Orticolario INVITO DALL’ARTISTA  AGNES DUERRSHNABEL

Orticolario

INVITO DALL’ARTISTA

 AGNES DUERRSHNABEL

Orari:

Venerdì 29 settembreore 9.00 – 19.30

Sabato 30 settembreore 9.00 – 19.30

Domenica 1 ottobreore 9.00 – 19.00

(La biglietteria chiude un’ora prima)

Japanese tea ceremony setting on old wooden bench

Sabato 30.9. e domenica  01.10.17

dalle 15.30 – 18.30

ritorna TéRIMONIA:

nelle tazze dell’Atelier verrà servito un assaggio

del prezioso tè verde Matcha,

in collaborazione con

“Frescoadarte”.

www.agnesduerrschnabel.it

+39 3492412583

www.frescoadarte.it

Vi aspettiamo

Arte a Napoli – Roberto Coda Zabetta Cantiere 1 / Terrazzo

Roberto Coda Zabetta
Cantiere 1 / Terrazzo
a cura di Maria Savarese
 
Opening
venerdì 22 settembre | ore 16.00
 
Complesso SS. Trinità delle Monache, ex Ospedale Militare, Napoli
Il terrazzo di copertura dell’ex ospedale militare | Foto Fabio Donato
Uno studio artistico a cielo aperto in un luogo pubblico, ma accessibile solo da alcuni punti della città. Cantiere 1 / Terrazzo è il nuovo progetto di Roberto Coda Zabetta per il complesso della SS. Trinità delle Monache, poi ex Ospedale Militare di Napoli, promosso dal Comune di Napoli-Assessorato alla Cultura e Turismo, in collaborazione con l’ Assessorato all’Urbanistica e ai Beni Comuni e con l’ Unità di progetto interdirezionale “Coordinamento progetti URBACT e Reti per lo Sviluppo di Politiche Urbane Integrate” nell’ambito della rete europea 2nd Chance del programma URBACT III, di cui il Comune di Napoli è capofila. Cantiere 1 / Terrazzo ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee.
Roberto Coda Zabetta -FILM#28 – 2014 – 200×300 – Color ink and pigment paste on canvas
Prima tappa di un lavoro che toccherà altre città in Italia e nel mondo, alla cui base vi è un rapporto di reciproca implicazione tra pittura, architettura e territorio, il progetto – a cura di Maria Savarese – inteso come un percorso itinerante, sarà inaugurato il 22 settembre 2017, alle ore 16 in uno dei luoghi più suggestivi del centro storico di Napoli il Complesso della SS. Trinità delle Monache, attualmente oggetto di un processo di progettazione partecipata che coinvolge cittadini e amministrazione comunale con l’impegno di realizzare un piano di azione per il recupero, la rifunzionalizzazione e la gestione del complesso.
Roberto Coda Zabetta lavorerà alla realizzazione di un grande intervento pittorico sul terrazzo di copertura dell’ex ospedale militare, esperienza inedita che viene realizzata per la prima volta.
I giorni in cui l’azione e lo svolgimento dell’opera, a campiture di colore concentriche, saranno seguiti e documentati dal fotografo e filmaker Henrik Blomqvist, con contributi video, oltre che della curatrice, di Ilaria Bonacossa (già direttrice del Museo di Villa Croce, Genova, e attuale direttrice di ARTISSIMA, Torino), di Nino Daniele (Assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli) e Andrea Viliani (direttore del museo Madre di Napoli).
L’opera sarà visibile fino al 14 ottobre 2017 da tutta la zona collinare di Napoli retrostante il complesso architettonico, interagendo quindi con la città stessa di cui diviene elemento tissutale. Un intervento di arte pubblica per la città, che vede coinvolto un intero edificio del suo patrimonio architettonico.
L’intera struttura e la cifra astrattiva con cui l’artista ha scelto di esprimersi, fornendo un luogo d’incontro tra sensi e intelletto, mira a produrre un rimando senza soluzioni di continuità tra percezione e pensiero consentendo così l’accesso a una dimensione altra da quella governata dalla semplice prospettiva con cui solitamente s’identifica il nostro rapporto con la realtà esterna.
Il video del progetto sarà poi presentato in anteprima nazionale a Napoli e a seguire nelle principali sedi museali e istituzionali internazionali.
BIOGRAFIA
Roberto Coda Zabetta (1975, Biella, IT) è stato assistente presso lo Studio di Aldo Mondino dal 1995 al 2005. Le sue opere sono state esposte in gallerie e musei nazionali e internazionali, fra cui il Museo di Villa Croce di Genova (2016), Fondazione Mudima, Milano (2015), Palazzo Barbarigo Minotto, Venezia (2015), The Shit Museum in Piacenza (2015), MAC-Museo d’Arte Contemporanea, Rio de Janeiro (2012), PAN, Napoli (2010), Certosa di Capri (2011). L’artista è stato selezionato per vari premi, fra cui quelli promossi da Città dell’Arte-Fondazione Pistoletto, Dena Foundation, American Academy in Rome.
SCHEDA INFORMATIVA
Autore: Roberto Coda Zabetta
Titolo: Cantiere 1 / Terrazzo
A cura di: Maria Savarese
Sede: Complesso della SS. Trinità delle Monache, ex Ospedale Militare, Napoli
Opening: 22 settembre 2017 ore 16
Date: fino al 14 ottobre 2017
Orari: Da martedì a venerdì 8.30 – 18.30; sabato e domenica dalle 8.30 alle 13.30; lunedì chiuso
 
