Archivi categoria: ARTE

arte, mostre, artisti, foto d’arte, storia dell’arte,

Arte a Roma – Arman a Palazzo Cipolla

Slow Motion 1995 Documenta 2017 Arman particolare
Arman-Untitled-20105

Arman 1954-2005

Roma, Palazzo Cipolla

Sino al  al 23 luglio 2017

Mostra personale dedicata al lavoro di Arman.

Le opere di Arman tornano in Italia dopo più di quindici anni dall’ultima antologica; insieme a opere munumentali più recenti.

“Arman 1954-2005”, a cura di Germano Celant, è una vasta  retrospettiva del lavoro dell’artista francese naturalizzato americano.

Settanta opere;  dagli esordi degli anni cinquanta ai primi anni del duemila.

Obliterazioni con timbri a inchiostro misti a interventi pittorici, riflessioni  sul concetto di scarto o resto; pittura e scultura, assemblage, ready-made e disegno.

 

ARTE – A Documenta 14 a una replica del Partenone

Documenta-2017-Beau-Dick-672-selezione-di-sue-maschere-in-materiali-vari.
Documenta-2017-Marta-Minujin The-Parthenon-of-books-2017-acciaio-libri-cellophane – PARTICOLARE
Documenta-2017-Andreas-Angelidakis-Polemos-2017-particolare
Vija-Celmons-Documenta-14a 2017 particolare

ARTE – A Documenta 14 a una replica del Partenone con 100.000 libri censurati dai nazisti
Documenta 14 a edizione
KASSEL (Germania)
Sino al 17 settembre 2017

THE PARTHENON OF BOOKS è l’opera più emblematica della più importante rassegna, al mondo, di arte contemporanea che non abbia una diretta connessione con le vendite ( come invece è, nel suo immenso successo, ART BASEL ).

L’autrice di THE PARTHENON OF BOOKS, si chiama Marta Minujin ed è argentina.

L’opera si trova nella medesima piazza dove i nazisti bruciarono i testi considerati “degenerati”.

Una replica fu realizzata con 20.000 volumi, a Buones Aires nel 1983, con il nome di PANTENON DE LIBROS PROHIBIDOS.

Tra i libri dell’opera troviamo, ad esempio: 1984 di George Orwell, il Decameron di Boccaccio, La teoria della Relatività di Albert Einstein, Le metamorfosi di Franz Kafka e poi alcuni scritti Voltaire, Macchiavelli, Thomas Mann ecc…

Non dimentichiamo che negli anni ’70, la dittatura militare argentina aveva vietato la lettura di Karl Max e Fidel Castro e Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry.

Tra le tante opere segnaliamo il lavoro di Guillermo Galindo; con partiture musicali rappresentate a struttura di mosaico di pixel e i relitti di barche di migranti trasformati in strumenti musicali.

Nella sede storica della manifestazione, il Museum Fredericianum, viene proposta anche una riadattata versione della collezione dell’EMST Museo Nazionale di Arte Contemporanea in Grecia; che era stata presentata ad Atene in aprile.

All’ingresso della mostra, un gigantesco mosaico di Nikos Alexiou è proiettato sul pavimento.

Tra i pezzi in mostra anche opere dei famosi: Bill Viola e Jan Fabre e l’installazione dell’iracheno Hiwa K che propone il tema dell’accoglienza ricostruendo ambienti casalinghi in grandi tubi di argilla.

Musica a Lugano – ROAM FESTIVAL 25 – 31 LUGLIO Lugano

ROAM FESTIVAL

25 – 31 LUGLIO

Lugano, Parco Ciani

LONGLAKE FESTIVAL 2017

https://longlake.ch/roam/

Image

ROAM Festival è il Festival interamente dedicato al meglio della musica alternativa internazionale. Concentrato quest’anno in sette serate consecutive, porterà nella splendida cornice del Parco Ciani le principali stelle della scena electro pop, alternative e world del momento.

