VACANZE autunnali e invernali IN NAMIBIA O A TEHERAN

VOLARE A TEHERAN E IN NAMIBIA con i nuovi voli KLM dal 30 ottobre 2016

——————————————

LA NAMIBIA UNA DESTINAZIONE CHE MERITA UNA VACANZA; SICURA E NON TROPPO COSTOSA, SE VI ORGANIZZERETE CON AUTO A NOLEGGIO, O VACANZA LUSSUOSA NEI LODGE DA SOGNO TRA GLI ANIMALI DELL’AFRICA

KLM sbarca in Namibia

Dal 30 ottobre 2016 KLM Royal Dutch Airlines amplierà il suo network per l’Africa con l’introduzione della destinazione di Windhoek, in Namibia. Gli orari degli attuali tre voli per Luanda, in Angola, saranno leggermente modificati in modo da consentire il raggiungimento di Windhoek e il ritorno dopo una breve sosta.

I voli per Luanda e Windhoek saranno effettuati con Airbus A330-200 dotato di 243 posti. Il volo KL0575 partirà il martedì, il venerdì e la domenica alle ore 22:45 da Amsterdam e arriverà a Luanda il giorno successivo alle ore 07:30 (ora locale). Alle ore 08:45 (ora locale) proseguirà il suo tragitto verso Windhoek, dove arriverà alle ore 12:15 (ora locale). Il volo di ritorno, KL0576, partirà il mercoledì, il sabato e il lunedì da Windhoek alle ore 17:40 (ora locale) e atterrerà a Luanda alle ore 19:15 (ora locale). Ripartirà quindi da Luanda alle ore 20:40 (ora locale) per raggiungere Amsterdam il giorno successivo alle ore 05:20.

— Il nuovo volo offrirà ottime coincidenze da tutti e sette gli aeroporti italiani serviti da KLM (Torino, Milano Linate, Venezia, Genova, Bologna, Firenze e Roma Fiumicino).

La Namibia è un paese molto stabile dal punto di vista economico e politico.

Le sue ricchezze naturali di incomparabile bellezza attirano moltissimi ecoturisti di alto profilo.

Sul suo territorio è possibile ammirare le dune sabbiose del Deserto del Namib (il più antico al mondo), riserve naturali e spiagge mozzafiato.

L’estate, in Namibia, coincide con la nostra stagione invernale.

La capitale del paese è Windhoek, una città ricca di verde ma sorprendentemente moderna situata nel bel mezzo del deserto, che offre un’ampia varietà di esperienze culturali e culinarie. Questa vivace città africana riserva, inoltre, anche straordinarie sorprese agli amanti dello shopping.

l paesaggio è il bene naturale per definizione della Namibia: vasto, infinito, spettacolare…

——————————————

KLM ripristina i voli per Teheran

Informazioni e foto sull’Iran al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8328

A partire dal 30 ottobre 2016 KLM Royal Dutch Airlines ripristinerà i voli verso la capitale iraniana Teheran.

Dal 30 ottobre 2016, il volo KL0433 partirà da Amsterdam alle 17:40 il martedì, il giovedì, il venerdì e la domenica, con arrivo a Teheran alle 01:20 (ora locale). Il volo di ritorno, KL0434, partirà da Teheran alle 03:20 (ora locale), con arrivo ad Amsterdam alle 06:45. Il nuovo volo offrirà ottime coincidenze da tutti e sette gli aeroporti italiani serviti da KLM (Torino, Milano Linate, Venezia, Genova, Bologna, Firenze e Roma Fiumicino).

I voli saranno operati con un Boeing 777-200. Grazie alle tre diverse classi di viaggio proposte a bordo, KLM sarà in grado di rispondere a tutte le esigenze dei passeggeri: 34 posti in World Business Class, 40 posti in Economy Comfort e 242 posti in Economy.

— I posti della classe Economy Comfort offrono 10 cm di spazio in più per le gambe e raddoppiano l’inclinazione dei sedili rispetto ai posti della classe Economy. I passeggeri della classe Economy Comfort possono inoltre usufruire dello sbarco prioritario.

A proposito di Teheran

I nuovi voli offrono inoltre opportunità a livello turistico.

L’Iran presenta un panorama culturale molto ricco, con un mix di elementi antichi e moderni, e vanta ben 21 siti dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Gli edifici simbolo di Teheran sono la Torre Azadi (costruita durante l’era Pahlavi), la Torre Borj-e Milad e il Ponte Tabiat; da non perdere anche il bazar, nella zona sud della città. Tra i luoghi di maggiore interesse culturale della città figurano il Museo di Arte Moderna di Teheran, il Museo Nazionale, il Palazzo del Golestan, in cui è esposto il Trono del Pavone, il Complesso del Palazzo Sa’adabad e il Palazzo Niavaran.

VIAGGIO IN INDONESIA – Non è più necessario il visto per i cittadini italiani

Basta il passaporto valido per 6 mesi ed i cittadini italiani possono rimanere in Indonesia per 30 giorni; rinnovabili per altri 30.

Un motivo in più per conoscere un paese dalle mille culture, una splendida natura e Bali un mito per molti viaggiatori.

672 Bali alba con palme e vulcano ok

Bali Danze 1

Bali Ubud particolare tempio qm

Bali Ubud 450 danza ok ok x

Bali Ubud casa di ritrovo pubblica szm

BALI PERSONA AN

Bali danze bn

Bali Bulgari tramonto viola 38s

Bali bulgari 87n

Bali spa nhs

Bali Bulgari 4 s

Bali 450 mare Nusa Dua penisola sud est

Bali 672 funerale preghuere collettive fk

Bali e Lombok; informazioni e foto:

http://www.donnecultura.eu/?p=16573

http://www.donnecultura.eu/?p=9746

http://www.donnecultura.eu/?p=18349

http://www.donnecultura.eu/?p=9889

http://www.donnecultura.eu/?p=17279

http://www.donnecultura.eu/?p=10555

DONNE NEL MONDO – PER LE KIRGHIZE TORNA IL MATRIMONIO CON RAPIMENTO

TANTI PASSI INDIETRO NELLA STORIA DELL’EVOLUZIONE DELLE DONNE ….

La vecchia Unione Sovietica aveva fatto piazza pulita delle religioni e anche dei riti della popolazione kirghiza per il matrimonio.

Le donne non venivano più rapite e potevano studiare sino all’università.

Dopo la caduta del Muro di Berlino, le popolazioni dell’ex Unione Sovietica sono tornate ai loro usi e costumi tradizionali.

I kirghizi, ma non solo, hanno ripreso le loro tradizioni mussulmane ed è tornato in vigore il rapimento come mezzo per arrivare al matrimonio; anche se la donna non è consenziente.

UN BEL PASSO INDIETRO NELLA STORIA DELL’EVOLUZIONE DELLE DONNE ….

In alcune zone dell’ex Unione Sovietica si è tornati addirittura alla POLIGAMIA !!!

Libro da leggere durante il fine settimana – ” La luce dei giorni ” di Jay McInerney

Jay McInerney è un notissimo scrittore innamorato di New York e che la racconta dagli anni ’80.

Della  sua  amata città dice: “Sono attratto da New York come la falena dalla fiamma”. Abilissimo americano in carriera.

Da leggere se volete immergervi nell’atmosfera americana; ottimo libro per distrarsi dal quotidiano.

L’autore sarà presente al Festivaletteratura di Mantova il 10 settembre e al Festival della Comunicazione di Camogli, ma anche in altre località italiane  dal 9 all’11 settembre 2016.

Corrine e Russell, coppia matura con gemelli adolescenti, lei vede tornare in scena l’amante con cui aveva vissuto una storia appassionata; lui rischia troppo pubblicando un falso memoir di guerra.

I figli si ribellano, li spiano.

Gli amici divorziano, tanti uomini che cercano una seconda giovinezza.

Una città che cambia pelle, costringendo i suoiabitanti fare lo stesso.

Due note; una d’amarezza e l’altra di speranza pongono fine alla trilogia iniziata con ” Si spengono le luci ” e proseguita con ” Good Life “.

Jay McInerney, editore Bompiani, Nostro prezzo: € 17.00 da http://www.libreriauniversitaria.it/luce-giorni-mcinerney-jay-bompiani/libro/9788845282201

Teatro a Milano – Spazio Teatro NO’HMA T

Un teatro da conoscere, un teatro da frequentare dalla prossima stagione; l’unica Onlus – Teatro.

Dal sito di Spazio Teatro NO’HMA:

Occhi chiusi. Occhi che non vedono più. Che non sono più curiosi. Che non si aspettano che accada più niente. Forse perché non credono che la bellezza esista. Ma sul deserto delle nostre strade Lei passa, rompendo il finito limite e riempiendo i nostri occhi di infinito desiderio. (Pier Paolo Pasolini)

Per informazioni sugli spettacoli
tel. 02 454 850 85 / 02 266 883 69 dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30
fax 02 266 819 32
nohma@nohma.it

http://www.nohma.it

Per informazioni sul Premio Internazionale Teresa Pomodoro per il Teatro dell’Inclusione
Spazio Teatro NO’HMA Teresa Pomodoro
Via Andrea Orcagna, 2 – 20131 Milano – Tel +39 02.45485085 / 02 26688369
premiointernazionale@nohma.it

VIAGGIO DA NON PERDERE: PANAMA FOTO E INFORMAZIONI.

