A BOLOGNA CROWDFUNDING PER RIDISEGNARE IL MUSEO TOLOMEO DELL’ISTITUTO DEI CIECHI

MuseoMix è un modo diverso di vivere i musei … All’interno di Museomix tutte le professionalità sono ben accette, mediatori, artigiani, designer, sviluppatori, grafici, comunicatori, artisti, scrittori, ricercatori…

Grazie al supporto di KICK-ER, servizio di orientamento al crowdfunding di Aster, l’Istituto dei ciechi “Francesco Cavazza” lancia una raccolta fondi e chiede a maker e professionisti del mondo digitale e della cultura di ridisegnare e innovare il Museo Tolomeo.

L’Istituto dei ciechi “Francesco Cavazza” di Bologna lancia una campagna di crowdfunding e chiama a raccolta designer, artigiani, grafici, sviluppatori, artisti, ricercatori e scrittori per ridisegnare il Museo Tolomeo di Bologna e le sue modalità di fruizione e comunicazione.

Per raccogliere i 3 mila euro necessari alla realizzazione del progetto MuseoMix, l’Istituto ha avviato una raccolta fondi grazie al supporto di Kick-ER, il servizio di orientamento al crowdfunding gestito da Aster (consorzio regionale per l’innovazione e la ricerca industriale).

Per contribuire occorre andare nella sezione del portale www.ideaginger.it (http://www.ideaginger.it/progetti/museomix-a-museo-tolomeo.html) dedicata all’iniziativa.

I sostenitori del progetto avranno la possibilità di partecipare a serate di lettura ad alta voce di testi in braille, di avere il proprio ritratto all’interno della galleria virtuale del museo, sino alla possibilità di pernottare al suo interno.

MuseoMix è un format internazionale (di matrice francese), un laboratorio co-creativo di tre giorni che raccoglie professionisti con vari profili nel cuore di un museo.

Obiettivo: progettare e prototipare nuove esperienze e attività di museologia digitale. I dispositivi creati sono basati su spazi e contenuti (mostre, collezioni, architettura, contenuti digitali, spazi pubblici ecc) messi a disposizione dal museo, che si ritrova quindi “invaso” da questa comunità.

MuseoMix è una comunità aperta e variegata di appassionati di cultura, tecnologie, innovazione, che condividono una vision: musei aperti, partecipativi e connessi tra loro.

All’interno di Museomix tutte le professionalità sono ben accette, mediatori, artigiani, designer, sviluppatori, grafici, comunicatori, artisti, scrittori, ricercatori, per citarne solo alcuni, si ritrovano all’interno di un museo per “mixarlo”.

MuseoMix è un modo diverso di vivere i musei, che ha tra i suoi obiettivi quello di individuare insieme delle risposte a dei bisogni di tutta la comunità locale.

Nel 2016 per il primo anno 4 musei italiani hanno superato la candidatura a MuseoMix, e tra essi c’è Museo Tolomeo! Nei tre giorni di MuseoMix (11-12-13 novembre 2016), Museo Tolomeo può diventare così un luogo in cui fare emergere le eccellenze e i luoghi virtuosi della città di Bologna, insieme alla sua storia e alla volontà di chi ha investito per rendere libere e autonome le persone attraverso la cultura e la conoscenza.

Il Museo Tolomeo è stato aperto nel gennaio 2015 presso l’Istituto dei Ciechi “Francesco Cavazza” in occasione di ArtCity, con progetto a cura di Fabio Fornasari (architetto museologo) e Lucilla Boschi (curatore esperto in intermedialità). Museo Tolomeo presenta un’esperienza articolata in un racconto che ricombina memorie, conoscenze, testimonianze relative alla storia della città di Bologna, intrecciata in modo indissolubile con quella dell’Istituto “Cavazza”. Il Museo è anche il punto di partenza per intraprendere un viaggio con un punto di vista differente sulla città di Bologna, per scoprire che visivo e non-visivo sono modalità complementari per conoscere la realtà. Idealmente, la prima sala del museo è la Città di Bologna. In particolare, la sezione urbana rappresentata da via Castiglione, che intreccia la storia delle istituzioni cittadine e delle forme di produzione e di creatività che in essa hanno avuto luogo. Una storia a volte non raccontata, per certi aspetti sconosciuta.

L’istituto Cavazza diventa così un punto di vista differente nel quale convergono gli elementi che compongono la narrazione museale.

Una splendida novità verso un futuro migliore! Non solo veleni a livello strada…

PASSEGGIATA SOLARE ! Non un  progetto, ma una realtà già esistente.

Alla George Washington University (GW) hanno realizzato un marciapiede fotovoltaico.

Non più veleni a livello strada, ma produzione di energia.

Questi speciali pannelli solari sono calpestabili e anti scivolo; la luce viene convertita in energia solare.

Un marciapiede pedonale che converte la luce solare in energia elettrica.

-I pannelli solari calpestabili sono già una realtà; si tratta di un prolungamento del marciapiede pubblico all’incrocio tra Boulevard e GW University Drive.

Eric Selbst è il responsabile del progetto a GW.

I MIGLIORI AUGURI PERCHE’ QUESTO TIPO DI PROGETTO ABBIA LA MAGGIOR DIFFUSIONE POSSIBILE, PER LA SALUTE DI TUTTI NOI: basta veleni da scarico auto e riscaldamento, le cui prime vittime sono i bambini che respirano più veleni degli adulti (sia perché sono più bassi e quindi respirano molto più inquinamento di un adulto sia perché il bambino respira più velocemente di un adulto e quindi immette più veleni a parità di tempo).

BARCELLONA, UNA CITTA’ PER TUTTI.

Barcellona 672 Sagrada familia sd gotico

Sagrada Familia.

barcellona Palau_de_la_Musica_Catalana_-_interior_2

Palau de la Musica Catalana.

BARCELLONA.

UNA CITTA’ VIVA E SEMPRE SORPRENDENTE COME IL SUO MUSEO DELLE CERE E L’ANNESSO BOSCO DELLE FATE, UN BAR CHE E’ DIVENTATO UN LUOGO DI INCONTRO INTERNAZIONALE. 

BARCELLONA 672 SCULTURA 1 copy

Sculture lungo le nuove passeggiate a mare.

Barcellona Casa Milà

Casa-Milà.

Barcellona, le nuove spiagge

barcellona Torre_Agbar

Torre  Agbar.

barcellona Palau_de_la_Musica_Catalana_-_interior_2

Palau de la Musica Catalana; da non perdere se amate il Modernismo (Liberty). Un vero capolavoro. Visite prenotabili, anche sino al tetto con vista panoramica sulla città.

Barcellona casa con sculture

 

Fantasie disegnate sulle case ristrutturate e fonte mare.

