Archivi categoria: viaggiare per l’arte e la cultura

viaggi e cultura, cultura e viaggi, travel for art, travel for culture, viaggiare per l’arte, viaggiare per la cultura,

DUBAI – NUOVO MUSEO – Etihad Museum

L’Etihad Museum gestito da Dubai Culture

Il nuovo Etihad Museum trova sede in una struttura collocata proprio sotto l’iconica asta portabandiera degli EAU (Emirati Arabi Uniti) alta 123 metri, posta su Jumeirah Beach Road nell’area di Dar Al Etihad, location storica in cui i leader degli emirati si riunirono per dichiarare la formazione della nuova nazione, 45 anni fa.

L’Etihad Museum ospiterà mostre e programmi educativi che esplorano la cronologia di un evento importante, a partire dalla firma di un accordo che ha portato alla formazione dell’Unione degli Satti Arabi; utilizzando foto, film e documenti, a partire dal 1968 fino al 1974, che mostrano i primi momenti cruciali della storia della nazione.

L’Etihad Museum è stato progettato a forma di manoscritto, con sette colonne che hanno le sembianze di una penna, la stessa che venne usata per firmare la dichiarazione di unione nel 1971.

L’apertura dell’Etihad Museum è stata rivelata alla stampa da Sua Altezza Shaikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, Vice-Presidente e Primo Ministro degli EAU e sovrano di Dubai.

Abdul Rahman Mohammad Al Owais, Ministro della Salute e della Prevenzione e Chairman di Dubai Culture, ha affermato in una dichiarazione ufficiale che “L’Etihad Museum celebra la devozione e il patriottismo dei fondatori della nostra nazione e invita tutte le persone, di qualsiasi provenienza, a seguire il loro esempio nella creazione di una nazione. Il museo focalizza l’attenzione sulla storia politica e sui percorsi personali legati ad uno dei maggiori eventi della costituzione della nazione — quello dell’unione degli emirati nel 1971”.

Al Owais ha inoltre aggiunto: “Il nostro mandato a Dubai Culture ha lo scopo di arricchire la scena artistica e culturale di Dubai e di preservare l’eredità degli Emirati in modo unico ed innovativo, attraverso la creazione, le attività e la gestione dei musei, in partnership con i maggiori stakeholder degli EAU — in ultimo, anche di contribuire al raggiungimento degli obiettivi previsti nel Dubai Plan 2021, che mira a posizionare Dubai come la dimora di persone creative ed autorizzate, che celebrano con orgoglio le loro identità culturali”.

ARTE le MOSTRE più importanti

mostra-via-della-seta-672-16-capriccio_d_acqua_cina

mostra-672-via-della-seta-coppa_procuratoria_venezia-3572-800-600-80Aperta al Quirinale dal 6 dicembre 2016:

Mostra “Dall’antica alla nuova Via della Seta”

Ingresso gratuito previa registrazione.

Dal 6 dicembre 2016 al 26 febbraio 2017 il Palazzo del Quirinale ospita, nella Galleria Alessandro VII, la mostra “Dall’antica alla nuova Via della Seta” che illustra la storia millenaria dei rapporti tra la Cina e l’Occidente, in particolare l’Italia.

UNA MOSTRA DA NON PERDERE; UNA SUMMA DI ELEGANZA E RAFFINATEZZA CHE OGGI POSSIAMO SOLO GUARDARE, MA FORSE NON SIAMO PIU’ IN GRADO NEMMENO DI RIPRODURRE.

Una piastrella che riproduce il gioco del polo dai tempi dell’antica Persia … alle raffinatissime babbucce di qualche principessa orientale … sete, ceramiche, pietre, oggetti preziosi e la perizia dei cartografi e tante altre eleganti sorprese.

La mostra è curata da Louis Godart, Consulente del Presidente della Repubblica in materia di iniziative ed eventi culturali ed espositivi, in collaborazione con David Gosset e Maurizio Scarpari.

L’ingresso è gratuito. Occorre prenotarsi con le seguenti modalità: on line sul sito http://palazzo.quirinale.it, tramite Call Center, tel. 06 39.96.75.57, o presso l’Infopoint, salita di Montecavallo 15.

Giorni di apertura dal 6 al 18 dicembre 2016 e dal 10 gennaio al 26 febbraio 2017 : martedì – mercoledì – venerdì – sabato – domenica
Giorni di apertura dal 19 dicembre 2016 al 9 gennaio 2017: 19-20-21-22-23-27-28-29-30 dicembre 2016 e 3-4-5 gennaio 2017

Orario: dalle ore 10.00 alle 16.00 (ultimo ingresso ore 15.00).

————-

FONDAZIONE FERRERO

FUTUR BALLA

giacomo-balla-672-Dinamismo di un cane al guinzaglio

ALBA (Cuneo)

FUTUR BALLA

Alba, Fondazione Piera Pietro e Giovanni Ferrero

Una mostra di risonanza internazionale.

Ogni mostra della Fondazione Ferrero è un piccolo-grande prezioso gioiello della storia dell’arte.

Solo il quadro: Dinamismo di un cane al guinzaglio, meriterebbe la visita.

FUTUR BALLA

balla-giacomo-futurballa-fondazione-ferrero-alba

Alba, Fondazione Piera Pietro e Giovanni Ferrero
29 ottobre 2016 – 27 febbraio 2017
Mostra a cura di Ester Coen

Giacomo Balla (Torino 1871 – Roma 1958), figura straordinaria di pittore e fondamentale raccordo tra l’arte italiana e le avanguardie storiche.

L’esposizione è articolata in sezioni tematiche:

-il realismo sociale e la tecnica divisionista;

-le compenetrazioni iridescenti e gli studi sulla percezione della luce;

-l’analisi del movimento e il futurismo.

Nelle opere che seguono il primo apprendistato torinese, lo sguardo penetra la realtà dolorosa e crudele delle classi ai bordi della società.

Un ampio numero di opere documenterà questa fase – tra fine ottocento e primi novecento – durante la quale, in parallelo a temi tra sofferenza e alienazione, l’artista svilupperà un’altissima sensibilità tecnica, le cui origini affondano nel divisionismo piemontese.

La pennellata ricca di filamenti luminosi, il forte contrasto tra chiari e scuri, la scelta di tagli prospettici audaci ed estremi rappresenterà per i futuri aderenti al Manifesto del Futurismo un modello unico e straordinario da seguire.

La mostra di Alba evidenzia poi l’adesione alla poetica del Futurismo.

Dal realismo dei primi dipinti si assisterà alla trasposizione dei precedenti principi compositivi nella materia dinamica e astratta delle Compenetrazioni iridescenti a larghi tasselli cromatici, alla ricomposizione della nuova realtà in movimento nelle Linee di velocità.

In un progressivo avvicinamento ai segni matematici puri:

-verticale, diagonale, spirale, il linguaggio di Balla scopre nuove categorie della rappresentazione nei suoi parametri primari, nell’amplifica zione del fenomeno fisico, isolato, sezionato e inquadrato in tutta la sua verità di materia vibratile. Una visione capace di attingere alle massime profondità, ma di sfondare anche i limiti della cornice, in un gioco di rilancio verso la vita.

Le opere del percorso appartengono a prestigiose collezioni pubbliche e private, italiane ed estere e sarà possibile ammirare capolavori straordinari, difficilmente concessi in prestito: il Polittico dei viventi, nella sua completezza, dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e dall’Accademia di San Luca di Roma,

La mano del violinista dalla Estorick Collection di Londra, la Bambina che corre sul balcone dal Museo del Novecento di Milano, il Dinamismo di un cane al guinzaglio dalla Albright-Knox Art Gallery di Buffalo, il Volo di rondini del Museum of Modern Art di New York, la Velocità astratta + rumore in prestito dalla Peggy Guggenheim Collection di Venezia, che sarà accostata alla Velocità astratta. L’auto è passata della Tate Modern di Londra, e ancora un’Automobile in corsa proveniente da The Israel Museum of Gerusalemme. Solo per accennarne alcuni.

Orari
lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì ore 15 – 19; sabato, domenica e festivi ore 10 – 19 martedì chiuso
giorni di chiusura: 24, 25, 31 dicembre 2016, 1° gennaio 2017

Info
Fondazione Ferrero: ufficio stampa 346 3325466 0173 295094 ufficiostampa@fondazioneferrero.it www.fondazioneferrero.it

FONDAZIONE PIERA PIETRO E GIOVANNI FERRERO – O.N.L.U.S. – ENTE MORALE D. M. 6-12-91
Via Vivaro 49 – 12051 Alba (CN) – Cod. Fisc. 90016920044 – Tel. 0173 295259 – 0173 295085 – Fax 0173 363274 www.fondazioneferrero.it info@fondazioneferrero.it

La Fondazione Ferrero si avvale della collaborazione scientifica della GAM di Torino e della Soprintendenza Belle Arti del Piemonte per la realizzazione della mostra e delle attività educative ad essa collegate.

———

mostra-a-TREVISO LINEA D'OMBRA

TREVISO

Una mostra come non si è mai vista in Italia

Da NON perdere !!!

– DA MONET A RENOIR – DA VAN GOGH A GAUGUIN – TIZIANO – RUBENS – REMBRANDT E POI DA GUTTUSO A VEDOVA E SCHIFANO

29 ottobre 2016 al 17 aprile 2017

 PER FESTEGGIARE LINEA D’OMBRA

Storia dell’impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin , Tiziano, Rubens, Rembrandt.

L’immagine femminile tra Cinquecento e Seicento.

Tre capolavori dalla Scottish National Gallery di Edimburgo

Guttuso a Vedova a Schifano. Il filo della pittura in Italia nel secondo Novecento

De Pictura. 12 pittori in Italia

Treviso, Museo di Santa Caterina e Palazzo Giacomelli
29 ottobre 2016 – 17 aprile 2017

E’ una mostra di capolavori. 120 opere, tutti i grandi nomi e con lavori fondamentali: da Manet a Degas, da Monet a Renoir, da Pissarro a Sisley, da Seurat a Signac, da Fantin Latour a Toulouse-Lautrec, da Van Gogh a Gauguin.

L’impressionismo – in questa stringente congiuntura di storia e non solo di bella pittura – viene considerato quale punto di arrivo di un percorso che, partito appunto da Ingres e Géricault, giunge, con violenti distacchi e tiepide aperture, fino a Cézanne che spalanca le porte al Cubismo picassiano.

E a Cézanne è infatti dedicata l’ultima delle nove sezioni della mostra, quale tuffo nell’arte del XX secolo.

——————————-

MILANO

ARTE 300 _Hokusai_Great-Wave-off-Kana-200x200

ARTE 300 Fuji-rosso_Hokusai-Tempesta-sotto-la-cima-200x200

MILANO

UNA DELLE MOSTRE DA NON PERDERE SE AMATE LA RAFFINATISSIMA GRAFICA GIAPPONESE
Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Luoghi e volti del Giappone che ha conquistato l’Occidente
22 settembre 2016 – 29 gennaio 2017
A cura di Rossella Menegazzo

Sono arrivati a Palazzo Reale tre grandi maestri dell’ukiyoe, Hokusai, Hiroshige e Utamaro, per una grande mostra che attraverso una selezione di oltre 200 opere racconta il Mondo Fluttuante, contrapposta all’etica del samurai e dedita al godimento di ogni singolo momento, al piacere e al divertimento in ogni sua forma.

Tante furono le scuole e gli artisti che si specializzarono in questi temi, tuttavia tre sono i maestri che ancora oggi rimangono punti di riferimento indiscussi: Katsushika Hokusai (1760-1849), Utagawa Hiroshige (1797-1858) e Kitagawa Utamaro (1753-1806).

