Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

Weekend a Bra – Per formaggi e famiglie

Siamo stati a Bra per la fiera Cheese e abbiamo scoperto una località ricca di interessi dove torneremo al più presto; fosse solo per soggiornarvi prima di andare a gustare il famoso ” Bue grasso” di Carrù e la sua  fiera di dicembre; vedi informazioni più sotto.

Bra-Municipio

Girando per la fiera abbiamo scoperto che Bra ha tanto da offrire anche per un weekend di cultura e gastronomia ed enologia.

Bra:  Santa Maria degli Angeli
Bra:  Santa Maria degli Angeli

 

Imperdibile a Bra:  Santa Maria degli Angeli, Convento di Frati Minori Osservanti di San Francesco, fondato nel 1602. La chiesa è prospicente la piazza XX Settembre.

A pochi chilometri da Bra: la bella cittadina di San Damiano merita la visita.

San-Damiano-interno-Cattedrale
San-Damiano-MUNICIPIO
San Damiano (Cuneo)

 

LA FIERA CHEESE 2017 E IL FORMAGGIO DI LATTE CRUDO

Cheese 2017 (15-18 settembre), ha celebrato i suoi vent’anni con l’esaltazione del formaggio NON pastorizzato e delle sue pregevoli caratteristiche.

Casari e pastori di tutto il mondo resistono alla pressione dell’industrializzazione e spiegano i grandi pregi delle loro produzioni.

UNA GRANDE RIVINCITA PER LA BIODIVERSITA’

IL FORMAGGIO DI LATTE CRUDO PRODOTTO DA MUCCHE AL PASCOLO

CARATTERISTICHE:

-il latte da animali da pascolo ha una protezione all’ossidazione che può arrivare a venti volte superiore a quella degli animali che mangianoil cibo delle stalle

-i preziosi  omega 3 provengono dalla grande varietà delle erbe e gli omega 6  da quella dei semi (varietà che non esistono nel foraggio da stalla)

-il cibo da stalla contine solo il 40% di erba …

-per saperne di più: asyoucheeseit.com

-un formaggio a pasta dura ben stagionato, contiene sino a 25/28 grammi di proteine ogni 100 grammi (un alimento prezioso per anziani, bambini e sportivi, che contiene anche sostanze che combattono il colesterolo; a differenza del formaggio industriale). Ne bastano due porzioni a settimana per garantirsene tutti i benefici.

Riportiamo qui sotto solo alcuni dei meravigliosi prodotti che abbiamo assaggiato e acqustato:

  • Parmigiano Reggiano di montagna
  • Parmigiano Reggiano della Latteria Sociale Moderna, Bibbiano (RE), via A.Secchi 77; spedizioni ovunque
  • Formaggi stagionati di Beppino Occelli, Farigliano (CN), Regione Scarrone,2
  • Luigi Guffanti, affinatore anch edi gorgonzola, via Milano 140, Arona (Novara)
  • formaggi da latte di pascolo e stagionati da La Bottega nel Pascolo, via Berenini 151, Fidenza (Parma)
  • Bussu; formaggi Bio dalla Sardegna, Macomer (NU), www.fomaggidebbene.it
  • impossibile scriverli tutti, ma abbiamo assaggiato meravigliosi formaggi stagionati di montagna di mucca, capra, pecora e freschissime mozzarelle e burrate … !
  • tra gli stranieri:
  • il VERO Ceddar, non è industriale, ed è buono e sano; marianna.giancola@nealsyarddairy.co.uk lo sitrova ad Arona (No); da Luigi Guffanti 1876
  • Vacherin friburghese a latte crudo, prodotto nel cantone Friburgo, tipico formaggi d’alpeggio, Cooperativa produttori La Tzintre, 53, Charmey www.formage-alpage.ch
  • Marcel Petite, piccolo caseificio del Giura (Francia) ,Granges  Narboz; formaggi solo di piccole produzioni di montagna affinati in cantina
  • Campo Capela, Os Calzados, A Capela- Coruna www.coopocapela.com
  • Cerro Tejarejo D.O. Queso Manchego; per conservare le razze autoctone spagnole
  • Quesos Cerron, di una donna Lucia Cerdan Garcia, Fuente Alamo , Albacete, Spagna
  • Sbrinz DOP, 36 mesi, www.gourmino.ch
  • Dagli USA una donna produce: SMOKEY BLUE, sapore affumicato creato da fumo freddo sulle conghiglie di nocciole dell’Oregon, note di noci, caramello e sapori di funghi; Rouge Creamery 311 Front Street, Central Point, Oregon P.O. Box 3606
  • non possiamo scrivere di più, ma possiamo invitarvi a visitare Cheese 2018.
  • :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

DOVE ABBIAMO ALLOGGIATO A BRA:

Un B&B molto speciale che offre tutta la cultura della zona anche  a famiglie e bimbi.

Il piacere di dormire, spartano, ma comodi e di conoscere un ospite che sa tutto della zona e fabbrica giocattoli, ma non solo!

Un prezzo ragionevole per dormire con prima colazione.

http://www.ibageta.com/#!/it/ita-famiglie

Varie e interssanti le proposte pe ri weekend degli adulti.

Mentre  le famiglie, qui trovano il meglio per il gioco e l’educazione dei figli; rispettosa e conoscitrice della natura:

Dal gioco che aiuta a conoscere, al museo dei lavori antichi, alle escursioni nel ricco territorio circostante per conoscerne le peculiarità.

ESCURSIONI A TEMA AL LINK
EASY TREK PROGRAM
PERSONAL TRAINER:
TREK PERSONAL TRAINER

Il Parco Didattico : giocare per scoprire

Il  Parco Didattico ( LE COLLINE DI GIUCA http://www.ibageta.com/ita/bambini ) un parco  attrezzato  con dodici stazioni di gioco dove i bambini scoprono il Territorio, giocando con il Territorio.

Bambini e genitori possono cimentarsi in simpatiche sfide con  giochi dislocati lungo un percorso segnalato e immerso nel verde delle colline del Roero.

Completa l’offerta del nostro Parco didattico, la proposta di laboratori manuali dove i bimbi possono cimentarsi nel travaso di fiori e nella realizzazione di piccoli oggetti in legno.

