Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

Arte a Lugano – LAC – Focus India

Focus India

Ad aprire la terza stagione del LAC ( Lugano CH ) un progetto trasversale fra arti visive, musica, danza, cinema e tanti appuntamenti dedicati ai molteplici aspetti della cultura indiana.

Grande mostra Sulle vie dell’illuminazione.

 

Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017, in programma dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018
24 settembre 2017 – 21 gennaio 2018 LAC Lugano Arte e Cultura

Focus India è un progetto esteso che, fino al 21 gennaio 2018, vedrà il centro culturale incentrato sull’India e sull’influenza che essa ha profondamente esercitato sulla cultura e l’arte occidentale.

Un’ampia e inedita programmazione, pensata per abbracciare in maniera interdisciplinare l’arte visiva, la musica, la danza e il cinema, e le altre numerose sfaccettature della cultura indiana fra cui la medicina, la meditazione e la cucina.

A fianco della regolare programmazione delle rassegne di teatro, danza e musica, la nuova stagione artistica autunnale è arricchita e declinata su questo grande tema, sviluppato e approfondito attraverso assoli e reciproche contaminazioni fra arti diverse.

Focus India racconterà una cultura, quella indiana, che tanto ha affascinato e influenzato il mondo occidentale nei più svariati ambiti culturali con numerosi appuntamenti: una grande mostra, una rassegna cinematografica e momenti di richiamo, con alcuni fra i massimi protagonisti della scena artistica indiana, si alterneranno ad altre attività e appuntamenti, fra cui workshop, laboratori per bambini, conferenze sulla medicina, sessioni di yoga, eventi musicali, la cucina e tanto altro ancora sulla tradizione indiana.

In collaborazione con i suoi Partner artistici – MASI Lugano, LuganoInScena e LuganoMusica – il LAC darà vita a un’intensa programmazione di quattro mesi pensati per soddisfare la curiosità e gli interessi di un pubblico eclettico lungo un viaggio affascinante alla scoperta del mito e della cultura indiana.

Highlights
Arte | Danza | Musica | Cinema
Focus India: Arte
Tra le diverse anime portanti di Focus India, l’arte è in primo piano con la grande mostra Sulle vie dell’illuminazione. Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017, in programma dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018. L’esposizione si estende su due piani del museo, offrendo uno sguardo ampio e diversificato sul modo in cui, dall’inizio dell’Ottocento ad oggi, la realtà indiana – con le sue tradizioni, religioni, paesaggi, culture e forme artistiche – ha affascinato in maniera crescente il mondo occidentale. Non tanto l’India in se stessa quindi, ma l’influenza che essa ha profondamente esercitato sulla cultura e l’arte internazionale. È questo il tema centrale, che si sviluppa lungo il percorso espositivo attraverso una molteplicità di materiali e opere, dalla letteratura di Schopenhauer ed Hermann Hesse, alla fotografia di reportage di Henri Cartier Bresson, dall’avanguardia artistica di Le Corbusier e Alexander Calder all’arte contemporanea di Francesco Clemente, Luigi Ontani, Robert Rauschenberg, Damien Hirst, Maurizio Cattelan e Thomas Ruff, dalla fotografia contemporanea di Sabastião Salgado, Ferdinando Scianna, Steve McCurry e Martin Parr a cinesti come Roberto Rossellini e Louis Malle, fino agli stessi Beatles per la musica.
LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch
1/3



Focus India: Danza

Una delle massime espressioni della cultura indiana è da sempre la danza, che al LAC vede esibirsi l’11 novembre una protagonista d’eccezione, Shantala Shivalingappa, tra le maggiori interpreti contemporanee del Kuchipudi, uno dei sette stili di danza classica indiana.

Il 16 dicembre è invece il momento di Rising, lo spettacolo con coreografie di Russell Maliphant, Sidi Larbi Cherakoui e Akram Kahn, e l’interpretazione di Aakash Odedra, ballerino e coreografo inglese di origine indiana, tra i più richiesti e premiati internazionalmente, il cui stile è un perfetto mix tra la danza classica tradizionale indiana e le più interessanti forme di danza contemporanea.

Focus India: Musica

La rassegna dedicata alla grande tradizione musicale indiana vede come momento clou l’appuntamento del 18 novembre con Nishat Khan, un riferimento mondiale per il sitar. Grazie alla sua tecnica straordinaria, oltre che alla profondità e complessità del suo linguaggio musicale, Nishat Khan ha collaborato con Philip Glass e John McLaughlin ed è stato invitato a suonare con altri mostri sacri delle corde come Eric Clapton e Carlos Santana. Diversi e con svariati approcci gli appuntamenti con la musica, disciplina che insieme alla mostra apre Focus India con un doppio evento il 23 e il 24 settembre: un percorso musicale e performativo dedicato alla scoperta delle connessioni e delle influenze che la musica indiana ha esercitato su quella occidentale, a partire dall’ambito classico per arrivare a quello pop contemporaneo. Durante i tre programmi previsti in settembre e dicembre (il 15) si ascolteranno in diverse postazioni dislocate sui tre livelli della Hall tablas, sintetizzatori, violini e sassofoni, loop machines, sitar, … con anche alcuni interventi di danza. Non mancherà un excursus nel mondo dell’elettronica e di Bollywood in un evento dedicato – India/MOVEMENTS – la notte del 4 novembre nel quale la Hall si trasformerà in un “Bollywood Club” londinese.

Focus India: Cinema

Le affinità elettive. Il cinema e le altre arti è il titolo della rassegna cinematografica, curata dal critico, produttore e direttore di festival Marco Müller, che indagherà i numerosi e mutevoli aspetti del continente indiano attraverso la settima arte. 20 programmi dal 9 novembre al 5 dicembre con diverse proiezioni al giorno, ospiti e tavole rotonde permetteranno di esplorare un continente di “scambi di senso” ancora ignoto in Europa: il rapporto fra il cinema modernista e quello visionario dell’India contemporanea e i linguaggi espressivi della tradizione. Un ciclo di film sulle arti visive, l’architettura, la musica, il teatro e la danza con opere che coprono il periodo 1948-2017, alcune delle quali rimaste inedite fuori dall’India oppure dimorate invisibili per vent’anni, restaurate e sottotitolate in inglese, per l’occasione.

Rendez-vous

Workshop | Conferenze | Letture | Atelier creativi | Yoga
Accanto agli highlights, il progetto Focus India propone una serie di appuntamenti aperti a tutti che guideranno il pubblico alla scoperta delle diverse e affascinanti sfaccettature della cultura indiana. Le attività variano per temi e formati: conferenze, atelier per i più giovani, concerti gratuiti, master class con gli artisti presenti, sessioni di yoga, letture e workshop approfondiranno aspetti quali la “danza narrativa indiana”, l’iconografia, la meditazione, la medicina ayurvedica, ecc. Protagonisti saranno relatori di riferimento nei rispettivi campi, tra i quali la Professoressa Urmila Chakraborty, la Professoressa Marilia Albanese, il Dottor Gianluigi Marini, l’artista Roberto Mucchiut, l’attrice/coreografa Lucrezia Maniscotti e tanti altri ancora.

Il programma completo e aggiornato con tutti gli appuntamenti di Focus India è consultabile da settembre sul sito india.laclugano.ch.

LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch
2/3



Informazioni pratiche

Sede:
LAC Lugano Arte e Cultura
Piazza Bernardino Luini 6, 6901 Lugano +41 (0)58 866 4200
www.luganolac.ch
Orari:
Martedì–domenica: 10:00–18:00 Giovedì aperto fino alle 20:00 Lunedì chiuso

LAC Lugano Arte e Cultura

LAC Lugano Arte e Cultura è il nuovo centro culturale della Città di Lugano dove le arti visive, la musica e le arti sceniche interagiscono in un unico spazio: un luogo pensato per vivere al meglio l’arte in ogni sua forma. Il LAC è concepito come uno spazio dinamico, aperto sulla città e sul lago. Il nuovo cuore pulsante di Lugano, crocevia culturale tra il nord e il sud dell’Europa. Sposano e sostengono l’ambizioso progetto Credit Suisse e UBS, partner principali del LAC.

LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch

Lago di Como eventi – Fiori e piante spontanee nell’erbario – Villa Carlotta

I colori del bosco.
Fiori e piante spontanee nell’erbario Fabani
Villa Carlotta
16 settembre -5 novembre 2017

In occasione del Novantesimo anniversario, Villa Carlotta – (www.villacarlotta.it) – bene demaniale dello Stato Italiano gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta – ospita la mostra I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani, realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro Rusca e curata da Augusto Pirola, professore emerito di Botanica presso Università degli studi di Pavia.

Recentemente studiato e digitalizzato, l’erbario Fabani è composto da circa 3000 tavole di piante e fiori raccolte tra il 1907 e il 1938 dal medico Giuseppe Fabani nel territorio comasco, valtellinese ed elvetico.

L’erbario è organizzato in 25 cartelle e dotato di un indice manoscritto e ogni tavola presenta un ricco cartiglio dove viene data scrupolosa indicazione della famiglia, della specie, del determinatore, della data e del luogo di raccolta (con le caratteristiche del terreno), del periodo di fioritura ed infine delle proprietà officinali.

Per la realizzazione della mostra sono state selezionate 60 tavole attraverso le quali si intende illustrare la composizione del bosco tipico delle aree prealpine della Provincia di Como, individuando alcune specie che colonizzano le fasce caratterizzanti questo tipo di ambiente da un punto di vista fitosociologico.

Le tavole in mostra sono suddivise in diverse sezioni in base all’ambiente naturale di provenienza: il sottobosco, il mantello e il margine. Il visitatore ha così modo di scoprire quanto influiscono luce e tipologia del terreno sulla crescita delle singole specie. Viene inoltre costruito un legame tra le specie illustrate nelle tavole e analoghi campioni o collezioni presenti in vivo presso le collezioni di Villa Carlotta, creando un rimando a piante vive e invitando quindi i visitatori a ritrovarle negli ambienti naturali. Una ulteriore sezione è dedicata alle specie usate dalla popolazione a scopo alimentare e officinale.

I pannelli esplicativi realizzati per la mostra spiegano inoltre l’importanza degli erbari storici nello studio della biodiversità e introducono al pubblico dei visitatori la figura di Giuseppe Fabani, medico condotto di Cernobbio, appassionato di botanica.

In occasione della mostra, Villa Carlotta ha altresì attivato una collaborazione con il Giardino alpino della Valcava di Madesimo e con lo chef pasticcere Stefano Franzi che il giorno dell’inaugurazione illustreranno al pubblico come riconoscere le erbe spontanee che possono essere utilizzate in cucina e come ottenerne gustosi piatti. L’attività verrà riproposta alle famiglie e alle scolaresche durante il periodo di apertura della mostra. Dal progetto è nato anche un piccolo ricettario che il pubblico troverà in mostra e potrà portare a casa per sperimentare in prima persona la cucina con le erbe spontanee.

Giuseppe Fabani, figlio di Luigi e Rosa Nessi, nasce a Como, nella parrocchia di San Donnino, il 18 maggio 1861. Frequenta a Milano il Liceo Beccaria dove emerge subito la sua passione e la sua predisposizione per la storia naturale. Nel 1880 si iscrive alla Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Pavia. Il primo anno accademico frequenta le lezioni di botanica del comasco Santo Garovaglia (1805-1882), oltre ai corsi di anatomia umana, fisica, zoologia, protistologia, mineralogia e antropologia con altri docenti dai nomi illustri. Trasferitosi a Palermo per il servizio militare, si laurea nel capoluogo siciliano nel 1889. L’ anno successivo, rientra a Como e diviene medico condotto di Cernobbio. L’11 ottobre 1893 sposa a Milano, nella parrocchia di S. Giorgio al Palazzo, Maria Gorla. Nel 1909, nonostante le richieste di ripensamento da parte della Giunta municipale e dei suoi assistiti, improvvisamente presenta le dimissioni adducendo motivi personali, non documentati ma probabilmente dovuti a problemi di salute suoi o della moglie.
Gli ultimi anni della sua vita furono interamente dedicati alla raccolta di piante e fiori per l’erbario, a cominciare da quelle che incontrava sulla strada di casa fino ad arrivare al Monte Spluga, al Lago Ritom (Canton Ticino) e alla Val Brembana. Muore all’Ospedale Valduce di Como il 6 giugno 1939 ed è sepolto al Cimitero Monumentale di Como nella tomba di famiglia.