L’esposizione con circa 200 silografie policrome e libri illustrati provenienti dalla prestigiosa collezione della Honolulu Academy of Arts è promossa e prodotta dal Comune di Milano insieme a MondoMostre Skira e curata dalla professoressa Rossella Menegazzo, docente di Storia dell’Arte dell’Asia Orientale dell’Università degli Studi di Milano.

La mostra metterà in luce da una parte le peculiarità tecniche, l’abilità e l’eccentricità dei singoli artisti, dall’altra il mercato dell’immagine dell’epoca che richiedeva di trattare soggetti precisi, luoghi e volti ben noti al pubblico, temi e personaggi alla moda.

Una domanda intorno alla quale crescevano inevitabilmente rivalità, prima ancora che tra gli stessi artisti, tra gli editori che producevano le opere e si contendevano i migliori pittori, incisori e stampatori per dar vita a serie di stampe sempre diverse, verticali, orizzontali, in forma di ventaglio, in formato di libro per soddisfare un mercato dell’editoria sempre più esigente e ampio.

IL PERCORSO DELLA MOSTRA propone una selezione di silografie dalle serie più significative dei tre artisti, mettendo in evidenza come fossero ricorrenti gli stessi soggetti e come per continuare a venderli nel tempo gli editori fossero obbligati a inventare espedienti come formati diversi e inquadrature diverse.
La mostra si inserisce all’interno di un calendario di eventi che avranno luogo in Italia lungo tutto l’arco del 2016 per celebrare il 150° Anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia con la stipula del primo Trattato di Amicizia e Commercio, firmato il 25 agosto 1866 tra Italia e Giappone, che diede inizio ai rapporti diplomatici tra i due Paesi.
Importanti contatti tra i due Paesi erano già avvenuti nei secoli precedenti, a partire dal XVI secolo, per volere di singoli feudi e signori dell’aristocrazia di spada particolarmente sensibili alla cultura occidentale e alla religione cristiana tanto da inviare missioni conoscitive in America, in Europa e in particolare in Italia e in Vaticano, tuttavia quello del 1866 è il primo trattato firmato tra Paesi moderni dopo oltre due secoli di chiusura del Giappone.
———-
ORARI
lunedì  per ragioni conservative e di tutela delle opere esposte a differenza di quanto precedentemente comunicato: CHIUSO
martedì, mercoledì, venerdì, domenica 09:30 – 19:30
giovedì e sabato 09:30 – 19.30
Per ragioni conservative e di tutela delle opere esposte la mostra il sabato anticipa la chiusura alle 19.30 anziché alle 22.30 (ultimo ingresso 18.30)
Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura.
BIGLIETTI:
*Audioguida inclusa_Intero € 12 /
Ridotto € 10 studenti, gruppi, over 65, disabili e convenzioni /
Ridotto Card Musei Lombardia Milano € 8 /
Ridotto scuole € 6 (valido anche per gruppi organizzati da Touring e FAI) / Famiglie adulto € 10, ragazzi € 6 (per 1 o 2 adulti + ragazzi da 6 a 14 anni).
———-

Arte 500 Rubens Palazzo Reale mostra 2016 k

Parigi, Louvre, RUBENS.
Parigi, Louvre, RUBENS.

MILANO

PALAZZO REALE

Due mostre da non perdere !

“ Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco ”

Dal 27 ottobre 2016 al 27 febbraio 2017

La mostra sottolinea le influenze di Rubens sugli artisti italiani più giovani, protagonisti del Barocco, come Pietro da Cortona, Bernini, Lanfranco e Luca Giordano, senza tralasciare nel contempo quelle esercitate sul pittore dall’arte antica e dalla pittura cinquecentesca.

Per rendere chiaro e lineare questo tema complesso, l’esposizione si concentra su opere di Rubens assolutamente esemplificative di questi temi, con confronti evidenti tra i suoi dipinti, alcune sculture antiche, alcune opere di grandi pittori rinascimentali e di altri artisti barocchi.

Dal 27 Ottobre 2016 al 27 Febbraio 2017
MILANO
LUOGO: Palazzo Reale
CURATORI: Anna Lo Bianco
COSTO DEL BIGLIETTO: intero € 12, ridotto € 10 (studenti, gruppi, over 65, disabili, tesserati Touring Club e FAI e convenzioni), scuole € 6, famiglia € 10 adulti e € 6 ragazzi (dai 6 ai 14 anni)
TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 02 88445181
E-MAIL INFO: c.mostre@comune.milano.it
SITO UFFICIALE: http://www.palazzorealemilano.it

RUBENS, esercitò sugli artisti più giovani; come Pietro da Cortona e Bernini.
Finalmente sarà possibile anche percepire la sua conoscenza e l’amore per l’arte classica e cinquecentesca.

———

ARTE 300 Maurits Cornelis Escher MOSTRA PALAZZO REALE

M.C. Escher_672 Mano con sfera riflettente

arte 450 escher-scale

MILANO

PALAZZO REALE
Escher
Luglio 2016 – gennaio 2017

ESCHER olandese, nato nel 1898 e morto nel 1972, è il più grande incisore del ‘900.
La mostra è aperta a Palazzo Reale sino al 22 gennaio 2017.
Curatori: Marco Bussagli e Federico Giudiceandrea.
Sotto le regole della matematica, della natura e della scienza, Escher, ci svela un mondo di stupefacenti superfici specchianti, scale dove non si può salire o scendere; oggetti in continua trasformazione dove regna la magia dell’Arte, quella con la A maiuscola.
Il maestro olandese aveva anche una particolare sensibilità per le problematiche della matematica e della geometria. Il contatto con matematici e le sue esplorazioni sulle decorazioni arabe dell’Alhambra, lo portarono anche al triangolo impossibile con tre angoli retti; elaborò paradossi visivi e così creò i suoi mondi fantastici.
Nella mostra: 200 opere esposte in sei sezioni; come un’anticipazione delle future tecnologie digitali, una visione profetica.
L’artista Escher “nasce” dopo un viaggio in Italia con i genitori; all’età di 22 anni, proprio come nella più classica delle tradizioni della pittura nordica.
Diventa allievo di Jesserun de Mescquita, maestro dell’art noveau che gli suggerirà l’idea di una natura viva e in continua trasformazione.
Nel 1923 si trasferisce a Roma, dove rimane affascinato da Francesco Borromini e da Giovan Battista Piratesi.
Piratesi diviene per Escher fonte di inesauribile ispirazione e molte delle opere di Piratesi finiranno nello studio svizzero di Escher; dove nel frattempo si era trasferito (1936).
Escher recepirà anche il messaggio futurista; con le sue vertiginose prospettive di vedute dall’alto e le sue geometrie che possono essere riferite all’influenza di Giacomo Balla.

———

arnaldo-pomodoro-uj-arte

MILANO

“Arnaldo Pomodoro. 90 anni di scultura”

Milano, Palazzo Reale

Dal 21 novembre 2016 al 22 gennaio 2017

Milano festeggia i 90 anni di Arnaldo Pomodoro con una grande antologica contemporaneamente allestita in DIVERSE SEDI attraverso un percorso che comprenderà l’intera città.

La mostra a Palazzo Reale è stata prodotta dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro e Palazzo Reale con la collaborazione di Mondo Mostre Skira, ed ospitata nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale.

Vi sono raccolte una trentina di sculture realizzate dal 1955 ad oggi.

In Piazzetta Reale è esposto, per la prima volta nella sua completezza, il complesso scultoreo The Pietrarubbia Group, completata nel 2015.

Alla Fondazione Arnaldo Pomodoro di via Vigevano 9 e alla Triennale di Milano:

-maquettes, disegni e fotografie, quattro progetti “visionari”: il monumento di Pietrarubbia, il progetto del cimitero di Urbino, la cantina di Bevagna e il Simposio Minoa di Marsala.

La passione di Arnaldo Pomodoro per il teatro è riconosciuta attraverso una selezione di 16 modellini di progetti scenici visitabili nella Sala del collezionista del Museo Poldi Pezzoli.

Il progetto prevede anche un itinerario guidato nella città che collega le opere presenti nei musei e negli spazi pubblici e privati.

MOSTRA POMODORO MILANO ORARI:
Lunedì: 14.30–19.30
Martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30-19.30
Giovedì e sabato: 9.30-22.30

Prezzo per visita guidata alla mostra di Arnaldo Pomodoro a Milano: totale: € 15,00
Visita guidata: € 8,50, saltafila, visita alla mostra di Arnaldo Pomodoro condotta da uno storico dell’arte con patentino abilitativo alla professione, sistema di microfonaggio, tessera e bollino Milanoguida che consentono l’accumulo di bonus per ottenere una visita guidata gratuita
Biglietto con diritto di prenotazione € 6,50

————

———————————————-

VENEZIA

Arsenale, Giardini della Biennale
15° Mostra Internazionale di Architettura
28 maggio 2017 – 27 novembre 2017

Una rassegna tra le più importanti al mondo.

———————————————-

VERONA : una mostra da non perdere

maya-300-mostra-verona-2016

I Maya. Il linguaggio della bellezza

Palazzo della Gran Guardia di Verona

Sulla grande e misteriosa civiltà dei Maya

Dal 08/10/2016 al 05/03/2017

maya-maschera-ok-400-ok-archeologia-messico

I Maya, furono tra le civiltà più ricche di storia e di mistero, dal 2000 a.C. al 1542 d.C.

Inventarono e svilupparono sistemi matematici, calendari, spirito artistico, misurazioni del tempo e molto altro.

L’arte dei Maya è fiorita attraversando il periodo preclassico, classico e postclassico.

Straordinari i capolavori come:

-il Portastendardi, pregiata scultura risalente all’XI secolo e realizzata da un maestro di Chichen Itza (inserito nel 2007 fra le sette meraviglie del mondo),

-la Testa raffigurante Pakal il Grande che visse dal 603 al 683 dopo Cristo e fu il più importante re di Palenque

-la Maschera funeraria a mosaico di giada raffigurante un re divinizzato.

mayaverona.it

———–

——–

arte-art-deco-gli-anni-ruggenti-forli-lk

arte-art-deco-672-gli-anni-ruggenti-in-italia-forli

FORLI’

Una mostra da segnare sul calendario.
Dall’11 febbraio 2017 al 18 giugno 2017

ART DECO’
Gli anni ruggenti in Italia

FORLI’
Musei San Domenico
Il fenomeno Decò attraversò il decennio 1919-1929 e comprese:
– arredi, ceramiche, vetri, metalli lavorati, stucchi, bronzi, gioielli, argenti, abiti.
Il tutto fu caratterizzato dall’altissimo livello della produzione artigianale e industriale e contribuendo alla nascita del design e del made in Italy.
Rilettura di una serie di avvenimenti storico-culturali e di fenomeni artistici che hanno attraversato l’Italia e l’Europa nel periodo compreso tra il primo dopoguerra e la crisi del 1929.
Dopo le grandi mostre dedicate al Novecento e al Liberty, nel 2017 Forlì dedica una grande esposizione all’Art Decò italiana, lo stile che ha caratterizzato la produzione artistica nazionale ed europea negli anni Venti.
Informazioni tel. 0543.191 20 30-031
Catalogo: SilvanaEditoriale

——

———————

ARTE Ai WeiWei LISSON GALLERYA dam_3

Foto di vari lavori di AiWeiwei.

