Il festival delle luci più famoso al mondo

<iframe width=”480″ height=”270″ src=”https://www.youtube.com/embed/diWy8OzspAU” frameborder=”0″ gesture=”media” allow=”encrypted-media” allowfullscreen></iframe>

FESTIVAL DELLE LUCI DI LIONE 2017

Preparato dai migliori architetti delle luci di tutto il mondo, il Festival di Lione rimane il più spettacolare e coinvolgente.

Noi ci siamo andati solo un anno (inizio dicembre), ma da allora non lo abbiamo mai dimenticato e, ogni anno, guardiamo almeno uno dei filmati che appaiono su internet per l’occasione ed ogni anno ne siamo ancora affascinati.

vedi ai link:

http://it.euronews.com/2017/12/09/festa-delle-luci-2017-a-lione-di-scena-la-magia

http://www.it.lyon-france.com/Agenda/Da-non-perdere/La-Fete-des-Lumieres-festa-delle-luci

Monza qualche foto e una pizzeria buonissima !

Un weekend molto low cost, con bicilettata (o passeggiata, seocndo i gusti) nel famoso Parco e visita alle serre della Reggia di Monza


Monza-Grande-esempio-di-Gotico-Lombardo-Santa-Maria-in-Strada

Monza Duomo
Monza Duomo
Monza-scorcio-medioevale-case-a-graticcio

Foto: Villa Reale

PARCO E VILLA REALE

Una storia interessante

Il Parco di Monza fu istituito il 14 settembre 1805 per volontà dell’imperatore Napoleone con lo scopo di farne una tenuta agricola modello e una riserva di caccia. La costruzione iniziò nel 1806, per volere del viceré Eugenio di Beauharnais, sui terreni a nord della Villa e dei Giardini reali voluti da Maria Teresa d’Austria già nel 1777.

Da un documento epistolare la madre Giuseppina Bonaparte chiede al figlio Eugenio di costruire un parco più grande di quello di Versailles. Il desiderio verrà esaudito: infatti mentre Versailles occupa un area di 250 ettari, il Parco di Monza sarà di ben 700 ettari.
Luigi Canonica, di origini svizzere, già allievo del Piermarini e architetto “nazionale” della corte francese, fu incaricato della progettazione dell’opera.

Il nuovo Parco si estende verso nord, quasi a lambire i primi rilievi collinari brianzoli. La progressiva acquisizione dei terreni circostanti permise al Parco, intorno al 1808, di diventare il più esteso parco cintato d’Europa, con un muro di recinzione lungo 14 km.
All’interno della cinta muraria furono compresi campi agricoli, strade, cascine, ville e giardini preesistenti e ora facenti tutti parte del complesso, quasi un compendio del territorio agricolo lombardo.
Il significato di tale operazione era soprattutto politico: infatti la costruzione di un parco come Versailles avrebbe provocato malcontento nella popolazione locale, mentre il Parco di Monza, mantenuto a tenuta agricola, con le serre botaniche, gli orti e i frutteti, venne in parte giustificato.

Furono individuate tre zone principali, corrispondenti ad ambienti naturali diversi: la zona vicina alla Villa Reale, a Sud, mantenuta a giardino e campagna aperta; la zona a Nord, sicuramente la più indicata allo scopo, venne piantumata a bosco, il cosiddetto “Bosco bello”, funzionale soprattutto alla caccia; la fascia lungo il fiume Lambro, in posizione inferiore rispetto alle ville e alla parte agricola centrale, mantenuta con vegetazione riparia da zona umida.
Per collegare le diverse zone del Parco, Canonica creò un asse principale nord-sud, il viale Mirabello e il suo proseguimento, il viale del Gernetto, che porta sino al “Rondò della Stella”, al centro del “Bosco bello”. Trasversalmente a tale viale una rete di viali secondari distribuisce i percorsi in tutto il Parco.

La strutturazione del vasto territorio, agricolo e boschivo con l’adattamento e la trasformazione delle cascine e delle importanti architetture di ville esistenti all’interno del territorio del Parco, la costruzione e il riordinamento di ampi viali rettilinei alberati, il modellamento del terreno e l’adeguamento del sistema idrico alle nuove esigenze del Parco, hanno dato vita a un Parco senza precedenti, ancora oggi unico nel suo genere. Attualmente, l’area del Parco è tenuta a bosco per circa un terzo e per il resto è a prato. È possibile usufruire di questo importante patrimonio grazie ai percorsi tracciati all’interno del Parco che permettono ai visitatori di scoprire la ricca flora e la fauna ancora presente, le antiche ville, le cascine e i mulini.

I GIARDINI

I Giardini della Villa Reale, la cui superficie è di 40 ettari circa, circondano gli edifici del complesso monzese da tutti i lati e sono divisi dal retrostante parco da una recinzione. Storicamente distinti da quest’ultimo, che fu realizzato trent’anni dopo, ne sono diventati con il tempo la naturale premessa. La caratteristica che l’ha reso più famoso nel mondo nei suoi duecento anni di vita è costituita dalla grande varietà di alberi ultrasecolari: i “giganti verdi”, tra cui querce, cipressi, ippocastani, cedri del Libano, che per dimensioni o caratteristiche botaniche costituiscono un campionario impareggiabile.

Il giardino di Piermarini prese forma, tra il 1778 e il 1783, dapprima ispirandosi ai principi della moda francese, secondo un grande disegno geometrico e regolare impostato sull’asse prospettico in direzione est-ovest, e successivamente con l’ampliamento proposto nel disegno conservato alla biblioteca nazionale di Vienna, che registra sia la volontà di collegare in modo solenne il palazzo a Milano, mediante un viale a doppio filare di alberi, sia il desiderio di proporre una percezione unitaria del giardino, impostato nella prospettiva centrale, con le potenzialità del paesaggio circostante. Se nella scelta del giardino formale contribuì la consapevolezza che la palese appropriazione dello spazio avrebbe costituito la soluzione più idonea a esaltare il potere e la magnificenza del principe, la decisione di rendere apparentemente naturale parte del giardino monzese dovette invece essere condizionata dall’atteggiamento intellettuale dei circoli letterari milanesi, dalla conoscenza di alcuni testi di giardinaggio particolarmente inclini alla moda del giardino paesaggistico, e dall’opportunità di aggiornarsi sulla realtà internazionale attraverso il ricordo manoscritto del viaggio intrapreso tra il 1783 e il 1786 da Ferdinando d’Asburgo attraverso Francia, Svizzera, Olanda, Inghilterra e Germania.

Tra gli elementi promossi dalla nuova cultura ispirata ai paesi anglosassoni è da annoverare anche il gusto per la chinoiserie e per l’esotico, attestata dalla presenza dei padiglioni di gusto orientale per il ricovero delle barche, situati alla foce della roggia sul laghetto, i cui pinnacoli sono un esplicito riferimento stilistico arabeggiante. La pregevolezza dei giardini e il loro immenso valore culturale, motivati dall’intervento di un professionista d’eccezione coadiuvato da giardinieri inviati da Vienna per volere di Maria Teresa d’Austria, e dal significato assegnato da studiosi ed estimatori e dalla cittadinanza, che tuttora li percepisce come motivo d’orgoglio al pari della Villa, è attestata dalla loro fortuna iconografica. Basti ricordare i celebri dipinti di Martino Knoller (cascata con laghetto e grotta con ninfeo) o le incisioni tratte dai disegni di Gaetano Ribaldi (cascatella, grotta o Antro di Polifemo, il lago con il tempietto classicheggiante sullo sfondo). Non meno affascinanti sono le incisioni di Federico Lose o le vedute di Carlo Sanquirico, entrambe in grado di restituire la bellezza di un luogo in cui il tempo ha apparentemente cessato di scorrere.

Dal sito della Reggia: http://www.villarealedimonza.it/il-parco-e-i-giardini/

Foto dal Paradiso degli Agrumi

La Papeda di Mauritius o Kaffir lime o Combawa (Citrus hystrix)

Agrumi dai colori e dalle forme incredibili.

Limoni con i colori dell’arancia rossa :

Un vero paradiso per gli amanti degli agrumi rari e rarissimi si trova alle porte di Milano; Monza per la precisione.

Gli agrumi,  non solo sono  belli, profumati e dal succo deliziosao, ma sono anche ricchi di antiossidanti e carotenoidi; quindi molto salutari per la nostra salute.

-lo abbiamo visitato e ne siamo usciti con  l’acquisto di un esemplare di La Papeda di Mauritius o Kaffir lime o Combawa (Citrus hystrix); un agrume originario dell’Oriente; il profumo dell’olio contenuto nella sua buccia, la forma e il suo colore ci hanno affascinato.

Il Combawa è un ” unicum “ che viene riprodotto, in molti paesi, tra cui Mauritius, l’ Indonesia e la Thailandia; unico nel suo genere.

Il Kaffir lime, con il suo sapore inimitabile caratterizza  la cucina orientale; ingrediente fondamentale nella “Thai cuisine“.