 

Un nome nuovo, un festival nuovo. ROAM raccoglie l’eredità di Rock’n’More, facendosi carico di presentare a LongLake un cartellone musicale che scandaglia le realtà più interessanti della scena alternativa contemporanea. Evoluzione che parte dall’acronimo di Rock’n’More, per assurgere a realtà nuova. Roam, ovvero “vagabondare”, viaggiare apparentemente senza meta ma per ritrovarsi in una realtà nuova. Un tassello supplementare del percorso iniziato la scorsa edizione, che rappresenta il naturale sviluppo di quanto da tempo viene proposto durante l’anno allo Studio Foce con la rassegna Raclette. Un vero e proprio festival ora, articolato in sette serate consecutive, 12 concerti in tutto. Ambienti profondi, grandi spazialità musicali e sonore, che trovano la loro collocazione perfetta nell’atmosfera avvolgente del Boschetto Ciani, contesto magico e intimo in cui ritrovarsi anche prima e dopo i concerti. Un “vagabondaggio“ ideale, ma con una meta e un’identità sempre più precise.

Il via alle danze lo darà l’attesa performance di Aurora (25.07). Norvegese, poco più che ventenne, si sta facendo strada nel mondo della musica a ritmo di premi internazionali e tour da tutto esaurito. La sua musica si ispira dalle atmosfere dark creando un sound interessante, fresco, a tratti misterioso e guidato dalla sua voce angelica.

 

Il giorno successivo (26.07) ROAM ospiterà i Tinariwen, il più celebre e intrigante collettivo musicale del deserto africano. La loro inimitabile musica, il Tishoumaren, è una seducente fusione di blues, rock, musica tradizionale Tuareg e sonorità provenienti dall’Africa e dall’Oriente.

Giovedì 27 luglio si alterneranno sul palco tre diverse band: si parte con i grigionesi From Kid e il loro electro-pop, seguiti da Ider, duo al femminile da Londra, per chiudere in bellezza con i Cigarettes After Sex, band texana che con il suo indie pop sognante ha conquistato il pubblico internazionale.

 

Il 28 luglio apriranno la serata i Rocky Wood, band avant-pop svizzero-americana basata a Lugano. Dopo di loro i Vök, giovane band dream pop che arriva da Reykjavík, dal sound estremamente d’atmosfera; un pop elettronico capace di improvvise e continue variazioni melodiche.

Protagonisti della serata di sabato 29 luglio i Wild Beasts, quartetto inglese considerato uno dei gruppi più interessanti dell’ultimo decennio.

 

Il 30 luglio la serata vedrà alternarsi sul palco la polistrumentista e cantautrice Laura Gibson, una delle artiste di spicco nel panorama del nuovo folk americano, seguita dai Peter Kernel & Their Wicked Orchestra, duo post-pop ticinese che sarà accompagnato sul palco da un’orchestra cameristica fuori dal comune.

 

Chiudono il Festival gli zurighesi The Legendary Lightness (31.07), una delle band indie svizzere che maggiormente è riuscita a uscire dai confini nazionali, e Warhaus, il progetto solista di Maarten Devoldere, ovvero il cantante dei Balthazar, con uno dei suoi celebri live coinvolgenti, ricchi di groove e suggestioni elettroniche.

LINEUP COMPLETA

Martedì 25 luglio

Aurora

Mercoledì 26 luglio

Tinariwen

Giovedì 27 luglio

Cigarettes After Sex

Ider
From Kid

Venerdì 28 luglio

Vök
Rocky Wood

Sabato 29 luglio

Wild Beasts

Domenica 30 luglio
Peter Kernel & Their Wicked Orchestra

Laura Gibson

Lunedì 31 luglio

Warhaus
The Legendary Lightness

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

SPONSOR E PARTNER

Il Festival è organizzato dalla Divisione Eventi e Congressi della Città di Lugano grazie anche al contributo di Sotell e Mojito.
Si ringraziano tutti gli sponsor che hanno sostenuto la manifestazione, in modo particolare i main sponsor Taddei SA e AIL, e lo sponsor Coca Cola. Per il Family Festival, il main sponsor Coop. Per il Buskers Festival, gli sponsor Chicco d’Oro e In Vino Sitis.

Official car provider della manifestazione è Renault – Autors SA Lugano-Bioggio.
Non ultimo, un ringraziamento va anche ai media partner RSI Radiotelevisione Svizzera e Ticinonline – 20 minuti.

