VACANZE SICURE – ZONE A RISCHIO TERRORISMO – PAESI DA EVITARE

DOVE VADO IN VACANZA ???

Continuano gli attacchi terroristici anche in Europa, ma questo NON deve terrorizzarci; teniamone conto con buon senso.

L’ultimo attacco a Barcellona, prova che il rischio è sempre alto.

Gli attacchi di Parigi,  Manchester, Istambul, Nizza e Bruxelles ci ricordano che tutti i luoghi di ritrovo e divertimento, ma anche ogni assembramento di persone come un aeroporto o una stazione ecc.. sono i preferiti dai terroristi, perché possono colpire più persone contemporaneamente.

Gli ultimi sviluppi ci dimostrano che ogni città Europea, ma non solo, può essere oggetto di attentato. Anche se ogni luogo è potenzialmente a rischio, per questo non dobbiamo cadere nella trappola di vivere nel terrore e modificare esageratamente la nostra vita normale.

Tra i luoghi considerati a rischio vi è la bellissima città di Istambul, ma anche Parigi, Bruxelles …   o ogni grande città con grandi assembramenti di persone.

Soprattutto se siete donne sole, non è il momento di andare a Istambul per turismo.

Mentre il nord dell’Egitto, vicino al Sinai, è sicuramente da evitare, le pesanti misure di sicurezza messe in atto nel Paese, potrebbero dare una certa tranquillità per alcune destinazioni sul Mar Rosso; magari le meno frequentate dalle masse del turismo come Port Galib e Berenice – non sono raccomandazioni di assoluta sicurezza; diciamo solo che, noi ci siamo stati, e se il posto vi piace (il Mar Rosso è unico per tanti motivi; dalla barriera corallina al buon clima nella media stagione, ai prezzi molto convenienti) e siete viaggiatori abitudinari, potreste affrontare questa meta con una certa serenità.

Alla luce dei fatti, nessuno può dare garanzie per nessuna destinazione.

Le mete più richieste, del medio raggio, per l’estate 2017:

-Italia (anche per questioni economiche; molti vanno in case di parenti)

-Portogallo

-Grecia

-Croazia

-Slovenia

-Spagna; in bassa stagione soprattutto le  Canarie

-Svizzera

-tutto il Nord Europa

-meno richieste: Londra e Parigi

Più sotto troverete altre precisazioni.

::::::::::::::::

Dopo gli ultimi sviluppi della situazione internazionale, dovremmo sempre più imparare a comportarci e pensare come gli israeliani che, da moltissimi anni convivono con il terrorismo, ma continuano a vivere una vita normale.

Gli israeliani, sanno dalla prima infanzia che si devono adottare molte piccole cautele e un minimo livello di attenzione, dopo di che pensare di capitare nel mezzo di un attentato è, nel calcolo delle probabilità, molto più basso di avere un incidente statale.

Non dimentichiamo che, a differenza di quanto molti pensano, per i turisti Israele è più sicura di qualunque città europea. Nessun attentato ha mai coinvolto gruppi di turisti (così dichiarano le autorità israeliane).

:::::::::::::::::::::::::::::::::

QUANTO AVEVAMO SCRITTO NEL 2016 E’ ANCORA VALIDO

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata; numerosi gli arresti e gli attentati evitati grazie alle polizie di vari Paesi. In primis: Francia e Inghilterra.

Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono Daesh (Isis): Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro o un  momento della vita, nel quale si può essere certi che nulla di brutto accada; ci si può fare molto male anche stando in casa

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

Farnesina: 

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

Vedi http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Noi Europei non siamo abituati a convivere con la violenza sin da bambini, come succede da sempre agli israeliani.

Dobbiamo imparare a vivere senza avere terrore addosso, altrimenti, la nostra vita e di quelli che ci stanno vicino diventerebbe un inferno.

Per fare un esempio, i bambini israeliani, sono abituati a leggere, nelle loro scuole, i manifesti che danno le regole da seguire quotidianamente. Piccole attenzioni da mettere in atto, per essere vigili, ma non ossessionati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta,  buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre  dai dati in nostro possesso.

E’ anche evidente che alcuni Paesi sono, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri.

Sicuramente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi o sui Pirenei,  danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

Questo dicevano le autorità USA, prima degli ultimi attentati del 2015 – 2016 in Europa: NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI.

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo e perché crede nella vendetta religiosa; propagandata dai terroristi internazionali.  Ovviamente i grandi assembramenti di persone fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa diceva il comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

——–

ULTIMA INFORMAZIONE RIGUARDA IL VIRUS ZIKA:

Sconsigliati dal nostro Ministero degli Esteri i viaggi nei Paesi colpiti, per evitare la diffusione del virus in Europa; poiché già da Marzo, in alcuni Paesi della fascia tropicale, inizia la diffusione della zanzara tigre, uno dei trasmettitori del virus. Ora è stata dimostrata anche la trasmissione per via sessuale.

Paesi sconsigliati:

1° il BRASILE dove il virus si  è diffuso a macchia d’olio, tanto che nel 2016, alcuni carnevali sono addirittura stati cancellati; molto si sta facendo, ma il rischio rimane

-ANCHE IN ALCUNE PARTI DELLA FLORIDA E’ STATO DATO L’ALLARME VIRUS ZIKA

Per precisazioni sul virus ZIKA vedi anche al link http://www.donnecultura.eu/?p=28505

—–

PAESI DOVE SI POSSONO INCONTRARE PROBLEMI DI VARIO GENERE, DALLA SALUTE AL TERRORISMO

Premesso che l’industria turistica è una delle più importanti, in molti Paesi del mondo e che smettendo di viaggiare e lasciandoci prendere dal panico, contribuiamo al crollo della nostra economia turistica; che è quello che i terroristi vogliono…

Premesso che il rischio terrorismo, per il viaggiatore, è enormemente inferiore, nel calcolo matematico delle probabilità,  del mettersi in auto e attraversare le autostrade italiane; soprattutto in tempo di grande traffico…

vi riportiamo i dati relativi ai Paesi più a rischio.

