Adotta un cane e avrai uno sconto sulle tasse – Benessere dei cani e riduzione di costi a carico della comunità –

BUONA INIZIATIVA DA COPIARE IN TUTTA ITALIA

A Roccastrada riparte la campagna che unisce benessere dei cani e riduzione di costi a carico della comunità
‘Più affetto, meno tasse’: nuove agevolazioni per adozioni al canile

Roccastrada. “Più affetto, meno tasse”.

E’ questo lo slogan della campagna promossa dal Comune di Roccastrada per incentivare l’adozione di cani ospiti del canile comunale a fronte di una riduzione della Tari compresa fra il 50 e il 70 per cento.

L’iniziativa, già avviata con l’approvazione di uno specifico regolamento e primi riscontri positivi, viene rilanciata con la collaborazione della sezione di Grosseto della Lega Nazionale Difesa del Cane e dell’Associazione Volontari Ribolla Animali Indifesi (Avrai), che stanno portando avanti, insieme all’amministrazione comunale, iniziative di sensibilizzazione rivolte alla comunità, e in particolare alle scuole, sul tema del maltrattamento e dell’abbandono degli animali.

La campagna “Più affetto, meno tasse” prevede la riduzione del 70 per cento del tributo Tari, fino a un massimo di 500 euro, per l’adozione di un cane in custodia al canile da almeno tre anni oppure del 50 per cento, ancora fino a un massimo di 500 euro, per l’adozione di un cane in custodia al canile da almeno tre mesi e fino a un massimo di tre anni.

L’agevolazione sul tributo rimane attivo per tutta la vita dell’animale ed è soggetta a controlli sulle sue condizioni, oltre a un certificato di buona salute da inviare ogni anno all’amministrazione comunale.

“L’amministrazione comunale – spiega Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada – ha voluto investire nuovamente energie e risorse su questa iniziativa, puntando ancora una volta a unire il benessere degli animali con una riduzione dei costi del randagismo a carico della comunità.

L’obiettivo primario è quello di diminuire le spese di gestione del canile comunale destinando le risorse ad altri interventi e migliorando, al tempo stesso, la vita degli animali. Il Comune manterrà alta l’attenzione sulle adozioni effettuate, a tutela del cane e al fine di evitare adesioni finalizzate unicamente all’accesso alle agevolazioni fiscali. Ringrazio tutti i soggetti coinvolti per la sensibilità e la collaborazione mostrata verso la nostra iniziativa”.

“Negli ultimi mesi – aggiunge Emiliano Rabazzi assessore all’ambiente di Roccastrada – il nostro canile comunale ha registrato 33 nuovi ingressi e 28 adozioni e allo stato attuale i cani ospitati e assistiti sono 75.

Nella struttura, però, si registrano periodicamente nuovi arrivi e, conseguentemente, un incremento di risorse pubbliche da destinare alla loro cura e assistenza. La campagna ‘Più affetto, meno tasse’ sarà affiancata, fin dai prossimi giorni, da iniziative di sensibilizzazione, con passeggiate con gli amici a quattro zampe, incontri e altri momenti di coinvolgimento di cittadini, scuole e associazioni del territorio per stimolare in maniera crescente la comunità locale. L’impegno dell’amministrazione comunale conta sulla collaborazione della sezione di Grosseto della Lega Nazionale Difesa del Cane e sulla disponibilità dei volontari dell’Associazione Avrai, che si occuperanno di fornire informazioni sull’iniziativa e sulle modalità di adozione dei cani e che ringrazio per la disponibilità.

A coloro che adotteranno un cane dal canile comunale sarà donato anche il libro ‘Come capire e addestrare il tuo cane’, per avviare fin dall’inizio una buona relazione fra l’animale e il suo padrone attraverso il linguaggio del corpo e la sensibilità per gli amici a quattro zampe”.

I requisiti richiesti.

I cani possono essere adottati da cittadini privati in possesso dei requisiti richiesti, ovvero che siano in pari con il pagamento dei tributi comunali e non abbiano pene per delitti contro il sentimento degli animali.

Le persone interessate possono fare richiesta di adozione al Comune che, dopo averla valutata, potrà dare l’autorizzazione ad adottare il cane e usufruire delle agevolazioni fiscali sulla Tari.

Informazioni. Il regolamento sull’adozione dei cani e le agevolazioni Tari può essere consultato su www.comune.roccastrada.gr.it, nella sezione “Regolamenti comunali”. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare anche i volontari dell’Associazione Avrai, ai numeri 333-1304539 e 339-5221248.

Salute – Allarme al G7 dagli scienziati – Urgenza di affrontare l’epidemia di Alzheimer

Rapidissima crescita dell’Alzheimer …

L’Italia è un paese particolarmente a rischio…

Gli scienziati dei principali paesi del mondo, riuniti all’Accademia dei Lincei, hanno lanciato un allarme al G7 dei Capi di Stato e di Governo che si riuniranno a Taormina il 26 e 27 maggio, sulla urgenza di affrontare l’epidemia di Alzheimer.

“Nel mondo ci sono attualmente oltre 40 milioni di malati che – avvertono gli scienziati – diventeranno 135 milioni nel 2050” a causa della rapidissima crescita di questa patologia legata all’invecchiamento della popolazione. “Il costo per l’assistenza aumenterebbe da 6 a 8 trilioni di dollari l’anno, e il peso per le famiglie sarà devastante”, gli scienziati, in un documento intitolato “The challenge of neurodegenerative diseases” sollecitano quindi i Grandi della Terra che si riuniranno nel G 7 ad affrontare il problema con “una decisione politica risoluta e globale per prevenire uno tsunami neurologico”.

L’Italia, con 1,2 milioni di persone colpite da malattie neurodegenerative di cui 800mila sono affette da Alzheimer, è un paese particolarmente a rischio, avendo una delle popolazioni più vecchie del mondo assieme con la Corea e il Giappone.

L’Alzheimer è una patologia insidiosa, che lavora silente per 10 – 15 anni e distrugge lentamente i neuroni del cervello senza dare sintomi, quindi chi è malato non se ne accorge fin quando il corredo neuronale non è devastato ma quel punto non c’è più molto da fare.

