La vita non finisce a sessant’anni ! Casalinghe o pensionate annoiate ? Leggete il libro BRITT-MARIE E’ STATA QUI

Marie ha sessantatré anni, un marito e una vita da casalinga.

Ossessionata da ordine e pulizia.

Il marito la tradisce da molti  anni.

Va a vivere da sola, ma scopre tante paure.

Britt-Marie è in ansia per il suo futuro e si registra all’ufficio di collocamento.

Trova lavoro e, sorprendentemente, i suoi modi conquistano subito i vicini e viene nominata allenatrice della squadra di calcio, ma poi arrivano dei problemi seri e lei saprà  combattere …

 Britt-Marie è stata qui ci parla della trasformazione, di una donna e di un’intera comunità.

Il libro ci aiuta a vedere un futuro anche dopo i sessant’anni e ci insegna che anche la più burbera delle persone può farsi ricordare da una intera comunità.

Britt-Marie è stata qui, Fredrik Backman, Mondadori, € 19,00.

Salute – Occhi in pericolo senza buoni occhiali

ATTENTI AGLI OCCHI DEI VOSTRI BAMBINI !!!
I raggi del sole danneggiano più gli occhi della pelle
Occhiali da sole chiari o scadenti NON servono
Per la pelle basta esporsi al sole solo nelle ore meno calde o usare abiti leggeri ma coprenti, ma per gli occhi è tutto diverso !
Allarme sotto l’ombrellone:
3 italiani su 10 in vacanza senza occhiali da sole.
Per prevenire i rischi e proteggere gli occhi sotto il sole estivo cinque consigli degli esperti.

Solo il 60% degli italiani utilizza gli occhiali da sole, e di questi il 30% non li indossa mai, il 18% raramente e solo il 52 % li ritiene “indispensabili. Appena il 17% ne possiede più di un paio, e in troppi cedono alle offerte low cost.

Questi gli ultimi dati diramati dalla Commissione Difesa Vista che sottolinea come gli occhi, soprattutto in estate, vadano protetti dagli agenti esterni che potrebbero danneggiarli, in primis il sole.

L’esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti e alla luce blu può provocare danni acuti e cronici agli occhi”, avverte il Dott. Andrea Giani, Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia e Ricercatore presso l’Università degli Studi di Milano.

“L’esposizione prolungata al sole senza protezione o con un occhiale non idoneo può portare a disfunzioni della superficie oculare. Inoltre, secondo alcuni studi, a lungo termine ciò potrebbe contribuire allo sviluppo di patologie croniche come cataratta e maculopatie.

Per questo è necessario imparare a proteggersi in maniera adeguata”.

Infatti, a preoccupare sono soprattutto le giovani generazioni e gli anziani: sono loro a rischiare più degli altri, e invece soltanto l’11% dei giovanissimi e il 10% degli over 55 utilizza lenti protettive con regolarità.

Addirittura il 60% dei piccoli fra 2 e 6 anni non ha mai inforcato un occhiale da sole, benché gli occhi degli under 15 siano i più delicati e bisognosi di uno schermo ad hoc e di qualità.

Gli occhiali da sole, inoltre, andrebbero scelti a seconda delle proprie esigenze e della situazione di utilizzo.

“Non tutti gli occhiali sono uguali” – raccomanda lo specialista.

“Qualche esempio: durante lo sport servono lenti resistenti agli urti e in grado di proteggere dai raggi UV anche in condizioni di performance estreme.

Alla guida occorre prestare attenzione alla colorazione delle lenti per garantire una adeguata protezione senza pregiudicare la visione nel passaggio dalla luce al buio delle gallerie.

Non stiamo parlando quindi solo di un vezzo modaiolo ma di uno strumento che deve rispondere a criteri ben precisi”.

Ecco una serie di consigli utili forniti dal Dott. Andrea Giani:

1. Indossa un cappello con la visiera, protegge il viso;

2.Stai attento alla luce che si riflette sulla sabbia o sull’acqua: intensifica l’esposizione al sole;

3.Tieni d’occhio l’ora: gli occhi sono esposti a maggior rischio di danno solare tra le 10 di mattina e le 2 di pomeriggio poiché i raggi solari sono più intensi.

4.Proteggiti con qualsiasi condizione atmosferica: i raggi UV possono danneggiare gli occhi anche quando il tempo è nuvoloso;

5.Mangia verdure a foglia verde e frutti ricchi di antiossidanti, vitamina A, C ed E. La luteina e la zeaxantina sono sostanze antiossidanti ritenute particolarmente benefiche per mantenere gli occhi in buona salute. La luteina si trova nei peperoni gialli, nel mango e nelle verdure a foglia verde. Broccoli, mais, arance e uova sono buone fonti di zeaxantina;

6. Scegli gli occhiali più adatti a te. Ricorda che il tuo ottico di fiducia e l’oculista di riferimento sono le persone più adatte a rispondere alle tue esigenze visive.

