Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

DOVE VADO IN VACANZA LA PROSSIMA ESTATE ? – PAFOS CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2017 – A Cipro mare – cultura – gastronomia e natura

Scopri, assapora… sogna: To Hani Lounge Bar & Ristorante

Ospitalità: Londa Beach Hotel – Limassol
Soggiorno in casa tradizionale: Aperanti Agrotourism
Pafos Capitale Europea della Cultura 2017

Collegamenti aerei

Buone curiosità: il sale nero di Cipro

News dalla natura: birdwatching sul lago di Larnaka
Da Cipro con stile: Matthew Zorpas, maestro di stile tra gli uomini meglio vestiti al mondo

PAFOS CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2017

Dopo tanta attesa, il 28 e 29 gennaio 2017, con un’intensa due giorni di appuntamenti, ha preso ufficialmente il via “Pafos – Capitale europea della cultura 2017”, che per un anno, con la danese Aahrus, trasformerà la città cipriota in uno straordinario laboratorio a cielo aperto.

Letteralmente creata attorno al concetto di apertura, elemento fondante di Pafos2017, la manifestazione sarà suddivisa in tre macro aree – “Myth and Religion”, “World Travellers” e “Stage of the Future” – e offrirà alla popolazione locale e ai visitatori uno straordinario calendario di eventi che riflette il motto “Linking Continents – Bridging Cultures”.

Nel suo essere laboratorio en plein air, l’area di Pafos vedrà animarsi di nuova luce, in quello che può essere descritto come uno straordinario meccanismo di “democratica creatività”, piazze, templi, monumenti medioevali, siti archeologici, il quartiere di Mouttalos, il restauro di Ibrahim’s Khan, il santuario di Aphrodite, il porto e le comunità costiere.

Per Pafos2017, tutti questi luoghi diventeranno preziose pietre miliari che offriranno agli artisti coinvolti nella manifestazione nuove opportunità per esprimere la loro creatività. Riassumere il programma è pressoché impossibile.

Quasi giornalmente ci saranno differenti appuntamenti che interesseranno differenti discipline e ambiti.

Senza stabilire necessariamente una scala di priorità, dopo il nutrito programma dei giorni di inaugurazione, si può provare ad abbozzare un breve percorso che, mese dopo mese, restituisca la preziosa idea di apertura e incontro tra mondi diversi di Pafos2017.

Tra i primi eventi figurano: 8 febbraio, concerto a quattro mani del pianista portoghese Ricardo Vieira e del pianista giapponese Tomohiro Hatta, 12-18 febbraio, Mostra fotografica “Tales of Two Cities” che attraverso un percorso di immagini di David Pisani metterà in connessione Cipro e Malta,

Capitale della Cultura 2018, Febbraio – Marzo – “Tour and Traces – Pafos City and District”, un tour insolito che dà la possibilità di scoprire Pafos e i dintorni da un punto di vista differente. www.pafos2017.eu

BUONE CURIOSITÀ: IL SALE NERO DI CIPRO

Il sale, delizia e – attualmente, a volte – piccola croce della cucina, è un elemento fondamentale per dare quell’imprescindibile “non so che” a numerose ricette. Tra i sali più pregiati del mondo è presente quello nero di Cipro, estratto per evaporazione mediante un antico processo di lavorazione e arricchito con carbone ottenuto dalla combustione di cortecce di legno dolce. Oltre che buonissimo – insuperabile, in particolare, con piatti vegetariani, pesce, uova e zuppe – è anche molto bello da vedere con i sui fiocchi simili quasi a preziose gemme dal brillante colore antracite metallescente. E, nonostante, appunto, il sale figuri un po’ tra i nemici di uno stile di vita salutare, se consumato senza attenzione, quello nero di Cipro può essere di buon grado inserito tra quelli più amici: è ricco di sostanze minerali naturali “buone” quali il carbone attivo e la struttura unica dei suoi cristalli piramidali, che lo rende croccante e con un’ottima solubilità, inganna il palato, trasmettendogli un’intensa sensazione di sapidità. Di fatto, la rapidità con cui questa informazione arriva al cervello spinge a dosare meglio il sale e, quindi, a farsi del bene… con gusto!