La nostra idea era far conoscere il nostro Territorio ai bambini attraverso  il gioco , perché siamo convinti che si può imparare giocando, ma non siamo riusciti a trovare sul mercato dei giocattoli lo rappresentassero nella sua completezza;  non ci rimaneva soluzione che inventarceli e costruirceli artigianalmente.

PARCO DIDATTICO
IL Parco Didattico LE COLLINE DI GIUCA  si trova in Loc. Sigola Alta N° 36 a Baldissero d’Alba  ed è agibile su prenotazione al seguente numero 335 1301912  info al seguente indirizzo : info@sinergiaoutdoor.com
Giuca è  un ragazzino impertinente (in realtà è un abile affabulatore, costruttore di giochi ed egregio ospite)

Ha pensato anche alle famiglie che  vogliono  fermarsi a pernottare allestendo delle camere a quattro letti singoli e alle scolaresche che vogliono organizzare le loro giornate didattiche.
Nel parco ha realizzato delle  piattaforme di gioco  dove grandi e piccini giocando  possono conoscere i prodotti tipici e la cultura del nostro territorio…
Nel giardino ha creato un’area attrezzata per chi vuole semplicemente rilassarsi godendosi il panorama o per chi volesse organizzare mangiate conviviali cucinando col barbecue.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

FESTA DEL BUE GRASSO DI CARRU’ (CUNEO)

La 107^ fiera nazionale del bue grasso si terrà venerdì 8 dicembre 2017.

Ma se volete mangiare il meglio, con calma, prenotate un weekend diverso presso il famoso Vascello d’Oro a Carrù; imperdibile il carrello dei bolliti.

Per informazioni al riguardo:

• dei pranzi, delle cene e del bollito no stop, alla Pro Loco di Carrù, telefono 3385866132, telefax 0173750220, e-mail: info@prolococarru.it , sito www.prolococarru.it

Lago di Como eventi – Fiori e piante spontanee nell’erbario – Villa Carlotta

I colori del bosco.
Fiori e piante spontanee nell’erbario Fabani
Villa Carlotta
16 settembre -5 novembre 2017

In occasione del Novantesimo anniversario, Villa Carlotta – (www.villacarlotta.it) – bene demaniale dello Stato Italiano gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta – ospita la mostra I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani, realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro Rusca e curata da Augusto Pirola, professore emerito di Botanica presso Università degli studi di Pavia.

Recentemente studiato e digitalizzato, l’erbario Fabani è composto da circa 3000 tavole di piante e fiori raccolte tra il 1907 e il 1938 dal medico Giuseppe Fabani nel territorio comasco, valtellinese ed elvetico.

L’erbario è organizzato in 25 cartelle e dotato di un indice manoscritto e ogni tavola presenta un ricco cartiglio dove viene data scrupolosa indicazione della famiglia, della specie, del determinatore, della data e del luogo di raccolta (con le caratteristiche del terreno), del periodo di fioritura ed infine delle proprietà officinali.

Per la realizzazione della mostra sono state selezionate 60 tavole attraverso le quali si intende illustrare la composizione del bosco tipico delle aree prealpine della Provincia di Como, individuando alcune specie che colonizzano le fasce caratterizzanti questo tipo di ambiente da un punto di vista fitosociologico.

Le tavole in mostra sono suddivise in diverse sezioni in base all’ambiente naturale di provenienza: il sottobosco, il mantello e il margine. Il visitatore ha così modo di scoprire quanto influiscono luce e tipologia del terreno sulla crescita delle singole specie. Viene inoltre costruito un legame tra le specie illustrate nelle tavole e analoghi campioni o collezioni presenti in vivo presso le collezioni di Villa Carlotta, creando un rimando a piante vive e invitando quindi i visitatori a ritrovarle negli ambienti naturali. Una ulteriore sezione è dedicata alle specie usate dalla popolazione a scopo alimentare e officinale.

I pannelli esplicativi realizzati per la mostra spiegano inoltre l’importanza degli erbari storici nello studio della biodiversità e introducono al pubblico dei visitatori la figura di Giuseppe Fabani, medico condotto di Cernobbio, appassionato di botanica.

In occasione della mostra, Villa Carlotta ha altresì attivato una collaborazione con il Giardino alpino della Valcava di Madesimo e con lo chef pasticcere Stefano Franzi che il giorno dell’inaugurazione illustreranno al pubblico come riconoscere le erbe spontanee che possono essere utilizzate in cucina e come ottenerne gustosi piatti. L’attività verrà riproposta alle famiglie e alle scolaresche durante il periodo di apertura della mostra. Dal progetto è nato anche un piccolo ricettario che il pubblico troverà in mostra e potrà portare a casa per sperimentare in prima persona la cucina con le erbe spontanee.

Giuseppe Fabani, figlio di Luigi e Rosa Nessi, nasce a Como, nella parrocchia di San Donnino, il 18 maggio 1861. Frequenta a Milano il Liceo Beccaria dove emerge subito la sua passione e la sua predisposizione per la storia naturale. Nel 1880 si iscrive alla Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Pavia. Il primo anno accademico frequenta le lezioni di botanica del comasco Santo Garovaglia (1805-1882), oltre ai corsi di anatomia umana, fisica, zoologia, protistologia, mineralogia e antropologia con altri docenti dai nomi illustri. Trasferitosi a Palermo per il servizio militare, si laurea nel capoluogo siciliano nel 1889. L’ anno successivo, rientra a Como e diviene medico condotto di Cernobbio. L’11 ottobre 1893 sposa a Milano, nella parrocchia di S. Giorgio al Palazzo, Maria Gorla. Nel 1909, nonostante le richieste di ripensamento da parte della Giunta municipale e dei suoi assistiti, improvvisamente presenta le dimissioni adducendo motivi personali, non documentati ma probabilmente dovuti a problemi di salute suoi o della moglie.
Gli ultimi anni della sua vita furono interamente dedicati alla raccolta di piante e fiori per l’erbario, a cominciare da quelle che incontrava sulla strada di casa fino ad arrivare al Monte Spluga, al Lago Ritom (Canton Ticino) e alla Val Brembana. Muore all’Ospedale Valduce di Como il 6 giugno 1939 ed è sepolto al Cimitero Monumentale di Como nella tomba di famiglia.