Biennale Venezia 2013 Ai Weiwei
Biennale Venezia 2013
Ai Weiwei

ARTE AI WEIWEI rosso granchi

FIRENZE

AiWeiwei. Libero

Palazzo Strozzi
Si tratta della prima importante mostra italiana dedicata all’artista dissidente AiWeiwei; icona della libertà di espressione.
Le opere in mostra ci permettono di conoscere o riconoscere, tutte le tappe della sua coraggiosa carriera artistica.
DAL 21 OTTOBRE2016 AL 5 MARZO 2017

———

——————-

 

Arte 672 Centro pecci PRATO

PRATO

CENTRO PECCI-PRATO

Dopo i lavori di ristrutturazione e ampliamento firmati dall’architetto sino-olandese Maurice Nio, apre la prima mostra al CENTRO PECCI PRATO

LA FINE DEL MONDO

Sino al 19 marzo 2017

Il 16 ottobre l’inaugurazione del museo
Cinquanta gli artisti internazionali coinvolti in un allestimento che occuperà l’intera superficie espositiva del museo, pari a 3.200 metri quadri.
“Ma niente visioni catastrofiche o apocalittiche”, assicura il direttore Fabio Cavallucci.
– La fine del mondo intesa non come concetto catastrofico o apocalittico, ma come espressione “di uno stato d’animo che ci attraversa tutti: l’incapacità di comprendere un mondo che ci sembra uguale a prima ma in realtà è profondamente diverso, e che crediamo di saper guidare senza riuscirci, un po’ come una macchina lanciata lungo una strada ghiacciata”. Così precisa, Fabio Cavallucci. “Sarà un po’ come imbarcarsi su una navicella spaziale e ritrovarsi proiettati a 200 mila anni di distanza. E, a quel punto, potremo guardarci indietro e capire se in queste opere-fossili ci sono solo elementi di nostalgia o anche qualche segnale di futuro”.
Gli autori sono tra i migliori nomi del mondo dell’arte;  dallo svizzero Thomas Hirschhorn, che firma la grande installazione di apertura (un varco spazio-temporale dal titolo “Break Through”), sino alla musica (la cantante Bjork o il musicista elettronico Joakim) e l’architettura (Didier Fiuza Faustino), il teatro (Pippo Delbono). Altri autori: Jimmie Durham, il cubano Carlos Garaicoa, i cinesi Qiu Zhije e Cai Guo-Qiang, il brasiliano Henrique Oliveira.
E i grandi del ‘900: Marcel Duchamp, Pablo Picasso e Umberto Boccioni e giovani talenti provenienti dall’Europa dell’Est, dal Nord Africa, dal Medio Oriente e dal Sud America.
Orari
Mart/Dom 11 -23
Lunedì chiuso (eccetto il 17.10.16)

——-

—————–

ROMA

—-

arte-picasso-foto-parziale

picasso-bn-672-arte-ok

Particolari di foto di Picasso.

ROMA

14/10/2016 – 19/02/2017
Picasso Images. Le opere, l’artista, il personaggio.
Duecento sono le fotografie della mostra: Picasso images. Le opere, l’artista, il personaggio.
La mostra delinea il percorso dell’ eccezionale artista  ed i suoi ritratti più intimi.
Su Twitter: @museiincomune #PicassoImages
Informazioni
Museo dell’Ara Pacis, Spazio espositivo Ara Pacis
Orario
14 ottobre 2016 – 19 febbraio 2017
Tutti i giorni 9.30-19.30
24 e 31 dicembre 9.30-14.00
La biglietteria chiude un’ora prima
Chiuso il 25 dicembre e 1 gennaio
N.B. Per eventuali aperture e/o chiusure straordinarie consultare la pagina dedicata agli avvisi
Biglietto d’ingresso
Biglietto “solo mostra”:
– intero: € 11,00 biglietto “solo mostra” intero;
– ridotto: € 9,00 biglietto “solo mostra” ridotto.

—————————————

ROMA

Chiostro del Bramante
dal 29 settembre 2016 al 19 febbraio 2017

LOVE: opere, diventate icone Pop del ‘900

Curata da Danilo Eccher.
Artisti celebri e opere diventate vere icone pop del Novecento.
Tra le opere esposte la bellissima Marilyn di Andy Warhol.

—————————————-

artemisia-gentileschi-672-sd

ROMA

PALAZZO BRASCHI
Artemisia Gentileschi
30 novembre 2016 – 8 maggio 2017

90 opere provenienti da tutto il mondo, presso il Museo di Roma a Palazzo Braschi.

La mostra Artemisia Gentileschi, prevede un percorso che svela gli aspetti più autentici dell’artista, attraversando un arco temporale che va dal 1610 al 1652.

Informazioni
Museo di Roma
Orario
martedì-domenica ore 10.00-19.00
La biglietteria chiude un’ora prima
N.B. per eventuali aperture e/o chiusure straordinarie consultare la pagina dedicata agli    Avvisi
Giorni di chiusura Lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio, 1 maggio
Informazioni
060608 tutti i giorni 9.00-21.00

———————————————————

 

——————————————

andy-warholl-672-usa-1af

arte-andy-warhol-672-kennedy

GENOVA

Warhol. Pop Society
Genova. Palazzo Ducale
Appartamento del Doge
21 ottobre – 26 febbraio 2017
In occasione dei trent’anni dalla scomparsa del grande artista americano, a Palazzo Ducale una mostra sull’ invenzione della Pop Art.
Curata da Luca Beatrice.
Prodotta e organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura di Genova e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore.
Sei linee le conduttrici: il disegno, le icone, le polaroid, i ritratti, Andy Warhol e l’Italia, ed il finale con  il cinema, per avere una prospettiva dell’intero arco produttivo dell’artista.
Con Andy Warhol,  si apre l’epoca dell’arte contemporanea.
Orari
lunedì 14.30 – 19
martedì, mercoledì, giovedì, sabato, domenica 9–19
venerdì 9–22
La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso)
Biglietti
Intero € 13
Ridotto € 11
Informazioni e prenotazioni
010/9868057
www.warholgenova.it/
www.ticket24ore.it/warholgenova

——————————————-

arte-roma-jean-arp-450

jean-arp-672-mostra-roma

ROMA

Jean Arp
a cura di Alberto Fiz

30 settembre 2016 – 15 gennaio 2017

Grandi Aule delle Terme di Diocleziano
Viale Enrico De Nicola 79, Roma

A 50 anni dalla morte, alle Terme di Diocleziano la più grande retrospettiva italiana sul maestro delle avanguardie del ‘900: Jean Arp.

Roma omaggia l’artista franco-tedesco con una mostra personale presentata nelle Grandi Aule delle Terme di Diocleziano.

Dal 30 settembre al 15 gennaio 2017

La mostra è anche l’occasione per celebrare i 100 anni di quel movimento Dada che proprio Arp contribuì a fondare, a Zurigo nel 1916 .

Il curatore: ”Jean Arp è un artista che ha stravolto ogni punto di vista. Non ha mai voluto cercare uno stile e, sfidando le altre avanguardie, ci ha mostrato non l’oggetto in se’, ma nella sua formazione. Pur vivendo un secolo cosi’ buio come il ‘900, e’ l’artista della vita, del ‘senza senso’ della natura. Da Zaha Hadid a Calatrava, tutti coloro che hanno poi lavorato sulla componente germinale devono qualcosa ad Arp”.

L’allestimento è firmato dall’architetto Francesco Venezia e lascia aperti degli spiragli sui mosaici della Villa di Nerone ed enfatizza le Costellazioni nelle forme dei pavimenti.

80 opere:

-dai primi rilievi in legno alle opere figurative,

-dalle sculture in materiali poveri come il gesso a quelle in bronzo.

arte-edward-hopper-roma-complesso-del-vittoriano-672

ROMA

Edward Hopper
Roma, Complesso del Vittoriano
Sino al 12 febbraio 2017
Sessanta opere del pittore americano Hopper (1882-1967), noto come uno degli artisti più suggestivi e crudelmente realisti del Novecento.
Le opere sono presentate con una messinscena inquietante, come l’atmosfera delle opere di Hopper.
Questa selezione evidenzia in modo particolare l’influenza che l’autore ha avuto sul grande cinema internazionale.
www.arthemisia.it

———

————————————————————

ROVIGO

PALAZZO ROVELLA
Curatore: Giandomenico Romanelli

“ I Nabis, Gauguin e la pittura italiana d’avanguardia ”

dal 17 settembre fino al 14 gennaio 2017

I grandi pittori di fine ‘800 e primi del ‘900, tra i tanti: Emile Bernard, Cuno Amiet, Charles Cottet, Paul Gauguin, Felix Vallotton, Paul Sérusier, Gino Rossi, Oscar Ghiglia, Cagnaccio di San Pietro per un viaggio tra colore e sentimento. Dall’ Oceano alla Laguna.

———————————————

arte-dali-il-sogno-del-classico-pisa-palazzo-blu

PISA

Nella splendida cornice di Palazzo Blu, 150 opere tra dipinti, acquerelli e xilografie del maestro Dalí.

DALI’ Il sogno del Classico

Curatori: Montse Aguer i Teixidor
PISA – Sino al 5 febbraio 2017
Dalí: eccentrico e geniale, ama i grandi Maestri italiani, Raffaello, Cellini, Dante e Michelangelo e li cita e dipinge nei suoi quadri.
La mostra evidenzia l’importanza dell’Italia, del Rinascimento e  di Michelangelo, nell’opera di Salvador Dalí.
In mostra, l’intera serie di xilografie che illustra la Divina Commedia.
30 disegni e acquarelli, raccontano la leggendaria vita di Benvenuto Cellini.
Nel percorso espositivo incontriamo anche una selezione di oli straordinari e poco esposti al pubblico, quattro dei quali inediti:
-Senza titolo. Mosè da quello della tomba di Giulio II di Michelangelo.
-Cristo dalla Pietà di Palestrina attribuita a Michelangelo, Senza titolo.
-Giuliano de’ Medici da quello del sepolcro di Giuliano de’ Medici di Michelangelo, senza titolo.
-Senza titolo. dal Ragazzo accovacciato di Michelangelo.
INFORMAZIONI
Orario:
dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 19.00 sabato e domenica dalle 10.00 alle 20.00 (ultimo ingresso un’ora prima della chiusura)
Biglietti:
intero € 12,00 con audioguida • ridotto € 10 con audioguida per: visitatori oltre i 65 anni e fino a 25 anni, portatori di handicap; • ridotto, convenzioni e gruppi 10,00 € con audioguida; • ridotto 5,00 € universitari (solo giovedì) con audioguida; • ridotto 5,00 € gruppi scuola; • gratuito comprensivo di audioguida per: giovani fino a 6 anni accompagnati da familiari, un accompagnatore per ogni gruppo, due accompagnatori per ogni gruppo scolastico, un accompagnatore per disabile che presenti necessità, giornalisti iscritti all’albo, tesserati ICOM.
Editore:
SKIRA
Patrocini:
organizzata con la collaborazione della Fundación Gala-Salvador Dalí e MondoMostre.
Sito Web:
http://www.mostradalipisa.it

——————————————————-

liberty-in-italia-reggio-emilia-672-a-bonzagni-alluscita-dalla-scala-1910

REGGIO EMILIA

LIBERTY IN ITALIA
Artisti alla ricerca del moderno
Mostra a cura di Francesco Parisi e Anna Villari.
Dal 5 novembre 2016 al 14 febbraio 2017.
Fondazione Palazzo Magnani
I – 42121 Reggio Emilia
Corso Garibaldi 31
Tel. + 39 0522 44 44 46
Fax + 39 0522 44 44 36
mailto: info@palazzomagnani.it
Quasi 300 opere: dipinti, sculture, grafica, progetti architettonici e decorativi, manifesti, ceramiche provenienti da Musei italiani e da collezioni private.
La mostra evidenzia le due “anime” del Liberty italiano:
-propriamente floreale
-“modernista”.

