Archivi categoria: ARTE

arte, mostre, artisti, foto d’arte, storia dell’arte,

Arte a Berlino – Juegen Teller –


Juergen Teller.
Goditi la vita!

Chi è Juegen Teller ?

53 anni, tedesco.

Juergen Teller è un eclettico come pochi.

Moltissime celebrità della musica o della moda sono passate davanti al suo obiettivo; dai Nirvana a Kate Moss.

Le sue immagini sono considerate:  sconcertanti, imprevedibili, clichédefying, intime, apparentemente trasgressive…

La mostra Juergen Teller. Enjoy Your Life è aperta al pubblico sino al 3 luglio 2017 all’interno del Martin-Gropius-Bau.

Arte a New York – Metropolitan – Cina – L’età degli imperi

“Age of the Empires, quattro secoli di storia della Cina”

Al Metropolitan Museum di New York.

162 oggetti da 32 musei cinesi; una  sintesi di 50 anni di scavi archeologici: sculture monumentali, dipinti, tessuti, metallurgia, calligrafia, modelli architettonici.

Imperdibili, i 5 guerrieri, che fatto parte di quelli scoperti nel 1974 da un contadino.

La mostra permette di ammirare anche la straordinaria bellezza della scultura di un acrobata. Scoperta meno di 5 anni fa, ha la caratteristica di riuscire e dimostrare i contatti con l’arte dell’epoca di Alessandro Magno.

 

 

Arte a Milano – Rosa Barba – Hangar Bicocca

Dal 05 Maggio 2017 al 08 Ottobre 2017

MILANO

Pirelli HangarBicocca presenta la mostra personale di Rosa Barba “From Source to Poem to Rhythm to Reader”, a cura di Roberta Tenconi, un progetto espositivo che raccoglie quattordici opere realizzate dal 2009 a oggi, tra film in 35 e 16mm, sculture cinetiche e interventi site specific.

La mostra, allestita nello spazio dello Shed di Pirelli HangarBicocca, crea un serrato dialogo tra il display delle opere e l’anima industriale della struttura espositiva che le ospita.

I cinque film presentati sono ancora inediti in Italia, tra cui The Empirical Effect (2009) – un’indagine sul paesaggio del Vesuvio, per Rosa Barba una metafora delle complesse relazioni tra società e politica in Italia – e i due ultimi lavori dell’artista: Enigmatic Whisper (2017), film girato all’interno dello studio dell’artista Alexander Calder, e From Source to Poem(2016), una narrazione audiovisiva densamente stratificata, in cui, come in un rumore bianco, ogni elemento si sovrappone e si condensa progressivamente. Il film è stato realizzato nel centro di conservazione audio-video della Library of Congress a Culpeper, Virginia, il più grande archivio multimediale al mondo.

Rosa Barba (Agrigento 1972, vive e lavora a Berlino), vincitrice di numerosi premi e presente in mostre e rassegne internazionali, ha fatto del film il suo mezzo espressivo privilegiato. Da anni Barba porta avanti un lavoro di ricerca e sperimentazione che attraversa il linguaggio cinematografico e scultoreo, riflettendo sulle qualità poetiche del paesaggio naturale e umano, sui luoghi come archivio della memoria e scardinando il concetto di tempo lineare. Immagini dall’esito potente, ritratti di architetture obsolete e paesaggi naturali, riprese di deserti remoti ricorrono costantemente nel suo lavoro, uniti a frammenti di testi e a scenari in cui passato e presente si intrecciano.

Attraverso i miei film intendo esprimere l’idea che il tempo sia fatto di storie di individui e di piccole comunità, e che sia un fenomeno flessibile e malleabile. Nei miei film ci sono diverse linee temporali che corrono parallele. Utilizzo un punto di vista da osservatore esterno, senza pregiudizi. Ritengo che la realtà sia un’invenzione, generata dall’interpretazione individuale di eventi reali. I miei film giocano con l’idea che ogni scena possa avvenire nel futuro così come nel passato, in un tentativo di manifestarsi come una soluzione utopica.
(Rosa Barba in conversazione con Mirjam Varadinis e Solveig Øvstebø, in “Time as Perspective”, Hatje Cantz, Ostfildern 2013).

