Salute e antibiotici – Bambino muore per otite

Lo abbiamo scritto da sempre: con gli antibiotici non si deve ESAGERARE, ma sono FONDAMENTALI  per combattere alcune malattie da infezione batterica.
Gli antibiotici hanno salvato e salvano migliaia di malati in tutto il mondo e, proprio per questo, NON si deve abusarne per continaure a mantenere al loro efficacia.
Gli antibiotici sono sostanze capaci di uccidere i batteri o di impedirne la crescita.
Nessuna altra preparazione può sostituire l’antibiotico per combattere i batteri; ovviamente quando è veramente necessario e questo lo decide il medico.
L’antibiotico può essere indispensabile e decidere tra la vita e la morte del paziente, ma l’antibiotico appena si ha un accenno di influenza è, quasi sempre, inutile (lo decide un medico esperto ed onesto); nel piatto (nella carne, nei pesci …) è dannoso alla salute.
Per sapere di più sugli antibiotici e loro uso e abuso, vedi al link:
::::::::::::::::::
L’articolo è stato scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Salute – Eccellenza italiana in Sicilia i trapianti

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti)

E’ in Sicilia l’ospedale di eccellenza per trapianti dell’area mediterranea

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) lavora in diretta relazione con l’ UPMC (University of Pittsburgh Medical Center)

Un centro italiano dove si rispettano i paramentri dei migliori centri mondiali come, in questo caso, lo University of Pittsburgh Medical Center

Qui per la prima volta si è fatto, tra l’altro,  un trapianto di fegato associato ad un innovativo intervento all’intestino; per salvare un bambino con una rara gravissima patologia

Sempre qui è stata eseguita, anni fa per la prima volta in Europa, una gastro-entero-anastomosi per via ecoendoscopica e molto altro…

Scegliere di destinare il 5×1000 a ISMETT è semplice e non costa nulla. Basta inserire il codice fiscale dell’Istituto 04544550827 nella casella della vostra dichiarazione dei redditi riservata al “Finanziamento alla Ricerca Sanitaria” e poi firmare.

Altre informazioni su questo centro al link https://www.ismett.edu/it/

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza.

Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Anch i bambini, qui vengono curati nell’eccellenza.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure. Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”.

Direttore Sanitario: Cinzia Di Benedetto (ad interim)

Direttore Amministrativo: Giuseppe Alongi

Direzione Attività Infermieristica: Giuseppe Arena

Dott. Mario Traina; Chief of Endoscopy Unit at ISMETT IRCCS

Lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. Grazie alla sua esperienza ha contribuito allo sviluppo di attività di formazione e ricerca presso l’Istituto. Ha condotto diversi progetti di ricerca su pazienti cirrotici trapiantati con complicanze sulle vie biliari e ha sviluppato terapie innovative per il trattamento delle lesioni neoplastiche del colon, per il trattamento di pazienti obesi e diabetici e di pazienti con complicanze di pancreatiti acute. Ha partecipato a trial multicentrici italiani ed è autore di più di 130 articoli pubblicati su riviste con peer-review e di 16 capitoli di libri.

Recente visita all’ ISMETT IRCCS, del gruppo di giornalisti UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).

Il Dott. Antonio Arcadipane è il Direttore del Dipartimento di Anestesia e terapia intensiva presso ISMETT, ruolo che ricopre dal 2003.

Persegue le sue finalità operative e di assistenza secondo le linee guida delle maggiori società scientifiche, curando l’aggiornamento continuo e la formazione dei medici e del personale non medico.

Il prof. Salvatore Gruttadauria, lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. E’ stato il primo chirurgo siciliano ad eseguire un trapianto di fegato in Sicilia. Da maggio del 2017 si occupa del Dipartimento per la Cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali. Da aprile del 2016 ricopre anche il ruolo di Responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.
Dall’aprile del 2016 è responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.

 

Ricette gourmet e veloci ? Da ” La Cucina Italiana “

Solo 30′ per cucinare ?

20 ricette veloci e con risultato garantito anche per i più esigenti.