Questo frutto è una prelibatezza.  Le foglie, tritate emanano sapori e profumi INDIMENTICABILI; adornano e insaporiscono tutti i piatti. Il succo possiede una fragranza e un gusto dieci volte superiore a quello della foglia.

— Basta grattugiare la buccia nella pietanza e / o spremere il frutto, per dare al piatto un gusto unico!

Il succo e la buccia de La Papeda di Mauritius o Kaffir lime o Combawa (Citrus hystrix), sono ricchi di antiossidanti e carotenoidi, molecole note per essere estremamente utili per la nostra salute ed anche nella lotta contro i tumori.

:::::::::::

 

Il vivaio che abbiamo visitato dispone anche di molte altre specie di piante da appartamento e da giardino.

La figlia del proprietario, grande conoscitore  ed appassionato esperto, si occupa anche di allestire matrimoni.

Vivaio: Davide Chiaravalli. Floricoltura CHIARAVALLI. Via Gondar,26. Monza – 20900. Tel: 039 745572

http://www.floricolturachiaravalli.altervista.org/contatti.html

Floral design: facebook.com/chiaravallilabfloreale

I MIEI LIBRI PREFERITI

19 venezia il centro dal canale giallo

I MIEI LIBRI PREFERITI

Volontariamente tralascio, quasi completamente, i grandi classici; la loro importanza in una libreria è indiscutibile,

Un nostro forte amore  verso i libri di viaggio (quelli di chi sa davvero viaggiare e  scriverne),  ha certamente influenzato le priorità che qui segnaliamo.

Tuttavia,  non abbiamo tralasciato anche una grande varietà di altri argomenti che ci hanno auitato a scoprire … ” terreni ” sconosciuti; nel senso più lato del termine.

ECCO ALCUNI TITOLI

La via per l’Oxiana” di Robert Byron, ed Adelphi, La BIBBIA del viaggiatore: Venezia, Cipro, Palestina, Siria e poi verso quella terra che sta tra l’Afganistan, l’altopiano iranico e l’Oxiana procedendo sulle orme di Alessandro Magno e Marco Polo.

Byron insegna a viaggiare con la testa.

“la mia copia personale mi accompagna da quando avevo 15 anni” così dice del libro “La via per l’Oxiana“, il notissimo viaggiatore-scrittore: Bruce Chatwin.

—–

UN PICCOLO LIBRO, SEMI SCONOSCIUTO, MA CHE PUO’ SCRIVERE SOLO UN GRANDE SCRITTORE. Guy Maupassant:

Sull’acqua. Da Saint-Tropez a Montecarlo; editore IBIS.  Solo circondato dalla natura il grande scrittore, riflette al lettore splendide immagini e lo fa viaggiare di fianco a lui.

—-

” IN VIAGGIO CON ERODOTO “; per imparare a viaggiare, scritto da un grande viaggiatore, giornalista e scrittore:  R.Kapuscinsky.

—-

LA BAIA DI LORENZO ; D.H.Lawrence a Fiascherino “, edizioni Cinqueterre. Un delicato e realistico racconto dell’amore incondizionato per il mar Ligure e del contrastato legame con l’adorata Frieda; un grande scrittore che amò un angolo d’ Italia e lo descrisse mirabilmente.

—-

L’UOMO CHE AMAVA LE ISOLE “: non un libro di viaggi, ma comunque un bel libro per indagare si vari aspetti dell’animo umano; scritto con la maestria di D.H. Lawrence.

La ricerca del sogno a tutti i costi, per scoprire che il sogno non è quello sognato…

—-

Sotto il sole d’Italia “; un altro bel libro di D.H. Lawrence, innamorato dell’Italia, anche negli ultimi momenti della sua vita.

—-

-Umberto Eco: ” Storia delle terre e dei luoghi leggendari “: un viaggio in terre e luoghi che in passato hanno creato e alimentato sia chimere, che illusioni e/o utopie. Non importa quanto reali, hanno comunque dato vita a veri, più o meno consistenti, “flussi di credenze”, su questo Eco indaga e ci sollecita ad indagare.

Altri libri di Eco che molti di noi hanno letto e, forse, amato: Il nome della Rosa, Il pendolo di Foucault, Diario minimo; Il Cimitero di Praga; per studenti: Come si fa una tesi di laurea.

—-

Istanbul “, di Orhan Pamuk (2006 Premio Nobel per la letteratura), ed.Einaudi, 18,50€.

Lo scrittore qui narra la sua infanzia nel grande palazzo di famiglia, che ora è un museo; con minuziose descrizioni dei panorami della sua città.

Il libro è anche un’eccellente guida per conoscere la città attraverso i profili dei minareti, lo scintillio delle cupole delle moschee e del Mar di Marmara e viverla dai punti privilegiati di chi vi abita e la conosce bene.

—-

Freya Stark: ” Le porte dell’Arabia “, editore Guanda; viaggiare è ignorare i fastidi del quotidiano, immergersi nel nuovo o nell’antico con tutto il nostro io e uscirne rinnovati e migliori. Viaggiare; avere l’umiltà di imparare, sempre.

—-

“Il dilemma dell’onnivoro” di M.Pollan editore Adelphi per sapere tutto sul cibo che mangiamo e come salvare le future generazioni da un mondo sicuramente peggiore di quello che abbiamo conosciuto.

—–

Oliver Sacks:” L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello “, editore Gli Adelphi. Un libro che può piacere a tutti: dai cultori della psicologia ai lettori di romanzi e poesia. Appassionante per giovani e non più giovani. Un libro che parla un linguaggio universale.

—–

Konrad Lorenz: ” L’aggressività “. Un classico per chi si occupa di etologia, un’occasione per  riflettere per tutti noi travolti dall’immagine dell’uomo-donna aggressivo e vincente [?!]

—-

Richard F. Burton: ” L’Oriente islamico “, editore IBIS; Burton ci spiega l’oriente di allora, ma ci aiuta anche a capire quello di oggi.

—-

Eschilo: ” Persiani, sette contro Tebe, supplici “. La guerra lega tutti i temi presentati nel libro.  Per risalire alle origini del nostro teatro. L’epica vittoria dei Greci sull’invasore persiano. I temi di Eschilo sono quanto mai sempre attuali.

—-

LETTERE A LUCILIO ” di Lucio Anneo Seneca: vissuto nel torbido clima dell’Impero Romano, sa che la via della saggezza è piena di insidie...molto moderno.

—-

Cicerone: ” L’amicizia “; un valore ormai in disuso; un valore immenso da ritrovare, almeno nella lettura.

—-

UTZ “: un breve romanzo di Chatwin, mirabilmente scritto, sorprendente nel finale. Merita assolutamente la lettura.

Ci farà amare un mondo lontanissimo dall’oggi, ma forse non proprio…  quando un collezionista è disposto a tutto ed anche noi ci appassioneremo alle sue porcellane di….

—-

TRISTI TROPICI ” di Claude Lévi-Strauss, il capolavoro che cambiò i destini dell’antropologia. Già negli anni’30, del passato novecento, l’autore affronta i problemi del turismo di massa, dell’inquinamento…un diario sull’umanità del sud-America accomunata nello sforzo di sopravvivere. Leggere per conoscere.

Quando i popoli selvaggi erano (e lo sono ancora oggi?), dai più, considerati animali…  Claude Lévi-Strauss con la sua esperienza e conoscenza, ha molto da insegnare agli uomini che si credono civili. Un testo che si studia anche nelle università.

—-

IMPERIUM “; di R.Kapuscinsky. “La vita russa schiaccia l’uomo finché di lui non rimane neppure una chiazza di umidità…”. La Bielorussia, la Siberia coperta di neve, Transcaucasia e l’esotismo dell’Asia Centrale. Un mondo vasto come le sensazioni che suscita questo libro.

—–

IL CUORE PERDUTO DELL’ASIA “; di Colin Thubron, Ponte alle Grazie. Un vero grande viaggio che ci svela una parte dell’Asia di solito ignorata dai nostri maestri. All’indomani della caduta dell’impero sovietico, l’autore intraprende un viaggio bellissimo e pericoloso e ci racconta anche i retroscena storici; per aiutarci a capire meglio. ATTUALISSIMO PER CAPIRE LA STORIA DI OGGI !

—–

IL FASCINO DI UN POPOLO COSI’ DIVERSO, COSI’ LONTANO; COME USI E COSTUMI, COME CREDENZE, COME IDEALI…PROPRIO PER QUESTO AFFASCINANTE.
GENSIS KHAN E I SUOI FIGLI, STORIA DELLA MONGOLIA DELL’EPOCA .
Il figlio della steppa; La ciità bianca; Il popolo d’argento; Il signore delle pianure.
Si tratta di 4 libri scritti da Conn Iggulden, un’affermato scrittore di libri storici.

Solo poche modifiche dal racconto storico, sempre ben spiegate nelle note, la base è un testo dell’epoca tradotto con il contributo di molte università in varie parte del mondo.

