Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

Il Festival delle Luci torna ad illuminare Gerusalemme – 28 giugno – 6 luglio 2017

Dal 28 giugno al 6 luglio la manifestazione trasforma strade ed edifici storici in un’enorme, luminosa opera d’arte.

– Cinque percorsi caratterizzati da una tonalità di colore diverso: verde, bianco, blu, rosso e viola.

Vedi: http://www.lightinjerusalem.org.il

Migliaia di visitatori che camminano lungo le caratteristiche stradine della Città Vecchia di Gerusalemme e, all’esterno, costeggiandone le mura.

Un’atmosfera magica resa ancora più indimenticabile grazie alle superbe installazioni luminose, prodotte ed elaborate da artisti locali ed internazionali.

Il Festival delle Luci di Gerusalemme è un’occasione irripetibile per vivere l’accostamento unico tra storia millenaria e opere d’arte contemporanea.

Oltre alle installazioni, di dimensioni imponenti e spesso caratterizzate da proiezioni tridimensionali, video, suoni e luci, il Festival propone anche spettacoli e presentazioni curati dagli stessi artisti, oltre ad una fiera d’arte che consente di ammirare e comprare oggetti particolarissimi.

Il Festival permette, inoltre, di visitare in via eccezionale, al calar del sole, alcune attrazioni della Città Vecchia normalmente chiuse dopo il tramonto.

Giunto alla sua nona edizione, l’evento è perfetto per turisti, famiglie con bambini e amanti dell’arte e l’ingresso è completamente gratuito.

Tra le soste cult di quest’anno da non perdere si ricordano: la Porta di Damasco (sul percorso verde), sulla quale sarà proiettato l’Albero della Vita, simbolo di longevità, salute, pace, le Fontane d’Acqua (percorso bianco) appena fuori la Porta di Giaffa, che propongono uno spettacolo di musica e luci sincronizzate che si ripete ogni 10 minuti.

E poi ancora il Circo del CardoRomano (percorso blu), con l’antica strada arricchita da 5 scenografiche sculture realizzate in cartone ondulato che prenderanno vita in una moltitudine di colori e forme grazie alla proiezione di video animati.

Le Luci del Nord (percorso rosso) che ricreano sulle mura esterne della Città Vecchia, nei pressi della Torre di Davide, l’effetto magico e sorprendente dell’aurora boreale che, per l’occasione, diventa simbolo di amicizia.

Infine, le Palle di Luce (percorso viola), che illumineranno l’area pedonale di Yoel Moshe Solomon Street, appena fuori Zion Square, con centinaia di palle multicolore a LED disposte in maniera esteticamente asimmetrica tra due edifici, a circa 7 metri di altezza.

Tra gli spettacoli imperdibili, invece, si segnala Pyromania, una surreale e luminosa sfilata di musicisti che si terrà tutte le sere, a ripetizione, presso il Quartiere Armeno: il passaggio degli artisti sarà arricchito da luci, suoni e ritmi coinvolgenti, che invoglieranno i visitatori a ballare.

Il Tour Operator Go Asia propone il pacchetto Go Gerusalemme, Città Mozzafiato, 5 giorni / 4 notti, comprensivo di trattamento b/b presso il Dan Boutique Jerusalem 4*, visita della Città Vecchia con guida e assicurazione di viaggio, costo a persona a partire da 750 €.

Per maggiori informazioni sulla città e le sue proposte, visitare il sito www.itraveljerusalem.com/itmedia.itraveljerusalem.com

Per assaporare quotidianamente l’effervescenza di Gerusalemme:
www.facebook.com/itraveljerusalem.it

Cultura ad Arona – L’ARCO DI PALMIRA TRIONFA AD ARONA – Inaugurazione – evento il 29 aprile 2017

L’eroe di Palmira: Khaled Asaad.

Khaled Asaad; archeologo, 82 anni, decapitato dal cosiddetto Stato islamico mentre proteggeva le splendide rovine romane dell’antichissima città non lontana da Damasco.

DAL 29 APRILE AL 30 LUGLIO L’ARCO DI PALMIRA TRIONFA AD ARONA (Lago Maggiore)

Dopo essere stata esposta a Londra, New York, Dubai e Firenze la riproduzione in 3D dell’Arco di Palmira trionferà in piazza San Graziano ad Arona dal 29 aprile al 30 luglio.

L’Arco, distrutto dall’ISIS nel 2015, è diventato un simbolo globale del trionfo della cooperazione in materia di conflitti e dell’ingegno dell’uomo sulla distruzione insensata.

Il 29 aprile la cerimonia d’inaugurazione sarà molto suggestiva e prevede:
– ore 20.30 unveil dell’arco, sottolineato da una performance del tenore Giorgio Casciarri e del soprano Sara Cervasio diretti dal Maestro Paolo Beretta
– ore 21.00 un emozionante spettacolo di luci e musica, che sarà poi ripetuto ogni sera fino al 30 luglio

NUOVA FIERA DEL LIBRO a MILANO – Weekend 19 – 23 APRILE 2017

Tempo di libri nasce dalla volontà dell’Aie, l’associazione degli editori.

Dal 19 al 23 aprile nei padiglioni di Rho Fiera.

Agevolazioni economiche sono offerte da Trenord, ATM e Trenitalia per chi ha il biglietto della Fiera.

Per Tempo di Libri, Milano Linate e Milano Malpensa diventeranno i primi aeroporti italiani a ospitare il BookCrossing.

720 appuntamenti in uno spazio di 5 mila metri quadrati.

Presenti 400 espositori; case editrici, riviste, associazioni, biblioteche, librerie, enti pubblici, stat up.

2.000 gli autori coinvolti.

Tra l’altro: ragazzi- studenti, consegneranno i libri a chi ha difficoltà a recarsi in biblioteca.

La manifestazione continua in tutta la città con Fuori tempo di libri; UNA SERIE INFINITA DI INIZIATIVE, DALLE LETTURE ALLE APERTURE SERALI DELLE BIBLIOTECHE, AGLI APERITIVI LETTERARI … e molto altro.

Calendario completo su:  www.tempodilibri.it

Alcuni esempi dal calendario:

Book in bike, dall’Associazione “Quelli che il 2000” con l’aiuto di studenti in alternanza scuola-lavoro presso la CISL di Milano, in collaborazione con il Comune di Milano – Area Biblioteche. I ragazzi consegneranno i libri a chi ha difficoltà a recarsi in biblioteca e raccoglieranno testimonianze con opinioni, recensioni e letture ad voce alta.

Cene letterarie su prenotazione (su Ibs.it) organizzate da GEMS.

All’Osteria del Treno con Andrea Vitali, Clara Sánchez, Alessia Gazzola.

Feste: (Secondo) Tempo, alla libreria Feltrinelli di piazza Piemonte il 20 aprile; Typee (il 20 aprile all’East River), sempre il 20 aprile Milano da Bere: cocktail party di Studio per Tempo di Libri, altra festa allo storico Bar Basso.

MARATONA DI LETTURE: da venerdì 21 a domenica 23 aprile nell’UniCredit Pavilion ( piazza Gae Aulenti, con strutture realizzate con il contributo di Fiera Milano) ecc…

Fondazione Stelline due gli appuntamenti, Come to Milano: la città e i talenti globali: formazione e carriera nella città (il 20 aprile) con PierCarla Delpiano, Stefania Vitulli, Germano Buttazzo, Emiliano Cappuccitti, Gabriele Ghini, Daniele Mancini, Mattia Mor ecc…  Più si legge meno si imita (22 aprile) in occasione della nascita di OverBook; prima Scuola di Lettura Creativa con Stefania Vitulli, Antonio Carnevale e Stefano Zecchi.

Civico Planetario Ulrico Hoepli ai Giardini Pubblici Indro Montanelli: L’alfabeto dell’universo…  Il 21 aprile per festeggiare i 60 anni di Bollati Boringhieri con l’apertura serale straordinaria di librerie, associazioni, musei e biblioteche.

22 aprile;  nel giardino storico di Palazzo Sormani si potrà assitere  alla Convention dei lettori volontari del patto della lettura. Indovina chi viene a cena? Due mini lezioni e una lettura spettacolare con  400 volontari.

Il giallo a Milano (come e perché Holmes, Maigret e De Vincenzi si trovano a Brera):  mostra documentale alla Biblioteca Nazionale Braidense dal 20 aprile.

Al Fuori Tempo di Libri È tempo di Librai: alcuni autori si caleranno nel ruolo di librai presso:  Libreria Popolare di via Tadino il 20 aprile (Alessandro Barbaglia e Paola Calvetti), Libreria dello spettacolo rispettivamente il 20 e 21 aprile (Davide Steccanella e Mirko Zilahy),  Libri sotto casa c/o Portineria 14 il 20 aprile (Deborah Simeone),

 È tempo di Librai  prevede anche al partecipazione di:

-Mondadori Store: diversi appuntamenti in alcune sedi (Fuori dal tempo (di libri): conversazioni d’autore e Aperitivo con l’autore): –

-librerie Rizzoli Galleria, Mondadori Megastore Milano Duomo, Mondadori Megastore Multicenter Marghera e Mondadori Megastore di via S. Pietro all’Orto

Libreria Internazionale Hoepli: incontro del 20 aprile con Enrica Battifoglia e Giovanni Caprara.