Le propone ” La Cucina Italiana “; una garanzia da oltre un secolo e sempre al ritmo giusto con i tempi e i gusti.

http://www.lacucinaitaliana.it/news/cucina/50-ricette-veloci-da-preparare-in-meno-di-30-minuti/?utm_source=lci&utm_medium=NL&utm_campaign=daily

Salute – EPATITE C POTRA’ ESSERE SRADICATA

Portata rivoluzionaria delle ultime novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C

L’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia

IN UN FUTURO NON TROPPO LONTANO L’EPATITE C IN ITALIA POTRA’ ESSERE SRADICATA

L’argomento è stato affrontato, in occasione della presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017” a cura del Prof. Gaetano Ideo, organizzata da SYNLAB Italia.

Dal 1989 (anno in cui fu identificato il virus dell’Epatite C) ad oggi, i passi avanti sono stati tanti, contraddistinti però da altrettanti fallimenti.

Per arrivare a un vero cambio di rotta, occorre guardare a qualche anno fa, al presente e a un futuro prossimo: è in atto una vera rivoluzione terapeutica, che sta portando a risultati quasi strabilianti, mediante l’utilizzo di antivirali che permettono di trattare tutti i genotipi del virus, con risultati ottimali in chi presenta Epatite cronica, cirrosi compensata e avanzata, nei coinfettati con HIV e in tante altre categorie di pazienti.

Come ricordato ieri, vi è stato per molto tempo un grande ostacolo nell’accesso di questi farmaci: il costo.

L’inserimento di tali farmaci nel SSN, ha rilevato il prof. Ideo, è l’unica soluzione per permettere a tutti di curarsi e a partire da marzo 2017 questo auspicio si è in parte avverato.

Sono stati, infatti, ridefiniti i criteri di trattamento per la terapia dell’Epatite C cronica con il SSN dalle Società scientifiche insieme alla Commissione Tecnico Scientifica (CTS) dell’AIFA (Agenzia Italiana dei Farmaci), con il risultato di garantire il trattamento con il SSN anche a chi ha una fibrosi F2 (moderata) e a chi presenta una fibrosi F1 (lieve) insieme ad altre patologie (come l’Epatite B o un diabete o un’ipertensione arteriosa, etc.).

Il Prof. Ideo ha ricordato quanto le attuali strutture SYNLAB di Monza e Como (il CAM di Monza e il San Nicolò di Como e Lecco) abbiano da sempre investito in ricerca e garantito elevati livelli di innovazione e aggiornamento in queste aree. Tesi confermata dal dr. Luca Germagnoli – CMO (Chief Medical Officer) SYNLAB Italia, che, nel suo intervento, ha evidenziato l’attenzione profusa dai laboratori SYNLAB -il più grande gruppo di diagnostica medica in Italia e in Europa- nell’assicurare a medici e pazienti le opportunità diagnostiche più all’avanguardia anche nell’ambito delle malattie epatiche, attraverso test innovativi, nati dalle più recenti scoperte scientifiche a livello mondiale.

 

 All’interno dello spazio eventi di Bellavite Nonsolocarta, si è tenuta la presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017”, organizzata da Synlab Italia.

Sono intervenuti, oltre al Prof. Gaetano Ideo, diversi rappresentanti del Centro Diagnostico Synlab San Nicolò di Lecco e Como, il dr. Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, il dr. Paolo Rubera – in rappresentanza del Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como dr. Gianluigi Spata e una folta platea di medici interessati all’argomento.

Dopo il benvenuto di Paolo Bellavite, il saluto di Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, che ha sottolineato l’importanza di tale confronto su un tema tanto delicato e attuale quale quello dell’Epatite C. Il testimone è passato quindi al Prof. Ideo, che ha presentato il suo libro evidenziando la portata rivoluzionaria delle novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C.

Nel mondo occidentale, l’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia (sono circa 1,5 milioni gli italiani portatori del virus) che, purtroppo, non presentando in tanti casi sintomi specifici, può evolvere criticamente prima che l’individuo possa rendersi conto di esserne malato.

