INTEGRATORI A BASE DI VITAMINE ? NIENTE ALCOOL CON Il SOLE !

Gli studi pubblicati sul Journal of American Medical Association Pediatrics hanno sollevato il problema di pericolo di sovvradosaggio di vitamine già in età infantile.

193 integratori alimentari a base  di vitamine, secondo lo studio Usa, superano di molto le dosi consigliate dall’Institute of Medicine.

-Infatti un eccesso  vitaminico può essere molto dannoso, soprattutto se si tratta di vitamine liposolubili: A, D, E e K che si accumulano nel fegato.

 -Negli USA quasi la metà degli ultracinquantenni usa integratori a base di vitamine e sali minerali.

Secondo la rivista Lancet, una delle più prestigiose riviste di medicina al mondo, gli integratori con vitamina D non servono a prevenire l’osteoporosi, l’apporto di vitamina D ha senso solo in caso di carenza dichiarata.

Secondo altri studi un eccesso di vitamine non idrosolubili, come la vitamina A, può portare ad un aumento di rischio di contrarre malattie come il cancro. (teniamo presente che negli USA si comincia ad assumere vitamine sin da bambini).

L’ Alzheimer rallenta con la vitamina E

Uno studio pubblicato su Jama, giornale della Medical Association americana, riporta che su 613 pazienti affetti da Alzheimer in modi lieve o moderato, quelli che avevano assunto

-una dose di 2.000 unità internazionali di vitamina E, hanno visto

-ridursi la progressione annuale della malattia del 19%. Secondo i ricercatori questo è dovuto alle proprietà antiossidanti della vitamina E.

La vitamina C è importante.

La vit. C ha un ruolo importante nell’assorbimento del ferro.

La necessità giornaliera è contenuta in

-un’arancia di medie dimensioni, quindi basta un normale consumo di frutta per non necessitare di integratori a base di vitamina C.

Non dimentichiamo la buona abitudine di sostituire il limone (ricchissimo di vitamina C) all’aceto, che quasi sempre è solo acido acetico e non aceto di vero vino!

SOLE E ALCOOL

Attenzione a non bere alcool quando vi esponete al sole !

-Una ricerca guidata dall’Istituto Mario Negri di Milano e pubblicata sul British Journal of Dermatology, l’etanolo contenuto nell’alcool viene convertito in acetaldeide che rende la pelle più vulnerabile alla luce.

Secondo questo studio chi assume

-12 grammi di alcool al giorno, corrispondenti a un bicchiere di vino, aumenta del 20% la possibilità di ammalarsi a causa di un melanoma. 

ARTE: DOVE SI STUDIA E SI APPRENDE UN LAVORO CONCRETO.

ACCADEMIA D’ARTE ESTONE “ESTONIAN ACADEMY OF ARTS“, TALLIN. Dipartimento: arte del pellame. Prof. Lennart Mänd, direttore del dipartimento arte del pellame, ricercatore e insegnate.

Tallin Accademia Arte prf. l copy

Prof. Lennart Mänd.

Tallin Accademia Arte libri oro prof ok

Tallin Accademia Arte lav nj

Decorazione di un libro in cuoio.

Tallin Accademia Arte y libri diversi ok

Tallin Accademia Arte borsa farfalla n

Borsa-farfalla.

Tallin Accademia Arte impermeabile borsa 1

Borsa trasformabile in giacca di pelle con cappuccio.

Tallin Accademia Arte libro rosa ok

Tallin accademia Marta Moorats (marta.moorats@artun.ee) Merle-Visak

Marta Moorats (marta.moorats@artun.ee) style-Karin-Kallas-pfoto-Virge-Viertek(1)

 

Tallin Accademia Arte jk scarpe

Un lavoro di ricerca accuratissimo ha portato a una produzione di eccellenze con numerose applicazioni pratiche nel mondo della moda e dell’editoria.

Un chiaro esempio di come si possa ben conciliare studio e applicazioni pratiche, studio e specializzazione.

Esattamente quello che il mondo globalizzato cerca: proposte nuove e sofisticate che abbiano applicazioni pratiche nel mondo dell’industria e dell’artigianato di alta qualità.

Per gourmet – Bere bene – consapevole a Cheese 2017

A ogni formaggio la sua bevanda

8 occasioni per bere bene, originale, consapevole a Cheese 2017

Vini, bollicine, birre, rhum e addirittura cocktail…

l’abbinamento di una bevanda, che rappresenta un pezzo della tradizione materiale e della cultura gastronomica di un Paese o una regione, con il proprio formaggio ha sempre avuto un posto in prima fila in queste undici edizioni di Cheese. E non poteva essere altrimenti, viste le origini di Slow Food Italia e il territorio che ospita la manifestazione, quella Città di Bra a metà tra le colline di Langa e Roero, entrambe patria di grandi vini.

In questa edizione dei 20 anni però abbiamo superato anche le nostre più ottimistiche aspettative e, per assicurarsi il miglior abbinamento di sempre, abbiamo pensato di redigere la seconda guida teorico-pratica di Cheese 2017, quella alle 8 occasioni per bere bene, originale e consapevole.

1 – Con i grandi classici non si sbaglia mai: Brunelli e Parmigiano Reggiano

Image

Ai soci Slow Food (e a chi coglierà l’occasione per far parte dell’associazione) è riservato il Laboratorio del Gusto Brunelli a confronto: l’importanza del terroir, che accompagna due fantastiche docg ilcinesi ad alcune stagionature del Parmigiano Reggiano di vacca bianca modenese, Presidio Slow Food. Stiamo parlando di Poggio al Vento Col d’Orcia e Vigneto Manachiara di Nardi 1999, 2006, 2010: tre grandi millesimi dei due grand cru delle rispettive aziende per capire l’importanza del terroir. L’appuntamento è domenica 17 settembre alle 16 nella Banca del Vino di Pollenzo, a sei chilometri da Bra, con navette speciali che fanno la spola tra Bra e Pollenzo.

2 – Migrazioni enologiche: degustazioni in libertà dal Nord al Sud Italia nella Banca del Vino di Pollenzo e dell’Enoteca di Bra

Image

Se non avete fatto in tempo a prenotare o non volete limitarvi alle proposte dei Laboratori del Gusto, allora ci sono due luoghi di Cheese 2017 che fanno al caso vostro!

