVI Galleria d’Arte Moderna di Genova NaturaConTemporanea – LAURA ZENI. PASSWOR(L)D

MUSEI DI NERVI
Galleria d’Arte Moderna di Genova

NaturaConTemporanea
Rassegna d’arti 2016 – 2017

LAURA ZENI. PASSWOR(L)D

a cura di Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei

fino al 12 febbraio 2017

Laura Zeni, Il pozzo delle meraviglie, 2016

Prosegue con successo la personale “LAURA ZENI. PASSWOR(L)D” ospitata fino al 12 febbraio alla Galleria d’Arte Moderna di Genova, uno dei quattro Musei di Nervi.Curata da Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei all’interno della rassegna d’arti 2016-2017 dal titolo “NaturaConTemporanea”, la mostra si avvale del patrocinio dell’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio Sezione Piemonte-Valle d’Aosta.
Laura Zenientra in dialogo con le opere delle collezioni museali, evidenzia analogie e differenze tra contemporaneità e recente passato grazie a un corposo nucleo di installazioni, opere pittoriche, collage e disegni fra cui spiccano numerosi inediti pensati ad hoc per lo spazio espositivo.

Il titolo della mostra, PASSWOR(L)D, gioca sull’ambiguità dei significati attribuibili a questo termine togliendo la lettera “L”. Commenta Fortunato D’Amico: “Quella attuale è un’epoca di passaggio tra vecchio e nuovo mondo, è un tempo storico di transizione e di disagi in cui non si vedono con chiarezza le prospettive future. La Galleria di Arte Moderna di Genova Nervi è un luogo dove le opere dei Maestri dell’Ottocento e del Novecento rivelano momenti di vita, sia positivi sia negativi, rappresentativi della grande transizione epocale che nei due secoli precedenti ha trasformato la società da contadina a industriale”.

Di particolare rilevanza sono le grandi installazioni site specific con cui Laura Zeni interviene sui tre piani del Museo; ne sono esempio la grande ruota in ferro di due metri collocata al piano terreno, nella sala col bovindo proiettato nel parco, verso l’orizzonte marino, un rimando al viaggio e all’apertura verso l’esterno, simbolicamente contrapposta a Change your Wor(l)d, l’installazione di fili di cotone blu su cui è adagiata la sagoma frammentata di un uomo, realizzata in plexiglass specchiato, a evocare una condizione di isolamento e di naufragio proprio sotto il mare dipinto che lambisce le coste italiane del grande olio su tela dell’olandese Petrus Theodor Tetar Van Elven, Veduta fantastica dei principali monumenti d’Italia, prefigurazione, nel 1858, dell’unità italiana.
Un riferimento alla relazione tra mondo interiore ed esteriore si scorge nella sala 4 del museo, dedicata alla pittura di paesaggio e di genere in cui, come nella poetica dell’artista, uomo e natura convivono apparentemente in una dimensione armonica. Qui una moltitudine di pezzi di carta, ritagli di volti e vedute, ricoprono i pilastri che scandiscono lo spazio e si ricompongono sotto le antiche volte in assembramenti cartacei simili a nuvole.
Un’interpretazione ludica del paesaggio è offerta da Jumping, rivisitazione da parte dell’artista di “cielo e terra” – ovvero del gioco della “campana” o del “pampano” ben noto all’infanzia pre-era televisiva e digitale -, un percorso composto da caselle numerate tracciate sul pavimento con cui il visitatore è invitato a interagire.
Prima di salire al piano nobile della villa, nelle sale del Novecento, in stretta relazione con la sezione dei ritratti e degli autoritratti delle raccolte della GAM, dialogano le “teste” realizzate dall’artista con una linea ininterrotta, elementi ricorrenti della sua espressività da sempre incentrata sull’individuo e sull’interiorità, e intese come contenitori di pensieri, storie e stati d’animo. Colpiscono in proposito l’imponente profilo umano dipinto su tela con i toni del nero dal titolo Nowhere Man, i numerosi disegni su carta dai colori vivaci e le opere della serie Ritratti interiori.