::::::::::::::::::

A voi scegliere la vostra marca preferita.

Qui sotto, se volete, potete trovare i suggerimenti di una delle più famose e serie società produttrici di lenti; la Zeiss

Proprio per rispondere a queste esigenze, ZEISS, azienda leader nel settore dell’ottica e da sempre attenta a trovare le soluzioni più innovative per rispondere alla richieste dei propri clienti, offre la possibilità di decidere la colorazione preferita per la propria lente oftalmica, garantendo sempre un’alta qualità del trattamento e una totale protezione. E’ possibile scegliere fra tre segmenti, per rispondere alle diverse esigenze dei consumatori: Urban, Drive e Active.

ZEISS URBAN: COLORI TRENDY E SPECCHIATURE FASHION

La linea ZEISS Urban è pensata per tutti coloro che indossano gli occhiali da sole tutto il giorno e con intensità di luce differenti. Questa linea di colorazioni permette una personalizzazione al 100% offrendo una selezione di oltre 50 colori, tra cui 34 soluzioni a tinta unita, 14 sfumate e 4 doppie sfumate, per adattarsi alle esigenze di stile di ogni persona, oltre alla possibilità di scegliere colorazioni al campione. Per le fashion victim sono state ideate anche 4 specchiature di tendenza, il must-have dell’estate 2017, che includono l’antiriflesso ZEISS DuraVision® Sun sulla superficie interna delle lenti.

ZEISS DRIVE: SICUREZZA E COMFORT ALLA GUIDA

Sentirsi sicuri e confortevoli quando le condizioni luminose cambiano e uno dei principali bisogni di chi guida. Quando ci si imbatte nei riflessi provocati dal sole, specialmente sul manto stradale e sul parabrezza, risulta fondamentale avere la giusta lente per evitare spiacevoli e pericolose situazioni.
La soluzione che ZEISS ha ideato per tutti coloro che passano molto tempo alla guida è il segmento ZEISS Drive che racchiude lenti polarizzate che garantiscono una perfetta protezione dai raggi solari e la gamma di lenti ad alte performance SkyLet, esclusiva di ZEISS.

ZEISS ACTIVE: LENTI DA SOLE PER GLI SPORT ADDICTED

In Italia una persona su quattro pratica sport all’aria aperta. Di questi, il 79% indossa occhiali da sole e, con l’arrivo dell’estate, il numero è destinato ad aumentare. Per questa fetta di popolazione, i laboratori ZEISS propongono la gamma ZEISS Active ideata appositamente per tutti gli amanti delle attività in esterno, che offre non solo una protezione dai raggi UV, ma anche da fenomeni come vento, riverbero e acqua.
Colori ad alte performance, innovative specchiature e la tecnologia Cosmetic Edge® per lenti avvolgenti, unitamente al trattamento DuraVision® Sun, per abbattere i riflessi sulla superficie interna, rendono queste lenti un prodotto indispensabile per tutti gli sport addicted. I colori e le 4 specchiature della collezione ZEISS DuraVision® Mirror completano l’offerta, contribuendo a fornire un look ad hoc e una visione senza limiti.

Joseph Stiglitz premio Nobel da consigli preziosi – Ma il mondo non ascolta !

Riportiamo quanto segnalato  già all’inizio del  2014 e che ci sembra più che mai ATTUALE.

 Joseph Stiglitz è tra i creatori dell’ Economia dell’Informazione e tra gli autori del Rapporto Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici delle Nazioni, documento che lo ha portato a guadagnarsi il premio Nobel per la pace.

Per Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’economia nel 2001, tutta l’Europa è in recessione, Germania compresa. MA LA COSA INTERESSANTE E’ CHE LO DICEVA DUE ANNI FA !

Inoltre Stiglitz , sottolinea giustamente  il fatto che non se ne prenda atto e, ancora peggio, non si ricorra a rimedi immediatamente; senza alcuna esitazione (continuiamo a ricordare  che queste parole furono scritte due anni fa).

La Germania ha perso il treno; nel momento dei suoi successi economici non ha varato quelle misure espansionistiche e di aumento dei salari per stimolare la domanda; misure che l’attuale situazione non permette più.

Bloccando lo sviluppo delle nazioni critiche come la Grecia, la Germania ha innescato una tendenza negativa della quale ora paga le conseguenze.

Joseph Stiglitz accusa i politici di tutta Europa anche di avere messo in atto politiche sbagliate come quella dell’ austerity “a tutti i costi”.

Anche l’attuale situazione in Ucraina, con scambi di sanzioni che penalizzano le economie, non aiuta di certo.