Vedi anche ulteriori recenti precisazioni al link: http://www.donnecultura.eu/?p=25860

PER SERI E COSTANTI AGGIORNAMENTI VEDI https://www.gov.uk/foreign-travel-advice , in inglese, l’UNICA vera fonte di informazioni  precise per veri viaggiatori. IN INGLESE, ma si può usare Google traduttore.

VIAGGI E  PERICOLI DA EVITARE :

RICORDATE SEMPRE CHE OGNI GRANDE ASSEMBRAMENTO DI PERSONE E’ UNA TENTAZIONE PER I TERRORISTI: GRANDI EVENTI ECC …

Premesso che nessuno, di questi tempi, può fare previsioni sicure al 100% :

-tra i pochi Paesi dove il terrorismo, a oggi, non ha possibilità di svilupparsi, troviamo: Islanda e Vietnam;

-relativamente sicura anche la Svizzera e ogni località di montagna, italiana e non, fuori dalle mete più famose e affollate

-con più la località è piccola e poco rinomata, più è difficile che diventi oggetto di interesse per i terroristi; si tratta di un calcolo delle probabilità, non di una certezza.

————

SECONDO IL QUOTIDIANO THE WEEK I PAESI PIU’ PERICOLOSI NEL MONDO SONO:
Syria
Iraq
Afghanistan
South Sudan
Central African Republic
Somalia
Sudan
Democratic Republic of Congo
Pakistan
North Korea

—-

In questo momento, in particolare, è poco sicuro il Venezuela; paese comunque da sempre DIFFICILE COME SICUREZZA.

—–

ANCHE HAITI RIMANE UN PAESE PERICOLOSO; secondo le informazioni del governo USA; vedi al link (IN  INGLESE;  ma potete usare Google traduttore per avere una discreta traduzione immediata) https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html

Nessun problema per chi viaggia con i gruppi organizzati, ma il MESSICO, se si viaggia da soli, richiede molte precauzioni; come ben sanno i veri viaggiatori; anche per molti altri Paesi.

—-

I PAESI, INDICATIVAMENTE, PIU’SICURI ( ma alla luce degli ultimi fatti, anche gli aeroporti potrebbero essere a rischio ):

-VIETNAM 

-ISLANDA

-SVEZIA

-AUSTRIA

-NUOVA ZELANDA

-FINLANDIA

-SVIZZERA-

-CANADA

-GIAPPONE

-AUSTRALIA

-REPUBBLICA CECA

Ma nessuno può garantire nulla in questo momento di dilagante terrorismo.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA DELLA SITUAZIONE ATTUALE

La Francia aveva avvisato da mesi, segnalando le zone sconsigliabili per i turisti, dopo l’ultimo attentato a Parigi:

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul

——-

EGITTO

SCONSIGLIABILE in generale, ma ci sono zone meno rinomate e più sicure.

TUTTE LE ZONE INTORNO ALLE aree CONQUISTATE DA Daesh   (SI CONSIGLIA SEMPRE DI SCRIVERE DAESH E NON ISIS; che sarebbe un riconoscimento ufficiale per lo Stato Islamico) DOVREBBERO ESSERE CONSIDERATE PERICOLOSE (zone del nord), VISTO CHE HANNO INIZIATO AD UTILIZZARE ANCHE RAZZI CHE COLPISCONO GLI AEREI .

L’attentato a Mar Salam del 2017, prova che anche al centro-sud dell’Egitto esiste un pericolo.

——————

La società britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha  stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista:

USA

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio negli Usa, dovrà sapere che una volta arrivati a destinazione, si troverà davanti a continui ed incisivi controlli, soprattutto nelle zone sensibili.

FRANCIA -BELGIO- GRAN BRETAGNA 

Con la Gran Bretagna, ANCHE LA FRANCIA E IL BELGIO , DOPO GLI ULTIMI EPISODI, RIMANGONO PESI NEL MIRINO DEI TERRORISTI.

ORA ANCHE LA GERMANIA POTREBBE DIVENTARE UN BERSAGLIO (lo è stato negli accerchiamenti e violenze verso le donne, durante il Capodanno 2015-2016 e lo è diventato anche il 23.7.16, nel dicembre 2016 una donna è stata spinta e fatta cadere, di proposito, dalle scale della metropolitana; mentre il gruppo di uomini, da cui è partito l’aggressore, stava a guardare)

COMUNQUE E IN QUALUNQUE LUOGO, A NOSTRO PARERE, LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E’ SEMPRE UN ATTO;  la situazione rischia di peggiorare con l’aumento di CULTURE E MASCHILISTI (anche in casa nostra) ostili alla LIBERTA’ DELLE DONNE.

-Il rischio violenza, obbliga le donne a vivere nella paura ogni volta che si ritrovano sole, anche andando al lavoro in orari di poco traffico o, da ora, in ogni assembramento per festeggiamenti. QUESTO E’ UN MODO DI TOGLIERE ALLE DONNE LA TRANQUILLITA’ E LA LIBERTA’.