NEWS DALLA NATURA: BIRDWATCHING SUL LAGO DI LARNAKA

Rimanendo in tema di sale, non si può non menzionare il lago salato di Larnaka, che figura tra le attrattive di questa località nota anche per le sue spiagge.

Meta perfetta per ammirare da un punto di vista davvero particolare il vicino complesso della moschea Hala Sultan Tekke (raggiungibile attraverso un percorso panoramico che segue il profilo del lago), il bacino lacustre di Larnaka è molto amato dai birdwatcher di tutto il mondo, poiché, da novembre a marzo, ospita una colonia di fenicotteri rosa.

Questi eleganti volatili lo hanno scelto come loro dimora e lo abitano in compagnia di numerose altre specie di uccelli acquatici che vivono stabilmente a Cipro – la monachella e la bigia di Cipro non sono presenti in alcun altro luogo del mondo e molti appassionati visitano l’isola unicamente per avvistarli – o che sostano a Cipro lungo i loro percorsi migratori da nord a sud: gambecchio frullino, Silvia di Cipro, tarabusino comune, moretta tabaccata… Nel programmare una visita, oltre a pianificare di portare con sé un binocolo, vale la pena mettere in conto di attendere l’imbrunire, quando al tramonto i raggi del sole calante si riverberano intensamente sulle antiche pietre della moschea e sullo specchio formate dalle acque del lago. Impossibile non emozionarsi!

SCOPRI, ASSAPORA… SOGNA:

TO HANI, LEMESOS (LIMASSOL) – www.tohani.com.cy
Raffinato lounge bar e ristorante, vincitore del premio“Best Leisure Interior Cyprus 2015-2016, ubicato al centro di Limassol e scenograficamente affacciato sul suo castello medioevale. Molto suggestiva la ripartizione su due piani, coperta da un tetto trasparente che dà la sensazione cenare en plein air sotto il cielo di Cipro. Perfetto per una pausa in una posizione strategica per visitare la città o per una cena accompagnata da musica dal vivo. Oltre al pesce, una nota di merito spetta al rito gastronomico cipriota per eccellenza, il meze, specialità locale, che va apprezzata “siga, siga”, lentamente, e che si compone di piccole porzioni di prelibatezze a base di verdure, pesce, carne, salse e… che può contare fino a 30 piatti.

OSPITALITÀ:

LONDA BEACH HOTEL, LEMESOS (LIMASSOL) Boutique hotel 5* parte di Small Luxury Hotels of the World. La sua posizione sul lungomare e le sue dotazioni lo rendono la location ideale per vivere con charme Cipro praticamente tutto l’anno. Caratterizzato da un raffinato design in perfetto equilibrio tra atmosfere di contemporaneo urban style e rimandi stilistici autoctoni, conta tra i suoi plus la SPA (con linee di prodotti Elemis e Thalgo), il ristorante Caprice, il bar a bordo piscina con vista mare e un raffinato lounge bar. 68 le camere suddivise in differenti tipologie – alcune con vista mare – che includono anche romantiche honeymoon suites.

Posizionato a 45 minuti di auto circa dagli aeroporti di Pafos e Larnaka. www.lhondahotel.com

