Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

Lago di Como – VILLA CARLOTTA CELEBRA I 90 ANNI

VILLA CARLOTTA CELEBRA I 90 ANNI DELL’ENTE:

LA RICCA RASSEGNA DI EVENTI PROSEGUE CON LA MOSTRA

SFUMATURE DI SETA E DI CARTA

 

 

Villa Carlotta (www.villacarlotta.it), bene demaniale dello Stato gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta che quest’anno celebra i suoi 90 anni di fondazione, presenta per l’occasione un ricco calendario di eventi speciali e mostre temporanee che completano l’offerta ai visitatori.

La stagione delle mostre continua con una prima interessante rassegna dal titolo “Sfumature di seta e di carta”: partendo dalla bachicoltura, praticata fino agli Cinquanta in molte case contadine e in diversi paesi del Lago di Como, è possibile seguire un processo di lavorazione della seta. Un filo di seta che lega il capoluogo lariano alle sponde del lago fino a Villa Carlotta.

 

La rassegna si compone di diversi appuntamenti aperti al pubblico:

 

–          Venti farfalle. Giovanna Gadda (6 maggio – 28 maggio) – Un insieme di opere, dipinti disegni e farfalle in forma di libro, messi a colloquio con materiali e curiosità. Un veicolo leggero di immagini, pensieri e parole che come farfalle mutano in desiderio di bellezza. Una piccola mostra, a cura di Michele Caldarelli, che rappresenta un semplice ed effimero battito d’ali, preludio di venti rigeneranti.

–          Storie di fiori e farfalle (6 maggio-18 giugno) – Dalla raccolta di materiali in giardino e nel bosco prendono spunto le creazioni della pittrice botanica Marina Fusari, in una ricerca continua dell’essenza e dell’anima della natura, con particolare attenzione a delicate composizioni dove elementi naturali si accostano a variopinte farfalle.

Il 20 maggio e il 18 giugno, gli appassionati potranno seguire anche il laboratorio “Natura sulla carta” che consente di svolgere un breve corso di pittura botanica

–          Sul filo di seta (6 maggio – 18 giugno) – In collaborazione con il Museo della Seta di Como e la Cooperativa Sociolario è stato progettato un percorso interattivo alla scoperta della storia dei bachi da seta che inizia con il ciclo dell’annullamento del baco fino alle fasi di lavorazione del prezioso filato. L’iniziativa è rivolta soprattutto ai più giovani per leggere un importante spaccato di storia che ha caratterizzato la vita contadina del Lago di Como.

–          Farfalle di carta (13 maggio – 18 giugno) – laboratori per adulti e bambini che insegnano l’arte complessa e affascinante dell’origami, con la realizzazione di delicate farfalle con la carta decorata con acquarelli.

Villa Carlotta è un luogo di rara bellezza: qui capolavori della natura e dell’ingegno umano convivono armoniosamente in 70.000 mq tra giardini e strutture museali.

In una conca naturale, tra lago e montagne, il marchese Giorgio Clerici fece edificare alla fine del 1600 una splendida dimora, imponente ma sobria, circondata da un giardino all’italiana, di fronte ad uno scenario mozzafiato sulle dolomitiche Grigne e Bellagio.

Con Giovanni Battista Sommariva, il successivo proprietario, la villa toccò il sommo dello splendore, arricchendosi di opere d’arte e divenendo meta irrinunciabile per una visita sul lago di Como.

Sommariva, che acquisì la proprietà agli inizi dell’Ottocento, volle che parte del giardino fosse trasformato in uno straordinario parco romantico e che la villa venisse impreziosita con capolavori di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen e Francesco Hayez.

Il parco di villa Carlotta è celeberrimo per la stupefacente fioritura primaverile dei rododendri e delle azalee in oltre 150 varietà. Tuttavia ogni periodo dell’anno è adatto per una visita: antichi esemplari di camelie, rose, ortensie, e poi cedri e sequoie secolari, platani immensi ed essenze esotiche si propongono ai visitatori in un alternarsi di ambientazioni create nei secoli dagli architetti dei giardini.

Nel 2016 è stato aperto al pubblico l’oliveto della Villa, che è stato recuperato con il contributo di Fondazione Cariplo attraverso una attenta opera di ripristino dei terrazzamenti, delle piante e delle strutture architettoniche di origine agricola. Il progetto di ampio respiro, mira a far rivivere l’attività agricola dell’entroterra lariano, con uno dei prodotti tipici del lago: l’olio e tutti i suoi derivati.

Sotto la direzione di Maria Angela Previtera, oltre alla conclusione del recupero dell’oliveto, è stata avviata anche un’attenta campagna di catalogazione informatizzata e revisione del patrimonio culturale della Villa, che conta oltre mille beni storico-artistici suddivisi in diverse collezioni (dipinti, sculture, porcellane…).

Villa Carlotta

Via Regina, 2

22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como

www.villacarlatta.it

tel. (+39) 0344 40405

segreteria@villacarlotta.it

 ORARI 2017 

DAL 1 APRILE AL 1 OTTOBRE

APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30)  (chiusura museo ore 18.30)

TUTTI I MARTEDÌ DEI MESI DI GIUGNO E LUGLIO

APERTURA: 9.00-21.00(chiusura biglietteria ore 20.00)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE

APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

TUTTI I WEEKEND DI NOVEMBRE

11-12-18-19-25-26 novembre

APERTURA: 10.00 – 16.30  (chiusura biglietteria ore 16.00)

APERTURA PONTE DELL’IMMACOLATA 2017

8-9-10 dicembre

APERTURA: 10.00-16.30  (chiusura biglietteria ore 16.00)

Nel periodo di chiusura possibilità di visita su prenotazione a segreteria@villacarlotta.it

Weekend e vacanze a Lisbona per “chicche” gastronomiche poco note

LISBONA, CAPITALE DEI BUONGUSTAI

Mini tips per gustare delle “chicche” gastronomiche poco note della cucina lusitana

– Quando si pensa a Lisbona vengono subito in mente tre costanti:

il sole, i magnifici panorami e…la qualità del cibo!

Ottima meta per chi si avventura armato di macchina fotografica e partner a braccetto per scoprire i segreti che nasconde ogni antico rione e perfetta per passeggiare su e giù per i 7 colli su cui poggia la città dopo un bel pranzo sostanzioso che solo in Portogallo ci si può concedere di fare.

I portoghesi iniziano il pranzo e la cena con una serie di piccoli antipasti, come formaggi, gamberetti e verdure , accompagnati da buonissimo pane fresco, o dal più famoso bolo do caco, pane servito con del burro e condito con aglio e prezzemolo .

Uno dei piatti più gustosi che introducono alle portate principali è quello delle vongole à bulhão pato (dal nome del poeta del 19° secolo Raimundo António de Bulhão Pato); una ricetta semplice che porta tutto il sapore fresco dei frutti di mare. Servito con crostini di pane caldo, il sapore delle vongole si sposa benissimo con il limone, il vino bianco e il prezzemolo e lo rende l’inizio perfetto per il pasto.

Un altro piatto tipico della tradizione gastronomica portoghese, che potrete gustare in molti dei ristoranti di Lisbona e che vi permetterà di assaggiare il re della cucina lisboeta in una variante sfiziosa e piena di gusto è rappresentato dai Pasteis de bacalhau: bocconcini di baccalà impanato e fritto, crocchette dal cuore tenero e dal sapore delicato, ma dalla impanatura dorata e saporita, che mette subito l’acquolina.

Il baccalà a Lisbona viene cucinato in numerosissime varianti e tradizione vuole ci sia una ricetta diversa a base di baccalà per ogni giorno dell’anno.

Saporita la variante del Bacalhau á gomes da sá , un filetto di baccalà cotto in casseruola con cipolle, patate e uova, oppure una ricetta più tradizionale: il Bachalau á Brás, con patatine fritte tenuti insieme da uova, prezzemolo e cipolla.