Jazz a Venezia -Venezia Jazz Festival – X edizione Helga Plankensteiner REVENSCH

Sabato 22 luglio 2017, ore 20.00
Piattaforma sull’acqua di Punta della Dogana
(Lato Canale della Giudecca)  
 
Venezia Jazz Festival – X edizione
Helga Plankensteiner
REVENSCH
Formazione:
Paolo Trettel, tromba
Helga Plankensteiner, sassofono, clarinetto e voce.
Hannes Mock, trombone
Wolfi Rabensteiner, tuba  
Michael Lösch, pianoforte  
Enrico Tommasini, batteria.  
 
 
Biglietto 12 € intero, 8 € ridotto per i members di Palazzo Grassi – Punta della Dogana.
 
Prevendita sul sito: www.geticket.it
 
 
 
Palazzo Grassi – Punta della Dogana rinnova la propria collaborazione con Venezia Jazz Festival, la rassegna musicale organizzata da Veneto Jazz in collaborazione con Regione Veneto e città di Venezia, giunta quest’anno alla sua X edizione.
La manifestazione coinvolge i luoghi più affascinanti della Serenissima e del territorio circostante per tutto il mese di luglio.
Sabato 22 luglio, dalle ore 20.00, la piattaforma sull’acqua di Punta della Doganaaccoglierà Revensch, la nuova formazione con tre fiati, batteria e piano, guidata dalla sassofonista Helga Plankensteiner. Revensch comprende: Paolo Trettel (tromba), Hannes Mock (trombone), Wolfi Rabensteiner (tuba), Michael Lösch (pianoforte) e Enrico Tommasini (batteria).  
Un programma prezioso, orchestrato da artisti di livello internazionale che spazia tra dixieland, klezmer e chanson degli anni Venti e si sposa con la bellezza del paesaggio lagunare. La selezione accoglie brani come Moritat (1928) di Bertolt BrechtKurt Weill, Smile(1936) di Charlie Chaplin, opere tratte dal repertorio di Marlene Dietrich e composizioni inedite.
Come sempre, i Revensch hanno giocato e mescolato con disinvoltura i diversi generi musicali, coniugando divertimento e rigore espressivo… dietro un’apparente scherzosa leggerezza si cela una musica di grande intensità, estremamente curata nelle orchestrazioni. “ (Paolo Peviani, Allaboutjazz).
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.
 
Contatti per la stampa
 
PCM Studio via Goldoni, 38 | 20129 Milano
Paola C. Manfredi | paola.manfredi@paolamanfredi.com | M. +39 335 54 55 539
Per richieste immagini: press@paolamanfredi.com | T. +39 02 87286582
Contatti Veneto Jazz
Veneto Jazzwww.venetojazz.com
jazz@venetojazz.com | M. +39 366 2700299

Venezia Jazz Festival – X edizione

Helga Plankensteiner
REVENSCH
Formazione:
Paolo Trettel, tromba
Helga Plankensteiner, sassofono, clarinetto e voce.
Hannes Mock, trombone
Wolfi Rabensteiner, tuba  
Michael Lösch, pianoforte  
Enrico Tommasini, batteria.  
 
 
Biglietto 12 € intero, 8 € ridotto per i members di Palazzo Grassi – Punta della Dogana.
 
Prevendita sul sito: www.geticket.it
 
 
 
Palazzo Grassi – Punta della Dogana rinnova la propria collaborazione con Venezia Jazz Festival, la rassegna musicale organizzata da Veneto Jazz in collaborazione con Regione Veneto e città di Venezia, giunta quest’anno alla sua X edizione.
La manifestazione coinvolge i luoghi più affascinanti della Serenissima e del territorio circostante per tutto il mese di luglio.
Sabato 22 luglio, dalle ore 20.00, la piattaforma sull’acqua di Punta della Doganaaccoglierà Revensch, la nuova formazione con tre fiati, batteria e piano, guidata dalla sassofonista Helga Plankensteiner. Revensch comprende: Paolo Trettel (tromba), Hannes Mock (trombone), Wolfi Rabensteiner (tuba), Michael Lösch (pianoforte) e Enrico Tommasini (batteria).  
Un programma prezioso, orchestrato da artisti di livello internazionale che spazia tra dixieland, klezmer e chanson degli anni Venti e si sposa con la bellezza del paesaggio lagunare. La selezione accoglie brani come Moritat (1928) di Bertolt BrechtKurt Weill, Smile(1936) di Charlie Chaplin, opere tratte dal repertorio di Marlene Dietrich e composizioni inedite.
Come sempre, i Revensch hanno giocato e mescolato con disinvoltura i diversi generi musicali, coniugando divertimento e rigore espressivo… dietro un’apparente scherzosa leggerezza si cela una musica di grande intensità, estremamente curata nelle orchestrazioni. “ (Paolo Peviani, Allaboutjazz).
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.
Contatti Veneto Jazz
Veneto Jazzwww.venetojazz.com
jazz@venetojazz.com | M. +39 366 2700299