Restiamo in Banca del Vino, il luogo in cui Slow Food costruisce la memoria storica del vino italiano, che nei giorni di Cheese propone un percorso guidato in compagnia di tre grandi vini e altrettanti formaggi del Nord, Centro e Sud Italia, semplicemente passeggiando lungo le suggestive cantine sotterranee dell’ottocentesca Tenuta dei Savoia. Costo del tour con degustazione: 10 euro.

Se preferite degustare e abbinare in libertà allora dovete prendere la navetta e tornare a Bra, e più precisamente in Via Garibaldi che ospita la Gran Sala dei Formaggi e l’Enoteca, rispettivamente con 130 caci e 600 etichette che rappresentano il meglio della cultura enologica italiana. Fanno la parte del leone i formaggi italiani, francesi e spagnoli, ma ce ne sono anche statunitensi (Paese cui Cheese 2017 dedica il focus), portoghesi, inglesi, irlandesi… e poi rumeni, bulgari, belgi, olandesi, polacchi e svizzeri. Insomma, a ogni formaggio il suo bicchiere e via di abbinamenti in libertà!

3 – Il giro del mondo in 80 caci: note d’Oriente con i vini Triple A

Image

Se quello che succede a Est dell’Italia vi intriga, gli appuntamenti alla Casa della Biodiversità sono quelli che fanno al caso vostro! Come quello con le Triple A di Velier, storico importatore e distributore genovese di vini naturali e distillati e Sostenitore Ufficiale di Slow Food Italia. Ai piedi del vulcano Hasan Dag, nell’Anatolia Centrale, crescono varietà autoctone di uve su piede franco a 1500 metri sul livello del mare, vigne antiche di 200 anni coltivate in piccoli giardini e vinificate con fermentazioni spontanee in anfore millenarie. Udo Hirsch, di origine tedesca ma da anni in Turchia, proprietario di Gelveri-Manufactur presenta i suoi vini in abbinamento a formaggi turchi. Non mancano i vini georgiani di Iago Bitarishvili, della regione di Kartli, vicino a Tiblisi, Presidio Slow Food. L’appuntamento è alla Casa della Biodiversità venerdì 15 settembre alle ore 13.30.

 

4 – Una “enclave” di sapori, profumi e consistenze di Langa

Image

Se volete una full immersion di Langa, il posto giusto è l’area lounge allestita nella piazza del Mercato di Cheese a cura del Consorzio Alta Langa Docg – Official Sparkling Wine della manifestazione – dove si potrà vivere un’esperienza di gusto che ha origine interamente nelle famose colline piemontesi: insieme alle bollicine del metodo classico si potrà degustare la morbida robiola di Roccaverano Agrilanga unita alla croccante nocciola Tonda Gentile selezionata dall’Associazione Regina Nocciola. L’Alta Langa Docg (brut o pas dosé, bianco o rosato) è prodotto con uve Pinot Nero e Chardonnay coltivate sulle colline tra Astigiano, Cuneese e Alessandrino e affinato per almeno trenta mesi sui lieviti. Le sue bollicine delicate sposano perfettamente la robiola primaverile, ricca di sentori di erba fresca, ciliegia e nocciolo, o di fine estate, quando il latte si arricchisce di grassi e il formaggio raggiunge la massima estensione sensoriale, e il croccante tostato della nocciola per regalare tre consistenze in un unico assaggio.

 

5 – A tutta birra! – I Laboratori del Gusto

Image

Solo vino in abbinamento ai formaggi di Cheese 2017? No ovviamente! Ormai da anni Slow Food segue il grande fermento che c’è intorno alle birre artigianali, in Italia e oltre confine, grazie alle guide e ai manuali pubblicati da Slow Food Editore, i Laboratori del Gusto e la Piazza della Birra durante i grandi eventi. Tra i più curiosi segnaliamo La regina delle bevande naturali: il Lambic tradizionale (Presidio Slow Food), una birra unica al mondo e sempre più rara, spesso definita come l’anello mancante tra la birra e il vino. Non perdetelo, sabato 16 settembre alle ore 13 a Bra, presso il Cortile delle scuole maschili.

 

E poi come non ricordare il focus di Cheese 2017 sugli Stati Uniti, Raw in the USA: formaggi a latte crudo e birre artigianali, il 17 settembre alle 19 sempre a Bra presso il Liceo scientifico G. Giolitti-G. B. Gandino. Dal 1980, negli Stati Uniti si è assistito a una rinascita del tema delle fermentazioni naturali: dai formaggi alle birre artigianali fino ad arrivare alla produzioni di eccellenti prosciutti e salumi. In questo Laboratorio vi presentiamo alcuni tra i migliori produttori “born in the USA“: Jasper Hill Farm dal Vermont, Meadow Creek Dairy dalla Virginia, Rogue Creamery dall’Oregon e Uplands Cheese dal Wisconsin. La storia dei formaggi si intreccia a quella delle birre grazie alla presenza di Adrian Walker, del birrificio Firestone Walker, nato nel 1996 in California, tutt’oggi uno dei più apprezzati nel territorio statunitense.

 

6 – La cultura brassicola di QBA, La Piazza della Birra e Birrificio Antoniano

Image

Official Partner dei grandi eventi organizzati da Slow Food, Quality Beer Academy nel suo stand in Piazza XX Settembre accoglie tutti gli appassionati con 35 vie di birra alla spina e un ricco programma di degustazioni guidate dai beer sommelier. Anche dal punto di vista brassicolo, il focus di QBA saranno le birre americane di Firestone Walker, con lo stesso Adrian Walker a raccontare segreti e aneddoti del birrificio. E in tema di formaggi non saranno trascurati gli abbinamenti che vedono come protagonista il Belgio, con le sue fermentazioni miste e spontanee di Rodenbach e Boon.

 

Sono addirittura 36 i birrifici artigianali indipendenti della Piazza della Birra. A farla da padrone le realtà brassicole piemontesi e lombarde che condivideranno i calici con i microbirrifici del resto d’Italia e con realtà estere. Obiettivo? Trovare l’abbinamento perfetto con le stuzzicherie delle vicine Cucine di Strada e dei Food Truck e passeggiare tra le bancarelle del Mercato sorseggiando un buon bicchiere.

 

Nella Via dei Presìdi Slow Food, non a caso è presente Birrificio Antoniano che tra le sue proposte presenta le birre realizzate con prodotti tutelati da Slow Food: la Ponte Molino, con grano Timilia del pane nero di Castelvetrano (Trapani), la Torlonga con grano Solina dell’Appennino abruzzese e la Borgo della Paglia con mais biancoperla della pianura veneta centro-orientale.

