Arte a Milano – Dal 24 febbraio al 1 aprile 2017 Galleria Fumagalli

Dal 24 febbraio al 1 aprile 2017, la Galleria Fumagalli presenta la mostra collettiva

Switch On 3,

con una selezione di opere di Vito Acconci, Giovanni Anselmo, Lawrence Carroll, Tony Cragg, Hanne Darboven, Giorgio Griffa, Jannis Kounellis, Chiara Lecca, Dennis Oppenheim, Gilberto Zorio.

L’esposizione si articola seguendo percorsi individuali e complementari, che condividono un approccio concettuale comune, aperto al dislocamento del pensiero.

La creazione di sistemi normativi o sensibili che gli artisti coinvolti mettono in atto, porta il corpo a misurarsi con lo spazio e più in generale con l’universo e il posto che l’uomo vi occupa. “ Switch On”, letteralmente “accendere”, fa quindi riferimento al principio di un movimento (fisico o concettuale) verso nuove dimensioni d’interpretazione e relazione con la realtà.

Scultore, performer e videoartista, Vito Acconci è uno dei maggiori protagonisti della Body Art e dell’arte performativa.

I suoi lavori fotografici, video e performance si concentrano sul corpo nel rapporto con se stesso, gli altri e lo spazio architettonico. In Following Piece, attività svolta quotidianamente nell’ottobre 1969, Vito Acconci segue uno straniero, scelto a caso per le strade di New York, fino a quando questo non entra in uno spazio privato; così facendo, l’artista non “è quasi più se stesso e si mette al servizio di uno schema”. Similmente, Dennis Oppenheim, che sin dagli anni sessanta sperimenta l’uso di diversi media – scrittura, azione, video, cinema, fotografia, installazione – opera sul funzionamento piuttosto che sulla cosa in sé. Non limitandosi alla mera creazione di oggetti, Dennis Oppenheim sviluppa un sistema di segni ambiguo e problematico che costringe l’osservatore a interrogarsi sull’instabilità assoluta dell’universo. È il punto di osservazione che viene compromesso in una metamorfosi costante ricca di conseguenze.

Negli stessi anni Giovanni Anselmo entra nel gruppo dell’Arte Povera impegnandosi in una ricerca tesa a esaltare la presenza potenziale dell’invisibile nel visibile, esponendo la stretta relazione tra finito e infinito.

Evento rivelatore nella poetica di Giovanni Anselmo è l’alba del 16 agosto 1965 quando l’artista, dall’alto della cima del vulcano Stromboli, in una singolare combinazione tra ora, spazio, cielo e sole nascente, nota d’esser privo della sua ombra. Senza titolo. Teoria dell’Ombra fa riferimento all’amplificarsi della ricerca dell’artista stimolato dalla ricordata esperienza vissuta sul vulcano e al voler rendere manifeste, nel tempo e nello spazio, le forze in divenire che gli elementi producono incontrandosi.

— Anche Jannis Kounellis, appartenente all’Arte Povera, fornisce all’opera d’arte un’ampiezza infinita iniziando un nuovo processo di fruizione in grado di coinvolgere lo spettatore. L’immagine diventa così interazione spaziale tra gli oggetti per la creazione di una visione non distante ma inglobante l’osservatore. Gilberto Zorio, altro protagonista del movimento, segue una ricerca di comunione fra le regole compositive – azzerate a un livello quasi primordiale di forma e pura energia – e gli elementi costitutivi sottoposti alle leggi esoteriche. Da ciò emerge un’arte che lascia il disordine per mostrare la sua magica armonia simbolica alchemica.

Giorgio Griffa è uno dei principali esponenti della Pittura Analitica, proponendo una pittura meditata di segni e colore, disposta con gesti raffinati che lasciano tracce essenziali sulla tela.

Rifiutando il telaio, il colore diventa tramite diretto dell’azione e traccia effettiva del pensiero, suggerendo un’idea di movimento che attraverso la pittura raggiunge lo spazio che diventa così finito, non finito e infinito. Anche la ricerca di Lawrence Carroll si concentra sulla sperimentazione delle diverse possibilità di porsi nello spazio, usando telai dipinti, e contenenti oggetti (fiori, lampadine, scarpe etc.), come volumi che interagiscono con l’ambiente. Questi assemblaggi creano veri e propri corpi da osservare da più punti di vista, in una prospettiva di tridimensionalità. Tony Cragg si spinge invece alla ricerca di nuove relazioni tra gli esseri umani e la materia, senza porre limiti agli elementi che usa perché non ci sono limiti nell’idea e nella forma da realizzare. Spill, del 1988, testimonia l’interesse dell’artista per il tema della dimora, emblema del modo in cui l’uomo modifica ed è in rapporto con l’ambiente.