Ovviamente i grandi capitali fuggono e puntano sulla rivalutazione del dollaro, sia perché l’economia USA sta dando segni di ripresa, sia perché il dollaro è da sempre una moneta di rifugio nelle turbolenze geo-politiche.

Per l’Europa una svalutazione può rappresentare una svolta positiva nelle esportazioni; vedremo se ne saprà approfittare al meglio.

Joseph Stiglitz sostiene che l’Europa stia rischiando una fuga di capitali di proporzioni mai viste (ma di solito queste cose avvengono negli anni nel silenzio generale e quando tutti se ne accorgono è perché un grosso guaio è già successo). 

A noi, a questo proposito, risulta che gli italiani siano i migliori acquirenti di appartamenti di lusso a Londra, nella zona di Chelsea; davanti agli arabi, ma loro i soldi li prendono dal petrolio e gli italiani da dove li hanno presi tutti quei soldi per superare gli arabi ?

Chiudiamo la parentesi casalinga e torniamo al nostro premio Nobel.

A proposito dell’Euro, Joseph Stiglitz sostiene che il suo smantellamento sarebbe tanto costoso che non dovrebbe nemmeno essere preso in considerazione.

L’Europa ha perso un decennio, ma ora rischia di perdere il prossimo quarto di secolo e di arrivare perdente, diciamo noi, agli anni critici del 2035-40, quando si prevede una punta allarmante di gravi problemi per carenze energetiche e acqua potabile, cambiamenti climatici e sovrappopolazione.

Joseph Stiglitz si domanda anche perché, con una disoccupazione ufficiale media del 12%, l’Europa non abbandoni l’ austerity e vari piani di investimenti pubblici e di sostegno ai privati.

Le prime riforme, suggerite da Joseph Stiglitz, sono la riforma fiscale europea e una tassa comune sulle rendite finanziarie.

Insomma, Stiglitz suggerisce un approccio socialdemocratico.

Abbiamo assecondato troppo la Germania e non si capisce perché NON abbiamo preso esempio dalla FED americana i cui interventi stanno dando dei risultati positivi.

Due dei suoi libri:

-L’euro. Come una moneta comune minaccia il futuro dell’Europa

-La globalizzazione e i suoi oppositori

 

Banche salvate – Fondi pensioni perdono tutto …. ma non si dice in Italia

Lo abbiamo saputo seguendo la Radio della Svizzera Italiana:

i fondi pensione PERDERANNO TUTTI I SOLDI CHE HANNO INVESTITO NELLE BANCHE che sono fallite !!!!

Mentre ai piccoli risparmiatori dovrebbe arrivare un rimborso, ma sicuramente dopo una burocrazia che ha la forza di uno tzunami ….

Le notizie non hanno bisogno di commenti …

Salute in un bicchiere d’acqua – ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO “PURA DI ROCCIA”

Un’acqua pura e leggera  con un residuo fisso pari a 32,8

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO È ON AIR CON “PURA DI ROCCIA”

La nuova acqua minimamente mineralizzata e povera di sodio protagonista dello spot televisivo in onda dal 25 Giugno

Dal 25 Giugno, Pura di Roccia è in onda sul principale canale del Gruppo Cairo, La 7 con uno spot dedicato della durata di 7’’, in cui appare in tutta la sua limpidezza circondata dalle bianche vette alpine da cui scaturisce.

Pura di Roccia è una nuova fonte del gruppo San Benedetto di origine montana: un’acqua pura e leggera  con un residuo fisso pari a 32,8; inoltre, grazie, alla sua composizione è indicata per le diete povere di sodio.

Dal packaging innovativo e accattivante, Pura di Roccia è proposta nell’esclusiva bottiglia “snella” da 1,25L che esalta la verticalità per ricordare le vette alpine ed è impreziosita dall’etichetta trasparente con la prevalenza del bianco per rendere omaggio alla purezza della fonte.

 

Arte a Milano 28 giugno 2017- Aperitivo – evento – Instameet al Museo Poldi Pezzoli

Aperitivo Instameet al Museo Poldi Pezzoli

28 giugno, dalle ore 18.00 alle ore 21.00

Mercoledì 28 giugno, dalle ore 18.00 alle ore 21.00, il Museo organizza un aperitivo aperto a tutti con la possibilità di partecipare all’Instameet firmato Poldi Pezzoli, in collaborazione con Canon Italia.

Per l’occasione sono invitati alcuni instagramers selezionati dai responsabili dei social network di Canon Italia e del Museo Poldi Pezzoli.

Nel corso della serata si potranno visitare le mostre in corso, seguire una visita guidata alle collezioni del Museo e prendere un aperitivo con gli amici.

