Weekend e vacanze per arte – design – musica e danza – Dove ? In Svizzera il meglio designed for you

Swiss cities – Designed for you

Cosa sarebbe il mondo senza la cultura in tutte le sue declinazioni?

Arte, design, musica e danza vanno a braccetto con l’offerta turistica delle città svizzere che vantano musei e manifestazioni di richiamo internazionale in contesti “a misura d’uomo”. Protagoniste di riqualificazioni urbane innovative ed ecosostenibili, alcune città sono diventate un punto di riferimento nel panorama dell’architettura contemporanea

Basilea: la città d’arte svizzera per eccellenza

A Basilea l’arte si respira: è, infatti, in questa città che si trova la più alta densità di musei. Per non parlare di Art Basel! Molti però non sanno che nella città sul Reno l’arte ha una lunga tradizione.

Già nel 1967, al fine di mantenere due quadri di Picasso al Kunstmuseum Basel, gli abitanti manifestarono scandendo lo slogan «All You Need Is Pablo». Da allora l’amore per l’arte non ha fatto che crescere e, ora, è culminato nella monumentale nuova costruzione del Kunstmuseum.

Lugano, una città in fermento artistico.

Sole, relax, clima e cibo mediterranei: questa è solo una piccola parte dell’eccezionale offerta turistica luganese.

Negli ultimi anni a Lugano si è infatti formata una comunità di giovani artisti del territorio che, arricchiti di esperienze fatte all’estero, sono ritornati in città con l’intento di espanderne il panorama artistico. Dal 7 aprile la cittadina ticinese organizza il suo fuori salone.

Zurigo: da quartiere industriale ad avamposto del design.

Negli ultimi anni è nato un nuovo quartiere illuminato a Zurigo, chiamato Zürich-West.

Là dove un tempo si costruivano navi e si avvitavano motori, oggi i riflettori sono puntati su arte, gastronomia, shopping e architettura. Esemplare la trasformazione dell’ex birrificio Löwenbräu in centro per l’arte contemporanea con gallerie, il Museo Migros e la Kunsthalle.

Losanna: la danza dietro ogni angolo.

Dai Ballets Russes durante la prima guerra mondiale al prestigioso Prix de Lausanne, fondato nel 1973, dal Béjart Ballet Lausanne alla danza contemporanea di Philippe Saire, la città sul Lago di Ginevra accoglie tutti i generi di danza.

Al tema è dedicato un nuovo tour guidato per il pubblico che “debutterà” in occasione della Fête de la Danse (5-7  maggio 2017) e verrà replicato per il Festival de la Cité (4-9 luglio 2017).

Berna

Sulle tracce di Paul Klee.
ll Centro Paul Klee ospita la più grande collezione di opere dell’artista che trascorse metà della sua vita a Berna. E qui non ci si limita ad ammirare i quadri ma ci si può anche dedicare alla pittura.

Ginevra

Quartier des Bains.
Ginevra vi aspetta con uno dei quartieri artistici più innovativi d’Europa: il Quartier des Bains. Qui ha sede il MAMCO, museo per l’arte contemporanea, numerose gallerie, bar alla moda e caffé trendy.

Lucerna

Lucerne Festival.

Le migliori orchestre e i migliori direttori del mondo, il centro di cultura e congressi KKL dell’architetto di fama mondiale Jean Nouvel, la vista sulla città vecchia, il lago e i battelli a vapore: sono molti i motivi per cui innamorarsi del Lucerne Festival.

Con la realizzazione del Centro cultura e congressi KKL Lucerna alla fine degli anni 90, questa storia d’amore musicale si è arricchita di un ulteriore capitolo: i lucernesi sono orgogliosi dell’opera progettata dalla star dell’architettura Jean Nouvel e situata direttamente sul Lago dei Quattro cantoni. Il KKL Lucerna riunisce sotto lo stesso tetto una sala da concerti, un centro congressuale e un museo d’arte – e ogni anno corona la propria splendida offerta con il Lucerne Festival. L’acustica della sala da concerto, concepita dall’architetto ed esperto di acustica di New York Russell Johnson, è fra le migliori del mondo.

Lucerne Festival 2017

1 – 9 aprile 2017
Festival Pasquale

11 agosto – 10 settembre 2017
Festival estivo

18 – 26 novembre 2017
Festival pianistico
www.lucernefestival.ch

MODA 2017 primavera estate – Vestirsi alla moda ed eleganti – Anche low cost

Abbiamo visto e fotografato per voi da ZARA – MANGO – OVS

Più sotto i consigli – moda di Ines de Fressange e di altri grandi del settore

Da MANGO: scarpe argento traforate, pantaloni bianchi cotone e camicia gran caldo in cotone; semplice, fresca ed leegante per tutti i giorni

MANGO-scarpe-49-euro.

Da ZARA: stampati cina e pantaloni larghi e corti; meglio se siete alte.

Zara; giacca 79 euro.

Da OVS: borsa capiente con multitasche a prezzo molto contenuto.

Da MANGO: sono di moda le righe.

Moda: tutto bianco con pizzo,  50 euro.

Da Mango: ok alle righe.

Da Mango 29 euro. Bella camicia da portare con jeans azzurro chiaro.

Da OVS. 78 euro anche altri colori; esalta la figura e slancia.

Da MANGO: sui 130 euro, ma bellissima e in pelle; con un semplice tubino nero e scarpe nere o completo tutto nero; sarà elegantissima.

Ancora righe …

Da OVS: pantofole anche in nero … semplice eleganza, prezzi sui 30 euro.

 Basta lo stile … di Ines de Fressange

Ines de Fressange, tutti i segreti della moda e del ben vestire; senza mai sfigurare

Ines de Fressange, un mito nel mondo della moda internazionale; simbolo indiscusso di sempiterna eleganza e raffinatezza. Sempre con un un pizzico di ironia.

Modella da quando aveva 17 anni, quintessenza della donna parigina chic, Ines de Fressange, spiega nel suo libro “Come mi vesto oggi”, come crearsi un look anche con quello che si ha già nell’armadio.

A volte bastano pochissimi capi nuovi, ma ben studiati, per poi utilizzarli con capi base e altro che abbiamo acquistato in passato.

Il segreto sta nel riciclare, con attenta sapienza e gusto, quello che già possediamo.