—————

AGGIUNGIAMO COME  DESTINAZIONI ALTAMENTE PERICOLOSE:

ISTANBUL

Bellissima città, ricca di storia e arte; senza tralasciare gli indimenticabili colori e suggestioni dei tramonti sul Bosforo. Qui l’ Oriente incontra l’ Occidente, ne sono testimonianza le bellezze architettoniche, ma anche l’eccellente cucina, Istanbul è meravigliosa, ma purtroppo sempre più pericolosa, soprattutto per donne sole.

KENYA

Bellissimo Paese, purtroppo ultimamente oggetto di diversi attacchi terroristici.

ZANZIBAR

In passato non sono mancati episodi di violenza contro i turisti occidentali. E’ stato anche buttato dell’acido contro una turista donna (anni fa).

LA SITUAZIONE MONDIALE SUGGERISCE CHE ORMAI A RISCHIO SONO TUTTI GLI OBBIETTIVI TURISTICI; GRANDI CITTA’ CHE ATTIRANO GRANDI NUMERI DI TURISTI, PER DARE AGLI ATTACCHI TERRORISTICI UN GRANDE IMPATTO MEDIATICO.

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti dove non è assolutamente consigliato recarsi.

ELENCO DEI PIÙ PERICOLOSI…SECONDO L’AUTOREVOLE QUOTIDIANO THE GUARDIAN

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla, ma è fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro, mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica: i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nella periferia e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia; ora le tensioni sono rientrate

8) Colombia si spera che la riconciliazione con le bande delal droga porti a un periodo di pace (Sino a ieri: rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali a causa anche dei campi minati, crimine organizzato e traffico di droga rimangono i problemi più seri)

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericolosi oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia: qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla, per l’alto tasso di crimini armati e le dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui è in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai, ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo COME IL PERICOLO DI VIOLENZE CONTRO LE DONNE.  Nessun rischio per i viaggi organizzati da T.O.  esperti o per le donne che sanno dove andare e come comportarsi per evitare il più possibile i rischi.

18) Messico: NESSUN PERICOLO PER I VIAGGI ORGANIZZATI, mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici.

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… TUTTAVIA LE VIOLENZE NON SONO QUASI MAI CONTRO I TURISTI CHE SONO MOLTO PROTETTI DALLA SICUREZZA LOCALE

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

21) INDONESIA: il grande numero di mussulmani estremisti, fa considerare questo Paese ad alto rischio terrorismo; anche se le autorità sono molto severe al riguardo. Personalmente siamo stati a bali per ben 6 mesi senza avere nessun sentore di rischiare alcunché; ma non abbiamo mai frequentato discoteche o grandi assembramenti.

Bali rimane il luogo più sicuro dove vigono controlli molto seri da parte delle autorità locali PER PROTEGGERE I TURISTI 

Il turismo a Bali; base dell’economia; ma non si può escludere che facinorosi sbarchino dalle isole vicine per ripetere un attentato dopo quello che avvenne, anni fa, in una discoteca per ” vendicare ” i costumi  ” dissoluti ” (per gli estremisti islamici) dei turisti australiani, in particolare; ma a rischio sono sempre i grandi assembramenti, molto meno la quotidianità del turista che viaggia e sta in spiaggia.

Dobbiamo segnalare un RECENTE attentato a Jakarta, la capitale sulla costa nordoccidentale dell’isola di Giava.

Idem nel  BANGLADESH.

Ecco cosa riporta la Farnesina (tutto estremamente generico):

Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili. Oggi, più che in passato, appare dunque necessario verificare e comprendere preventivamente il contesto nel quale ogni cittadino verrà a trovarsi nel corso della sua permanenza all’estero, utilizzando le fonti d’informazione disponibili e, soprattutto, quelle messe a disposizione dalla Farnesina, frutto di un qualificato lavoro di analisi volto a favorire scelte di viaggio consapevoli e responsabili. Tra le fattispecie di rischio che possono coinvolgere i cittadini italiani fuori dai confini nazionali, la più pericolosa oggi è certamente quella della crescente aggressività di nuovi gruppi terroristici che compiono attentati o sequestri di persona anche in aree considerate sinora sicure. Le azioni delle formazioni terroristiche non colpiscono solo obiettivi istituzionali ma anche i c.d. “soft target” (come eventi sportivi, teatri, ristoranti, hotel, club, scuole, centri commerciali e installazioni turistiche, oltre che mezzi di trasporto aerei, marittimi e terrestri) in particolare quelli con elevata presenza di cittadini stranieri. Questi attacchi, seppur effettuati in maggior misura in Paesi e aree in situazioni belliche o notevole criticità come Siria, Libia, Iraq o Afghanistan, non hanno tuttavia risparmiato capitali europee e di altri Paesi. Anche a fronte dell’intenso lavoro di monitoraggio e analisi degli organi preposti è molto difficile prevedere tali eventi, come dimostrano recenti tragici episodi. E’ in ogni caso opportuno che prima di ogni spostamento all’estero i connazionali tengano conto delle indicazioni messe a loro disposizione, valutando attentamente la situazione del Paese che intendono visitare. Una volta assunta responsabilmente la decisione di intraprendere un viaggio, si raccomanda ai connazionali di mantenere comunque un atteggiamento vigile e un comportamento adeguato alle località visitate, soprattutto laddove la situazione è precaria.