Ci sarà inoltre la possibilità di utilizzare gratuitamente le macchine fotografiche messe a disposizione da Canon Italia, per immortalare le opere e gli ambienti preferiti e condividere le proprie foto sui canali social Instagram, Facebook e Twitter.

Si ringrazia: Campari e Canon Italia

Ingresso: 10 euro | 5 euro per i giovani under 26.

Per info e prenotazioni: info@museopoldipezzoli.org – Tel. 02 794889 | 02 796334

Furti in casa – 10 consigli e …

Furti estivi: 10 consigli per proteggere la vostra casa

È bene evitare di scrivere messaggi su facebook o altro, che indichino in modo preciso le date di partenza e ritorno dai nostri viaggi, pericoloso pubblicare foto e far sapere che siete al mare  … e quindi non in casa … PENSATECI PRIMA !!!

Dal 2010 a oggi, i furti in abitazione sono quasi raddoppiati:

da ManoMano.it, dieci consigli e prodotti a basso costo per mettere la propria casa in sicurezza durante le vacanze estive:

Installate un antifurto 

La prima protezione contro i ladri, e il metodo migliore per tenerli lontani, è senza dubbio l’antifurto. Ne esistono di diversi tipi, dai più complessi ai semplici kit di allarme, appartenenti alle più disparate fasce di prezzo e collegati o meno con le Forze dell’Ordine: bisogna solo trovare quello più adatto alle proprie esigenze.

Per chi non volesse investire molti soldi nell’installazione di un antifurto, esistono dei sistemi d’allarme a batteria da applicare sugli infissi a partire da 1 euro!

ALLARME A BATTERIA, a 1,06 euro su ManoMano.it

Affidatevi ai vicini

Quando siamo via di casa, i vicini possono diventare i nostri migliori alleati.

Non solamente per riportarci rumori sospetti fuori o all’interno dell’abitazione, ma anche per occuparsi di tutte quelle faccende che fanno sembrare, dall’esterno, che sia presente qualcuno in casa.

Può essere utile chiedere loro di

-ritirare la posta,

-annaffiare le piante

-accendere eventuali luci esterne alla sera (questo possiamo farlo noi con un semplice oggetto che vendono tutti gli elettricisti).

Tenete a bada i social network

Viviamo nell’era della condivisione, ma postare sui social network aggiornamenti fin troppo precisi sulle nostre ferie, può essere rischioso.

È bene quindi evitare di scrivere messaggi che indichino in modo preciso le date di partenza e ritorno dai nostri viaggi e, se proprio dobbiamo farlo, lasciare intendere che la casa non sarà completamente vuota. Soprattutto, controllare sempre le impostazioni della privacy, in modo da capire chi può effettivamente vedere quello che pubblichiamo.

Fate notare la vostra presenza all’esterno…
Il metodo migliore per scoraggiare qualcuno dall’entrare a rubare in una casa è fargli credere di poter essere visto e identificato: è bene perciò che qualsiasi sistema di sicurezza di questo tipo sia bene in vista, finto o vero che sia.

TELECAMERA FINTA, a 3,90 euro su ManoMano.it

E all’interno!

Altro modo per tenere lontani i ladri è dar loro l’idea che qualcuno sia in casa.

Esistono ormai molti dispositivi che possono far sembrare che sia effettivamente così, come lampadine che si spengono e si accendono in autonomia regolando un timer, ma anche luci che simulano l’effetti di un televisore acceso.

TELEVISIONE FINTA, a 20,90 euro su ManoMano.it

Rendete sicuri gli infissi

Soprattutto se si vive a un piano basso, porte e finestre sono la prima cosa da mettere in sicurezza. Per le prime, scegliete i modelli blindati, per le seconde potete optare per inferriate (l’importante è che lo spazio tra le sbarre non superi i 12cm) o, se volete qualcosa di più discreto, per barriere da esterno radio.

BARRIERE DA ESTERNO RADIO, a 19,41 euro su ManoMano.it

Guadagnate tempo

Se anche dopo aver seguito tutti questi consigli sulla sicurezza, qualcuno dovesse riuscire a entrare nella nostra casa, è meglio non farsi cogliere impreparati.

Più tempo i ladri impiegano a cercare oggetti di valore, più possibilità c’è di riuscire a prenderli (in particolar modo se siamo muniti di un antifurto), perciò nascondeteli nei posti più impensabili e soprattutto evitate di essere ovvi.

— Ricordate che i primi posti in cui guarderanno sono armadi, cassetti, vasi, quadri, letti e tappeti.

Non lasciarte grandi somme di denaro

Installare i più disparati sistemi di sicurezza per evitare intrusioni in casa è giusto, ma lo è anche evitare di lasciare un ricco bottino da rubare. Perciò, no al gruzzolo sotto al materasso: prevenire è meglio che curare.