Al piano nobile della Galleria è decisamente significativa l’installazione La cura concepita per la bellissima terracotta del 1932 di Arturo Martini realizzata nel pieno del Novecento e intitolata La convalescente. L’opera ritrae a grandezza naturale la figlia Maria (la famosa Nena) con un libro fra le mani, stremata dopo la malattia, ai piedi della quale Laura Zeni dispone diversi volumi aperti sui quali disegna delicate figure di donna. Nella stanza successiva, dedicata agli interpreti di quell’avanguardia, da Depero a Fillia, la tela Geometrie femminili, fitta composizione di sagome intrecciate, evoca l’idea di movimento e si relaziona alle opere futuriste esposte.
Un omaggio ai numerosi lavori in blu oltremare del pittore ligure Rubaldo Merello, oscillanti tra simbolismo e divisionismo, è dato dal fascio di fili blu che cade dall’alto dal titolo Dal cielo al mare, una sorta di pioggia che è possibile attraversare, ammirando al contempo le opere della collezione museale.
E torna ancora il blu nello splendido dipinto dell’inglese William Scott, Blue still life, acquistato dalla Galleria genovese alla Biennale veneziana del 1958, esposto al piano ammezzato del museo: la sua presenza internazionale nel percorso delle raccolte permanenti è sottolineata da Laura Zeni con una installazione che propone al pubblico l’attività di designer dell’artista milanese.

Cenni biografici
Laura Zeni, artista poliedrica, ama sperimentare i linguaggi dell’arte e del design. Dopo l’Accademia di Brera espone con successo in diverse sedi in Italia e all’estero. Negli ultimi anni è presente con mostre personali presso Superstudio Più (Milano), Spazio Tadini (Milano), Palazzo Comunale di Cremona, Triennale di Milano, Eataly Smeraldo (Milano), DAI Studio (Roma), ArtMoorHouse (Londra), Fiat Chrysler Motor Village (Londra), Chiostri dell’Umanitaria (Milano) e Jannelli&Volpi (Milano). Partecipa inoltre a numerose collettive e manifestazioni artistiche, tra le più recenti si ricordano l’International Festival Art Expo Spoleto, la Biennale Italia-Cina (Torino) e quelle presso la Fortezza del Priamàr (Savona), l’Archivio Centrale dello Stato (Roma) e Onishi Project (New York). Vive e lavora a Milano. www.laurazeni.it

Musei di Nervi
Il polo culturale dei Musei di Nervi, di cui Maria Flora Giubilei è il direttore, comprende quattro musei, aperti al pubblico tra il 1946 e il 2005, che conservano un ricco patrimonio di arti figurative e decorative italiane e estere dal Cinquecento al Novecento.
La dimora-museo di Villa Luxoro – immersa in uno splendido parco proiettato sul golfo genovese – con antichi arredi, orologi notturni, ceramiche è assai nota per la collezione di settecentesche figurine del presepe genovese e napoletano. Le Raccolte Frugone conservate in Villa Grimaldi Fassio ospitano un’eccezionale rassegna delle più importanti opere di artisti dell’Ottocento e della Belle Epoque (da Fattori a Signorini, da Fontanesi a Favretto, da Boldini a De Nittis, a Segantini) acquisite dai fratelli Lazzaro G.B. e Luigi Frugone e donate alla città di Genova tra il 1935 e il 1953.
La Galleria d’Arte Moderna di Genova, con sede nella cinquecentesca Villa Saluzzo Serra, raccoglie quasi 400 opere tra dipinti e sculture databili dagli inizi dell’Ottocento all’epoca attuale: da Barabino a D’Andrade, a Cabianca e Monteverde, da Nomellini a Depero, Messina, Martini, De Pisis, Casorati, Guttuso, Mafai, Cagli e Zao Wou Ki. La Wolfsoniana, oggi afferente alla Fondazione per la cultura – Palazzo Ducale di Genova, con una direzione scientifica autonoma e un riferimento internazionale nel Wolfsonian-FIU Museum di Miami (Florida, USA), è il primo museo italiano di arti decorative dell’Ottocento e del Novecento, con un’attenzione particolare per i temi di propaganda e importanti dipinti e sculture. Tra argenti, ceramiche e vetri, sono esposti gli splendidi arredi integralmente ricostruiti legati alle stagioni dell’Esotismo, del Liberty, dell’Art Déco, del Futurismo e del Novecento. www.museidigenova.it – www.wolfsoniana.it

Coordinate mostra
Titolo LAURA ZENI. PASSWOR(L)D
A curadi Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei
Sede MUSEI DI NERVI – Galleria d’Arte Moderna di Genova
Villa Saluzzo Serra, Via Capolungo 3, Genova – Nervi
Date 13 novembre 2016 – 12 febbraio 2017
Orario invernale martedì – domenica, ore 11 – 17
Lunedì chiuso
Ingresso € 6 intero; € 5 ridotto
Info e prenotazioni: biglietteriagam@comune.genova.it – Tel. +39 010 3726025 – 010 5574739
www.museidigenova.it – www.facebook.com/GAM.Galleria.Arte.Moderna.Genova

