Ankara punta a indebolire i curdi che sono stati fondamentali nella guerra contro Daesh ( Isis )

I soldati turchi in Siria; duro colpo all’Isis.

Per Daesh (Isis), sfuma il sogno di controllare l’intera fascia di territorio al confine turco-siriano.

L’operazione turca “Scudo dell’Eufrate”, ha inflitto un duro colpo all’Isis; strappando al Califfato la cittadina strategica di Jarablus, ma ha anche fermato i curdi del Pyd.

L’azione turca ha frenato l’avanzata dei curdi del Pyd, che nelle scorse settimane avevano tolto ai jihadisti la località di Manbij.

La Turchia  promette di cambiare gli equilibri nella regione.

Recep Tayyip Erdogan,  mette sullo stesso piano Isis e curdi e parlando di legittima “autodifesa”.

 Damasco (Siria), definisce l’operazione turca come una “violazione della sovranità”;  preoccupando anche l’alleato russo.

I curdi dichiarano:  “La Turchia è nel pantano siriano. Sarà sconfitta come l’Isis”.

Una situazione sempre complessa, una matassa difficilissima da dipanare.

Afghanistan – Kabul attaccata Università Americana – 16 morti

Forte esplosione seguita da spari è stata sentita a Kabul.

In Afghanistan continuano gli scontri tra talebani e Isis; la situazione è incontrollabile.

“Alcuni uomini armati hanno attaccato l’Università di Kabul e ci sono notizie di esplosioni e colpi d’arma da fuoco. Gli assaltatori sono all’interno del compound e ci sono professori stranieri insieme a centinaia di studenti”.

Anche Massoud Housseini, il fotografo afgano vincitore del premio Pulitzer, era nell’università ed ha pubblicato su Twitter una foto dell’assalto. E’ poi riuscito a fuggire.

Agevolazioni dei traghetti Tirrenia Moby e Toremar per chi ha subito il terremoto – Niente costo extra in caso di annullamento dei biglietti già emessi o di modifiche

TERREMOTO IN CENTRO ITALIA: PROCEDURE PER I PASSEGGERI RESIDENTI NELLE PROVINCE DI RIETI ED ASCOLI PICENO

Il Gruppo Onorato Armatori comunica che le Compagnie Tirrenia, Moby e Toremar non applicheranno alcun costo extra in caso di annullamento dei biglietti già emessi o di modifiche nelle date di partenza (previa disponibilità) per tutti i residenti dei Comuni in provincia di Rieti ed Ascoli Piceno, colpiti dai tragici fatti della notte appena trascorsa.

Onorato Armatori intende in questo modo esprimere la propria vicinanza a tutti coloro che in questo momento stanno attraversando momenti di estrema difficoltà e si unisce alla grande solidarietà che tutta l’Italia, da Nord a Sud, sta già dimostrando dalle prime ore della giornata.

Moby, Tirrenia-CIN e Toremar sono compagnie del gruppo Onorato Armatori, leader del trasporto marittimo passeggeri e merci da cinque generazioni. Primo al mondo per numero di letti e primo in Europa per capacità passeggeri, il gruppo occupa fino a 4.000 dipendenti, tutti italiani, inclusi gli stagionali. Con le tre compagnie, il gruppo Onorato collega Sardegna, Sicilia, Corsica, Arcipelago Toscano e Tremiti con 47 navi, tutte bandiera italiana, con 41.000 partenze per 30 porti programmate per il 2016. I Fast Cruise Ferries del gruppo sono tra i primi al mondo per qualità: Moby è stata insignita del Sigillo di Qualità “Nr. 1 oro” 2015/2016 dell’Istituto tedesco Qualità e Finanza per la qualità del servizio offerto, della prestigiosa Green Star sulle tre navi ammiraglie ed è stata eletta dai passeggeri migliore compagnia di traghetti all’Italia Travel Awards 2016. Il gruppo Onorato, che ha vinto il Business International Finance Award 2016 per l’innovativa operazione di rifinanziamento conclusa lo scorso febbraio, ha inoltre una flotta di 17 rimorchiatori di ultima generazione che forniscono in nove porti italiani servizi quali assistenza alle manovre delle navi in porto e attività di salvataggio. Tramite la controllata Sinergest, Moby gestisce inoltre la stazione marittima Isola Bianca nel porto di Olbia.

