Lago di Como – ORTICOLARIO 2017 LIBRARSI VERSO LA LUNA

LIBRARSI VERSO LA LUNA

Dal 29 settembre al primo ottobre a Villa Erba sul lago di Como, quest’anno anche in versione notturna

 

Nella sempre accogliente casa Ethimo a Milano, Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario, svela l’essenza della nona edizione dell’evento culturale dedicato alla passione per il giardino e alle sue capacità di trasmettere emozioni e bellezza.

Dal 29 settembre al primo ottobre a Villa Erba sul lago di Como, quest’anno anche in versione notturna

Librarsi, alleggerirsi, andare oltre. Oltre i confini del giardinaggio, oltre quei rami del lago di Como, oltre la Terra. Fino sulla luna, per guardare il nostro pianeta da lassù. Liberi di superare i confini della forma e dello spazio. Questo è il senso di Orticolario 2017: librarsi puntando alla luna”. Con queste parole Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario, presenta la nona edizione dell’evento, in programma da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre nel parco storico di Villa Erba a Cernobbio (CO), villa Ottocentesca affacciata sulle sponde del lago di Como, già dimora del regista Luchino Visconti.

Orticolario 2017 ribadisce la sua identità: dedicato alla passione per il giardino e alle sue capacità di trasmettere emozioni e bellezza, vuole essere un autentico omaggio alla natura attraverso una concezione evoluta di giardino, e offrire al visitatore un percorso sensoriale tra giardinaggio, botanica, paesaggio, arte e design.

Ben definite le sembianze della nona edizione: il titolo è “Librarsi”, il tema è la luna, il fiore protagonista è la Fuchsia.

La Luna, musa ispiratrice di miti e leggende, danza intorno a noi dalla notte dei tempi svelando ai nostri sensi un mondo diverso dal giorno: nel chiarore della sua luce riflessa giardini e boschi si animano di ombre, movimenti, rumori e profumi, le piante si risvegliano, i fiori si schiudono.

La Fuchsia, ballerina da giardino, fiore dalle mille colorazioni e dalle notevoli sfumature sia nei fiori sia nelle foglie, esempio perfetto dell’amore tra l’uomo- giardiniere e la pianta. Già dall’800 la febbre per le fucsie ha portato a cercare nuove varietà fino alle isole più esotiche delle Americhe: guidati dagli astri e anche dalla luna, marinai esperti e impavidi cercatori di piante hanno donato al mondo una primizia per il giardino.

Indissolubilmente legato alla luna è l’ospite d’onore di Orticolario 2017, Gilles Clément, scrittore e paesaggista francese che riceverà il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2017”.

Per celebrare la vita notturna del mondo vegetale e per vivere i giardini sotto altra luce, novità assoluta di questa edizione è l’apertura serale fino a mezzanotte nei giorni di venerdì e sabato 29 e 30 settembre, con un calendario di iniziative ad hoc.

ESSENZA

Essenza di Orticolario:

i giardini allestiti nel parco, ispirati al tema dell’anno e selezionati tramite il concorso internazionale “Spazi Creativi” da una giuria appositamente costituita, composta da membri di diverse nazionalità; il vincitore si aggiudica il premio “La foglia d’oro del Lago di Como”. Come sempre l’evento è arricchito da un’ampia esposizione di piante e fiori (tra cui piante rare, insolite e da collezione) proposti da selezionati vivaisti nazionali e internazionali, oltre che da artigianato artistico, design, installazioni d’arte. Nel tempo, inoltre, il programma di incontri culturali e di laboratori didattico-creativi per i bambini si è molto arricchito ponendo Orticolario come il principale evento dedicato alla cultura del bello. Cultura che partendo dal giardino arriva a coinvolgere tutti gli aspetti dell’uomo e del suo stile di vita. Tra gli argomenti principali spicca, infatti, la promozione della cultura delle api, dell’importanza del loro ruolo in giardino anche in ambito urbano. Api che non solo sono indicatore di biodiversità ma che sono anche tra le principali alleate dell’uomo e del suo benessere.

Informazioni dettagliate sulle proposte e le iniziative di Orticolario 2017 sul sito continuamente aggiornato (e nella app di Orticolario nei prossimi mesi): http://orticolario.it/category/visitatore/

Orticolario, infine, dedica una particolare attenzione alla solidarietà: sin dalla prima edizione, nel corso della tre giorni vengono raccolti contributi poi devoluti ad associazioni del territorio lariano impegnate nel sociale, attive nella realizzazione della manifestazione.