Arte a Bologna – ARTEFIERA 2017

Dal 27 al 30 gennaio 2017 la 41esima Edizione di Arte Fiera a Bologna fiera

Diretta da Angela Vettese

Arte Fiera è arriva alla sua 41esima edizione in una versione rinnovata, confermando la propria identità di fiera d’arte italiana maggiormente consolidata e ricca di storia

Più informazioni sulla fiera al link

http://www.artefiera.it/home/776.html

z2o Sara Zanin Gallery

ARTEFIERA 2017

Hall 25
Booth B9

SOLO SHOW
EKATERINA PANIKANOVA

Ekaterina Panikanova,
In certi casi, 2017, books, wood, nails, ink and acrylic, cm 130×110

January 27-30, 2017
Preview by invitation: Thursday, January 26th | 12 -9 pm
Friday 27 – Sunday 29 | 11am – 7pm
Monday 30 | 11am – 5pm
More info at: www.artefiera.bolognafiere.it

Fotografia e arte – Anteprima italiana al Forte di Bard – Inaugurazione 3 febbraio 2017

WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR 52
L’anteprima italiana al Forte di Bard

La natura protagonista delle più belle fotografie d’autore del 2016
in mostra dal 4 febbraio al 4 giugno 2017
(inaugurazione 3 febbraio)

E’ il Forte di Bard, la spettacolare roccaforte all’ingresso della Valle d’Aosta, a ospitare l’anteprima italiana della 52esima edizione del Wildlife Photographer of the Year, il più prestigioso riconoscimento dedicato alla fotografia naturalistica indetto dal Natural History Museum di Londra in collaborazione con il BBC Wildlife Magazine.

Dal 4 febbraio al 4 giugno 2017 negli spazi delle Cannoniere, il pubblico potrà ammirare un’emozionante gallery che ripercorre gli scatti più spettacolari realizzati nel 2016: 100 immagini che testimoniano il lato più affascinante del mondo animale e vegetale, spaziando da sorprendenti “ritratti” rubati ai più sublimi paesaggi del nostro pianeta.

«Da otto anni – dichiara il Presidente del Forte di Bard Augusto Rollandin – il Forte di Bard ospita il meglio della fotografia naturalistica mondiale grazie alla proficua collaborazione instaurata con un’istituzione di prestigio come il Natural History Museum di Londra. Una partnership che sottolinea la vocazione della Fortezza nella promozione delle eccellenze di tutte le arti. Una cornice unica nel suo genere in grado di presentare con grande modernità le meraviglie dei paesaggi mozzafiato della Regione proponendo mostre ed eventi di richiamo internazionale e offrendo un palcoscenico senza eguali ai più grandi protagonisti del mondo della fotografia».

In mostra anche le foto vincitrici nelle sedici categorie del premio, selezionate da una giuria internazionale in base a criteri tecnici, artistici e interpretativi tra le quasi 50.000 foto candidate e inviate da 96 Paesi di tutto il mondo. In mostra anche le fotografie selezionale dal pubblico nell’ambito del People’s Choice Award e presentate in un suggestivo video slideshow. In un secondo video il pubblico potrà ammirare le immagini vincitrici del Master di fotografia naturalistica 2016 promosso dal Forte di Bard.

«Il Wildlife Photographer of the Year mette in evidenza alcune delle problematiche più attuali della società e dell’ambiente” ha commentato Sir Michael Dixon, Direttore del Museo di Storia Naturale di Londra. “Come possiamo proteggere la biodiversità? Siamo in grado di vivere in armonia con la natura? Le immagini vincitrici toccano i nostri cuori e ci sfidano a pensare in modo diverso all’ambiente».

Vincitore assoluto, il fotografo americano Tim Laman con lo scatto “Vite intrecciate”: la fotografia immortala – da circa 30 metri d’altezza – un orangotango del Borneo che si arrampica sul tronco di un albero, come una fuga simbolica dalla distruzione della foresta pluviale indonesiana, suo habitat naturale.

Ha invece sedici anni l’autore del miglior scatto per la categoria giovani – il Young Wildlife Photographer of the Year – : dalla Gran Bretagna, Gideon Knight ha catturato la silhouette di un corvo e del sicomoro su cui riposa, poetiche figure nere che si stagliano contro il profondo blu e la luna di un magico cielo notturno.