Rosa Barba è nata ad Agrigento nel 1972. Ha studiato all’Academy of Media Arts di Colonia e alla Rijksakademie van Beeldende Kunsten di Amsterdam; attualmente vive e lavora a Berlino. Numerose istituzioni le hanno dedicato mostre personali, tra cui: Secession, Vienna; Malmö Konsthall, Malmö (2017); NBK, Berlino; CACP musée d’art contemporain de Bordeaux; Schirn Kunsthalle, Francoforte (2016); MIT List Visual Arts Center, Cambridge, MA; EMPAC, Rensselaer Polytechnic Institute, Troy, US (2015); Bergen Kunsthall, Bergen (2013); Kunsthaus Zürich, Zurigo; Jeu de Paume, Parigi (2012); MART Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, Rovereto (2011); Tate Modern, Londra; Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid (2010).
Rosa Barba ha partecipato a diverse rassegne internazionali, tra cui tre edizioni della Biennale di Venezia (2015, 2009, 2007), la Biennale di San Paolo (2016), la Biennale di Sydney e di Berlino (2014) e la Biennale di Liverpool (2010). Nella primavera del 2016 il MoMA PS1 di New York le ha dedicato una serata speciale di proiezioni e performance.
I suoi film, installazioni e sculture hanno vinto numerosi premi, molti dei quali presso diversi festival cinematografici come il Curtas Vila do Conde International Film Festival, Ann Arbor Film Festival (2016) e CPH:DOX Copenhagen (2015), al PIAC Prix International d’Art Contemporain della Fondation Prince Pierre de Monaco (2015), al Nam June Paik Award (2010).
Oltre alla personale in Pirelli HangarBicocca, a maggio 2017 è prevista l’inaugurazione di un progetto speciale per il Palacio de Cristal, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Pirelli HangarBicocca

Curatore: Roberta Tenconi

Tel. +39 02 66 11 15 73

Mail per info: info@hangarbicocca.org

Home

Casa per artisti – Nuovo programma di residenza per artisti

Grazie alla vittoria di due importanti bandi, Kaninchen-Hausannuncia la nascita del programma internazionale di residenza per artisti ViadellaFucina16 che darà vita alla prima collezione al mondo d’arte condominiale.

Un esperimento di rigenerazione urbana e trasformazione collettiva attraverso il potere dell’arte e della bellezza.

viadellafucina16 è un nuovo programma di residenza per artisti nel condominio di via La Salle 16 (già via della Fucina), nel quartiere torinese di Porta Palazzo.

Tramite open call internazionale, aperta a proposte di qualsiasi disciplina, gli artisti saranno invitati a trascorrere periodi di residenza nello stabile, durante i quali realizzare interventi e opere negli spazi comuni al fine di attivare il dialogo tra le diverse comunità che lo abitano e favorire la riqualificazione del maestoso edificio ottocentesco, oggi in stato di trentennale degrado e abbandono.

I progetti vincitori saranno selezionati dagli stessi abitanti del condominio (oltre 200 inquilini di ogni nazionalità distributi in 53 appartamenti) con la mediazione di un board curatori e di addetti ai lavori, sulla base della capacità di coinvolgere la comunità dello stabile e del quartiere nella progettazione e nella realizzazione delle opere, di interpretarne i desideri,  di attivare nuove e durevoli forme di socialità attraverso percorsi di co-creazione e cura collettiva degli spazi.

Il condominio – luogo in cui si esercita la prima forma di democrazia e punto di intersezione tra dominio pubblico e privato – si apre alla pratica artistica come fattore di rigenerazione estetica, sociale e culturale, divenendo così un luogo simbolico attraverso cui la comunità rappresenta se stessa, così come un tempo i palazzi signorili – decorati dagli artisti – rappresentavano il prestigio delle singole casate.

Lo spazio, sempre visitabile e aperto alla cittadinanza, definirà il primo esperimento internazionale di condominio-museo.

 

L’ex-portineria del palazzo, riaperta e presieduta da un team di giovani sociologi e antropologi, grazie alla collaborazione dell’Università degli Studi di Torino, si trasforma in “portineria artistica” per accogliere i visitatori e raccogliere i desideri degli abitanti.

