Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

Arte – Cultura – Natura – Biella e Fondazione Zegna

Mostra alla Fondazione Zegna

Bandiere a strisce di Daniel Buren sui tetti della fabbrica Zegna.

OASI ZEGNA: Chalet-Bielmonte, un weekend tra aria buona e natura 

Oasi Zegna: chiesa di Rosazza (Località Rosazza: a partire dal 1870 il senatore-filantropo del Regno d’Italia Fedrico Rosazza Pistolet (1813-1899), membro della Giovane Italia mazziniana e Gran Maestro Venerabile della massoneria biellese, finanziò e fece costruire su progetto dell’artista Enrico Maffei: palazzi, ville, giardini, la Parrocchiale, il cimitero, strade, fontane, acquedotti e una galleria).

Molte foto, informazioni e indirizzi per l’Oasi Zegna al link: http://www.donnecultura.eu/?tag=rosazza-e-maffei-nelloasi-zegna

::::::::::::::::

Biella medioevale.

UN WEEKEND NELLA NATURA E NELLA CULTURA

BIELLA

Le mostre di SELVATICA e i suoi palazzi

FONDAZIONE ZEGNA – Trivero -Biella e OASI ZEGNA – Un tuffo nella natura incontaminata e nella cultura

Mecenatismo ambientale e sociale, ancora oggi ad uso delle comunità locali e non solo

La Fondazione Zegna nasce nel 2000 per volontà della quarta generazione Zegna con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita di comunità e individui in diverse parti del mondo.

Una missione le cui origini derivano dallo spirito del fondatore del gruppo, Ermenegildo, per il quale etica, imprenditorialità ed estetica convivono collegati.

Negli anni ’30, Ermenegildo, lungimirante visionario, attraverso la riforestazione dell’area montana intorno all’omonimo lanificio e la creazione di strutture socio-assistenziali, realizzò uno dei primi esempi industriali italiani di mecenatismo ambientale e sociale, ancora oggi ad uso delle comunità locali e non solo.

Oasi Zegna: fiori, prati e boschi.

Con questo spirito la Fondazione Zegna ha supportato e finanziato – anche nel territorio di origine – progetti sostenibili in cooperazione con organizzazioni non-profit attive in vari campi in Italia e in diverse parti del mondo.

La Fondazione Zegna ha individuato quattro aree di attività entro le quali raggruppa e coordina le iniziative umanitarie internazionali:

– Conservazione e valorizzazione delle risorse ambientali.

– Promozione dello sviluppo sostenibile nelle comunità locali, in Italia e all’estero.

– Salute e Benessere

– Cultura ed educazione per i giovani.

La Fondazione Zegna ha sede a Trivero, in provincia di Biella, dove si trovano anche CASA ZEGNA, archivio storico e polo di aggregazione culturale, e OASI ZEGNA, ”laboratorio all’aria aperta” che copre un’area di 100 km2 e valorizza la relazione tra uomo, cultura di montagna e natura. Qui si può visitare una parte della mostra “ SELVATICA “ 2017

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

UN WEEKEND NELLA NATURA E NELLA CULTURA:

BIELLA E OASI ZEGNA

La città di Biella merita la nostra attenzione per la sua architettura e l’antica parte alta; comodamente raggiungibile.

Se amate l’arte non perdete l’attuale rassegna “Selvatica”; un’occasione unica per una visita ai bei palazzi della città e ai suoi giardini. Una splendida mostra dalle mille sfaccettature, dalla fotografia di grade livello alla pittura di artisti degni di questo nome.

Sempre a Biella, pure la Fondazione Pistoletto – Cittadellarte, merita la visita; sia per ammirare un grande esempio di archeologia industriale, sia per vedere l’arte italiana contemporanea, in una delle sue più note sfaccettature.

Fuori Biella, a Trivero. Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese.
La mostra “Soft life” è presentata negli spazi della Fondazione Zegna. Qui farete un viaggio nelle origini dei vari, sofisticatissimi, filati naturali che servono per produrre i tessuti; poi acquistati dai più facoltosi uomini e donne del mondo.

Un cappotto di preziosa lana pregiata, può costare anche 30.000 euro.

Le misure del Principe Carlo d’Inghilterra; cliente Zegna.

Eleganza Zegna

Tra le migliaia di tessuti a disposizione dei clienti, una seta lavorata con effetto cashmere (nome inglese) o cachemire (in francese) ; fantastica !!!

Sottosci in pregiatissime lane.

OASI ZEGNA

Riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 conifere, molte centinaia di rododendri ed ortensie e la costruzione di una strada, “la Panoramica Zegna”, per consentire alla popolazione locale ed ai turisti di godere dell’ambiente naturale montano.

La storia
Le radici dell’Oasi Zegna risalgono agli anni ’30 quando Ermenegildo Zegna, dopo aver creato a Trivero, in provincia di Biella, un’azienda – il Lanificio Ermenegildo Zegna – in grado di affermarsi sui principali mercati internazionali grazie al grande pregio dei suoi tessuti, si dedicò a dare nuova vita al suo paese natale, Trivero, nelle Alpi biellesi.

Oltre alla costruzione di case per i dipendenti e di un Centro dedicato alla salute, alla formazione, allo sport e al tempo libero dei suoi concittadini, il suo progetto ha compreso la riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 conifere, molte centinaia di rododendri ed ortensie e la costruzione di una strada, “la Panoramica Zegna”, per consentire alla popolazione locale ed ai turisti di godere dell’ambiente naturale montano.

Il Progetto
Partendo da questo grande patrimonio di idee e realizzazioni concrete, le nuove generazioni della famiglia nel 1993 hanno dato vita al progetto Oasi Zegna che interessa il territorio montano esteso attorno i primi 26 Km della strada “Panoramica”, per un’area di circa 100 Km2. Primo esempio italiano di mecenatismo ambientale, l’Oasi Zegna ha come obiettivo il mantenimento della presenza dell’uomo in montagna e lo studio, la tutela e la valorizzazione dell’area interessata, comunicando con i visitatori attraverso un sistema segnaletico di “alfabeto visivo” che descrive animali, piante e minerali che popolano la montagna e illustra la storia locale, trasmettendo ai visitatori le conoscenze per sensibilizzarli al rispetto per l’ambiente.

Il progetto dell’Oasi Zegna come ambiente comunicante si è sviluppato su due piani strettamente collegati tra loro: l’individuazione di attività a contatto diretto con la natura (sport ecologici e soft tourism) e la promozione dell’educazione ambientale.

Grazie alle peculiarità del territorio e alla notevole presenza di infrastrutture eco-compatibili, l’Oasi Zegna è un “laboratorio dal vivo” per gli amanti della natura e per i giovani, e gli sportivi è un luogo ideale dove praticare attività all’aria aperta, rispettose della natura – escursionismo, trekking d’altura, mountain bike, equitazione, arrampicata su palestre di roccia, percorsi avventura sugli alberi (treeclimbing), aquilonismo, sport invernali etc.

L’accoglienza è garantita da numerose strutture: alberghi, ristoranti e aziende agrituristiche, offrono l’ospitalità tipica della montagna.
L’Oasi Zegna è inoltre una delle cellule dell’Ecomuseo del Biellese, istituito per raccogliere e testimoniare il patrimonio di tradizioni, storia, cultura ed economie tipiche del territorio montano.