 
Partner: progetto promosso dal Comune di Napoli Assessorato alla Cultura e Turismo, in collaborazione con l’Assessorato all’Urbanistica e ai Beni Comuni, e con l’ Unità di progetto interdirezionale “Coordinamento progetti URBACT e Reti per lo Sviluppo di Politiche Urbane Integrate” – Progetto 2nd Chance Programma URBACT III. Il progetto ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee
Video: regia di Henrik Blouquist
Produzione video: BlackMamba MILANO
Contributi video: Ilaria Bonacossa, Nino Daniele, Maria Savarese, Andrea Viliani
 
Collaboratori di progetto: Ciro Delfino, Paolo Gambardella, Edoardo Mirabella Roberti, Carla Savarese
Fotografia: Fabio Donato
Graphic designer: Matteo Blandford

Cultura a Venezia – 5 film ingresso libero – PALAZZO GRASSI 22 – 23 settembre 2017

 Ingresso libero sino a esaurimento posti
TEATRINO DI PALAZZO GRASSI
22 – 23 settembre 2017
 Heidi Bucher e Gordon Matta-Clark
in scena al Teatrino
 
Cinque proiezioni di film d’artista
in collaborazione con lagalleria ALMA ZEVI.
Heidi Bucher working in the Borg, Zurich (circa 1977).  Courtesy The Heidi Bucher Estate
  Venerdì 22 settembre, dalle ore 18.30  
 
. Sabato 23 settembre, ore 10.00, 13.00, 14.30, 16.00, 17.30
 
 
Film proiettati:
Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”) diHeidi Bucher
Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher
Splitting(1974, 10’50”, muto) di Gordon Matta-Clark
Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto) diGordon Matta-Clark
Substrait (Underground Dailies)(1976, 30′, sonoro) diGordon Matta-Clark
 
 Ingresso libero sino a esaurimento posti.
 
In occasione dell’opening di FLOORS, bipersonale di Heidi Bucher (1926 – 1993) e Gordon Matta-Clark (1943 – 1978) presentata dalla galleria ALMA ZEVI di Venezia da sabato 23 settembre a giovedì 21 dicembre, il Teatrino di Palazzo Grassi ospita Venerdì 22 e sabato 23 settembre la proiezione di una selezione di cinque film firmati dai due artisti.
Le pellicole: Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”), Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher eSplitting (1974, 10’50”, muto), Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto), Substrait (Underground Dailies) (1976, 30′, sonoro) di Gordon Matta-Clark andranno in scena in sequenza dalle 18.30, venerdì 22 settembre e dalle 10.00 alle 17.30, sabato 23 settembre.
Accumunati dal difficile percorso artistico e dalla costante indipendenza intellettuale, sia la svizzera Bucher – ingiustamente oscurata in vita dal marito, l’artista Carl Bucher – che l’americano Matta-Clark hanno a lungo riflettuto sulla messa in discussione dell’architettura come spazio prestabilito, rendendola un qualcosa di estremamente fluido, un concetto manipolabile sulla base delle interazioni che essa esercita sull’essere umano.
 
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.