 

7 – Paloma e Negroni sbagliato per una shakerata da urlo

Image

Un vero e proprio cocktail bar con i migliori bartender selezionati da Velier che vi aspettano con gli abbinamenti più sfiziosi tra formaggi e arte della mixology. Per darvi un esempio, abbiamo chiesto al bartender Angelo Canessa di anticiparci qualcosa ed ecco le sue proposte: il Paloma, con le note amare del Tequila e del succo di pompelmo, è perfetto se abbinato a una robiola di Roccaverano. Mentre ai fan del Negroni sbagliato consigliamo un abbinamento con un Parmigiano Reggiano 36 mesi: le note officinali di bitter e vermouth si sposano perfettamente con la sapidità della Dop. A Cheese 2017 potrete trovare questi e altri drink al cocktail bar Velier, in Piazza XX Settembre a Bra, aperto tutti i giorni a partire dalle ore 16.

 

8 – Rhum: il gusto esotico della vita

Image
Haiti è l’ultima frontiera del rhum e i Clairin sono i rhum di Haiti: varietà di canna originarie, nessuna chimica in agricoltura, fermentazioni spontanee senza lieviti selezionati, distillazioni “arcaiche” e nessuna filtrazione. I rhum più autentici e scalpitanti dei Caraibi incontrano formaggi ricchi e complessi come il gruyère d’alpeggio, il piacentinu ennese e il puzzone di Moena. Chi vincerà la sfida? Per un assaggio di Clairin non mancate la visita allo stand di Velier, in Piazza XX Settembre a Bra.

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

 

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.

La Russia di Vladimir Putin aiuta il regime di Nicolas Maduro in Venezuela?

La Russia di Vladimir Putin, attraverso la controllata statale Rosneft, pare stia aiutando il regime di Nicolas Maduro in Venezuela.

Il Venezuela, in questo momento, ha un bisogno DISPERATO di denaro per sopravvivere.

Ovviamente Mosca non aiuterebbe senza una grossa ricompensa:

— negli ultimi mesi, importanti contratti di sfruttamento  delle risorse naturali venezuelane in cambio di prestiti  hanno permesso a Caracas di non dichiarare bancarotta.

La Cina,  avrebbe chiuso i rubinetti dei pagamenti per i  ritardi nei pagamenti e per i problemi  con la corruzione endemica  che riduce i profitti.

Il Cremlino si trova in una posizione di forza; è l’unico che sta dando denaro e quindi ne approfitta al massimo.

In realtà, dal 2013,  la Russia è un alleato privilegiato del chavismo, ma riesce a vendere petrolio venezuelano perfino agli Stati Uniti.

Rosneft, in questo momento sta trattando circa 225.000 barili di greggio venezuelano al giorno; il parlamento, controllato dall’opposizione, ma senza potere in questo momento, non ha mai riconosciuto il valore di questi contratti, ma l’Assemblea costituente intende rispettarli.

Nel 2006 la Russia aveva firmato contratti per 4 miliardi di dollari e per la fornitura di armi al Venezuela.

Oggi, il presidente Maduro chiede aiuto a Mosca attraverso l’azienda petrolifera di Stato PDVSA che avrebbe incassato dalla russa Rosneft 6 miliardi di dollari.

Dal 2006 i miliardi arrivati in Venezuela sono stati almeno 17; così Mosca si è ASSICURATA la sua presenza in Venezuela e Maduro continua a contarci.

New York Times magazine – La Casa Bianca conosceva bene la realtà sul rapimento Regeni

Un grande pasticcio con tanto fumo intorno … a partire dalle Primavere Arabe e dalla caduta di Mubarak e chissa cosa altro …  la conseguente destabilizzazione della zona del nord Africa e non solo … l’arrivo dell’Isis in Libria a due passi dall’Italia …. una serie di fatti che suggeriscono la possibilità che esistano segreti che NON ci verranno mai chiariti.

L’amministrazione Obama aveva informazioni IMPORTANTI sull’omicidio di Giulio Regeni e tutto fu comunicato a palazzo Chigi; quando Renzi era al governo.

Lo rivela il New York Times magazine: la Casa Bianca conosceva bene la realtà sul rapimento del ricercatore italiano e su come fosse stato torturato e ucciso da ufficiali della sicurezza egiziana. Erano anche al corrente del fatto che  i vertici dello Stato, al Cairo, sapevano delle circostanze della morte del giovane italiano.

L’allora segretario di Stato, John Kerry, non si fece problema ad ammonire il ministro degli esteri egiziano mentre era  a Washington.

Le informazioni furono immediatamente passate a palazzo Chigi che oggi, precisa:

‘non abbiamo mai ricevuto elementi di fatto, come ricorda lo stesso giornalista del New York Times, né prove esplosive’; la spiegazione starebbe nella necessità degli Stati Uniti di coprire le proprie fonti.

Secondo quanto sostenuto dal New York Times, i messaggi arrivati in Italia non provenivano dalle fonti ufficiali (ma dai servizi segreti); non erano utilizzabili per un processo, ma il contenuto era comprensibile.

Un grande pasticcio con tanto fumo intorno, evidentemente il fatto Regeni e le altre dichiarazioni e decisioni al riguardo mostrano al pubblico che tutti gli autori utilizzano il fatto per propri scopi e non è assurdo pensare che MAI sapremo la verità dei fatti.

Intanto in Italia sta montando la polemica sul ritorno dell’ambasciatore italiano al Cairo; dopo che, carte considerate importanti, sono state inviate per l’inchiesta.

La famiglia Regeni considera tutto quanto sopra un bluff.

Cosa scrivono i giornali oggi ?

” … la Casa Bianca diede al governo italiano “prove esplosive” e, pur non rivelando tutto per non bruciare le proprie fonti, diede per certo che leadership egiziana sapeva tutto. Da: http://www.repubblica.it/esteri/2017/08/15/news/regeni_new_york_times-173119796/?ref=search

NATURA INCONTAMINATA, ISOLE DA SOGNO ? PROVIDENCIA, LE CORN ISLANDS E…

Esiste ancora il paradiso terrestre?

Si, a Providencia e a Little Corn Island.