Per questo motivo è molto importante la prevenzione, fare dei controlli anche sulle persone che non hanno sintomi, e individuare i soggetti a rischio prima che cadano nella patologia conclamata.

Per contrastare questa malattia, che attualmente non ha possibilità di cura, il Neurofisiologo Prof. Lamberto Maffei, già Presidente dell’Accademia dei Lincei, che ha lavorato con la Prof.ssa Rita Levi Montalcini, ha realizzato al CNR il protocollo clinico Train the brain, non farmacologico, che ha dato risultati positivi nell’80% dei casi trattati, rallentando la patologia e aiutando nella prevenzione e nel recupero. Il protocollo,

La diffusione del protocollo, i cui risultati sono stati pubblicati su Scientific Report di “Nature”, è curata dalla Fondazione IGEA Onlus www.fondazioneigea.it in collaborazione con l’Università di Roma.

Gourmet goloso – Finocchiona IGP e scoprire le birre artigianali

Due settimane di eventi per gustare la Finocchiona IGP e scoprire le birre artigianali alla Diana di Siena
Maggio “a tutta birra”: la Finocchiona IGP incontra gli artigiani del luppolo

Siena. La Finocchiona IGP incontra la birra artigianale per un ‘matrimonio’ di gusto che sarà celebrato alla Birreria La Diana di Siena, in via della Stufasecca 1. A maggio, due settimane di eventi, laboratori, degustazioni guidate e assaggi golosi per scoprire l’originale abbinamento tra Finocchiona IGP e birre artigianali selezionate e prodotte dal birrificio senese.

Le degustazioni e gli incontri didattici.

La rassegna golosa si è aperta venerdì 19 maggio alle ore 11 con l’incontro dedicato agli studenti dell’Istituto Professionale per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera di Colle di Val d’Elsa.

Giovedì 25 e venerdì 26 la Finocchiona IGP salirà in cattedra con un doppio appuntamento riservato agli studenti dell’Istituto di istruzione superiore statale “Bettino Ricasoli” di Siena che, per l’occasione, potranno assistere alla “lezione di gusto” guidata da Francesco Seghi, direttore del Consorzio Tutela Finocchiona IGP. L’appuntamento con gli artigiani della birra si rinnoverà anche nei pomeriggi di giovedì 25 e venerdì 26 maggio con l’aperitivo guidato dagli esperti sommelier dell’Unione Degustatori Birre, sempre in abbinamento alla Finocchiona IGP.

Finocchiona IGP, birra, ma non solo.

Gran finale venerdì 26 maggio a tavola con Rossella Giulianelli, chef della sezione Lady Chef dell’Unione Regionale dei Cuochi Toscani, che dalle ore 18.30, si cimenterà ai fornelli de La Diana per preparare una mini cheesecake alla Finocchiona IGP, la ricetta che poche settimane fa ha vinto la prima edizione del contest “La Finocchiona in cerca di ricette”.

“La Finocchiona IGP e la birra artigianale – spiegano Alessandro Iacomoni e Francesco Seghi, rispettivamente presidente e direttore del Consorzio – sono una coppia perfetta. Siamo partiti da questa convinzione per costruire un’iniziativa nella quale crediamo molto e che prende vita, non a caso, con la bella stagione. Un panino con la finocchiona e una bella birra fresca, magari consumati in qualche angolo suggestivo della Toscana, sono il miglior modo per promuovere un prodotto adatto alla convivialità e all’incontro.

Quello delle birre artigianali è un mondo affascinante e tutto da scoprire. Da tradizione il nostro salume si sposa al meglio con il vino e con altri prodotti tipici del nostro territorio, ma siamo certi che la Finocchiona IGP possa e debba percorrere anche strade nuove e meno battute, come quelle sicuramente gustose legate alle birre artigianali”.

Gli abbinamenti tra Finocchiona IGP e le birre. Per tutto il mese, inoltre, all’interno della birreria senese sarà possibile sperimentare degustazioni culinarie e ‘da bere’ che uniranno la Finocchiona IGP al sapore unico delle birre artigianali. Per celebrare il profumo e il sapore dette terre toscane sono state selezionate la rossa Pia, birra ambrata doppio malto con aggiunta di luppoli americani, da accompagnare al gusto tutto toscano del panino con Finocchiona IGP, Pecorino e crema di baccelli e la bionda Beatrice, chiara e morbida dal colore giallo paglierino che ben esalta il gusto del tagliere speciale, dove spicca la Finocchiona IGP, regina dei salumi toscani.

Info utili. Per conoscere il programma completo della rassegna “A tutta Finocchiona” è possibile consultare il sito www.finocchionaigp.it e seguire la pagina Facebook (Consorzio Finocchiona IGP) e il profilo Twitter (FinocchionaIGP).

Crociere di lusso e vacanze con programma di benessere gratuito sul mare

Oceania Cruises presenta il più completo programma di benessere gratuito sul mare

Da yoga a pilates e molto altro, gli ospiti possono scegliere tra oltre 24 attività tenute da professionisti del settore

– Oceania Cruises, la compagnia di crociere leader per i suoi itinerari incentrati sulle esperienze gastronomiche e sulle destinazioni più affascinanti in tutto il mondo, propone ai viaggiatori alla ricerca di esperienze wellness una nuova e unica gamma gratuita di attività per il benessere a bordo delle sue sei navi, che navigano verso oltre 370 porti in tutto il mondo.

Bob Binder, Presidente e CEO di Oceania Cruises ha dichiarato: “Oceania Cruises offre il più ampio e completo programma wellness sul mare.

I menu vegani recentemente introdotti e le esperienze di destinazione uniche offerte sui nostri Tour Wellness ispirati a Canyon Ranch Spa Club, Oceania Cruises e Canyon Ranch hanno stabilito un nuovo punto di riferimento per l’eccellenza nel campo del benessere proprio come realizzato con la cucina del Canyon Ranch Spa Cuisine per colazione, pranzo e cena”.

Kathleen Shea, Chief Marketing Officer di Canyon Ranch Spa Club ha a sua volta dichiarato: “Questo nuovo programma a bordo di Oceania Cruises permette ai nostri ospiti di vivere l’approccio olistico al wellness applicato da Canyon Ranch Spa Club e rappresenta il nostro impegno per portare in crociera il benessere in tutte le sue sfaccettature”.