ALZHEIMER Cosa è ? – Domani a Cremona infromazioni per il pubblico

ALZHEIMER: UNA MALATTIA DA NON DIMENTICARE

QUI SOTTO ALCUNE INFORMAZIONI SULL’ ALZHEIMER

Domani 21 settembre è la Giornata Mondiale della Malattia di Alzheimer, patologia più diffusa di demenza senile che nel nostro paese interessa oltre 600mila persone.

Presso la Neurologia dell’ASST di Cremona un Centro per curare i disturbi cognitivi e le demenze.

Come spiega il dott. Luciano Abruzzi (Neurologia Aziendale, Ospedale di Cremona) non esistono cure risolutive alla malattia, ma è possibile fare prevenzione per ridurre il rischio di ammalarsi.

ALZHEIMER: COS’E E COSA COMPORTA

La Malattia di Alzheimer è la forma più diffusa di demenza senile. Comporta non solo la progressiva perdita di memoria, ma anche una graduale compromissione di tutte le funzioni cognitive come la capacità di orientarsi, di riconoscere i luoghi, gli oggetti e le persone, di organizzare le proprie azioni e di prevederne le conseguenze. La persona colpita da questa patologia non riesce più a svolgere correttamente le elementari azioni della vita, dal fare la spesa, eseguire commissioni, fino al lavarsi o vestirsi. Modifica il proprio comportamento e, a volte, anche il proprio carattere, arrivando anche ad atteggiamenti di aggressività. Spesso il sonno è agitato e, soprattutto nelle ore notturne, possono insorgere atteggiamenti deliranti.

INCIDENZA SULLA POPOLAZIONE: LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO

Sono oltre 600mila gli italiani che soffrono di questa patologia.

La prevalenza della demenza è di circa l’8% dopo i 65 anni e sale ad oltre il 20% dopo gli 80 anni.

Recenti studi indicano un’incidenza in calo anche se il numero dei pazienti è in aumento a causa dell’invecchiamento della popolazione. Il calo più marcato è fra gli uomini: fra i 70 e i 74 anni i nuovi malati annui sono scesi da 13 su mille a meno di 9; fra i 65 e i 69 anni il tasso si è più che dimezzato.

L’IMPORTANZA DI UNA DIAGNOSI CORRETTA

La malattia di Alzheimer si esprime con modalità e risvolti clinici che sono diversi da persona a persona. Ecco quindi l’importanza non solo di una diagnosi corretta, ma anche della necessità di seguire il paziente nel tempo, con un costante confronto con i familiari, per affrontare di volta in volta i problemi che emergono.

 

ALZHEIMER E PREVENZIONE: ATTENZIONE AGLI STILI DI VITA

Cambiando alcune abitudini possiamo ridurre il rischio.

Smettere di fumare, fare attività fisica aerobica, seguire una dieta mediterranea, curare la salute del cuore (ipertensione, colesterolo) e tenere sotto controllo il peso, sono i principali consigli per sostenere il proprio corpo.

Per quanto riguarda la mente, mantenere una buona vita sociale e attività intellettive coinvolgenti (hobby o attività professionali) aiutano a contrastare il decadimento cognitivo.

IL CENTRO PER LA CURA DELL’ALZHEIMER A CREMONA

Presso la Neurologia dell’ASST di Cremona è operativo un Centro per Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD) che prevede la presenza del neurologo e della neuropsicologa. L’ambulatorio si trova al secondo piano dell’ospedale di Cremona, nei locali attigui al reparto.

COME PRENOTARE LE VISITE

Le visite vengono svolte al lunedì e la prenotazione deve essere fatta al CUP specificando prima visita o controllo.

I recapiti sono:

Numero verde 800.638.638attivodal lunedì al sabato, dalle 8 alle 20

CUP Ospedale di Cremona

c/o palazzina n. 12, ingresso da Largo Priori (a fianco del Centro Prelievi)

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18 – sabato dalle 8 alle 12

 

Slow Food Milano – I corsi d’autunno

Cucinare – imparare – divertirsi

Panificazione, Fish Shopping e Spezie:

-le proposte di Slow Food Milano per imparare a “mangiarli e comprarli giusti”.

Con l’arrivo dell’autunno ripartono le attività della Condotta di Slow Food Milano presso la sede di via Piranesi 12, ospitata all’interno dei Frigoriferi Milanesi.