La Fondazione -Centro studi “Nicolò Rusca” onlus costituita nel 2003 e con sede a Como, cura la conservazione e la valorizzazione del patrimonio documentale e librario dell’Archivio storico della diocesi di Como e della Biblioteca del seminario vescovile, nonché –tramite l’Ufficio inventariazione beni culturali ecclesiastici –la catalogazione del patrimonio artistico conservato presso le parrocchie diocesane. Tra i materiali conservati al centro studi vi è l’erbario di Giuseppe Fabani (1861-1939), medico condotto di Cernobbio. L’erbario conserva in 25 cartelle circa 3000 tavole di piante e fiori essiccati raccolti tra il 190’7 e il 1938 nel territorio comasco e valtellinese.

Ente Villa Carlotta di Tremezzina (CO) La villa venne realizzata alla fine del ‘600 in una bellissima conca naturale del lago di Como, nel XIX secolo la famiglia Sommariva la trasformò in una delle più belle e prestigiose dimore del territorio, ricca di opere d’arte di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen, Francesco Hayez e con un invidiabile parco romantico. Dal 1927 viene gestita da un ente privato, dopo la requisizione da parte dello Stato Italiano all’ultima famiglia proprietaria, i Sassonia Meiningen. L’Ente Villa Carlotta, dopo 90 anni, continua nel suo lavoro di conservazione e miglioramento del bene, che è oggi è una struttura museale riconosciuta, dove le storiche collezioni artistiche e il fantastico giardino botanico con centinaia di specie si offrono al vasto pubblico internazionale.

I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani

Sede Villa Carlotta, Via Regina, 2 – 22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como – www.villacarlatta.it tel. (+39) 0344 40405 segreteria@villacarlotta.it
Periodo 16 settembre – 5 novembre 2017
Curatela Prof. Augusto Pirola professore emerito, cattedra di Botanica, Università degli studi di Pavia
Fondazione –Centro studi “Nicolò Rusca” onlus di Comodon Agostino Clerici, Direttore – dott.ssa Francesca Ferraris, Bibliotecaria
Ente Villa Carlottadott.ssa Maria Angela Previtera, Direttore – dott. Ssa Mara Sugni Responsabile dei Servizi Educativi e dei

Orari FINO AL 1 OTTOBRE
APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30) (chiusura museo ore 18.30)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE
APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

Biglietto comprensivo di visita alla Villa e ai giardini
Adulto € 10,00
Over 65 € 8,00 (con carta di identità)
Studente € 5,00 (da 6 a 26 anni con tesserino scolastico/universitario)
Bambini (da 0 a 5 anni) Ingresso gratuito
Famiglia (2 adulti + bambini da 6 a 18 anni): € 20,00
Comitive oltre 20 persone € 8,00
Scolaresche oltre 20 persone € 4,00

Orchidee e orchimania – Continuiamo ad aggiungere foto delle orchidee più rare di FLORMART

Tra poco pubblicheremo nuove foto di orchidee rare

Alliceara-Peggy-Ruth-Carpenter-Mornig-Joy-

Cattaleya-aclandiae

Vanda-luzconica
Vanda-Pescama-x-Risri-Gold-alba
Miltonia-regnellii-
Zygopetalum-Ibrido

Vanda-Rhynchostiylis-gigantea-x-vanda-tesselata
Ascocenda-ibrido.

Renanthera-imschootiana

 

Panama: rara orchidea Dracula Vampira

Dovreste viaggiare per tutti i giardini botanici del mondo e, forse, non riuscireste a vedere tutte le rarissime orchidee che trovate alla fiera di Padova !

68/a edizione di Flormart

 

ORCHIDEE A FLORMART – Orchidee stupende

Viaggio in Equador per vedere le sue 4.200 specie di orchidee.

Abbiamo visitato la 68a edizione di FLORMART a Padova; 21 – 23 settembre 2017 e ne siamo usciti entusiasti.

Per nostro interesse personale ci siamo occupati soprattutto del reparto orchidee; anche se gli altri erano certamente molto interessanti.

Ad attirare la nostra attenzione è stato il simposio con la presenza di alcuni dei massimi esperti di orchidee al mondo.

L’organizzazione di Flormart, per il settore orchidee, comprendeva la partecipazione di:

Federazione Italiana Orchidee con Associazione Trentina Orchidee, e Amici Orchidee Altoatesini

https://www.federazioneitalianaorchidee.it/ ; segreteria: segreteriafio@gmail.com

http://www.associazionetrentinorchidee.com/

http://www.freundederorchideen.com/home-it.html

Da questa edizione di Flormart, parte una programmazione decennale; specifica per le orchidee.

Cosa ci ha interessato di più ?

Dopo la conferenza e i numeri ascoltati, abbiamo deciso di programmare un viaggio in Equador (abbiamo appena visitato la famosa Finca Dracula a Panama; 2450 specie diverse di orchidee nella zona).
Vedi filmato sulla Finca Dracula: https://www.youtube.com/watch?v=WQpC3CB3MgY

L’Equador offre ben 4.200 specie di orchidee (molte endemiche).

E’ possibile partecipare ad una visita delle orchidee nella foresta utilizzando delle jeep; quindi niente fatiche fisiche, adatto a tutti.

Si potrà anche entrare nella foresta confinante del Venezuela.

Vedi tutto su: www.ecuagenera.com
Ecuagenera Cia. Ltda. Ochidee dell’Equador.

TOUR in occasione della conferenza internazionale – 8 al 12 novembre 2017:
12 giorni e 11 notti, da 1.800 dollari, compresi transfer hotel, cibo e bibite non alcoliche, acqua, trasporto, guida. Non è compreso l’albergo a Guadalquivir.

QUANDO PARTIRE ?

I mesi migliori comprendono gennaio – giugno (il viaggio in jeep da marzo a luglio). Ma anche altri mesi offrono differenti e specifiche fioriture.

Dall’8 al 12 novembre 2017, a Guadalquivir, Equador

SE VOLETE CONOSCERE LE ORCHIDEE ITALIANE:

Appuntamento a Osoppo (30 km. a nord di Udine)

OSOPPO LA CITTA’ DELLE ORCHIDEE

Sono ben 30 le specie di orchidee che potete incontrare camminando nella zona di Osoppo.

Si tratta di orchidee spontanee, facilmente accessibili.

La fioritura va, principalmente, da aprile a giugno.

Le bellissime orchidee selvatiche si incontrano camminando nei seguenti luoghi: il Forte, nel Parco del Tagliamento, nel Rivellino e lungo il percorso CAI.

Da Osoppo passa anche la famosa pista ciclabile che arriva dall’Austria; Ciclovia Alpe Adria.

Festa delle orchidee: 3o fine settimana di maggio di ogni anno.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

I NUMERI DI FLORMART 2017

Nuova proprietà, nuove idee: società GEO spa; Luca Griggio a.d.

A Flormart 2017, erano presenti 316 espositori; provenienti da 15 Paesi diversi.

Un appuntamento con una marcia in più.

Dalle nuove pareti tutte rivestite di piante, alle rose più rare, alle piante verdi, senza tralasciare tutto il resto del settore; piante fruttifere comprese.

La manifestazione ha presentato anche numerosi dibattiti, incontri, start up e altro, con la presenza di molti ospiti internazionali.

 

Cultura a Milano – MANZONI CULTURA PROGRAMMA 4a EDIZIONE

PROTAGONISTI DELLA RASSEGNA GRANDI NOMI DEL MONDO DELLO SPETTACOLO, DELLO SPORT E DELLA CULTURA. IL PRIMO APPUNTAMENTO È CON DAVIDE VAN DE SFROOS

Dopo il successo delle passate edizioni, ritorna Manzoni Cultura proponendo al pubblico degli imperdibili confronti tra l’attore e regista Edoardo Sylos Labini, ideatore della rassegna, e i personaggi più amati del panorama culturale italiano.

Da Davide Van De Sfroos, che aprirà il cartellone il 2 ottobre, ad Alex Zanardi, da Selvaggia Lucarelli a Lorella Cuccarini, fino a Vincenzo Salemme, sono tanti gli ospiti che si racconteranno in modo inconsueto, spontaneo e sincero

La rassegna Manzoni Cultura inaugura la sua 4° edizione con un cartellone inedito capace di appassionare un pubblico in costante crescita, curioso ed eterogeneo. Dalla musica al cinema, passando per lo sport e il teatro, sono otto gli appuntamenti coni volti noti che si sottoporranno alle interviste dell’eclettico artista Edoardo Sylos Labini, ideatore della rassegna, che per l’occasione smetterà i panni dell’attore per indossare quelli del conduttore in un avvincente faccia a faccia accompagnato da immagini, video inediti e musiche live di Alice Viglioglia. Non mancheranno le incursioni OFF del direttore de IlGiornaleOFF.it Giovanni Terzi, media partner della rassegna, e la partecipazione attiva del pubblico chiamato ad interfacciarsi con gli ospiti.

“Anche quest’anno il Manzoni Cultura presenta un programma vario e ricco – spiega Edoardo Sylos Labini, ideatore della rassegna – Tanti sono i grandi nomi della cultura italiana che si racconteranno in modo inconsueto, spontaneo e sincero. Musica, spettacolo, sport e creatività, con un focus sull’attualità, saranno i temi principali che legheranno i protagonisti della rassegna al grande pubblico con il quale condivideranno emozioni, curiosità e performance dal vivo. Importante novità di questa edizione è la suggestiva location presso il Mondadori Megastore di Piazza Duomo che, insieme al Teatro Manzoni, accoglierà gli ospiti”.

Ben due saranno infine i luoghi deputati a raccogliere le storie, le rivelazioni e gli aneddoti dei personaggi più amati del mondo della cultura: il palcoscenico del Teatro Manzonidi Milano, trasformato per l’occasione in un salotto, e il terzo piano del Mondadori Megastoredi Piazza Duomo, grazie alla nuova partnership con Mondadori Store, il network di librerie del Gruppo Mondadori. “Abbiamo trovato nella rassegna Manzoni Cultura un progetto che si sposa con la nostra mission, quella di favorire la diffusione di cultura ed emozioni. Il nostro Megastore di piazza Duomo, punto di riferimento a Milano anche per la sua ricca offerta di eventi che spaziano dalla letteratura all’arte contemporanea, diventa ora anche teatro, grazie a un format nuovo che alterna otto appuntamenti, al Teatro Manzoni e in libreria. Sarà l ‘occasione per scoprire grandi personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport e della cultura. Un’iniziativa che speriamo possa piacere al pubblico e che vorremmo esportare anche in altre città italiane”, ha dichiarato Francesco Riganti, direttore marketing di Mondadori Retail.

Ad aprire la rassegna, lunedì 2 ottobre alle 20.45,sarà DavideVan De Sfroos che incontrerà il pubblico al Teatro Manzoni. Ospite d’eccezione,reduce dal grande successo al Meazza che ha entusiasmato oltre 20 mila fan accorsi per ascoltare le ballate blues in dialetto comasco, Davide Bernasconi, in arte Van De Sfroos, è una delle voci più originali della scena musical-letteraria italiana. “Cantastorie”, chitarrista e scrittore con forti radici culturali ha vinto due Premi Tenco e si è classificato quarto a Sanremo 2011. Gli appuntamenti proseguono con il popolare artista napoletano Vincenzo Salemme che il 18 dicembre si rivelerà al pubblico del Manzoni in occasione dello spettacolo teatrale Una festa esagerata…! Dopo aver lavorato al fianco di Eduardo De Filippo, si è avviato ad una brillante carriera segnata da grandi successi.