– 21 aprile alla Libreria delle donne: dialogo Enciclopedia delle donne. Educazione sessuale con Luisa Muraro e Valeria Parrella, partendo dal libro di quest’ultima.

-Corraini in Piccolo il 19 aprile Jean Talon, Valter Rosa e Giulia Morelli presentano Mi ricordo ancora di Pietro Ghizzardi.

-121+ Libreria Extemporanea il 20 aprile incontro con Dario Scodeller sul suo Design spontaneo.

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci:

-19 aprile Paolo de Bernardis presenta il suo libro Solo un miliardo di anni? Con Luca Reduzzi.

-21 aprile, con Edizioni Sonda, l’incontro Finchè le gabbie non saranno tutte vuote: omaggio a Tom Regan.

-22 aprile Giulio Giorello e Pier Luigi Gaspa, quest’ultimo parlerà del suo Madame Curie, indipendenza e modernità

-23 aprile, in occasione della Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore: libri, rose e innamorati  …

Circolo della Letteratura e delle Arti di Milano (presso Spazio Cobianchi Duomo 19A) sarà protagonista Luigi Pirandello… 19-22 aprile.

Palazzo Clerici il 20 aprile I primi cento giorni di Trump, tavola rotonda con Viviana Mazza, Maio Del Piero, Paolo Magri e Andrew Spannaus a cura di ISPI – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale.

Comune di Rho: una serie di appuntamenti con gli autori.

Comune di Sesto San Giovanni offre la mostra Segni: appunti, bozzetti e schizzi  (Biblioteca Pietro Lincoln Cadioli).

Comune di Monza; l’Assessorato alle Politiche culturali, aprirà le porte dei luoghi della lettura; con le Biblioteche del Sistema Bibliotecario Urbano, librerie e vari luoghi culturali in città e la Biblioteca Civica.

TEMPO DI LIBRI

INFORMAZIONI

Il biglietto intero costa 10 euro, l’abbonamento 25.

Rho Fiera, raggiungibile con la linea rossa della metropolitana (con biglietto extraurbano).

COMO – Passeggiata creativa del ciclo “Sulle orme di Volta”

– Sono aperte le iscrizioni alla terza passeggiata creativa del ciclo “Sulle orme di Volta”, presentata questa mattina a Villa del Grumello assieme a tutto il ricchissimo programma del Festival della Luce – Lake Como.

Il 14 maggio cammineremo con Gianni Biondillo e Pietro Berra da Villa Olmo di Como al Giardino della Valle di Cernobbio. Info e iscrizioni qui: www.festivaldellaluce.it/il-programma/29-passeggiata-sulle-orme-di-volta.html?date=2017-05-14-14-30
In collaborazione con Fondazione Alessandro Volta e Le Primavere de La Provincia di Como.

Sempre per il ciclo “Sulle orme di Volta” vi ricordiamo che il 22 aprile verrà recuperata la passeggiata all’Oasi del Bassone, rinviata lo scorso 2 aprile causa maltempo. Le prenotazioni che erano state fatte per la data originaria restano valide. Chi dovesse rinunciarvi è pregato di segnalarlo alla mail sulleormedivolta@fondazionealessandrovolta.it , in modo che il suo posto possa essere liberato a favore di chi era rimasto in lista d’attesa. Informazioni qui: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-passeggiate-sulle-orme-di-volta-22-aprile-2017-32718800814

Con la speranza di rivedervi presto in una delle prossime passeggiate,

auguri di buona Pasqua da tutto il nostro staff

Pasqua e Pasquetta alla Reggia di Venaria in Piemonte

Venaria Reale, modello in legno.
Venaria.

Caravaggio alla Venaria 2017

Venaria Reale.

Speciale anche per bambini e ragazzi (programmi più sotto)

Pasqua e Pasquetta alla Reggia di Venaria

In occasione delle festività di Pasqua e Pasquetta, La Venaria Reale offre un programma ricchissimo di eventi ed iniziative eccezionali.

Domenica 16 e lunedì 17 aprile il complesso sabaudo è infatti aperto al pubblico, dalle ore 9 alle ore 18.30, con diverse mostre in contemporanea, eventi e attrazioni in grado di incontrare l’interesse di ogni tipologia di pubblico ed in particolare alle famiglie.

INFORMAZIONI:
Tel.: +39 011 4992333 – www.lavenaria.it

Caravaggio Experience

Citroniera delle Scuderie Juvarriane

Imponente video installazione originale, Caravaggio Experience propone l’opera del celebre artista Michelangelo Merisi utilizzando un approccio contemporaneo: l’uso di un sofisticato sistema di multi-proiezione a grandissime dimensioni, combinato con musiche suggestive e fragranze olfattive, porta il visitatore a vivere un’esperienza unica anche sul piano sensoriale, attraverso una vera e propria “immersione” personale nell’arte del maestro del Seicento.

Nei grandiosi spazi architettonici della Citroniera Juvarriana della Reggia di Venaria, il visitatore resta “coinvolto” in uno spettacolo di proiezioni e musiche della durata complessiva di 50 minuti circa, in funzione contemporaneamente lungo tutto il percorso, senza interruzioni e a ciclo continuo, in cui sono evocate 58 opere del grande pittore.

L’installazione ripercorre i temi dell’intera produzione caravaggesca: la luce, il naturalismo, la teatralità, la violenza; e termina con un “viaggio” ideale attraverso i luoghi di Caravaggio, seguendo cronologicamente le fasi principali della sua incredibile esperienza di vita.

Consulenza scientifica di Claudio Strinati
Mostra prodotta dal Consorzio La Venaria Reale con Medialart srls, in collaborazione con Roma&Roma

Dalle Regge d’Italia.
Tesori e simboli della regalità sabauda

Sale delle Arti, II piano

Nell’anno in cui ricorre il decimo Anniversario della sua inaugurazione, La Venaria Reale propone una grande mostra che si colloca in continuità con quella che aprì ufficialmente il complesso per la prima volta al pubblico, dedicata alla Reggia ed alla storia della dinastia sabauda.

Il percorso dell’esposizione inaugurale del 2007, partendo dal Cinquecento, si concludeva con le prime vicende del ramo dei Savoia-Carignano durante la Restaurazione: la nuova mostra racconta invece la dinastia nel periodo compreso tra il 1860 e il 1920.

130 opere provenienti dalle Regge della Penisola nel periodo in cui i Savoia rivestirono il ruolo di re d’Italia illustrano come gli stessi disegnarono e definirono la propria regalità italiana, dopo gli esiti del processo risorgimentale. Prestigiosi prestiti di opere e documenti da parte di Quirinale, Palazzo Pitti, Palazzo Reale di Napoli, Reggia di Caserta per citare solo i principali, intendono raccontare le Regge italiane nel periodo in cui costituirono un compiuto sistema nazionale di Residenze per la Corona.

Fra le preziose opere in mostra, imperdibile il trono dei re d’Italia, proveniente dal Palazzo del Quirinale, così come lo stipo per la corona d’Italia da Palazzo Pitti, la culla per il principe di Napoli dalla Reggia di Caserta e il Genio della monarchia dipinto nel 1880 dal grande pittore brasiliano Pedro Amerigo in omaggio a Umberto I, ed oggi al Palazzo Reale di Torino.

Sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. Mostra organizzata e realizzata dal Consorzio La Venaria Reale in collaborazione con il Senato della Repubblica e con le Gallerie degli Uffizi, i Musei Reali di Torino, la Palazzina di Caccia di Stupinigi, il Palazzo Reale di Genova, il Polo museale della Campania, il Polo Museale del Piemonte, la Reggia di Caserta e la Regione autonoma della Valle d’Aosta.
A cura di Silvia Ghisotti e Andrea Merlotti

http://www.lavenaria.it/web/

Jungle.
L’immaginario animale nella Moda

Sale delle Arti, I piano

Una mostra inedita nel panorama culturale europeo che racconta, attraverso un centinaio di abiti e accessori, l’evoluzione dell’animalier, ovvero i diversi modi in cui manto e forme animali sono stati rielaborati dalla moda. Dall’imitazione perfetta del pattern, all’invenzione di forme e di colori, fino a una vera e propria metamorfosi tra creature umane e non umane i cui sguardi si riflettono negli abiti. L’animalier rende omaggio al mondo animale e nel farlo sublima l’animalità in stile.

Il riferimento all’abito “Jungle” del 1947 di Christian Dior apre concettualmente il percorso: l’abito segna l’entrata ufficiale dell’animalier nella haute couture.

Da allora, gran parte degli stilisti si sono confrontati con il tema, dallo chic al pop in un costante rimando tra erotismo e trasgressione, gioco ed eleganza.

Molti sono i designer presenti in mostra, selezionati per l’estetica, la qualità dei materiali, le forme, la rilevanza stilistica e concettuale, tra cui Jean Paul Gaultier, Azzedine Alaïa, Roberto Cavalli e Gianfranco Ferré, i nuovi classici di Valentino, Fausto Puglisi, Givenchy e Stella McCartney, i bustier ricamati di Krizia, fino agli abiti tecnologici di Iris Van Herpen e a quelli dei più giovani stilisti. Le loro creazioni mettono in evidenza non solo i cambiamenti del gusto, ma anche i diversi significati di un trend che, divenuto uno dei grandi classici del nostro guardaroba, non smette tuttavia di ispirare la moda.