La Fondazione -Centro studi “Nicolò Rusca” onlus costituita nel 2003 e con sede a Como, cura la conservazione e la valorizzazione del patrimonio documentale e librario dell’Archivio storico della diocesi di Como e della Biblioteca del seminario vescovile, nonché –tramite l’Ufficio inventariazione beni culturali ecclesiastici –la catalogazione del patrimonio artistico conservato presso le parrocchie diocesane. Tra i materiali conservati al centro studi vi è l’erbario di Giuseppe Fabani (1861-1939), medico condotto di Cernobbio. L’erbario conserva in 25 cartelle circa 3000 tavole di piante e fiori essiccati raccolti tra il 190’7 e il 1938 nel territorio comasco e valtellinese.

Ente Villa Carlotta di Tremezzina (CO) La villa venne realizzata alla fine del ‘600 in una bellissima conca naturale del lago di Como, nel XIX secolo la famiglia Sommariva la trasformò in una delle più belle e prestigiose dimore del territorio, ricca di opere d’arte di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen, Francesco Hayez e con un invidiabile parco romantico. Dal 1927 viene gestita da un ente privato, dopo la requisizione da parte dello Stato Italiano all’ultima famiglia proprietaria, i Sassonia Meiningen. L’Ente Villa Carlotta, dopo 90 anni, continua nel suo lavoro di conservazione e miglioramento del bene, che è oggi è una struttura museale riconosciuta, dove le storiche collezioni artistiche e il fantastico giardino botanico con centinaia di specie si offrono al vasto pubblico internazionale.

I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani

Sede Villa Carlotta, Via Regina, 2 – 22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como – www.villacarlatta.it tel. (+39) 0344 40405 segreteria@villacarlotta.it
Periodo 16 settembre – 5 novembre 2017
Curatela Prof. Augusto Pirola professore emerito, cattedra di Botanica, Università degli studi di Pavia
Fondazione –Centro studi “Nicolò Rusca” onlus di Comodon Agostino Clerici, Direttore – dott.ssa Francesca Ferraris, Bibliotecaria
Ente Villa Carlottadott.ssa Maria Angela Previtera, Direttore – dott. Ssa Mara Sugni Responsabile dei Servizi Educativi e dei

Orari FINO AL 1 OTTOBRE
APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30) (chiusura museo ore 18.30)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE
APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

Biglietto comprensivo di visita alla Villa e ai giardini
Adulto € 10,00
Over 65 € 8,00 (con carta di identità)
Studente € 5,00 (da 6 a 26 anni con tesserino scolastico/universitario)
Bambini (da 0 a 5 anni) Ingresso gratuito
Famiglia (2 adulti + bambini da 6 a 18 anni): € 20,00
Comitive oltre 20 persone € 8,00
Scolaresche oltre 20 persone € 4,00

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati nella maggiore delle Isole Baleari

 All’indiscussa fama internazionale delle spiagge eccellenti delle isole Baleari, si unisce una ricca offerta gastronomica e un viaggio in questo arcipelago può diventare un’esperienza gourmet di alto livello.

La cucina locale è il risultato di un mix perfetto tra materie prime di grande qualità e antiche ricette.

Tutte le quattro isole si caratterizzano tra le destinazioni ambite tra coloro che amano e ricercano l’esclusività a tavola, ma in particolare a Maiorca è possibile trovare ristoranti riconosciuti dalla celebre Guida Michelin e premiati con ben dieci stelle.

La cucina a Maiorca è ricercata e prestigiosa:

-sull’isola le proposte gastronomiche sono variegate grazie al talento di professionisti che sono in grado di dare un tocco di creatività alle ricette di una volta.

L’esperienza gourmet sulla maggiore delle isole Baleari è un continuo fondersi sperimentale di tradizione e innovazione tipica dei nostri giorni, in una combinazione perfetta tra i molti prodotti locali, tra i quali abbondano quelli riconosciuti con marchi di denominazione di origine protetta.

Ben nove ristoranti sull’isola sono stati premiati con la stella Michelin e dal 2017 uno di questi, lo Zaranda ne vanta addirittura due. Situato a Calvía, all’interno dell’hotel 5 stelle Castel Son Claret, questo ristorante di alta cucina è gestito dallo chef Fernando Pérez che prima di approdare a Maiorca ha avuto la possibilità di collaborare con molti ristoranti stellati a livello internazionale, fino ad avviare il proprio locale nella Spagna continentale e lì guadagnare la prima stella della sua carriera professionale.

Lo Zaranda consta di un’unica sala, con vista sulle attività della cucina, e di un sobrio dehors. Il fine talento dello chef conquista il palato tramite un’offerta culinaria originale, basata su alcuni menù aperti che lasciano al commensale la possibilità di comporre la propria selezione di piatti.

Al Jardín, Macarena de Castro – riconosciuta tra le migliori 10 giovani chef di Spagna – propone ricette tradizionali maiorchine riviste in chiave moderna: il comune denominatore dei piatti del Jardin è la semplicità degli ingredienti, che devono essere pochi, locali e rigorosamente di stagione. Questo grazioso ristorante fondato nel 1996 da Dani de Castro, fratello sommelier della chef, si trova in una delle zone più turistiche di Maiorca, Port d’Alcudia, e da qualche anno ha incluso tra i propri servizi anche quello di catering per eventi in varie location isolane.

Presso il ristorante Fosh dell’hotel Convent de la Missió, lo chef Marc Fosh propone ai commensali un delizioso e suggestivo menù ispirato a ricette mediterranee ricche di originalità e creatività. La sala del Fosh è situata in un seminario del Seicento che dopo una attenta ristrutturazione presenta un’estetica avanguardista, con spazi spogli decorati in stile minimalista nei toni del bianco e del nero, e affaccia su un’ampia terrazza in cui un muro di acqua a cascata accoglie gli ospiti in un ambiente suggestivo.

Gli altri ristoranti stellati sull’isola di Maiorca sono l’Es Molí d’en Bou, presso l’hotel Protur Sa Coma Playa Hotel & Spa, il Es Fum a Costa d’en Blanes e il Es Racó des Teix a Deia, il Predi Son Jaumell dove è di casa lo chef Andreu Genestra, il Restaurante Argos e il Restaurante Adrián Quetglas.