Si suggerisce di comunicare gli spostamenti attraverso il sito www.dovesiamonelmondo.it (QUESTA E’ L’UNICA NOTA VERAMENTE SERIA E SPECIFICA) del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Questo sito  ci è apparso chiaro solo ricco di GIA’ NOTISSIMI dati generici. ASSOLUTAMENTE VAGO,  per dati specifici e aggiornamento in tempo reale.

— DECISAMENTE MEGLIO IL SITO https://www.gov.uk/foreign-travel-advice ; aggiornato, chiaro  e ben fatto; solo in inglese, ma potete usare Google traduttore con copia e incolla. Entrate nel sito e cliccate il Paese che vi interessa; troverete SERIE AGGIORNATE INFORMAZIONI.

Ottimo anche il sito USA : https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html IN INGLESE (usate Google traslator per leggere in italiano).

Le zone più a rischio, secondo la nostra Farnesina:

– Libia

– Israele il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

-Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheik, sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell’Alto Egitto e in quelle del Mar Mediterraneo (dopo il recente attacco a Hurgada, anche le zone turistiche sono a rischio).

-Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica

– Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

-IL PERICOLO Ebola sconsiglia i viaggi in Sierra Leone, ( NOSTRO AGGIORNAMENTO: dopo la Liberia, anche la Sierra Leone, è ‘Ebola free’: l’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato la fine della trasmissione del virus Ebola nel paese ),

-Kenya ha da poco subito attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu per il progressivo aumento del rischio per il crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali particolarmente attivi nella contea di Lamu

-Indonesia resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti. BALI: un nuovo attacco terroristico è sempre possibile.

-Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danni di turisti

-Taiwan rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale

—————

SALVADOR :

481 omicidi nel mese di marzo 2015, con una media di 15 al giorno: questo è il, poco invidiabile, record del Salvador.

Il Paese stava cercando di introdursi nel business mondiale del turismo, un Paese che avrebbe molto da offrire anche al viaggiatore più attento ed esigente; peccato che con questo record si sia mangiato questa allettante possibilità.  Anche se, è bene precisare, le zone pericolose sono abbastanza circoscritte.

La causa di tanta violenza è da attribuirsi alla rottura della tregua tra le gang locali.

Con questo “record” il Salvador ha superato l’Honduras quale paese, senza guerre, più letale del mondo.

——-

ARTE: DOVE SI STUDIA E SI APPRENDE UN LAVORO CONCRETO.

ACCADEMIA D’ARTE ESTONE “ESTONIAN ACADEMY OF ARTS“, TALLIN. Dipartimento: arte del pellame. Prof. Lennart Mänd, direttore del dipartimento arte del pellame, ricercatore e insegnate.

Tallin Accademia Arte prf. l copy

Prof. Lennart Mänd.

Tallin Accademia Arte libri oro prof ok

Tallin Accademia Arte lav nj

Decorazione di un libro in cuoio.

Tallin Accademia Arte y libri diversi ok

Tallin Accademia Arte borsa farfalla n

Borsa-farfalla.

Tallin Accademia Arte impermeabile borsa 1

Borsa trasformabile in giacca di pelle con cappuccio.

Tallin Accademia Arte libro rosa ok

Tallin accademia Marta Moorats (marta.moorats@artun.ee) Merle-Visak

Marta Moorats (marta.moorats@artun.ee) style-Karin-Kallas-pfoto-Virge-Viertek(1)

 

Tallin Accademia Arte jk scarpe

Un lavoro di ricerca accuratissimo ha portato a una produzione di eccellenze con numerose applicazioni pratiche nel mondo della moda e dell’editoria.

Un chiaro esempio di come si possa ben conciliare studio e applicazioni pratiche, studio e specializzazione.

Esattamente quello che il mondo globalizzato cerca: proposte nuove e sofisticate che abbiano applicazioni pratiche nel mondo dell’industria e dell’artigianato di alta qualità.

Meglio delle creme di bellezza – ESSERE VEGANI … TI SALVA LA PELLE DOPO IL SOLE DELL’ESTATE !

 L’alimentazione è, da sempre, il COSMETICO MIGLIORE e MENO COSTOSO !

VEG AFTER SUN ?

SI, GRAZIE, PERCHE’ ESSERE VEGANI TI SALVA LA PELLE !

Anche se non sarete mai vegani, provate a leggere questo articolo;

diminuire ogni tanto l’eccesso di certi cibi e sostituirli con altri potrebbe essere una scelta saggia anche pe ril pianeta terra.

 ALIMENTAZIONE E CURE DEL DOPO VACANZE PER I VEGANI: I CONSIGLI DEL DERMATOLOGO PER PROTEGGERE LA PELLE E OTTIMIZZARE I BENEFICI DELL’ESPOSIZIONE SOLARE, DECLINATI IN CHIAVE VEGANA

 

  L’alimentazione è, da sempre, il cosmetico – interno- migliore per la cute e gli annessi cutanei (unghie e capelli): un vecchio detto dice che la bellezza vien mangiando e studi e pubblicazioni scientifiche hanno messo in evidenza i benefici di una corretta nutrizione nel combattere i radicali liberi, i processi di ossidazione e, di conseguenza, l’invecchiamento.

Queste virtù degli alimenti, soprattutto nel periodo estivo, possono venire in aiuto a un organismo affaticato dal continuo attacco dei raggi UVA e UVB che interessano maggiori porzioni di corpo esposte per più ore al sole, per limitare i possibili danni che, al ritorno in città, sono amplificati dagli effetti nocivi degli agenti inquinanti.

Quindi che cosa per riparare la pelle disidratata dai raggi ultravioletti, aiutare la secchezza delle chiome ed evitare lo sfaldarsi delle unghie?