Oltre all’appuntamento ormai fisso del giovedì per coloro che fanno la spesa tramite L’Alveare che dice Sì! (progetto a cui Slow Food Milano ha aderito lo scorso maggio e che unisce tecnologia e agricoltura sostenibile favorendo lo scambio diretto fra produttori e consumatori), arriva un programma di appuntamenti formativi studiati per i nostri soci e per tutti coloro che desiderano imparare e scoprire i segreti del cibo secondo la filosofia del “buono, pulito e giusto”: dal corso di panificazione domestica per apprendere come usare il lievito madre a casa a una vera e propria lezione itinerante presso i banchi del pesce della nostra città per scoprire cosa comprare e perchè, passando attraverso il mondo affascinante delle spezie in diversi appuntamenti dedicati a diverse aree geografiche.

SETTEMBRE

25 e 26 Settembre 2017, ore 19
Corso base di panificazione domestica con Niccolò Grazioli del Panificio Grazioli

Il corso è pensato per essere suddiviso in due lezioni di circa due ore e mezza, nelle quali si tratteranno i principali argomenti relativi alla panificazione domestica, con l’obiettivo di fornire un insieme di nozioni, trucchi e chiarimenti al fine di rendere la panificazione alla portata di tutti.
Nel modulo verranno approfondite tematiche come il lievito madre, i rinfreschi e la conservazione nel tempo; l’utilizzo e alcuni trucchi per riportare il Ph al giusto livello. Inoltre verranno illustrate altre tecniche di panificazione quali l’autolisi, la biga a lunga lievitazione e i polish.
Nel secondo modulo invece si tratteranno temi quali la catalogazione e la suddivisione delle varie farine e le lavorazioni che più si prestano per esse, i vari tipi di cereali, la fase di impastamento e cottura del pane.
Costo: 50 euro per i soci SF, 65 euro per i non soci (tessera Slow Food in omaggio)

30 Settembre 2017, ore 10

Visita guidata ai  banchi del pesce con Roberto Di Lernia
Rivolto a tutti coloro che almeno una volta si sono chiesti “che pesci prendere”, l’incontro ha l’obiettivo di verificare insieme ad un gruppo di persone interessate all’acquisto di prodotti della pesca, nei diversi punti vendita, la facilità con cui partendo da un “buon acquisto” si possa passare ad un piatto di piena soddisfazione. Slow Food da anni pone la questione del “buono, pulito e giusto” nei consumi ittici: sul pescato ed il suo utilizzo sono state prodotte diverse guide di cui l’ultima “Pesce” (di Cinzia Scaffidi, Slow Food Editore) ben descrive la problematica e i relativi temi di sostenibilità; il volume, coerentemente corredato da una serie di ricette tratte dalla tradizione della cucina italiana, verrà dato in omaggio ai partecipanti e servirà da testo base durante la visita.

Il progetto prevede che operativamente un gruppo minimo di 8 persone e un massimo di 15, accompagnate da un biologo, compiano delle osservazioni comparative sulla qualità, biodiversità, sostenibilità e piacevolezza al palato in diversi punti vendita dell’area milanese.

Come tipologia di questi vengono identificati: a)- la pescheria di alta qualità o presunta tale, b)- il banco pesce di un grande supermercato, c)- la bancarella di un mercato rionale. L’osservazione in parallelo metterà in evidenza le costanti e le varianti ed il relativo confronto prezzi.
L’appuntamento è per le ore 10 presso il mercato comunale di Piazza Wagner davanti ai banchi pesce della struttura; successivamente, e con breve percorso a piedi, ci si recherà nella vicina via Washington presso il supermercato Esselunga. Oltre ai confronti sul “fresco” nel supermercato si porrà l’attenzione anche sul “surgelato” ed il conservato.
Costo:  € 20,00 soci Slow Fod, € 25,00 non soci (libro in omaggio per tutti)