Altro emblema della cucina lusitana sono le sardine, soprattutto se cucinate alla griglia e degustate sul pane mentre ci si perde nel loro aroma gironzolando tra un vicolo e l’altro.

Le più famose sono quelle che vengono dalla cittadina di Setúbal, ma Lisbona ne è invasa soprattutto nel mese di giugno, durante le celebrazioni dei Santos Populares, con gran clou nelle giornate del 12 e del 13. Le sardine vengono arrostite sulla brace e servite con verdure, oppure disposte semplicemente su fette di pane bianco e mangiate con le mani.

Altra ricetta tipica da provare è l’ Arroz de Marisco, un piatto a metà strada fra il cremoso risotto italiano e la più asciutta paella spagnola.

Viene preparato con molluschi, crostacei e verdure, prima di essere servito fumante, con una spolverata di prezzemolo tritato. Altra variante portoghese è il riso al pomodoro con sardine.

Tradizionale e più ricercato il Polvo à Lagareiro, polipo stufato in pentola e grigliato, così tenero che si può tagliarlo con la forchetta. Viene servito con una salsa a base di olio, prezzemolo e aglio e comunemente accompagnato da patate novelle cotte al forno.

Giocando di contrasto al “pescado” per chi vuole fare un tuffo nelle tradizioni culinarie portoghesi il formaggio di Azeitão è una specialità DOP.

Formaggio di latte di pecora portoghese, gustato sul pane o cracker è un ottimo aperitivo da accompagnare con del vino rosso.

Ma il viaggio alla scoperta del gusto è solo all’inizio: la città Setúbal, sempre nella zona di Lisbona, offre un altro piatto di portata che vale la pena sperimentare … le seppie fritte! Servite con patatine fritte e insalata, avvolte da una fine pastella, si degustano con del succo di limone e non sono tipiche al 100% se non sono accompagnate dalla meravigliosa vista che si gode sul porto della cittadina rigorosamente all’ombra delle montagne di Arrábida.

A i palati più golosi dedichiamo dei sapori unici che provengono da antiche ricette medievali: il pastel de nata e i dolci conventuali.

Il pastel de nata è tanto emblematico quanto buono, e si deve gustare rigorosamente alla portoghese: caldo, con un pizzico di cannella e una spolverata di zucchero a velo, senza eccezione alcuna. Immaginatevi in un bar al sole, mentre state ordinando una bica (il tipico espresso di Lisbona) e di fronte a voi questo magnifico e delizioso cestino di pasta sfoglia ancora fumante a base di uova. Impossibile non innamorarsene all’istante.

I dolci conventuali, anch’essi a base di uova, sono particolari per i loro gusti tutti diversi e ancor di più dalla loro storia: dovete sapere che nel XV secolo nei conventi femminili portoghesi, per passare le giornate e vincere la noia, s’inventavano e si producevano una svariata quantità di dolci, ciascuno di essi con una consistenza propria e dal gusto unico. A Lisbona ne esistono di svariati, tra cui: i Fradinhos di Mafra, i Pasteis de Belém, le Nozes di Cascais, la Marmelada Branca e il Toucinho do Céu di Odivelas, solo per citarne alcuni.

Da accompagnare ad ogni piatto non ci si può dimenticare dei vini della regione, che dispone di etichette di alta qualità e possiede diverse zone DOC dalle caratteristiche più disparate, abbinabili perfettamente ai diversi sapori e alle delizie che riserva la capitale portoghese. Per accompagnare un pasto gustoso durante il vostro soggiorno a Lisbona è d’obbligo provare un buon bicchiere di Bucelas, un vino della zona giovane e fruttato, non forte e molto piacevole.
E a fine pasto non vi lasceranno mai alzare se ammetterete di non aver ancora provato il liquore di amarene, il Ginjinha, tipicissimo e immancabile soprattutto nelle taverne, da provare freddo o a temperatura ambiente, con o senza ciliegia, e per i più golosi si può richiedere in un bicchiere di cioccolato. Provare per credere!

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com
O seguiteci su Facebook

Volare comodi con KLM – Collegamento diretto con Mumbai

I passeggeri viaggeranno a bordo dell’ultimo arrivato nella flotta di KLM, il Boeing 787-9 Dreamliner

KLM attiva un nuovo collegamento diretto con Mumbai

Amstelveen, maggio 2017 KLM Royal Dutch Airlines ha annunciato un collegamento diretto verso la città più grande dell’India, Mumbai, a partire dal 29 ottobre 2017. Da questa settimana, è possibile acquistare i biglietti per Mumbai su klm.it.

Pieter Elbers, Presidente e CEO di KLM, ha dichiarato: “La presenza della rete KLM in India è cresciuta enormemente dall’inizio della nostra collaborazione strategica con Jet Airways. L’introduzione di un nuovo collegamento diretto con Mumbai, cuore economico del paese, consente a KLM di offrire ai propri clienti ben 48 destinazioni in tutta l’India, che si sommano alle altre destinazioni nel subcontinente indiano e in Asia.

Programma dei voli: AmsterdamMumbaiAmsterdam

Durante la stagione invernale 2017-2018, KLM opererà tre voli settimanali diretti con destinazione Mumbai, in partenza il lunedì, il giovedì e il sabato. I passeggeri viaggeranno a bordo dell’ultimo arrivato nella flotta di KLM, il Boeing 787-9 Dreamliner, equipaggiato con 30 posti in World Business Class, 45 posti in Economy Comfort e 219 posti in classe Economy.

I voli partiranno da Amsterdam alle 13:00 e atterreranno a Mumbai all’01:55 ora locale; per il ritorno, invece, la partenza è prevista da Mumbai alle 04:00 ora locale, con arrivo ad Amsterdam alle 8:45.

Mumbai
Mumbai è la capitale dello stato indiano del Maharashtra, nonché la città più densamente popolata dell’India. Situata sulla costa occidentale del paese, possiede un profondo porto naturale. La città è la capitale finanziaria, commerciale e dell’intrattenimento dell’India, oltre ad essere tra i dieci maggiori centri economici a livello mondiale in termini di flusso finanziario. Le opportunità lavorative, così come l’offerta potenziale di migliori standard di vita, attraggono immigranti provenienti da tutta l’India, rendendo Mumbai un melting pot di comunità e culture differenti.

L’aeroporto di Mumbai è lhub di Jet Airways, il partner di codeshare di KLM. Ciò consente ai passeggeri di KLM in volo verso Mumbai di poter prenotare facilmente uno dei tanti voli di collegamento verso le maggiori città e centri economici dell’India, come Hyderabad, Ahmedabad, Chennai e Pune.

Collegamenti diretti con l’India
Prima che Jet Airways trasferisse i propri voli da Bruxelles ad Amsterdam, da cui attualmente opera rotte giornaliere per Delhi e Mumbai, soltanto KLM offriva collegamenti quotidiani tra Amsterdam e Delhi.

Di recente, Jet Airways ha annunciato l’introduzione di voli giornalieri da Bangalore ad Amsterdam.

Weekend a Palermo – Leggendo anche Goethe

Nel corso della seconda metà del Cinquecento e per tutto il Seicento, Palermo fu una delle più importanti mete del Grand Tour. Il viaggio, necessario e sognato, per completare gli studi; da parte di tutta l’aristocrazia europea.

Palermo merita più di un weekend, ma anche in breve tempo si può cominciare a farsi un’idea di quanto questa città abbia da offrire.

Non a caso Palermo fu la meta ideale per moltissimi scrittori, scienziati, filosofi e pittori, che qui trovarono la realizzazione dei loro luogo ideale.

Correva l’anno 1787, quando il poeta e drammaturgo tedesco Goethe, arrivava al porto di Palermo, dopo un soddisfacente, ma sicuramente anche faticoso viaggio dal nord Europa.

Ecco cosa scriveva Goethe nel suo diario a Palermo:

«Nel giardino pubblico vicino al porto, trascorsi tutto da solo alcune ore magnifiche. E’ il posto più stupendo del mondo».