Oltre all’uso gratuito della palestra e dell’area fitness all’interno di Canyon Ranch Spa Club, Oceania Cruises introduce una grande novità rendendo disponibili senza costi aggiuntivi anche le lezioni di fitness e wellness.

Ci sono più di ventiquattro diverse opzioni a scelta per gli ospiti, tutte con istruttori professionali;  dal Sunrise Stretch and Relax al Sunrise Yoga sul ponte, all’Indoor Cycling o programmi più completi come Boot Camp, Full Body Strength Training o Core Conditioning, in cui gli istruttori guideranno i participanti con consigli e suggerimenti utili.

“Sia gli esperti che i neofiti delle vacanze all’insegna del benessere scopriranno una sorprendente gamma di opzioni salute per migliorare la loro esperienza di crociera. Vogliamo offrire una combinazione unica di ringiovanimento, scoperta personale e piacevolezza ai nostri ospiti in viaggio verso le destinazioni più esotiche in tutto il mondo” ha aggiunto Binder.

Highlights lezioni gratuite

 Morning Stretch – tecniche di stretching base – 25 minuti

Stretch and Relax – 25 minuti

Sunrise Stretch and Relax – 25 minuti

Sunset Stretch – 25 minuti

Walk a Mile – 25 minuti

Indoor cycling – 45 minuti

Boot Camp – 45 minuti

Strength Body Training – allenamento per tutto il corpo (con manubri) – 45 minuti

Full Body Strength Training – allenamento completo – 45 minuti

Body Weight Training – allenamento per tutto il corpo (con pesi) – 45 minuti

Upper Body Strength Training – 25 minuti

Upper Body Strength Training – 45 minuti

Total Tubes – allenamento per tutto il corpo con il supporto di bande elastiche – 45 minuti

Pilates – 45 minuti

Mat Pilates – Pilates con materassino (livello medio) – 45 minuti

Introduction to Yoga – 45 minuti

Yoga – 45 minuti

Sunrise Yoga – 45 minuti

Awesome Legs – allenamento per gli arti inferiori con pesi e manubri – 45 minuti

Awesome Legs – 25 minuti

Stronger Legs – 45 minuti

Fit Ball Body Workout – esercizi con fit ball – 45 minuti

Stronger Legs – allenamento per gli arti inferiori – 25 minuti

Sole Energizer Class – esercizi  per i piedi con Sole Energizer – 45 minuti

Sole Energizer Class – esercizi  per i piedi con Sole Energizer – 25 minuti

Awesome Abs – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali -25 minuti

Six-pack Challenge – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali – 25 minuti

Total Abs – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali – 25 minuti

Fit Ball for Your Core – allenamento focalizzato sugli addominali con fit ball – 45 minuti

Core Conditioning – 45 minuti

Le navi del benessere

Ospitando a bordo il famoso Canyon Ranch SpaClub e le sue proposte gastronomiche da quasi un decennio, Oceania Cruises ha una vasta esperienza nelle crociere che permettono di mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato, all’insegna di fitness e benessere. Con l’espansione dell’offerta vegetariana e senza glutine, la recente aggiunta di Tour Ispirati a Canyon Ranch e il debutto dei menu vegani, Oceania Cruises offre programmi benessere ancora più completi sul mare.

Per ulteriori informazioni su Oceania Cruises visitare www.oceaniacruises.com o contattare un’agenzia di viaggio.

###

A proposito di Oceania Cruises

Caratterizzata da una flotta di navi di lusso, Oceania Cruises offre un’esperienza di vacanza impareggiabile, rinomata per la cucina raffinata e i suoi itinerari in tutto il mondo. I viaggiatori più esperti sono attratti dalle proposte di viaggio ideate con estrema cura da Oceania Cruises; esse coprono più di 365 porti in Europa, Asia, Africa, Australia, Nuova Zelanda, Sud Pacifico e Americhe.

Le ampie ed eleganti sistemazioni a bordo di Regatta, Insignia, Nautica e Sirenada 684 ospiti – e Marina e Rivierada 1.250 passeggeri – invitano a esplorare il mondo con soluzioni di comfort e uno stile senza eguali.

Più opportunità per l’home sharing in Italia

Un servizio automatizzato di check-in e di check-out, attivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno …

I principali vantaggi offerti da Keesy non si limitano all’effettivo risparmio in termini di tempo…

Per chi fa home sharing, Keesy colma un vuoto di mercato non coperto da altre app e realtà dedicate al mondo degli affitti turistici …

L’idea di dover far aspettare la persona che effettua la consegna chiavi dell’alloggio viene vissuta con disagio …

Keesy, un’opportunità per l’home sharing in Italia

Ecco i dati più significativi di un’indagine svolta da GFK Eurisko, a cui Keesy si è rivolta, per individuare le esigenze degli italiani che viaggiano e i reali servizi di cui vorrebbero usufruire per vivere un’esperienza di soggiorno ideale.

Sono più di 23 milioni gli italiani, tra i 18 e i 64 anni, che nel corso di un anno fanno weekend lunghi o si allontanano da casa anche per più di 5 giorni.

Secondo una recente indagine svolta da GFK Eurisko nel mese di marzo sulle abitudini e sulle specifiche esigenze degli italiani che viaggiano, con Keesy circa la metà degli italiani (il 45%) aumenterebbe l’utilizzo delle formule extra-alberghiere.

La ricerca, che ha coinvolto oltre 1.000 italiani tra i 18 e i 69 anni che negli ultimi 12 mesi hanno intrapreso un viaggio o fatto un weekend fuori casa con almeno un pernottamento, rivela che i principali vantaggi offerti da Keesy non si limitano all’effettivo risparmio in termini di tempo. A convincere Host e Guest sono soprattutto la semplicità d’uso e l’innovazione del servizio.

Oltre ad essere una grande novità in termini di gestione dei servizi di check-in/check-out per chi fa home sharing, Keesy colma un vuoto di mercato non coperto da altre app e realtà dedicate al mondo degli affitti turistici.