Il programma si completa con mostre, eventi e talk organizzati nello spazio indipendente Idiòt, con l’attivazione di un servizio di ricezione turistica nonché del laboratorio di creazione Fucina16, gestito da artisti torinesi, all’interno del giardino comune.

L’intero progetto sarà studiato e monitorato da un gruppo di giovani sociologi e antropologi dell’Università degli Studi di Torino, così da rendere il modello replicabile.

viadellafucina16 costituirà un inedito innesto della pratica artistica nel tessuto vitale di una comunità circoscritta che intende dimostrare, attraverso un esperimento condotto in un contesto ridotto, come l’arte e la cultura possano diventare strumenti efficaci nella risoluzione dei conflitti e per una trasformazione collettiva.
IL BANDO è ON LINE su http://viadellafucina16.kaninchenhaus.org

Deadline per partecipare: 25 Giugno

 

viadellafucina16 è un progetto di Kaninchen-Haus con il sostegno di SIAE e MiBACT nell’ambito di “Sillumina – Copia privata per i giovani e la cultura” e del Programma Housing di Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Abitare una casa, vivere un luogo”.

Con il Patrocinio della Città di Torino e di GAI Giovani Artisti Italiani.

Con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura della Città di Torino – Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea – Dipartimento Culture Politica Società dell’Università degli Studi di Torino – a.titolo – Liberitutti – The GatePorta Palazzo – Ass. Idiòt.

Segui il progetto su facebook

Arte evento a Venezia – HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM Lunedì 29 maggio

HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM
Lunedì 29 maggio
ore 19-21

#HappySpritz17

C’è l’arte, c’è la musica, ci sono tanti giovani, e c’è la magica cornice di Venezia al tramonto. Questi sono gli ingredienti per una ricetta di successo. Non manca altro. Il risultato? Ovvio, Happyspritz@guggenheim! I cancelli della Collezione Peggy Guggenheim tornano ad aprirsi per ospitare la nona edizione dell’evento più “social” della laguna, realizzato grazie alla ormai consolidata collaborazione con Aperol Spritz, storica azienda parte del gruppo Guggenheim Intrapresae. L’aperitivo “ad arte” che da ormai 9 anni anima il museo veneziano è un evento che conferma il legame di Aperol Spritz con il suo territorio di origine e con la Collezione stessa.

Lunedì 29 maggio, dalle 19 alle 21 vi aspettiamo a casa di Peggy, tra i suoi tanti capolavori, per una serata alternativa, in compagnia degli amici, e poi di Picasso, Magritte, Kandinsky, Pollock, Warhol, e dei lirici segni grafici delle opere di Mark Tobey, espressionista astratto americano a cui il museo dedica un’attesa retrospettiva, la prima mai realizzata in Italia. Il tutto sarà accompagnato dai trascinanti ritmi dei dj Lorenzo Bitw e Palm Wine che si alterneranno alla consolle per animare il giardino delle Sculture Nasher. Il programma musicale è a cura di Alessandro Picunio e dell’Associazione Culturale Do Not Friday Venezia.

#happyspritz17 sarà l’hashtag da utilizzare su Facebook, Twitter e Instagram per comunicare e condividere con tutti l’evento Happyspritz@guggenheim.

Il biglietto d’accesso al museo è di 13 euro, ridotto a 5 euro con corsia d’accesso preferenziale per i possessori di Young Pass, la membership Guggenheim per gli under 26.

I biglietti sono acquistabili anche online direttamente sul sito guggenheim-venice.it, il mercoledì precedente ciascun appuntamento. Ingresso al museo fino a esaurimento posti.

Prossimo appuntamento lunedì 12 giugno.

Arte per grandi e piccoli alla Pinacoteca cantonale Giovanni Züst

eventi – visite guidate e atelier per ragazzi – organizzati a corredo delle mostre 

RAFFAELLA COLUMBERG (1926-2007)

Ceramista

26 marzo – 20 agosto 2017

LE STANZE SVELATE

La collezione d’arte di Ivo Soldini

dai Vela a Marino Marini

7 maggio – 27 agosto 2017

 Pinacoteca cantonale Giovanni Züst

Rancate (Mendrisio), Svizzera

La Pinacoteca Züst rimane aperta durante tutta l’estate ed è pronta ad accogliervi per trascorrere delle ore piacevoli in allegria, accompagnati dalle nostre animatrici. Dopo il successo degli scorsi anni, vi proponiamo un’intera settimana durante la quale, giorno per giorno, scoprirete una nuova tecnica artistica e vi divertirete con laboratori pratici che vi consentiranno di applicare subito quanto appreso. Ci sarà anche tempo per una merenda tutti insieme!