OTTOBRE

12 Ottobre 2017, ore 19

India: primo incontro di cucina e cultura speziale con Eleni Pisano
Al fine di avvicinarsi a un nuovo approccio al cibo e ancora prima alla selezione degli ingredienti è necessario capire da dove vengono e quali sono i benefici che danno al corpo e alla mente, perché l’antico detto Mens sana in corpore sano continua ad essere di assoluta contemporaneità. Il corso realizzato con la collaborazione della cheffa e foodwriter Eleni Pisano si propone di raccontare il mondo delle spezie, la loro storia, gli evidenti e riconosciuti benefici per la salute e l’uso pratico in cucina. Eleni ama realizzare i suoi incontri mischiando narrazioni, testimonianze, selezione e presentazione dei prodotti, tecniche di preparazione e conservazione e molta creatività.
Il primo dei quattro appuntamenti previsti è dedicato all’India, la culla delle spezie, dove nasce la cultura dell’uso delle spezie come alleate di benessere e di gusto. Dagli ayurveda (testi sacri) sino al riconoscimento istituzionale dell’importanza di usare le spezie in cucina. Ricette in programma: riso Pulaoo con verdure al curry dolce servito con raita, Pane indiano Chapati con lenticchie rosse coriandolo in semi e limone; Dolci di riso con latte e spezie servito con Chai Indiano.
I prodotti utilizzati nel corso  provengono dai presidi Slow Food. Le spezie sono selezione da produttori certificati.
Costo: 25 euro soci Slow Food, 30 euro non soci.

23 e 24 Ottobre 2017, ore 19
Corso base di panificazione domestica con Niccolò Grazioli del Panificio Grazioli
Il corso è pensato per essere suddiviso in due lezioni di circa due ore e mezza, nelle quali si tratteranno i principali argomenti relativi alla panificazione domestica, con l’obiettivo di fornire un insieme di nozioni, trucchi e chiarimenti al fine di rendere la panificazione alla portata di tutti.
Nel modulo verranno approfondite  tematiche come il lievito madre, i rinfreschi e la conservazione nel tempo; l’utilizzo e alcuni trucchi per riportare il Ph al giusto livello. Inoltre verranno illustrate altre tecniche di panificazione quali l’autolisi, la biga a lunga lievitazione e i polish.
Nel secondo modulo invece si tratteranno temi quali la catalogazione e la suddivisione delle varie farine e le lavorazioni che più si prestano per esse, i vari tipi di cereali, la fase di impastamento e cottura del pane.
Costo: 50 euro per i soci SF, 65 euro per i non soci (tessera Slow Food in omaggio)

28 Ottobre 2017, ore 10
Visita guidata ai banchi del pesce con Roberto Di Lernia
Rivolto a tutti coloro che almeno una volta si sono chiesti “che pesci prendere”, l’incontro ha l’obiettivo di verificare insieme ad un gruppo di persone interessate all’acquisto di prodotti della pesca, nei diversi punti vendita, la facilità con cui partendo da un “buon acquisto” si possa passare ad un piatto di piena soddisfazione. Slow Food da anni pone la questione del “buono, pulito e giusto” nei consumi ittici: sul pescato ed il suo utilizzo sono state prodotte diverse guide di cui l’ultima “Pesce” (di Cinzia Scaffidi, Slow Food Editore) ben descrive la problematica e i relativi temi di sostenibilità; il volume, coerentemente corredato da una serie di ricette tratte dalla tradizione della cucina italiana, verrà dato in omaggio ai partecipanti e servirà da testo base durante la visita.
Il progetto prevede che operativamente un gruppo minimo di 8 persone e un massimo di 15, accompagnate da un biologo, compiano delle osservazioni comparative sulla qualità, biodiversità, sostenibilità e piacevolezza al palato in diversi punti vendita dell’area milanese. Come tipologia di questi vengono identificati: a)- la pescheria di alta qualità o presunta tale, b)- il banco pesce di un grande supermercato, c)- la bancarella di un mercato rionale. L’osservazione in parallelo metterà in evidenza le costanti e le varianti ed il relativo confronto prezzi.
L’appuntamento è per le ore 10 presso la pescheria “Pesce vivo” in via Sammartini, zona Stazione Centrale. Successivamente verranno visitate altre rivendite di pesce in zona (da definire).
Costo:  € 20,00 soci Slow Fod, € 25,00 non soci (libro in omaggio per tutti)

Per info e iscrizioni: Francesco | +39 334 1753131| milanoslowfood@gmail.com

 

3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna

PER GIOVANI DONNE IMPRENDITRICI

Prorogato fino al 3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna, riconoscimento all’imprenditoria innovativa di donne e giovani

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo

Torino, 20 settembre 2017Soft skill come antidoto alla robotizzazione. Di fronte alla prospettiva – tracciata dal rapporto McKinsey sull’automazione dello scorso maggio – di vedere fagocitati nell’immediato 1,2 miliardi di posto di lavoro, una delle risposte forti possibili sta nella capacità delle imprese di mettere a capitale il fattore umano. Creatività, intelligenza emotiva e relazionale, capacità di analisi critica come di acquisizione di nuove conoscenze e nuove competenze: in una parola re-skilling.