Lo stesso autore ha scritto altri libri sulla storia dei Romani, ma a noi è particolarmente interessata la trilogia dedicata alla dinastia di Gensis Kan; proprio per la sua lontananza come mentalità e pure geografica.

Un’occasione per capire popoli diversi e per fare, tristi, paragoni con quanto accade ancora in tante parti del mondo; non lontano da noi.

Conoscere e cercare di capire diverse mentalità la consideriamo una caratteristica importante per vivere, ci piaccia o no, in un mondo globalizzato.

—-

KHYBER PASS “; 1839 Afghanistan, Kabul in fiamme… Una terra di cui sappiamo sempre troppo poco. Il Khyber Pass, una delle chiavi strategiche, come lo stretto di Gibilterra o il Canale di Suez; prima dell’avvento dell’aviazione.

Una regione martoriata da secoli, una popolazione fiera che si difende come può dalle invasioni che si sono succedute l’una dopo l’altra.  Montagne difficili, aspre e dure come la loro popolazione.

—-

La guerra del Peloponneso “; Tucidide  “L’ho vissuta intera, questa guerra, stagione dopo stagione, maturo d’anni per indagarla e intenderla criticamente…”.

Un magnifico spunto per riflettere sulle guerre e sui loro effetti; magari servisse ad insegnarci qualcosa; almeno per il futuro…! Ma se non è servita in tutti i secoli passati…
Comunque una lettura importante; che offre tanti spunti per riflettere sull’argomento.

——-

VIAGGI DI CULTURA (dal 1953)

Da una fucina di studiosi: un notiziario di viaggi e cultura, oltre a proposte di viaggio con guide  che non sono accompagnatori di professione, ma professori universitari o comunque studiosi  del settore.

www.viaggidicultura.com   info@viaggidicultura.com 

NOTA: con una parola/frase, inserita su http://books.google.it potete trovare il nome di un testo del quale avete dimenticato il titolo.

DONNE

 “L’ALTRA FACCIA DELLA TERRA” Ed.Mondadori, euro 17,50; straordinarie storie di coraggio di donne che vivono in paesi dove essere donna è una sciagura: Haiti, Pakistan, Guatemala…storie di speranza raccolte dalla scrittrice Monica Triglia in giro per il mondo.

LE RAGGAZZE DI KABUL, ed.Newton Compton, la scoperta di libertà e amicizia durante la guerra in Afghanistan. La storia di una bella amicizia tra due donne una, infermiera occidentale, l’altra afghana, entrambe usano il rossetto sotto il burka come simbolo della loro ribellione al regime. L’amicizia cambierà ad entrambe la vita.

L’invidia di Venere” Elisabeth Haiken, €  20, ed. Odoya; dalla chirurgia plastica per sminuire le ferite di guerra alla chirurgia “estetica”, Dalla rinoplastica del ‘500 italiano a Michael Jackson, una delle maggiori storiche americane racconta la storia della chirurgia plastica. Un motivo in più per riflettere prima decidere per un intervento che non è quasi mai veramente necessario e che rende la maggior parte delle donne eguali: stessi labbroni gonfi, stessi zigomi alzati e rigonfiamenti per cancellare le rughe cancellano anche la nostra fisionomia: pensiamoci!

Le donne reggono il mondo. Intuizioni femminili per cambiare il mondo”  di E.Sisti e B.Costa, ed. Altreconomia, partendo dai dati della FAO le autrici mettono a punto la reale situazione economica mondiale, le sue contraddizioni e il fatto che le donne delle classi medie e basse paghino, ovunque, il prezzo della crisi. Il lavoro della donna per la casa, famiglia, figli,genitori… senza alcun valore  in questa società che si definisce democratica e progressista

IO VIAGGIO DA SOLA“: Einaudi, € 14, Maria Perosino racconta la sua esperienza di viaggiatrice solitaria. “…da soli si è più attenti ai luoghi che si visitano e alle persone che si incontrano. Quando si è soli un posto non lo si visita, lo si abita”. Un romanzo-taccuino ricco di esperienze personali e consigli pratici.

VITA DI PANTASILEA” di Luca Romano, ed.Neri Pozza, pp.380, € 18; la vita di Pantasilea romanzata; fu cortigiana innamorata di Benveuto Cellini che la “cedette” ad un amico. Un affresco della corte di papa Clemente VII; con dettagliate  atrocità e devastazioni del Sacco di Roma del 1527 per mano di lanzichenecchi, italici, spagnoli…

Il piccolo teatro di Rebecca“, di Rebecca Duatremer,  Rizzoli, € 30, pagg.192; una vera sorpresa, non delude.

MARIA DE MEDICI”, di Stefano Tabacchi, ed. Salerno, € 26. Di questa donna si è scritto tanto, ma spesso romanzando. Questo libro fa luce sulla verità storica anche della drammatica era di passaggio in cui visse Maria de Madici.

Una giovane, coraggiosa e brava scrittrice: Angela Bubba ha 23 anni. Nata in provincia di Crotone, ha già pubblicato un romanzo aspro e difficile: “LA CASA” ed.Elliot, presentato al Premio Strega. Ora presenta “Mali Nati“, ed. Bompiani, che racconta la realtà sociale e politica della Calabria; martoriata dalla ‘ndrangheta e dalla corruzione.

LA FERITA DEI NON AMATI, IL MARCHIO DELLA MANCANZA D’AMORE” Peter Schellenbaum, ed.RED, € 38, Per le donne che si sentono incomprese, sole e abbandonate, comunque poco amate. Un aiuto a capire meglio la propria storia per ricistruire qualcosa di nuovo.

Scienziate d’Italia” di Elisabetta Strikland, Donizzeli ed., € 16, oltre alle attuali e conosciutissime Rita Levi Montalcini e Margherita Hack; le madri della scienza in Italia,  chi furono le prime scienziate.

Oltre il Paradiso” di M.Ez Eldin, Piemme: la storia di due donne che abbandonano il loro villaggio sul Nilo, ritrovando se stesse? Una lunga lotta anche per liberarsi dal velo islamico. Finalista al premio letterario Booker Arabo 2010

LE CONFESSIONI DI CATERINA DE MEDICI, una lettura spregiudicata di una sovrana spregiudicata, ed. Corbaccio, di C.W.Gortner. Gortner ha sempre tenuto seminari universitari sul Rinascimento. Caterina: a 14 anni promessa sposa al figlio del re di Francia, umiliata in Francia, accusata di stregoneria (fu mecenate di Nostradamus), in realtà combatté per salvare la Francia …una donna forte e coraggiosa.

—-

-aNobii: un sito internet dove i lettori parlano dei loro libri preferiti; in inglese.

FUMETTI (ma solo CON LA F MAIUSCOLA)

Dopo “PERSEPOLIS” (il film Gran Premio a Cannes e candidato agli Oscar), Marjane Satrapi ha scritto e disegnato “Pollo alle prugne“: struggente storia di un musicista iraniano. Un fumetto per pensare divertendosi.€15 Sperling& Kupfer .

—————

Volete raccontare un’esperienza, un vissuto, un appello, un vero articolo di attualità?

Potete provare a spedirlo a www.tio.ch la redazione sceglie e pubblica.

—————–

ARTE

Viaggiare con la …mente “Geografia e viaggi immaginari” di F.Pellegrino, ed. Electa, 20€, Un viaggio anche nei luoghi, reali e non, che l’arte ha ritratto nei secoli. Si legge come un romanzo e si scoprono anche i mostri inventati dagli artisti per dipingere i pregiudizi e l’ignoto. Di ogni opera d’arte sono spiegati la simbologia, e il momento storico. Immaginate di visitare un museo ricchissimo di opere con una guida che vi spiega anche i significati più reconditi delle opere.

PARIGI, NEW YORK E RITORNO” del critico d’arte MARC FUMAROLI, ed. Adelphi. Fumaroli scrive contro l’arte moderna, considerando degna di questo nome solo l’arte che nasca dal lavoro manuale dell’artista medesimo.

IL VOLTO DEI PRERAFFAELLITI“, di Lucinda Hawksley, ed. Odoya, € 18; in copertina Lizzie Siddal ritratta, morta galleggiante in un ruscello, nell’opera “Ophelia” di John Everett Millais. La scandalosa biografia del più celebre volto dell’epoca vittoriana.

-La storia di una donna e della sua vita che visse al di sopra delle regole, soffrì di gelosia e ne pagò tutte le conseguenze.

-L’autrice è la pronipote di Charles Dikens e storica dell’arte

-Una bella biografia; storia di amore, anoressia e dipendenza dall’oppio, suicidio e scandali. Qui si anticipa l’artista come eccentrico e come divo, ma anche l’idea, poi del XX secolo, di un “movimento” di artisti contro i “filistei”.

-Lizzie fu “scoperta” come modella  nel 1850, da Walter Deverell, “il più bello dei preraffaelliti”, che la immortalò in una tela ispirata alla “Didicesima notte” di William Shakespeare, ma Dante Gabriel Rossetti la sottrasse subito all'”amico”.