Un Paese che ci ha affascinato più del Costa Rica.

Meravigliose spiagge e impressionate natura; balene, tartarughe, rari uccelli dalle piume dorate…

UN RAPPORTO QUALITA’ PREZZO MOLTO VANTAGGIOSO.

Panama 672 Contadora mareIMAG4426_BURST001

Panama 672 aereo viaggi ok Contadora MAG4528

Isola di Contadora.

PANAMA  300 IMG_0441

Cascata di Boquete.

PANAMA orchidee  fiori IMG_0739

 Orchidea della FINCA DRACULA; il miglior luogo dove vedere orchidee rare al mondo. In questa zona ne crescono 2.000 specie.

PANAMA 300 guida IMG_0515

Boquete.

PANAMA 450 IMG_0402

PANAMA foresta passerella  IMG_0318

PANAMA 300 IMG_0513

 Boquete.

Panama  canale IMAG4321

Il Canale di Panama dal treno.

Panama IMAG4280

Panama città.

Panama IMAG4319

Antico treno che porta i viaggiatori lungo il canale.

Panama IMAG4322

 

Panama IMAG4317_BURST001

Panama IMAG4576

Panama, chiesa.

PANAMA  IMG_9716

Panama la città vecchia; parzialmente ristrutturata.

Panama MAG4245_BURST001

Panama città vecchia.

Panama IMAG4249

 Panama Colon IMAG4387

Storico albergo a Colon, alla fine del Canale sul lato dell’Oceano Atlantico.

Panama cibo IMAG4209

Panama Contadora aereo IMAG4570

PANAMA  IMG_9815

PANAMA  IMG_9930

Panama IMAG4250

Città di Panama

Panama IMAG4277

PANAMA balena megattera IMG_0071

Balena a Contadora.

PANAMA  672 quezal uccello IMG_0469

Il rarissimo Queztal.

Informazioni generiche su Panama:
tutte le informazioni che possono interessare il turista: www.atp.gob.pa
-telefono dall’Italia 00507
-due stagioni ( 26-30° e oltre, umido durante la stagione delle piogge):
secca da gennaio ad aprile (Boquete a gennaio gode del clima migliore, comunque qui sempre eccellente, con splendidi arcobaleni, in città e lungo la costa del Pacifico fa molto caldo)
umida negli altri mesi, con una diminuzione consistente delle piogge a settembre; comunque il clima è tropicale ed alle piogge si alternano, nella medesima giornata, ore di sole e fa meno caldo che durante il periodo secco.
lingua: spagnolo, ma molti parlano anche inglese
moneta: il dollaro americano è accettato ovunque ed ha un valore identico alla moneta locale
mance: se non sono comprese nel prezzo (servizio) è bene lasciare un 10%
tasse: come negli USA, al prezzo dichiarato si devono sempre aggiungere le tasse
patente: per 90 giorni si può guidare con la patente italiana
assicurazione: ogni turista gode di una assicurazione GRATUITA
ospedali: gli ospedali di eccellente livello sono numerosi, Clinca Paitilla, Clinica San Fernando, Hospital Nacional e Hospital Punta Pacifica
ambulanze: 236-6060
elettricità: PORTARE GLI ADATTATORI PER GLI USA, 110 volts, nessun problema con i dispositivi elettronici se si porta l’adattatore.
-PANAMA CITTA': trasporto gratuito dal vostro hotel al centro commerciale Multiplaza e Metromall di Panama: telefono 222-8210, 6613-4694
-I pensionati a Panama godono di molti privilegi: sconti sull’elettricità, poche tasse, speciali trattamenti nelle banche, l’Italia gode di vie preferenziali per la richiesta di residenza.
Vedi altre informazioni per i pensionati al link:

Partenza 19 settembre, ritorno il 5 ottobre 2014, (per Panama è bassa stagione, settembre è il mese della stagione delle piogge nel quale le precipitazioni sono abbastanza ridotte; noi ci siamo trovati bene).
Volo Malpensa Panama: 650 euro.
Siamo partiti da Milano Malpensa alle 10 a.m., con un volo American Airlines diretto a New York.
Arrivati a N.Y. all’aeroporto J.F.K. nel pomeriggio, abbiamo raggiunto l’albergo con i mezzi pubblici: Air Train e poi metropolitana.
Albergo: World Center Hotel (144 Woshington Street, www.wordcenterhotel.com; con vista spettacolare su Ground Zero (L’hotel è esattamente di fronte alle fontane) e grattacieli intorno, prenotato con Booking.com. Due persone con cucina e salottino per eventuale terza persona: 200 euro (camera più piccola 150 euro).
L’abbiamo scelto perché centralissimo e vicinissimo ad un ottimo ristorante e ad un ottimo posto per la prima colazione all’americana: tutto entro 30 metri.
Inoltre, l’albergo dista 200 metri (2 strade) dal Century 21; dove si acquista tutto a prezzi eccellenti. Per esempio un set completo per trucco Elizabeth Arden a 20 dollari (matite, fard, rossetti, pennelli in bella scatola con cassettino), principali marche di vestiario scontate del 70 % anche 80.
La cena era programmata al MORTON’S THE STEAK HOUSE, appena usciti dall’ingresso dell’albergo a sinistra la porta vicina. Ristorante elegante. Attenzione perché il ristorante chiude alle 21,30.
Il mattino successivo colazione da BILL?S BAR & BURGER, DI FIANCO ALL’HOTEL: VERA, NOSTRANA CUCINA USA: PAN CAKES E HABURGHER MEGA UOVA E PANCETTA CROCCANTE
Poi siamo partiti per l’aeroporto di Newark con un auto a noleggio prenotata in anticipo via internet con Carmel www.CarmelLimo.com per 70 dollari mancia, tasse, pedaggi compresi.
Volo per Atlanta, sosta in aeroporto in attesa del volo con pranzo a base di prime ribe, tipicamente americano: costolette di maiale in una salsa deliziosa.
Arrivati a Panama abbiamo preso un taxi bianco, quelli segnalati dalle guide, spendendo più del doppio rispetto ai taxi gialli; che negli ultimi anni sono controllati e sicurissimi.
Per muoverci in città poi useremo sempre il taxi giallo del conduttore più simpatico della città, scoprendo così ch eu taxi gialli sono molto meno cari, ma altrettanto sicuri a differenza di quanto dicono tutte le guide che abbiamo letto (Lonely e National Geographic; ultimamente la politica turistica ha permesso l’eliminazione dei tassisti abusivi e poco sicuri.
AVIER e tel 00507 6870 9036: con lui spendevamo circa 6 dollari per ogni spostamento, 25 per andare all’aeroporto internazionale.