Orticolario 2017 è convenzionato con il FAI – Fondo Ambiente Italiano nazionale e svizzero.

ORTICOLARIO IN NUMERI

25.000 visitatori attesi di cui 3.000 bambini 20% dei visitatori alla prima visita
270 espositori coinvolti
Età di riferimento dei visitatori 35-50 anni

GILLES CLÉMENT, GIARDINIERE PLANETARIO

“È in seguito alla pubblicazione delle prime foto della Terra vista dalla Luna che Gilles Clément cominciò a riflettere sul tema del Giardino Planetario”. L’ispirazione per Orticolario 2017 è nata proprio da questa frase custodita nelle pagine del libro Piccola pedagogia dell’erba. Riflessioni sul Giardino Planetario di Gilles Clément, a cura di Louisa Jones (DeriveApprodi, 2015).

Gilles Clément, la luna, librarsi: tutti elementi di un mosaico in divenire. E Moritz Mantero, con parole emozionate e grate, annuncia la presenza di Gilles Clément a Orticolario 2017: “Mettendoci sulla luna e guardando la terra, Gilles Clément si interrogherà con noi venerdì 29 settembre nel Padiglione Centrale di Villa Erba. L’occasione di avere ospite a Orticolario colui che è considerato un vero maestro per molti miei amici paesaggisti, mi rende orgoglioso e felice”.

In occasione della sua partecipazione, il 29 settembre (alle ore 11) gli verrà assegnato il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2017”, realizzato da Francesco Mazzola di FDM F.lli Mazzola, attribuito lo scorso anno al paesaggista Fernando Caruncho.
Clément proseguirà poi la giornata premiando l’installazione vincitrice del concorso internazionale “Spazi Creativi” e, alle ore 16, parteciperà a un incontro con Marco Martella, scrittore e direttore della rivista francese Jardins. L’incontro sarà introdotto da Moritz Mantero e moderato da Emanuela Rosa-Clot, direttore della rivista Gardenia. La presenza di Gilles Clément a Orticolario 2017 sarà anche l’occasione per vedere un’anteprima del film Gilles Clément – Le jardin en mouvement di Olivier Comte.

CENNI BIOGRAFICI

Gilles Clément è un giardiniere, scrittore di paesaggio, di botanica e di entomologia. Con la sua forza e il suo lavoro ha formato e continua a coltivare le menti di migliaia di persone in tutto il mondo. È nato il 6 ottobre 1943 ad Argenton-sur-Creuse, nel centro della Francia, dove da piccolo guardava il padre e lo zio dare la caccia alle talpe nel giardino di casa. Nel 1977 si è trasferito a Crozant, nel dipartimento della Creuse nel Limousin, in una piccola proprietà nascosta in fondo a una valle, alla quale nel 1991 ha dedicato il libro La Vallée.

Dopo la formazione come ingegnere agricolo (1967) e come paesaggista (1969), si è dedicato alla creazione di parchi, giardini pubblici e spazi privati insegnando all’École Nationale Supérieure de Paysage di Versailles. Ha perseguito il lavoro teorico e pratico in tre aree di ricerca:

Il giardino in movimento, il concetto nato dalla propria esperienza di giardino nella Creuse viene applicato allo spazio pubblico in Francia e all’estero a partire dal 1983. La prima pubblicazione

OSPITE D’ONORE

su questo tema in Francia risale al 1991. La prima realizzazione in uno spazio pubblico avviene nel 1986 al Parc André Citroën di Parigi.
Il giardino planetario, un progetto politico di ecologia umanistica, un concetto portato all’attenzione del pubblico attraverso un romanzo, Thomas e il Voyageur nel 1996 e poi da una grande mostra nella Grande Halle de la Villette nel 1999 oltre che in numerosi studi tra cui Il giardino planetario di Shanghai, la Carta dei paesaggi di Vassivière in Limousin e Il giardino planetario, colloquio di Chateauvallon.

Il terzo paesaggio, concetto sviluppato in occasione di un’analisi del paesaggio nel Limousin, definito come “frammento indeciso del Giardino Planetario” riguarda tutti gli spazi trascurati o non sviluppati considerati da lui come i principali paesi d’asilo per la biodiversità.