CUCINA – Il New York Times stravolge una ricetta tipica italiana – Rigatoni alla Bolognese… in bianco !!!

Rigatoni alla Bolognese… in bianco !!!
Il New York Times stravolge una ricetta tipica italiana

 – Che il cibo made in Italy sia spesso vittima di imitazioni e di falsificazioni da querela non è una novità; suscita però un certo clamore il fatto che sia stato l’autorevole New York Times a pubblicare una ricetta italiana, ma che ha ben poco a che fare con la tradizione del Belpaese.

Si tratta dei “Rigatoni with white Bolognese”, ma gli italiani sanno bene che il classico sugo alla bolognese è tutt’altro che bianco. Sui social network si è scatenata la polemica e sono molti gli italiani che hanno disapprovato la ricetta in questione.

«Il ragù alla Bolognese ha la sua ricetta originale depositata alla Camera di commercio di Bologna. I ristoranti all’estero possono farla come vogliono, ma se la stravolgono non possono chiamarla nello stesso modo», commenta Giuseppe Boccuzzi, presidente dell’Unione Cuochi Bolognesi, delegazione provinciale della FIC-Federazione Italiana Cuochi. «Se si vuole fare cucina italiana all’estero non si può improvvisare, le ricette vanno rispettate e i prodotti, gli ingredienti, devono essere italiani.

Prima di spacciare un piatto per quello che non è, occorre rivolgersi alle Camere di commercio, alle Province o ai Comuni, dove si possono reperire informazioni precise sulle ricette originali, in modo che i piatti proposti come “italiani” si avvicinino il più possibile alla vera cucina made in Italy.

È vero che le nostre regioni, dalla Sicilia al Veneto, dal Piemonte alla Campania, e così via, hanno tutte le loro ricette e non è sempre facile seguirle e rispettarle.

Ma il rischio è che i cittadini di un Paese straniero, assaggiando una ricetta “italiana” non eseguita correttamente, pensino che quello sia il piatto originale, quando di originale magari ha soltanto il nome… Se non si riesce a riprodurre in maniera perfetta una ricetta, bisogna almeno fare in modo che sia fedele all’originale come minimo per l’80%, altrimenti non ha senso e danneggia il vero Made in Italy».

ARTE GIAPPONESE A UDINE – PARADOXA. Arte giapponese oggi

ARTE paradoxa-8458

paradoxa- 672 8460

C’è tempo fino al 28 agosto per visitare a Udine la mostra
PARADOXA. Arte giapponese oggi

In esposizione anche Takahiro Iwasaki, scelto per rappresentare il Giappone alla prossima Biennale di Venezia

È in mostra a Udine, fino al prossimo 28 agosto, l’artista scelto per rappresentare il Giappone alla prossima Biennale di Venezia: Takahiro Iwasaki, noto per le sue miniature visibili tramite telescopio e create con materiali fragili come capelli e fibre tessili, è infatti uno dei protagonisti di “PARADOXA. Arte giapponese oggi”, inaugurata lo scorso aprile a presso Casa Cavazzini – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea. L’esposizione, che riunisce in Italia cinque degli esponenti più rappresentativi dell’arte contemporanea giapponese, è stata organizzata dal Comune di Udine – Civici Musei e curata da Denis Viva. Inserita nel programma di eventi che celebrano in tutto il Bel Paese il 150° Anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia, la mostra sarà visitabile sino a fine mese nelle centralissime Piazza Libertà (che accoglie uno speciale progetto artistico realizzato grazie al sostegno di illycaffè) e Casa Cavazzini – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea.