Per informazioni sull’isola di Maiorca, visita www.infomallorca.net

WEEKEND PER TERME RELAX GASTSRONOMIA ED ARTE IN ROMAGNA

19” TERME DELLA FRATTA ” (Forlì)

La zona di Forlì è un’interessante meta per un fine settimana di terme – relax – cultura e gastronomia.

0 forli hotel

Qui i prezzi sono ancora accettabili, ragionevoli, come è rispettata la vera tradizionale ospitalità e genuinità gastronomica. Non finte trattorie, ma genuine paste fatte in casa, a volte ancora dalla medesima padrona del ristorante.

La cura termale è particolarmente conveniente e fisiologicamente più valida nella mezza stagione. Da ottobre e prima di giugno, le tariffe scendono e non è difficile trovare numerose offerte speciali anche per soggiorni lunghi necessari per le cure più o meno gratuite; a seconda delle convenzioni con il Sistema Sanitario Nazionale.

Noi abbiamo cenato al ristorante ” IL RUSTICHELLO ” e non lo dimenticheremo; ottimi salumi, tagliolini veramente fatti in casa e funghi porcini, verdure alla griglia con castrato e salsicce al forno, ottimi anche la panna cotta e il vino della casa. Chiuso lunedì e martedì, via Vittorio Veneto 7, tel. 0543. 49 52 11 Meldola (Forlì).

L’offerta alberghiera è varia e accontenta ogni esigenza.

LA ZONA E’ RAGGIUNGIBILE DALLE VARIE PARTI D’ITALIA ANCHE CON LA FERROVIA: FRECCIA ROSSA SINO A BOLOGNA E POI I VARI TRENI LOCALI SUFFCIENTEMENTE FREQUENTI. L’ALBERGO, A VOLTE, SI PRESTA CON UN SERVIZIO DI NAVETTA PER IL COLLEGAMENTO.

Il pregio più grande forse, oltre alla speciali qualità delle acque, è la sicurezza di trovare sempre una calda accoglienza.

Le acque termali locali offrono piscine, quasi sempre nel medesimo albergo, dove il corpo si rilassa e assorbe i principi curativi delle stesse. Rrelax e cibo buono fanno il resto.

Non mancano le ormai onnipresenti saune, di vario tipo, le docce per la cromoterapia, i percorsi in acqua per la riattivazione della circolazione sanguigna delle gambe in particolare, i bagni turchi e la gigantesca offerta di soluzioni personalizzate di massaggi, fanghi, cure medico estetiche e quant’altro offrono oggi le terme; a partire dai pacchetti speciali.

I dintorni di Forlì sono una meta che merita la nostra attenzione; grazie alla sua particolare concentrazione di luoghi termali, di eccellente gastronomia ( quella vera, dove ancora si serve la pasta fatta nel ristorante e non comprata da produzioni industriali ad hoc; come ormai accade sempre più frequentemente, soprattutto nei ristoranti “alla moda” ) e d’ arte.

WEEKEND ALLE ” TERME DELLA FRATTA ” IN Emilia Romagna

A 15 minuti da Forlì trovate un angolo speciale dove vi attende cordialità italiana, ottimi ristoranti, o dieta speciale e gradevole, ma anche un angolo dove rigenerarsi e dimenticare lo stress quotidiano.

La cornice è quella di un Grand Hotel, con tutti i confort.

Le terme di Fratta offrono numerosi trattamenti ed acque minerali bicarbonate, alcaline, sulfuree ipertermali; alla temperatura di 45°. Piscina termale con acqua fluente.

Qui trovate tutto il relax che volete, ogni tipo di cura o massaggio; secondo le vostre necessità.

Se non alloggiate al Grand Hotel Terme della Fratta, 4 stelle con prezzi interessanti per la qualità offerta, potete sempre pagare un abbonamento od un biglietto giornaliero o ad ore E USUFRUIRE DELE TERME.

Durante un fine settimana o un periodo più lungo, potrete sperimentare decine di varie soluzioni, studiate per il vostro benessere; tra le tante:

-bagni nelle piscine termali, percorso Kneipp, saune, docce colorate, idromassaggi ai piedi ecc…

-bagno di olio al corpo personalizzato (34′; 34 euro)
-idromassaggio in acqua termale con oli essenziali
-peeling corpo al ceffé, miele ecc…
-pulizia viso (49 euro)
-linfodrenaggio
e tanti altri trattamenti e massaggi speciali (i massaggi partono da € 37 per 30′).

INOLTRE:

-visita medica estetica
-chek up cutaneo
-chek up completo
-dieta personalizzata
-peeling
-mesoterapia estetica
-tattamenti rughe, filler, botulino
-peeling medici ecc…

NUMEROSI I PACCHETTI SPECIALI E LE OFFERTE.

Sono possibili anche cicli di cura, a carico delle S.S.N., con pagamento dell’eventuale ticket.

Si va dai cicli di cure inalatorie a quelle per la sordità rinogena, ai fanghi-bagni terapeutici, ma anche vasculopatie, irrigazioni, cicli di stufe o grotte. Non mancano nemmeno le cure per l’apparato digerente.

SE VOLETE SOGGIORNARE NEL GRAND HOTEL TERME DI FRATTA; DOVE E’ SITUATA LA PISCINA TERMALE:

mezza pensione

-da 54 euro, in bassa stagione (2.11-29.12) camera doppia, minimo 3 notti, tariffa giornaliera a persona
-da 69 euro come sopra, dal 2.1.al 6.1.2016
-GIORNI SPECIALI:
7 gennaio-2aprile-7-23 aprile; 1-17 dicembre dalla domenica al giovedì; sconto di 15 euro al giorno

SPECIALE SINGLE
NESSUN SUPPLEMENTO NELLA FASCIA A 7.1-2.4 // 2.11-29-12

La stessa qualità delle acque la trovate nella splendida località di Bagni di Romagna; in questo caso l’hotel gemello al Terme della Fratta, si chiama “Grand Hotel Terme Roseo”.

——————————

BAGNO DI ROMAGNA

Bagno di Romagna è la meta ideale per chi ricerca: autentico relax, ottima cucina, migliorare il proprio stato di salute e qualche giorno fuori dal quotidiano.

-Una sana attività fisica, bagni termali, saune, massaggi e molto altro, ci aiuteranno a smaltire non solo tossine e centimetri, ma ci permetteranno anche qualche strappo alla regola per godere dei deliziosi prodotti di questa terra.