E alla fine dle viaggio in Italia scrisse: «L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine alcuna nello spirito»

Fontana Pretoria

Chiesa e convento di S. Giovanni degli Eremiti; arte siculo-normanna, uno dei monumenti simbolo di Palermo.

Questo monastero si trova vicino alla residenza regia e fu destinato anche alla sepoltura degli alti dignitari della corte normanna.

Preziosi e indimenticabili gli effetti della luce che penetra nella chiesa attraverso la struttura architettonica.

La luce, che penetra all’interno della chiesa, è affidata ad un sapiente uso delle aperture ogivali.

Reggia dei Normanni.

Cattedrale

Ex convento Mercedari Scalzi.

Dove abbiamo mangiato: molto bene e spendendo veramente poco. Un luogo storico; nato dalla donazione di un nobile al suo cuoco.

Uno splendido palazzo in abbandono a fianco della Fontana Pretoria.

Hotel Borsa; dove abbiamo dormito; comodissimo pe rgrare in centro. La sua storia si dipana nei secoli, dal convento alla borsa, alla banca e poi la mirabile ristrutturazioen come albergo. Eccellente la frittura mista e dolci indimenticabili.

Quattro Canti, di lato alla Stazione Centrale.

Fontana Pretoria.

Antico convento, poi borsa –  banca; ora elegante Hotel di lusso centralissimo. Hotel Borsa.

San Francesco.

Soffitti Liberty di una parte dell’ex convento e poi banca; ora Hotel Borsa.

Cattedrale; particolare.

I gradiosi e numerosi giadini.

Teatro Massimo Vittorio Emanuele di Palermo, il più grande edificio teatrale lirico d’Italia; uno dei più grandi d’Europa.

Monumento ai caduti della mafia.

Hotel Borsa

Hotel Borsa.

Interni dell’Hotel Borsa.

Weekend enologico – CANTINE APERTE TRENTINO-ALTO ADIGE

PER I 25 ANNI DI CANTINE APERTE ANCHE IL TRENTINO-ALTO ADIGE RADDOPPIA L’APPUNTAMENTO

Oltre alla tradizionale domenica, la maggior parte delle cantine aderenti saranno aperte anche di sabato, per consentire agli enoappassionati di vivere un intero weekend alla scoperta dei vini del territorio. A disposizione, il pratico Enobus, con ben 7 fermate in programma.

– Mancano solo pochi giorni alla nuova edizione di “Cantine Aperte”, l’attesissima manifestazione organizzata dal Movimento Turismo del Vino che quest’anno raggiunge il venerando traguardo dei 25 anni e lo fa chiedendo ai propri soci di ampliare la programmazione anche al sabato.

Un invito recepito dalla sezione Trentino-Alto Adige, guidata dalla Presidente Valentina Togn, e dalla maggior parte delle cantine aderenti. Sulle 18 partecipanti totali, infatti, 11 saranno aperte entrambe le giornate (Bellaveder, Cantine Mezzacorona-Rotari, Cantina Mori Colli Zugna, Cavit, Ferrari, Gaierhof – ospite di Maso Poli – , La Vis , Maso Poli, Borgo dei Posseri, Mas dei Chini e Maso Grener) , mentre altre 7 saranno aperte in esclusiva il sabato (Cantina Sociale di Trento e Cantina Aldeno) o la domenica (Arunda, Cembra Cantina di Montagna, Distilleria Bertagnolli – ospite di Endrizi -, Endrizzi e Distilleria Marzadro).

E per offrire agli enoappassionati un servizio ulteriore, pensato per far vivere l’esperienza delle Cantine Aperte con maggiore serenità, nella giornata di domenica, dalle 10.00 alle 18.00, sarà attivo a flusso continuo l’Enobus, che toccherà ben 7 cantine secondo il seguente percorso: Cavit, Ferrari, Mas dei Chini, La Vis, Maso Poli, Bellaveder, Endrizzi e ritorno.

Tra le aziende aperte tutto il weekend, Bellaveder proporrà visita al vigneto e alla cantina e degustazione e, per la giornata di domenica, ospiterà alcuni laboratori organizzati dalle Donne in Campo Trentino. Le Cantine Mezzacorona-Rotari, che nell’ambito di Mezzocorona Expò 2017 ospiteranno la quinta edizione di Orchids&Wine, la Mostra Internazionale delle Orchidee con esposizione di fiori da tutta Europa, guideranno gli ospiti nella nuovabarricaia con visite di circa un’ora per gruppi di massimo 30 persone seguite da degustazione.

La Cantina Mori Colli Zugna, apertastraordinariamente fino alle 21.00, oltre alla visita alla scoperta della cantina ipogea, proporrà una degustazione dei propri vini abbinati a prodotti dei soci della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino e momenti di intrattenimento: sabato 27, verso le ore 19.00, il concerto pop, rock e jazz degli allievi dei laboratori collettivi della Scuola musicale OperaPrima, mentre domenica pomeriggio, dalle 17.00 in poi, l’esibizione teatrale di Maurizio Zanghielli in “Vinerotìe e altre storie”.

Anche Cavit, dopo la visita alla Cantina Vino e alla Cantina Altemasi, proporrà degustazione di vini e spumanti in abbinamento a prodotti della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino ed ospiterà una mostra di Fabio Vettori, che nel pomeriggio di sabato sarà a disposizione degli ospiti personalizzando i disegni su richiesta, mentre Cantine Ferrari impreziosirà le visite alle cantine, organizzate su prenotazione, con brindisi finale a base di Ferrari Perlè 2010 abbinato a finger food della Locanda Margon. Solo per la giornata di domenica, inoltre, è in programma un’apertura straordinaria di Villa Margon.

Presso la Cantina La Vis visite e degustazioni entrambi i giorni affiancate, solo nella giornata di domenica, da un particolare abbinamento tra cinque vini testimonial e pietanze rappresentative dei cinque continenti e, alle ore 16.00, da un concerto di musica celtica della Banda di Lavis nella piazzetta della Cantina. Maso Poli, che per l’occasione ospiterà anche i prodotti Gaierhof, proporrà visita in cantina e ai vigneti, la degustazione dei vini delle due cantine abbinate, solo la domenica, ad una proposta food conmiele di Apicoltura Girardelli, succhi di mele e persecche de La Mela Vispa e trote di ASTRO-Associazione Troticoltori Trentini, a cura delleragazze della squadra di calcio femminile Unterland-Damen, che intratterranno anche i bambini con la “Scuola di Calcio”.

Borgo dei Posseri offrirà invece la possibilità di accedere ad un percorso “multisensoriale” all’interno di gazebi immersi nelle vigne e Maso Grener proporrà degustazioni e passeggiate nei vigneti, dove si potranno scoprire i princìpi della viticoltura ragionata che guidano la coltivazione delle vigne dell’azienda. Inoltre, domenicaspazio ad arte e musica: alle ore 15.00 inaugurazione dell’opera “Paesaggio” realizzata dal giovane artista Francesco Claus, e concerto del gruppo jazz Orange Pouf Trio.

Aperte solo il sabato la Cantina Sociale di Trento e la Cantina Aldeno. La prima, in particolare, attende gli ospiti dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00 per una visita guidata nella parte produttiva dell’azienda seguita da degustazione di diversi prodotti simbolo della cantina, abbinati a prodotti gastronomici della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino (prodotti da forno del Panificio Pasticceria Tecchiolli, salumi di Salumeria Fratelli Corrà e formaggi di Azienda Agricola La Quadra) presentati dagli stessi produttori.

Tra le aziende aperte invece solo la domenica, Cembra cantina di montagna propone visite e degustazioni in cantina e lo street food di qualità di KarChef STREET FOOD TRUCK a base di panini gourmet realizzati con prodotti locali e stagionali a “km 0”, alimenti certificati tipo igp, dop, stg e biologici, mentre la Cantina Endrizzi, che per l’occasione ospiterà anche le grappe e i distillati di Distilleria Bertagnolli, proporrà una degustazione itinerante con diverse tappe nel vigneto e in cantina, abbinata ad una proposta food di prodotti tipici trentini.
Le entrate alle cantine sono a pagamento e parte del ricavato viene devoluto in beneficenza.