Tatzu Nishi, Manya Kato, Takahiro Iwasaki, Taro Izumi e Yuuki Matsumura sono gli artisti in mostra a Paradoxa, che esplora il mondo del paradosso e dell’errore nella cultura orientale come fonte di conoscenza e di cambiamento, oltre a riconvertire e manipolare di oggetti quotidiani. A stimolare la riflessione dei visitatori, i context specific, opere realizzate appositamente per Paradoxa, remote projects, progettati a distanza dagli artisti giapponesi e realizzati in loco da giovani artisti, e opere d’arte oggettuale.

Il lavoro di Iwasaki, eccezionalmente ammirabile a Udine in questi giorni, impiega setole, capelli, fibre tessili per riscostruire in scala invertita i grandi landmark del paesaggio contemporaneo, come elettrodotti, giostre, gru. Simboli di un paesaggio tecnologico e globale, queste architetture diventano oggetto di ricostruzione meticolosa ribaltando le dimensioni, dal gigante al piccolissimo, e i materiali, dal solido all’esile. Nelle opere Out of disorder a Udine, un occhio attento, con l’aiuto di un telescopio, può riconoscere elementi del paesaggio urbano proprio del capoluogo friulano, a cui l’artista si è ispirato.

Nel lavoro di Taro Izumi, invece, il focus è la destrutturazione degli oggetti comuni. La continua tensione tra funzione e valori estetici, tra uso e modellazione, genera un processo potenzialmente interminabile che, nel caso di questa mostra, è durato dieci giorni ed ha coinvolto l’artista e l’azienda Calligaris. Izumi è partito da uno dei loro più noti modelli di sedia, “La locanda”, convertendola in una scultura astratta. Una volta trasfigurata, la sedia è stata ricondotta in azienda, dove attraverso tagli e aggiunte di materiali, è stata ripristinata la sua originaria funzione. Ripetutosi per quattro volte, questo processo è qui testimoniato dall’ultima versione della sedia, dalle foto e due video che ne documentano ogni stadio di trasformazione, e infine dalle sculture astratte che Izumi ha via via ottenuto dagli scarti della lavorazione.

Paradoxa è la prima tappa di un progetto triennale che vuole investigare le forme attuali dell’arte contemporanea estremo-orientale, esaminando ogni anno un differente contesto nazionale e affiancandosi alla consolidata esplorazione nel campo cinematografico del Far East Film Festival.

www.civicimuseiudine.it

CIVICI MUSEI DI UDINE

I Civici Musei di Udine racchiudono una rete di musei e patrimoni, composta da Museo del Castello, Museo Etnografico, Gallerie del Progetto, Museo Friulano di Storia Naturale e Casa Cavazzini – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea.
Quest’ultimo, progettato dall’architetto Gae Aulenti, si sviluppa su 3.500 mq ed è ospitato nell’antico edificio donato dal commerciante udinese Dante Cavazzini. Oltre alle esposizioni temporanee, sono visitabili nel museo le collezioni permanenti, la collezione Astaldi e la collezione F.R.I.A.M. Fra gli artisti esposti figurano Roy Lichtenstein, i fratelli Basaldella, Carlo Carrà, Giorgio Morandi, Giorgio de Chirico, Willem de Kooning, Sol le Witt.

CALENDARIO PIRELLI “DIETRO LE QUINTE” DELL’EDIZIONE 2017 – Ora on line

PIRELLI: SUL NUOVO SITO DI THE CALTM I PRIMI “DIETRO LE QUINTE” DELL’EDIZIONE 2017

ONLINE IL NUOVO WWW.PIRELLICALENDAR.COM

STORIE, IMMAGINI, VIDEO PER RACCONTARE IL MONDO DELL’ARTE, DEL COSTUME E DELLO STILE: TRA IL MATERIALE ESCLUSIVO ANCHE UN’INTERVISTA AD ANDREA BOCELLI

SVELATI LA PROSSIMA SETTIMANA I NOMI DELLE PROTAGONISTE DELLA NUOVA EDIZIONE DI THE CALTM

 – Un nuovo sito dedicato al Calendario Pirelli per conoscerne la storia e, soprattutto, per scoprire le diverse fasi creative della prossima edizione.