BIBLIOGRAFIA ITALIANA

Il giardiniere planetario (22 publishing, 2008) Elogio delle vagabonde (DeriveApprodi, 2010) Piccola pedagogia dell’erba (DeriveApprodi, 2015) Presso Quodlibet sono usciti:

Manifesto del terzo paesaggio, 2005
Il giardino in movimento, 2011
Breve storia del giardino, 2012
Giardini, paesaggi e genio rurale, 2013 Ho costruito una casa da giardiniere, 2014 L’alternativa ambiente, 2015

“SPAZI CREATIVI” NEL PARCO

La cura di ogni singolo dettaglio è un principio imprescindibile per Orticolario. È cuore e testa dell’evento. È quello che si aspettano i visitatori varcando i cancelli del parco: dettagli che nell’insieme inneggiano al bello e all’eleganza. A partire dall’alta qualità delle proposte culinarie del Ristorante Tarantola o dall’installazione realizzata come sempre da Rattiflora all’interno di Villa Erba, quest’anno intitolata “In punta di fucsie”, ballerine dalle fiorite gonne pronte ad accogliere il pubblico.

Ma nell’anima di Orticolario dimora anche la competizione. E anche nel 2017 numerosi progettisti del paesaggio e dei giardini, architetti, designer, artisti e vivaisti hanno partecipato al concorso internazionale “Spazi Creativi”. Gli otto progetti selezionati saranno realizzati nel parco e concorreranno al premio “La foglia d’oro del Lago di Como”, attualmente esposta a Villa Carlotta. Nel 2016 è stato premiato il paesaggista giapponese Satoru Tabata con il giardino Spazio Floema “Vedere con le orecchie, ascoltare con gli occhi”.

Si tratta di spazi originali e innovativi, giardini vivibili e fruibili, rispettosi del “Genius loci” e capaci di svelare ai visitatori ciò che un giardino può raccontare.

I PROGETTI SELEZIONATI

1. Spazio Materia Mista “Che fai tu luna in ciel, dimmi che fai…?”

Progetto di Gheo Clavarino Giardini e Terrazzi . Milano . gheoclavarino.it
Ritrovarsi in un boschetto di bambù e accomodarsi sotto una grande e luminosa luna per contemplarla e domandarsi che fa, lassù in ciel… Circondati dai primi versi della poesia “Canto notturno di un pastore errante nell’Asia” che fra loro si rincorrono.

2. Spazio Archiverde “Moonlight Garden”

Progetto di Leonardo Magatti . Cernobbio (CO) . archiverde.it
Un giardino intuitivo dove le piante diventano protagoniste di un piacevole disordine controllato. Affacciati su uno specchio d’acqua, originali arredi in pietra sono immersi tra fioritura dedicate alla tinta candida della Luna come Aster ‘Monte Cassino’, anemoni ed altre meraviglie in bianco. Un progetto creato ascoltando la “Sonata al chiaro di luna” di Beethoven e unendo la bellezza della melodia a una visione di pace e leggerezza.

3. “Dark Side of the Moon”

Progetto e realizzazione di Rateni Costruzioni . Campobasso . FB: Marco Rateni (Architecture) Una notte di molti anni fa fui svegliato da una canzone. Mio padre fissava l’oscurità, ascoltando

GIARDINI

“The great gig in the sky” e sognava a occhi aperti. Questo progetto, che unisce musica e giardino, vuole riprodurre lo stesso effetto onirico. L’album dei Pink Floyd ispira la scelta delle piante che con le loro naturali fioriture ricreano la policromia del raggio di luce disperso dal prisma della copertina.

4. Spazio Green Bricks “Allunaggio”

Progetto di Monica Botta . Bellinzago Novarese (NO) . monicabotta.com
La luna atterra e su di lei alluniamo.
“Allunaggio” è un quadro di Vassily Kandisky che diventa giardino e nel quale la luna rotola, grande e piena, per riflettere e in cui riflettersi. Lei è crescente e accomodante, ospite di un mondo vegetale trasformato: sbiancato, arrossato, scorticato, cresciuto in verticale.

5. “Profusion”

Progetto e realizzazione di DAMD . Aarhus (Danimarca) . FB: Bob Trempe
Ispirato dal fiore della Fuchsia, “Profusion”, con il movimento a spirale dei petali, forma una serie di cupole sotto le quali sedersi. Così come in natura i petali sono uno accanto all’altro, anche in “Profusion” gli spazi sono vicini e invitano al dialogo tra le persone che vi si accomodano.