Anche Cuba, più turistica in alcune destinazioni, ha ancora delle belle mete, sia marine che culturali, quasi incontaminate dal turismo di massa.

Providencia non è collegata  con comodi voli charter, ma la fatica di raggiungerla è ben ripagata. Ci sono giunte notizie che, purtroppo, a Provindencia è agli albori anche un turismo d’élite che alza i prezzi velocemente.

maldive tramonto palme ok

HPIM0365.JPG

animali Copenaghen acquario IMG_4278

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

hospedaje frances DSC00884

touristoffice-187x250

COLOMBIA.

-La bella isola di Providencia si trova di fronte al Nicaragua, ma appartiene politicamente alla Colombia.

Vicino a Providencia si incontra la più conosciuta isola di Santa Catalina.

Fuori dalle rotte degli uragani stagionali, questa isola rappresenta ancora oggi quello che era il Caribe dei tempi andati.

Niente alberghi tutto compreso o super-lusso.

-Qui si dorme a partire da meno di 25 euro.

La temperatura media si aggira sui 25-30 gradi e la stagione delle piogge, da settembre a dicembre, è tipicamente tropicale; grandi acquazzoni seguiti subito da cielo sereno. Qualche pioggia sparsa anche in maggio, giugno; solitamente nelle ore serali.

All’interno dell’isola si incontrano anche belle cascate.

DCIM100GOPRO

grazia sub m

little-corn-island

L’alta stagione va da metà dicembre a metà gennaio, il periodo di Pasqua e da metà giugno al primi di agosto.

-Maggio è bassa stagione e cominciano  le piogge stagionali, ma piove la sera ed è pure gradevolmente più fresco.

Il carnevale è famosissimo e imperversa nelle strade con feste, sfilate e danze tradizionali.

Alla fine di aprile/primi di maggio potrete assistere ad uno spettacolo che richiama fotografi da tutto il mondo per la discesa a mare di un esercito di grossi e colorati granchi che depositano poi le uova in mare. Due settimane dopo un altro esodo li riporta in  montagna.

La “capitale” è Santa Isabel dove si trova tutto il necessario: ufficio del turismo, supermercati (che fungono anche da uffici di cambio), banche e sportelli per prelevare con le carte di credito. La parte antica della città è la più affascinante e la si incontra andando verso sud; il suo nome è  Old Town.

Alla baia denominata Agua Dulce si trovano: ristoranti, bar e  tipici alloggi in legno.

Proseguendo si incontrano le più belle spiagge dell’isola: Casa Baja e baia Manzanillo.

Fra i cayos più belli si deve nominare Tres Hermanos (i tre fratelli), ma il meglio è  Cayo Cangrejo, un’isoletta mozzafiato con la barriera corallina di km 32 che circonda Providencia, qui si vedono  mante giganti, barracuda e tanti pesci colorati

La  baia più affascinante forse è  Suroeste, dove l’acqua calda è calma e la sabbia bianca, qui le fregate rubano il pesce ai pescatori. Tra i sassi a riva  si nascondono: pesci, aragoste, piccole murene gialle e nere,  i cavalli da corsa fanno il bagno. I bambini ridono e giocano, qui  ci sono i ristorantini più veraci; con musica reggae.

Famoso è il chiosco Albert, di Richards; un rasta-filosofo.

FIORI FORESTA IMG_4422

Il Parco Naturale McBean Lagoon è il luogo migliore per lo snorkelling.

Per la spesa si può andare anche al supermercato di Morganper:  riso, spezie, olio, vino cileno, una bottiglia di rum….

DA NON DIMENTICARE: non trasportare più di cinque chili di bagagli sul piccolo aereo twin-prop da San Andrés a Providencia.

-Oltre che dalla Colombia, si può arrivare a Providencia, via San Andres, con Copa; da Panama City (Panama), San Jose (Costa Rica), Quito (Ecuador) e Lima (Perù). Tali voli costano da US $ 400 a US $ 500 per andata e  ritorno. San Andrès è piena di vita, di negozi, di ritmi, di avventure, mentre  Providencia è ricca di “tempo senza orari”.

-Dalla Colombia, ci sono compagnie aeree come:  Aerorepublica con voli senza scalo a San Andres, che partono  da Bogotà, Medellin, Cali, Cartagena e Barranquilla. Altre compagnie aeree volano da Bogotà a San Andres; compresa Avianca, Satena e Aires.

-Normalmente è più economico volare da Bogotá, tariffe promozionali  da 450.000 pesos colombiani, circa US $ 200, per i voli di ritorno, ma anche di più. Se si utilizza una carta di credito estera per pagare, di solito è più semplice con Avianca o Aerorepublica, che sono le più internazionali delle compagnie aeree della Colombia. In alternativa Expedia e Travelocity possono prenotare questi voli a San Andres per voi (provate Despegar.com,  se parlate spagnolo).

Un servizio di Catamarani opera da San Andrés a Providencia. Giorni di partenza: Lunedi, Mercoledì e Venerdì. Il catamarano lascia San Andres al mattino, e arriva a Providencia nel pomeriggio. Il viaggio dura poco più di 2 ore, le prenotazioni sono ok sino  a 3 giorni di anticipo. La barca, di 30 posti, si chiama  El Sensacion e il costo è di 160.000 pesos colombiani per un viaggio di a/ritorno (solo andata 90.000 pesos). Per più informazioni:  (0057) 3125672713 . CONTROLLARE BENE GLI ORARI.

La  più turistica isola caraibica di San Andrés, rispetto a Providencia,misura 12 km di lunghezza  e rappresenta un punto a 775 km a nord del continente, più vicino alla costa del Nicaragua che alla Colombia. E’ molto nota  come meta di subacquei e di famiglie benestanti. Providencia è tutto un altro stile, molto più vecchi-Caraibi.

-A Providencia on ci sono  resort all-inclusive. La carenza di un aeroporto comodo e con voli diretti, mantiene lo stile old-Caribe. Qui il creolo inglese è la lingua dominante (locali chiamano l’isola Old Providence) da Bogotà hanno cercato di imporre lo spagnolo, ma la popolazione e il governo locale, di origine africana, non lo hanno mai accettato.

-Qui non trovate ristoranti e resort come ad  Antigua e in Giamaica. Vi è solo  è una specie di fai-da-te-esperienza caraibica.

