Arte a Venezia – Xie Kun esporrà la sua opera a Venezia

L’artista Xie Kun esporrà la sua opera a Venezia

Anche quest’anno in mostra all’Arsenale di Venezia sarà presente una giovane artista di Art Nova 100, piattaforma per la promozione degli artisti cinesi, con la quale il Premio Arte Laguna collabora da anni. Uno scambio proficuo che genera dinamicità e sinergie portando in Italia interessanti espressioni artistiche dell’estremo Oriente ed esportando allo stesso tempo i video finalisti dell’edizione in corso.

Dal 25 marzo al 9 aprile 2017 vedremo in mostra alcune delle opere di Xie Kun nelle quali l’artista s’interroga sull’esistenza del corpo e si chiede se esso sia solo un inganno.

L’artista è stata scelta per l’interessante utilizzo della trazione grafica che vede fondersi ispirazioni occidentali con reminiscenze dell’art brut.

Venice Arsenale
Xie Kun

1987 Born in Zhangjiakou, Hebei Province. Graduated from the Mural Painting Department of the Central Academy of Fine Arts. Currently works and lives in Beijing.

1987 Nasce a Zhangjiakou, Provincia di Hebei. Laureata presso il Dipartimento di Pittura Murale dell’Accademia Centrale di Belle Arti, attualmente vive e lavora a Pechino.

————–

The artist Xie Kun will exhibit her work in Venice

Also this year, on display at the Arsenale of Venice there will be a young artist from Art Nova 100, a platform for the promotion of Chinese artists, with which the Arte Laguna Prize has been collaborating for years. A fruitful exchange that generates dynamism and synergies, bringing to Italy a number of interesting artistic expressions from the Far East and at the same time exporting the finalist videos of the current Prize edition.

From March 25 to April 9, the exhibition will include some works by Xie Kun, in which the artist wonders about the existence of her body and asks herself if this is only a deception.
Xie Kun was selected for the interesting display of graphic tension that merges Western inspirations with reminiscences of art brut.

DOVE VADO IN VACANZA LA PROSSIMA ESTATE ? – PAFOS CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2017 – A Cipro mare – cultura – gastronomia e natura

Scopri, assapora… sogna: To Hani Lounge Bar & Ristorante

Ospitalità: Londa Beach Hotel – Limassol
Soggiorno in casa tradizionale: Aperanti Agrotourism
Pafos Capitale Europea della Cultura 2017

Collegamenti aerei

Buone curiosità: il sale nero di Cipro

News dalla natura: birdwatching sul lago di Larnaka
Da Cipro con stile: Matthew Zorpas, maestro di stile tra gli uomini meglio vestiti al mondo

PAFOS CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2017

Dopo tanta attesa, il 28 e 29 gennaio 2017, con un’intensa due giorni di appuntamenti, ha preso ufficialmente il via “Pafos – Capitale europea della cultura 2017”, che per un anno, con la danese Aahrus, trasformerà la città cipriota in uno straordinario laboratorio a cielo aperto.

Letteralmente creata attorno al concetto di apertura, elemento fondante di Pafos2017, la manifestazione sarà suddivisa in tre macro aree – “Myth and Religion”, “World Travellers” e “Stage of the Future” – e offrirà alla popolazione locale e ai visitatori uno straordinario calendario di eventi che riflette il motto “Linking Continents – Bridging Cultures”.

Nel suo essere laboratorio en plein air, l’area di Pafos vedrà animarsi di nuova luce, in quello che può essere descritto come uno straordinario meccanismo di “democratica creatività”, piazze, templi, monumenti medioevali, siti archeologici, il quartiere di Mouttalos, il restauro di Ibrahim’s Khan, il santuario di Aphrodite, il porto e le comunità costiere.

Per Pafos2017, tutti questi luoghi diventeranno preziose pietre miliari che offriranno agli artisti coinvolti nella manifestazione nuove opportunità per esprimere la loro creatività. Riassumere il programma è pressoché impossibile.

Quasi giornalmente ci saranno differenti appuntamenti che interesseranno differenti discipline e ambiti.

Senza stabilire necessariamente una scala di priorità, dopo il nutrito programma dei giorni di inaugurazione, si può provare ad abbozzare un breve percorso che, mese dopo mese, restituisca la preziosa idea di apertura e incontro tra mondi diversi di Pafos2017.

Tra i primi eventi figurano: 8 febbraio, concerto a quattro mani del pianista portoghese Ricardo Vieira e del pianista giapponese Tomohiro Hatta, 12-18 febbraio, Mostra fotografica “Tales of Two Cities” che attraverso un percorso di immagini di David Pisani metterà in connessione Cipro e Malta,

Capitale della Cultura 2018, Febbraio – Marzo – “Tour and Traces – Pafos City and District”, un tour insolito che dà la possibilità di scoprire Pafos e i dintorni da un punto di vista differente. www.pafos2017.eu

BUONE CURIOSITÀ: IL SALE NERO DI CIPRO

Il sale, delizia e – attualmente, a volte – piccola croce della cucina, è un elemento fondamentale per dare quell’imprescindibile “non so che” a numerose ricette. Tra i sali più pregiati del mondo è presente quello nero di Cipro, estratto per evaporazione mediante un antico processo di lavorazione e arricchito con carbone ottenuto dalla combustione di cortecce di legno dolce. Oltre che buonissimo – insuperabile, in particolare, con piatti vegetariani, pesce, uova e zuppe – è anche molto bello da vedere con i sui fiocchi simili quasi a preziose gemme dal brillante colore antracite metallescente. E, nonostante, appunto, il sale figuri un po’ tra i nemici di uno stile di vita salutare, se consumato senza attenzione, quello nero di Cipro può essere di buon grado inserito tra quelli più amici: è ricco di sostanze minerali naturali “buone” quali il carbone attivo e la struttura unica dei suoi cristalli piramidali, che lo rende croccante e con un’ottima solubilità, inganna il palato, trasmettendogli un’intensa sensazione di sapidità. Di fatto, la rapidità con cui questa informazione arriva al cervello spinge a dosare meglio il sale e, quindi, a farsi del bene… con gusto!