Ad inaugurare il nuovo anno sarà l’atleta pluripremiato Alex Zanardi, l’8 gennaio. Alcuni anni dopo l’esordio nella Formula 1, l’automobilista bolognese subisce un grave incidente che gli costa l’amputazione delle gambe. Esempio di inaudita forza e positività, debutta nel paraciclismo dove consegue numerosi titoli mondiali. A chiudere gli appuntamenti nel salotto meneghino sarà la donna più influente e temuta dal web italiano, la scrittrice Selvaggia Lucarelli, accompagnata per l’occasione dal musicista Lorenzo Biagiarelli, il 12 marzo.

Ma la rassegna prosegue parallelamente nell’affascinante spazio al terzo piano del Mondadori Megastore di Piazza Duomo dove verranno indagati i retroscena degli spettacoli in programma al Manzoni raccontati direttamente dalle parole degli artisti in scena. Si inizia il 22 novembre con Ambra Angiolini che da icona della trasmissione cult Non è la rai veste i panni di moglie obbediente nel coinvolgente spettacolo La guerra dei Rosesdi Warren Adler, a fianco dell’attore vicentino Matteo Cremon impegnati in una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso sotto la regia di Filippo Dini.

L’1 febbraio sarà il turno dello scrittore, giornalista e storico italiano Giordano Bruno Guerri, Presidente del Vittoriale degli Italiani,che ribadisce il suo interesse per i grandi personaggi del passato patrocinando lo spettacolo teatrale D’Annunzio Segreto di Edoardo Sylos Labini. Gli appuntamenti proseguono l’11 aprile con una delle coppie più amate e apprezzate del panorama italiano: dopo vent’anni Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia tornano insieme nello spettacolo Non mi hai più detto ti amo commedia agrodolce scritta e diretta da Gabriele Pignotta. Infine il 9 maggio sarà la volta del conduttore televisivo e attore Corrado Tedeschi, protagonista di Quel pomeriggio di un giorno da star, commedia di Gianni Clementi diretta da Ennio Coltorti, che chiuderà la rassegna. Oltre a Mondadori Store, main sponsor, si rinnova per il quarto anno consecutivo la collaborazione con Elior e, da quest’anno, anche con Unibell, partner ufficiali della rassegna.

PROGRAMMA

2 OTTOBRE 2017 – ORE 20.45

DAVIDE VAN DE SFROOS

Teatro Manzoni – Posto unico € 10

Una delle voci più originali della scena musical-letteraria italiana, Davide Van De Sfroos è vincitore di due Premi Tenco. Celebre per i testi in dialetto comasco, il “cantastorie” ha entusiasmato gli spettatori in un concerto-evento a San Siro.

22 NOVEMBRE 2017 – ORE 18.30

AMBRA ANGIOLINI e MATTEO CREMON

Mondadori Megastore – Ingresso libero

Da icona della trasmissione cult Non è la rai a moglie obbediente nel coinvolgente spettacolo La guerra dei Roses di Warren Adler, che la vede protagonista a fianco dell’attore vicentino Matteo Cremon di una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso

18 DICEMBRE 2017 – ORE 20.45

VINCENZO SALEMME

Teatro Manzoni – Posto unico € 10

Napoletano, Vincenzo Salemme è attore, autore, regista teatrale e cinematografico, sceneggiatore e doppiatore. Dopo aver lavorato al fianco di Eduardo De Filippo, si è avviato ad una brillante carriera segnata da grandi successi.

8 GENNAIO 2018 – ORE 20.45

ALEX ZANARDI

Teatro Manzoni – Posto unico € 10

Fin da piccolo Alex Zanardi sogna la Formula 1 e rende realtà il suo sogno. Alex vince, ma nel 2001 il destino gli tende un agguato: subisce l’amputazione delle gambe. Si rialza, vince ancora. Ora è plurimedagliato ed è un mito.

1 FEBBRAIO 2018 – ORE 18.30

GIORDANO BRUNO GUERRI

Mondadori Megastore – Ingresso libero

Scrittore, giornalista e storico italiano, Giordano Bruno Guerri, Presidente del Vittoriale degli Italiani, ribadisce il suo interesse per i grandi personaggi del passato patrocinando lo spettacolo teatrale D’Annunzio Segreto di Edoardo Sylos Labini.

12 MARZO 2018 – ORE 20.45

SELVAGGIA LUCARELLI

Teatro Manzoni – Posto unico € 10

Scrittrice, editorialista, protagonista in tv, Selvaggia Lucarelli è la donna più influente e temuta del web italiano. Con Rizzoli ha pubblicato Che ci importa del mondo e Dieci piccoli infami. Accompagna la serata il musicista Lorenzo Biagiarelli.

11 APRILE 2018 – ORE 18.30

LORELLA CUCCARINI e GIAMPIERO INGRASSIA

Mondadori Megastore – Ingresso libero

Una delle coppie più amate e apprezzate del panorama teatrale italiano. Dopo vent’anni Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia tornano insieme sul palcoscenico con lo spettacolo Non mi hai più detto ti amo commedia agrodolce scritta e diretta da Gabriele Pignotta.

9 MAGGIO 2018 – ORE 18.30

CORRADO TEDESCHI

Mondadori Megastore – Ingresso libero

Protagonista insieme a Brigitta Boccoli di Quel pomeriggio di un giorno da star, commedia di Gianni Clementi diretta da Ennio Coltorti, Corrado Tedeschi è da sempre diviso tra la passione per il calcio e il teatro.

 

Lago di Como – Weekend a Villa Carlotta

SABATO 16 settembre, ORE 9

INAUGURAZIONE MOSTRA “CENT’ANNI DI FIORI TRA LAGO E MONTAGNA. ERBE SPONTANEE E COLORI NELL’ERABRIO FABANI” (16 settembre – 5 novembre)

 

La mostra fa parte della rassegna BOTANICA SULA CARTA

Recentemente studiato e digitalizzato, l’erbario Fabani è composto da circa 3000 tavole di piante e fiori raccolte tra il 1907 e il 1938 dal medico Giuseppe Fabani nel territorio comasco, valtellinese ed elvetico.

L’erbario è organizzato in 25 cartelle e dotato di un indice manoscritto e ogni tavola presenta un ricco cartiglio dove viene data scrupolosa indicazione della famiglia, della specie, del determinatore, della data e del luogo di raccolta (con le caratteristiche del terreno), del periodo di fioritura ed infine delle proprietà officinali.

Per la realizzazione della mostra sono state selezionate 60 tavole attraverso le quali si intende illustrare la composizione del bosco tipico delle aree prealpine della Provincia di Como, individuando alcune specie che colonizzano le fasce caratterizzanti questo tipo di ambiente da un punto di vista fitosociologico

 

SABATO 16 settembre, ORE 18

Concerto dedicato a Beethoven del pianista Christian Leotta

Villa Carlotta ospiterà il secondo dei quattro imperdibili concerti che concludono il ciclo delle 32 sonate di Beethoven interpretato dal giovane pianista comasco di fama internazionale Christian Leotta.

Prenotazione posti, prevendita, informazioni: biglietteria Villa Carlotta, tel. 0344.40405.

Ingresso: Euro 20.

SABATO 16  e DOMENICA 17 settembre,

MOSTRA “DI ERBE E DI ORTO – ACQUARELLI BOTANICI DI SILVANA RAVA” (13 settembre – 1 ottobre).

 

La mostra fa parte della rassegna BOTANICA DELLA CARTA

 

La bellezza delle erbe spontanee viene fissata sulla carta dalla tecnica meticolosa dell’artista Silvana Rava, che con i suoi lavori riesce a cogliere lo stupore e il dettaglio delle essenze selvatiche, che nascono e crescono senza sottostare a nessuna regola

SABATO 16 e DOMENICA 17 SETTEMBRE

MOSTRA ARCHIVIO BELLONI – ZECCHINELLI

Uno scrigno di saperi creato dai due ricercatori che per oltre 50 anni hanno studiato la storia dell’arte, l’archeologia, le tradizioni e i costumi del territorio lariano.

DOMENICA 17 SETTEMBRE, DALLE ORE 15 ALLE 17

Laboratorio per famiglie “Facciamo un erbario”

Il laboratorio fa parte della mostra BOTANICA SULLA CARTA

Prenotazioni a eventi@villacarlotta.it
Costo: bambino 10,00 euro e adulto 15,00 euro (visita al giardino e al museo con partecipazione all’evento prenotato)

 

Arte Torino – Luogo bellissimo e unico – Dal prossimo 30 settembre OGR

MILLE GIORNI PER LA RINASCITA DELLE OGR: IL NUOVO SEGNO DELLA CONTEMPORANEITÀ DI TORINO PROIETTATO verso il MONDO

L’intero complesso di archeologia industriale – comprendente il maestoso edificio a forma di H di circa 20.000 metri quadri

Importante compendio immobiliare dell’Ottocento situato nel cuore di Torino

Le Officine della creatività riqualificate da Fondazione CRT all’insegna dell’innovazione tecnologica, della sostenibilità ambientale, della memoria storica, dell’accessibilità per tutti

Mille giorni di cantiere per restituire alla città, dal prossimo 30 settembre, il nuovo cuore pulsante della creatività, della cultura e dello spettacolo proiettato verso il mondo. Cento milioni di euro investiti dalla Fondazione CRT per la rinascita delle OGR, la “cattedrale” della storia industriale di Torino. Soluzioni ad alto contenuto tecnologico, sostenibilità ambientale, salvaguardia del valore storico della struttura originale, flessibilità e modularità degli spazi, massima fruibilitàdurante tutto l’anno, accessibilitàfor all, sono i principi ispiratori del grande intervento di ristrutturazione e recupero funzionale delle OGR, un importante compendio immobiliare dell’Ottocento situato nel cuore di Torino: da ex Officine per la riparazione dei treni a nuove Officine della cultura contemporanea, dell’innovazione e dell’accelerazione d’impresa, con una forte vocazione internazionale.

L’intero complesso di archeologia industriale – comprendente il maestoso edificio a forma di H di circa 20.000 metri quadri di superficie per 16 metri di altezza, le palazzine degli uffici e tutte le aree scoperte – è stato riqualificato da Fondazione CRT che, attraverso un proprio ente strumentale quale la Società Consortile per Azioni OGR-CRT, si è avvalsa di capacità professionali e imprenditoriali del territorio. Le risorse finanziarie messe in campo dalla Fondazione CRT, pari a 100 milioni di euro, hanno quindi fatto da volano per l’economia locale sin dalle prime fasi di progettazione e realizzazione delle opere, avviate il 30 luglio 2014 sotto la guida del Segretario Generale della Fondazione CRT e Direttore Generale di OGR Massimo Lapucci, avvalendosi del Project Manager Arch. Marco Colasanti.

“Le OGR sono la sfida più straordinaria di tutti i 25 anni di storia della Fondazione CRT – spiega il Presidente della Fondazione CRT e delle OGR Giovanni Quaglia –: ci sono state tante complessità, ma anche l’entusiasmo di ridare vita a un luogo bellissimo e unico, un elemento forte della comunità cittadina, aprendolo al mondo. Senza la capacità di visione e l’enorme impegno finanziario della Fondazione, oggi le OGR sarebbero un luogo abbandonato privo di futuro, una ferita per la collettività, con problemi per la sicurezza delle persone, la vivibilità, l’ambiente. Così non è stato e, grazie anche all’impegno di tante professionalità e alla collaborazione con le istituzioni, tagliamo il traguardo insieme, perché le OGR, rinate con Fondazione CRT, appartengono davvero a tutti”.

“Da un punto di vista progettuale, le nuove OGR sono il risultato di una vision coraggiosa – afferma il Segretario Generale della Fondazione CRT e Direttore Generale delle OGR Massimo Lapucci –. Una ristrutturazione di massima avrebbe consentito un utilizzo limitato e parziale delle ex Officine, ma ho pensato bisognasse guardare oltre: fare di questa ‘cattedrale’ della storia industriale di Torino uno dei motori dello sviluppo del territorio”.