La ricerca artistica di Hanne Darboven è una sorta di “letteratura matematica”, nella quale progressioni di valori scritte a mano rendono manifesto lo scorrere del tempo nello spazio.

Questo è il caso, per esempio, della serie The Sundial /The Moonlight nella quale ciascun foglio fa riferimento ai primi due mesi dell’ano bisestile 1976. Il fatto che sia stato aggiunto un giorno in più al calendario per far coincidere il tempo umano con quello naturale, diventa preoccupazione centrale per l’artista in questo lavoro. Anche per Chiara Lecca è fondamentale il rapporto tra uomo e natura, la sua ricerca infatti vuole mostrare la frattura operata dalla società contemporanea e la contraddittorietà nella rimozione della parte umana più istintiva e selvaggia a vantaggio di quella razionale.

GALLERIA FUMAGALLI
Via Bonaventura Cavalieri 6
20121 Milano
galleriafumagalli.com
info@galleriafumagalli.com
+39 02 3679928

RISPARMIARE all’epoca delle start up – Tutto facile basta un attimo di attenzione – 24 febbraio 2017 Besozzo- Varese truck di street food di Cuochingiro – sharing mobility – carpooling aziendale

Con URBI in regalo il primo pacchetto di mobilità condivisa

24 febbraio dalle 9 alle 18 presso l’Urban Mobility Point, l’angolo informativo gestito da URBI e ospitato presso la succursale di Via Gonzaga 3 di Banca Sella

Jojob, il carpooling aziendale premia la condivisione …

Gnammo, cene al buio contro lo spreco di energia…

Il Comune di Besozzo, in provincia di Varese, per l’occasione aprirà invece il cortile del Palazzo Comunale dove i truck di street food di Cuochingiro

M’Illumino di Meno, tre startup aderiscono e promuovono condivisione e risparmio energetico

Jojob, URBI e Gnammo hanno accolto l’invito di Caterpillar e coinvolgeranno gli utenti organizzando cene collettive senza sprechi, promuovendo la sharing mobility e premiando chi darà un passaggio in auto ai colleghi.

Con URBI in regalo il primo pacchetto di mobilità condivisa

URBI, l’aggregatore dei principali sistemi di mobilità urbana e condivisa, aderisce a M’Illumino di Meno e rilancia il messaggio #condiVivo promuovendo l’utilizzo della sharing mobility e mostrando quanto possa essere facile, per chiunque, rinunciare alla macchina privata.

Scaricando sin da ora la app di URBI sul proprio smartphone sarà possibile prenotare l’abbonamento giornaliero a BikeMi, il servizio di bike sharing di Milano, da ritirare gratuitamente il 24 febbraio dalle 9 alle 18 presso l’Urban Mobility Point, l’angolo informativo gestito da URBI e ospitato presso la succursale di Via Gonzaga 3 di Banca Sella.

Inoltre, ai primi 50 utenti che si recheranno all’Urban Mobility Point il 24 febbraio, URBI regalerà, in collaborazione con BikeMi e Car2Go, il primo “pacchetto di mobilità condivisa” comprendente un abbonamento giornaliero BikeMi, un biglietto del trasporto pubblico ATM e l’iscrizione gratuita a Car2Go con 5 euro di guida omaggio.

Jojob, il carpooling aziendale premia la condivisione

Per la Giornata del Risparmio energetico Jojob, la principale piattaforma italiana di carpooling aziendale, coinvolgerà gli oltre 90.000 utenti per stimolarli a condividere l’auto ed aderire a #CondiVivo, incoraggiando anche nuovi colleghi.

Ogni utente che quel giorno certificherà di aver condiviso il tragitto in auto con altri dipendenti riceverà sul proprio profilo il badge di M’Illumino di Meno che identificherà la buona azione per la Terra. In più, si vedrà assegnata una “foglia oro”, da convertire in premi speciali.

Alle oltre 100 aziende di grandi dimensioni e alle 1.000 piccole e medie imprese che aderiscono al servizio, Jojob invierà la comunicazione sull’adesione a M’Illumino di Meno, con grafica ad hoc da esporre e divulgare a tutti i dipendenti.

Inoltre, per coinvolgere sempre di più le aziende nel risparmio ambientale, in occasione di M’Illumino di Meno il 24 febbraio Jojob lancerà un nuovo servizio per facilitare la condivisione dell’auto anche nelle trasferte aziendali dei dipendenti: un modo per utilizzare meglio le risorse, tagliare gli sprechi, promuovere la condivisione ed inquinare meno.

Gnammo, cene al buio contro lo spreco di energia

Serata a lume di candela per spegnere le luci ed evitare gli sprechi di energia: questa l’iniziativa lanciata da Gnammo, la piattaforma di social eating più grande d’Italia, in occasione di M’illumino di meno.