Durante la serata ha preso parola anche il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, sottolineando quanto, su questa tematica, la medicina si sia dimostrata reattiva, segnando la storia e superando limiti economici

oggettivi. Il Dr. Paolo Rubera – in rappresentanza dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como si è concentrato sull’importanza di proporre con regolarità incontri come quello di ieri ai tanti medici operanti sul territorio, affinché ogni professionista possa aggiornarsi sulle continue novità da fonti autorevoli, incrementando la propria formazione e credibilità.

    ******************************************

Il Centro Diagnostico San Nicolò nasce nel 1970 come laboratorio di analisi mediche; negli anni seguenti vengono attivati i reparti di Diagnostica per Immagini, Fisioterapia e Poliambulatorio specialistico. Nel 2007 il San Nicolò diventa Casa di Cura e nel 2010 entra a far parte di SYNLAB, oggi il più grande gruppo europeo di diagnostica medica.

Arte evento a Venezia – HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM Lunedì 29 maggio

HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM
Lunedì 29 maggio
ore 19-21

#HappySpritz17

C’è l’arte, c’è la musica, ci sono tanti giovani, e c’è la magica cornice di Venezia al tramonto. Questi sono gli ingredienti per una ricetta di successo. Non manca altro. Il risultato? Ovvio, Happyspritz@guggenheim! I cancelli della Collezione Peggy Guggenheim tornano ad aprirsi per ospitare la nona edizione dell’evento più “social” della laguna, realizzato grazie alla ormai consolidata collaborazione con Aperol Spritz, storica azienda parte del gruppo Guggenheim Intrapresae. L’aperitivo “ad arte” che da ormai 9 anni anima il museo veneziano è un evento che conferma il legame di Aperol Spritz con il suo territorio di origine e con la Collezione stessa.

Lunedì 29 maggio, dalle 19 alle 21 vi aspettiamo a casa di Peggy, tra i suoi tanti capolavori, per una serata alternativa, in compagnia degli amici, e poi di Picasso, Magritte, Kandinsky, Pollock, Warhol, e dei lirici segni grafici delle opere di Mark Tobey, espressionista astratto americano a cui il museo dedica un’attesa retrospettiva, la prima mai realizzata in Italia. Il tutto sarà accompagnato dai trascinanti ritmi dei dj Lorenzo Bitw e Palm Wine che si alterneranno alla consolle per animare il giardino delle Sculture Nasher. Il programma musicale è a cura di Alessandro Picunio e dell’Associazione Culturale Do Not Friday Venezia.

#happyspritz17 sarà l’hashtag da utilizzare su Facebook, Twitter e Instagram per comunicare e condividere con tutti l’evento Happyspritz@guggenheim.

Il biglietto d’accesso al museo è di 13 euro, ridotto a 5 euro con corsia d’accesso preferenziale per i possessori di Young Pass, la membership Guggenheim per gli under 26.

I biglietti sono acquistabili anche online direttamente sul sito guggenheim-venice.it, il mercoledì precedente ciascun appuntamento. Ingresso al museo fino a esaurimento posti.

Prossimo appuntamento lunedì 12 giugno.

Arte per grandi e piccoli alla Pinacoteca cantonale Giovanni Züst

eventi – visite guidate e atelier per ragazzi – organizzati a corredo delle mostre 

RAFFAELLA COLUMBERG (1926-2007)

Ceramista

26 marzo – 20 agosto 2017

LE STANZE SVELATE

La collezione d’arte di Ivo Soldini

dai Vela a Marino Marini

7 maggio – 27 agosto 2017

 Pinacoteca cantonale Giovanni Züst

Rancate (Mendrisio), Svizzera

La Pinacoteca Züst rimane aperta durante tutta l’estate ed è pronta ad accogliervi per trascorrere delle ore piacevoli in allegria, accompagnati dalle nostre animatrici. Dopo il successo degli scorsi anni, vi proponiamo un’intera settimana durante la quale, giorno per giorno, scoprirete una nuova tecnica artistica e vi divertirete con laboratori pratici che vi consentiranno di applicare subito quanto appreso. Ci sarà anche tempo per una merenda tutti insieme!