Fotografate gli oggetti di valore
Rimanendo in tema di precauzioni, è un’ottima idea quella di fotografare gli oggetti di valore prima di partire, in modo da facilitare il lavoro alle Forze dell’Ordine nel caso di recupero della refurtiva.

Non entrate dalle porte aperte
Se tornando dalle vacanze trovate la porta aperta, non entrate: potreste trovare un ladro all’interno e la sua reazione sarebbe imprevedibile.

Per evitare qualsiasi rischio, la cosa migliore da fare è chiamare il 113 e aspettare l’arrivo delle Forze dell’Ordine fuori dall’abitazione.

 

Dati rapporto BES ISTAT :

Nell’arco di 10 anni, i furti in abitazione sono più che raddoppiati dall’8,5 per 1.000 del 2004 al 17,9 per 1.000 del 2013, con un incremento via via meno intenso dopo il primo picco raggiunto nel 2007 e la crescita vertiginosa avvenuta dal 2009, per poi rimanere stabili nel 2014[1].

Da 3,6 rapine ogni 100 mila abitanti nel 2010, si è passati a 5,3 nel 2015: un dato allarmante.

***
ManoMano.it
ManoMano nasce nel 2013 da un’idea di due colleghi di lavoro, Philippe de Chanville e Christian Raisson, grandi appassionati di fai da te. Entrambi si rendono conto che c’è qualcosa che manca nel mondo del bricolage e del giardinaggio: la scelta online di prodotti specifici per realizzare i loro progetti è molto limitata. È così che nasce l’idea di creare ManoMano, oggi primo e-commerce dedicato al fai da te e al giardinaggio in Europa. ManoMano ha chiuso il 2016 con un volume d’affari di 90 milioni di euro e conta oltre 100 collaboratori che dalla sede parigina gestiscono le operazioni internazionali in Italia, Spagna, Belgio, Regno Unito e Germania.

Traghetti sconti – Corsica – Elba e Sardegna conviene prenotare !

Elementare: per Corsica, Elba e Sardegna conviene prenotare!

 Con le Navi Gialle, fino al 50% di sconto su passeggeri, veicoli e sistemazioni, prenotando dal 25 giugno al 1° luglio 2017

Vado Ligure, 25 giugno 2017 – Una nuova offerta di Corsica Sardinia Elba Ferries:per le prenotazioni effettuatedal 25 giugnoal 1° luglio e per viaggi fino al 31/10/2017, su passeggeri, veicoli e sistemazioni è applicato uno sconto immediato fino al 50%!

La promozione è valida per i collegamenti con le tre isole servite dalla Compagnia: Corsica, Sardegna e Isola d’Elba.

“Questa promozione estiva vuole incoraggiare gli indecisi, che non sanno ancora dove trascorrere le prossime vacanze, rendendo più accessibili le nostre destinazioni.

Lo sconto fino al 50% è disponibile su moltissimi viaggi diurni e notturni, su passeggeri, veicoli, cabine e poltrone” afferma Raoul Zanelli Bono, direttore commerciale di Corsica Sardinia Elba Ferries.

L’offerta è valida sulle tariffe, al netto di tasse e diritti, di passeggeri, veicoli (auto e moto) e sistemazioni (cabine e poltrone).

La promozione non è retroattiva, è soggetta a specifiche condizioni e alla disponibilità di posti. I biglietti emessi in questa tariffa non sono rimborsabili, né modificabili.

Per prenotazioni, informazioni e condizioni: www.corsica-ferries.it.

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.

La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.

Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.

Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.

Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.

A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

Per informazioni

CORSICA FERRIES – SARDINIA FERRIES

Calata Nord – 17047 Porto Vado (SV)

Prenotazioni Tel. 199 400 500 Fax. 019 2155300

www.corsicaferries.comwww.sardiniaferries.comwww.elbaferries.com

Taormina International Book Festival VII edizione – “Padri & Figli”

Taormina International Book Festival

VII edizione – “Padri & Figli”

dal 24 al 28 giugno 2017

Taobuk è ideato e diretto da Antonella Ferrara

IL PROGRAMMA DI LUNEDÌ 26 GIUGNO

www.taobuk.it

 La serata inaugurale di Taobuk, che si è svolta sabato 24 giugno nella magnifica cornice del Teatro Antico di Taormina, ha riportato uno straordinario successo di pubblico, che ha ascoltato e applaudito con entusiasmo gli ospiti protagonisti dell’evento.

Il festival, dedicato quest’anno al tema “Padri & Figli” prosegue fino a mercoledì 28 giugno con tavole rotonde, momenti musicali e di spettacolo, reading, mostre di fotografie, botteghe del gusto, itinerari turistici, proiezioni di film.