Sempre alla moda, purché di buona qualità, abiti neri, cappotti dai colori classici, impermeabili neri, camice bianche di buon taglio e tessuto, maglioni a collo alto (che nascondono le prime rughe del collo e fanno sembrare più giovani).

Borse, sandali e stivali classici; sono sempre di moda.

L’importante è studiare gli abbinamenti, non comprare senza pensare a cosa abbiamo già disponibile, sapere sempre quali sono i capi e i colori che segneranno la moda della presente e prossima stagione (seguite le sfilate dell’alta moda on line e lo saprete).

“Come mi vesto oggi”, Ines de Fressange e Sophie Gachet, editore L’Ippocampo.

———————

Per essere eleganti NON è necessario spendere un capitale; lo diceva Chanel e lo diceva anche Saint Laurent: camicia bianca, gonna nera stretta, pantalini classici, un tubino nero, un bel paio di scarpe e una belal borsa, qualche golfino e camice in colori che sono sempre di moda; questa è la base poi sbizzarritevi …

2017 POTETE SCEGLIERE:

-il colore rosa

-tutti i colori pastello

-gli abiti romantici con le arricciature e i pizzi

-tutto coordinato e no, tutto a righe o righe e pois

-tutto bianco anche con pizzo

-la gonna a ruota

-i tacchi alti o le scarpe basse

-pantofole superdecorate o monocolore; molto chic

-le borse super-decorate; ma perché non provate a decorarle voi ???

-tutto quello che è ricamo; (proposto mirabilmente da Dolce&Gabbana), ma si trovano anche tante alternative economiche, provate da OVS o da Zara ecc…

-MESCOLATE E MESCOLATE stili e colori… ma attenzione dovete avere buon gusto o sarete anche ridicole (ricordate sempre le proporzioni del vostro corpo e i colori che vi donano; sono più importanti delle tendenze di moda o rischiate il ridicolo o comunque il cattivo gusto)

prima di comprare guardate cosa avete in casa che potrebbe essere abbinato e riutilizzato …

BELLI I GIOIELLI ECONOMICI E CHE CI FANNO SENTIRE UNA PRINCIPESSA  …

Prima la MODA delle passerelle…  in brevissimo … quello che ci è piaciuto di più

Borsa di Dolce&Gabbana; fiori in risalto e paiettes, ma potete anche usare una base di pizzo. Fate un giro al mercato e con filo e colla potreste inventarvi una borsa bellissima partendo da una base di pura plastica … volontà e fantasia.

Ricami Dolce&Gabbana.

Abito di re Giorgio Armani. Folk anni ’70. Ispiratevi …

Eleganza in finta pelliccia autunno inverno 2017.

Gonne a ruota.

———

Scarpe a prezzo ragionevole e molto carine; nel colore di moda: il ROSA:

Pauls-Boutique; 130 euro circa.


VISTI DA ZARA anche on line

Colori di moda rosa e rosso, pantaloni larghi e corti.

Abito a fiori e sotto particolare della gonna

Elegantissimo abbinamento. ZARA

Semmpre da Zara.

Zara, collo larghissimo.

Collo in evedenza. ZARA.

Righe eleganti.


GIOIELLI – BIJOUX 

Ottone-placcato-oro-cristalli-Svarowski-AURORA-euro-39,98-codice-618633.

De-Liguoro-euro-58,90-resine-e-cristalli-codice-618162.

Abbiamo trovato bei capi a basso costo al sito: http://www.floryday.com/it/Abito-r9872/?not_pop=1&currency=EUR&country_code=IT&utm_campaign=274000850&utm_medium=cpc&utm_source=bing&utm_term=1201766209215947 

Alla BIT il 3 Aprile la “BIO SPA”

Green Travel Award per la “BIO SPA”

Appuntamento alla BIT il 3 Aprile

Ancora un prestigioso riconoscimento per il TeviniDolomites CharmingHotel. Il 3 aprile infatti nell’ambito della fiera BIT di Milano, il Gruppo Italiano Stampa Turistica consegnerà il premio per la categoria “Bio-Spa” a Lorenzo Tevini. Il Green Travel Award è il premio che il Gist riconosce alle eccellenze del turismo sostenibile e responsabile. Ancora una volta quindiil rispetto per l’ambiente e l’ecosostenibilità volute dalla famiglia Tevini si dimostrano scelte vincenti insieme alla cura per il dettaglio e alla calorosa accoglienza tramandata da padre in figlio. l Premio consiste in una targa in cristallo con il logo del Premio disegnato da Miriam Mirri. La giuria 2017, che ha deliberato sulla base delle segnalazioni e delle candidature sollecitate dai soci Gist, era così composta: Luca Pollini (presidente), Raffaele D’Argenzio, Diana De Marsanich, Bruno Gambacorta, Graziella Leporati, Edoardo Stucchi. Tutti I vincitori del premio che vede coinvolte diverse categorie, saranno proclamati il 3 aprile a Milano in occasione della Bit (Borsa internazionale del turismo) a Fieramilano City.
Il Green Travel Award come migliore Bio Spa va ad assommarsi agli altri prestigiosi riconoscimenti che l’hotel ha ottenuto per la sua anima green: l’ultimo in termini di tempo aggiudicato a dicembre 2016 dal portale Più Turismo in collaborazione con WWF alla sua Spa “Km zero” e l’ECO LABEL per i consumi a impatto zero sul territorio come l’acqua, che si trova in abbondanza in tutta la valle, o il legno usato al posto del gasolio per il riscaldamento naturale.

Traghetti e vacanze – Navi di Corsica Sardinia Ferries con chef a bordo

 – Dalla primavera 2017, le navi di Corsica Sardinia Ferries sorprenderanno i passeggeri grazie al moderno e attento restyling dei locali dedicati alla ristorazione, che avranno un nome rappresentativo, un logo dedicato e una precisa personalità.

Anche il personale vestirà nuove divise, confortevoli e alla moda, che avranno uno stile più contemporaneo ma con un richiamo al passato: accessori classici si accosteranno a capi moderni e pratici.

Maître, camerieri, barman, hostess e responsabili di sala si presenteranno con un look accattivante, che avrà come colori dominanti il giallo e il blu, da sempre elementi identificativi del brand Corsica Sardinia Ferries.