“Fondazione CRT – prosegue Lapucci – è da sempre molto impegnata nell’innovazione e nella creazione di valore per la Città, e ritenevo perciò occorresse concentrarsi sull’immaginare il futuro delle OGR per poter poi realizzare la riqualificazione più adatta alla nuova vita del vasto complesso immobiliare. Bisognava soprattutto lanciare il cuore oltre l’ostacolo e mettere le OGR in condizione di inserirsi in un contesto internazionale, capace di mantenere l’identità storica di ‘Officina’, ma facendone il luogo della generazione e rigenerazione delle idee. Su queste basi le OGR, oltre ad essere il più grande investimento di Fondazione CRT su un unico progetto, sono oggi una delle più rilevanti realtà ispirate ai principi della venture philanthropy in Europa e, coerentemente con la nostra mission, sono sempre attente alle positive ricadute sull’economia del territorio”.

Due nuove piazze nel cuore della città 

L’imponente operazione di recupero delle OGR, su un’area complessiva di 35.000 metri quadri, arricchisce e completa la nuova configurazione urbanistica dell’ambito “Spina 2” – l’asse di sviluppo nord-sud della città generato dalla costruzione del Passante ferroviario –, rafforzandone il valore strategico per il territorio.

In una zona caratterizzata dalla compresenza, nel raggio di poche centinaia di metri, della stazione ferroviaria dell’Alta velocità di Porta Susa, del Politecnico, dell’Energy Center, di importanti poli privati di ricerca, di istituzioni culturali di eccellenza e del prossimo centro congressi, si inserisce il fondamentale tassello delle nuove OGR, quale hub di sperimentazione e produzione di contemporaneità in continua trasformazione e dialogo con soggetti protagonisti dell’arte e dell’innovazione a livello globale.

Il riordino urbanistico di questa parte di città – per la cui attuazione la Fondazione CRT ha affiancato il Comune di Torino – vede anche la creazione ex novo di due piazze pubbliche, vere e proprie agorà connesse funzionalmente alle Officine, ma liberamente fruibili da tutti come luoghi di relax, riflessione, incontro e socializzazione nell’arco della giornata: la Corte Est, affacciata su corso Castelfidardo, con opere d’arte a cielo aperto – la prima installazione pubblica e site-specific sarà “Procession of Reparationists”, realizzata da William Kentridge, tra i massimi esponenti dell’arte contemporanea a livello mondiale – e l’inserimento nella trama della pavimentazione di elementi sia artistici, quali, ad esempio, i profili metallici a simboleggiare le vecchie rotaie ferroviarie, sia di arredo urbano, come le collinette e le panchine ispirate nel design alle locomotive dei treni; la Corte Ovest, su via Borsellino, con un giardino caratterizzato dall’antica torre dell’acqua e da un palco, posto ideale per eventi, spettacoli, esposizioni, ristorazione e aperitivi en plein air.

Proprio in corrispondenza delle due Corti, la campagna preliminare di indagini ambientali ha consentito di individuare la presenza di due vasche interrate contenenti residui del passato industriale delle OGR che, per circa un secolo, tra la fine dell’Ottocento e la fine del Novecento, furono uno dei principali poli italiani per la costruzione e la riparazione delle locomotive e dei veicoli ferroviari. Sotto l’alta sorveglianza delle autorità competenti, le due vasche interrate sono state bonificate, è stato redatto e approvato il progetto di messa in sicurezza permanente della totalità delle aree esterne, e sono state realizzate tutte le opere necessarie per rigenerare la qualità dell’ambiente, in modo da offrire ai cittadini nuovi spazi pubblici da vivere liberamente.

Le nuove Officine: fabbrica delle idee, fabbrica del futuro

L’ipotesi iniziale di sola “messa in sicurezza” della struttura si è evoluta in un’idea più forte e coraggiosa per visione e obiettivi della Fondazione CRT, che ha messo in campo il più grande investimento diretto su un unico progetto, oltre che uno dei maggiori esempi di venture philanthropy oggi in Europa. Il tutto, secondo un modello di filantropia 2.0, in cui un soggetto non profit privato come la Fondazione destina risorse proprie per finalità pubbliche, con un’attenzione alla sostenibilità e all’equilibrio dei conti, attraverso un mix di attività: dalle arti visive e performative alla tecnologia e all’accelerazione d’impresa, dal food fino alla virtual reality.

In dettaglio, le molteplici destinazioni d’uso – le mission delle rinate OGR – definite nella Convenzione stipulata nel maggio 2013 con la Città di Torino e aggiornata nel maggio 2017 – fanno delle nuove Officine l’unico esempio di riconversione industriale in Europa con tre “anime” che si integrano tra loro come un ecosistema per lo sviluppo e la crescita del capitale culturale, sociale ed economico del territorio: la ricerca artistica in tutte le sue declinazioni (nelle Officine Nord), la ricerca scientifica, tecnologica e industriale (nelle Officine Sud a partire dal 2018), l’enogastronomia con attività di somministrazione di food & beverage volte a valorizzare, in particolare, le produzioni a filiera corta (nel Transetto).

Dal punto di vista architettonico ed edilizio, i nuovi interventi salvaguardano ovunque la percezione dei grandi volumi e delle grandi altezze, hanno un minimo impatto sulla struttura originale, sono reversibili e riconoscibili nei nuovi materiali, nei colori, nelle scelte di dettaglio.

Anche il tema accessibilità ha guidato la riqualificazione: a questo proposito, per offrire un’ottimale fruizione for all e un servizio di accoglienza in grado di rispondere alle molteplici esigenze dei diversi pubblici, è stato attivato un confronto costruttivo con la Consulta per le Persone in Difficoltà Onlus.

“La CPD – spiega il Direttore della Consulta Giovanni Ferrero – da quasi trent’anni sul territorio regionale, si occupa di promuovere attività di tutela dei diritti delle persone con disabilità, attivando campagne di sensibilizzazione sulla tematica e realizzando interventi nel rispetto delle pari opportunità per il riconoscimento dei diritti e dei doveri di tutti. Credo che questa collaborazione si presenti quale importante segnale di apertura verso i diversi target che vivranno le esperienze OGR, per offrire servizi e appuntamenti capaci di far sentire tutti protagonisti rispettando le caratteristiche di ognuno”.

Officine Nord: le arti contemporanee

Gli spazi, concepiti per essere polifunzionali su un’area complessiva di circa 9.000 metri quadri (200 metri di lunghezza), ospiteranno, in continua rotazione, mostre, spettacoli, concerti – dalla musica classica a quella elettronica – eventi di teatro, danza e persino esperienze di realtà virtuale immersiva, in una vera e propria digital gallery.

In particolare, le arti visive saranno localizzate nei tre “binari” ovest delle Officine Nord, le arti performative nell’ala est, che mantiene l’antica denominazione di “Sala Fucine”: quest’ultima è dotata di un palco ad altezze variabili (il cui volume crea l’effetto di una “scatola nella scatola”), di tribune per il pubblico mobili e a scomparsa, di una cabina di regia. Il cuore delle Officine Nord è il “Duomo”: l’imponente sala alta ben 19 metri – dove i vagoni dei treni venivano posizionati in verticale per le manutenzioni – sarà destinata a simposi, workshop e conferenze, a sottolineare il cambiamento della missione delle OGR, dalla riparazione dei treni alla riparazione e rigenerazione delle idee.

Alcuni murales sulle pareti, tracce del passato dell’edificio, sono stati conservati per renderli visibili al pubblico, in un gioco di rimandi e contaminazioni tra memoria e contemporaneità.

Officine Sud: l’innovation hub internazionale

Una lunga promenade di circa 200 metri attraverserà le Officine Sud, che mantengono l’immagine storica della navata centrale nella propria integrità, e sono avvolte dalla luce naturale che scende dal tetto e dalle finestre. Nelle due campate laterali – dove l’inserimento del corpo scale metallico ricorda il “respingi vagone” di un tempo –, gli ambienti vetrati per le sale riunioni e i blocchi di uffici open space su due piani, modulari e flessibili per consentire la presenza continuativa fino a 499 persone, testimoniano la rinnovata identità del luogo: hub per la ricerca, “attrattore” e acceleratore delle migliori start up innovative, polo per lo sviluppo progettuale nel settore delle industrie creative, laboratorio dedicato agli Smart Data, centro di sperimentazione funzionale anche alla proposta di contenuti ad hoc per il pubblico delle Officine Nord. Una mission al fianco di importanti partner nazionali e internazionali, tra cui il Politecnico di Torino, Isi Foundation per la ricerca sui Big Data, l’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia e il Dipartimento di Stato americano per BEST (Business Exchange and Student Training): il programma bilaterale Italia-USA, di cui le OGR saranno la “casa”, volto a favorire la creazione di start up high-tech nel nostro Paese dopo un periodo di formazione e training di giovani talenti nella Silicon Valley.

Adiacente alla Manica Sud, la cd. Superfetazione, ossia il fabbricato risalente agli anni Cinquanta, ospiterà la biglietteria, il bookstore, la Control Room per il controllo degli apparati di security e del funzionamento degli impianti.

Transetto: le Officine del gusto si chiameranno “Snodo”

Tra le due Officine Nord e Sud, in corrispondenza del Transetto, ci sarà un ampio spazio di circa 2.000 metri quadri con mezzanino dedicato al gusto: si chiamerà simbolicamente Snodo, avrà un forte legame con la filiera enogastronomica piemontese, e sarà aperto dalla prima colazione fino al dopo cena, 7 giorni su 7. Per soddisfare le esigenze di pubblici diversi – visitatori delle OGR, studenti, giovani, business community, famiglie ecc. – la taste experience, all’insegna della creatività delle proposte, si declinerà in cinque zone di Snodo: due ristoranti (di cui uno “premium”, con cucina a vista ed esibizioni degli chef che potranno preparare i piatti direttamente davanti ai clienti), un’area lounge a soppalco disponibile anche per eventi dedicati, un cocktail bar sulla Corte Ovest per aperitivi sia d’estate sia d’inverno, uno smart bar con “social table” dalla lunghezza record di 25 metri, pensata come punto di ritrovo, aggregazione e relax per consumare pasti o bevande sfogliando il proprio tablet o pc.

A caratterizzare il Transetto sarà anche l’opera d’arte “Track”, commissionata all’artista venezuelano Arturo Herrera: il grande murale sarà ospitato sulla parete d’accesso alle Officine Nord, diventando una sorta di soglia per l’ingresso nella manica dell’edificio dedicata alle arti. L’opera è stata pensata appositamente per lo spazio, e prende spunto dal passato ferroviario del sito. Il murale sarà composto da un intricato reticolo di linee che possono ricordare un tracciato di binari e che, con il loro diramarsi in varie direzioni, suggeriscono in maniera astratta alcuni dei valori cardine del nuovo spazio: interconnessione, fluidità e dinamismo.

La metamorfosi delle OGR: la complessità della riqualificazione

Tra salvaguardia dell’identità e della memoria delle OGR e l’applicazione delle nuove tecnologie nel rispetto dell’ambiente, la riqualificazione delle OGR è stata un’impresa complessa, per i vincoli architettonici e storico-artistici esistenti, il grado di ammaloramento della struttura abbandonata per decenni, l’estensione e le peculiarità del sito caratterizzato da incognite di vario genere e da fattori di inquinamento ambientale e bellico, la molteplicità delle destinazioni d’uso e delle tipologie di utenti, e persino l’emergere in corso d’opera di alcuni elementi non prevedibili, che hanno comportato l’adozione di varianti supplettive e tecniche. Sono stati quindi redatti numerosi progetti in variante sottoposti alla preventiva valutazione della Soprintendenza, e le autorità competenti al rilascio delle autorizzazioni (Comune di Torino, Prefettura, Città Metropolitana, Soprintendenza, Vigili del Fuoco, Asl) hanno emesso complessivamente 27 provvedimenti autorizzativi.

In particolare, le lavorazioni sui tetti ad avvio del cantiere hanno evidenziato problematiche nella tenuta delle capriate e dei relativi puntoni in ferro, delle travi secondarie (arcarecci) a sostegno delle coperture, degli elementi in grado di assorbire le spinte e assicurare la stabilità delle strutture (controventi), della carpenteria lignea, rendendo necessari interventi in quota su 8.000 nodi strutturali. In totale, sono stati impiegati 800.000 kg di acciaio per carpenteria, staffali e bulloni: due volte il peso della Stazione spaziale internazionale (ISS).