Di umili origini, Elizabeth Eleanor Siddal, Lizzie per gli amici, fu pittrice, poetessa e modella di pittori come Dante Gabriel Rossetti caposcuola dei pittori preraffaelliti nell’Inghilterra della Regina Vittoria,(XIX secolo)

——-

STORIA

DINASTIA, di Andrea Frediani, Ed.Newton Compton, € 9; il medesimo autore di MARATON (€ 5). La dinastia dei Giulio-Claudia ha creato l’impero romano  con una rapida ascesa e un brutto declino, tra follie e abiezioni. Per conoscere la straordinaria civiltà romana; per chi non è esperto di storia, ma con corrette ricostruzioni .

CARNEFICI E SPETTATORI“: di Alessandro dal Lago, docente di sociologia, ed. Raffaello Cortina. Se i combattimenti dei gladiatori e le esecuzioni pubbliche vi sono sempre sembrati un’aberrazione dell’umanità, sappiate che in questo libro si parla di come l’uomo non sia poi tanto cambiato.

——–

STORIA MODERNA

L’INFILTRATO, ed.Newton Compton, la storia di un uomo che combatte per la libertà. Sei anni vissuti sotto mentite spoglie per entrare in uno dei gruppi terroristici più pericolosi al mondo e svelarne i segreti. Non un triller di fantasia, ma solo realtà storica. Antonio Salas è stato sotto copertura in Venezuela, Palestina, Cuba, Libano, Marocco…, provando sulla sua pelle quanto siano forti i pregiudizi verso chi abbraccia l’Islam. Nessuno aveva mai avuto il coraggio di oltrepassare in modo tanto pericoloso i confini del giornalismo di cronaca. In vetta nelle classifiche in Spagna.

——-

ECOLOGIA 

A QUALCUNO PIACE CALDO, prof. Stefano Caserini (docente di mitigazione dei cambiamenti climatici, Politecnico di Milano), Edizioni Ambiente, € 20. Per capire come il clima stia cambiando.

——-

RIFLESSIONI

Fuori dalla crisi adesso!“, Garzanti;  votato dal Financial Times come un libro imperdibile.

Dove sta andando il mondo? Attuale e tristemente vero: “Resistere non serve a niente“,di Walter Siti, Ed.Rizzoli. Il mondo colluso e opaco della finanza e della criminalità. La storia di un broker amorale, immolato al profitto e al sesso. Un de profundis alla moderna democrazia, dominata solo dai soldi.

Why Nations Fail“,  D. Acemoglu J. Robinson, spiega perché il mondo si sta impoverendo.

I NUOVI DEMONI, di Simona Forti, ed. Feltrinelli. Il rapporto tra male e potere attraverso Kant, sino a Nietzche e Foucault. Non più i “demoni assoluti” della razza e della società perfetta, ma comunque demoni quali il conformismo e l’individualismo, dominano le nostre democrazie.

FUORI DA QUESTA CRISI ADESSO, Paul Krugman (premio Nobel per l’economia), Ed. Garzanti. Come uscire dall’attuale recessione con  la ricetta keynesiana. Una chiara spiegazione di come sia possibile salvarsi dall’attuale crisi non con l’austerità e la riduzione del deficit, ma con l’incremento della spesa pubblica.

SEMPREVERDE 

LA VECCHIAIA L’AMICIZIA, Cicerone, ed.Garzanti, € 8, molto apprezzato nel medioevo, attualissimo anche oggi. Dimostra come la vecchiaia possa essere una grande conquista. Un’esortazione a riconoscere l’insostituibilità dell’amicizia, purché si sappia riconoscere e non confondere con  l’adulazione.

——

VARIE

MIND THE MAP“: le frontiere di oggi fisiche, digitali, mentali. di Lorenza Pignatti, www.postmediabooks.it , € 12,60. Dalle geografie delle mappe dei primi esploratori, un excursus storico attraverso i vari saperi.

Novecento“, di T. Judt, Laterza, € 22, 430 pagg.; excursus politico ed etico sul ‘900.

La storia del mondo in 100 oggetti“, di N.MacGregor, € 49, pagg.706; attraverso un’originale punto di vista di cento oggetti, un puzzle di nessi.

LIMONOV“, E.Carrère, Adelphi, € 19, pagg.356; basta il nome dell’autore per garantire la serietà e validità del libro.

Venivamo tutte per mare” è diventato un libro cult, di J.Otsuka, €13, pagg.142.

——

Un genere che non avrei mai letto, ma un giorno per caso … e scopro un mondo raffinato e ricco di arte e fantasia.

FANTASY

L’Accappastreghe” Walter Moers, ed.Salani, €17, un racconto per chi ama fantasticare, un aiuto a  chi è privo di fantasia per scoprire un mondo nuovo e divertente. Brivido e risata, orrido e ridicolo, l’iperbole del grottesco. Un libro che aiuterà anche gli artisti a sviluppare ulteriormente le loro doti fantastiche.

—–

I LIBRI-BASE DEL VERO VIAGGIATORE:

Una vetta del Darien” di Freya Stark, ed. Zibaldone. “La differenza sta nel cuore di chi ascolta...” questi versi cinesi esprimono bene il carattere dell’autrice. Grande vera Viaggiatrice, con la V maiuscola, archeologa, esploratrice. Nacque a Parigi alla fine del 1800. Ha vissuto i suoi ultimi anni ad Asolo morendovi ultranovantenne.  Altro suo libro: “LE VALLI DEGLI ASSASSINI“=impariamo a viaggiare con/e in tutti i sensi, il viaggio come era agli inizi del ‘900, una lezione anche per il viaggiatore contemporaneo. Oggi una lezione per conoscere le terre di Bin Laden.

VITA SACKVILLE WEST. Una grandissima e coltissima scrittrice e viaggiatrice. OGNI PASSIONE SPENTA“, ed. Mondadori Oscar. Un libro che ogni donna dovrebbe leggere, per comprendere come si possa essere profondamente giovani anche a ottant’anni. Un libro per costruirsi una personalità che le permetta di affrontare con gioia anche la vecchiaia. “Passaggio a Teheran“, ed. Il Saggiatore.  Vita  racconta il suo avventuroso viaggio in un paese ancora selvaggio, gli orizzonti sconfinati cercando di seguire i percorsi di Alessandro Magno… Altro libro: “Il più personale dei piaceri“: il viaggio.

La via per l’Oxiana” di Robert Byron, ed Adelphi, La BIBBIA del viaggiatore: Venezia, Cipro, Palestina, Siria verso quella terra che sta tra l’Afganistan, l’altopiano iranico e l’Oxiana procedendo sulle orme di Alessandro e Marco Polo. Insegna a viaggiare con la testa.

la mia copia personale mi accompagna da quando avevo 15 anni” così dice del libro il notissimo viaggiatore-scrittore:Bruce Chatwin.

UNA LUCE INATTESA-Viaggio in Afghanistan di Jason Elliot, ed.Neri Pozza, un grande conoscitore e studioso del Paese che tutti noi “occidentali” abbiamo conosciuto solo attraverso stereotipi.

SPECCHI DELL’INVISIBILE-Viaggio in Iran di J.Elliot, ed. Neri-Pozza, come il libro più sopra, anche questo è il risultato di una grande esperienza personale di viaggi, sempre basati su una solida cultura di base che ci aiuta a capire questi popoli così diversi e così affascinanti.

Elliot è stato vincitore del Thomas Cook Travel Book con: Una luce inattesa.

LA MIA AFRICA di Karen Blixen, un classico, la storia di una donna coraggiosa che ha voluto vivere anche fuori dalle “regole” della sua epoca pagando…come sempre, di persona.

MONGOLIA“: D’Alma Folco Zambelli una viaggiatrice italiana come le vere viaggiatrici inglesi, a 93 anni scrive ancora, ha pubblicato moltissimi libri di viaggio:India, Cina, Cambogia, Birmania, Nepal, Pakistan, Malesia, dopo viaggi di anche 11 anni. Sempre sola, sempre senza supporti di agenzie di viaggio, laureata in archeologia. acquisti:enriconardelli@prematek.it         www.sheherazade.it

Metà cielo, metà luna“, ed. Vallecchi, di Maria Silvia Codecasa antropologa, 8,50€. Tra le poche viaggiatrici che si possano paragonare alle grandi viaggiatrici inglesi.  Parla anche delle attualissime condizioni della donne nei paesi mussulmani.

Ombre sulla via della seta” viaggio di C.Thubron, ed. Ponte delle Grazie, 18€, un percorso che ha una storia millenaria e affascinate alle sue spalle. Un libro imperdibile per il grande viaggiatore che vi troverà la summa dei suoi desideri; un invito per i non viaggiatori.

Un indovino mi disse” di Tiziano Terzani, Longanesi. Una riflessione sul destino della vita. Un libro per tutti gli amanti dei viaggi e curiosi. Da leggere insieme agli altri scritti di Terzani, grande giornalista, scrittore ed esperto dell’Asia. Per aiutarci ad uscire dal provincialismo;  per imparare a guardare al mondo.