Il raffinato ristorante “à la carte”Dolce Vita, dove i piatti della tradizione sono rivisitati in chiave moderna, sotto la supervisione di uno chef stellato; l’ampio buffet La Verandacon la formula“All you can eat”; l’elegante e classico Riviera Lounge; il dinamico self service gourmand Yellow’s; il mediterraneo “pasta e pizza” Gusto; il Lido Beach Bar, posto sul ponte solarium, e l’allegro Sweet Café si distingueranno per gli arredi, lo stile e la tipologia di offerta.

I nuovi locali avranno una precisa personalità ed esprimeranno i moderni concetti di ristorazione, rispettando le mode, le filosofie di vita, le esigenze salutistiche e le voglie della clientela più attenta.

Le navi gialle accoglieranno la serena unione tra Slow Food, per i passeggeri più tradizionalisti e amanti della buona cucina, e Fast Food, per i passeggeri più giovani o dinamici, che desiderano solo una pausa snack.

Sebastien Romani – Direttore del Catering – commenta “Sono stati creati nuovi concetti di accoglienza e ristorazione. Ogni locale avrà il suo stile, servirà cibo e bevande di qualità e presenterà una grande varietà di prodotti” e prosegue “Il nostro catering è motivo di vanto e orgoglio: da sempre curiamo l’immagine e le proposte di ristoranti e bar, garantendo la scelta delle migliori materie prime, la massima cura nella preparazione dei piatti – che sono tutti cucinati a bordo – con uno sguardo curioso alle novità e il desiderio di rispondere alle attese di tutti i tipi di clientela”.

§§§

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.
La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.
Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.
Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.
Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.
A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

ZONE A RISCHIO TERRORISMO O SALUTE – DOVE ANDARE E COSA EVITARE – Informazioni per turisti

Gli ultimi sviluppi, marzo 2017, ci suggeriscono di sconsigliare viaggi anche a Londra, Parigi o Bruxelles.  Anche se ogni luogo è potenzialmente a rischio, ma per questo non dobbiamo cadere nella trappola di vivere nel terrore e modificare esageratamente la nostra vita normale.

Tra i luoghi da evitare, sicuramente la bellissima città di Istambul; soprattutto se siete donne sole, non è il momento.

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata. Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono l’Isis: Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

——–

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro; ci si può fare molto male anche stando in casa …

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

———-

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre dai dati in nostro possesso.

Farnesina: 

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

Vedi http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

NON VOLGIAMO TERRORIZZARE NESSUNO, NE DANNEGGIARE IL TURISMO; RIPORTIAMO SOLO DATI UFFICIALI E CONOSCIUTI.

Vedi anche al link http://www.donnecultura.eu/?p=25860 per conoscere i Paesi più pericolosi per le donne.

—–

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Noi Europei non siamo abituati a convivere con la violenza sin da bambini, come succede da sempre agli israeliani.

Dobbiamo imparare a vivere senza avere terrore addosso, altrimenti, la nostra vita e di quelli che ci stanno vicino diventerebbe un inferno.

Per fare un esempio, i bambini israeliani, sono abituati a leggere, nelle loro scuole, i manifesti che danno le regole da seguire quotidianamente. Piccole attenzioni da mettere in atto, per essere vigili, ma non ossessionati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta, buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

E’ anche evidente che alcuni Paesi siano, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri. Certamente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi, sull’Appennino o sui Pirenei, a meno che non siano un luogo di assembramento di rifugiati, danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI ; questo è quanto consigliano le autorità degli USA ai loro cittadini, DA MESI !!!

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo; propagandato dai terroristi internazionali. Ovviamente i grandi assembramenti di persone, fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa dice, DA MESI,  un comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

E’ SCONSIGLIABILE, ovviamente, PROGRAMMARE VIAGGI E VACANZE IN TURCHIA, EGITTO, TUNISIA,  E PAESI CIRCOSTANTI.

——

VIRUS ZIKA

L’ULTIMO PROBLEMA SANITARIO  RIGUARDA IL VIRUS ZIKA

IL MINISTERO DEGLI ESTERI ITALIANO SCONSIGLIA I VIAGGI NON INDISPENSABILI NELLE ZONE DI CONTAGIO: il pericolo è che, una volta tornati in Europa coloro che hanno il virus senza i sintomi, potranno trasmetterlo agli altri tramite la zanzara tigre o contatti sessuali.

PAESI DA EVITARE PER un  turista che non vuole, quasi, nessun rischio, ma …. (lo stesso fatto che stiamo vivendo vuole dire che rischiamo di morire in mille modi diversi; ovunque noi siamo):

-Messico

-Guatemala

-El Salvador

-Panama

-Colombia-

Equador

-Repubblica Dominicana

-Haiti

-Venezuela

-Guyana

-Suriname

-Bolivia

-Paraguay

Trovate tutte le info  riguardo il virus ZIKA al link http://www.donnecultura.eu/?p=28505

——-

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE DI RISCHIO TERRORISMO, MA NON SOLO … per chi cerca i luoghi più tranquilli e sicuri

Premettiamo che, data la situazione attuale, ci sono alcune destinazioni e metodi di viaggio più  sicuri.

Un semplice esempio: raggiungere, dall’Italia, in auto, una destinazione di montagna in Svizzera è, nel calcolo delle probabilità, estremamente sicuro.

Tutta L’Italia di piccoli paesi molto lontani dalle città, è più sicura di altre destinazioni: pensiamo alla campagna toscana, alle colline e montagne del Veneto o Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Val d’Aosta.. per scendere sugli Appennini, piccole località liguri o umbre e poi via verso tutto il sud, sino alla punta estrema della Sicilia, Sardegna e piccole isole [Ovviamente nessuno potrà MAI prevedere gli atti di squilibrati e/o individui isolati o cellule dormienti che si attivano].

Eliminiamo le città più grandi (perché è più facile, nel calcolo delle probabilità, che nel grande numero si annidi qualcuno con cattive intenzioni).

Ognuno di voi, dopo avere letto quanto riportiamo più sotto, saprà comprendere quale può essere la destinazione che più lo rassicura; partendo dalla propria località di residenza.

I PAESI PIU’ SICURI DAL PUNTO DI VISTA DEL TERRORISMO SONO:

-LA SVIZZERA,

-VIETNAM,

-LE ISOLE DEI CARAIBI,

-CUBA,

-POTO RICO,

-COSTA RICA,

-SANTO DOMINGO…

-SINGAPORE,

-PANAMA.