Il 20 settembre 2014 l’Oasi Zegna ha ricevuto, unico in Italia, il patrocinio del FAI Fondo Ambiente Italiano, come esempio di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio ambientale e culturale.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

I PROGETTI IN CORSO
FONDAZIONE ZEGNA

– CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE AMBIENTALI

FAI – FONDO AMBIENTE ITALIANO
Italia: salvaguardare il patrimonio culturale e l’ambiente naturale e il paesaggio.
Fondazione Zegna e FAI condividono da sempre il rispetto della cultura, della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni, a tutela di un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità. Negli anni sono stati avviati progetti per la salvaguardia e valorizzazione di importanti luoghi come Villa della Porta Bozzolo a Casalzuigno, il Castello di Masino a Caravino e il Bosco di San Francesco ad Assisi. Nel 2013 la collaborazione si è ulteriormente intensificata con un importante progetto di messa in sicurezza e valorizzazione di un’ampia porzione di territorio delle Cinque Terre attorno a Punta Mesco, tra Levanto e Monterosso a forte rischio di dissesto idrogeologico. Con un piano triennale di messa in sicurezza e recupero di Podere Case Lovara – 45 ettari di macchia mediterranea con vecchie tracce di coltivazioni e 3 fabbricati in forte stato di degrado, nel giugno 2016, dopo attenti e impegnativi lavori, è stato inaugurato un compendio agricolo che servirà come modello per interventi futuri e assicurerà stabilità al terreno e un punto di ristoro e contemplazione per chi passeggerà sugli splendidi sentieri di questa incantevole porzione d’Italia.
Nel 2014, proprio per gli intenti comuni, l’Oasi Zegna ha ottenuto – unico esempio in Italia – il Patrocinio FAI e, sempre dal 2014, FAI e Fondazione Zegna hanno istituito la Giornata del Panorama, per sensibilizzare all’osservazione consapevole dei paesaggi più belli d’Italia e comprenderne le trasformazioni.
Dal 2009 Anna Zegna è membro del Consiglio di Amministrazione del Fondo Ambiente Italiano.

ERMENEGILDO ZEGNA
Italia e Cina: progetto Baby Forest
Per ogni nuovo nato dai 7.000 dipendenti del Gruppo Zegna, la Fondazione Zegna pianta ogni anno un nuovo albero nell’Oasi Zegna per i nuovi nati in Europa e in Cina per i dipendenti che lavorano in oriente. In rappresentaza dei neonati degli anni precedenti, nell’Oasi Zegna, sono stati messi a dimora 180 alberi nel 2011, 190 nel 2012 e così via fino ai giorni nostri. L’opera di rimboschimento ha già aiutato il territorio a contrastare il dissesto idrogeologico e le slavine nella stagione invernale.

WWF
Cina: progetto Corridoio del Panda
Il Progetto Corridoio del Panda è il più grande di WWF Cina e richiede un ampio sforzo per proteggere i panda nelle montagne del Qinling (fonte del Fiume Giallo e del Yangtze) una delle aree con la maggiore biodiversità della Cina. Il turismo smisurato degli ultimi anni ha minacciato l’equilibrio ecologico del territorio e non ha dato alcun beneficio alla popolazione locale. Il Progetto Corridoio del Panda promuove una combinazione di eco-turismo e conservazione, per sviluppare attività che siano sostenibili sia dal punto di vista ambientale, sia sociale ed economico. Fondazione Zegna ha contribuito con il sostegno al Progetto Corridoio del Panda WWF Cina a portare a termine il programma di conservazione e valorizzazione dell’area del Qinling, a supporto della sopravvivenza del panda e delle comunità locali. E’ di questi giorni la notizia che il Panda, grazie proprio alle opere di rimboschimento e salvaguardia del suo habitat, è una specie non più in via di estinzione.

– PROMOZIONE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NELLE COMUNITA’ LOCALI

CARE & SHARE
India: nutrizione/educazione per i bambini.
Grazie al finanziamento continuativo dal 2004, la Fondazione Zegna supporta Care&Share in India, nello Stato di Andrha Pradesh. Gli obiettivi principali del progetto sono:
– migliorare la qualità di vita delle persone nelle comunità indiane svantaggiate attraverso progetti che incoraggino l’auto-sostentamento.
– garantire educazione e cure per i bambini indiani bisognosi, spesso orfani o abbandonati, soprattutto nelle aree rurali e nei sub-quartieri urbani, dove le condizioni risultano peggiori, come il Distretto di Krishna e lo Stato di Andhra Pradesh.

CESVI
Italia: formazione e inserimento professionale per minori non accompagnati.
La collaborazione tra Cesvi, la onlus siracusana AccoglieRete e Fondazione Zegna, accoglie un piccolo numero di giovani immigrati che attraverso il progetto “Un tutore per ogni minore” garantisce velocemente una formazione in grado di dotarli di capacità comportamentali e relazionali, competenze linguistiche, formative e professionali.

OXFAM
Palestina: un aiuto concreto alle comunità beduine.
Fondazione Zegna promuove le attività tradizionali legate alla lavorazione della lana presso le comunità beduine nei Territori Palestinesi al fianco di Oxfam, storico partner con il quale sono stati realizzati in passato altri progetti nelle Filippine, nelle isole Vanuatu e in Nepal. L’iniziativa, definita “cronica” e di “emergenza”, vuole fornire un aiuto concreto alle comunità beduine attraverso attività volte a differenziarne le fonti di reddito, mantenendo allo stesso tempo vive le tradizioni locali.

SAN PATRIGNANO
Italia: insieme per rinascere.
La tessitura a mano è praticata a San Patrignano da oltre trent’anni e fa parte di quei mestieri artigiani antichi che si sono sempre insegnati nella Comunità. Attraverso la manualità, i ragazzi si confrontano con valori importanti: il saper fare, la disciplina richiesta per raggiungere l’obiettivo, la ricerca della perfezione nella realizzazione e la conseguente abitudine al bello, che li aiuta a recuperare la loro bellezza interiore e l’amore per se stessi. Nel settore tessitura di San Patrignano, 30 ragazze quotidianamente tessono e cuciono i prodotti destinati al mondo esterno e, quindi, a supportare l’indipendenza economica della Comunità. Da quattro anni, Fondazione Zegna sostiene il laboratorio della comunità con l’obiettivo di valorizzare questo mestiere artigianale antico, attualizzandolo secondo i gusti del mercato, della moda e del design.

– SALUTE E BENESSERE

AMREF
Africa: Acqua e Sanità e prevenzione delle morti materne
In Africa, quattro morti su cinque sono legate alle malattie dovute alla contaminazione dell’acqua. Il Progetto Acqua e Sanità Amref / Fondazione Zegna ha consentito di costruire pozzi e cisterne d’acqua per i villaggi rurali nell’Africa Orientale e proteggerne la qualità, garantendo alla popolazione locale una fornitura costante. L’accesso a questa risorsa ha ridotto significativamente i rischi sanitari, soprattutto per i bambini, ed ha contributio allo sviluppo sociale ed economico delle comunità locali.
In Mozambico, la Fondazione Zegna, per contrastare la mortalità materna, ha avviato un processo di formazione professionale di giovani ostetriche che, nell’ottica più ampia del raggiungimento della propria emancipazione sociale, sono destinate a diventare le attrici principali del cambiamento. Due le principali attività previste:
– erogazione di corsi di formazione e aggiornamento per ostetriche, e programmi di educazione di qualità a 275 giovani studentesse
– rafforzamento delle competenze degli istituti di formazione sanitaria statali impegnati nell’erogazione dei corsi, attraverso la dotazione di materiale e attrezzature, e la formazione diretta di 180 formatori di ostetriche.
– CULTURA ED EDUCAZIONE PER I GIOVANI

FONDAZIONE PISTOLETTO – CITTADELLARTE
Italia: Università delle idee UNIDEE e progetto VISIBLE
Fondazione Zegna ha intrapreso da diversi anni una collaborazione creativa con Cittadellarte – Fondazione Pistoletto. Ne è nato un innovativo modello di investimento culturale basato su un impegno condiviso di creatività responsabile, tra arte e business. Il lavoro creativo di Cittadellarte e la strategia di Zegna, un’impresa responsabile per natura, impegno, tradizione e visione, sono complementari e basati su obiettivi condivisi. Ogni anno, Ermenegildo Zegna inoltre finanzia una borsa di studio tramite UNIDEE – Università delle Idee di Cittadellarte, che ospita giovani creativi da tutte le parti del mondo.