-Bagno di Romagna era già noto ai romani per le sue acque che sgorgano a 45°ricche di preziose sostanze naturali.

-Tra Firenze e San Marino, Bagno di Romagna è al centro di altre mete culturali indimenticabili come: Siena, Perugia, Assisi, Gubbio, Urbino e non lontano dalla riviera adriatica dove si possono fare delle indimenticabili puntate gastronomiche a base di pesce.

-Quaranta minuti di auto per raggiungere il mare, un’ora per Assisi, Perugia, Arezzo ecc…
I fedeli frequentatori di questa località, apprezzano anche la cordialità dei locali e le numerose feste tradizionali.
-Tornare a Bagno di Romagna è come tornare in un luogo amico, dove ci si incontra volentieri per vivere momenti profondamente rilassanti, che la vita moderna vuole farci dimenticare.
-Le grandi arterie di traffico non passano da qui ed anche l’aria è salutare; proprio come i tagliolini fatti in casa.
-Alberghi, B&B e appartamenti, accontentano tutti per un buon rapporto qualità prezzo.

Grand Hotel Terme Roseo; Hotel a 4 stelle; un classico che accontenta sempre anche il cliente esigente.
Indirizzo: Piazza Ricasoli, 47021 Bagno di Romagna FC
Tel.:0543 911016.

-A noi è piaciuto anche l’Hotel Ròseo Euroterme Wellness;
http://www.euroterme.com
OFFERTA SPECIALI SINO AL 30.4.2015

——————
COSA OFFRE L’EMILIA -ROMAGNA OLTRE ALLA STORICA OSPITALITA’, TREME E BUONA CUCINA?

-100 chilometri di costa
-10 grandi città d’arte e moltissimi centri minori, dove troverete storia e cultura millenarie
-più di 25 grandi campi da golf
-13 porti attrezzati
-percorsi cicloturistici e  naturalistici per un vero contatto con la natura.

DI SEGUITO ALCUNE ALTRE POSSIBILI SCELTE IN EMILIA-ROMAGNA: vedi anche http://www.emiliaromagnaterme.it

19 località con 26 Centri Termali, distribuiti nelle 8 provincie della regione.

-Terme della Salvarola; antico stabilimento termale di 2300 m²
-Terme di Castel San Pietro, qui l’origine delle cure termali  risale al 1337
-Hotel delle Terme di Santa Agnese; l’uso termale della sorgente di S.Agnese è documentato sin dal 1° secolo d.C. in epoca romana
-ecc…
Una visita nei dintorni, durante le cure termali o per un solo weekend, vi permetterà di scoprire tanti luoghi dove tornare la volta successiva.

Rayanair – Vacanze rovinate da ritardi aerei – Farsi rimborsare anche due anni dopo ….

Avete tempo fino a 3 anni dall’accaduto per procedere al rimborso …

Rayanair voli cancellati per 400 mila passeggeri – settembre 2017

La compagnia aerea rimborserà i passeggeri che si vedranno cancellati il volo o offrirà un volo alternativo per evitare il più possibile i disagi ai propri clienti. I voli cancellati saranno circa il 2% del totale.

:::::::::::

Quali sono gli aeroporti che hanno registrato maggiori disagi (statistiche generiche del 2016) ?

Partenze estive:

-i migliori e peggiori aeroporti secondo AirHelp

-

Il 70% dei viaggiatori prenderà un aereo per raggiungere la propria meta delle vacanze

Lo scorso anno, i piani estivi di quasi 265.000 passeggeri sono stati rovinati da ritardi e cancellazioni:gli italiani avrebbero diritto a rimborsi per oltre 94 milioni di euro

 – Valigie pronte per quasi 33,5 milioni di italiani.

Si prevede che il 70% dei viaggiatori prenderà un aereo per raggiungere la meta desiderata: non sempre però questo passaggio è esente da problemi.

Sono stati quasi 265mila (per l’esattezza 264.255) i viaggiatori che nell’estate 2016 hanno visto i loro piani estivi rovinati da un forte ritardo, dalla perdita di una coincidenza o addirittura da un volo cancellato.

Gli italiani avrebbero diritto a rimborsi per oltre 94 milioni di euro dalle compagnie aeree per questi disagi e hanno tempo fino a 3 anni dall’accaduto per procedere.

Un diritto in molti casi sconosciuto ai passeggeri e omesso dalle compagnie aeree (meno del 2% degli aventi diritto ha richiesto ed ottenuto il risarcimento).

Tutte le compagnie aeree, comprese le low cost, devono infatti corrispondere da 250€ a fino 600€ di rimborso a prescindere dal prezzo pagato per il biglietto acquistato.

Lorenzo Asuni, Country Manager di AirHelp, sottolinea:

È ora di muoversi per ottenere quanto in nostro diritto in caso di problemi, le leggi esistono e tutelano i passeggeri con disagi nei loro voli ed esistono strumenti che rendono queste richieste sempre più facili e veloci anche per voli di 3 anni fa”.

Quali sono gli aeroporti che hanno registrato maggiori disagi?

Nel periodo estivo dello scorso anno, due aeroporti in Italia si sono distinti per la grande quantità di disagi:

-Roma Fiumicino: 77.636 passeggeri aventi diritto ad un risarcimento per un totale di 32,4 milioni di euro di rimborsi potenziali;

Milano Malpensa: 61.088 passeggeri e rimborsi per 23,9 Milioni di euro nello scalo milanese.

Spiccano anche le destinazioni tipicamente estive come Olbia quasi 9 mila passeggeri con disagi sui loro voli ed una percentuale di voli afflitti da problemi tra le più alte in Italia.

A Napoli potenziali risarcimenti per 4,3 milioni di euro e non se la passano meglio le destinazioni siciliane con Palermo (1,4 milioni) e Catania (1,5 milioni).

 

AirHelp, società che ha aiutato oltre 3 Milioni di passeggeri ad ottenere il rimborso per i loro voli in ritardo o cancellati, ha voluto analizzare i dati della scorsa estate per determinare quali sono state le mete con maggiori problemi.

AirHelp

AirHelp. è stata fondata nel 2013 da Henrik Zillmer, Nicolas Michaelsen, Greg Roodt e Morten Lund ed ha aiutato negli utlimi 4 anni oltre 3 milioni di passeggeri ad ottenere oltre 200 milioni di € in risarcimenti.