6. Spazio Garden Lignano “Ciclicità lunare”

Progetto di Roberto Landello . Lignano Sabbiadoro (UD) . FB: Roberto Landello
Un microcosmo in cui l’osservatore “vola” tra Terra e Luna, portandolo alla riscoperta dei legami che intercorrono tra loro e ricordando l’importanza che il nostro satellite ha sia sulla natura, sia sulla nostra vita, anche come fonte di riflessione del nostro Io. Senza la Luna non ci sarebbe la Terra e senza la Terra non ci saremmo noi. Contrapposte alle fucsie e alle altre perenni dal portamento scomposto, l’eleganza del bosso e del tasso ‘Fastigiata’.

7. Spazio Green Service “Metamorfosi”

Progetto di Il papavero blu . Longone al Segrino (CO) . TW: @robertoducoli
Uno specchio d’acqua a forma di falce di luna, fiori che fioriscono alla sera e altri che sbocciano al mattino, abbracciano un padiglione in cui si osserva il cielo diviso in meridiani e paralleli come se si fosse in un planetario. Al suo interno un’altalena appesa al cielo invita a vedere con lo spirito di un bambino ciò che ci circonda, con occhi nuovi e la meraviglia della scoperta, dando alla luna e alla natura il modo di risvegliare in noi il nostro lato più sensitivo.

8. “Dentro alla Luna”

Progetto e realizzazione di Daniela Piazza . Balerna (Svizzera) . dentroallaluna.tumblr.com Una volta di Lunaria è sospesa tra faggi e fili di seta sopra un parterre circolare di Stipa tenuissima. Ed è ancora la Lunaria, traslucida e argentea, che disegna l’invito verso una presenza calda e sensuale: un fiore di Fuchsia. Una grande scultura di maglia sospesa al centro della volta, evocatrice di un immaginario esotico, che nel cuore racchiude una luce, una lanterna luminescente.

Oltre a “La foglia d’oro del Lago di Como”, la giuria assegnerà anche altri premi: premio “Empatia” per uno spazio che racconta, comunica ed emoziona; premio “Stampa” per l’innovazione dei materiali e l’ecosostenibilità; premio “Arte” per uno spazio in cui convive l’equilibrio fra arte e natura, dove diversi linguaggi trovano efficace sintesi; premio “Grandi Giardini Italiani” per uno spazio di luci e forme che comunica tradizione e innovazione; premio “Essenza” per lo spazio che meglio ha saputo cogliere il tema dell’edizione; oltre al premio “Visitatori” per il giardino o l’installazione artistica votata dal pubblico.

TUTTI AL “LUNA-PARK”

Il padiglione centrale è la piazza di Orticolario, dove l’evento ha inizio e dove tutti passano. Per il terzo anno sarà allestito da Vittorio Peretto, paesaggista socio fondatore di Hortensia Garden Designers, che ha accettato in modo creativo la sfida lanciata da Moritz Mantero, con un uso geniale della materia umana e vegetale che, come il giorno e la notte, si confrontano e si alternano in un gioco eterno.

Così, partendo dal tema dell’anno, la luna, Peretto, in collaborazione con gli studenti della Fondazione Minoprio e con il sostegno di Brianza Design, trasformerà il padiglione centrale di Orticolario 2017 in “Luna-Park”.

Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità, ed eccoci sulla Luna di Orticolario! L’ironia è parte centrale di questo progetto, quindi, sorridendo scopriamolo: la fisionomia dell’allestimento nel suo complesso è semplice, tonda come la luna e come il padiglione centrale. Dei raggi cosmici interrompono il disegno puntando direttamente agli accessi dei corridoi.

Un “cratere centrale” ospita lo spazio per concerti e conferenze, sovrastato da uno Sputnik, vero pioniere dell’avventura spaziale umana. Attorno al cratere centrale, una cintura di Cedrus atlantica ‘columnaris’ rappresenta i missili in partenza. Motori accesi che sbuffano vapori e fiamme di Thuya plicata ‘whipcord’, Carex e Imperata cylindrica ‘red baron’. A terra, lapillo vulcanico per dare l’idea del calore sprigionato dalle roventi partenze.

