Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

ARTE – A Documenta 14 a una replica del Partenone

Documenta-2017-Beau-Dick-672-selezione-di-sue-maschere-in-materiali-vari.
Documenta-2017-Marta-Minujin The-Parthenon-of-books-2017-acciaio-libri-cellophane – PARTICOLARE
Documenta-2017-Andreas-Angelidakis-Polemos-2017-particolare
Vija-Celmons-Documenta-14a 2017 particolare

ARTE – A Documenta 14 a una replica del Partenone con 100.000 libri censurati dai nazisti
Documenta 14 a edizione
KASSEL (Germania)
Sino al 17 settembre 2017

THE PARTHENON OF BOOKS è l’opera più emblematica della più importante rassegna, al mondo, di arte contemporanea che non abbia una diretta connessione con le vendite ( come invece è, nel suo immenso successo, ART BASEL ).

L’autrice di THE PARTHENON OF BOOKS, si chiama Marta Minujin ed è argentina.

L’opera si trova nella medesima piazza dove i nazisti bruciarono i testi considerati “degenerati”.

Una replica fu realizzata con 20.000 volumi, a Buones Aires nel 1983, con il nome di PANTENON DE LIBROS PROHIBIDOS.

Tra i libri dell’opera troviamo, ad esempio: 1984 di George Orwell, il Decameron di Boccaccio, La teoria della Relatività di Albert Einstein, Le metamorfosi di Franz Kafka e poi alcuni scritti Voltaire, Macchiavelli, Thomas Mann ecc…

Non dimentichiamo che negli anni ’70, la dittatura militare argentina aveva vietato la lettura di Karl Max e Fidel Castro e Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry.

Tra le tante opere segnaliamo il lavoro di Guillermo Galindo; con partiture musicali rappresentate a struttura di mosaico di pixel e i relitti di barche di migranti trasformati in strumenti musicali.

Nella sede storica della manifestazione, il Museum Fredericianum, viene proposta anche una riadattata versione della collezione dell’EMST Museo Nazionale di Arte Contemporanea in Grecia; che era stata presentata ad Atene in aprile.

All’ingresso della mostra, un gigantesco mosaico di Nikos Alexiou è proiettato sul pavimento.

Tra i pezzi in mostra anche opere dei famosi: Bill Viola e Jan Fabre e l’installazione dell’iracheno Hiwa K che propone il tema dell’accoglienza ricostruendo ambienti casalinghi in grandi tubi di argilla.

Arte a Montecarlo – La città proibita – Reperti dal mondo

 

Sino al 10 settembre 2017

La vita alla corte degli imperatori e imperatrici cinesi, in particolare l’ultima dinastia imperiale Qing

Il progetto espositivo pone speciale attenzione  alla personalità degli imperatori Qing; in particolare sui sovrani Kangxi (1662‐1722), Yongzheng (1723‐1735) e Qianlong (1736­‐1795), che rappresentano il punto più alto della cultura cinese.

LA CITTÀ PROIBITA A MONACO. LA VITA ALLA CORTE DEGLI IMPERATORI E DELLE IMPERATRICI DELLA CINA

Dopo il grande successo della mostra “La Cina del Primo Imperatore” del 2001, il Grimaldi Forum ha organizzato per l’estate 2017 una nuova mostra sulla Città Proibita.

La Città Proibita a Monaco. La vita alla corte degli imperatori e delle imperatrici della Cina, nasce dalla collaborazione tra i due curatori:

-Jean‐Paul Desroches, Conservatore generale onorario del Patrimonio, e Wang Yuegong, Direttore della sezione delle Arti del Palazzo, per il Museo del Palazzo Imperiale.

Oltre 250 oggetti d’eccezione provenienti dall’antico palazzo dei sovrani cinesi e da grandi collezioni europee ed americane: Musée Cernuschi, Musée du Louvre, Victoria & Albert Museum di Londra, Musées royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles, Arthur M. Sackler Gallery di Washington.

IL VISITATORE RIMANE STUPITO

Il visitatore è trsaportato attraverso le sale del Palazzo, sino ai giardini della Città Proibita; dal Tempio del Cielo, alla sala del trono, dal tempio buddista al padiglione del té…. Una vera immersione nel cuore della storia di una civiltà plurimillenaria.

LA CITTA’ PROIBITA

La Città Proibita è uno dei complessi storico-artistici più prestigiosi al mondo e il sito più visitato in assoluto con circa 10 milioni di visitatori all’anno; palazzo e al tempo stesso un museo.

La Città Proibita, fu eretta tra il 1406 e il 1420 per volontà del terzo imperatore della dinastia Ming e fu, per tre secoli,   culla del potere per gli imperatori Manciù.
Il pubblico potrà ammirare i pregevoli oggetti esposti che attestano i vari ruoli dell’imperatore: ritratti, costumi di apparato, arredi, oggetti preziosi, strumenti scientifici, alcuni dei quali annoverati tra i “tesori nazionali”.
Per ricordare un aspetto importante della cultura del popolo Manciù, il cui potente esercito delle Otto Bandiere conquistò la Cina a partire dal 1644, anche le imprese militari degli imperatori Qing saranno evocate attraverso 6
diversi oggetti e incisioni che documentano le loro campagne vittoriose.
La dinastia Qing si distinse in particolar modo in ambito culturale. A illustrare il senso estetico dei sovrani di una delle epoche in cui la civiltà cinese era al suo apogeo, vengono messe in risalto le diverse forme di espressione dell’arte cinese che come è noto ebbe grande influenza a quei tempi sull’Occidente: l’arte del pennello, attraverso la calligrafia e la pittura, l’universo delle arti decorative con lo studiolo delle porcellane e quello degli oggetti in lacca e infine la musica e la lirica.
Il percorso si articola in quattro sezioni espositive: I MANCIÙ; CIELO-TERRA-UOMINI; LA CITTÀ PROIBITA, “CITTÀ-PALAZZO”; IL GIARDINO.

 

Evento alla Venaria – Corsa da Re – Domenica 15 ottobre 2017

Eco-corsa podistica

La Venaria Reale 2017

Una Corsa da Re VI edizione

Domenica 15 ottobre 2017 Reggia di Venaria Parco della Mandria Città di Venaria Reale

VI edizione

Domenica 15 ottobre 2017

Una Corsa da Re è ormai un appuntamento consolidato nel programma della Reggia di Venaria, così come nel calendario italiano del running, giunto quest’anno alla sua sesta edizione.

Dopo i grandi successi delle passate edizioni, oltre 7.000 partecipanti nel 2016, torna domenica 15 ottobre, a partire dalle ore 9.30 Una Corsa da Re, la manifestazione podistica di 4, 10, 21 (mezza Maratona) e 30 km nel magnifico scenario dei Giardini della Reggia di Venaria, del Parco La Mandria e della Città di Venaria Reale.

L’eco-corsa podistica dedicata a tutti gli appassionati di sport, bellezza e natura, in occasione del quinto anno di collaborazione fra il Parco La Mandria e il Consorzio La Venaria Reale, prevede per il 10° Anniversario della Reggia di Venaria, alcune novità, prima fra tutte l’introduzione di una nuova distanza: la 30 chilometri.

La manifestazione è organizzata dal Consorzio La Venaria Reale, dal Parco La Mandria, dalla Città di Venaria Reale, in collaborazione con Base Running ASD.

Sabato 14 ottobre, La Corsa del Principino apre la due giorni dedicata allo sport.

La Corsa del Principino, che ha una distanza totale di 500 metri, partirà da Piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale e percorrendo tutta la lunghezza della via principale del borgo storico, via Andrea Mensa, vedrà l’arrivo dei piccoli corridori nella Corte d’onore della Reggia, passando dall’imponente ingresso della Torre dell’Orologio.

Domenica 15 ottobre, in occasione dell’importante compleanno della Reggia di Venaria, sarà inoltre possibile visitare le mostre Giovanni Boldini, con oltre 100 capolavori tra olii e pastelli della produzione di Boldini e di altri artisti a lui contemporanei, Peter Lindbergh.

A different vision on fashion photography, un’esposizione di 220 dei migliori scatti, dedicata ad uno dei più importanti fotografi di moda viventi e Lady Diana. Uno spirito libero, con fotografie che rendono omaggio alle diverse anime di Lady Diana, allestita in uno speciale spazio architettonico: le Sale dei Paggi.

Sarà anche possibile godere dei Giardini della Reggia con un giro in carrozza e sul trenino ed ammirare lo spettacolo del Teatro d’Acqua della Fontana del Cervo nella Corte d’onore, oltre che passeggiare nell’incontaminata natura del Parco La Mandria.

Presso il Borgo Castello del Parco La Mandria saranno visitabili gli Appartamenti Reali di Vittorio Emanuele II, 20 ambienti preservati nei loro splendidi arredi originali.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

Una Corsa da Re prevede quest’anno, per la prima volta, quattro differenti percorsi.

• 4 km: si sviluppa interamente all’interno dei Giardini della Reggia. Una passeggiata che si snoda tra Parco basso e Parco alto, costeggiando il Canale dell’Ercole, per arrivare fino ai resti del Tempio di Diana; la partenza, alle ore 10.00 sarà dall’Allea Centrale dei Giardini, mentre l’arrivo è previsto nel Gran Parterre.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

• 10 km: “sia competitiva che non”, con partenza dai Giardini della Reggia, per proseguire nel Parco la Mandria costeggiando il Borgo Castello, residenza settecentesca sabauda, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, per proseguire poi nel Borgo Antico della Città di Venaria Reale ed arrivare nuovamente alla Reggia, per la prima volta, nel Gran Parterre.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

• 21 km: la mezza Maratona per tutti i runner più allenati e pronti a percorrere gli incantevoli viali del Parco della Mandria, tra cervi ed alberi secolari, partirà dall’Allea centrale del Parco basso della Reggia di Venaria alle ore 9.30, per concludersi, dopo aver percorso le vie cittadine, nel Gran Parterre del Parco alto della Reggia. Come per le altre distanze, anche questa sarà sia “competitiva che non”.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

La Corsa da Re quest’anno si arricchisce di una nuova competizione:

• 30 km: questa nuova distanza darà la possibilità ai partecipanti, non professionisti, di mettersi alla prova con un nuovo percorso ed è perfetta per gli atleti che stanno preparando la propria partecipazione alle maratone autunnali, tradizionalmente programmate a novembre, rappresentandone l’allenamento ideale. Anche in questo caso, la gara sarà sia “competitiva che non”.

Sabato 14 ottobre – La Corsa del Principino

La Corsa del Principino – 500 metri

Per la prima volta quest’anno La Corsa del Principino partendo dal borgo di Venaria Reale, vedrà l’arrivo sotto la Torre dell’Orologio, nella spettacolare Corte d’onore della Reggia di Venaria. I bambini potranno percorrere i 500 metri in tutta sicurezza, lungo la pedonale via Andrea Mensa.

PACCHETTI TURISTICI

In occasione della Corsa da Re 2017, sono previsti speciali pacchetti pensati appositamente per i runner.
Proposte complete di soggiorno ed iscrizione alla corsa, per vivere un weekend da top runner ed assecondare le esigenze di chi vuole unire sport e visite culturali, alla scoperta di un gioiello unico come la Reggia di Venaria, i suoi Giardini e la meraviglia della natura del Parco La Mandria.