ALLA BASE DELLO STILE:
– la linea grafica e la ricerca sul segno
coniugati attraverso le varie espressioni artistiche: pittura, scultura, decorazione murale, ceramiche, ma anche progetti di case d’artista (come chiave nuova di lettura dello stile), manifesti, illustrazione e grafica originale, ma anche:
-grandi manifesti pubblicitari, i bozzetti preparatori, i cartoni per gli affreschi, i disegni relativi a vasi, illustrazioni, incisioni.

————————————————–

———-

Alcune tra le mostre più importanti del 2016: ora chiuse

Più sotto le mostre all’estero

———

MOSTRA TERMINATA L’8 GENNAIO 2017

Arte 672 ferrara diamanti orlando Furioso

arte Ferrara 450 orlando furioso

arte mostra 672 Ferrara orlando FURIOSO

FERRARA:

una mostra da non perdere !

Palazzo dei Diamanti
Orlando Furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi
24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017 mostra terminata

EVENTO IRRIPETIBILE E IMPERDIBILE
Orlando furioso 500 anni
Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi
24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017
Cosa vedeva Ludovico Ariosto quando chiudeva gli occhi?
Quali immagini affollavano la sua mente mentre componeva il poema che ha segnato il Rinascimento italiano?
Quali opere d’arte furono le muse del suo immaginario?
A queste domande vuole dare una risposta la mostra organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte per celebrare i cinquecento anni della prima edizione dell’Orlando furioso.
Concepito nella Ferrara estense e stampato in città nel 1516, il poema è uno dei capolavori assoluti della letteratura occidentale che da subito parlò al cuore dei lettori italiani ed europei.
L’esposizione sarà una importante rassegna d’arte vera e propria: una straordinaria narrazione per immagini che condurrà il visitatore in un viaggio appassionante nell’universo ariostesco, tra battaglie e tornei, cavalieri e amori, desideri e incantesimi.
I visitatori si troveranno davanti a una mostra d’arte che fa dialogare fra loro dipinti, sculture, arazzi, libri, manoscritti miniati, strumenti musicali, ceramiche invetriate, armi e rari manufatti. A orchestrare questo incanto visivo è un’idea semplice: restituire l’universo di immagini che popolavano la mente di Ludovico Ariosto mentre componeva il Furioso.
Un lungo lavoro, condotto dai curatori della mostra Guido Beltramini e Adolfo Tura, affiancati da un comitato scientifico composto da studiosi di Ariosto e da storici dell’arte, è stato orientato a individuare i temi salienti del poema e a rintracciare, puntualmente, le fonti iconografiche che ne hanno ispirato la narrazione.
I visitatori saranno così condotti in un appassionante viaggio nell’universo ariostesco, tra immagini di battaglie e tornei, cavalieri e amori, desideri e magie. A guidarli saranno i capolavori dei più grandi artisti del periodo, da Paolo Uccello ad Andrea Mantegna, da Leonardo da Vinci a Raffaello, da Michelangelo a Tiziano a Dosso Dossi: creazioni straordinarie che faranno rivivere il fantastico mondo cavalleresco del Furioso e dei suoi paladini, offrendo al contempo un suggestivo spaccato dell’Italia delle corti in cui il libro fu concepito.

Negli anni tra la prima e la terza redazione del Furioso il mondo attorno al suo autore cambiò radicalmente, a cominciare dagli sconvolgimenti culminati nella battaglia di Pavia del 1525 che segnò la sconfitta di Francesco I e l’inizio dell’egemonia politica e culturale di Carlo V sulle corti padane.
Parallelamente nelle arti figurative maturano negli stessi anni espressioni nuove, trionfa quella Vasari chiamerà “maniera moderna”, un linguaggio artistico di respiro non più regionale ma italiano, che ha come campioni Raffaello e Michelangelo. La stessa olimpica sintesi fra tradizioni precedenti e assimilazione della lezione del mondo antico, che in pittura genera le vette del Rinascimento, in letteratura ha un singolare parallelo nella trasformazione linguistica dell’Orlando, che Ariosto porta a compimento nell’edizione del 1532. Grazie ad essa il poema, purificato dalle inflessioni locali, diviene «classico di una classicità nuova», un capolavoro “italiano”, simbolo della letteratura del primo Rinascimento.
Ariosto assiste alla rivoluzione linguistica della pittura, vedendo di persona le opere di Michelangelo e Raffaello che lo stesso Alfonso I d’Este, signore di Ferrara, brama di possedere.
Del resto Ariosto è coinvolto nella nascita dei dipinti che artisti come Dosso o Tiziano dipingono per Alfonso: essi in mostra saranno rappresentati dal Baccanale degli Andrii di Tiziano, uno dei capolavori del Camerino delle pitture di Alfonso che – grazie ad un prestito eccezionale concesso dal Museo del Prado – tornerà in Italia dopo quasi cinquecento anni dalla sua creazione.
Nel quinto centenario la Fondazione Ferrara Arte e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo celebrano il poema con un’esposizione che aprirà a Palazzo dei Diamanti il 24 settembre.
INFORMAZIONI:
ORLANDO FURIOSO 500 ANNI
Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi Ferrara, Palazzo dei Diamanti
24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017
Mostra a cura di Guido Beltramini e Adolfo Tura, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Info
tel. 0532 244949 diamanti@comune.fe.it www.palazzodiamanti.it
«Quando entro nel Furioso, veggo aprirsi una tribuna, una galleria regia, ornata di cento statue antiche de’ più celebri scultori […], di cristalli, d’agate, di lapislazzuli e d’altre gioie, e finalmente ripiena di cose rare, preziose, meravigliose»
Galileo Galilei
Da: http://www.palazzodiamanti.it/1434

————————————

MOSTRA TREMINATA NEL DICEMBRE 2016

arte 450 Claude-Monet-Le-Bassin-des-Nympheas-1904-Denver-Art-Museum

ARTE 672 f Claude Monet

Alcune immagini di Monet.

Arte 672 Claude Monet gbn

PARMA

MONET Quelle Ninfee che anticiparono l’Informale

FONDAZIONE MAGNANI ROCCA di Mamiano di Traversetolo
Dal 3 settembre all’11 dicembre
Claude Monet
Le Ninfee nelle Villa dei Capolavori, sono al centro dell’esposizione alla FONDAZIONE MAGNANI ROCCA di Mamiano di Traversetolo. L’occasione per venire in contatto con l’ultima parte del lavoro artistico del maestro e forse per capirne la grande suggestione.

—————————————-

Mostra terminata nel 2016

*** IT IS FORBIDDEN TO USE THIS IMAGE WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM TIMOTHY ALLEN *** Copyright Timothy Allen http://humanplanet.com
*** IT IS FORBIDDEN TO USE THIS IMAGE WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM TIMOTHY ALLEN *** Copyright Timothy Allen http://humanplanet.com
*** IT IS FORBIDDEN TO USE THIS IMAGE WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM TIMOTHY ALLEN *** Copyright Timothy Allen http://humanplanet.com
*** IT IS FORBIDDEN TO USE THIS IMAGE WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM TIMOTHY ALLEN *** Copyright Timothy Allen http://humanplanet.com

foto-majid-saeedi_life_7

SIENA

SIENA ART PHOTO TRAVEL FESTIVAL

Siena | 29 ottobre – 30 novembre 2016
MAJID SAEEDI | Afghanistan, life in war
Spazio espositivo “Lo Stellino”, Viale Fiorentina, 95 – Siena
E’ un affresco della società afgana in un Paese martoriato dalla guerra il reportage del documentarista iraniano Majid Saeedi, che ha dedicato al racconto del popolo afgano gli anni più recenti della propria attività professionale di fotografo. La mostra allestita in un ex spazio industriale propone circa quaranta immagini di Saeedi, che è riuscito a cogliere l’umanità di questo popolo, ma anche le ingiustizie e le atrocità vissute dalla popolazione durante la guerra che ancora insanguina il paese. Una guerra che pervade tutto e colpisce la vita quotidiana dei sopravvissuti, dei bambini, delle donne, degli anziani.

———————————-

Ve Tiziano Madonna con Bambino IMG_0183

URBINO

Tiziano
Dal 6 settembre al 18 dicembre
URBINO – Palazzo Ducale
“Venere di Urbino”, torna nella sua città d’origine; dopo quasi cinque secoli dalla committenza di Guidobaldo II Della Rovere.
La Venere, dipinta dal maestro veneto nel 1538 ed oggi normalmente presente nelle Galleria degli Uffizi, torna ad Urbino.
Merita tutta la nostra attenzione la sensuale e misteriosa donna nuda che tanto suggestionò lo stesso Giorgio Vasari.

—————————————

ARTE 672  ORAZIONE NELL'ORTO DI GIOVANNI BELLINI

arte Ve Giovanni Bellini Mad dei cherub rossi IMG_0205

Ve Bellini e aiuti Accademia IMG_0176

Alcune opere di Bellini.

arte-banca-nazionale-dle-lavoro

La trasfigurazione. Bellini.

VICENZA

Nell’ambito della promozione del Rinascimento, epoca cruciale per l’identità europea, nasce l’iniziativa di Intesa San Paolo:
” L’OSPITE ILLUSTRE ”
Nell’ambito di questa iniziativa, Intesa San Paolo mette in mostra:

“ LA TRASFIGURAZIONE ” di Giovanni Bellini,
presso le Gallerie d’Italia di Vicenza,  fino all’11 dicembre 2016.
” LA TRASFIGURAZIONE ” di Giovanni Bellini, proviene dalla collezione Farnese e fu trasferita a Napoli sin dal XVIII secolo.
La tavola ” LA TRASFIGURAZIONE “, è molto legata alla città di Vicenza, poiché identificata come la pala eseguita da Bellini per la cappella Fioccardo nel Duomo cittadino.
Questo straordinario dipinto fa parte del percorso che prevede delle tappe anche a Palazzo Chiericati e alla chiesa di Santa Corona.:
“Giovanni Bellini a Vicenza. Un itinerario nel paesaggio”, curato e organizzato dal Comune e dai Civici Musei di Vicenza, per la valorizzazione delle opere create dall’artista per la città.
Vedi più informazioni al link: http://www.gallerieditalia.com/it/events/ospite-illustre-la-trasfigurazione/
Tutta l’iniziativa su:
www.ilcorriere.it/bello-italia

———————————-————————————————

“Rinascere dalle distruzioni – Ebla, Nimrud, Palmira”
Colosseo, Roma
Dal 7 ottobre all’11 dicembre 2016
L’arte in 3D

I tesori del Medio Oriente, in fedeli riproduzioni  a grandezza naturale in materiale plastico e ricoperti di polvere di pietra.
Ricostruiti con tecnologie digitali e materiali che simulano gli originali,  i capolavori distrutti dall’Isis da Palmira all’Iraq, ora sono esposti al Colosseo.
La visita  a questa speciale mostra permette di rivedere i tesori di Palmira, Ebla e Nimrud distrutti o danneggiati dalla furia dell’estremismo islamico.
Tre capolavori distrutti, danneggiati dalle guerre e ricostruiti per questa specialissima mostra:
-Il Toro alato di Nimrud (Iraq), con la testa dalle fattezze umane, è stato completamente raso al suolo a marzo 2015 dal fondamentalismo islamico
-il Tempio di Bel a Palmira, in Siria,  gravemente danneggiato nell’agosto 2015; restano solo dei frammenti
-la sala dell’archivio di Stato del Palazzo di Ebla, Siria,  custodiva 17.000 tavolette cuneiformi, versa invece in grave stato di abbandono.
——————

Un’opARTE 672 200 BURRI ex_burri-ferro_690Un’opera di Burri.

