Weekend a Rovigo piccola destinazione grande scoperta

Arte – cultura e spettacolo a Rovigo e il Polesine che non ti aspetti

L’Ariosto nell’Orlando Furioso disse di Rovigo:  “terra di fiumi, di chiese e di rose”

Riaperto al pubblico Palazzo Roverella, nella sua pinacoteca anche opere di: Tiziano, Tintoretto, Tiepolo e Palma il Giovane.

Prendetevi una pausa, Rovigo la merita, e passeggiate tranquilli tra le vecchie mura e le due torri medioevali, testimoni dell’epoca in cui Rovigo era contesa dagli estensi e  dai veneti.

Sostate per un caffè in Piazza Vittorio Emanuele, per ammirare lo storico edificio della Borsa; qui intorno c’è lo “struscio” per chi vuole farsi notare, ma anche cultura nei bei palazzi nobiliari dell’epoca d’oro della città: la Loggia dei Nodari, la Torre dell’Orologio, l’Accademia dei Concordi, il Palazzo Roncale e il Palazzo della Roverella, pinacoteca e sede di esposizioni.

Se avete la medesima passione dei rodigini per la musica lirica, non perdete il Teatro Sociale; qui hanno cantato: Beniamino Gigli, Renata Tebaldi, Maria Callas e Luciano Pavarotti.

Almeno una delle tante chiese va visitata: è il Tempio della Beata Vergine del Soccorso, chiamato confidenzialmnete la Rotonda per la sua forma ottagonale.

GASTRONOMIA DA NON PERDERE:

Baccalà mantecato e cipolle caramellate li trovate all’ Osteria de i Trani, sempre accompagnati dal cicchetto (bicchiere di vino). Le sarde in saor (sarde fritte in agrodolce) le mangiate buone da Alicanto.

VILLE VENETE DEI DINTORNI:

Villa Badoer è stata disegnata da Andrea Palladio, a Fratta Polesine,  Villa Dolfin Marchiori, a Lendinara.

Fratta Polesine, lungo il canale dello Scortico, è suggestiva al tramonto insieme alla vicina Villa Molin Avezzù.

A pochi minuti dai palazzi nobiliari del piccolo centro, non perdete  la locanda  Al Pizzon (turistico – 30 euro menù degustazione).

IL PARCO

140mila ettari è l’estensione del Parco, Riserva della Biosfera Unesco, da vedere in un giorno: la Sacca di Scardovari, la laguna più ampia del Delta dove si allevano le cozze  o Porto Tolle.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*