Barcellona monumento a Cristoforo Colombo

Monumento a Cristoforo Colombo; monument a Colom.

Barcellona centro

Placa del Portal de la Pau.

Barcellona funivia sul mare

Barcellona sul mare, il porto ristrutturato e la panoramica funivia che offre la possibilità di sorvolare la città.

sagradafam_barcelona_s13367101

Vetrate della Sagrada Familia. Prenotare l’ingresso per non affrontare code di ore.

barcellona 672 mn boqueria

La Boqueria.

Barcellona El+Bosc+de+les+Fades

BAR: “El Bosque de les Fates” ovvero Il Bosco delle Fate. Di fianco al museo delle Cere.

Barcellona Bar Las Fatas lievitazione del cadavere

El Bosque de les Fates: lievitazione.

Barcellona bar de las Fatas

El Bosque de les Fates.

Moltissimi conoscono Barcellona almeno per la sua vita notturna,  o per il fascino artistico del “Modernismo“, la versione spagnola dello stile “Liberty“. L’UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità gli edifici più rappresentativi degli architetti catalani Antoni Gaudí e Lluís Doménech i Montaner. 

Barcellona dove?

-la cattedrale neogotica di Santa Maria del Mar (da non perdere se amate l’arte) e  il Barrio Gotico con il Museo Picasso, da non dimenticare anche il bellissimo Palau de la Música Catalana in stile modernista

-la “Sagrada Familia” (lunghissime code !), famosa opera di Gaudì 

-La Rambla per fermarsi al Mercato della Boqueria; anche a mangiare e il Gran Teatre du Liceu

-il quartiere Passeig de Gracia: Casa Battlò e La Pedreira, le due famose case costruite da Gaudì, a poca distanza una dall’altra. La visita è un poco costosa, ma imperdibile se amate l’architettura e gli arredi insoliti.

-BARCELLONA LETTERARIA: Carlos Ruiz Zafón è LO SCRITTORE MODERNO PIU’ LETTO dagli italiani, soprattutto tra i più giovani: uno stile scorrevole per intricate e sorprendenti trame gotiche…vedi a questo proposito http://traveldifferent.it/itinerari-alternativi/barcellona-zafon-ombra-del-vento.html

-SCENOGRAFICA: la funicolare che porta a Montjuic.

-Il nuovo RENAISSANCE BARCELONA FIRA (www.marriot.com) Plaza Europa, 50-52,L’Hospitalet de Llobregat  Barcelona (zona sud ovest, 10′ di auto dal centro), assomiglia ad una foresta tropicale: si tratta di un nuovo edificio realizzato da Jean Nouvel:

due grattacieli vicini sono collegati tra loro da un ristorante panoramico nel punto più alto. Impagabile la vista sulla città  !

-Per i bambini e per chi si sente tale:il famoso Park Guell, non in centro; ci si arriva con i mezzi pubblici: all’aperto con sorprendenti sculture multicolore.

-fronte mare: la modernissima struttura architettonica, nata dal rifacimento del vecchio porto e delle spiagge in occasione delle Olimpiadi del ’92; tutta da godere passeggiando.

Per il viaggiatore attento esiste anche una Barcellona meno nota, ma forse più interessante che può offrire a giovani, adulti e bambini mille sorprese come il MUSEO DELLE CERE  (vedi sotto).

Per i più piccoli sono da segnalare lo zoo, l’acquario dove, sotto un tunnel di vetro, si vedono gli squali che nuotano al fianco del visitatore, e il

– “Maremagnun” dove i bimbi giocano e i genitori prendono l’aperitivo, il sole o fanno shopping; intorno parchi e molto altro. Chiedere l’agenda degli spettacoli per bambini al tel. 0034.93.481.00.01 o rivolgersi ai tanti uffici di informazione sparsi per la città.

-Il “Museo delle Cere”, alla fine della Rambla verso il mare sulla sinistra, è una curiosa sorpresa per grandi e piccini che gradiranno moltissimo una sosta al vicinissimo:

-“El Bosque de les Fates” ovvero Il Bosco delle Fate: fulmini, alberi fatati, specchi con fantasmi e molto altro attirano l’attenzione e non si faranno  dimenticare.

– “Museo delle Cere”: alla fermata del metrò Drassanes, proprio dove la Rambla finisce, vicino al mare. http://www.museocerabcn.com info@museocerabcn.com

-Per il piacere degli adulti, amanti del ben mangiare, è opportuno ricordare che alla ” Boqueria”, cioè al mercato coperto della città, situato su di un lato della Rambla, si può mangiare dell’ottimo pesce, molluschi pregiati compresi, per una cifra che può partire da 10 euro, ma che aumenta in proporzione alla specialità richiesta. Un luogo che merita una visita, sia per il fascino della sua struttura, che per l’ambiente e le varietà di merce offerte; qui si possono trovare ottimi e certamente graditi souvenir gastronomici.

MACBA Museo di Arte Contemporanea di Barcellona anche solo la sua struttura architettonica merita la visita; all’interno una vera carrellata del contemporaneo: moltissimi video di qualità www.macba.cat Piazza dels Angels 1

-Se amate la fotografia artistica: FONDACIO’ FOTO COLECTANIA www.colectania.es J.Romea 6 tel93.217.1626

Molte altre, ovviamente, sono le sorprese che a Barcellona attendono sia il viaggiatore attento che il turista curioso; noi parliamo di quello che ci ha più colpito.

DIVERTENTE:

Museu de Cera de Barcelona, p.te de la Banca 7, La Rambla; tel. 0034.93.317.26.49 e “Bar delle Fate”.

Presso un’antica edicola sulla Rambla, a lato dell’edificio del Museo delle Cere, è possibile avere le prime informazioni sul medesimo  Museo. Se si è osservatori attenti si è attratti anche dal magnifico “risciò”, posto a fianco dell’edicola, con seduto il grande viaggiatore Stevenson in tenuta coloniale, la maschera è perfetta nei minimi particolari ed è un assaggio della bravura di tutti coloro che hanno contribuito e contribuiscono alla realizzazione dei personaggi di questo museo. Un museo che vanta una storia millenaria, la cui costruzione è del secolo XIX, ma soltanto al principio degli anni ’70 lo scenografo Enrique Alarcon decise che quel palazzo sarebbe stato il luogo ideale dove realizzare un progetto simile a quello londinese di Madame Tussaud, ben più di duecento anni prima. Fu così che l’antica sede del Banco di Barcellona trovò un’adeguata valorizzazione, grazie anche ad una certa aria di mistero che si percepisce quando dalla Rambla si intravede, tramite una breve, stretta e buia viuzza, la particolare piazzetta ottagonale dove è situata l’entrata all’edificio che fa parte del Patrimonio Architettonico Nazionale come struttura di Interesse Storico e Artistico.