L’azienda è parte di Y-Combinator, il più grande accelleratore di start up al Mondo, ed aiuta i passeggeri di tutto il mondo ad ottenere il risarcimento dovuto in caso di volo in ritardo, volo cancellato o in overbooking. Il lavoro di AirHelp è quello di far rispettare ai vettori aerei i loro obblighi, online e attraverso organismi di controllo nazionali, con l’obiettivo di rendere le domande di risarcimento il più semplice e fluide possibile.

VEDI COME AL LINK:

AirHelp – Ottieni fino a 600€ per il ritardo dei tuoi voli

SALUTE – Weekend d’autunno alle terme di Abano per affronatre l’inverno

CON L’AUTUNNO E L’INVERNO ARRIVERANNO:

FREDDO, UMIDITA’ e STRESS

Le acque termali hanno proprietà

-antiinfiammatorie,

-fluidificanti,

-stimolanti per la produzione di immunoglobuline A,

-drenanti per le sostanze nocive (aiutano ad eliminare le TOSSINE che sono l’equivalente dell’invecchiamento del nostro corpo) 

-sedative e broncodilatatrici.

Terme, da sempre: salute e stile!

Autunno: cambiamenti climatici, abbassamento delle temperature, vita d’ufficio, posizioni poco corrette e sedentarietà.

Così aumentano i  livelli di stress e delle TOSSINE

Conseguenze:

– infiammazioni delle vie respiratorie

  • maggiore vulnerabilità verso gli  attacchi virali, come  raffreddore, bronchiti ecc…
  • Anche i muscoli diventano più soggetti alle contratture ed ai dolori di vario genere.

IL RAFFREDDORE

Starnuti, congestione nasale, mal di gola, tosse, mal di testa, stanchezza: è lamalattia umana più diffusa.

INFLUENZA

Febbre, brividi  e dolori muscolari.

CERVICALE E REUMATISMI 

I lavori sedentari sono la causa di stress e conseguenti dolorose contratture muscolari.

LE ACQUE TERMALI SONO LA PREVENZIONE PIÙ COMPLETA PERCHÉ FAVORISOCONO IL RILASSAMENTO, CON EFFETTI DURATURI NEL TEMPO.

Le cure termali e loro derivati: fanghi, vapori, nebulizzazioni, hanno una efficacia riconosciuta dai tempi più antichi.

I benefici delle cure termali sono riconosciuti dal  Sistema Sanitario Nazionale con il diritto per ogni assistito di usufruire di un solo ciclo di cure (12 sedute) nell’anno legale (1° gennaio-31 dicembre).

Basta farsi rilasciare la prescrizione dal medico di famiglia.

E’ previsto il pagamento di un ticket.

Il ciclo di terapia termale deve durare 12 giorni in un arco temporale massimo di 60 giorni.

Le acque termali hanno proprietà:

antiinfiammatorie

fluidificanti

stimolanti per la produzione di immunoglobuline A

drenanti per le sostanze nocive (TOSSINE)

componente sedativa broncodilatatrice.

Possono essere effettuate come: inalazioni, aerosol, humage. Consigliabile anche l’immersione nei bagni termali e/o fanghi; per il rilassamento di tutto il corpo e la cura e prevenzione di artrite, artrosi  e disintossicazione generale (eliminazione TOSSINE).

:::::::::

ABANO TERME 

 Le treme riconosciute da secoli di cure e milioni di affezionati clienti

::::::::::::::::::

Ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica (I.A.T.)
 Isola Pedonale, via Pietro D’Abano 18/ 35031 ABANO TERME (PD) VENETO

tel. 049 8669055

L’ufficio osserva il seguente orario di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì 9.00-13.00 / 14.30-18.00
sabato e festivi (in stagione) 9.00-13.00
E’ possibile contattare l’ufficio all’indirizzo di posta elettronica infoabano@turismotermeeuganee.it
::::::::::::::::::

Tutte le informazioni necessarie per poter progettare un soggiorno nel Bacino Termale più grande d’Europa

https://www.visitabanomontegrotto.com/chi-siamo/

WEEKEND con i Bambini a Milano – Il castello dei sogni … Sforzesco

VISITA GUIDATA AL CASTELLO SFORZESCO PER BAMBINI


Tutte le più belle fiabe narrano di grandi e meravigliosi castelli, alcuni incantati, altri protetti da animali feroci, alcuni magici e altri abitati da principi cattivi e crudeli… ma quali di queste storie sono vere e quali false? Chi abitava davvero i castelli? E com’era la vita all’interno di quei grandi palazzi dalle tante torri?

Quali intrighi e quali vicende vi si svolgevano? E cosa rimane oggi degli antichi castelli?

A queste e a tante altre domande risponde la visita guidata per bambini al Castello Sforzesco, che porterà i più piccoli alla scoperta di uno dei grandi simboli artistici e storici della città, in un gioco di continua scoperta di verità storiche e di curiosità, di strani misteri, di grandi leggende e di tante bizzarrie.

Il percorso propone una visita all’interno del Castello Sforzesco di Milano per conoscerlo in modo divertente e affascinante, attraverso personaggi realmente esistiti che ci racconteranno la loro storia e le vicende del Castello. Un viaggio giocoso tra passato e presente per imparare ad osservare i particolari di opere d’arte e decorazioni magnifiche, accompagnati da diverse voci narranti che ci lasceranno indizi da decifrare.

Attraverseremo le sale dove lo stesso Leonardo Da Vinci era passato lasciandoci un magnifico regalo. Si conclude la visita ammirando l’ultima opera realizzata dal grande scultore Michelangelo.

La visita guidata è consigliata a bambini di età compresa fra i 5 e i 10 anni.

ATTENZIONE: le visite guidate di Milanoguida per bambini prevedono sempre la presenza di un accompagnatore adulto.

Durata della visita guidata: 90 minuti circa

Ritrovo: 15 minuti prima

Dove: all’ingresso del Museo di Arte Antica del Castello Sforzesco (biglietteria centrale)

 22,00 euro

IL PREZZO SI RIFERISCE AD UN PACCHETTO PER 1 ADULTO + 1 BAMBINO.