La nuova startup non si limita a gestire solo il ritiro e la consegna delle chiavi, ma permette ai locatori di fornire ai propri ospiti diversi benefit ritenuti essenziali per godere al meglio del proprio soggiorno: dal deposito bagagli, all’invio dei documenti in questura, fino alla riscossione della tassa di soggiorno.

La questione degli orari:

due italiani su cinque chiedono di fare check-in fuori dalla fascia standard 13-20
.

Avere degli orari predefiniti per effettuare il check-in rappresenta una difficoltà oggettiva per il 38% degli italiani.

In media ben due italiani su cinque (il 37,8% sul totale degli intervistati) richiedono di fare check-in fuori dalla fascia standard 13-20.

Dall’indagine emerge che il momento del check-in ha un peso in fase di recensione.

Per il 36% degli intervistati la gestione del check-in influisce sulla valutazione complessiva del soggiorno.

In caso di imprevisti, l’idea di dover far aspettare la persona che effettua la consegna chiavi dell’alloggio viene vissuta con disagio da tre italiani su cinque (il 59%), mentre uno su tre (il 35%) dichiara apertamente di avere avuto problemi nel relazionarsi con i gestori degli alloggi, perché parlavano lingue diverse dalla propria.

Il deposito bagagli: un valore aggiunto per il 73% degli italiani

Gli ospiti si trovano spesso nella situazione di dover usufruire del deposito bagagli prima della partenza effettiva.

Questa realtà è ben testimoniata anche dall’indagine, secondo cui il 73% degli italiani ritiene un servizio di grande valore aggiunto per la propria esperienza di soggiorno la possibilità di lasciare il proprio bagaglio in un luogo sicuro per un tempo ulteriore rispetto all’orario di check-out.

I locatori cercano di rispondere a quest’esigenza permettendo agli ospiti di lasciare i bagagli nella struttura e di ritirarli prima della partenza, ma talvolta rischiano di compromettere la valutazione generale non riuscendo a soddisfare la richiesta per ragioni logistiche.

I plus di Keesy
Stando ai dati, Keesy raccoglie l’entusiasmo di sette italiani su dieci (il 70%): già uno su dieci (il 14%) è certo di volerlo usare, uno su due (il 54%) si dichiara ben disposto a provare questo nuovo servizio.

La nascita di un servizio automatizzato di check-in e di check-out, attivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno e multilingue, viene valutato una novità importante per il 60% degli intervistati, andando a coprire le lacune di altri servizi di soggiorno presenti ad oggi sul mercato.

La neonata startup fiorentina fa proprio leva sul fattore essenziale per chi viaggia e per chi affitta: la libertà di gestire il proprio tempo.

Keesy, un’opportunità per l’home sharing in Italia

Ecco i dati più significativi di un’indagine svolta da GFK Eurisko, a cui Keesy si è rivolta, per individuare le esigenze degli italiani che viaggiano e i reali servizi di cui vorrebbero usufruire per vivere un’esperienza di soggiorno ideale.

VEDI AL LINK http://www.keesy.com

SCARPE COMODE BELLE E AFFIDABILI – Vibram FUROSHIKI

Partenza per l’Asia con
Vibram FUROSHIKI The wrapping sole

Collezione SS2017
Vibram®, azienda leader nella produzione di suole in gomma ad alte prestazioni, presenta le novità della collezione Spring Summer 2017 di Vibram FUROSHIKI The wrapping sole. L’innovativa “suola avvolgente” rappresenta un concept inedito di calzatura, unicum assoluto nel settore del footwear. Ispirata all’antica arte giapponese furoshiki di avvolgere oggetti in un tessuto per poterli trasportare, Vibram FUROSHIKI The wrapping sole Collezione SS2017 si concretizza nella compagna di viaggio ideale, non solo per qualità di comfort e praticità, ma anche grazie a colori che richiamano suggestioni e scoperte multi etniche tipiche dei viaggiatori di tutto il mondo.

Quattro sono i key concept di questa calzatura: portable, easy on, multi use e multi fit. Le FUROSHIKI The wrapping sole by Vibram sono confortevoli da portare con sé e si adattano facilmente ad ogni superficie, grazie alla sicurezza della suola in mescola Vibram® XS City: perfette in tutte le occasioni “in between”, nel tempo libero, la vita di tutti i giorni e per viaggiare.

In un tour multiculturale, dall’India al Giappone fino al Vietnam, la collezione FUROSHIKI The wrapping sole by Vibram SS17 si arricchisce, attraverso stampe digitali, d’influenze cromatiche e disegni tipici di tecniche secolari di ricamo, tintura e tessitura di diverse etnie a diverse latitudini, declinandosi in nuovi modelli dal mood esotico. Il risultato è una collezione che è incontro di culture e di arti.

Il modello Gruwoodcut di Vibram FUROSHIKI The wrapping sole prende il nome da un’antica tecnica di stampa su tessuto in auge in Giappone tra il Seicento e l’Ottocento. La grafica mantiene gli stilemi di quest’arte giocando su disegni bidimensionali dai toni profondi su un tessuto leggero e confortevole.
Dalla popolazione Hmong, dalla terra del Vietnam, e dall’omonima arte di ricamo, Vibram FUROSHIKI The wrapping sole trae ispirazione per creare una texture dai colori giocosi e allegri che richiamano il vestiario di questo storico popolo.
Con il modello Phulkari viaggiamo verso la regione del Punjab, in India, in cui nasce la millenaria tecnica di tintura e tessitura Phulkari a più strati, origine di questa texture di FUROSHIKI The wrapping sole by Vibram. I colori brillanti e le forme replicano l’effetto caleidoscopico dei piccoli specchi inseriti nel tessuto.
Scopri di più su www.vibram.com

Cos’è l’osteoporosi ? Nuove cure per il futuro – For Women’s Wellness (FWW) ha assegnato il Premio Salute delle Donne all’italiano Riccardo Gottardi

Cos’è l’osteoporosi ? 

Nuove cure per il futuro

L’osteoartrosi è caratterizzata dalla progressiva erosione della cartilagine articolare, il tessuto che ricopre le estremità delle ossa nelle articolazioni.