A cura di Costanza Carboni, Ludovica Gallo Orsi, Simona Segre Reinach Progetto allestitivo di Pietro Ruffo
Mostra organizzata e realizzata dal Consorzio La Venaria Reale

Le numerose opportunità di visita comprendono inoltre il percorso della Reggia Teatro di Storia e Magnificenza con le installazioni multimediali e musicali Ripopolare la Reggia di Peter Greenaway e Music for the Great Gallery di Brian Eno, e le suggestive esposizioni annesse:

  • La Regia Scuderia. Il Bucintoro dei Savoia e le Carrozze Regali
  • Le Belle Arti. Mostra/Atelier dalle collezioni dell’Accademia Albertina di Torino.Ospite d’onore: il Veronese
  • Sculture moderne alla Reggia di Venaria

A queste si aggiungono i Giardini con le loro attrazioni paesaggistiche e botaniche, il Giardino delle Sculture Fluide e la mostra Anafora di Giuseppe Penone, l’opera Dove le stelle si avvicinano di una spanna in più di Giovanni Anselmo, la storica Statua dell’Hercole Colosso e gli orti e frutteti del Potager Royal più grande d’Italia.

Con la giornata di Pasqua sono di nuovo tutte attive le attrazioni nei Giardini della Reggia:

  • lo spettacolo del Teatro d’Acqua della Fontana del Cervo nella Corte d’onore che si anima con le “danze” dei suoi 100 getti d’acqua alti 9 metri seguendo il ritmo di luci e musiche;
  • il divertente tour nei Giardini con la Freccia di Diana, il trenino che accompagna i visitatori lungo le scenografie verdi del Parco basso fino ai suggestivi resti del Tempio di Diana;
  • la navigazione, nell’incantevole scenario della Peschiera, con la gondola della Reggia che riprende un’antica tradizione di svago della corte;
  • il giro dal Gran Parterre con la Carrozza a cavalli per scoprire i panorami ed i luoghi più nascosti del parco, soffermandosi magari nella zona del Boschetto dei giochi del Fantacasino o presso l’Aiuola dei pavoni.E a Pasquetta prende il via la stagione delle Giornate da Re: animazioni, giochi, fiabe, concerti, performance artistiche e spettacoli di teatro, danza contemporanea e “nuovo circo”, per lasciarsi coinvolgere dal divertimento e dalla creatività vivendo in modo originale l’incantevole scenario della Reggia. 

PER I VOSTRI RAGAZZI

C’era una volta nel giardino del Re

C’era una volta nel giardino del Re, ultima grande produzione della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus (14 artisti tra attori e musicisti), è un viaggio attraverso le favole, un percorso magico e onirico, realizzato anche grazie al lavoro di preparazione e sperimentazione prodotto l’estate scorsa nei giardini delle Residenze Sabaude.

Per la prima delle Giornate da Re del 2017, la Reggia di Venaria è la preziosa cornice in cui prendono vita le fiabe della tradizione europea colta e popolare.

Attraverso un percorso che si sviluppa tra i magnifici Giardini della Reggia, il pubblico può assistere a tre straordinarie trasformazioni: quella ispirata alla storia di Driope nelle Metamorfosi di Ovidio, quella del Principe Ranocchio, raccontata nelle Fiabe dei Fratelli Grimm, e quella del Principe Canarino, fiaba piemontese tratta dalle Fiabe italiane raccolte da ltalo Calvino.

Gli attori sono accompagnati da tre ensemble di musicisti, che propongono brani di musica barocca, blues e folk rigorosamente suonati dal vivo.

Il principe Ranocchio

Ore 15 – Patio dei Giardini

Con Elena Campanella e Daniel Lascar
Regia e drammaturgia di Graziano Melano
dalle Fiabe dei fratelli Grimm
Musiche blues / rock dal vivo a cura di Dodo & Gianluca Maiorino

Un giorno, nei pressi di uno stagno, una bella principessa sente una voce che le chiede perché si trovi lì. Alzando lo sguardo, la fanciulla scopre che a parlare è un ranocchio, cui racconta di avere smarrito la sua palla d’oro. Il ranocchio le promette di riprendergliela, a patto di diventare il suo compagno. Lei, con leggerezza, accetta il compromesso. Recuperata la palla, torna nel suo castello dimenticandosi della promessa. Il ranocchio, allora…

DODO & GIANLUCA Maiorino è un duo formato da musicisti di esperienza ventennale. Nel loro repertorio ci sono il country, il blues, l’irish e il rock and roll. Gli strumenti, oltre alla voce, sono l’armonica, la gran cassa, il charleston, la chitarra e il kazoo.

Il giardiniere del Re

Ore 15.30 – Giardino delle Sculture Fluide di Giuseppe Penone

Con Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci
Regia e drammaturgia di Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci Dalle Metamorfosi di Ovidio
Musiche antiche e barocche dal vivo a cura del Gridelino Ensemble

Il giardino è uno spazio incantato, magico, dove tutto vive come dentro a un racconto. Nessuno più del giardiniere conosce gli infiniti mutamenti dei fiori e degli alberi che colorano questo disegno e le metamorfosi che in ogni stagione animano i sentieri del parco. Il giardiniere è l’artefice e il custode della bellezza del suo giardino. Ma qual è il segreto che si cela dietro l’albero più bello?

Il GRIDELINO ENSEMBLE è una formazione cameristica barocca nata dal desiderio di appassionare l’ascoltatore al mondo della musica antica. Gli strumenti utilizzati sono tre grandi protagonisti della musica barocca: violoncello,clavicembalo e oboe.

Il principe Canarino

Ore 16.15 – Allea di Terrazza

Con Claudio Dughera e Claudia Martore Regia e drammaturgia di Luigina Dagostino da Fiabe Italiane di Italo Calvino
Musica folk dal vivo a cura di Le Fou Rire

Esiliata dalla matrigna in un lontano castello, una principessa s’innamora, corrisposta, del figlio del Re. Per aiutarla a coronare il suo sogno,una strega amica le fornisce un libro magico, che trasforma il principe in canarino e il canarino in principe, a seconda di come vengono girate le pagine, consentendo ai due innamorati di incontrarsi. La cattiva matrigna, però, decide di contrastare il loro amore.

Il gruppo LE FOU RIRE, seguendo il filone Neo Trad, si muove nell’ambito della musica popolare e folk, arrangiando brani “storie:” e componendone di nuovi. Gli strumenti utilizzati sono il flauto diritto, il flauto traverso, la chitarra, la ghironda e ilviolino.

http://www.lavenaria.it/web/

Arte a Lisbona – A maggio torna ARCO

E’ stato organizzato un programma con 150 attività ed eventi imperdibili

Dal 18 al 21 la capitale portoghese ospita la fiera internazionale dell’arte contemporanea

Per l’Italia presente la Galleria Umberto Di Marino

Lisbona si conferma sempre più città di grande impatto culturale e hub dell’arte contemporanea, anche grazie alla recente inaugurazione del MAAT.

La Capitale Iberoamericana della cultura per il 2017 ospiterà, per la seconda volta, la ARCO, fiera internazionale dell’arte contemporanea in programma dal 18 al 21 maggio nei locali dell’ex Cordoaria Nacional.

Rivolta a un pubblico internazionale, con la presenza di circa cinquanta gallerie, l’evento è da ritenersi di grande rilievo anche in considerazione del successo della prima edizione.

Nel 2016 infatti, sono stati circa 13 mila i visitatori e ben quarantacinque le gallerie provenienti da 8 paesi.

L’edizione di quest’anno manterrà lo stesso format ma l’atmosfera sarà certamente diversa e ancora più coinvolgente.

Per il 2017 infatti, Lisbona è Capitale iberoamericanadella cultura di un mondo che aggrega oltre 120 milioni di persone dalla Penisola Iberica, dal Messico al Sud e Centro America.

Per celebrare questo avvenimento è stato organizzato un programma con 150 attività ed eventi imperdibili lungo tutto il corso dell’anno. Prosegue dunque il momento di splendore per la capitale lusitana.

ARCO si prepara ad accogliere anche una prestigiosa galleria italiana.

Nei quattro giorni a Lisbona sarà infatti presente Sergio Vega e la Galleria Umberto Di Marino di Napoli. In Portogallo ci saranno un quarto delle gallerie di Madrid, città madre della mostra.

Marcelo Rebanda, rappresentante del Turismo del Portogallo in Italia, racconta le sue sensazioni su ARCO e sulle aspettative di Lisbona: “È un anno importantissimo per il Portogallo e la sua capitale. ARCO rappresenta certamente uno degli eventi di maggior rilievo culturale per la città e i numeri della prima edizione ci lasciano sperare che Lisbona possa consolidarsi come prestigioso hub culturale di livello internazionale”.

TURISMO DE PORTUGAL

Visitportugal è il sito ufficiale di promozione turistica del Portogallo creato da Turismo de Portugal, I.P., l’ente turistico nazionale.

Integrato nel Ministero dell’Economia, Turismo de Portugal, I.P., è l’ente preposto alla promozione, valorizzazione e sostenibilità dell’attività turistica, e riunisce in un’entità unica tutte le competenze istituzionali relative alla promozione del turismo, dall’offerta alla domanda.