Per maggiori informazioni: sport@torinoemotion.it

Sponsor

Un ringraziamento speciale agli sponsor dell’edizione 2017: Diadora, sponsor tecnico della manifestazione; Battaglio, importatore e distributore di frutta; Valmora, acqua minerale, per il ristoro; Named Sport, produttore di integratori per sportivi; Sport Town, palestra i cui istruttori contribuiranno al riscaldamento dei partecipanti; Eclectik per la comunicazione.

Orari e prezzi

Alla sezione competitiva, per tutte le distanze, possono partecipare tutti i tesserati FIDAL/ RUNCARD in regola con il tesseramento 2017, per la 21 e la 30 km non competitiva è necessario il certificato medico di attività agonistica per l’atletica leggera.

Orari

Sabato 14 ottobre – Race Village – piazza dell’Annunziata e Piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale – Reggia di Venaria
Dalle ore 10.00 alle ore 19.00
consegna pettorali e pacchi gara presso il Race Village

Ore 11.00
Ritrovo per La Corsa del Principino presso il Race Village
Ore 12.00
partenza Corsa del Principino da piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale

Domenica 15 ottobre – Reggia di Venaria – Parco La Mandria – Città di Venaria Reale

Ore 7.30
Ritrovo presso il Race Village in piazza dell’Annunziata a Venaria Reale
Ore 9.30
partenza delle corse 21 e 30 km dall’Allea Centrale dei Giardini della Reggia di Venaria Ore 10.00
partenza delle corse 4 e 10 km dall’Allea Centrale dei Giardini della Reggia di Venaria Ore 12.30
Premiazioni nel Gran Parterre dei Giardini della Reggia di Venaria

Costi di iscrizione

Corsa del Principino: 3 euro;
Corsa da Re – 4 km: euro 5 fino al 24 settembre, euro 8 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 10 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 10 km: euro 15 fino al 24 settembre, euro 20 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 25 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 21 km: euro 25 fino al 24 settembre, euro 30 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 35 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 30 km: euro 30 fino al 24 settembre, euro 35 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 40 dal 12 al 14 ottobre.

La quota di iscrizione comprende:

T-shirt tecnica Diadora per i primi 5.000 iscritti alle 3 distanze di 10/21/30 km complessivi; t-shirt in cotone per i primi 2.000 iscritti alla 4 km.

Modalità di iscrizione

– entro mercoledì 11 ottobre: presso la palestra Sport Town Lingotto (via Nizza 262, Torino), la biglietteria della Reggia di Venaria (piazza della Repubblica 4, Venaria Reale), Base Running (corso Cairoli 28/C, Torino), Base Running (Corso Trapani 233, Torino) e online sul sito web www.baserunningteam.it/unacorsadare;

– giovedì 12 e venerdì 13 ottobre: solo presso Base Running (corso Cairoli 28/C, Torino);
– sabato 14 e domenica 15 ottobre (solo per la 4 km): solo presso il Race Village (piazza dell’Annunziata a Venaria Reale).

CORTINA – CULTURA  

CORTINA: SORGENTE DI CULTURA

Incontri, esposizioni, visite guidate, esibizioni teatrali: una cascata di eventi culturali tra le vette della Regina delle Dolomiti, rinfrescante per mente, anima e corpo. Perché la cultura, in estate, va in vacanza a Cortina.Cortina d’Ampezzo, 11 luglio 2017_D’estate, a Cortina, si soddisfa anche la sete di sapere.

Dagli incontri in centro agli appuntamenti in quota, un evento culturale tira l’altro all’ombra dei Monti pallidi, dove anche la mente e lo spirito possono ancora respirare e trovare ristoro. Spesso cultura e bellezza naturale vivono in simbiosi, nutrendosi l’una dell’altra.

Appuntamenti in centro:

Domenica 16 luglio si inizia con Una Montagna di Libri. Alle ore 18.00, presso il Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, Rosemary Nyirumbe racconterà le storie di oltre duemila bambine-soldato catturate dai miliziani dell’Esercito di Resistenza del Signore in Africa centrale e presenterà il libro Cucire la speranza, edito da Emi. Con quasi 50 incontri sino al 15 settembre, la XVI edizione – dedicata al tema Oltre Cortina – porterà tra le Dolomiti d’Ampezzo autori quali Hanif Kureishi, Camilla Läckberg e Alessandro Piperno, maestri dell’informazione come Bill Emmott e voci della cultura come Robert Pogue Harrison (www.unamontagnadilibri.it).

Dal 19 luglio sino al 6 settembre tornano i Mercoledì della cultura ladina che l’Union de i Ladis d’Anpezo propone gratuitamente a ospiti e concittadini per conoscere e approfondire la storia, l’arte e la cultura di Cortina e del popolo ladino in compagnia del professor Paolo Giacomel (www.cortinadolomiti.eu | www.ulda.dolomiti.org).

Venerdì 21 luglio alle ore 20.30 si terrà, all’Hotel Concordia, il primo incontro del Soroptimist Club Cortina sul tema Vaccini: incontro informativo; l’11 agosto alle ore 20.45, presso l’Alexander Girardi Hall, il Concerto di beneficenza in collaborazione con il Corpo musicale di Cortina a favore della onlus The Game Never Ends e il 12 agosto alle ore 18.00, presso il Grand Hotel Savoia, Adolescenti nella rete: Le insidie delle nuove tecnologie e l’immaginario prigioniero. Cyberbullismo, Blue Whale, Generazione H, Millennials: quali strumenti per le nuove famiglie? con Maria Rita Parsi – Psicoterapeuta. Membro Comitato ONU per i Diritti dei fanciulli e delle fanciulle – Elena Donazzan – Assessore all’Istruzione, formazione, lavoro e pari opportunità della Regione Veneto – Cristiana Clementi – Formatore Emotivo-Relazionale – e un rappresentante della Polizia di Stato (www.soroptimist.it/club/Cortina-D-Ampezzo/).

Sempre al Grand Hotel Savoia tornano ad agosto, alle ore 11.00, gli Aperitivi con l’autore a cura di Luciano Lucarini e Ennio Rossignoli, con protagonisti Maurizio Belpietro, Alessandro Sallusti, Marina Ripa di Meana, Magdi Cristiano Allam, Rosanna Lambertucci e molti altri ancora; alle ore 17.30, poi, gli appuntamenti con il professor Barilli e la Professoressa Serra, per conoscere alcuni argomenti d’arte e scrittura, in compagnia di grandi esperti quali Bernard Aikena (www.cortinadolomiti.eu | www.grandhotelsavoiacortina.it).

Il 19 agosto TEDxCortina sarà per la prima volta tra le vette della Regina delle Dolomiti. L’incontro seguirà un tema portante: “What’s Next”. TED – acronimo per Technology, Entertainment, Design – nasce nel 1984 in California (USA) come conferenza dedicata alla diffusione di idee meritevoli di condivisione. Speaker affermati a livello mondiale sono invitati a divulgare le loro idee con l’obiettivo di ispirare il pubblico.

I TEDx sono eventi locali, organizzati in modo indipendente su licenza, che ne ripropongono la forma nel pieno rispetto del tessuto sociale e culturale che li accoglie: oggi si contano oltre 14.000 iniziative locali in oltre 165 paesi (www.tedxcortina.org).Continuano le conferenze di Cortina Stelle al Planetario Nicolò Cusano, che sabato 29 luglio alle ore 18.00 vedranno il dottor Stefano De Vido (presidente Serere) parlare di Astronomia e fenomeni celesti nella Bibbia e sabato 5 agosto sempre alle ore 18.00 il professor Antonio Bianchini (Università di Padova) spiegare le relazioni tra Il clima e il potere del Sole (ingresso libero | www.cortinastelle.eu).

Inoltre, il 13 e 20 luglio e il 31 agosto, proseguono le Visite al Planetario alle ore 18.00 con rappresentazione dei movimenti del cielo, dei pianeti e delle principali costellazioni al Planetario Nicolò Cusano e, dalle ore 21.30, osservazione del cielo stellato a occhio nudo e con i telescopi dell’Osservatorio del Col Druscié “Helmut Ullrich” grazie al supporto tecnico e didattico di esperte guide dell’Associazione Astronomica Cortina.

L’Associazione organizza, inoltre, tutti i martedì e i venerdì d’estate Visite diurne all’Osservatorio dopo una piacevole passeggiata lungo i sentieri dell’Astroring (Ritrovo ore 11.00 a Col Druscié | Per maggiori informazioni rivolgersi al +39 348 3346585; +39 338 6163428 o info@cortinastelle.it).

Anche il 16 luglio, in occasione del Tofana Day, dopo la tradizionale Santa Messa a Cima Tofana delle ore 11.00, si avrà l’opportunità di conoscere il Sentiero dei pianeti e visitare l’Osservatorio (ritrovo alle ore 12.30 e alle ore 14.30) e di godere, dalle ore 13.00, di spettacoli circensi e musica a Cima Tofana e a Col Druscié (www.freccianelcielo.com).

Cibo per la mente:Il 27 luglio e il 3, 12, 17 e 24 agosto tornano le Astrocene al Rifugio Col Druscié.

Ritrovo ore 18.00 al Planetario per la lezione didattica; aperitivo in Rifugio alle ore 20.45 e, a seguire, cena con osservazione del cielo estivo e di Saturno grazie ai telescopi dell’Osservatorio (Per info e prenotazioni: Rifugio Col Druscié | +39 0436 862372).Domenica 6 agosto – durante l’inaugurazione dell’ampliamento del Museo all’aperto della Grande Guerra – il Rifugio Averau propone la rievocazione dei fatti bellici del 1917, in compagnia del professor Paolo Giacomel, esperto di storia locale.

Nel corso dell’evento verranno distribuiti il “Caffè di Guerra” (surrogato di caffè a base di fichi secchi, inventato dall’esercito imperiale austriaco) e il rancio militare nelle gavette fornite dal comando generale truppe alpine di Bolzano: il cibo verrà servito da una cucina da campo dell’Imperiale e Regio Esercito austro-ungarico, denominata “Gulaschkanonen” (Per info e prenotazioni: Rifugio Averau | + 39 0436 4660; +39 335 6868066).Sempre il professor Paolo Giacomel accompagnerà gli interessati in una visita guidata serale al Museo della Grande Guerra delle 5 Torri – a partire dalle ore 19.00 – in occasione delle Serate alternative del l 4, 11 e 18 agosto che offrono, inoltre, la possibilità di cenare presso i Rifugi Scoiattoli e Averau per poi scendere in seggiovia (seggiovia delle 5 Torri attiva dalle ore 19.00 alle ore 23.00 | Per info e prenotazioni: Rifugio Scoiattoli | +39 0436 867939 – +39 333 8146960; Rifugio Averau | + 39 0436 4660 – +39 335 6868066).Mostre ed esposizioni:Il Collezionista.

Innamorarsi del Contemporaneo. 1941-2017

Dal 24 giugno al 15 ottobre

L’esposizione presso il Museo d’arte moderna Mario Rimoldi rievoca la prima “Mostra Italiana del Collezioni d’Arte Contemporanea”, voluta e supportata dal Ministero dell’Educazione Nazionale, che si svolse a Cortina d’Ampezzo nell’agosto del 1941.