Tra gli eventi più curiosi c’è la cena del team di Gnammo, “Noi speGNAMMO”, durante la quale verrà preparata la bourguignonne per non usare gas e corrente elettrica.

Il Comune di Besozzo, in provincia di Varese, per l’occasione aprirà invece il cortile del Palazzo Comunale dove i truck di street food di Cuochingiro spegneranno i generatori e cucineranno solo con fornelli a gas. All’intero della Sala Mostre del Palazzo gli ospiti potranno condividere il piacere di gustare le prelibatezze dello street food insieme ai propri concittadini.

Evento a Torino incontro è gratuito – 9 marzo 2017 ore 19 – L’Hurtigruten attracca alla GAM – Poi 6 aprile e 11 maggio

9 marzo ore 19 – Torino

L’Hurtigruten attracca alla GAM

Quarto incontro della serie di appuntamenti che Kel 12 dedica al viaggio.

Kel 12 fa rotta verso le terre estreme e propone al pubblico un incontro, previsto per giovedì 9 marzo alle ore 19 alla GAM di Torino, attraverso cui si racconteranno i viaggi dell’Hurtigruten, il leggendario postale dei fiordi norvegesi che, in epoche passate, ha rappresentato l’unico collegamento quotidiano fra le città costiere del sud della Norvegia con i villaggi del nord.

Oggi le rotte seguite dal postale non si limitano a quella più tradizionale Bergen Kirkenes, passando per le isole Lofoten, o alle Svalbard, ma raggiungono anche uno dei luoghi più remoti ed inacce ssibili del pianeta: l’Antartide.

L’esperta Kel 12 Annamaria Barilli, conoscitrice e appassionata di Scandinavia, Lapponia, Islanda e Svalbard, condurrà una serata attraverso le terre ghiacciate toccate dall’Hurtigruten: con immagini e video farà viaggiare i partecipanti in tutti porti in cui attracca il postale, fra le casette rosse dei pescatori e i fiordi profondi, grandi iceberg azzurri e balene, spingendosi fino ai confini del mondo, per scoprire la storia e la natura dell’Antartide.

La creazione della giusta atmosfera, onirica e un po’ glaciale, è affidata a Vanja Contu, arpistaclassica molto apprezzata, che suonerà alcuni pezzi del suo ampio repertorio.

L’incontro è gratuito e aperto al pubblico fino ad esaurimento posti.
Per info sulle serate: kel12.torino@kel12.com – Tel.011 2478166
Per rimanere aggiornati vi consigliamo di seguire la pagina fb di Kel 12 Torino: https://www.facebook.com/Kel12Torino/?fref=ts.

——-

Il calendario degli appuntamenti di Kel 12 c/o la GAM, corso Galileo Ferraris, 30, Torino

9 marzo 2017: I GHIACCI DI HURTIGRUTEN DALLA NORVEGIA ALL’ANTARTIDE
Annamaria Barilli, esperta Kel 12, ci porterà tra i ghiacci norvegesi, sulla rotta seguita dal leggendario postale dei fiordi
Ospite della serata: Vanja Contu creerà un’atmosfera da sogno con la sua arpa.

6 aprile 2017: PERÙ E BOLIVIA, IL GRANDE IMPERO DEL TAHUANTINSUYO
Paolo Ghirelli, scrittore, archeologo e alpinista, ci farà salire sulle Ande, alla scoperta di civiltà misteriose.
Ospiti della serata: gruppo di musica tipica andina

11 maggio 2017: INDIA, TERRA DI SPIRITI E DEI
Marco Restelli, giornalista e docente di cultura indiana, condurrà gli ospiti alla scoperta della cultura e della complessa spiritualità indiana
Ospiti della serata: esibizione di danzatori indiani, che eseguiranno balli tradizionali.

Arte ceramica a Como – Corso ” La teiera sbilenca ” sabato 4.3.2017 – Agnes Duerrschnabel – atelier di ceramica e design

“LA TEIERA SBILENCA”

workshop previsto per sabato 4.3.2017

Partecipanti: minimo 3 e massimo 6

orario: 9.30 – 16 circa, con breve pausa pranzo

Prenotazioni per e-mail, entro 7 giorni prima dell’incontro


Sbilenca, fantasiosa, fuori di testa

– ma funzionale!

Modelliamo una teiera completa di tutti i suoi componenti (beccuccio, coperchio, manico …) – il risultato del nostro lavoro sarà individuale e irresistibile !

Per motivi di funzionalità lavoreremo in gres bianco o rosso, in modo che la nostra teiera potrà essere smaltata più facilmente e lavata tranquillamente in lavastoviglie…(il gres nero utilizzato per la “Sbilenca” sulla foto iniziale è meno adatto alla smaltatura).