Turismo de Portugal si avvale di una rete di uffici che coprono 21 paesi di prioritaria importanza per la promozione turistica internazionale.

Per informazioni: https://www.visitportugal.com/it

PASQUA A PALAZZO STROZZI – Firenze

PASSA LA TUA PASQUA A PALAZZO STROZZI!

BILL VIOLA. RINASCIMENTO ELETTRONICO
APERTA DOMENICA 16 E LUNEDÍ 17 APRILE

La mostra è aperta tutti i giorni compresi i festivi di Pasqua (Domenica 16 e Lunedì 17 aprile)

Orario ogni giorno 10.00-20.00 e tutti i giovedì fino alle 23.00.
La biglietteria chiude un’ora prima.

Dal 10 marzo al 23 luglio 2017 Palazzo Strozzi ospita Bill Viola. Rinascimento Elettronico, una grande mostra che celebra il maestro indiscusso della videoarte contemporanea attraverso opere della sua produzione dagli anni Settanta a oggi esposte in dialogo con l’architettura di Palazzo Strozzi e in un inedito confronto con grandi capolavori del Rinascimento.

La rassegna, a cura di Arturo Galansino (direttore generale, Fondazione Palazzo Strozzi) e Kira Perov (direttore esecutivo, Bill Viola Studio), si pone come un evento unico per ripercorrere la carriera dell’artista, sempre segnata dall’unione tra ricerca tecnologica e riflessione estetica, dalle prime sperimentazioni con il video negli anni Settanta fino alle grandi installazioni degli anni duemila che catturano l’attenzione del pubblico con forti esperienze sensoriali. In modo totalmente inedito, nella cornice rinascimentale di Palazzo Strozzi, la mostra crea inoltre uno straordinario dialogo tra antico e contemporaneo attraverso il confronto delle opere di Viola con capolavori di grandi maestri del passato, che sono stati fonte di ispirazione per l’artista americano e ne hanno segnato l’evoluzione del linguaggio.

Nato a New York nel 1951, Bill Viola è internazionalmente riconosciuto come uno dei più importanti artisti contemporanei, autore di videoinstallazioni, ambienti sonori e performance che propongono al pubblico straordinarie esperienze di immersione tra spazio, immagine e suono.

Esplorando spiritualità, esperienza e percezione Viola indaga l’umanità: persone, corpi, volti sono i protagonisti delle sue opere, caratterizzate da uno stile poetico e fortemente simbolico in cui l’uomo è chiamato a interagire con forze ed energie della natura come l’acqua e il fuoco, la luce e il buio, il ciclo della vita e quello della rinascita.

Sono davvero felice di recuperare le mie radici italiane e di avere l’occasione di ripagare il mio debito con la città di Firenze attraverso le mie opere” dichiara l’artista “Dopo aver vissuto e lavorato a Firenze negli anni settanta, non avrei mai immaginato di avere l’onore di realizzare una così grande mostra in una istituzione così importante come Palazzo Strozzi”.

Creare una mostra di Bill Viola a Palazzo Strozzi, in un percorso espositivo unitario tra Piano Nobile e Strozzina, significa celebrare la speciale relazione tra l’artista e la città di Firenze.

È qui infatti che Bill Viola ha iniziato la sua carriera nel campo della videoarte, quando tra il 1974 e il 1976 è stato direttore tecnico di art/tapes/22, centro di produzione e documentazione del video fondato e diretto da Maria Gloria Conti Bicocchi. Ed è nella città di Firenze e in tutta la Regione Toscana che Palazzo Strozzi trova una diretta prosecuzione della mostra attraverso importanti collaborazioni con musei e luoghi del territorio dove saranno esposte opere dell’artista, esaltando il suo rapporto con la storia e l’arte toscana, tra cui la Galleria degli Uffizi e il Museo di Santa Maria Novella a Firenze e il Museo della Collegiata di Sant’Andrea a Empoli

In occasione della mostra Palazzo Strozzi ha inoltre creato una speciale collaborazione con il Grande Museo del Duomo di Firenze.

Grazie a uno speciale biglietto congiunto sarà possibile visitare la mostra di Palazzo Strozzi insieme al Battistero di San Giovanni e al Museo dell’Opera del Duomo.

Qui saranno eccezionalmente esposti i video Observance (2002) e Acceptance (2008): due celebri opere di Bill Viola dedicate ai temi del dolore e della sofferenza esaltando la riflessione sull’umanità e sul senso religioso nel mondo contemporaneo, che saranno messe in dialogo con due simboli del museo fiorentino come la Maddalena penitente di Donatello e la Pietà Bandini di Michelangelo.

EVENTO DI ALTA GASTRONOMIA SCIENTIFICA A MANTOVA FOOD&SCIENCE FESTIVAL – 5 – 7 maggio 2017

FOOD&SCIENCE FESTIVAL
Coltiviamo conoscenza
Prima edizione

Mantova, 5-7 maggio 2017

Food⪼ience Festival è pensato come un grande appuntamento di divulgazione scientifica

Grigliata scientifica domenica 7 alle 19.30 sul Lungo Rio

100 eventi tra conferenze, incontri, laboratori, mostre e altre attività che stimoleranno la partecipazione diretta del pubblico, con la partecipazione di ospiti di rilievo nazionale e internazionale.

Il cibo rivela il passato, il presente e il futuro dell’umanità, ma non è mai rimasto uguale a se stesso.

Nel corso dei secoli, grazie al suo ingegno, al contributo delle scoperte scientifiche e delle innovazioni della tecnologia, l’uomo è riuscito a rendere più efficienti le tecniche di produzione, a sviluppare nuovi metodi per l’agricoltura e l’allevamento, ad aprire strade alternative per l’intera filiera agroalimentare: dalla selezione di semi più resistenti ai parassiti e alle intemperie del clima, all’invenzione di un’enogastronomia sempre più ricca, creativa, geniale, capace di fondere tradizione e modernità. Il Food⪼ience Festival di Mantova, la cui prima edizione si svolgerà dal 5 al 7 maggio 2017, è un nuovo evento che racconterà lo straordinario e indissolubile legame tra cibo e scienza.

La sua storia, la sua evoluzione e – soprattutto – le sue prospettive di fronte alle grandi sfide che ci vengono poste dal futuro.

Perché in un mondo messo sotto pressione dall’esplosione demografica, dai cambiamenti climatici e dalle turbolenze sociali ed economiche, proprio dalla convergenza tra rispetto dell’ambiente, valorizzazione del territorio e progresso tecnologico e scientifico potranno arrivare nuove soluzioni a quella che è la più antica necessità di tutti gli esseri umani: nutrirsi.

Ci sarà spazio per l’omaggio ai “visionari agricoli” di ieri (come Nazareno Strampelli, pioniere della genetica agraria in Italia, di cui sono stati da poco celebrati i 150 anni dalla nascita) e per gli interventi delle figure che oggi sono al centro delle grandi battaglie sul futuro dell’alimentazione (come la biotecnologa statunitense Nina Fedoroff).

Parteciperanno autorevoli accademici internazionali (R.Ford Denison,autore del bestseller Darwinian Agriculture), food writer (lo scienziato-cuoco James Kenji López-Alt), giornalisti scientifici (Alok Jha, di cui è stato da poco tradotto Il libro dell’acqua, Bollati Boringhieri), astronauti (Luca Parmitano, che ha portato le eccellenze del Made in Italy a bordo della Stazione Spaziale), divulgatori molto noti al grande pubblico (il meteorologo Luca Mercalli e lo scienziato “in cucina” Dario Bressanini), chef non convenzionali (come Chef Rubio, noto per il successo dell’ultima stagione di Unti e Bisunti, ma soprattutto per la grande capacità di raccontare, in maniera originale e passando dal web alla tv fino alla carta stampata, storie, luoghi e persone attraverso il cibo) e protagonisti della ricerca e dell’innovazione in Italia, come l’esperta di biorobotica Barbara Mazzolai, il rettore della Scuola Superiore di Sant’Anna Pierdomenico Perata e il presidente della Società Italiana di Genetica Agraria Michele Morgante.

Alcuni appuntamenti speciali saranno pensati per gli addetti ai lavori, mentre una fitta rete di laboratori e altre iniziative specifiche sarà rivolta agli studenti.

Il cibo non sarà raccontato solo a parole, ma anche attraverso le immagini: nelle mostre Food. Il futuro del cibo, costruita sugli scatti di agricolture del mondo dei fotoreporter di National Geographic, La Fiaba è servita, un’avventura illustrata alla scoperta dell’enogastronomia nella cultura popolare italiana,

Selvatico domestico,a cura di Orto Botanico Città Studi – Università degli Studi di Milano e Agri-Cultura e dedicata all’evoluzione delle piante. E sotto forma di spettacolo, con la Banda Osiris e Arianna Porcelli Safonov che metteranno in scena le disavventure di una persona affascinata dalla vita di campagna fino al momento in cui ne scopre le fatiche.

La creatività dell’immagine guida di questa prima edizione del Festival è curata da Olimpia Zagnoli, giovane illustratrice tra le più affermate al mondo, con collaborazioni con alcune tra le testate più importanti tra cui il “New York Times”, “The New Yorker”, “la Repubblica”, “Taschen”, “Time”.

Ha scelto di interpretare lo spirito della manifestazione attraverso una colorata stilizzazione di tre elementi caratteristici della filiera agroalimentare: una mucca, un grappolo d’uva e una spiga di mais.