L’organizzazione di tale importante evento spettò al collezionista Mario Rimoldi, il quale da sempre aveva incoraggiato i giovani pittori. Secondo il bando di concorso emesso dal Ministro dell’Educazione Giuseppe Bottai, infatti, i collezionisti poterono prendervi parte esclusivamente con opere di autori italiani contemporanei. Furono selezionate 526 opere di 76 artisti su 854 pervenute.

La qualità delle opere confermò il meglio delle possibilità artistiche dell’Italia di quegli anni e documentò il rinato interesse del collezionista privato nei confronti dell’arte italiana moderna (chiuso il lunedì; ad agosto, aperto tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00 | www.musei.regole.it).Creazioni Veneziane a Cortina d’Ampezzo

Dal 24 giugno al 15 ottobre

Al Museo Etnografico delle Regole d’Ampezzo Rosanna Basilio espone arazzi, vetri, sculture e pitture: teorie d’arte assimilate, rivissute e ricomposte in una prassi che è tipica dell’arte veneziana.

Il colore veneto è allusivo come le distanze lagunari, eppur sempre smagliante di vita. Rosanna Basilio si è applicata nella drapperia di alto stile, nell’arazzo anche con materiali preziosi e metallici ottenendo splendidi effetti cromatici e materici. Per anni ha dato vita a particolari vasi di vetro policromi e poliformi.

È inoltre una fine interprete di nudo femminile e nature morte sia in grafica, sia in acquerello. Alcune opere dell’artista sono esposte anche all’entrata del Museo paleontologico (chiuso il lunedì; ad agosto, aperto tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00 | www.musei.regole.it).

Museo Paleontologico “Rinaldo Zardini”Dal 24 giugno al 15 ottobre

Ogni giovedì, alle ore 17.30, sarà presente un esperto per effettuare alcune visite guidate presso il Museo che racchiude milioni di anni di storia. Si tratta di una delle più consistenti collezioni di fossili oggi esistenti: gusci di invertebrati marini, coralli, spugne.

Si deve al ricercatore ampezzano Rinaldo Zardini la sistematica raccolta dei fossili in tutta l’area dolomitica, la loro catalogazione e organizzazione in una collezione, che testimonia l’evoluzione geologica delle Dolomiti.

Nel corso degli anni la raccolta si è arricchita per merito di altri appassionati, che hanno portato alla luce nuovi e assai preziosi esemplari di fossili, anche vegetali. Questi interessantissimi ritrovamenti tengono aperta la strada della conoscenza scientifica: il Museo Paleontologico risulta così un’entità viva e in continua evoluzione (chiuso il lunedì; ad agosto, aperto tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00 | www.musei.regole.it).La negazione della disciplina della ragione

Dal 17 luglio al 17 settembre

Nella nuova mostra fotografica presso l’Ikonos Art Gallery, Stefano Zardini trasfigura i paesaggi dolomitici in spazi onirici e surreali, espressione del desiderio e della tensione verso mondi immaginari e conturbanti.

Il 25 agosto, alle ore 18.00, il cocktail e l’incontro con l’autore (aperto tutti i giorni dalle ore 11.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 20.00 | ingresso gratuito | www.stefanozardini.com).

L’Eredità di Falcone e BorsellinoDal 19 luglio al 15 ottobre

La mostra fotografica dedicata ai giudici Falcone e Borsellino, a cura dell’ANSA in collaborazione con Miur e Associazione nazionale magistrati, giunge a Cortina all’Alexander Girardi Hall dopo aver toccato 20 Capoluoghi di Regione ed essere stata allestita in 20 scuole, creando un “percorso di educazione alla legalità”.

Attraverso circa 150 foto e 26 pannelli, l’esposizione racconta la storia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino dall’adolescenza a Palermo alle stragi del 1992.

Le immagini sono affiancate da riproduzioni dei “dispacci” ANSA relativi ai fatti che hanno contrassegnato drammaticamente quegli anni. Foto, notizie di agenzia e testi in mostra hanno trovato posto all’interno di un libro, curato da ANSA in collaborazione con il MIUR, con 110 fotografie in 140 pagine. Inaugurazione il 19 luglio alle ore 18.00 presso l’Alexander Girardi Hall (www.ansa.it).

Teatro delle Dolomiti:Dopo il grande successo delle scorse edizioni, la Compagnia (S)legati e il Comune di Cortina d’Ampezzo presentano la terza edizione del Teatro delle Dolomiti. Dal 19 al 31 luglio, Mattia Fabris e Jacopo Maria Bicocchi presenteranno gli spettacoli “Un alt(R)o Everest” e “(S)legati” nei Rifugi Lagazuoi, Dibona, Mietres, Scoiattoli oltre che all’Hotel Villa Argentina e in piazza Angelo Dibona.

Quest’anno la Compagnia avvierà, inoltre, una nuova attività in collaborazione con le Guide Alpine Cortina: il Teatrekking, un trekking, intervallato da quattro momenti di racconto teatrale attorno ai grandi temi della montagna e dell’alpinismo (www.compagniaslegati.com).

L’Antico nelle Dolomiti:

la manifestazione dedicata all’antiquariato, collezionismo e artigianato, organizzata dall’Associazione Cortina For Us con la collaborazione di Gianni Brandozzi e con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo, si svolgerà dal 28 al 30 luglio in via Marconi. Il Mercatino coinvolgerà numerosi professionisti del settore, con oggetti in grado di affascinare gli appassionati di antichità o di modernariato, di rigatteria ed artigianato artistico.

Dai mobili ai dipinti, alle ceramiche, agli orologi, agli strumenti, musicali e scientifici; dagli argenti ai gioielli, ai vetri, ai libri, alle vecchie riviste e ai giocattoli; dalle radio, alle chiavi da collezione, alla biancheria antica: un mondo di oggetti che attraversano secoli per raccontare una, cento, mille storie e accendere la speranza di trovare l’occasione favolosa (www.mercatiniantiquari.com).

 

POMPEI SUONI E LUCI – Da non perdere – Sino al 24 agosto

Pompei, percorsi notturni di suoni e luci

‘Una notte a Pompei’

–  fino al 24 agosto gli scavi campani, grazie al nuovo impianto di illuminazione, offrono uno specialissimo spettacolo notturno di luci molto suggestive.

Templi ed edifici illuminati, per rivivere attraverso voci, rumori e suoni la vita quotidiana di un tempo lontano.

 Le visite sono possibili il martedì e il giovedì, dalle ore 21 in sei turni per gruppi di 50/60 persone.

Il costo della visita, che dura un’ ora e un quarto, è di 11 euro.

Evento imperdibile – ESTIVAL JAZZ 6 – 8 LUGLIO 2017

ESTIVAL JAZZ

6 – 8 LUGLIO, ore 20.30

Tutti in piazza per il miglior jazz !!!

Lugano, Piazza della Riforma

 LONGLAKE FESTIVAL 2017

https://longlake.ch

Image

 Giunto alla 39esima edizione,

Estival Jazz porta in Piazza della Riforma a Lugano grande musica,

con artisti di altissima levatura internazionale e mondiale. 

Estival propone un programma entusiasmante e particolarmente sorprendente che, oltre a soddisfare tutti gli appassionati del Jazz, torna ad esplorare il ricchissimo mondo della musica contemporanea con i suoi ritmi, colori e melodie con lo spirito di sempre, orientato alla conoscenza di culture diverse, alla tolleranza e alla convivenza.

Image

File Unter Zawinul
Giovedì 06.07

20:30

Piazza della Riforma 
Estival vuole ricordare Joe Zawinul, il padre del Jazz-Rock e, in assoluto, uno dei più importanti musicisti della scena mondiale. Lo fa grazie al pro­getto “File Under Zawinul” realizzato da una band di veterani musicisti che hanno mantenuto viva l’eredità del loro mentore fino alla realizzazione di un album dal titolo, appunto, “File Under Zawinul”.

Image

Emir Kusturica & No Smoking Orchestra
Giovedì 06.07

20:30

Piazza della Riforma
Kusturica è uno dei massimi autori cinematografici mondiali, che sa anche essere attore, scrittore, musicista e urbanista, promotore d’arte e intrattenitore. Estival ospita Kusturica e la sua No Smoking Orchestra, gruppo esplosivo con alle spalle centinaia di concerti e ambasciatore di un’inarrestabile energia gipsy-punk balcanica.

Image

La Mambanegra
Giovedì 06.07

20:30

Piazza della Riforma
Il palco di Lugano si prepara alla pacifica ma poderosa invasione di una straordinaria orchestra di musica latina dove Salsa, Funk, Hip Hop e musica jamaiquina si trasformano, per la gioia del pubblico in sintassi del divertimento e danza in puro stile newyorchese degli anni Settanta.

Image

Hildegard Lernt Fliegen
Orchestra della Svizzera italiana

Venerdì 07.07

20:30

Piazza della Riforma

Il loro stile musicale, difficilmente etichettabile, nasce dalle influenze della musica bandistica ma anche del Jazz, dello Ska, del Funk come delle orchestre Swing o delle Brassband tradizionali.

Image

Mike Stern / Randy Brecker Band
Feat. Lenny White & Teymur Phell

Venerdì 07.07

20:30

Piazza della Riforma
Originario di Boston (1953), Mike Stern è uno dei migliori chitarristi e compositori di Jazz e Jazz-Fusion della sua generazione con un passato che è ormai entrato nella leggenda come il chitarrista preferito da Miles Davis.

Image

Bombino
Special guest Vieux Farka Touré

Venerdì 07.07

20:30

Piazza della Riforma
Un concerto all’insegna del Rock Blues dal deserto è il risultato dello straordinario connubio artistico fra due dei più famosi, stimati e migliori chitarristi africani: Bombino e Vieux Farka Touré.

Image

Jimmy Dludlu
Sabato 08.07

20:30

Piazza della Riforma
“Il posto di Jimmy Dludlu è fra i maestri della chitarra del 20. e 21. secolo come Charlie Christian, Wes Montgomery, George Benson e Django Reihnardt”. Sono parole di Hugh Masekela, c’è dunque da crederci.

Image

Vinicio Capossela
Sabato 08.07

20:30

Piazza della Riforma
Pluripremiato (4 Targhe Tenco) e venera­to dalla critica, è indubbiamente uno degli autori più interessanti della scena musicale interna­zionale, certamente quello che ha contribuito maggiormente al rinnovamento della canzone d’autore italiana.

Image

L’Orchestra di Piazza Vittorio
Sabato 08.07

20:30

Piazza della Riforma
Tredici musicisti che provengono da dieci paesi e parlano nove lingue diverse. Insieme, trasformano le loro variegate radici e culture in un unico idioma, quello musicale.

Arte a Dublino – Grande mostra di Vermeer – ‘Vermeer and the Masters of Genre Painting: Inspiration and Rivalry’

La grande mostra di Vermeer riapre alla National Gallery di Dublino

Fino al 17 settembre: la mostra ‘Vermeer and the Masters of Genre Painting: Inspiration and Rivalry’

Un eccezionale appuntamento nel calendario artistico mondiale si svolge a Dublino fino al 17 settembre ed offre un ulteriore occasione per visitare la capitale: si tratta della mostra “Vermeer and the Masters of Genre Painting: Inspiration and Rivalry”, con la quale la National Gallery of Ireland riapre le sue restaurate storiche sale destinate a ospitare la collezione permanente.