Altra sfida decisiva è stata la realizzazione di un edificio caldo, fruibile anche nella stagione invernale, in un “involucro” dell’Ottocento con una volumetria di 260.000 metri cubi, il doppio del grattacielo “Pirellone” di Milano. Oltre all’installazione degli impianti tecnologici di riscaldamento e raffrescamento, sono state migliorate le performance di trasmissione caldo/freddo, con un occhio attento al contenimento del fabbisogno energetico, alla resistenza al vento e alla neve, alla tenuta all’acqua. In dettaglio, tutti i serramenti sono stati cambiati, con l’installazione di 1.200 finestre e porte finestre (per una superficie complessiva di 10.000 metri quadri), tutte a taglio termico, di otto tipologie diverse e di larghezza non omogenea: messe in fila, le nuove finestre raggiungono un’altezza di 6.000 metri, pari a 20 volte la Tour Eiffel. A livello dei tetti sono stati sostituiti 20.000 metri quadri di pannelli delle falde, che hanno richiesto quattro diverse posizioni per le gru di sollevamento. I lavori hanno interessato anche l’intero pavimento, con l’installazione di un impianto a pannelli radianti per 20.000 metri quadri: un’area equivalente a tre campi da calcio.

Le OGR sono oggi alimentate dall’acqua di falda, una sorta di “volano termico” che la natura mette a disposizione e che, attraverso l’impiego di pompe di calore per il riscaldamento e il raffrescamento, consente efficienze energetiche maggiori rispetto ai sistemi tradizionali con ridotte emissioni di anidride carbonica (CO2) nel rispetto dell’ambiente.

Tutti i nuovi impianti (elettrici, per l’acqua, l’aria, la fibra ottica) si sviluppano in lunghezza per 115 km, pari alla distanza tra Torino e Aosta: in particolare, sono stati posati 9.000 metri di tubazioni per l’acqua, 4.700 metri di canali per l’aerazione, 55.000 metri di cavi elettrici, 6.500 metri di fibra ottica, 22.000 metri di cavi dati in rame.

L’illuminazione interna “veste” le OGR in modo da esaltarne gli ambienti: incassi a terra per la luce d’accento sui pilastri, proiettori per la luce radente sulle capriate metalliche, proiettori “wall washer” per garantire la continuità con la luce del giorno ed elementi a led per una diffusa illuminazione di servizio.

Per garantire la resistenza al fuoco delle OGR secondo la normativa, è stato necessario proteggere tutte le strutture metalliche di sostegno (capriate e colonne di ghisa) con 30.000 kg di vernici intumescenti applicate, nei casi più critici, fino a sette strati successivi. L’intero complesso è dotato di rilevatori di fumi e incendi di diverse tipologie (ottico analogico, lineari a raggi infrarossi e termovelocimetrici, ossia sensibili alle variazioni di temperatura) con interfaccia grafica a mappe delle aree sorvegliate, oltre che, naturalmente, di un impianto di spegnimento a idranti e sprinkler.

 

MANTOVA cultura – festivaletteratura 6 – 10 settembre 2017

FESTIVALETTERATURA
A MANTOVA

DAL 6 AL 10 SETTEMBRE

VENTUNESIMA EDIZIONE

Ventunesima edizione di Festivaletteratura a Mantova , sino a domenica 10 settembre 2017.

Insieme alla continua proposta di scrittori di valore spesso ancora poco noti al grande pubblico, già da tempo Festivaletteratura caratterizza il proprio programma attraverso progetti partecipati di lettura, ricerca e rielaborazione dei saperi, spazi per la promozione del talento, momenti di formazione confidenziale, che rappresentano un unicum nell’offerta dei festival letterari italiani.

IL FESTIVAL

Tra gli ospiti internazionali di maggiore richiamo vanno ricordati:

Chimamanda Ngozi Adichie, scrittrice nigeriana divenuta punto di riferimento per la lotta contro il razzismo e per i diritti delle donne, lo statunitense George Saunders, la giallista Elizabeth George, il cinese Yu Hua, più volte candidato al Nobel e apprezzata firma del New Yorker, la scrittrice inglese per ragazzi Frances Hardinge, oltre ai ritorni di Arturo Pérez-Reverte, Richard Mason ed Elizabeth Strout, nomi che rappresentano solo alcuni dei punti verso i quali orientare la propria navigazione nel mare di Festivaletteratura 2017.

Le guerre di oggi e di ieri fanno da sfondo alle narrazioni di molti scrittori, come il pluripremiato autore angolano Josè Eduardo Agualusa, l’indonesiano Eka Kurniawan e il poeta ed esule siriano Faraj Bayrakdar.

Le guerre dell’Occidente contro il terrorismo verranno rilette nel dialogo tra l’inglese Harry Parker e lo statunitense Brian Turner, reduci rispettivamente delle campagne in Afghanistan e in Iraq.

Al racconto della guerra e dell’esilio si accompagna una riflessione da diversi punti di vista sulle tensioni che stanno attraversando il mondo musulmano: Joby Warrick, giornalista del Washington Post e due volte premio Pulitzer, ripercorrerà la vicenda dell’ISIS, il politologo Olivier Roy cercherà di individuare i legami tra istanze sociali insoddisfatte delle seconde e terze generazioni di migranti e islamismo radicale, Fethi Benslama tenterà una lettura psicoanalitica della disposizione al sacrificio che anima decine di giovani musulmani, lo scrittore tunisino Shukri al-Mabkhout tornerà sulle speranze tradite della stagione delle primavere arabe. Un confronto tra società arabe e occidentali a partire dai valori e dai diritti sanciti dalle carte costituzionali verrà poi condotto da Valerio Onida, da padre Ignazio De Francesco della Comunità di Monte Sole e da Yassine Lafram.

Il centenario della Rivoluzione d’Ottobre sarà l’occasione per indagare il rapporto incendiario tra letteratura e rivoluzioni: Che fare? si propone come un percorso in tre tappe per rileggere alcuni dei libri che hanno scatenato rivolte e sommovimenti sociali.

In tre incontri affidati ad Alessandro Portelli (La capanna dello zio Tom di Harriet Beecher Stowe), Marcello Flores (I diritti dell’uomo di Thomas Paine) e Gian Enrico Rusconi (Mein Kampf di Adolf Hitler), si indagherà come le parole abbiano spinto ad armare la mano in diversi momenti della nostra storia.

Ai memoir, romanzi e diari che hanno testimoniato in diretta la rivoluzione russa sarà dedicato uno speciale condotto da Marcello Flores.

Sul tema delle guerre civili va rimarcata la presenza al Festival di uno dei più importanti storici contemporanei: David Armitage. Piotr M. A. Cywiński, direttore del Memoriale e Museo di Auschwitz-Birkenau, s’interrogherà su come trasmettere alle generazioni future la memoria dei campi di sterminio. A una delle icone del Novecento rivoluzionario, Fidel Castro, sarà dedicato l’incontro tra Ignacio Ramonet e Francisco López Sacha.

Nato per scoprire le relazioni profonde tra le culture linguistiche che attraversano l’Europa, il progetto del Vocabolario Europeo, arriva finalmente a compimento. Curato da Giuseppe Antonelli e Matteo Motolese, il volume sarà distribuito gratuitamente durante i giorni del Festival.

Per accompagnare la pubblicazione del Vocabolario europeo, un nuovo e partecipato vocabolario adottivo verrà compilato grazie ai contributi spontanei del pubblico, per mostrare come parole, memorie e storie europee appartengano ormai all’esperienza comune di ognuno di noi.

Nel programma del Festival, oltre agli incontri dedicati agli ultimi lemmi portati da Fernando Aramburu, Velibor Čolić, Nicola Gardini, Laurent Gaudé, Mercedes Lauenstein, Lars Mytting e Olja Savičević, si terrà un momento conclusivo di discussione su parole d’autore e parole adottive che vedrà coinvolti – oltre ad Antonelli e Motolese – Diego Marani ed altri autori.

Mai la “questione europea” è stata così presente a Festivaletteratura: scrittori come Martin Pollack, Jan Brokken, Velibor Čolić raccontano di un’Europa in cui i confini nazionali si fanno permeabili e le memorie, i dolori, le grandi avventure intellettuali riescono a parlare diverse lingue.

Alle illusioni e alle ferite ancora aperte del Novecento tornano in molti per tentare di interpretare il presente: così Jachina Guzel’ agli anni del terrore staliniano, Clemens Meyer all’”età dell’oro” della DDR, Fernando Aramburu alla stagione più cruenta del terrorismo basco; Anthony Cartwright e Jonathan Lee al decennio Thatcher.

Uno sguardo disincantato, acuto, programmaticamente estraneo ai nazionalismi, caratterizza invece le più giovani generazioni di scrittori europei, rappresentate al Festival da autori come Jonas Hassen Khemiri, Olja Savičević e Mercedes Lauenstein.

Se i confini geografici sono valicabili, ancor più lo sono quelli che convenzionalmente delimitano i generi letterari: gli scrittori di questa edizione si dimostrano tra i più propensi a muoversi liberamente tra canoni, forme e registri espressivi. Jan Brokken, Artemis Cooper e Helena Janeczek, con intenti diversi, conferiscono ritmo romanzesco al consumato genere delle vite di uomini (e di donne) illustri, Helen Phillips e Ayelet Gundar-Goshen trasferiscono il romanzo psicologico nei territori del giallo, Lars Mytting inventa una sorta di noir forestale, Olja Savičević adotta il western per raccontare la Croazia dopo la guerra civile, Melania Mazzucco usa il romanzo come strumento di denuncia e di indagine sociale, Davide Enia incardina un racconto familiare in una struttura apparentemente documentaristica, Jonas Hassen Khemiri gioca sulla moltiplicazione dei punti di vista per parlare di un tema di bruciante attualità come l’immigrazione.

Il trasferimento delle storie personali in uno spazio più proprio della finzione letteraria è un altro dei fili rossi che uniscono i narratori presenti a Festivaletteratura 2017: lo si ritrova nella saga familiare in pochi metri quadrati di Christophe Boltanski, nell’elaborazione del lutto di Marianne Leone, nei diari a fumetti di Gusti e Nicoz Balboa e in autori come Teresa Ciabatti, Michele Mari e Alberto Rollo. Negli scrittori italiani i racconti familiari tendono a tramutarsi in racconti di città – la Milano di Alberto Rollo e Gaia Manzini, la Bologna di Francesca Capossele, la Roma di Luca Giachi e la Napoli di Domenico Starnone – fino a divenire ritratti urbani legati alla memoria storica (la Trieste di Mauro Covacich) o intima (la Venezia di Andrea Molesini). Uno sguardo verso il territorio che si perde al di fuori degli agglomerati urbani accomuna invece i racconti abruzzesi di Donatella Di Pietrantonio, gli spopolati bar padani di Diego Marani, la riflessione “paesologica” di Franco Arminio, tanto quanto l’isolamento montano dei personaggi di Paolo Cognetti, Claudio Morandini, Arno Camenisch.

La voce delle donne si riconferma potentissima: se Chimamanda Ngozi Adichie è senza dubbio la figura più emblematica, di non minore forza vanno considerate le presenze di Naomi Alderman, americana cresciuta in una comunità ebrea ortodossa, e della ghanese Yaa Gyasi, che offre una rilettura dell’imperialismo coloniale attraverso gli occhi delle donne, e ancora, passando al programma ragazzi, quelle di Jennifer Niven e Nina LaCour o di Francesca Cavallo ed Elena Favilli, la cui galleria di rebel girls è divenuta un caso editoriale internazionale.

Una vita femminile totalmente fuori dall’ordinario e irriducibilmente anarchica è quella di Gertrude Stein, ricordata nell’omaggio che le verrà attribuito da Laura Lepetit, Giulia Niccolai e Barbara Lanati insieme ad Anna Nogara, in occasione della riedizione della sua Autobiografia di tutti.