È online da oggi www.pirellicalendar.com, la rinnovata piattaforma digitale che, grazie a filmati, fotografie e diverse interviste esclusive, permette ai visitatori di percorrere la storia di oltre 50 anni di The CalTM, vivere l’esperienza del backstage del nuovo Calendario e seguire passo dopo passo, insieme al suo autore Peter Lindbergh, l’edizione 2017 che sarà svelata a fine novembre.

Una prima intervista al grande fotografo tedesco, le immagini dei luoghi del prossimo Calendario e un video “catturato” dietro le quinte sono solo alcuni dei materiali esclusivi che da oggi sono disponibili sul sito e che nel corso delle prossime settimane andranno ad arricchirsi. Già dalla prossima settimana saranno svelati i nomi delle protagoniste e i primi scatti di backstage della nuova edizione di The CalTM.

La nuova sezione Behind The Scenes: Making of The Cal, in particolare, accompagnerà nei prossimi mesi il lettore a fianco del team di lavoro del Calendario Pirelli, facendolo assistere al processo di realizzazione del lavoro artistico di un grande fotografo.

Non solo. La sezione Icons del sito – dedicata al dialogo con rappresentanti illustri del mondo dell’arte, della cultura, dello spettacolo, della moda, dello sport e della musica – da oggi si arricchisce anche di un’intervista esclusiva ad Andrea Bocelli che segue quelle già realizzate con Roberto Bolle, Candice Huffine, Tommy Hilfiger, Marc Newson e Serena Williams.

Le storie, le curiosità e le iniziative attinenti al Calendario e legate al mondo dell’arte, come mostre o presentazioni a livello internazionale, sono al centro della sezione Stories.

Le 43 edizioni del Calendario, infine, vengono approfondite attraverso l’area Time Machine, dove immagini e sintesi dei video di “backstage” vengono presentate per decadi, in un viaggio virtuale nell’evoluzione dell’estetica e del costume anche attraverso commenti che contestualizzano i periodi dal punto di vista storico-politico.

Il sito www.pirellicalendar.com si affianca al progetto www.pirelli.com che dal suo lancio, 9 mesi fa, a oggi ha registrato oltre un milione di visite alle storie con cui quotidianamente racconta l’azienda con contenuti che spaziano dal prodotto alla cultura, dal business alla gestione sostenibile, dal Calendario Pirelli al Motorsport.

Evento da non perdere – Festival Transart – 7 – 25 settembre in Alto Adige – Musica natura e cultura

Dal 7 al 25 settembre l’Alto Adige si trasforma in uno spazio di sperimentazione dove esplorare, con il Festival Transart, i diversi linguaggi del contemporaneo.

Fra i “fili rossi” di quest’anno: la natura come risorsa da preservare, il bisogno di spiritualità, l’incontro senza pregiudizi fra culture, l’elaborazione di nuovi formati dove arte, musica, performance si possano intrecciare.

Immensi scenari alpini, piccoli castelli in riva al lago, atelier d’artista, musei, boschi e luoghi della quotidianità, ecco alcune delle mete che costelleranno il percorso di Transart16.

Gli artisti di quest’edizione:

John Luther Adams, Roman Signer, Chris Watson, Mashrou’ Leila e Omar Souleyman, Tomoko Mukaiyama e Spellbound Contemporary Ballet, Rose Breuss, Jagoda Szmytka, PHACE ensemble, Claudio Rocchetti, Alberto Boccardi, Sadi, Gea Brown, Tomoko Sauvage. Fra le proposte inedite: la Cena Oltranzista di Luciano Chessa al Castello di Monticolo, uno Sleep Concert per accompagnare i ritmi del sonno e della veglia, la scoperta del Gagok, canto tradizionale coreano, una Camminata artistica, il ritorno del format Rent a Musician!

e tanta, tantissima sperimentazione sonora.

E’ un viaggio che ogni anno cambia coordinate, quello di Transart, che mira a condividere con il pubblico progetti e produzioni ad hoc, coinvolgendo in nuove sfidanti formule artisti locali e internazionali, enti territoriali e rinomati festival europei.