NEWS DALLA NATURA: BIRDWATCHING SUL LAGO DI LARNAKA

Rimanendo in tema di sale, non si può non menzionare il lago salato di Larnaka, che figura tra le attrattive di questa località nota anche per le sue spiagge.

Meta perfetta per ammirare da un punto di vista davvero particolare il vicino complesso della moschea Hala Sultan Tekke (raggiungibile attraverso un percorso panoramico che segue il profilo del lago), il bacino lacustre di Larnaka è molto amato dai birdwatcher di tutto il mondo, poiché, da novembre a marzo, ospita una colonia di fenicotteri rosa.

Questi eleganti volatili lo hanno scelto come loro dimora e lo abitano in compagnia di numerose altre specie di uccelli acquatici che vivono stabilmente a Cipro – la monachella e la bigia di Cipro non sono presenti in alcun altro luogo del mondo e molti appassionati visitano l’isola unicamente per avvistarli – o che sostano a Cipro lungo i loro percorsi migratori da nord a sud: gambecchio frullino, Silvia di Cipro, tarabusino comune, moretta tabaccata… Nel programmare una visita, oltre a pianificare di portare con sé un binocolo, vale la pena mettere in conto di attendere l’imbrunire, quando al tramonto i raggi del sole calante si riverberano intensamente sulle antiche pietre della moschea e sullo specchio formate dalle acque del lago. Impossibile non emozionarsi!

SCOPRI, ASSAPORA… SOGNA:

TO HANI, LEMESOS (LIMASSOL) – www.tohani.com.cy
Raffinato lounge bar e ristorante, vincitore del premio“Best Leisure Interior Cyprus 2015-2016, ubicato al centro di Limassol e scenograficamente affacciato sul suo castello medioevale. Molto suggestiva la ripartizione su due piani, coperta da un tetto trasparente che dà la sensazione cenare en plein air sotto il cielo di Cipro. Perfetto per una pausa in una posizione strategica per visitare la città o per una cena accompagnata da musica dal vivo. Oltre al pesce, una nota di merito spetta al rito gastronomico cipriota per eccellenza, il meze, specialità locale, che va apprezzata “siga, siga”, lentamente, e che si compone di piccole porzioni di prelibatezze a base di verdure, pesce, carne, salse e… che può contare fino a 30 piatti.

OSPITALITÀ:

LONDA BEACH HOTEL, LEMESOS (LIMASSOL) Boutique hotel 5* parte di Small Luxury Hotels of the World. La sua posizione sul lungomare e le sue dotazioni lo rendono la location ideale per vivere con charme Cipro praticamente tutto l’anno. Caratterizzato da un raffinato design in perfetto equilibrio tra atmosfere di contemporaneo urban style e rimandi stilistici autoctoni, conta tra i suoi plus la SPA (con linee di prodotti Elemis e Thalgo), il ristorante Caprice, il bar a bordo piscina con vista mare e un raffinato lounge bar. 68 le camere suddivise in differenti tipologie – alcune con vista mare – che includono anche romantiche honeymoon suites.

Posizionato a 45 minuti di auto circa dagli aeroporti di Pafos e Larnaka. www.lhondahotel.com

AGRITURISMO APERANTI: IL “CUORE VERDE” DI CIPRO, CON UN’ANIMA ITALIANA

Spesso, dietro ai luoghi con un carattere, si cela una bellissima storia
e così è per l’agriturismo Aperanti, situato nell’incantevole borgo di
Pera Oreinis – a soli 15 minuti dal complesso montuoso di Machairas e a 20 minuti da Lefkosia (Nicosia) – e nato dal desiderio di Sara e Tassos di dare vita a una modalità di ospitalità capace di unire lo spirito più autenticamente agricolo di Cipro e le attrattive di quella parte di entroterra dell’isola che ha saputo conservare una speciale integrità, basata sul rispetto del territorio e delle tradizioni. Sara è nata in Liguria e ha vissuto a Milano dove si è laureata in biotecnologie mediche. A Londra, dove risiedeva per seguire un dottorato in ematologia, ha conosciuto Tassos, originario di Cipro. E dopo qualche anno insieme hanno iniziato a pensare di cambiare radicalmente vita e di trasferirsi a Cipro, in campagna, per coltivare la terra e costruire anche un progetto di turismo sostenibile. Ce l’hanno fatta e hanno vinto addirittura vinto il premio Agriturismo: reinventare l’esperienza a Cipro! L’atmosfera di Aperanti comunica immediatamente l’amore di cui è frutto e un soggiorno in questa bellissima parte dell’isola, grazie alla preziosa capacità di Sara e Tassos di condividere con gli ospiti il loro progetto, permette di mettere veramente le mani in pasta, per imparare, ad esempio, come si fanno gli squisiti formaggi locali halloumi e anari e a produrre l’olio al frantoio locale. Una menzione speciale va anche ai corsi di cucina e alla varietà della loro produzione agroalimentare biologica che, oltre a olio e formaggi, conta profumatissime marmellate alle erbe aromatiche, paté di olive, ortaggi e… ricette speciali come quella dei ravioli con la menta. Tra le attività proposte, trekking, passeggiate a cavallo, kayaking. www.aperantiagrotourism.com