-Qui si danno appuntamento giovani di tutto il mondo, in particolare nel tardo pomeriggio e la sera al vicino ” El Bosc de les Fades”, Il Bosco delle Fate; intrigante e stupefacente, di fianco al MUSEO DELLE CERE .

-Il Museo delle Cere, a differenza di quanto qualcuno potrebbe immaginare, è quanto mai “vivo”, grazie anche ad una intelligente e brillante gestione.

Feste a tema, effetti speciali, attori del Liceo (l’Opera House di Barcellona), su richiesta, evocano eventi particolari, sempre con una nota di colto e brillante umorismo; chiunque vi può organizzare un anniversario, un compleanno o un incontro di lavoro, certo che, una volta conseguiti i dati necessari, l’ospite festeggiato sarà stupito con sorprese “su misura”, compresa la possibilità di apparire in un numero, appositamente stampato, della rivista del museo, sempre con una evidente impronta di cultura e ironia ben dosata.

Visitare il MUSEO DELLE CERE è un poco come fare un breve viaggio nella storia, utilissimo per i bambini in età scolare, ma anche agli adulti. Si tratta comunque di un viaggio piacevole e ricco di sorprese che non annoia, anzi diverte.

-Salito il monumentale scalone ci si trova “faccia a faccia” con papi, re e regine, l’imperatore Reza Pahlawi, Hailè Selassiè, dittatori e politici illuminati, grandi musicisti e pittori tutti adeguatamente ambientati, anche gli abiti meritano un attento sguardo, siamo di fronte ad una vera a propria “messa in scena” delle vari epoche storiche.

-La ricostruzione dell’ambiente dove viveva l’uomo delle caverne merita una segnalazione da estendersi anche al dinosauro che precede, per amore del contrasto, l’ingresso alla navicella con Jurij Gagarin e Neil Armstrong.

Per la gioia dei bambini non poteva mancare l’intero set cinematografico di Star Wards e un magnifico Et in cera.

-Luci diffuse e intriganti per il Medio Evo, ricostruzioni di interni di galeoni e, poi ecco Giulio Verne con il suo sottomarino, da un oblò del quale si vedono fondali marini con sirene, tesori, coralli e altro.

Tra l’altro, nel museo, incontrerete i grandi viaggiatori ed esploratori: Marco Polo, James Cook, Magellano e molti altri.

L’invenzione del cinema è rappresentata anche con le copie dei personaggi attuali da Indiana Jones alla Monroe e poi: Spilberg, Marlon Brando, Charlie Chaplin, Giulia Roberts, Richard Geere, per nominarli a caso.

Gli amanti dell’orror troveranno un’intera sezione è dedicata a questo argomento. Si scendono le scale circondati da luci, oggetti e animali inquietanti, quindi si cominciano ad intravedere il conte Dracula, il dott. Frankenstein, fantasmi, Giovanna d’Arco sul fuoco, Marat nel bagno di sangue, Maria Antonietta sul patibolo, Chessman nella camera a gas ed altri soggetti adeguati al tema.

Se siete impressionabili basta non scendere le scale che portano a questa sezione del museo.

BAR: “Bosc de les Fades” ovvero il Bosco delle Fate.

Ed eccoci a parlare del lato più venale: panini e bibite si possono consumare nel bar annesso al museo, il “Bosc de les Fades” ovvero il Bosco delle Fate.  Alberi giganteschi, i cui tronchi ricordano un profilo umano, rivestono il soffitto e, a tratti, sono illuminati da lampi e scossi dai tuoni di un temporale immaginario; in uno specchio appare e scompare il fantasma di turno, mentre l’unico lampadario gira su se stesso. Il resto è meglio scoprirlo personalmente.

Dormire a Barcellona

Nota: Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

Sempre utile dare un occhiata alle offerte di booking.com : consigliamo la bassa stagione per offerte incredibili.

Se volete risparmiare: Hotel Aneto 1 stella Carmen 38, tel 0034.93.301 98 62 www.hotelaneto.com aneto@hotelaneto.com vicino alla Rambla, parcheggio a 20 metri.

Molto economico per dormire, raccomandato soprattutto ai giovani che non possono spendere molto: Pensione Lourdes, Princesa 14,pral; tel 93.319.33.72. Al mattino presto, più difficile in lugio/agosto, è possibile trovare posto senza prenotare; solo per persone che si sanno adattare.

Banys Orientals, tel 0034. 93. 268 84 60,

Trendy: in un edificio antico della vecchia città, Casa Camper, tel 0034.93. 342 62 80, www.camper.com, design hotel, da 190 € la doppia. 

Milano-Barcellona 

Numerosissimi i voli low-cost.

-su Trenhotel ELIPSOS  per viaggiare in Treno, svegliandosi al mattino in centro città.

Mangiare a Barcellona.

-per chi viaggia low cost: una cena da 100 Montaditos, la domenica offre una quantità di panini e bevande; tutto al costo di 1 euro

LA BOQUERIA E’ IL FAMOSISSIMO MERCATO IN STILE LIBRTY SULLA RAMBLA: da non perdere anche se non siete golosi !

El Quim de la Boqueria: ottimo il pesce a basso prezzo, mercato della Boqueria.

Piratas: un omone di nome Luis prepara il cibo a casa sua, max. 4/5 piatti, eccellenti, ottimo il gelato al mandarino; buona scelta di vini e grappe. Zona: quasi di fronte all’ Auditorium; Ausias Marc, tel. 93.245.76.42, chiuso sabato e domenica. http://www.piratasbarcelona.com

Agullers: buon prezzo e buon cibo; C/ Agullers, 8; tel. 93. 268.03.61

Escribà: pasticceria in stile “modernista”, ottimi dolci e ottima orciada (simile alla nostra orzata di produzione artigianale), Rambla de les Flors,83, fermata metro Liceu, a lato della Boqueria.

—-

SE POTETE SPENDERE E AMATE LA GRANDE CUCINA.

MERITA FARE QUALCHE CHILOMETRO VERSO NORD, SULLA COSTA, PER MANGIARE IN UNO DEI “The World’s 50 Best Restaurants” 2014:  al secondo posto El Celler de Can Roca di Girona (Spagna),  giunto primo lo scorso anno.

—-

HOFMANN ristorante di grande qualità, stellato, c/La Granda del Penédes 14, tel0034.93 218 71 65 panorama sul mare e sulla città, altissimo livello in ogni senso, anche se siete un vero gourmet vi sorprenderà; World Trade Center, Moll de Barcelona, tel 93.508.82.68

UNA DISCOTECA:

-una delle tante discoteche lungo la spiaggia, Opium è la più famosa e decisamente il costo dell’ingresso non  lascia dubbi in proposito. Merita.