C’è chi si muove già in questa direzione: a queste imprese, e a quella parte tra loro guidata da donne e giovani, è rivolto il 9° Premio GammaDonna, che da 14 anni premia storie di innovazione poco conosciute e le porta alla ribalta.

Il Premio si rivolge a imprenditrici di ogni età e a giovani imprenditori under 35 che si siano distinti per aver introdotto innovazioni all’interno della propria azienda, costituita non dopo il 31 dicembre 2014. Piccole imprese che hanno saputo adattarsi con successo alle nuove e mutevoli esigenze del mercato, adottando gli strumenti tecnologici a disposizione e sperimentando attività, ruoli e modelli organizzativi nuovi.

Tutte le candidature ritenute idonee avranno uno spazio sulla piattaforma GammaDonna (www.gammaforum.it) che, dal 2004, racconta e diffonde storie di innovazione, leadership, visione. Una rosa di 6 finaliste aprirà il GammaForum – Forum Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, in programma il prossimo 16 Novembre a Milano con il titolo “Intelligenze e competenze nuove per fare impresa nell’era digitale”.  Una giuria formata da personaggi di spicco del mondo dell’impresa, del venture capital e dell’innovazione digitale[1] decreterà il vincitore del Premio GammaDonna, chiarendo le proprie scelte durante un dibattito aperto. In palio, un Master della 24Ore Business School, un percorso d’incubazione in Polihub – Politecnico di Milano, sei mesi di mentoring affiancati da un manager selezionato ValoreD. Anche quest’anno, tra le candidature sarà assegnato il Giuliana Bertin Communication Award, speciale riconoscimento per eccellenze nel campo della comunicazione on/offline (in premio, un Master della 24Ore Business School).

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo, finalizzato alla semplificazione o al miglioramento della vita quotidiana. L’impresa vincitrice di questo Award si aggiudicherà un percorso di mentoring con un Senior Buyer QVC e l’ammissione all’edizione 2018 del QVC Next Lab, percorso di formazione dedicato a startup al femminile con forte focus sulla fase del go-to-market, promosso dalla piattaforma multimediale di shopping TV, ecommerce e social media QVC. Il Lab nasce a seguito del lancio, nel 2016, del programma QVC Next a sostegno delle imprese appena nate, piccole e medie, con particolare attenzione a quelle femminili.

Candidature entro il 3 ottobre 2017. Info e regolamento sul sito www.gammaforum.it

Il 9° GammaForum – promosso dall’AssociazioneGammaDonna® con il Patrocinio di Regione Lombardia e il contributo di Banca Mediolanum, QVC Italia, Facebook, Studio Torta, IBM e Cisco– sarà una giornata di dibattito e confronto sull’evoluzione necessaria nelle aziende per far fronte alle sfide della quarta rivoluzione industriale, con particolare riferimento al cammino che i piccoli imprenditori dovranno intraprendere per guidare questo processo e al contributo che donne e giovani sono in grado di fornire. Sarà un’occasione per stimolare il pensiero, ispirare l’azione, ma anche per ampliare la propria rete di relazioni di affari, nel cuore della business community italiana.                                                                            

[1]LA GIURIA 2017:Presidente: Mariarita Costanza, Co-Founder e CTO Macnil Gruppo Zucchetti; Marina Cima, rappresentante Federmanager Minerva Nazionale; Gianluca Dettori, Executive Chairman Primomiglio SGR; Alessandro Enginoli, Vice Presidente Assolombarda; Riccardo Luna, Direttore Agenzia Italia; Stefano Mainetti, CEO Polihub – Startup, District & Incubator; Sandra Mori, Presidente ValoreD e General Counsel Coca-Cola Europe; Paolo Penati, CEO QVC Italia.