12 – 16 anni
Biglietto per ogni appuntamento: CHF 15.-.
Biglietto cumulativo per tutta la settimana: CHF 40.- (sconto fratelli: solo CHF 25.- ciascuno) Comprende: visita guidata, laboratorio, materiale, merenda

Genitori o accompagnatori sono benvenuti e possono partecipare alle attività acquistando il biglietto allo stesso prezzo. Se desiderano invece tornare durante i successivi weekend, usufruiranno di uno sconto di CHF 2.- per ciascun ragazzo iscritto all’attività.
ISCRIZIONE OBBLIGATORIA: decs-pinacoteca.zuest@ti.ch; 091 8164791

______________

Settimana 1: ALLA SCOPERTA DELLA CERAMICA
da lunedì 3 a giovedì 6 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 26 giugno Orario: 14.30 – 17.00
Settimana 2: NELLA BOTTEGA DI…
da lunedì 10 a giovedì 13 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 3 luglio Orario: 14.30 – 17.00
Settimana 3: ALLA SCOPERTA DELLA CERAMICA
da lunedì 17 a giovedì 20 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 10 luglio Orario: 14.30 – 17.00

In caso di esigenze particolari e previo accordo possiamo anticipare l’arrivo o posticipare il rientro dei ragazzi.

::::::::::

ADULTI:

VISITA GUIDATA GRATUITA
ALLE MOSTRE “RAFFAELLA COLUMBERG” E “LE STANZE SVELATE” RISERVATA ALLA POPOLAZIONE DELLA GRANDE MENDRISIO
In collaborazione con il Municipio

Per tutti gli eventi, lʼiscrizione è obbligatoria e da effettuarsi presso la segreteria della Pinacoteca entro
2 giorni dalla data prevista:
Tel. 0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch.

Qualora non si raggiungesse il numero minimo di iscritti gli eventi verranno annullati. I partecipanti verranno avvisati tempestivamente. Info: www.ti.ch/zuest

Arte a Lugano – Craigie Horsfield – Museo MASI

12

Al Museo MASI: visita guidata gratuita alle esposizioni temporanee per singoli visitatori, ogni domenica, ore 15.00

Marzo – 2 luglio 2017

l Museo d’arte della Svizzera italiana, in collaborazione con il Centraal Museum di Utrecht, dedica un’ampia esposizione monografica a Craigie Horsfield, artista britannico che nel corso della sua carriera ha sviluppato importanti riflessioni sui concetti di relazione sociale e “lunga durata”, conducendo nel contempo una straordinaria indagine sulla natura stessa dell’immagine fotografica.

Nel suo lavoro ricorrono ritratti, nature morte, nonché momenti di vita quotidiana, riti e riflessioni sulla società, sugli individui e le relazioni, esplorati con tecniche innovative che tendono a stemperare i limiti fra le varie discipline artistiche.

La fotografia costituisce infatti solo uno dei molteplici tasselli che si sovrappongono nella sua produzione artistica: a partire da un negativo, o da un fotogramma, Horsfield produce opere di grande formato realizzate con tecniche sorprendenti e disparate come arazzi e affreschi.

Accanto agli arazzi, agli affreschi e alle stampe, il percorso espositivo include una nuova opera sonora composta e mixata dall’artista insieme al compositore e musicista Reinier Rietveld con il quale collabora da decenni.