Il Food⪼ience Festival si avvarrà di un network di partnership di alto livello: nel suo programma saranno presenti rappresentanti delle maggiori università e istituti di ricerca scientifici in Italia, oltre a iniziative realizzate in collaborazione con riviste, media e altri protagonisti dell’industria editoriale nazionale.

Gli appuntamenti saranno distribuiti su alcuni dei più caratteristici spazi offerti da Mantova, città che si conferma sede ideale per l’organizzazione di festival dal respiro moderno e internazionale e che, dopo essere stata Capitale Italiana della Cultura nel 2016 si accinge a essere designata Regione Europea dell’Enogastronomia nel 2017 (assieme a Bergamo, Brescia e Cremona): i laboratori e i percorsi espositivi saranno ospitati nel Palazzo della Ragione, gli spettacoli e le lecture al Teatro Bibiena, le conferenze, gli incontri e i dibattiti alla Loggia del Grano e in Piazza Mantegna, gli incontri per gli addetti ai lavori al Mantova Multicentre MaMu, le tante attività extra e gli stand dedicati ai prodotti locali nelle piazze e in altri punti strategici del centro storico.

Senza dimenticare gli Agricoltour e le altre iniziative che coinvolgeranno il territorio provinciale, a completare un weekend che si propone di “coltivare” una nuova conoscenza e consapevolezza nei confronti del cibo e del complesso mix di competenze, tecnologie e passione che ne regolano la produzione.

Promosso da Confagricoltura Mantova, ideato da FRAME e organizzato da Mantova Agricola,con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e del Comune di Mantova, con Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia, Camera di Commercio di Mantova, East Lombardy – Regione Europea della Gastronomia 2017 e Politecnico di Milano, come partner istituzionalie come main partner importanti aziende e realtà del territorio come Intesa Sanpaolo, Syngenta, Consorzio Tutela Grana Padano, Consorzio Tutela Parmigiano Reggiano, Granarolo e TEA, il Food⪼ience Festival è pensato come un grande appuntamento di divulgazione scientifica: il suo programma offrirà oltre cento eventi tra conferenze, incontri, laboratori, mostre e altre attività che stimoleranno la partecipazione diretta del pubblico, con la partecipazione di ospiti di rilievo nazionale e internazionale.

LE CONFERENZE

Da dove arrivano gli alimenti che mangiamo ogni giorno? Come vengono prodotti?

Che storia hanno?

Che rapporto c’è tra scienza e agricoltura?

Quali sono i rischi e quali le potenzialità dell’innovazione, a cavallo tra l’efficienza della tecnologia e la tutela dell’ambiente?

Sono alcune delle domande e delle tematiche affrontate nel programma delle conferenze, dei dialoghi e dei “question time” del Food⪼ience Festival.

Nella sezione Visionari agricolisi racconterà l’esperienza di quelle persone che hanno cambiato o sono destinate a cambiare il modo in cui si produce il cibo.

Una sfida che inevitabilmente è condotta a livello globale, come racconterà Nina Fedoroff (Nutrire il pianeta; sabato 6 maggio alle 16.30 al Teatro Bibiena),tra le più autorevoli esperte di biotecnologia al mondo, National Medal of Science, già presidente dell’American Association for the Advancement of Science negli Stati Uniti e a lungo consulente scientifica per il governo di Washington.

Ma al tempo stesso una sfida che era già stata individuata e combattuta nei secoli scorsi, per esempio da Nazareno Strampelli, lo scienziato che nella prima metà del Novecento introdusse la genetica agraria in Italia e la cui storia sarà raccontata (sabato 6 alle 10.30 alla Loggia del Grano) da Sergio Salvi, ricercatore e divulgatore di genetica vegetale, e da Luigi Cattivelli, direttore del Centro di ricerca per la genomica e la postgenomica animale e vegetale, che ha coordinato il lavoro del team internazionale che ha recentemente concluso il sequenziamento del genoma del grano duro. E proprio dalla rivoluzione rappresentata dall’editing genomico e da tecniche di manipolazione del DNA efficaci, poco costose e leggere come la Crispr, parlerà Anna Meldolesi, giornalista scientifica, co-fondatrice della rivista Darwin, di cui Bollati Boringhieri pubblica nel 2017 il nuovo studio E l’uomo creò l’uomo (domenica 7 alle 15.30 nella Loggia del Grano, modera Antonio Pascale).

La migliore innovazione è quella che tiene anche conto dell’impatto esercitato dall’agricoltura nei confronti dell’ambiente.

A questo tema è dedicato il filone di appuntamenti Agricoltura e sostenibilità, in cui è compreso l’incontro con R. Ford Denison, professore emerito presso l’Università della California di Davis, docente di “Ecologia, evoluzione e comportamento” all’Università del Minnesota e autore del bestseller internazionale Darwinian Agriculture: how understanding evolution can improve agriculture, nel quale applica i principi dell’evoluzione e della selezione naturale alla scienza agricola (domenica 7 alle 14.30 al Teatro Bibiena, modera Marco Ferrari). Il rapporto tra agricoltura, alimentazione e cambiamenti climatici – sia in ottica di previsione che di intervento – sarà al centro degli incontri con Luca Mercalli, climatologo noto anche per la sua attività di divulgatore in televisione (sabato 6 alle 17.30 al Teatro Bibiena), e di Pierdomenico Perata, fisiologo e rettore della Scuola Superiore di Sant’Anna, uno degli istituti italiani in cui si svolgono le ricerche più avanzate nel campo della fisiologia vegetale e della biologia delle piante (sabato 6 alle 14 alla Loggia del Grano). Dalla Gran Bretagna arriverà Alok Jha, ex-corrispondente scientifico del quotidiano “The Guardian”, oggi reporter per il network ITV, autore del recente Il libro dell’acqua. La storia straordinaria della più ordinaria delle sostanze (sabato 6 alle 11 al Teatro Bibiena). Da Torino giunge invece la testimonianza di Martina Tarantola,veterinaria specializzata in “Farm Animal Welfare”, che affronterà l’attualissimo tema del benessere animale ricordando come la sostenibilità dell’agricoltura riguarda anche la capacità e la sensibilità nel gestire gli animali in allevamento (domenica 7alle ore 14 nella Loggia del Grano).

Nel DNA dell’innovazione sono scritte la curiosità e l’innata tendenza a guardare oltre l’orizzonte: a Mantova, le nuove Frontieredella scienza legata al cibo saranno protagoniste di una sezione ad hoc, in cui il pubblico potrà incontrare alcuni tra i più innovativi ricercatori del panorama nazionale.

Come Barbara Mazzolai, coordinatrice del centro di Micro-BioRobotica dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, che a fine 2015 è stata inserita tra le “25 donne geniali da tener d’occhio nel mondo” secondo RoboHub (la più grande comunità online dedicata alla robotica), in particolare grazie al lavoro d’avanguardia nel campo della robotica bioispirata e nel progetto europeo per la realizzazione di plantoidi (robot che “imitano” il sistema di propagazione delle radici vegetali), con una conferenza in programma sabato 6 alle 15.30 nella Loggia del Grano.

O come Michele Morgante, professore di genetica all’Università di Udine, direttore scientifico dell’Istituto di Genomica Applicata e presidente della Società Italiana di Genetica Agraria, che da anni lavora alla ricerca di “vini resistenti”, cioè vitigni che – attraverso un processo di incrocio e selezione – sono capaci di resistere meglio di quelli tradizionali ai funghi, riducendo automaticamente l’utilizzo di antiparassitari e altri strumenti chimici. Vini che al Festival sarà anche possibile assaggiare, nella degustazione che domenica 7 alle 12 nella Loggia del Grano accompagnerà la conferenza. Guido Saracco, professore di Chimica Industriale al Politecnico di Torino e direttore del nuovo Centro per le tecnologie future sostenibili dell’Istituto Italiano di Tecnologia, condurrà il pubblico alla scoperta dei Cacciatori di CO2,per riutilizzare l’anidride carbonica a favore dell’ambiente(domenica 7 alle 15.30 al Teatro Bibiena). Infine, una nuova frontiera dell’alimentazione – di certo un po’ ostica da accettare per chi è abituato alla dieta mediterranea – è quella degli insetti: quale sarà il loro ruolo nel consumo alimentare del futuro? Tra qualche anno faremo aperitivi a base di cavallette o utilizzeremo le farine di insetti per nutrire gli animali in allevamento? Di questo e altro parlerà Laura Gasco (domenica 7 alle 11.15 nella Loggia del Grano), docente presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino e collaboratrice dell’International Platform of Insects for Food and Feed (Ipiff). Inoltre, sempre per guardare al domani, l’eventoUn insetto nel piatto, a cura di Focus – il brand del Gruppo Mondadori dedicato alla divulgazione scientifica e all’intrattenimento – con un intervento introduttivo sull’entomofagia del direttore Jacopo Loredan e uno showcooking di biscotti a base di farina di grillo (in collaborazione con Entonote) in programma sabato 6 alle 17.30 in piazza Mantegna.