12 – 16 anni
Biglietto per ogni appuntamento: CHF 15.-.
Biglietto cumulativo per tutta la settimana: CHF 40.- (sconto fratelli: solo CHF 25.- ciascuno) Comprende: visita guidata, laboratorio, materiale, merenda

Genitori o accompagnatori sono benvenuti e possono partecipare alle attività acquistando il biglietto allo stesso prezzo. Se desiderano invece tornare durante i successivi weekend, usufruiranno di uno sconto di CHF 2.- per ciascun ragazzo iscritto all’attività.
ISCRIZIONE OBBLIGATORIA: decs-pinacoteca.zuest@ti.ch; 091 8164791

______________

Settimana 1: ALLA SCOPERTA DELLA CERAMICA
da lunedì 3 a giovedì 6 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 26 giugno Orario: 14.30 – 17.00
Settimana 2: NELLA BOTTEGA DI…
da lunedì 10 a giovedì 13 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 3 luglio Orario: 14.30 – 17.00
Settimana 3: ALLA SCOPERTA DELLA CERAMICA
da lunedì 17 a giovedì 20 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 10 luglio Orario: 14.30 – 17.00

In caso di esigenze particolari e previo accordo possiamo anticipare l’arrivo o posticipare il rientro dei ragazzi.

::::::::::

ADULTI:

VISITA GUIDATA GRATUITA
ALLE MOSTRE “RAFFAELLA COLUMBERG” E “LE STANZE SVELATE” RISERVATA ALLA POPOLAZIONE DELLA GRANDE MENDRISIO
In collaborazione con il Municipio

Per tutti gli eventi, lʼiscrizione è obbligatoria e da effettuarsi presso la segreteria della Pinacoteca entro
2 giorni dalla data prevista:
Tel. 0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch.

Qualora non si raggiungesse il numero minimo di iscritti gli eventi verranno annullati. I partecipanti verranno avvisati tempestivamente. Info: www.ti.ch/zuest

Lago di Como – VILLA CARLOTTA CELEBRA I 90 ANNI

VILLA CARLOTTA CELEBRA I 90 ANNI DELL’ENTE:

LA RICCA RASSEGNA DI EVENTI PROSEGUE CON LA MOSTRA

SFUMATURE DI SETA E DI CARTA

 

 

Villa Carlotta (www.villacarlotta.it), bene demaniale dello Stato gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta che quest’anno celebra i suoi 90 anni di fondazione, presenta per l’occasione un ricco calendario di eventi speciali e mostre temporanee che completano l’offerta ai visitatori.

La stagione delle mostre continua con una prima interessante rassegna dal titolo “Sfumature di seta e di carta”: partendo dalla bachicoltura, praticata fino agli Cinquanta in molte case contadine e in diversi paesi del Lago di Como, è possibile seguire un processo di lavorazione della seta. Un filo di seta che lega il capoluogo lariano alle sponde del lago fino a Villa Carlotta.

 

La rassegna si compone di diversi appuntamenti aperti al pubblico:

 

–          Venti farfalle. Giovanna Gadda (6 maggio – 28 maggio) – Un insieme di opere, dipinti disegni e farfalle in forma di libro, messi a colloquio con materiali e curiosità. Un veicolo leggero di immagini, pensieri e parole che come farfalle mutano in desiderio di bellezza. Una piccola mostra, a cura di Michele Caldarelli, che rappresenta un semplice ed effimero battito d’ali, preludio di venti rigeneranti.

–          Storie di fiori e farfalle (6 maggio-18 giugno) – Dalla raccolta di materiali in giardino e nel bosco prendono spunto le creazioni della pittrice botanica Marina Fusari, in una ricerca continua dell’essenza e dell’anima della natura, con particolare attenzione a delicate composizioni dove elementi naturali si accostano a variopinte farfalle.