ALL’APERTO
Italia: progetto di arte contemporanea in situ
Il progetto ALL’APERTO (a cura di Andrea Zegna e Barbara Casavecchia) nasce con l’intento di rendere più fruibile l’accesso all’arte contemporanea e ai suoi valori. Dal 2008 il Progetto sviluppa, nell’area attorno a Trivero, una serie di opere permanenti site specific di pubblica fruizione, realizzate “su misura” da autori di calibro internazionale. Per il debutto, la scelta è caduta sul francese Daniel Buren (Boulogne-Billancourt, 1938), che ha incorniciato il perimetro delle terrazze panoramiche del Lanificio Zegna con l’installazione “Le banderuole colorate, lavoro in situ, 2007, Trivero”: un arcobaleno di 135 bandiere, fluttuante tra verdi e azzurri di sette tonalità diverse, che sembrano fondersi in un unico colore, inedito e variabile a seconda delle condizioni di luce. Le edizioni successive hanno visto interventi di Alberto Garutti, Stefano Arienti, Roman Signer, Marcello Maloberti, Dan Graham, Liliana Moro.

TEATRO REGIO DI TORINO
Italia: promuovere la musica, i messaggi, i valori e le eccellenze
Fondazione Zegna è impegnata a sostenere lo sviluppo artistico dell’Orchestra del Regio attraverso un contributo per il sostegno del vincitore del Concorso per Prima viola. Nato nel 2012, il progetto vuole offrire un contributo concreto a quel percorso di costante miglioramento che, grazie al lavoro e alla passione del Direttore musicale Gianandrea Noseda, ha permesso al Teatro Regio di ottenere numerosi riconoscimenti in campo internazionale, diventando un vero e proprio ambasciatore nel mondo dell’eccellenza italiana. Una formula già diffusa nel mondo anglosassone ma del tutto nuova per il mondo musicale italiano, che nel 2012 ha portato al sostegno del vincitore del “Concorso per Prima viola dell’Orchestra del Teatro Regio”, Enrico Carraro.

Per maggiori informazioni www.fondazionezegna.org
+39 0289077394

Una bella mostra in una bella città – Weekend di cultura – Biella Selvatica 17

Quest’aquila sembra che stia volando verso di voi.

Non è l’uccello australiano Kiwi, ma una stranissima protuberanza di una mangrovia !

 

Una rana al centro di un colletto di “camicia” con “papillon” …

SE AMATE L’ARTE,  LA FOTOGRAFIA E LA NATURA

NON POTETE PERDERE

la sesta edizione di Selvatica. Arte e Natura in festival

Ogni anno sempre più interessante

da sabato 6 maggio a domenica 2 luglio 2017
IMERDIBILE anche per gli interessanti esempi di architettura in città e i magnifici dintorni ricchi di spunti come la collina di rododendri e molto altro …

:::::::::::

Per leggere e vedere le foto su Biella e dintorni vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=6319

 
La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella presenta,
da sabato 6 maggio a domenica 2 luglio 2017,
la sesta edizione di Selvatica. Arte e Natura in festival, la manifestazione che unisce Natura e Cultura per raccontare la bellezza del pianeta tramite le arti visive.
Il festival, giunto alla sua sesta edizione, torna ad affrontare il tema, più che mai attuale, della responsabilità umana verso la salvaguardia del patrimonio naturalistico e ambientale e lo fa creando un dialogo con le arti visive contemporanee che diventano un filtro con cui osservare il mondo.
Attraverso un insieme di proposte che coniugano mostre di pittura, fotografia, scultura e laboratori didattici rivolti ai più giovani, la manifestazione riunisce secondo un’unica coerente progettualità artisti, intellettuali, creativi e ricercatori provenienti da differenti ambiti del sapere, tutti accomunati dall’aver fatto del mondo naturale il centro della loro poetica o del loro lavoro.
Stefano Bombardieri – Gaia e la balena ferro e bronzo mt.20 totali  balena 13 mt
Selvatica. Arte e Natura in Festival
– a cura di Alessandra Redaelli per la parte artistica e di Fabrizio Lavaper la parte fotografica – animerà la città di Biella e il territorio biellese. Il cuore pulsante dell’iniziativa si focalizzerà intorno alle sedi di Palazzo Gromo Losa, Palazzo Ferrero e il Museo del Territorio Biellese e coinvolgerà anche l’ Oasi Zegna dove sarà possibile vivere un’esperienza naturalistica outdoor.
 
Palazzo Gromo Losa, con i suoi giardini all’italiana, sarà uno dei luoghi cardine del festival e farà da scenario a tre delle mostre più significative della manifestazione.
Le sale del Palazzo ospiteranno le opere di Marzio Tamer (nato a Schio nel 1964), pittore molto amato in Italia e all’estero che con i suoi ritratti di animali, a figura intera o in primissimi piani fotografici, riesce a trascendere il concetto di verosimiglianza andando verso un mondo ulteriore che ha il sapore della metafisica.
Nella sezione fotografica di quest’anno saranno esposte 90 immagini delle più di 20.000 arrivate per il Glanzlichter, uno dei concorsi di fotografia naturalistica più importanti d’Europa, patrocinato dal Ministero Federale dell’Ambiente tedesco, che torna a Biella per la terza volta.

© Gabi Marklein | Relazione
——
I sontuosi roseti nel giardino all’italiana di Palazzo Gromo Losa faranno invece da cornice alla possente scultura di Stefano Bombardieri,Gaia e la Balena , un’installazione imponente di 20 metri di lunghezza. Opera ambivalente che regala al pubblico diverse letture: la bambina che trascina la balena rappresenta infatti la forza dei sogni e della fantasia che appartengono al bambino, ma in una chiave diversa la balena diventa simbolo dell’enorme peso delle difficoltà che i bambini devono sopportare nel corso della loro giovane vita.
Passaggio Elefanti è un’altra opera che Bombardieri porta a Selvatica, meno imponente ma dal messaggio altrettanto forte; i due elefanti qui riprodotti compaiono da una quinta invisibile per scomparire subito dopo, sul corpo dei due pachidermi appare un display che riporta il numero di elefanti rimasti in vita sul pianeta.
Palazzo Ferrero ospiterà le ampie e sciolte pennellate dell’artista Mark Adlington (nato in Inghilterra nel 1965), che con le sue tele porterà a Selvatica il particolarissimo cavallo di Przewalski, sottospecie selvaggia quasi estinta negli anni Sessanta, poi salvata con una intelligente strategia di ripopolamento.
Sempre all’interno di Palazzo Ferrero una seconda esposizione presenta la mostra I colori del Bianco a cura di Marcello Libra, un viaggio fotografico verso i gelidi e remoti luoghi del nord, dove il protagonista assoluto è il bianco, “non colore” per eccellenza, che allo stesso tempo racchiude ed esprime tutti i colori dello spettro.
©Yuan Minghui | Colletto e Papillon
Al Museo del Territorio Biellese sarà esposta una selezione dei lavori realizzati per la prima edizione del Concorso Nazionale di Pittura Be Natural/Be Wild, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, indirizzato ad artisti tra i 18 e i 35 anni invitati a raccontare la loro idea di natura, oltre agli scatti del concorso fotografico “NORD OVEST NATURAE Photo Contest”, un progetto che permette di gettare uno sguardo sulla natura e sui variegati ambienti del nord-ovest d’Italia.  
Le sette mostre principali dislocate tra Palazzo Gromo Losa, Palazzo Ferrero e Museo del Territorio Biellese, saranno accompagnate da diverse esposizioni collaterali che coinvolgeranno alcuni tra i più suggestivi luoghi del Biellese oltre a diversi spazi istituzionali e gallerie d’arte.
Tra queste spicca sempre al Piazzo la mostra di Palazzo La Marmora, dove trova spazio, nella splendida sala del Galliari, una personale di Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi, scultori pistoiesi che usano il marmo bianco di Carrara come loro cifra artistica. Uova a tuttotondo e chiocciole, dalle evocazioni primordiali, popolano le loro opere. ” …come nella musica, i due scultori, hanno trovato l’armonia nella realizzazione dell’opera a quattro mani… (Vittorio Sgarbi).
Altrettanto suggestiva è la personale di Stefano Zagaglia nello Spazio Cultura della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella. Viaggiatore appassionato e grande amante della natura, nei suoi dipinti Zagaglia riesce a restituire tutta la suggestiva bellezza e la dignità degli animali che ritrae.