Pensato per chi ha già un pò di confidenza con il materiale.

Costo: a) 5 o 6 partecipanti: 95,– Euro a persona b) 3 o 4 partecipanti: 110,– Euro a persona.

Compreso: materiale, 1. cottura (biscotto), e spuntino pranzo.

Per la smaltatura sarà fissato una data successiva.

Tedesca di origine, vivo da 30 anni in provincia di Como, e ad ancora più tempo risale la mia passione per la ceramica. Nel 2012 ho concluso un corso quinquennale presso la Staatl. Fachschule für Keramikgestaltung Höhr-Grenzhausen (Istituto di Stato per il Design delle Materie Ceramiche), con la qualifica di Designer di Materie Ceramiche e formatrice professionale nel settore. Il mio atelier a Como in Via Borsieri 16 è aperto dal 2013, nell’edificio dell’antico monastero di Santa Margherita.

Cell.: 349 241 2583

Agnes Duerrschnabel – atelier di ceramica e design
via Borsieri, 16 – Como – ITALY
info@agnesduerrschnabel.it -www.agnesduerrschnabel.it –

Il primo sistema di soccorso alpino che lega uomo e robot

Localizzazione esatta in pochissimo tempo di una persona sepolta fino a 3 metri sotto la neve

SHERPA è rapidissimo e invia in pochi minuti informazioni che normalmente richiedono ore

Droni, robot e soccorritori insieme in una nuova tecnologia europea nata per i salvataggi ad alte quote: il suo nome è SHERPA

È il primo sistema di soccorso alpino che lega uomo e robot, nato grazie ai finanziamenti dell’Ue sotto l’egida dell’Alma Mater Studiorum di Bologna: adesso, dopo quattro anni di sviluppo, è arrivato a compimento.

– Per la prima volta, uomo e robot collaborano per il soccorso degli individui dispersi ad alta quota grazie ad un progetto coordinato dall’Università di Bologna e finanziato dall’Unione europea: si chiama SHERPA (Smart collaboration between Humans and ground-aErial Robots for imProving rescuing activities in Alpine environments) ed è un sistema a servizio dei soccorritori basato sull’uso di droni, robot, aereomodelli ad ala fissa.

Obiettivo di SHERPA è raggiungere luoghi oggetto di slavine in pochi minuti e localizzare i dispersi travolti dalla neve, mentre sistemi alternativi impiegano ore o sono addirittura inagibili in alcune situazioni. Il tutto salvaguardando anche i soccorritori stessi, grazie all’uso di robot nominati come animali: “falchi” (aeromodelli), “asini intelligenti” (rover) e “vespe” (droni). Elementi che compongono il progetto SHERPA, ideato da giovanissimi ricercatori europei guidati dal DEI (Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione) dell’Università di Bologna.

Un’innovazione sociale nata da un progetto partecipato a livello europeo che mette la tecnologia al servizio dei soccorritori e che infatti ha trovato la collaborazione e l’interesse del Soccorso Alpino del CAI (Club Alpino Italiano) e dei Carabinieri. Un progetto scientifico mai così attuale e opportuno visto il grande numero di incidenti in alta quota causati dalla neve.

Adesso, dopo quattro anni di sviluppo, il progetto SHERPA è stato testato nella sua interezza durante l’Integration Week appena conclusa a Davos che ha visto la presenza di tutti i soggetti operativi guidati dal DEI di Bologna: l’Eth di Zurigo, l’Università di Leuven in Belgio, l’Università di Napoli Federico II, l’Università di Linkopings in Svezia, l’Università di Twente in Svizzera, l’Università di Bremen in Germania, quindi due aziende (la Bluebotics di Losanna, specializzata in robotica, e l’Asla Tech di Bologna, specializzata in droni) e il Club Alpino Italiano come “end user” del progetto. Questo network di eccellenze europee ha creato contaminazione tra settori diversi per creare un prodotto originale e unico.

Innovazione tecnologica: l’integrazione adattativa tra uomo e robot per il soccorso

SHERPA è un sistema di droni da cielo e da terra in grado di lavorare in condizioni estreme: il suo obiettivo primario è la localizzazione esatta in pochissimo tempo di una persona sepolta fino a 3 metri sotto la neve.

Questo sistema si articola sull’uso di tre elementi robotici: i “patrolling hawks” (falchi di pattuglia), gli aeromodelli che fanno il primo screening della zona colpita; gli “intelligent donkeys” (asini intelligenti), i rover che trasportano su terra i “trained wasps” (vespe allenate), ovvero i droni in grado di fotografare le aree colpite, riportare dati utili anche in condizioni avverse grazie alle telecamere ad infrarossi e registrare i segnali radio ARVA, cioè gli impulsi del segnalatore che ogni scalatore o sciatore esperto porta con sé.