INFORMAZIONI

Entrata
CHF 15.- intero

CHF 10.- ridotto: AVS/AI, over 65 anni, gruppi, studenti 17-25 anni, Lugano Card, City Card Lugano, Club Rete Due, Holiday Card, Programma Fedeltà Arcobaleno, TCI

Gratuito:
<16 anni, prima domenica del mese, Passaporto Musei Svizzeri, Pro Museo, ICOM, VSM-AMS, IAA-AIAP, Visarte

Biglietto combinato con sede MASI Lugano Palazzo Reali:
CHF 18.- intero
CHF 12.- ridotto
Informazioni extra
Orari di apertura:
Ma – Do: 10.00 – 18.00
Gi: 10.00 – 20.00
Lunedì chiuso
Aperture straordinarie: Lu 17.04.17, Lu 01.05.17, Lu 05.06.17

All’interno degli spazi espositivi non è consentito fare fotografie

Railaway
Biglietto combinato con una riduzione del 10% sul viaggio in treno e sull’entrata ottenibile alla stazione di partenza oppure telefonando al Rail Service 0900 300 300 (chf 1.19/min.)

Mediazione culturale
Visita guidata gratuita alle esposizioni temporanee per singoli visitatori, ogni domenica, ore 15.00
Promotori
MASI-Museo d’Arte della Svizzera Italiana
via Canova 10
6900 Lugano
Tel. +41 (0)58 866 42 30
info@masilugano.ch

Arte a Cuggiono – Milano – Mostra personale di Johnny Hermann

OSSIMORI
con vista in contesto signorile.
Mostra personale di Johnny Hermann.
 
31 Maggio 2017 – 11 Giugno 2017
Villa Annoni, Cuggiono (MI)
 
Opening: Martedì 30 Maggio 2017 ore 19.00
20x30_jonnhy hermann_wooden popsicle.jpg
Ossimori con vista in contesto signorile è la mostra personale che il Comune di Cuggiono dedica al lavoro di Johnny Hermann, designer e artista con una passione sfrenata per il legno e la sua lavorazione manuale.
Nella suggestiva cornice di Villa Annoni a Cuggiono è in mostra, dal 31 maggio all’11 giugno 2017, una raccolta di lavori, sculture di grandi dimensioni o piccoli oggetti quotidiani rivisitati, proposti secondo un percorso tematico.
Un’esperienza completa che racconta la carriera di Johnny Hermann attraverso opere già note  al pubblico e lavori più recenti; un viaggio nel mondo del legno e della materia, dove i materiali non sono semplici supporti ma veicoli predisposti a trasportare la visione di Hermann.
Un pensiero lucido e colmo di disincanto sulla società contemporanea, una critica sarcastica gonfia di amarezza ma consapevole di una futura rinascita.
In mostra ci si può imbattere in una tavola imbandita di uova, in un bagno delle vanità dove è possibile scattarsi un selfie ma soprattutto provare a rendersi conto di cosa sia un selfie oggi, cosa rappresenti e perché possa essere dannoso per la nostra vita.
E ancora, videogiochi da sala che si aprono a realtà parallele, valvole per salvare il mondo dalla distruzione come un super eroe.
Una mostra concepita come un viaggio nella fantasia di un artista scultore e falegname che vuole accompagnare il visitatore nei meandri della sua immaginazione, mano nella mano.
Il testo che accompagna l’esposizione è di Giacomo Nicolella Maschietti, giornalista d’arte di Class Editori.
Johnny Hermann è l’alterego di Mauro Savoldi. Nato a Milano nel 1977.
Diploma e master in interior design conseguiti presso ISAD, istituto superiore di architettura e design.
Per alcuni anni si occupa di progettazione di arredamento in stile giapponese.  Successivamente si specializza nella realizzazione di plastici architettonici, urbanistici e mock-up, collaborando con i più noti studi di architettura di Milano e con La Galleria del Vento della facoltà di ingegneria del Politecnico di Milano.
Oggi si dedica alla realizzazione di oggetti d’arte e di design prevalentemente in legno, sculture originali e multiple, accessori e soluzioni decorative di interni.
Collabora con aziende italiane ed internazionali per lo studio e la realizzazione di concept, edizioni limitate e personalizzazioni. Le sue opere sono pubblicate sulle più importanti riviste di design italiane ed internazionali.
 
Mostra
OSSIMORI CON VISTA IN CONTESTO SIGNORILE.
Mostra personale di Johnny Hermann.
 