Il Milione” oggi si può leggere in italiano moderno nella versione curata da Giorgio Trombetta Penigadi (Ed. TEA)

Donne in viaggio” di M.L.Silvestre A.Valerio, ed. Laterza.

Gli erranti” di S.Lanuzza, ed. Stampa Alternativa. Un libro adatto ai veri viaggiatori.

Strada bianca per i Monti del Cielo”, Ponte alle Grazie editore, 15 €, di Mario Biondi.Partendo dalle porte dell’Oriente, cioè da Istambul, Mario Biondi percorre e racconta le sue peregrinazioni compiute nell’arco di quaranta anni, sino a raggiungere i Monti nel Cielo nella regione cinese del Tagikistan.Non si tratta di una guida turistica, ma di ricordi personali, curiosità, ma anche di note storiche ed artistiche sui paesi visitati.

Viaggio in Francia“, di Edith Wharton, ed. F.Muzzio. Scritto nel 1908, trasmette al lettore quanto la novità dell’automobile, in quell’epoca, abbia potuto affascinare una donna e farla sentire libera. Bellissimo !

ENIGMA HIMALAYA di K.Diemberger e R.Mantovani, ed Mondadori, €39, dai missionari cristiani ai topografi inglesi; i racconti di coloro che hanno scalato l’Himalaya sotto mentite spoglie anche come spie…per l’occidente.

Istanbul, di Orhan Pamuk (Premio Nobel), ed.Einaudi, 18,50€. Lo scrittore narra la sua infanzia nel grande palazzo di famiglia, che ora è un museo, con minuziose descrizioni dei panorami della sua città. Il libro può essere utilizzato come una guida per conoscere la città attraverso i profili dei minareti, lo scintillio delle cupole delle moschee e del Mar di Marmara e viverla dai punti privilegiati di chi vi abita.

OLTRE IL CHADOR“: di Marcella Croce, ed Medusa, l’autrice ha raccolto notizie di prima mano in Iran in particolare sulle condizioni ed i comportamenti delle donne; un modo per conoscere lo sconosciuto.

marcella.croce@gmail.com INDOCINA MEKONG: esperienza poetica per tutti gli amanti dei viaggi con la V maiuscola; informarsi leggendo “Il racconto del fiume” di Edward A.Gargan (ed.Ponte alle Grazie).

Viaggiare con la …mente “Geografia e viaggi immaginari” di F.Pellegrino, ed. Electa, 20€. Un viaggio anche nei luoghi, reali e non, che l’arte ha ritratto nei secoli. Si legge come un romanzo e si scoprono anche i mostri inventati dagli artisti per dipingere i pregiudizi e l’ignoto. Di ogni opera d’arte sono spiegati la simbologia, e il momento storico. Immaginate di visitare un museo ricchissimo di opere con una guida che vi spiega anche i significati più reconditi delle opere.

L’ARTE DI VIAGGIARE di A.de Bottom, ed. Guanda, una guida preziosa per tutti noi, viaggiatori distratti…

ANATOMIA DELL’IRREQUIETEZZA di Bruce Chatwin: per chi si è sempre sentito, almeno un poco, nomade; a chi ama viaggiare più di ogni altra cosa.

UTZ di B Chatwin: ben scritto, con un finale indimenticabile. Da leggere !

———–

PER CHI AMA LEGGERE BELLE STORIE

Frances Hodgson Burnett Un matrimonio inglese

Due giovani ereditiere, un matrimonio disastroso, una splendida eroina che attraversa l’Atlantico per salvare la sorella.
America e Inghilterra all’inizio del Novecento: modi diversi di intendere l’amore, il matrimonio, il ruolo della donna.
Un romanzo appassionante, inedito in Italia, dell’autrice de Il giardino segreto e Il piccolo lord Fauntleroy.

Stella Gibbons La Fattoria delle Magre Consolazioni

Flora Poste è stata educata in modo eccellente a fare tutto tranne che a guadagnarsi da vivere. Rimasta orfana a vent’anni e dotata di una rendita esigua, va a vivere presso dei lontani parenti.
Loro sono un po’ matti, lei ha la passione dell’ordine… Garbato e gradevole.

Charlotte Perkins Gilman La governante e altri problemi domestici

Come coniugare le esigenze femminili con l’impegno domestico? Come poter amare, pensare, fare il proprio lavoro, essere indipendenti se ogni giorno, tutti i giorni, bisogna occuparsi di organizzare e far funzionare la vita domestica?

——–

 SIETE SCRITTRICI? 

Agenzia letteraria Internazionale: ALI: potete provare ad inviare i vostri scritti. Giulia Belloni è una scauting, Altra Agenzia letteraria:www.marcovigevani.com

www.ilmiolibro.it un sito di auto-pubblicazione del proprio libro del gruppo editoriale l’Espresso, oggi conta 19 mila lettori-scrittori,  150 pagine (15 per 23 cm.) costano 6.8 euro. Per creare anche un EBOOK gratis: pubblica il tuo libero e l’Ebook è gratis; mettendolo in vendita su ilmiolibro l’80%  dei guadagni va all’autore, ma lo si può distribuire anche tramite:

-Amazon

-Apple

-Book Republic

-laFeltrinelli e i più grandi ebook stores italiani e internazionali.

albatros.it pubblica i vostri libri

ASTORIA EDITORE pubblica libri di ironiche e bravissime scrittrici, direttore editoriale: Monica Randi (ex Feltrinelli e Saggiatore): “La Fattoria delle magre consolazioni”…Sede a Milano: www.astoriaedizioni.it vedi più sotto titoli e commenti a questo libri che parlano di donne

www.ilmiolibro.it IL MIO ESORDIO  è un concorso di Feltrinelli, chi vince si trova pubblicato il proprio libro in 7.000 copie.

Salute – Vitamine poco note

Le vitamine sono in totale 13.

La vitamina H:

La vitamina H (detta anche B8) è detta anche della bellezza.

Migliora la salute della pelle e delle unghie, contrasta la caduta dei capelli e, secondo recenti studi, proteggerebbe il cervello dalla malattie neurovegetattive e favorirebbe il buon funzionamento del midollo osseo (il midollo osseo produce le cellule del sangue: globuli bianchi, rossi e piastrine).

DOVE SI TROVA LA VITAMINA H ?

-verure

-lievito di birra

-riso integrale

-uova

-legumi

-funghi

-frutta secca

-latte

-formaggi.

LO ZINCO AIUTA L’ASSORBIMENTO DELLA VITAMINA H :

il cioccolato fondente e il cacao in polvere, contengono un’alta percentuale di zinco, c.a. 2,5 milligrammi per  100 grammi il cioccolato e 8 milligrammi per la stessa dose di cacao.

LA VITAMINA K2 

Mantiene in ottima salute le ossa.

E’ contenuta in:

-carne di manzo

-pollo

-tuorlo d’uomo

-formaggi

  • crauti.

Libri – Una bufala ? Cosa non si fa per vendere – Il titolo che attira – Cosa mangiamo ?

55″ SIETE PAZZI A MANGIARLO “

Ma questa non è una rivelazione, lo sapevamo già …

Un ex dipendente delle industrie agroalimentari, Christophe Brusset, è pentito di aver lavorato per il minor costo di produzione,

L’autore spiega come il settore sia pieno di persone che svolgono il loro lavoro per soldi, per lo stipendio a fine mese, per mantenere la famiglia, senza alcuna passione per il cibo. Ma questa non è una rivelazione, lo sapevamo già.

Nell’ introduzione, si parla di frodi cinesi e spiega la frode della carne di cavallo (anziché di manzo) presente nelle lasagne di famose industrie del settore (2013). Niente di nuovo, eravamo già informati anche di questo.

Si fa accenno a prodotti francesi, senza nomi, dati, marche.

Sul formaggio, francese, si parla anche di come si possa aggirare la legge, allungando con acqua una piccola parte dell’ingrediente principale. Ma noi sappiamo anche di aggiunte di latte in polvere di latti provenienti da altri Paesi con marchi di qualità… anche in Italia.

Fin qui scopriamo l’acqua calda e anche con poche precisazioni.

Si citano i casi eclatanti, già noti a tutti, si stupisce, ma non si fanno mai i nomi o precise indicazioni per individuare i produttori o i prodotti…

Libro poco interessante ! Serve a chi ci ha già imbrogliato per fare altri soldi !

Titolo: Siete pazzi a mangiarlo
Autore: Christophe Brusset
Editore: Piemme
Prezzo: 16,90 euro; buttati !

VIVERE A LUNGO – LEGUMI E MINI DIGIUNI

Come vivere a lungo ?

Qualcosa di molto diverso dal manuale dieta-fai-da-te per dimagrire.

Lo spiega il dott. Valter Longo, direttore del Centro Studi Invecchiamento della University Southern of California e presso l’Istituto di Oncologia Molecolare Ifom Milano; la miglior prevenzione sta nella dieta. Ma che sia una dieta secondo le ultime scoperte della scienza moderna.

Inoltre la dieta può curare meglio delle medicine, sempre secondo le ultime dimostrazioni scientifiche.