INFORMAZIONI

Selvatica. Arte e Natura in Festival è realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella in collaborazione con E20 Progetti, che cura l’allestimento e il catalogo.
Selvatica. Arte e  Natura in Festival – 6° Edizione
6 maggio – 2 luglio 2017  
Biella e Provincia
 
Biglietto principale presso la biglietteria di Palazzo Groma Losa, da euro 5,00 (ridotto 4.00).
Il biglietto dà diritto alla riduzione sulle mostre collaterali laddove a pagamento.
 
PALAZZO GROMO LOSA E PALAZZO FERRERO
Biglietto ridotto:
Soci Touring Club, Soci FAI, Soci WWF, Soci Legambiente, Soci Plein Air, Tessera Abbonamento Musei Torino e Piemonte, gruppi di almeno 12 persone, Amici di Castelli Aperti, Associazione Nazionali Alpini, possessori biglietto Giardino Botanico di Oropa (esibendo il biglietto di Selvatica presso il Giardino Botanico di Oropa verrà applicato uno sconto sull’ingresso).
Biglietto gratuito:
Under 25, studenti universitari con tesserino, disabili + 1 accompagnatore, insegnanti se accompagnano una classe, giornalisti con patentino, guide turistiche con patentino.
Possibilità di visite guidate su prenotazione.
 
Scuole: visite didattiche gratuite (info e prenotazioni: 015 0991868)
 
Catalogo
Costo: 20 €
Sconto 50% se acquistato insieme al biglietto di Palazzo Gromo Losa
Fondazione Cassa di Risparmio di Biella 
©Stefano Zagaglia | Big arms of Ruaha – oil on canvas – 60×60
Fondazione CR Biella
 
@Fondazione CR Biella
 
IN COLLABORAZIONE CON
WWF Oasi e Aree Protette Piemontesi – Legambiente Circolo Biellese “Tavo Burat” – Palazzo La Marmora – Fotoclub Biella – Fotogruppo Riflessi – Città di Candelo – Casa Zegna – Oasi Zegna – Rivista Oasis – ACLI Biella – Centro Educazione Ambientale “Andirivieni” di Legambiente – Associazione della Trappa onlus – Biblioteca Civica di Biella – Salamon & C. Arte contemporanea – Galleria Zaion – Galleria Punto sull’Arte – Galleria Moitre – BiBox Art Space – Centro Documentazione Aree Protette del Comune di Sondrio – Progetto Biellese in Transizione – Fondazione Clelio Angelino – Bi Young – Biella Jazz Club – Città Studi – ATL Biella – Eco Museo Valle Elvo e Serra – UPBEduca Università Popolare Biellese – Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del lago Maggiore – Fondazione Funivie Oropa.
 
 
Le mostre principali
 
PALAZZO GROMO LOSA
 
Marzio Tamer
Natura Metafisica
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Padrone di una tecnica pittorica straordinaria per precisione ed esattezza fotografica, Tamer si rivela un artista unico e prezioso per la capacità di andare oltre il dato reale. I suoi animali si fanno icone agli occhi dello spettatore, non solo per la forte carica emotiva, ma anche per l’ambientazione nella quale l’artista li colloca, sottraendoli dal dato reale e lasciandoli sospesi in una dimensione indecifrabile.
Glanzlichter
90 fotografie da tutto il mondo che ritraggono la natura.
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Il più grande concorso di fotografia naturalistica della Germania e uno dei più importanti d’Europa, a cui ogni anno partecipano migliaia di fotografi, è un viaggio in tutto il mondo, con una selezione unica di magnifiche immagini, dal paesaggio agli animali in natura. Il vincitore dell’edizione 2016 è il fotografo naturalista Thomas Kolenbrander con uno scatto straordinario del cielo dell’Islanda occidentale. Saranno esposte un centinaio di immagini delle 20.000 inviate per il concorso fotografico che è sotto il patrocinio del Ministero Federale Tedesco dell’Ambiente.
 
Stefano Bombardieri
Gaia e la Balena.
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017. 
I favolosi giardini all’italiana di Palazzo Gromo Losa faranno da cornice alle possenti sculture di Stefano Bombardieri che porta a Biella Gaia e la Balena, la celebre scultura in cui un’esile bambina trascina un immenso cetaceo di 13 metri, metafora dell’enorme peso delle difficoltà che i bambini devono sopportare durante la loro giovane età, ma altresì allusione alla forza dei sogni e della fantasia che appartengono all’infanzia. In Passaggio Elefanti su due pachidermi che appaiono solo a metà campeggia invece un display con il numero di elefanti rimasti in vita, tragico messaggio legato al rischio di estinzione di molte specie sul pianeta.
 
Palazzo Gromo Losa
Corso del Piazzo, 24 Biella
www.fondazionecrbiella.it
 
Orari
Venerdì: 15.00-19.00
Sabato: 15.00-19.00
Domenica 10.00-13.00 e 15.00-19.00 | Venerdì 2 giugno 10.00-13.00 e 15.00-19.00
 
PALAZZO FERRERO
Mark Adlington
Incontri selvaggi. Il cavallo Przewalski.
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Con il suo approccio leggero e il suo sguardo amorevole, l’artista britannico porta a Selvatica un progetto profondamente legato allo spirito del festival. Protagonista della serie di tele e carte in mostra è infatti il particolarissimo cavallo di Przewalski. Caratterizzato da un corpo massiccio e muscoloso, era quasi estinto cinquant’anni fa ed è stato salvato grazie a una precisa strategia di ripopolamento. Riconosciuto come l’effettivo protagonista delle pitture rupestri, questa sottospecie di cavallo è portata a Selvatica dalla pennellata ampia e sciolta di Adlington.
I colori del Bianco
Marcello Libra
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Un modo del tutto unico di immortalare luoghi incredibilmente remoti, spazi vastissimi e gelidi, uno sguardo inedito alla selvaggia Antartide. Le fotografie di Marcello Libra suscitano meraviglia perché rivelano i colori che nel bianco si celano e che dal bianco emergono più nitidi e intensi che mai. Le fotografie de I colori del bianco sono qualcosa di più di semplici immagini: sono, a tutti gli effetti, veri e propri sguardi che ci regalano gli squarci di realtà che solo un occhio pieno di passione poteva cogliere e solo la mano di un fotografo esperto poteva restituire.
 
Palazzo Ferrero – Miscele culturali
Corso Piazzo, 25 Biella
www.palazzoferrero.it
335 5945235 | info@palazzoferrero.it
 
Orari
Venerdì: 15.00-19.00
Sabato: 15.00-19.00
Domenica 10.00-13.00 e 15.00-19.00 | Venerdì 2 giugno 10.00-13.00 e 15.00-19.00
MUSEO DEL TERRITORIO BIELLESE
Be Natural/Be Wild.
Concorso Nazionale di Pittura dedicato alla natura – Prima edizione. 
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella ha lanciato un concorso artistico per dare spazio all’arte che racconta la Natura, nell’ambito dell’edizione 2017 di Selvatica. Con il concorso Be Natural/Be Wild, la Fondazione si è rivolta a giovani pittori e disegnatori, italiani e stranieri, residenti in Italia, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, desiderosi di dar voce al mondo naturale che li circonda.
Dei quasi 200 progetti arrivati a Biella ne è stata selezionata una ventina da una giuria di critici, giornalisti e galleristi, i progetti spaziano dalla più classica declinazione del paesaggio montano alla resa del cielo in monocromie appena mosse dal gioco delle sfumature.
Nord Ovest Naturae Photo Contest
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Al Museo del Territorio saranno esposte le fotografie del concorso fotografico nazionale “NORD OVEST NATURAE Photo Contest”, un’opportunità per conoscere e valorizzare la natura e i variegati ambienti che caratterizzano il Nord-Ovest d’Italia.
 