Tokyo e l’architettura moderna e contemporanea

Sumida_Hokusai_Museum

Tokyo è sinonimo di tradizione ma è anche innovazione e futuro, per questo, la metropoli nipponica è anche caratterizzata da un considerevole skyline di edifici e grattacieli moderni e contemporanei, a volte caratterizzati da forme particolari o bizzarre. E mentre il governo di Tokyo, in vista del 2020, ha intenzione di proseguire con lo sviluppo di numerosi nuovi grattacieli, si dice decine, presentiamo il nucleo di edifici di richiamo culturale e turistico della capitale giapponese.

Il suggerimento per i visitatori è di inserire nei loro piani di visita alcune, se non tutte, le architetture di maggiore interesse, realizzate da Architetti di fama mondiale.

Sumida_Hokusai_Museum

Tra gli edifici più nuovi in città, il nuovissimo e particolare Sumida Hokusai Museum, aperto da pochissimi mesi proprio nel quartiere di Sumida, dove nacque nel 1760 il più famoso artista ukiyo-e giapponese al mondo, Katsushika Hokusai, famoso in Occidente per il suo contributo alla nascita e diffusione del Giapponismo in Europa.

Oltre all’importanza culturale del museo come collettore di numerose opere originali che illustrano il percorso artistico dell’artista, il museo è esso stesso un edificio di rilevanza architettonica contemporanea. Il progetto è a cura di Kazuyo Sejima, una delle architetto donna più famose del mondo e vincitrice del premio Pritzker nel 2010 che ha insegnato in numerose università nel mondo tra cui il Politecnico di Milano, il Politecnico di Losanna e Università delle Arti applicate a Vienna.

La struttura dell’edificio rispecchia strutture angolari tanto care all’artista Hokusai e anche al suo interesse per angoli obliqui e ai contrasti, come vicino-lontano e naturale-artificiale. L’edificio è pensato inoltre per fondersi al meglio con l’ambiente circostante, grazie ad una struttura con multipli accessi su più lati e una superficie esterna riflettente che lo mimetizza ulteriormente con l’ambiente circostante.

Un altro edificio di Tokyo degno di nota si trova a Ginza, il quartiere delle boutique e del lusso per definizione, che accoglie la maggior concentrazione di edifici architettonici sperimentali della capitale giapponese, spesso commissionati da famosi brand internazionali.

MIKIMOTO_Ginza2

Tra questi il Mikimoto Ginza 2, l’edificio del brand giapponese Mikimoto, specializzato in perle per le quali il Giappone è noto nel mondo. Il brand fu fondato da Kokichi Mikimoto, il primo uomo a perfezionare la tecnica di coltivazione delle perle, che nel 1899 aprì il primo negozio proprio a Ginza, Tokyo, fino a crescere e diventare fornitore delle case reali mondiali, da quella imperiale giapponese fino alla Casa Reale Britannica.

L’edificio, ideato dallo studio Toyo Ito, uno degli architetti più influenti al mondo, vincitore anch’egli del premio Pritzker nel 2013 e architetto di importanti progetti anche in Europa, è composto da 9 piani e 56 metri di altezza e, sorprendentemente, non presenta colonne al suo interno, ed è sostenuto dalle sue stesse mura. Mura che presentano una delicata colorazione, con aperture apparentemente casuali e che, di notte, si illuminano di colori diversi.

Poco distante dal quartiere di Ginza si trova il quartiere di Aoyama, considerato un centro in grado di unire cultura e moda, anch’esso caratterizzato da numerose boutique e palazzi icona, come ad esempio i meravigliosi Prada, Dior e Tod’s Building. Durante una passeggiata di shopping, sarà impossibile non notare come sul paesaggio urbano del quartiere si staglia il complesso di negozi e uffici AO Building, con i suoi 16 piani e 90 metri di altezza.

AO Building

L’edificio è stato progettato dallo studio di architettura Nihon Sekkei, uno studio con più di quattrocento ingegneri e architetti, ed ospita numerosi brand di alto livello. La configurazione dell’edificio è unica nel suo genere, con una torre dalla base e cima più ampie rispetto ai piani intermedi, a creare un profilo distintivo, quasi come se l’edificio avesse subito una torsione.

National-Art-Center-Tokyo

Se vi trovate invece a visitare il quartiere di Minato, dove si trova la celeberrima Tokyo Tower, vale la pena proseguire verso la zona di Roppongi per visitare anche il National Art Center, uno degli spazi mostre più grande del suo genere in Giappone, che insieme al Mori Art Museum e il Suntory Museum forma il cosiddetto “triangolo dell’arte”.

Il museo nasce come spazio espositivo innovativo, non dotato di una collezione permanete e votato ad eventi e mostre speciali. Negli anni ha accolto anche mostre itineranti di grandi artisti internazionali come Renoir, Salvador Dalì e Alfons Mucha e molti altri.

L’edificio del museo è opera di Kisho Kurokawa, uno dei maggiori architetti della scena giapponese, il primo a divenire Membro Onorario del Royal Institute of British Architects e anche Medaglia d’Oro dell’Accademia per l’Architettura francese. L’architettura dell’edificio è votata alla funzionalità: uno spazio espositivo di oltre 14 mila metri quadrati con una facciata una sinuosa facciata trasparente ad onde con struttura in acciaio, che gli ha permesso di ricevere premi tra cui il Chicago Athenaeum International Architecture Award nel 2006.

Durante un viaggio a Tokyo, da non dimenticare anche una visita al Museo Nazionale di Arte Occidentale, il cui edificio principale fu completato nel 1959 ad opera del maestro del razionalismo Le Corbusier e nel 2016 è stato iscritto nella lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO.

Il museo è il punto di riferimento per l’arte occidentale a Tokyo. Si trova all’interno del parco di Ueno, e vale la pena di visitarlo perché custodisce opere di arte occidentale che vanno dal Tardo Medioevo sino ai grandi maestri dei primi del Ventesimo Secolo, tra cui le ninfee di Monet e importanti sculture di Rodin.

Weekend lusso e musica – Stelle della musica classica ad Andermatt dal 25 gliugno al 1 ° luglio 2017

Le stelle della musica classica ad Andermatt
per un festival senza precedenti.

Dal 25 giugno al 1 luglio. Il pianista Igor Levit ospite d’onore a The Chedi Andermatt

The Chedi Andermatt, l’iconico 5 stelle lusso nel cuore della Svizzera centrale, annuncia la partnership ufficiale con “Andermatt Swiss Alps Classics”, ispirante e inedito festival di musica classica organizzato dal 25 giugno al 1 luglio 2017 nella Valle di Orsera.

È Igor Levit, pianista germano-russo di fama internazionale, ad aprire la kermesse.

Ospite di The Chedi Andermatt, sarà anche invitato d’onore al gala dinner che l’hotel organizzerà per i propri ospiti il 25 giugno.

Oltre a lui, sul palco si alterneranno musicisti da tutto il mondo per offrire un momento davvero speciale all’ombra dell’arco alpino svizzero.

Non solo concerti, infatti.

Gli ospiti potranno intrattenersi con artisti e personaggi di spicco della musica classica: Dominique Meyer (Direttore della State Opera di Vienna), Rolando Villazón (Ambasciatore della Salzburg Mozart Week e della Mozarteum Foundation), Martin Haselböck (pluri-premiato direttore d’orchestra austriaco) e Olga Peretyatko (soprano russo tra le nuove stelle dell’opera lirica).

“Andermatt Swiss Alps Classics” è senza dubbio uno dei festival più rappresentativi in Svizzera e si snoda in un piacevole percorso intorno al borgo di Andermatt, il cui apice si disegna negli scenografici ambienti di The Chedi Andermatt.