Innovativi non sono solo i contenuti ma anche la formula del Festival, che si aprirà ad esperimenti di divulgazione interattiva come il Meat-up: un grande evento in piazza in cui il chimico e divulgatore scientifico Dario Bressanini (esperto di cibo e innovazione per la rivista Le Scienze) e il “re del barbecue” Gianfranco Lo Cascio (fondatore della BBQ4All University) riveleranno i segreti per cucinare la bistecca perfetta in una vera e propria grigliata scientifica domenica 7 alle 19.30 sul Lungo Rio (in collaborazione con ASSICA – Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi). Ci vorrà un po’ di pazienza (dodici ore di cottura, a partire dalle 9.30) e molta attenzione per i dettagli, ma alla fine si potrà gustare di persona il risultato dell’attività.

Sempre all’insegna dell’interazione, con un occhio al modello anglosassone del Q&A, saranno i “question time” di La scienza nel piatto, eventi in cui il pubblico potrà intervenire direttamente e chiedere consigli e risposte agli esperti. Due appuntamenti in collaborazione con “Focus”, moderati dal direttore del mensile Jacopo Loredan, saranno rispettivamente dedicati a Diete, alimentazione e salute (venerdì 5 alle 11 nella Loggia del Grano con la nutrizionista Lucilla Titta, il fitochimico Renato Bruni e la giornalista Amelia Beltramini) e Cibo, fra mito e realtà (sabato 6 alle 14.45 nella Loggia del Grano con Dario Bressanini, il giornalista Marco Ferrari, la responsabile della comunicazione scientifica di Granarolo Graziella Lasi e l’ecotossicologo Donatello Sandroni). Un terzo appuntamento di questo ciclo, con la neuroscienziata Raffaella Rumiati, sarà dedicato ai fattori che influenzano il riconoscimento dei prodotti e le preferenze alimentari (sabato 6 alle 12 al Teatro Bibiena).

Ma il cibo è anche storia, tradizione, conoscenza: un bagaglio di saperi e sapori che si tramanda nel corso dei secoli.

A questo aspetto sarà dedicato il filone di appuntamenti Cibo e cultura, tra cui l’incontro con Attilio Scienza, uno dei maggiori esperti mondiali di viticoltura, autore del recente Vini di confine (sabato 6 alle 17.45 alla Loggia del Grano), che condurrà il pubblico in un sorprendente viaggio nelle storie e nei miti del vino con l’esperta di ricerca genetica vegetale Serena Imazio.

La straordinaria avventura del cibo italiano nel mondo e le sue implicazioni politiche e sociali saranno al centro degli incontri che vedranno protagonisti lo storico Alessandro Marzo Magno (La lunga marcia degli spaghetti, domenica 7 alle 11 al Teatro Bibiena) e il professore di “Food Studies” (alla The New School di New York) e autore di Al Dente: A History of Food in ItalyFabio Parasecoli, che domenica 7 alle 17.15 al Teatro Bibiena racconta l’impatto del cibo sugli equilibri del mondo e sulla vita degli uomini, in dialogo con Marco Boscolo. La ricchezza e la trasversalità dei temi legati al cibo, nonché il loro stretto legame sia con l’attualità che con i nostri comportamenti quotidiani, saranno confermati anche da altri appuntamenti del Food⪼ience Festival: come gli incontri Qualità, origine, ingredienti (con Michele Fino, docente di diritto europeo all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, domenica 7 alle 17.45 nella Loggia del Grano) e Neuromarketing, comunicazione e comportamenti di consumo (con Vincenzo Russo, professore associato di Psicologia dei consumi e coordinatore del centro di Ricerche di Neuromarketing Behavior and Brain Lab della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM; sabato 6 alle 17 nella Loggia del Grano). A Il cibo ai confini dell’Universo sarà dedicato l’incontro con l’astronauta Luca Parmitano (venerdì 5 alle 18 al Teatro Bibiena), che ha portato sulla Stazione Spaziale le eccellenze del cibo italiano nel formato “gravità zero”; lo introdurrà Marco Cattaneo, direttore di “Le Scienze”, “Mente&Cervello”, “National Geographic Italia”. James Kenji López-Alt, un passato da ricercatore al MIT e un presente in cui coniuga scienza e cucina, porterà al festival domenica 7 alle 12 al Teatro Bibiena alcuni dei suoi esperimenti (modera Dario Bressanini). Con Chef Rubio,che usa la cucina e il racconto dei sapori come prisma attraverso cui guardare l’umanità e adoperarsi per gli altri, si approfondirà poi il rapporto tra cibo e comunicazione (in dialogo con Marco Cattaneo sabato 6 alle 14.30 al Teatro Bibiena). Alla chimica della bellezza e della bontà sarà invece dedicato l’incontro con lo scrittore e chimico Piersandro Pallavicini domenica 7 alle 14.30 in piazza Mantegna, mentre Renato Bruni, fitochimico dell’Università di Parma, racconterà i segreti delle piante a partire dal suo ultimo libro Le piante son brutte bestie (Codice) sabato 6 alle 11.30 in piazza Mantegna con la giornalista Sara Porro e rifletterà insieme al pubblico sugliintegratori e sulla loro utilità (domenica 7 alle 15.15 in piazza Mantegna). Dal mondo vegetale a quello animale con Conosci i tuoi polli(sabato 6 alle 12.30 in piazza Mantegna) con il giornalista Allan Bay e Achille Schiavone, professore in nutrizione e alimentazione animale presso il dipartimento di Scienze veterinarie dell’Università di Torino, che rifletteranno su quali sono i limiti della ricerca di una carne che risponda alle esigenze di chi dovrà cucinarla e gustarla. Sabato 6 alle 14.30 al Teatro Bibiena il sociologo Massimiano Bucchi ripercorrerà la storia delle invenzioni che fanno parte della quotidianità in cucina, dalla forchetta alla caffettiera. Domenica 7 il designer catalano Martí Guixé porta al festival una riflessione sulla relazione tra design e cibo (alle 16.15 a teatro). Sempre domenica alle 16.45 in piazza Mantegna un vero e proprio viaggio gastronomico alla scoperta delle tradizioni con la giornalista Sara Porro, mentre alle 18.15 a teatro Antonio Pascale racconterà Come torneremo a essere un paese agricolo.

Quanto è sostenibile il cibo che mangiamo? Provano a rispondereMaria Cristina Rulli del Politecnico di Milanoe Simone Contu, ingegnere esperto di contabilità ambientale,domenica 7 alle 16 in piazza Mantegna.Si guarda invece al futuro durante l’incontro sull’agricoltura digitale con un rappresentante dell’Osservatorio Smart AgriFood e Gianluca Carenzo, direttore generale del Parco Tecnologico Padano di Lodi (sabato 6 alle 16 in piazza Mantegna). Lo stesso giorno alle 12 nella Loggia del Grano spazio a un focus sul valore della tutela, in collaborazione con Consorzio Tutela Grana Padano, Consorzio Tutela Parmigiano Reggiano, Levoni e Granarolo: un viaggio alla scoperta della scienza che aiuta a tutelare il Made in Italy con alcuni esperti come guida. A seguire una tavola rotonda sul 100% italiano con Nicola Levoni, presidente di Levoni, e Giampiero Calzolari, presidente di Granarolo, per approfondire la tematica della scelta delle materie prime e del controllo della filiera, con l’obbiettivo di garantire un prodotto di qualità e l’eccellenza all’estero.

Intesa Sanpaolo curerà diversi incontri, tra cui venerdì 5 mattina, presso il MAMU, il convegno Accelerare la crescita, la sfida dell’agricoltura mantovana dedicato alle imprese del settore agrario di Mantova e provincia, durante il quale verranno presentati i risultati di una indagine condotta dalla Direzione Regionale Lombardia e dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, in collaborazione con Confagricoltura Mantova, su un campione di aziende appartenenti principalmente ai settori cerealicolo e zootecnico. All’incontro interverrà fra gli altri Paolo Graziano, direttore regionale Lombardia del Gruppo. Scopo dell’iniziativa, rivolta a un settore cruciale per l’economia locale e nazionale, è quello di intercettare i bisogni, le peculiarità e le richieste del territorio, per formulare insieme una offerta nuova e innovativa, rivolta alla crescita e allo sviluppo del tessuto produttivo locale.

Syngenta, azienda interamente dedicata all’agricoltura a livello globale, sarà presente al Festival con incontri e approfondimenti volti a sottolineare il profondo legame tra cibo e agricoltura e, ancor di più, al ruolo che scienza e innovazione rivestono nel comparto agricolo. Tra gli appuntamenti più rilevanti spicca Scienza aperta: dialogo con le Istituzioni sul futuro dell’agricoltura, seconda edizione (su invito) della tavola rotonda nata con lo scopo di favorire il dibattito assieme alla comunità scientifica sulle grandi sfide che il pianeta deve affrontare e di come la scienza applicata all’agricoltura possa fornire in questo senso una soluzione concreta (in programma sabato 6 dalle 9 al MAMU). Grazie alla collaborazione con il Politecnico di Milano, è in programma un incontro su architettura, paesaggio e cibo con Davide Crippa, docente presso il dipartimento di Design, e l’architetto Antonio Girardi: un viaggio attraverso la storia dell’umanità per esplorare la relazione profonda tra le evoluzioni dell’architettura e la storia della gastronomia (domenica 7 alle 14.45 nella Loggia del Grano).