Il dott. Longo ha viaggiato in tutto il mondo alla ricerca delle motivazioni che rendono alcune popolazioni molto longeve.

Tra i consigli, la dieta dovrebbe essere ricca olio  di oliva, frutta secca, poca pasta e riso e solo integrali, molte verdure e legumi.

L’applicazione di mini – digiuni seguiti da un medico, può coadiuvare le terapie contro alcune forme tumorali, diabete, morbo di Alzheimer, artrite reumatoide.

LA DIETA DELLE LONGEVITA’, Valter Longo, Vallardi, pp.31,euro 15.

CONTRO L’INVECCHIAMENTO DELL’ORGANISMO: ACIDO IALURONICO TUTTOFARE.

CONTRO L’INVECCHIAMENTO DELL’ORGANISMO. L’ACIDO IALURONICO CI PUO’ AIUTARE A VIVERE MEGLIO

ACIDO IALURONICO , per cosa viene usato in

medicina ?

-chirurgia oftalmica, per la produzione di lacrime artificiali

-soluzione viscoelastica nella chirurgia della cataratta

-l’applicazione di acido ialuronico stimola la formazione di tessuto cicatriziale

-trattamento di ustioni di secondo e terzo grado

-reumatologia e ortopedia ecc … Leggi più sotto.

L’ ACIDO IALURONICO protegge inoltre l’organismo da virus e batteri; un amico prezioso non solo per la pelle e la chirurgia estetica, ma anche per la cataratta, problemi articolari, cicatrizzazione dei tessuti, nel caso di ferite, ulcere, membrane timpaniche forate, afte e stomatiti, trattamento di ustioni di secondo e terzo grado, in campo urologico, ginecologico, cistiti..ecc.

PELLE PIU’ IDRATATA, ARTICOLAZIONI MEGLIO FUNZIONANTI ECC..

1. COS’E’L’ACIDOIALURONICO ?

Una molecola chiave per i nostri tessuti

-L’acido ialuronico è una lunga molecola che esiste naturalmente nell’organismo umano, oltre che negli animali e in alcuni batteri.

-Nel nostro corpo viene prodotto da cellule chiamate fibroblasti (e da altre popolazioni cellulari. es. sinoviociti) allo scopo di

proteggere e idratare i tessuti, dando loro turgore e plasticità.

Si trova in grandi concentrazioni nel derma, tessuto connettivo della pelle, ma

-è presente anche nell’umor vitreo dell’occhio, nei tendini, nel liquido sinoviale che riempie le cavità articolari, nelle pareti aortiche e nel cordone ombelicale.

Con il tempo, la quantità di acido ialuronico presente nell’organismo tende a diminuire, generando fenomeni come l’invecchiamento cutaneo, la perdita di plasticità e compattezza della pelle e la comparsa delle rughe, oltre a possibili problemi alle articolazioni e una diminuzione generale di elasticità dei tessuti.

2. COME FUNZIONA

Una spugna idratante e protettiva

Per le sue caratteristiche chimico-fisiche, l’acido ialuronico

ha un alto potere idratante. 

Dal punto di vista chimico viene classificato come un glicosaminoglicano (GAG): la molecola, infatti, è formata dal ripetersi di lunghe sequenze di due zuccheri semplici, l’acido glucuronico e la N-acetilglucosamina.

-Ne risulta una molecola lineare, flessibile e altamente polare, con un elevato grado di solubilità in acqua.

Ed è proprio grazie alla sua struttura molecolare che

l’acido ialuronico si comporta come una spugna, in grado di assorbire, trattenere saldamente e rilasciare grandi quantità di acqua in base al fabbisogno locale.
Componente essenziale, insieme a collagene e fibre elastiche della cosiddetta “matrice extracellulare” (ECM – Extra Cellular Matrix) del derma,

garantisce il giusto grado di umidità alla pelle.

Oltre alla capacità di legare l’acqua, questa preziosa macromolecola agisce come lubrificante ed è

-in grado di assorbire gli urti all’interno delle parti mobili del corpo umano come le articolazioni. Ha una funzione importante nel trasporto delle sostanze nutritive.

-Protegge inoltre l’organismo da virus e batteri: le molecole di acido ialuronico, grazie alla loro lunghezza e all’alto potere di idratazione, si organizzano nel derma in una struttura di tipo reticolare che, oltre a dare tono e forma al tessuto,

costituisce un filtro contro la diffusione di sostanze potenzialmente tossiche. Ha anche

importanti proprietà anti- infiammatorie e cicatrizzanti, favorendo la produzione di nuovo collagene e i processi di riparazione tissutale.

COME E QUANDO SI USA

Un amico prezioso non solo per la pelle e la chirurgia estetica, ma anche per la cataratta, problemi articolari, cicatrizzazione dei tessuti., membrane timpaniche forate, come afte e stomatiti, trattamento di ustioni di secondo e terzo grado, aiuta a risolvere anche gravi problemi dell’apparato respiratorio..

Oggi, quando si parla di acido ialuronico, lo si associa immediatamente 

-alle più avanzate terapie antirughe e alle nuove frontiere della dermoestetica.

Senza dubbio le proprietà anti-age di questa molecola hanno portato una piccola, grande rivoluzione in campo estetico.

I filler di acido ialuronico permettono infatti di affrontare quasi tutti gli inestetismi,

dal rimodellare gli zigomi, al restituire turgore e idratazione a viso, mani e décolleté, fino all’aumentare il volume delle labbra.

Con il grande vantaggio di

-una sostanza biocompatibile, già prodotta dal nostro organismo, che in soggetti in buona salute ha rischi e controindicazioni praticamente nulli.

Ma forse non tutti sanno che l’acido ialuronico trova

numerose ed efficaci applicazioni in molti altri ambiti medici e terapeutici.
Nella chirurgia oftalmica, per la produzione di lacrime artificiali nel trattamento della sindrome dell’occhio secco e

-come soluzione viscoelastica nella chirurgia della cataratta. Nella chirurgia otologica come rigenerante delle

membrane timpaniche forate: l’applicazione di acido ialuronico stimola la formazione di tessuto cicatriziale. Anche nelle

infiammazioni e lesioni ulcerose della bocca, come afte e stomatiti, o nel

-trattamento di ustioni di secondo e terzo grado, esistono terapie che si avvalgono delle proprietà riparatrici di questa molecola.

In reumatologia ed ortopedia l’acido ialuronico viene utilizzato come terapia intraarticolare, non solo come lubrificante del liquido sinoviale, ma anche per il suo ruolo protettivo dei tessuti, limitando la penetrazione di radicali liberi ed enzimi proteolitici.

In campo urologico, infine, l’acido ialuronico in sinergia con altre sostanze svolge una 

-importante funzione antinfiammatoria e riparatrice nei confronti dell’epitelio vescicale (urotelio).

Nel caso di ferite, ulcere e ustioni, questa molecola si rivela particolarmente efficace nell’accelerare e favorire il processo di cicatrizzazione e riparazione dei tessuti.

Acido ialuronico e apparato respiratorio

L’acido ialuronico è universalmente riconosciuto come il principale componente molecolare della matrice extracellulare. Nell’apparato respiratorio è sintetizzato dai fibroblasti del rinofaringe e dell’interstizio polmonare, dalle ghiandole della sottomucosa tracheo-bronchiale, e dalle goblet cell dell’epitelio di rivestimento che lo addizionano al muco che riveste e protegge le vie respiratorie. Grazie a questa sua distribuzione,

l’acido ialuronico svolge un ruolo centrale nella fisiologia respiratoria intervenendo in molteplici meccanismi omeostatici.

L’acido ialuronico

somministrato per via aerosolica penetra rapidamente e si integra nell’ interstizio polmonare

prevenendo la diffusione delle macromolecole e regolando la migrazine delle popolazioni cellulari che intervengono nelle reazioni flogistiche. La sua elevata idrofilia consente inoltre di idratare l’intero albero respiratorio facilitando

la rimozione di cataboliti ed allergeni. Grazie alla sua capacità di integrarsi nella componente glicoproteica che riveste la mucosa pre-respiratoria

interviene nella regolazione della clearance muco ciliare interferendo con potenziali fattori perturbanti allergenici o infiammatori, ambientali o endogeni.

L’Acido Ialuronico in Urologia e Uroginecologia

LA RICERCA IBSA E LE DISFUNZIONI DELL’UROTELIO

In ambito urologico e uro-ginecologico la ricerca IBSA ha raggiunto risultati d’eccellenza, con la realizzazione e il brevetto esclusivo di un importante dispositivo medico per la cura delle disfunzioni dell’urotelio. L’Italia, in particolare, è stato il primo Paese al mondo ad adottare questo dispositivo

-per i pazienti che soffrono di patologie riconducibili a queste disfunzioni.

L’UROTELIO, TRANSDUTTORE DI SEGNALI

Gli epiteli sono membrane semipermeabili capaci di svolgere un’importante funzione: selezionare le molecole da neutralizzare e quelle da assorbire per essere utilizzate dall’organismo. L’epitelio è quindi il primo elemento di un sistema integrato (Sensory Web) che regola il funzionamento di tutto l’organo a cui appartiene.