VIETNAM IL PAESE DEI FIORI E DEI COLORI, ma anche di: cucina, arte, mare, folclore…

VIETNAM: tradizioni e contraddizioni

FOTO DI: Neubert /Hanns-J
FOTO DI: Neubert /Hanns-J

TESTATA ok Vietnam orchidee 076

In Vietnam troverete paesaggi di straordinaria bellezza e la sua storia di ben 4.000 anni da scoprire tra Hanoila caotica Ho Chi Minh City, Halong bay, il fiume profumato e la città Imperiale di Huè dove ammirerete incredibili  panorami.

-NON DIMENTICAT:  HOI-AN  E HALONG BAY (ma prima leggete il nostro commento più sotto)

-le case del ‘500 e lo stile coloniale francese delle sue città

-la sublime gastronomia

-lo shopping etnologico

-le splendide isole

B tramonti brasiliani 2

VIETNAM 01 GH

Vietnam 1T g

Vietnam 450 Riccardo Bettoni DSC00859 (2)

Foto Riccardo-Bettoni

Vietnam 15 g ok

Vietnam 16 t ok

SAIGON: 

– Saigon ( nessun vietnamita la chiama Ho Chi Min) è fatta soprattutto di:

-caos automobilistico, odori e rumori, ma anche storia, architettura coloniale francese e antiche case tradizionali; donne che cucinano per strada (il regno dello street-food), uomini che fumano, negozi aperti e merce accatastata; NON PERDETE IL BUONISSIMO CAFFE’ E UNA SPECIE DI CAPPUCCINO GELATO

PANORAMI palme nere tram okok serie 104

ARTE GRAZIA CAPPELLO BLU

FRUTTA TROPICALE IMG_5409

VIETNAM FRUTTA IMG_5408

IMG_0692

TESTATA FIORI ESOTICI 3IMG_4927

consigliabile una bicicletta per visitare l’affollata Chinatown, qui si può apprendere l’utilizzo delle erbe della medicina tradizionale (presso il Museo Fifo), conoscere la storia del Vietnam e ammirare l’architettura più tradizionale.

 imagesmnm

Vietnam 1Tz

DELTA DEL MEKONG ( solo se siete disposti a sopportare il caldo umido):

-Cai Be e Vinh Long: sono visitabili in giornata partendo da Saigon.

coloratissimi mercati fluttuanti, campi di riso color smeraldo, lussureggianti canali; sono lo scenario consueto del delta del Mekong.

-ci sono anche crociere che trasportano tra i numerosi affluenti del Mekong.

imagesOKM

HOI AN:

-da Saigon con un volo interno si raggiunge la città di Danang.

-merita certamente la visita il bellissimo orto antico della città di Hoi An

-Museo di Cham, la più bella collezione di lavori  d’arte locale.

-Marble Mountain è famosa per essere stato il nascondiglio dei guerrieri Viet Cong durante la guerra del Vietnam

-Hoi An non perdete una passeggiata nel centro per visitare le case dei vecchi mercanti e il tempio d Hokkien.

Vietnam 450 4ac

Vietnam 2de

Vietnam 2 mn

HUE

-da  Hoi An si raggiunge facilmente l’antica capitale di Hue; il percorso (da 3 a 5 ore secondo il mezzo usato) si trova lungo la costa, attraversando campi color smeraldo e lo spettacolare passo del Monte Hai Van; questo viaggio sarà indimenticabile

-a Hue si visitano  la Cittadella Imperiale  e le elaborate tombe dell’Imperatore Tu Duc.

nel centro di Hue si può navigare sul romantico fiume Perfume e visitare la famosa Pagoda Thien Mu a sette piani lungo la riva.

 web-piatto-gamberi-e-cucchiaio

HANOI (città rumorosa, inquinata, molto trafficata):

-Hanoi è la capitale del Vietnam diversi i siti più visitati: il museo di Ho Chi Minh, l’”icona di Hanoi”, The One Pillar Pagoda,lo splendido Tempio della Letteratura, il tempio Tran Quoc e la Quan Thanh pagoda

Lanzarote: tramonti.

VIETNAM DEL NORD: PANORAMI SUGGESTIVI, FOLCLORE, ANTROPOLOGIA E TESSUTI RAFFINATISSIMI

Parigi, museo Brandly.

Il Nordovest del Vietnam è la parte del Paese più incontaminata;

gli scenari sono idilliaci e i villaggi vi faranno vivere nel vero Vietnam.

-fertili vallate dove le strade  si arrampicano tra le montagne

-qui si alloggia nelle tradizioni case delle tribù Thai che vivono sulle colline

-si ascolta la loro musica tradizionale, si partecipa alle loro danze e si rimane affascinati dagli usi e costumi

-chi avesse interessi antropologici e artistici dovrebbe prendere in considerazione questa visita e, magari, spingersi verso la parte più a nord del Vietnam ai confini con la Cina.

imagesIOKL

-qui vivono popolazioni che vestono ancora i costumi tradizionali

i tessuti sono tra i più preziosi al mondo, ma attenzione ora vendono imitazioni o capi danneggiati; che i visitatori frettolosi acquistano frettolosamente; anche a caro prezzo.

-i mercati locali sono la gioia di qualunque fotografo, ma usate sempre la discrezione di chiedere il permesso e non dimenticate un sorriso; obbligatorio per avere un buon rapporto con il soggetto che si vuole fotografare

portate anche piccoli regali come matite, biro, pennarelli colorati e altre cose utili ai bimbi per la scuola; sempre graditi gli orologi anche come scambio merce.

-non dimenticate che, mentre nel nostro inverno è consigliabile un viaggio in quasi tutto il Vietnam, al nord fa freddo e piove, pertanto sarebbe meglio una stagione intermedia. Anche se le piogge regalano un’atmosfera piena di nebbie mattutine per foto indimenticabili.

Londra, KG, orchidee rare

DA HANOI A HALONG BAY:

HALONG BAY è diventato un grande business, le acque sono inquinate, l’UNESCO ha fatto scacciare i pescatori locali che hanno perso il lavoro, per creare questo sito ” protetto “. Qui tutto è finto, e si vede bene; l’organizzazione impeccabile. Una vera macchina per fare soldi.

Rimane la poesia della baia spettacolare e la suggestione del dormire sul mare godendo delle speciali luci dell’alba e del tramonto.

Se fate il bagno dove si fermano le barche, vi troverete immersi in un mare dove galleggia l’olio scaricato dai motori.

Se vi alzate al mattino presto per godere dell’aria di mare sul ponte alto dell’imbarcazione, vi troverete a respirare l’aria dei motori della vicina imbarcazione piena di turisti.