LE MOSTRE, I LABORATORI, GLI SPETTACOLI E LE ALTRE INIZIATIVE

Al fianco delle conferenze e degli incontri, la prima edizione del Food⪼ience Festival proporrà anche una ricca serie di mostre, laboratori e iniziative collaterali. Il racconto del cibo attraverso le immagini sarà al centro di Food. Il futuro del cibo, mostra curata da National Geographic Italia e allestita al Palazzo della Ragione. Composta dalle fotografie scattate in tutto il mondo dai reporter del famoso marchio editoriale, accompagnate da un corredo di testi e supporti infografici, Food presenterà un’esplorazione multimediale sulle problematiche e sulle speranze che caratterizzano il futuro del cibo: dai rischi dell’impatto dell’agricoltura e dell’allevamento sulle acque, sul clima e sulle foreste alla direzione tracciata dall’incremento esponenziale dell’acquacoltura, dallo spreco alimentare – con le sue ricadute sul dramma della fame nel mondo – al sogno concreto di un sistema di produzione di cibo ecologicamente e socialmente più sostenibile. Un approccio diverso, nei contenuti e nel linguaggio espressivo, sarà quello di La Fiaba è servita. Cibi incantati dall’Italia. Al pubblico di Palazzo della Ragione saranno mostrate le stampe ricavate dall’omonimo libro edito da Franco Cosimo Panini e curato da Luigi Dal Cin, in collaborazione con la Fondazione Štĕpán Zavřel di Sarmede: una raccolta di dieci fiabe a tema alimentare, provenienti dal territorio italiano, dalle quali emerge tutta l’incredibile ricchezza di un Paese in cui convivono multiformi tradizioni e preziose varietà enogastronomiche. Tra le curiose prerogative del libro (e della mostra), il fatto che le illustrazioni sono opera di dieci artiste, tutte donne e tutte italiane: Antonella Abbatiello, Giorgia Atzeni, Francesca Chessa, Ilaria Faccioli, Anna Forlati, Simona Mulazzani, Giulia Orecchia, Valeria Petrone, Tiziana Romanin, Lucia Scuderi (coordinate dall’art director Monica Monachesi). Selvatico domestico,a cura di Orto Botanico Città Studi – Università degli Studi di Milano e Agri-Cultura e allestita alle Pescherie (Loggia di Giulio Romano) è invece un vero e proprio viaggio attraverso i cambiamenti delle piante nel passaggio da una condizione selvatica a quella domesticata.

Spazio anche agli spettacoli: la Banda Osiris e Arianna Porcelli Safonovporteranno al Festival lo spettacolo Fottuta campagna e altri racconti di provette e forchette, “rìding agroscientifico” sulle avventure tragicomiche di una persona appassionata della vita agreste che scopre ben presto quanto la realtà sia diversa da come la immaginava (sabato 6 alle 21 al Teatro Bibiena). Mentre le “strologhe” Carla Taglietti e Valentina Turrini sabato 6 alle 10 in piazza Mantegna saranno protagoniste di Storie da mangiare, tra buffi personaggi e storie insolite. Sarà invece la musica della Bandragola Orkestar a chiudere il festival domenica 7 alle 20 in piazza Mantegna.

Uno degli obiettivi del Food⪼ience Festival è stimolare l’interesse e la partecipazione del pubblico più giovane, attirandolo verso i temi della ricerca scientifica e tecnologica in ambito agricolo.

La strada scelta è quella dei laboratori.

Nei tre giorni del Festival si intrecceranno con gli altri appuntamenti in programma, offrendo ai ragazzi la possibilità di toccare con mano la magia del cibo, dei materiali che lo compongono e delle tecniche che l’uomo ha sviluppato per produrlo. Dedicate alle scuole di ogni ordine e grado, queste attività comprendono il pacchetto di iniziative realizzate a Palazzo della Ragione in collaborazione con Alkémica: La vita operosa delle api (la presentazione di un mondo – l’alveare – che può aiutare i bambini a sviluppare i sensi, affrontare le proprie paure, superare i pregiudizi e lavorare in gruppo, in collaborazione con TEA),

Lo scienziato in dispensa (esperimenti chimici, fisici e culinari che spaziano dalla tradizione del caramello alla novità della moderna cucina molecolare) e Buono come il pane (alla scoperta della produzione di un alimento base per molte culture sulla Terra, in collaborazione con Molino Magri).

La Loggia di Giulio Romano ospiterà Per fare un prato ci vuole un seme: i Sarchiaricci, un laboratorio ludico a cura di Associazione Culturale G. Eco, in cui i partecipanti più piccoli (si rivolge ai bambini da 4 anni) impareranno a conoscere il processo di crescita delle piante attraverso la costruzione di un pupazzo.

Il mensile per ragazzi Focus Junior con Unforchettable (dagli 8 anni) affronterà in modo molto ampio il mondo dell’alimentazione, dalla A dell’omonima vitamina alla Z di Zenzero, sempre attraverso un percorso di esperimenti scientifici.

Mentre con Esperimenti alla carta sifarà scienza con la spesa del mercato, usando frutta, verdura, pane e formaggi per preparare degli esperimenti scientifici che sembrano delle ricette. Entrambi i laboratori sono a cura di Associazione ToScience. Focus Junior selezionerà inoltre un gruppo di giovani giornalisti in erba che racconteranno il Festival supportati da un giornalista della redazione.

A questi appuntamenti si aggiungeranno i cosiddetti laboratori Drop In, cioè eventi di pochi minuti – vere e proprie attività di passaggio – che nel corso del Festival potranno essere fruiti dalle classi in visita alle mostre o in attesa di accedere a un evento: da Piantala con quel microscopio! (per guardare da molto molto vicino la frutta e la verdura che mangiamo) a Impronte di frutta e verdura(ovvero: come realizzare dei meravigliosi disegni semplicemente tagliando in differenti modi la frutta e la verdura… e come portarli a casa sotto forma di tovagliette per la colazione).

Al Festival ci saranno due piazze “a tema”: quella dedicata al latte, dove il Consorzio Tutela Grana Padano e Consorzio Tutela Parmigiano Reggiano proporranno laboratori sensoriali e di degustazione per grandi e piccoli dei rispettivi formaggi DOP e cureranno insieme una conferenza su come se ne tutela l’autenticità.

Grana Padano mostrerà anche come avviene il processo di caseificazione che porta alla produzione di una forma di formaggio in diversi momenti all’interno delle tre giornate del Festival. Granarolo porterà invece al Festival il laboratorio Drop In MilkArt, un’esplosione di colori in cui la chimica degli alimenti incontra l’arte, e The Milk Show, giochi e laboratori sulla magia del latte.

La seconda piazza sarà dedicata alla carne: qui Levoni proporrà Ode al Salume, tre laboratori di degustazione guidata per scoprire come nasce un salume, come valutarne la qualità e come apprezzarne al meglio le caratteristiche. Le tre degustazioni proporranno un particolare approfondimento sul mondo dei degli affumicati e sull’arte della stagionatura, svelandone segreti e curiosità e insegnando a degustare i prodotti.

Non tutti i laboratori saranno però riservati al pubblico dei ragazzi e delle scuole.

Gli adulti potranno passare un pomeriggio a imparare a fare cocktail a base di erbe spontanee con i Wood-ing, oppure scoprire tutti i segreti della produzione e della degustazione del vino con gli scienziati della Fondazione Edmund Mach. Il Food⪼ience Festival si rivolge anche al mondo degli addetti ai lavori, offrendo ad agricoltori e produttori occasioni speciali di aggiornamento e condivisione delle informazioni legate al loro lavoro, con l’obiettivo di contribuire all’innovazione della fase produttiva, come alcuni convegni di aggiornamento organizzati in collaborazione con gli Ordini del Medici e dei Medici Veterinari e con l’Ordine degli Agronomi.

I panificatori sono invitati al workshop di panificazione con Marino Tanfoglio organizzato da Molino Magri sulla lavorazione delle farine e sulla lievitazione naturale finalizzati alla salute ed al benessere(domenica 7 alle 10 nella Saletta Broletto),

in programma ci sarà anche una conferenza su La civiltàdel pane con il professore Gabriele Archetti, cui prenderanno parte anche il Maestro Iginio Massari e Roberto Capello, presidente della FIPPA, e il panettiere Armando Guerini, eletto miglior panettiere durante Expo 2015 (sabato 6 alle 15.30 nella Loggia del Grano).

All’orto! All’orto! sarà invece un laboratorio per tutti (ogni giorno in piazza Marconi) sviluppato dal POLIMI-DESIS Lab del Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, per introdurre al tema dell’agricoltura urbana e alla sua relazione col cibo. Fra le attività proposte: la costruzione di orti portatili e di rifugi per gli insetti che favoriscono la biodiversità; la progettazione di contenitori per la coltivazione di piante; la creazione di vasche e incubatrici di orti edibili e di kokedama da esporre in casa. Se la provincia di Mantova viene riconosciuta parte della Regione Europea dell’Enogastronomia 2017 è perché il suo intero territorio offre una ricchezza agricola tutta da scoprire. Questa sarà l’oggetto degli Agricoltour, gite e attività organizzate nelle aziende locali, nelle cascine, nelle stalle, nelle risaie. Queste ultime nei giorni del Festival saranno allagate grazie alla collaborazione del Consorzio di Bonifica, anch’esso visitabile, e con la guida di un accompagnatore speciale, Carlo Togliani, docente di architettura del Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano, sarà possibile visitare anchegli impianti idrovori di Travata. Inoltre, per conoscere nel dettaglio la lavorazione e la trasformazione della carne, e tutta la tecnologia che c’è dietro ai packaging più innovativi, in programma un tour per le scuole presso l’impianto di Castel D’Ario della Cooperativa Prosus.