-Sulla spiaggia del Manzanillo, a Providencia, sotto un cielo stellato con la banda e Rolando: musicista, rasta e giocoliere, mangerete un mango dolcissimo anche fuori stagione. Rolando prepara una grande foglia di almendro con riso al cocco, fagioli e patacones (specie di banana fritta non dolce; il platano) oppure un’aragosta o un barracuda, pargo rojo, caracol, cibo comune a tutti sull’isola insieme allo squisito cangrejo (granchio) della montagna

-I manghi cadono nei giardini intorno a casa e basta raccoglierli e goderli, sulla spiaggia più vicina.

-Niente barche di lusso, nessun bar-chic.

-Si può leggere e nuotare tutto il giorno; consiglio “Uccidere Pablo”, biografia di Mark Bowden sul capo della droga colombiana, Pablo Escobar o un qualunque libro di Hemingway, Salgari, García Márquez ecc..

-Oppure fare una crociera in barca per vedere l’isola dal mare: 20 km di costa. Punti salienti: la spiaggia di  Manzanillo, la spiaggia più bella a sud-ovest, la “capitale”, Santa Isabel , la catena di vulcani spenti che corrono lungo la sua spina dorsale dell’isola ed altro. Verso la punta nord-orientale dell’isola si trova Cayo Cangrejo (Crab Cay):  un isolotto incontaminato con palme e  barriera corallina  sotto il mare poco profondo.

-Da visitare il Parque Nacional McBean e la barriera corallina e di mangrovie; la zona è terza barriera corallina più grande del mondo; si incontrano aragoste, lumache di mare, orate,  granchi,  anemoni,  pesci pappagallo, pesci angelo, enormi stelle marine e si può incontrare anche una tartaruga.

-A Cayo Cangrejo,  se si fa la crociera dell’isola, ci ci ferma per nuotare e mangiare pesce fresco. Qui a sabbia è granulosa; ottimo esfoliante

-Santa Catalina è una piccola isola collegata a Providencia da un “Malecón” rilievo conosciuto come Ponte degli Innamorati.  Il famoso corsaro capitano Henry Morgan,nipote del tenente-governatore della Giamaica, venne sull’arcipelago nel 1665, ed in suo omaggio le due formazioni rocciose furono chiamate   capo di Morgan e di Glutei di Morgan.

– All’interno di Providencia si vedono povere fattorie in stile coloniale britannico e architettura tradizionale.

-La visibilità è  di 30 metri.

-Ottima idea è  molleggiare uno scooter per scoprire l’isola.

-In giugno, durante il periodo della migrazione dei granchi, ogni sera intorno alle 19:00 si vedono centinaia di migliaia di granchi neri, enormi, andare verso la  spiaggia per deporre le uova.

-La guida Jennifer Archbold Ramirez spiega ai turisti come le persone cerchino  di comprare terreni per  costruire alberghi, ma i locali hanno deciso che diranno sempre di no…speriamo .

-A Santa Isabel, coloratissimo “capoluogo”, è bene ricordarsi di confermare il volo di ritorno, acquistare antizanzare, rum o  cambiare in pesos e ricordatevi di dare sempre  la precedenza a mucche e cavalli…

-Provate la deliziosa paleta (ghiacciolo artigianale) al tamarindo prima di andare verso il ponte galleggiante degli innamorati

-Oppure fate una passeggiata  all’isoletta di Santa Catalina,  con tante piccole baie smeraldine da scoprire!

-I pescatori locali possono  accompagnare per isole e isolotti, ma la guida eccezionale è Curramba a Agua Dulce (la spiaggia degli hotel), un rasta nato a Barranquilla, sul continente colombiano. Sempre affidabile, con la sua  barca coperta  verrà a prendervi  dove siete e ti porterà al famoso scoglio con la strana forma, chiamato Cabeza di Morgan (Carabi, terre di pirati), e la meno famosa collina da lui chiamata… il culo di Morgan!

Little-Corn-Island-nicaragua

big_corn_island_ph._arun_121_

ANIMALI CERNIA OK IMG_4380

NICARAGUA.

CORN ISLANDS: Big  Corn Island e Little Corn Island.

50 km. a nord est della Atlantic Coast, dalla città di Bluefields in Nicaragua.

-Solo bianche spiagge e una natura lussureggiante: palme da cocco e frutta esotica.

-Niente auto, niente hotel di charme, niente piscine; con questo mare non servono !

-Dormire fronte mare costa anche meno di 10 dollari a notte. www.bigcornisland.com ; un’ottima cena dai venditori ambulanti parte da 1,50 dollari.

-Snorkellers e sub qui sono nel loro sito ideale e ancora incontaminato e l’uscita costa 22 euro !

-Gli isolani vivono pescando aragoste e dai banchi di pesce in mare aperto.

I collegamenti via mare  dalla costa, i taxi d’acqua, costano 110 dollari a tratta.

DORMIRE a Big Corn Island:

-May Flowers: 5 stanza fronte mare, con bagno privato, ventilatore e TV via cavo. da 10 a 15 dollari per notte. Tel. 00505 (8) 821-8749 chiedere di Yvonne.

-Yellowtail House: 2 cabin da affittare con bagno privato e frigo da 15 dollari per notte. Di fronte ad una spiaggia bianca e alla barriera corallina. Docry renderà il vostro soggiorno memorabile per le visite alla barriera e la propria frutta esotica. Sul Sally Peachie beach. tel 00505 890-8050

-Casa Bianca: 6 camere da 10 dollari proprio di fronte alla spiaggia, MRs. Florence rappresenta il meglio della cultura isolana. La sua cucina è superba. Ventilatore e zanzariera sul letto.

-G&G: a Big Bay offre 8 camere con TV via cavo, bagno privato, hi-fi e aria condizionata da 25 dollari per la singola a 35 per la doppia. Tasse incluse. Camere con ventilatore 15 collari la singola e 25 la doppia. Due minuti a piedi dalla spiaggia, bar ristorante, e hi-fi gratuito. Accettano carte di credito. tel 00505 575-5262 hotel.gcornisland@hotmail.com

-Hotel Sweet Dream: sulla curva per lasciare Brig Bay, 18 stanze, da 15 dollari con ventilatore, 30-51 dollari con veranda sulla Birig Bay. Tel. 00505 (8) 353-4817

VOLI.

-Molte compagnie aeree volano in Nicaragua a Managua, la capitale; dopo la dogana e l’ufficio immigrazione, uscire dal terminal e camminare a sinistra. Con una breva passeggiata si raggiunge un terminal separato per le compagnie aeree regionali dove si trova un servizio per BLUEFIELDS, Big Corn island e Puerto Cabezas.