CITTA’ DI CASTELLO

ALBERTO BURRI

“ Alberto Burri: lo Spazio di Materia – tra Europa e U.S.A. ”

Ex Seccatoi del Tabacco
Dal 24 settembre 2016 al 6 gennaio 2017
Ampia ricognizione tra le tendenze dell’arte contemporanea del secondo dopoguerra del XX secolo.
Presenti anche opere di altri autori: Dubuffet, Pollock, Motherwell, Hartung, De Kooning, Calder, Matta, Rauschenberg, Twombly, Johns, Fontana e Manzoni.

———–

———————-

————————————————

ALL’ESTERO

 

zurst-mendrisio-legni-672-ok-soggetto-sacro

zurst-mendrisio-legni-crocefisso-300-antico

zurst-mendrisio-legni-300

Vicino a Mendrisio

Come sempre, la Pinacoteca Züst di Rancate ( Mendrisio ), stupisce.

Questa volta ci ha stupito anche per l’eleganza dell’allestimento di Mario Botta; minimalista, ma raffinatissimo. Ovviamente i ” legni ” presentati sono di eccellente fattura e interesseranno sia gli appassionati, come i semplici curiosi.
LEGNI PREZIOSI
Sculture, busti, reliquiari e tabernacoli dal Medioevo al Settecento
16 ottobre 2016 – 22 gennaio 2017
Pinacoteca cantonale Giovanni Züst
Rancate (Mendrisio), Canton Ticino – Svizzera
A cura di Edoardo Villata
Con l’allestimento di Mario Botta
E’ Mario Botta a firmare lallestimento della raffinatissima esposizione che la Pinacoteca Züst di Rancate, nel Cantone Ticino, dedica (dal 16 ottobre 2016 al 22 gennaio 2017) alla scultura lignea.
Il grande architetto ha studiato, a titolo completamente gratuito, ogni dettaglio affinché il visitatore sia immerso in un’atmosfera suggestiva e solenne, in cui la sacralità delle immagini esposte risulta pienamente valorizzata.
La mostra presenta una carrellata di sculture in legno dal XII al XVIII secolo – Madonne, Crocifissi, Compianti, busti, polittici scolpiti e persino un Presepe – provenienti da musei, chiese e monasteri del territorio ticinese, dove questi autentici capolavori sono stati oggetto di devozione e ammirazione per secoli.
Da sempre il legno rappresenta uno dei mezzi più disponibili ed economici, anche perché di facile trasporto, attraverso i quali luomo cerca un contatto con la sfera del sacro.
Questa caratteristica ha fatto, per troppo tempo, scambiare questa produzione per semplice artigianato o arte popolare. In realtà gli studi degli ultimi decenni hanno posto in risalto da un lato la diffusione delle sculture lignee, e dall’altro il livello spesso altissimo della loro elaborazione formale.
Per quanto riguarda il territorio ticinese, si tratta infatti di testimonianze di una tradizione artistica che raggiunse spesso vertici europei, realizzate degli stessi artisti attivi a Milano e nelle altre città dell’attuale Lombardia, ma anche nelle regioni oggi conosciute come Piemonte, Liguria, Romagna.
COME RAGGIUNGERE LA PINACOTECA ZÜST
Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con lausilio della segnaletica.
Per chi proviene dallautostrada Milano-Lugano luscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate.
La Pinacoteca è allinizio della piazza della chiesa parrocchiale, sulla sinistra della strada. Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi a piedi, in 10 minuti, o con lautobus (linea 524, Mendrisio-Serpiano).

————————————

collezione-shchukin-672-cezanne-martedi-grasso-fondation-luis-vitton-parigi-arte

FRANCIA PARIGI

LA SHCHUKIN COLLECTION IN MOSTRA PRESSO LA FONDAZIONE LOUIS VUITTON

L’esposizione ICONS OF MODERN ART – The Shchukin Collection avrà luogo presso la Fondazione Louis Vuitton dal 22 ottobre al 20 febbraio 2017.

Uno degli eventi culturali più importanti del FRANCE-RUSSIA YEAR OF CULTURAL TOURISM 2016-2017.

Un importante contributo del Museo Hermitage e del Museo Statale delle Belle Arti Pushkin, ha reso possibile la realizzazione di questo progetto.

L’esposizione presenta un significativo insieme di 160 fra le maggiori opere dei grandi maestri dell’Impressionismo, Post-Impressionismo e Moderismo; parte della collezione Shchukin.

Particolare evidenza è stata data a :

Monet, Cézanne, Gauguin, Rousseau, Derain, Matisse and Picasso, insieme a opere di Degas, Renoir, Toulouse-Lautrec e Van Gogh.

FONDATION LOUIS VUITTON
ICONS OF MODERN ART – The Shchukin Collection
8, avenue Mahatma Gandhi, Paris VXI
Dal 22 ottobre al 20 febbraio 2017

http://it.louisvuitton.com/ita-it/articoli/the-shchukin-collection-at-the-fondation-louis-vuitton

Copertina: Cézanne-Martedì-Grasso; particolare.

————————————————————–

galleria-giacometti-672-humlebaek-copenhagen-danimarca-luisiana-dk-il-museo-piu-bello-del-mondo

NON E’ UNA MOSTRA MA IL MUSEO PIU’ BELLO DEL MONDO !

Un museo da vivere: Louisiana Museum of Modern Art

LOUISIANA MUSEUM OF MODERN ART :

-uno dei più importanti musei internazionali dedicati all’arte moderna e contemporanea.

Sulla costa della Selandia del Nord, a picco sul mare, circondato da un guardino e un panorama che, da soli, meritano la visita.

Galleria Alberto Giacometti

Le opere di Alberto Giacometti costituiscono un grande pilastro della Collezione Louisiana.

La galleria, occupa due piani, e contiene la maggior parte delle figure più importanti dell’autore.

Humlebæk Copenhagen Danimarca

Humlebæk,, si trova a 35 minutri di treno da Copenaghen.

La collezione permanente del museo Luisiana è di 3.500 opere (di Giacometti, Asger Jorn, Picasso, Oldenburg tra gli altri).

Orari del Museo d’Arte Contemporanea Louisiana
Martedì – venerdì 11 – 22
Sabato, domenica e festivi 11-18
Lunedì chiuso

luisiana.dk

————————————————————-

magritte-672-la-trahison-des-images-parigiPARIGI – Centre Pompidou

– Una passeggiata con Magritte
Sino al 23 gennaio 2017

Questa mostra dedicata dal Centre Pompidou al maestro belga del surrealismo è stata definita: ” un viaggio filosofico, dove ogni parola è un’immagine “.

Magritte diceva: Ceci n’est pas une pipe.

Oltre 100 opere, suddivise in cinque capitoli: tende, ombre, fuoco, parole e corpi.

Merita la nostra attenzione anche la foresta onirica di Le Blanc Seing e la vista di Parigi dall’ultimo piano del Beaubourg.

centrepompidou.fr

————————————————————-

TATE LIVERPOOL
Yves Klein
Noto per la sua fluida ricerca tra scultura, performance e pittura, Klein ha segnato una svolta nella storia dell’arte.
In mostra i suoi noti monocromi e Fire Paintings e le foto dell’artista al lavoro.
DAL 21 OTTOBRE 2016 AL 5 MARZO 2017.

———-

—————-

Svizzera MOSTRA CHIUSA

Arte SIGNAC lugano mostra 672

LUGANO NUOVO MUSEO LAC

SIGNAC 

La collezione in mostra rappresenta uno dei più importanti nuclei di opere dell’artista provenienti da collezioni private.

4 Settembre 2016
– 8 Gennaio 2017

Roma – Santa Maria Maggiore conserva la primitiva struttura paleocristiana – Una chiesa da non perdere

roma-350-santa-maria-maggiore

roma-672-santa-maria-maggiore-1a

Santa Maria Maggiore è recentemente salita alle cronache per il brutto episodio dello sfregio verso due preti, ma si tratta anche di una chiesa che merita molta attenzione da parte di chi è appassionato di arte e architettura.

Santa Maria Maggiore, si trova vicino alla stazione ferroviaria di Roma Termini; sull’Esquilino. E’ la sola chiesa ad aver conservato la primitiva struttura paleocristiana; sia pure arricchita in varie epoche successive.

La chiesa originaria, tre navate, senza transetto e con quello che ora è il porticato esterno, fu fondata tra il 432 ed il 440 da Sisto III a seguito del Concilio di Efeso, che aveva sancito il dogma della maternità divina della Madre di Gesù.

Tra il 1145 ed il 1153 papa Eugenio III  mise in opera il pavimento cosmatesco e trasformò il porticato; riducendolo.

Niccolò IV (1288-1292) fece erigere una nuova abside creandola zona decorata da pitture. La nuova decorazione a mosaico fu creata da Jacopo Torriti.

La costruzione del campanile è della seconda metà del XIV secolo, e terminato dal cardinale Eugenio d’Estouteville, che fu arciprete della basilica dal 1445 al 1484, per sua volontà furono create anche la copertura a volta delle navate laterali e la costruzione della famosa cappella di San Michele.

Lo splendido e scenografico soffitto dorato a cassettoni della navata centrale, risale alla fine del Quattrocento ed è da attribuirsi a papa Alessandro VI Borgia (1492-1503). Per la tradizione, l’oro di questo ricchissimo soffitto, proviene dal primo bottino arrivato dall’America e poi donato a da Isabella di Spagna.

La struttura attuale è stata costruita sui resti di un complesso fondato in età augustea.

Indubbiamnete le chiese che meritano una visita a Roma sono in numero quasi infinito, ma se arrivate con il treno alla Stazione Termini, non potete proprio lasciarvela sfuggire.

ORARI APERTURE DELLA CHIESA:

aperta tutti i giorni ore 7.00 – 18.45

Durante le funzioni è possibile visitare la chiesa

MUSEO

Ingresso al museo: € 3,00 (€ 2,00 per studenti e over 65)
Loggia delle Benedizioni + Sala dei Papi + Scala del Bernini
€ 5,00: visita guidata con guida interna – Durata 30/35 minuti
Scavi Archeologici
€ 5,00 (€ 4,00 per studenti e over 65) visita guidata con guida interna – Durata 30/35 minuti
Visita alla Basilica con guida
€ 5,00: ogni ultimo sabato del mese a partire dal 26 novembre 2016 con partenza alle alle ore 10.00 – 11.00 e 12.00

CHIESA DI SANTA MARIA MAGGIORE: Piazza di Santa Maria Maggiore. Zona: Rione Esquilino (Termini-Via Nazionale) (Roma centro).

 

BREVI CURIOSITA’ 

Si dice che la chiesa fosse finaziata da una ricca coppia che non aveva figli e il luogo indicato, in sogno, direttamente da Dio.

Anche il papa Liberio fece lo stesso sogno e il giorno seguente, recatosi sull’Esquilino, lo trovò coperto di neve

Ogni anno, il 5 agosto si ricorda il miracolo della neve con una folcloristica celebrazione durante la quale, dalla sommità della basilica, vengono gettati  in aria dei petali bianchi a simulare la neve del miracolo.

Evento a Milano – FONDAZIONE PRADA per la fotografia – NUOVI SPAZI IN GALLERIA VITTORIO EMANUELE II

FONDAZIONE PRADA OSSERVATORIO – VISITA IN ANTEPRIMA DEGLI SPAZI IN GALLERIA VITTORIO EMANUELE II E DELLA MOSTRA “GIVE ME YESTERDAY”

Milano ora ha uno spazio museale dedicato alla fotografia nel luogo più emblematico della città: Galleria Vittorio Emanuele.

Nella parte alta della famosissima Galleria con vista panoramica.

– Si è svolta oggi la visita in anteprima al nuovo spazio della Fondazione Prada a Milano, Osservatorio.