È la prima volta che si combina un sistema di droni a supporto del soccorritore alpino, che rimane sempre il leader dell’azione: è lui quello che in SHERPA è chiamato il “Busy Genius” (genio occupato), ovvero colui che riceve un supporto tecnologico dalle macchine ma che rimane sempre il leader delle operazioni.

«L’integrazione uomo-robot in SHERPA è adattativa – spiega il prof. Lorenzo Marconi del DEI di Bologna, coordinatore del progetto SHERPA e del corso di studi in Ingegneria dell’Automazione dell’Università di Bologna – cioè quando l’uomo è presente, le macchine sono al suo servizio, viceversa quando il soccorritore è impegnato i robot agiscono in maniera autonoma.

In che modo?

Selezionando informazioni utili e quindi cercando di semplificare il lavoro dell’operatore:

-infatti, la guida dei droni viene fatta attraverso comandi gestuali e vocali e il sistema SHERPA è in grado di capire dal tono di voce e dal comportamento umano se in quel momento l’uomo è troppo impegnato o emotivamente stressato per guidare al meglio le operazioni. Qualora così fosse, SHERPA si regola di conseguenza, cercando di semplificare il lavoro umano.

È importante infatti ricordare che il soccorritore è il “genio” e può sempre bypassare i robot: in SHERPA, l’uomo è sempre più in alto nella scala gerarchica».

Innovazione sociale: la risposta alla crescita degli incidenti in montagna

Il progetto SHERPA nasce come risposta all’esigenza sociale di intervenire in modo più efficace nei soccorsi in alta quota. Infatti, la situazione dei dispersi per valanghe nell’arco alpino è sempre più drammatica: secondo il CAI, si è passati dai 1300 del 1955 ai circa 8mila del 2014. «Sono aumentati i frequentatori della montagna, soprattutto sciatori ed escursionisti.

Così aumentano anche le persone a rischio, senza togliere il fatto che alcune calamità siano dovute al surriscaldamento globale», spiega Adriano Favre, Direttore del Soccorso Alpino Valdostano.

Come alpinista, Favre ha scalato gran parte delle principali montagne al mondo e da oltre quarant’anni si occupa di soccorso: era presente con il suo team anche nelle recenti operazioni di ricerca dei superstiti all’Hotel Rigopiano in Abruzzo. «Il progetto SHERPA – continua – è un aiuto validissimo per la risoluzione ad un problema che nasce dalla domanda dei soccorritori: ottimizzare le ricerche dei dispersi. Siamo così più efficienti con meno persone: e i sistemi di localizzazione di SHERPA arrivano anche laddove non c’è copertura gps».

Inoltre, SHERPA è rapidissimo e invia in pochi minuti informazioni che normalmente richiedono ore: così, chi di solito morirebbe, vive. Perché una persona sepolta dalla neve può essere recuperata ancora in vita entro 30 minuti dal fatto ed entro 90 può presentare ancora funzioni vitali: ma è il reperimento entro i primi 15-20 minuti ad essere il più rilevante in termini di sopravvivenza. Per questo SHERPA fa la differenza in termini di efficacia rispetto alle tecnologie esistenti comparabili.

SCANDALO MODERNO – La schiavitù dei bambini – LADRI DI BAMBINI – Associazione ONLUS italiana intasca soldi …

Famiglie che versano soldi per adottare un bambino e poi vengono informati che il futuro figlio è stato rapito … Bambini che formano il nuovo mercato degli schiavi lavorando come tali nelle case di ricchi arabi, come schiavi sessuali o come fonte di organi giovani … per trapianti a personaggi molto ricchi.

Molti bambini africani rapiti con varie scuse alle famiglie (lavoro sicuro, scuole ecc…) …

…. migliaia di euro, dato all’AIBI per le pratiche di adozione …

—- deciso a Roma con la collaborazione delle autorità congolesi per presunte gravi mancanze dell’ente Aibi sulle procedure di adozione sulle falsità raccontate alle famiglie italiane sul rapimento dei loro futuri figli …

VEDI ANCHE AL LINK http://www.donnecultura.eu/?p=42379

—————

Il presidente dell’Aibi, Associazione di San Giuliano Milanese, la butta sul ridere … lo scrive in un articolo il giornalista Fabrizio Gatti (Espresso del 21 luglio 2016).

Il giornale l’Espresso ha riportato più di un articolo sulle adozioni di bambini tolti ai genitori in Africa e le presunte irregolarità dell’organizzazione Aibi.

L’Aibi è la più potente organizzazione dle genere in Italia, dice sempre l’Espresso, tanto che ha sponsor anche dentro il Parlamento.

Marco Griffini è il presidente dell’Aibi, fondatore di questo ente autorizzato dallo Sato Italiano.