L’alimentazione viene in soccorso anche e soprattutto in questi momenti con un programma creato ad hoc e pensato anche per quella larga fascia della popolazione che ha scelto una dieta vegana grazie ai consigli della Dottoressa Maddalena Montalbano, medico dermatologo e specialista in medicina estetica a Milano.

Prima di qualsiasi prodotto o trattamento cosmetico, conta quello che mangiamo: infatti cibo e bellezza sono strettamente collegati, e cute e annessi cutanei traggono un medesimo beneficio se aiutati da alcune specifici principi attivi naturali alimentari anche solo di origine vegetale”.

Quindi cosa fare nello specifico?

Fondamentale è assumere sempre 2 litri di acqua al giorno, un consiglio che vale in qualunque momento dell’anno ma che, nel dopo vacanze, è fondamentale per mantenere un livello di idratazione ottimale anche all’interno del corpo.

Inoltre è necessario integrare l’alimentazione con:

VitaminaA contenuta nella frutta giallo – arancione, rossa e nelle verdure come cavolo, broccolo e spinaci, ricchissimi di zeaxantina, che assorbe le radiazioni solari eccedenti e svolge una forte azione antiossidante;

Vitamina E contenuta in olio di oliva e olio di germe di grano, ad altissima azione antiossidante e sinergizzante con gli altri antiradicali;

Vitamina C di cui sono ricche le verdure rosse, gialle, arancioni ;

Vitamina B5, che stimola i fibroblasti cioè le cellule della pelle a rigenerarsi, presente nel grano saraceno, nella pappa reale, nel polline (di cui basta solo una punta di cucchiaio al giorno), nei cereali integrali e nelle nocciole;

Vitamina H o biotina che favorisce i processi biologici di ristrutturazione della cute, dei capelli e delle unghie con azione antinfiammatoria soprattutto in seguito a eritemi solari e di cui sono ricchi i pomodori, i piselli, i fagioli, gli spinaci e le noci;

Vitamina F che garantisce un corretto apporto di acidi grassi essenziali per l’idratazione cutanea e che si trova nell’olio di oliva, nel ribes nero, nei vegetali a foglia verde, nello zafferano, nell’avena e nella frutta secca.

 

Per gourmet – Bere bene – consapevole a Cheese 2017

A ogni formaggio la sua bevanda

8 occasioni per bere bene, originale, consapevole a Cheese 2017

Vini, bollicine, birre, rhum e addirittura cocktail…

l’abbinamento di una bevanda, che rappresenta un pezzo della tradizione materiale e della cultura gastronomica di un Paese o una regione, con il proprio formaggio ha sempre avuto un posto in prima fila in queste undici edizioni di Cheese. E non poteva essere altrimenti, viste le origini di Slow Food Italia e il territorio che ospita la manifestazione, quella Città di Bra a metà tra le colline di Langa e Roero, entrambe patria di grandi vini.

In questa edizione dei 20 anni però abbiamo superato anche le nostre più ottimistiche aspettative e, per assicurarsi il miglior abbinamento di sempre, abbiamo pensato di redigere la seconda guida teorico-pratica di Cheese 2017, quella alle 8 occasioni per bere bene, originale e consapevole.

1 – Con i grandi classici non si sbaglia mai: Brunelli e Parmigiano Reggiano

Image

Ai soci Slow Food (e a chi coglierà l’occasione per far parte dell’associazione) è riservato il Laboratorio del Gusto Brunelli a confronto: l’importanza del terroir, che accompagna due fantastiche docg ilcinesi ad alcune stagionature del Parmigiano Reggiano di vacca bianca modenese, Presidio Slow Food. Stiamo parlando di Poggio al Vento Col d’Orcia e Vigneto Manachiara di Nardi 1999, 2006, 2010: tre grandi millesimi dei due grand cru delle rispettive aziende per capire l’importanza del terroir. L’appuntamento è domenica 17 settembre alle 16 nella Banca del Vino di Pollenzo, a sei chilometri da Bra, con navette speciali che fanno la spola tra Bra e Pollenzo.

2 – Migrazioni enologiche: degustazioni in libertà dal Nord al Sud Italia nella Banca del Vino di Pollenzo e dell’Enoteca di Bra

Image

Se non avete fatto in tempo a prenotare o non volete limitarvi alle proposte dei Laboratori del Gusto, allora ci sono due luoghi di Cheese 2017 che fanno al caso vostro!

Restiamo in Banca del Vino, il luogo in cui Slow Food costruisce la memoria storica del vino italiano, che nei giorni di Cheese propone un percorso guidato in compagnia di tre grandi vini e altrettanti formaggi del Nord, Centro e Sud Italia, semplicemente passeggiando lungo le suggestive cantine sotterranee dell’ottocentesca Tenuta dei Savoia. Costo del tour con degustazione: 10 euro.

Se preferite degustare e abbinare in libertà allora dovete prendere la navetta e tornare a Bra, e più precisamente in Via Garibaldi che ospita la Gran Sala dei Formaggi e l’Enoteca, rispettivamente con 130 caci e 600 etichette che rappresentano il meglio della cultura enologica italiana. Fanno la parte del leone i formaggi italiani, francesi e spagnoli, ma ce ne sono anche statunitensi (Paese cui Cheese 2017 dedica il focus), portoghesi, inglesi, irlandesi… e poi rumeni, bulgari, belgi, olandesi, polacchi e svizzeri. Insomma, a ogni formaggio il suo bicchiere e via di abbinamenti in libertà!