 

DA CIPRO CON STILE: MATTHEW ZORPAS, MAESTRO DI ELEGANZA TRA GLI UOMINI MEGLIO VESTITI AL MONDO

“Il principio dell’eleganza oggi è racchiuso nella scoperta di un dettaglio sbagliato”. Questa frase descrive alla perfezione il senso per lo stile di Matthew Zorpas, cipriota di nascita e, dai tempi dell’università, londinese di adozione (laurea alla London College of Communication e master alla London School of Economics), inserito da numerose classifiche tra gli uomini più eleganti del pianeta (nel 2011 “Esquire” l’ha messo al secondo posto) e da “GQ” tra i 5 fashion influencer da tenere d’occhio nel 2017.

Le sue dieci regole per diventare un gentleman rimbalzano sui siti di tutto il mondo e i marchi più prestigiosi se lo contendono in qualità di testimonial e consulente. Un viaggio tra le immagini del suo www.thegentlemanblogger.com e sui suoi profili social è letteralmente un’esperienza a stretto contatto con la bellezza. Intesa non tanto come qualcosa di strettamente legato al dato meramente estetico, ma come insieme armonico di differenti fattori. Vale la pena quindi di consultarlo per ispirarsi, trovare un consiglio, fugare un dubbio o semplicemente solo per farsi incantare da immagini e outfit. Tra le attività di Zorpas ci sono anche le numerose lezioni in differenti università in qualità di esperto di nuovi media e web marketing. A dicembre 2015, ne ha tenuta anche una a “casa sua”, all’università di Lefkosia (Nicosia).

Seguitissima, ça va sans dire!

COLLEGAMENTI AEREI (stagione autunno-inverno)
Easyjet mantiene i due voli settimanali diretti da Milano Malpensa su Larnaka Ryanair, da fine marzo, vola da Roma Ciampino verso Pafos, con due voli settimanali Aegean Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino e Napoli verso Larnaka , con scalo ad Atene.

Austrian Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Bologna, Venezia, Pisa e Napoli verso Larnaka, con scalo a Vienna.

CIPRO PER L’ITALIA

L’Ente Nazionale dl Turismo di Cipro, nel corso del 2017, prenderà parte a numerosi eventi fieristici.
I primi appuntamenti dell’anno prevedono:

dall’1 febbraio al 16 marzo, Travel Open Days, in differenti città italiane:
1/2 Roma, 2/2 Napoli, 8/2 Palermo, 9/2 Catania, 14/2 Milano, 17/2 Bergamo, 22/2 Verona, 28/2 Varese, 28/2 Como, 1/3 Genova, 8/3 Lecce, 9/3 Bari, 15/3 Monza, 16/3 Novara.

Dal 17 al 19 febbraio, a Firenze, TourismA, Salone Internazionale dell’Archeologia dal 24 al 26 marzo, a Napoli, BMT, Borsa Mediterranea del Turismo.

A VVERTENZE

L’Ente Nazionale per il Turismo di Cipro si impegna da anni strenuamente, anche tramite la voce dell’Ambasciata, ad informare i turisti, gli operatori e la stampa italiana sulla meta “Cipro Nord”. Invitiamo pertanto a leggere quanto dichiarato sul sito http://www.turismocipro.it dall’Ambasciata della Repubblica di Cipro:

http://www.turismocipro.it/file/A1)_TURISMO_NELLA_ZONA_OCCUPATA_DI_CIPRO_- _Comunicato_dell’Ambasciata_della_Repubblica_di_Cipro.pdf
e il comunicato ufficiale di Viaggiare sicuri della Farnesina: http://www.turismocipro.it/file/A2)_COMUNICATO_UFFICIALE_www.viaggiaresicuri.it_%20( Farnesina).pdf

Seguici su

Scarica qui la Mappa di Cipro http://www.turismocipro.it/file/Mappa_di_Cipro.jpeg

CONTATTI

Ente Nazionale per il Turismo di Cipro

Via A. Solari 13 – 20144 Milano
Tel. 02 58303328—Fax. 02 58303375
E-mail: info@turismocipro.it – Web: www.turismocipro.it
Orari d’apertura: dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 17.00 orario continuato Sito ufficiale per informazioni turistiche: www.visitcyprus.com
Sito Governativo ufficiale: www.cyprus.gov.cy

www.facebook.com/visitcyprus.italy/

Meta originale per la prossima estate ? Oceano – Paesaggi – Natura – Gastronomia

Se amate i grandi paesaggi atlantici, il cibo di mare, fare tante foto al tramonto e le passeggiate in bici, l’idea di andare su un’isola potrebbe essere vincente o meglio su più isole.

Ovviamente, il massimo sarebbe in bassa stagione; giugno o settembre (poca gente, prezzi più bassi; sarete trattati al meglio), ma questo non sempre è possibile.

Isola di Noirmoutier un luogo speciale.

L’Isola di Noirmoutier, è un’isola francese del dipartimento della Vandea vino a Nantes.
Un’incredibile varietà di paesaggi: spiagge, foreste, dune, paludi, caratterizza questa isola.