AGRITURISMO APERANTI: IL “CUORE VERDE” DI CIPRO, CON UN’ANIMA ITALIANA

Spesso, dietro ai luoghi con un carattere, si cela una bellissima storia
e così è per l’agriturismo Aperanti, situato nell’incantevole borgo di
Pera Oreinis – a soli 15 minuti dal complesso montuoso di Machairas e a 20 minuti da Lefkosia (Nicosia) – e nato dal desiderio di Sara e Tassos di dare vita a una modalità di ospitalità capace di unire lo spirito più autenticamente agricolo di Cipro e le attrattive di quella parte di entroterra dell’isola che ha saputo conservare una speciale integrità, basata sul rispetto del territorio e delle tradizioni. Sara è nata in Liguria e ha vissuto a Milano dove si è laureata in biotecnologie mediche. A Londra, dove risiedeva per seguire un dottorato in ematologia, ha conosciuto Tassos, originario di Cipro. E dopo qualche anno insieme hanno iniziato a pensare di cambiare radicalmente vita e di trasferirsi a Cipro, in campagna, per coltivare la terra e costruire anche un progetto di turismo sostenibile. Ce l’hanno fatta e hanno vinto addirittura vinto il premio Agriturismo: reinventare l’esperienza a Cipro! L’atmosfera di Aperanti comunica immediatamente l’amore di cui è frutto e un soggiorno in questa bellissima parte dell’isola, grazie alla preziosa capacità di Sara e Tassos di condividere con gli ospiti il loro progetto, permette di mettere veramente le mani in pasta, per imparare, ad esempio, come si fanno gli squisiti formaggi locali halloumi e anari e a produrre l’olio al frantoio locale. Una menzione speciale va anche ai corsi di cucina e alla varietà della loro produzione agroalimentare biologica che, oltre a olio e formaggi, conta profumatissime marmellate alle erbe aromatiche, paté di olive, ortaggi e… ricette speciali come quella dei ravioli con la menta. Tra le attività proposte, trekking, passeggiate a cavallo, kayaking. www.aperantiagrotourism.com

 

DA CIPRO CON STILE: MATTHEW ZORPAS, MAESTRO DI ELEGANZA TRA GLI UOMINI MEGLIO VESTITI AL MONDO

“Il principio dell’eleganza oggi è racchiuso nella scoperta di un dettaglio sbagliato”. Questa frase descrive alla perfezione il senso per lo stile di Matthew Zorpas, cipriota di nascita e, dai tempi dell’università, londinese di adozione (laurea alla London College of Communication e master alla London School of Economics), inserito da numerose classifiche tra gli uomini più eleganti del pianeta (nel 2011 “Esquire” l’ha messo al secondo posto) e da “GQ” tra i 5 fashion influencer da tenere d’occhio nel 2017.

Le sue dieci regole per diventare un gentleman rimbalzano sui siti di tutto il mondo e i marchi più prestigiosi se lo contendono in qualità di testimonial e consulente. Un viaggio tra le immagini del suo www.thegentlemanblogger.com e sui suoi profili social è letteralmente un’esperienza a stretto contatto con la bellezza. Intesa non tanto come qualcosa di strettamente legato al dato meramente estetico, ma come insieme armonico di differenti fattori. Vale la pena quindi di consultarlo per ispirarsi, trovare un consiglio, fugare un dubbio o semplicemente solo per farsi incantare da immagini e outfit. Tra le attività di Zorpas ci sono anche le numerose lezioni in differenti università in qualità di esperto di nuovi media e web marketing. A dicembre 2015, ne ha tenuta anche una a “casa sua”, all’università di Lefkosia (Nicosia).

Seguitissima, ça va sans dire!

COLLEGAMENTI AEREI (stagione autunno-inverno)
Easyjet mantiene i due voli settimanali diretti da Milano Malpensa su Larnaka Ryanair, da fine marzo, vola da Roma Ciampino verso Pafos, con due voli settimanali Aegean Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino e Napoli verso Larnaka , con scalo ad Atene.

Austrian Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Bologna, Venezia, Pisa e Napoli verso Larnaka, con scalo a Vienna.

CIPRO PER L’ITALIA

L’Ente Nazionale dl Turismo di Cipro, nel corso del 2017, prenderà parte a numerosi eventi fieristici.
I primi appuntamenti dell’anno prevedono:

dall’1 febbraio al 16 marzo, Travel Open Days, in differenti città italiane:
1/2 Roma, 2/2 Napoli, 8/2 Palermo, 9/2 Catania, 14/2 Milano, 17/2 Bergamo, 22/2 Verona, 28/2 Varese, 28/2 Como, 1/3 Genova, 8/3 Lecce, 9/3 Bari, 15/3 Monza, 16/3 Novara.

Dal 17 al 19 febbraio, a Firenze, TourismA, Salone Internazionale dell’Archeologia dal 24 al 26 marzo, a Napoli, BMT, Borsa Mediterranea del Turismo.