La quota è comprensiva di biglietto di ingresso per adulto e bambino, pratiche di prenotazione, saltafila, visita guidata condotta da una guida laureata in storia dell’arte ed in possesso del patentino abilitativo alla professione di guida turistica rilasciato dalla Provincia, tessera e bollinoMilanoguida che permettono l’accumulo di bonus per ottenere una visita guidata gratuita a scelta.

N.B. Chi fosse interessato a quote aggiuntive per singoli adulti (costo 13,00 euro) o singoli bambini (costo 9,00 euro) è invitato a scriverci a info@milanoguida.com prima di procedere all’acquisto. 

 

Non conosci l’Irlanda se non hai visto anche Belfast

Cultura, natura e vita notturna: Belfast offre spunti di ogni tipo, per conoscere davvero ogni aspetto dell’isola d’Irlanda.

La capitale dell’Irlanda del Nord è una città tutta da scoprire, qualsiasi sia il motivo della vostra vacanza: storia, natura, divertimento, gastronomia e molto altro ancora. È una città ricca di spunti, dove ogni strada e ogni quartiere raccontano una storia.
Gallerie d’arte, locali notturni e ristoranti si susseguono nel Cathedral Quarter: qui si potrà apprezzare la vita notturna, scoprendo artisti emergenti o ascoltando musica in compagnia. È questa la parte della città che è nota per il suo appeal culturale, i suoi club e wine bar. Qui sarà anche possibile gustare i piatti della rinnovata scena gastronomica nordirlandese: carne, formaggi, frutti di mare, birra e distillati tutti prodotti localmente e preparati con passione.
La storia recente si potrà ripercorrere nel quartiere dei murales, immergendosi negli anni Settanta, quelli dei “Troubles”. La maggior parte dei murales, che ricordano personaggi e momenti di quel contrastato periodo storico, si potranno vedere girovagando a piedi o con un tour organizzato, a bordo di un black taxi. Il tour prevede anche la visita ai murales più recenti che ravvivano la città e celebrano icone sportive e culturali.
Un altro importante capitolo della storia cittadina è custodito nel Titanic Quarter, un’area di fronte al mare che custodisce la gloriosa tradizione cantieristica di Belfast. Qui si trova il Titanic Belfast, il centro nominato “World’s Leading Tourist Attraction” nel  2016, che ha accolto dalla sua apertura nel 2012 più di 3 milioni e mezzo di visitatori, provenienti da oltre 145 paesi. Più che di un museo tradizionale si tratta di un’attrazione esperienziale: 9 gallerie interattive, un trenino interno con audioguida (anche in italiano), per visitare i moli ed esperienze immersive rivivendo il mito del Titanic, dalla costruzione al varo e infine alla tragedia.
Nell’ex sede di Harland & Wolff, dove sono stati progettati il Titanic e oltre 1.000 altre navi, è stato inaugurato il 10 settembre il Titanic Belfast Hotel, un prestigioso boutique hotel.
Altri due monumenti di ingegneria navale si possono ammirare nei loro moli d’origine: la SS Nomadic e la HMS Caroline, quest’ultima sopravvissuta alla battaglia dello Jutland. Titanic Belfast è una meta in continua evoluzione, un vero e proprio punto di riferimento per tutti coloro si sono appassionati alla vicenda storica e al film di James Cameron. Di recente, grazie ad accurato lavoro di ricerca, sono stati acquisiti nuovi preziosi reperti: due biglietti d’ingresso per la cerimonia del varo e un orologio d’oro, appartenuto a Lord Pirrie che fu il presidente della Harland e Wolff, la società cantieristica che varò il Titanic il 31 maggio del 1911. Secondo i banditori d’asta, Henry Aldridge & Sons, i due biglietti sono tra i più desiderati nella loro categoria.
Per promuovere in Italia il Titanic Belfast, Turismo Irlandese e Titanic Belfast lanciano un concorso: basterà registrarsi sul sito www.irlanda.com/concorso-titanic, rispondere ad un semplice domanda e si parteciperà all’estrazione di un viaggio per due persone a Belfast. C’è tempo fino al 14 ottobre per tentare la fortuna e vincere una vacanza memorabile.
Anche gli immediati dintorni di Belfast offrono idee di viaggio di tutti i generi. Per i fan della mitica serie TV Trono di Spade, sono addirittura una tappa imprescindibile. Ora che la settima stagione si è conclusa e che si dovrà ingannare il tempo almeno fino al 2019, in città all’ Ulster Museum (ingresso gratuito) sarà possibile ripercorrere i principali eventi dei Sette Regni ammirando l’arazzo che ne celebra le gesta. Ogni settimana, di pari passo con la messa in onda degli episodi, è stato svelato un pezzo del prezioso lavoro di ricamo. A breve distanza dalla città si trovano le location della serie che si possono visitare anche utilizzando i numerosi tour tematici organizzati. Tra le principali segnaliamo: Cushendun,  Dark Hedges, Ballycastle, Ballintoy Harbour e il settecentesco Castle Ward che si trova in uno dei paesaggi più dolci e rilassanti dell’Irlanda del Nord: Strangford Lough.
Strangford Lough, è una profonda insenatura, simile quasi ad un lago, che si raggiunge con un’ora circa di automobile dalla città. Piccole baie e isolette punteggiano la costa: questa meravigliosa area naturale protetta è il luogo ideale per il birdwatching, per visitare giardini e dimore storiche, per ammirare il paesaggio o fare shopping. Per quanto riguarda la gastronomia, assolutamente da provare sono le specialità della zona come le celebri ostriche di Strangford o i gamberetti di Portavogie, le patate Comber, la qualità più pregiata e saporita delle patate irlandesi, il tipico burro di Abernethy.
Un servizio di traghetti, tra Strangford e Portaferry permetterà di visitare entrambe le coste, per un’esplorazione completa di questa meta ancora poco conosciuta.
I collegamenti tra l’Italia e Belfast sono resi ancor più facili dall’accresciuta disponibilità dei voli: Ryanair offre voli diretti con partenze da Orio al Serio due volte alla settimana e Jet2.com volerà da Verona a partire da gennaio 2018. Anche i collegamenti da Dublino a Belfast, via treno e bus, garantiscono un servizio veloce e frequente.
Belfast vi aspetta, con la sua effervescente vita notturna, le sue attrazioni e la sua storia.
www.irlanda.com/belfast

 

Arte a Milano – Fontana all’Hangar Bicocca – Entrata gratuita dal 21 settembre

LUCIO FONTANA

AMBIENTI

Hangar Bicocca – Milano Via Chiese 2

dal 21 setetmbre 2017 al 25 febbraio 2018

Mostra curata da: curata da Marina Pugliese, Barbara Ferriani e Vicente Todolí.