-TAIWAN (Taiwan: attenzione ai monsoni; estati calde e umide, da maggio a settembre temperature medie di 28 °C, e “miti” stagioni invernali, da dicembre a febbraio, con temperature medie di 18 °C; nel periodo estivo l’isola è a volte colpita da violenti tifoni);

ovviamente rimangono i rischi, sempre presenti nel calcolo delle probabilità, di attentati negli aeroporti di scalo o sugli aerei; che, tuttavia,  sono inferiori ai rischi che corriamo tutti i giorni sulle nostre strade guidando un’auto o una moto (come già precisato più sopra).

————-

PARTICOLARMENTE A RISCHIO, IN QUESTO MOMENTO, sono:  PARIGI E ROMA, MA ANCHE LONDRA BRUXELLES, ISTAMBUL …MILANO soprattutto le metropolitane affollate, le stazioni ferroviarie; sempre gli aeroporti.

NON DIMENTICATE DI inserire i vostri dati e spostamenti al link del Ministero degli esteri: Dove siamo nel Mondo : https://www.dovesiamonelmondo.it/dovemondo/index.php?id=2&tipol=1

Il parere più autorevole riguardo alle situazioni pericolose nel mondo  lo trovate sul FOREIGN OFFICE INGLESE: https://www.gov.uk/foreign-travel-advice/greece/safety-and-security

VIAGGIARE

PERICOLI NEL MONDO

-Ora anche le Maldive sono sconsigliate, considerate pericolose le soste a Male.
Le agenzie di viaggio rassicurano, ma le Maldive non sono più quel paradiso che noi personalmente avevamo fotografato 35 anni fa, anche sott’acqua, quando la barriera corallina era viva anche in superficie. Quando nelle grandi e piccole isole non galleggiavano pezzi di plastica.

OGGI ALLE MALDIVE:  un’intera isola di rifiuti fronteggia la capitale e versa nelle acque tonnellate di pericolosissimi liquami rilasciati da computer, frigoriferi, televisori, telefonini ecc.. ammassati ormai da decenni. (Ma i turisti più distratti nemmeno se ne accorgono; anche se sono costretti a passarci vicino per raggiungere le varie destinazioni).

L’EGITTO, purtroppo, NON E’ TRA I  PAESI SICURI, ANCHE SE  IL GOVERNO EGIZIANO SI IMPEGNA MOLTISSIMO PER GARANTIRE I TURISTI .

ALTRO PAESE DA EVITARE IN QUESTO MOMENTO IL VENEZUELA.

RICORDARE SEMPRE CHE IL MESSICO,  sicuro se con gruppi turistici organizzati, RICHIEDE PER I TURISTI SINGOLI UNA GRANDE ATTENZIONE; COME PURE PARTE DEL CENTRO E SUD AMERICA ( vedi altre info più sotto ).

Crimine

Il furto di portafogli e borse è comune in tutte le metropolitane  e bus  o strade affollate del mondo; escludendo Singapore.

Lasciare gli oggetti di valore in un luogo sicuro; al vostro hotel o appartamento, ma state attenti fotografate tutto in modo che si veda dove sono localizzati in albergo, per eventuali denunce.

CI RISULTA CHE IN MOLTI PAESI NEMMENO LA CASSETTA DI SICUREZZA SIA SICURA; LASCIARE SEMPRE UN BIGLIETTO CON LA  CIFRA E L’ELENCO O FOTO DI QUANTO INSERITO (e tenetene una copia con voi); pare sia comune, in alcuni Paesi, sottrarre piccole cifre o solo un oggetto, in modo che il proprietario possa avere dei dubbi sul furto o non accorgersene…

-REGOLA GENERALE. Alcune zone di confine sono militarmente sensibili. Anche se è possibile visitare queste aree, si dovrebbe evitare di scattare fotografie o video. Si dovrebbe anche evitare di avvicinarsi o fare fotografie o riprese video di installazioni militari e aeroporti.

STRADE

Prestare particolare attenzione quando si viaggia su strada. All’estero in alcuni Paesi la guida è veramente pericolosa come in Centro America, Messico, Bali, Indonesia in genere, India ecc.. come minimo, se avete un incidente, avrete dei problemi anche molto gravi da risolvere.

IN CASO DI INCIDENTE E EVENTUALE TRASFUSIONE SANGUIGNA; IN MOLTI PAESI NON E’ AFFATTO CONSIGLIABILE (Paesi con grande diffusione di AIDS), IDEM SE ANDATE DAL DENTISTA; per non parlare dei contatti sessuali.

Assicurarsi che ogni veicolo che si noleggia sia in buone condizioni e verificare che ci sia un’assicurazione casco, fotografare eventuali segni prima di firmare il contratto

QUESTA NOTA DERIVA DALLA NOSTRA ESPERIENZA PERSONALE :

-noleggiare solo con compagnie di fama internazionale, costano di più ma danno migliori garanzie, oppure state bene attenti al contratto e ai particolari.

leggere ACCURATAMENTE IL CONTRATTO di noleggio !. ATTENZIONE PRETENDETE UNA FIRMA CHE ATTESTI CHE AVETE CONSEGNATO L’AUTO CON IL PIENO DI BENZINA, ALTRIMENTI POTRESTE TROVARVI DEI SOLDI SCALATI DALLA VOSTRA CARTA DI CREDITO COME SPESE DI BENZINA; questo vale in tutto il mondo.

A volte chiedono il passaporto come forma di sicurezza. Non consegnare il passaporto in nessun caso. Controllare i termini e le condizioni riguardanti i danni al veicolo.

Se avete intenzione di noleggiare un motorino avrete bisogno di una patente di guida valida  almeno per la categoria A1 – ‘motociclo leggero’. Categoria P,   valido per la Gran Bretagna per i ciclomotori  fino a 50cc, non è valida per la Grecia…INFORMATEVI BENE.

Per legge è necessario indossare un casco su uno scooter, ciclomotore o motociclo. I ciclisti devono indossare un casco integrale (o casco non integrale, più gli occhiali). Il mancato uso del casco potrebbe invalidare la vostra assicurazione di viaggio.

Nuoto

Seguire i consigli locali ; possono essere  presenti meduse o sqauli o correnti pericolose.