Proveniente dal Louvre, dove ha registrato numeri record di visitatori, la mostra celebra l’opera di Johannes Vermeer (1632-1675) e di altri grandi artisti suoi contemporanei.

Sono esposte 60 opere provenienti da collezioni pubbliche e private di tutto il mondo, tra cui 10 dipinti di Vermeer, che rappresentano circa un terzo della sua produzione giunta fino a noi.

Tra questi, Donna che legge una lettera, con domestica, che fa parte della collezione permanente della National Gallery of Ireland; Donna con bilancia (National Gallery of Art, Washington); Donna con collana di perle (Staatliche Museen zu Berlin); L’Astronomo (Museo del Louvre); e Il Geografo (Staedel Museum, Francoforte).

Opere dei contemporanei di Vermeer, specialisti della pittura di genere cioè dedicata a scene della vita quotidiana, comprendono Gerrit Dou, Gerar ter Borch, Jan Steen, Gabriel Metsu, Pieter de Hooch e Frans van Mieris.
 
Organizzata in collaborazione con il Museo del Louvre e la National Gallery di Washington, la mostra proseguirà in autunno nella capitale statunitense.
 
L’ingresso alla National Gallery è gratuito ma non comprende la visita alla mostra di Vermeer (a pagamento).

È fortemente consigliata la prenotazione e l’acquisto online biglietti sul sito www.nationalgallery.ie
www.irlanda.com/dublino

Sere d’Estate alla Reggia – La Venaria Reale 2017

La Venaria Reale 2017

Sere d’Estate alla Reggia

La Venaria Reale- www.lavenaria.it

Sere d’Estate alla Reggia
Con l’edizione 2017 di Palchi Reali, tornano le imperdibili Sere d’Estate alla Reggia, presentando per i 10 anni della Venaria Reale un programma ancora più ricco ed esteso:

— dal 30 giugno al 26 agosto, ogni venerdì e sabato dalle ore 19 alle 23.30 si susseguono aperture eccezionali con ingresso speciale a 10 euro (Under 6 anni: gratuito; Abbonamento Musei, Torino+Piemonte Card e Royal Card: gratuito, ad eccezione di venerdì 30 giugno con biglietto a 5 euro).

Il biglietto unico consente:

  • di ammirare il maestoso piano nobile della Reggia con il fiabesco Bucintoro dei Savoia, i grandiosi Giardini, le mostre Michael Nyman. Images were introduced e Fleur Jaeggy. Opere su carta (fino al 12 luglio in collaborazione con La Milanesiana, nella Citroniera), Le Belle Arti (alle Sale delle Arti), Sculture Moderne alla Venaria Reale (negli spazi esterni),
  • di assistere all’imponente spettacolo di videomapping Illuminare il Barocco. La Venaria Reale proiettato sulla facciata della Galleria Grande,
  • seguire le emozionanti coreografie musicali del Teatro d’Acqua della Fontana del Cervo nella Corte d’onore
  • e farsi coinvolgere dalle danze, concerti ed animazioni sparse nei Giardini (in collaborazione con la Fondazione Via Maestra).www.lavenaria.it

Inoltre (con altri costi e biglietti):

  • si possono visitare tutte le mostre in corso per 18 euro (comprensivi dei 10 euro dell’ingresso per Sere d’Estate alla Reggia; Under 6 anni: gratuito; Abbonamento Musei, Torino+Piemonte Card e Royal Card: gratuito, ad eccezione di venerdì 30 giugno con biglietto a 5 euro): Caravaggio Experience (dal 14 luglio, nella Citroniera), Dalle Regge d’Italia (fino al 1° luglio, alle Sale delle Arti), Jungle (alle Sale delle Arti), Lady Diana. Uno spirito libero (dal 7 luglio, alle Sale dei Paggi), Giovanni Boldini (dal 28 luglio, alle Sale delle Arti);
  • si può assistere allo spettacolo di circo e danza Promenade au Château – compagnia Jérôme Thomas, all’interno della Reggia: venerdì 30 giugno e sabato 1 luglio (alle ore 21.30) – 5 euro. In collaborazione con TPE Teatro Piemonte Europa
  • e scegliere il divertente tour in Trenino nei Giardini o con la Gondola sulla Peschiera.Non manca la possibilità di concedersi altri gradevoli momenti di relax con i Piaceri Regali, nel contesto straordinario della Venaria Reale: gli aperitivi al raffinato Caffè degli Argenti (10 euro), e le cene al suggestivo Patio dei Giardini (per informazioni: tel. +39 011 4992386).

Il palinsesto prevede anche una serie di eventi speciali che accompagnano l’intero programma fino alla celebrazione dell’Anniversario:

IV Concorso di Attacchi di Tradizione. Cavalli e carrozze da fiaba alla Venaria Reale

Sabato 17 e domenica 18 giugno, Giardini della Reggia e Parco La Mandria, orari diurni di apertura. Un evento coinvolgente con la sfilata di decine di carrozze d’epoca che entusiasma appassionati e semplici curiosi.

In collaborazione con Gruppo Italiano Attacchi.

Compreso in tutti i biglietti d’ingresso (gratuito per Under 6 anni e Abbonamento Musei, Torino+Piemonte Card e Royal Card).

Cerimonia del conferimento dell’Onore del Bottone dell’Equipaggio della Regia Venaria a Michael Nyman

In collaborazione con l’Accademia di Sant’Uberto – Equipaggio della Regia Venaria

Citroniera delle Scuderie Juvarriane, giovedì 22 giugno, ore 19. Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.

 

ANTEPRIMA DELLA MILANESIANA 2017

La musica, la letteratura, il coraggio / 1

Inaugurazione delle mostre

Michael Nyman. Images were introduced e Fleur Jaeggy. Opere su carta In collaborazione con La Milanesiana

Citroniera delle Scuderie Juvarriane, giovedì 22 giugno, ore 20 Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.

Lettura di Fleur Jaeggy e Concerto di Michael Nyman Orchestra con Bruno Ventavoli

In collaborazione con La Milanesiana

Citroniera delle Scuderie Juvarriane, giovedì 22 giugno, ore 21 Ingresso: 25 euro intero, 18 euro ridotto

 

Teatro a Corte

  • Promenade au Château, spettacolo di circo e danza, compagnia Jérôme Thomas
    Reggia di Venaria, martedì 27, mercoledì 28, giovedì 29 giugno (alle ore 11.30 e alle ore 15), venerdì 30 giugno e sabato 1 luglio (alle ore 18 e alle ore 21.30); domenica 2 luglio (alle ore 16). Ingresso: 5 euro (più biglietto d’ingresso alla Reggia);
  • Mù, Cinématique des fluides, spettacolo di suggestioni “d’arte celeste”, compagnia Transe Express, Giardini – Gran Parterre, venerdì 30 giugno, ore 22.
    Ingresso: 10 euro (comprensivo di Sere d’Estate alla Reggia; Under 6 anni: gratuito; Abbonamento Musei, Torino+Piemonte Card e Royal Card: 5 euro).In collaborazione con TPE Teatro Piemonte Europa.

La storia del Piemonte nei canti della sua gente

Cappella di Sant’Uberto, sabato 8 luglio, ore 21, ingresso libero fino a posti disponibili.
Per conoscere la storia e le tradizioni del territorio con l’esecuzione di una quindicina di canti popolari -che spaziano dal dialetto piemontese, alla lingua francese, al dialetto occitano e provenzale- riferiti a personaggi, eventi epici sabaudi, vicende di vita piemontese e francofona.

A cura della Camerata Corale “La Grangia”.

 

CHIUSURA DELLA MILANESIANA 2017

La musica, la letteratura, il coraggio / 2

Paola Turci e Ermal Meta

Dialogo ed esibizione. Con Grazia Verasani.

In collaborazione con La Milanesiana. Citroniera delle Scuderie Juvarriane

Mercoledì 12 luglio, ore 21
Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.

The Italian New Wave Annual Summit

The Italian New Wave Second Annual Summit è la seconda edizione dell’evento estivo di Club To Club Festival dedicato alla nuova creatività musicale italiana. Alcuni tra gli artisti più originali e rappresentativi della Penisola si susseguiranno nel sonorizzare diversi spazi del percorso di visita della splendida Reggia di Venaria con le loro performance.

In collaborazione con Explosiva.

Reggia di Venaria, venerdì 14 luglio, dalle ore 19.30 alle 23.30 Ingresso compreso in Sere d’Estate alla Reggia.

 

Concerto Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

Citroniera delle Scuderie Juvarriane Venerdì 21 luglio, ore 21

In collaborazione con Fondazione Via Maestra.
Ingresso: 12 euro (5 euro per i possessori del biglietto Sere d’Estate alla Reggia).

I Rassegna nazionale delle Bande musicali giovanili regionali

Cappella di Sant’Uberto e Corte d’onore (o Citroniera), sabato 22 luglio: ore 18 (seminario) e ore 21 (concerto della Banda giovanile del Piemonte)

Corte d’onore, domenica 23 luglio, ore 17 (concerto delle Bande giovanili di Calabria e Marche)

Col Patrocinio del Ministero dei Beni e della Attività culturali e del Turismo, e in collaborazione con Fondazione Via Maestra.

Ingressi liberi fino a posti disponibili.

 

Il Galà di Ferragosto

Lunedì 14 agosto, dalle ore 19 alle 23.30 con ingresso a 10 euro (gratuito per Under 6 anni e Abbonamento Musei, Torino+Piemonte Card e Royal Card).

Una serata eccezionale per celebrare l’arrivo del Ferragosto con dj set e fuochi d’artificio. Un’occasione inoltre per ammirare il piano nobile della Reggia, i Giardini, il Bucintoro dei Savoia, le mostre Le Belle Arti e Sculture Moderne alla Venaria Reale, gli spettacoli di videomapping e del Teatro d’Acqua della Fontana del Cervo.

Natura in Movimento

VI Rassegna internazionale di danza contemporanea.

Con il contributo di Fondazione Piemonte dal Vivo, e con il coordinamento della Fondazione Via Maestra.

Giardini della Reggia, domenica 17 settembre. Ingresso compreso in tutti i biglietti.

 

Anniversario a Corte.
La Reggia di Venaria festeggia il suo decimo compleanno

Teatro a Corte

Sabato 7 ottobre, ore 21. Ingresso: 10 euro
In collaborazione con TPE Teatro Piemonte Europa.

Una Corsa da Re: domenica 15 ottobre al mattino, dopo il grande successo delle passate edizioni, torna l’evento podistico della Venaria Reale.

A partire dalle ore 15.30, è inoltre prevista la grande manifestazione Tattoo da Re – Rassegna musicale delle bande militari italiane con caroselli ed esecuzione di brani musicali nel Borgo Antico, Giardini e Corte d’onore della Reggia che precedono ed accompagnano il tradizionale “Taglio della Torta” per tutti i presenti (fino a disponibilità effettiva).

In collaborazione con Italian Military Tattoo.

INFORMAZIONI:
Tel.: +39 011 4992333 – www.lavenaria.it – www.residenzereali.it

 

MANTOVA cultura – festivaletteratura 6 – 10 settembre 2017

FESTIVALETTERATURA
A MANTOVA

DAL 6 AL 10 SETTEMBRE

VENTUNESIMA EDIZIONE

La ventunesima edizione di Festivaletteratura si terrà a Mantova da mercoledì 6 a domenica 10 settembre 2017.