Dedicato alla fotografia e ai linguaggi visivi, Osservatorio è situato in Galleria Vittorio Emanuele II, al quinto e sesto piano di uno degli edifici centrali, al livello della cupola in vetro e ferro che copre la Galleria.

La mostra inaugurale, “Give Me Yesterday”, a cura di Francesco Zanot, esplora l’uso della fotografia come diario personale dall’inizio degli anni Duemila a oggi, attraverso le opere di 14 artisti italiani e internazionali.

Alla presenza del Presidente della Fondazione Prada, Miuccia Prada, hanno preso parte all’evento il Vice Sindaco di Milano Anna Scavuzzo, l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, la Soprintendente all’ Archeologia, belle arti e paesaggio Antonella Ranaldi, il Vice Presidente del FAI Marco Magnifico, il Direttore del Servizio Polo Mostre e Musei Scientifici del Comune di Milano Domenico Piraina, la Direttrice del Museo Poldi Pezzoli Annalisa Zanni, il Direttore del Museo Teatro alla Scala Donatella Brunazzi, e rappresentanti del mondo della cultura e dell’editoria come Natalia Aspesi, Germano Celant, Luciano Fontana, Barbara Stefanelli, il curatore della mostra Francesco Zanot e alcuni degli artisti, tra cui Irene Fenara, Leigh Ledare, Lebohang Kganye, Joanna Piotrowska, Greg Reynolds, Antonio Rovaldi e Maurice Van Es.

Eventi a Ravenna sino all’ 11 dicembre la città festeggia – Alcuni concerti sono gratuiti – Ravenna celebra il Ventennale dei suoi Monumenti Unesco

Monumenti Unesco di Ravenna
Periodo di svolgimento: dal 07/12/2016 al 11/12/2016
Venti anni fa, il 7 dicembre 1996, l’Assemblea del Centro del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO ha sancito l’iscrizione dei monumenti paleocristiani e bizantini di Ravenna nella Lista del Patrimonio dell’Umanità:

Mausoleo di Galla Placidia, il Battistero Neoniano, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Battistero degli Ariani, la Cappella Arcivescovile, il Mausoleo di Teoderico, la Basilica di San Vitale e la Basilica di Sant’Apollinare in Classe

Dal 7 all’11 dicembre la città festeggia questo anniversario con una serie di iniziative dedicate ai suoi monumenti più eccezionali.
————
I monumenti UNESCO in occasione delle celebrazioni (dal 8 all’11 dicembre) osserveranno i seguenti orari:

Opera di Religione
Basilica di San Vitale | Ore 9.30 – 18
Mausoleo di Galla Placidia | Ore 9.30 – 18
Basilica di Sant’Apollinare Nuovo | Ore 10 – 18
Battistero Neoniano | Ore 10 – 18
Ultimo ingresso 15 minuti prima dell’orario di chiusura
Cappella Arcivescovile | Ore 10 – 18
Ultimo ingresso 30 minuti prima dell’orario di chiusura
Polo Museale Emilia-Romagna (sede di Ravenna)
Solo nella giornata di giovedì 8 dicembre ingresso gratuito ai seguenti monumenti:
Mausoleo di Teodorico | Ore 8.30 – 16.30
Battistero degli Ariani | Ore 8.30 – 16.30
Basilica di Sant’Apollinare in Classe | Ore 8.30 – 19.30 (feriali) / Ore 13 – 19.30 (domenica e festività religiose)

Visite guidate
Giovedì 8 dicembre | Dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16
I monumenti Unesco illustrati dai giovani FAI
In tutti i Monumenti UNESCO

Venerdì 9 dicembre | Dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16
Visite guidate dei monumenti Unesco
In tutti i Monumenti UNESCO

Sabato 10 dicembre | Dalle 14 alle 17
Visite guidate al Museo Arcivescovile e alla Cappella di Sant’Andrea
A cura del Gruppo Pietre Vive

Domenica 11 dicembre | Dalle 11 alle 13
Visite guidate alla Basilica di San Vitale
A cura del Gruppo Pietre Vive

Domenica 11 dicembre | Dalle 14.30 alle 16.30
Visite guidate alla Basilica di Sant’Apollinare Nuovo
A cura del Gruppo Pietre Vive

Celebrazioni in musica

Giovedì 8 dicembre | Ore 18.30
Plaudat nunc organis
Basilica di Sant’Apollinare Nuovo
Concerto del Coro Polifonico Ludus Vocalis
Stefano Sintoni • direttore; Andrea Berardi • organista
A cura di Opera di Religione. Ingresso gratuito

Concerto di Natale | Ore 21
Chiesa di San Giovanni Battista, via G. Rossi
Young Musicians European Orchestra
Jonathan Roozeman • violoncellista; Adriana Cristea • violinista; Giacomo Banella • contrabbassista; Matthieu Mantanus • direttore
Musiche di Paganini, Ciaikowsky, Bottesini, Rossini.
Al Concerto parteciperanno anche piccoli coristi provenienti dalle scuole ravennati e della provincia. A cura di Emilia Romagna Concerti.
Ingresso a pagamento: 10€ (navata laterale non numerata); 20€ (navata laterale numerata); 30€ (navata centrale numerata terzo settore); 50€ (navata centrale numerata secondo settore); 75€ (navata centrale numerata primo settore)
Ingresso a pagamento: tickets@teatroalighieri.org

Sabato 10 dicembre | Ore 18.30

Concerto per 2 Oboi e Organo
Basilica di San Vitale
Luigi Lidonnici e Ilaria da Maximy • oboisti; Stefano Sintoni • organista
A cura di Opera di Religione. Ingresso gratuito

Invasioni musicali
A cura de LaCorelli

Sabato 10 dicembre
Piazzetta del Battistero degli Ariani | Ore 15
Nicola Nieddu e Davide Tardozzi
Improvvisazione per violino e chitarra

Portico della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo | Ore 15.45
Michele Soglia
Marimba sola
Giardino del Battistero Neoniano | Ore 16.30

Coro UNICEF Da fratello a fratello
Aspettando “i bimbi per i bimbi”
Piazza del Popolo | Ore 17.30
Accensione dell’albero di Natale donato dalla città di Andalo e ornato da Pandora
Concerto di ODG Big Band
Accendiamo l’albero di Natale

Domenica 11 dicembre

Giardino d’ingresso alla Basilica di San Vitale | Ore 10
Quartetto di ottoni YouBrass Ensemble
Misticanza musicale per ottoni
Piazzetta del Battistero degli Ariani | Ore 10.45
Quintetto di ottoni Romagna Brass
Barock’n’roll
Piazza del Popolo | Ore 11.30
YouBrass Ensemble, Romagna Brass, ottoni della Scuola di Musica G. Sarti di Faenza
Brass Party
Giardino del Battistero Neoniano | Ore 12
Ottoni della Scuola di Musica G. Sarti di Faenza
Christmas carol
Piazza del Popolo | Ore 14
Carlo Botti Piano Solo
in collaborazione con Fondazione Istituto Liszt di Bologna
Albero di Natale
Piazza del Popolo | Ore 14.45
Allievi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali G. Verdi di Ravenna
Invasioni pianistiche

SPECIALE PONTE 7-11 DICEMBRE – Genitori e bambini diventano sperimentatori – Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

Da mercoledì 7 a domenica 11, bambini e adulti possono creare disegni con la luce nella Tinkering Zone, sperimentare il cibo del futuro, estrarre il proprio Dna e partecipare a
tante altre attività coinvolgenti.

museo-scienza-tecnologia-672-disegni-di-luce

Orari: ogni giorno 9.30-18.30
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
Via San Vittore 21, Milano

Mercoledì 7, giovedì 8, venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 dicembre il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia propone tante attività interattive per adulti e bambini.
Nella Tinkering Zone potranno realizzare le loro sorgenti luminose per creare immagini sorprendenti in una stanza buia. Una macchina fotografica digitale immortalerà i loro disegni di luce. Il tinkering è un innovativo approccio pedagogico che lavora all’intersezione fra arte, scienza e tecnologia, nato all’Exploratorium di San Francisco da progetti di ricerca in collaborazione con il MIT di Boston, che il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia ha portato per primo in Italia.

La Tinkering Zone del Museo è uno spazio permanente che integra quattro metodologie:

il tinkering, il making, il design e l’ingegneria, intese non come attività mirate alla produzione di qualcosa ma come approcci educativi, metodi per indagare e comprendere scienza, tecnologia e il mondo in generale.

Le attività all’interno della Tinkering Zone, per ragazzi e adulti insieme, mirano a sviluppare creatività, capacità di innovazione, pensiero critico e sistemico. La partecipazione creativa è il motore che dà origine a nuove forme di espressione, di condivisione e di scambio, di idee e di prodotti.

Dal 7 all’11 dicembre i più piccoli (da 4 anni) potranno invece scoprire e conoscere come si allena un astronauta o come si lancia un missile, con una visita loro dedicata

Con il naso all’insù nell’area Spazio.

BAMBINI DAI 3 ANNI

Nell’i.lab Area dei Piccoli i bambini a partire da 3 anni potranno cimentarsi nella costruzione di meccanismi musicali e nella realizzazione di un foglio di carta riciclata oppure potranno far danzare api robot scoprendo i segreti della programmazione e, con l’antico gioco del Tangram, si divertiranno a disegnare e a giocare con figure geometriche colorate. Nell’i.lab Bolle di sapone potranno scoprire le infinite forme delle lamine saponose.

BAMBINI DAI 7 ANNI

Altre attività interattive per bambini più grandi (da 7 anni) e adulti saranno proposte a rotazione negli i.lab Alimentazione, Biotecnologie, Genetica e Leonardo.

Qui si potrà sperimentare come potrebbe essere il cibo del futuro, scoprire quanti microrganismi sono utili all’uomo, quanta biodiversità c’è in natura o, giocando con i modelli di Leonardo, scoprire come le strutture portanti, ponti e architravi, riescano a sostenere enormi pesi oppure potranno mettersi alla prova con le tecniche d’affresco rinascimentale.

Nel biglietto d’ingresso al Museo è inoltre compresa la visita alla mostra I mondi di Primo Levi.

Una strenua chiarezza, che si inaugura mercoledì 30 novembre e che percorre la pluralità di esperienze e di interessi che hanno caratterizzato la vita e l’opera dello scrittore torinese.

PROGRAMMA

Le attività sono comprese nel biglietto d’ingresso al Museo



TINKERING ZONE 
Disegni di luce
Per bambini da 8 anni e adulti | A ciclo continuo senza prenotazione, dalle ore 11 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Fai un disegno digitale usando la luce. Costruisci il tuo pennello luminoso, sperimenta colori, scie e traiettorie e crea immagini sorprendenti. Con una macchina fotografica, un po’ di buio e di pratica prova a creare un disegno usando la luce al posto di matite e pastelli.

PER I BAMBINI PIÙ PICCOLI


Attività su prenotazione il giorno stesso alla biglietteria

Ogni giorno negli i.lab Bolle di sapone e Area dei piccoli sono previste attività specifiche per i bambini da 3 a 6 anni in cui scoprire il magico mondo delle bolle di sapone, divertirsi con api robotiche, costruire meccanismi musicali, giocare con la matematica. Dai 4 anni  potranno partire per un’avventura nello Spazio nella visita guidata Con il naso all’insù.

ALTRE ATTIVITÀ

Attività su prenotazione il giorno stesso alla biglietteria | Da 7 anni o più

Nell’i.lab Leonardo (7 dicembre) si costruiscono strutture portanti per scoprire a cosa servono gli archi, si realizza un affresco e si scrive come nel Rinascimento, si scolpisce un particolare del Duomo di Milano e si toccano con mano i grandi modelli delle macchine di Leonardo.