-la COSTEA AIRLINES vola verso queste isole sino alle 2, i biglietti a/r costano 165 dollari. Le prenotazioni si fanno on line anche da qui. Tempi di volo per Big Corn 1 1/2 ora con stop in Bluefields. Attenzione ai limiti di peso.

-Per arrivare a Little Corn Island si prende un  taxi per il molo comunale a Big Bay, dove si pagano 3 dollari per entrare.  Qui si trova una barca-taxi per Little Corn coordinata con i tempi di partenza dei voli.

Da Big-Corn a Little Corn partenza alle 10 di mattina e alla 1,30 di pomeriggio, in meno di un’ora.

RICORDARSI DI CONFERMARE IL VOLO DI RITORNO.

-Sull’isola, ovunque, il taxi costa 15 cordonas a persona, ovvero 0,7 dollari.

-Attenzione, i tassisti ricevono denaro per convincervi a cambiare albergo.

AL RITORNO PUO’ ESSERE CONSIGLIABILE UNA NOTTE A BIG CORN ISLAND PER GARANTIRE LE CONNESSIONI DI VOLO.

PESCA.

Il capitano Elvis, nel “Village” su Little Corn, con la sua barca accompagna alla pesca dei:  pesci vela, barracuda, tonni, ricciole, mani…fornendo di canne, mulinelli e esche. Costo: 45 dollari a persona per 2-4 pescatori per 3 ore.  tel 00505 (8) 836-6068.

Capitan Alfonso si trova al “Village” su Little Corn. Per 3 ore di pesca d’altura 45 dollari minimo 2 persone tel 00505 4342520

Little Corn Fishing Charters  50 dollari, minimo 2 persone, per 2 ore; capitano con licenza USCG licenze Capitain.  www.littlecornfishing.com

BIG CORN

Hotel paradiso, organizza uscite di pesca d’altura da 30 dollari a testa, compreso il pranzo e il pesce pescato lo cucinano in albergo.

-Capitan BABBO NATALE, leggenda di Corn Island, l’Heminguay del luogo, racconta tutte le storie dei pescatori locali; e sa tutto sui pesci. 50 dollari per 3-4 ore. Il suo nome è Eddie Downs e lo si trova al Silver Sand.

DORMIRE A LITTLE CORN ISLAND:

http://littlecornisland.net/accomodation/ da 5 dollari a notte in su.

CUBA e qualche spiaggia da paradiso terrestre.

La capitale La Habana ha un clima estivo caldissimo e soffocante, ma è molto interessante per la sua architettura e la vita vivace della gente che vi abita.

Se  volete spendere poco vi consigliamo una “casa particular”. Inoltre potete prenotare la successiva tramite quella che vi sta ospitando (magari scegliendo prima di partire le preferite, info anche sulla guida Lonely Planet).

Il nostro tour a Cuba prevede il primo spostamento a Remedios: città piccola, raccolta intorno alla piazza principale caratterizzata dalla bella cattedrale. La gente qui è molto amichevole come ai tempi degli albori del turismo.

A Remedios non si è lontani da Cayo Santa Maria.

La spiaggia Los Ensenachos, verso nord, è incontaminata, qui è facile essere assolutamente soli ! Purtroppo, se trovate il vento è forte  è difficile poter fare il bagno. Purtroppo si intravedono anche le avvisaglie di un grande progetto turistico che trasformeranno questo paradiso in un’altra Cayo Coco, ricca di alberghi internazionali.

Secondo giorno a Nuevitas, città industriale, ma buon punto di partenza per Cayo Sabinal e Playa Santa Lucia.

La Carretera del Nord è ben tenuta e il panorama dolcemente rurale. Il riso è steso sull’asfalto ad asciugare ! Tutti vogliono essere fotografati !

Durante i trasferimenti ci si può fermare nei mercatini locali e fare rifornimento di frutta a prezzi irrisori.

Quando cominciano i campi di canna da zucchero, il paesaggio diventa monotono e movimentato solo dai voli degli avvoltoi cubani: le tignose.

Playa Santa Lucia è molto rinomata e noi vi preferiamo la vicina  Playa de los Cocos.  Qui ci vengono solo i cubani e i ristoranti offrono aragoste, pesce freschissimo a buon prezzo e l’atmosfera è piena di gioia e simpatia.

Una strada sterrata di 30 km., con buche, ci ha portato a Cayo Sabinal, anche le indicazioni non sono sempre chiare.

CAYO SABINAL E’ IL PARADISO: la spiaggia è perfettamente bianca e, superate le alghe, il mare è FAVOLOSO !

Inoltre  non manca il ristorante e qualche cabanas per dormire. I fenicotteri rosa sono troppo lontani per una macchina fotografica normale, peccato.

Camanguey è raggiunta giusto il tempo per la cena; qui la gente è cordialissima e allegra. Facili i contatti umani e così si impara molto sulla vita a Cuba.

Consigliata la CASA DE OMARA con patio interno.

Il giorno dopo puntiamo a sud e vediamo la Sierra dell’ Escambray. Bel paesaggio con sosta alla Torre Iznaga per vedere il panorama sulla Valle de Los Ingenios.

Arrivati a Trinidad, lasciamo perdere ogni velleità di visitare città fuori dalle rotte turistiche; questa visita, anche se notissima, è imperdibile !

Perfettamente restaurata Trinidad è il miglior esempio di cittadina coloniale. La Plaza Mayor è indimenticabile, come le vie intorno e i loro palazzi.

Meta successiva è la Penisola di Ancòn. La spiaggia, in fondo, è bianchissima e da sogno.

Nella Sierra del Escambray si trova il Salto del Caburnì: dopo una passeggiata lungo un sentiero ben segnalato. Il bagno sotto la cascata è solo per chi ama l’acqua fredda, per noi è stato fantastico.

Puntiamo verso Playa Larga: qui si può dormire sulla spiaggia, e noi avevamo prenotato, qui niente turismo di massa, solo case cubane. La sera i pescatori ci vendono il pesce, ecco il paradiso che cercavamo…!

Continuiamo per tutta la costa di Playa Giron, a CALETA BUENA si incontra la barriera corallina, acque trasparenti e tanti pesci. Qui ci vogliono la maschera e il boccaglio.