Arte a Venezia – Mostre a Palazzo Grassi e Punta della Dogana

Palazzo Grassi e Punta della Dogana presentano le prossime mostre, in apertura al pubblico domenica 8 aprile 2018.
In programma a Palazzo Grassi una mostra personale dedicata a Albert Oelhen e a Punta della DoganaDancing with myself”, una collettiva con opere dalla Collezione Pinault in collaborazione con il Museo Folkwang di Essen, Germania.
Albert Oehlen selbstportrait mit Palette, 2005 Pinault Collection
Palazzo Grassi presenta la mostra personale di Albert Oehlen (1954, Krefeld, Germania) nell’ambito del programma delle monografiche di artisti contemporanei – inaugurato a Palazzo Grassi nell’aprile 2012 con Urs Fischer e proseguito con Rudolf Stingel, Irving Penn, Martial Raysse, Sigmar Polke – alternate a esposizioni tematiche della Collezione Pinault.
Albert Oehlen Untitled, 2007 Pinault Collection
La mostra, curata da Caroline Bourgeois, traccia un percorso lungo la produzione di Albert Oelhen attraverso una selezione di circa 85 opere, dalle più note a quelle meno conosciute, realizzate dagli anni ’80 ad oggi e provenienti dalla Pinault Collection e da importanti collezioni private e musei internazionali.
La mostra presenta un allestimento inedito, non cronologico bensì scandito da un ritmo sincopato tra i diversi generi e periodi, sottolineando così il ruolo centrale della musica nella produzione dell’artista, metafora del suo metodo di lavoro dove contaminazione e ritmo, improvvisazione e ripetizione, densità e armonia dei suoni diventano gesti pittorici.
Albert Oehlen Untitled, 2016 Pinault Collection
Albert Oehlen si afferma come uno dei protagonisti della pittura contemporanea grazie a una ricerca in continua evoluzione dedicata al superamento dei limiti formali e alle sperimentazioni, più che al soggetto dell’opera.
La mostra a Palazzo Grassi è la più grande monografica dedicata ad Albert Oehlen, già protagonista di importanti esposizioni in tutto il mondo – tra le altre al Museo Nacional de Bellas Artes in L’Avana nel 2017, al Cleveland Museum of Art nel 2016, al New Museum di New York nel 2015, al Kunstmuseum di Bonn nel 2012 e al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris nel 2009.
Cindy Sherman  Untitled #578 , 2016
dye sublimation metal print
50 1/2 x 48 inches; 128.3 x 121.9 cm
Courtesy of the artist and Metro Pictures, New York
A Punta della Dogana, la mostra collettiva “Dancing with myself”, nata dalla collaborazione tra la Pinault Collection e il Museum Folkwang di Essen, è curata da Martin Bethenod,Florian Ebner eAnna Fricke ed è stata presentata in una prima versione a Essen nel 2016.
Rudolf Stingel  Untitled (Alpino, 1976) , 2006
Pinault Collection
Courtesy of the artist
“Dancing with myself” indaga l’importanza primordiale della rappresentazione di sé nella produzione artistica dagli anni ’70 a oggi e del ruolo dell’artista come protagonista e come oggetto stesso dell’opera. Attraverso un’ampia varietà di pratiche artistiche e linguaggi (fotografia, video, pittura, scultura, installazioni…), di culture e provenienza, di generazioni ed esperienze, la mostra mette in luce il contrasto tra attitudini differenti: la malinconia e la vanità, il gioco ironico dell’identità e l’autobiografia politica, la riflessione esistenziale e il corpo come scultura, effigie o frammento, e la sua rappresentazione simbolica.
LaToya Ruby Frazier  Self portrait Oct. 7th (9.30am) , 2008
gelatin silver print
Courtesy The Artist and Gavin Brown’s enterprise, New York /Rome
La mostra riunisce circa 100 opere dalla Pinault Collection – da Claude Cahun a LaToya Ruby Frazier, da Gilbert & George a Cindy Sherman, da Alighiero Boetti a Maurizio Cattelan, in dialogo con una selezione di opere provenienti dal Museum Folkwang, ed è presentata in una versione inedita per gli spazi espositivi di Punta della Dogana con oltre 45 lavori non esposti in occasione della mostra a Essen.
La mostra “Dancing with myself” è organizzata in collaborazione con

LIBRI – Un libro da leggere per amare la vita – “ Gratitudine ” – Oliver Sacks

 “… un senso di gratitudine… sono stato un animale pensante su questo pianeta bellissimo ” Garbo e semplicità nel libro

“ Gratitudine ”.