Nell’i.lab Alimentazione (7 e 8 dicembre)si crea il proprio cibo del futuro, si sperimenta come si prepara il gelato, si scoprono le differenze tra le acque e cosa succede quando beviamo.

Nell’i.lab Biotecnologie (9 dicembre)si confrontano gli organismi al microscopio, si esplora il mondo delle biotecnologie, si osserva di cosa è fatto il compost e come si trasformano i rifiuti in terreno fertile, si sperimenta perché il pane lievita e l’aceto fermenta.

Nell’i.lab Genetica (10 e 11 dicembre) si gioca con fiori, frutti e semi per conoscere quanta biodiversità c’è tra le piante, si scopre quante impronte lasciamo, cosa ci identifica e cosa ci accomuna, si osserva di cosa hanno bisogno le piante per vivere, si porta a casa il proprio DNA.

MOSTRE TEMPORANEE
I mondi di Primo Levi. Una strenua chiarezza

La mostra percorre la pluralità di esperienze e di interessi che hanno caratterizzato la vita e l’opera dello scrittore torinese: dalla formazione scientifica alla deportazione, dalla chimica come mestiere al mestiere di scrivere.

Mosso dalla volontà di raccontare con “strenua chiarezza” le esperienze e le riflessioni che hanno animato il suo percorso di vita, Primo Levi offre nelle sue pagine storie straordinarie ai lettori di tutto il mondo.

Sono proprio le sue parole ad accompagnare i visitatori della mostra, riprese dalle pagine di Se questo è un uomo, I sommersi e i salvati, La tregua, Il sistema periodico, La chiave a stella e i racconti di fantascienza.

Di questo complesso percorso di vita la mostra propone un quadro ricco e articolato, attraverso immagini private e professionali per lo più inedite, interviste video, citazioni dalle opere.

Il programma dettagliato di tutte le attività del Museo (mostre temporanee, visite guidate, laboratori interattivi) è disponibile all’indirizzo http://www.museoscienza.org/attivita

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Dove siamo: Ingresso Via San Vittore 21 – 20123 Milano

Orario invernale: da martedì a venerdì 9.30-17 | sabato e festivi 9.30-18.30. Dal 26 dicembre all’8 gennaio 10.00-18.30.
Chiuso 24, 25 dicembre e 1 gennaio.

Biglietti d’ingresso
intero 10,00 € | ridotto 7,50 € per giovani sotto i 25 anni; adulti accompagnatori (max 2 persone) dei minori di 14 anni; persone oltre i 65 anni; gruppi di almeno 10 persone; docenti delle scuole statali e non statali; convenzioni

speciale 4,50 € per gruppi di studenti accompagnati dall’insegnante previa prenotazione.

Ingresso gratuito per: visitatori disabili e accompagnatore, bambini sotto i 3 anni, giornalisti solo previo accredito dell’Ufficio Stampa o presentazione del tesserino dell’Ordine dei Giornalisti in corso di validità e compilando il form di accredito.
Visite guidate al sottomarino Enrico Toti

Non è possibile acquistare il biglietto per la visita guidata all’interno del sottomarino Enrico Toti separatamente da quello del Museo.

Il costo è di 8 € + il biglietto del Museo (+ 2€ per prenotazioni anticipate). Info e prenotazioni: : www.museoscienza.org o tel.02.48555330, attivo il martedì e il venerdì dalle 13.30 alle 16.30, o via email all’indirizzo infototi@museoscienza.it

Simulatore virtuale di volo in elicottero

Il costo è di 8 € + il biglietto del Museo. La prenotazione e l’acquisto del biglietto avvengono il giorno stesso alla biglietteria o online sul sito del Museo (fino a esaurimento dei posti disponibili).
Biglietti online                                                                                                                                                                                    Sul sito del Museo è possibile acquistare il biglietto d’ingresso al Museo – intero o ridotto, il biglietto per il sottomarino Enrico Toti e per il simulatore di volo in elicottero.
www.museoscienza.org | info@museoscienza.it | T 02 48 555 1

Libri a Roma – Piccoli editori a PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI – dal 7 all’11 dicembre 2016

Sarà Hanif Kureishi ad inaugurare la 15a edizione di ‘Più libri più liberi’, la fiera nazionale della Piccola e Media Editoria, al Palazzo dei Congressi dell’Eur a Roma dal 7 all’11 dicembre, parteciperà anche Roberto Saviano.

Direttore della manifestazione Fabio Del Giudice.

Saranno presenti anche:

-Nicola Lagioia, neo direttore editoriale del Salone del Libro di Torino e Chiara Valerio, responsabile del programma generale della nuova fiera milanese ‘Tempo di libri’.

Sempre più internazionale, questa edizione vedrà la presenza di autori provenienti da venti Paesi e quattro continenti fra i quali il tedesco Friedeich Ani, le scandinave Lena Andersson e Laura Lindstedt, il francese Marc Augé e il romeno Mircea Cartarescu.ù

In primo piano un omaggio a Umberto Eco e Dario Fo, entrambi scomparsi nel 2016.

PRESEPI IN VILLA LITTA a Milano Lainate – Ingresso libero – Un’occasione per visitare la più bella villa lombarda

Alcune foto della splendida e sorprendente Villa Litta:

Villa Litta 672 balcone

Villa Litta 672 interno ok n

VILLA 450  LITTA GALLINA FIRMA

Lainate (Mi), Villa Litta. Atrio all' ingresso
Lainate (Mi), Villa Litta. Atrio all’ ingresso
Villa Litta, Lainate (Mi); la più bella villa di tutta la Lombardia e non solo.
Villa Litta, Lainate (Mi); la più bella villa di tutta la Lombardia e non solo.

Un appuntamento da non perdere

9^ EDIZIONE DELLA MOSTRA DEI PRESEPI IN VILLA LITTA:
PEZZI UNICI IN ESPOSIZIONE DALL’8 DICEMBRE AL 15 GENNAIO

ORARI:
Inaugurazione mostra ‘Il Presepe Annuncio di Pace’
8 dicembre ore 15.30

Dall’8 al 24 dicembre 2016


Venerdì ore 15.30 – 18.30
Festivi e prefestivi ore 10-12.30 e 15.30-18.30
Dal 26 dicembre 2016 al 15 gennaio 2017
Dal lunedì al venerdì 15.30-18.30
Festivi e prefestivi ore 10-12.30 e 15.30-18.30
Natale e Capodanno ore 15.30-18.30
Ingresso libero

L’AIAP Associazione Italiana Amici del Presepio – Sede Milano-Lainate organizza la 9ˆ Mostra dei Presepi nella storica Villa Visconti Borromeo Litta a Lainate.

Dall’8 dicembre 2016 al 15 gennaio 2017 sarà possibile immergersi nella storia, nell’arte e nella tradizione della natività.
Dopo la positiva esperienza dell’esposizione di ottobre in Villa Litta a

Lainate di importanti manufatti presepiali e pregiati presepi di carta, visitati da centinaia di presepisti ed ospiti provenienti da tutto il mondo in occasione del XX Congresso Internazionale di Arte Presepistica svoltosi a Bergamo, sarà un crescendo per l’associazione.

Novità assoluta di quest’anno è l’esposizione di una serie di Diorami, mai allestiti tutti insieme finora, del maestro Giancarlo Salati che, utilizzando preziose statue dei Fratelli Castells di Barcellona (Spagna), ha rappresentato gli episodi più significativi del Nuovo Testamento.

Anche quest’anno, dunque, un appuntamento da non perdere per chi vuole immergersi nella magia del Natale con… stile!

Ricco anche il programma di eventi che faranno da corollario:

11 dicembre 2016, ore 16
Concerto del Coro ‘Out of Time’
diretto dal Maestro Simone Hopes

18 dicembre 2016, ore 16
Concerto ‘Note di Natale’
a cura dell’Accademia Dimensione Musica 
e Dimensione Cultura

6 gennaio 2017, ore 15.15
Concerto Bandistico del Corpo Musicale 
G.Dinizetti ‘La banda d’Affori’ – Milano

8 gennaio 2017, ore 16
Concerto ‘Classico… ma non troppo’
a cura dell’Accademia Dimensione Musica 
e Dimensione Cultura

15 gennaio 2017, ore 16
Concerto del Coro Alpino Milanese
diretto dal Maestro Simone Hopes

Provincia di RAVENNA e PRESEPI – Eventi in Rocca e altro ancora

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Presepi, eventi in Rocca e altro ancora in provincia di Ravenna

La Rocca di Riolo Terme per FIGLI E NIPOTI: al centro di molte iniziative a tema, rivolte principalmente a bambini e ragazzi:

Dall’8 dicembre 2016 a fine gennaio 2017 molti gli eventi in programma a Faenza, Casola Valsenio, Riolo Terme, Brisighella

Passeggiando fra le strade e le viuzze dei borghi, le piazze, i palazzi di Faenza, Casola Valsenio, Riolo Terme, Brisighella, tra dicembre 2016 e gennaio 2017 sarà possibile scoprire le bellezze di questo spicchio di Romagna attraverso numerose iniziative all’insegna del Natale, delle festività e non solo.

La città di Faenza ha in programma due eventi che fanno parte della cultura e della tradizione cittadina.

L’8 dicembre ci sarà la Sagra del Torrone. In occasione della festa dell’Immacolata Concezione, il centro storico si riempie dei profumi e del sapore del torrone, tra sfavillanti luminarie e le vetrine delle numerose botteghe ceramiche.

Tradizionale festa folcloristica che si svolge nella splendida cornice della Piazza del Popolo della città Manfreda il 5 gennaio di ogni anno, La Nott de Bisò conclude le iniziative legate al Niballo-Palio di Faenza: giostra tra cinque cavalieri rionali che si svolge ogni anno nella quarta domenica di giugno.

Il Niballo – che deve il suo nome ad Annibale, antico nemico proveniente da oltre mareviene bruciato la notte di vigilia dell’Epifania come segno conclusivo dell’anno e simbolo di tutte le avversità e problemi che ognuno vorrebbe “bruciare” per cominciare una nuova vita. Bruciarlo e berci sopra, come succede nella Nott de Bisò, è quindi un allegro sberleffo alla malasorte.

Secondo la tradizione, il Niballo giunge nella Piazza del Popolo su un carro trainato da buoi: a trasportarlo e portarlo al rogo è il Rione vincitore del Palio dell’anno appena trascorso. Il culmine della festa è a mezzanotte quando il rappresentante del Rione vestito in un tradizionale costume cinquecentesco appicca il fuoco al maestoso fantoccio. In quel momento più che mai si vuoteranno i caratteristici “Gotti” ricolmi di “bisò”, cioè le caratteristiche ciotole colme di vino caldo, bollito con aromi e spezie. Il “gotto” è simbolo dei cinque Rioni e della città di Faenza e viene proposto ogni anno con uno stile decorativo diverso.

Per tutto il periodo delle festività il centro storico di Faenza sarà inoltre arricchito da splendide luminarie e dall’iniziativa “Giardini di Natale” che, oltre a valorizzare alcuni monumenti della città, vedrà allestiti una serie di splendidi giardini all’interno del cortile del Palazzo delle Esposizioni (corso Mazzini 92) e proporrà una serie di interessanti attività.

Numerosi e variegati i presepi.

A Riolo Terme nella frazione di Borgo Rivola, dal 18 dicembre al 29 gennaio nei pressi della Chiesa della Costa sarà visibile un presepe meccanico con scene in movimento, realizzato interamente con materiali di recupero.

Nella frazione di Pieve Cesato di Faenza sarà possibile ammirare un originale presepe artistico statue in cartapesta a grandezza naturale (dal 24 dicembre al 29 gennaio), mentre nella frazione di Corleto il presepe sarà allestito all’interno della splendida cripta del X Secolo della Pieve di Santo Stefano (dal 25 dicembre al 22 gennaio).