Per dormire, abbiamo scelto il Novotel, prenotato con Booking com, 5 stelle, a 55 euro la doppia, per notte, con prima colazione (non eccellente), ma avevamo una bellissima grande camera comoda con due grandi letti.
Da questo hotel si può camminare a piedi, anche in piena notte, per raggiungere il vicino ristorante El Prado, ottimo rapporto qualità prezzo, frequentato dai locali; ottimo pesce, ma non solo.
La mattina ci siamo diretti, a piedi, verso il Mercado del Mariscos: mercato del pesce.
Dal mercato, con una breve passeggiata lungo l’oceano, abbiamo raggiunto il centro antico.
Visita del centro, ben ristrutturato, foto e caffè italiano.
Al ritorno, affamati, ci siamo fermati in due dei ristorantini intorno al mercato del pesce (Mercado de Mariscos, via Cinta Costera,) per gustare i piatti locali: “cevice” (pesce crudo nel lime e cipolla) poi due pesci alla piastra: ottimi.
All’albergo ci aspettava il nostro autista per portarci a visitare la foresta vergine Metropolitana: niente di speciale, se avete già visto le foreste tropicali; ma è speciale la vista dei grattacieli della città incorniciata dalle piante della foresta.
il giorno successivo lo abbiamo interamente dedicato al viaggio con l’antica ferrovia che costeggia il canale. Ci siamo fatti portare per le 7,30 alla stazione dal nostro taxi e abbiamo acquistato i biglietti, circa 36 dollari per tratta e per persona.
Il viaggio sulle antiche carrozze permette di vedere tutto il canale e la sua lussureggiante vegetazione. Si deve precisare che non è consigliabile camminare, anche in pieno giorno, nelle strade di Colon, se non si è panamensi.
All’arrivo avevamo chiesto all’autista del vicino hotel Melià di venirci a prendere con l’auto e così abbiamo conosciuto una persona che ci ha raccontato tutto quello che volevamo sapere della zona e della struttura che oggi, in piccola parte è hotel, ma che fu scuola militare americana.
La Scuola delle Americhe (SOA). Nei suoi 56 anni di vita ha insegnato a più di 60.000 soldati latinoamericani: tecniche di repressione, di guerra d’assalto e psicologica, di spionaggio militare e tattiche per gli interrogatori. La storia, purtroppo, ci racconta che centinaia di migliaia di latinoamericani sono stati torturati, stuprati, assassinati, “fatti sparire”, massacrati e obbligati a fuggire ad opera dei “diplomati” presso la SOA. 
La Scuola fu istituita inizialmente a Panama nel 1946 e cacciata dal paese nel 1984 seguendo le condizioni del Trattato del Canale di Panama. Questi “diplomati” hanno spesso utilizzato le loro abilità per intraprendere una guerra contro la loro stessa gente. Qui hanno studiato: Manuel Noriega, Juan Francisco Velasco Alvarado, Roberto Eduardo Viola Prevedini e molti altri.
Dell’antica struttura rimangono ancora edifici abbandonati o ben ristrutturati, come l’hotel Melià che, seppur un poco datato, mantiene il fascino dei vecchi alberghi dei veri viaggiatori.
Un giorno in hotel con uso delle piscine e degli spogliatoi immersi in un giardino spettacolare, pranzo a buffet compreso, ci è costato 36 dollari a testa; una pausa che abbiamo molto apprezzato anche per il magnifico giardino dell’albergo con affaccio sul lago dove si possono fare escursioni, praticare la canoa ecc..
Al ritorno, senza pagare alcun supplemento, l’autista ci ha portato a visitare rapidamente la città di Colon, non raccomandabile ai turisti solitari, meglio in auto .
Abbiamo visitato il vecchio e glorioso hotel Washington, un poco decaduto, ma sempre bello.
Il taxi ci ha mostrato anche la zona tax free, qui si trova di tutto, senza tasse.
Una signora locale conosciuta in aereo ci ha poi raccomandato di farvi gli acquisti, tutto molto scontato.
Qui i prezzi sono ancora più economici che negli outlet statunitensi: si trova tutto, dall’abbigliamento alle macchine fotografiche agli orologi delle marche più prestigiose, tutto esente dalle tasse.
Al ritorno; cena, riposo e partenza per l’isola di Contadora in aereo. Prenotato precedentemente via internet, costo: 120 euro, tasse comprese.
Volo con piccolissimo aereo, dopo una lunga attesa, atterraggio su altra isola (non previsto), panorama mozzafiato sulle isole.
A Contadora abbiamo sbagliato completamente il luogo dove dormire. Seguendo i suggerimenti della Lonely Planet e di Trip Advisor abbiamo prenotato Casa del Solo: non fatelo ! Il secondo letto era più simile ad una cuccia per cani che a un letto per una persona. L’aria condizionata non era regolabile: o freddo gelido o caldo soffocante.
Le pale al soffitto, bassissimo, hanno causato una forte faringite con forzata sosta a letto per 2 giorni!.
Per soli 15 dollari in più, il bellissimo ed elegante Hotel Romantica, direttamente sulla spiaggia, ci offriva una bella ampia camera con aria condizionata ben funzionante !!
Omar 00507 694 08 771 è stato il nostro punto forte a Contadora: bravissimo nocchiere ci ha portato a visitare tutte le isole più vicine con la sua barca.
Grazie a lui abbiamo sempre visto le balene, pescato ottimi pesci, anche il, qui raro, wahoo (buonissimo a tavola); che poi abbiamo mangiato ottimamente cucinato da un ristorante locale raccomandato da Omar (sull’angolo di fianco alla sede della compagnia area, sopra Isla del Pacifico supermercato)
Uscite in barca a 40 dollari l’ora per 2 persone. Omar tel
Il miglior ristorante dell’isola è il Ricon, in centro vicino alla stazione della polizia.
Ottimo anche il ristorante dell’hotel La Romantica.
Nota su Contadora, se siete allergici alla puntura degli insetti, microscopici, che abbondano sull’isola, potreste soffrire parecchio. Pungono anche con il repellente; portate medicine adeguate per combattere l’allergia e per togliere il dolore.
CONTADORA
www.visitcontadoraisland.com
info@contadoraisland.com
Dormire:
Villa Romantica: sulla spiaggia, brezza costante nella stagione umida (maggio-dicembre), ottimo servizio, belle camere. Prezzi speciali in bassa stagione, buono il ristorante; contadora@villa-romantica,com www.contadora-villa-romantica.com
Più economica, al centro dell’isola: Hotel Hibiscus per 32 persone 95 dollari più 10% tasse con colazione ricca di frutta tel +507-6781-1638 (che vanno sempre aggiunte a qualunque prezzo), qui abbiamo trovato un’auto elettrica per 50 dollari al giorno.
Partiti da Contadora, dall’aereo abbiamo fatto delle splendide foto alle isole sottostanti.
All’aeroporto dei voli nazionali di Panama, ci siamo recati all’ufficio della compagnia Thrifty, con la quale avevamo prenotato un’auto dall’Italia.
La compagnia si è rivelata efficientissima; personale educato e sollecito.
Non disponendo dell’auto che avevamo prenotato, l’hanno subito sostituita con una di categoria superiore al medesimo prezzo: fantastico.
Spesa totale: 310 dollari.
La benzina costa 1 dollaro al litro.
In due ore di auto abbiamo raggiunto la località montana di El Valle: famoso centro di soggiorno per panamensi benestanti con villa privata.
E’ subito evidente l’immensa distanza tra i grandi suv e jeep e le povere bici dei locali.
Il paese non offre molto, la cascata è famosa, soprattutto per la possibilità di sorvolarla appesi a una fune. All’entrata abbiamo pagato anche per fare il bagno, ma non era sotto la cascata, solo un bacino artificiale vicino: non ci è piaciuto e abbiamo rinunciato.
Anche la cascata, se siete abituati alle cascate delle foreste tropicali con bagno nella pozza sottostante, non vi sembrerà meritevole della sosta.
Abbiamo invece apprezzato la possibilità di alloggiare nel luogo dove sorgeva un antico albergo, ancora oggi gestito da una famiglia locale.
Situato in un gradevole contesto naturale, ai piedi della montagna, dalle finestre è possibile vedere e fotografare uccelli e un’uscita notturna, con torcia e attenzione, vi farà scoprire la famosa rana dorata, tipica di questa zona e salvata dall’estinzione proprio dalla famiglia proprietaria dell’albergo.
Anni fa queste rane furono vittime di un’aggressione di funghi chiodini che le stava sterminando. I proprietari dell’albergo misero a disposizione delle stanze per salvare le rane.
L’albergo antico è stato distrutto e ora si alloggia in grandi, semplici, camere dotate dei confort necessari.
Se volete il lusso, lo troverete altrove.
Dopo El Valle, con un viaggio sulla Panamericana di 4 ore, abbiamo raggiunto la torrida città di David.
Da qui abbiamo proseguito per Boquete, famosa località di montagna.
Boquete si è rivelata essere una delle più ambite mete dove trascorrere la pensione per gli americani.
Molto meno cara degli USA, dotata di un clima abbastanza fresco tutto l’anno; solo nelle ore centrali del giorno, in centro città si può soffrire un poco il caldo nei mesi delle piogge. mentre in estate, dal nostro gennaio, il cielo è terso e soffia sempre una gradevole brezza.
Gennaio è il mese migliore per visitare Boquete, il cielo terso permette di vedere la cima del vulcano BARÚ e numerosissimi arcobaleni.
Le sistemazioni sono alla portata di tutte le tasche dall’economico a 10 euro a notte, in bassa stagione, ma in centro dove fa caldo e senza aria condizionata, sino agli alberghi con spa.
Per fermarsi a lungo è consigliabile parlare con la gente che vi abita; se vi accontentate potrete trovare alloggio con cucina anche a 100 euro al mese, in località Vulcancito, dove non fa mai caldo, ma nemmeno mai freddo. Ben collegata con la città con i bus e gli economici taxi.
Ottima la frutta tropicale che si acquista nei negozi o al mercato.
Non manca un supermercato fornitissimo che offre tutti i prodotti di marca degli USA, ma anche pasta italiana e sugo Mutti a prezzi alti.
Numerosi e vari i luoghi dove mangiare. A noi è piaciuto il ristorante peruviano Machu Pichu; ottimi pesce, carne e zuppe.