Un’ottimistica lezione di vita.

Scrittore e neurologo in un reparto di ammalati dimenticati da tutti, Oliver Sacks inizia a scrivere con “ Risvegli ”, ma forse il suo più grande capolavoro è l’ultimo libro, scritto quando già sa di dover morire, “ Gratitudine ”.

Un libro da leggere per non avere paura di affrontare i più gravi problemi della vita.

Gli ultimi scritti di Oliver Sacks sono usciti sul New York Times ed hanno il pregio di fare emozionare il lettore; un pregio assai raro.

“ Gratitudine ” è un libro che tutti dovremmo leggere; per imparare ad amare la vita al di là di tutto.

Nel libro Sacks affronta, con unica semplicità e grande garbo, il tema dell’età che avanza, della malattia e della morte, della quale “non può fingere di non averne paura”.

“ Gratitudine ”, di Oliver Sacks, editore Adelphi, 9 euro.

LIBRI – Cercare un senso alla vita ecco cosa ci insegna “ L’Outsaider ” di Colin Wilson

Scava nelle biografie di famosi scrittori, artisti e filosofi, capaci di vedere “troppo e troppo lontano” e cerca una soluzione al conflitto tra società e singolo individuo …

Saggio scritto di getto da Colin Wilson, durante il Natale del 1954;  rifugiandosi nel British Museum per sfuggire al freddo.

La situazione attuale rende, la maggioranza della popolazione mondiale, più povera e infelice; lontana dalla bellezza del vivere,

E’ sempre più necessario accontentarsi di quello che si ha.

Una bella lezione ci arriva dal libro “ L’Outsaider ” ( Lo straniero ) di Colin Wilson.

Solo e squattrinato, Colin Wilson ha 24 anni e vive le sue notti estive in un sacco a pelo per risparmiare poi, ai primi freddi, trova un rifugio diurno nella sala di lettura del British Museum.

Aveva mangiato solo pomodori in scatola nella sua umida stanza a sud di Londra, ma quando arrivò al British Museum iniziò a scrivere quello che diventerà un capolavoro.

Gli eroi di Wilson erano Emma Bovary e i suoi personaggi d’appendice, ma anche eroi estremi come i personaggi di Dostoevskij e Rijke.

Il suo saggio scava nelle biografie di famosi scrittori, artisti e filosofi, capaci di vedere “troppo e troppo lontano” e cerca una soluzione al conflitto tra società e singolo individuo.

Cosa è il nostro vero io? Quale mistero sta dietro quello che percepiamo ?

Il successo del libro fu immediato e Wilson si trovò improvvisamente ricco.

La prima versione di questo libro, in Italia si intitolò “ Lo straniero ”; il titolo originale “ Outsider ” era una parola troppo sconosciuta, all’epoca, per essere utilizzata. Fu pubblicato da Lerici nel 1958.

Oggi “ L’Outsaider ” di Colin Wilson, ha come editore Antartide, 35 euro.

PIZZA PIZZA PIZZA – Segreti di una buona pizza

Per principianti

Non vi diamo una ricetta della pizza, ne trovate di ottime in internet, ma vi vogliamo svelare alcuni importanti particolari per un’ottimo risultato.

Fondamentale è la temperatura ambiente, sarà più facile avere una buona lievitazione in estate.

Se avete una cucina fredda, l’impasto subirà degli sbalzi termici che possono gravemente danneggiare la lievitazione; lavorare l’impasto in un ambiente più caldo può fare la differenza.

Il sale è un antagonista del levito, quindi non mettete mai lievito e sale insieme.

Meglio aggiungere il sale dopo avere già mescolato una parte della farina con il lievito.

Sull’impasto che deve lievitare è opportuno mettere un panno umido; previene l’evaporazione.

Il meglio sarebbe poter appoggiare la pizza da cuocere nel forno elettrico su di una pietra refrattaria invece che la solita teglia da forno (si crea così la condizione ideale per la cottura della pizza).

Cuocere la pizza in forno dove avete preventivamente inserito, sul fondo, una pentola con acqua (nel forno ci sarà così  una umidità ideale).

Il forno deve essere MOLTO caldo !

Usate solo prodotti di qualità.

DonnE…Cultura