Jan English, Responsabile delle Mostre Itineranti al Museo di Storia Naturale di Londra ha dichiarato: «Il Wildlife Photographer of the Year celebra la miglior fotografia naturalistica ed è con certezza una delle esposizioni esterne di maggior successo, con milioni di visitatori ogni anno. Queste immagini raccontano storie che ci fanno riflettere e riconsiderare il nostro rapporto con la natura e il nostro futuro».

Molti nomi italiani tra gli autori degli scatti esposti in mostra, tra i quali i finalisti Walter Bassi, con “Verme ipnotico” (categoria Invertebrati), Hugo Wassermann con “Ritiro alpino” (categoria Urbano), Fortunato Gatto con “Dopo la tempesta” (categoria Terra), Stefano Baglioni con “Piccola Stella” (categoria Piante e funghi) e Nicola Di Sario con “Luce degli occhi” (categoria Bianco e nero). Vincitori invece, rispettivamente per le categorie Rettili, anfibi e pesci, Piante e funghi e Sul territorio i tre reporter naturalistici Marco Colombo, con “Piccolo Tesoro”, Valter Binotto con “La composizione del vento” e Stefano Unterhiner con “Spirito delle montagne”.

Nell’ambito della mostra, dopo il successo dello scorso anno, il Forte di Bard ripropone il Master di Fotografia Naturalistica: un percorso formativo altamente qualificato in modalità residenziale con professionisti del settore dedicato all’approfondimento delle tecniche, alla lettura del portfolio dei partecipanti e all’utilizzo degli strumenti di fotoritocco. Il master si terrà il 6 e 7 maggio 2017 e contempla oltre all’attività in aula, anche un’uscita in un’area naturalistica della Valle d’Aosta. Per prenotare, contattare il numero 0125 833886 oppure inviare un’email a eventi@fortedibard.it.

Wildlife Photographer of the Year

Forte di Bard. Valle d’Aosta

4 febbraio – 4 giugno 2017

Arte a Roma – Mostra Mediterraneo in chiaroscuro – Ribera – Stomer e Mattia Preti da Malta a Roma ospite a Palazzo Barberini

Mostra Mediterraneo in chiaroscuro. Ribera, Stomer e Mattia Preti da Malta a Roma ospite a Palazzo Barberini il prossimo 14 gennaio.

La mostra, a cura di Sandro Debono e Alessandro Cosma, e presentata alle Gallerie Nazionali di Arte Antica dirette da Flaminia Gennari Santori, sarà aperta fino al 21 maggio 2017 nella sede di Palazzo Barberini.

La mostra raccoglie alcuni capolavori della collezione del MUZA – Muzew Nazzjonali tal-Arti (Heritage Malta) di Valletta a Malta messi a confronto per la prima volta con celebri opere della collezione romana.

La mostra coglie l’occasione dell’attuale periodo di chiusura del museo maltese, per la realizzazione del nuovo ed innovativo progetto MUZA, che ha permesso di avviare un fruttuoso scambio che ha portato a Roma le opere in mostra, mentre approderanno sull’isola altrettanti dipinti provenient i dalle Gallerie Nazionali in occasione di una grande esposizione nell’ambito delle iniziative relative a Valletta, capitale europea della cultura nel 2018.
In mostra diciotto dipinti che riprendono l’intensa relazione storica e artistica intercorsa tra l’Italia e Malta a partire dal Seicento, quando prima Caravaggio e poi Mattia Preti si trasferirono sull’isola come cavalieri dell’ordine di San Giovanni (Caravaggio dal 1606 al 1608, Preti per lunghissimi periodi dal 1661 e vi morì nel 1699), favorendo la progressiva apertura di Malta allo stile e alle novità del Barocco romano.

Per informazioni: www.visitmalta.com

Riflettori puntati su Malta

In occasione dell’avvio del semestre di Presidenza Maltese al Consiglio dell’Unione Europea, si inaugura a Palazzo Barberini a Roma, un’importante mostra che porta in Italia alcuni capolavori provenienti dal MUZA – Muzew Nazzjonali tal-Arti di Valletta

Il primo gennaio 2017 si è inaugurato il semestre di presidenza Maltese al Consiglio dell’Unione Europea. Per celebrare questa occasione, l’On. Dr. Ian Borg, SottoSegretario per i Fondi Europee e la Presidenza 2017, presiederà l’evento di lancio della mostra Mediterraneo in chiaroscuro. Ribera, Stomer e Mattia Preti da Malta a Roma ospite a Palazzo Barberini il prossimo 14 gennaio.