Economico e senza pretese il self service locale denominato Duran. Lo trovate in centro, non lontano dalla piazza principale dove si affaccia il miglior bar; qui l’aria condizionata permette una gradevole sosta nelle ore più calde, il caffè Moccacito è delizioso come i pochi, ma gustosi dolci. Qui trovate anche il famoso caffè qualità DURAN, assai raro e considerato il migliore al mondo.
Passato il ponte sul fiume, girando a sinistra trovate il negozio che vende piante e orchidee accanto ad un giardino eclettico. Qui ha sede la famosa fiera delle orchidee che si tiene a Boquete ogni anno durante il mese di aprile.
Noi abbiamo alloggiato al B&B Palo Alto (85 dollari la camera doppia con colazione in bassa stagione), sulla strada per palo Alto a circa due chilometri dal centro della città di Boquete.
Lo consigliamo perché non è facile trovare un servizio tanto efficiente e delle camere tanto funzionali e gradevoli in un giardino che, da solo meriterebbe la sosta.
La colazione del mattino viene servita di fronte ad un magnifico scenario naturale. uova, salsicce, frutta tropicale, yogurt, pane tostato e corn flakes, succo di frutta esotica e caffè. Qui l’ultima mattina abbiamo mangiato i migliori pan
cakes della nostra vita, cucinati dalla padrona della struttura; fantastici !
I dintorni di Boquete offrono la possibilità di camminate di ogni tipo; dalla più impegnativa, sino alla bocca del vulcano, alle altre non meno faticose alla ricerca del mitico uccello Quetzal; che noi abbiamo avuto la fortuna di fotografare, grazie alla nostra bravissima guida Edoardo tel 00507 6601 6479.
Le passeggiate nella foresta richiedono un’adeguata attrezzatura, ma soprattutto sconsigliamo di avventurarsi da soli in quanto i pericoli sono più numerosi di quanto un profano si aspetti. Ma chiunque può fare delle belle passeggiate all’aria buona intorno alla città.
Le guide hanno sempre con loro i vari sieri contro i morsi dei serpenti, che sono abbastanza rari.
Solo per chi va a cavallo le possibilità di morsi di serpenti aumentano. Il movimento delle braccia che sfiorano i rami degli alberi li spaventa e un serpente, che salta, attacca alle gambe; non servono scarponi, attacca alla coscia.
In ogni caso nella zona ci sono molto meno serpenti che in altre località con foresta tropicale, poiché nelle circostanti piantagioni di caffè viene sparsa una sostanza che li tiene lontani.
Comunque esistono anche possibilità di fare anche n passeggiate non impegnative, fuori dalla città per respirare aria buona di montagna.
I ragazzi giovani arrivano a Boquete per praticare i soliti sport “estremi”; rafting, bike, arrampicate, uscite con mezzi motorizzati per spingersi nelle foreste; quest’ultimo un passatempo che a noi non piace perché inquina, anche per il rumore e non fa bene alla salute.
Molte sono ile zone intorno a Boquete dove gli americani, e non solo, hanno costruito grandi ville, giardini, campi da tennis e da golf.
Uno sport club esclusivo è a loro disposizione.
Nelle vicinanze di Boquete si trovano anche delle acque termali.
La destinazione più interessante, per noi, è stato l’orto botanico di Guadalupe, dopo Cerro Punta. Per raggiungerlo abbiamo dovuto rifare, parzialmente, la strada per David e poi, solo con l’auto del satellitare, siamo riusciti a trovare la strada perché non ci sono indicazioni di alcun genere.
Comunque partendo da David si spendono 36 dollari di taxi per raggiungere la Finca Dracula.
Il parco botanico FINCA DRACULA (il paradiso delle orchidee) , aperto dalle 8 alle 17 tutti i gironi, con visite guidate ben presentate da una ragazza molto competente in materia. 1 adulto e uno studente: 11 dollari, ma dopo avere sentito il profumo di vaniglia di alcune orchidee, avrei pagato qualunque cifra.
Il luogo è definito da molti, anche da noi, una delle più ricche serre di orchidee mai viste.
Qui si incontra il miglior clima al mondo per la crescita delle orchidee. Il nome Dracula proviene dal fatto che i fiori di molte di queste orchidee si aprano solo di notte.
Qui potete acquistare orchidee per pochi dollari, anche se vi sono specie rare che possono costare anche oltre 200 dollari.
Finca Dracula è uno dei più interessanti luoghi al mondo per vedere orchidee rare.
I mesi migliori vanno da aprile a maggio, con quest’ultimo come migliore in assoluto.
Alla Finca Dracula è possibile vedere molto altre piante che non siano orchidee, un bel laghetto e una cascatella.
Comunque siamo riusciti a fotografare diverse orchidee Diablo; scure con sfumature nere, sicuramente emozionanti per qualunque appassionato del genere.
Ma la cosa che ci ha più colpito è stato il persistente e delicatissimo profumo di vaniglia che aleggiava nell’aria; un profumo che mai avevamo sentito tanto intensamente.
Dopo un soggiorno di 3 giorni e le foto del rarissimo Queztal, abbiamo lasciato Boquete ci siamo diretti verso l’oceano Pacifico. Dopo David abbiamo deviato per
Las Lajas Beach; dove si trova Las Lajas Beach Resort www.laslajasbeachresort.com
La località deve ancora svilupparsi dal punto di vista turistico.
La spiaggia è immensa e circondata dalle palme.
Qui si vendono lotti di terreno a 20.000 dollari per 500 mq., ma in seconda linea rispetto alla spiaggia; considerato che la zona è molto calda e dove si deve edificare sono stati tagliati tutti gli alberi grandi, forse non è un affare, anche se la spiaggia è veramente affascinante: immensa e totalmente libera.
Una famosa scrittrice americana (Anna Markland) viene su questa spiaggia per rilassarsi e ispirarsi e non è difficile crederle.
Tornati sulla Panamericana, il viaggio prosegue con una certa lentezza a causa del traffico dei giorni feriali e dei grandiosi lavori in corso per raddoppiare la carreggiata.
L’idea di fermarci per una notte lungo l’oceano si rivela vincente.
Arriviamo all’hotel con tante ore di auto alle spalle, ma ci sentiamo subito meglio anche per la meravigliosa vista sull’oceano dalla nostra camera e la lunghissima e deserta spiaggia dove passeggiare.
L’hotel scelto è lo Sheraton, del quale abbiamo letto anche diverse relazioni negative.
Noi l’abbiamo scelto anche per il prezzo che abbiamo trovato su Booking.com; 130 dollari una camera con due grandi letti vista mare, pensione e bevande comprese per 2 persone.
Il buffet non è di quelli che si ricordano, ma comunque c’era tanta buona frutta e dell’ottima coda di toro veramente ben cucinata, i dolci non erano male, il resto non ci interessava.
Il numero delle piscine è notevole come la loro scenografia, ma a noi interessa il mare e così ci precipitiamo in spiaggia: lunghissima, sino all’orizzonte, completamente vuota, salvo le sdraio dell’albergo. Entrando nella parte dedicata agli sport d’acqua scopriamo che la canoa è gratis e ne approfittiamo subito; la corrente non è pericolosa.
Il mare è molto caldo e invita anche ad un bel bagno.
Le onde non sono eccessive, ma non è per nuotatori insicuri.
La sera abbiamo prenotato il ristorante giapponese, compreso nella pensione completa.
La scenografia all’entrata è molto elegante. Tutto il gruppo che ha prenotato viene fatto sedere attorno ad una piastra dove un cuoco locale si esibisce in alcuni giochi d’effetto, giusto per un villaggio turistico.
Non si è trattato di una cena in vero stile giapponese, né il cibo lo era, comunque era tutto commestibile e la gente che ci circondava è sembrata molto soddisfatta. Per noi si è trattato di fare qualcosa di diverso; comunque non eravamo interessati al buffet ,che per questa sera, era a base di piatti italiani.
La colazione del mattino l’abbiamo limitata a tanta frutta, caffè latte e corn flackes.
Poi ci siamo goduti ancora una bella nuotata in mare, anche se il rientro ha richiesto un minimo di attenzione, l’oceano va sempre rispettato ed è solo per chi sa veramente nuotare.
Partiti verso le 10 di mattina, ci siamo rifermati sull’oceano a un’ora da Panama città per ammirare un nuovo gruppo di condomini di lusso in prima fila sull’oceano. Posizione magnifica, grande eleganza e linearità di stile, splendide viste sulla spiaggia e sull’oceano.
Un vero ottimo investimento; a partire da 380,000 dollari per un’ampio bilocale all’ultimo piano con vista mozzafiato,
A Panama abbiamo riconsegnato l’auto a noleggio e con 2,50 dollari ci siamo fatti portare in taxi al ristorante vicino al nostro albergo, sempre il Novotel. Il ristorante, senza pretese, ma quasi sempre buono El Prado è raggiungibile, in piena sicurezza anche di notte camminando 5′ dal Novotel.
Quest’ultimo raccomandabilissimo; per la sua comoda ubicazione anche per raggiungere il nuovissimo ed efficiente metro; un ristorante per mangiare pollo si trova proprio di fronte all’albergo e qui i polli hanno ancora un sapore !
Un poco più avanti dall’hotel, in giornata si può anche raggiungere un altro luogo frequentato solo da locali, dove si può avere un pasto tipico panamense a pochi dollari.
La nostra vacanza è terminata con una partenza la mattina prestissimo con volo per Atlanta, poi volo per New York e quindi per Milano.
Abbiamo prenotato poco prima della partenza e quindi non avevamo molta scelta, non volendo spendere una grossa cifra per il solo volo, ma chi può prenotare con largo anticipo sicuramente troverà dei voli, se non più economici più comodi.
La prossima volta che torneremo a Panama, durante il soggiorno in città prenoteremo presso un’agenzia locale una giornata o due alle isole San Blas e trascorreremo qualche giorno in un albergo a palafitte sul mare sull’arcpelago Bocas del Toro ( tiotomsguesthouse.com Isla Bastimentos; careeningeay.com, www.farodelcolibri.com, , se avremo tempo anche altri giorni nel selvaggio Darien, ma solo con una buona guida (tour organizzati da 4 gg a 6gg. tel. 00507 3958 165 39 Eco Adventure tel locale: 6655-0984; per la pesca d’altura: tel.00507 3467 162 7 Deep Sea Fishing; per bird watching tel 00507 3571 163 16).
Al prossimo viaggio.
Foto e info di altri nostri viaggi su www.donnecultura.eu