E ancora alle donne sarà dedicata la serie dei Processi, la riapertura di storici casi giudiziari attraverso documenti archivistici, inserita a programma in continuità con le iniziative di public history. Storici, archivisti e narratori – tra i quali Federica Ambrosini, Danilo Craveia, Diego De Silva, Michele Di Sivo, Andrea Molesini, Elisabetta Mori, Manola Ida Venzo – rivestiranno i ruoli di procuratori e avvocati difensori in casi passati di grande clamore che hanno visto donne salire sul banco degli imputati. Le vicende di streghe come Giovanna Monduro, di eretiche come Isabella della Frattina, di parricide come Beatrice Cenci, di sedotte e abbandonate come Lidia Cirillo, ci restituiscono la storia di un’identità femminile messa costantemente sotto processo.

Non mancherà lo spazio riservato agli appassionati di giallo: Elizabeth George, vero pezzo da novanta della letteratura del brivido, sarà una delle protagoniste più attese di questa edizione. A lei si affiancano Patrick Manoukian (autore, con lo pseudonimo di Ian Manook, delle indagini del commissario Yeruldelgger) e, tra gli italiani, Loriano Macchiavelli e Carlo Lucarelli, che celebrano il ritorno dei loro investigatori Sarti e De Luca; Mirko Zliahy, autore della fortunata serie di gialli-splatter con protagonista il commissario Mancini; Marcello Fois e Maurizio De Giovanni.

Blurandevù resta senz’altro una delle poche palestre di formazione al confronto letterario attive nel nostro paese.

Un gruppo di una decina di ragazzi dai 16 ai 22 anni anche quest’anno sarà chiamato a salire sul palco di piazza Leon Battista Alberti per presentare Senel Paz, Marianne Leone, Teresa Ciabatti, in incontri per la prima volta proposti anche in streaming. A curare la loro preparazione saranno Fabio Geda e Marco Magnone. Un rapporto corpo a corpo con il testo letterario è proposto nei laboratori rivolti agli adolescenti che Festivaletteratura ha affidato a due delle più interessanti compagnie emergenti della scena contemporanea italiana: Anagoor e Babilonia Teatri.

Sulla lettura ad alta voce come diversa esperienza del testo si concentra l’incontro che radunerà i gruppi di lettura adolescenti di diverse biblioteche italiane: a leggere insieme ai ragazzi saranno Arturo Pérez-Reverte e Davide Enia. Grazie anche a queste presenze prosegue inoltre la scrittura in scena, il percorso di conversazioni sulla scrittura per il teatro che quest’anno vedrà come ospite internazionale Wajdi Mouawad, narratore e drammaturgo libanese naturalizzato canadese, di cui Festivaletteratura proporrà in esclusiva una mise en scène di Assetati con gli attori della Scuola del Piccolo Teatro di Milano.

Bambini e ragazzi avranno quest’anno una casa tutta loro al Festival: la Casa del Mantegna si trasformerà infatti in uno spazio-museo-laboratorio a più piani, vero e proprio condominio creativo. Tra gli autori che ne popoleranno le stanze ci saranno: lo scrittore catalano Jordi Sierra i Fabra, promotore di una fondazione a sostegno degli Under 18 che desiderano mettersi alla prova con la scrittura, la statunitense Nina LaCour, tra le più acclamate autrici internazionali di romanzi per young adults, Marianne Barcilon e Magali Bonniol, amatissime dai piccoli grazie alle loro storie di bambini e animali, i fiamminghi Bart Moeyaert, Stefan Boonen e Melvin, e il nostro Bruno Tognolini. Pino Costalunga – con l’aiuto di Bart Moeyaert, Olja Savičević – racconterà favole della tradizione europea, mentre Chiara Lagani aprirà i quattordici libri di Oz pubblicati dopo quello del Mago e totalmente sconosciuti in Italia. La conduzione dei laboratori dedicati alle forme di racconto per immagini saranno affidati all’illustratore argentino Gusti, alla poliedrica Silvia Bonanni e ad Andrea Antinori. I Ludosofici si dedicheranno invece a una lettura architettonico-filosofica della Casa del Mantegna con ospiti a sorpresa.

Nate per il gusto di stupire il pubblico attraverso accostamenti inediti, valorizzando al contempo patrimoni letterari sconosciuti ai più, le biblioteche di Festivaletteratura si offrono come occasioni di rilettura della nostra storia letteraria attraverso il filtro di un genere o di un tema rivelatori di cambiamenti culturali, sociali e di costume.

Realizzata in collaborazione con la Biblioteca Sportiva Nazionale del CONI, la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e i sistemi bibliotecari di Mantova e Brescia, l’edizione 2017 della biblioteca, rinominata palestra letteraria, si dipanerà lungo il fil rouge dei nobili principi dello sport, aprendosi a due secoli di gesti atletici in tutte le loro forme: dai campioni entrati nell’immaginario collettivo, fino alla pratica sportiva più quotidiana. Selezionati da Luca Scarlini, gli oltre 400 volumi di cui si compone saranno posti in libera consultazione tra attrezzi ginnici, spalliere e quadri svedesi presso la Palestra del Seminario di via Cairoli. Oltre alle consuete letture della Compagnia della Lettura, la palestra letteraria prenderà vita in un programma di incontri: ecco dunque Federico Buffa rendere omaggio al mito di Alì, Duncan Hamilton ripercorrere la sfortunata carriera di George Best, William Finnegan raccontare la propria formazione sentimentale attraverso il surf. Un’altra biblioteca, l’ormai tradizionale città in libri, farà invece tappa per la ventunesima edizione nella malinconia transoceanica di Buenos Aires per celebrare la città vissuta e sognata da Jorge Luis Borges, Julio Cortázar, Ernesto Sabato, Adolfo Bioy Casares, così come da decine di altri autori di tutto il mondo. La Tenda dei Libri di piazza Sordello sarà il varco d’accesso per entrare e perdersi nel luminoso e dolente immaginario porteño, attraverso il quale si verrà condotti da un servizio di “guide” formato da giovani ricercatori di letteratura ispano-americana alla scoperta dei 150 volumi presenti, selezionati dallo stesso Luca Scarlini e da Francisco Amaya e Dante Liano.

Per i lettori incontentabili Federico Taddia condurrà una serie di dieci brevi incontri dedicati alla ri-lettura con autori italiani e internazionali che racconteranno i libri che hanno ripreso in mano perché troppo difficili, legati a un momento particolare della vita, spuntati fuori per caso, o perché indispensabili. Tra questi, la lezione di Alessandro Piperno su Philip Roth e la conversazione tra Hans Tuzzi e Giuseppe Montesano sugli scrittori che scrivono di scrittori, passando per la testimonianza di Senel Paz sul suo rapporto decennale con Gabriel García Márquez. Un approccio critico innovativo sarà infine quello proposto da Michele Cometa in un incontro dedicato all’interpretazione dei testi letterari secondo i principi delle neuroscienze.

Continua la riflessione sulle relazioni tra letteratura, produzione culturale e nuove tecnologie sviluppata negli ultimi anni anche grazie all’officina di Prototipi. Lo spazio di Santa Maria della Vittoria quest’anno sarà interamente dedicato alla logica computazionale, mostrando a giovani e adulti come ragiona un computer. L’intervento di Scott Aaronson, tra i massimi esperti di teoria della complessità computazionale, mostrerà le connessioni con il pensiero umano e le possibili prospettive di sviluppo interdisciplinare.

All’interno degli accenti, la serie prossimamente – finestra sugli argomenti dei Festival di domani con interventi di ospiti a distanza intervistati dai blogger di La Balena Bianca e di Il lavoro culturale – si occuperà degli scenari futuri e delle trasformazioni in atto nel campo della scrittura e della produzione artistica con l’avvento della nuove tecnologie. Sui temi legati ai mutamenti della percezione e della rappresentazione in campo artistico nell’era di internet dialogheranno infine Mauro Carbone e Stefano Catucci, mentre sul legame tra creatività e innovazione tecnologica interverrà Jeffrey Schnapp, tra le più autorevoli voci internazionali nel campo delle digital humanities.

Rivoluzione dei paradigmi economici, sommovimenti geo-politici, ripensamento della forma città: l‘emergenza climatica richiede con sempre maggiore urgenza un nuovo paradigma di pensiero.

Al centro dell’incontro di Kate Raworth e Leonardo Becchetti sarà l’idea di un’economia circolare e inclusiva, capace di rigenerare i sistemi naturali e di contrastare le crescenti disuguaglianze economiche. Massimiliano Bucchi e Gianluca Ruggieri si interrogheranno invece sugli scenari energetici che si aprono con il progressivo consumo delle risorse minerali; Grammenos Mastrojeni e Antonello Pasini sulle incidenze che i cambiamenti climatici avranno sulle migrazioni e sul conseguente acuirsi delle tensioni internazionali. Nella prospettiva di un ripensamento delle pratiche agricole Salvatore Ceccarelli racconterà della sua esperienza nella selezione partecipata delle sementi come alternativa agli OGM e si confronterà con Jonathan Silvertown sulla magia ancora non del tutto svelata dei semi. Per aiutarci a prestare una maggiore attenzione all’esaurimento delle risorse, attraverso una serie di laboratori e incontri per adulti e ragazzi Mark Miodownik, direttore dell’Institute of Making dell’UCL di Londra, renderà evidente come la nostra vita sia totalmente dipendente dagli oggetti che ci circondano e dai materiali con cui vengono prodotti.

Un viaggio a piedi per disegnare una nuova mappa della Lombardia: con l’avventura del progetto Atlante Festivaletteratura prosegue nella sperimentazione di forme di partecipazione diretta del pubblico.

Venti persone e quattro giorni di tempo per realizzare una guida illustrata e commentata del territorio lombardo tra Brescia e Mantova: a partire dalle segnalazioni che verranno raccolte da luglio attraverso il sito del Festival, il gruppo si metterà in cammino cercando di documentare i punti di attrazione nascosti – tesori artistici, squarci di paesaggio, ma anche storie locali, personaggi e curiosità – ad uso dei visitatori futuri.

L’impresa partirà da Brescia domenica 3 settembre e si concluderà in piazza Sordello a Mantova mercoledì 6, giorno di inaugurazione del Festival. I taccuini redatti dai partecipanti andranno poi a formare una speciale installazione allestita presso la Tenda dei Libri e visitabile per tutta la durata del Festival.

Giornalismo e narrazione si ritrovano uniti anche quest’anno per Meglio di un romanzo, il progetto attraverso il quale Festivaletteratura punta a sostenere i giovani aspiranti giornalisti che intendono cimentarsi con la tradizionale forma del reportage, declinandola attraverso linguaggi diversi. Quest’anno verrà presentato Isole del silenzio di Melissa Magnani, il primo lavoro commissionato direttamente da Festivaletteratura e pubblicato a puntate sul web a partire da marzo 2017. Il racconto giornalistico rimane al centro degli incontri che vedranno sul palco Carolin Emcke, vincitrice del premio della pace assegnato dai librai tedeschi, e gli italiani Domenico Quirico, Ferruccio De Bortoli, Valerio Pellizzari, Pietro Grasso.

In un’epoca in cui il compito di testimoniare la contemporaneità viene sempre più demandato all’immagine, tre fotogiornalisti tra i più apprezzati sulla scena internazionale illustreranno la profondità di campo sottesa al loro lavoro, che dilata l’istantaneità del singolo scatto in un racconto universale: Buhran Ozbilici, vincitore del World Press Photo 2017 con lo scatto del killer dell’ambasciatore russo ad Ankara, Giulio Piscitelli, il fotografo italiano salito sulle imbarcazioni dei migranti, e Monika Bulaj che – in forma di spettacolo – mostrerà le immagini degli ultimi luoghi rimasti dove fedi differenti ancora dialogano. A loro si unisce un artista della fotografia come Ferdinando Scianna, che con il poeta Franco Marcoaldi svilupperà attraverso immagini e parole un confronto tra condizione umana e animale.