Dopo la menopausa le donne hanno un rischio doppio rispetto agli uomini di sviluppare questa particolare malattia degenerativa e diversi studi sembrano indicare che questa più elevata incidenza sia dovuta proprio alla diminuzione dei livelli ormonali dopo la menopausa.

Uno dei principali ostacoli nella comprensione dei meccanismi dell’osteoartrite è che osso e cartilagine interagiscono fra loro e non possono essere analizzati separatamente.

Ad oggi però le terapie ormonali sostitutive sono focalizzate solo sul miglioramento della salute ossea e non intervengono sulla cartilagine.

Diverso il punto di vista del Dott. Gottardi: “La mia ipotesi è che il risultato ottenuto con le attuali terapie dipenda dal fatto che le concentrazioni di estrogeno e progesterone durante il ciclo mestruale variano nel tempo e si ripetono ciclicamente ogni 28 giorni, mentre nelle terapie ormonali sostitutive vi è una continua somministrazione di estrogeno (o estrogeno e progesterone) senza variazioni nel tempo.

Il mio obiettivo è identificare quali combinazioni di concentrazioni ormonali siano efficaci nella protezione della cartilagine”.

Per far ciò, il team di Gottardi ha sviluppato un modello in vitro – già sottoposto a brevetto – per la generazione di cartilagine ingegnerizzata. “Il modello in vitro che ho ideato replica da vicino le condizioni che si osservano in vivo negli esseri umani, permette di coltivare per lunghi periodi e in ambienti controllati i tessuti osteocondrali umani e supera la necessitá di fare ricerca su cavie animali, che, tra l’altro, hanno un ciclo ormonale molto diverso da quello umano.” Questa ricerca potrà fornire nuove linee guida per l’uso di terapie ormonali sostitutive che non danneggino la cartilagine, nonché identificare i meccanismi di influenza degli ormoni sull’osteoartrosi; una volta definiti, tali meccanismi potranno essere utilizzati come nuovi target terapeutici.

 

La ricerca scientifica per le donne: la Fondazione statunitense For Women’s Wellness (FWW) ha assegnato il Premio Salute delle Donne all’italiano Riccardo Gottardi, ricercatore Ri.MED.

Uomini vs donne: le specificità di genere influiscono anche sulla salute, con una maggiore incidenza di alcune patologie e una differente risposta alle terapie.

Di questo si occupa la Fondazione For Women’s Wellness (FWW), un’organizzazione no-profit statunitense che da 20 anni è impegnata a sostenere e diffondere la ricerca scientifica di genere, attribuendo borse di studio ai ricercatori che si distinguono per la qualità degli studi rivolti al superamento delle patologie tipicamente femminili, ma anche al miglioramento della salute della donna nelle diverse età: dal ruolo degli ormoni in gravidanza e menopausa, all’osteoporosi, ai tumori del seno, etc.

Il Premio 2016 Salute delle Donne “Iris Klarman” della Fondazione FWW è stato assegnato al dott. Riccardo Gottardi, da 5 anni nel team scientifico dalla Fondazione Ri.MED, per il suo innovativo studio nel campo della medicina rigenerativa ortopedica. Lo studio, finanziato da Ri.MED e condotto presso la Scuola di medicina dell’Università di Pittsburgh, esamina le differenze di genere riscontrabili nell’osteoartrite e nel danno articolare, con particolare attenzione all’interazione tra ormoni sessuali e cartilagine nelle donne in menopausa, categoria che presenta un’elevatissima incidenza della malattia.

Il Dott. Padova, Direttore Generale della Fondazione Ri.MED, si dice “molto orgoglioso dei successi dei nostri ricercatori: questo nuovo riconoscimento internazionale conferma la capacità di Ri.MED di lavorare come canale di innovazione su programmi di ricerca fortemente orientati alla pratica clinica, una ricerca che promette quindi di migliorare concretamente la qualità di vita di pazienti affetti da patologie ad oggi senza rimedi.

Riccardo Gottardi si è laureato in Fisica all’Università di Pisa nel 2003, con una tesi sulla caratterizzazione della batteriorodopsina. Dal 2004 al 2007 ha svolto il dottorato di ricerca tra il Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica dell’Università di Genova (supervisore: Prof. Ing. Roberto Raiteri) e il Biozentrum di Basilea in Svizzera (supervisori: Prof. Ueli Aebi e dr. Martin Stolz) nell’ambito di un progetto collaborativo. Il focus della tesi è stato la validazione del microscopio a forza atomica come strumento per la caratterizzazione micro e nanomeccanica della cartilagine articolare a fine diagnostico. Dopo il dottorato ha continuato a lavorare all’Università di Genova sviluppando nuove metodologie per lo studio delle proprietà strutturali e micro- e nanomeccaniche di cellule e tessuti.

Dal 2011 è Ri.MED supported scientist presso l’Università di Pittsburgh dove lavora nel Center for Cellular and Molecular Engineering al McGowan Institute of Regenerative Medicine diretto dal dr. Rocky S. Tuan e nei Little Laboratories della Scuola di Ingegneria del dr. Steven R. Little. Quando il Centro di Ricerche per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica della Fondazione Ri.MED sarà operativo, Riccardo vi si trasferirà in qualità di principal investigator.

VACANZE SICURE – ZONE A RISCHIO TERRORISMO – PAESI DA EVITARE

DOVE VADO IN VACANZA ???

Continuano gli attacchi terroristici anche in Europa, ma questo NON deve terrorizzarci; teniamone conto con buon senso.

L’attacco di Manchester ci ricorda che tutti i luoghi di ritrovo e divertimento, ma anche ogni assembramento di persone come un aeroporto o una stazione ecc.. sono i preferiti dai terroristi, perché possono colpire più persone contemporaneamente.

In questo momento la Russia è tra le mire del fondamentalismo; a causa della forte azione di Putin contro il terrorismo. In particolare in Siria. Ma rimane sempre molto remoto il rischio di finire proprio nel centro di un attentato.

Gli ultimi sviluppi ci dimostrano che ogni città Europea, ma non solo, può essere oggetto di attentato. Anche se ogni luogo è potenzialmente a rischio, per questo non dobbiamo cadere nella trappola di vivere nel terrore e modificare esageratamente la nostra vita normale.