Dopo la festa grande del ventesimo anniversario, il Festival riprende il suo cammino con rinnovata attenzione ai bisogni di confronto e di condivisione culturale del nostro tempo.

Insieme alla continua proposta di scrittori di valore spesso ancora poco noti al grande pubblico, già da tempo Festivaletteratura caratterizza il proprio programma attraverso progetti partecipati di lettura, ricerca e rielaborazione dei saperi, spazi per la promozione del talento, momenti di formazione confidenziale, che rappresentano un unicum nell’offerta dei festival letterari italiani.

La ventunesima edizione si mette una volta di più al servizio di questo sempre più sensibile desiderio di ascolto e di rifiuto delle semplificazioni, e lo fa dando vita a inediti esperimenti, impegnando gli autori in nuovi cimenti, reinventando spazi e tempi degli incontri.

IL FESTIVAL

Tra gli ospiti internazionali di maggiore richiamo vanno ricordati:

Chimamanda Ngozi Adichie, scrittrice nigeriana divenuta punto di riferimento per la lotta contro il razzismo e per i diritti delle donne, lo statunitense George Saunders, la giallista Elizabeth George, il cinese Yu Hua, più volte candidato al Nobel e apprezzata firma del New Yorker, la scrittrice inglese per ragazzi Frances Hardinge, oltre ai ritorni di Arturo Pérez-Reverte, Richard Mason ed Elizabeth Strout, nomi che rappresentano solo alcuni dei punti verso i quali orientare la propria navigazione nel mare di Festivaletteratura 2017.

Le guerre di oggi e di ieri fanno da sfondo alle narrazioni di molti scrittori, come il pluripremiato autore angolano Josè Eduardo Agualusa, l’indonesiano Eka Kurniawan e il poeta ed esule siriano Faraj Bayrakdar.

Le guerre dell’Occidente contro il terrorismo verranno rilette nel dialogo tra l’inglese Harry Parker e lo statunitense Brian Turner, reduci rispettivamente delle campagne in Afghanistan e in Iraq.

Al racconto della guerra e dell’esilio si accompagna una riflessione da diversi punti di vista sulle tensioni che stanno attraversando il mondo musulmano: Joby Warrick, giornalista del Washington Post e due volte premio Pulitzer, ripercorrerà la vicenda dell’ISIS, il politologo Olivier Roy cercherà di individuare i legami tra istanze sociali insoddisfatte delle seconde e terze generazioni di migranti e islamismo radicale, Fethi Benslama tenterà una lettura psicoanalitica della disposizione al sacrificio che anima decine di giovani musulmani, lo scrittore tunisino Shukri al-Mabkhout tornerà sulle speranze tradite della stagione delle primavere arabe. Un confronto tra società arabe e occidentali a partire dai valori e dai diritti sanciti dalle carte costituzionali verrà poi condotto da Valerio Onida, da padre Ignazio De Francesco della Comunità di Monte Sole e da Yassine Lafram.

Il centenario della Rivoluzione d’Ottobre sarà l’occasione per indagare il rapporto incendiario tra letteratura e rivoluzioni: Che fare? si propone come un percorso in tre tappe per rileggere alcuni dei libri che hanno scatenato rivolte e sommovimenti sociali.

In tre incontri affidati ad Alessandro Portelli (La capanna dello zio Tom di Harriet Beecher Stowe), Marcello Flores (I diritti dell’uomo di Thomas Paine) e Gian Enrico Rusconi (Mein Kampf di Adolf Hitler), si indagherà come le parole abbiano spinto ad armare la mano in diversi momenti della nostra storia.

Ai memoir, romanzi e diari che hanno testimoniato in diretta la rivoluzione russa sarà dedicato uno speciale condotto da Marcello Flores.

Sul tema delle guerre civili va rimarcata la presenza al Festival di uno dei più importanti storici contemporanei: David Armitage. Piotr M. A. Cywiński, direttore del Memoriale e Museo di Auschwitz-Birkenau, s’interrogherà su come trasmettere alle generazioni future la memoria dei campi di sterminio. A una delle icone del Novecento rivoluzionario, Fidel Castro, sarà dedicato l’incontro tra Ignacio Ramonet e Francisco López Sacha.

Nato per scoprire le relazioni profonde tra le culture linguistiche che attraversano l’Europa, il progetto del Vocabolario Europeo, arriva finalmente a compimento. Curato da Giuseppe Antonelli e Matteo Motolese, il volume sarà distribuito gratuitamente durante i giorni del Festival.

Per accompagnare la pubblicazione del Vocabolario europeo, un nuovo e partecipato vocabolario adottivo verrà compilato grazie ai contributi spontanei del pubblico, per mostrare come parole, memorie e storie europee appartengano ormai all’esperienza comune di ognuno di noi.

Nel programma del Festival, oltre agli incontri dedicati agli ultimi lemmi portati da Fernando Aramburu, Velibor Čolić, Nicola Gardini, Laurent Gaudé, Mercedes Lauenstein, Lars Mytting e Olja Savičević, si terrà un momento conclusivo di discussione su parole d’autore e parole adottive che vedrà coinvolti – oltre ad Antonelli e Motolese – Diego Marani ed altri autori.

Mai la “questione europea” è stata così presente a Festivaletteratura: scrittori come Martin Pollack, Jan Brokken, Velibor Čolić raccontano di un’Europa in cui i confini nazionali si fanno permeabili e le memorie, i dolori, le grandi avventure intellettuali riescono a parlare diverse lingue.

Alle illusioni e alle ferite ancora aperte del Novecento tornano in molti per tentare di interpretare il presente: così Jachina Guzel’ agli anni del terrore staliniano, Clemens Meyer all’”età dell’oro” della DDR, Fernando Aramburu alla stagione più cruenta del terrorismo basco; Anthony Cartwright e Jonathan Lee al decennio Thatcher.

Uno sguardo disincantato, acuto, programmaticamente estraneo ai nazionalismi, caratterizza invece le più giovani generazioni di scrittori europei, rappresentate al Festival da autori come Jonas Hassen Khemiri, Olja Savičević e Mercedes Lauenstein.

Se i confini geografici sono valicabili, ancor più lo sono quelli che convenzionalmente delimitano i generi letterari: gli scrittori di questa edizione si dimostrano tra i più propensi a muoversi liberamente tra canoni, forme e registri espressivi. Jan Brokken, Artemis Cooper e Helena Janeczek, con intenti diversi, conferiscono ritmo romanzesco al consumato genere delle vite di uomini (e di donne) illustri, Helen Phillips e Ayelet Gundar-Goshen trasferiscono il romanzo psicologico nei territori del giallo, Lars Mytting inventa una sorta di noir forestale, Olja Savičević adotta il western per raccontare la Croazia dopo la guerra civile, Melania Mazzucco usa il romanzo come strumento di denuncia e di indagine sociale, Davide Enia incardina un racconto familiare in una struttura apparentemente documentaristica, Jonas Hassen Khemiri gioca sulla moltiplicazione dei punti di vista per parlare di un tema di bruciante attualità come l’immigrazione.

Il trasferimento delle storie personali in uno spazio più proprio della finzione letteraria è un altro dei fili rossi che uniscono i narratori presenti a Festivaletteratura 2017: lo si ritrova nella saga familiare in pochi metri quadrati di Christophe Boltanski, nell’elaborazione del lutto di Marianne Leone, nei diari a fumetti di Gusti e Nicoz Balboa e in autori come Teresa Ciabatti, Michele Mari e Alberto Rollo. Negli scrittori italiani i racconti familiari tendono a tramutarsi in racconti di città – la Milano di Alberto Rollo e Gaia Manzini, la Bologna di Francesca Capossele, la Roma di Luca Giachi e la Napoli di Domenico Starnone – fino a divenire ritratti urbani legati alla memoria storica (la Trieste di Mauro Covacich) o intima (la Venezia di Andrea Molesini). Uno sguardo verso il territorio che si perde al di fuori degli agglomerati urbani accomuna invece i racconti abruzzesi di Donatella Di Pietrantonio, gli spopolati bar padani di Diego Marani, la riflessione “paesologica” di Franco Arminio, tanto quanto l’isolamento montano dei personaggi di Paolo Cognetti, Claudio Morandini, Arno Camenisch.

La voce delle donne si riconferma potentissima: se Chimamanda Ngozi Adichie è senza dubbio la figura più emblematica, di non minore forza vanno considerate le presenze di Naomi Alderman, americana cresciuta in una comunità ebrea ortodossa, e della ghanese Yaa Gyasi, che offre una rilettura dell’imperialismo coloniale attraverso gli occhi delle donne, e ancora, passando al programma ragazzi, quelle di Jennifer Niven e Nina LaCour o di Francesca Cavallo ed Elena Favilli, la cui galleria di rebel girls è divenuta un caso editoriale internazionale.

Una vita femminile totalmente fuori dall’ordinario e irriducibilmente anarchica è quella di Gertrude Stein, ricordata nell’omaggio che le verrà attribuito da Laura Lepetit, Giulia Niccolai e Barbara Lanati insieme ad Anna Nogara, in occasione della riedizione della sua Autobiografia di tutti.

E ancora alle donne sarà dedicata la serie dei Processi, la riapertura di storici casi giudiziari attraverso documenti archivistici, inserita a programma in continuità con le iniziative di public history. Storici, archivisti e narratori – tra i quali Federica Ambrosini, Danilo Craveia, Diego De Silva, Michele Di Sivo, Andrea Molesini, Elisabetta Mori, Manola Ida Venzo – rivestiranno i ruoli di procuratori e avvocati difensori in casi passati di grande clamore che hanno visto donne salire sul banco degli imputati. Le vicende di streghe come Giovanna Monduro, di eretiche come Isabella della Frattina, di parricide come Beatrice Cenci, di sedotte e abbandonate come Lidia Cirillo, ci restituiscono la storia di un’identità femminile messa costantemente sotto processo.

Non mancherà lo spazio riservato agli appassionati di giallo: Elizabeth George, vero pezzo da novanta della letteratura del brivido, sarà una delle protagoniste più attese di questa edizione. A lei si affiancano Patrick Manoukian (autore, con lo pseudonimo di Ian Manook, delle indagini del commissario Yeruldelgger) e, tra gli italiani, Loriano Macchiavelli e Carlo Lucarelli, che celebrano il ritorno dei loro investigatori Sarti e De Luca; Mirko Zliahy, autore della fortunata serie di gialli-splatter con protagonista il commissario Mancini; Marcello Fois e Maurizio De Giovanni.

Blurandevù resta senz’altro una delle poche palestre di formazione al confronto letterario attive nel nostro paese.

Un gruppo di una decina di ragazzi dai 16 ai 22 anni anche quest’anno sarà chiamato a salire sul palco di piazza Leon Battista Alberti per presentare Senel Paz, Marianne Leone, Teresa Ciabatti, in incontri per la prima volta proposti anche in streaming. A curare la loro preparazione saranno Fabio Geda e Marco Magnone. Un rapporto corpo a corpo con il testo letterario è proposto nei laboratori rivolti agli adolescenti che Festivaletteratura ha affidato a due delle più interessanti compagnie emergenti della scena contemporanea italiana: Anagoor e Babilonia Teatri.