Il 20 maggio e il 18 giugno, gli appassionati potranno seguire anche il laboratorio “Natura sulla carta” che consente di svolgere un breve corso di pittura botanica

–          Sul filo di seta (6 maggio – 18 giugno) – In collaborazione con il Museo della Seta di Como e la Cooperativa Sociolario è stato progettato un percorso interattivo alla scoperta della storia dei bachi da seta che inizia con il ciclo dell’annullamento del baco fino alle fasi di lavorazione del prezioso filato. L’iniziativa è rivolta soprattutto ai più giovani per leggere un importante spaccato di storia che ha caratterizzato la vita contadina del Lago di Como.

–          Farfalle di carta (13 maggio – 18 giugno) – laboratori per adulti e bambini che insegnano l’arte complessa e affascinante dell’origami, con la realizzazione di delicate farfalle con la carta decorata con acquarelli.

Villa Carlotta è un luogo di rara bellezza: qui capolavori della natura e dell’ingegno umano convivono armoniosamente in 70.000 mq tra giardini e strutture museali.

In una conca naturale, tra lago e montagne, il marchese Giorgio Clerici fece edificare alla fine del 1600 una splendida dimora, imponente ma sobria, circondata da un giardino all’italiana, di fronte ad uno scenario mozzafiato sulle dolomitiche Grigne e Bellagio.

Con Giovanni Battista Sommariva, il successivo proprietario, la villa toccò il sommo dello splendore, arricchendosi di opere d’arte e divenendo meta irrinunciabile per una visita sul lago di Como.

Sommariva, che acquisì la proprietà agli inizi dell’Ottocento, volle che parte del giardino fosse trasformato in uno straordinario parco romantico e che la villa venisse impreziosita con capolavori di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen e Francesco Hayez.

Il parco di villa Carlotta è celeberrimo per la stupefacente fioritura primaverile dei rododendri e delle azalee in oltre 150 varietà. Tuttavia ogni periodo dell’anno è adatto per una visita: antichi esemplari di camelie, rose, ortensie, e poi cedri e sequoie secolari, platani immensi ed essenze esotiche si propongono ai visitatori in un alternarsi di ambientazioni create nei secoli dagli architetti dei giardini.

Nel 2016 è stato aperto al pubblico l’oliveto della Villa, che è stato recuperato con il contributo di Fondazione Cariplo attraverso una attenta opera di ripristino dei terrazzamenti, delle piante e delle strutture architettoniche di origine agricola. Il progetto di ampio respiro, mira a far rivivere l’attività agricola dell’entroterra lariano, con uno dei prodotti tipici del lago: l’olio e tutti i suoi derivati.

Sotto la direzione di Maria Angela Previtera, oltre alla conclusione del recupero dell’oliveto, è stata avviata anche un’attenta campagna di catalogazione informatizzata e revisione del patrimonio culturale della Villa, che conta oltre mille beni storico-artistici suddivisi in diverse collezioni (dipinti, sculture, porcellane…).

Villa Carlotta

Via Regina, 2

22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como

www.villacarlatta.it

tel. (+39) 0344 40405

segreteria@villacarlotta.it

 ORARI 2017 

DAL 1 APRILE AL 1 OTTOBRE

APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30)  (chiusura museo ore 18.30)

TUTTI I MARTEDÌ DEI MESI DI GIUGNO E LUGLIO

APERTURA: 9.00-21.00(chiusura biglietteria ore 20.00)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE

APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

TUTTI I WEEKEND DI NOVEMBRE

11-12-18-19-25-26 novembre

APERTURA: 10.00 – 16.30  (chiusura biglietteria ore 16.00)

APERTURA PONTE DELL’IMMACOLATA 2017

8-9-10 dicembre

APERTURA: 10.00-16.30  (chiusura biglietteria ore 16.00)

Nel periodo di chiusura possibilità di visita su prenotazione a segreteria@villacarlotta.it

MILANO – Evento unico sabato 17 giugno – Ricostruito l’ambiente tipico del villaggio africano

Ricco Street Food e il mercatino dei prodotti di Norcia

Sabato 17 giugno si festeggia il prossimo inizio dell’estate

A MILANO

Un evento unico:

Al Convento dei Missionari Cappuccini
ricostruito l’ambiente tipico del villaggio africano
dove famiglie e bambini possono provare l’esperienza
della vita nella Savana !