31 Maggio 2017 – 11 Giugno 2017
Opening: 30 maggio 2017 ore 19.00
Villa Annoni
piazza XXV Aprile, 4
20012 Cuggiono (MI)
Orari: Lun-Ven 18.30 – 21.00 weekend e festivi 11.00 – 21.00
Per Info:
Facebook.com/ossimoriconvista

Arte a Milano – Ingresso gratuito – PALAZZO MORANDO | COSTUME MODA IMMAGINE

© Maria Mulas_Gae Aulenti_anni 80
Uno spaccato di storia milanese dagli anni Settanta ad oggi
Maria Mulas; una tra le più importanti fotografe italiane
PALAZZO MORANDO | COSTUME MODA IMMAGINE
via Sant’Andrea 6 – Milano
Comune di Milano | Cultura, Direzione Musei Storici,
presenta la mostra

OBIETTIVO MILANO

200 fotoritratti dall’archivio di MARIA MULAS
a cura di Maria Canella e Andrea Tomasetig
con Antonella Scaramuzzino e Clara Melchiorre
1 giugno – 6 settembre 2017
inaugurazione mercoledì 31 maggio, ore 18
Uno spaccato di storia milanese dagli anni Settanta ad oggi in un racconto fatto di personaggi, volti ed espressioni

https://webmail36d.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=d10910d45d7171d&uid=69363&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=101d9997894d648&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=0

Maria Mulas ritratta di schiena, 1980

Dal 1° giugno al 6 settembre 2017 , le sale espositive di via Sant’Andrea 6 di Palazzo Morando | Costume Moda Immagine ospitano la mostra promossa da Comune di Milano | Cultura, Direzione Musei Storici e organizzata in collaborazione con l’associazioneMemoria & Progetto , “OBIETTIVO MILANO. 200 fotoritratti dall’archivio di MARIA MULAS” , a cura di Maria Canella e Andrea Tomasetig con Antonella Scaramuzzino e Clara Melchiorre.
L’esposizione si inserisce nel palinsesto della  Milano Photo Week  in programma dal 5 all’11 giugno: una settimana di mostre, incontri, visite guidate, laboratori, progetti editoriali, opening o finissage, proiezioni urbane dedicati alla fotografia.
Maria Mulas è una tra le più importanti fotografe italiane riconosciuta a livello internazionale che con la sua macchina fotografica ha saputo immortalare il mondo, dalle architetture ai personaggi dell’ entourage artistico e culturale. Schiettezza, empatia e verità del soggetto sono i ‘cardini’ su cui si muove la sua ricerca e ampiamente illustrati nella selezione dei 200 ritratti in mostra a Palazzo Morando.
Fil rouge dell’esposizione è Milano , la sua intensa storia culturale, la continua trasformazione che si traduce nell’essere costantemente al passo con i tempi: Milano è uno specchio che riflette le tendenze internazionali in ogni ambito della società, dell’innovazione, della ricerca. Maria Mulas descrive con naturalezza ed empatia i diversi volti di Milano a cui è particolarmente legata, catturando i ritratti di artisti, galleristi, critici, designer, architetti, stilisti, scrittori, editori, giornalisti, registi, attori, intellettuali, imprenditori e amici che con questa città hanno intessuto un particolare rapporto.
Fra le numerose personalità italiane e internazionali immortalate da Maria Mulas si annoverano per il mondo dell’arte Marina Abramovic, Salvatore Ala, Louise Bourgeois, Alik Cavaliere, Jonh Cage, Christo, Francesco Clemente, Philippe Daverio, Gillo Dorfles, Gilbert & George, Keith Haring, Alexander Iolas, Anish Kapoor, Jannis Kounellis, Mario Merz, Gina Pane, Andy Warhol, accanto a protagonisti indiscussi dell’architettura e del design quali Gae Aulenti, Mario Botta, Achille Castiglioni, Bruno Munari e Giò Ponti. Nella teoria di personaggi non mancano i rappresentanti della moda fra cui Giorgio Armani, Gianni Versace, Miuccia Prada e dello spettacolo come Valentina Cortese, Luca Ronconi, Giorgio Strehler, Liz Taylor, Ornella Vanoni. Un’attenzione particolare è inoltre dedicata all’ambito della scrittura e dell’editoria con Rosellina Archinto, Natalia Aspesi, Jorge Luis Borges, Umberto Eco, Inge Feltrinelli, Lawrence Ferlinghetti, Dario Fo, Gunter Grass, Allen Ginsberg, Nanda Pivano, Andrej Voznesenskij e molti altri.
Sette sezioni scandiscono il percorso espositivo della mostra: la prima, “Coda rossa” con macchina fotografica , accoglie autoritratti e fotografie scattate all’artista dai fratelli Ugo e Mario Mulas e dal pittore e scrittore Emilio Tadini; seguono nelle sale successive i fotoritratti di Amici artisti , La città del design , Il mondo della moda , Le arti dello spettacolo , I borghesi sono gli altri e Scrittori, giornalisti, editori .
Completano la rassegna fotografica disegni, dediche, cartoline, scritti e documenti che testimoniano i profondi legami intessuti da Maria Mulas con le personalità da lei ritratte.
Che si tratti di ritratti posati o di scatti rubati, nelle fotografie di Maria Mulas si legge una spiccata inclinazione a coltivare relazioni e incontri, una complicità con il soggetto che trapela dalle immagini.
Nelle opere emerge l’abilità nel cogliere la naturalezza o l’artificiosità, le espressioni, gli atteggiamenti, le abitudini, i caratteri, gli stili di vita, in un continuo dialogo tra quotidianità ed eccezionalità, tra realismo e ironia.
I
l progetto di allestimento è a cura di Leo Guerra e Cristina Quadrio Curzio nell’ambito di una sponsorizzazione tecnica della mostra da parte di Fondazione Gruppo Credito Valtellinese .
La mostra è realizzata con il sostegno di
Archivio Maria Mulas Libreria Galleria Andrea TomasetigFpe d’Officina .
SCHEDA MOSTRA
“OBIETTIVO MILANO. 200 fotoritratti dall’archivio di MARIA MULAS”
a cura di Maria Canella e Andrea Tomasetig
con Antonella Scaramuzzino e Clara Melchiorre
Palazzo Morando | Costume Moda Immagine
via Sant’Andrea 6 – piano terra
1 giugno – 6 settembre 2017
Orari: martedì-domenica, ore 9-13 e 14-17.30
T. +39 02 884 65735 – 46056 | c.palazzomorando@comune.milano.it | www.civicheraccoltestoriche.mi.it
INGRESSO LIBERO
____________________________
 FOTO DI COPERTINA; particolare, ©-Maria-Mulas_Allen-Ginsberg_Lawrence-Ferlinghetti_Andrej-Voznesenskij_1982