Museo del Territorio Biellese
Via Quintino Sella 54b, Biella
www.museodelterritorio.biella.it
Tel. 015 2529345 | museo@comune.biella.it
 
Orari:
Da mercoledì a venerdì: 10.00-12.30 e 15.00-18.30
Sabato e domenica: 15.00-18.30 | Venerdì 2 giugno 15.00-18.30
Spazio Cultura
The call of the wild.
Stefano Zagaglia
Lo Spazio Cultura di via Garibaldi si trasformerà in un colorato bestiario grazie ai ritratti di Stefano Zagaglia. Viaggiatore appassionato e grande amante della natura, nei suoi dipinti Zagaglia riesce a restituire tutta la suggestiva bellezza e la dignità degli animali che ritrae. La sua pittura è ricerca tecnica portata ad altissimi livelli e allo stesso tempo un’analisi introspettiva, curiosa di scoprire il profondo rapporto che unisce l’uomo alla natura.
Spazio Cultura – Fondazione Cassa di Risparmio di Biella
Via Giuseppe Garibaldi 14, Biella
www.fondazionecrbiella.it
Tel. 015 0991868 | spazio.cultura@fondazionecrbiella.it
 
Orari:
Da lunedì a venerdì: 10.30-12.30 e 16.00-17.30
Sabato e domenica: 16.00-19.00 | Venerdì 2 giugno 16.00-19.00
Fondazione Cassa di Risparmio di Biella
La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella rappresenta la continuazione ideale della Cassa di Risparmio di Biella, nata nel 1856 su iniziativa del Vescovo Mons. Giovanni Losana. Nel 1992 è stata scorporata l’attività creditizia, conferita alla società bancaria Cassa di Risparmio di Biella S.p.A. – successivamente confluita in Biverbanca S.p.A. – mentre la Fondazione ha iniziato a svolgere appieno la propria attività secondo gli scopi statutari.
Il patrimonio della Fondazione è frutto di decenni di relazioni economiche con la comunità locale – tramite la Cassa di Risparmio di Biella – e da qui deriva la sua vocazione pubblica dell’Ente. La Fondazione svolge un ruolo di supporto attivo di tutte quelle iniziative volte a favorire la crescita culturale, economica e sociale della Provincia di Biella e a salvaguardarne il patrimonio artistico, storico e ambientale.
Mission della Fondazione è quella di promuovere e sostenere le iniziative artistiche con lo scopo di valorizzare il territorio biellese e le sue eccellenze facendo rete e catalizzando interessi e risorse atte a salvaguardare l’immenso patrimonio artistico e ambientale del territorio.
E20Progetti
Dal 1992 E20PROGETTI è specializzata nelle strategie di promozione, nella realizzazione di materiali e nell’ideazione di eventi, mostre e libri per enti pubblici e aziende private. Un’attività che da sempre svolge dedicando grande attenzione al territorio piemontese nel suo insieme produttivo e culturale.
Esperta nel fornire una consulenza personalizzata e completa grazie ad uno staff di professionisti costantemente aggiornati sulle nuove tecnologie e sulle strategie di lavoro, E20PROGETTI garantisce un’assistenza a 360° nella promozione del territorio o dell’immagine aziendale attraverso project management, organizzazione di eventi, grafica, ufficio stampa, allestimenti, web e fundraising.

Non solo agenzia di comunicazione ma anche casa editrice qualificata nella pubblicazione di libri, riviste e altri materiali editoriali legati al territorio ed agli aspetti storico-culturali, oltre che naturalistici, che lo contraddistinguono. L’agenzia fa della progettazione il suo punto di forza fondendo creatività e metodo insieme all’esperienza e all’entusiasmo di chi ama il proprio mes

Musica a Mantova – Mantova Chamber Music Festival – 31 maggio – domenica 4 giugno

Mantova Chamber Music Festival_Trame Sonore a Palazzo_30 maggio_
Palazzo Ducale; Galleria dei Fiumi.

EVENTO IMPERDIBILE SE AMATE AL MUSICA

Mantova Chamber Music Festival Trame Sonore

V edizione – mercoledì 31 maggio/domenica 4 giugno 2017

-5 giorni,

-180 eventi,

-400 musicisti da tutto il mondo nei più bei luoghi d’arte di Mantova

Palazzo Ducale, Palazzo Te, Teatro Bibiena, Palazzo D’Arco, Rotonda di San Lorenzo, Palazzo della Ragione, Palazzo Castiglioni, Biblioteca Teresiana, Museo Archeologico e le piazze del centro storico aprono le porte alla musica

Inaugurazione con l’Orchestra da Camera di Mantova che si fonde con la Simon Bolivar Sinfonietta, espressione europea del Sistema di Abreu, qui al debutto.

Una tavola rotonda fra operatori e associazioni musicali.

La prima data dei concerti estivi di Ezio Bosso, che torna dopo anni di assenza dalle fila dell’Orchestra da Camera di Mantova nella veste di direttore.

Un campus per bambini e progetti per le scuole a Palazzo Ducale.

Cicli di concerti dedicati alla musica contemporanea, antica e di confine.

Focus su Monteverdi nei 450 anni della nascita.

Con “Trame Sonore” tutta la città risuona!

Visualizza e condividi il trailer della V edizione https://www.youtube.com/watch?v=qNDZZNWIJpA

Programma dettagliato su www.mantovachamber.com

 www.mantovachamber.com

Salone Internazionale del Libro di Torinodal 18 al 22 maggio – Audible da Amazon

AUDIBLE, società Amazon leader nell’audio entertainment di qualità, vi invita al Salone Internazionale del Libro di Torinodal 18 al 22 maggio – PAD 1 stand D25/C26.

 Cosa troverete?

  Uno studio di registrazione che ospiterà alcuni narratori, attori e doppiatori che registreranno dal vivo i prossimi audiobook disponibili su Audible.it

  Un palinsesto di ospiti, che insieme ad Audible esploreranno il tema della “Voce alle Parole”. Tra gli altri:

   Gianrico Carofiglio, scrittore e politico, autore e narratore de L’estate Fredda

   Gino La Monica, attore e “voce italiana” di celebri attori tra cui Richard Gere, Harrison Ford e Jack Nicholson

   Massimo Carlotto, scrittore e autore della serie audio Lovers Hotel

   Lella Costa, attrice, scrittrice e doppiatrice

   Luca Vecchi dei The Pills e Claudio Di Biagio, autori dell’audiocast Original “Voce del Verbo Internet”,  reporter d’eccezione dell’evento

Arte a Mirafiori Galerie Torino – INGRESSO LIBERO – STREET PHOTOGRAPHY

STREET PHOTOGRAPHY

 Opening domenica 14 maggio 2017, dalle 18 alle 20

In esposizione da domenica 14 maggio a domenica 25 giugno 2017

 

Mirafiori Galerie, Piazza Riccardo Cattaneo, Torino – INGRESSO LIBERO

 

È una rassegna dedicata alla fotografia di strada la nuova mostra allestita alla Mirafiori Galerie di piazza Riccardo Cattaneo da domenica 14 maggio a domenica 25 giugno 2017.

La collettiva “Street Photography” che la Sezione Fotografia dei Cedas (Centri di Attività Sociali Fiat) presenta alla galleria d’arte del Mirafiori Motor Village è una raccolta di 53 scatti selezionati da tre fotografi professionisti, Mauro Ujetto,  Michele d’Ottavio e Daniele Ratti: una carrellata emozionante e diretta di persone riprese in situazioni reali e spontanee, in luoghi pubblici, e di eventi di strada; una rassegna che immortala scorci di realtà e rappresenta la vita nelle sue molteplici sfumature, dalla gioia al dramma, dalla leggerezza alla tristezza, dagli affetti al lavoro, dal viaggio al quotidiano.

Ed ecco allora inquadrature dai colori vivaci alternarsi a scatti in bianco e nero, immagini di strade vicine che possiamo quasi riconoscere susseguirsi ad altre davvero lontane, momenti intimi di affetto familiare lasciare il posto a manifestazioni aperte e collettive.