Domani, lunedì 26 giugno,dalle ore 9 alle 12 si terrà  all’Archivio Storico un seminario dal titolo “Comunicazione dinamica e dinamiche della comunicazione”, condotto dalla progettista culturale Angela D’Arrigo e dall’archeologa Grazia Salamone e promosso dall’Associazione Culturale Dracma Circulating Culture. Un seminario che approfondisce il ruolo della comunicazione nella  progettazione e valorizzazione del patrimonio e delle attività culturali, con focus sui Beni archeologici. (Prenotazione obbligatoria, al link indicato sul sito).

Sempre all’Archivio Storico, alle ore 12, ci sarà una conversazione con Fabio Viola, co-autore del libro L’arte del Coinvolgimento (Hoepli) e di Father and Son, il primo videogioco prodotto da un museo. Fabio Viola. Tra i TOP 10 gamification designer al mondo, coordina il corso di alta formazione in Gamification ed Engagement Designer per IED Milano, è Presidente di TuoMuseo, premiata start up culturale con la quale ha sviluppato il videogioco Father and Son. Modera Angela D’Arrigo dell’Associazione culturale Dracma Circulating Culture.

Alle ore 12, al ristorante La Baronessa, ci sarà il secondo appuntamento con Fud Hub, un ciclo di conversazioni con nomi prestigiosi del panorama culinario italiano. La curatrice, giornalista e critica enogastronomica Fernanda Roggero dialogherà con Heinz Beck, uno dei più noti esponenti dell’alta  gastronomia internazionale, pluripremiato del primo e unico  ristorante tre stelle Michelin di Roma, La Pergola. Estro e originalità sono le doti con cui Beck è riuscito a imporsi da subito sulla scena della grande cucina europea e italiana con uno stile unico al mondo.

A partire dal pomeriggio fino a sera, il San Domenico Palace Hotel sarà il luogo dove si svolgeranno tutti gli appuntamenti di Taobuk.

Alle ore 15, il giornalista, scrittore e politico Giancarlo Mazzuca dialogherà con Pietro Perconti, prorettore alla Didattica dell’Università di Messina. Partendo dall’analisi contenuta nel suo saggio Mussolini e i musulmani (Mondadori) si analizzeranno i legami e le relazioni dell’Italia con il mondo arabo, in un tempo in cui il Mediterraneo non era ancora una frontiera invalicabile.

Alle ore 16 ci sarà la presentazione dell’ultimo libro di Michela Marzano, L’amore che  mi resta (Einaudi), che affronta il tema del dolore assoluto di una maternità straziata da una tragedia familiare. Michela Marzano, professore ordinario di filosofia morale all’Università Paris Descartes ed editorialista de La Repubblica, dialogherà con Graziella Priulla, del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Catania..

A seguire, alle ore 17, si terrà l’incontro Figli dell’Europa, in collaborazione con ANG – Agenzia Nazionale Giovani. Per le storie, esperienze e testimonianze di giovani che hanno tracciato un percorso di eccellenza, di impegno e di passione sarà possibile ascoltare Diego Cimino, il più giovane diplomatico italiano, inserito da Forbes tra gli under 30 di maggiore successo al mondo. Intervengono Michele Tranquilli, Giacomo D’Arrigo; modera Paolo Borrometi.

Alle ore 18, per “Un percorso tra i maestri del pensiero moderno”, dal libro Breve storia della mia filosofia (Castelvecchi), si terrà la lectio magistralis della filosofa di fama mondiale Agnes Heller, considearata una dei più grandi esponenti del pensiero e del dibattito filosofico attuale.

Alle ore 19 Padri e figli. Oltre i fornelli, terzo appuntamento di Fud Hub, curato e condotto da Fernanda Roggero: una conversazione con lo chef Niko Romito, che gestisce con la sorella Cristiana il ristorante Reale, ospitato in un ex monastero dove ha anche inaugurato un boutique hotel e una scuola di cucina professionale.

Alle ore 20, si terrà la conversazione sul senso della memoria e la militanza del ricordo – “Il silenzio della dittatura e l’urgenza della memoria. Vite di padri e figli scomparsi nell’imbuto della Storia.” – con Elsa Osorio. Un racconto sulle vite rubate di padri e figli desaparecidos, vittime di una delle vicende più dolorose della storia recente dell’Argentina. Elsa Osorio dialoga con Rosa Maria Di Natale.

Chiuderà la giornata, alle ore 21, l’incontro con Luciana Littizzetto, la regina della comicità e dello sberleffo. Si tratta della presentazione de La bella addormentata in quel posto (Mondadori) di Luciana, autrice di un  libro esilarante che fa riflettere sulle cose più strampalate del nostro mondo, dal ciuffo di Donald Trump alla smania tecnologica che contagia tutti, con leggerezza e grande spasso. Luciana Littizzetto dialogherà con lo scrittore e interprete Paolo Maria Noseda.