The Chedi Andermatt, partner d’elezione di “Andermatt Swiss Alps Classics”, disegna per i suoi ospiti regie esclusive per vivere il festival in modo privilegiato perché a diretto contatto con gli artisti.

L’offerta Gala Concert by Igor Levit comprende i biglietti per il concerto di apertura del 25 giugno e permette inoltre di partecipare alla cena di gala in compagnia del celebre pianista (CHF 590).

Il programma completo del Festival; https://www.thechediandermatt.com/en/Special-offers/Just-Launched/Andermatt-Swiss-Alps-Classics
The Chedi Andermatt: tariffe a partire da CHF 500 a camera a notte con trattamento di prima colazione

The Chedi Andermatt

Vera e propria opera d’arte architettonica, The Chedi Andermatt, aperto a dicembre 2013, ha ridisegnato gli standard del design e dell’ospitalità di lusso nell’arco alpino.

Progettato da Jean Michel Gathy, del premiato studio Denniston International Ltd di Kuala Lumpur, il primo 5 stelle lusso della destinazione e prima struttura completata del progetto Andermatt Swiss Alps offre un servizio personalizzato ed esclusivo.

Con le sue 123 camere e suite, l’incredibile The Spa & Health Club con piscina interna panoramica di 35 metri, piscina riscaldata esterna, 10 Spa suite private e palestra di ultima generazione, una proposta F&B d’elezione in grado di unire le tradizioni gourmet d’Oriente e Occidente, The Wine & Cigar Library e The Wine & Cheese Cellar, The Chedi Andermatt si propone come mecca per viaggiatori esigenti:

hub ski in/ski out nella stagione invernale, grazie alla posizione prossima alle piste del Gemssto ck e del comprensorio di Andermatt-Sedrun, ma anche perfetta destinazione estiva per gli amanti del Golf, cui è riservato l’accesso esclusivo al campo da campionato 18 buche di Andermatt.
The Chedi Andermatt è affiliato The Leading Hotels of The World e Swiss Deluxe Hotels.

MONTEVERDI FESTIVAL SALPA PER UNA NUOVA CROCIERA MUSICALE SUL PO

NELL’ANNO DELLE CELEBRAZIONI MONTEVERDIANE

MONTEVERDI FESTIVAL SALPA PER UNA NUOVA
CROCIERA MUSICALE SUL PO

In viaggio tra le desiate acque
tra Cremona, Mantova e Venezia
venerdì 2 e sabato 3 giugno

Sull’onda del successo delle precedenti edizioni, il Monteverdi Festival, organizzato dal Teatro Ponchielli di Cremona, salpa per una nuova Crociera musicale sul Po il 2 e 3 giugno, consolidando il legame tra le tre città monteverdiane – Cremona, Mantova e Venezia. Concerti in battello, ma anche nelle città in cui si approda, per rivivere il viaggio del divino Claudio e valorizzare la forte vocazione di turismo culturale del territorio lombardo-veneto. Una vacanza per scoprire il territorio da una prospettiva insolita: un viaggio scandito dal lento scorrere dell’acqua e ritmato dalla musica.
Una impedibile chicca per gli appassionati di musica e… paesaggio.

Partenza da Cremona venerdì 2 giugno per approdare a Mantova in serata e l’indomani a Venezia.

Uno spumeggiante concerto in battello dedicato ai più bei concerti di Vivaldi accompagnerà i passeggeri nel primo tratto di navigazione da Cremona a Casalmaggiore.

Risalendo il fiume Mincio, tra salici piangenti e argentati, si giungerà a Mantova, ammirandone l’orizzonte mozzafiato al tramonto, e approdando a due passi da Palazzo Ducale, luogo monteverdiano per eccellenza. Qui il rinomato ensemble Vox Musica eseguirà celebri brani di Monteverdi e di Henry Purcell.

Sabato 3 giugno, la navigazione prosegue: breve tappa nella pittoresca Chioggia, un salto all’isola di S. Giorgio, per arrivare finalmente in laguna.

L’arrivo a Venezia ha un sapore antico, e restituisce ai naviganti lo stupore di scoprire una città sull’acqua, dall’acqua.

Novità di quest’anno è una visita guidata alla suggestiva Chiesa dei Frari, per rendere omaggio al compositore cremonese qui sepolto.

Il viaggio a ritroso si conclude nella Chiesa di S. Rocco, dove il raffinato ensemble olandese Cappella Pratensis eseguirà la Missa cum jocunditate di Pierre de la Rue, forse il più noto compositore della corte borgognona degli Asburgo.

Concerti ricercati e di grande qualità, un paesaggio mozzafiato, ma anche degustazioni della cucina tradizionale di fiume e la convivialità da scoprire durante una vacanza “acquatica”, ammirando e vivendo il grande fiume con un ritmo che abbiamo dimenticato…

PROGRAMMA DELLA CROCIERA

11 maggio 2017
IL PROGRAMMA DELLA CROCIERA:
Venerdì 2 giugno
ore 9.00 – Partenza da Cremona ed imbarco sulla Motonave Stradivari
ore 11.00 – Concerto a bordo
ALLA RUSTICA Concerti per archi di A. Vivaldi
IL TETRAONE
– Pranzo a bordo
– Sbarco a Casalmaggiore e Transfer in bus a Sacchetta ed imbarco a bordo della Motonave Andes 2000.
– Navigazione di un tratto del Po. Si risale il fiume Mincio, tra salici piangenti e argentati,
passando per Andes (oggi Pietole, luogo natale di Virgilio) e la Vallazza, nota per le ninfee.
– Arrivo a Mantova e sbarco a due passi dal Palazzo Ducale.

ore 19.00 – Palazzo Ducale (Sala di Manto), Mantova
BEATUS VIR Musiche di C. Monteverdi e H. Purcell
VOX MUSICA – Michael Barman, direttore
Jean Paterson, Susie Carpenter – Jacobs, violini
Helen Verney, violoncello
David Gordon, organo e clavicembalo
– serata libera e successivo transfer in hotel per il pernottamento

sabato 3 giugno
ore 8.00 – Transfer da Mantova a Taglio di Po (RO) con imbarco alle ore 10.30 sulla Motonave Delta Tour. Si raggiunge la laguna di Chioggia per una breve passeggiata nel centro storico di questa antica cittadina di pescatori.
Pranzo a bordo (menù di pesce secondo tradizionali ricette venete). Navigazione verso Venezia.
ore 16.00 – Arrivo a Venezia, transfer a piedi con guide alla Basilica dei Frari e visita alla tomba di Claudio Monteverdi
ore 18.30 – Chiesa S. Rocco, Venezia
VISIONI DI GIOIA Musiche di H. Bosch e P. de La Rue
CAPPELLA PRATENSIS
Stratton Bull, direttore
Ritorno guidato a Pontile Zattere
ore 21.45 – Partenza in bus da Tronchetto per Cremona con arrivo in tarda serata.
INFORMAZIONI PER LA CROCIERA MUSICALE
PREZZO: € 370,00 a persona (supplemento per camera singola)
Il costo include: crociera, pranzi a bordo, pernottamento a Mantova, transfer, concerti, visite guidate.

INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI
Call Center Consorzio Navigare L’Adda
Tel. 347 1247156
Orari di apertura: Lunedì – Venerdì 8.30/13 – 14/17.30
e-mail: info@navigareinlombardia.it
sito: www.navigareinlombardia.it

Per ulteriori informazioni:
Fondazione Teatro Ponchielli di Cremona – C.so Vittorio Emanuele II, 52 – 26100 CREMONA
Segreteria: 0372 022010/011 Biglietteria: (10.30 – 13.30 e 16.30 – 19.30) tel. 0372 022001/002
biglietteria@teatroponchielli.it
e-mail: info@teatroponchielli.it -www.teatroponchielli.it – www.monterverdi450.it

 

Crociere di lusso e vacanze con programma di benessere gratuito sul mare

Oceania Cruises presenta il più completo programma di benessere gratuito sul mare

Da yoga a pilates e molto altro, gli ospiti possono scegliere tra oltre 24 attività tenute da professionisti del settore

– Oceania Cruises, la compagnia di crociere leader per i suoi itinerari incentrati sulle esperienze gastronomiche e sulle destinazioni più affascinanti in tutto il mondo, propone ai viaggiatori alla ricerca di esperienze wellness una nuova e unica gamma gratuita di attività per il benessere a bordo delle sue sei navi, che navigano verso oltre 370 porti in tutto il mondo.