PANAMA:
Autonoleggio: Triffy; Sizuky ritirata in aeroporto e lasciata nella sede in centro città; aperta sino alle ore 10 di sera. Ottimo servizio, personale gentile: 337 dollari per 7 giorni. La benzina costa circa 1 euro al litro.

HOTEL A PANAMA: Novotel, in centro, possibile raggiungere, a piedi, ristorante per la cena; zona assolutamente sicura. 5 stelle, a 55 euro la doppia, per notte, bassa stagione, su Booking.com; per 3 notti. Eccellente rapporto qualità prezzo. Piccole pecche: profumazione non gradita nella hall e colazione a buffet con caffè-latte veramente inbevibile (ma si può chiedere caffè italiano a 2,5 dollari), pancakes senza sciroppo…
MANGIARE:
Dal Novotel, proprio di fronte un locale che serve dell’ottimo ed economico pollo arrosto; a piedi si raggiunge El Prado: cucina locale discreta. Sempre a piedi (indicativamente verso la metro) anche RIKO POLLO; semplicissima cucina locale rustica, molto economico.
Sushi Itto: cucina giapponese e latina; pesce fresco, anche servizio a domicilio; Multipalza Mall e Plaza Obarrio (vicino a El Santuario).

BOQUETE
All’Ufficio di Informazioni per il Turista: sulla strada principale, prima di arrivare a Boquete centro, all’altezza della deviazione per Vulcancito, ma sul lato opposto della carreggiata. Personale molto gentile; la miglior fonte di informazione; ci ha ricevuto la signora: Cefati.
Dormire:
Hotel Palo Alto; per noi il miglior rapporto qualità prezzo, eccellente servizio, eccellente colazione all’americana con panorama mozzafiato; tutto ok, un poco in alto rispetto al centro (2,5 Km) per godere del fresco della montagna; in città in giornata può fare abbastanza caldo. WiFi gratis nelle camere.
http://hotelpaloaltoboquete.com ; info@hotelpaloaltoboquete
Boquete Tree Trek, per chi non bada a spese e vuole stare immerso nella natura, casette in legno. Non vicino alla città. www.boquetetreetrek.com
Per chi non ha pretese: Casa Pedro, camere da 35 a 100 dollari. La sistemazione è spartana, ma avete tutto il necessario, anche la possibilità di cucinare. Chiedete la camera con il balcone. 5 camere. A 5′ dal centro. WiFi e caffè gratis www.casapedroboquete.com casapedroboquete@hotmail.com
Pe visite accompagnate:
Noi abbiamo fatto riferimento ad una guida espertissima, come segnalato nelle foto
Per chi ama il tutto organizzato, anche direttamente dall’albergo: Boquete Tour, telefono: 730-9353 WWW.BOQUETESAFARI.COM INFO@BOQUETESAFARI.COM

OCEANO PACIFICO:
Sheraton Bijao Beach Resort: località Santa Clara, a circa 2 ore di auto a nord della città di Panama, con Booking.com; 130 dollari una camera con due grandi letti e vista oceano, pensione completa, bibite e canoa.  

Fiori 450 Panama varie IMG_9851

Varie aereo 672  Contadora aereo IMAG4522_BURST001

Panama IMAG4612

Mangiare street food sulla Panamericana lungo l’oceano Pacifico.

Panama cucina IMAG4608

Panama IMAG4504

Contadora ristorante casalingo.

panama Contadora IMAG4506

 

 

 

Panama Contadora IMAG4503

Contadora aeroporto.

Panama cibo IMAG4258

Pesce fritto e contorno al Mercado dei Mariscos a Panama città.

Panama IMAG4192

Panama IMAG4251

Panama hotel Boquete Palo Alto IMAG4624

Albergo Palo Alto a Boquete.

Panama Boquete IMAG4633

Boquete la piazza centrale.

Panama Boquete antico treno IMAG4628

L’antico treno che univa Boquete all’oceano Pacifico.

Panama Boquete IMAG4634

Annunci di vendita a Boquete

Panama Boquete ristorante Machu Pichu IMAG4625

Ristorante Machu Pichu a Boquete.

Panama IMAG4274

Camera Novotel a Panama.

Panama Colon interno h Washington IMG_9942

Interno dell’ormai decaduto albergo Washington a Colon

Panama COLON IMG_9968

Panama Colon IMG_9958

 Colon, la chiesa più antica.

Panama Colon Hotel Washington IMG_9945L’ormai decaduto, ex albergo di lusso, Washington a Colon; comunque ancora ricco di fascino.

Panama  Colon IMG_9935

 

 

Colon, la città sul canale di Panama dal lato dell’Oceano Atlantico. Una città dove non manca il lavoro, ma gli abitanti preferiscono o non lavorare o spendere i soldi in auto e feste, ma non per pagare l’affitto e la luce.

A Colon si trova anche un grandissimo centro fee tax, dove si acquista tutto senza pagare tasse: dagli orologi di marca ai telefonini agli elettrodomenstici.

Qui i ricchi affari del canale sono anche in mano ad una minoranza araba ed ebrea.

COLON IMG_9976

ORCHIDEE e altri fiori DALLA FINCA DRACULA:

PANAMA orchidee  fiori IMG_0716

Abbiamo visitato una delle collezioni più ricche al mondo di orchidee.

Profumi inebrianti, colori e trappole semoventi (come quella fotografata qui sotto)per insetti: ecco cosa sono le orchidee.

PANAMA orchidee  fiori IMG_0715

L’orchidea qui sopra fotografata, quando viene toccata da un insetto si muove per far scivolare l’insetto verso  il suo polline !

Si chiama FINCA DRACULA il posto migliore al mondo per chi ama le orchidee. 2.000 specie crescono in questa zona.

PANAMA orchidee  fiori IMG_0558

PANAMA orchidee  fiori IMG_0711

PANAMA orchidee  fiori IMG_0709

PANAMA orchidee  fiori IMG_0708

PANAMA orchidee  fiori IMG_0707

PANAMA orchidee  fiori IMG_0705

PANAMA orchidee  fiori IMG_0703

PANAMA orchidee  fiori IMG_0691

PANAMA orchidee  fiori IMG_0708

PANAMA orchidee  fiori IMG_0704

PANAMA orchidee  fiori IMG_0703

PANAMA orchidee  fiori IMG_0691

PANAMA orchidee  fiori IMG_0688

PANAMA orchidee  fiori IMG_0654

Alcuni fiori non sono di orchidee, ma li abbiamo fotorafati per laloro rarità e bellezza.

(PIU’ SOTTO TROVERETE LE ORCHIDEE DIABLO)

PANAMA orchidee  fiori IMG_0651

PANAMA orchidee  fiori IMG_0637

PANAMA orchidee  fiori IMG_0618

PANAMA orchidee  fiori IMG_0563

QUI SOTTO LE ORCHIDEE DIABLO CHE CRESCONO SOLO QUI

 PANAMA orchidee  fiori Dracula vampira IMG_0693

PANAMA orchidee  fiori Dracula Vampira IMG_0686

PANAMA orchidee  fiori Dracula Vampira IMG_0685

Altre orchidee e fiori che ci hanno affascinato:PANAMA 672 orchidee  fioriIMG_0729

PANAMA 672 orchidee  fiori ok IMG_0566

PANAMA 672 acqua cascata ok IMG_0677

PANAMA  450 fiori IMG_0458

PANAMA IMG_0243

I grattacieli di Panama city visti dall’aereo.

PANAMA Varano animali IMG_0130

PANAMA animali cerbiatti IMG_0175

PANAMA  IMG_0164

Albego Romantica a Contadora

PANAMA  450 fiori IMG_0458

L’uccello idolatrato dagli indigeni; il Quetzal.

PANAMA  caimano coccodrillo animali IMG_0266

Caimano.

PANAMA  450 Edoardo +507 66016479 IMG_0460

La nostra guida a Boquete: Edoardo.

PANAMA 450 IMG_0402

Cartelli lungo la strada per Boquete.

PANAMA foresta passerella  IMG_0318

PANAMA montagna foresta  IMG_0365

Pareti dell’enorme, antichissimo ed enorme vulcano che circonda la zona dove è situata la località montana di El Valle: qui troverete una bella cascata che potrete superare appesi ad una corda in assoluta sicurezza.

A Panama assaggerete il più dolce ananas del mondo.