Taobuk – Taormina International Book Festival, a cui è stata conferita la Medaglia del Presidente della Repubblica, è patrocinato dal Mibact-Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. È sostenuto e promosso da Regione Siciliana – Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo, Dipartimento Turismo, Sport e Spettacolo, Agenzia per la Coesione Sensi Contemporanei, Agenzia Nazionale per i Giovani, Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Comune di Taormina, Parco Archeologico di Naxos, Associazione Albergatori di Taormina, Federalberghi; e con il contributo di Università degli Studi di Messina, Teatro Massimo Bellini di Catania, Sac Società Aeroporto Catania, Taormina Arte, Fondazione Bonino Pulejo, Consiglio Nazionale Forense, Ordine degli Avvocati di Messina, Eberhard & Co Italia, Banca Agricola Popolare di Ragusa, Jaguar Land Rover, Videobank, Gais Hotels Group. La Rai è main mediapartner di Taobuk; Rai1, Radio3, Gazzetta del Sud e @Stoleggendo sono mediapartner.

Info: www.taobuk.it

FB Taobuk | TW @TaobukFestival #Taobuk17 | IG @taobukfestival

 

Salute – Tumori femminili prevenzione e ricerca

Tumori femminili

Negli ultimi dieci anni i casi di tumore nel mondo sono aumentati del 33% …  maggiore sopravvivenza, più agevole accesso alle cure e migliore qualità della vita delle pazienti …

… permangono intollerabili diseguaglianze in termini di accesso alla salute e ai servizi sanitari, aspettativa di vita e mortalità …

Il cancro è ancora la seconda causa di morte nel mondo dopo le malattie cardiovascolari…

In Italia l’incidenza dei tumori femminili è in aumento, solo nel 2016 sono stati registrati  50.000 nuovi casi di tumore della mammella …

Grazie alla prevenzione, però, la sopravvivenza delle pazienti in Italia è mediamente più elevata rispetto al resto d’Europa.

Prevenzione e ricerca le chiavi di un “Futuro in Rosa”

Roma, Senato della Repubblica –

A che punto sono la prevenzione e la ricerca sui tumori femminili nel nostro Paese?

Ne hanno parlato alcuni dei principali attori del sistema Salute italiano nella tavola rotonda  “Futuro in Rosa”, tenutasi in Senato con il sostegno non condizionato di Daiichi Sankyo. Un incontro più che mai necessario poiché, se è vero che la ricerca scientifica ha consentito negli ultimi anni un aumento della sopravvivenza, restano indispensabili il confronto e la stretta collaborazione tra Istituzioni, Classe Medica, Industria e Associazioni di Pazienti, o il tumore continuerà ad avere l’ultima parola.

Negli ultimi anni, rispetto ai tumori femminili si sono registrati maggiore sopravvivenza, più agevole accesso alle cure e migliore qualità della vita delle pazienti. Ma la ricerca sta aprendo ulteriori prospettive, sia nella prevenzione che nella cura: i tumori femminili saranno sempre più curabili.

Bisogna mettere le strutture sanitarie in grado di recepire e attuare i grandi progressi fatti dalla ricerca” ha dichiarato il Senatore Lucio Malan, che ha promosso e aperto la discussione fra i partecipanti alla tavola rotonda.

I dati sono chiari.

Negli ultimi dieci anni i casi di tumore nel mondo sono aumentati del 33%, un trend in continua crescita, dovuto anche al generale invecchiamento della popolazione.

Il cancro è ancora la seconda causa di morte nel mondo dopo le malattie cardiovascolari e, per le donne, il tumore più comune resta quello al seno, che solo nel 2015 ne ha colpite 2,4 milioni.

Le malattie croniche, trasmissibili o non trasmissibili come i tumori, sono patologie in cui permangono intollerabili diseguaglianze in termini di accesso alla salute e ai servizi sanitari, aspettativa di vita e mortalità, tanto più intollerabili in quanto molte di queste malattie sono oggi prevenibili e curabili – ha spiegato il Prof Stefano Vella,  direttore del centro per la Salute Globale dell’ISS- Per affrontare questi problemi è cresciuto il concetto di Salute Globale, un’area emergente e intersettoriale di studio, ricerca e azione, orientata al miglioramento della salute di tutta l’umanità, superando le prospettive, gli interessi e le possibilità delle singole nazioni”.

Numeri e prevenzione. In Italia l’incidenza dei tumori femminili è in aumento, solo nel 2016 sono stati registrati  50.000 nuovi casi di tumore della mammella. Questo dato, strettamente legato alla decisione di alcune Regioni di ampliare la fascia di screening mammografico, ha rivelato un aumento significativo dell’incidenza tra i 45 e i 49 anni.