Raymond Tulinabo aveva portato al sicuro, al di fuori del controllo dell’AIBI e del giudice, 4 bambini adottati da famiglie italiane. E per questo ha avuto un mare di guai.

Il trasferimento dei bimbi era stato deciso a Roma con la collaborazione delle autorità congolesi per presunte gravi mancanze dell’ente Aibi sulle procedure di adozione sulle falsità raccontate alle famiglie italiane sul rapimento dei loro futuri figli; bambini che dovevano essere adottati e in procinto di partire per l’Italia.

Le famiglie avevano speso migliaia di euro, dato all’AIBI per le pratiche di adozione.

La storia del sequestro dei bimbi era una messinscena, pianificata in Congo e condivisa dai vertici dell’Aibi: quei bambini NON sono orfani e NON sono mai stati rapiti (come invece era stto detto alle famiglie che li volevano adottare) ….

Quanto sopra si evince dalle segnalazioni inviate alla Commissione per le adozioni internazionali che sta indagando.

Su questi fatti è stata costruita una trama che protegge i LADRI DI BAMBINI.

”  Quando in Italia le famiglie chiedono chiarimenti , all’AIBI prima prendono tempo e poi decidono di non dire la verità “. (Espresso del 21 luglio 2016).

Non ci dilunghiamo ulteriormente su questa questione in particoilare, ma vorremmo passare il messaggio che NON SAREMO MAI ABBASTANZA PRUDENTI NELL’AFFIDARE I NOSTRI SOLDI A MOLTE ASSOCIAZIONI CHE RISULTANO POI LEGITTIMAMENTE SOSPETTABILI DI TRAFFICI NON CHIARI.

LA MALAFEDE E’ RAGIONEVOLE PER IL FATTO CHE LA LEGGE, IN ITALIA, NON OBBLIGA LE ONLUS A PUBBLICARE UFFICIALMENTE I PROPRI CONTI.

Negli USA,  dove sia i Clinton che Trump sono stati sospettati di frodi relativamente alle proprie onlus, almeno i conti sono, per legge, di dominio pubblico.

——–

LADRI DI BAMBINI in CONGO E GHANA .

Una rete congolese, ma non solo, sottrae i bambini alle famiglie dicendo di mandarli a studiare o a lavorare dignitosamente.

In realtà molti  bambini africani rapiti con varie scuse alle famiglie (lavoro sicuro, scuole ecc…), finiscono come schiavi a lavorare nei Paesi dle Golfo Arabo o come schiavi sessuali o peggio come fonte di organi giovani per (vecchi, ma non solo) malati ricchi occidentali … … !!!!!

VACANZE ESTATE 2017 IN GIAPPONE – LOW COST da 1.400 euro

Bassa stagione Euro 1.290,00 (1.400 IN TOTALE)
Gennaio / Febbraio / Giugno / Luglio / Settembre / Dicembre

Al costo del viaggio, 1.290,00 VA AGGIUNTA la quota scrizione e spese gestione pratica Euro 60,00 – Assicurazione sanitaria bagaglio e annullamento Euro 50,00

Un viaggio breve ma intenso ideale anche per viaggi di nozze e combinarlo con un soggiorno mare

Alla scoperta di Kyoto, Monte Fuji & Tokyo con un viaggio breve ma intenso ideale anche per viaggi di nozze e combinarlo con un soggiorno mare.

Il Giappone easy, un breve ma intenso viaggio per scoprire le principali città del Giappone.

Questo tour può essere combinato con un soggiorno mare in Malesia, Thailandia, Filippine, Micronesia, Indonesia, Nuova Caledonia, Fiji…

1°giorno: Osaka / Kyoto – Arrivo all’aeroporto di Osaka, incontro con il nostro corrispondente che vi aiuterà a prendere lo shuttle bus che vi porterà in circa 90 minuti al vostro hotel a Kyoto. Sistemazione nelle camere riservate. Pernottamento.

2°giorno: Kyoto / Nara / Kyoto – La stazione di Kyoto è proprio difronte al vostro hotel, partenza con il treno “Kintetsu Express” per Nara, antica capitale del Giappone dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Walking Tour e visita del Tempio Todai-ji edificato nel 752 ed attualmente l’edificio in legno più grande al mondo. Passeggiata nel Nara Park dove vivono oltre 1000 cervi (animale simbolo della città considerato un messaggero divino) che girano liberamente. Visita al Tempio Kofuku-ji, un’imponente pagoda a 5 piani la seconda più alta del Giappone. Ritorno a Kyoto in treno e pomeriggio partenza per la visita della città. Con un bus locale trasferimento a Kiyomizu, visita del tempio da cui si può ammirare una splendida visita panoramica della città, del Tempio di Kodaiji che commemora il generale del XVI secolo Toyotomi Hideyoshi, e del Santuario shintoista di Yasaka celebre per ospitare il Gion Matsuri, il festival più importante del Giappone. Passeggiata nel distretto di Gion, uno dei più esclusivi e rinomati quartieri di geishe di tutto il Giappone che conserva ancora il suo antico fascino, le architetture caratteristiche, le forme di intrattenimento tradizionali e le antiche case da tè. Fine del tour a Gion e ritorno in hotel per proprio conto. Pernottamento.