3 – Il giro del mondo in 80 caci: note d’Oriente con i vini Triple A

Image

Se quello che succede a Est dell’Italia vi intriga, gli appuntamenti alla Casa della Biodiversità sono quelli che fanno al caso vostro! Come quello con le Triple A di Velier, storico importatore e distributore genovese di vini naturali e distillati e Sostenitore Ufficiale di Slow Food Italia. Ai piedi del vulcano Hasan Dag, nell’Anatolia Centrale, crescono varietà autoctone di uve su piede franco a 1500 metri sul livello del mare, vigne antiche di 200 anni coltivate in piccoli giardini e vinificate con fermentazioni spontanee in anfore millenarie. Udo Hirsch, di origine tedesca ma da anni in Turchia, proprietario di Gelveri-Manufactur presenta i suoi vini in abbinamento a formaggi turchi. Non mancano i vini georgiani di Iago Bitarishvili, della regione di Kartli, vicino a Tiblisi, Presidio Slow Food. L’appuntamento è alla Casa della Biodiversità venerdì 15 settembre alle ore 13.30.

 

4 – Una “enclave” di sapori, profumi e consistenze di Langa

Image

Se volete una full immersion di Langa, il posto giusto è l’area lounge allestita nella piazza del Mercato di Cheese a cura del Consorzio Alta Langa Docg – Official Sparkling Wine della manifestazione – dove si potrà vivere un’esperienza di gusto che ha origine interamente nelle famose colline piemontesi: insieme alle bollicine del metodo classico si potrà degustare la morbida robiola di Roccaverano Agrilanga unita alla croccante nocciola Tonda Gentile selezionata dall’Associazione Regina Nocciola. L’Alta Langa Docg (brut o pas dosé, bianco o rosato) è prodotto con uve Pinot Nero e Chardonnay coltivate sulle colline tra Astigiano, Cuneese e Alessandrino e affinato per almeno trenta mesi sui lieviti. Le sue bollicine delicate sposano perfettamente la robiola primaverile, ricca di sentori di erba fresca, ciliegia e nocciolo, o di fine estate, quando il latte si arricchisce di grassi e il formaggio raggiunge la massima estensione sensoriale, e il croccante tostato della nocciola per regalare tre consistenze in un unico assaggio.

 

5 – A tutta birra! – I Laboratori del Gusto

Image

Solo vino in abbinamento ai formaggi di Cheese 2017? No ovviamente! Ormai da anni Slow Food segue il grande fermento che c’è intorno alle birre artigianali, in Italia e oltre confine, grazie alle guide e ai manuali pubblicati da Slow Food Editore, i Laboratori del Gusto e la Piazza della Birra durante i grandi eventi. Tra i più curiosi segnaliamo La regina delle bevande naturali: il Lambic tradizionale (Presidio Slow Food), una birra unica al mondo e sempre più rara, spesso definita come l’anello mancante tra la birra e il vino. Non perdetelo, sabato 16 settembre alle ore 13 a Bra, presso il Cortile delle scuole maschili.

 

E poi come non ricordare il focus di Cheese 2017 sugli Stati Uniti, Raw in the USA: formaggi a latte crudo e birre artigianali, il 17 settembre alle 19 sempre a Bra presso il Liceo scientifico G. Giolitti-G. B. Gandino. Dal 1980, negli Stati Uniti si è assistito a una rinascita del tema delle fermentazioni naturali: dai formaggi alle birre artigianali fino ad arrivare alla produzioni di eccellenti prosciutti e salumi. In questo Laboratorio vi presentiamo alcuni tra i migliori produttori “born in the USA“: Jasper Hill Farm dal Vermont, Meadow Creek Dairy dalla Virginia, Rogue Creamery dall’Oregon e Uplands Cheese dal Wisconsin. La storia dei formaggi si intreccia a quella delle birre grazie alla presenza di Adrian Walker, del birrificio Firestone Walker, nato nel 1996 in California, tutt’oggi uno dei più apprezzati nel territorio statunitense.

 

6 – La cultura brassicola di QBA, La Piazza della Birra e Birrificio Antoniano

Image

Official Partner dei grandi eventi organizzati da Slow Food, Quality Beer Academy nel suo stand in Piazza XX Settembre accoglie tutti gli appassionati con 35 vie di birra alla spina e un ricco programma di degustazioni guidate dai beer sommelier. Anche dal punto di vista brassicolo, il focus di QBA saranno le birre americane di Firestone Walker, con lo stesso Adrian Walker a raccontare segreti e aneddoti del birrificio. E in tema di formaggi non saranno trascurati gli abbinamenti che vedono come protagonista il Belgio, con le sue fermentazioni miste e spontanee di Rodenbach e Boon.

 

Sono addirittura 36 i birrifici artigianali indipendenti della Piazza della Birra. A farla da padrone le realtà brassicole piemontesi e lombarde che condivideranno i calici con i microbirrifici del resto d’Italia e con realtà estere. Obiettivo? Trovare l’abbinamento perfetto con le stuzzicherie delle vicine Cucine di Strada e dei Food Truck e passeggiare tra le bancarelle del Mercato sorseggiando un buon bicchiere.

 

Nella Via dei Presìdi Slow Food, non a caso è presente Birrificio Antoniano che tra le sue proposte presenta le birre realizzate con prodotti tutelati da Slow Food: la Ponte Molino, con grano Timilia del pane nero di Castelvetrano (Trapani), la Torlonga con grano Solina dell’Appennino abruzzese e la Borgo della Paglia con mais biancoperla della pianura veneta centro-orientale.