Dalle ore 19,30, dopo la Santa Messa, la serata fraterna e solidale prevede anche un ricco Street Food e il mercatino dei prodotti di Norcia. Appuntamento aperto a tutti, il 17 giugno 2017 in piazza Cimitero Maggiore, 5. Tel. 02.3088042. (Per arrivare: tram 14 oppure Metro Rossa fermata Uruguay e poi pullman 40).

Fra Miselli: “L’evento chiude un semestre di intensa attività. In Italia, solo per le aziende terremotate abbiamo raccolto 25.450 euro.

All’estero abbiamo 2.800 bambini adottati  ‘a distanza’ e tante altre iniziative per ammalati, carcerati, donne, anziani, perché non c’è gioia più grande che donare se stessi per gli altri”.

www.missioni.org

Sabato 17 giugno si festeggia il prossimo inizio dell’estate al Convento dei Missionari Cappuccini, di piazza Cimitero Maggiore 5 a Milano, con una iniziativa straordinaria dal titolo ‘Vicini per chi è lontano’ aperta a tutti.
In occasione della cerimonia di saluto del gruppo di cittadini volontari lombardi, che anche quest’anno parte per vivere un servizio di volontariato nelle missioni durante le vacanze, sarà ricostruito nel cortile del Convento un villaggio africano, dove adulti e bambini potranno provare come si vive nella Savana.

Un’esperienza straordinaria, che ha richiesto oltre un mese di lavoro dei Frati per creare gli ambienti dei vari momenti, l’ingresso con i saluti tradizionali, il gioco dei bimbi, etc….

Il programma è il seguente.

Alle 18,00, Santa Messa presieduta da Padre Innocenzo Pacchioni, missionario in Brasile, e consegna del Mandato Missionario ai volontari.

Sono 27 provenienti da tutta la Lombardia normalmente impegnati in diverse professioni: medico, studente, insegnante, casalinga, professionista.

Poi, dalle ore 19,30, la ‘serata fraterna e solidale’ prevede anche un ricco Street Food con risotto, pesce e gnocco fritto e dolci a volontà, e il mercatino dei prodotti di Norcia: salumi, formaggi, miele, legumi, per portare a casa delle eccellenze gastronomiche aiutando le aziende umbre rovinate dal sisma.

Per arrivare: tram 14 oppure Metro Rossa -fermata Uruguay -e poi pullman 40. Info: Tel. 023088042. www.missioni.org.

“L’evento chiude un primo semestre di intensa attività – commenta Fra Mauro Miselli, segretario delle Missioni Cappuccine- e ringraziamo la generosità dei milanesi che ci ha permesso di dare un contributo concreto a tante situazioni di bisogno.

Abbiamo collaborato in particolare con le Diocesi di Ascoli Piceno e Rieti per sostenere i loro progetti di solidarietà. Intere comunità in quelle regioni hanno perso tutto e ogni punto di riferimento sociale.

Così abbiamo raccolto fondi per aiutare cinque famiglie provate da problemi economici e di salute, abbiamo spedito 50 bancali di alimentari e indumenti nuovi in inverno, quando c’era l’emergenza freddo, e abbiamo anche contribuito alla costruzione di un Centro Comunitario/cappella nella frazione di Acquasanta (Ascoli Piceno). Sempre per aiutare le comunità a ritrovare una propria dimensione di vita quotidiana, abbiamo procurato l’attrezzatura per la sala polifunzionale nel Centro Comunitario di Arquata del Tronto e l’attrezzatura per una struttura destinata ai bambini a Villapigna, in provincia di Ascoli Piceno.
Non ultimo, l’importante sostegno a 4 aziende di Norcia acquistando e riproponendo ai nostri benefattori i loro prodotti per 25.450 euro.