Sulla lettura ad alta voce come diversa esperienza del testo si concentra l’incontro che radunerà i gruppi di lettura adolescenti di diverse biblioteche italiane: a leggere insieme ai ragazzi saranno Arturo Pérez-Reverte e Davide Enia. Grazie anche a queste presenze prosegue inoltre la scrittura in scena, il percorso di conversazioni sulla scrittura per il teatro che quest’anno vedrà come ospite internazionale Wajdi Mouawad, narratore e drammaturgo libanese naturalizzato canadese, di cui Festivaletteratura proporrà in esclusiva una mise en scène di Assetati con gli attori della Scuola del Piccolo Teatro di Milano.

Bambini e ragazzi avranno quest’anno una casa tutta loro al Festival: la Casa del Mantegna si trasformerà infatti in uno spazio-museo-laboratorio a più piani, vero e proprio condominio creativo. Tra gli autori che ne popoleranno le stanze ci saranno: lo scrittore catalano Jordi Sierra i Fabra, promotore di una fondazione a sostegno degli Under 18 che desiderano mettersi alla prova con la scrittura, la statunitense Nina LaCour, tra le più acclamate autrici internazionali di romanzi per young adults, Marianne Barcilon e Magali Bonniol, amatissime dai piccoli grazie alle loro storie di bambini e animali, i fiamminghi Bart Moeyaert, Stefan Boonen e Melvin, e il nostro Bruno Tognolini. Pino Costalunga – con l’aiuto di Bart Moeyaert, Olja Savičević – racconterà favole della tradizione europea, mentre Chiara Lagani aprirà i quattordici libri di Oz pubblicati dopo quello del Mago e totalmente sconosciuti in Italia. La conduzione dei laboratori dedicati alle forme di racconto per immagini saranno affidati all’illustratore argentino Gusti, alla poliedrica Silvia Bonanni e ad Andrea Antinori. I Ludosofici si dedicheranno invece a una lettura architettonico-filosofica della Casa del Mantegna con ospiti a sorpresa.

Nate per il gusto di stupire il pubblico attraverso accostamenti inediti, valorizzando al contempo patrimoni letterari sconosciuti ai più, le biblioteche di Festivaletteratura si offrono come occasioni di rilettura della nostra storia letteraria attraverso il filtro di un genere o di un tema rivelatori di cambiamenti culturali, sociali e di costume.

Realizzata in collaborazione con la Biblioteca Sportiva Nazionale del CONI, la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e i sistemi bibliotecari di Mantova e Brescia, l’edizione 2017 della biblioteca, rinominata palestra letteraria, si dipanerà lungo il fil rouge dei nobili principi dello sport, aprendosi a due secoli di gesti atletici in tutte le loro forme: dai campioni entrati nell’immaginario collettivo, fino alla pratica sportiva più quotidiana. Selezionati da Luca Scarlini, gli oltre 400 volumi di cui si compone saranno posti in libera consultazione tra attrezzi ginnici, spalliere e quadri svedesi presso la Palestra del Seminario di via Cairoli. Oltre alle consuete letture della Compagnia della Lettura, la palestra letteraria prenderà vita in un programma di incontri: ecco dunque Federico Buffa rendere omaggio al mito di Alì, Duncan Hamilton ripercorrere la sfortunata carriera di George Best, William Finnegan raccontare la propria formazione sentimentale attraverso il surf. Un’altra biblioteca, l’ormai tradizionale città in libri, farà invece tappa per la ventunesima edizione nella malinconia transoceanica di Buenos Aires per celebrare la città vissuta e sognata da Jorge Luis Borges, Julio Cortázar, Ernesto Sabato, Adolfo Bioy Casares, così come da decine di altri autori di tutto il mondo. La Tenda dei Libri di piazza Sordello sarà il varco d’accesso per entrare e perdersi nel luminoso e dolente immaginario porteño, attraverso il quale si verrà condotti da un servizio di “guide” formato da giovani ricercatori di letteratura ispano-americana alla scoperta dei 150 volumi presenti, selezionati dallo stesso Luca Scarlini e da Francisco Amaya e Dante Liano.

Per i lettori incontentabili Federico Taddia condurrà una serie di dieci brevi incontri dedicati alla ri-lettura con autori italiani e internazionali che racconteranno i libri che hanno ripreso in mano perché troppo difficili, legati a un momento particolare della vita, spuntati fuori per caso, o perché indispensabili. Tra questi, la lezione di Alessandro Piperno su Philip Roth e la conversazione tra Hans Tuzzi e Giuseppe Montesano sugli scrittori che scrivono di scrittori, passando per la testimonianza di Senel Paz sul suo rapporto decennale con Gabriel García Márquez. Un approccio critico innovativo sarà infine quello proposto da Michele Cometa in un incontro dedicato all’interpretazione dei testi letterari secondo i principi delle neuroscienze.

Continua la riflessione sulle relazioni tra letteratura, produzione culturale e nuove tecnologie sviluppata negli ultimi anni anche grazie all’officina di Prototipi. Lo spazio di Santa Maria della Vittoria quest’anno sarà interamente dedicato alla logica computazionale, mostrando a giovani e adulti come ragiona un computer. L’intervento di Scott Aaronson, tra i massimi esperti di teoria della complessità computazionale, mostrerà le connessioni con il pensiero umano e le possibili prospettive di sviluppo interdisciplinare.

All’interno degli accenti, la serie prossimamente – finestra sugli argomenti dei Festival di domani con interventi di ospiti a distanza intervistati dai blogger di La Balena Bianca e di Il lavoro culturale – si occuperà degli scenari futuri e delle trasformazioni in atto nel campo della scrittura e della produzione artistica con l’avvento della nuove tecnologie. Sui temi legati ai mutamenti della percezione e della rappresentazione in campo artistico nell’era di internet dialogheranno infine Mauro Carbone e Stefano Catucci, mentre sul legame tra creatività e innovazione tecnologica interverrà Jeffrey Schnapp, tra le più autorevoli voci internazionali nel campo delle digital humanities.

Rivoluzione dei paradigmi economici, sommovimenti geo-politici, ripensamento della forma città: l‘emergenza climatica richiede con sempre maggiore urgenza un nuovo paradigma di pensiero.

Al centro dell’incontro di Kate Raworth e Leonardo Becchetti sarà l’idea di un’economia circolare e inclusiva, capace di rigenerare i sistemi naturali e di contrastare le crescenti disuguaglianze economiche. Massimiliano Bucchi e Gianluca Ruggieri si interrogheranno invece sugli scenari energetici che si aprono con il progressivo consumo delle risorse minerali; Grammenos Mastrojeni e Antonello Pasini sulle incidenze che i cambiamenti climatici avranno sulle migrazioni e sul conseguente acuirsi delle tensioni internazionali. Nella prospettiva di un ripensamento delle pratiche agricole Salvatore Ceccarelli racconterà della sua esperienza nella selezione partecipata delle sementi come alternativa agli OGM e si confronterà con Jonathan Silvertown sulla magia ancora non del tutto svelata dei semi. Per aiutarci a prestare una maggiore attenzione all’esaurimento delle risorse, attraverso una serie di laboratori e incontri per adulti e ragazzi Mark Miodownik, direttore dell’Institute of Making dell’UCL di Londra, renderà evidente come la nostra vita sia totalmente dipendente dagli oggetti che ci circondano e dai materiali con cui vengono prodotti.

Un viaggio a piedi per disegnare una nuova mappa della Lombardia: con l’avventura del progetto Atlante Festivaletteratura prosegue nella sperimentazione di forme di partecipazione diretta del pubblico.

Venti persone e quattro giorni di tempo per realizzare una guida illustrata e commentata del territorio lombardo tra Brescia e Mantova: a partire dalle segnalazioni che verranno raccolte da luglio attraverso il sito del Festival, il gruppo si metterà in cammino cercando di documentare i punti di attrazione nascosti – tesori artistici, squarci di paesaggio, ma anche storie locali, personaggi e curiosità – ad uso dei visitatori futuri.

L’impresa partirà da Brescia domenica 3 settembre e si concluderà in piazza Sordello a Mantova mercoledì 6, giorno di inaugurazione del Festival. I taccuini redatti dai partecipanti andranno poi a formare una speciale installazione allestita presso la Tenda dei Libri e visitabile per tutta la durata del Festival.

Giornalismo e narrazione si ritrovano uniti anche quest’anno per Meglio di un romanzo, il progetto attraverso il quale Festivaletteratura punta a sostenere i giovani aspiranti giornalisti che intendono cimentarsi con la tradizionale forma del reportage, declinandola attraverso linguaggi diversi. Quest’anno verrà presentato Isole del silenzio di Melissa Magnani, il primo lavoro commissionato direttamente da Festivaletteratura e pubblicato a puntate sul web a partire da marzo 2017. Il racconto giornalistico rimane al centro degli incontri che vedranno sul palco Carolin Emcke, vincitrice del premio della pace assegnato dai librai tedeschi, e gli italiani Domenico Quirico, Ferruccio De Bortoli, Valerio Pellizzari, Pietro Grasso.

In un’epoca in cui il compito di testimoniare la contemporaneità viene sempre più demandato all’immagine, tre fotogiornalisti tra i più apprezzati sulla scena internazionale illustreranno la profondità di campo sottesa al loro lavoro, che dilata l’istantaneità del singolo scatto in un racconto universale: Buhran Ozbilici, vincitore del World Press Photo 2017 con lo scatto del killer dell’ambasciatore russo ad Ankara, Giulio Piscitelli, il fotografo italiano salito sulle imbarcazioni dei migranti, e Monika Bulaj che – in forma di spettacolo – mostrerà le immagini degli ultimi luoghi rimasti dove fedi differenti ancora dialogano. A loro si unisce un artista della fotografia come Ferdinando Scianna, che con il poeta Franco Marcoaldi svilupperà attraverso immagini e parole un confronto tra condizione umana e animale.

Anche quest’anno il programma del Festival prevede una stimolante sezione dedicata ad arte, design e architettura. Un bilancio sinestetico della propria carriera di artista vedrà protagonista un instancabile sperimentatore come Ugo La Pietra. Lea Vergine – in dialogo con Luciana Castellina – ripercorrerà il rapporto contrastato e appassionante lungo una vita tenuto con l’arte. Di design anonimo o involontario parlerà Dario Scodeller; Victor Stoichita rivelerà le regole che presiedono al gioco della rappresentazione tra immagine e sguardo, cinema e arti visive; mentre Antonio Forcellino ragionerà con Caterina Volpi sul restauro come occasione di rilettura e reinterpretazione dell’opera d’arte. Per l’architettura, ospite d’onore sarà Kjetil Thorsen, progettista della Biblioteca di Alessandria d’Egitto e del National 9/11 Memorial & Museum di New York, mentre Cherubino Gambardella, attraverso una rilettura di Villa Malaparte, proporrà una riflessione sul Mediterraneo.

Intorno al connubio poesia-canto, motore di arte colta e popolare, Festivaletteratura – in collaborazione con il Centro d’Arte e Cultura di Palazzo Te, il Museo Civico di Palazzo Te, e con il sostegno di Regione Lombardia – ha ideato La parola che canta, un progetto distinto dal programma “ordinario” che si configura come esplorazione in forma di festa del dialogo ininterrotto tra musicisti e poeti. Nelle serate di giovedì, venerdì e sabato scrittori, studiosi e artisti di varia esperienza e formazione terranno conversazioni, concerti, letture, improvvisazioni felicemente disperse tra cortili e stanze affrescate. Con La parola che canta Festivaletteratura sperimenta un utilizzo della villa gonzaghesca che ne reinterpreta la vocazione originaria: tra gli invitati si segnalano Francesco Guccini, Giovanna Marini, i Fanny & Alexander, Mariangela Gualtieri, i Cuncordu e Tenore di Orosei, Umberto Fiori, Giovanni Bietti, Fabrizio Scipioni, Massimo Giuntoli, Michele Spanghero.