A VVERTENZE

L’Ente Nazionale per il Turismo di Cipro si impegna da anni strenuamente, anche tramite la voce dell’Ambasciata, ad informare i turisti, gli operatori e la stampa italiana sulla meta “Cipro Nord”. Invitiamo pertanto a leggere quanto dichiarato sul sito http://www.turismocipro.it dall’Ambasciata della Repubblica di Cipro:

http://www.turismocipro.it/file/A1)_TURISMO_NELLA_ZONA_OCCUPATA_DI_CIPRO_- _Comunicato_dell’Ambasciata_della_Repubblica_di_Cipro.pdf
e il comunicato ufficiale di Viaggiare sicuri della Farnesina: http://www.turismocipro.it/file/A2)_COMUNICATO_UFFICIALE_www.viaggiaresicuri.it_%20( Farnesina).pdf

Seguici su

Scarica qui la Mappa di Cipro http://www.turismocipro.it/file/Mappa_di_Cipro.jpeg

CONTATTI

Ente Nazionale per il Turismo di Cipro

Via A. Solari 13 – 20144 Milano
Tel. 02 58303328—Fax. 02 58303375
E-mail: info@turismocipro.it – Web: www.turismocipro.it
Orari d’apertura: dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 17.00 orario continuato Sito ufficiale per informazioni turistiche: www.visitcyprus.com
Sito Governativo ufficiale: www.cyprus.gov.cy

www.facebook.com/visitcyprus.italy/

Meta originale per la prossima estate ? Oceano – Paesaggi – Natura – Gastronomia

Se amate i grandi paesaggi atlantici, il cibo di mare, fare tante foto al tramonto e le passeggiate in bici, l’idea di andare su un’isola potrebbe essere vincente o meglio su più isole.

Ovviamente, il massimo sarebbe in bassa stagione; giugno o settembre (poca gente, prezzi più bassi; sarete trattati al meglio), ma questo non sempre è possibile.

Isola di Noirmoutier un luogo speciale.

L’Isola di Noirmoutier, è un’isola francese del dipartimento della Vandea vino a Nantes.
Un’incredibile varietà di paesaggi: spiagge, foreste, dune, paludi, caratterizza questa isola.

Per arrivarci, si prende il ponte o si aspetta la bassa marea.

Se siete golosi, qui trovate ottimi piatti a base di: patate di Noirmoutier, finocchio e sale marino, ma anche pesce, ostriche e crostacei.

Se siete golosi e intenditori:
La Marine
Guida MICHELIN 2016
3 r. Marie-Lemonnier, 85330 Noirmoutier-en-l’Île
Creativa|Pesce e frutti di mare
Da 68 EUR a 150 EUR Telefono +33251392309
Sito web http://www.alexandrecouillon.com

Anche altre isole della zona meritano una visita

Isola di Yeu; la più distante dal continente. Qui non perdetevi un caffè sul lungomare, poi noleggiate una bicicletta per visitare il resto dell’isola; sentieri sabbiosi portano verso la costa, le falesie irrompono sulla costa a sud dell’isola, bianche casupole e tanto altro …

Quattro altre isole indimenticabili (cinque con Fort Boyard).

Ré, chiamata “la bianca”, per i suoi paesini dalle case immacolate con le imposte verdi, ma anche le piste ciclabili.

Oléron, è un concentrato di natura e prodotti d’eccezione (le famose ostriche di Marennes Oléron).

L’isola di Aix è accessibile solo per mare.
Tranquillità assicurata; da visitare a a piedi o sulle due ruote.

Isola Madame; la costa nord accoglie delle palafitte in legno per pescare durante l’alta marea.

L’Isola di Ré è collegata al continente (La Rochelle) grazie a un ponte che permette l’accesso durante tutto l’anno.
Il suo numero delle ore di sole che non ha niente da invidiare a quello della Costa Azzurra.
Il paesaggio pianeggiante offre: natura, foreste e dune, meglio se in bici.
Ci si può spostare anche in carrozza.

Isola d’Oléron; è la più grande delle isole francesi dopo la Corsica. Oléron è collegata alla terraferma da un ponte maestoso di ben 3.027 m di lunghezza!
L’aspetto pianeggiante dell’isola la rende ideale per la bicicletta; 80 km di piste ciclabili vi attendono.
Case basse, persiane colorate, muri bianchi di calce, i profumi della flora, la varietà dei paesaggi e la dolcezza del clima, sono le caratteristiche di questa isola che è già fiorita a febbraio.
Oléron è uno dei centri più importanti per la produzione delle ostriche.

