Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

GRIMALDI LINES – TORNA LA NAVE CARICA DI LIBRI E CULTURA – Da Porto Torres a Barcellona

Dal 21 al 26 aprile a bordo dell’ammiraglia Cruise Barcelona

per l’ottava edizione del grande evento culturale “Una Nave di Libri” per Barcellona

Torna anche nel 2017 “Una Nave di Libri” per Barcellona, il grande evento culturale organizzato dalla testata “Leggere: tutti” a bordo della nave Cruise Barcelona, ammiraglia della flotta Grimaldi Lines, in programma dal 21 al 26 aprile prossimi.

Come ogni anno, l’iniziativa celebrerà la Giornata Mondiale del Libro e la ricorrenza di San Giorgio, festeggiata a Barcellona con una grande festa popolare e con l’allestimento di centinaia di pittoresche bancarelle dove acquistare libri e rose rosse per il tradizionale scambio di doni tra uomini e donne.

Il tempo da trascorrere a bordo, durante la navigazione tra Civitavecchia e la capitale catalana, sarà tutto un susseguirsi di reading e dibattiti, proiezioni di film e spettacoli teatrali, con la partecipazione di scrittori, giornalisti e registi di fama internazionale: tra gli altri saranno presenti le scrittrici Nadia Terranova e Catena Fiorello e gli scrittori Roberto Riccardi e Vittorio Russo.

Ospite d’eccezione di questa ottava edizione è la nostra Sardegna, una sorta di ponte tra l’Italia e la Spagna e per questo ricca di tradizioni antichissime legate alla cultura catalana. Numerosi saranno infatti gli eventi dedicati a questa regione a cura dell’Associazione Samedì.

Sarà inoltre particolarmente folta la presenza a bordo di scrittori sardi, quali Giuseppe Corongiu, Vindice Lecis, Giovanni Follesa e Livy Former, oltre alla produttrice e sceneggiatrice Laura Marcellino, al cantante e scrittore Davide Casu, al critico d’arte Giorgio Pellegrini e allo chef Giovanni Fancello.

L’arrivo a Barcellona è previsto per la sera di sabato 22 aprile.

Qui, in terra catalana, i partecipanti potranno prendere parte alla festa popolare di San Giorgio e vivere l’esperienza unica di passeggiare in una vera e propria libreria a cielo aperto ornata di fiori colorati, curiosando tra centinaia di bancarelle con le ultime novità editoriali, oppure potranno partecipare alle tante iniziative promosse dall’Istituto Italiano di Cultura, dalla Casa degli Italiani di Barcellona e dall’Associazione Samedì. Per due interi giorni Barcellona si lascerà scoprire in tutto il suo fascino, con le Ramblas, il Barrio Gotico e i capolavori di Gaudì.

Le quote partono da 475 euro a persona e comprendono: viaggio a/r da Civitavecchia o da Porto Torres a Barcellona (tasse incluse) a bordo dell’ammiraglia di Grimaldi Lines con pernottamento in cabina interna doppia, 2 prime colazioni, 2 pranzi e 2 cene presso il self-service di bordo, 3 notti in camera doppia presso hotel a Barcellona di categoria tre stelle con trattamento di pernottamento e prima colazione, programma di eventi e animazioni a bordo.

E’ possibile imbarcarsi da Porto Torres la mattina di sabato 22 aprile, con rientro sempre a Porto Torres previsto per la mattina di mercoledì 26 aprile.

Il programma dell’evento è disponibile sui siti internet www.grimaldi-lines.com e www.leggeretutti.it

Il Gruppo Grimaldi ha sede a Napoli, controlla una flotta di 120 navi e ha circa 13 mila dipendenti. Facente capo alla famiglia Grimaldi, il Gruppo è uno dei più grandi operatori di navi Ro/Ro nel mondo. Nel settore Passeggeri, oltre a Grimaldi Lines, il Gruppo controlla Finnlines, leader nel Mar Baltico, e la greca Minoan Lines, operante tra il Pireo (il porto di Atene) e l’Isola di Creta.

Arte fotografica a Torino – Brescia – Cremona – 70 anni fa nacque l’’agenzia fotografica Magnum

Foto di copertina: Thomas Dworzak Magnum Photos in mostra a Torino.

A Torino, Camera – Centro Italiano per la Fotografia, festeggia la ricorrenza con la mostra L’’Italia di Magnum:

Da Cartier-Bresson a Pellegrin (2 marzo – 21 maggio 2017)


Brescia. Dove, dal 7 marzo,  la prima edizione di “Brescia Photo Festival 2017”

Con 3 mostre.

——————

Al Museo del Violino di Cremona, “Life – Magnum. Il fotogiornalismo che ha fatto la storia” (4 Marzo – 10 Giugno 2017)

——————–

… Da quel giorno del 1947, le immagini di Magnum hanno connotato e cambiato la percezione della cronaca e della storia del mondo …

i fotografi diventavano così proprietari del loro lavoro, prendevano decisioni collettivamente,

Proprio 70 anni fa – si era nel 1947 – sulla terrazza del Museo d’Arte Moderna di New York, nacque l’’agenzia fotografia Magnum.

Si andava così concretizzando il progetto messo a punto da Robert Capa durante la guerra civile spagnola e discusso con altri fotografi come Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David Seymour e William Vandivert.

L’’esigenza era quella di salvaguardare il lavoro del fotografo, rispettandone dignità professionale, sia dal punto di vista etico che da quello economico.

Attraverso la formula della cooperativa, i fotografi diventavano così proprietari del loro lavoro, prendevano decisioni collettivamente, proponevano autonomamente alle testate i propri servizi e mantenevano i diritti sui negativi, garantendo così una corretta diffusione delle loro immagini.

Alcuni dei protagonisti individuarono specifiche aree geopolitiche e culturali di interesse: Cartier-Bresson sceglierà l’Asia (una scelta che lo porterà a compiere diversi viaggi in Cina, India, Birmania e Indonesia), Seymour si concentrerà sull’Europa, Rodger sull’Africa, mentre Capa, dall’America, sarà pronto a partire per ogni dove.

L’’impegno in prima linea ha portato alla tragica scomparsa di due dei soci fondatori, Robert Capa e David Seymour, oltre che di un altro dei soci della prima ora, lo svizzero Werner Bischof, tutti vittime dei teatri di guerra degli anni Cinquanta.

Da quel giorno del 1947, le immagini di Magnum hanno connotato e cambiato la percezione della cronaca e della storia del mondo, narrando i grandi e i piccoli eventi dell’umanità per un settantennio. E ancora oggi Magnum, con sedi a New York, Parigi, Londra e Tokyo resta, nonostante le innovazioni del mondo dell’informazione, la fonte più autorevole di immagini del mondo.

Numerose le iniziative nel mondo in occasione del settantesimo anniversario di Magnum Photos, e anche in Italia, ben tre città – Torino, Cremona e Brescia – renderanno omaggio alla più storica e autorevole agenzia fotografica internazionale.

A Torino, Camera – Centro Italiano per la Fotografia, festeggia la ricorrenza con la mostra L’’Italia di Magnum.

Da Cartier-Bresson a Pellegrin (2 marzo – 21 maggio 2017), a cura di Walter Guadagnini con la collaborazione di Arianna Visani. Venti sono gli autori (tra cui Robert Capa, David Seymour, Elliott Erwitt, Herbert List, Ferdinando Scianna, Martin Parr) chiamati a raccontare eventi grandi e piccoli, personaggi e luoghi dell’Italia dal dopoguerra a oggi, in un affascinante intreccio di fotografie iconiche e di altre meno note.

Al Museo del Violino di Cremona, a cura di Marco Minuz, i 70 anni di Magnum danno vita a “Life – Magnum. Il fotogiornalismo che ha fatto la storia” (4 Marzo – 10 Giugno 2017). In mostra fotografie di Eve Arnold, Werner Bischof, Bruno Barbey, Cornell Capa, Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Bruce Davidson, Elliott Erwitt, Ernst Haas, Philippe Halsman, Inge Morath, Dennis Stock. La mostra, per la prima volta, analizza il racconto fra celebri reportage realizzati dai membri di Magnum Photos e il settimanale illustrato americano dove essi vennero pubblicati .

Terzo appuntamento a Brescia. Dove, dal 7 marzo, prenderà vita la prima edizione di “Brescia Photo Festival 2017” dove Magnum sarà raccontata da ben tre mostre: “

Magnum First”, al Santa Giulia e sino al 3 settembre, ripropone, per la prima in Italia, le 83 stampe vintage in bianco e nero di Henri Cartier-Bresson, Marc Riboud, Inge Morath, Jean Marquis, Werner Bischof, Ernst Haas, Robert Capa e Erich Lessing.

Sempre a Santa Giulia ci sarà anche “Magnum – La première fois” con i servizi che hanno reso celebri 20 grandissimi fotografi Magnum, tramite proiezioni e stampe originali.

-Inoltre, nella sede della Camera di Commercio di Brescia, sarà possibile ammirare per la prima volte le proiezioni di Brescia Photos, tre reportage su Brescia ed il suo territorio realizzati nel 2003 da tre celeberrimi reporter Magnum: Harry Gruyaert, Alex Majoli e Chris Steele-Perkins.

Per informazioni
www.camera.to
www.bresciamusei.it
www.museodelviolino.org

Evento a Cernobbio – Como – 1 aprile 2017 Villa Bernasconi valorizzata da Wikipedia

Villa Bernasconi in puro stile Liberty a Cernobbio – Como.

Iscriversi per l’occasione

Scrivere nuove voci dedicate alla Villa, al suo proprietario …

Villa Bernasconi come gli Uffizi: un’editathon per valorizzarla su Wikipedia

Sabato 1 aprile 2017 la dimora liberty di Cernobbio ospiterà
una giornata per la creazione e l’approfondimento
di voci dell’enciclopedia on-line

Sabato 1 aprile 2017 Villa Bernasconi a Cernobbio ospiterà la sua prima editathon per la compilazione e la revisione di voci di Wikipedia, la più grande enciclopedia gratuita della rete internet.

Si tratta di una maratona di scrittura in cui volontari wikipediani esperti insieme a nuovi utenti, che si potranno iscrivere per l’occasione, lavoreranno alla creazione di nuove voci dedicate alla Villa, al suo proprietario, l’industriale tessile Davide Bernasconi ed alla sua azienda, le Tessiture Bernasconi.

Si tratta di un format già sperimentato più volte da Wikimedia Italia: tra gli appuntamenti più recenti, quello alle Gallerie degli Uffizi di Firenze, al Politecnico e all’Università Statale di Milano.

L’evento è organizzato da Wikimedia Italia, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Cernobbio e la Cooperativa Sociale Mondovisione, nell’ambito del progetto Liberty Tutti, finanziato da Fondazione Cariplo che ha l’obiettivo di rendere Villa Bernasconi una struttura strategica per il territorio e il suo sviluppo turistico, attraverso il coinvolgimento dei giovani e l’applicazione delle moderne tecnologie. In particolare, il progetto Liberty Tutti mira a consolidare il ruolo della Villa come centro per lo sviluppo culturale e per l’innovazione per un bacino di utenti sempre più ampio.

Il programma prevede al mattino, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, un workshop di formazione per i nuovi redattori e dopo pranzo, dalle ore 13.30 alle ore 17.30, l’editathon vera e propria, durante la quale ci si concentrerà anche su altri monumenti di Cernobbio, come la Chiesa di San Vincenzo, e su voci inerenti ad alcune delle ville più famose della città, quali Villa Erba e Villa d’Este.

«Cernobbio è una località turistica nota in tutto il mondo, ma purtroppo Wikipedia non ha ancora un’ampia copertura degli edifici di valore architettonico presenti nella città” – commenta Maurizio Codogno, portavoce di Wikimedia Italia -. Siamo lieti che i contatti col Comune di Cernobbio, avviati in occasione di Wiki Loves Monuments e proseguiti con una Wikigita, portino ora a questa iniziativa: le conoscenze tecniche dei wikipediani e quelle storiche dei cernobbiesi produrranno un risultato fruibile da chiunque, in tutto il mondo.»

Con questo evento il comprensorio del lago di Como conferma l’impegno a valorizzare il proprio territorio attraverso i progetti wiki, già mostrato ospitando il raduno di Wikimania ad Esino Lario e altri importanti appuntamenti per la comunità.

Informazioni utili

La partecipazione all’Editathon è gratuita ed è riservata a 20 persone con iscrizione obbligatoria on-line, fino ad esaurimento dei posti disponibili, sul sito https://www.eventbrite.it/e/biglietti-editathon-a-villa-bernasconi-32649441358

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Ufficio Cultura del Comune di Cernobbio al numero 031.343250 dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 14.00.