Per le notti di Festivaletteratura Music Hall al Museo Diocesano, il club di piazza Virgiliana propone quest’anno il rap letterario di Murubutu combinato all’immigrazione amplificata in musica di Stregoni (giovedì 7), il post-modern blues di L.A. Salami unito al dream pop notturno di His Clancyness (venerdì 8), una delle band più rappresentative dell’indie-pop italiano, gli Ex-Otago, con il contorno delle trascinanti melodie dei Welcome Back Sailors (sabato 9). Un laboratorio di creazione musicale su un testo letterario sarà condotto dal musicista Fabrizio Puglisi: cantanti, compositori, strumentisti saranno chiamati per quattro giorni a confrontarsi con Ubik, di Philip Dick, per trarne materia d’ispirazione per improvvisazioni e scrittura di partiture minime, che confluiranno infine in una performance collettiva. Cambiando genere, Festivaletteratura non poteva certo trascurare l’anniversario monteverdiano: saranno Luca Scarlini, attraverso una conferenza/concerto dedicata alle cantatrici di Monteverdi, e Dario Moretti, attraverso una rivisitazione della favola d’Orfeo pensata per i ragazzi, a rendere omaggio al grande compositore barocco con l’accompagnamento musicale dell’Accademia degli Invaghiti.

 I LUOGHI DEL FESTIVAL 

I LUOGHI DI FESTIVALETTERATURA 2017

La città della ventunesima edizione è decisamente più ampia: Festivaletteratura si distende lungo l’asse fondamentale del “percorso del principe”, sviluppandosi dolcemente da Palazzo Ducale a Palazzo Te.

Se piazza Sordello si conferma sempre più il fulcro della manifestazione – con il luogo simbolo di Piazza Castello, la libreria, il punto informativo, gli spazi relax, la tenda degli Accenti, le due biblioteche di Festivaletteratura e, da quest’anno, il punto di accoglienza autori ospitato a Palazzo Castiglioni – Palazzo Te rientra nel circuito del Festival seguendo la sua vocazione di spazio di festa in cui sarà possibile smarrirsi felicemente, a fine giornata, tra i suoni e le sorprese di La parola che canta.

La Casa del Mantegna verrà messa completamente sottosopra: le decine di sale piccole e grandi che occupano i due piani dell’antica dimora del grande pittore padovano verranno invase da bambini e ragazzi per tutta la durata del Festival. Sono circa quaranta gli incontri previsti tra laboratori, dialoghi con autori, piccole performance e letture destinati agli Under 16 nelle diverse stanze della casa. Il giardino sarà invece un libero spazio di intrattenimento, da sfruttare a piacere tra un appuntamento e l’altro.

Altra novità di quest’anno è l’Arena che aprirà nel Cortile dell’Archivio di Stato. Pensata per superare la tradizionale disposizione a platea dei luoghi del Festival e per favorire una partecipazione più inclusiva, l’Arena metterà letteralmente gli autori al centro, nello spazio aperto tra due tribune contrapposte e gremite di pubblico.
Tra i luoghi nuovi al Festival segnaliamo il Teatro Spazio Gradaro, dedicato a spettacoli e workshop per ragazzi e l’Appartamento della Rustica di Palazzo Ducale, dove si terranno gli spettacoli della Favola di Orfeo.

Zona piazza Sordello – Palazzo Ducale
Basilica Palatina di Santa Barbara; Palazzo Ducale – Appartamento della Rustica; Palazzo Castiglioni; Piazza Castello; Seminario Vescovile – Aula Magna; Seminario Vescovile – Palestra; Tenda Sordello; Tenda dei Libri

Zona centro
Cinema Oberdan; Piazza L.B. Alberti; Piazza Mantegna; Cortile dell’Archivio di Stato/Arena; Sagrestia dell’Archivio di Stato; Teatro Bibiena; Teatro Sociale

Zona est (piazza d’Arco – piazza Virgiliana)
Aula Magna dell’Università; Casa Slow; Chiesa di Santa Maria della Vittoria; Museo Diocesano; Palazzo d’Arco

Zona sud (Principe Amedeo – Te)
Casa del Mantegna; Chiesa di Santa Paola; Conservatorio di Musica “Lucio Campiani”; Palazzo di San Sebastiano; Palazzo Te; Parcobaleno; Sagrestia di San Barnaba; Teatro Ariston; Teatro Spazio Gradaro

SCAPPARE DAL CALDO ; DOVE ? VACANZE O WEEKEND AL FRESCO E ARIA PULITA.

DOVE ANDARE IN VACANZA ?

SCAPPARE DAL CALDO ; DOVE ???

DAL LAGO RITOM AL LUCOMAGNO ALLA VALLE DI BLEGNO IN SVIZZERA  ; VELOCEMENTE IN AUTOSTRADA DA MILANO (ricordiamo che serve pagare la locandina di  40 franchi c.a. 40 euro, per usufruire delle autostrade svizzere per un intero anno;  se siete in tanti in auto potrete dividere il costo),

SCAPPARE DAL CALDO ANCHE IN ITALIA :

-ALTA VAL BADIA, ALTO ADIGE,  BARDONECCHIA, TRAFOI, ORTLES… E POI FRANCIA…VEDI SOTTO TUTTE LE DESTINAZIONI CON LINK PER ULTERIORI INFORMAZIONI E FOTO.

Lago Ritom 450 vista

Lago ritom farfalla 450

Lago Ritom IMG_20150703_152747

ritom ch IMG_20150702_113230-2

ritom ch IMG_20150701_125606

LAGO RITOM, PRIMA DI AIROLO, USCITA AUTOSTRADA AMBRI’ E POI LA FUNICOLARE PIU’ RIPIDA DEL MONDO O DIRETTAMENTE IN AUTO SE SIETE BRAVI GUIDATORI.

75 EURO A PESONA MEZZA PENSIONE; SPECIALE PROMOZIONE LETTORI DONNECULTURA.EU

FORMAGGIO DELL’ALPE E’ REPERIBILE NEI RISTORANTI E DAL PRODUTTORE.

Qui i richiami delle marmotte accompagnano le nostre camminate.

RITOM: la più ripida ferrovia del mondo per raggiungere il paradiso in terra: andate e ritorno circa 20 euro.

Ma se volete c’è anche la strada; una volta arrivati al lago, se vi fermate a dormire il parcheggio è gratuito, altrimenti è a pagamento.

Noi abbiamo scelto il periodo della massima fioritura, ovvero i primi di luglio, uno spettacolo che abbiamo cercato di documentare con le nostre foto, ma … troppo bello visto dal vero !!! Poi ci siamo ritornati per un soggiorno più lungo.

 

Le escursioni sono di ogni tipo, dalla passeggiata lungo il lago con il passeggino e i bambini, sino alle alte vette, con tanti percorsi intermedi.

Per i più coraggiosi sarà un piacere rinfrescarsi nelle acque dei tanti laghi che si incontrano nei vari percorsi.

PESCATORI DI TROTE

Con appositi permessi gli appassionati di pesca frequentano le rive del lago Ritom con buona soddisfazione.

Dal lago Ritom, i si può raggiungere, a piedi, il Passo del Lucomagno (attraverso il Passo dell’Uomo), un lungo percorso per chi ama camminare, senza particolari difficoltà; salvo le normali salite di montagna.

 

ALBERGO RISTORANTE LAGO RITOM, DOVE ABBIAMO ALLOGGIATO.

Abbiamo mangiato molto bene; polenta e spezzatino, polenta e formaggio dell’alpe, spaghetti all’amatriciana (il cuoco li sa cucinare) ecc…, ma soprattutto abbiamo ricevuto una simpatica accoglienza e tutto era perfettamente in ordine e pulito.

Il rifugio-ristorante Lago Ritom si trova nella Val Piora a 1850 m. e offre un ambiente cordiale e familiare:

-terrazza panoramica

-sala-ristorante interna

-specialità ticinesi e formaggi dell’Alpe.

– ottimo punto di partenza per escursioni a piedi ed in mountain bike in tutta la Val Piora

– aperti da maggio a ottobre

tel. 0041 91 868 14 24

info@lagoritom.ch

www.lagoritom,ch

A luglio quando la fioritura dei prati di alta montagna è nel pieno del fulgore, lo spettacolo intorno al lago Ritom e nei dintorni è impagabile; come il fresco dell’aria.

Il lago Ritom è formato dallo sbarramento idrico sito nella valle di Piora nel comune di Quinto, nelle Alpi lepontine.

Uno dei suoi principali immissari proviene dal sovrastante lago di Tom che si raggiunge in due ore di cammino, a 5′ di cammino dall’Alpe Piora; in uno spettacolo indimenticabile di alte vette coperte di neve.
Altitudine del lago: 1.850 m

Alpe Piora rifugio: alloggio e bar-ristorante; qui il parcheggio dell’auto costa 15 Fr. il primo giorno, poi 5 Fr al giorno. Si può salire, dalla diga del lago Ritom, solo prima delle 9 del mattino e dopo le 17.

ANCHE IN MOUNTAIN BIKE

-diversi sentieri transitano nella valle: Strada Alta, Strada del Lucomagno, sentiero nazionali nr. 6 e percorso nazionale nr. 65 in mountain bike.

IN VAL DI BLEGNO E LUCOMAGNO

SE NON VOLETE SOFFRIRE IL CALDO  NON DIMENTICATE LE ALPI ITALIANE, SVIZZERE E FRANCESI, MA SE NON AMATE LA MONTAGNA, RICORDATEVI DEL NORD EUROPA: NORVEGIA, SVEZIA E FINLANDIA,  SCOZIA… ISLANDA, CANADA,  GROENLANDIA…

ALTRE DESTINAZIONI, PIU’ VICINE,  CHE VI POTREBBERO INTERESSARE,  IN ALTA MONTAGNA PER SFUGGIRE ALL’AFA CITTADINA:

ITALIA, FRIULI VENEZIA GIULIA, una marea di camminate e funivie per andare sempre più in alto; con il panorama delle Dolomiti e una gastronomia invidiabile:

http://www.donnecultura.eu/?p=1993

http://www.donnecultura.eu/?p=21138

ITALIA, vicino a Bolzano, ideale per i bambini (NOTA: Da Bolzano con la funivia si raggiungono i 1.000 mt ideali per sfuggire alle calde estati cittadine. Qui troverete il più bel panorama delle Dolomiti patrimonio naturale Unesco) http://www.donnecultura.eu/?p=21411

ITALIA, ALTA VAL BADIA; http://www.donnecultura.eu/?p=18662

ITALIA, Bardonecchia , Piemonte, vi arrivate in autostrada: (1.300 mt) e le funivie vi portano ancora più in alto, un albergo anche a quasi 2.000 mt. http://www.donnecultura.eu/?p=8074

ITALIA VALLE D’AOSTA LUSSO E TANTO FRESCO: http://www.donnecultura.eu/?p=3888

ITALIA ALTO ADIGE; ECONOMICO, http://www.donnecultura.eu/?p=20830

SVIZZERA, VICINO AL PASSO DEL GOTTARDO: http://www.donnecultura.eu/?p=21829

SVIZZERA: GRAND TOUR SUI 2.000 METRI http://www.donnecultura.eu/?p=20263

SVIZZERA, L’AUTO LA LASCIATE IN VALLE E SIETE AI PIEDI DEL GHIACCIAIO DELL’ALETSCH, IL PIU’ ESTESO DELLE ALPI http://www.donnecultura.eu/?p=18644

FRANCIA;  St. Véran, a 2042 m, il più alto comune d’Europa; tante iniziative, tante possibili scelte tra gli sport, speciale organizzazione per bambini e adulti http://www.donnecultura.eu/?p=21336

ITALIA, TRAFOI , ALPI, GRUPPO ORTLES: http://www.donnecultura.eu/?p=21784

QUI C’E’ ARIA FRESCA E PURA.