Da non perdere: una visita alla vicina città di Nantes e, se avete tempo, una puntata ai  non lontano Castelli della Loira.

Finnair nuove frequenze sulle destinazioni europee – Reykjavík nuovi voli dall’11 aprile 2017

Finnair aggiunge frequenze sulle destinazioni europee più popolari e rende annuale la tratta per Reykjavík

Grazie alla grande richiesta sulla tratta per Reykjavík, che inizierà l’11 aprile, Finnair ha deciso di aggiungere una quinta frequenza settimanale (il mercoledì) tra il 31 maggio e l’11 agosto, nonche’ di servire la destinazione durante tutto l’anno con tre frequenze settimanali durante la stagione invernale. Questi servizi sono integrati da voli operati da Icelandair con cui Finnair ha un accordo di code-share.

Finnair aumenterà anche la capacità di posti sui i voli verso la Danimarca aggiungendo una frequenza giornaliera su Copenaghen e mettendo a disposizione un aeromobile più grande sulla rotta per Billund. Dal 14 maggio 2017 saranno aggiunte cinque frequenze settimanali sulla rotta per Copenaghen, tra cui un volo che partirà alla mattina da Copenaghen per consentire trasferte di lavoro in giornata a Helsinki. Rispetto al 2016, Finnair sta aumentando la capacità sulla rotta Copenaghen del 21%. Finnair ha cominciato a volare a Billund la scorsa primavera e ora aumenterà la capacità sulla rotta tra giugno e agosto volando quattro giorni alla settimana con un Airbus A319, al posto di un E90. Con questa cambio di aeromobile, la capacità disponibile sulla rotta per Billund aumenterà del 11%.

L’anno scorso, Copenhagen è stata la nostra destinazione più gettonata dalla Cina e vediamo un grande potenziale in Danimarca con le nostre nuove destinazioni e piani di crescita”, dice Juha Järvinen, Chief Commercial Officer di Finnair. ” La scorsa primavera abbiamo inaugurato la rotta per Billund e siamo stati molto soddisfatti che ci sia una forte domanda dalla Finlandia per visitare Legoland, in particolare durante i mesi estivi. Questa rotta inoltre ha connessioni ottimali verso l’Asia, passando da Helsinki.”

Oltre all’aumento delle frequenze e della capacità di Islanda e Danimarca, Finnair aggiungerà frequenze sulle rotte di seguito:

· Una terza frequenza giornaliera verso Vilnius durante la settimana per tutto l’anno a partire dal 15 maggio in modo da aprire ulteriori collegamenti europei e a lungo raggio dalla capitale della Lituania
· Una frequenza giornaliera su Varsavia per l’alta stagione estiva tra il 5 giugno e il 4 agosto
· Una frequenza settimanale sulla rotta di Dublino per la stagione invernale 2017
· Il volo settimanale del sabato per Alanya-Gazipasa, Turchia, continuerà anche dopo la conclusione della stagione estiva, fino alla metà del mese di dicembre

“Il nostro viaggio verso la crescita continua e siamo molto soddisfatti della nostra gamma di destinazioni a corto raggio per il 2017”, aggiunge Järvinen. “Questi cambiamenti e sviluppi per la nostra compagnia aerea riflettono l’aumento della domanda, sia da parte dei nostri clienti asiatici sia di quelli europei verso le rotte più popolari in Europa”.

Crociere ai Caraibi – MSC grandi novità per novembre 2018

Una destinazione unica nei Caraibi che ospiterà in esclusiva i passeggeri di MSC Crociere
da novembre 2018

MSC CROCIERE, INIZIANO I LAVORI ALLA RISERVA MARINA DI OCEAN CAY

– MSC Crociere,  ha dato il via oggi ai lavori alla Riserva Marina di Ocean Cay. Situata a sud di Bimini nelle Bahamas, l’isola è destinata a diventare – da novembre 2018 – un paradiso naturale eslcusivo per gli ospiti di MSC Crociere.