WEEKEND ROMANTICO O FUGA D’AUTUNNO AL DAR DARMA – Scuola di cucina spa e relax

MAROCCO Marrakech riad lusso DarDarma_02

Torna l’offerta “Ladies a Dar Darma” per un soggiorno tutto al femminile nel riad di Marrakech

– Dar Darma, l’esclusivo riad nel cuore di Marrakech, rilancia quest’autunno l’offerta Ladies a Dar Darma, pensata per una vacanza con l’amica del cuore, un long weekend tra colleghe o un soggiorno per mamma e figlia.

L’offerta, valida per un minimo di tre notti, include uno sconto del 10% su cibo e bevande, una lezione di cucina con lo Chef del riad e un paio di colorate babouches tradizionali come cadeau. Per un soggiorno all’insegna del gusto, del benessere e della scoperta della magica città rossa.

Per cimentarsi con la cucina tradizionale, Maria, la chef di Dar Darma, invita le sue ospiti sulle terrazze con vista per partecipare alla cooking lesson; i piatti preparati potranno poi essere degustati sedendo comodamente su di uno dei sofà ombreggiati o sotto il dorato sole autunnale.

Tra le ricette, non possono mancare le specialità della cucina marocchina: il couscous con spezie e verdure, la tajine di agnello ai datteri e mandorle, e ancora il pollo al miele e la tradizionale pastilla, che unisce il sapore salato della carne e della pasta sfoglia a quello dolce delle mandorle tostate, della cannella e dello zucchero.

Assolutamente da non perdere è la visita a uno dei tanti hammam della città, veri regni del benessere per una totale remise in forme.

Le ospiti di Dar Darma hanno a loro disposizione una convenzione con l’hammam Les Bains de Marrakesh, a pochi passi dalle tombe saadiane e il Palais El Badii, dove potranno godersi un bagno rilassante con sali da bagno profumati ai petali di rosa, scrub e massaggi rivitalizzanti. Chi, invece, preferisce rimanere all’interno di Dar Darma, può usufruire del piccolo e intimo hammam interno.

Dopo essersi dedicate al benessere, ci si può lanciare nell’esplorazione della città, perdendosi tra i vicoli della Medina, tra i negozietti dei suoi affollati mercati, in un intrico di vie e viuzze che conducono ai punti principali della città, come la piazza Djemaa el Fna, patrimonio UNESCO, all’ombra del minareto della Koutoubia, che offre lo spettacolo suggestivo di musicisti, indovini, incantatori di serpenti e donne che dipingono tatuaggi all’henné. Infine, è d’obbligo la visita ai Giardini di Majorelle, dimora dell’artista francese Jacques Majorelle, grande collezionista di piante provenienti da tutto il mondo e acquistata poi da Yves Saint-Laurent come residenza privata, con le sue pareti blu cobalto uniche al mondo, chiamato anche “blu majorelle”.

Non resta quindi che partire per vivere un’esperienza tutta al femminile!

L’offerta Ladies a Dar Darma è valida tutto l’anno per un soggiorno minimo di tre notti e non cumulabile con altre offerte.

Dar Darma è un lussuoso Riad del XVIII secolo situato nel cuore della Medina, a pochi passi dal Museo di Marrakech. Le 4 lussuose suite (2 Patio suite, la suite degli Specchi e la Orange suite) e i 2 appartamenti (Blu e Rosso) sono superbamente arredati e ricercati nei decori.

Offrono sale con camino, una o due camere da letto e servizi.

Le aree dining, le terrazze con salotti ombreggiati, zone sole e piscina completano l’esclusiva offerta della maison. Dar Darma accoglie gli ospiti con ampi spazi, un’atmosfera elegante e di assoluta privacy, un servizio personalizzato e al tempo stesso informale. Lo Chef propone piatti tipici della cucina marocchina realizzati tutti i giorni con prodotti freschi.

Per prenotazioni e informazioni:
Dar Darma, Marrakech – info@dardarma.com – reservation@dardarma.com – tel. +39 02.669927.204

Libro – Da leggere nei momenti di relax – Il labirinto sepolto di Babele Autore De Lys Francisco J.

Un libro da leggere per sentirsi ancora in vacanza, un libro per allontanarci dalla quotidianità. Da leggere se amate la storia e gli intrighi.

Barcellona è avvolta nella nebbia e l’architetto-restauratore Gabriel Grieg riceve una sconosciuta, così scopre una verità travolgente: in ventiquattr’ore il suo destino cambierà radicalmente.

Un oggetto misterioso: “il segreto meglio custodito degli archivi vaticani”.

La setta religiosa e uno spregiudicato cardinale, un mistero che is dipana attraverso i vicoli bui della città – dal Barrio Gotico al Montjuïc.

Misteri iniziatici che sono contenuti nelle opere del rappresentante dell’architettura catalana: Antoni Gaudí.

Il labirinto sepolto di Babele, di De Lys Francisco J., editore Newton Compton (collana eNewton. Narrativa)
Prezzo € 3,99 su Ibis.it

Terremoto continua ad aumentare il numero dei morti – Amatrice non esiste più

Continua ad aumentare il numero dei morti.

Sono oltre 450 le scosse che si sono susseguite nelle ultime 24 ore dopo il terremoto.

Iniziano le polemiche che si domandano come, per esempio, la scuola costruita quattro anni fa con criteri sismici (secondo quanto dichiarato) si sia sgretolata

Episodi di sciacallaggio; un arresto.

———————————–

Una devastazione ‘peggiore di quella dell’Aquila, mai vista una cosa così’, hanno detto i soccorritori.

Notizie del 24.8.16 ore 20, 33

La prima scossa alle 03.36 del 24.8.16

Nel pomeriggio  nuove scosse, Ingv: attività ancora forte.

Una nuova violenta scossa ha fatto tremare l’area di Pescara del Tronto, facendo muovere le strutture di acciaio e le tende nel vicino campo di soccorso allestito dalla Protezione civile. Qui, a Pescara del Tronto, si spera di trovare ancora delle persone in vita.

Almeno 120 i morti, sino ad ora; ‘Qualche centinaio’ i feriti e un numero imprecisato di dispersi.

Amatrice, Arquata e Pescara del Tronto, sono tra le città più colpite.

Il sindaco di Accumoli, Stefano Petrucci, ha dichiarato che ‘non c’è una casa che sia agibile.

NUMEROSI I VILLEGGIANTI PRESENTI; DIFFICILE STABILIRE QUANTE PERSONE ERANO NELLA ZONA DEL TERREMOTO.

—————————-

24.8.16 ore 13,00

LA SCOSSA PIU’ FORTE E’ STATA DI MAGNITUDO 6.

Nuova scossa di magnituto 4.9 ha colpito Arquata del Tronto.

Donare sangue: solo nella propria località di residenza; non intasare inutilmente i telefoni dei luoghi colpiti dal terremoto.

Terremoto con epicentro a 2 chilometri da Accumoli (Rieti) e 10 da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) ed Amatrice (Rieti).

Si scava tra le macerie nelle Marche; è crollata Amatrice, metà del paese è distrutto. Le ambulanze hanno trasferito i feriti a Rieti.

Colpiti San Pellegrino e frazione di Forcaro, Castelluccio di Norcia (ora pure isolato da collegamenti).

Le strade di accesso ad Amatrice sono boccate.

Evacuato ospedale di Amandola.
Scosse sentite da Roma – Firenze a Bologna.

PAURA IN ABRUZZO: solo danni di lieve entità.

UMBRIA

In Umbria gravi danni al patrimonio artistico. I danni principali sono stati registrati nei Comuni di Norcia e Cascia.

Evacuate alcune abitazione a Norcia, nessun danno a persone.

Segnalati danni a numerose abitazioni, evacuate, e ad alcuni beni monumentali tra cui la Chiesa di San Benedetto a Norcia.

Danni alle mura benedettine e crolli in alcune abitazioni a Castelluccio.

 Danni consistenti nel paese di San Pellegrino, a quattro chilometri da Norcia; la gente che si è riversata in strada in preda alla paura.

Interrotta la strada tra Borgo Cerreto e Norcia per la rottura di una barriera paramassi; l’accesso alla città é possibile solo per via Preci.

Crollo di un traliccio in prossimità della galleria San Benedetto e temporanea interruzione dei servizi ferroviari sulla tratta della Orte Falconara; vengono sostituiti con servizi sostitutivi su gomma.

—-

Terremoto con epicentro a 2 chilometri da Accumoli (Rieti) e 10 da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) ed Amatrice (Rieti).

Si scava tra le macerie nelle Marche; è crollata Amatrice, metà del paese è distrutto. Le ambulanze hanno trasferito i feriti a Rieti.

Due morti a Pescara del Tronto (Ascoli Piceno), il centro è stato devastato dal sisma.

 Provenendo dall’Aquila, sulla 260 Picente, il Ponte chiamato ‘A tre occhi’ sopra il torrente Castellano è pericolante.

Strada transitabile sino a un chilometro e mezzo da Amatrice; sulla 260 Picente la strada è transitabile.

Sul monte Gran Sasso è stato sentito un fortissimo crollo.