Tutto intorno si estende la superficie lunare, caratterizzata dai crateri piccoli e grandi, ricavati nella pietra pomice e cosparsi di ampolle di vetro, espressamente riferite al viaggio di Astolfo sulla Luna, secondo il racconto di Ludovico Ariosto nell’Orlando furioso. Astolfo, paladino di Carlo Magno, desideroso di rendere il senno perduto all’amico Orlando si avventura in un viaggio sulla Luna a cavallo dell’Ippogrifo. Astolfo, raggiunta la luna trova, racchiuso in ampolle sparse sulla superficie, il campionario di tutto ciò che gli uomini hanno perso sulla Terra. Trova così le ricchezze e le glorie dei Regni perduti, i sospiri e le lacrime degli innamorati, il tempo perso e i sogni infranti, i progetti mai realizzati e la fama, i tumulti e le grida, ma anche il senno degli uomini. Tra queste, il coraggioso Astolfo, trova anche l’ampolla con il senno di Orlando, e nota con sagacia che essa era più pesante di quanto potesse sembrare. Guardando le ampolle di Orticolario 2017, cerchiamo anche qualcosa di nostro. E osservando con attenzione potremo anche riconoscere le impronte lasciate sul suolo lunare da Neil Armstrong il 21 luglio 1969 alle ore 02:56.

Il racconto delle fasi lunari, che si susseguono senza fine, avviene nelle otto Lune vegetali disposte con regolarità nella fascia più esterna dell’allestimento. Le fasi scure sono di Ophiopogon

PADIGLIONE CENTRALE

planiscapus nigrescens, Heuchera micrantha ‘Palace purple’, Sedum sunsparkler ‘Blue Pearl’ e Tradescantia pallida ‘purpurea’ accolte in lapillo vulcanico scuro. Per le fasi chiare, troviamo: Dichondra argentea ‘silver falls’, Convolvulus cneorum, Acorus gramineus ‘variegatus’ e Senecio candicans ‘Angel wings’, con pietra pomice chiara.

In traiettorie improbabili, quanto impazzite, 20 vettori intergalattici orientati in tutti i modi, precipitano dal soffitto. Un vero Luna-Park o un Parco Lunare.

Inoltre, in occasione della prima apertura notturna di Orticolario, il padiglione centrale sarà teatro di “Una sera al Luna Park”, evento in programma venerdì 29 settembre dalle ore 19 alle 24. Nel corso della serata si terrà anche il concerto “Outside the moon” a cura del gruppo strumentale AB Quartet.

OLTRE IL GIARDINO, SENZA CONFINI

Orticolario è sempre più orientato verso l’arte e il design. Numerosi gli artisti e i designer che espongono nelle varie aree interessate dall’evento: nei sotterranei di Villa Erba, nelle ali del centro espositivo, nel parco. Qui di seguito gli artisti e i designer coinvolti nella nona edizione. Informazioni dettagliate sul sito http://orticolario.it/

ARTE

Arte con Dario Ghibaudo e il “Museo di Storia Innaturale” – Nei sotterranei della Villa Antica museodistoriainnaturale.com
L’arte di Ghibaudo analizza il rapporto tra uomo e natura, dove l’influenza dell’uno può far soccombere l’altra e viceversa. Un ambiguo rapporto sul quale l’artista imposta la selezione delle sue opere per Orticolario 2017: esemplari unici modellati in porcellana che rappresentano il percorso evolutivo più breve che separa l’uomo dalle altre creature.

Arte con Roberto Visani e “Genesi” – Nei sotterranei della Villa Antica
robertovisani.it
L’universo millimetrico dei semi che gli occhi dell’artista osservano e che le sue mani, la sua ricerca, la sua passione interpretano, rendendolo a noi visibile. Sculture in bronzo, pietra e terracotta. Fra le opere, l’artista presenta a Orticolario tre nuovi semi: Medicago in bronzo lucidato a specchio, Aristolochia odoratissima in onice, e “My Love”, un seme di Halicacabum cardiospermum in bronzo bianco patinato.

Arte con Giovanni Tamburelli e “La pelle della Luna” – Nel Parco, Laghetto delle carpe giovannitamburelli.it
“La pelle della Luna” è l’opera inedita di Giovanni Tamburelli per Orticolario 2017. Ferro, alluminio, bronzo dalle superfici materiche, forgiate dal fuoco. Quell’antico fuoco che ha plasmato la Luna prima ancora che fosse Luna.

Arte con Stefano Prina e “Alta marea” – Nel Parco, Golfo platani
stefanoprina.com
Una chance alla natura, al mondo degli oceani, dove le acque danzano con la Luna. L’artista e architetto Stefano Prina immagina e crea l’installazione “Alta marea”: sospesi nel colonnato naturale dei platani secolari di Villa Erba, grandi capodogli e megattere in legno.