Sul fronte delle missioni all’estero dove siamo presenti in Thailandia, Costa d’Avorio, Camerun, Brasile ed Etiopia con oltre 2.800 bambini inseriti nel progetto di ‘sostegno a distanza’; nell’ultimo anno abbiamo sostenuto 22 operazioni al cuore presso il Cardiac Center in Camerun; il sostegno alimentare, educativo, di accompagnamento ai carcerati di 6 carceri in Camerun; 2 scuole di formazione femminile per la promozione della donna in Costa d’Avorio; mense, case di riposo, cooperative ecc.

Nei Promessi Sposi, fra Galdino presenta i frati cappuccini come “… il mare, che riceve acqua da tutte le parti, e la torna a distribuire a tutti i fiumi …. chieder l’elemosina per tutto, e farla a tutti quelli che la chiedevano al convento” (Cap. 3°).

E ancora oggi noi Frati Cappuccini, siamo missionari e il segretariato di Milano, che ha il suo centro nel Convento di piazza Cimitero Maggiore, in particolare è impegnato nel portare aiuto alle varie missioni dell’Ordine in Italia e nel mondo.”

Complessivamente sono un centinaio i Frati operativi nei vari Continenti, dei quali 22 Lombardi.

Il missionario più anziano, Padre Ruggero Beltrami, ha 92 anni. Da oltre 60 è in Brasile e non torna più in Italia anche perché la sua salute è cagionevole; il più giovane ne ha 23 ed è del Camerun. Non tutti sono anche sacerdoti. “Speriamo di continuare ad avere vocazioni – conclude Padre Mauro – non c’è gioia più grande che donare se stessi per gli altri”.

ISMETT IRCCS festeggia e amplia

PALERMO 16.05.2017 – VENTENNALE ISMETT.
© MICHELE NACCARI/ STUDIO CAMERA

SICILIA ECCELLENZA E AVANGUARDIA NEI TRAPIANTI 

ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas)

Nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche

ISMETT IRCCS festeggia i primi vent’anni con l’ampliamento della struttura

Sono stati anni di grandi successi e riconoscimenti per l’Istituto Mediterraneo dei Trapianti che si prepara ad affrontare un futuro di sfide e nuovi traguardi da sempre impegnato con le più innovative terapie ad alta specializzazione. Al via i nuovi spazi di cardiochirurgia e chirurgia pediatrica.

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza. Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Nel corso di questi primi venti anni la struttura si è accreditata quale centro di eccellenza nel settore dei trapianti ed è diventata punto di riferimento nel bacino del mediterraneo, ricevendo nel 2014, dal Ministro della salute, l’accreditamento come Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

I numeri sui trapianti effettuati da ISMETT IRCCS in questi anni, infatti, parlano chiaro: dal primo trapianto di fegato in Sicilia (1999) sono stati effettuati oltre 1900 trapianti di cui 207 trapianti pediatrici e oltre 300 da donatore vivente, di fegato e rene. Anche i posti letto nel corso degli anni sono aumentati arrivando agli attuali 114 rispetto ai 20 posti di quando ISMETT IRCCS è nato.

Ogni anno oltre un terzo dei pazienti viene ricoverato in modalità d’urgenza, circa il 18% viene trasferito da altri ospedali, il 4,5% viene da fuori regione e l’1,5% sono pazienti internazionali.

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure.

Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”

I NUOVI SPAZI

Per migliorare ulteriormente i servizi offerti ai pazienti che scelgono ISMETT quale struttura dove affidare la propria salute, oggi sono stati inaugurati i nuovi spazi, realizzati grazie ad un progetto PO FESR 2007-2013 costato complessivamente 17,5 milioni di euro, di cui 6,5 circa da cofinanziamento regionale e 400.0000 euro da fondi di bilancio ISMETT..

I lavori sono iniziati nel 2012. Il progetto generale è stato suddiviso in 3 lotti funzionali, ciascuno completamente autonomo. I tre lotti di costruzione, pur essendo distinti, si integrano completamente, costituendo un complesso unico armonico e molto funzionale.