Bob Binder, Presidente e CEO di Oceania Cruises ha dichiarato: “Oceania Cruises offre il più ampio e completo programma wellness sul mare.

I menu vegani recentemente introdotti e le esperienze di destinazione uniche offerte sui nostri Tour Wellness ispirati a Canyon Ranch Spa Club, Oceania Cruises e Canyon Ranch hanno stabilito un nuovo punto di riferimento per l’eccellenza nel campo del benessere proprio come realizzato con la cucina del Canyon Ranch Spa Cuisine per colazione, pranzo e cena”.

Kathleen Shea, Chief Marketing Officer di Canyon Ranch Spa Club ha a sua volta dichiarato: “Questo nuovo programma a bordo di Oceania Cruises permette ai nostri ospiti di vivere l’approccio olistico al wellness applicato da Canyon Ranch Spa Club e rappresenta il nostro impegno per portare in crociera il benessere in tutte le sue sfaccettature”.

Oltre all’uso gratuito della palestra e dell’area fitness all’interno di Canyon Ranch Spa Club, Oceania Cruises introduce una grande novità rendendo disponibili senza costi aggiuntivi anche le lezioni di fitness e wellness.

Ci sono più di ventiquattro diverse opzioni a scelta per gli ospiti, tutte con istruttori professionali;  dal Sunrise Stretch and Relax al Sunrise Yoga sul ponte, all’Indoor Cycling o programmi più completi come Boot Camp, Full Body Strength Training o Core Conditioning, in cui gli istruttori guideranno i participanti con consigli e suggerimenti utili.

“Sia gli esperti che i neofiti delle vacanze all’insegna del benessere scopriranno una sorprendente gamma di opzioni salute per migliorare la loro esperienza di crociera. Vogliamo offrire una combinazione unica di ringiovanimento, scoperta personale e piacevolezza ai nostri ospiti in viaggio verso le destinazioni più esotiche in tutto il mondo” ha aggiunto Binder.

Highlights lezioni gratuite

 Morning Stretch – tecniche di stretching base – 25 minuti

Stretch and Relax – 25 minuti

Sunrise Stretch and Relax – 25 minuti

Sunset Stretch – 25 minuti

Walk a Mile – 25 minuti

Indoor cycling – 45 minuti

Boot Camp – 45 minuti

Strength Body Training – allenamento per tutto il corpo (con manubri) – 45 minuti

Full Body Strength Training – allenamento completo – 45 minuti

Body Weight Training – allenamento per tutto il corpo (con pesi) – 45 minuti

Upper Body Strength Training – 25 minuti

Upper Body Strength Training – 45 minuti

Total Tubes – allenamento per tutto il corpo con il supporto di bande elastiche – 45 minuti

Pilates – 45 minuti

Mat Pilates – Pilates con materassino (livello medio) – 45 minuti

Introduction to Yoga – 45 minuti

Yoga – 45 minuti

Sunrise Yoga – 45 minuti

Awesome Legs – allenamento per gli arti inferiori con pesi e manubri – 45 minuti

Awesome Legs – 25 minuti

Stronger Legs – 45 minuti

Fit Ball Body Workout – esercizi con fit ball – 45 minuti

Stronger Legs – allenamento per gli arti inferiori – 25 minuti

Sole Energizer Class – esercizi  per i piedi con Sole Energizer – 45 minuti

Sole Energizer Class – esercizi  per i piedi con Sole Energizer – 25 minuti

Awesome Abs – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali -25 minuti

Six-pack Challenge – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali – 25 minuti

Total Abs – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali – 25 minuti

Fit Ball for Your Core – allenamento focalizzato sugli addominali con fit ball – 45 minuti

Core Conditioning – 45 minuti

Le navi del benessere

Ospitando a bordo il famoso Canyon Ranch SpaClub e le sue proposte gastronomiche da quasi un decennio, Oceania Cruises ha una vasta esperienza nelle crociere che permettono di mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato, all’insegna di fitness e benessere. Con l’espansione dell’offerta vegetariana e senza glutine, la recente aggiunta di Tour Ispirati a Canyon Ranch e il debutto dei menu vegani, Oceania Cruises offre programmi benessere ancora più completi sul mare.

Per ulteriori informazioni su Oceania Cruises visitare www.oceaniacruises.com o contattare un’agenzia di viaggio.

###

A proposito di Oceania Cruises

Caratterizzata da una flotta di navi di lusso, Oceania Cruises offre un’esperienza di vacanza impareggiabile, rinomata per la cucina raffinata e i suoi itinerari in tutto il mondo. I viaggiatori più esperti sono attratti dalle proposte di viaggio ideate con estrema cura da Oceania Cruises; esse coprono più di 365 porti in Europa, Asia, Africa, Australia, Nuova Zelanda, Sud Pacifico e Americhe.

Le ampie ed eleganti sistemazioni a bordo di Regatta, Insignia, Nautica e Sirenada 684 ospiti – e Marina e Rivierada 1.250 passeggeri – invitano a esplorare il mondo con soluzioni di comfort e uno stile senza eguali.

VACANZE SICURE – ZONE A RISCHIO TERRORISMO – PAESI DA EVITARE

DOVE VADO IN VACANZA ???

Continuano gli attacchi terroristici anche in Europa, ma questo NON deve terrorizzarci; teniamone conto con buon senso.

L’attacco di Manchester ci ricorda che tutti i luoghi di ritrovo e divertimento, ma anche ogni assembramento di persone come un aeroporto o una stazione ecc.. sono i preferiti dai terroristi, perché possono colpire più persone contemporaneamente.

In questo momento la Russia è tra le mire del fondamentalismo; a causa della forte azione di Putin contro il terrorismo. In particolare in Siria. Ma rimane sempre molto remoto il rischio di finire proprio nel centro di un attentato.

Gli ultimi sviluppi ci dimostrano che ogni città Europea, ma non solo, può essere oggetto di attentato. Anche se ogni luogo è potenzialmente a rischio, per questo non dobbiamo cadere nella trappola di vivere nel terrore e modificare esageratamente la nostra vita normale.

Tra i luoghi considerati a rischio vi è la bellissima città di Istambul, ma anche Parigi e Bruxelles.

Soprattutto se siete donne sole, non è il momento di andare a Istambul per turismo.

Mentre il nord dell’Egitto, vicino al Sinai, è sicuramente da evitare, le pesanti misure di sicurezza messe in atto nel Paese, potrebbero dare una certa tranquillità per alcune destinazioni sul Mar Rosso; magari le meno frequentate dalle masse del turismo come Port Galib e Berenice ( non sono raccomandazioni di assoluta sicurezza; diciamo solo che, noi ci siamo stati, e se il posto vi piace (il Mar Rosso è unico per tanti motivi; dalla barriera corallina al buon clima nella media stagione, ai prezzi molto convenienti) e siete viaggiatori abitudinari, potreste affrontare questa meta con una certa serenità.

Le mete più richieste, del medio raggio, per l’estate 2017:

-Italia (anche per questioni economiche; molti vanno in case di parenti)

-Portogallo

-Grecia

-Croazia

-Slovenia

-Spagna; in bassa stagione le  Canarie

-Svizzera

-tutto il Nord Europa

-meno richieste: Londra e Parigi

Più sotto troverete altre precisazioni.