Il giorno successivo eccoci a Ciènaga de Zapata, la più grande palude di Cuba.

Seguiamo la strada che porta alla Laguna de las Salinas per vedere i fenicotteri, ma si incontrano anche  tantissimi altri uccelli e animali: ibis neri e bianche, garze reali, il tocororo ecc..

Giorno seguente: Cayo Jutìas, a nord di Vinales, sul Golfo del Messico. Merita per la bella spiaggia e i colibrì che si i possono fotografare.

Al ritorno verso La Habana vorremmo fotografare, ci avevamo provato già 20 anni fa, le orchidee di Soroa: speciali coltivazioni famosissime, ma ancora una volta siamo nella stagione sbagliata dovremo tornare a febbraio-marzo. Bella la cascata.

DORMIRE A CUBA.

HOSTAL ELIDA, SANTA CLARA, CASA PARTICULAR, IN CENTRO CITTà 17 DOLLARI A NOTTE. Amichevoli e loquaci i gestori parlano volentieri anche inglese. Comodo punto di partenza per le spiagge a nord e sud. Caldo. hostalelida@gmail.com

ISLA DELLA JUVENTUD.

Mare da sogno e ospitalità presso le casas particulares della capitale dell’isola Nueva Gerona. Qui è facile andare fuori dai sentieri battuti dai turisti.

-Per 80 dollari da La Habana  all’isola compreso il ritorno.

Da Batabanò, il viaggio in catamarano, 2 ore, costa 50 dollari con ritorno compreso. 00537 834 4446; www.cubana.cu

Per dormire: casaparticular.com

COVER G spiaggia uccelli IMG_7453

Kenya Parco Marino di Malindi FIRMA

COVER OK Boa Vista Sta monica spiaggia mare1

Arte a Bellano – Legambiente mostra ArteFatti “ Saranno le donne a salvare la terra ” di Chiara Corio

Artefatto – 97 vittime di femminicidio. 24 novembre 2015 Corriere della Sera.

Chiara Corio

photoeditor e artista milanese.

All’inizio di agosto si è tenuta a Bellano, nell’ex Chiesa di S.Nicolao, una mostra dell’artista Chiara Corio interamente dedicata alle donne.

Chi è Chiara Corio ?

Chiara Corio è un’artista che lavora con intelligenza e ironia; anche sul tema della violenza contro le donne.

La sua arte è fatta di  ritagli di giornali, collage, disegni e oggetti riciclati. Una donna che si occupa attivamente del mondo al femminile e delle sue problematiche.

La sua prima mostra al link: http://www.mybesthalf.eu

Computer batte uomo 5 a 0 – Avanza l’intelligenza artificiale

COMPUTER E FUTURO DELL’UOMO

Considerazioni su questo argomento nel libro ” HOMO DEUS ”

Per la prima volta un programma di Google ha vinto sull’uomo al difficilissimo gioco giapponese ” Go “.

” Go ” è un antico e complesso gioco giapponese, un gioco che richiede particolari doti cerebrali; un gioco di strategia.

Nel gioco ” Go “, in media, ogni mossa non ha le 35 alternative degli scacchi, ma ben 250 !

Il programma, ideato da Google, AlphaGo ha battuto 5 a 0 il campione europeo Fan Hui. Una possibilità che appariva impossibile, sino a poco tempo fa.

Il gioco ” Go ” è nato, circa, nel VI secolo avanti Cristo.

Questo fatto è un chiaro segno che l’intelligenza artificiale non è utopia, ma un fatto che, prima o poi si imporrà all’umanità e cosa siccederà poi ???

Considerazioni su questo argomento e sul possibile futuro ci vengono chiarite dallo scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme nel libro ” HOMO DEUS “:

GIA’ IN CALIFORNIA (MA ANCHE  NELLA PIU’ VICINA GENOVA) LE MACCHINE STANNO SILENZIOSAMENTE SOSTITUENDO LE FUNZIONI SVOLTE DALL’UOMO.

BANCHE SOLO VIA INTERNET, NEGOZI SENZA COMMESSI, AUTO-BUS-TRENI-AEREI GUIDATI DA ROBOT, ANZIANI CURATI DA ROBOT-BADANTI…I FISIOTERAPISTI IN ALCUNI OSPEDALI (ITALIANI) SONO GIA’ SOSTITUITI DA MACCHINE; QUALE E’ IL FUTURO DELL’UOMO LAVORATORE?

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

Da leggere, per capire,   ” HOMO DEUS “; dello scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme.

In molti aeroporti già le macchine prevalgono sull’uomo nel servizio biglietteria. Si arriva e una serie di macchine attendono il passeggero per servire biglietti:

-denaro già cambiato nella moneta locale dai bancomat

-biglietti per il bus o il treno ( e non si può sbagliare altrimenti nessuno ti rimborsa sia il biglietto sbagliato sia la ricevuta non richiesta…prima bastava spiegarsi e il bigliettaio provvedeva!) Ma come fai a spiegare a una macchina che hai sbagliato a digitare?, MOLTO PIU’ DIFFICILE SE   si tratta di lingua straniera e in luoghi sconosciuti.

-anche i bed & breakfast più moderni hanno sostituito il portiere con un codice da digitare; e se perdi il codice?

-è vero che con internet puoi collegati e controllare e trovare quasi tutto, ma se non sei abile o non riesci a collegarti o hai il telefono energeticamente scarico o non hai la ricarica sufficiente?

-se per caso sporchi il pavimento un robot-inserviente provvede a ripulire (basta schiacciare un bottone), ma la cameriera disponibile ai piani ha perso il posto.

Non stiamo scrivendo sciocchezze,  e lo conferma il documentario del prof. Robert Reich, professore aBerkeley ed ex Ministro del Lavoro di Clinton “Inequality for all“, nel quale si dice: “Scegliere di non fare il biglietto alle macchinette è un atto politico”.

Mentre a Genova in ben due ospedali i robot sostituiscono i fisioterapisti, perché vi sono test scientifici che hanno dimostrato come il lavoro dei robot sia più efficiente di quello dei fisioterapisti ( e sai quanti stipendi risparmiati… e quanti posti di lavoro in meno!)

-A San Francisco all’University of California esiste già la farmacia più  robotizzata del mondo. All’University of California migliaia di dosi di medicinali per altrettanti pazienti vengono preparate, ogni giorno, da robot; e il robot non sbaglia.