A Faenza città, invece, nel Convento di San Francesco ci sarà il tradizionale presepe animato (dal 24 dicembre al 6 gennaio).

A Brisighella il 26 dicembre prenderà vita il Presepe vivente, tra fuochi, fiaccole e la rappresentazione dei mestieri di un tempo.

A Casola Valsenio da non perdere è quello monumentale realizzato in muratura (con mattoni, pietre, cemento, ferro e legno) nella frazione di Prugno(dal 18 dicembre al 29 gennaio).

Sempre a Casola Valsenio all’interno dell’Abazia ci sarà un presepe meccanico (dal 18 dicembre al 29 gennaio).

La Rocca di Riolo Terme

La Rocca di Riolo Terme per tutto il periodo natalizio sarà al centro di molte iniziative a tema, rivolte principalmente a bambini e ragazzi: il 10 dicembre ci sarà un laboratorio creativo per realizzare la lettera a Babbo Natale, il 24 un un’avvincente caccia al tesoro, il 26 una visita guidata “in compagnia” di Caterina Sforza e i bambini potranno travestirsi da dame e cavalieri, il 27 si potrà trascorre un’intera notte all’interno della Rocca tra letture animate e giochi, il 31 le famiglie potranno festeggiare il Capodanno al Castello, il 6 gennaio un pomeriggio di animazione per bambini e la preparazione della calza della Befana.

Per informazioni generali su tutti gli eventi: tel. 0546 71044 www.terredifaenza.it

UN VIAGGIO PER VIAGGIATORI – NON PER BANALI TURISTI – TAILANDIA fuori dai soliti percorsi

Alla scoperta della Thailandia più vera e rurale

Questa proposta fa parte di un progetto che si chiama “i giramondo” tour lontani dai percorsi più battuti e che coinvolgono anche progetti di Community Based Tourism.

Fuori dalle solte mete, un contatto più ravvicinato con le popolazioni, i mercati e anche scuola di cucina locale. Paesaggi, etnie, costumi, mecati, templi, cascate, fiumi, tessuti e spezie indimenticabili.

Quote a partire da euro 1.275,00 a persona, con la presenza di una guida.
9 giorni e 6 notti

Viaggio di Amo il Mondo, tour operator specializzato in viaggi su misura www.amoilmondo.it

“INSIGHT BANGKOK E THAILANDIA DEL NORD”

1° giorno: Italia – Bangkok

2° giorno: Bangkok – Area Rurale di Ban Nam Pheung – Bangkok

Arrivo, trasferimento e sistemazione nelle camere.

Verso le ore 12:30 si partirà per una visita svolta interamente con i mezzi pubblici verso un’area rurale circondata dal fiume Chao Praya a pochi km dal centro città e nota come Ban Nam Pheung.

Durante il trasferimento si proveranno tutti i mezzi di trasporto offerti dalla grande metropoli, passando dall’avveniristico Sky Train fino ai mezzi tradizionali usati dai meno abbienti, come il colorato taxi collettivo “Rot Daeng”, lo spartano autobus di linea, e ancora il pittoresco e rumoroso tuc tuc per concludere con il ferry e la motolancia usati per attraversare il fiume.

La meta di giornata verrà poi attravesata in bicicletta! Ban Nam Pheung è nota soprattutto per il suo mercato, situato sulle sponde dei canali.

Nei fine settimana riceve migliaia di visitatori che formano un compatto brulichio tra le strette vie ricche di bancarelle.

Ma qui si trovano anche quello che i locali chiamano Wat Kao: “il tempio vecchio”, appellativo quanto mai indovinato per un luogo di culto che mostra l’architettura di inizio secolo, nonchè il giardino botanico e ancora una piccola bottega atigianale per la produzione degli incensi.

3° giorno: Bangkok -Sukhothai

Qui troveremo il Mahanak Market, dove ancora oggi giungono i prodotti della campagna attraverso la fitta rete di canali, incorniciato all’interno dell’area storica dove si trovano i templi più antichi tra cui la “Montagna d’oro”, colle artificiale edificato sulle rovine di una gigantesca pagoda crollata nel XIX secolo. Una scalinata di 300 gradini ne raggiunge il santuario che contiene una reliquia del Buddha.

4° giorno: Sukhothai – Chiang Mai

Partenza in bicicletta tra le rovine del parco storico di Sukhothai, tra le quali il Wat Mahathat, tempio del palazzo reale edificato a pianta di Mandala e che un tempo custodiva una reliquia del Buddha, il Wat Sa Sri e la sua celebre pagoda campaniforme ed il Wat Sri Sawai, antico tempio Indu edifcato dai Khmer.

Si continuerà il percorso in bicicletta in direzione dei quartieri vecchi della città, attivi centri di artigianato.

Sukhothai era celebre nell’antichità per la sua produzione di pregiate ceramiche.

Si pedalerà fino ad uno dei laboratori dove sarà possibile ammirare l’opera degli artigiani locali.

La meta seguente, a poco piu’ di un’ora di viaggio, è un pittoresco villaggio con graziose casette in legno che oggi si propone ai visitatori locali e internazionali nel rispetto dell’etica del turismo responsabile.

Si vedranno famiglie dedite alla produzione di oggetti in legno e donne che tessono al telaio.

Ma la più famosa donna del villaggio è una cuoca: Nonna “Thiang” è tra le poche anziane che ancora conservano la ricetta di un succulento piatto tipico di queste terre e che gestisce un piccolo punto di ristoro all’interno del proprio giardino di casa, dove verrà servito il pranzo.

Si visiteranno poi le campagne percorrendo le mulattiere a bordo dell’ “I-ten”, un grazioso camioncino dalle forme inconfondibili e dalle pittoresche decorazioni. Proseguimento per Chiang Mai, la grande “Rosa del Nord” e capitale per diversi secoli del Regno di Lanna.

5° giorno: Chiang Mai

Proseguimento per il possente complesso montuoso del Doi Inthanon, area costellata da villaggi tribali e all’interno della quale si trova l’omonima vetta che segna il punto più alto della Thailandia a 2600 mt.

Si verrà condotti attraverso i vecchi sentieri montani per una camminata di circa 4 Km alla scoperta di estreme bellezze paesaggistiche, accompagnati da un’esperta guida locale di etnia Karen che ci mostrerà come vivere nella jungla utilizzando esclusivamente le risorse naturali reperibili in loco.

Si raggiungerà un’immensa cascata suddivisa su tre livelli che verrà superata scendendo una lunga scalinata rudimentale in legno giungendo così ad una stretta vallata incastonata tra le montagne dove, canalizzando l’acqua della cascata, i Karen hanno dato luogo ad un’estesa coltivazione di riso a terrazzamenti che creano uno spettacolo visivo di forte impatto.

Pranzo al villaggio Karen. Proseguimento per le imponenti cascate Watchirathan.

Nel pomeriggio rientro a Chiang Mai per la visita del celebre e venerato tempio Wat Phratthat Doi Suthep, posto sull’omonimo monte in posizione panoramica sulla città che si potrà ammirare al tramonto.

6° giorno: Chiang Mai – Chiang Rai

Partenza in prima mattinata per raggiungere un vivace mercato locale. Qui si acquisteranno gli ingredienti e le spezie necessarie per prepare uno dei piatti più tipici e gustosi della cucina del nord della Thailandia: il “Lap Muang”, a base di carne tritata e aromatizzata con varie spezie locali sapientemente selezionate e miscelate.

Provviste alla mano, si salirà in alta montagna fino a raggiungere un pittoresco villaggio costituito da case in legno d’epoca ed incastonato tra le rocce.

Gli abitanti, di etnia thai, hanno avviato da alcuni anni un progetto di sfruttamento turistico di questo luogo di assoluta bellezza nel rispetto dei canoni etici e comportamentali del turismo responsabile.

Una guida del villaggio condurrà alla scoperta dello stile di vita. Si verrà quindi ospitati nelle case dei locali dove verrà insegnata la preparazione del Lap Muang cucinando le provviste e avendo l’occasione per cimentarsi ai fornelli.

La cuoca di casa preparerà anche un’altro piatto tipico di queste montagne: il “Kaeng Hang Lay”, una ricetta sconosciuta nelle pianure della Thailandia centrale. Pranzo assieme ai locali a base delle pietanze preparate, sedendo inginocchiati a terra. Proseguimento verso nord facendo tappa lungo il percorso ad un grande villaggio di etnia Hmong al fianco del quale è sorto un progetto governativo (Royal Project) che ne ha avviato la conversione economica e lo sviluppo delle tecniche agricole. A metà pomeriggio, visita al Wat Rong Kun, meglio conosciuto come il “Tempio Bianco”, effige architettoniche di arte moderna del Paese interamente colorato e decorato in bianco. Ultimo trasferimento per un grazioso resort immerso nei campi di riso tra le colline di Mae Salong Nai, nella provincia di Chiang Rai.

7° giorno: Chiang Rai – Chiang khong
Mattinata a disposizione per godere della bellezza e della pace del luogo.

Verso le ore 08:30 visita facoltativa senza supplemento alla montagna del Mae Salong, nota per le stupende coltivazioni a terrazza di tè.

Degustazione di numerose varietà di miscele presso le locali comunità cinesi. Rientro al resort nel corso della mattinata. Check out e partenza verso il grande fiume Mekong fino a raggiungere un villaggio di etnia Thai-Leu dove le donne anziane ancora sono dedite all’antica e tradizionale arte della tessitura, che praticano con grandi e rudimentali telai in legno.

Il ricamo Thai-Leu è considerato uno dei piu’ pregiati nonchè uno dei più difficili da realizzare.

Per le loro produzioni, le donne Thai-Leu coltivano in proprio il cotone necessario nell’orto di casa.

Pranzo presso un grazioso punto panoramico ammirando il Mekong. Proseguimento lungo il fiume in barca a motore per circa 45 min attraversando un’esotica zona paesaggistica dove il Mekong si insinua tra le montagne giungendo fino a Chiang Khong, città di confine con il Laos. Sistemazione in resort locale. Cena libera e pernottamento. La serata potrà essere trascorsa passeggiando lungo il riverside ricco di ristoranti per la cena.

8° giorno: Chiang Khong – Chiang Rai – Bangkok – Italia
Partenza verso sud costeggiando il confine con il Laos dove due catene montuose corrono parallele delimitando tra di esse uno stretto altipiano divenuto rifugio di molte etnie tribali.

Passando per i loro villaggi si scenderà fino a raggiungere un’area montuosa di grande interesse paesaggistico.

Qui, una vetta dalla conformazione aguzza ricorda un dito che punta il cielo: il “Phu Chi Fah”. Attraverso un facile sentiero di circa 800 Mt si salirà fino alla sommità per ammirare una vasta panoramica sul Laos. Più a sud le montagne lasciano spazio ad una estesissima pianura coltivata a riso dove si trova Chiang Kham, antica città del periodo Lanna la cui importanza è testimoniata dalla presenza di una lunga serie di antichi templi dei quali uno edificato interamente in legno ed unico nel suo genere. Nel XVIII secolo la città conobbe poi un’importante migrazione di popoli Thai-Leu che ancora oggi risiedono nel rustico centro storico composto da antiche abitazioni in legno alcune trasformate in museo.

Previa verifica apertura, il pranzo sarà presso un piccolo chiosco nella zona antica a base di cucina thai-leu la cui specialità è il “Khao Raem Feun”, ottenuto da un fine impasto di farina di riso mescolato ad acqua e solidificato con sali di calcio fino ad ottenere una consistente gelatina. Visita del centro di Chiang Kham e successivo trasferimento a Chiang Rai. Volo per l’Italia via Bangkok.

9° giorno: rientro in Italia.