Anche quest’anno il programma del Festival prevede una stimolante sezione dedicata ad arte, design e architettura. Un bilancio sinestetico della propria carriera di artista vedrà protagonista un instancabile sperimentatore come Ugo La Pietra. Lea Vergine – in dialogo con Luciana Castellina – ripercorrerà il rapporto contrastato e appassionante lungo una vita tenuto con l’arte. Di design anonimo o involontario parlerà Dario Scodeller; Victor Stoichita rivelerà le regole che presiedono al gioco della rappresentazione tra immagine e sguardo, cinema e arti visive; mentre Antonio Forcellino ragionerà con Caterina Volpi sul restauro come occasione di rilettura e reinterpretazione dell’opera d’arte. Per l’architettura, ospite d’onore sarà Kjetil Thorsen, progettista della Biblioteca di Alessandria d’Egitto e del National 9/11 Memorial & Museum di New York, mentre Cherubino Gambardella, attraverso una rilettura di Villa Malaparte, proporrà una riflessione sul Mediterraneo.

Intorno al connubio poesia-canto, motore di arte colta e popolare, Festivaletteratura – in collaborazione con il Centro d’Arte e Cultura di Palazzo Te, il Museo Civico di Palazzo Te, e con il sostegno di Regione Lombardia – ha ideato La parola che canta, un progetto distinto dal programma “ordinario” che si configura come esplorazione in forma di festa del dialogo ininterrotto tra musicisti e poeti. Nelle serate di giovedì, venerdì e sabato scrittori, studiosi e artisti di varia esperienza e formazione terranno conversazioni, concerti, letture, improvvisazioni felicemente disperse tra cortili e stanze affrescate. Con La parola che canta Festivaletteratura sperimenta un utilizzo della villa gonzaghesca che ne reinterpreta la vocazione originaria: tra gli invitati si segnalano Francesco Guccini, Giovanna Marini, i Fanny & Alexander, Mariangela Gualtieri, i Cuncordu e Tenore di Orosei, Umberto Fiori, Giovanni Bietti, Fabrizio Scipioni, Massimo Giuntoli, Michele Spanghero.

Per le notti di Festivaletteratura Music Hall al Museo Diocesano, il club di piazza Virgiliana propone quest’anno il rap letterario di Murubutu combinato all’immigrazione amplificata in musica di Stregoni (giovedì 7), il post-modern blues di L.A. Salami unito al dream pop notturno di His Clancyness (venerdì 8), una delle band più rappresentative dell’indie-pop italiano, gli Ex-Otago, con il contorno delle trascinanti melodie dei Welcome Back Sailors (sabato 9). Un laboratorio di creazione musicale su un testo letterario sarà condotto dal musicista Fabrizio Puglisi: cantanti, compositori, strumentisti saranno chiamati per quattro giorni a confrontarsi con Ubik, di Philip Dick, per trarne materia d’ispirazione per improvvisazioni e scrittura di partiture minime, che confluiranno infine in una performance collettiva. Cambiando genere, Festivaletteratura non poteva certo trascurare l’anniversario monteverdiano: saranno Luca Scarlini, attraverso una conferenza/concerto dedicata alle cantatrici di Monteverdi, e Dario Moretti, attraverso una rivisitazione della favola d’Orfeo pensata per i ragazzi, a rendere omaggio al grande compositore barocco con l’accompagnamento musicale dell’Accademia degli Invaghiti.

 I LUOGHI DEL FESTIVAL 

I LUOGHI DI FESTIVALETTERATURA 2017

La città della ventunesima edizione è decisamente più ampia: Festivaletteratura si distende lungo l’asse fondamentale del “percorso del principe”, sviluppandosi dolcemente da Palazzo Ducale a Palazzo Te.

Se piazza Sordello si conferma sempre più il fulcro della manifestazione – con il luogo simbolo di Piazza Castello, la libreria, il punto informativo, gli spazi relax, la tenda degli Accenti, le due biblioteche di Festivaletteratura e, da quest’anno, il punto di accoglienza autori ospitato a Palazzo Castiglioni – Palazzo Te rientra nel circuito del Festival seguendo la sua vocazione di spazio di festa in cui sarà possibile smarrirsi felicemente, a fine giornata, tra i suoni e le sorprese di La parola che canta.

La Casa del Mantegna verrà messa completamente sottosopra: le decine di sale piccole e grandi che occupano i due piani dell’antica dimora del grande pittore padovano verranno invase da bambini e ragazzi per tutta la durata del Festival. Sono circa quaranta gli incontri previsti tra laboratori, dialoghi con autori, piccole performance e letture destinati agli Under 16 nelle diverse stanze della casa. Il giardino sarà invece un libero spazio di intrattenimento, da sfruttare a piacere tra un appuntamento e l’altro.

Altra novità di quest’anno è l’Arena che aprirà nel Cortile dell’Archivio di Stato. Pensata per superare la tradizionale disposizione a platea dei luoghi del Festival e per favorire una partecipazione più inclusiva, l’Arena metterà letteralmente gli autori al centro, nello spazio aperto tra due tribune contrapposte e gremite di pubblico.
Tra i luoghi nuovi al Festival segnaliamo il Teatro Spazio Gradaro, dedicato a spettacoli e workshop per ragazzi e l’Appartamento della Rustica di Palazzo Ducale, dove si terranno gli spettacoli della Favola di Orfeo.

Zona piazza Sordello – Palazzo Ducale
Basilica Palatina di Santa Barbara; Palazzo Ducale – Appartamento della Rustica; Palazzo Castiglioni; Piazza Castello; Seminario Vescovile – Aula Magna; Seminario Vescovile – Palestra; Tenda Sordello; Tenda dei Libri

Zona centro
Cinema Oberdan; Piazza L.B. Alberti; Piazza Mantegna; Cortile dell’Archivio di Stato/Arena; Sagrestia dell’Archivio di Stato; Teatro Bibiena; Teatro Sociale

Zona est (piazza d’Arco – piazza Virgiliana)
Aula Magna dell’Università; Casa Slow; Chiesa di Santa Maria della Vittoria; Museo Diocesano; Palazzo d’Arco

Zona sud (Principe Amedeo – Te)
Casa del Mantegna; Chiesa di Santa Paola; Conservatorio di Musica “Lucio Campiani”; Palazzo di San Sebastiano; Palazzo Te; Parcobaleno; Sagrestia di San Barnaba; Teatro Ariston; Teatro Spazio Gradaro

Weekend – evento imperdibile a Bergamo – 7 – 24 settembre 2017

 

La luna piena e altre 60 lune galleggianti nell’aria a Bergamo alta

COSA PUO’ FARE L’ARCHITETTURA PER LE CITTA’ SEMPRE PIU’ CALDE ?

” Cool Landscape ” a Bergamo

BIANCO (dei palloni fluttuanti) – VERDE (del “prato”) – ACQUA (un grande cubo di ghiaccio)

I bianchi e immensi palloni si muovono lievemente, le loro ombre mitigano lo stress del caldo, insieme alle piante rampicanti e al “prato”; tra posti a sedere e la scenografica Pazza Vecchia.

I palloni galleggianti nell’aria rappresentano anche i palloni meteorologici che misurano i cambiamenti climatici.

Le piante verdi sono di luppolo e rappresentano anche la birra e la sua nuova stagione artigianale; un punto a favore dei giovani e delle tendenze.

Il cubo di ghiaccio è il divertimento, un piacevole rinfresco nella calura cittadina; a grandi e bambini piace toccarlo … e poi tutti i riferimenti a quanto velocemente si scoglierà e se si scoglierà completamente.

A Bergamo, nei prossimi giorni, alla sera si ammirerà la luna piena e altre 60 lune galleggianti nell’aria. Le vie saranno piene di luci e di idee; anche di giorno.  Per quest’anno, I Maestri del Paesaggio hanno coinvolto anche la parte più nuova delal città; tutto da vedere per capire.

Piazza Vecchia, a Bergamo alta, è tutta arredata di palloni fluttuanti, tanto verde intorno e un cubo di ghiaccio per sintetizzare il tema del 2017: Cool Landscape.

La presentazione alla stampa dell’evento dell’anno di Bergamo ci ha definitivamente convinti dell’alto livello della manifestazione.

Una manifestazione che si propone a tutti; a seconda degli interessi personali.

PROGRAMMA AL LINK: http://www.imaestridelpaesaggio.it/2017/programma/agenda/

Un evento da segnare in rosso !!!

Bergamo “arredata” dai Maestri del Paesaggio; una città più accogliente, più verde con mille iniziative, conferenze di alto livello e speciali scuole d’arte per i vostri bimbi !!

Concorsi fotografici, musica, allestimenti e percorsi di land art nei luoghi più suggestivi di Bergamo come vicoli, corti, chiostri e giardini, cultura, gastronomia e molto altro …

Almeno weekend  va programmato !

Un programma da leggere per iniziare a programmare la vostra visita.

Negli anni l’allestimento temporaneo della piazza si è evoluto, e oggi è caratterizzato da installazioni site specific di grande impatto anche scenografico.

I MAESTRI DEL PAESAGGIO, SETTIMA EDIZIONE COOL LANDSCAPE

Bergamo, dal 7 al 24 settembre 2017

 – Questa manifestazione, nel corso degli anni, ha saputo raggiungere risultati straordinari e i numeri delle passate edizioni ne sono la dimostrazione concreta.

” … far diventare la città di Bergamo capitale del paesaggio” – ha dichiarato Claudia Maria Terzi, Assessore all’Ambiente Energia e Sviluppo Sostenibile della Lombardia.

Tutti i programmi al link: http://www.imaestridelpaesaggio.it/2017

 – Bergamo città del Paesaggio. E’ con questo proposito che la Città, immersa nel verde dei colli, si prepara a diventare per 18 giorni, dal 7 al 24 settembre, il palcoscenico de I Maestri del Paesaggio, con lasettima edizione dedicata al tema “COOL Landscape”. La kermesse, organizzata dal Comune di Bergamo e dall’associazione Arketipos con il contributo di Regione Lombardia, porterà in Italia le espressioni più interessanti del landscaping internazionale e sarà animata da numerosi eventi con un unico vero protagonista: il Paesaggio.

Negli anni l’allestimento temporaneo della piazza si è evoluto, e oggi è caratterizzato da installazioni site specific. Quest’anno il progetto di Balijon, svelato oggi nel corso dell’incontro, coniuga concettualità e design utilizzando elementi iconici dell’allestimento un grande blocco di ghiaccio e un “tetto” di palloni rimandano a temi metereologici – per innescare una riflessione sul global warming.

Inoltre la piazza si animerà la sera con illuminazioni al led di forte suggestione.

Saranno per la Città 18 giorni di fermento culturale open air attorno a diverse aree tematiche

#GreenSquare,

#Educational-BLG Institute,

#Green Design,

#GreenFashion,

#Green Food,

#GreenShow,

#Kids,

#GreenTour: concorsi fotografici, musica, allestimenti e percorsi di land art nei luoghi più suggestivi di Bergamo come vicoli, corti, chiostri e giardini.

Tutti gli appuntamenti del ricco programma contribuiscono a divulgare diversi aspetti della cultura di paesaggio, alternando iniziative educative a momenti di intrattenimento.

“Dal 7 al 24 settembre tornano I Maestri del Paesaggio, manifestazione internazionale che celebra ogni anno la cultura del Paesaggio a Bergamo. La nostra città si consacra ogni anno in questo periodo come capitale mondiale del Paesaggio: il programma della manifestazione cresce e si arricchisce anno dopo anno, attirando in città non solo i più importanti paesaggisti del mondo, ma anche migliaia di visitatori e appassionati. Il Comune di Bergamo continua a credere con convinzione in questa manifestazione, contemporaneamente laboratorio e osservatorio, anche e soprattutto grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Bergamo: la dimostrazione sta nel fatto che i Maestri del Paesaggio sono coinvolti nella progettazione di parchi e aree verdi della città, creando una connessione sempre più stretta con il territorio e il tessuto della città.”  – ha dichiarato Giorgio GoriSindaco di Bergamo. 

Il calendario è pensato per favorire scoperte, incontri e riflessioni a tu per tu con le più famose archistar del Paesaggio, che saranno ospiti all’importante appuntamento dell’International Meeting of Landscape and Garden (22-23 settembre): due giorni di osservatorio sui migliori esempi di cultura del paesaggio e del giardino.