ARTE E DESIGN

Mostra fotografica “Contemplation of Nature” di Paolo Pagani – Ala Lario, Serra Platani paolopagani.com
L’idea della mostra nasce dal desiderio di rappresentare il mondo vegetale e la sua capacità di emozionare attraverso la fotografia. Un’esposizione di 34 fotografie in bianco e nero in vari formati suddivisa in due parti: la prima propone una serie di opere in un gioco visivo in cui la figura umana e gli elementi botanici interagiscono fino a fondersi tra loro, una metamorfosi dove la fotografia non rappresenta la realtà ma entra in un mondo totalmente immaginato; la seconda parte, ispirata dall’opera del grande artista Botanico Karl Blossfeld, è una vera e propria contemplazione della natura in macrofotografia.

DESIGN
Orticolario si espande: nascono gli spazi “DehOr. Design your horizon” in cui il design convive e dialoga con la natura. Un invito a ri-disegnare il nostro personale orizzonte. Il progetto coinvolge numerosi designer e dà vita ad aree espositive e di relax che diventano una vera e propria mostra di idee e di oggetti di design in linea con lo spirito di Orticolario.
Partecipano a DehOr: Ethimo, Green Design, Hortensia Garden Designers, Marco Gaviraghi Calloni, Riva 1920, Studio Zero, Tillandsia, UN pizzo.

DI GIORNO E DI NOTTE

Un ampio programma tra sperimentazioni, incontri, attività, presentazioni di libri, show floreali e dimostrazioni botaniche, spettacoli, performance e il “Cinesalotto” nei sotterranei della Villa Antica con la proiezione di cortometraggi e lungometraggi sulla natura. Si tratta di incontri unici nel loro genere: pur essendo tenuti da illustri esperti del settore ed eccellendo nel livello tecnico- scientifico, si caratterizzano per l’approccio non accademico, bensì passionale ed emotivo, un approccio che invita a “leggere” le storie dietro alle foglie.

TRA GLI OSPITI, OLTRE A GILLES CLÉMENT
Adriano Gaspani, archeoastronomo
Eva Boasso, naturalista, ricercatrice ed esperta collezionista di ortensie, autrice di libri
Patrizia Ianne, biologa, docente in corsi specialistici per floricoltori, collezionista e ibridatrice di fucsie Claudia Zanfi, storica dell’arte e appassionata di giardini
Conapi, Consorzio Nazionale Apicoltori, la più importante cooperativa di apicoltori in Italia e una delle più autorevoli al mondo
Roberto Ferrari, entomologo, lavora come ricercatore nel settore della lotta biologica, esperto di malattie delle piante ornamentali
Giorgio Baracani, perito agrario, apicultore autodidatta e nomade per la produzione di miele Maurizio Gallo, apicultore d’esperienza
Judith Baehner, progetta straordinarie green experiences ed è redattrice e stylist
Pietro Testori, medico ed esperto conoscitore della vegetazione del territorio comense e della sua storia
Valerio Gaeti, scultore
Clark Anthony Lawrence, giardiniere per caso e per passione

Prossimamente online il programma completo.

APPUNTAMENTI

ORTICOLARIO COLTIVA PICCOLI GIARDINIERI

Trasmettere l’amore e il rispetto per la natura ai più piccoli. Un vero impegno per Orticolario, che sin dall’esordio, nel 2009, ha sempre dedicato progetti e spazi per i giardinieri del futuro. E anche la nona edizione, in programma da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre a Villa Erba, a Cernobbio sul lago di Como, sarà arricchita da un programma ad hoc.

Il venerdì, come di consueto, sarà dedicato alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie del territorio lombardo: seguendo un itinerario ludico-didattico ideato appositamente per l’occasione, gli alunni toccheranno con mano cosa significhi pensare, progettare e realizzare un giardino, e si immergeranno completamente nel mondo della natura, avvicinandosi alle sue regole e alle sue caratteristiche. Basti dire che per venerdì 29 settembre 2017 sono attesi circa 550 tra bambini e ragazzi.

Nei giorni di sabato e domenica, invece, sarà attivo uno spazio nell’Ala Regina dedicato ai bambini dai 3 ai 13 anni in visita con la famiglia, una vera officina creativa dove verranno organizzati laboratori didattico-creativi tematici per far scoprire loro la magia della natura: animatori ed educatori qualificati allieteranno i bambini con attività creative e sensoriali, solleticandone la fantasia e la curiosità, e facendo scoprire quante storie si nascondano dietro le foglie. Come sempre, il ricavato dei laboratori sarà devoluto ad associazioni benefiche del territorio impegnate nel sociale, attive nella realizzazione di Orticolario.