In Australia i pericoli sono moltissimi: dalle correnti improvvise anche vicino a riva, alle onde anomale; anche quando il mare è calmo, alle punture, anche mortali, di alcune meduse …

La conchiglia del Conus Textile contiene un mollusco con un pungiglione in grado di provocare anche la morte; non toccate grandi conchiglie, se possono contenere il mollusco vivo…

Sulle Barrire Coralline il pesce Pietra (sembra un pezzo della Barriera Corallina, fermo e immobile) può essere mortale, non accarezzate lo Pterois Volitans, detto anche  Pesce Leone o Scorpione; bellissimo per le sue pinne come piume.

———

Ecco il link più serio e aggiornato su quanto succede nel mondo per chi viaggia: https://www.gov.uk/foreign-travel-advice

Sulla base della nostra esperienza e di quella, ben più autorevole, di grandi viaggiatori per professione, questo è l’unico sito sul quale si può fare affidamento, gli altri sono generici e  scandalosamente imprecisi, per ignoranza dei fatti e incapacità professionale e perché un eccesso di prudenza  protegge chi conosce male quello di cui sta parlando.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA IL PIU’ PRECISA POSSIBILE DELLA SITUAZIONE ATTUALE

 

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul  e TUTTA LA TURCHIA.

LA  FRANCIA, in questo momento, è sicuramente un obbiettivo possibile; visti gli ultimi avvenimenti. IDEM per il Belgio e Londra, ma anche le più vicine Roma o Milano.

Anche gli STATI UNITI, rientrano tra i possibili obbiettivi del terrorismo; lo ha detto recentemente un’autorità locale.

——-

La società  britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha recentemente stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale. Comunque sia, il rischio di attentati, negli Usa, è sempre possibile.

PURTROPPO DOPO GLI ULTIMISSIMI AVVENIMENTI LA TURCHIA E’ IL PAESE PIU’ A RISCHIO DI ATTENTATI, MA  NESSUN PAESE E’ SICURO AL 100%.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio dovrà sapere che una volta arrivato a destinazione, i controlli saranno sempre più minuziosi .

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti  dove non è assolutamente consigliato recarsi.

Elenco dei più pericolosi…

RECENTEMENTE SI E’ AGGIUNTA LA TUNISIA

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla ma è  fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica:  i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nelle periferie e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia:  la zona lungo il confine con la Cambogia e nelle province del sud, Pattani, Yala, Narathiwat e Songkhla

8) Colombia rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali e pericoli a causa dei campi minati. La Colombia sta ora andando verso una pacificazione e punta al turismo, ma si devono sempre seguire regole di buona prudenza.

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericoloso oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia:  qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla per l’alto tasso di crimini armati e  dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui sono in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri.

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai ,ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo e il rischio per le donne di subire violenze ( a meno che non conosciate bene quali sono le zone sicure ).

18) Messico: mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici. Segnalati anche recenti attacchi di squali ai surfers lungo le coste (problema che riguarda molti Paesi nel mondo)

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… ma i servizi segreti sono tra i migliori del mondo ed è molto difficile che possa accadere un attentato contro i turisti.

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

—-

Ecco cosa riporta la Farnesina:

per aggiornamenti in tempo reale vedi al link: http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

Tra le zone più a rischio ci sono:

-TURCHIA

-BIELORUSSIA

-GUINEA

-UCRAINA

– Libia

 Israele  il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort; molti italiani continuano a tornare in Egitto con voli charter e rimanendo nelle strutture degli hotel che garantiscono una buona sicurezza. Il paese è economico, il clima eccellente e il Mar Rosso rimane un mare balneabile quasi tutti i mesi dell’anno escludendo, ma non sempre, dicembre gennaio e metà o fine febbraio (secondo le annate climatiche).

Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica. La polizia è molto attenta che nulla accada ai turisti.

Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

Kenya; gli attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu, dimostrano che il Kenya non è un Paese sicuro a causa del progressivo e crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali; particolarmente  nella contea di Lamu

Indonesia  resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti; rimane possibile la ripetizione di un attentato a Bali nelle aree più affollate, come i ritrovi per giovani. Tranquille le spiagge.

Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danno di turisti

Taiwan  rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale.

Arte a Milano – Ingresso libero dal 28 marzo al 30 aprile 2017 –

CODICE DI AVVIAMENTO FANTASTICO

a cura di Davide Quadrio e Massimo Torrigiani

AKI KONDO, MICHAEL LIN, SOUNDWALK COLLECTIVE,
GEORGINA STARR, NANDA VIGO, LORENZO VITTURI

Dal 28 marzo al 30 aprile 2017
Appartamento del Principe di Palazzo Reale, Milano

Ingresso libero

Codice di avviamento fantastico. Alcantara e 6 artisti in viaggio nell’Appartamento del Principe è una mostra promossa e prodotta dal Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale e Alcantara, appositamente concepita per le stanze dell’ Appartamento del Principe, aperta al pubblico da martedì 28 marzo a domenica 30 aprile 2017.

Terzo progetto espositivo di Alcantara a Palazzo Reale, Codice di avviamento fantastico è la seconda mostra di un ciclo a cura di Davide Quadrio e Massimo Torrigiani, volto a interpretare in chiave contemporanea uno spazio dalle importanti connotazioni storiche.

L’azienda, che produce e commercializza Alcantara ® nel mondo, con questo nuovo progetto prosegue l’esplorazione delle potenzialità espressive offerte dal proprio materiale attraverso il lavoro di alcune tra le più raffinate sensibilità artistiche del nostro tempo: artisti provenienti da diversi mondi creativi, invitati a misurarsi con la specificità di un medium unico, nel contesto eccezionale dell’Appartamento del Principe.

I sei artisti internazionali chiamati a prendere parte a questa ricognizione sono: Aki Kondo, Michael Lin, Soundwalk Collective, Georgina Starr, Nanda Vigo e Lorenzo Vitturi.