L’urotelio, che riveste tutto l’apparato urinario, risulta essere il più “differenziato” fra tutti gli epiteli: infatti, ha il compito di selezionare, sintetizzare, rilasciare molecole e, soprattutto, trasformare impulsi meccanici in segnali chimici. E’ un “transduttore” di segnali.

Le caratteristiche principali che l’urotelio conferisce alla mucosa che riveste l’intero apparato urinario sono l’impermeabilità e la distensibilità. La perdita di tali funzioni come conseguenza di una “lesione” dello stesso sono causa di diverse patologie urologiche.

DISFUNZIONI UROTELIALI. DALLA MODIFICAZIONE DEL COATING ALLA CISTITE

Quando l’alterazione di una o più funzioni in senso qualitativo e/o quantitativo, sia per eccesso che per difetto, interessa l’urotelio, quest’ultimo non è più in grado di svolgere la sua normale attività fisiologica. Si determina, così, un anomalo funzionamento del “sensory web”.

Le modificazioni del coating sono in grado di compromettere l’intera funzionalità dell’urotelio. Si hanno significative variazioni a carico delle glicoproteine e dei proteoglicani e si evidenzia una marcata riduzione dei GAGs e della quasi totalità delle componenti molecolari del coating.

Il collasso strutturale al quale va incontro il coating è riconducibile alla perdita dei proteoglicani.
I GAGs non riescono più a integrarsi nel coating per la mancanza di fondamentali strutture capaci di legarli: in primis le HB-EGF.

 Le uroplachine (proteine deputate al controllo della permeabilità) si disassemblano rendendo l’urotelio permeabile.

La perdita del coating e, di conseguenza, della barriera apicale innesca il meccanismo di distruzione della totalità delle barriere di protezione, con conseguente passaggio di sostanze nocive, tossiche ed allergizzanti.

Gli stimoli meccanici di origine uroteliale vengono trasformati in anomali segnali distorti che interferiscono con la rete neuro-sensoriale: le contrazioni non sono più ritmiche e sequenziali ed è così che insorge la chiara sintomatologia della cistite contraddistinta da frequenza minzionale aumentata, urgenza minzionale e dolore, causato dall’attivazione delle fibre C, non attive in un contesto fisiologico.

3 L’ACIDO IALURONICO DI IBSA

La molecola utilizzata nei prodotti IBSA risponde ad un elevato standard di qualità che ne permette l’utilizzo sia in ambito farmaceutico che dermoestetico.
Questa tipologia di acido ialuronico viene infatti prodotta in un moderno impianto biotecnologico presso Altergon Italia attraverso un processo a piu’ fasi che, partendo dalla fermentazione batterica ed attraverso stadi intermedi di filtrazione e purificazione, arriva all’ottenimento di un prodotto finito altamente purificato.

Grazie all’utilizzo di un sistema produttivo di tipo biofermentativo, l’acido ialuronico di IBSA

è privo dunque di contaminazioni di prodotti di derivazione animale, eliminando un possibile rischio allergico e/o di trasmissione di agenti patogeni (es. virus, prioni).

4 CARATTERISTICHE E PRODUZIONE DELL’ACIDO IALURONICO IBSA:

ALTERGON ITALIA
Nel 2005 IBSA stringe una partnership con Altergon Italia per la produzione di acido ialuronico. Con sede a Morra De Santis (Avellino), Altergon Italia nasce nel 2000 da Altergon SA, fondata in Svizzera con la mission di sviluppare formulazioni farmacologiche innovative e nuovi principi attivi per uso farmaceutico.

Grazie ad un’intensa attività di ricerca e sviluppo, in Altergon Italia è attualmente in funzione un impianto innovativo dedicato alla produzione di acido ialuronico attraverso un processo a piu’ fasi che, partendo dalla fermentazione batterica ed attraverso stadi intermedi di filtrazione e purificazione, arriva all’ottenimento di un prodotto finito altamente purificato per uso farmaceutico e dermoestetico.

E’ proprio l’utilizzo di questa tipologia di acido ialuronico a garantire l’elevato standard qualitativo e l’elevata tollerabilità dei prodotti IBSA.

In Altergon inoltre è presente un moderno impianto di produzione di cerotti medicati.

INVECCHIAMENTO CUTANEO

La nostra pelle è soggetta a due distinti tipi di invecchiamento: l’invecchiamento intrinseco, detto anche cronoinvecchiamento, e quello estrinseco, ovvero il fotoinvecchiamento.

Il cronoinvecchiamento è un processo continuo e naturale che inizia intorno ai 25 anni di età: in questo periodo la produzione di collagene, di elastina e acido ialuronico rallenta; il ricambio cellulare diventa meno rapido, lo spessore dello strato corneo aumenta. Tutto ciò porta alla comparsa dei classici segni dell’invecchiamento: rughe, linee di espressione, perdita di idratazione, di tono e di elasticità. La velocità con cui il cronoinvecchiamento diventa visibile è legata al proprio patrimonio genetico; in alcuni soggetti la pelle si segna prima, in altri rughe e segni di espressione sono visibili solo più avanti. Questo processo “naturale” può essere accelerato e/o aggravato da una serie di fattori esterni, quali le radiazioni ultraviolette, il fumo da sigaretta (attivo o passivo), lo stress, i trattamenti cosmetici scorretti: tutti questi fattori costituiscono il cosiddetto fotoinvecchiamento.

Ma cosa succede davvero all’interno del nostro “organo barriera” con il passare del tempo?
La pelle è composta essenzialmente da tre strati: l’epidermide, il derma e lo strato sottocutaneo. Ogni strato contiene tessuto connettivo composto da fibre di collagene che forniscono sostegno all’intero organo e fibre di elastina che conferiscono flessibilità. Con l’invecchiamento, l’epidermide si assottiglia e la pelle tende ad apparire più sottile, pallida e traslucida. Questo processo è anche causa delle cosiddette “macchie cutanee”, che compaiono spesso sulle zone molto esposte, come il viso e il dorso delle mani, e che peggiorano con un’esposizione al sole scorretta e prolungata. Le modificazioni che avvengono all’interno del tessuto connettivo riducono anche la robustezza e l’elasticità della pelle: questo processo è noto come elastosi. Anche in questo caso, è evidente come gli effetti del cronoinvecchiamento e del fotoinvecchiamento si sommino per accelerare la comparsa dei segni dell’invecchiamento.

I RADICALI LIBERI
Nel processo di invecchiamento un ruolo importante è svolto dall’aumento nella produzione di radicali liberi, il cosiddetto “stress ossidativo”. Quando le cellule del nostro corpo producono energia, si formano delle molecole ossigenate instabili come sottoprodotto della normale funzionalità cellulare. Queste sostanze, note come radicali liberi, contengono atomi di ossigeno con un solo elettrone (ossigeno radicale) e per questo sono molto instabili e tendono a legarsi ad altre molecole nel corpo provocando dei danni strutturali al DNA, alle proteine e alle membrane cellulari.

Alcune abitudini di vita scorretta, come l’esposizione agli ultravioletti e il fumo, in particolare, accelerano questo processo. Il nostro organismo ha sviluppato una serie di meccanismi di difesa per minimizzare tali danni ed eventualmente ripararli, grazie a sostanze antiossidanti di tipo endogeno, ovvero sostanze che vengono sintetizzate dall’organismo stesso: tra questi, catalasi, superossido dismutasi e glutatione. Altri tipi di antiossidanti possono essere assunti con l’alimentazione, al fine di attivare sistemi biologici di riparazione e di detossificazione:

vitamina A, C ed E, acido lipoico, coenzima Q-10, carotenoidi, acidi grassi, polifenoli – come i picnogenoli. Spesso, però,

-la nostra dieta quotidiana è carente di queste sostanze: ecco perché l’uso di determinati integratori alimentari a base di antiossidanti, soprattutto quando il processo di invecchiamento mostra segni visibili, è particolarmente indicato per contrastare il processo degenerativo endogeno, stimolare il turnover cellulare e ripristinare elasticità, tono e idratazione della pelle.

Solo un approccio anti-aging combinato, che unisca una corretta igiene di vita a un’integrazione nutrizionale e all’uso di preparati topici e/o intradermici, è in grado infatti di restituire alla pelle la sua naturale bellezza.

IL RUOLO DELL’ACIDO IALURONICO NELLA RICERCA ANTI-AGING

L’acido ialuronico è un componente fondamentale dei tessuti connettivi e oggi è la sostanza principe delle ricerche “anti-aging”. Il suo compito è quello di idratare, lubrificare ed elasticizzare la pelle, mantenere la forma dei tessuti e irrobustirne il tono.

Idratazione, turgidità, plasticità e tutte le particolari proprietà del derma sono quindi influenzate dal suo ruolo determinante, come anche la protezione nei confronti dei radicali liberi con azione antiossidante di tipo scavenger, la neosintesi di collagene e altre importanti attività biologiche.