::::::::::::::::

Dopo gli ultimi sviluppi della situazione internazionale, dovremmo sempre più imparare a comportarci e pensare come gli israeliani che, da moltissimi anni convivono con il terrorismo, ma continuano a vivere una vita normale.

Gli israeliani, sanno dalla prima infanzia che si devono adottare molte piccole cautele e un minimo livello di attenzione, dopo di che pensare di capitare nel mezzo di un attentato è, nel calcolo delle probabilità, molto più basso di avere un incidente statale.

Non dimentichiamo che, a differenza di quanto molti pensano, per i turisti Israele è più sicura di qualunque città europea. Nessun attentato ha mai coinvolto gruppi di turisti (così dichiarano le autorità israeliane).

:::::::::::::::::::::::::::::::::

QUANTO AVEVAMO SCRITTO NEL 2016 E’ ANCORA VALIDO

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata; numerosi gli arresti e gli attentati evitati grazie alle polizie di vari Paesi. In primis. Francia e Inghilterra.

Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono Daesh (Isis): Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro; ci si può fare molto male anche stando in casa

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

Farnesina: 

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

Vedi http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Noi Europei non siamo abituati a convivere con la violenza sin da bambini, come succede da sempre agli israeliani.

Dobbiamo imparare a vivere senza avere terrore addosso, altrimenti, la nostra vita e di quelli che ci stanno vicino diventerebbe un inferno.

Per fare un esempio, i bambini israeliani, sono abituati a leggere, nelle loro scuole, i manifesti che danno le regole da seguire quotidianamente. Piccole attenzioni da mettere in atto, per essere vigili, ma non ossessionati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta,  buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre  dai dati in nostro possesso.

E’ anche evidente che alcuni Paesi sono, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri. Sicuramente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi o sui Pirenei,  danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

Questo dicevano le autorità USA, prima degli ultimi attentati in Europa: NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI.

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo e perché crede nella vendetta religiosa; propagandata dai terroristi internazionali.  Ovviamente i grandi assembramenti di persone fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa diceva il comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

——–

ULTIMA INFORMAZIONE RIGUARDA IL VIRUS ZIKA:

Sconsigliati dal nostro Ministero degli Esteri i viaggi nei Paesi colpiti, per evitare la diffusione del virus in Europa; poiché già da Marzo, in alcuni Paesi della fascia tropicale, inizia la diffusione della zanzara tigre, uno dei trasmettitori del virus. Ora è stata dimostrata anche la trasmissione per via sessuale.

Paesi sconsigliati:

1° il BRASILE dove il virus si  è diffuso a macchia d’olio, tanto che nel 2016, alcuni carnevali sono addirittura stati cancellati; molto si sta facendo, ma il rischio rimane

-ANCHE IN ALCUNE PARTI DELLA FLORIDA E’ STATO DATO L’ALLARME VIRUS ZIKA

Per precisazioni sul virus ZIKA vedi anche al link http://www.donnecultura.eu/?p=28505

—–

PAESI DOVE SI POSSONO INCONTRARE PROBLEMI DI VARIO GENERE, DALLA SALUTE AL TERRORISMO

Premesso che l’industria turistica è una delle più importanti, in molti Paesi del mondo e che smettendo di viaggiare e lasciandoci prendere dal panico, contribuiamo al crollo della nostra economia turistica; che è quello che i terroristi vogliono.

Premesso che il rischio terrorismo, per il viaggiatore, è enormemente inferiore, nel calcolo matematico delle probabilità,  del mettersi in auto e attraversare le autostrade italiane; soprattutto in tempo di grande traffico, vi riportiamo i dati relativi ai Paesi più a rischio.

Vedi anche ulteriori recenti precisazioni al link: http://www.donnecultura.eu/?p=25860

PER SERI E COSTANTI AGGIORNAMENTI VEDI https://www.gov.uk/foreign-travel-advice , in inglese, l’UNICA vera fonte di informazioni  precise per veri viaggiatori. IN INGLESE, ma si può usare Google traduttore.

VIAGGI E  PERICOLI DA EVITARE :

RICORDATE SEMPRE CHE OGNI GRANDE ASSEMBRAMENTO DI PERSONE E’ UNA TENTAZIONE PER I TERRORISTI: GRANDI EVENTI ECC …

Premesso che nessuno, di questi tempi, può fare previsioni sicure al 100% :

-tra i pochi Paesi dove il terrorismo, a oggi, non ha possibilità di svilupparsi, troviamo: Islanda e Vietnam;

-relativamente sicura anche la Svizzera e ogni località di montagna, italiana e non, fuori dalle mete più famose e affollate

-con più la località è piccola e poco rinomata, più è difficile che diventi oggetto di interesse per i terroristi; si tratta di un calcolo delle probabilità, non di una certezza.

————

SECONDO IL QUOTIDIANO THE WEEK I PAESI PIU’ PERICOLOSI NEL MONDO SONO:
Syria
Iraq
Afghanistan
South Sudan
Central African Republic
Somalia
Sudan
Democratic Republic of Congo
Pakistan
North Korea

—-

In questo momento, in particolare, è poco sicuro il Venezuela; paese comunque da sempre DIFFICILE COME SICUREZZA.

—–

ANCHE HAITI RIMANE UN PAESE PERICOLOSO; secondo le informazioni del governo USA; vedi al link (IN  INGLESE;  ma potete usare Google traduttore per avere una discreta traduzione immediata) https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html

Nessun problema per chi viaggia con i gruppi organizzati, ma il MESSICO, se si viaggia da soli, richiede molte precauzioni; come ben sanno i veri viaggiatori; anche per molti altri Paesi.

—-

I PAESI, INDICATIVAMENTE, PIU’SICURI ( ma alla luce degli ultimi fatti, anche gli aeroporti potrebbero essere a rischio ):

-VIETNAM 

-ISLANDA

-SVEZIA

-AUSTRIA

-NUOVA ZELANDA

-FINLANDIA

-SVIZZERA-

-CANADA

-GIAPPONE

-AUSTRALIA

-REPUBBLICA CECA

Ma nessuno può garantire nulla in questo momento di dilagante terrorismo.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA DELLA SITUAZIONE ATTUALE

La Francia aveva avvisato da mesi, segnalando le zone sconsigliabili per i turisti, dopo l’ultimo attentato a Parigi:

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul

——-

EGITTO

SCONSIGLIABILE in generale, ma ci sono zone meno rinomate e più sicure.

TUTTE LE ZONE INTORNO ALLE aree CONQUISTATE DA Daesh   (SI CONSIGLIA SEMPRE DI SCRIVERE DAESH E NON ISIS; che sarebbe un riconoscimento ufficiale per lo Stato Islamico) DOVREBBERO ESSERE CONSIDERATE PERICOLOSE (al nord), VISTO CHE HANNO INIZIATO AD UTILIZZARE ANCHE RAZZI CHE COLPISCONO GLI AEREI .

——————

La società britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha  stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista:

USA

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio negli Usa, dovrà sapere che una volta arrivati a destinazione, si troverà davanti a continui ed incisivi controlli, soprattutto nelle zone sensibili.

FRANCIA -BELGIO- GRAN BRETAGNA 

Con la Gran Bretagna, ANCHE LA FRANCIA E IL BELGIO , DOPO GLI ULTIMI EPISODI, RIMANGONO PESI NEL MIRINO DEI TERRORISTI.

ORA ANCHE LA GERMANIA POTREBBE DIVENTARE UN BERSAGLIO (lo è stato negli accerchiamenti e violenze verso le donne, durante il Capodanno 2015-2016 e lo è diventato anche il 23.7.16, nel dicembre 2016 una donna è stata spinta e fatta cadere, di proposito, dalle scale della metropolitana; mentre il gruppo di uomini, da cui è partito l’aggressore, stava a guardare)

COMUNQUE E IN QUALUNQUE LUOGO, A NOSTRO PARERE, LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E’ SEMPRE UN ATTO;  la situazione rischia di peggiorare con l’aumento di CULTURE E MASCHILISTI (anche in casa nostra) ostili alla LIBERTA’ DELLE DONNE.