Arte a San Pietroburgo – Anselm Kiefer – For Velimir Khlebnikov

Anselm-Kiefer-fates-of-nations-mostra-a-San-Pietroburgo-2017 ;particolare.
Anselm-Kiefer-Battles-of-sea; particolare.

Anselm Kiefer

For Velimir Khlebnikov

Sino al 3 settembre 2017

Hermitage – Palazzo d’inverno

www.hermitagemuseum.org

Per la prima volta in Russia, il Museo Statale dell’Ermitage inaugura una mostra personale di uno dei più famosi artisti contemporanei, Anselm Kiefer.

La mostra è organizzata in collaborazione con la tedesca Galerie Thaddeeus Ropac.

Lo spazio espositivo è la grande Sala Nikolaevsky; il gran salone da ballo nella residenza ufficiale degli Zar.

Sono  ben trenta le opere inedite; tutte ispirate alla visita a San Pietroburgo, compiuta dall’artista nel 2016, e dedicate, da Anselm Kiefer, all’amico e poeta folle, Velimir Khlebnikov.

Khlebnikov nacque nel 1885 e morì giovanissimo nel 1922 per consunzione; come vuole la tradizione dei poeti maledetti.

 

Arte a Montecarlo – La città proibita – Reperti dal mondo

 

Sino al 10 settembre 2017

La vita alla corte degli imperatori e imperatrici cinesi, in particolare l’ultima dinastia imperiale Qing

Il progetto espositivo pone speciale attenzione  alla personalità degli imperatori Qing; in particolare sui sovrani Kangxi (1662‐1722), Yongzheng (1723‐1735) e Qianlong (1736­‐1795), che rappresentano il punto più alto della cultura cinese.

LA CITTÀ PROIBITA A MONACO. LA VITA ALLA CORTE DEGLI IMPERATORI E DELLE IMPERATRICI DELLA CINA

Dopo il grande successo della mostra “La Cina del Primo Imperatore” del 2001, il Grimaldi Forum ha organizzato per l’estate 2017 una nuova mostra sulla Città Proibita.

La Città Proibita a Monaco. La vita alla corte degli imperatori e delle imperatrici della Cina, nasce dalla collaborazione tra i due curatori:

-Jean‐Paul Desroches, Conservatore generale onorario del Patrimonio, e Wang Yuegong, Direttore della sezione delle Arti del Palazzo, per il Museo del Palazzo Imperiale.

Oltre 250 oggetti d’eccezione provenienti dall’antico palazzo dei sovrani cinesi e da grandi collezioni europee ed americane: Musée Cernuschi, Musée du Louvre, Victoria & Albert Museum di Londra, Musées royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles, Arthur M. Sackler Gallery di Washington.

IL VISITATORE RIMANE STUPITO

Il visitatore è trsaportato attraverso le sale del Palazzo, sino ai giardini della Città Proibita; dal Tempio del Cielo, alla sala del trono, dal tempio buddista al padiglione del té…. Una vera immersione nel cuore della storia di una civiltà plurimillenaria.

LA CITTA’ PROIBITA

La Città Proibita è uno dei complessi storico-artistici più prestigiosi al mondo e il sito più visitato in assoluto con circa 10 milioni di visitatori all’anno; palazzo e al tempo stesso un museo.