Cosa fare nel weekend a Milano e dontorni – Visite guidate – 13 – 14 – 21 – 23 maggio 2017

Weekend con visite guidate anche con bambini

Particolari e prenotazioni al link https://webmail.pc.tim.it/cp/ps/Main/login/SSOLogin

SPECIALE ROBECCO SUL NAVIGLIO

Luogo di villeggiatura delle antiche famiglie nobili milanesi già dal Quattrocento, Robecco sul Naviglio mantiene tutt’oggi il suo fascino storico. Affacciata sul Naviglio Grande e a pochi chilometri dal fiume Ticino, Robecco sul Naviglio può ancora vantare i vicoli caratteristici del centro storico e antiche ville ricche di storia e di arte. La visita di Milanoguida ti porterà alla scoperta di questo borgo ben conservato e di una delle ville più rappresentative e antiche: Villa Borromeo Visconti Biglia Confalonieri Gandini, meglio nota come Villa Gaia, in quanto usata da Ludovico il Moro come corte dei divertimenti. Completano il percorso Palazzo Archinto e i meravigliosi giardini di Villa Gromo di Ternengo.

Domenica 14 maggio ore 10.00

—————-

Santa Maria dei Miracoli
La storia di una grande chiesa, dalla fondazione rinascimentale agli interventi manieristi!

Ultimi posti!
Domenica 14 maggio ore 15.00
——-
Mostra Orientalismo
Tra paesaggi esotici e seducenti odalische, le suggestioni dell’Oriente sulla pittura italiana tra ‘800 e ‘900.


Domenica 14 maggio ore 13.45
————
Cimitero Monumentale
La storia e l’arte dello splendido Museo a cielo aperto di Milano e dei suoi più interessanti monumenti!

Nuova data!
Domenica 21 maggio ore 11.00
———–
Visite per bambini
Tutti gli appuntamenti per avvicinare i bambini all’arte e alla storia, tra conoscenza e divertimento!

Brera, Museo Egizio, Mostra di Haring, Parco di Monza…
—————-
Milano e la musica
Sulle tracce dei personaggi che hanno fatto di Milano una capitale mondiale della musica lirica!

Ultimi posti!
Sabato 13 maggio ore 12.00
————-
Albergo Diurno
In collaborazione con il Fai una visita esclusiva per rivivere luoghi e costumi di una Milano scomparsa…

Ultimi posti!
Venerdì 12 maggio ore 15.00
————–
Mostra di Kandinskij
In viaggio con il cavaliere errante della pittura del Novecento nel suo percorso verso l’astrazione!

Domenica 14 maggio ore 15.15
Martedì 16 maggio ore 11.30
—————–
Pinacoteca di Brera
La storia dell’arte italiana dal Quattrocento all’Ottocento, da Raffaello ad Hayez!

Sabato 13 maggio ore 11.30
Martedì 23 maggio ore 14.45
—————
Villa Reale di Monza
Dagli appartamenti reali al parco all’inglese una visita imperdibile alla Villa Reale di Monza!

Ultimi posti!
Sabato 13 maggio ore 14.45
————-

Arte a Venezia – Lost in Tngri (Lost in Heaven) – Mongolia Pavilion – Biennale 2017

TEMA INTERESSANTE E CORAGGIOSO; merita la visita

PADIGLIONE DELLA MONGOLIA
Mongolia Pavilion

57. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia

Lost in Tngri (Lost in Heaven)

Giovedì 11 maggio alle 10:00 Thursday 11th of May at 10:00 a.m.
Istituto Santa Maria della Pietà, Riva degli Schiavoni – Calle della Pietà

Come arrivare How to arrive

...Il paese è a un bivio tra la sua identità come nazione nomade con un importante storia di Sciamanismo e Buddismo e la nuova realtà economica della globalizzazione dove l’utilizzo delle risorse naturali minaccia la sua esistenza.

La tradizione della pastorizia attraversa vasti e splendidi terreni con un’esistenza collegata alla natura e alla stirpe dove il mondo spirituale è visto da molti come il paradiso.

L’opportunità economica creata dopo il collasso del sistema socialista nel 1990, ha aperto le porte ad un nuovo paradiso per molti abitanti della Mongolia.

Le miniere, le costruzioni, il cashmere ed altre attività commerciali sono esplose per creare benessere attraverso lo sfruttamento dei terreni degli antenati.

Ma il paese sta scomparendo tra queste due biosfere?……….

…The country is at a crossroads between its identity as a nomadic nation with an important history of Shamanism and Buddhism, and a new economic reality of globalization where the use of natural resources threatens its very existence.

Traditions of herding across vast and beautiful terrains with a life connected to nature, ancestry and the spiritual world is seen as heaven by many. Economic opportunity created after the collapse of the socialist system in 1990, has opened the door to another type of heaven for many Mongolians. Mining, construction, cashmere and other businesses have boomed to create the wealth, through exploiting the lands of their ancestors. But is the country disappearing between these two biospheres?………..

 

57 a Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia 2017 – Inaugurazione Padiglione Italia

Padiglione Italia
57. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia
Arsenale, Tese delle Vergini
13 maggio – 26 novembre 2017

Il mondo magico
a cura di Cecilia Alemani
Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi, Adelita Husni-Bey

Direttore Generale DGAAP e Commissario Padiglione Italia
Federica Galloni

INAUGURAZIONE UFFICIALE PADIGLIONE ITALIA
alla presenza di Dario Franceschini, Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo
12 maggio 2017 ore 12.00
solo su invito

Inaugurazione ufficiale 12 maggio

Il mondo magico è il titolo del progetto della Curatrice Cecilia Alemani per il Padiglione Italia alla 57a Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia (13 maggio – 26 novembre 2017), e presenta le opere di Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi e Adelita Husni-Bey.

Il mondo magico prende ispirazione dall’omonimo libro dell’antropologo napoletano Ernesto de Martino (1908-65), pubblicato subito dopo la seconda guerra mondiale e dedicato allo studio della magia come strumento attraverso il quale varie culture e popolazioni reagiscono a situazioni di crisi e all’incapacità di comprendere e dare forma al mondo.

Nell’ambito del suo progetto, Alemani ha invitato Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi e Adelita Husni-Bey a realizzare per Il mondo magico tre nuovi progetti, appositamente commissionati e prodotti per il Padiglione, che verranno svelati in occasione dell’apertura del Padiglione durante le giornate inaugurali della Biennale Arte 2017, dal 10 al 12 maggio.

www.ilmondomagico2017.it
Italian Pavilion
57th International Art Exhibition of La Biennale di Venezia
Arsenale, Tese delle Vergini
13 May – 26 November 2017

Il mondo magico
curated by Cecilia Alemani
Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi, Adelita Husni-Bey

Director-General, DGAAP and Italian Pavilion Commissioner
Federica Galloni

OFFICIAL OPENING ITALIAN PAVILION
In presence of Dario Franceschini, Italian Minister of Cultural Heritage and Activities and Tourism
12 May 2017, 12 pm
by invitation only

57th International Art Exhibition of La Biennale di Venezia
PREVIEW
10, 11, and 12 May
10, 11 and 12 May 2017, from 10 am to 7 pm
OFFICIAL OPENING AND AWARDS CEREMONY
Saturday 13 May 2017

Il mondo magico is the title of the project that curator Cecilia Alemani has chosen for the Italian Pavilion at the 57th International Art Exhibition of La Biennale di Venezia (May 13 – November 26, 2017), which will present works by Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi and Adelita Husni-Bey.

Il mondo magico draws its title from a book by Neapolitan anthropologist Ernesto de Martino (1908-65), which studies how various cultures and populations employ magic as a tool for responding to crises that undermine their power to grasp and shape the world around them.

For Il mondo magico, Alemani has invited Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi, and Adelita Husni-Bey to create three new projects specifically commissioned and produced for the Italian Pavilion, the details of which will be revealed at the opening of the pavilion this May.

www.ilmondomagico2017.it

BARCELLONA – UNA CITTA’ PER TUTTI

barcellona Palau_de_la_Musica_Catalana_-_interior_2

Palau de la Musica Catalana; da non perdere se amate il Modernismo (Liberty). Un vero capolavoro. Visite prenotabili, anche sino al tetto con vista panoramica sulla città.

BARCELLONA.