ARCHEOLOGIA A RAVENNA – 24 MARZO 2017 CONVEGNO – Le Mummie di Roccapelago 3.0

Le Mummie di Roccapelago 3.0: la rinascita degli antichi abitanti attraverso cinque anni di studi. Una scoperta scientifica straordinaria

Venerdì 24 marzo

Sala delle Conferenze, via Ariani 1, Ravenna

Il Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Bologna, sede di Ravenna, presenta il Convegno “Le Mummie di Roccapelago 3.0: la rinascita degli antichi abitanti attraverso cinque anni di studi” a cura di Stefano Benazzi, Giorgio Gruppioni, Mirko Traversari, con il patrocinio dell’Ausl Romagna e la collaborazione del gruppo Ausl Romagna Cultura, che si terrà a Ravenna venerdì 24 marzo, presso la Sala delle Conferenze in via Ariani 1.

Si tratta di una scoperta che ha fatto il giro del mondo e che il 24 marzo vedrà la presentazione di cinque anni di studi, che porteranno sicuramente a risultati scientifici davvero importanti per archeologi, antropologi e studiosi di svariate discipline che, insieme, potranno ricostruire vita, attività e condizioni di salute di un’intera comunità tra XVII e XVIII secolo.

La cripta sotto la Chiesa della Conversione di S. Paolo di Roccapelago ha restituito circa 300 inumati fra infanti, subadulti e adulti.

Un numero rilevante di corpi, conservati in connessione anatomica parzialmente scheletrizzati, che erano stati deposti vestiti con camicie e calze pesanti, entro un sacco o un sudario, diverse decine di corpi conservano parti cospicue di tessuti molli mummificati.

Il rinvenimento si è dimostrato subito eccezionale , sia per il numero di individui riferibili ad una piccola comunità montana, sia per il loro stato di conservazione, e soprattutto per lo stato di parziale mummificazione, dovuto non ad interventi artificiali (spesso riservati a personaggi importanti del ceto religioso o a membri di famiglie illustri) ma alle particolari condizioni microclimatiche dell’ambiente di inumazione.

In particolare, ciò che attira maggiormente i ricercatori a indagare su questi territori è lo studio delle malattie multifattoriali (malattie ostearticolari e malattie metaboliche), quelle malattie cioè che hanno una dipendenza parziale da molti geni diversi, da fattori ambientali e dalle interazioni tra i due: è proprio negli isolati genetici, con le loro popolazioni così omogenee e con caratteristiche ambientali e sociali rimaste inalterate nel corso del tempo, che risulta più facile identificare i frammenti di Dna responsabili di alcune patologie.

Roccapelago si distingue in quanto la comunità è un unicum storico e attuale. Il ritrovamento delle mummie ha reso possibile l’individuazione durante lo scavo di un numero considerevole di caratteri epigenetici che hanno confermato l’appartenenza degli individui a stessi gruppi famigliari. Inoltre l’identificazione (già effettuata) di patologie degenerative e/o con eziologia infettiva spinge il caso in oggetto ad essere considerato una fonte importantissima.

A convegno svolto, verrà inviato un comunicato stampa sui risultati scientifici effettuati sulle mummie e presentati dagli studiosi.

Per ulteriori informazioni sull’iniziativa :

http://www.beniculturali.unibo.it/it/eventi/le-mummie-di-roccapelago-3.0-la-rinascita-degli-antichi-abitanti-attraverso-cinque-anni-di-studi#–

Programma del Convegno

24 marzo 2017

10.30-10.40 Luigi Tomassini (Università di Bologna) Saluti

10.40-10.50 Giorgio Gruppioni (Università di Bologna) Apertura del convegno

10.50-11.10 Donato Labate (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara) Introduzione

PRIMA SESSIONE Moderatore: Stefano Benazzi

11.10-11.30 Carla Figus (Università di Bologna) Mortalità infantile a Roccapelago: tra analisi antropologiche ed archivi storici

11.30-11.50 Mirko Traversari (Università di Bologna) Nozze a Roccapelago, tra endogamia, esogamia ed isonimia

11.50-12.00 Pausa

12.00-12.20 Elisabetta Cilli (Università di Bologna) Paleogenetica e paleodemografia degli antichi abitanti di Roccapelago

12.20-12.40 Federico Lugli (Università di Modena e Reggio Emilia) Dieta e pratiche di foraggiamento a Roccapelago: primi risultati dalle analisi degli isotopi stabili ed elementi in traccia

12.40-13.00 Donata Luiselli (Università di Bologna) Variabilità del microbiota e dieta nelle mummie di Roccapelago

13.00-14.30 Pranzo

SECONDA SESSIONE Moderatore: Stefano Benazzi

14.30-14.50 Maria Grazia Bridelli (Università di Parma) Resistere al tempo: analisi fisiochimiche sui tessuti biologici delle mummie di Roccapelago

14.50-15.10 Stefano Vanin (University of Huddersfield) Indagine morfologica e molecolare sui reperti entomologici di Roccapelago

15.10-15.30 Thessy Schoenholzer Nichols (Storica del tessuto e del costume antico) “Uso e abuso di indumenti”, camicie e calze delle mummie

15.30-15.50 Sara Piciucchi, Enrico Petrella (Azienda USL della Romagna sede operativa di Forlì) L’impiego dell’imaging radiologico mediante Tomografia Computerizzata per indagare le condizioni di vita ed i segni di malattia su 13 mummie naturali di Roccapelago

16.10-16.30 Discussione e considerazioni finali Intervengono: Luigi Tommassini, Donato Labate, Giorgio Gruppioni, Stefano Benazzi, Carla Figus, Mirko Traversari, Elisabetta Cilli, Federico Lugli, Donata Luiselli, Maria Grazia Bridelli, Stefano Vanin, Thessy Schoenolzer Nichols, Sara Piciucchi, Enrico Petrella, Antonino Vazzana, Laura Buti, Rita Sorrentino, Gregorio Oxilia, Patrizia Serventi, Marta Ciucani.

16.30 Chiusura dei lavori

Segreteria del Convegno: Mirko Traversari, Antonino Vazzana

Il Convegno è patrocinato da Azienda USL della Romagna e Gruppo AUSL Romagna Cultura

Entrata gratuita a Bergamo – BergamoScienceCenter sei settimane di eventi per tutti – studenti – giovani – adulti – professionisti – pensionati – educatori – PMI – innovatori – makers – bambini

Dal 3 marzo al 15 aprile 2017
al BergamoScienceCenter

sei settimane di eventi per tutti

Abbiamo imparato a creare con lo zero e l’uno.

Programmiamo macchine per svolgere operazioni al nostro posto,
creiamo tecnologia che plasma il nostro operato e modifica le nostre abitudini,
siamo artefici e testimoni di una spinta innovativa senza precedenti.

Digitiamo costantemente producendo una mole di informazioni in esponenziale crescita.

La tecnologia digitale ci affianca quotidianamente nelle operazioni più semplici,
cosi come in quelle più complesse.

Ci rivediamo ora in film di fantascienza di vent’anni fa.

Viviamo nel futuro.
Viviamo giorni sempre più digitali.
Quanto ne siamo consapevoli?

Sei settimane di eventi speciali, conferenze, laboratori e approfondimenti

per studenti, giovani, adulti, professionisti,
pensionati, educatori, PMI, innovatori, makers, bambini e
chiunque voglia capire un po’ meglio questo tempo.

BergamoScienza ringrazia
Daniele Cremaschi
per aver curato il programma dei DigitalDays,
i relatori, le imprese, il comitato giovani e tutti i partner coinvolti.

***

venerdì 3 marzo ore 21.00
Conferenza di apertura
Rigenerare il cervello tra finzione e realtà

Relatore : Gianvito Martino
Istituto di Neurologia Sperimentale, Divisione di Neuroscienze,
Ospedale San Raffaele, Milano- Segretario Comitato Scientifico BergamoScienza

TUTTI GLI EVENTI SONO GRATUITI CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.

ARTE – Le MOSTRE più importanti inverno 2016- 2017

mostra-via-della-seta-672-16-capriccio_d_acqua_cina

mostra-672-via-della-seta-coppa_procuratoria_venezia-3572-800-600-80Aperta al Quirinale dal 6 dicembre 2016:

Mostra “Dall’antica alla nuova Via della Seta”

Ingresso gratuito previa registrazione.

Dal 6 dicembre 2016 al 26 febbraio 2017 il Palazzo del Quirinale ospita, nella Galleria Alessandro VII, la mostra “Dall’antica alla nuova Via della Seta” che illustra la storia millenaria dei rapporti tra la Cina e l’Occidente, in particolare l’Italia.

UNA MOSTRA DA NON PERDERE; UNA SUMMA DI ELEGANZA E RAFFINATEZZA CHE OGGI POSSIAMO SOLO GUARDARE, MA FORSE NON SIAMO PIU’ IN GRADO NEMMENO DI RIPRODURRE.

Una piastrella che riproduce il gioco del polo dai tempi dell’antica Persia … alle raffinatissime babbucce di qualche principessa orientale … sete, ceramiche, pietre, oggetti preziosi e la perizia dei cartografi e tante altre eleganti sorprese.

La mostra è curata da Louis Godart, Consulente del Presidente della Repubblica in materia di iniziative ed eventi culturali ed espositivi, in collaborazione con David Gosset e Maurizio Scarpari.

L’ingresso è gratuito. Occorre prenotarsi con le seguenti modalità: on line sul sito http://palazzo.quirinale.it, tramite Call Center, tel. 06 39.96.75.57, o presso l’Infopoint, salita di Montecavallo 15.

Giorni di apertura dal 6 al 18 dicembre 2016 e dal 10 gennaio al 26 febbraio 2017 : martedì – mercoledì – venerdì – sabato – domenica
Giorni di apertura dal 19 dicembre 2016 al 9 gennaio 2017: 19-20-21-22-23-27-28-29-30 dicembre 2016 e 3-4-5 gennaio 2017

Orario: dalle ore 10.00 alle 16.00 (ultimo ingresso ore 15.00).

————-

FONDAZIONE FERRERO

FUTUR BALLA

giacomo-balla-672-Dinamismo di un cane al guinzaglio

ALBA (Cuneo)

FUTUR BALLA

Alba, Fondazione Piera Pietro e Giovanni Ferrero

Una mostra di risonanza internazionale.

Ogni mostra della Fondazione Ferrero è un piccolo-grande prezioso gioiello della storia dell’arte.

Solo il quadro: Dinamismo di un cane al guinzaglio, meriterebbe la visita.

FUTUR BALLA

balla-giacomo-futurballa-fondazione-ferrero-alba

Alba, Fondazione Piera Pietro e Giovanni Ferrero
29 ottobre 2016 – 27 febbraio 2017
Mostra a cura di Ester Coen

Giacomo Balla (Torino 1871 – Roma 1958), figura straordinaria di pittore e fondamentale raccordo tra l’arte italiana e le avanguardie storiche.

L’esposizione è articolata in sezioni tematiche:

-il realismo sociale e la tecnica divisionista;

-le compenetrazioni iridescenti e gli studi sulla percezione della luce;

-l’analisi del movimento e il futurismo.

Nelle opere che seguono il primo apprendistato torinese, lo sguardo penetra la realtà dolorosa e crudele delle classi ai bordi della società.

Un ampio numero di opere documenterà questa fase – tra fine ottocento e primi novecento – durante la quale, in parallelo a temi tra sofferenza e alienazione, l’artista svilupperà un’altissima sensibilità tecnica, le cui origini affondano nel divisionismo piemontese.

La pennellata ricca di filamenti luminosi, il forte contrasto tra chiari e scuri, la scelta di tagli prospettici audaci ed estremi rappresenterà per i futuri aderenti al Manifesto del Futurismo un modello unico e straordinario da seguire.

La mostra di Alba evidenzia poi l’adesione alla poetica del Futurismo.

Dal realismo dei primi dipinti si assisterà alla trasposizione dei precedenti principi compositivi nella materia dinamica e astratta delle Compenetrazioni iridescenti a larghi tasselli cromatici, alla ricomposizione della nuova realtà in movimento nelle Linee di velocità.

In un progressivo avvicinamento ai segni matematici puri:

-verticale, diagonale, spirale, il linguaggio di Balla scopre nuove categorie della rappresentazione nei suoi parametri primari, nell’amplifica zione del fenomeno fisico, isolato, sezionato e inquadrato in tutta la sua verità di materia vibratile. Una visione capace di attingere alle massime profondità, ma di sfondare anche i limiti della cornice, in un gioco di rilancio verso la vita.

Le opere del percorso appartengono a prestigiose collezioni pubbliche e private, italiane ed estere e sarà possibile ammirare capolavori straordinari, difficilmente concessi in prestito: il Polittico dei viventi, nella sua completezza, dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e dall’Accademia di San Luca di Roma,

La mano del violinista dalla Estorick Collection di Londra, la Bambina che corre sul balcone dal Museo del Novecento di Milano, il Dinamismo di un cane al guinzaglio dalla Albright-Knox Art Gallery di Buffalo, il Volo di rondini del Museum of Modern Art di New York, la Velocità astratta + rumore in prestito dalla Peggy Guggenheim Collection di Venezia, che sarà accostata alla Velocità astratta. L’auto è passata della Tate Modern di Londra, e ancora un’Automobile in corsa proveniente da The Israel Museum of Gerusalemme. Solo per accennarne alcuni.