-Il rischio violenza, obbliga le donne a vivere nella paura ogni volta che si ritrovano sole, anche andando al lavoro in orari di poco traffico o, da ora, in ogni assembramento per festeggiamenti. QUESTO E’ UN MODO DI TOGLIERE ALLE DONNE LA TRANQUILLITA’ E LA LIBERTA’.

—————

AGGIUNGIAMO COME  DESTINAZIONI ALTAMENTE PERICOLOSE:

ISTANBUL

Bellissima città, ricca di storia e arte; senza tralasciare gli indimenticabili colori e suggestioni dei tramonti sul Bosforo. Qui l’ Oriente incontra l’ Occidente, ne sono testimonianza le bellezze architettoniche, ma anche l’eccellente cucina, Istanbul è meravigliosa, ma purtroppo sempre più pericolosa, soprattutto per donne sole.

KENYA

Bellissimo Paese, purtroppo ultimamente oggetto di diversi attacchi terroristici.

ZANZIBAR

In passato non sono mancati episodi di violenza contro i turisti occidentali. E’ stato anche buttato dell’acido contro una turista donna (anni fa).

LA SITUAZIONE MONDIALE SUGGERISCE CHE ORMAI A RISCHIO SONO TUTTI GLI OBBIETTIVI TURISTICI; GRANDI CITTA’ CHE ATTIRANO GRANDI NUMERI DI TURISTI, PER DARE AGLI ATTACCHI TERRORISTICI UN GRANDE IMPATTO MEDIATICO.

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti dove non è assolutamente consigliato recarsi.

ELENCO DEI PIÙ PERICOLOSI…SECONDO L’AUTOREVOLE QUOTIDIANO THE GUARDIAN

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla, ma è fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro, mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica: i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nella periferia e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia; ora le tensioni sono rientrate

8) Colombia si spera che la riconciliazione con le bande delal droga porti a un periodo di pace (Sino a ieri: rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali a causa anche dei campi minati, crimine organizzato e traffico di droga rimangono i problemi più seri)

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericolosi oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia: qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla, per l’alto tasso di crimini armati e le dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui è in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai, ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo COME IL PERICOLO DI VIOLENZE CONTRO LE DONNE.  Nessun rischio per i viaggi organizzati da T.O.  esperti.

18) Messico: NESSUN PERICOLO PER I VIAGGI ORGANIZZATI, mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici.

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… TUTTAVIA LE VIOLENZE NON SONO QUASI MAI CONTRO I TURISTI CHE SONO MOLTO PROTETTI DALLA SICUREZZA LOCALE

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

21) INDONESIA: il grande numero di mussulmani estremisti, fa considerare questo Paese ad alto rischio terrorismo; anche se le autorità sono molto severe al riguardo.

Bali rimane il luogo più sicuro dove vigono controlli molto seri da parte delle autorità locali PER PROTEGGERE I TURISTI 

Il turismo a Bali; base dell’economia; ma non si può escludere che facinorosi sbarchino dalle isole vicine per ripetere un attentato dopo quello che avvenne, anni fa, in una discoteca per ” vendicare ” i costumi  ” dissoluti ” (per gli estremisti islamici) dei turisti australiani, in particolare; ma a rischio sono sempre i grandi assembramenti, molto meno la quotidianità del turista che viaggia e sta in spiaggia.

Dobbiamo segnalare un RECENTE attentato a Jakarta, la capitale sulla costa nordoccidentale dell’isola di Giava.

Come pure nel  BANGLADESH.

Ecco cosa riporta la Farnesina (tutto estremamente generico):

Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili. Oggi, più che in passato, appare dunque necessario verificare e comprendere preventivamente il contesto nel quale ogni cittadino verrà a trovarsi nel corso della sua permanenza all’estero, utilizzando le fonti d’informazione disponibili e, soprattutto, quelle messe a disposizione dalla Farnesina, frutto di un qualificato lavoro di analisi volto a favorire scelte di viaggio consapevoli e responsabili. Tra le fattispecie di rischio che possono coinvolgere i cittadini italiani fuori dai confini nazionali, la più pericolosa oggi è certamente quella della crescente aggressività di nuovi gruppi terroristici che compiono attentati o sequestri di persona anche in aree considerate sinora sicure. Le azioni delle formazioni terroristiche non colpiscono solo obiettivi istituzionali ma anche i c.d. “soft target” (come eventi sportivi, teatri, ristoranti, hotel, club, scuole, centri commerciali e installazioni turistiche, oltre che mezzi di trasporto aerei, marittimi e terrestri) in particolare quelli con elevata presenza di cittadini stranieri. Questi attacchi, seppur effettuati in maggior misura in Paesi e aree in situazioni belliche o notevole criticità come Siria, Libia, Iraq o Afghanistan, non hanno tuttavia risparmiato capitali europee e di altri Paesi. Anche a fronte dell’intenso lavoro di monitoraggio e analisi degli organi preposti è molto difficile prevedere tali eventi, come dimostrano recenti tragici episodi. E’ in ogni caso opportuno che prima di ogni spostamento all’estero i connazionali tengano conto delle indicazioni messe a loro disposizione, valutando attentamente la situazione del Paese che intendono visitare. Una volta assunta responsabilmente la decisione di intraprendere un viaggio, si raccomanda ai connazionali di mantenere comunque un atteggiamento vigile e un comportamento adeguato alle località visitate, soprattutto laddove la situazione è precaria.

Si suggerisce di comunicare gli spostamenti attraverso il sito www.dovesiamonelmondo.it (QUESTA E’ L’UNICA NOTA VERAMENTE SERIA E SPECIFICA) del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Questo sito  ci è apparso chiaro solo ricco di GIA’ NOTISSIMI dati generici. ASSOLUTAMENTE VAGO,  per dati specifici e aggiornamento in tempo reale.

— DECISAMENTE MEGLIO IL SITO https://www.gov.uk/foreign-travel-advice ; aggiornato, chiaro  e ben fatto; solo in inglese, ma potete usare Google traduttore con copia e incolla. Entrate nel sito e cliccate il Paese che vi interessa; troverete SERIE AGGIORNATE INFORMAZIONI.

Ottimo anche il sito USA : https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html IN INGLESE (usate Google traslator per leggere in italiano).

Le zone più a rischio, secondo la nostra Farnesina:

– Libia

– Israele il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

-Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheik, sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell’Alto Egitto e in quelle del Mar Mediterraneo (dopo il recente attacco a Hurgada, anche le zone turistiche sono a rischio).

-Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica

– Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

-IL PERICOLO Ebola sconsiglia i viaggi in Sierra Leone, ( NOSTRO AGGIORNAMENTO: dopo la Liberia, anche la Sierra Leone, è ‘Ebola free’: l’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato la fine della trasmissione del virus Ebola nel paese ),

-Kenya ha da poco subito attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu per il progressivo aumento del rischio per il crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali particolarmente attivi nella contea di Lamu

-Indonesia resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti. BALI: un nuovo attacco terroristico è sempre possibile.

-Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danni di turisti

-Taiwan rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale

—————

SALVADOR :

481 omicidi nel mese di marzo 2015, con una media di 15 al giorno: questo è il, poco invidiabile, record del Salvador.

Il Paese stava cercando di introdursi nel business mondiale del turismo, un Paese che avrebbe molto da offrire anche al viaggiatore più attento ed esigente; peccato che con questo record si sia mangiato questa allettante possibilità.  Anche se, è bene precisare, le zone pericolose sono abbastanza circoscritte.

La causa di tanta violenza è da attribuirsi alla rottura della tregua tra le gang locali.

Con questo “record” il Salvador ha superato l’Honduras quale paese, senza guerre, più letale del mondo.

——-