Per arrivarci, si prende il ponte o si aspetta la bassa marea.

Se siete golosi, qui trovate ottimi piatti a base di: patate di Noirmoutier, finocchio e sale marino, ma anche pesce, ostriche e crostacei.

Se siete golosi e intenditori:
La Marine
Guida MICHELIN 2016
3 r. Marie-Lemonnier, 85330 Noirmoutier-en-l’Île
Creativa|Pesce e frutti di mare
Da 68 EUR a 150 EUR Telefono +33251392309
Sito web http://www.alexandrecouillon.com

Anche altre isole della zona meritano una visita

Isola di Yeu; la più distante dal continente. Qui non perdetevi un caffè sul lungomare, poi noleggiate una bicicletta per visitare il resto dell’isola; sentieri sabbiosi portano verso la costa, le falesie irrompono sulla costa a sud dell’isola, bianche casupole e tanto altro …

Quattro altre isole indimenticabili (cinque con Fort Boyard).

Ré, chiamata “la bianca”, per i suoi paesini dalle case immacolate con le imposte verdi, ma anche le piste ciclabili.

Oléron, è un concentrato di natura e prodotti d’eccezione (le famose ostriche di Marennes Oléron).

L’isola di Aix è accessibile solo per mare.
Tranquillità assicurata; da visitare a a piedi o sulle due ruote.

Isola Madame; la costa nord accoglie delle palafitte in legno per pescare durante l’alta marea.

L’Isola di Ré è collegata al continente (La Rochelle) grazie a un ponte che permette l’accesso durante tutto l’anno.
Il suo numero delle ore di sole che non ha niente da invidiare a quello della Costa Azzurra.
Il paesaggio pianeggiante offre: natura, foreste e dune, meglio se in bici.
Ci si può spostare anche in carrozza.

Isola d’Oléron; è la più grande delle isole francesi dopo la Corsica. Oléron è collegata alla terraferma da un ponte maestoso di ben 3.027 m di lunghezza!
L’aspetto pianeggiante dell’isola la rende ideale per la bicicletta; 80 km di piste ciclabili vi attendono.
Case basse, persiane colorate, muri bianchi di calce, i profumi della flora, la varietà dei paesaggi e la dolcezza del clima, sono le caratteristiche di questa isola che è già fiorita a febbraio.
Oléron è uno dei centri più importanti per la produzione delle ostriche.

Da non perdere: una visita alla vicina città di Nantes e, se avete tempo, una puntata ai  non lontano Castelli della Loira.

Polinesia una citta’ galleggiante per combatere l’innalzamento delle acque

IL FUTURO è GIA’ QUI ??

POLINESIA

Ecco le caratteristiche della nuova città galleggiante prevista per combattere l’innalzamento delle acque del Pacifico:

-galleggiante e autosufficiente,

-alimentata con l’energia solare,

-nutrita con coltivazioni idroponiche (direttamente nell’acqua)

-dissetata con dissalatori.

Se il progetto sarà approvato il  via al cantiere avverrà nel 2019.

L’autorità dell’arcipelago polinesiano, ha firmato l’accordo con il Seasteading Institute di San Francisco, in California (istituto che si occupa del progetto) .

La città galleggiante sarà formata da piattaforme pentagonali collegate fra di loro, le palazzine non supereranno i tre piani, sono previsti anche giardini e ormeggi per barche; navi da crociera comprese.

Finnair nuove frequenze sulle destinazioni europee – Reykjavík nuovi voli dall’11 aprile 2017

Finnair aggiunge frequenze sulle destinazioni europee più popolari e rende annuale la tratta per Reykjavík

Grazie alla grande richiesta sulla tratta per Reykjavík, che inizierà l’11 aprile, Finnair ha deciso di aggiungere una quinta frequenza settimanale (il mercoledì) tra il 31 maggio e l’11 agosto, nonche’ di servire la destinazione durante tutto l’anno con tre frequenze settimanali durante la stagione invernale. Questi servizi sono integrati da voli operati da Icelandair con cui Finnair ha un accordo di code-share.

Finnair aumenterà anche la capacità di posti sui i voli verso la Danimarca aggiungendo una frequenza giornaliera su Copenaghen e mettendo a disposizione un aeromobile più grande sulla rotta per Billund. Dal 14 maggio 2017 saranno aggiunte cinque frequenze settimanali sulla rotta per Copenaghen, tra cui un volo che partirà alla mattina da Copenaghen per consentire trasferte di lavoro in giornata a Helsinki. Rispetto al 2016, Finnair sta aumentando la capacità sulla rotta Copenaghen del 21%. Finnair ha cominciato a volare a Billund la scorsa primavera e ora aumenterà la capacità sulla rotta tra giugno e agosto volando quattro giorni alla settimana con un Airbus A319, al posto di un E90. Con questa cambio di aeromobile, la capacità disponibile sulla rotta per Billund aumenterà del 11%.

L’anno scorso, Copenhagen è stata la nostra destinazione più gettonata dalla Cina e vediamo un grande potenziale in Danimarca con le nostre nuove destinazioni e piani di crescita”, dice Juha Järvinen, Chief Commercial Officer di Finnair. ” La scorsa primavera abbiamo inaugurato la rotta per Billund e siamo stati molto soddisfatti che ci sia una forte domanda dalla Finlandia per visitare Legoland, in particolare durante i mesi estivi. Questa rotta inoltre ha connessioni ottimali verso l’Asia, passando da Helsinki.”