All’inaugurazione della mostra era presente S.E L’Ambasciatore della Repubblica di Malta in Italia, Vanessa Frazier che introduce così l’inaugurazione: ‘L’apertura di questa mostra è frutto di un’importante azione di diplomazia volta a creare una partnership internazionale tra enti maltesi ed italiani che si occupano di promozione d’arte. L’obiettivo principale è quello di creare uno scambio alla pari di risorse culturali che permetta la conoscenza reciproca tra i due paesi e la divulgazione di contenuti presenti in due patrimoni ricchissimi di risorse e tradizioni, uniti da indissolubili legami storici’.

Per l’occasione, il Direttore Marketing per l’Italia di Malta Tourism Authority, Claude Zammit-Trevisan dichiara: ‘Con questo importante evento in Italia, MTA vuole richiamare l’attenzione sul ricco calendario di eventi che Malta ha in programma per tutto il 2017. A seguito di un 2016 dai risultati molto positivi che hanno visto l’anno chiudersi con percentuali di crescita a doppia cifra (+10,4% a novembre 2016) nel numero dei turisti Italiani ed il superamento degli obiettivi che ambivano a toccare le 300 mila presenza dall’Italia, l’intenzione è quella di consolidare l’attenzione verso l’Arcipelago maltese, continuando a creare occasioni di interesse per il pubblico italiano.’

Arte a Milano – Galleria Fumagalli presenta Sursum corda – Mostra personale e azione di Maria Elisabetta Novello

Maria Elisabetta Novello
Sursum corda

con i danzatori Roberto Cocconi e Luca Zampar

Dal 19 Gennaio al 16 Febbraio 2017

Inaugurazione: giovedì 19 Gennaio 18.30-21.00
Azione: 19/20/21 Gennaio alle 18.30

“Sursum corda è il tentativo di porre uno sguardo sulla realtà per farsi esperienza del reale.

Sursum corda vuole essere strumento per riflettere sullo spazio, sul tempo, sul luogo che intercorre tra lo spettatore e l’opera, tra me e l’altro.
Sursum corda è momento e spazio nel quale tra fruitore e opera si crea uno speciale rapporto, una conoscenza interiore, una possibilità d’interpretazione.
Sursum corda è l’opera che interagisce con il pubblico, con l’ambiente e con l’altro e che attraverso tale condivisione raggiunge il suo senso e la sua completezza.
Sursum corda è il dispositivo, l’opera, che cerca di attivare la coscienza critica individuale e collettiva.“
Maria Elisabetta Novello

Maria Elisabetta Novello, INDEFINITO, 2009. Cenere musica e danza. Installazione-Performance.
Con Roberto Cocconi, Luca Zampar (compagnia Arearea) e Martina Bertoni.
Ph. Pierluigi Buttò. Courtesy l’artista e Galleria Fumagalli Milano

La Galleria Fumagalli presenta Sursum corda, mostra personale e azione di Maria Elisabetta Novello, con la collaborazione dei danzatori Roberto Cocconi e Luca Zampar.

La pratica di Maria Elisabetta Novello, caratterizzata in particolar modo dall’uso della cenere, con la quale l’artista genera forme e tracce segnate dalla memoria, accoglie un elemento effimero e fuggevole che porta in sé la fragilità del contemporaneo, la bellezza e l’instabilità dell’esistenza stessa. L’opera è intesa come interstizio sociale e strumento di rivendicazione dell’essere artista, che si confronta col mondo detenendo l’incombenza e l’urgenza dell’individuo che a tale universo appartiene. Maria Elisabetta Novello agisce con segni precari e minimi su indizi di memoria antropologica privata e pubblica, sociale e relazionale. Raccoglie il suo materiale e lo restituisce silente ma attraversato da un’azione responsabile, con una nuova identitàà e una nuova immagine.

Sursum corda è un progetto che nasce dall’interesse per gli spazi di confine (frontiere, soglie e limiti) e per l’ambivalenza che questi presuppongono nel segnare un passaggio. C’è sempre una relazione con ciò che c’è dall’altra parte, e un punto d’incontro è anche un punto di distacco che al tempo stesso divide e unisce. Con Sursum corda Maria Elisabetta Novello cerca di aprire un dialogo tra le due parti, a partire dalla consapevolezza dell’essere e delle azioni fondamentali che lo tengono in vita: il respiro, il battito del cuore e le emozioni.