La Città Proibita, fu eretta tra il 1406 e il 1420 per volontà del terzo imperatore della dinastia Ming e fu, per tre secoli,   culla del potere per gli imperatori Manciù.
Il pubblico potrà ammirare i pregevoli oggetti esposti che attestano i vari ruoli dell’imperatore: ritratti, costumi di apparato, arredi, oggetti preziosi, strumenti scientifici, alcuni dei quali annoverati tra i “tesori nazionali”.
Per ricordare un aspetto importante della cultura del popolo Manciù, il cui potente esercito delle Otto Bandiere conquistò la Cina a partire dal 1644, anche le imprese militari degli imperatori Qing saranno evocate attraverso 6
diversi oggetti e incisioni che documentano le loro campagne vittoriose.
La dinastia Qing si distinse in particolar modo in ambito culturale. A illustrare il senso estetico dei sovrani di una delle epoche in cui la civiltà cinese era al suo apogeo, vengono messe in risalto le diverse forme di espressione dell’arte cinese che come è noto ebbe grande influenza a quei tempi sull’Occidente: l’arte del pennello, attraverso la calligrafia e la pittura, l’universo delle arti decorative con lo studiolo delle porcellane e quello degli oggetti in lacca e infine la musica e la lirica.
Il percorso si articola in quattro sezioni espositive: I MANCIÙ; CIELO-TERRA-UOMINI; LA CITTÀ PROIBITA, “CITTÀ-PALAZZO”; IL GIARDINO.

 

Arte a Torlonia Roma – Wal – Piacerà anche ai bambini

20/05 – 01/10/2017

Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli

Casina delle Civette

 Musei di Villa Torlonia – Roma

Curatori:

Cesare Biasini Selvaggi e Maria Grazia Massafra

Un mondo di meraviglie, attraverso 50 sculture realizzate  da Wal; all’interno della Casina delle Civette e nel suo giardino.

INFORMAZIONI 

Luogo

Musei di Villa Torlonia, Casina delle Civette

Orario

Dal 20 maggio al 1° ottobre 2017
da martedì a domenica ore 9.00-19.00
La biglietteria chiude 45 minuti prima
Chiuso lunedì
N.B. per eventuali aperture e/o chiusure straordinarie consultare la pagina dedicata agli     Avvisi

Biglietto d’ingresso

Ingresso gratuito per tutti i residenti a Roma e nell’area della Città Metropolitana la prima domenica del mese

Biglietto unico integrato Casina delle Civette, Casino Nobile + mostre:
Magia della luce. Specchio e simbolo nell’opera di Lorenzo Ostuni (dall’11 marzo al 24 settembre 2017)
Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli (dal 20 maggio al 1 ottobre 2017)
Lo chat noir e i teatri d’ombre a Parigi. Influenza sull’arte illustrativa fra ‘800 e ‘900 (dal 22 giugno al 1 ottobre 2017)
€ 9,50 intero; € 7,50 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 8,50 intero; € 6,50 ridotto

Biglietto ordinario Casino Nobile:
Magia della luce. Specchio e simbolo nell’opera di Lorenzo Ostuni (dall’11 marzo al 24 settembre 2017)
€ 7,50 intero; € 6,50 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 6,50 intero; € 5,50 ridotto

Biglietto Casina delle Civette + mostra:
Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli (dal 20 maggio al 1 ottobre 2017)
Lo chat noir e i teatri d’ombre a Parigi. Influenza sull’arte illustrativa fra ‘800 e ‘900 (dal 22 giugno al 1 ottobre 2017)
€ 6,00 intero; € 5,00 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 5,00 intero; € 4,00 ridotto

Il biglietto è acquistabile anche con carta di credito e bancomat

Evento alla Venaria – Corsa da Re – Domenica 15 ottobre 2017

Eco-corsa podistica

La Venaria Reale 2017

Una Corsa da Re VI edizione

Domenica 15 ottobre 2017 Reggia di Venaria Parco della Mandria Città di Venaria Reale

VI edizione

Domenica 15 ottobre 2017

Una Corsa da Re è ormai un appuntamento consolidato nel programma della Reggia di Venaria, così come nel calendario italiano del running, giunto quest’anno alla sua sesta edizione.

Dopo i grandi successi delle passate edizioni, oltre 7.000 partecipanti nel 2016, torna domenica 15 ottobre, a partire dalle ore 9.30 Una Corsa da Re, la manifestazione podistica di 4, 10, 21 (mezza Maratona) e 30 km nel magnifico scenario dei Giardini della Reggia di Venaria, del Parco La Mandria e della Città di Venaria Reale.

L’eco-corsa podistica dedicata a tutti gli appassionati di sport, bellezza e natura, in occasione del quinto anno di collaborazione fra il Parco La Mandria e il Consorzio La Venaria Reale, prevede per il 10° Anniversario della Reggia di Venaria, alcune novità, prima fra tutte l’introduzione di una nuova distanza: la 30 chilometri.