Arte a Como – Workshop previsto per sabato 27.05.2017

“LA TEIERA SBILENCA” 2

workshop previsto per sabato 27.05.2017

Partecipanti: minimo 3 e massimo 6

orario: 10 – 16.30 circa, con breve pausa pranzo

Prenotazioni per e-mail entro giovedì 25.05.2017

---

Un altro appuntamento per la ” Sbilenca “, teiera fantasiosa e funzionale!

Modelliamo una teiera completa di tutti i suoi componenti (beccuccio, coperchio, manico …) – il risultato del nostro lavoro sarà individuale e irresistibile !

Lavoreremo in gres, in modo che la teiera potrà essere smaltata ad alto fuoco e lavata tranquillamente in lavastoviglie.

Pensato per chi ha già un pò di confidenza con il materiale.

Costo: a) 5 o 6 partecipanti:  95,– Euro a persona 

b) 3 o 4 partecipanti: 110,– Euro a persona.

Sconto del 10 % agli affezionati (= alle persone che hanno partecipato a dei workshop precedenti).

Compreso: materiale, 1. cottura (biscotto),  e spuntino pranzo.

Per la smaltatura, con un contributo cottura, sarà fissato una data successiva

Tedesca di origine, vivo da 30 anni in provincia di Como, e ad ancora più tempo risale la mia passione per la ceramica. Nel 2012 ho concluso un corso quinquennale presso la Staatl. Fachschule für Keramikgestaltung Höhr-Grenzhausen (Istituto di Stato per il Design delle Materie Ceramiche), con la qualifica di  Designer di Materie Ceramiche e formatrice professionale nel settore. Il mio atelier a Como in Via Borsieri 16 è aperto dal 2013, nell’edificio dell’antico monastero di Santa Margherita.

Cell.: 349 241 2583