Nessun danno alla Basilica di Assisi.

SCAPPARE DAL CALDO ; DOVE ? VACANZE O WEEKEND AL FRESCO E ARIA PULITA.

DOVE ANDARE IN VACANZA ?

SCAPPARE DAL CALDO ; DOVE ???

DAL LAGO RITOM AL LUCOMAGNO ALLA VALLE DI BLEGNO IN SVIZZERA  ; VELOCEMENTE IN AUTOSTRADA DA MILANO (ricordiamo che serve pagare la locandina di  40 franchi c.a. 40 euro, per usufruire delle autostrade svizzere per un intero anno;  se siete in tanti in auto potrete dividere il costo),

SCAPPARE DAL CALDO ANCHE IN ITALIA :

-ALTA VAL BADIA, ALTO ADIGE,  BARDONECCHIA, TRAFOI, ORTLES… E POI FRANCIA…VEDI SOTTO TUTTE LE DESTINAZIONI CON LINK PER ULTERIORI INFORMAZIONI E FOTO.

Lago Ritom 450 vista

Lago ritom farfalla 450

Lago Ritom IMG_20150703_152747

ritom ch IMG_20150702_113230-2

ritom ch IMG_20150701_125606

LAGO RITOM, PRIMA DI AIROLO, USCITA AUTOSTRADA AMBRI’ E POI LA FUNICOLARE PIU’ RIPIDA DEL MONDO O DIRETTAMENTE IN AUTO SE SIETE BRAVI GUIDATORI.

75 EURO A PESONA MEZZA PENSIONE; SPECIALE PROMOZIONE LETTORI DONNECULTURA.EU

FORMAGGIO DELL’ALPE E’ REPERIBILE NEI RISTORANTI E DAL PRODUTTORE.

Qui i richiami delle marmotte accompagnano le nostre camminate.

RITOM: la più ripida ferrovia del mondo per raggiungere il paradiso in terra: andate e ritorno circa 20 euro.

Ma se volete c’è anche la strada; una volta arrivati al lago, se vi fermate a dormire il parcheggio è gratuito, altrimenti è a pagamento.

Noi abbiamo scelto il periodo della massima fioritura, ovvero i primi di luglio, uno spettacolo che abbiamo cercato di documentare con le nostre foto, ma … troppo bello visto dal vero !!! Poi ci siamo ritornati per un soggiorno più lungo.

 

Le escursioni sono di ogni tipo, dalla passeggiata lungo il lago con il passeggino e i bambini, sino alle alte vette, con tanti percorsi intermedi.

Per i più coraggiosi sarà un piacere rinfrescarsi nelle acque dei tanti laghi che si incontrano nei vari percorsi.

PESCATORI DI TROTE

Con appositi permessi gli appassionati di pesca frequentano le rive del lago Ritom con buona soddisfazione.

Dal lago Ritom, i si può raggiungere, a piedi, il Passo del Lucomagno (attraverso il Passo dell’Uomo), un lungo percorso per chi ama camminare, senza particolari difficoltà; salvo le normali salite di montagna.

 

ALBERGO RISTORANTE LAGO RITOM, DOVE ABBIAMO ALLOGGIATO.

Abbiamo mangiato molto bene; polenta e spezzatino, polenta e formaggio dell’alpe, spaghetti all’amatriciana (il cuoco li sa cucinare) ecc…, ma soprattutto abbiamo ricevuto una simpatica accoglienza e tutto era perfettamente in ordine e pulito.

Il rifugio-ristorante Lago Ritom si trova nella Val Piora a 1850 m. e offre un ambiente cordiale e familiare:

-terrazza panoramica

-sala-ristorante interna

-specialità ticinesi e formaggi dell’Alpe.

– ottimo punto di partenza per escursioni a piedi ed in mountain bike in tutta la Val Piora

– aperti da maggio a ottobre

tel. 0041 91 868 14 24

info@lagoritom.ch

www.lagoritom,ch

A luglio quando la fioritura dei prati di alta montagna è nel pieno del fulgore, lo spettacolo intorno al lago Ritom e nei dintorni è impagabile; come il fresco dell’aria.

Il lago Ritom è formato dallo sbarramento idrico sito nella valle di Piora nel comune di Quinto, nelle Alpi lepontine.

Uno dei suoi principali immissari proviene dal sovrastante lago di Tom che si raggiunge in due ore di cammino, a 5′ di cammino dall’Alpe Piora; in uno spettacolo indimenticabile di alte vette coperte di neve.
Altitudine del lago: 1.850 m

Alpe Piora rifugio: alloggio e bar-ristorante; qui il parcheggio dell’auto costa 15 Fr. il primo giorno, poi 5 Fr al giorno. Si può salire, dalla diga del lago Ritom, solo prima delle 9 del mattino e dopo le 17.

ANCHE IN MOUNTAIN BIKE

-diversi sentieri transitano nella valle: Strada Alta, Strada del Lucomagno, sentiero nazionali nr. 6 e percorso nazionale nr. 65 in mountain bike.

IN VAL DI BLEGNO E LUCOMAGNO

SE NON VOLETE SOFFRIRE IL CALDO  NON DIMENTICATE LE ALPI ITALIANE, SVIZZERE E FRANCESI, MA SE NON AMATE LA MONTAGNA, RICORDATEVI DEL NORD EUROPA: NORVEGIA, SVEZIA E FINLANDIA,  SCOZIA… ISLANDA, CANADA,  GROENLANDIA…

ALTRE DESTINAZIONI, PIU’ VICINE,  CHE VI POTREBBERO INTERESSARE,  IN ALTA MONTAGNA PER SFUGGIRE ALL’AFA CITTADINA:

ITALIA, FRIULI VENEZIA GIULIA, una marea di camminate e funivie per andare sempre più in alto; con il panorama delle Dolomiti e una gastronomia invidiabile:

http://www.donnecultura.eu/?p=1993

http://www.donnecultura.eu/?p=21138

ITALIA, vicino a Bolzano, ideale per i bambini (NOTA: Da Bolzano con la funivia si raggiungono i 1.000 mt ideali per sfuggire alle calde estati cittadine. Qui troverete il più bel panorama delle Dolomiti patrimonio naturale Unesco) http://www.donnecultura.eu/?p=21411

ITALIA, ALTA VAL BADIA; http://www.donnecultura.eu/?p=18662

ITALIA, Bardonecchia , Piemonte, vi arrivate in autostrada: (1.300 mt) e le funivie vi portano ancora più in alto, un albergo anche a quasi 2.000 mt. http://www.donnecultura.eu/?p=8074

ITALIA VALLE D’AOSTA LUSSO E TANTO FRESCO: http://www.donnecultura.eu/?p=3888

ITALIA ALTO ADIGE; ECONOMICO, http://www.donnecultura.eu/?p=20830

SVIZZERA, VICINO AL PASSO DEL GOTTARDO: http://www.donnecultura.eu/?p=21829

SVIZZERA: GRAND TOUR SUI 2.000 METRI http://www.donnecultura.eu/?p=20263

SVIZZERA, L’AUTO LA LASCIATE IN VALLE E SIETE AI PIEDI DEL GHIACCIAIO DELL’ALETSCH, IL PIU’ ESTESO DELLE ALPI http://www.donnecultura.eu/?p=18644

FRANCIA;  St. Véran, a 2042 m, il più alto comune d’Europa; tante iniziative, tante possibili scelte tra gli sport, speciale organizzazione per bambini e adulti http://www.donnecultura.eu/?p=21336

ITALIA, TRAFOI , ALPI, GRUPPO ORTLES: http://www.donnecultura.eu/?p=21784

QUI C’E’ ARIA FRESCA E PURA.

 COVER 3 a Ch OK spero IMG_6306

CH LAG LUZON CASCAIMG_6246

Non lontano dai 1.700 metri del Passo del Lucomagno.

Due ore circa, da Milano, un’ora e mezza da Como ed eccovi in Paradiso; ovvero lontano dalla calura estiva e dall’inquinamento che, con l’afa e l’aria stagnante, raggiungono pericolosi vertici per la nostra salute.

Le fresche acque dei torrenti, dei laghi artificiali e non, ci accolgono in un panorama verdeggiante di alti pini e vette innevate sullo sfondo. Pù su, la sola prateria d’alta montagna ci abbronzerà circondandoci di una brezza perenne.

Le trattorie, poi, eccetto il vino, hanno prezzi ragionevoli: 24 euro per polenta e brasato; piatto  assai abbondante.

CH LAGO LUZ IMG_6250

CH LAGO LUZON ACQUAIMG_6284

Lago di Luzzone.

Se volete godere appieno del fresco notturno, non dimenticate la giacca a vento e fermatevi all’Ospizio di Camperio; non lontano dai 1.700 metri del Passo del Lucomagno.

-Da 50/60 euro per la singola all’Ospizio di Camperio. Qui i servizi sono in comune, ma tutto è perfettamente pulito.

-Ovviamente potrete trovare anche veri e propri alberghi con tutti  i confort.