Questo spazio, tra l’altro, consente ai genitori di visitare l’esposizione in autonomia e in tutta tranquillità. Nel 2016 sono stati accolti ben 640 bambini, un numero che fa comprendere il successo dei laboratori di Orticolario.

Il programma è ampio e vario e comprende attività da svolgersi per lo più al coperto: nel complesso i laboratori sono circa una dozzina, ripetuti più volte nel corso dei due giorni. Fil rouge, il legame con la natura. Tra i temi principali, la luna, la Fuchsia e l’importanza delle api e dell’impollinazione, in sintonia con le tematiche portanti della nona edizione. Giusto per fare qualche esempio, sarà possibile effettuare un vero trapianto di Fuchsia o conoscere da vicino le “piante vagabonde” così care all’ospite d’onore dell’edizione 2017, Gilles Clément. Non mancheranno una speciale caccia al tesoro e un’avventurosa arrampicata sugli alberi del parco. Tra i momenti clou anche lo spettacolo di burattini tradizionali a cura del Teatro dei Burattini di Como.

BAMBINI

Infine, come ogni anno, anche nel 2017 sarà allestita la biblioteca dei bambini “Fiori da leggere”, realizzata in collaborazione con la Biblioteca comunale di Brunate, con letture dedicate alla natura: e proprio in questo spazio domenica 1 ottobre, Paola Mascolo presenterà il suo ultimo libro Un bosco di fiabe in tasca, edito da Carthusia e realizzato in collaborazione con ABIO Como Onlus.

Il programma completo sarà presto disponibile online sul sito http://orticolario.it/

INFORMAZIONE PER IL PUBBLICO

I laboratori sono a numero chiuso. La prenotazione online (a partire dall’inizio di settembre fino a giovedì 28 alle ore 20) garantisce il posto e l’accesso alla corsia preferenziale per l’iscrizione, evitando code.

IN MOSTRA ELEGANZA E BELLEZZA

Fin dalla sua prima edizione, nel 2009, Orticolario ha incontrato il favore del pubblico grazie a un grande numero di espositori, ben 161 nel primo anno. Una crescita costante, che ha coinvolto non solo il settore delle piante, ma anche quello dell’artigianato, dell’arte e della ristorazione. Una crescita che ha contribuito a far ottenere a Orticolario la qualifica di Manifestazione Nazionale già dal 2013. La scorsa edizione ha visto la presenza di 270 espositori provenienti da 17 regioni italiane e da nove Paesi d’Europa e del Mondo.

La guida che indica la strada agli espositori è la particolarità delle proposte così come l’assortimento, ma soprattutto la condivisione dello spirito di Orticolario, ossia lavorare per un giardinaggio evoluto.

TRA I PARTECIPANTI
Numerose sono le collezioni presenti a Orticolario, tra cui le ortensie di cui ancora si parla.

Il giardino delle essenze perdute

Marta Stegani ha curato la collezione di Fuchsia rustiche per Orticolario 2017. Un lavoro di ricerca e di coltivazione che Marta compie già da diversi anni e che, approfittando del fatto che la Fuchsia è la pianta di questa edizione, ha voluto condividere con Orticolario. Nei giorni di esposizione sarà possibile acquistare le piante e anche parte della collezione esposta in modo che la febbre per le fucsie sia sempre più contagiosa.

Pepiniere Braun

Il secondo tema di Orticolario 2017 è la luna. E le piante che fioriscono di notte sono state lo spunto per collaborare anche quest’anno con Pepiniere Braun. Un vivaio del Sud della Francia con una grande passione per le liane e le fioriture insolite, spesso scelte tra piante mediterranee. Una grande passione che si trasmette da padre in figlia e che spesso porta a inconsuete scoperte. Quest’anno il contributo della famiglia Braun a Orticolario si incentra sull’Ipomoea alba, una pianta rampicante sempreverde originaria dell’America tropicale dai fiori bianchi e profumati. Fiorisce di notte verso la fine dell’estate attirando insetti notturni e certamente affascinerà anche i “nottambuli” di Orticolario.