Orari
lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì ore 15 – 19; sabato, domenica e festivi ore 10 – 19 martedì chiuso
giorni di chiusura: 24, 25, 31 dicembre 2016, 1° gennaio 2017

Info
Fondazione Ferrero: ufficio stampa 346 3325466 0173 295094 ufficiostampa@fondazioneferrero.it www.fondazioneferrero.it

FONDAZIONE PIERA PIETRO E GIOVANNI FERRERO – O.N.L.U.S. – ENTE MORALE D. M. 6-12-91
Via Vivaro 49 – 12051 Alba (CN) – Cod. Fisc. 90016920044 – Tel. 0173 295259 – 0173 295085 – Fax 0173 363274 www.fondazioneferrero.it info@fondazioneferrero.it

La Fondazione Ferrero si avvale della collaborazione scientifica della GAM di Torino e della Soprintendenza Belle Arti del Piemonte per la realizzazione della mostra e delle attività educative ad essa collegate.

———

mostra-a-TREVISO LINEA D'OMBRA

TREVISO

Una mostra come non si è mai vista in Italia

Da NON perdere !!!

– DA MONET A RENOIR – DA VAN GOGH A GAUGUIN – TIZIANO – RUBENS – REMBRANDT E POI DA GUTTUSO A VEDOVA E SCHIFANO

29 ottobre 2016 al 17 aprile 2017

 PER FESTEGGIARE LINEA D’OMBRA

Storia dell’impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin , Tiziano, Rubens, Rembrandt.

L’immagine femminile tra Cinquecento e Seicento.

Tre capolavori dalla Scottish National Gallery di Edimburgo

Guttuso a Vedova a Schifano. Il filo della pittura in Italia nel secondo Novecento

De Pictura. 12 pittori in Italia

Treviso, Museo di Santa Caterina e Palazzo Giacomelli
29 ottobre 2016 – 17 aprile 2017

E’ una mostra di capolavori. 120 opere, tutti i grandi nomi e con lavori fondamentali: da Manet a Degas, da Monet a Renoir, da Pissarro a Sisley, da Seurat a Signac, da Fantin Latour a Toulouse-Lautrec, da Van Gogh a Gauguin.

L’impressionismo – in questa stringente congiuntura di storia e non solo di bella pittura – viene considerato quale punto di arrivo di un percorso che, partito appunto da Ingres e Géricault, giunge, con violenti distacchi e tiepide aperture, fino a Cézanne che spalanca le porte al Cubismo picassiano.

E a Cézanne è infatti dedicata l’ultima delle nove sezioni della mostra, quale tuffo nell’arte del XX secolo.

——————————-

MILANO

ARTE 300 _Hokusai_Great-Wave-off-Kana-200x200

ARTE 300 Fuji-rosso_Hokusai-Tempesta-sotto-la-cima-200x200

MOSTRA TERMINATA – MILANO

UNA DELLE MOSTRE DA NON PERDERE SE AMATE LA RAFFINATISSIMA GRAFICA GIAPPONESE
Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Luoghi e volti del Giappone che ha conquistato l’Occidente
22 settembre 2016 – 29 gennaio 2017
A cura di Rossella Menegazzo

Sono arrivati a Palazzo Reale tre grandi maestri dell’ukiyoe, Hokusai, Hiroshige e Utamaro, per una grande mostra che attraverso una selezione di oltre 200 opere racconta il Mondo Fluttuante, contrapposta all’etica del samurai e dedita al godimento di ogni singolo momento, al piacere e al divertimento in ogni sua forma.

Tante furono le scuole e gli artisti che si specializzarono in questi temi, tuttavia tre sono i maestri che ancora oggi rimangono punti di riferimento indiscussi: Katsushika Hokusai (1760-1849), Utagawa Hiroshige (1797-1858) e Kitagawa Utamaro (1753-1806).

L’esposizione con circa 200 silografie policrome e libri illustrati provenienti dalla prestigiosa collezione della Honolulu Academy of Arts è promossa e prodotta dal Comune di Milano insieme a MondoMostre Skira e curata dalla professoressa Rossella Menegazzo, docente di Storia dell’Arte dell’Asia Orientale dell’Università degli Studi di Milano.

La mostra metterà in luce da una parte le peculiarità tecniche, l’abilità e l’eccentricità dei singoli artisti, dall’altra il mercato dell’immagine dell’epoca che richiedeva di trattare soggetti precisi, luoghi e volti ben noti al pubblico, temi e personaggi alla moda.

Una domanda intorno alla quale crescevano inevitabilmente rivalità, prima ancora che tra gli stessi artisti, tra gli editori che producevano le opere e si contendevano i migliori pittori, incisori e stampatori per dar vita a serie di stampe sempre diverse, verticali, orizzontali, in forma di ventaglio, in formato di libro per soddisfare un mercato dell’editoria sempre più esigente e ampio.

IL PERCORSO DELLA MOSTRA propone una selezione di silografie dalle serie più significative dei tre artisti, mettendo in evidenza come fossero ricorrenti gli stessi soggetti e come per continuare a venderli nel tempo gli editori fossero obbligati a inventare espedienti come formati diversi e inquadrature diverse.
La mostra si inserisce all’interno di un calendario di eventi che avranno luogo in Italia lungo tutto l’arco del 2016 per celebrare il 150° Anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia con la stipula del primo Trattato di Amicizia e Commercio, firmato il 25 agosto 1866 tra Italia e Giappone, che diede inizio ai rapporti diplomatici tra i due Paesi.
Importanti contatti tra i due Paesi erano già avvenuti nei secoli precedenti, a partire dal XVI secolo, per volere di singoli feudi e signori dell’aristocrazia di spada particolarmente sensibili alla cultura occidentale e alla religione cristiana tanto da inviare missioni conoscitive in America, in Europa e in particolare in Italia e in Vaticano, tuttavia quello del 1866 è il primo trattato firmato tra Paesi moderni dopo oltre due secoli di chiusura del Giappone.
———-
ORARI
lunedì  per ragioni conservative e di tutela delle opere esposte a differenza di quanto precedentemente comunicato: CHIUSO
martedì, mercoledì, venerdì, domenica 09:30 – 19:30
giovedì e sabato 09:30 – 19.30
Per ragioni conservative e di tutela delle opere esposte la mostra il sabato anticipa la chiusura alle 19.30 anziché alle 22.30 (ultimo ingresso 18.30)
Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura.
BIGLIETTI:
*Audioguida inclusa_Intero € 12 /
Ridotto € 10 studenti, gruppi, over 65, disabili e convenzioni /
Ridotto Card Musei Lombardia Milano € 8 /
Ridotto scuole € 6 (valido anche per gruppi organizzati da Touring e FAI) / Famiglie adulto € 10, ragazzi € 6 (per 1 o 2 adulti + ragazzi da 6 a 14 anni).
———-

Arte 500 Rubens Palazzo Reale mostra 2016 k

Parigi, Louvre, RUBENS.
Parigi, Louvre, RUBENS.

MILANO

PALAZZO REALE

Due mostre da non perdere !

“ Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco ”

Dal 27 ottobre 2016 al 27 febbraio 2017

La mostra sottolinea le influenze di Rubens sugli artisti italiani più giovani, protagonisti del Barocco, come Pietro da Cortona, Bernini, Lanfranco e Luca Giordano, senza tralasciare nel contempo quelle esercitate sul pittore dall’arte antica e dalla pittura cinquecentesca.

Per rendere chiaro e lineare questo tema complesso, l’esposizione si concentra su opere di Rubens assolutamente esemplificative di questi temi, con confronti evidenti tra i suoi dipinti, alcune sculture antiche, alcune opere di grandi pittori rinascimentali e di altri artisti barocchi.

Dal 27 Ottobre 2016 al 27 Febbraio 2017
MILANO
LUOGO: Palazzo Reale
CURATORI: Anna Lo Bianco
COSTO DEL BIGLIETTO: intero € 12, ridotto € 10 (studenti, gruppi, over 65, disabili, tesserati Touring Club e FAI e convenzioni), scuole € 6, famiglia € 10 adulti e € 6 ragazzi (dai 6 ai 14 anni)
TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 02 88445181
E-MAIL INFO: c.mostre@comune.milano.it
SITO UFFICIALE: http://www.palazzorealemilano.it

RUBENS, esercitò sugli artisti più giovani; come Pietro da Cortona e Bernini.
Finalmente sarà possibile anche percepire la sua conoscenza e l’amore per l’arte classica e cinquecentesca.

———

ARTE 300 Maurits Cornelis Escher MOSTRA PALAZZO REALE

M.C. Escher_672 Mano con sfera riflettente

arte 450 escher-scale

MOSTRA TERMINATA – MILANO

PALAZZO REALE
Escher
Luglio 2016 – gennaio 2017

ESCHER olandese, nato nel 1898 e morto nel 1972, è il più grande incisore del ‘900.
La mostra è aperta a Palazzo Reale sino al 22 gennaio 2017.
Curatori: Marco Bussagli e Federico Giudiceandrea.
Sotto le regole della matematica, della natura e della scienza, Escher, ci svela un mondo di stupefacenti superfici specchianti, scale dove non si può salire o scendere; oggetti in continua trasformazione dove regna la magia dell’Arte, quella con la A maiuscola.
Il maestro olandese aveva anche una particolare sensibilità per le problematiche della matematica e della geometria. Il contatto con matematici e le sue esplorazioni sulle decorazioni arabe dell’Alhambra, lo portarono anche al triangolo impossibile con tre angoli retti; elaborò paradossi visivi e così creò i suoi mondi fantastici.
Nella mostra: 200 opere esposte in sei sezioni; come un’anticipazione delle future tecnologie digitali, una visione profetica.
L’artista Escher “nasce” dopo un viaggio in Italia con i genitori; all’età di 22 anni, proprio come nella più classica delle tradizioni della pittura nordica.
Diventa allievo di Jesserun de Mescquita, maestro dell’art noveau che gli suggerirà l’idea di una natura viva e in continua trasformazione.
Nel 1923 si trasferisce a Roma, dove rimane affascinato da Francesco Borromini e da Giovan Battista Piratesi.
Piratesi diviene per Escher fonte di inesauribile ispirazione e molte delle opere di Piratesi finiranno nello studio svizzero di Escher; dove nel frattempo si era trasferito (1936).
Escher recepirà anche il messaggio futurista; con le sue vertiginose prospettive di vedute dall’alto e le sue geometrie che possono essere riferite all’influenza di Giacomo Balla.

———

arnaldo-pomodoro-uj-arte

MOSTRA TERMINATA – MILANO

“Arnaldo Pomodoro. 90 anni di scultura”

Milano, Palazzo Reale

Dal 21 novembre 2016 al 22 gennaio 2017

Milano festeggia i 90 anni di Arnaldo Pomodoro con una grande antologica contemporaneamente allestita in DIVERSE SEDI attraverso un percorso che comprenderà l’intera città.

La mostra a Palazzo Reale è stata prodotta dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro e Palazzo Reale con la collaborazione di Mondo Mostre Skira, ed ospitata nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale.

Vi sono raccolte una trentina di sculture realizzate dal 1955 ad oggi.

In Piazzetta Reale è esposto, per la prima volta nella sua completezza, il complesso scultoreo The Pietrarubbia Group, completata nel 2015.

Alla Fondazione Arnaldo Pomodoro di via Vigevano 9 e alla Triennale di Milano:

-maquettes, disegni e fotografie, quattro progetti “visionari”: il monumento di Pietrarubbia, il progetto del cimitero di Urbino, la cantina di Bevagna e il Simposio Minoa di Marsala.

La passione di Arnaldo Pomodoro per il teatro è riconosciuta attraverso una selezione di 16 modellini di progetti scenici visitabili nella Sala del collezionista del Museo Poldi Pezzoli.

Il progetto prevede anche un itinerario guidato nella città che collega le opere presenti nei musei e negli spazi pubblici e privati.

MOSTRA POMODORO MILANO ORARI:
Lunedì: 14.30–19.30
Martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30-19.30
Giovedì e sabato: 9.30-22.30

Prezzo per visita guidata alla mostra di Arnaldo Pomodoro a Milano: totale: € 15,00
Visita guidata: € 8,50, saltafila, visita alla mostra di Arnaldo Pomodoro condotta da uno storico dell’arte con patentino abilitativo alla professione, sistema di microfonaggio, tessera e bollino Milanoguida che consentono l’accumulo di bonus per ottenere una visita guidata gratuita
Biglietto con diritto di prenotazione € 6,50

————

———————————————-

VENEZIA

Arsenale, Giardini della Biennale
15° Biennale di Venezia
28 maggio 2017 – 27 novembre 2017

Una rassegna tra le più importanti al mondo.

———————————————-

VERONA : una mostra da non perdere

maya-300-mostra-verona-2016

I Maya. Il linguaggio della bellezza

Palazzo della Gran Guardia di Verona

Sulla grande e misteriosa civiltà dei Maya

Dal 08/10/2016 al 05/03/2017

maya-maschera-ok-400-ok-archeologia-messico

I Maya, furono tra le civiltà più ricche di storia e di mistero, dal 2000 a.C. al 1542 d.C.

Inventarono e svilupparono sistemi matematici, calendari, spirito artistico, misurazioni del tempo e molto altro.