Rientrando nei confini della città, un percorso – in sette tappe tra le strade e le piazze della città di Mantova, sarà invece quello che dovranno affrontare i partecipanti della Caccia al tesoro(in collaborazione con TEA): l’obiettivo sarà scoprire i segreti, le ricette e i prodotti della cucina locale.

Ai visitatori sarà affidata una mappa che andrà completata attraverso gli elementi rinvenuti nelle sette postazioni del gioco:chi finirà il percorso riceverà un premio presso l’Infopoint del Festival. Il percorso è stato progettato e realizzato dai ragazzi dei licei Belfiore e Virgilio di Mantova.

Il rapporto tra il Food⪼ience Festival e il territorio sarà ulteriormente suggellato da Scienziati al mercato, incontro tra i contadini del mercato del Lungo Rio (che si tiene abitualmente il sabato nel centro di Mantova) e i divulgatori che – tra un sacchetto della spesa e l’altro, attraverso semplici dimostrazioni – racconteranno la scienza, la ricerca e la storia che si nascondono dietro i prodotti che sono alla base della nostra alimentazione quotidiana.

Del rapporto tra cibo e sport si occuperà Opas, che curerà l’evento sul rugby con alcuni giocatori della squadra locale Viadana e della Benetton Treviso (domenica 7 alle 11.30 sul Lungo Rio). Opas organizzerà anche un convegno a invito (sabato 6 alle 9 al MAMU) intitolato La qualità è questione di rispetto. Della filiera. Metodi e strumenti per cogliere le nuove opportunità di mercato.

IL FESTIVAL

Promosso da Confagricoltura Mantova, ideato da FRAME e organizzato da Mantova Agricola, con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e del Comune di Mantova, con Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia, Camera di Commercio di Mantova, East Lombardy – Regione Europea della Gastronomia 2017 e Politecnico di Milano come partner istituzionali; Intesa Sanpaolo, Syngenta, Consorzio Tutela Grana Padano, Consorzio Tutela Parmigiano Reggiano, Granarolo e TEA come main partner; Fondazione Banca Agricola Mantovana, Levoni e Focus come partner; Molino Magri, Opas e ASSICA – Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi come sponsor; Consorzio di Bonifica Territori del Mincio, Veolia, Prosus e Abaco come supporter; National Geographic, Focus Junior e Rai Cultura come media partner. Il Festival è presente su Internet con il sito www.mantovafoodscience.it e con i profili ufficiali sui social network Facebook, Twitter, Instagram e YouTube.

Weekend per la musica in Alto Adige il ritmo di Lana Meets Jazz – Maggio 1 – 7 – 2017

Appuntamento irrinunciabile per gli amanti dle Jazz

A maggio torna in Alto Adige il ritmo di Lana Meets Jazz .

Lana è provincia in di Bolzano.

Giunge alla sesta edizione Lana Meets Jazz ( 1-7 maggio 2017) il festival internazionale dedicato ai giovani talenti e ai grandi artisti del jazz.

Per un’intera settimana le note improvvisate di sax, trombe e contrabbasso risuonano per le strade e i locali di Lana in un dialogo “open air” fra jazzisti affermati e nuove promesse della musica.

Lana e dintorni (BZ) 10 aprile 2017 –

Dal 1° al 7 maggio 2017 le vie e i locali di Lana ospitano la sesta edizione del festival musicale Lana Meets Jazz.

Una settimana dedicata al sound d’oltreoceano interpretato da giovani talenti affiancati da grandi nomi del jazz internazionale come Fabrizio Bosso, Antonelo Salis e Francesco Bearzatti.

Appuntamento irrinunciabile per gli amanti del genere con numerosi concerti ed eventi collaterali fra cui la presentazione di un libro con musica dal vivo, un jazzbrunch il sabato mattina e il saggio del corso di jazz della scuola di musica di Lana.

«Tutto è nato 10 anni fa, quando la scuola di musica di Lana organizzava una rassegna mensile di concerti che si è evoluta in un’intera settimana di appuntamenti all’insegna della musica jazz.

Concerti non più limitati all’interno della struttura, ma anche all’aperto e nei locali di Lana» spiega Michael Lösch, co-direttore artistico del festival con Helga Plankensteiner.

«Negli anni abbiamo notato che il nuovo format funziona, perciò lo riproponiamo nel 2017 per la sesta edizione del festival. L’obiettivo è mettere in relazione jazzisti affermati a livello internazionale con giovani musicisti e allievi della scuola di musica.

È emozionante assistere a episodi di intesa fra grandi e piccoli artisti; ricordo quando l’anno scorso ci fu un momento di improvvisazione del tutto spontaneo fra Stefano di Battista, che si stava esibendo al suo sassofono, e alcuni bambini del pubblico.

Questo è lo spirito con cui è nato Lana Meets Jazz».

Ecco alcune band che partecipano all’iniziativa:

The Disaster, Tiger Dixie Band, Fabrizio Bosso Tandem, Marina & The Kats, Bigband Giovanile dell’ Alto Adige, Antonello Salis Solo, Revensch, Bebo Ferra Trio, Soko Dixie, Maiband, Francesco Bearzatti Tinissima Quartet, DJ Ah.so, Bored Society, Wolfgang Schmidtke Orchestra.

L’ intero programma di Lana Meets Jazz è consultabile sul sito web dell’Associazione Culturale Sudtirolese SWEET ALPS , organizzatrice del festival e da anni promotrice della musica jazz tramite eventi e produzioni discografiche.

Partner sono il Comune di Lana, l’ APT Lana e dintorni , l’APT Tesimo/Prissiano, la Scuola di Musica, la Biblioteca di Lana e il Centro Giovanile JUX.

Per approfondimenti:
www.lana.info/it
Programma dettagliato del festival:
https://www.sweetalps.com/lana-meets-jazz-2017/

Eventi del weekend Milano e Varese – Salone del Mobile e Fuorisalone

Camminando per le strade del centro di Milano – Brera e altre vie indicate più sotto; ogni angolo riserva una sorpresa.

Bici elettriche per le città del futuro

A Varese basta passeggiare per il centro e si incontra il Fuorisalone; ma anche in ville e parchi eventi speciali

Salone del Mobile a Rho Fiera e Fuorisalone in città a Milano e Varese

FUORISALONE A MILANO E VARESE ingresso gratuito  per tutte le attività

A Milano dal 4 al 9 aprile  Design Week 2017

design architettura innovazione visionarietà

Salone del Mobile  sabto 8 e domenica 9 aprile 2017 FieraMilano di Rho dalle 9,30-18,30 (orario continuato).

In concomitanza con il Salone del Mobile di Rho Fiera, per un’altra Design Week fitta di appuntamenti. Il programma per quest’edizione oltre 1000 eventi per tutta la città, installazioni, party, iniziative, mostre.

Il 7 aprile a Brera la Notte bianca del design.

Fuorisalone 2017: tutti gli eventi in programma a Milano

Milano Design Week non è solo Salone del Mobile; gli eventi del Fuorisalone che animano molti quartieri della città.

L’ingresso agli eventi del Fuorisalone è libero e chiunque può partecipare e alle iniziative.

Fuorisalone:i mostre, presentazioni di novità, proiezioni, eventi con musica e degustazioni street food.

Gli eventi del Fuorisalone 2017 si tengono sino al 9 aprile dalla mattina alla tarda serata, nei quartieri come:  Tortona, Brera, Ventura e Lambrate.

Quest’anno si è inaugurato il nuovo quartiere Isola Design District dove si tiene la 2^ edizione del Milan Design Market: installazioni,  degustazioni e  presentazioni.

Allo Studio Fotografico Gianni Rizzotti in via Pastrengo 14, l’ingresso è libero dalle 11 alle 21 dal 4 al 9 aprile, ma sabato l’orario è prolungato fino a mezzanotte con live music e dj set.

A Ventura Centrale e Lambrate negli storici Magazzini Raccordati trovate il Sea Food Mobile, una cucina che galleggia sull’acqua per servire piatti a base di pesce.

Altro appuntamento gourmet; Street Food Experience al Ventura Garden di Lambrate: cocktail e cibo sfizioso al ritmo di buona musica.

Tutti gli eventi su internet :https://fuorisalone.it/2017/

Per visitare il Salone del Mobile: linea rossa M1 della metropolitana in direzione Rho-Fiera Milano, muniti di biglietto ATM a tariffa extraurbana da 2,50€.

COSTI del Salone del Mobile

Le tessere d’ingresso per il pubblico possono essere acquistate solo il giorno della visita presso le reception abilitate. Il prezzo è pari a 30 euro a ingresso, con possibilità di usufruire dell’offerta Tessera coppia che costa 44 euro o della Tessera famiglia (2 adulti + un minore di 18 anni) a 49 euro.

L’accesso alla manifestazione per gli studenti (provvisti di documento che attesti lo status di studente) è invece consentito per tutta la durata dell’evento (dal 4 al 9 aprile). La Tessera ridotta studenti costa 22 euro,