Maggiori informazioni, sul Vietnam del nord, al link: http://www.donnecultura.eu/?p=19165

bnn

-per visitare la baia di Halong, si possono utilizzare le  tradizionali imbarcazioni (prenotare con molto anticipo) in legno chiamata Junk per una crociera notturna (è, comunque,  molto suggestiva) nella baia di Halong famosa per essere parte del  patrimonio dell’UNESCO.

-la crociera al mattino prestissimo permette di vedere la baia nella sua luce migliore, e di fermarsi per visitare le coloratissime grotte (piacciono tanto ai turisti) e nuotare vicino a spiagge deserte; solo se farete viaggi particolarmente costosi che prevedono queste escursioni.

Un viaggio simile e organizzato lo trovate a partire da 1.300 euro presso : http://www.iviaggidelsogno.it/asia/vietnam/79-vietnam-essenziale.

 Parigi, acquario.

L’ULTIMA SFIDA TURISTICA vietnamita: L’ISOLA DI PHU QUOC nel sud ovest del Paese con spiagge meravigliose.

DCIM100GOPRO

Ancora economiche e fuori dal turismo di massa, ma vi sono già concordati enormi investimenti anche stranieri, da visitare prima dell’arrivo delle masse!

-DOUNG DONG al centro dell’isola avrà in pochi mesi un super aeroporto da 1 miliardo di dollari.

Per il 2020 sono previsti 2 milioni di turisti l’anno. Solo su questa isola si può ancora trovare scorci di vita tradizionale, perse nel continente, porticcioli di pescatori… nei mercati si trovano anche lucertole volanti. Qui troverete immense foreste incontaminate dove farete il bagno in acque cristalline. Un bungalow sul mare costa 20 dollari al giorno. Da visitare al più presto!

Il MANGO BAY è un ecoresort nascosto tra palme e manghi; sono possibili escursioni in barca e indimenticabili immersioni. Le spiagge di Coconut e Casuarina sono protette dalla foresta vergine.

 Il ROCK RESTAURANT offre una cucina autentica a chilometro zero. La doppia da e 80 www.mangobayphuquoc.com

www.vietnamtodaytravel.com  www.turismo.it/vietnam www.colonialvoyage.com/asia/…/vietnam/index.html  turistipercaso.it/vietnam/

-Il Vietnam è un paese accogliente ed ancora economico, è possibile organizzare un viaggio anche come singoli turisti.

-La sua cultura, la sua gente, la sua gastronomia sono un buon motivo per lasciarsi coinvolgere in una bellissima avventura.

-Sul web si trovano tutte le info necessarie anche in italiano. Rimangono sempre preziose le guide cartacee come la LONELY PLANET.

 iolpMEKONG:

-risaie, palafitte e mercati galleggianti come quello di Cantho sulle acque del delta del Mekong,

-colori e  suoni delle preghiere dei monaci buddisti nelle numerose pagode

-spiagge incontaminate a Nha Trang

-siti archeologici come My Son, dove troverete l’antica civiltà Champa in una fitta e scenografica vegetazione tropicale.

 ———-

NEW ORIENT TOUR Co. LTD può essere l’agenzia economica che vi organizza il viaggio anche in: CAMBOGLIA, INDOCINA, LAOS. www.neworienttour.com info@neworienttour.com :

 Vietnam 450 Riccardo Bettoni DSC00849 (2)

Foto Riccardo-Bettoni

Se NON site “turisti che fanno da soli” ecco un programma con costi che vi possono servire di comparazione:

Vietnam & Cambodia – Along the Mekong River…

-Un viaggio nel cuore dell’Indocina partendo dal Vietnam.

-Un viaggio fantastico lungo la Halong Bay,  l’impero a Hue, il mondo antico, Hoi An e la vita effervescente  a Ho Chi Minh.

-La  Cambogia: un paese e una cultura affascinanti a Phnom Penh e  la meraviglia dei tempi di Angkor.      

  • Il meglio del  Vietnam & Cambodia 18 giorni da EUR 1,800 c.a.
  • Sapa avventura  (Vietnam) 5 giorni da  EUR 330
  • Angkor (Cambodia) 9 giorni  da EUR 775
  • Bangkok – Hanoi 13 giorni da  EUR 1,160 Great Indochina Loop 29 giorni da EUR 2,020  
    con
    Voyages Designers, Venture of Sparkle & Shimmer- Hospitality Consultants Garden Nest, BTS Mamagalam Cross Road, Kochi  – India Tel: +91 484 645 6405 Mob: +91 904 899 0882 www.voyagesdesigners.com
    mail@voyagesdesigners.com
  • Boa Vista spiaggia impronte Verandinha

Potete chiedere un preventivo-orientativo anche a: V-heritage agenzia turistica, per organizzare il vostro viaggio www.vheritagetravel.com .

te

FELICITA’ – La Danimarca è il Paese più felice del mondo.

L’autunno è periodo ideale per fare una breve pausa

rigenerante e “felice” in Danimarca

Altre informazioni turistiche al link: http://www.donnecultura.eu/?p=2919  di questo giornale.

E’ ufficiale, la Danimarca è il Paese più felice del mondo.

HYPERLINK “http://www.visitdenmark.it

-È quanto emerge dal secondo World Happiness Report 2013, lo studio dell‘Assemblea Generale delle Nazioni Unite che ha classificato i paesi del mondo sulla base di diversi indicatori del benessere, analizzando i fattori che contribuiscono al raggiungimento di tali fattori. Il team di studio ha preso in esame i dati di 156 paesi dal 2005 al 2012, tenendo conto soprattutto di quelli dell’ultimo triennio.

-Tra gli indicatori considerati, oltre al PIL, vi sono anche l’aspettativa di vita in buona salute, la libertà di compiere delle scelte e il sostegno sociale.

Allora perché non partire ed essere felici coi danesi? L’autunno è periodo ideale per fare una breve pausa rigenerante e “felice” in Danimarca che offre un ricco calendario di eventi ed attività.

Allora ecco una piccola selezione di  buoni motivi per spendere un weekend o qualche giorno a Copenaghen:

GASTRONOMIA.