A questi si aggiunge il Lotto 4, che riguarda la sola fornitura di apparecchiature mediche altamente specialistiche ed in particolare un avanzato sistema di monitoraggio dei parametri vitali e un apparecchiatura digitale per la telepatologia e altre apparecchiature. Per collegare i nuovi spazi con l’edificio principale di ISMETT, è stato realizzato un avveniristico ponte di collegamento che potrà essere utilizzato per il transito dei pazienti, anche allettati, e dello staff.

Nell’ala sud è ubicata la nuova area dedicata alla chirurgia pediatrica addominale.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto. Nell’ala nord una degenza adulti con 23 posti letto (11 stanze di degenza doppie ed una singola), soggiorno, medicheria, uffici e servizi generali di reparto.

“E’ stata una gara contro il tempo – sottolinea Angelo Luca – perché avevamo tempi strettissimi dettati dalla scadenza del finanziamento della comunità europea. Ringrazio tutti i professionisti di ISMETT e UPMC ed i funzionari degli Assessorati coinvolti che in questi mesi hanno lavorato in piena sinergia e con grande impegno. Oggi è un giorno di festa per i cittadini utenti, le istituzioni regionali e nazionali e tutti gli operatori sanitari dell’Istituto che ogni giorno si impegnano per garantire qualità e assistenza ai nostri pazienti .

Arte a Lugano – Craigie Horsfield – Museo MASI

12

Al Museo MASI: visita guidata gratuita alle esposizioni temporanee per singoli visitatori, ogni domenica, ore 15.00

Marzo – 2 luglio 2017

l Museo d’arte della Svizzera italiana, in collaborazione con il Centraal Museum di Utrecht, dedica un’ampia esposizione monografica a Craigie Horsfield, artista britannico che nel corso della sua carriera ha sviluppato importanti riflessioni sui concetti di relazione sociale e “lunga durata”, conducendo nel contempo una straordinaria indagine sulla natura stessa dell’immagine fotografica.

Nel suo lavoro ricorrono ritratti, nature morte, nonché momenti di vita quotidiana, riti e riflessioni sulla società, sugli individui e le relazioni, esplorati con tecniche innovative che tendono a stemperare i limiti fra le varie discipline artistiche.

La fotografia costituisce infatti solo uno dei molteplici tasselli che si sovrappongono nella sua produzione artistica: a partire da un negativo, o da un fotogramma, Horsfield produce opere di grande formato realizzate con tecniche sorprendenti e disparate come arazzi e affreschi.

Accanto agli arazzi, agli affreschi e alle stampe, il percorso espositivo include una nuova opera sonora composta e mixata dall’artista insieme al compositore e musicista Reinier Rietveld con il quale collabora da decenni.

INFORMAZIONI

Entrata
CHF 15.- intero

CHF 10.- ridotto: AVS/AI, over 65 anni, gruppi, studenti 17-25 anni, Lugano Card, City Card Lugano, Club Rete Due, Holiday Card, Programma Fedeltà Arcobaleno, TCI

Gratuito:
<16 anni, prima domenica del mese, Passaporto Musei Svizzeri, Pro Museo, ICOM, VSM-AMS, IAA-AIAP, Visarte

Biglietto combinato con sede MASI Lugano Palazzo Reali:
CHF 18.- intero
CHF 12.- ridotto
Informazioni extra
Orari di apertura:
Ma – Do: 10.00 – 18.00
Gi: 10.00 – 20.00
Lunedì chiuso
Aperture straordinarie: Lu 17.04.17, Lu 01.05.17, Lu 05.06.17

All’interno degli spazi espositivi non è consentito fare fotografie

Railaway
Biglietto combinato con una riduzione del 10% sul viaggio in treno e sull’entrata ottenibile alla stazione di partenza oppure telefonando al Rail Service 0900 300 300 (chf 1.19/min.)

Mediazione culturale
Visita guidata gratuita alle esposizioni temporanee per singoli visitatori, ogni domenica, ore 15.00
Promotori
MASI-Museo d’Arte della Svizzera Italiana
via Canova 10
6900 Lugano
Tel. +41 (0)58 866 42 30
info@masilugano.ch

DonnE…Cultura