L’arte dei Maya è fiorita attraversando il periodo preclassico, classico e postclassico.

Straordinari i capolavori come:

-il Portastendardi, pregiata scultura risalente all’XI secolo e realizzata da un maestro di Chichen Itza (inserito nel 2007 fra le sette meraviglie del mondo),

-la Testa raffigurante Pakal il Grande che visse dal 603 al 683 dopo Cristo e fu il più importante re di Palenque

-la Maschera funeraria a mosaico di giada raffigurante un re divinizzato.

mayaverona.it

———–

——–

arte-art-deco-gli-anni-ruggenti-forli-lk

arte-art-deco-672-gli-anni-ruggenti-in-italia-forli

FORLI’

Una mostra da segnare sul calendario.
Dall’11 febbraio 2017 al 18 giugno 2017

ART DECO’
Gli anni ruggenti in Italia

FORLI’
Musei San Domenico
Il fenomeno Decò attraversò il decennio 1919-1929 e comprese:
– arredi, ceramiche, vetri, metalli lavorati, stucchi, bronzi, gioielli, argenti, abiti.
Il tutto fu caratterizzato dall’altissimo livello della produzione artigianale e industriale e contribuendo alla nascita del design e del made in Italy.
Rilettura di una serie di avvenimenti storico-culturali e di fenomeni artistici che hanno attraversato l’Italia e l’Europa nel periodo compreso tra il primo dopoguerra e la crisi del 1929.
Dopo le grandi mostre dedicate al Novecento e al Liberty, nel 2017 Forlì dedica una grande esposizione all’Art Decò italiana, lo stile che ha caratterizzato la produzione artistica nazionale ed europea negli anni Venti.
Informazioni tel. 0543.191 20 30-031
Catalogo: SilvanaEditoriale

——

———————

ARTE Ai WeiWei LISSON GALLERYA dam_3

Foto di vari lavori di AiWeiwei.

Biennale Venezia 2013 Ai Weiwei
Biennale Venezia 2013
Ai Weiwei

ARTE AI WEIWEI rosso granchi

FIRENZE

AiWeiwei. Libero

Palazzo Strozzi
Si tratta della prima importante mostra italiana dedicata all’artista dissidente AiWeiwei; icona della libertà di espressione.
Le opere in mostra ci permettono di conoscere o riconoscere, tutte le tappe della sua coraggiosa carriera artistica.
DAL 21 OTTOBRE2016 AL 5 MARZO 2017

———

——————-

 

Arte 672 Centro pecci PRATO

PRATO

CENTRO PECCI-PRATO

Dopo i lavori di ristrutturazione e ampliamento firmati dall’architetto sino-olandese Maurice Nio, apre la prima mostra al CENTRO PECCI PRATO

LA FINE DEL MONDO

Sino al 19 marzo 2017

Il 16 ottobre l’inaugurazione del museo
Cinquanta gli artisti internazionali coinvolti in un allestimento che occuperà l’intera superficie espositiva del museo, pari a 3.200 metri quadri.
“Ma niente visioni catastrofiche o apocalittiche”, assicura il direttore Fabio Cavallucci.
– La fine del mondo intesa non come concetto catastrofico o apocalittico, ma come espressione “di uno stato d’animo che ci attraversa tutti: l’incapacità di comprendere un mondo che ci sembra uguale a prima ma in realtà è profondamente diverso, e che crediamo di saper guidare senza riuscirci, un po’ come una macchina lanciata lungo una strada ghiacciata”. Così precisa, Fabio Cavallucci. “Sarà un po’ come imbarcarsi su una navicella spaziale e ritrovarsi proiettati a 200 mila anni di distanza. E, a quel punto, potremo guardarci indietro e capire se in queste opere-fossili ci sono solo elementi di nostalgia o anche qualche segnale di futuro”.
Gli autori sono tra i migliori nomi del mondo dell’arte;  dallo svizzero Thomas Hirschhorn, che firma la grande installazione di apertura (un varco spazio-temporale dal titolo “Break Through”), sino alla musica (la cantante Bjork o il musicista elettronico Joakim) e l’architettura (Didier Fiuza Faustino), il teatro (Pippo Delbono). Altri autori: Jimmie Durham, il cubano Carlos Garaicoa, i cinesi Qiu Zhije e Cai Guo-Qiang, il brasiliano Henrique Oliveira.
E i grandi del ‘900: Marcel Duchamp, Pablo Picasso e Umberto Boccioni e giovani talenti provenienti dall’Europa dell’Est, dal Nord Africa, dal Medio Oriente e dal Sud America.
Orari
Mart/Dom 11 -23
Lunedì chiuso (eccetto il 17.10.16)

——-

—————–

ROMA

—-

arte-picasso-foto-parziale

picasso-bn-672-arte-ok

Particolari di foto di Picasso.

MOSTRA IN CHIUSURA – ROMA

14/10/2016 – 19/02/2017
Picasso Images. Le opere, l’artista, il personaggio.
Duecento sono le fotografie della mostra: Picasso images. Le opere, l’artista, il personaggio.
La mostra delinea il percorso dell’ eccezionale artista  ed i suoi ritratti più intimi.
Su Twitter: @museiincomune #PicassoImages
Informazioni
Museo dell’Ara Pacis, Spazio espositivo Ara Pacis
Orario
14 ottobre 2016 – 19 febbraio 2017
Tutti i giorni 9.30-19.30
24 e 31 dicembre 9.30-14.00
La biglietteria chiude un’ora prima
Chiuso il 25 dicembre e 1 gennaio
N.B. Per eventuali aperture e/o chiusure straordinarie consultare la pagina dedicata agli avvisi
Biglietto d’ingresso
Biglietto “solo mostra”:
– intero: € 11,00 biglietto “solo mostra” intero;
– ridotto: € 9,00 biglietto “solo mostra” ridotto.

—————————————

MOSTRA CHIUSA – ROMA

Chiostro del Bramante
dal 29 settembre 2016 al 19 febbraio 2017

LOVE: opere, diventate icone Pop del ‘900

Curata da Danilo Eccher.
Artisti celebri e opere diventate vere icone pop del Novecento.
Tra le opere esposte la bellissima Marilyn di Andy Warhol.

—————————————-

artemisia-gentileschi-672-sd

ROMA

PALAZZO BRASCHI
Artemisia Gentileschi
30 novembre 2016 – 8 maggio 2017

90 opere provenienti da tutto il mondo, presso il Museo di Roma a Palazzo Braschi.

La mostra Artemisia Gentileschi, prevede un percorso che svela gli aspetti più autentici dell’artista, attraversando un arco temporale che va dal 1610 al 1652.

Informazioni
Museo di Roma
Orario
martedì-domenica ore 10.00-19.00
La biglietteria chiude un’ora prima
N.B. per eventuali aperture e/o chiusure straordinarie consultare la pagina dedicata agli    Avvisi
Giorni di chiusura Lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio, 1 maggio
Informazioni
060608 tutti i giorni 9.00-21.00

———————————————————

 

——————————————

andy-warholl-672-usa-1af

arte-andy-warhol-672-kennedy

GENOVA

Warhol. Pop Society
Genova. Palazzo Ducale
Appartamento del Doge
21 ottobre – 26 febbraio 2017
In occasione dei trent’anni dalla scomparsa del grande artista americano, a Palazzo Ducale una mostra sull’ invenzione della Pop Art.
Curata da Luca Beatrice.
Prodotta e organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura di Genova e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore.
Sei linee le conduttrici: il disegno, le icone, le polaroid, i ritratti, Andy Warhol e l’Italia, ed il finale con  il cinema, per avere una prospettiva dell’intero arco produttivo dell’artista.
Con Andy Warhol,  si apre l’epoca dell’arte contemporanea.
Orari
lunedì 14.30 – 19
martedì, mercoledì, giovedì, sabato, domenica 9–19
venerdì 9–22
La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso)
Biglietti
Intero € 13
Ridotto € 11
Informazioni e prenotazioni
010/9868057
www.warholgenova.it/
www.ticket24ore.it/warholgenova

——————————————-

arte-roma-jean-arp-450

jean-arp-672-mostra-roma

MOSTRA CHIUSA – ROMA

Jean Arp
a cura di Alberto Fiz

30 settembre 2016 – 15 gennaio 2017

Grandi Aule delle Terme di Diocleziano
Viale Enrico De Nicola 79, Roma

A 50 anni dalla morte, alle Terme di Diocleziano la più grande retrospettiva italiana sul maestro delle avanguardie del ‘900: Jean Arp.

Roma omaggia l’artista franco-tedesco con una mostra personale presentata nelle Grandi Aule delle Terme di Diocleziano.

Dal 30 settembre al 15 gennaio 2017

La mostra è anche l’occasione per celebrare i 100 anni di quel movimento Dada che proprio Arp contribuì a fondare, a Zurigo nel 1916 .

Il curatore: ”Jean Arp è un artista che ha stravolto ogni punto di vista. Non ha mai voluto cercare uno stile e, sfidando le altre avanguardie, ci ha mostrato non l’oggetto in se’, ma nella sua formazione. Pur vivendo un secolo cosi’ buio come il ‘900, e’ l’artista della vita, del ‘senza senso’ della natura. Da Zaha Hadid a Calatrava, tutti coloro che hanno poi lavorato sulla componente germinale devono qualcosa ad Arp”.

L’allestimento è firmato dall’architetto Francesco Venezia e lascia aperti degli spiragli sui mosaici della Villa di Nerone ed enfatizza le Costellazioni nelle forme dei pavimenti.

80 opere:

-dai primi rilievi in legno alle opere figurative,

-dalle sculture in materiali poveri come il gesso a quelle in bronzo.

arte-edward-hopper-roma-complesso-del-vittoriano-672

ROMA

Edward Hopper
Roma, Complesso del Vittoriano
Sino al 12 febbraio 2017
Sessanta opere del pittore americano Hopper (1882-1967), noto come uno degli artisti più suggestivi e crudelmente realisti del Novecento.
Le opere sono presentate con una messinscena inquietante, come l’atmosfera delle opere di Hopper.
Questa selezione evidenzia in modo particolare l’influenza che l’autore ha avuto sul grande cinema internazionale.
www.arthemisia.it

———

————————————————————

MOSTRA CHIUSA – ROVIGO

PALAZZO ROVELLA
Curatore: Giandomenico Romanelli

“ I Nabis, Gauguin e la pittura italiana d’avanguardia ”

dal 17 settembre fino al 14 gennaio 2017

I grandi pittori di fine ‘800 e primi del ‘900, tra i tanti: Emile Bernard, Cuno Amiet, Charles Cottet, Paul Gauguin, Felix Vallotton, Paul Sérusier, Gino Rossi, Oscar Ghiglia, Cagnaccio di San Pietro per un viaggio tra colore e sentimento. Dall’ Oceano alla Laguna.

———————————————

arte-dali-il-sogno-del-classico-pisa-palazzo-blu

MOSTRA CHIUSA – PISA

Nella splendida cornice di Palazzo Blu, 150 opere tra dipinti, acquerelli e xilografie del maestro Dalí.

DALI’ Il sogno del Classico

Curatori: Montse Aguer i Teixidor
PISA – Sino al 5 febbraio 2017
Dalí: eccentrico e geniale, ama i grandi Maestri italiani, Raffaello, Cellini, Dante e Michelangelo e li cita e dipinge nei suoi quadri.
La mostra evidenzia l’importanza dell’Italia, del Rinascimento e  di Michelangelo, nell’opera di Salvador Dalí.
In mostra, l’intera serie di xilografie che illustra la Divina Commedia.
30 disegni e acquarelli, raccontano la leggendaria vita di Benvenuto Cellini.
Nel percorso espositivo incontriamo anche una selezione di oli straordinari e poco esposti al pubblico, quattro dei quali inediti:
-Senza titolo. Mosè da quello della tomba di Giulio II di Michelangelo.
-Cristo dalla Pietà di Palestrina attribuita a Michelangelo, Senza titolo.
-Giuliano de’ Medici da quello del sepolcro di Giuliano de’ Medici di Michelangelo, senza titolo.
-Senza titolo. dal Ragazzo accovacciato di Michelangelo.
INFORMAZIONI
Orario:
dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 19.00 sabato e domenica dalle 10.00 alle 20.00 (ultimo ingresso un’ora prima della chiusura)
Biglietti:
intero € 12,00 con audioguida • ridotto € 10 con audioguida per: visitatori oltre i 65 anni e fino a 25 anni, portatori di handicap; • ridotto, convenzioni e gruppi 10,00 € con audioguida; • ridotto 5,00 € universitari (solo giovedì) con audioguida; • ridotto 5,00 € gruppi scuola; • gratuito comprensivo di audioguida per: giovani fino a 6 anni accompagnati da familiari, un accompagnatore per ogni gruppo, due accompagnatori per ogni gruppo scolastico, un accompagnatore per disabile che presenti necessità, giornalisti iscritti all’albo, tesserati ICOM.
Editore:
SKIRA
Patrocini:
organizzata con la collaborazione della Fundación Gala-Salvador Dalí e MondoMostre.
Sito Web:
http://www.mostradalipisa.it

——————————————————-

liberty-in-italia-reggio-emilia-672-a-bonzagni-alluscita-dalla-scala-1910

MOSTRA CHIUSA – REGGIO EMILIA

LIBERTY IN ITALIA
Artisti alla ricerca del moderno
Mostra a cura di Francesco Parisi e Anna Villari.
Dal 5 novembre 2016 al 14 febbraio 2017.
Fondazione Palazzo Magnani
I – 42121 Reggio Emilia
Corso Garibaldi 31
Tel. + 39 0522 44 44 46
Fax + 39 0522 44 44 36
mailto: info@palazzomagnani.it
Quasi 300 opere: dipinti, sculture, grafica, progetti architettonici e decorativi, manifesti, ceramiche provenienti da Musei italiani e da collezioni private.
La mostra evidenzia le due “anime” del Liberty italiano:
-propriamente floreale
-“modernista”.