The Standard è una nuova iniziativa di Claus Meyer, padre fondatore del movimento della Nuova Gastronomia Nordica e co-proprietario del Noma, e della leggenda del jazz Niels Lan Doky, che hanno unito le forze nella trasformazione dello storico edificio della dogana nel centro di Copenaghen, in un jazz club che ha come nome: “The Standard”. Il locale prevede al suo interno due bar e tre ristoranti, tra cui un moderno ristorante Indiano. http://www.thestandardcph.dk/,

Notte di cultura: Copenaghen

-La notte bianca durante la quale tutta la città sarà ancora più vivace rispetto al solito; Musei, librerie, teatri, chiese e tante altre istituzioni aprono la porta dalle 18 fino a mezzanotte o anche più tardi con più di 500 eventi culturali. L’unica cosa che bisogna fare è compare un “Culture Kit” e poi godersi la città!

www.kulturnatten.dk

denmark/exhibitions/temporary-exhibitions/viking-2013/

Halloween al Tivoli

Streghe e fantasmi, divertimento e scherzetti. Halloween al Tivoli sarà senz’altro un’esperienza “da brivido”.  

www.tivoli.dk/composite-3351.htm

La favolosa Fionia ti aspetta!

Benvenuti in Fionia, l’isola nel centro della Danimarca e a Odense, capoluogo della regione. Meta ricca di fascino e di esperienze da sogno, la Fionia a settembre offre ai viaggiatori italiani e a tutti gli appassionati di pallavolo un motivo in più per visitarla: le partite del girone di qualificazione del gruppo A del campionato europeo di pallavolo maschile tra cui il big match Danimarca-Italia che si terrà all’Arena Stadium di Odense.

Ma non ci sono solo gli eventi sportivi: la Fionia e le 96 isole che la circondano, offrono infatti molte attrattive culturali, dai castelli alle escursioni sulle isole la regione permette di vivere esperienze uniche e scovare segrete meraviglie.

A Odense la parola d’ordine è fantasia, perciò la prima tappa è una visita alla casa dello scrittore H.C. Andersen, dove gli allestimenti ripercorrono la vita e la produzione dello scrittore. Un viaggio interattivo nella memoria e nel mondo delle fiabe.

Un mondo incantato, fatto di paesaggi, ritmi e valori perduti si può trovare al Villaggio di Fionia, museo all’aperto dove è ricostruito l’ambiente di un villaggio danese tra il 1700 e il 1900, un percorso che si articola tra i 30 edifici trasportati qui da diverse zone della Fionia. In estate il villaggio è animato dagli abitanti, figuranti in costume, che raccontano della vita quotidiana nella campagna danese del XIX secolo.

-E che dire dei luoghi fiabeschi per eccellenza… i castelli! La Fionia ne ospita ben 123, molti di questi aperti al pubblico per le visite e in alcuni casi anche per il pernottamento!  Nel mezzo dell’isola si trova il più suggestivo dei castelli danesi, Egeskov, un romantico edificio circondato da un placido lago e da un bosco fiabesco. I più avventurosi potranno esplorare il parco dall’alto delle passerelle che a 15 metri di altezza collegano gli alberi oppure indossare l’armatura e avventurarsi come moderni Lancillotto nel nuovissimo percorso segway che si sviluppa su un’area di 1000m².

Gli amanti delle vacanze attive possono dedicarsi a un soggiorno sulle due ruote attraverso i morbidi paesaggi, esplorando le isole oppure per escursioni a piedi alla scoperta del sentiero dell’Arcipelago e delle colline di Svanninge Bakker, le cosiddette “Alpi” della Fionia.

Il contatto con la natura e il rispetto per l’ambiente sono dei temi molto cari a questa destinazione e nell’isoletta di Ærø, a Marstal, il turista può ammirare uno dei più grandi parchi di pannelli solari al mondo. L’isola, una piccola perla incontaminata dai ritmi di vita rilassati, è tra le 100 comunità di spicco al mondo che hanno l’obiettivo di diventare autosufficienti con la produzione di energia sostenibile.

-Soprannominata “il giardino della Danimarca”, la Fionia produce anche una gastronomia da favola e sono numerose le opportunità di acquisti sostenibili di prodotti locali e biologici presso i negozi e chioschi delle fattorie.

Preparatevi a sorridere e a partire per una vacanza da favola… è sufficiente prenotare uno dei numerosi voli che da 12 città italiane in due ore collegano Copenaghen o Billund, poco distanti dall’isola. I collegamenti interni sono ottimi, il treno dall’aeroporto di Copenaghen arriva in Fionia attraverso lo Storebælt in meno di due ore. Oppure è possibile noleggiare un’auto e in poco più di un’ora raggiungere Odense da Billund.

Sul sito  HYPERLINK “http://www.visitdenmark.it  troverete ulteriori informazioni e ispirazione per creare la vacanza ideale in una regione che segue i principi del buon vivere e il modello italiano del movimento Città Slow, di cui Svendborg, nel sud della Fionia, fa ufficialmente parte.

Dopo una vacanza in Fionia, qualunque sia la stagione o l’itinerario, una cosa è certa… tutti ripartiranno con il sorriso sulle labbra.

Indirizzi utili:

VisitDenmark

Tel.: 02 87 48 03 (lun-ven 14:00-17:00)

Fax: 02 86 07 12

 HYPERLINK “http://www.visitdenmark.it

LAVORO – Nuova classe operaia del telelavoro – Un futuro disumano ?

Si chiama smart working, ma è proprio smart  ( = intelligente ) ???

Durante l’ultimo World  Economic Forum, è stato presentato uno studio, secondo il quale, già nel 2020 più della metà di noi lavorerà da ” remoto “; ovvero a casa per la maggioranza.

Un sondaggio del Sole 24 ore, dimostra che il 56% degli italiani vorrebbe lavorare da casa.

Ma è veramente una situazione ideale ? O è solo un’apparenza ?

Innanzitutto vorremmo ricordare che lavorare da casa vuol dire avere a carico molte spese, più che in un ufficio (perché non sempre le aziende pagano le attrezzature necessarie; inoltre pagate sempre voi se lavorate in proprio, che è la condizione preferita da questo tipo di mercato):

-Pc e relative riparazioni e aggiornamenti, sostituzioni…

-stampante e relative riparazioni

-riscaldamento o aria condizionata

-nessuna mensa

Ma soprattutto: nessuna relazione sociale.

Chi ha già provato a lavorare in casa, noi stessi che scriviamo, ma anche molti altri, possono tranquillamente affermare che, se all’inizio il non dovere prendere treno o auto o bus o metro è un bellissimo vantaggio, a lungo andare, dopo un anno, si sente la mancanza di rapporti sociali, di non  avere un orario preciso nel quale staccare la spina .. a casa si lavora di più, anche extra contratto.

Lo confermano molti datori di lavoro che hanno avuto a che fare con questo tipo di attività; i dipendenti rendono di più, ma lavorano anche extra e gratis …

Insomma un bel vantaggio pare solo per il datore di lavoro.

Inoltre il dipendente isolato è un dipendente che non potrà avere un forte potere contrattuale = salari sempre più bassi e orari lavorativi sempre più impegnativi. E se non vi piace così, ci sono tanti disoccupati che prenderanno il vostro posto.