Il titolo Codice di avviamento fantastico fa riferimento all’omonimo meccanismo descritto da Gianni Rodari (1920 – 1980) nel volumetto Grammatica della fantasia. Introduzione all’arte di inventare storie (Einaudi Ragazzi, 1973). L’autore spiega come attivare una filiera virtuosa tra pensieri, associazioni di immagini e vedute meravigliose per costruire testi letterari. Allo stesso modo, il percorso espositivo si struttura come una cosmologia di mondi sorprendenti sorti dal rapporto diretto con gli spazi e dislocati lungo le dieci stanze che compongono l’Appartamento del Principe. Ognuna è stazione di approdo per il viaggio immaginifico compiuto da ciascun artista, ma anche punto di partenza per la fantasia di ogni singolo visitatore che avrà l’occasione di percorrere questi spazi, normalmente chiusi al pubblico, per entrare in mondi paralleli, gettando l’occhio oltre la soglia e superando il limite tra reale e immaginazione.

Palazzo Reale
Piazza Duomo, 12 – 20122, Milano
www.palazzorealemilano.it

NORWEGIAN CRUISE LINE – LE NUOVE NAVI

NORWEGIAN CRUISE LINE SVELA LE PRIME IMMAGINI DELLE NUOVE NAVI DI CLASSE PROJECT LEONARDO

Le quattro nuove navi saranno consegnate rispettivamente nel 2022, 2023, 2024 e 2025

16 marzo 2017 – Ieri Norwegian Cruise Line ha mostrato i primi rendering delle nuove navi di classe Project Leonardo in occasione del Seatrade Cruise Global, il salone dedicato all’industria crocieristica che quest’anno ha luogo a Miami. Le quattro navi saranno consegnate da Fincantieri S.p.A. a partire dal 2022. La compagnia ha un’opzione per la costruzione di due ulteriori navi con consegna nel 2026 e 2027.

“Non vediamo l’ora di dare vita a questa nuova generazione di navi.

Il loro design mozzafiato offrirà ai nostri ospiti un’esperienza flessibile a bordo grazie a una varietà incredibile di proposte e ulteriori spazi interni ed esterni integrati che permetteranno loro di entrare maggiormente in contatto e sintonia con il mare”, afferma Christian Böll, Managing Director per l’Europa, Medio Oriente e Africa di Norwegian Cruise Line.

Le quattro navi avranno un peso di 140.000 tonnellate lorde e potranno accogliere circa 3.300 ospiti ciascuna.

Questa nuova categoria di navi consoliderà l’idea di libertà e flessibilità che caratterizza le ultime navi di classe Breakaway Plus della compagnia, e vanterà numerose caratteristiche innovative per offrire agli ospiti un’esperienza premium di qualità ancora superiore.

Una delle priorità del design del prototipo sarà l’efficienza energetica, allo scopo di ottimizzare il consumo di carburante e ridurre l’impatto ambientale. Maggiori dettagli sull’innovativa gamma di servizi e funzionalità per gli ospiti, disponibili per la prima volta in mare, saranno annunciati prossimamente.

__________________________________________________________________

Norwegian Cruise Line

Da 50 anni Norwegian Cruise Line è un innovatore radicale del segmento crocieristico: la sua è una storia di superamento dei canoni e dei limiti connessi alla tradizionale vacanza in crociera particolarmente con l’introduzione di un nuovo e innovativo concept di crociera, garantendo agli ospiti più libertà e flessibilità. Oggi, Norwegian invita gli ospiti a Feel Free su una delle 14 navi; queste navi, tra le più nuove e moderne dell’intero comparto, offrono ai passeggeri la possibilità di godersi una rilassante crociera. Nel dicembre del 2016, Norwegian ha vinto per la quinta volta il premio di “Compagnia di crociere leader di grandi navi” e per la prima volta il premio di Compagnia di crociere leader mondiale”. A settembre 2016, la compagnia è stata eletta “Compagnia di crociere leader in Europa” ai World Travel Awards per il nono anno consecutivo; inoltre, la compagnia ha ricevuto per la prima volta il premio come “Compagnia di crociere leader in Nord America” nonchè il premio di “Compagnia di crociere leader nei Caraibi” per il quarto anno consecutivo. La seconda nave più grande della flotta Norwegian Cruise Line, la Norwegian Epic, che attualmente è impegnata in Europa, ha fatto il suo debutto

ufficiale nel giugno 2010 e negli Stati Uniti è stata proclamata “Migliore Nave da Crociera Globale” dai lettori di Travel Weekly per due anni consecutivi e “Migliore Nave per Giornate di Mare” da Cruise Critic. La compagnia ha recentemente completato la costruzione di due navi da 4.000 passeggeri, la Norwegian Breakaway, che ha debuttato alla fine di aprile 2013, e la Norwegian Getaway, consegnata nel primo trimestre del 2014 così come la Norwegian Escape da 4.200 passeggeri alla fine di ottobre 2015. La compagnia è in attesa di altre tre grandi navi: la Norwegian Joy progettata per il mercato cinese nella primavera del 2017, la Norwegian Bliss nella primavera del 2018 e una quarta nave della stessa classe nell’autunno del 2019. La compagnia ha recentemente stipulato un contratto con Fincantieri S.p.A. per la consegna di altre quattro navi di nuova generazione nel 2022, 2023, 2024 e 2025, oltre all’opzione per due ulteriori navi.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni contattare la propria agenzia di viaggi di fiducia oppure:

NCL (Bahamas) Ltd., Wiesbaden Office Continental Europe Branch
Kreuzberger Ring 68, 65205 Wiesbaden, Germany Tel: 010 897 65 19

Numero verde fax: 00800 0310 21 22 E-mail: prenotazione@ncl.com
Sito internet: www.ncl.com

Norwegian Cruise Line su facebook e twitter:
seguici su www.facebook.com/NorwegianCruiseLineItalia o www.twitter.com/ncl_it e non ti perderai nessuna novità.

Contatti stampa Norwegian Cruise Line:

Valentina Gazzola

PR Account Executive

Tel.: +39 02 43 45 8395

Fax: +39 02 43 45 8340

E-mail: Ncl.italy@aviareps.com

Musica classica jazz e musical a Venezia – TEATRINO DI PALAZZO GRASSI – Entrata libera a Le Salon Idéal

Domenica 26 marzo 2017 alle ore 18.00 – Al  Teatrino di Palazzo Grassi  una serata aperta gratuitamente al pubblico

TEATRINO DI PALAZZO GRASSI

Le Salon Idéal

Il Teatrino di Palazzo Grassi presenta un progetto musicale inedito che unisce musica classica, jazz, musical annullando la distanza tra musicisti e pubblico.