ALLA BASE DELLO STILE:
– la linea grafica e la ricerca sul segno
coniugati attraverso le varie espressioni artistiche: pittura, scultura, decorazione murale, ceramiche, ma anche progetti di case d’artista (come chiave nuova di lettura dello stile), manifesti, illustrazione e grafica originale, ma anche:
-grandi manifesti pubblicitari, i bozzetti preparatori, i cartoni per gli affreschi, i disegni relativi a vasi, illustrazioni, incisioni.

————————————————–

———-

Alcune tra le mostre più importanti del 2016: ora chiuse

Più sotto le mostre all’estero

———

MOSTRA TERMINATA L’8 GENNAIO 2017

Arte 672 ferrara diamanti orlando Furioso

arte Ferrara 450 orlando furioso

arte mostra 672 Ferrara orlando FURIOSO

FERRARA:

una mostra da non perdere !

Palazzo dei Diamanti
Orlando Furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi
24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017 mostra terminata

EVENTO IRRIPETIBILE E IMPERDIBILE
Orlando furioso 500 anni
Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi
24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017
Cosa vedeva Ludovico Ariosto quando chiudeva gli occhi?
Quali immagini affollavano la sua mente mentre componeva il poema che ha segnato il Rinascimento italiano?
Quali opere d’arte furono le muse del suo immaginario?
A queste domande vuole dare una risposta la mostra organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte per celebrare i cinquecento anni della prima edizione dell’Orlando furioso.
Concepito nella Ferrara estense e stampato in città nel 1516, il poema è uno dei capolavori assoluti della letteratura occidentale che da subito parlò al cuore dei lettori italiani ed europei.
L’esposizione sarà una importante rassegna d’arte vera e propria: una straordinaria narrazione per immagini che condurrà il visitatore in un viaggio appassionante nell’universo ariostesco, tra battaglie e tornei, cavalieri e amori, desideri e incantesimi.
I visitatori si troveranno davanti a una mostra d’arte che fa dialogare fra loro dipinti, sculture, arazzi, libri, manoscritti miniati, strumenti musicali, ceramiche invetriate, armi e rari manufatti. A orchestrare questo incanto visivo è un’idea semplice: restituire l’universo di immagini che popolavano la mente di Ludovico Ariosto mentre componeva il Furioso.
Un lungo lavoro, condotto dai curatori della mostra Guido Beltramini e Adolfo Tura, affiancati da un comitato scientifico composto da studiosi di Ariosto e da storici dell’arte, è stato orientato a individuare i temi salienti del poema e a rintracciare, puntualmente, le fonti iconografiche che ne hanno ispirato la narrazione.
I visitatori saranno così condotti in un appassionante viaggio nell’universo ariostesco, tra immagini di battaglie e tornei, cavalieri e amori, desideri e magie. A guidarli saranno i capolavori dei più grandi artisti del periodo, da Paolo Uccello ad Andrea Mantegna, da Leonardo da Vinci a Raffaello, da Michelangelo a Tiziano a Dosso Dossi: creazioni straordinarie che faranno rivivere il fantastico mondo cavalleresco del Furioso e dei suoi paladini, offrendo al contempo un suggestivo spaccato dell’Italia delle corti in cui il libro fu concepito.

Negli anni tra la prima e la terza redazione del Furioso il mondo attorno al suo autore cambiò radicalmente, a cominciare dagli sconvolgimenti culminati nella battaglia di Pavia del 1525 che segnò la sconfitta di Francesco I e l’inizio dell’egemonia politica e culturale di Carlo V sulle corti padane.
Parallelamente nelle arti figurative maturano negli stessi anni espressioni nuove, trionfa quella Vasari chiamerà “maniera moderna”, un linguaggio artistico di respiro non più regionale ma italiano, che ha come campioni Raffaello e Michelangelo. La stessa olimpica sintesi fra tradizioni precedenti e assimilazione della lezione del mondo antico, che in pittura genera le vette del Rinascimento, in letteratura ha un singolare parallelo nella trasformazione linguistica dell’Orlando, che Ariosto porta a compimento nell’edizione del 1532. Grazie ad essa il poema, purificato dalle inflessioni locali, diviene «classico di una classicità nuova», un capolavoro “italiano”, simbolo della letteratura del primo Rinascimento.
Ariosto assiste alla rivoluzione linguistica della pittura, vedendo di persona le opere di Michelangelo e Raffaello che lo stesso Alfonso I d’Este, signore di Ferrara, brama di possedere.
Del resto Ariosto è coinvolto nella nascita dei dipinti che artisti come Dosso o Tiziano dipingono per Alfonso: essi in mostra saranno rappresentati dal Baccanale degli Andrii di Tiziano, uno dei capolavori del Camerino delle pitture di Alfonso che – grazie ad un prestito eccezionale concesso dal Museo del Prado – tornerà in Italia dopo quasi cinquecento anni dalla sua creazione.
Nel quinto centenario la Fondazione Ferrara Arte e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo celebrano il poema con un’esposizione che aprirà a Palazzo dei Diamanti il 24 settembre.
INFORMAZIONI:
ORLANDO FURIOSO 500 ANNI
Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi Ferrara, Palazzo dei Diamanti
24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017
Mostra a cura di Guido Beltramini e Adolfo Tura, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Info
tel. 0532 244949 diamanti@comune.fe.it www.palazzodiamanti.it
«Quando entro nel Furioso, veggo aprirsi una tribuna, una galleria regia, ornata di cento statue antiche de’ più celebri scultori […], di cristalli, d’agate, di lapislazzuli e d’altre gioie, e finalmente ripiena di cose rare, preziose, meravigliose»
Galileo Galilei
Da: http://www.palazzodiamanti.it/1434

————————————

MOSTRA TREMINATA NEL DICEMBRE 2016

arte 450 Claude-Monet-Le-Bassin-des-Nympheas-1904-Denver-Art-Museum

ARTE 672 f Claude Monet

Alcune immagini di Monet.

Arte 672 Claude Monet gbn

PARMA

MONET Quelle Ninfee che anticiparono l’Informale

FONDAZIONE MAGNANI ROCCA di Mamiano di Traversetolo
Dal 3 settembre all’11 dicembre
Claude Monet
Le Ninfee nelle Villa dei Capolavori, sono al centro dell’esposizione alla FONDAZIONE MAGNANI ROCCA di Mamiano di Traversetolo. L’occasione per venire in contatto con l’ultima parte del lavoro artistico del maestro e forse per capirne la grande suggestione.

—————————————-

Mostra terminata nel 2016

*** IT IS FORBIDDEN TO USE THIS IMAGE WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM TIMOTHY ALLEN *** Copyright Timothy Allen http://humanplanet.com
*** IT IS FORBIDDEN TO USE THIS IMAGE WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM TIMOTHY ALLEN *** Copyright Timothy Allen http://humanplanet.com
*** IT IS FORBIDDEN TO USE THIS IMAGE WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM TIMOTHY ALLEN *** Copyright Timothy Allen http://humanplanet.com
*** IT IS FORBIDDEN TO USE THIS IMAGE WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM TIMOTHY ALLEN *** Copyright Timothy Allen http://humanplanet.com

foto-majid-saeedi_life_7

SIENA

SIENA ART PHOTO TRAVEL FESTIVAL

Siena | 29 ottobre – 30 novembre 2016
MAJID SAEEDI | Afghanistan, life in war
Spazio espositivo “Lo Stellino”, Viale Fiorentina, 95 – Siena
E’ un affresco della società afgana in un Paese martoriato dalla guerra il reportage del documentarista iraniano Majid Saeedi, che ha dedicato al racconto del popolo afgano gli anni più recenti della propria attività professionale di fotografo. La mostra allestita in un ex spazio industriale propone circa quaranta immagini di Saeedi, che è riuscito a cogliere l’umanità di questo popolo, ma anche le ingiustizie e le atrocità vissute dalla popolazione durante la guerra che ancora insanguina il paese. Una guerra che pervade tutto e colpisce la vita quotidiana dei sopravvissuti, dei bambini, delle donne, degli anziani.

———————————-

Ve Tiziano Madonna con Bambino IMG_0183

MOSTRA CHIUSA – URBINO

Tiziano
Dal 6 settembre al 18 dicembre 2016
URBINO – Palazzo Ducale
“Venere di Urbino”, torna nella sua città d’origine; dopo quasi cinque secoli dalla committenza di Guidobaldo II Della Rovere.
La Venere, dipinta dal maestro veneto nel 1538 ed oggi normalmente presente nelle Galleria degli Uffizi, torna ad Urbino.
Merita tutta la nostra attenzione la sensuale e misteriosa donna nuda che tanto suggestionò lo stesso Giorgio Vasari.

—————————————

ARTE 672 ORAZIONE NELL'ORTO DI GIOVANNI BELLINI

arte Ve Giovanni Bellini Mad dei cherub rossi IMG_0205

Ve Bellini e aiuti Accademia IMG_0176

Alcune opere di Bellini.

arte-banca-nazionale-dle-lavoro

La trasfigurazione. Bellini.

MOSTRA CHIUSA – VICENZA

Nell’ambito della promozione del Rinascimento, epoca cruciale per l’identità europea, nasce l’iniziativa di Intesa San Paolo:
” L’OSPITE ILLUSTRE ”
Nell’ambito di questa iniziativa, Intesa San Paolo mette in mostra:

“ LA TRASFIGURAZIONE ” di Giovanni Bellini,
presso le Gallerie d’Italia di Vicenza,  fino all’11 dicembre 2016.
” LA TRASFIGURAZIONE ” di Giovanni Bellini, proviene dalla collezione Farnese e fu trasferita a Napoli sin dal XVIII secolo.
La tavola ” LA TRASFIGURAZIONE “, è molto legata alla città di Vicenza, poiché identificata come la pala eseguita da Bellini per la cappella Fioccardo nel Duomo cittadino.
Questo straordinario dipinto fa parte del percorso che prevede delle tappe anche a Palazzo Chiericati e alla chiesa di Santa Corona.:
“Giovanni Bellini a Vicenza. Un itinerario nel paesaggio”, curato e organizzato dal Comune e dai Civici Musei di Vicenza, per la valorizzazione delle opere create dall’artista per la città.
Vedi più informazioni al link: http://www.gallerieditalia.com/it/events/ospite-illustre-la-trasfigurazione/
Tutta l’iniziativa su:
www.ilcorriere.it/bello-italia

———————————-————————————————

MOSTRA CHIUSA

“Rinascere dalle distruzioni – Ebla, Nimrud, Palmira”
Colosseo, Roma
Dal 7 ottobre all’11 dicembre 2016
L’arte in 3D

I tesori del Medio Oriente, in fedeli riproduzioni  a grandezza naturale in materiale plastico e ricoperti di polvere di pietra.
Ricostruiti con tecnologie digitali e materiali che simulano gli originali,  i capolavori distrutti dall’Isis da Palmira all’Iraq, ora sono esposti al Colosseo.
La visita  a questa speciale mostra permette di rivedere i tesori di Palmira, Ebla e Nimrud distrutti o danneggiati dalla furia dell’estremismo islamico.
Tre capolavori distrutti, danneggiati dalle guerre e ricostruiti per questa specialissima mostra:
-Il Toro alato di Nimrud (Iraq), con la testa dalle fattezze umane, è stato completamente raso al suolo a marzo 2015 dal fondamentalismo islamico
-il Tempio di Bel a Palmira, in Siria,  gravemente danneggiato nell’agosto 2015; restano solo dei frammenti
-la sala dell’archivio di Stato del Palazzo di Ebla, Siria,  custodiva 17.000 tavolette cuneiformi, versa invece in grave stato di abbandono.
——————

Un’opARTE 672 200 BURRI ex_burri-ferro_690Un’opera di Burri.

MOSTRA CHIUSA – CITTA’ DI CASTELLO

ALBERTO BURRI

“ Alberto Burri: lo Spazio di Materia – tra Europa e U.S.A. ”

Ex Seccatoi del Tabacco
Dal 24 settembre 2016 al 6 gennaio 2017
Ampia ricognizione tra le tendenze dell’arte contemporanea del secondo dopoguerra del XX secolo.
Presenti anche opere di altri autori: Dubuffet, Pollock, Motherwell, Hartung, De Kooning, Calder, Matta, Rauschenberg, Twombly, Johns, Fontana e Manzoni.