Sursum corda verrà inaugurata il 19 Gennaio con un’azione dal vivo di Maria Elisabetta Novello, in collaborazione con i danzatori Roberto Cocconi e Luca Zampar, ripetuta anche il 20 e il 21 Gennaio. Nei giorni successivi, il video dell’azione verrà proiettato negli spazi della galleria, che si faranno contenitore di memoria e restituzione accogliendo anche il materiale di documentazione del progetto, del processo e dell’azione. In mostra fogli, bozze, una serie fotografica, materiale d’archivio raccolto e memorizzato durante la lunga fase di preparazione dell’evento tra suoni, rumori, tracce audio, toni di auscultazione, appunti che ripercorrono movimenti e ritmi, reperti, schede scientifiche, immagini che riportano alla temperatura concettuale ed emozionale di Sursum Corda.

Maria Elisabetta Novello è nata nel 1974 a Vicenza e ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Venezia concludendo gli studi con una tesi in pittura. Vive e lavora a Udine. Ha esposto in numerose mostre personali e collettive, in spazi pubblici e privati, in Italia e all’estero. Tra le più importanti e recenti ricordiamo: 16° Quadriennale d’Arte. “Altri tempi, altri miti” (2016), Palazzo delle Esposizioni di Roma, a cura di Denis Viva; “Per una gioiosa entropia – Alessandra Lazzaris – Maria Elisabetta Novello” (2015), Casa Cavazzini Museo d’Arte Moderna e Contemporanea, Udine, a cura di Giorgia Gastaldon; VI edizione Premio della Fondazione VAF (2014), Schaufler Foundation, Schauwerk Sindelfingen, Stadtgalerie Kiel, con l’assegnazione del Primo premio VI edizione Premio Fondazione VAF – Palazzo Della Penna, Perugia; “Transparency belongs to Citizens Blumm Prize” (2013) a cura di Martina Cavallarin, vincitrice Primo Premio, Ambasciata Italiana di Brussels; Menzione giuria Premio Combat in pittura (2012), Museo Civico G. Fattori ex Granai Villa Mimbelli, Livorno; Premio Arti Visive (2010), San Fedele, Milano; vincitrice Primo Premio al concorso ManinFesto (2007) a cura di Francesco Bonami, promosso dal Centro d’Arte Contemporanea di Villa Manin di Passariano (Udine). Sue opere sono parte d’importanti collezioni private e pubbliche, come MART, Rovereto e VAF – Stiftung Collection. Maria Elisabetta Novello collabora con la Galleria Fumagalli dal 2012.

La compagnia Arearea, fondata da Roberto Cocconi nel 1992, è stata sempre aperta all’arrivo di nuovi danzatori e di artisti specializzati in altre discipline. Ora è guidata da un nucleo artistico stabile, formato da Marta Bevilacqua, Roberto Cocconi, Valentina Saggin e Luca Zampar. Le creazioni della compagnia si articolano nella doppia dimensione dello spettacolo teatrale e della performance negli spazi del quotidiano.

Maria Elisabetta Novello
Sursum corda

Inaugurazione giovedì 19 Gennaio 18.30
Azione azione 19, venerdì 20 Gennaio e sabato 21 Gennaio alle 18.30
Mostra personale fino al 16 febbraio 2017

GALLERIA FUMAGALLI
Via Bonaventura Cavalieri 6
20121 Milano
galleriafumagalli.com
info@galleriafumagalli.com
+39 02 3679928

Arte in Olanda – “Da Mondrian al Dutch Design”

Nel 2017 si celebrano in Olanda i 100 anni del movimento De Stijl (in inglese “The Style”). In occasione di questo centenario, il paese ha organizzato un vasto e vario calendario di eventi e mostre incentrate sul tema “Da Mondriaan al Dutch Design”.

Il Gemeentemuseum Den Haag (Museo Municipale de L’Aia), che custodisce la più vasta collezione di opere del De Stijl e più di 300 opere di Piet Mondriaan, è indubbiamente la dimora internazionale di questo artista e del movimento e sarà il fulcro delle celebrazioni del 2017.

Presso il museo verranno organizzate tre diverse mostre per rendere omaggio agli artisti appartenuti al movimento e ai loro grandi risultati. La prima mostra, “Piet Mondriaan e Bart van der Leck Inventing a new art”, avrà inizio l’11 febbraio e sarà dedicata alla genesi di questa muova arte che ha cambiato per sempre il mondo in cui viviamo.

La mostra sarà la prima ad esaminare la natura e la durata del rapporto tra Mondriaan e van de Leck: grazie alle ben 80 opere d’arte esposte si potrà non solo approfondire la conoscenza di entrambi gli artisti, ma anche scoprire in che modo si siano influenzati e contestati reciprocamente fino ad arrivare a costruire una solida amicizia.