USA elezioni – Trump a fondo nei sondaggi cerca il voto dei neri – Attacco a Hillary ora Trump punta sulla sua salute

Trump cerca il voto dei neri, dopo il crollo nei sondaggi.

Trump, lancia un appello diretto alla comunità afroamericana per tentare di allargare la sua base elettorale.

——

Messa in dubbio la salute della Clinton, la quale parla di folli teorie cospirative.

Ultimo disperato attacco da parte di Trump contro la sfidante Hillary Clinton: la candidata democratica nasconderebbe uno stato di salute non buono.

Naturalmente non ci sono prove, serie, che la Clinton sia davvero malata.

Processo al distruttore del mausoleo di Timbuctu – Storico processo all’Aja

Ahmad Al Faqi Al Mahdi, pentito e contrito, è comparso davanti al tribunale della Corte penale internazionale (Cpi); distrusse il mausoleo di Timbuctu.

Questo processo è anche il primo processo presso la Cpi a un estremista islamico.

Al Mahdi è accusato di aver diretto la distruzione di 14 dei 16 mausolei storici e una moschea antica di Timbuctu, oltre a un numero imprecisato di antichi manoscritti.

Con kalashnikov a tracolla, Ahmad Al Faqi, dava ordini agli estremisti islamici i quali, armati di picconi, asce e mazze, distrussero i monumenti in pietra, sabbia e legno dell’antica Timbuctu.

 Sono stati distrutti: manoscritti, moschee antiche e mausolei di grandi pensatori islamici, patrimonio dell’Umanità Unesco, costruiti quando la città sahariana di Timbuctu nell’odierno Mali, era uno dei più grandi centri culturali dell’Islam medioevale.

TIMBUCTU

 Ebbe la sua epoca d’oro come crocevia commerciale nel deserto e come centro culturale fra il XIII e il XVII secolo.

Oggi inserita fra i siti patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1988, Timbuctu custodiva nelle sue antiche biblioteche circa 700.000 manoscritti, originali o copiati da testi antichi.

Durante l’occupazione degli estremisti islamici, un fiume di casse piene di preziosissime pergamene continuò ad uscire sotto il naso degli jihadisti, grazie ad alcune persone, come il dott. Abdelk Kadel Haidara, proprietario di una biblioteca privata.

News – La Germania si prepara a possibili attacchi terroristici – “Fate scorta di cibo e acqua” … da leggere e riflettere

La “Difesa civile tedesca” punta a preparare il paese a possibili attentati terroristici,

Sarà “obbligando” per i civili aiutare l’esercito …

“Fate scorta di cibo e acqua”

La Germania sta per varare un piano di difesa civile:

i civili aiuteranno l’esercito in situazioni di emergenza.

 Sarà “obbligando” per  i civili aiutare l’esercito in situazioni di emergenza; fornendo carburante o ospitalità ai militari nelle abitazioni, lo riferisce l’agenzia Dpa.

Pare, invece, escluso che il piano riporti ad un ritorno della coscrizione obbligatoria, abolita in Germania nel 2011.

L’autorevole quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz) precisa come il documento di 69 pagine risponda a domande del tipo:

Come ci si protegge da attacchi con armi biologiche o chimiche?

Come si mette la popolazione in sicurezza se si diffonde una nuvola radiottiva?

Dove fugge il governo se c’è la minaccia di un attacco? Dove vengono depositati beni culturali in caso di guerra?.

Il documento consiglia:

consolidamento degli edifici,

-fare scorta d’acqua (due litri a persona per cinque giorni)

-fare scorta di alimenti (sufficienti “per dieci giorni”),

-idem per medicine, energia.

Si parla anche di “sistemi di allarme rivolti alla popolazione”: oltre alle specifiche “app” per telefonini (una esiste già), anche tradizionali sirene, per essere meno esposti a cyber-attacchi.

 Un partito di sinistra, la Linke, accusa l’esecutivo di “creare il panico”:

secondo Linke si vuole trarre vantaggio da un clima di inquietudine per le due elezioni regionali che si terranno a settembre: in Meclemburgo e a Berlino.

DonnE…Cultura