Gli studi mostrano come l’acido ialuronico decresca significativamente con l’età e come questo impoverimento provochi rughe e inestetismi cutanei, come la perdita di tono e di elasticità.

LA PROPOSTA DI TRATTAMENTO IBSA

L’esperienza consolidata del gruppo IBSA nella produzione di acido ialuronico ha portato alla realizzazione di una linea dermoestetica che si contraddistingue per l’elevato standard qualitativo e l’elevata tollerabilità.

Le formulazioni offerte si basano sul sistema “HydroliftTM Action”, l’innovativo ed esclusivo approccio terapeutico mirato alla prevenzione e cura della diminuizione fisiologica di acido ialuronico nella cute, favorendo la ripresa della sua funzionalità e restituendole idratazione, elasticità e tono. Un approccio che supporta maggiormente il concetto della “cura della ruga” rispetto a quello prettamente estetico del “riempimento della ruga”.

HydroliftTM Action” è espressione dell’azione sinergica dell’effetto bio-rigenerativo e meccanico di sollevamento della depressione cutanea da parte dell’HA, grazie all’impiego associato di acido ialuronico naturale e modificato.
In questa complementarietà di azioni, il ruolo primario e fondamentale per la “cura della ruga” viene svolto dall’acido ialuronico naturale che garantisce, oltre all’efficacia e alla naturalezza del risultato, un alto profilo di safety per il paziente e per il medico.

IBSA propone:
una linea antiaging completa
e di grande efficacia grazie a protocolli combinati e personalizzati che consentono di associare il trattamento domiciliare, con la preparazione in crema e con le perle, alla terapia medica intradermica, prolungandone ed esaltandone i risultati. La linea è a base di acido ialuronico naturale associato a elementi dermonutritivi.

La linea filler a base di acido ialuronico altamente purificato è studiata per offrire un effetto lifting naturale, per risultati estetici armonici ed equilibrati.

I TRATTAMENTI DELLA LINEA ANTIAGING

Dispositivi medici intradermici in fiala siringa pre – riempita per trattamenti di bioristrutturazione cutanea costituito da una soluzione fisiologica tamponata di acido ialuronico, ottenuto per via fermentativa.

VISCODERM® CREAM

Una crema per il trattamento domiciliare. Unisce all’acido ialuronico principi attivi dall’azione antiossidante, protettiva e idratante, particolarmente indicata dopo trattamenti dermoestetici.

VISCODERM® PEARLS

È un integratore alimentare a base di acido ialuronico e altri principi nutritivi utili a riequilibrare le proprietà funzionali del derma, a ripristinare la tonicità, l’elasticità e l’idratazione della pelle.

LA LINEA FILLER
Dispositivi medici intradermici
in fiala siringa pre-riempita, a base di acido ialuronico altamente purificato è studiata per offrire un effetto lifting naturale, per risultati estetici armonici ed equilibrati.

L’Acido Ialuronico in Ortopedia, Reumatologia e Medicina dello Sport

LE ARTICOLAZIONI E IL MOVIMENTO OSSEO

Le articolazioni sono complesse strutture anatomiche che si compongono di diversi elementi: nascono dall’incontro di due o più capi (ovvero estremità) ossei, ricoperti da uno strato di cartilagine che favorisce lo scorrimento di uno sull’altro, impedendo che essi si consumino. L’articolazione è ricoperta da una capsula fibrosa che, assieme ai legamenti, ha la funzione di conferire stabilità e di rinforzarla; a ciò partecipano anche i tendini (la parte finale del muscolo che si innesta nell’osso), che permettono i movimenti di flessione, estensione, e roteazione. Infine, all’interno dell’articolazione sono presenti menischi o dischi che fungono da ammortizzatori.

Lo scopo principale delle articolazioni è, quindi, favorire il movimento osseo: per questo sono soggette a notevoli stress meccanici che possono compromettere la loro funzionalità. Questo non accade solo a chi pratica sport: ogni giorno le articolazioni vengono sollecitate e ciò, con l’avanzare dell’età, provoca il loro consumo e di conseguenza problemi di movimento.

LE PATOLOGIE OSTEO-ARTICOLARI

Le patologie che possono colpire le articolazioni sono molto numerose. Fra le più diffuse va ricordata sicuramente l’osteoartrite (meglio conosciuta come artrosi) che in Italia rappresenta da sola il 72.6% delle malattie reumatiche.

L’artrosi è una patologia che provoca la degenerazione della cartilagine delle articolazioni, causando un forte dolore (che peggiora dopo lo sforzo fisico), gonfiore alle articolazioni, difficoltà nella circolazione sanguigna e rigidità. E’ una malattia progressiva che peggiora con il tempo, colpisce soprattutto le articolazioni più sollecitate come dita, ginocchia e piedi; si manifesta soprattutto durante la mezza età ed è più comune nelle donne.

IL RUOLO DELL’ACIDO IALURONICO NELLA FUNZIONALITA’ ARTICOLARE

L’articolazione è normalmente protetta dall’usura e dal logorio grazie alla presenza del liquido sinoviale (fluido limpido, poco filante e viscoso, composto essenzialmente da acqua, glicoproteine, ioni ed acido ialuronico), che riempie la cavità articolare e che funge da vero e proprio “lubrificante”,

In particolare, è proprio l’acido ialuronico a conferire al liquido sinoviale le precipue caratteristiche di resistenza, elasticità ed assorbimento degli shock meccanici dovuti al movimento.

Tuttavia, in presenza di artrosi e di altre patologie osteoarticolari il liquido sinoviale perde le sue caratteristiche fisico-chimiche, in quanto vi è una riduzione della sintesi di acido ialuronico dai sinoviociti e la produzione di una forma di acido ialuronico che non è in grado di garantire la perfetta funzionalità dell’articolazione.

Di conseguenza, l’omeostasi dell’articolazione deve essere ripristinata attraverso l’apporto esogeno di acido ialuronico (“viscosupplementazione”).
L’utilizzo di acido ialuronico intra-articolare è riconosciuto anche dalle piu’ importanti società scientifiche internazionali, quali:

  • –  European League Against Rheumatism (EULAR)
  • –  OsteoArthritis Research Society International (OARSI)
    E’ interessante inoltre sottolineare come l’azione dell’acido ialuronico a livello dell’articolazione sembri andare oltre un puro effetto lubrificante/meccanico, per innescare una serie di effetti biologici (es. stimolazione dei processi riparativi; diminuzione del processo infiammatorio) che possono essere riassunti con il termine “viscoinduzione”.

 UN PO’DI STORIA DELL’ACIDO IALURONICO:

Dalla scoperta di Karl Meyer alle moderne biotecnologie

La storia dell’acido ialuronico inizia nel 1934, quando il biochimico Karl Meyer e il suo assistente John W. Palmer ne isolano per la prima volta la molecola nell’umor vitreo bovino nei laboratori della Columbia University. I due ricercatori battezzano la sostanza Hyaluronic Acid, da Hyalos, che in greco antico significa vitreo, e da Uronic Acid, Acido Uronico, una delle frazioni saccaridiche che compongono l’acido ialuronico.

Tuttavia l’era moderna dell’acido ialuronico si apre solo quando, molto tempo dopo, se ne scopre la presenza, oltre che nell’umor vitreo, nei diversi tessuti connettivi e nel derma e viene identificato il suo ruolo fondamentale nell’idratazione cutanea e nel metabolismo cellulare. I primi impieghi sull’uomo avvengono negli anni ’80. Speciali gel viscosi a base di acido ialuronico vengono iniettati durante alcuni interventi di chirurgia oftalmica. In seguito la sostanza si rivela efficace per i problemi articolari e poi in dermoestetica.

Inizialmente la molecola veniva estratta con procedimenti molto complessi da tessuti animali come le creste di gallo. Oggi la biotecnologia permette di ottenere acido ialuronico per via fermentativa da colture batteriche.

——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Dacia Maraini informa le donne …

Violenze contro le donne

La legge pretende che la donna violentata dimostri la verità delle sue parole che vengono messe, dalla legge, sullo stesso piano di quelle dell’abusatore …

Dacia Maraini, nota difenditrice dei diritti delle donne, parla di “dilemma delle donne violentate”.

Non è facile dimostrare la verità delle sue parole che hanno la medesima importanza di quelle del violentatore; magari un uomo potente con potenti avvocati che lo difendono …

La tentazione per la donna comune e ancora stordita dalla violenza, è quella di evitarsi altre pene e non denunciare.

E’ penoso pensare come un abuso denunciato da una donna, magari culturalmente impreparata, possa essere facilmente contraddetto da un uomo abituato a considerare lo stupro un episodio e non una targedia che può rovinare la vita di una donna.

Molte donne non si avvicineranno più ad un uomo dopo uno stupro; soprattutto se è stata la loro prima esperienza sessuale.

Ovviamente ci saranno anche delle donne che mentono, ma quando il corpo della donna presenta segni di violenza psicologica e fisica, come pensare che ” se l’è voluta ” ???

DonnE…Cultura