L’incontro dei due artisti e la nuova arte
Piet Mondriaan e Bart van der Leck, forse i due esponenti più celebri del movimento De Stijl, si incontrarono durante la Prima Guerra Mondiale nel villaggio olandese di Laren. I due artisti avevano background differenti: Van der Leck aveva lavorato a lungo come vetraio mentre Mondriaan era divenuto un artista paesaggista.

Essi si ammiravano a vicenda e riconobbero un interesse comune nell’esplorare nuove forme d’arte: entrambi rappresentavano forme geometriche ed utilizzavano pochi colori primari. I due artisti condividevano la convinzione che il mondo moderno avesse bisogno di una nuova forma d’arte e che il loro modo di dipingere rappresentasse un passo verso il progresso.

Lavorarono per tre anni in stretta collaborazione fino a quando cominciarono ad emergere alcune idee divergenti che li portarono ad allontanarsi. Seppur breve, la loro collaborazione ha avuto un ruolo fondamentale nella nascita del movimento della nuova arte lanciata da Theo van Doesburg con la pubblicazione della rivista De Stijl nel 1917. I loro esperimento con l’astrazione e i colori prepararono infatti la strada per il movimento “De Stijl” e l’invenzione della oggi famosissima combinazione tra rosso, giallo e blu.

Il museo

Il Gemeentemuseum Den Haag possiede opere dei più grandi protagonisti dell’arte moderna: da Monet a Van Gogh, da Kandinsky a Picasso.

Oltre alle importantissime opere d’arte custodite nel museo, anche l’edificio stesso, in stile Art Déco del celebre architetto Berlage, vale già una visita. Con 35 mostre all’anno e 160.000 oggetti d’arte, il Gemeentemuseum Den Haag è uno dei principali musei olandesi.

Indirizzo
Stadhouderslaan 41
2517 HV, Den Haag
Prezzi del biglietto
Adulti: 13,50 euro
Ragazzi fino ai 18 anni: ingresso gratuito
www.gemeentemuseum.nl

Arte a Milano – Retrospettiva dedicata a Renato Mambor apre la stagione espositiva 2017 del Gruppo Credito Valtellinese

renato-mambor

Sarà un’ampia retrospettiva dedicata a Renato Mambor ad aprire la stagione espositiva del 2017 del Gruppo Credito Valtellinese.

9 febbraio 2017 – 27 marzo

Gruppo cui fanno riferimento, oltre alla Galleria di Corso Magenta a Milano, Refettorio delle Stelline, dove appunto sarà allestita la mostra su Mambor, gli spazi espostivi di Sondrio, storica sede del gruppo bancario, la Galleria Credito Siciliano ad Acireale, marchio territoriale del Gruppo Credito Valtellinese ed infine quelli di Fano, Galleria Carifano e Spazio XX Settembre.

Il programma definito per il 2017 viene sviluppato per il tramite della Fondazione che opera per il medesimo Gruppo bancario nel campo del sociale, della cultura e dell’orientamento ai giovani.
Comprende una decina di mostre, tutte connotate da due precisi obiettivi : alta qualità e assoluta originalità.

Il campo di indagine continua ad essere quello tradizionale per le Gallerie del Gruppo : il contemporaneo storico, nelle sue diverse espressioni, dall’arte alla grafica, alla fotografia alle arti applicate, arricchito da un nuovo filone di esplorazione: quello dei remake.

Il presidente del gruppo Miro Fiordi sottolinea l’importanza dell’attività della Fondazione sui territori in cui opera. Attività rivolta a tutti, gratuita e avente come unica finalità la diffusione della cultura e dell’orinetamento ai giovani.

La retrospettiva su Renato Mambor, affidata alla curatela di Dominique Stella, rientra pienamente nel Progetto Culturale delle Gallerie del Gruppo Credito Valtellinese, da alcuni anni dirette da Cristina Quadrio Curzio e Leo Guerra.
Indaga infatti una personalità tra le più originali e complesse del secondo Novecento Italiano e lo fa mettendo in luce, a tutto tondo,la poliedrica figura dell’uomo e dell’artista.

« Voglio fare di tutto, ballare, cantare, scrivere, recitare, fare il cinema, il teatro, la poesia, voglio esprimermi con tutti i mezzi, ma voglio farlo da pittore perchè dipingere non è un modo di fare ma un modo di essere». In una frase Mambor così offre una precisa immagime del suo essere artista.

Protagonista della ricerca nelle arti visive dagli ultimi anni ’50, é uno dei primi a sconfinare dalla pittura verso altri linguaggi: fotografia, cinema, performance, installazioni e il teatro, per tornare comunque sempre alla pittura.