La manifestazione è organizzata dal Consorzio La Venaria Reale, dal Parco La Mandria, dalla Città di Venaria Reale, in collaborazione con Base Running ASD.

Sabato 14 ottobre, La Corsa del Principino apre la due giorni dedicata allo sport.

La Corsa del Principino, che ha una distanza totale di 500 metri, partirà da Piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale e percorrendo tutta la lunghezza della via principale del borgo storico, via Andrea Mensa, vedrà l’arrivo dei piccoli corridori nella Corte d’onore della Reggia, passando dall’imponente ingresso della Torre dell’Orologio.

Domenica 15 ottobre, in occasione dell’importante compleanno della Reggia di Venaria, sarà inoltre possibile visitare le mostre Giovanni Boldini, con oltre 100 capolavori tra olii e pastelli della produzione di Boldini e di altri artisti a lui contemporanei, Peter Lindbergh.

A different vision on fashion photography, un’esposizione di 220 dei migliori scatti, dedicata ad uno dei più importanti fotografi di moda viventi e Lady Diana. Uno spirito libero, con fotografie che rendono omaggio alle diverse anime di Lady Diana, allestita in uno speciale spazio architettonico: le Sale dei Paggi.

Sarà anche possibile godere dei Giardini della Reggia con un giro in carrozza e sul trenino ed ammirare lo spettacolo del Teatro d’Acqua della Fontana del Cervo nella Corte d’onore, oltre che passeggiare nell’incontaminata natura del Parco La Mandria.

Presso il Borgo Castello del Parco La Mandria saranno visitabili gli Appartamenti Reali di Vittorio Emanuele II, 20 ambienti preservati nei loro splendidi arredi originali.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

Una Corsa da Re prevede quest’anno, per la prima volta, quattro differenti percorsi.

• 4 km: si sviluppa interamente all’interno dei Giardini della Reggia. Una passeggiata che si snoda tra Parco basso e Parco alto, costeggiando il Canale dell’Ercole, per arrivare fino ai resti del Tempio di Diana; la partenza, alle ore 10.00 sarà dall’Allea Centrale dei Giardini, mentre l’arrivo è previsto nel Gran Parterre.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

• 10 km: “sia competitiva che non”, con partenza dai Giardini della Reggia, per proseguire nel Parco la Mandria costeggiando il Borgo Castello, residenza settecentesca sabauda, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, per proseguire poi nel Borgo Antico della Città di Venaria Reale ed arrivare nuovamente alla Reggia, per la prima volta, nel Gran Parterre.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

• 21 km: la mezza Maratona per tutti i runner più allenati e pronti a percorrere gli incantevoli viali del Parco della Mandria, tra cervi ed alberi secolari, partirà dall’Allea centrale del Parco basso della Reggia di Venaria alle ore 9.30, per concludersi, dopo aver percorso le vie cittadine, nel Gran Parterre del Parco alto della Reggia. Come per le altre distanze, anche questa sarà sia “competitiva che non”.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

La Corsa da Re quest’anno si arricchisce di una nuova competizione:

• 30 km: questa nuova distanza darà la possibilità ai partecipanti, non professionisti, di mettersi alla prova con un nuovo percorso ed è perfetta per gli atleti che stanno preparando la propria partecipazione alle maratone autunnali, tradizionalmente programmate a novembre, rappresentandone l’allenamento ideale. Anche in questo caso, la gara sarà sia “competitiva che non”.

Sabato 14 ottobre – La Corsa del Principino

La Corsa del Principino – 500 metri

Per la prima volta quest’anno La Corsa del Principino partendo dal borgo di Venaria Reale, vedrà l’arrivo sotto la Torre dell’Orologio, nella spettacolare Corte d’onore della Reggia di Venaria. I bambini potranno percorrere i 500 metri in tutta sicurezza, lungo la pedonale via Andrea Mensa.

PACCHETTI TURISTICI

In occasione della Corsa da Re 2017, sono previsti speciali pacchetti pensati appositamente per i runner.
Proposte complete di soggiorno ed iscrizione alla corsa, per vivere un weekend da top runner ed assecondare le esigenze di chi vuole unire sport e visite culturali, alla scoperta di un gioiello unico come la Reggia di Venaria, i suoi Giardini e la meraviglia della natura del Parco La Mandria.