———–

———————-

————————————————

ALL’ESTERO

 

zurst-mendrisio-legni-672-ok-soggetto-sacro

zurst-mendrisio-legni-crocefisso-300-antico

zurst-mendrisio-legni-300

MOSTRA CHIUSA – Vicino a Mendrisio

Come sempre, la Pinacoteca Züst di Rancate ( Mendrisio ), stupisce.

Questa volta ci ha stupito anche per l’eleganza dell’allestimento di Mario Botta; minimalista, ma raffinatissimo. Ovviamente i ” legni ” presentati sono di eccellente fattura e interesseranno sia gli appassionati, come i semplici curiosi.
LEGNI PREZIOSI
Sculture, busti, reliquiari e tabernacoli dal Medioevo al Settecento
16 ottobre 2016 – 22 gennaio 2017
Pinacoteca cantonale Giovanni Züst
Rancate (Mendrisio), Canton Ticino – Svizzera
A cura di Edoardo Villata
Con l’allestimento di Mario Botta
E’ Mario Botta a firmare lallestimento della raffinatissima esposizione che la Pinacoteca Züst di Rancate, nel Cantone Ticino, dedica (dal 16 ottobre 2016 al 22 gennaio 2017) alla scultura lignea.
Il grande architetto ha studiato, a titolo completamente gratuito, ogni dettaglio affinché il visitatore sia immerso in un’atmosfera suggestiva e solenne, in cui la sacralità delle immagini esposte risulta pienamente valorizzata.
La mostra presenta una carrellata di sculture in legno dal XII al XVIII secolo – Madonne, Crocifissi, Compianti, busti, polittici scolpiti e persino un Presepe – provenienti da musei, chiese e monasteri del territorio ticinese, dove questi autentici capolavori sono stati oggetto di devozione e ammirazione per secoli.
Da sempre il legno rappresenta uno dei mezzi più disponibili ed economici, anche perché di facile trasporto, attraverso i quali luomo cerca un contatto con la sfera del sacro.
Questa caratteristica ha fatto, per troppo tempo, scambiare questa produzione per semplice artigianato o arte popolare. In realtà gli studi degli ultimi decenni hanno posto in risalto da un lato la diffusione delle sculture lignee, e dall’altro il livello spesso altissimo della loro elaborazione formale.
Per quanto riguarda il territorio ticinese, si tratta infatti di testimonianze di una tradizione artistica che raggiunse spesso vertici europei, realizzate degli stessi artisti attivi a Milano e nelle altre città dell’attuale Lombardia, ma anche nelle regioni oggi conosciute come Piemonte, Liguria, Romagna.
COME RAGGIUNGERE LA PINACOTECA ZÜST
Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con lausilio della segnaletica.
Per chi proviene dallautostrada Milano-Lugano luscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate.
La Pinacoteca è allinizio della piazza della chiesa parrocchiale, sulla sinistra della strada. Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi a piedi, in 10 minuti, o con lautobus (linea 524, Mendrisio-Serpiano).

————————————

collezione-shchukin-672-cezanne-martedi-grasso-fondation-luis-vitton-parigi-arte

FRANCIA PARIGI

LA SHCHUKIN COLLECTION IN MOSTRA PRESSO LA FONDAZIONE LOUIS VUITTON

L’esposizione ICONS OF MODERN ART – The Shchukin Collection avrà luogo presso la Fondazione Louis Vuitton dal 22 ottobre al 20 febbraio 2017.

Uno degli eventi culturali più importanti del FRANCE-RUSSIA YEAR OF CULTURAL TOURISM 2016-2017.

Un importante contributo del Museo Hermitage e del Museo Statale delle Belle Arti Pushkin, ha reso possibile la realizzazione di questo progetto.

L’esposizione presenta un significativo insieme di 160 fra le maggiori opere dei grandi maestri dell’Impressionismo, Post-Impressionismo e Moderismo; parte della collezione Shchukin.

Particolare evidenza è stata data a :

Monet, Cézanne, Gauguin, Rousseau, Derain, Matisse and Picasso, insieme a opere di Degas, Renoir, Toulouse-Lautrec e Van Gogh.

FONDATION LOUIS VUITTON
ICONS OF MODERN ART – The Shchukin Collection
8, avenue Mahatma Gandhi, Paris VXI
Dal 22 ottobre al 20 febbraio 2017

http://it.louisvuitton.com/ita-it/articoli/the-shchukin-collection-at-the-fondation-louis-vuitton

Copertina: Cézanne-Martedì-Grasso; particolare.

————————————————————–

galleria-giacometti-672-humlebaek-copenhagen-danimarca-luisiana-dk-il-museo-piu-bello-del-mondo

NON E’ UNA MOSTRA MA IL MUSEO PIU’ BELLO DEL MONDO !

Un museo da vivere: Louisiana Museum of Modern Art

LOUISIANA MUSEUM OF MODERN ART :

-uno dei più importanti musei internazionali dedicati all’arte moderna e contemporanea.

Sulla costa della Selandia del Nord, a picco sul mare, circondato da un guardino e un panorama che, da soli, meritano la visita.

Galleria Alberto Giacometti

Le opere di Alberto Giacometti costituiscono un grande pilastro della Collezione Louisiana.

La galleria, occupa due piani, e contiene la maggior parte delle figure più importanti dell’autore.

Humlebæk Copenhagen Danimarca

Humlebæk,, si trova a 35 minutri di treno da Copenaghen.

La collezione permanente del museo Luisiana è di 3.500 opere (di Giacometti, Asger Jorn, Picasso, Oldenburg tra gli altri).

Orari del Museo d’Arte Contemporanea Louisiana
Martedì – venerdì 11 – 22
Sabato, domenica e festivi 11-18
Lunedì chiuso

luisiana.dk

————————————————————-

magritte-672-la-trahison-des-images-parigiPARIGI – Centre Pompidou

MOSTRA CHIUSA – Una passeggiata con Magritte
Sino al 23 gennaio 2017

Questa mostra dedicata dal Centre Pompidou al maestro belga del surrealismo è stata definita: ” un viaggio filosofico, dove ogni parola è un’immagine “.

Magritte diceva: Ceci n’est pas une pipe.

Oltre 100 opere, suddivise in cinque capitoli: tende, ombre, fuoco, parole e corpi.

Merita la nostra attenzione anche la foresta onirica di Le Blanc Seing e la vista di Parigi dall’ultimo piano del Beaubourg.

centrepompidou.fr

————————————————————-

TATE LIVERPOOL
Yves Klein
Noto per la sua fluida ricerca tra scultura, performance e pittura, Klein ha segnato una svolta nella storia dell’arte.
In mostra i suoi noti monocromi e Fire Paintings e le foto dell’artista al lavoro.
DAL 21 OTTOBRE 2016 AL 5 MARZO 2017.

———-

—————-

Svizzera MOSTRA CHIUSA

Arte SIGNAC lugano mostra 672

LUGANO NUOVO MUSEO LAC

MOSTRA CHIUSA – SIGNAC 

La collezione in mostra rappresenta uno dei più importanti nuclei di opere dell’artista provenienti da collezioni private.

4 Settembre 2016
– 8 Gennaio 2017

BIENNALE di VENEZIA 2017 – Una Biennale che guarda all'” Arte ” con Christine Macel

Biennale Arte 2017

CURATRICE:

Christine Macel
Christine Macel è nata a Parigi nel 1969.

La Biennale di Venezia
57. Esposizione Internazionale d’Arte

Sarà aperta al pubblico da sabato 13 maggio a domenica 26 novembre 2017, ai Giardini e all’Arsenale, la 57a Esposizione Internazionale d’Arte dal titolo VIVA ARTE VIVA, curata da Christine Macel e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta.

La vernice avrà luogo nei giorni 10, 11 e 12 maggio, la cerimonia di premiazione e di inaugurazione si svolgerà sabato 13 maggio 2017.

La Mostra sarà affiancata da 85 Partecipazioni Nazionali negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia. Sono 4 i paesi presenti per la prima volta: Antigua e Barbuda, Kiribati, Nigeria, Kazakistan (prima volta da solo).

Il Padiglione Italia alle Tese delle Vergini in Arsenale, sostenuto e promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane, sarà curato quest’anno da Cecilia Alemani.

Anche per questa edizione si prevedono selezionati Eventi Collaterali, proposti da enti e istituzioni internazionali, che allestiranno le loro mostre e le loro iniziative a Venezia in concomitanza con la 57. Esposizione.

La Mostra Internazionale VIVA ARTE VIVA

La Mostra offre un percorso espositivo che si sviluppa intorno a nove capitoli o famiglie di artisti, con due primi universi nel Padiglione Centrale ai Giardini e sette altri universi che si snodano dall’Arsenale fino al Giardino delle Vergini.

  • 120 sono gli artisti partecipanti, provenienti da 51 paesi; di questi 103 sono presenti per la prima volta nella Mostra Internazionale del curatore.

«La Biennale si deve qualificare come luogo che ha come metodo, e quasi come ragion d’essere, il libero dialogo tra gli artisti e tra questi e il pubblico.»

«Una Mostra ispirata all’umanesimo, dice Christine Macel. Un umanesimo non focalizzato su un ideale artistico da inseguire, né tanto meno caratterizzato dalla celebrazione dell’uomo come essere capace di dominare su quanto lo circonda; semmai un umanesimo che celebra la capacità dell’uomo, attraverso l’arte, di non essere dominato dalle forze che governano quanto accade nel mondo, forze che se lasciate sole possono grandemente condizionare in senso riduttivo la dimensione umana.»
«È un umanesimo nel quale l’atto artistico è a un tempo atto di resistenza, di liberazione e di generosità.»

«Un aspetto rilevante della 57a Mostra – dichiara il Presidente – è il fatto che da solo basterebbe a qualificarla al di là di ogni tema o narrazione: dei 120 artisti invitati, ben 103 non hanno mai partecipato prima alla Mostra del nostro curatore.

Alcune sono scoperte, molte altre, almeno per la presente edizione, sono riscoperte. È questo un modo concreto di esprimere, con il coraggio delle scelte, la propria fiducia nel mondo dell’arte.»

«Con questa Biennale poi, l’incontro diretto con l’artista assume un ruolo strategico, tanto da costituire uno dei pilastri della Mostra, con un programma che per dimensione e per impegno è senza precedenti. Attorno alla Mostra principale della curatrice, 85 padiglioni dei paesi partecipanti daranno vita ancora una volta a quel pluralismo di voci che è tipico della Biennale di Venezia.»

Christine Macel da parte sua ha dichiarato:
«L’arte di oggi, di fronte ai conflitti e ai sussulti del mondo, testimonia la parte più preziosa dell’umanità, in un momento in cui l’umanesimo è messo in pericolo.

Essa è il luogo per eccellenza della riflessione, dell’espressione individuale e della libertà, così come degli interrogativi fondamentali.

  • L’arte è l’ultimo baluardo, un giardino da coltivare al di là delle mode e degli interessi specifici e rappresenta anche un’alternativa all’individualismo e all’indifferenza.»
    «Più che mai, il ruolo, la voce e la responsabilità dell’artista appaiono dunque cruciali nell’insieme dei dibattiti contemporanei. È grazie alle individualità che si disegna il mondo di domani, un mondo dai contorni incerti, di cui gli artisti meglio degli altri intuiscono la direzione.»
    «VIVA ARTE VIVA è così un’esclamazione, un’espressione della passione per l’arte e per la figura dell’artista. VIVA ARTE VIVA è una Biennale con gli artisti, degli artisti e per gli artisti.»

I nove Trans-padiglioni
Ognuno dei nove capitoli o famiglie di artisti della Mostra “costituisce di per sé un Padiglione o un Trans-padiglione, in senso transnazionale, che riprende la storica suddivisione della Biennale in padiglioni, il cui numero non ha mai cessato di crescere dalla fine degli anni ‘90.»
«Dal “Padiglione degli artisti e dei libri” al “Padiglione del tempo e dell’infinito”, questi nove episodi propongono un racconto, spesso discorsivo e talvolta paradossale, con delle deviazioni che riflettono la complessità del mondo, la molteplicità delle posizioni e la varietà delle pratiche. La Mostra si propone così come una esperienza che disegna un movimento di estroversione, dall’io verso l’altro, verso lo spazio comune e le dimensioni meno definibili, aprendo così alla possibilità di un neoumanesimo.»
«VIVA ARTE VIVA vuole al contempo infondere una energia positiva e prospettica, rivolta ai giovani artisti e che al contempo dedica una nuova attenzione agli artisti troppo presto scomparsi o ancora misconosciuti al grande pubblico, malgrado l’importanza della loro opera.»
«Partendo dal “Padiglione degli artisti e dei libri”, la Mostra pone come premessa una dialettica che attiene alla società contemporanea, al di là dell’artista stesso, e che interroga tanto l’organizzazione della società quanto i suoi valori.»
«L’arte e gli artisti vengono quindi collocati al centro della Mostra che inizia da un’indagine sulle loro pratiche e il modo di fare arte, tra ozio e azione, tra otium e negotium.»