3°giorno: Kyoto / Tokyo – Il vostro bagaglio principale sarà spedito da Kyoto a Tokyo, con il treno in un’ora e mezza arriverete a Tokyo, trasferimento per proprio dalla stazione centrale di Tokyo in hotel. Potrete prendere un taxi o la metro. Sistemazione nella camera riservata. Pomeriggio Tokyo city tour, la partenza ed il rientro sarà dal vostro hotel. Visita della Tokyo Tower, del Santuario Meiji, un’esempio di architettura tradizionale giapponese, Hama-Rikyu Garden, crociera sul fiume Sumida dove si potranno ammirare i contrasti tra la vecchia e la nuova Tokyo. Pernottamento in hotel.

4°giorno: Tokyo / Monte Fuji / Hakone / Tokyo – Partenza con il Tomei Expressway per il Monte Fuji, durante il viaggio si attraverserà il Giappone rurale con i suoi suggestivi paesaggi fino ad arrivare a circa 2800 metri di altezza. Salita al monte Hakone con Sky Gondola per godere a 360° del bel panorama della montagna vulcanica. Crociera sul Lago Ashi, un delizioso lago vulcanico. Pranzo incluso. Ritorno in hotel e pernottamento.

5°giorno: Tokyo – Giornata libera per escursioni per proprio conto. Pernottamento.

6°giorno: Tokyo – Trasferimento in pullman per il vostro aeroporto di partenza.

Quote valide per partenze dal 03/01/2017 al 23/12/2017
Partenza libera su base privata – Minimo 2 persone
Quota per persona in camera doppia

– Bassa stagione Euro 1.290,00
Gennaio / Febbraio / Giugno / Luglio / Settembre / Dicembre

– Alta stagione Euro 1.410,00
Marzo / Aprile / Maggio / Agosto / Ottobre / Novembre
Supplemento colazione in hotel Euro 150,00

La quota comprende: Trasferimento di gruppo con shuttle bus dall’aeroporto Kansai di Osaka all’hotel di Kyoto – Sistemazione in hotel in camera doppia hotel categoria standard – Trasferimento bagaglio: da Kyoto a Tokyo – 1 pranzo – Trasferimenti con i mezzi pubblici ed ingressi durante le visite guidate come da programma – Trasferimenti in treno come da programma (biglietto di seconda classe, posti prenotati) – Trasferimento con shuttle bus di gruppo dall’hotel di Tokyo all’aeroporto

La quota non comprende: visto – voli – mance – pasti – bevande – quanto non indicato nella voce” la quota comprende”

Hotel previsti da riconfermare al momento della prenotazione: Kyoto: New Miyako Hotel – Tokyo: Shiba Park Hotel

ORGANIZZATO DA:

per prenotazioni booking@originaltour.it

Originaltour – Tour Operator
Roma, Via Angiolo Cabrini 38 – tel 0688643905
website www.originaltour.it

Entrata gratuita a Bergamo – BergamoScienceCenter sei settimane di eventi per tutti – studenti – giovani – adulti – professionisti – pensionati – educatori – PMI – innovatori – makers – bambini

Dal 3 marzo al 15 aprile 2017
al BergamoScienceCenter

sei settimane di eventi per tutti

Abbiamo imparato a creare con lo zero e l’uno.

Programmiamo macchine per svolgere operazioni al nostro posto,
creiamo tecnologia che plasma il nostro operato e modifica le nostre abitudini,
siamo artefici e testimoni di una spinta innovativa senza precedenti.

Digitiamo costantemente producendo una mole di informazioni in esponenziale crescita.

La tecnologia digitale ci affianca quotidianamente nelle operazioni più semplici,
cosi come in quelle più complesse.

Ci rivediamo ora in film di fantascienza di vent’anni fa.

Viviamo nel futuro.
Viviamo giorni sempre più digitali.
Quanto ne siamo consapevoli?

Sei settimane di eventi speciali, conferenze, laboratori e approfondimenti

per studenti, giovani, adulti, professionisti,
pensionati, educatori, PMI, innovatori, makers, bambini e
chiunque voglia capire un po’ meglio questo tempo.

BergamoScienza ringrazia
Daniele Cremaschi
per aver curato il programma dei DigitalDays,
i relatori, le imprese, il comitato giovani e tutti i partner coinvolti.