Gianluca Suprani , Head of Global Port Development and Shore Side Activities di Msc Crociere, ha aggiunto:

  • Situata a sole 65 miglia ad est di Miami, in Florida, Ocean Cay MSC Marine Reserve ha 3.8 chilometri di litorale con acque cristalline e un ecosistema marino unico.
  • L’isola ha alcune delle più belle spiagge di aragonite in tutto il mondo e, una volta che avremo completato i lavori, le acque circostanti potranno essere nuovamente la casa di coralli e di una ricca varietà di specie aquariche.
  • Ocean Cay Marine Reserve, diventerà una meta davvero esclusiva permettendo agli ospiti di MSC Crociere di vivere il meglio che i Caraibi hanno da offrire.”

A completare il tutto, il piano paesaggistico vedrà la piantumazione più di 80 alberi, erbe, fiori e arbusti tipici dei Caraibi, che consentiranno di ricreare un habitat naturale lussureggiante.

Lo sviluppo della Riserva Marina Ocean Cay fa parte del piano industriale di MSC Crociere del valore di 9 miliardi di euro, che prevede la costruzione di fino a 11 navi nuova generazione la cui entrata in servizio è prevista tra il 2017 e il 2026. La prima fase di sviluppo del riserva marina prevede la demolizione delle infrastrutture industriali esistenti così da poter ricreare nuovamente una riserva marina incontaminata.

Parlando alla cerimonia inaugurale, Pierfrancesco Vago , Executive Chairman di MSC Crociere, ha commentato: ” Lavorando a stretto contatto con il Governo delle Bahamas, il nostro obiettivo è quello di trasformare un deserto industriale in un ambiente accogliente sia per l’uomo che per la natura, riportando l’isola e le acque circostanti al loro stato originale. In questo modo, potremo rafforzare l’importante investimento del nostro Gruppo per l’economia delle Bahamas, offrendo anche opportunità di lavoro a lungo termine per la popolazione locale .

“A testimonianza della nostra capacità innovativa, il molo appositamente costruito consentirà alle nostre navi da crociera di attraccare direttamente a Ocean Cay MSC Marine Reserve. L’isola diventerà così una vera e propria estensione della nave”.

MSC Seaside e le altre navi di MSC Crociere operative ai Caraibi inseriranno regolarmente Ocean Cay MSC Marine Reserve nei loro itinerari da novembre 2018. Per maggiori informazioni sugli itinerari e la destinazione, è possibile visitare il sito https://www.msccrociere.it/it-it/Destinazioni-Crociera/Caraibi-Cuba-Antille/Bahamas/Ocean-Cay-MSC-Marine-Reserve.aspx

TRAGHETTI E’ ORA DI PRENOTARE !!! – Corsica Sardinia Elba Ferries è tempo di prenotare … a rate !

Corsica Sardinia Elba Ferries: con tre rate per pagare è tempo di prenotare!

Un servizio semplice, sicuro, conveniente e senza interessi.

Savona-Vado, 16 gennaio 2017 – Corsica Sardinia Elba Ferries conferma il pagamento in 3 rate del biglietto: Corsica, Elba e Sardegna sono a portata di click!

Più in dettaglio: il pagamento in 3 rate è possibile, al momento della prenotazione, a condizione che l’importo del biglietto sia superiore a 200 euro, che la data di partenza sia superiore ai 70 giorni e che si sia in possesso di una carta di credito (Visa, Mastercard o American Express). Nessun costo aggiuntivo per i biglietti a tariffa Flex; negli altri casi, per accedere al servizio, viene addebitato un importo di 6 euro.

Queste le scadenze delle rate:
1° scadenza – Il giorno dell’acquisto, alla conferma della prenotazione;
2° scadenza – 30 giorni dopo la data d’acquisto;
3° scadenza – 60 giorni dopo la data d’acquisto.

“Questo servizio è molto apprezzato dai nostri clienti, poiché è semplice, sicuro, conveniente e senza interessi. La nostra politica commerciale è sempre stata orientata alla soddisfazione dei passeggeri e con questa soluzione rendiamo più conveniente l’acquisto delbiglietto per Corsica, Sardegna e Isola d’Elba” commenta Raoul Zanelli Bono, Direttore Commerciale di Corsica Sardinia Elba Ferries.