Una serie di eventi paralleli animeranno la manifestazione, seguendo «lo stesso postulato, quello di mettere gli artisti al centro della mostra. Il catalogo è quindi dedicato esclusivamente agli artisti, invitati a presentare documenti visivi e testuali incentrati sulle loro pratiche e sul loro stesso universo.»

Tavola Aperta
«Al fine di lasciare agli artisti il posto principale, VIVA ARTE VIVA darà loro anche la parola. Tutti i venerdì e sabato di ogni settimana, durante i sei mesi di Esposizione, un artista terrà una Tavola Aperta, incontrando il pubblico durante un pranzo da condividere, al fine di accennare al proprio lavoro e dialogare. Due sono i luoghi dedicati a questi eventi, la parte antistante del Padiglione Centrale dei Giardini e delle Sale d’Armi dell’Arsenale, mentre la trasmissione in streaming sul sito della Biennale consentirà a chiunque di seguirne lo svolgimento.»

Progetto Pratiche d’Artista
«Nei due luoghi, uno spazio è parimenti dedicato al Progetto Pratiche d’Artista, che raccoglie un insieme di brevi video realizzati dagli artisti stessi, per far scoprire il loro universo e il loro modo di lavorare.» A partire dal 7 febbraio e fino all’apertura della Mostra, ogni giorno sarà messo on-line un video sul sito della Biennale, permettendo così di conoscere gli artisti invitati.
«Questi due progetti – spiega Macel – sono aperti a tutti gli artisti della Biennale Arte. Ogni Padiglione nazionale sarà altresì invitato a partecipare alla Tavola Aperta, il mercoledì e il giovedì, ma anche ad arricchire il database dei video sugli artisti.»

La Mia Biblioteca
«Infine, il progetto La Mia Biblioteca, ispirato al saggio di Walter Benjamin pubblicato nel 1931, permette agli artisti di VIVA ARTE VIVA di riunire in una lista le loro letture preferite, offrendo agli stessi una fonte di reciproca conoscenza e d’ispirazione per il pubblico. Il progetto è visibile nella Mostra del Padiglione Centrale, così come nel catalogo. Il Padiglione Stirling nei Giardini ospita la biblioteca costituita dagli artisti e messa a disposizione del pubblico.»

Progetti Speciali e Performance
«Parallelamente alla Mostra del Padiglione Centrale e dell’Arsenale, diversi Progetti Speciali e Performance sono commissionati specialmente per i Giardini, il Giardino delle Vergini e altri luoghi. Un programma di una ventina di performance si svolgerà nei giorni dell’inaugurazione. Esse sono disponibili in streaming sul sito della Biennale, e poi visibili nella Mostra, in una sala multimediale dell’Arsenale espressamente creata.»

LE COLLABORAZIONI
È confermata per il secondo anno consecutivo la collaborazione con il Victoria and Albert Museum di Londra per il Padiglione delle Arti Applicate, sito alle Sale d’Armi dell’Arsenale, che sarà a cura di Jorge Pardo, artista e scultore cubano il cui lavoro fonde arte e design.
Si rinnova l’accordo con il Teatro La Fenice per il Progetto Speciale dedicato quest’anno all’opera Cefalo e Procri, con musica di Ernst Krenek e libretto di Rinaldo Küfferle. Rappresentata in prima assoluta alla Biennale Musica del 1934 al Teatro Goldoni, andrà in scena al Teatro Malibran di Venezia dal 29 settembre al 7 ottobre 2017. Il progetto è affidato all’artista francese Philippe Parreno, suggerito dalla curatrice della Biennale Arte 2017 Christine Macel. L’iniziativa prosegue così la collaborazione tra Biennale e Fenice iniziata nel 2013 con Madama Butterfly, le cui scene e costumi furono affidati all’artista giapponese Mariko Mori e la regia di Àlex Rigola, già direttore artistico della Biennale Teatro, e poi nel 2015 con il nuovo allestimento di Norma, affidato per regia, scene e costumi all’artista americana Kara Walker.

BIENNALE SESSIONS, il progetto per le Università
Si rinnova per l’ottavo anno consecutivo, e dopo il successo delle edizioni precedenti, il progetto Biennale Sessions che La Biennale dedica alle istituzioni operanti nella ricerca e nella formazione nel campo dell’architettura, delle arti e nei campi affini, Università e Accademie. L’obiettivo è quello di offrire una facilitazione a visite di tre giorni da loro organizzate per gruppi di almeno 50 tra studenti e docenti, con vitto a prezzo di favore, la possibilità di organizzare seminari in luoghi di mostra offerti gratuitamente, assistenza all’organizzazione del viaggio e soggiorno.

EDUCATIONAL
Anche per il 2017 è prevista l’attività Educational che si rivolge a singoli e gruppi di studenti delle scuole di ogni ordine e grado, delle università e delle accademie d’arte, professionisti, aziende, esperti, appassionati e famiglie. Le iniziative mirano a un coinvolgimento attivo dei partecipanti e si suddividono in Percorsi Guidati e Attività di Laboratorio.

L’OFFERTA EDITORIALE
Il catalogo ufficiale, dal titolo VIVA ARTE VIVA, è composto di due volumi.
Il Volume I è dedicato all’Esposizione Internazionale, ed è a cura di Christine Macel. Il Volume II è dedicato alle Partecipazioni Nazionali, ai Progetti Speciali e agli Eventi Collaterali. La Guida della Mostra è studiata editorialmente per accompagnare il visitatore lungo il percorso espositivo. Il progetto grafico dell’immagine coordinata della Biennale Arte 2017 e il layout dei volumi sono a firma dello Studio deValence, Parigi. La Redazione e l’Edizione dei 3 volumi sono a cura della Biennale di Venezia. (Si veda la scheda allegata)

LA BIENNALE DI VENEZIA 2017: i Festival e Biennale College
Nel tempo di durata della Mostra sono previste le manifestazioni correlate agli altri settori della Biennale: in giugno l’11. Festival Internazionale di Danza Contemporanea (diretto da Marie Chouinard), in luglio e agosto il 45. Festival Internazionale del Teatro (diretto da Antonio Latella), a fine agosto – primi di settembre la 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (diretta da Alberto Barbera), in ottobre il 61. Festival Internazionale di Musica Contemporanea (diretto dal compositore Ivan Fedele), nonché le attività di Biennale College previste in tutti questi settori. Molte di queste iniziative si svolgeranno all’Arsenale, all’interno degli spazi stessi dell’Esposizione Internazionale d’Arte.

La 57. Esposizione Internazionale d’Arte è realizzata anche con il sostegno di Swatch, partner della manifestazione.
Sono sponsor JTI (Japan Tobacco International), Vela-Venezia Unica, illycaffè e COIMA. Ringraziamenti a Cleary Gottlieb Steen & Hamilton LLP.

Si ringrazia il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, le Istituzioni del territorio che in vario modo sostengono La Biennale, la Città di Venezia, la Regione del Veneto.
Un ringraziamento va ai Donors, importanti nella realizzazione della 57. Esposizione.
In particolare i nostri ringraziamenti vanno a Christine Macel e a tutto il suo team.
Grazie, infine, a tutte le grandi professionalità della Biennale applicate con grande dedizione alla realizzazione e alla gestione della Mostra.

Sito web ufficiale della Biennale Arte 2017: www.labiennale.org
Hashtag ufficiale: #BiennaleArte2017

—————-

Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia:
” … questa Biennale è proprio dedicata a celebrare, e quasi a render grazie, all’esistenza stessa dell’arte e degli artisti, che ci offrono con i loro mondi una dilatazione della nostra prospettiva e dello spazio della nostra esistenza.
Una Mostra ispirata all’umanesimo, dice Christine Macel. Un umanesimo non focalizzato su un ideale artistico da inseguire, né tanto meno caratterizzato dalla celebrazione dell’uomo come essere capace di dominare su quanto lo circonda; semmai un umanesimo che celebra la capacità dell’uomo, attraverso l’arte, di non essere dominato dalle forze che governano quanto accade nel mondo, forze che se lasciate sole possono grandemente condizionare in senso riduttivo la dimensione umana.

È un umanesimo nel quale l’atto artistico è a un tempo atto di resistenza, di liberazione e di generosità.

Macel, nel presentarci le opere, adotta per la sua drammaturgia una forma ricorrente tra i grandi autori umanisti: quella del viaggio; un viaggio lungo un percorso di Mostra nel quale si incontrano gli artisti, i quali si avvicinano gli uni agli altri, o si allontanano in relazione alle affinità che si manifestano nel tipo di impulsi e sollecitazioni da cui sono stati mossi, o nel tipo di sfide che hanno inteso affrontare, o nelle pratiche che hanno scelto di seguire.
Non una classificazione, ma una disposizione, una coreografia, un poema epico in un prologo e nove episodi nel quale comunque, a ciascuna opera singolarmente, è lasciato il compito di impegnare il visitatore con la sua vitalità (e so con quanta cura Macel ha proceduto alla selezione di ogni singola opera).

E qui veniamo a un altro aspetto di questa edizione, che da solo basterebbe a qualificarla al di là di ogni tema o narrazione: dei 120 artisti invitati, ben 103 sono presenti per la prima volta nella Mostra del nostro curatore. Alcune sono scoperte, molte altre, almeno per la presente edizione della Mostra, sono riscoperte. È anche questo un modo concreto di esprimere, con il coraggio delle scelte, la propria fiducia nel mondo dell’arte.
Abbiamo sperimentato molte volte in passato, e in tutti i nostri settori, la pratica dell’incontro diretto tra artisti e visitatori. In Architettura, nella Musica, nella Danza, nel Teatro, nel Cinema. Occasionalmente è stato fatto anche nelle Arti Visive e, quando lo abbiamo fatto, ci siamo resi conto di quanto possa essere importante ai fini di una più compiuta partecipazione alla Mostra. Con questa Biennale l’incontro diretto con l’artista assume un ruolo strategico, tanto da costituire uno dei pilastri della Mostra stessa, con un programma che per dimensione, per impegno e per coraggio mi sembra senza precedenti, soprattutto tenendo conto di quanto appena detto sulla netta dominanza delle prime partecipazioni.

Da qualche anno in ogni Esposizione d’Arte dedichiamo il “Padiglione del Libro” alla collezione di opere inviateci dagli stessi artisti e che parlano di loro e della loro opera, quasi a costituire la “bibliografia” della Mostra. Con questa Biennale agli artisti sarà chiesto di inviare anche pubblicazioni e testi che hanno avuto particolare importanza nella loro formazione e nel loro sviluppo artistico. Sarà poi sollecitato anche l’invio di documentazione sulle loro pratiche.
È cresciuto in questi anni il nostro interesse per i “curricula” degli artisti; il disporre di un importante archivio ci sollecita in questa direzione.

Attorno alla Mostra principale della nostra curatrice, 85 padiglioni dei paesi partecipanti, ciascuno con il suo curatore, daranno vita ancora una volta a quel pluralismo di voci che è tipico della Biennale di Venezia. Molti padiglioni hanno aderito alle linee suggerite dalla nostra curatrice e accettato gli inviti a partecipare ai programmi comuni.

Ci saranno molte Mostre Collaterali ed Eventi Collaterali, tra questi ultimi il Padiglione dedicato alle Arti Applicate gestito in partnership con il Victoria and Albert Museum di Londra e il Progetto Speciale in collaborazione con il Teatro La Fenice. Nel tempo di durata della Mostra sono previsti altri importanti impegni della Biennale: in giugno l’11° Festival Internazionale di Danza Contemporanea (diretto da Marie Chouinard), in luglio e agosto il 45° Festival Internazionale del Teatro (diretto da Antonio Latella), a fine agosto – primi di settembre la 74a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (diretta da Alberto Barbera), in ottobre il 61° Festival Internazionale di Musica Contemporanea (diretto dal compositore Ivan Fedele), nonché le importanti attività di “college” previste in tutti questi settori. Molte di queste iniziative si svolgeranno all’Arsenale, all’interno degli spazi stessi dell’Esposizione Internazionale d’Arte. Insomma, tutte le Biennali faranno corona alla Biennale.
Biennale viva, viva la Biennale!”.

——————–

Christine Macel

Studi: storia dell’arte.

Conservatrice del patrimonio e ispettore della creazione artistica per la “Délégation aux Arts Plastiques” del Ministero della Cultura francese (dal 1995).

Dal 2000 è Curatore capo del Musée national d’art moderne – Centre Pompidou di Parigi, come responsabile del Dipartimento della “Création contemporaine et prospective” da lei fondato e sviluppato.

Nel 2013, è stata la curatrice per il Padiglione Francese alla Biennale Arte 2013 (Anri Sala) e per il Padiglione Belga alla Biennale Arte del 2007 (Eric Duyckaerts).

Al Centre Pompidou ha curato e co-curato numerose mostre collettive; tra le altre:  Danser sa vie, art et danse aux XX et XXIème siècles (2011); Les promesses du passé. Une histoire discontinue de l’art à l’Est de l’Europe depuis 1956 (50 artistes) (2010); Airs de Paris, mutations dans la ville et la vie urbaine (2007); Dionysiac (2005).