Per maggiori informazioni: sport@torinoemotion.it

Sponsor

Un ringraziamento speciale agli sponsor dell’edizione 2017: Diadora, sponsor tecnico della manifestazione; Battaglio, importatore e distributore di frutta; Valmora, acqua minerale, per il ristoro; Named Sport, produttore di integratori per sportivi; Sport Town, palestra i cui istruttori contribuiranno al riscaldamento dei partecipanti; Eclectik per la comunicazione.

Orari e prezzi

Alla sezione competitiva, per tutte le distanze, possono partecipare tutti i tesserati FIDAL/ RUNCARD in regola con il tesseramento 2017, per la 21 e la 30 km non competitiva è necessario il certificato medico di attività agonistica per l’atletica leggera.

Orari

Sabato 14 ottobre – Race Village – piazza dell’Annunziata e Piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale – Reggia di Venaria
Dalle ore 10.00 alle ore 19.00
consegna pettorali e pacchi gara presso il Race Village

Ore 11.00
Ritrovo per La Corsa del Principino presso il Race Village
Ore 12.00
partenza Corsa del Principino da piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale

Domenica 15 ottobre – Reggia di Venaria – Parco La Mandria – Città di Venaria Reale

Ore 7.30
Ritrovo presso il Race Village in piazza dell’Annunziata a Venaria Reale
Ore 9.30
partenza delle corse 21 e 30 km dall’Allea Centrale dei Giardini della Reggia di Venaria Ore 10.00
partenza delle corse 4 e 10 km dall’Allea Centrale dei Giardini della Reggia di Venaria Ore 12.30
Premiazioni nel Gran Parterre dei Giardini della Reggia di Venaria

Costi di iscrizione

Corsa del Principino: 3 euro;
Corsa da Re – 4 km: euro 5 fino al 24 settembre, euro 8 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 10 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 10 km: euro 15 fino al 24 settembre, euro 20 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 25 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 21 km: euro 25 fino al 24 settembre, euro 30 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 35 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 30 km: euro 30 fino al 24 settembre, euro 35 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 40 dal 12 al 14 ottobre.

La quota di iscrizione comprende:

T-shirt tecnica Diadora per i primi 5.000 iscritti alle 3 distanze di 10/21/30 km complessivi; t-shirt in cotone per i primi 2.000 iscritti alla 4 km.

Modalità di iscrizione

– entro mercoledì 11 ottobre: presso la palestra Sport Town Lingotto (via Nizza 262, Torino), la biglietteria della Reggia di Venaria (piazza della Repubblica 4, Venaria Reale), Base Running (corso Cairoli 28/C, Torino), Base Running (Corso Trapani 233, Torino) e online sul sito web www.baserunningteam.it/unacorsadare;

– giovedì 12 e venerdì 13 ottobre: solo presso Base Running (corso Cairoli 28/C, Torino);
– sabato 14 e domenica 15 ottobre (solo per la 4 km): solo presso il Race Village (piazza dell’Annunziata a Venaria Reale).

Musica a Firenze 3 agosto 2017 – ANDREA BOCELLI TORNA AL TEATRO DEL SILENZIO

ANDREA BOCELLI TORNA AL TEATRO DEL SILENZIO
Il tre agosto si terrà l’atteso concerto di Andrea Bocelli a Lajatico, sua terra d’origine.
L’Hotel Brunelleschi di Firenze ha ideato un pacchetto per permettere ai suoi ospiti di recarsi e tornare dal concerto in sicurezza e relax.

Image

 

Un concerto evento che ogni anno richiama fans e curiosi dall’Italia e dal mondo, quello di Andrea Bocelli, che si esibirà il prossimo tre agosto nel meraviglioso spazio del Teatro del Silenzio, a Lajatico, in provincia di Pisa.

Questo teatro, fortemente voluto dallo stesso Bocelli per valorizzare la sua terra, è una struttura unica, quasi un’architettura filosofica immersa nel verde delle colline pisane e fino a quest’anno ha ospitato un solo concerto all’anno: quello di Bocelli, appunto.