***

venerdì 3 marzo ore 21.00
Conferenza di apertura
Rigenerare il cervello tra finzione e realtà

Relatore : Gianvito Martino
Istituto di Neurologia Sperimentale, Divisione di Neuroscienze,
Ospedale San Raffaele, Milano- Segretario Comitato Scientifico BergamoScienza

TUTTI GLI EVENTI SONO GRATUITI CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.

‘ Superfoods Perú ’ alla fiera alimentare più importante del mondo Fruit Logistica di Berlino

PromPerú lancia il brand ‘Superfoods Perú’

Presentato a Berlino in occasione della 25esima edizione di Fruit Logistica. Supportano il marchio alcune delle principali associazioni peruviane del settore privato. Quinoa, maca, camu camu, alcuni dei prodotti che fanno parte di questo brand.

 La Commissione peruviana per la promozione delle esportazioni e del turismo – PromPerú – ha lanciato lo scorso 8 febbraio il marchio ‘Superfoods Perú’, in occasione della fiera alimentare più importante del mondo, Fruit Logistica, tenutasi a Berlino.

Con questo brand si intende posizionare, a livello internazionale, la qualità, la varietà e i benefici nutrizionali dei prodotti peruviani e dare così inizio ad una promozione commerciale dell’offerta esportabi le cominciando proprio dall’Europa.

Alla manifestazione era presente il Ministro per la promozione delle esportazioni e del turismo Eduardo Ferreyros Küppers, accompagnato da rappresentanti dell’Associazione degli Esportatori (ADEX), l’Associazione dei produttori agricoli Gilde del Perù (AGAP) l’Associazione peruviana dei Produttori ed Esportatori di Mango (Peruvian Mango Growers), oltre a ProHass, Procitrus e ProVid, esportatori, buyer internazionali e rappresentanti del commercio equo, per citarne alcuni.

Nel settore imprenditoriale, si riscontra un sempre maggiore interesse e riconoscimento di questi prodotti da parte dei consumatori di tutto il mondo.

Basta pensare che, tra il 2011 e il 2015, il lancio di nuovi alimenti e bevande a base di ‘superalimenti’ è aumentato del 202%.

Va inoltre sottolineato che il Perù ha tutte le carte in regola per essere considerato leader mondiale nell’ambito dei ‘superalimenti’: possiede una ricca biodiversità, ha ottime capacità di esportazione, oltre a fornire tracciabilità e innovazione grazie a catene di processo trasparenti e sostenibili.

Da migliaia di anni, il Perù tramanda di generazione in generazione conoscenze ancestrali per preservare le colture del territorio, ha una gastronomia conosciuta in tutto il mondo ed è considerato destinazione propizia per gli investimenti mentre la sua posizione geografica lo rende hub apprezzato in America Latina.

Molti i ‘Superfoods’ peruviani che verranno promossi con questo nuovo marchio: la quinoa, l’amaranto, cañihua (pinata erbacea simile alla quinoa), la maca, lo yac&oacu te;n (tubero coltivato nella Cordigliera delle Ande), le castagne, la carruba, sacha inchi o arachide dell’Inca, mais gigante di Cusco, mais viola, camu camu, la chirimoya (frutto tropicale), soursop o guanábana, lucuma, mango, uva, mandarini e acciughe, oltre a quelli già conosciuti a livello internazionale come i mirtilli, gli asparagi, i broccoli, l’avocado, il melograno, il cacao e il cioccolato.

Con uno stand di oltre 500 mq, il Perù ha inoltre organizzato diverse attività promozionali, tra le quali alcune dimostrazioni culinarie proposte dagli chef Palmiro Ocampo e ArletteEulert, intrattenimenti musicali di hip hop in quechua con Liberato Kani e, grazie ad un touch screen, i visitatori hanno potuto conoscere i prodotti peruviani e le esportazioni agricole e, grazie alla maestria di alcune donne peruviane nella tessitura, una tela gigante ricamata a mano ha messo in mostra l’incredibile geografia del Paese e i ‘superalimenti’ che questa terra così tanto generosamente regala.

PromPerú
La Commissione peruviana per la promozione delle esportazioni e del turismo (PromPerú) è l’organismo ufficiale specializzato in promozione turistica e marketing, collegato al Ministero del Commercio Estero e del Turismo del Perù. PromPerú stabilisce relazioni a lungo termine con i professionisti del settore e dei media in tutti i paesi in cui si svolgono attività promozionali.

Per ulteriori informazioni, visita il sito http://www.peru.travel o segui PromPeru sui canali di social media: Facebook: www.facebook.com/visitperu – Twitter: https://twitter.com/visitperu – Youtube: www.youtube.com/VisitPeru – Instagram: https://instagram.com/peru/

DonnE…Cultura