Ha curato le personali di artisti, tra i quali: Anri Sala (2012), Gabriel Orozco (2010), Philippe Parreno (2009), Sophie Calle (2003), Nan Goldin (2002) e Raymond Hains (2001).

Al Pompidou ha anche ideato e realizzato “Espace 315”.

Riservata a giovani artisti della scena internazionale, e ne ha curato 8 esposizioni tra il 2004 e il 2013: Koo Jeong-A, Magnus Von Plessen, Xavier Veilhan, Jeppe Hein, Pawel Althamer, Damian Ortega, Tobias Putrih, L’Image dans la sculpture (Navid Nuur, Nina Beier, Simon Denny, Yorgos Sapountzis).

2002; anche responsabile del concept e della organizzazione e programmazione di “Prospectif Cinéma”; per giovani artisti francesi e per dare loro una visibilità internazionale.

Christine Macel è anche stata direttore artistico del Festival du Printemps de Cahors per due anni (ExtraetOrdinaire, 1999; Sensitive, 2000), e curatrice della mostra di Jeppe Hein al Moore Space Miami (2005), di John Bock al FRAC di Marsiglia (2006) e di Ziad Antar alla Sharjah Foundation (2012).

2015 curatrice di: Nel Mezzo del Mezzo. Arte contemporanea nel Mediterraneo, Museo Riso di Palermo; What We Call Love, from Surrealism to Now, Irish Museum of Modern Art di Dublino; Une histoire, art, architecture, design, des années 80 à nos jours, Centre Pompidou; inaugurato all’Haus der Kunst di Monaco nel marzo 2016.

Christine Macel è anche curatrice di Collected by Thea Westreich Wagner and Ethan Wagner con Elisabeth Sussman, che ha aperto al Whitney Museum di New York a novembre 2015 e al Centre Pompidou nel giugno 2016.

Ha curato per il Centre Pompidou Dear Friends, donations of the last 5 years (marzo 2016) e Melik Ohanian, Marcel Duchamp Prize (maggio 2016).

Nell’ottobre 2016 ha aperto la mostra Polyphonies: Franck Leibovici, Oliver Beer, Mariechen Danz nel nuovo Espace Prospectif Galerie 0 del Centre Pompidou.

Collabora con diverse riviste come Artforum, Flash Art, Art Press, Parkett e Cahiers du Musée national d’art moderne.

È autrice di numerosi saggi, libri e cataloghi, tra cui il saggio Le Temps pris/Time Taken (francese, inglese, Monografik/Centre Pompidou 2008) sul tema dell’arte contemporanea e del concetto di tempo nell’opera d’arte.

Ha recentemente pubblicato un saggio su Lygia Clark nel catalogo del MoMa del 2015 e uno su Anri Sala nel catalogo del New Museum di New York (Phaïdon, febbraio 2016).

Ha insegnato arte contemporanea all’Ecole du Louvre di Parigi dal 1997 a 2002, e creato o partecipato alla creazione di diverse associazioni dedicate all’arte contemporanea (Espace Blank, Parigi), al rapporto tra arte e neuroscienze (AoN, Berlin), e tra arte e musica techno (Faste, Paris).

Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017 e la sua gastronomia

Un raggio laser per Pistoia Capitale Italiana della Cultura

Il cielo di Pistoia, Capitale Italiana della Cultura 2017 (www.pistoia17.it), si è illuminato sin dalla prima sera dell’anno grazie a un raggio laser che, partendo dal quarto piano di Palazzo Fabroni, attraversa il territorio comunale e unisce “fisicamente” l’edificio alla Fattoria di Celle, nella località di Santomato.

Il raggio verde, il cui colore richiama i vivai per cui Pistoia è famosa in tutto il mondo, rischiarerà la città più volte durante tutto l’arco dell’anno, per scandire i principali appuntamenti legati all’arte contemporanea del programma della Capitale Italiana della Cultura.

 Info: www.pistoia17.it

Pistoia: il gusto di una tradizione secolare

L’anno da Capitale Italiana della Cultura è l’occasione per scoprire prodotti e ricette d’eccellenza

Pistoia, Capitale Italiana della Cultura 2017 (www.pistoia17.it), è al centro di un territorio ricchissimo per la produzione e l’offerta gastronomica. La tradizione culinaria affonda le sue radici nel Medioevo e in una cucina di origine povera, valorizzata oggi da materie prime locali di grande qualità. Le colline offrono il territorio ideale per la coltivazione di ulivi – da cui si ricava un olio ancora lavorato artigianalmente con le macine di pietra – e, nella zona di Pescia, per la crescita del fagiolo di Sorana, tutelato dal marchio IGP e presidio Slow Food; gli alpeggi della montagna pistoiese sono zona di pascolo per le pecore da cui si produce il pecorino a latte crudo (anche questo, prodotto a marchio IGP), mentre i boschi sono riserva di piccoli frutti, castagne e funghi, ingredienti principali di molti piatti della cucina locale.

Tra le ricette tipiche di Pistoia si annovera il Carcerato, che risale al Medioevo, quando i detenuti per debiti, che non ricevevano il vitto dal comune, inventarono questa pietanza fatta di interiora scartate dal vicino macello, pane e verdure. Caratteristico piatto della festa di San Jacopo, che si celebra il 25 luglio, sono i maccheroni di pasta fresca al sugo d’anatra, mentre il pane toscano è protagonista di preparazioni come la zuppa di pane alla pistoiese – già conosciuta e apprezzata dai pellegrini medievali – e la famosa pappa al pomodoro. Con ingredienti poveri sono realizzati anche il biroldo, un insaccato fatto con le parti meno pregiate e il sangue del maiale e aromatizzato con pinoli e uvetta, e i migliacci, frittelle di sangue di maiale. Anche sul versante dolce le golosità non mancano. Innanzitutto Pistoia è celebre per la produzione di confetti dalla superficie bitorzoluta, detti “birignoccoluti”, popolari già nel Trecento e realizzati ancora oggi con le antiche macchine manuali in rame. Da provare anche i necci, crêpes di farina di castagne ripiene di ricotta, e il berlingozzo, la cui origine è da collocarsi all’epoca dei Medici: un ciambellone che si prepara soprattutto durante il Carnevale. Poco distante da Pistoia, Lamporecchio vanta l’origine dei brigidini, piccole cialde croccanti di sottilissima sfoglia al sentore d’anice, che, leggenda vuole, furono inventati dalle monache di Santa Brigida aggiungendo uova, zucchero e anice all’impasto per le ostie della Comunione. L’anno di Pistoia Capitale Italiana della Cultura sarà il momento ideale per gustare tutti questi prodotti, anche partecipando ad alcune rassegne che la città organizza per valorizzare le proprie tradizioni enogastronomiche. “La Toscana in Bocca” si svolgerà dal 21 al 25 aprile, coinvolgendo espositori della ristorazione, della commercializzazione e della filiera di prodotti alimentari: un’occasione per seguire percorsi di degustazione guidata e per acquistare eccellenze locali, ma anche un’opportunità per assistere a incontri e dibattiti sui temi dell’enogastronomia e cimentarsi nella preparazione dei piatti sotto lo sguardo di cuochi e tecnici professionisti. L’edizione 2017 vedrà inoltre numerosi momenti di confronto su tematiche che mettono in luce il legame fra tradizione culinaria e cultura pistoiese in occasione dell’anno da Capitale Italiana della Cultura. Dal 2015 “La Toscana in Bocca” rientra nel novero di iniziative sostenute da “Vetrina Toscana”, progetto lanciato dalla Regione Toscana con il quale si è inteso associare sotto un minimo comune denominatore qualitativo le imprese della somministrazione e più in generale della produzione e commercializzazione di prodotti alimentari.

Info: www.pistoia17.it

LA PRIMA GUERRA MONDIALE – 3.200 ANNI FA

Furono gli sconosciuti popoli provenienti dalla Turchia a distruggere Micene, Creta, Troia e altre città e solo gli egizi riuscirono a fermarli.

Quello che conosciamo per certo sono i resti di una grande devastazione e di grandi incendi che distrussero, nel 1200 a.C., Creta, Micene e Troia, sino all’assoggettamento delle città portuali della Palestina.

Successivamente, nel 1180 a.C., popoli guerrieri attaccarono il regno di Ramsete III; il quale li respinse con grande fatica.

Tutto quanto sopra è stato trovato scritto su di un rilievo parietale in un tempio di Medinet Habu, a Luxor, in Egitto. La scoperta si deve all’archeologo Andreas Schachner, dell’Istituto di Archeologia di Istambul.

Il rilievo racconta di invasori stranieri pieni di armi, con elmi in metallo su navi corazzate, provenienti dall’Anatolia Centrale. Il tutto è confermato anche da papiri ritrovati nell’area del Delta del Nilo, che parlano di misteriosi invasori provenienti dal nord.

Sta di fatto che le ultime ricerche hanno accertato l’esistenza di ben 200 importanti città nell’Anatolia occidentale. Si stanno ora esaminando 33 mila tavolette provenienti da siti turchi e che parlano di città a noi sconosciute come Lukka, Kizzuwatna, Hapalla, Pitasa e Arzawa e vassalli degli ittiti (che occupavano l’attuale Turchia orientale). Sarebbero stati gli abitanti di queste città a scatenare la prima Guerra Mondiale.

La causa pare fu l’atteggiamento aggressivo di alcuni ittiti che, nel 1220, occuparono Cipro rendendone schiavi gli abitanti.

La conseguenza fu che almeno 40 città dell’Anatolia decisero di combattere insieme, a partire dal 1200; anno di una terribile carestia.

Ittiti ed egiziani si unirono; lasciando alla fame gli altri popoli vicini, che poi risposero con la guerra.

La prima città distrutta fu Hattusa, capitale ittita.

Gli archeologi sono certi che sotto la Turchia occidentale ci aspettano preziosi tesori di una importante civiltà scomparsa.

Evento scenografico sulle ghiacciaio del Rettenbach. – MUSICAL DRAMMATICO A 3.000 metri 21 aprile 2017

L’ULTIMA NEVE DÁ SPETTACOLO

I 37 elefanti che Annibale impiegò per attraversare le intemperie delle Alpi verranno rappresentati da moderni mezzi battipista … 

UN MUSICAL DRAMMATICO A 3.000 metri –

ANNIBALE ATTRAVERSA LE ALPI

Cultura e spettacolo ai piedi del ghiacciaio del Rettenbach.

Sul palco naturale 500 commedianti per celebrare la fine dell’inverno. 21 aprile 2017

A pochi passi dall’Italia, in mezzo al suggestivo palcoscenico naturale del ghiacciaio tirolese del Rettenbach, dove tra l’altro sono state girate diverse scene dell’ultimo Spectre James Bond 007, ritorna lo spettacolo musicale più alto delle Alpi: HANNIBAL. Una rappresentazione teatrale e musicale in chiave moderna tra coreografie, musiche e danze per accompagnare il condottiero cartaginese Annibale nella sua attraversata delle Alpi.

Il 21 aprile 2017 al calare del sole, il ghiacciaio del Rettenbach, che a ottobre accoglie annualmente la prima tappa europea di Coppa del Mondo di Sci, diventerà un vasto teatro naturale, dove si esibirà un cast di oltre 500 tra attori, ballerini professionisti, figuranti e diversi atleti di fama internazionale, diretti dal regista salisburghese Hubert Lepka. Hannibal, che si svolge ogni due anni a Soelden, riproporrà una coreografia forte e allo stesso tempo emozionante tra aerei – gli storici Flying Bull, elicotteri, moto, motoslitte, paracadutisti del team Red Bull Skydiving, sciatori e ballerini, tra fuochi d’artificio, musiche moderne e giochi di luci.

I 37 elefanti che Annibale impiegò per attraversare le intemperie delle Alpi verranno rappresentati da moderni mezzi battipista e proporranno uno spettacolo mozzafiato lungo i crinali del ghiacciaio e accanto al palco centrale, incantando il pubblico presente e inscenando balli e battaglie. Nel gran finale assisteremo alla distruzione parziale del grande palco di neve e ghiaccio alto 20 metri, teatro di rappresentazione in chiave moderna di questa pagina di storia di intrighi, amori e potere del lontano passato.

DATA Venerdì 21 aprile 2017
INIZIO ore19.30
LUOGO Ghiacciaio Rettenbach, Sölden/Ötztal – Austria

Informazioni e biglietti su HYPERLINK “http://www.hannibal.soelden.com” www.hannibal.soelden.com – HYPERLINK “http://www.soelden.com” www.soelden.com
Biglietti disponibili
Ingresso adulti (posto in piedi) € 43,00
Ingresso bambini/ragazzi anno 2001 – 2010 (posto in piedi) € 24,00
Posti seduti in tribuna € 56,00
VIP Lounge (incl. posto seduto in tribuna, buffet di bevande e piatti della cucina cartaginese) € 126,00
Tutte le categorie includono i transfer con la navetta da Sölden al ghiaccio e ritorno!