Le Salon Idéal, 2017. Marion Rampal – cantante, Irina Gurevich de Baghy – soprano, Ismaël Margain – pianoforte e saxofono,
Leslie Boulin Raulet – violino, Pierre-François Blanchard – pianoforte, Matteo Pastorino – clarinetto basso, Juliette Salmona – violoncello, Noëmi Waysfeld – cantante

Per il secondo anno consecutivo, Palazzo Grassi – Punta della Dogana invita Le Salon Idéal per due esclusivi appuntamenti: uno aperto liberamente al pubblico e uno dedicato ai titolari della Membership Card di Palazzo Grassi.

Sabato 25 marzo 2017 alle ore 17.00 i possessori della Membership card di Palazzo Grassi potranno assistere a un concerto privato all’ora del tè, condotto da Le Salon Idéal presso un appartamento affittato appositamente per loro e per questa incredibile occasione.

Domenica 26 marzo 2017 alle ore 18.00 la formazione si esibirà presso il Teatrino di Palazzo Grassi per una serata aperta gratuitamente al pubblico all’insegna della musica e della condivisione, che spazierà tra generi ed epoche differenti toccando le corde della sensibilità di ciascun spettatore.

Il programma, immaginato appositamente per il pubblico veneziano, si intitola Venise au fil de l’eau e omaggia la città dei dogi proprio in occasione del suo compleanno il 25 marzo, giorno in cui, secondo la tradizione, ricorre la consacrazione della Chiesa di San Giacometo a Rialto nel 421. La prestigiosa selezione musicale proposta da Le Salon Idèal include alcuni brani di compositori come Luigi Rossi (1597 – 1653), Antonio Vivaldi (1678 – 1741), Felix Mendelssohn (1809 – 1847), Jules Massenet (1842 – 1912) e Franz Liszt (1811 – 1886), le cui opere intramontabili si alterneranno a pezzi jazz originali e a testi tratti dalla cultura sonora contemporanea.

Nato a Parigi nel gennaio 2015, Le Salon Idéal è un happening musicale concepito e organizzato dalla giornalista francese Arièle Butaux che coinvolge artisti di primo piano, provenienti da differenti ambiti sonori.
I concerti de LeSalon Idéal sono momenti intimi, in cui i musicisti e il pubblico si incontrano in un’atmosfera rilassata, lontani dall’ambiente formale delle sale da concerto. In questo “salotto ideale” gli artisti possono sperimentare liberamente, senza frontiere, lasciando spazio al confronto e alla contaminazione tra generi. Concerto dopo concerto, i protagonisti cercano di instaurare una relazione sempre più vicina e diretta con gli spettatori, in un contesto che ricorda quello di una famiglia riunita a suonare e ascoltare.

Classica, jazz e musical si incontrano quindi con nuovi arrangiamenti sorprendenti e personali all’interno di un programma inedito, concepito per essere inclusivo e non elitario in grado di spaziare tra diverse proposte storiche e contemporanee.

VENISE AU FIL DE L’EAU

Sabato 25 marzo, ore 17.00 – Tea Time Musicale
Riservato ai possessori della Membership Card di Palazzo Grassi – Punta della Dogana.
Per info e prenotazioni: membership@palazzograssi.it | +39 041 2401347 (Lun – Ven dalle 9.00 alle 15.00)

Domenica 26 marzo, ore 18.00 – Le Salon Idéal
Teatrino di Palazzo Grassi
Ingresso libero sino a esaurimento posti.

Formazione
Pierre-François Blanchard – pianoforte
Leslie Boulin Raulet – violino
Irina Gurevich de Baghy – soprano
Ismaël Margain – pianoforte e saxofono
Matteo Pastorino – clarinetto basso
Marion Rampal – cantante
Juliette Salmona – violoncello
Noëmi Waysfeld – cantante

Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.

www.palazzograssi.it

Arte a Milano – PASCALI SCIAMANO – Fondazione Carriero – Entrata libera il sabato o su appuntamento

Un palazzo di pregio del ‘400, ristrutturato da Gae Aulenti, dietro a San Babila, offre mostre di alto livello con entrata gratuita.

Un appuntamento da non perdere alla  Fondazione Carriero (l’unico spazio per l’Arte Contemporanea non dedicato alla vendita in centro Milano ed a ingresso sempre gratuito).

PASCALI SCIAMANO

A cura di Francesco Stocchi
venerdì 24 marzo 2017 – sabato 24 giugno 2017
Opening: giovedì 23 marzo ore 19:00

rsvp: press@paolamanfredi.com

Numerosi laboratori didattici gratuiti; anche per i bimbi più piccoli.

Nella foto di copertina: Pino Pascali vestito di rafia fotografato nel suo studio, 1968. Foto Andrea Taverna.
Courtesy Fabio Sargentini – Archivio L’Attico

Fondazione Carriero è lieta di presentare da venerdì 24 marzo 2017 sino a sabato 24 giugno 2017 la mostra Pascali Sciamano a cura di Francesco Stocchi, una nuova esposizione prodotta e organizzata dalla Fondazione per gli spazi di Casa Parravicini, in collaborazione con la Fondazione Pino Pascali.

L’esposizione presenterà il lavoro dell’artista Pino Pascali (Bari, 1935 – Roma, 1968) in dialogo con testimonianze di arte e artigianato africano, con il desiderio di esplorare la produzione scultorea di Pascali.

Pascali Sciamano si inserisce coerentemente nel percorso iniziato dalla Fondazione Carriero con imaginarii (settembre 2015), FONTANA • LEONCILLO Forma della materia (aprile 2016) e Fasi Lunari (ottobre 2016), mostre il cui punto cardine è l’approccio curatoriale dialogico e la tensione costante verso ricerca e sperimentazione.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo edito da Fondazione Carriero.

INFORMAZIONI PRATICHE

Mostra
PASCALI SCIAMANO
a cura di Francesco Stocchi
dal 24 marzo 2017 al 24 giugno 2017

Fondazione Carriero
via Cino del Duca 4 – 20122 Milano
Orario: aperto tutti i giorni su appuntamento
Sabato accesso libero dalle 11:00 alle 18:00
Domenica chiuso

Informazioni e prenotazioni
info@fondazionecarriero.org
+39 02 36747039

Cultura a Milano – Progetto Di Casa in Casa – QUATTRO CASE MUSEO PER UNA CITTÀ

DI CASA IN CASA

QUATTRO CASE MUSEO PER UNA CITTÀ

Le quattro case museo di Milano

– Museo Bagatti Valsecchi, Casa Boschi di Stefano, Villa Necchi Campiglio e Museo Poldi Pezzoli, in partenariato con la Fondazione Adolfo Pini e il suo progetto Storie Milanesi

presentano la nuova iniziativa Di Casa in Casa, realizzata grazie al contributo di Fondazione Cariplo per il bando “Cultura e aree urbane”, in collaborazione con il Comune di Milano.