Oltre all’aumento delle frequenze e della capacità di Islanda e Danimarca, Finnair aggiungerà frequenze sulle rotte di seguito:

· Una terza frequenza giornaliera verso Vilnius durante la settimana per tutto l’anno a partire dal 15 maggio in modo da aprire ulteriori collegamenti europei e a lungo raggio dalla capitale della Lituania
· Una frequenza giornaliera su Varsavia per l’alta stagione estiva tra il 5 giugno e il 4 agosto
· Una frequenza settimanale sulla rotta di Dublino per la stagione invernale 2017
· Il volo settimanale del sabato per Alanya-Gazipasa, Turchia, continuerà anche dopo la conclusione della stagione estiva, fino alla metà del mese di dicembre

“Il nostro viaggio verso la crescita continua e siamo molto soddisfatti della nostra gamma di destinazioni a corto raggio per il 2017”, aggiunge Järvinen. “Questi cambiamenti e sviluppi per la nostra compagnia aerea riflettono l’aumento della domanda, sia da parte dei nostri clienti asiatici sia di quelli europei verso le rotte più popolari in Europa”.

Crociere ai Caraibi – MSC grandi novità per novembre 2018

Una destinazione unica nei Caraibi che ospiterà in esclusiva i passeggeri di MSC Crociere
da novembre 2018

MSC CROCIERE, INIZIANO I LAVORI ALLA RISERVA MARINA DI OCEAN CAY

– MSC Crociere,  ha dato il via oggi ai lavori alla Riserva Marina di Ocean Cay. Situata a sud di Bimini nelle Bahamas, l’isola è destinata a diventare – da novembre 2018 – un paradiso naturale eslcusivo per gli ospiti di MSC Crociere.

Gianluca Suprani , Head of Global Port Development and Shore Side Activities di Msc Crociere, ha aggiunto:

  • Situata a sole 65 miglia ad est di Miami, in Florida, Ocean Cay MSC Marine Reserve ha 3.8 chilometri di litorale con acque cristalline e un ecosistema marino unico.
  • L’isola ha alcune delle più belle spiagge di aragonite in tutto il mondo e, una volta che avremo completato i lavori, le acque circostanti potranno essere nuovamente la casa di coralli e di una ricca varietà di specie aquariche.
  • Ocean Cay Marine Reserve, diventerà una meta davvero esclusiva permettendo agli ospiti di MSC Crociere di vivere il meglio che i Caraibi hanno da offrire.”

A completare il tutto, il piano paesaggistico vedrà la piantumazione più di 80 alberi, erbe, fiori e arbusti tipici dei Caraibi, che consentiranno di ricreare un habitat naturale lussureggiante.

Lo sviluppo della Riserva Marina Ocean Cay fa parte del piano industriale di MSC Crociere del valore di 9 miliardi di euro, che prevede la costruzione di fino a 11 navi nuova generazione la cui entrata in servizio è prevista tra il 2017 e il 2026. La prima fase di sviluppo del riserva marina prevede la demolizione delle infrastrutture industriali esistenti così da poter ricreare nuovamente una riserva marina incontaminata.

Parlando alla cerimonia inaugurale, Pierfrancesco Vago , Executive Chairman di MSC Crociere, ha commentato: ” Lavorando a stretto contatto con il Governo delle Bahamas, il nostro obiettivo è quello di trasformare un deserto industriale in un ambiente accogliente sia per l’uomo che per la natura, riportando l’isola e le acque circostanti al loro stato originale. In questo modo, potremo rafforzare l’importante investimento del nostro Gruppo per l’economia delle Bahamas, offrendo anche opportunità di lavoro a lungo termine per la popolazione locale .

“A testimonianza della nostra capacità innovativa, il molo appositamente costruito consentirà alle nostre navi da crociera di attraccare direttamente a Ocean Cay MSC Marine Reserve. L’isola diventerà così una vera e propria estensione della nave”.

MSC Seaside e le altre navi di MSC Crociere operative ai Caraibi inseriranno regolarmente Ocean Cay MSC Marine Reserve nei loro itinerari da novembre 2018. Per maggiori informazioni sugli itinerari e la destinazione, è possibile visitare il sito https://www.msccrociere.it/it-it/Destinazioni-Crociera/Caraibi-Cuba-Antille/Bahamas/Ocean-Cay-MSC-Marine-Reserve.aspx

ARGENTINA VIOLENTA CON LE DONNE – UN FEMMINICIDIO OGNI 30 ORE

Il mondo sta diventando un luogo meno sicuro per le donne ?

Pare proprio di si.

A parte molti paesi mussulmani dove, negli ultimi decenni, le donne sono a volte obbligate a coprirsi il capo o coprire completamente il corpo (anche se si muore dal caldo o stanno facendo il bagno), una donna sola in viaggio oggi, incontra più problemi di quanto accadeva trent’anni fa. Lo scrive chi viaggia da oltre quarant’ anni in tutto il mondo.

Sarà anche colpa del mondo che è diventato più violento; è cresciuta esponenzialmente la disuguaglianza economica, le tensioni religiose si sono accentuate e di pari passo i furti, ma anche gli stupri.

Sta di fatto che anche nella lontana Argentina il governo locale ha proibito fare commenti a voce alta alle signore; la mulata è di 60 euro.