 COVER 3 a Ch OK spero IMG_6306

CH LAG LUZON CASCAIMG_6246

Non lontano dai 1.700 metri del Passo del Lucomagno.

Due ore circa, da Milano, un’ora e mezza da Como ed eccovi in Paradiso; ovvero lontano dalla calura estiva e dall’inquinamento che, con l’afa e l’aria stagnante, raggiungono pericolosi vertici per la nostra salute.

Le fresche acque dei torrenti, dei laghi artificiali e non, ci accolgono in un panorama verdeggiante di alti pini e vette innevate sullo sfondo. Pù su, la sola prateria d’alta montagna ci abbronzerà circondandoci di una brezza perenne.

Le trattorie, poi, eccetto il vino, hanno prezzi ragionevoli: 24 euro per polenta e brasato; piatto  assai abbondante.

CH LAGO LUZ IMG_6250

CH LAGO LUZON ACQUAIMG_6284

Lago di Luzzone.

Se volete godere appieno del fresco notturno, non dimenticate la giacca a vento e fermatevi all’Ospizio di Camperio; non lontano dai 1.700 metri del Passo del Lucomagno.

-Da 50/60 euro per la singola all’Ospizio di Camperio. Qui i servizi sono in comune, ma tutto è perfettamente pulito.

-Ovviamente potrete trovare anche veri e propri alberghi con tutti  i confort.

La gita o il soggiorno sono interessanti per giovani, che adorano i tornanti in moto, e meno giovani, che subiscono maggiormente le conseguenze del caldo della città: problemi di circolazione sanguigna, respiro affaticato ecc…

Qui il cuore deve essere in buone condizioni; siamo oltre i  1,000 metri.

Prima di arrivare alla deviazione per il Lucomagno, sulla strada per il Passo del Gottardo, trovate Bellinzona che meriterebbe una visita. Meglio se notturna, i suoi castelli illuminati gli donano un fascino fiabesco e poi fa meno caldo.

Una volta presa la deviazione dalla strada principale o dall’autostrada, ci si avvia verso Biasca, sempre seguendo l’indicazione Lucomagno.

CH OLIVONE MONTIIMG_6331

Dopo la località Aquila, si incontra Olivone, località di soggiorno assai nota.

-Qui, sulla strada, una squisita pasticceria-panetteria offre golosità e ottimi Kipferl (“sfogliolosi”cornetti al burro).

-Accanto alla farmacia, trovate un negozietto di prodotti locali e tisane.

-Non mancano bar e alberghi.

Se fa molto caldo, vi conviene continuare a salire, dopo avere fatto un piccola sosta per le necessità.

ch lago luzon OKOKIMG_6306

CH LAGO LUZZONE MUCCA PUBBLICIIMG_6254

LAGO DI LUZZONE. CASCATE E FORMAGGI.

Alla fine del paese di Olivone si incontra la deviazione per il lago di Luzzone. Dopo alcuni chilometri si raggiungono le due gallerie che portano alla strada che attraversa la diga e porta, se non potete andare a piedi, ad un simpatico posto di ristoro dove trovate solo:

yogurt, burro e formaggi di latte dell’alpe più sopra.

Non siamo di fronte ai costosi prodotti slow food, ma l’origine è sicura e qui non si usa dare alle mucche foraggi per aumentare  la produzione del latte; come è diventato assai comune anche in insospettabili alpeggi “di moda” con prodotti “firmati”.

Non mancano le bibite per il camminatore assetato.

Due simpatici nonni con nipotine accolgono gli alpinisti, e non, e li ristorano con quello che c’è.

CH LAGO LUZONE RAGAZZA E FORME IMG_6301

 CAMPERIO

Qualche chilometro sopra Olivone trovate Camperio, dove noi abbiamo alloggiato in semplicità, simpatia e buon cibo. Quest’ultimo grazie al cuoco, con esperienza internazionale, ma di origini, mai tradite, novaresi: il signor BATTAGLIOLI GIANFRANCO.

-OTTIMI I SUOI: CONIGLIO e POLENTA, BRASATO o SPEZZATINO, ma anche: fonduta. Solo su ordinazione, per gruppi, un’ottima Paella.

L’Ospizio è ben gestito dal signor Doriano Blanc, svizzero di Ginevra, anche lui con esperienze internazionali.

per prenotare, tel. 0041. (0) 91. 872 22 55. LORIS3X1@HOTMAIL.COM

 CH OSPIZIO CAMPERIOIMG_6330

CH OSPIZIO CAMPERIO MOTO IMG_6323

CH CAMPERIO OSPIZIO COLAZ ORCHIDEEIMG_6307

 VACANZE  ESTIVE  ALLA  MONTANINA  DI  CAMPERIO 2014

 La casa è aperta da giovedì 17 luglio (ore 10.30) a sabato 02 agosto 2014, (sabato 02 agosto verrà servita solo la prima colazione) persone sole, coppie, anziani autosufficienti. Permanenza minima 5 pernottamenti. Tutti i ospiti devono portare da casa gli asciugamani.

 Prezzi per pensione completa (bibite escluse) Camera singola fr. 65.-     camera doppia fr. 55.-  ( prezzi del 2014 ) Tassa di soggiorno fr. 0.70 Scrivere a: mirtawyler@gmail.com Mirta Wyler – CP 335 – 6528 Camorino

—–

Dopo Camperio si raggiungono: Acquacalda e Lucomagno.

I prati sottostanti la strada, dopo Acquacalda,  sono rinfrescati da un limpido ruscello che invita al picnic. Ricordiamo che qui non si usa lasciare avanzi di nessun genere nei prati.

Se proseguiamo possiamo parcheggiare al passo del Lucomagno e iniziare la camminata intorno al lago o altri più impegnativi trekking, ben segnalati.

Su questo lago artificiale non fa mai caldo, anche nelle giornate più afose dell’anno.

Calcolate che non c’è ombra, quindi regolatevi di conseguenza tenendo conto che siamo a quasi 2.000 metri e il sole brucia.

Noi preferiamo passeggiare di primo mattino, magari con una sosta per il picnic o per un boccone al ristorante del passo.

Durante il week-end o soggiorno, potete spostarvi e visitare Olivone: la chiesa e il museo, nonché  le antiche case.

CH AQUILA IMG_6339

 

CH AQUILA BATTISTEROIMG_6333

Più sotto, trovate Aquila. Un comodo parcheggio vi permette di visitare agevolmente la chiesa sulla strada. Degno di nota il battistero e il popolare affresco con Sampietro  e il  gallo che canta.

Scendendo verso valle dall’Aquila si incontra  la località Torre, un paese di antiche case ben ristrutturate e la chiesa di Santo Stefano.

CH OK TORRE CHIESA E IMG_6341

CH TORRE CASE EPOCAIMG_6353

CH TORRE SCRITTA IMG_6354

Torre. Chiesa S.Stefano. Questa iscrizione dichiara come gli abitanti della zona decisero di ribellarsi all’invasore straniero.

CH TORRE 2IMG_6356

CH TORRE CASE IMG_6357

CH S STEFANO TORRE IMG_6363

Tornando verso Aquila una sosta a Dangio ci svelerà un piccolo paese con antiche case e la chiesa di S. Ambrogio.

CH DANGIO S AMBROGIOIMG_6367

ch SAMBROGIO

 

UNA DEVIAZIONE PER APPASSIONATI D’ARTE.

Tornando verso valle può interessare questa deviazione, consigliabile se siete appassionati o intenditori di arte romanica.

-Sant’Ambrogio Vecchio: IL MONUMENTO E’ ISCRITTO TRA GLI EDIFICI PROTETTTI A LIVELLO NAZIONALE.

La chiave della chiesa è disponibile presso i ristoranti ad Acquarossa (Rubino, Stazione, Val Sole), Leontica (Bar Centrale) e Blenio Turismo ad Olivone.

Da Biasca devozione per Malvaglia, Dongio, Acquarossa; da Acquarossa verso Leontica-Pugliasco il percorso è ripido, ma si fa in auto (si chiede per Negrentino in Val di Blenio).  OPPURE DAL POSTEGGIO DEL NARA 15 MINUTI A PIEDI.

-A Negrentino, tra i pascoli di Leontica e Prugiasco, trovate la chiesa romanica di Sant’Ambrogio Vecchio, risalente all’anno 1.000.

-La chiesa fu ampliata con una seconda navata un secolo dopo e il campanile è del XIII secolo.

-Le pitture interne sono in stile gotico-longobardo, della cosiddetta scuola del Seregno. 

-Nella navata a sud gli affreschi sono c.a. del 1510, di Antonio da Triade, con episodi della vita della Vergine.

-IL DIPINTO DI MAGGIOR IMPORTANZA SI TROVA NELLA PARETE CONTRO LA MONTAGNA. La decorazione è romanica originale, di quasi ben 1.000 anni fa.

Si tratta di un Cristo Risorto con candida tunica che benedice gli apostoli, dei quali, ora, si distingue solo il gruppo sopra la porta.

LO STILE E LA RAFFINATEZZA DI QUESTO DIPINTO, DA SOLI, VALGONO LA VISITA.

 

CH ORCHIDEA PRIMO PIANO VIOLIMG_6270

CH orchidea viol mIMG_6290

CH LUZZONE LAGO MONTIMG_6259

CH LUZON LAGOIMG_6286

CH AGLIO URSINO DI MONTAGNA IMG_6314

CH LUZZONE LAG MUCCHIMG_6258

CH FIORE 1IMG_6265

CH LAGO LUZZONE FORMAGIMG_6252

COVER CH LAGO 4a IMG_6305

STORIA.

 

Qualche informazione storica sulla zona:

-La trasformazione dei boschi d’altitudine in alpeggi ebbe luogo tra il 1.000 e 1.200, poiché la pianura non bastava più a sfamare la popolazione sempre in crescita.

-La terra venne dissodata e servì come prati, pascoli, campi per la coltivazione della segale per la panificazione e la canapa per i tessuti.

-Nell’alta valle di Blenio, nei secoli, si sfruttarono diversi filoni d’oro, d’argento, di calce, gesso, alabastro, quarzo ecc..

Il cristallo di rocca fu estratto già nel Neolitico.

L’ epoca gallo-romana vide la fioritura di un artigianato di alta qualità nella zona del Lago Maggiore, e questo ci fa pensare ad un’intensa ricerca di materia prima nella zona della val di Blenio.