Nelle navate dell’Hangar Bicocca, ricostruiti dieci “ambienti “; opere che invadono e riempiono uno spazio espositivo. Ideate tra il 1949 e il ’68.

Lavori d’arte per superare lo spazio della tela e delle dimensioni scultore convenzionali, formulate nel Manifiesto Blanco del 1946 e una successivamente nell’Ambiente spaziale a luce nera alla Galleria del Naviglio nel 1949.

Nel medesimo periodo,  presero forma le tele bucate, i tagli, attraversati da luci, per creare: i Concetti spaziali.

Vera passione di Lucio Fontana, fu la realizzazione, in una stanza buia,  una scultura in cartapesta illuminata e dipinta con colori fluorescenti.

Weekend d’autunno – Ticino festa per tutti i golosi

L’AUTUNNO IN TICINO,UNA FESTA PER TUTTI I GUSTI
Castagne, polenta, formaggi, salumi, merlot: un ottimo motivo per recarsi in Ticino e assaggiare queste prelibatezze! Leccornie che si possono gustare anche in autunno durante le numerose feste popolari.

Image

Grottini, Gnocchi e Gourmet
Lugano, Festa d‘autunno | 29.09. – 01.10.2017
La Festa d’autunno che si svolge ai primi di ottobre a Lugano, rappresenta tradizionalmente la fine della lunga stagione dei festival Open Air. In molti luoghi del centro città si possono gustare le specialità che offre la cucina ticinese.

Nei tipici grottini è possibile assaporare piatti come: la büsecca (zuppa ticinese di trippa con verdure), i formaggi dell’alpe, la luganiga e molte altre prelibatezze, accompagnati da vini e liquori della regione. All’interno di una piccola distilleria si ha la possibilità di assistere alla produzione della grappa. Gli ospiti della festa d’autunno che desiderano esplorare la città, hanno anche la possibilità di effettuare escursioni in barca sul Lago Ceresio comunemente chiamato anche Lago di Lugano.
www.luganoturismo.ch

„Sagra del Borgo“ – La festa del vino a Mendrisio

Mendrisio, Sagra del Borgo | 22.09. – 24.09.2017
Quasi tre quarti dei grappoli di Merlot del Ticino si coltivano nel Mendrisiotto. Non c’è nulla da meravigliarsi dunque, se nella punta più a sud della Svizzera si festeggia la vendemmia così in grande stile. Le origini della “Sagra dell’uva” risalgono ai tempi della seconda guerra mondiale e tra il 22 e 24 settembre 2017 si festeggerà il suo 61° anniversario. Dalla festa contadina di una volta che dava la possibilità a quest’ultimi e ai viticoltori della regione di mettere in mostra i loro prodotti, la sagra si è trasformata in una festa popolare che attrae gente da tutto il circondario. L’ultimo fine settimana di settembre le strade del centro di Mendrisio si animano per l’occasione come vuole la tradizione. Nei numerosi padiglioni e cortili interni sono servite specialità locali ai molti visitatori, con sottofondo musicale. Va da sé che non può certo mancare un bel brindisi con un bicchiere di Merlot.
www.sagradelborgo.ch

Benvenuti a tavola!
Rassegna Gastronomica del Mendrisiotto | 01.10. – 05.11.2017
“Una tradizione che si rinnova ogni anno”, è il motto della Rassegna Gastronomica del Mendrisiotto e Basso Ceresio che si svolge dal 1 ottobre al 3 novembre 2017. In occasione di questa festa culinaria numerosi grotti e ristoranti offrono una variegata scelta di piatti tradizionali della regione, come pure specialità stagionali sempre accompagnate da un buon vino. Come da tradizione, ogni anno un produttore di vino viene premiato in occasione di un concorso organizzato nell’ambito della Rassegna. Ad ogni visitatore inoltre viene dato in omaggio un elegante calice.
www.rassegnagastronomica.ch

Sagra della castagna in Piazza
Ascona, festa della castagna e sagra autunnale | 7.10. & 14.10.2017
Ad inizio ottobre si svolgerà la Festa delle Castagne ad Ascona. Più di 2000 kg di castagne vengono arrostite sul fuoco dai “maronatt” e le bancarelle del mercatino propongono varie prelibatezze a base di castagne come marmellate, miele, torte e numerosi prodotti enogastronomici della regione. Viene organizzato un pranzo tipico con polenta e gorgonzola o mortadella e nel pomeriggio vari concerti rallegreranno il pubblico. La festa avrà luogo sul lungolago di Ascona sabato 7 ottobre 2017; sabato 14 ottobre vi sarà invece la Sagra d’autunno. Altri piccoli festival della castagna vengono organizzati anche nei villaggi circostanti: a Minusio, Muralto, Ronco sopra Ascona, Indemini, Arcegno, Intragna e Losone.
www.ascona-locarno.com

Vivere le tradizioni della valle
Valle di Muggio, Sagra della castagna | 15.10.2017
Ogni anno, a metà ottobre, e sempre in un comune diverso della Valle di Muggio, si tiene la Sagra della Castagna. Un unico prodotto, in tutte le sue variazioni, è il tema di questa festa: la castagna. Un frutto che, nei difficili anni di guerra, è stato una fonte importante di nutrimento per la popolazione civile e che in questi ultimi tempi viene riscoperto, non solo come caldarrosta, ma anche come castagnaccio, marmellata e ora anche birra. Quest’anno il tradizionale appuntamento si svolgerà il 15 ottobre dalle 10:00 a Vacallo. Chi vuole scoprire tutti i segreti che si celano dietro la presenza del castagno in Ticino, potrà visitare il Museo Etnografico della Valle di Muggio, nel vicino villaggio di Cabbio.
www.mendrisiottoturismo.ch

Maggiori informazioni:

TICINO TURISMO
Cecilia Brenni
Press Office
Tel: +41 (0)91 821 53 30
E-mail: cecilia.brenni@ticino.ch
Via C. Ghiringhelli 7
CH – 6500 Bellinzona