Una volta in Argentina era tradizione, per strada, fare un commento galante ad una donna, ma evidentemente ora i commenti sono diventati troppo pesanti e violenti. Inoltre, ogni 30 ore una donna viene uccisa da un uomo per gelosia o altri motivi del genere.

IL VALORE DEI FARMACI DI AUTOMEDICAZIONE

I dati rilevati mostrano che la tendenza all’automedicazione risulta ben presente tra i giovani: il 60% afferma di risolvere i comuni disturbi o sintomi lievi in autonomia, ricorrendo ai farmaci senza obbligo di ricetta, e riconoscendo nel medico e nel farmacista dei professionisti.

Uno sviluppo responsabile e appropriato dell’automedicazione può avere vantaggi anche per la sostenibilità economica.

Secondo i dati emersi da uno studio condotto nel corso del 2016 da CERGAS Bocconi, e presentato in occasione del Self Care Forum, un ampliamento dell’offerta terapeutica disponibile in automedicazione, maggiormente allineata a quanto avviene in Europa, porterebbe a un potenziale alleggerimento dei conti del SSN di circa 844 milioni di euro l’anno.

Affermare una cultura dell’automedicazione vorrebbe dire, quindi, innescare un meccanismo virtuoso in grado di liberare risorse a vantaggio delle terapie destinate ad altre patologie, ottimizzando la spesa farmaceutica rimborsata dal SSN.

FEDERCHIMICA ASSOSALUTE
LANCIA IL PRIMO SELF CARE FORUM
PER COMUNICARE IL VALORE DEI FARMACI DI AUTOMEDICAZIONE

Una proposta di Consensus Document per dare inizio a un percorso condiviso a favore dell’Automedicazione responsabile

 – E’ stato presentato  al Palazzo delle Stelline di Milano il primo Self Care Forum che Federchimica ASSOSALUTE ha realizzato grazie alla presenza di aziende, istituzioni, mondo della ricerca e con la partecipazione attiva di Cittadinanzattiva, Federfarma, Fenagifar, FIMMG, FNPI, FOFI e SIMG.

La proposta di Consensus Document, presentata nel corso dell’evento “Farmaci di automedicazione: consapevolezza e responsabilità per la salute del Sistema”, sottolinea la necessità di affermare l’importanza dell’automedicazione – e del ricorso ai farmaci senza obbligo di prescrizione, di automedicazione – come pratica appropriata per il trattamento dei più comuni disturbi di salute. Questo in un quadro sempre più complesso e di crescente attenzione e richiesta di autonomia e responsabilità da parte dei cittadini, anche per quanto riguarda le scelte sulla propria salute, e di complessiva attenzione ai profili di appropriatezza e sostenibilità del nostro Servizio Sanitario Nazionale.
Informazione, comunicazione, responsabilità e collaborazione sono le parole chiave di un percorso che dovrà coinvolgere tutti gli operatori del sistema salute, e che mette al centro le esigenze e i bisogni dei cittadini in un’azione comune di coinvolgimento, supporto e attenzione.

“Il Forum inaugurato oggi – afferma Agnès Regnault, Presidente di Federchimica ASSOSALUTE – vuole diventare un appuntamento annuale che rafforzi il dialogo con tutti gli stakeholder del sistema salute. Ci auguriamo di poter costruire una collaborazione di valore con tutti gli attori del sistema che conduca ad una posizione congiunta a favore della corretta automedicazione. Sono certa che i punti contenuti nel Consensus Document del Self Care Forum possano divenire progettualità concrete che aiutino i cittadini a operare scelte informate e guidate, e rappresentare un passo importante verso la valorizzazione economica e sociale del settore a sostegno della salute individuale e del SSN”.

Particolare attenzione è stata data alla presentazione dei risultati di un’indagine che ha fotografato le abitudini di salute e autocura di un campione di popolazione compresa tra 18 e 28 anni. Una scelta non casuale quella di indagare il mondo dei giovani, in quando saranno questi i cittadini del futuro su cui investire per un appropriato e sostenibile sviluppo del nostro sistema sanitario.

I dati rilevati mostrano che la tendenza all’automedicazione risulta ben presente tra i giovani: il 60% afferma di risolvere i comuni disturbi o sintomi lievi in autonomia, ricorrendo ai farmaci senza obbligo di ricetta, e riconoscendo nel medico e nel farmacista dei professionisti cui chiedere consiglio in caso di bisogno. È stata, inoltre, rilevata una elevata tendenza a informarsi su argomenti relativi alla salute (64% del campione).

“La corretta informazione sui medicinali di automedicazione – ha dichiarato la Dr.ssa Marcella Marletta, Direttore Generale della Direzione Generale dei Dispositivi Medici e del Servizio Farmaceutico del Ministero della Salute – è un elemento cruciale per assicurare ai cittadini le basi e gli strumenti per affrontare in modo responsabile le scelte di salute anche autonome laddove opportuno. Il Ministero è da sempre impegnato su questi fronti e occorre investire ancora in questa direzione affinché, da un lato, l’informazione sia realmente corretta e appropriata e, dall’altro, risponda ai mutamenti di scenario, alle nuove forme di comunicazione e alla crescente attenzione ai problemi di salute della popolazione”.

“L’atteggiamento mostrato dalle giovani generazioni – ha proseguito Agnès Regnault – conferma quanto da tempo afferma Federchimica ASSOSALUTE, e cioè la necessità di adottare misure che rispondano effettivamente a questa maggiore e migliore conoscenza, senza dimenticare naturalmente il supporto dei professionisti – medici e farmacisti -, ma altresì investendo nello sviluppo, miglioramento e ampliamento di una risorsa a pieno titolo inserita e riconosciuta nel panorama terapeutico a disposizione dei cittadini”.