“Dopo il grande successo di Museocity che ha spalancato le porte di tante case museo, atelier d’artista e musei d’impresa, svelando a cittadini e turisti luoghi e collezioni ‘nascoste’ e ignote ai più, questo nuovo progetto ci porta alla scoperta di quattro case museo milanesi che hanno trovato modi nuovi per proporsi al pubblico, anche a quello più giovane, con un ventaglio di opportunità: dalle più tradizionali e sempre apprezzate visite guidate al digitale e interattivo chatbot game.

Una vera e propria caccia al tesoro che ci accompagna in giro per la città mostrandoci percorsi inediti e nuovi itinerari nel segno della bellezza”, dichiara l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

Il progetto Di Casa in Casa, una passeggiata tra gli affascinanti quartieri di Milano, che ci permette di conoscere la città in modo diverso, propone itinerari integrati che uniscono temi artistici e architettonici alle esigenze del nuovo turismo milanese e internazionale, promuovendo una più aggiornata diffusione delle tradizioni culturali e produttive ambrosiane.

A disposizione del pubblico vi sono diverse modalità di fruizione: consultando in autonomia il sito internet o partecipando a visite guidate organizzate o, per gli utenti più giovani, utilizzando l’avventura digitale del chatbot game.

Il visitatore, collegandosi al nuovo sito casemuseo.it – realizzato dalla web agency Beecreative, totalmente rinnovato nei contenuti e con una nuova veste grafica accattivante e ricca di immagini – e consultando la mappa geolocalizzata Di Casa in Casa, può scegliere uno dei percorsi tematici proposti, ideati da Stefano Zuffi, individuando la zona di Milano, la durata della visita e la tipologia, tra architettura, arte, artigianato, bambini, design, gusto e musei.

Le quattro istituzioni museali propongono quindi una prima selezione di eccellenze cittadine, negozi, botteghe storiche, gallerie d’arte e ristoranti...inseriti in tredici percorsi, quali ad esempio: tra Manzoni e Verdi, alla scoperta della letteratura e della musica milanese; dimore e giardini, il cuore verde di Milano; design nella Milano del Novecento; percorsi dedicati alle famiglie con bambini, come Passeggiare con i bimbi.

Si tratta di una serie di percorsi inediti, che uniscono la cultura alla tradizione, la creatività artistica a quella artigianale, la grande architettura urbana all’area verde, permettendo ai visitatori di diverse fasce di età di orientarsi con consapevolezza tra le offerte culturali della città in tema di arte e musica, ma anche in ambiti commerciali legati ad esempio al design, al cibo, all’educazione.

Inoltre, il visitatore può scegliere di essere accompagnato grazie ad un programma di visite guidate realizzato da Art in the City: con cadenza mensile, questi itinerari narrati hanno l’obiettivo di valorizzare i nessi e i rimandi che legano le quattro case museo tra di loro e alle diverse realtà storiche e di quartiere, con la possibilità di offrire i percorsi anche in lingua inglese per i turisti.

Gli itinerari alla scoperta della città di Milano si arricchiscono con i percorsi proposti da Storie milanesi, un progetto della Fondazione Adolfo Pini, complementare a Di Casa in Casa.

La piattaforma digitale storiemilanesi.org, lanciata nel 2014, è consultabile sia in italiano sia in inglese, con diverse chiavi di lettura e filtri tematici che consentono di scoprire 15 case museo, atelier d’artista, studi di architetti e designer e i loro quartieri.

I personaggi di Storie Milanesi trovano voce nei racconti scritti da Gianni Biondillo, fruibili anche attraverso l’ascolto. Numerosi gli approfondimenti storici, culturali e architettonici che accompagnano il viaggiatore in un percorso urbano inedito per guardare alla città, ai suoi quartieri, con lo sguardo di quei cittadini che hanno lasciato un patrimonio di cultura, di saperi e di bellezza.

Una grande novità del progetto Di Casa in Casa, che conferisce alla rete delle case museo un vero e proprio primato in ambito di didattica museale, è il chatbot game messo a punto da InvisibleStudio: un gioco articolato su quattro itinerari, uno per ciascuna casa museo, in cui un personaggio virtuale dialoga con i visitatori tramite l’app Facebook Messenger. Chiamati a risolvere enigmi relativi alle dimore e alla porzione di città in cui si trovano, gli utenti sono coinvolti attraverso un meccanismo serrato di domanda e risposta che li attira in un territorio di connessioni e rimandi. Il gioco è rivolto al pubblico dei più giovani, invitandolo all’osservazione attenta delle case museo e dei luoghi della città.

Il progetto è inoltre arricchito da un breve documentario, a cura di TVN Mediagroup, con la voce narrante di Lella Costa, e da un trailer che verrà diffuso nei cinema del circuito Spazio Cinema e negli spazi del Comune.

Anche la grafica del circuito case museo di Milano è stata rinnovata a cura di MStudio ed è coordinata con il sito, i materiali promozionali e il video.

Il circuito delle quattro case museo di Milano è ora anche presente sui canali social Facebook e Instagram, che vedono la collaborazione di Esterni per la promozione del progetto.

Importante: ora è possibile acquistare on line la Casa museo card al costo di 20 euro intero e di 10 euro ridotto, che consente l’ingresso nella quattro dimore, con la validità di un anno.


Fondazione Artistica Poldi Pezzoli «Onlus»

Museo: Via A. Manzoni, 12 – 20121 Milano
Centralino: 02 45473800
Fax: 02 45473811 www.museopoldipezzoli.it
P.IVA 04265690158 CF 80068270158
Orari apertura museo:
da mercoledì a lunedì ore 10.00 – 18.00 orario continuato. MARTEDI’ CHIUSO.

Seguici su
Follow us on
Facebook: Museo Poldi Pezzoli
Twitter: @PoldiPezzoli

DonnE…Cultura