A noi non sembra molto vantaggioso; anzi lo è, ma solo per i datori di lavoro.

LIBRI – ” Bussola ” ri – conoscere fascino e storia dell’Oriente – Viaggiare con un libro … anche nella storia

L’Oriente è un mito creato dall’Occidente: ecco cosa sostiene Mathias Enard.

Vogliamo parlarvi dell’imponente romanzo (424 pagine) di un autore, Mathias Enard, che è stato definito “un monumento di sapienza”, ma anche di umorismo e ricco di tanta nostalgia per quell’Oriente mitizzato da tutti i grandi viaggiatori occidentali.

Un libro che parla del sogno esotico: atre, architettura, paesaggi … gastronomia, ma anche di come la realtà sia, in parte, diversa dal sogno: inquinamento, difficoltà dei trasporti, effetti delle varie dittature, povertà; il sono esotico non è uniforme.

Bussola,  di Mathias Enard, edizioni E/O, 19 euro; 6 euro formato kindle.

Bussola, ha vinto il premio Goncourt 2015.

In una sola notte d’insonnia, un giovane orientalista e musicologo rievoca i ricordi di incontri con una donna; tra Istanbul e Damasco, Teheran, i beduini nelle tende a Palmira e le università.

Improvvise pagine di poesia, di indimenticabili e fascinose albe nel deserto.

Si parla anche dei Crociati, come primi orientalisti.

La cultura dell’autore sorprende, mentre solo all’ultima pagina ci verrà detto se, il protagonista, riuscirà a guarire dalla malattia della paura dei sentimenti, ma è solo quella ?

L’autore Enard,  è professore di arabo e parla sei lingue

UN BLOG CHE NON E’ UN BLOG…www.donnecultura.eu

COVER maldive tramonto palme ok

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà

intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge

633/41 e successive modifiche.

N° tessera iscrizione Ordine Nazionale Giornalisti: 097176.

www.donnecultura.eu  è nato per essere un giornale, infatti l’autore è un giornalista iscritto all’Ordine ed all’associazione scientifica di giornalisti UGIS, ma ha subito riscontrato di essere volentieri letto come un blog. 

Pertanto l’autore vorrebbe fare due semplici precisazioni ai lettori:

-1° non scriverò un articolo al giorno, ma lo farò ogni volta che si presenterà una valida occasione, proprio perché questa mia creazione nasce come idea giornalistica on line, e quindi con scopo informativo su argomenti anche molto seri come la salute e le innovazioni scientifiche (che richiedono lunghi tempi di informazione, verifica e stesura)

-2° comunque mi è piaciuta  l’idea del blog e quindi ho deciso  di aggiungere anche brevi cenni di attualità e  costume.

Ogni commento è gradito, anche se non positivo; tutto può servire a migliorare questo servizio che è gratuito e senza alcun tipo di finalità economica.

 

WEEKEND E VACANZE SICURE autunno – inverno – Nella vicina Svizzera

Svizzera “fuori dal tunnel”: panorami, battelli e hotel storici.
L’11 dicembre 2016 entra in funzione il tunnel di base del San Gottardo, il più lungo del mondo, che accorcia i tempi di percorrenza in treno tra Milano e Lucerna e Zurigo (- 30 minuti!).

————————-

CH 672 bambina formaggio alpe

PANORAMI INDIMENTICABILI SULLE ALPI SVIZZERE

ARIA BUONA E CIBI SANI

Non manca mai anche l’alta gastronomia

———————————-

screenshot2016-09-13at14-24-13-142430

In battello sulle piste da sci.

Sui laghi svizzeri c’è sempre movimento, anche d’inverno.

A Lucerna persino gli sciatori si ritrovano all’imbarcadero al mattino presto.

Nel caldo e accogliente sottocoperta si naviga verso le piste sorseggiando caffè.

Da Vitznau si sale in cremagliera al comprensorio del Rigi, mentre a pochi passi dall’imbarcadero di Beckenried, parte la funivia che porta alla Klewenalp, un comprensorio particolarmente adatto alle famiglie. Si scia vista lago e poi si rientra a Lucerna per godersi la vita cittadina.

————————-

screenshot2016-09-22at18-20-39-182138

Sul Rigi da 200 anni.

Il Monte Rigi è meta di turisti fin da inizio ‘800.

Nel 1816 viene inaugurato il primo hotel in vetta, il Rigi Kulm, che più volte rimaneggiato conserva arredi d’epoca e memorabilia dei suoi ospiti più illustri.

Testimonial entusiasta delle bellezze del Rigi fu nel 1868 la regina Vittoria che esplorò le montagne attorno a Lucerna. Nel 1871 viene costruita la prima cremagliera d’Europa che circola tutto l’anno proponendo, d’inverno, viaggi nostalgici con locomativa a vapore e serate fondue.

—————————–

screenshot2016-09-12at17-51-35-175203

Navigare su battelli centenari.

Una serie di Grand Hotel di lusso e molte infrastrutture datano di poco prima del 1900, mentre il 1837 segna l’inizio dei battelli a vapore sul Lago di Lucerna.

Chi desidera ammirare da vicino l’imponente scenario naturale del lago non può perdersi una gita in battello. Per andare da Lucerna a Flüelen, il punto più meridionale del lago, ci vogliono due ore e mezzo. Durante il tragitto ci sono numerose fermate per consentire di salire e scendere a piacimento. Gallia, Uri, Unterwalden, Schiller e Stadt Luzern sono i cinque battelli a vapore, ormai centenari, in funzione ancora oggi.

——————————–

zahnradbahn-in-eselwand-jpg-094012

Pilatus: sogni d’alta quota.

Altro azzardo delle tecnica e altro splendido panorama sopra il Lago di Lucerna: era il 4 giugno 1889 quando la ferrovia fece la sua prima corsa sulla tratta lunga ben 4’618 metri, da Alpnachstad alla vetta del Monte Pilatus. Con una pendenza del 48%, vanta ancora oggi il titolo della più ripida al mondo! A costruirla numerosi operai italiani che avevano già lavorato nei cantieri del primo tunnel del Gottardo. Naturalmente c’è la possibilità di pernottare in quota in una struttura Belle Èpoque, il Pilatus-Kulm, e di fare numerose attività all’aria aperta.

—————————-

screenshot2016-09-22at12-43-35-124402

In ascensore sul Bürgenstock.

Sul promontorio che si insinua nel Lago di Lucerna, Bürgenstock, c’è una stazione di villeggiatura conosciuta già dal 1872 per il clima salutare e frequentata dal bel mondo: Adenauer, Audrey Hepburn, che qui sposò Mel Ferrer, Sofia Loren, i reali di Danimarca... Nel 1905 viene costruito l’ascensore di Hammetschwand destando curiosità e ammirazione. Rifatto nel 1991 è ancora oggi da primato. In 1 minuto percorre 152 metri di dislivello con spettacolare vista tra le rocce. Dall’estate 2017 sorgerà un nuovo resort con hotel, spa e appartamenti dotati di ogni confort.