Maggiori dettagli e condizioni su www.corsica-ferries.it

§§§

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.
La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.
Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.
Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.
Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.
A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

QATAR INVESTE SUL TURISMO ANCHE CULTURALE

Qatar Tourism Authority

Cultura
Dia al-Azzawi: A Retrospective (from 1963 until tomorrow) Exhibition
Qatar Museums presenta la mostra dell’acclamato artista iracheno Dia al-Azzawi intitolata “I am the cry, who will give voice to me? * Dia al-Azzawi: A Retrospective (From 1963 until tomorrow)”. Le 500 opere distribuite su 9.000m2, saranno esposte fino al 16 aprile 2017 al MATHAF: Arab Museum of Modern Art e alla QM Gallery Al Riwaq.
Per maggiori informazioni: www.qm.org.qa/en

Picasso-Giacometti Exhibition
Qatar Museums in collaborazione con Musée National Picasso e la Foundation Giacometti presentano la prima mostra interamente dedicata a Pablo Picasso e ad Alberto Giacometti. L’esibizione si terrà dal 22 febbraio al 21 maggio 2017 presso la Fire Station Artist in Residence di Doha, il primo museo del Medio Oriente a dedicare una rassegna a questi due artisti, con oltre 80 opere esposte.
Per maggiori informazioni: www.qm.org.qa/en

Le notizie sul nostro viaggio e foto in Qatar al link: http://www.donnecultura.eu/?p=10787

– Il Qatar è una delle destinazioni turistiche emergenti più interessanti, perfetta per coloro che vogliono scoprire le tradizioni e la cultura locale, ma anche per chi vuole concedersi una vacanza all’insegna dell’avventura o semplicemente partire per una fuga di relax.

L’incredibile varietà di eventi e attrazioni, e il recente lancio del visto di transito da novembre 2016, rendono il Qatar una delle destinazioni assolutamente da visitare nel 2017.
Maggiori informazioni sul Qatar su www.visitqatar.qa/it

STOP OVER – SCOPRI IL QATAR– É molto semplice!

I passeggeri in stop over hanno oggi un motivo in più per fermarsi in Qatar. Grazie alle nuove disposizioni, è possibile ottenere il visto di transito gratuito di 96 ore per immergersi nella cultura e nelle tradizioni del Paese. Come fare? Per godersi questa perla del Golfo prima di raggiungere la destinazione finale del proprio viaggio, è sufficiente procedere con la richiesta online almeno 7 giorni prima della partenza. Il visto di transito gratuito è un’opzione esclusiva per i passeggeri che volano con Qatar Airways. Per maggiori informazioni: www.qatarairways.com

Eventi
Shop Qatar

Fino al 7 febbraio 2017 è in programma la prima edizione di Shop Qatar con sconti fino al 50% su abbigliamento e accessori, prodotti di tecnologia e cosmesi. I centri commerciali che aderiscono all’iniziativa sono: Mall of Qatar, Ezdan Mall, Hyatt Plaza, AlKhor Mall, Lagoona Mall, Gulf Mall, Landmark, Dar Al Salam Mall, The Gate e The Pearl-Qatar.

Shop Qatar ha anche l’intento di promuovere le creazioni realizzate da studenti e designer qatarioti attraverso la vendita in alcuni pop-up store all’interno dei centri commerciali che partecipano all’iniziativa.

Il Festival prevede inoltre una serie di spettacoli tra cui Cats, classico di Broadway, concerti di musica dal vivo, stand-up comedy con star internazionali come Trevor Noah e un fashion show a conclusione della manifestazione. Tra i partner del festival ci sono il nuovissimo Mall of Qatar, Qatar Airways e Ezdan World.
Per maggiori informazioni: www.shopqatar.qa

Doha Jewellery & Watches Exhibition

Dal 20 al 25 febbraio 2017 si terrà presso il Doha Exhibition and Convention Centre (DECC) la 14a edizione della Doha Jewellery and Watches Exhibition (DJWE 2017) in cui saranno messi in mostra orologi di lusso e gioielli di oltre 500 brand provenienti da tutto il mondo. Alla manifestazione saranno esposti anche pezzi unici che rappresentano la creatività e l’abilità degli artigiani, edizioni limitate e le ultime novità dell’industria del lusso.