Il Teatro del Silenzio
Nato nel 2006 dall’ambizione di Andrea Bocelli e dalla sua volontà di rendere onore alla sua città natale, il Teatro del Silenzio è una struttura unica nel suo genere. Il Teatro, infatti, nasce per ospitare un solo spettacolo l’anno, da qui il nome di Teatro del Silenzio. Nei periodi in cui il teatro non è in attività, la platea viene interamente smontata e il palco si trasforma in un lago artificiale.
Impressionante il palcoscenico: una struttura circolare al cui centro troneggia un’imponente scultura ritraente un volto umano, eseguita dallo scultore polacco Igor Mitoraj e donata successivamente dallo scultore in occasione dell’inaugurazione del teatro.

Sono partiti quest’anno i lavori per rendere il Teatro del Silenzio punto di riferimento culturale per la zona e aprire i suoi spazi non solo una volta l’anno. Per dare il via a questa iniziativa, lo scorso giugno il teatro ha ospitato il Concerto del Sole del musicista Goran Bregovič e ospiterà il concerto per i 50 anni di attività di Renato Zero.

L’Hotel Brunelleschi di Firenze propone ai suoi ospiti un pacchetto esclusivo, comprensivo di trasferimento fino a Lajatico e ritorno per godere al massimo dell’evento soggiornando in una delle più belle città d’arte al mondo, Firenze.

Il Pacchetto ideato dall’Hotel Brunelleschi per il concerto di Andrea Bocelli a Lajatico prevede: pernottamento nella tipologia di camera prescelta; colazione a buffet negli antichi saloni; transfer per il concerto per una o due persone oppure per gruppi da tre a otto persone.

La macchina rimarrà in attesa per tutta la durata del concerto e a fine evento riporterà gli ospiti in albergo.

A bordo dell’auto, per viaggiare in tutta comodità, Wifi, bottiglia d’acqua e salviettine rinfrescanti.

Prezzo del pacchetto a partire da euro 1.234 a camera a notte

L’Hotel Brunelleschi di Firenze
L’Hotel Brunelleschi di Firenze, situato in un’armoniosa piazzetta nel centro storico fiorentino, si trova a pochi passi dal Duomo, Palazzo della Signoria e Galleria degli Uffizi, ed è attorniato dalle vie dello shopping e dai musei più famosi della città. L’edificio che ospita l’Hotel Brunelleschi ingloba nella facciata una torre circolare bizantina del VI secolo e una chiesa medievale, interamente ristrutturate nel rispetto delle caratteristiche originali. All’interno, un museo privato conserva reperti rinvenuti durante il restauro della Torre e un calidarium di origine romana, oggi incastonato nelle fondamenta. L’Hotel Brunelleschi fa parte degli Esercizi Storici Fiorentini. L’albergo è stato rinnovato in uno stile classico contemporaneo estremamente elegante, dove predominano i colori chiari e il grigio della tipica pietra serena. L’hotel dispone di due ristoranti: il ristorante gourmet Santa Elisabetta e la più informale Osteria della Pagliazza.

Hotel Brunelleschi
Via de’ Calzaiuoli – Piazza Santa Elisabetta 3 – 50122 Firenze
Tel. 055/27370 – Fax 055/219653
e-mailinfo@hotelbrunelleschi.it – Internet www.hotelbrunelleschi.it

Mostra a Francoforte – PETER SAUL

Peter Saul
2017/06/02 – 2017/09/03
Schirn Kunsthalle, Francoforte
Peter Saul; l’artista che ha violato le regole del buon gusto, ma ha avuto il coraggio di esporre, con ironia, una seria critica al sogno americano.
Per la prima volta in Europa, una panoramica completa del lavoro, finora trascurato, del pittore americano (nato nel 1934).

Saul ha fatto un ” crossover ” di: Pop Art, Surrealismo, Espressionismo Astratto, San Francisco Funk e la cultura dei cartoni animati dalle fine del 1950, per affrontare le questioni politiche e sociali.

Una pittura arrabbiata, che  mostra bene quando Saul esplori il lato oscuro del sogno americano. Il tutto, contemporaneamente ad un umorismo esuberante e giocoso, pur non rinunciando ad una dura critica del sistema.

Per la prima volta in Europa, la Schirn Kunsthalle di Francoforte presenta una panoramica completa del lavoro finora trascurato di questo grande artista.