 

7 – Paloma e Negroni sbagliato per una shakerata da urlo

Image

Un vero e proprio cocktail bar con i migliori bartender selezionati da Velier che vi aspettano con gli abbinamenti più sfiziosi tra formaggi e arte della mixology. Per darvi un esempio, abbiamo chiesto al bartender Angelo Canessa di anticiparci qualcosa ed ecco le sue proposte: il Paloma, con le note amare del Tequila e del succo di pompelmo, è perfetto se abbinato a una robiola di Roccaverano. Mentre ai fan del Negroni sbagliato consigliamo un abbinamento con un Parmigiano Reggiano 36 mesi: le note officinali di bitter e vermouth si sposano perfettamente con la sapidità della Dop. A Cheese 2017 potrete trovare questi e altri drink al cocktail bar Velier, in Piazza XX Settembre a Bra, aperto tutti i giorni a partire dalle ore 16.

 

8 – Rhum: il gusto esotico della vita

Image
Haiti è l’ultima frontiera del rhum e i Clairin sono i rhum di Haiti: varietà di canna originarie, nessuna chimica in agricoltura, fermentazioni spontanee senza lieviti selezionati, distillazioni “arcaiche” e nessuna filtrazione. I rhum più autentici e scalpitanti dei Caraibi incontrano formaggi ricchi e complessi come il gruyère d’alpeggio, il piacentinu ennese e il puzzone di Moena. Chi vincerà la sfida? Per un assaggio di Clairin non mancate la visita allo stand di Velier, in Piazza XX Settembre a Bra.

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

 

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.

Locarno Film Festival – Il Pardo di Locarno a Mrs. Fang di Wang Bing

E’ terminato il Locarno Film Festival 2017

La giuria parla cinese e premia il documentario Mrs. Fang di Wang Bin

E’ la quinta volta, in vent’anni, che un film realizzato da un regista cinese conquista il Pardo d’oro del Festival di Locarno.

La prima volta fu nel 1998 con Mr. Zhao di Lu Yue, poi nel 2000 con Baba di Shuo Wang, nel 2009 con She, a Chinese di Xiao Guo e nel 2010 con Winter Vacation di Han Jia.

Il riconoscimento al regista  Wang Bing e al suo Mrs. Fang, coproduzione franco-cinese-tedesca, conferma il valore della cinematografia cinese.

La giuria, presieduta dal cineasta francese Olivier Assayas, ha premiato il film As boas maneiras di Juliana Rojas e Marco Dutra (Brasile-Francia) con il Premio speciale della giuria.

Il cineasta francese Frédéric-Jacques Ossang è stato premiato per la regia nella coproduzione franco-portoghese 9 Doigts.

Come migliore attrice è stata scelta la grande Isabelle Huppert (fu protagonista di Madame Hyde di Serge Bozon (produzione Francia-Belgio).

Premiato anche il giovane danese Elliott Rosset Hove, protagonista del film Winter Brothers di Hlynur Palmason.

Il palmartès completo del 70° Festival di Locarno è disponibile sul sito www.pardo.ch.

La Russia di Vladimir Putin aiuta il regime di Nicolas Maduro in Venezuela?

La Russia di Vladimir Putin, attraverso la controllata statale Rosneft, pare stia aiutando il regime di Nicolas Maduro in Venezuela.

Il Venezuela, in questo momento, ha un bisogno DISPERATO di denaro per sopravvivere.

Ovviamente Mosca non aiuterebbe senza una grossa ricompensa:

— negli ultimi mesi, importanti contratti di sfruttamento  delle risorse naturali venezuelane in cambio di prestiti  hanno permesso a Caracas di non dichiarare bancarotta.

La Cina,  avrebbe chiuso i rubinetti dei pagamenti per i  ritardi nei pagamenti e per i problemi  con la corruzione endemica  che riduce i profitti.

Il Cremlino si trova in una posizione di forza; è l’unico che sta dando denaro e quindi ne approfitta al massimo.

In realtà, dal 2013,  la Russia è un alleato privilegiato del chavismo, ma riesce a vendere petrolio venezuelano perfino agli Stati Uniti.

Rosneft, in questo momento sta trattando circa 225.000 barili di greggio venezuelano al giorno; il parlamento, controllato dall’opposizione, ma senza potere in questo momento, non ha mai riconosciuto il valore di questi contratti, ma l’Assemblea costituente intende rispettarli.

Nel 2006 la Russia aveva firmato contratti per 4 miliardi di dollari e per la fornitura di armi al Venezuela.

Oggi, il presidente Maduro chiede aiuto a Mosca attraverso l’azienda petrolifera di Stato PDVSA che avrebbe incassato dalla russa Rosneft 6 miliardi di dollari.

Dal 2006 i miliardi arrivati in Venezuela sono stati almeno 17; così Mosca si è ASSICURATA la sua presenza in Venezuela e Maduro continua a contarci.

New York Times magazine – La Casa Bianca conosceva bene la realtà sul rapimento Regeni

Un grande pasticcio con tanto fumo intorno … a partire dalle Primavere Arabe e dalla caduta di Mubarak e chissa cosa altro …  la conseguente destabilizzazione della zona del nord Africa e non solo … l’arrivo dell’Isis in Libria a due passi dall’Italia …. una serie di fatti che suggeriscono la possibilità che esistano segreti che NON ci verranno mai chiariti.

L’amministrazione Obama aveva informazioni IMPORTANTI sull’omicidio di Giulio Regeni e tutto fu comunicato a palazzo Chigi; quando Renzi era al governo.