La gita o il soggiorno sono interessanti per giovani, che adorano i tornanti in moto, e meno giovani, che subiscono maggiormente le conseguenze del caldo della città: problemi di circolazione sanguigna, respiro affaticato ecc…

Qui il cuore deve essere in buone condizioni; siamo oltre i  1,000 metri.

Prima di arrivare alla deviazione per il Lucomagno, sulla strada per il Passo del Gottardo, trovate Bellinzona che meriterebbe una visita. Meglio se notturna, i suoi castelli illuminati gli donano un fascino fiabesco e poi fa meno caldo.

Una volta presa la deviazione dalla strada principale o dall’autostrada, ci si avvia verso Biasca, sempre seguendo l’indicazione Lucomagno.

CH OLIVONE MONTIIMG_6331

Dopo la località Aquila, si incontra Olivone, località di soggiorno assai nota.

-Qui, sulla strada, una squisita pasticceria-panetteria offre golosità e ottimi Kipferl (“sfogliolosi”cornetti al burro).

-Accanto alla farmacia, trovate un negozietto di prodotti locali e tisane.

-Non mancano bar e alberghi.

Se fa molto caldo, vi conviene continuare a salire, dopo avere fatto un piccola sosta per le necessità.

ch lago luzon OKOKIMG_6306

CH LAGO LUZZONE MUCCA PUBBLICIIMG_6254

LAGO DI LUZZONE. CASCATE E FORMAGGI.

Alla fine del paese di Olivone si incontra la deviazione per il lago di Luzzone. Dopo alcuni chilometri si raggiungono le due gallerie che portano alla strada che attraversa la diga e porta, se non potete andare a piedi, ad un simpatico posto di ristoro dove trovate solo:

yogurt, burro e formaggi di latte dell’alpe più sopra.

Non siamo di fronte ai costosi prodotti slow food, ma l’origine è sicura e qui non si usa dare alle mucche foraggi per aumentare  la produzione del latte; come è diventato assai comune anche in insospettabili alpeggi “di moda” con prodotti “firmati”.

Non mancano le bibite per il camminatore assetato.

Due simpatici nonni con nipotine accolgono gli alpinisti, e non, e li ristorano con quello che c’è.

CH LAGO LUZONE RAGAZZA E FORME IMG_6301

 CAMPERIO

Qualche chilometro sopra Olivone trovate Camperio, dove noi abbiamo alloggiato in semplicità, simpatia e buon cibo. Quest’ultimo grazie al cuoco, con esperienza internazionale, ma di origini, mai tradite, novaresi: il signor BATTAGLIOLI GIANFRANCO.

-OTTIMI I SUOI: CONIGLIO e POLENTA, BRASATO o SPEZZATINO, ma anche: fonduta. Solo su ordinazione, per gruppi, un’ottima Paella.

L’Ospizio è ben gestito dal signor Doriano Blanc, svizzero di Ginevra, anche lui con esperienze internazionali.

per prenotare, tel. 0041. (0) 91. 872 22 55. LORIS3X1@HOTMAIL.COM

 CH OSPIZIO CAMPERIOIMG_6330

CH OSPIZIO CAMPERIO MOTO IMG_6323

CH CAMPERIO OSPIZIO COLAZ ORCHIDEEIMG_6307

 VACANZE  ESTIVE  ALLA  MONTANINA  DI  CAMPERIO 2014

 La casa è aperta da giovedì 17 luglio (ore 10.30) a sabato 02 agosto 2014, (sabato 02 agosto verrà servita solo la prima colazione) persone sole, coppie, anziani autosufficienti. Permanenza minima 5 pernottamenti. Tutti i ospiti devono portare da casa gli asciugamani.

 Prezzi per pensione completa (bibite escluse) Camera singola fr. 65.-     camera doppia fr. 55.-  ( prezzi del 2014 ) Tassa di soggiorno fr. 0.70 Scrivere a: mirtawyler@gmail.com Mirta Wyler – CP 335 – 6528 Camorino

—–

Dopo Camperio si raggiungono: Acquacalda e Lucomagno.

I prati sottostanti la strada, dopo Acquacalda,  sono rinfrescati da un limpido ruscello che invita al picnic. Ricordiamo che qui non si usa lasciare avanzi di nessun genere nei prati.

Se proseguiamo possiamo parcheggiare al passo del Lucomagno e iniziare la camminata intorno al lago o altri più impegnativi trekking, ben segnalati.

Su questo lago artificiale non fa mai caldo, anche nelle giornate più afose dell’anno.

Calcolate che non c’è ombra, quindi regolatevi di conseguenza tenendo conto che siamo a quasi 2.000 metri e il sole brucia.

Noi preferiamo passeggiare di primo mattino, magari con una sosta per il picnic o per un boccone al ristorante del passo.

Durante il week-end o soggiorno, potete spostarvi e visitare Olivone: la chiesa e il museo, nonché  le antiche case.

CH AQUILA IMG_6339

 

CH AQUILA BATTISTEROIMG_6333

Più sotto, trovate Aquila. Un comodo parcheggio vi permette di visitare agevolmente la chiesa sulla strada. Degno di nota il battistero e il popolare affresco con Sampietro  e il  gallo che canta.

Scendendo verso valle dall’Aquila si incontra  la località Torre, un paese di antiche case ben ristrutturate e la chiesa di Santo Stefano.

CH OK TORRE CHIESA E IMG_6341

CH TORRE CASE EPOCAIMG_6353

CH TORRE SCRITTA IMG_6354

Torre. Chiesa S.Stefano. Questa iscrizione dichiara come gli abitanti della zona decisero di ribellarsi all’invasore straniero.

CH TORRE 2IMG_6356

CH TORRE CASE IMG_6357

CH S STEFANO TORRE IMG_6363

Tornando verso Aquila una sosta a Dangio ci svelerà un piccolo paese con antiche case e la chiesa di S. Ambrogio.

CH DANGIO S AMBROGIOIMG_6367

ch SAMBROGIO

 

UNA DEVIAZIONE PER APPASSIONATI D’ARTE.

Tornando verso valle può interessare questa deviazione, consigliabile se siete appassionati o intenditori di arte romanica.

-Sant’Ambrogio Vecchio: IL MONUMENTO E’ ISCRITTO TRA GLI EDIFICI PROTETTTI A LIVELLO NAZIONALE.

La chiave della chiesa è disponibile presso i ristoranti ad Acquarossa (Rubino, Stazione, Val Sole), Leontica (Bar Centrale) e Blenio Turismo ad Olivone.

Da Biasca devozione per Malvaglia, Dongio, Acquarossa; da Acquarossa verso Leontica-Pugliasco il percorso è ripido, ma si fa in auto (si chiede per Negrentino in Val di Blenio).  OPPURE DAL POSTEGGIO DEL NARA 15 MINUTI A PIEDI.

-A Negrentino, tra i pascoli di Leontica e Prugiasco, trovate la chiesa romanica di Sant’Ambrogio Vecchio, risalente all’anno 1.000.

-La chiesa fu ampliata con una seconda navata un secolo dopo e il campanile è del XIII secolo.

-Le pitture interne sono in stile gotico-longobardo, della cosiddetta scuola del Seregno. 

-Nella navata a sud gli affreschi sono c.a. del 1510, di Antonio da Triade, con episodi della vita della Vergine.

-IL DIPINTO DI MAGGIOR IMPORTANZA SI TROVA NELLA PARETE CONTRO LA MONTAGNA. La decorazione è romanica originale, di quasi ben 1.000 anni fa.

Si tratta di un Cristo Risorto con candida tunica che benedice gli apostoli, dei quali, ora, si distingue solo il gruppo sopra la porta.

LO STILE E LA RAFFINATEZZA DI QUESTO DIPINTO, DA SOLI, VALGONO LA VISITA.

 

CH ORCHIDEA PRIMO PIANO VIOLIMG_6270

CH  orchidea viol mIMG_6290

CH LUZZONE LAGO MONTIMG_6259

CH LUZON LAGOIMG_6286

CH AGLIO URSINO DI MONTAGNA IMG_6314

CH LUZZONE LAG MUCCHIMG_6258

CH FIORE 1IMG_6265

CH LAGO LUZZONE FORMAGIMG_6252

COVER CH LAGO 4a IMG_6305

STORIA.

 

Qualche informazione storica sulla zona:

-La trasformazione dei boschi d’altitudine in alpeggi ebbe luogo tra il 1.000 e 1.200, poiché la pianura non bastava più a sfamare la popolazione sempre in crescita.

-La terra venne dissodata e servì come prati, pascoli, campi per la coltivazione della segale per la panificazione e la canapa per i tessuti.

-Nell’alta valle di Blenio, nei secoli, si sfruttarono diversi filoni d’oro, d’argento, di calce, gesso, alabastro, quarzo ecc..

Il cristallo di rocca fu estratto già nel Neolitico.

L’ epoca gallo-romana vide la fioritura di un artigianato di alta qualità nella zona del Lago Maggiore, e questo ci fa pensare ad un’intensa ricerca di materia prima nella zona della val di Blenio.

 

 

DonnE…Cultura