Continuando a lavorare sul linguaggio e sugli elementi costitutivi dell’arte, ha avviato una sperimentazione sul rapporto tra organismo e ambiente, tra arte e vita, sul cambiamento dello sguardo e dei punti di vista, sulle relazioni interne ed esterne, su separazione e unità.

Mambor, negli oltre 55 anni di impegno artistico, ha rinnovato instancabilmente le forme e approfondito la conoscenza di sé, inventando dispositivi di comunicazione che coinvolgessero lo spettatore, lasciando opere, anche inedite, di grande valore per la contemporaneità.

Dominique Stella, con Cristina Quadrio Curzio e Leo Guerra, ha selezionato per questa retrospettiva circa 80 pezzi, datati dai primi anni sessanta e sino al 2014, con le ultimissime creazioni. Sono opere che documentano le diverse espressioni, i molteplici linguaggi di Mambor: pittura, fotografia, performances installazioni. testimonianze fotografiche del suo teatro sperimentale.

Il Progetto Mambor delle Gallerie del Credito Valtellinese è completato dalla proiezione di un documentario sull’artista e da una performance teatrale con Paola Pitagora e Igor Horvat.

Orari e ingressi
Galleria Gruppo Credito Valtellinese
da martedì a sabato 13.30-19.15
chiuso domenica e lunedì, 2 giugno e dal 2 agosto al 5 settembre
INGRESSO LIBERO
Aperture straordinarie per le scuole su prenotazione

Informazioni al pubblico
Galleria Gruppo Credito Valtellinese
galleriearte@creval.it – www.creval.it

DUBAI – NUOVO MUSEO – Etihad Museum

L’Etihad Museum gestito da Dubai Culture

Il nuovo Etihad Museum trova sede in una struttura collocata proprio sotto l’iconica asta portabandiera degli EAU (Emirati Arabi Uniti) alta 123 metri, posta su Jumeirah Beach Road nell’area di Dar Al Etihad, location storica in cui i leader degli emirati si riunirono per dichiarare la formazione della nuova nazione, 45 anni fa.

L’Etihad Museum ospiterà mostre e programmi educativi che esplorano la cronologia di un evento importante, a partire dalla firma di un accordo che ha portato alla formazione dell’Unione degli Satti Arabi; utilizzando foto, film e documenti, a partire dal 1968 fino al 1974, che mostrano i primi momenti cruciali della storia della nazione.

L’Etihad Museum è stato progettato a forma di manoscritto, con sette colonne che hanno le sembianze di una penna, la stessa che venne usata per firmare la dichiarazione di unione nel 1971.

L’apertura dell’Etihad Museum è stata rivelata alla stampa da Sua Altezza Shaikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, Vice-Presidente e Primo Ministro degli EAU e sovrano di Dubai.

Abdul Rahman Mohammad Al Owais, Ministro della Salute e della Prevenzione e Chairman di Dubai Culture, ha affermato in una dichiarazione ufficiale che “L’Etihad Museum celebra la devozione e il patriottismo dei fondatori della nostra nazione e invita tutte le persone, di qualsiasi provenienza, a seguire il loro esempio nella creazione di una nazione. Il museo focalizza l’attenzione sulla storia politica e sui percorsi personali legati ad uno dei maggiori eventi della costituzione della nazione — quello dell’unione degli emirati nel 1971”.

Al Owais ha inoltre aggiunto: “Il nostro mandato a Dubai Culture ha lo scopo di arricchire la scena artistica e culturale di Dubai e di preservare l’eredità degli Emirati in modo unico ed innovativo, attraverso la creazione, le attività e la gestione dei musei, in partnership con i maggiori stakeholder degli EAU — in ultimo, anche di contribuire al raggiungimento degli obiettivi previsti nel Dubai Plan 2021, che mira a posizionare Dubai come la dimora di persone creative ed autorizzate, che celebrano con orgoglio le loro identità culturali”.

Arte fotografica a Torino – Pirelli exhibition fotografica a Settimo Torinese «Pirelli in 100 immagini»

Pirelli si racconta con una mostra  fotografica a Settimo Torinese.

«Pirelli in 100 immagini»

BIBLIOTECA ARCHIMEDE
da mercoledì 18 gennaio a lunedì 1 maggio 2017

6 diverse sezioni con fotografie di Bruce Weber, Helmut Newton, Herb Rritts, Annie Leibovitz, solo per citarne alcuni, e un incredibile inedito di Peter Lindbergh scattato a Settimo Torinese.