UNA CITTA’ VIVA E SEMPRE SORPRENDENTE COME IL SUO MUSEO DELLE CERE E L’ANNESSO BOSCO DELLE FATE, UN BAR CHE E’ DIVENTATO UN LUOGO DI INCONTRO INTERNAZIONALE. 

Barcellona Casa Milà

Casa-Milà.

barcellona Torre_Agbar

Torre  Agbar.

Barcellona casa con sculture

 

Fantasie disegnate sulle case ristrutturate e fonte mare.

Barcellona monumento a Cristoforo Colombo

Monumento a Cristoforo Colombo; monument a Colom.

Barcellona centro

Placa del Portal de la Pau.

Barcellona funivia sul mare

Barcellona sul mare, il porto ristrutturato e la panoramica funivia che offre la possibilità di sorvolare la città.

sagradafam_barcelona_s13367101

Vetrate della Sagrada Familia. Prenotare l’ingresso per non affrontare code di ore.

barcellona 672 mn boqueria

La Boqueria.

Barcellona El+Bosc+de+les+Fades

BAR: “El Bosque de les Fates” ovvero Il Bosco delle Fate. Di fianco al museo delle Cere.

Barcellona Bar Las Fatas lievitazione del cadavere

El Bosque de les Fates: lievitazione.

Barcellona bar de las Fatas

El Bosque de les Fates.

Moltissimi conoscono Barcellona almeno per la sua vita notturna,  o per il fascino artistico del “Modernismo“, la versione spagnola dello stile “Liberty“. L’UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità gli edifici più rappresentativi degli architetti catalani Antoni Gaudí e Lluís Doménech i Montaner. 

Barcellona dove?

-la cattedrale neogotica di Santa Maria del Mar (da non perdere se amate l’arte) e  il Barrio Gotico con il Museo Picasso, da non dimenticare anche il bellissimo Palau de la Música Catalana in stile modernista

-la “Sagrada Familia” (lunghissime code !), famosa opera di Gaudì 

-La Rambla per fermarsi al Mercato della Boqueria; anche a mangiare e il Gran Teatre du Liceu

-il quartiere Passeig de Gracia: Casa Battlò e La Pedreira, le due famose case costruite da Gaudì, a poca distanza una dall’altra. La visita è un poco costosa, ma imperdibile se amate l’architettura e gli arredi insoliti.

-BARCELLONA LETTERARIA: Carlos Ruiz Zafón è LO SCRITTORE MODERNO PIU’ LETTO dagli italiani, soprattutto tra i più giovani: uno stile scorrevole per intricate e sorprendenti trame gotiche…vedi a questo proposito http://traveldifferent.it/itinerari-alternativi/barcellona-zafon-ombra-del-vento.html

-SCENOGRAFICA: la funicolare che porta a Montjuic.

-Il nuovo RENAISSANCE BARCELONA FIRA (www.marriot.com) Plaza Europa, 50-52,L’Hospitalet de Llobregat  Barcelona (zona sud ovest, 10′ di auto dal centro), assomiglia ad una foresta tropicale: si tratta di un nuovo edificio realizzato da Jean Nouvel:

due grattacieli vicini sono collegati tra loro da un ristorante panoramico nel punto più alto. Impagabile la vista sulla città  !

-Per i bambini e per chi si sente tale:il famoso Park Guell, non in centro; ci si arriva con i mezzi pubblici: all’aperto con sorprendenti sculture multicolore.

-fronte mare: la modernissima struttura architettonica, nata dal rifacimento del vecchio porto e delle spiagge in occasione delle Olimpiadi del ’92; tutta da godere passeggiando.

Per il viaggiatore attento esiste anche una Barcellona meno nota, ma forse più interessante che può offrire a giovani, adulti e bambini mille sorprese come il MUSEO DELLE CERE  (vedi sotto).

Per i più piccoli sono da segnalare lo zoo, l’acquario dove, sotto un tunnel di vetro, si vedono gli squali che nuotano al fianco del visitatore, e il

– “Maremagnun” dove i bimbi giocano e i genitori prendono l’aperitivo, il sole o fanno shopping; intorno parchi e molto altro. Chiedere l’agenda degli spettacoli per bambini al tel. 0034.93.481.00.01 o rivolgersi ai tanti uffici di informazione sparsi per la città.

-Il “Museo delle Cere”, alla fine della Rambla verso il mare sulla sinistra, è una curiosa sorpresa per grandi e piccini che gradiranno moltissimo una sosta al vicinissimo:

-“El Bosque de les Fates” ovvero Il Bosco delle Fate: fulmini, alberi fatati, specchi con fantasmi e molto altro attirano l’attenzione e non si faranno  dimenticare.

– “Museo delle Cere”: alla fermata del metrò Drassanes, proprio dove la Rambla finisce, vicino al mare. http://www.museocerabcn.com info@museocerabcn.com

-Per il piacere degli adulti, amanti del ben mangiare, è opportuno ricordare che alla ” Boqueria”, cioè al mercato coperto della città, situato su di un lato della Rambla, si può mangiare dell’ottimo pesce, molluschi pregiati compresi, per una cifra che può partire da 10 euro, ma che aumenta in proporzione alla specialità richiesta. Un luogo che merita una visita, sia per il fascino della sua struttura, che per l’ambiente e le varietà di merce offerte; qui si possono trovare ottimi e certamente graditi souvenir gastronomici.

MACBA Museo di Arte Contemporanea di Barcellona anche solo la sua struttura architettonica merita la visita; all’interno una vera carrellata del contemporaneo: moltissimi video di qualità www.macba.cat Piazza dels Angels 1

-Se amate la fotografia artistica: FONDACIO’ FOTO COLECTANIA www.colectania.es J.Romea 6 tel93.217.1626

Molte altre, ovviamente, sono le sorprese che a Barcellona attendono sia il viaggiatore attento che il turista curioso; noi parliamo di quello che ci ha più colpito.

DIVERTENTE:

Museu de Cera de Barcelona, p.te de la Banca 7, La Rambla; tel. 0034.93.317.26.49 e “Bar delle Fate”.

Presso un’antica edicola sulla Rambla, a lato dell’edificio del Museo delle Cere, è possibile avere le prime informazioni sul medesimo  Museo. Se si è osservatori attenti si è attratti anche dal magnifico “risciò”, posto a fianco dell’edicola, con seduto il grande viaggiatore Stevenson in tenuta coloniale, la maschera è perfetta nei minimi particolari ed è un assaggio della bravura di tutti coloro che hanno contribuito e contribuiscono alla realizzazione dei personaggi di questo museo. Un museo che vanta una storia millenaria, la cui costruzione è del secolo XIX, ma soltanto al principio degli anni ’70 lo scenografo Enrique Alarcon decise che quel palazzo sarebbe stato il luogo ideale dove realizzare un progetto simile a quello londinese di Madame Tussaud, ben più di duecento anni prima. Fu così che l’antica sede del Banco di Barcellona trovò un’adeguata valorizzazione, grazie anche ad una certa aria di mistero che si percepisce quando dalla Rambla si intravede, tramite una breve, stretta e buia viuzza, la particolare piazzetta ottagonale dove è situata l’entrata all’edificio che fa parte del Patrimonio Architettonico Nazionale come struttura di Interesse Storico e Artistico.

-Qui si danno appuntamento giovani di tutto il mondo, in particolare nel tardo pomeriggio e la sera al vicino ” El Bosc de les Fades”, Il Bosco delle Fate; intrigante e stupefacente, di fianco al MUSEO DELLE CERE .

-Il Museo delle Cere, a differenza di quanto qualcuno potrebbe immaginare, è quanto mai “vivo”, grazie anche ad una intelligente e brillante gestione.

Feste a tema, effetti speciali, attori del Liceo (l’Opera House di Barcellona), su richiesta, evocano eventi particolari, sempre con una nota di colto e brillante umorismo; chiunque vi può organizzare un anniversario, un compleanno o un incontro di lavoro, certo che, una volta conseguiti i dati necessari, l’ospite festeggiato sarà stupito con sorprese “su misura”, compresa la possibilità di apparire in un numero, appositamente stampato, della rivista del museo, sempre con una evidente impronta di cultura e ironia ben dosata.