Grazie alla prevenzione, però, la sopravvivenza delle pazienti è mediamente più elevata rispetto al resto d’Europa.

Nel tumore al seno la sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi si avvicina al 90%, e al 68% per il tumore alla cervice uterina, percentuali ancora più elevate quando la malattia viene diagnosticata nel suo stadio precoce.

I programmi di prevenzione, quindi, contribuiscono a ridurre significativamente la mortalità nel nostro Paese, che è in testa alla classifica europea sulla sopravvivenza per quasi tutti i tumori.

 

Qualità della prevenzione Si potrebbe fare di più. Alcuni studi scientifici, infatti, dimostrano che se una donna si affida a strutture specializzate come le Breast Unit, ha una percentuale di sopravvivenza più alta del 18% rispetto a coloro che si rivolgono a strutture non specializzate.

Anche se i più moderni approcci terapeutici hanno portato ad un forte miglioramento della prognosi, ancora oggi troppi fattori di rischio non vengono sufficientemente considerati: cattiva alimentazione, fumo, mancanza di attività fisica.

A queste cattive abitudini va naturalmente aggiunto l’elemento umano psicologico della paura che rallenta o frena l’esecuzione dei dovuti controlli, e che può essere affrontato con adeguate campagne che esaltino il ruolo delle associazioni nell’informazione, prevenzione e assistenza fisica e psicologica alle pazienti e alle famiglie colpite da questo tipo di patologie.

Affrontare il cancro significa affrontare un cammino lungo che inizia con la diagnosi e prosegue con le terapie e i controlli periodici fino alla guarigione o cronicizzazione della malattia, soprattutto per quanto riguarda i tumori femminili.

Ma alcuni effetti collaterali possono perdurare anche dopo la conclusione delle terapie e altri possono manifestarsi a distanza di mesi o anni ed in molti casi chi ha avuto un tumore presenta un rischio maggiore, rispetto alle persone sane, di svilupparne un secondo.

E’ importante che si investa anche in ricerca e prevenzione terziaria per completare il processo di cura che consenta di ricominciare a vivere dopo il cancro, ritornare alla normalità, trovare nuovi equilibri, accettare e valorizzare le mutate capacità ed abilità relazionali, lavorative, psicofisiche – ha dichiarato Elisabetta Iannelli Vice Presidente AIMaC (Associazione Italiana Malati di Cancro) e segretario generale FAVO (Federazione Associazione di Volontariato in Oncologia) – La F.A.V.O. e le organizzazione dei malati oncologici affermano con forza e convinzione l’importanza del sostegno psicologico, dell’adesione agli screening ed ai corretti stili di vita, dell’inclusione socio-lavorativa nella consapevolezza che, solo in questo modo, si potrà vincere la sfida della sopravvivenza al cancro e che alla guarigione clinica possa realmente corrispondere quella sociale”.

Ricerca, Prevenzione, Risorse. Il progresso della scienza dipende strettamente dalle risorse che in essa vengono investite: se scienziati e ricercatori disponessero di maggiori finanziamenti, la vittoria contro il cancro sarebbe più veloce e sempre più vicina.  Investire quindi cifre importanti di denaro nella ricerca scientifica non è solo una scelta di importanza vitale per il bene comune, ma anche una strategia lungimirante e conveniente per il sistema sanitario ed economico dell’intero Paese. L’Italia sta già agendo in questa direzione, infatti il Governo ha appena stanziato 500 milioni per farmaci innovativi nella cura del cancro.

Siamo molto felici di aver sostenuto la realizzazione di questo importante incontro. La mission di Daiichi Sankyo è  da sempre ‘Passione per l’innovazione e considerazione per i pazienti’ e ci impegniamo ogni giorno a tradurlo in realtà, rispondendo ai bisogni non ancora soddisfatti dei pazienti,  non solo attraverso lo sviluppo di terapie farmacologiche innovative per il miglioramento della loro qualità di vita, ma anche offrendo il nostro contributo nell’aumentare l’attenzione alla prevenzione e alla diagnosi precoce, due aspetti di vitale importanza, per i quali serve la collaborazione di tutti   – ha concluso Massimo Grandi Presidente e Amministratore Delegato di Daiichi Sankyo Italia, spiegando il motivo per cui l’azienda farmaceutica giapponese ogni anno investe circa il 23% del suo fatturato globale in ricerca e sviluppo e contribuisce in modo incondizionato a iniziative di disease awareness.

Eventi come quello di oggi nascono proprio per rafforzare la partnership tra istituzioni, associazioni e privati al fine di raggiungere questo comune obiettivo, una migliore sensibilizzazione su queste patologie”.

 

DonnE…Cultura