Giussani Floricultura

Cecilia da tempo è amica di Orticolario e quest’anno animerà l’ombra del monumentale Ginkgo del parco di Villa Erba con una installazione nuova e creativa. Da sempre la ricerca e la passione

ESPOSITORI

portano Cecilia a viaggiare e a raccontare con i suoi lavori cosa vede con gli occhi della sua fantasia. I lavori, così come i prodotti proposti da Floricoltura Giussani hanno come cifra distintiva il nuovo e l’inconsueto. Semi, cortecce, bucce e contenitori insoliti regalano a Orticolario suggestive emozioni. Quest’anno il parco e la luna ispireranno certamente Cecilia facendoci scoprire un’installazione “stellare”.

Green Service

Nel parco di Villa Erba da due edizioni si muove un ragazzo taciturno ma molto entusiasta. Daniele Spinelli racconta le sue collezioni di piante minime, semplici. Carex e Pennisetum, Andropogon e Salvia. Piante da prateria, da giardino in movimento, le predilette di Gilles Clément. L’ospite d’onore di Orticolario 2017 ci ha insegnato a lasciare che le piante e gli altri elementi del giardino si sviluppino e crescano con i loro modi e tempi. Anche Daniele con grande sensibilità partecipa a Orticolario per portare non solo le sue piante ma il suo modo gentile di prendersi cura di esse.

Artefeltro di Monica Paulon

Chi è l’artigiano e qual è il suo valore? L’arte di usare le mani è uno degli elementi distintivi di Orticolario che vedono nella collaborazione con Monica Paulon il compiersi del rapporto tra arte e giardino. Tra tessuto e natura. Rapporti storici e primordiali che sfociano in vere e proprie opere d’arte che abbracciano la moda e il vivere bene. Come proteggersi poi dai raggi di luna lo si deve chiedere a Monica Paulon.

Agnes Duerrschnabel

È dai paesaggi visti con gli occhi e con il cuore che nascono molti dei lavori di Agnes, tedesca di nascita e comasca di adozione, che da alcuni anni porta la sapienza del cesello a Orticolario. Un lavoro duro e artistico che trasforma la terra in arte. Vasi per contenere fiori, gioielli per abbellire visi, case in ceramica per il ricordo di emozioni e di luoghi conosciuti. Arte e natura fusi come terra e fuoco dove la materia si forma e si trasforma. In questo modo anche Orticolario diventa occasione per mostrare e disegnare il proprio percorso e la propria storia. Agnes è una delle risorse legate al territorio di Orticolario, il lago di Como con le sue forme e la sua gente.

GALP – Galleria La Perla

Capace di fare rete con molti esponenti delle arti figurative, GALP è la galleria d’arte che nel 2016 ha regalato a Orticolario l’installazione “Ritorno alle origini”, curiosi ippopotami nati dalla collaborazione con Deodato Arte. In Ala Lario numerosi oggetti attendono gli ospiti di Orticolario ormai abituati a lasciarsi colpire e stupire. L’elemento artistico è espressione del genio dell’uomo, stesso genio che convince uomini e donne volenterosi a dedicarsi al bello. Per Orticolario aver passato l’orizzonte tra dentro e fuori, tra arte plastica e arte domestica, significa che il giardino sia casa e che nel giardino e dal giardino si trovi pace e giovamento.

COLPO D’OCCHIO ORTICOLARIO 2017

29 settembre – 1 ottobre 2017 Villa Erba, Cernobbio (CO), sul Lago di Como

Orari

Venerdì 29 settembre
ore 9.00 – 24.00 (dalle ore 19.30: no espositori)

Sabato 30 settembre
ore 9.00 – 24.00 (dalle ore 19.30: no espositori)

Domenica 1 ottobre ore 9.00 – 19.00

IL BATTELLO

Un servizio di battelli-navetta gratuiti per e da Villa Erba sarà attivo nelle giornate di sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre, con partenza da Como.

INGRESSO

Alle tre biglietterie: Euro 17,00 intero – ridotto e convenzioni Euro 14,00
Euro 15,00 se acquistato online entro le ore 24 del 24.09
Ridotto speciale Euro 12,00 (tutti i giorni a partire dalle ore 17.00 fino alle 24.00) Ingresso fino a 14 anni offerto da Chicco Artsana Group
Bus navetta gratuito dai parcheggi di Cernobbio e Maslianico

Info visitatori:

tel. +39 031 3347503, mail: info@orticolario.it Website: www.orticolario.it
Facebook: http://www.facebook.com/Orticolario
Twitter: http://twitter.com/Orticolario

Pinterest: http://www.pinterest.com/orticolario13
YouTube: Orticolario
Instagram: https://instagram.com/orticolariocomo/
LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/orticolario?trk=top_nav_home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*