Questa manifestazione è una splendida opportunità per accendere i riflettori su tematiche a me care come l’ambiente e la sostenibilità ed è inoltre un’occasione per promuovere una vera e propria cultura del paesaggio, ancora poco diffusa nel nostro Paese. Siamo partiti da una kermesse a contenuto soprattutto divulgativo per giungere ad un perfetto mix tra cultura del paesaggio e cultura pop in grado di valorizzare la Città usandola come teatro per uno spettacolo che parla della bellezza dell’opera umana e crea indotto turistico” ha dichiarato Maurizio Vegini, presidente di Arketipos.

L’impegno divulgativo che anima I Maestri del Paesaggio ha reso possibile la realizzazione del primo International Master in Garden and Open Space Design. Nell’anno accademico 2017/2018 prenderà il via il primo ciclo dell’innovativo Master, frutto dell’attività del Bergamo Landscape and Garden Institute, reso possibile grazie ad un accordo tra Università degli Studi di Bergamo, Regione Lombardia, Comune di Bergamo, Fondazione Lombardia per l’Ambiente e Arketipos

Il Master internazionale integra una offerta formativa accademica nell’analisi territoriale e nell’urban planning con le competenze di professionisti di alto livello nel landscape and garden design, con laboratori di progettazione sul campo e masterclass tematiche. Credo rappresenti una sfida innovativa e stimolante per i docenti e una occasione importante per i corsisti di costruirsi solide competenze professionali” ha dichiarato Fulvio Adobati, prorettore dell’Università degli Studi di Bergamo.

ECOZEMA: tutto per il servizio in tavola biodegradabile e compostabile.

 

Eventi culturali Lago di Como – Villa Carlotta anche per i bimbi

Le famiglie, con bambini di minimo 5 anni, possono partecipare al laboratorio  “Fili ribelli” 

VENERDI 8 SETTEMBRE, ore 8.45

Convegno “Minori soli che attraversano le porte d’Europa – sulle rotte di un sogno di Futuro e Libertà”

 

Villa Carlotta  ospita il convegno “Minori soli che attraversano le porte d’Europa – sulle rotte di un sogno di Futuro e Libertà”, organizzato dalla Cooperativa Progetto Sociale di Cantù e dal Coordinamento Nazionale delle Comunità per Minori.

Il convegno vuole mettere a tema il disagio che vivono i ragazzi che da soli arrivano in Italia, disagio dovuto dalla separazione dalla propria famiglia, dal proprio territorio, dai traumi vissuti durante il viaggio e dalla difficoltà di inserimento nella nostra società. Aiuteranno le riflessioni la presenza dello scrittore Luca Attanasio, autore del libro “Il bagaglio” e il professor Fulvio Scaparro dell’Associazione Ge.A di Milano.

 

SABATO 9 settembre, ORE 18

Concerto dedicato a Beethoven del pianista Christian Leotta

Villa Carlotta ospiterà il secondo dei quattro imperdibili concerti che concludono il ciclo delle 32 sonate di Beethoven interpretato dal giovane pianista comasco di fama internazionale Christian Leotta.

Prenotazione posti, prevendita, informazioni: biglietteria Villa Carlotta, tel. 0344.40405.

Ingresso: Euro 20.

SABATO 9 e DOMENICA 10 SETTEMBRE   

Mostra PERLE DI VETRO,

 

Continua la possibilità di visitare la mostra Perle di Vetro, la collezione di perle preziose di Augusto e Giuliana Panini, una straordinaria raccolta che racconta un viaggio affascinante nel tempo e nello spazio tra Venezia, il Medio Oriente e l’Africa.

La mostra si inserisce nella rassegna dal titolo “Intrecci di culture”, in programma dal 5 agosto al 24 settembre: Villa Carlotta è ora, come in passato, un luogo di incontro e di scambio in cui si confrontano e si intrecciano culture diverse, persone, tradizioni, abitudini, storie e forme d’arte.

SABATO 9 e DOMENICA 10 SETTEMBRE   

Mostra BOTANICA DELLA MUSICA

Ultimo weekend per poter visitare la  mostra “Botanica della musica”  che fa parte della rassegna “Suoni Ritrovati”.

Tema della mostra: Alberi, liuteria e suoni armonici –  dalle piante d’origine agli strumenti musicali.

La mostra, in collaborazione con l’Orto Botanico di Bergamo Lorenzo Rota, pone in evidenza le relazioni tra la botanica e la musica, prendendo come riferimento gli alberi e gli arbusti degli strumenti ad arco e a pizzico della tradizione occidentale. L’accento è posto sugli organismi vegetali di cui ricordiamo la provenienza, l’ambiente di crescita, lo status di conservazione, la tassonomia, la loro importanza in liuteria.

DOMENICA 10 SETTEMBRE, ORE 15

INAUGURAZIONE ARCHIVIO BELLONI – ZECCHINELLI

Uno scrigno di saperi creato dai due ricercatori che per oltre 50 anni hanno studiato la storia dell’arte, l’archeologia, le tradizioni e i costumi del territorio lariano.

DOMENICA 10 SETTEMBRE, DALLE ORE 15 ALLE 16

Laboratorio per famiglie “Fili ribelli”

Il laboratorio fa parte della mostra Intrecci di fili: tessitura a mano a cura di Raffaella De Bortoli e Alessia Franchini. (2-17 settembre)

Il laboratorio di sperimentazione della tessitura a mano LILA si propone di esplorare le infinite possibilità del mondo tessile concentrandosi particolarmente sui giochi generati dall’accostamento dei colori. Utilizzando antichi telai in legno, LILA crea manufatti unici e irripetibili con filati pregiati quali lane, sete e cashmere.

Le famiglie, con bambini di minimo 5 anni, possono partecipare al laboratorio  “Fili ribelli” 

In programma il 3,10 e 17 settembre dalle 15 alle 16

Prenotazioni a segreteria@villacarlotta.it .

Costo: bambino 10,00 euro e adulto 15,00 euro (visita al giardino e al museo con partecipazione all’evento prenotato)

 

Archeologia a Milano – Antico Egitto rivive al MUDEC

L’Età dell’Oro dell’Antico Egitto rivive al MUDEC

attraverso la straordinaria scoperta della tomba del Faraone Amenofi II, ricostruita in scala 1:1 nelle sale del Museo delle Culture

EGITTO

La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II

MUDEC-Museo delle Culture di Milano

13 settembre 2017 – 7 gennaio 2018

L’Antico Egitto, la sua millenaria e affascinante cultura e una grande scoperta archeologica sono i protagonisti indiscussi della stagione espositiva del MUDEC per l’autunno 2017.

Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II”, in programmazione dal 13 settembre 2017 al 7 gennaio 2018, narra al visitatore il racconto della vita e della figura del faraone Amenofi II, vissuto tra il 1427 e il 1401 a.C. durante la XVIII dinastia (1550 – 1295 a.C.), figlio del grande Thutmosi III e sovrano di una corte sfarzosa, eroico protagonista di un’epoca storica straordinariamente ricca.

La mostra esporrà reperti provenienti dalle più importanti collezioni egizie mondiali: dal Museo Egizio del Cairo al Rijksmuseum van Oudheden di Leida, dal Kunsthistorisches Museum di Vienna al Museo Archeologico Nazionale di Firenze. Da queste realtà museali e da collezioni private provengono statue, stele, armi, oggetti della vita quotidiana, corredi funerari e mummie.

Fondamentale la collaborazione con l’Università Statale di Milano, che presterà i documenti originali di scavo della tomba del faraone custoditi nei suoi preziosi Archivi di Egittologia, e la collaborazione con la rete dei musei civici milanesi, sempre molto attiva; in particolare il Museo del Castello Sforzesco nel periodo autunno-inverno 2017 presterà a questa mostra alcuni reperti della collezione egizia, in occasione della chiusura temporanea delle proprie sale per ristrutturazione.

Avrà inoltre importanza fondamentale l’apparato multimediale e scenografico presente nelle sale della mostra, con vere e proprie esperienze immersive che evocheranno le calde e antiche atmosfere nilotiche dei paesaggi egiziani del II millennio a.C., dando all’esposizione un taglio unico, nel segno distintivo delle mostre MUDEC.

La mostra è promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, che ne è anche il produttore, in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano. Sono entrambi egittologi della Statale infatti i due curatori, Patrizia Piacentini, titolare della cattedra di Egittologia, e Christian Orsenigo, che con il coordinamento dell’egittologa Massimiliana Pozzi Battaglia (SCA-Società Cooperativa Archeologica) hanno ideato un percorso che coniuga approfondimento scientifico ed emozione. Sia la tematica che i reperti esposti, infatti, permetteranno un approccio che predilige l’attrattiva sul grande pubblico e offriranno contemporaneamente spunti di ricerca e possibilità di approfondimento agli studiosi così come ai molti appassionati della materia.

La mostra si propone l’intento di raccontare al pubblico una doppia ‘riscoperta’: quella della figura storica del faraone Amenofi II, spesso ingiustamente oscurata dalla fama del padre Thutmosi III; e la ‘riscoperta’ archeologica del grande ritrovamento nella Valle dei Re della tomba di Amenofi II.

IL PERCORSO ESPOSITIVO

Il cuore della mostra sarà la figura del faraone Amenofi II.

Sebbene sia stato un sovrano importante, Amenofi II non è mai stato oggetto di una mostra monografica ed è poco noto al grande pubblico, forse perché messo in ombra dal celebre padre Thutmosi III ma, anche perché i documenti relativi alla scoperta della sua tomba nella Valle dei Re da parte dell’archeologo Victor Loret nel 1898 erano sconosciuti fino a una quindicina di anni fa.

Oggi questi documenti originali sono di proprietà dell’Università degli Studi di Milano, che li conserva negli Archivi di Egittologia – tra i più ricchi al mondo – e per la prima volta verranno esposti al pubblico in un contesto assolutamente “teatrale”. I preziosi materiali d’archivio saranno presentati facendo letteralmente vivere l’emozione della scoperta al visitatore attraverso una ricostruzione in scala 1:1 della sala a pilastri della tomba di Amenofi II. Un’esperienza immersiva che accompagnerà il pubblico invitandolo ad entrare, attraverso un focus sulle credenze funerarie e la mummificazione, nella camera funeraria per ammirare i tesori che accompagnavano il faraone nel suo viaggio verso l’Aldilà. L’archeologo Loret portò alla luce non solo la mummia del faraone, ma anche quelle di alcuni celebri sovrani del Nuovo Regno, che erano state nascoste all’interno di una delle quattro stanze annesse alla camera funeraria, con lo scopo di sottrarle alle offese dei profanatori di tombe. Tra gli altri corpi ritrovati da Loret nella tomba, anche quelli della madre e della nonna di Tutankhamon.

L’antica civiltà del Nilo all’epoca del II millennio a.C. verrà presa in esame nelle altre sezioni della mostra. La vita quotidiana, con gli usi e i costumi delle classi sociali più vicine alla corte di Amenofi II, sarà illustrata attraverso gioielli e armi, oggetti legati alla moda e alla cura del corpo, che mostreranno il livello tecnologico e sociale raggiunto in questo periodo della storia egizia. Il tema delle credenze funerarie fornirà spunti di riflessione in merito alla lunga e complessa durata di questa straordinaria civiltà antica.

Con il mondo del faraone Amenofi II e l’Età dell’Oro dell’Antico Egitto il MUDEC torna a raccontare la Storia e le sue trasformazioni, le culture antiche e le civiltà native, le migrazioni dei popoli e gli scambi culturali, i viaggi di celebri esploratori e le grandi scoperte archeologiche.

Dal 13 settembre al 7 gennaio 2018 l’Antico Egitto e la sua millenaria cultura, a Milano, saranno al MUDEC. 

INFO UTILI:

SEDE ESPOSITIVA e DATE MUDEC – Museo delle Culture di Milano (Via Tortona, 56)

Dal 13 settembre 2017 al 7 gennaio 2018.

ORARI Lun 14.30 ‐19.30 | Mar, Mer, Ven, Dom 09.30 ‐ 19.30 | Gio, Sab 9.30‐22.30