Tra i luoghi considerati a rischio vi è la bellissima città di Istambul, ma anche Parigi e Bruxelles.

Soprattutto se siete donne sole, non è il momento di andare a Istambul per turismo.

Mentre il nord dell’Egitto, vicino al Sinai, è sicuramente da evitare, le pesanti misure di sicurezza messe in atto nel Paese, potrebbero dare una certa tranquillità per alcune destinazioni sul Mar Rosso; magari le meno frequentate dalle masse del turismo come Port Galib e Berenice ( non sono raccomandazioni di assoluta sicurezza; diciamo solo che, noi ci siamo stati, e se il posto vi piace (il Mar Rosso è unico per tanti motivi; dalla barriera corallina al buon clima nella media stagione, ai prezzi molto convenienti) e siete viaggiatori abitudinari, potreste affrontare questa meta con una certa serenità.

Le mete più richieste, del medio raggio, per l’estate 2017:

-Italia (anche per questioni economiche; molti vanno in case di parenti)

-Portogallo

-Grecia

-Croazia

-Slovenia

-Spagna; in bassa stagione le  Canarie

-Svizzera

-tutto il Nord Europa

-meno richieste: Londra e Parigi

Più sotto troverete altre precisazioni.

::::::::::::::::

Dopo gli ultimi sviluppi della situazione internazionale, dovremmo sempre più imparare a comportarci e pensare come gli israeliani che, da moltissimi anni convivono con il terrorismo, ma continuano a vivere una vita normale.

Gli israeliani, sanno dalla prima infanzia che si devono adottare molte piccole cautele e un minimo livello di attenzione, dopo di che pensare di capitare nel mezzo di un attentato è, nel calcolo delle probabilità, molto più basso di avere un incidente statale.

Non dimentichiamo che, a differenza di quanto molti pensano, per i turisti Israele è più sicura di qualunque città europea. Nessun attentato ha mai coinvolto gruppi di turisti (così dichiarano le autorità israeliane).

:::::::::::::::::::::::::::::::::

QUANTO AVEVAMO SCRITTO NEL 2016 E’ ANCORA VALIDO

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata; numerosi gli arresti e gli attentati evitati grazie alle polizie di vari Paesi. In primis. Francia e Inghilterra.

Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono Daesh (Isis): Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro; ci si può fare molto male anche stando in casa

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

Farnesina: 

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

Vedi http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Noi Europei non siamo abituati a convivere con la violenza sin da bambini, come succede da sempre agli israeliani.

Dobbiamo imparare a vivere senza avere terrore addosso, altrimenti, la nostra vita e di quelli che ci stanno vicino diventerebbe un inferno.

Per fare un esempio, i bambini israeliani, sono abituati a leggere, nelle loro scuole, i manifesti che danno le regole da seguire quotidianamente. Piccole attenzioni da mettere in atto, per essere vigili, ma non ossessionati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta,  buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre  dai dati in nostro possesso.

E’ anche evidente che alcuni Paesi sono, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri. Sicuramente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi o sui Pirenei,  danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

Questo dicevano le autorità USA, prima degli ultimi attentati in Europa: NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI.

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo e perché crede nella vendetta religiosa; propagandata dai terroristi internazionali.  Ovviamente i grandi assembramenti di persone fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa diceva il comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

——–

ULTIMA INFORMAZIONE RIGUARDA IL VIRUS ZIKA:

Sconsigliati dal nostro Ministero degli Esteri i viaggi nei Paesi colpiti, per evitare la diffusione del virus in Europa; poiché già da Marzo, in alcuni Paesi della fascia tropicale, inizia la diffusione della zanzara tigre, uno dei trasmettitori del virus. Ora è stata dimostrata anche la trasmissione per via sessuale.

Paesi sconsigliati:

1° il BRASILE dove il virus si  è diffuso a macchia d’olio, tanto che nel 2016, alcuni carnevali sono addirittura stati cancellati; molto si sta facendo, ma il rischio rimane

-ANCHE IN ALCUNE PARTI DELLA FLORIDA E’ STATO DATO L’ALLARME VIRUS ZIKA

Per precisazioni sul virus ZIKA vedi anche al link http://www.donnecultura.eu/?p=28505

—–

PAESI DOVE SI POSSONO INCONTRARE PROBLEMI DI VARIO GENERE, DALLA SALUTE AL TERRORISMO

Premesso che l’industria turistica è una delle più importanti, in molti Paesi del mondo e che smettendo di viaggiare e lasciandoci prendere dal panico, contribuiamo al crollo della nostra economia turistica; che è quello che i terroristi vogliono.

Premesso che il rischio terrorismo, per il viaggiatore, è enormemente inferiore, nel calcolo matematico delle probabilità,  del mettersi in auto e attraversare le autostrade italiane; soprattutto in tempo di grande traffico, vi riportiamo i dati relativi ai Paesi più a rischio.

Vedi anche ulteriori recenti precisazioni al link: http://www.donnecultura.eu/?p=25860

PER SERI E COSTANTI AGGIORNAMENTI VEDI https://www.gov.uk/foreign-travel-advice , in inglese, l’UNICA vera fonte di informazioni  precise per veri viaggiatori. IN INGLESE, ma si può usare Google traduttore.

VIAGGI E  PERICOLI DA EVITARE :

RICORDATE SEMPRE CHE OGNI GRANDE ASSEMBRAMENTO DI PERSONE E’ UNA TENTAZIONE PER I TERRORISTI: GRANDI EVENTI ECC …

Premesso che nessuno, di questi tempi, può fare previsioni sicure al 100% :

-tra i pochi Paesi dove il terrorismo, a oggi, non ha possibilità di svilupparsi, troviamo: Islanda e Vietnam;

-relativamente sicura anche la Svizzera e ogni località di montagna, italiana e non, fuori dalle mete più famose e affollate

-con più la località è piccola e poco rinomata, più è difficile che diventi oggetto di interesse per i terroristi; si tratta di un calcolo delle probabilità, non di una certezza.