Qui siamo già nel futuro con codici a barre, barre Qr ed etichette Rfid, come quelle antifurto degli abiti nei supermercati.

Il vanto dei tecnici è la riduzione di personale …  questo robot fa il lavoro di 6 tecnici  e 4 infermieri, ora ridotti a 1 + 1.

-A questo proposito il mensile “Fortune” scrive: “Una farmacia il cui unico personale è un robot“.

-Una compagnia di Chicago ha messo a punto un software che dai dati di base realizza un articolo completo = annullamento della redazione di giornalisti, altra gente che sarà, in parte lo è già, senza lavoro. E questo  vale  anche per  ottenere dati finanziari e chissà quanto altro in futuro.

-A noi questo fatti ricordano tanti i tempi, lontani…, quando i giornali ci assicuravano che l’arrivo dei computer non avrebbe tolto posti di lavoro, ma aumentato il tempo libero, settimane di 5 giorni per tutti e tanto tempo libero e tutti saremmo diventati almeno tecnici specializzati. Peccato che   ai disoccupati creati dai computer sia rimasto solo il tempo libero senza soldi per utilizzarlo al meglio..

-E che dire dei professori che già, non solo in Australia, sono sostituiti da web-video.

-A Silicon Valley,  Coursera, che ha appena raddoppiato i suoi uffici, offre lezioni universitarie a 4 milioni di persone.

-Già nel 1958 Isaac Asimov ci parlava di un futuro, remoto, dove le macchine avrebbero fatto tutto, anche la progettazione di altre macchine meglio di loro, mentre l’umanità  sarebbe regredita dimenticando tutto …

-Il pericolo è divenire, ma non lo siamo già, totalmente dipendenti da qualcosa (tecnologia) che divienti assolutamente nullo appena si stacca la spina (blackaut)!

-Secondo molti dopo l’auto che si guida da sola arriveranno i sostituti robotici di tassisti e  camionisti, proprio come è già avvenuto per molti agenti di viaggio e cassieri di banca: senza lavoro.

– Già esistono i robot-sommozzatori e si stanno progettando robot che sostituiranno la mani, a volte non fermissime, del chirurgo

-I robot manifatturieri sono arrivati alla perfezione e non necessitano nemmeno di essere riprogrammati.

-Le centraliniste virtuali rispondono alle chiamate senza bisogno di alcuna pausa e non hanno mai una voce stanca o nervosa!

-Qualcuno prevede che i medici in carne ed ossa visiteranno sono le persone molto abbienti, per gli altri ci sarà il dottore su internet.

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

ARTE A MILANO ORA E’ A LAMBRATE – GALLERIE E NON SOLO

LAMBRATE CUORE DELL’ARTE A MILANO COME A BERLINO ! ”

” MADE IN LAMBRATE ”  E’ UN’ASSOCIAZIONE DI VARIE REALTA’, CULTURALI-ARTISTICO-COMMERCIALI, DELLA ZONA CHE SI PRESENTA SUL WEB COME:

un laboratorio aperto ad essere contaminato, senza mai perdere la propria identità, un luogo dove lavorare e non dormire… Made in Lambrate è un progetto sano e lungimirante per un quartiere che vive, crea e produce 365 giorni l’anno.

Con un obiettivo dichiarato: far rinascere definitivamente Lambrate, a Milano, in Italia e nel mondo come quartiere della creatività applicata al business e del business applicato alla creatività, zona del sapere fare, luogo del lavoro che fa bene.

—-

E’ stata una donna: Francesca Minini a credere nello sviluppo dell’arte a Lambrate e ha fatto centro.

Francesca Minini, 41 anni, bresciana ha, da 10 anni,   la sua galleria a Lambrate in via Massimiliano 25.

Francesca Minini è figlia d’arte, suo padre era gallerista, ma ha fatto la sua brava gavetta nei posti che contano: da Barbara Gladstone a New York alla famosissima Lisson Gallery di Londra.

Metà degli artisti della sua galleria sono giovani italiani, ma continua a cercare ( fa scouting la sorella Alessandra).

L’orgoglio della Galleria Minini è il fatto che curatori e collezionisti stranieri, quando sono a Milano, non mancano mai un passaggio da Lambrate. E si stratta di grandi nomi: Vicente Todolì, l’art advisor dell’Hangar Bicocca,

Cosa offre oggi Milano?

-materia prima a Brera e al Naba, curatori, riviste, fondazioni, spazi no profit,  gallerie, nuovi collezionisti …

Senza negare le piazze internazionali più famose come Hong Kong, Miami, Basilea, New York …  ora anche Milano ha i suoi spazi e curatori e direttori di musei di chiara fama e che attirano visitatori.

PER AGGIORNAMENTI E APPUNTAMENTI vedi anche http://www.madeinlambrate.com

PROGETTO #LAMBRATE365

 Sabato, 13 Febbraio 2016
SONIDO CLASSICS
Quando: da sabato 13 febbraio alle 18.00 a domenica 14 febbraio alle 6.00
Dove: Via Ventura 6 + Ex Bazzi: via Gaetano Crespi 24

Arte a Milano – Visite guidate gratuite al Museo Poldi Pezzoli

Ingresso ridotto: 7 euro. Visita guidata gratuita.

Ad agosto il Museo organizza due visite guidate gratuite alle collezioni per tutti i visitatori, che per l’occasione hanno diritto al biglietto di ingresso ridotto (7 euro anziché 10).

Giovedì 17 agosto alle ore 11.00 è in programma il primo appuntamento alla scoperta della mostra I tappeti persiani del Museo Poldi Pezzoli e delle collezioni.

Prossimo appuntamento: giovedì 31 agosto, ore 11.00

Didascalia immagine:

Museo Poldi Pezzoli, visita alla collezione di tappeti persiani

© Roberta De Palo

____________________________________

Fondazione Artistica Poldi Pezzoli «Onlus»
Museo: Via A. Manzoni, 12 – 20121 Milano
Centralino: 02 45473800
Fax: 02 45473811  www.museopoldipezzoli.it
P.IVA 04265690158  CF  80068270158
Orari apertura museo: 
da mercoledì a lunedì ore 10.00 – 18.00 orario continuato. MARTEDI’ CHIUSO.

Seguici su
Follow us on
Facebook: Museo Poldi Pezzoli
Twitter: @PoldiPezzoli

 

DonnE…Cultura