Visitare il MUSEO DELLE CERE è un poco come fare un breve viaggio nella storia, utilissimo per i bambini in età scolare, ma anche agli adulti. Si tratta comunque di un viaggio piacevole e ricco di sorprese che non annoia, anzi diverte.

-Salito il monumentale scalone ci si trova “faccia a faccia” con papi, re e regine, l’imperatore Reza Pahlawi, Hailè Selassiè, dittatori e politici illuminati, grandi musicisti e pittori tutti adeguatamente ambientati, anche gli abiti meritano un attento sguardo, siamo di fronte ad una vera a propria “messa in scena” delle vari epoche storiche.

-La ricostruzione dell’ambiente dove viveva l’uomo delle caverne merita una segnalazione da estendersi anche al dinosauro che precede, per amore del contrasto, l’ingresso alla navicella con Jurij Gagarin e Neil Armstrong.

Per la gioia dei bambini non poteva mancare l’intero set cinematografico di Star Wards e un magnifico Et in cera.

-Luci diffuse e intriganti per il Medio Evo, ricostruzioni di interni di galeoni e, poi ecco Giulio Verne con il suo sottomarino, da un oblò del quale si vedono fondali marini con sirene, tesori, coralli e altro.

Tra l’altro, nel museo, incontrerete i grandi viaggiatori ed esploratori: Marco Polo, James Cook, Magellano e molti altri.

L’invenzione del cinema è rappresentata anche con le copie dei personaggi attuali da Indiana Jones alla Monroe e poi: Spilberg, Marlon Brando, Charlie Chaplin, Giulia Roberts, Richard Geere, per nominarli a caso.

Gli amanti dell’orror troveranno un’intera sezione è dedicata a questo argomento. Si scendono le scale circondati da luci, oggetti e animali inquietanti, quindi si cominciano ad intravedere il conte Dracula, il dott. Frankenstein, fantasmi, Giovanna d’Arco sul fuoco, Marat nel bagno di sangue, Maria Antonietta sul patibolo, Chessman nella camera a gas ed altri soggetti adeguati al tema.

Se siete impressionabili basta non scendere le scale che portano a questa sezione del museo.

BAR: “Bosc de les Fades” ovvero il Bosco delle Fate.

Ed eccoci a parlare del lato più venale: panini e bibite si possono consumare nel bar annesso al museo, il “Bosc de les Fades” ovvero il Bosco delle Fate.  Alberi giganteschi, i cui tronchi ricordano un profilo umano, rivestono il soffitto e, a tratti, sono illuminati da lampi e scossi dai tuoni di un temporale immaginario; in uno specchio appare e scompare il fantasma di turno, mentre l’unico lampadario gira su se stesso. Il resto è meglio scoprirlo personalmente.

Dormire a Barcellona

Nota: Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

Sempre utile dare un occhiata alle offerte di booking.com : consigliamo la bassa stagione per offerte incredibili.

Se volete risparmiare: Hotel Aneto 1 stella Carmen 38, tel 0034.93.301 98 62 www.hotelaneto.com aneto@hotelaneto.com vicino alla Rambla, parcheggio a 20 metri.

Molto economico per dormire, raccomandato soprattutto ai giovani che non possono spendere molto: Pensione Lourdes, Princesa 14,pral; tel 93.319.33.72. Al mattino presto, più difficile in lugio/agosto, è possibile trovare posto senza prenotare; solo per persone che si sanno adattare.

Banys Orientals, tel 0034. 93. 268 84 60,

Trendy: in un edificio antico della vecchia città, Casa Camper, tel 0034.93. 342 62 80, www.camper.com, design hotel, da 190 € la doppia. 

Milano-Barcellona 

Numerosissimi i voli low-cost.

-su Trenhotel ELIPSOS  per viaggiare in Treno, svegliandosi al mattino in centro città.

Mangiare a Barcellona.

-per chi viaggia low cost: una cena da 100 Montaditos, la domenica offre una quantità di panini e bevande; tutto al costo di 1 euro

LA BOQUERIA E’ IL FAMOSISSIMO MERCATO IN STILE LIBRTY SULLA RAMBLA: da non perdere anche se non siete golosi !

El Quim de la Boqueria: ottimo il pesce a basso prezzo, mercato della Boqueria.

Piratas: un omone di nome Luis prepara il cibo a casa sua, max. 4/5 piatti, eccellenti, ottimo il gelato al mandarino; buona scelta di vini e grappe. Zona: quasi di fronte all’ Auditorium; Ausias Marc, tel. 93.245.76.42, chiuso sabato e domenica. http://www.piratasbarcelona.com

Agullers: buon prezzo e buon cibo; C/ Agullers, 8; tel. 93. 268.03.61

Escribà: pasticceria in stile “modernista”, ottimi dolci e ottima orciada (simile alla nostra orzata di produzione artigianale), Rambla de les Flors,83, fermata metro Liceu, a lato della Boqueria.

—-

SE POTETE SPENDERE E AMATE LA GRANDE CUCINA.

MERITA FARE QUALCHE CHILOMETRO VERSO NORD, SULLA COSTA, PER MANGIARE IN UNO DEI “The World’s 50 Best Restaurants” 2014:  al secondo posto El Celler de Can Roca di Girona (Spagna),  giunto primo lo scorso anno.

—-

HOFMANN ristorante di grande qualità, stellato, c/La Granda del Penédes 14, tel0034.93 218 71 65 panorama sul mare e sulla città, altissimo livello in ogni senso, anche se siete un vero gourmet vi sorprenderà; World Trade Center, Moll de Barcelona, tel 93.508.82.68

UNA DISCOTECA:

-una delle tante discoteche lungo la spiaggia, Opium è la più famosa e decisamente il costo dell’ingresso non  lascia dubbi in proposito. Merita.

Concorso fotografico alla Venaria Reale 2017 – PHOTO CONTEST – Concorso biennale dedicato a fotografi amatori e professionisti

La Venaria Reale 2017

PHOTO CONTEST

La Venaria Reale 2017

Il tuo sguardo d’autore per la Reggia di Venaria

III edizione

 

Dopo il successo delle precedenti edizioni, La Venaria Reale e Nikon presentano PHOTO CONTEST La Venaria Reale 2017, concorso biennale dedicato a fotografi amatori e professionisti, per raccontare la Reggia di Venaria attraverso il loro personale sguardo d’autore.

Nel 2013 e nel 2015, il Photo Contest ha dato risultati eccezionali, per l’entusiasmo con cui l’iniziativa è stata accolta dagli appassionati di fotografia, per l’alto numero di richieste di partecipazione pervenute e per la qualità delle fotografie in concorso.

La terza edizione intende proseguire nel solco tracciato dalle precedenti e confermarsi come uno dei principali concorsi fotografici dedicati al patrimonio culturale, artistico e paesaggistico.

I partecipanti sono invitati a immergersi nella vita della Reggia e dei suoi Giardini, per un mese, tra maggio e giugno, per lasciarsi ispirare e fotografarla con occhi e sensibilità artistiche differenti e originali.

Il contest propone 2 premi:

Premio La Venaria Reale

Una giuria selezionata dalla Reggia di Venaria Reale premia le tre migliori fotografie con un montepremi di 2.000€.

Premio Nikon

Una giuria selezionata da Nikon premia i tre migliori portfolio fotografici presentati con macchine fotografiche e attrezzatura tecnica professionale con un montepremi del valore di 2.000€

Inoltre, in occasione del 10° anniversario dell’apertura della Reggia di Venaria e del 100° anniversario della nascita di Nikon, le due giurie assegnano due premi speciali alle immagini che sanno distinguersi per originalità e composizione.

La partecipazione al contest è gratuita e riservata ai primi 200 iscritti.

Le iscrizioni sono aperte dalle ore 21.00 di venerdì 5 maggio alle 23:59 domenica 7 maggio. Per iscriversi è necessario compilare l’apposito modulo dal sito www.lavenaria.it.