————

SECONDO IL QUOTIDIANO THE WEEK I PAESI PIU’ PERICOLOSI NEL MONDO SONO:
Syria
Iraq
Afghanistan
South Sudan
Central African Republic
Somalia
Sudan
Democratic Republic of Congo
Pakistan
North Korea

—-

In questo momento, in particolare, è poco sicuro il Venezuela; paese comunque da sempre DIFFICILE COME SICUREZZA.

—–

ANCHE HAITI RIMANE UN PAESE PERICOLOSO; secondo le informazioni del governo USA; vedi al link (IN  INGLESE;  ma potete usare Google traduttore per avere una discreta traduzione immediata) https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html

Nessun problema per chi viaggia con i gruppi organizzati, ma il MESSICO, se si viaggia da soli, richiede molte precauzioni; come ben sanno i veri viaggiatori; anche per molti altri Paesi.

—-

I PAESI, INDICATIVAMENTE, PIU’SICURI ( ma alla luce degli ultimi fatti, anche gli aeroporti potrebbero essere a rischio ):

-VIETNAM 

-ISLANDA

-SVEZIA

-AUSTRIA

-NUOVA ZELANDA

-FINLANDIA

-SVIZZERA-

-CANADA

-GIAPPONE

-AUSTRALIA

-REPUBBLICA CECA

Ma nessuno può garantire nulla in questo momento di dilagante terrorismo.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA DELLA SITUAZIONE ATTUALE

La Francia aveva avvisato da mesi, segnalando le zone sconsigliabili per i turisti, dopo l’ultimo attentato a Parigi:

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul

——-

EGITTO

SCONSIGLIABILE in generale, ma ci sono zone meno rinomate e più sicure.

TUTTE LE ZONE INTORNO ALLE aree CONQUISTATE DA Daesh   (SI CONSIGLIA SEMPRE DI SCRIVERE DAESH E NON ISIS; che sarebbe un riconoscimento ufficiale per lo Stato Islamico) DOVREBBERO ESSERE CONSIDERATE PERICOLOSE (al nord), VISTO CHE HANNO INIZIATO AD UTILIZZARE ANCHE RAZZI CHE COLPISCONO GLI AEREI .

——————

La società britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha  stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista:

USA

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio negli Usa, dovrà sapere che una volta arrivati a destinazione, si troverà davanti a continui ed incisivi controlli, soprattutto nelle zone sensibili.

FRANCIA -BELGIO- GRAN BRETAGNA 

Con la Gran Bretagna, ANCHE LA FRANCIA E IL BELGIO , DOPO GLI ULTIMI EPISODI, RIMANGONO PESI NEL MIRINO DEI TERRORISTI.

ORA ANCHE LA GERMANIA POTREBBE DIVENTARE UN BERSAGLIO (lo è stato negli accerchiamenti e violenze verso le donne, durante il Capodanno 2015-2016 e lo è diventato anche il 23.7.16, nel dicembre 2016 una donna è stata spinta e fatta cadere, di proposito, dalle scale della metropolitana; mentre il gruppo di uomini, da cui è partito l’aggressore, stava a guardare)

COMUNQUE E IN QUALUNQUE LUOGO, A NOSTRO PARERE, LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E’ SEMPRE UN ATTO;  la situazione rischia di peggiorare con l’aumento di CULTURE E MASCHILISTI (anche in casa nostra) ostili alla LIBERTA’ DELLE DONNE.

-Il rischio violenza, obbliga le donne a vivere nella paura ogni volta che si ritrovano sole, anche andando al lavoro in orari di poco traffico o, da ora, in ogni assembramento per festeggiamenti. QUESTO E’ UN MODO DI TOGLIERE ALLE DONNE LA TRANQUILLITA’ E LA LIBERTA’.

—————

AGGIUNGIAMO COME  DESTINAZIONI ALTAMENTE PERICOLOSE:

ISTANBUL

Bellissima città, ricca di storia e arte; senza tralasciare gli indimenticabili colori e suggestioni dei tramonti sul Bosforo. Qui l’ Oriente incontra l’ Occidente, ne sono testimonianza le bellezze architettoniche, ma anche l’eccellente cucina, Istanbul è meravigliosa, ma purtroppo sempre più pericolosa, soprattutto per donne sole.

KENYA

Bellissimo Paese, purtroppo ultimamente oggetto di diversi attacchi terroristici.

ZANZIBAR

In passato non sono mancati episodi di violenza contro i turisti occidentali. E’ stato anche buttato dell’acido contro una turista donna (anni fa).

LA SITUAZIONE MONDIALE SUGGERISCE CHE ORMAI A RISCHIO SONO TUTTI GLI OBBIETTIVI TURISTICI; GRANDI CITTA’ CHE ATTIRANO GRANDI NUMERI DI TURISTI, PER DARE AGLI ATTACCHI TERRORISTICI UN GRANDE IMPATTO MEDIATICO.

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti dove non è assolutamente consigliato recarsi.

ELENCO DEI PIÙ PERICOLOSI…SECONDO L’AUTOREVOLE QUOTIDIANO THE GUARDIAN

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla, ma è fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro, mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica: i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nella periferia e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia; ora le tensioni sono rientrate

8) Colombia si spera che la riconciliazione con le bande delal droga porti a un periodo di pace (Sino a ieri: rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali a causa anche dei campi minati, crimine organizzato e traffico di droga rimangono i problemi più seri)

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericolosi oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia: qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla, per l’alto tasso di crimini armati e le dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui è in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai, ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo COME IL PERICOLO DI VIOLENZE CONTRO LE DONNE.  Nessun rischio per i viaggi organizzati da T.O.  esperti.

18) Messico: NESSUN PERICOLO PER I VIAGGI ORGANIZZATI, mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici.

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… TUTTAVIA LE VIOLENZE NON SONO QUASI MAI CONTRO I TURISTI CHE SONO MOLTO PROTETTI DALLA SICUREZZA LOCALE

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

21) INDONESIA: il grande numero di mussulmani estremisti, fa considerare questo Paese ad alto rischio terrorismo; anche se le autorità sono molto severe al riguardo.