Lo rivela il New York Times magazine: la Casa Bianca conosceva bene la realtà sul rapimento del ricercatore italiano e su come fosse stato torturato e ucciso da ufficiali della sicurezza egiziana. Erano anche al corrente del fatto che  i vertici dello Stato, al Cairo, sapevano delle circostanze della morte del giovane italiano.

L’allora segretario di Stato, John Kerry, non si fece problema ad ammonire il ministro degli esteri egiziano mentre era  a Washington.

Le informazioni furono immediatamente passate a palazzo Chigi che oggi, precisa:

‘non abbiamo mai ricevuto elementi di fatto, come ricorda lo stesso giornalista del New York Times, né prove esplosive’; la spiegazione starebbe nella necessità degli Stati Uniti di coprire le proprie fonti.

Secondo quanto sostenuto dal New York Times, i messaggi arrivati in Italia non provenivano dalle fonti ufficiali (ma dai servizi segreti); non erano utilizzabili per un processo, ma il contenuto era comprensibile.

Un grande pasticcio con tanto fumo intorno, evidentemente il fatto Regeni e le altre dichiarazioni e decisioni al riguardo mostrano al pubblico che tutti gli autori utilizzano il fatto per propri scopi e non è assurdo pensare che MAI sapremo la verità dei fatti.

Intanto in Italia sta montando la polemica sul ritorno dell’ambasciatore italiano al Cairo; dopo che, carte considerate importanti, sono state inviate per l’inchiesta.

La famiglia Regeni considera tutto quanto sopra un bluff.

Cosa scrivono i giornali oggi ?

” … la Casa Bianca diede al governo italiano “prove esplosive” e, pur non rivelando tutto per non bruciare le proprie fonti, diede per certo che leadership egiziana sapeva tutto. Da: http://www.repubblica.it/esteri/2017/08/15/news/regeni_new_york_times-173119796/?ref=search

Arte a Lugano – Dall’ 11 ottobre 2017 – STUDIO DABBENI

AUTUMN 2017

UGO LA PIETRA

TEXTURED FIELD 

Signs and the Urban 1964/1972

Curator Marco Scotini

From 11 October to 9 December 2017

Opening Tuesday, 10 October, from 6 to 8 p.m.

Back to the Future – Artissima 2017

27 museum-quality solo shows dedicated to the rediscovery of the 1980s

curated by Anna Daneri (coordinator), Zasha Colah, Dora Garcia, Chus Martinez

LUCIANO BARTOLINI

STUDIO DABBENI – Stand n.16 Hal GRAY

3 – 5 November 2017

Mercoledì – Venerdì: 10.30 – 12.30 15.00 – 18.30

Sabato: 10.30 – 12.00 15.00 – 17.00

Lunedì – Martedì su appuntamento

Wednesday – Friday: 10.30 – 12.30 15.00 – 18.30

Saturday: 10.30 – 12.00 15.00 – 17.00

Monday – Tuesday by appointment

Salute – Frutti di bosco – Una ciotola al giorno toglie il medico di torno

 200 mg di vitamoina C ; il quintuplo delle arance …

Il ribes rosso è il più dotato di vitamine; quello nero abbonda particolarmente di vitamina C.

100 g di bacche in genere contengono  200 mg di vitamoina C , il quintuplo delle arance.

Ancora più importante:

  • questi frutti contengono elevate quantità di sostanze antiossidanti, i polifenoli, in grado di proteggere l’organismo dalle infiammazioni e dai danni prodotti dai radicali liberi.

I piccoli frutti di bosco hanno pochissime calorie (al massimo 30 per 100 g) quindi ci aiutano anche a mantenere al linea.

Ottimi anche in forma di succo; anche frullati con altra frutta.

Il mirtillo (sia rosso sia nero) è impiegato per combattere le infezioni urinarie, secondo una ricerca presentata di recente al Meeting of the American Society for Microbiology, pare possa essere utilizzato anche per combattere i virus gastrointestinali.

Orso ucciso – Turisti boicottano il Trentino ?

Barbara uccisione dell’orsa KJ2 ordinata dal presidente della Provincia Ugo Rossi

Il ritorno degli orsi nei nostri boschi, sta riportando in auge un vecchio problema; la convivenza tra animali selvatici e l’uomo.

In Europa esiste una specie di orsi, nelle foreste della Slovenia, molto tranquilli con gli uomini; tutti camminano nei boschi e raccolgono funghi in totale sicurezza perché basta il suono di qualche campanellino per tenerli lontani.

Viene spontanea la domanda: perché nei nostri boschi non abbiamo importato quegli orsi così tranquilli con l’uomo ?

“Iniziano le disdette agli alberghi ed alle case di vacanza in Trentino da parte dei turisti italiani, russi e francesi … Al momento sono una trentina le disdette di case ed alberghi. Lo ha affermato, in una nota, l’Associazione italiana difesa animali ed ambiente (Aidaa).

Nessuno sa come finirà questa contesa tra animalisti e non animalisti; sicuramente servirebbe molta coscienza e conoscienza prima di introdurre animali selvatici che non siamo più abituati a consocere .

La popolazione dovrebbe essere informata e educata adeguatamente; a partire dagli insegnati nelle scuole che pochissimo sanno sugli animali selvatici e i loro comportamenti.

L’uomo moderno mediamente NON ha nessuna idea di come ci si deve comportare se si incontra un’orsa o un cinghiale con i piccoli …. se non si provvede, ci saranno sempre più polemiche e chi è più debole la pagherà cara

 

DonnE…Cultura