Obiettivo non secondario del Self Care Forum è stato quello di portare a conoscenza delle Istituzioni l’importanza di una corretta automedicazione, e la necessità di adottare politiche sanitarie che consentano un corretto sviluppo di questo comparto, che molto potrebbe dare anche in termini di appropriatezza e sostenibilità del sistema, in un quadro sempre più complesso e impegnativo di gestione delle risorse a disposizione.

In questo quadro, infatti, uno sviluppo responsabile e appropriato dell’automedicazione può avere vantaggi anche per la sostenibilità economica. Secondo i dati emersi da uno studio condotto nel corso del 2016 da CERGAS Bocconi, e presentato in occasione del Self Care Forum, un ampliamento dell’offerta terapeutica disponibile in automedicazione, maggiormente allineata a quanto avviene in Europa, porterebbe a un potenziale alleggerimento dei conti del SSN di circa 844 milioni di euro l’anno. Affermare una cultura dell’automedicazione vorrebbe dire, quindi, innescare un meccanismo virtuoso in grado di liberare risorse a vantaggio delle terapie destinate ad altre patologie, ottimizzando la spesa farmaceutica rimborsata dal SSN.

“Il processo di empowerment e responsabilizzazione del cittadino nell’impiego corretto dei farmaci di automedicazione, come di tutti i medicinali – ha commentato il Prof. Mario Melazzini, Direttore Generale AIFA – deve essere gestito dagli operatori sanitari. AIFA ha fatto molto utilizzando per i foglietti illustrativi, principale strumento di informazione per il cittadino, un linguaggio più semplice, che ha bisogno di essere ancora più diretto quando parliamo di farmaci pensati per un utilizzo autonomo. Stiamo lavorando inoltre per definire una linea guida Aifa sull’individuazione di criteri di valutazione per “ingannevolezza” dei messaggi promozionali.  Iniziative, come quella odierna, di confronto e collaborazione tra i diversi attori del Sistema Salute rappresentano una risposta concreta ai bisogni di salute espressi dai cittadini e un contributo al miglioramento degli outcome terapeutici e alla riduzione degli sprechi”.

Anche Cittadinanzattiva ha espresso il proprio supporto all’iniziativa promossa da Federchimica ASSOSALUTE. Le due associazioni collaborano da tempo su progetti indirizzati ad aumentare l’informazione al cittadino e la sua capacità di operare scelte consapevoli.
“La formazione di cittadini consapevoli, soggetti forti, attivi nella scelte per la propria salute è uno dei nostri obiettivi principali – ha affermato Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva-Tribunale dei diritti del malato – per questo abbiamo molto apprezzato il Self Care Forum che ha fatto dell’informazione corretta e dell’educazione uno dei principali temi di discussione. In tempi in cui l’informazione è rapidamente accessibile e viaggia incontrollata su tutti i mezzi di comunicazione è quanto mai importante favorire una relazione stabile con il professionista della salute affiche i cittadini siano costantemente ben informati”.

Per maggiori informazioni sui farmaci di automedicazione e i piccoli disturbi vai su www.semplicementesalute.it il portale dell’automedicazione.

Ufficio Stampa Assosalute

Fotografia e arte – Anteprima italiana al Forte di Bard – Inaugurazione 3 febbraio 2017

WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR 52
L’anteprima italiana al Forte di Bard

La natura protagonista delle più belle fotografie d’autore del 2016
in mostra dal 4 febbraio al 4 giugno 2017
(inaugurazione 3 febbraio)

E’ il Forte di Bard, la spettacolare roccaforte all’ingresso della Valle d’Aosta, a ospitare l’anteprima italiana della 52esima edizione del Wildlife Photographer of the Year, il più prestigioso riconoscimento dedicato alla fotografia naturalistica indetto dal Natural History Museum di Londra in collaborazione con il BBC Wildlife Magazine.

Dal 4 febbraio al 4 giugno 2017 negli spazi delle Cannoniere, il pubblico potrà ammirare un’emozionante gallery che ripercorre gli scatti più spettacolari realizzati nel 2016: 100 immagini che testimoniano il lato più affascinante del mondo animale e vegetale, spaziando da sorprendenti “ritratti” rubati ai più sublimi paesaggi del nostro pianeta.

«Da otto anni – dichiara il Presidente del Forte di Bard Augusto Rollandin – il Forte di Bard ospita il meglio della fotografia naturalistica mondiale grazie alla proficua collaborazione instaurata con un’istituzione di prestigio come il Natural History Museum di Londra. Una partnership che sottolinea la vocazione della Fortezza nella promozione delle eccellenze di tutte le arti. Una cornice unica nel suo genere in grado di presentare con grande modernità le meraviglie dei paesaggi mozzafiato della Regione proponendo mostre ed eventi di richiamo internazionale e offrendo un palcoscenico senza eguali ai più grandi protagonisti del mondo della fotografia».

In mostra anche le foto vincitrici nelle sedici categorie del premio, selezionate da una giuria internazionale in base a criteri tecnici, artistici e interpretativi tra le quasi 50.000 foto candidate e inviate da 96 Paesi di tutto il mondo. In mostra anche le fotografie selezionale dal pubblico nell’ambito del People’s Choice Award e presentate in un suggestivo video slideshow. In un secondo video il pubblico potrà ammirare le immagini vincitrici del Master di fotografia naturalistica 2016 promosso dal Forte di Bard.