Bali rimane il luogo più sicuro dove vigono controlli molto seri da parte delle autorità locali PER PROTEGGERE I TURISTI 

Il turismo a Bali; base dell’economia; ma non si può escludere che facinorosi sbarchino dalle isole vicine per ripetere un attentato dopo quello che avvenne, anni fa, in una discoteca per ” vendicare ” i costumi  ” dissoluti ” (per gli estremisti islamici) dei turisti australiani, in particolare; ma a rischio sono sempre i grandi assembramenti, molto meno la quotidianità del turista che viaggia e sta in spiaggia.

Dobbiamo segnalare un RECENTE attentato a Jakarta, la capitale sulla costa nordoccidentale dell’isola di Giava.

Come pure nel  BANGLADESH.

Ecco cosa riporta la Farnesina (tutto estremamente generico):

Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili. Oggi, più che in passato, appare dunque necessario verificare e comprendere preventivamente il contesto nel quale ogni cittadino verrà a trovarsi nel corso della sua permanenza all’estero, utilizzando le fonti d’informazione disponibili e, soprattutto, quelle messe a disposizione dalla Farnesina, frutto di un qualificato lavoro di analisi volto a favorire scelte di viaggio consapevoli e responsabili. Tra le fattispecie di rischio che possono coinvolgere i cittadini italiani fuori dai confini nazionali, la più pericolosa oggi è certamente quella della crescente aggressività di nuovi gruppi terroristici che compiono attentati o sequestri di persona anche in aree considerate sinora sicure. Le azioni delle formazioni terroristiche non colpiscono solo obiettivi istituzionali ma anche i c.d. “soft target” (come eventi sportivi, teatri, ristoranti, hotel, club, scuole, centri commerciali e installazioni turistiche, oltre che mezzi di trasporto aerei, marittimi e terrestri) in particolare quelli con elevata presenza di cittadini stranieri. Questi attacchi, seppur effettuati in maggior misura in Paesi e aree in situazioni belliche o notevole criticità come Siria, Libia, Iraq o Afghanistan, non hanno tuttavia risparmiato capitali europee e di altri Paesi. Anche a fronte dell’intenso lavoro di monitoraggio e analisi degli organi preposti è molto difficile prevedere tali eventi, come dimostrano recenti tragici episodi. E’ in ogni caso opportuno che prima di ogni spostamento all’estero i connazionali tengano conto delle indicazioni messe a loro disposizione, valutando attentamente la situazione del Paese che intendono visitare. Una volta assunta responsabilmente la decisione di intraprendere un viaggio, si raccomanda ai connazionali di mantenere comunque un atteggiamento vigile e un comportamento adeguato alle località visitate, soprattutto laddove la situazione è precaria.

Si suggerisce di comunicare gli spostamenti attraverso il sito www.dovesiamonelmondo.it (QUESTA E’ L’UNICA NOTA VERAMENTE SERIA E SPECIFICA) del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Questo sito  ci è apparso chiaro solo ricco di GIA’ NOTISSIMI dati generici. ASSOLUTAMENTE VAGO,  per dati specifici e aggiornamento in tempo reale.

— DECISAMENTE MEGLIO IL SITO https://www.gov.uk/foreign-travel-advice ; aggiornato, chiaro  e ben fatto; solo in inglese, ma potete usare Google traduttore con copia e incolla. Entrate nel sito e cliccate il Paese che vi interessa; troverete SERIE AGGIORNATE INFORMAZIONI.

Ottimo anche il sito USA : https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html IN INGLESE (usate Google traslator per leggere in italiano).

Le zone più a rischio, secondo la nostra Farnesina:

– Libia

– Israele il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

-Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheik, sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell’Alto Egitto e in quelle del Mar Mediterraneo (dopo il recente attacco a Hurgada, anche le zone turistiche sono a rischio).

-Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica

– Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

-IL PERICOLO Ebola sconsiglia i viaggi in Sierra Leone, ( NOSTRO AGGIORNAMENTO: dopo la Liberia, anche la Sierra Leone, è ‘Ebola free’: l’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato la fine della trasmissione del virus Ebola nel paese ),

-Kenya ha da poco subito attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu per il progressivo aumento del rischio per il crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali particolarmente attivi nella contea di Lamu

-Indonesia resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti. BALI: un nuovo attacco terroristico è sempre possibile.

-Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danni di turisti

-Taiwan rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale

—————

SALVADOR :

481 omicidi nel mese di marzo 2015, con una media di 15 al giorno: questo è il, poco invidiabile, record del Salvador.

Il Paese stava cercando di introdursi nel business mondiale del turismo, un Paese che avrebbe molto da offrire anche al viaggiatore più attento ed esigente; peccato che con questo record si sia mangiato questa allettante possibilità.  Anche se, è bene precisare, le zone pericolose sono abbastanza circoscritte.

La causa di tanta violenza è da attribuirsi alla rottura della tregua tra le gang locali.

Con questo “record” il Salvador ha superato l’Honduras quale paese, senza guerre, più letale del mondo.

——-

SALUTE NUOVA PATOLOGIA OFTALMICA DANNI DA LUCE BLU

0Il “disturbo da luce blu” colpisce anche i bambini, in età prescolare e scolare.

La causa è l’uso continuo di dispositivi elettronici.

La sovraesposizione alla luce blu può dare origine a disturbi anche molto gravi:

-insonnia

-irritabilità

-cali di attenzione

-patologie gravi come:

-alterazioni qualitative e quantitative del film lacrimale

-fotofobia

-bruciore

-congiuntiviti croniche e ricorrenti

-cataratta precoce

-degenerazione maculare.

In commercio esistono occhiali speciali per questo tipo di luce e schermi protettivi per i computer

un aiuto importante può’ arrivare anche dalla dieta se ricca di antiossidanti ( frutta e verdura: carciofi, uva nera, mele, frutti rossi, peperoni, prugne, broccoli, cavolo rosso, pomodori, carote, patate dolci, zucca, melograno prezzemolo…spezie, cioccolato amaro…).ed in particolare di luteina ( la luteina è presente soprattutto nella verdura a foglie verdi, ma  è anche in vendita in farmacia).

DonnE…Cultura