—————————-

HOTEL STORICI

Amsteg
Hotel Stern & Post
È una delle più antiche stazioni di posta lungo la tratta del Gottardo, trasformato in accogliente hotel.

Mobili e arredi d’epoca fanno rivivere l’epopea dei viaggi in diligenza. Annovera nel libro degli ospiti W. Goethe e C. Andersen.

———

Hotel Terrasse am see

Inaugurato nel 1873, ha mantenuto inalterato il suo fascino.

A bordo lago, a pochi passi dalla Ferrovia del Rigi, è ideale per chi vuole fare escursioni in battello o in cremagliera.

———

Hotel Stern

Sorto in un’ex taverna del 1300, l’albergo dispone di 15 camere, recentemente rinnovate, e di un ristorante con menù tipico svizzero. Fra le specialità agnello della Göscheneralp, nel massiccio del San Gottardo.

Arte e fotografia a FOLIGNO – Umbria World Fest – Mostra fotografica “Affinity”

foto-450-daviddenagel_picwant

foto-sunhu_picwant

Picwant, partner di Umbria World Fest, presenta la mostra fotografica “Affinity”

7-8-9 ottobre 2016
Umbria World Fest, Palazzo Candiotti, Foligno

Come trasformare la propria passione per le immagini da smartphone in concrete opportunità di guadagno ? Vedi più sotto alla presentazione di PICWANT

 – Picwant, l’agenzia di mobile photography che permette a chiunque nel mondo di pubblicare le proprie foto e i propri video realizzati con lo smartphone e venderli online su picwant.com, presenta la mostra fotografica “Affinity”, dal 7 al 9 ottobre 2016 presso Palazzo Candiotti a Foligno.

La mostra di Picwant sarà parte integrante del ricco programma di Umbria World Fest 2016, giunto alla sua 15esima edizione: quest’anno Picwant è partner dell’evento ed avrà il compito di curare la sezione mobile della manifestazione, che si è sempre distinta per l’attenzione rivolta al mondo fotografico in tutte le sue forme e che quest’anno dedica – attraverso Picwant – una riflessione mirata alla mobile photography.

La mostra fotografica curata da Picwant sarà un’esposizione unica che abbraccia foto sia editoriali che creative realizzate dai Picker, contributor dell’agenzia, rigorosamente con il proprio smartphone, una vera e propria vetrina per presentare al grande pubblico una selezione di oltre 20 scatti provenienti da ogni parte del mondo collegate da uno specifico tema “fleshandblood”, Affari di Famiglia.

Partendo dal tema dell’evento, Picwant ha selezionato i migliori scatti che facessero emergere il concetto di affinità insito nella famiglia e in qualsiasi gruppo di individui che condividono le stesse passioni senza che ci sia necessariamente un legame di sangue. Su questa interpretazione è stata declinata la selezione fotografica della mostra, che rappresenterà attraverso immagini mobile momenti rubati o costruiti in relazione al tema.

Picwant declina attraverso i propri scatti il leitmotiv scelto dall’Umbria World Fest 2016, del quale condivide gli intenti, ossia proporre “una riflessione profonda, laica, attenta e aperta su una materia troppe volte oggetto di banalizzazioni e strumentazioni. L’obiettivo di fotografi internazionali aprirà una serie di gallerie su altrettante visioni del nucleo fondante della società umana, svincolato dai laccioli religiosi e politici, restituito alla stretta sfera umana e del sentimento, emblema di libertà.”

Umbria World Fest si è distinta nel corso degli anni per il peculiare connubio tra fotografia e musica. Come ogni anno, la manifestazione sarà luogo di sperimentazione, condivisione e riflessioni collettive attraverso l’unione di arti e culture e la promozione di mostre fotografiche, concerti, incontri con autori, workshop di fotografia, letture portfolio e premi fotografici.

Stefano Fantoni, Amministratore Unico di Picwant, ha così commentato: “E’ un onore essere partner di una manifestazione di rilievo come Umbria World Fest e lo è ancora maggiormente poter essere parte integrante dell’evento offrendo il nostro personale punto di vista e quello dei nostri Picker. Vogliamo mostrare a tutti come attraverso la lente di uno smartphone un tema così quotidiano, e delicato al tempo stesso, possa assumere nuove forme ed espressioni.”

Per ulteriori dettagli: http://blog.picwant.com/picwant-flesh-and-blood-photo-exhibition-umbria-world-fest/

PICWANT

Picwant è la prima agenzia fotografica al mondo esclusivamente specializzata in foto da mobile.

Presente in 40 Paesi nel mondo, offre la possibilità di trasformare la propria passione per le immagini da smartphone in concrete opportunità di guadagno.

La sua app ufficiale “Picwant – Mobile Photos and Videos”, disponibile gratuitamente per dispositivi iOS, Android e Windows, ha già fatto registrare ampi consensi per il suo tratto innovativo, grazie anche ad un sistema semplice e immediato di utilizzo.

Per iniziare, infatti, è sufficiente scaricare l’applicazione per registrarsi e inviare almeno 10 contenuti: lo staff di Picwant valuterà il materiale e, se almeno 5 contenuti saranno approvati, invierà il contratto al fotografo.

Una volta diventato Picker a tutti gli effetti, i suoi contenuti saranno resi disponibili sul sito picwant.com per chiunque necessiti di immagini e video per i propri progetti. Da questo momento, il Picker potrà caricare quanti contenuti desideri, anche se il materiale foto e video inviato sarà sempre valutato dal team di photo editor prima della pubblicazione sul sito, così da poter sempre garantire i livelli di qualità dei contenuti venduti.

Per scaricare l’app di Picwant per iOS: http://bit.ly/1vCMVhk
Per scarica l’app di Picwant per Android: http://bit.ly/1Ui3jBu
Per scaricare l’app di Picwant per Windows: http://bit.ly/1MveJ0W

Facebook https://www.facebook.com/picwantapp
Twitter: https://twitter.com/picwantapp
Instagram: https://instagram.com/picwantapp
Blog: http://blog.picwant.com

Per ulteriori informazioni:
6Glab – il laboratorio di idee di SEIGRADI / Barbara Gemma La Malfa
Via G. Mameli 3 – 20129 Milano
Tel. +39.02.84560801
Fax +39.02.84560802
Email: 6Glab@seigradi.com
Facebook: www.facebook.com/6Glab
Twitter: https://twitter.com/6Glab
www.seigradi.com

DonnE…Cultura