«Il Wildlife Photographer of the Year mette in evidenza alcune delle problematiche più attuali della società e dell’ambiente” ha commentato Sir Michael Dixon, Direttore del Museo di Storia Naturale di Londra. “Come possiamo proteggere la biodiversità? Siamo in grado di vivere in armonia con la natura? Le immagini vincitrici toccano i nostri cuori e ci sfidano a pensare in modo diverso all’ambiente».

Vincitore assoluto, il fotografo americano Tim Laman con lo scatto “Vite intrecciate”: la fotografia immortala – da circa 30 metri d’altezza – un orangotango del Borneo che si arrampica sul tronco di un albero, come una fuga simbolica dalla distruzione della foresta pluviale indonesiana, suo habitat naturale.

Ha invece sedici anni l’autore del miglior scatto per la categoria giovani – il Young Wildlife Photographer of the Year – : dalla Gran Bretagna, Gideon Knight ha catturato la silhouette di un corvo e del sicomoro su cui riposa, poetiche figure nere che si stagliano contro il profondo blu e la luna di un magico cielo notturno.

Jan English, Responsabile delle Mostre Itineranti al Museo di Storia Naturale di Londra ha dichiarato: «Il Wildlife Photographer of the Year celebra la miglior fotografia naturalistica ed è con certezza una delle esposizioni esterne di maggior successo, con milioni di visitatori ogni anno. Queste immagini raccontano storie che ci fanno riflettere e riconsiderare il nostro rapporto con la natura e il nostro futuro».

Molti nomi italiani tra gli autori degli scatti esposti in mostra, tra i quali i finalisti Walter Bassi, con “Verme ipnotico” (categoria Invertebrati), Hugo Wassermann con “Ritiro alpino” (categoria Urbano), Fortunato Gatto con “Dopo la tempesta” (categoria Terra), Stefano Baglioni con “Piccola Stella” (categoria Piante e funghi) e Nicola Di Sario con “Luce degli occhi” (categoria Bianco e nero). Vincitori invece, rispettivamente per le categorie Rettili, anfibi e pesci, Piante e funghi e Sul territorio i tre reporter naturalistici Marco Colombo, con “Piccolo Tesoro”, Valter Binotto con “La composizione del vento” e Stefano Unterhiner con “Spirito delle montagne”.

Nell’ambito della mostra, dopo il successo dello scorso anno, il Forte di Bard ripropone il Master di Fotografia Naturalistica: un percorso formativo altamente qualificato in modalità residenziale con professionisti del settore dedicato all’approfondimento delle tecniche, alla lettura del portfolio dei partecipanti e all’utilizzo degli strumenti di fotoritocco. Il master si terrà il 6 e 7 maggio 2017 e contempla oltre all’attività in aula, anche un’uscita in un’area naturalistica della Valle d’Aosta. Per prenotare, contattare il numero 0125 833886 oppure inviare un’email a eventi@fortedibard.it.

Wildlife Photographer of the Year

Forte di Bard. Valle d’Aosta

4 febbraio – 4 giugno 2017

DIOSSINA NEI SALMONI DI ALLEVAMENTO – MA COSA MANGIAMO ?

Lo dice uno studio della Commissione Europea:

il 41,6 % è la quantità di diossina contenuta nei salmoni di allevamento.

Va precisato che il livello di tolleranza diossina per la nostra salute è il 15%.

NOTA:

-il secondo alimento più inquinato, di diossina, è il latte crudo: 5%

-la carne rossa è sotto il 4% (stiamo parlando solo di percentuali di diossina).

Altro che cibo salutare:

il salmone risulta essere tra le 7 e le 32 volte più inquinato di altri alimenti !!!

Lo dice la biologa canadese Alexandra Morton; che conbatte da trent’anni contro i danni degli allevamenti di salmoni nella British Columbia. Distruggono e riducono gli spazi che sono sempre appartenuti ai salmoni selvaggi che servono per la catena alimentare di orche, orsi ecc… ma non possiamo dimenticare anche gli enormi danni che fanno al mare e alla nostra salute gli allevamenti di gamberi dell’Oceano Indiano ….!

TUTTO BEN VISIBILE SUL FILMATO DI YOU TUBE: ” Hard evidence  ” https://youtu.be/fSCoBG8W3NQ

Tonno e pesce spada non stanno meglio dei salmoni.

Sempre meno quelli selvatici.

Sempre più inquinanti e inquinati i pesci di allevamento; dove è regola usare abbondanza di antibiotici per preveniore le malattie; per non parlare della scarsa qualità del cibo che si distribuisce in buona parte degli allevamenti; lo dimostra il sapore di questi pesci (se ci siete abituati non ve ne accorgerete; la stessa differenza che troviamo tra pollo ruspante e pollo che costa 3 euro al chilo).

Ma rimane pur sempre una logica domanda; cosa diavolo possiamo mangiare ? C’è qualcosa di assolutamente sicuro ?

La risposta è sempre più difficile e il cibo buono sta diventando sempre più caro e quindi solo per pochi. Anche questo è effetto della globalizzazione ?

E’ sicuramente l’effetto delle leggi troppo permissive che tutelano più l’interesse dei produttori che quello dei consumatori (se vi consola negli USA sono messi molto peggio di noi).

 

DonnE…Cultura