L’evento di quest’anno presenterà una lista di grandi brand internazionali che includono Chanel, Cartier, Rolex, Van Cleef & Arpels, Boucheron e David Webb a cui vanno aggiunti brand locali e regionali.
Per maggiori informazioni: www.djwe.qa

Qatar International Food Festival (QIFF)

Dal 23 marzo al 7 aprile 2017 si terrà invece il Qatar International Food Festival (QIFF), giunto all’ottava edizione. Il festival darà risalto alle diverse proposte culinarie del Qatar, unendo prodotti locali e cucina internazionale.

I visitatori avranno così l’opportunità di assaporare e conoscere la gastronomia del Medio Oriente, ma anche di intraprendere un tour del mondo culinario grazie alle specialità internazionali presenti in tutti gli stand. Alla vasta offerta culinaria si aggiungono show cooking di rinomati chef per delle vere e proprie dining experience. Per maggiori informazioni: www.qifoodfestival.com

Sport
Commercial Bank Qatar Masters
Dal 26 al 29 gennaio 2017 torna il Commercial Bank Qatar Masters, uno dei più attesi eventi sportivi e di golf del Qatar che quest’anno è giunto alla sua ventesima edizione.

Nel 2016 più di 25.000 spettatori e oltre 400 milioni di telespettatori hanno visto trionfare Branden Grace, il primo ad aver vinto due volte il torneo. Quest’anno a contendersi il premio da 3 milioni di dollari gareggerà per la prima volta il pluripremiato Graeme McDowell, oltre alle star della Ryder Cup. Per maggiori informazioni: www.qatar-masters.com

Doha Triathlon
Dal suo debutto alle Olimpiadi di Sidney nel 2000, il Triathlon ha registrato una forte crescita e un grande interesse, e in uno stato come il Qatar, caratterizzato da inverni caldi, acque azzurre ed estese pianure, questo sport ha preso ancora più piede.

Il 20 gennaio 2017 il TriClub Doha organizza il Doha Triathlon. I partecipanti nuoteranno nelle tranquille acque della baia di Doha prima di continuare il percorso in bici lungo la Corniche verso l’imponente torre della West Bay, e da qui torneranno al parco dell’iconico Museum of Islamic Art (MIA) per iniziare la parte conclusiva della gara dedicata alla corsa. Gli atleti correranno nella rigogliosa oasi verde che è il parco del MIA e termineranno di fronte alla celebre scultura “7” dell’artista americano Richard Serra. Per maggiori informazioni: www.dohatriathlon.com

Qatar Tourism Authority (QTA)
Da tempo riconosciuto dalla leadership del Paese come possibile via per sostenere lo sviluppo del Qatar, il turismo è ora stato dichiarato settore di prioritaria importanza per il governo. La missione di Qatar Tourism Authority è quella di posizionare sulla mappa globale in maniera perentoria il Qatar quale destinazione turistica di prim’ordine con forti radici culturali. Nel 2014, QTA ha lanciato Qatar National Tourism Sector Strategy (QNTSS), i cui obiettivi primari sono la diversificazione dell’offerta turistica del Paese e l’incremento dell’apporto del turismo all’economia del Qatar entro il 2030.
Per raggiungere questo obiettivo QTA lavora in collaborazione con stakeholder pubblici e privati, pianificando, regolando e promuovendo un’industria del turismo sostenibile e differenziata.
Sul fronte della pianificazione, QTA identifica diverse tipologie di prodotti e servizi turistici che possono contribuire ad arricchire l’esperienza turistica in Qatar e lavora per attrarre investimenti per la loro realizzazione.
Sul fronte della regolazione, QTA assicura che tutti gli interlocutori del settore del turismo operino secondo i più alti standard, al tempo stesso valorizzando la cultura del Qatar.
QTA promuove il Qatar come destinazione turistica in tutto il mondo attraverso la sua strategia di destination branding, uffici di rappresentanza internazionali, partecipazione a fiere e lo sviluppo di un ricco calendario di festival ed eventi. QTA ha uffici di rappresentanza a Londra, Parigi, Monaco, Milano, Singapore, Istanbul, New York e Riyadh a supporto della promozione di QTA.
Dal lancio di QNTSS, Qatar ha accolto oltre 7 milioni di visitatori e raggiunto una crescita media all’anno dell’11,5% tra il 2010 e il 2015. L’impatto economico del turismo in Qatar è sempre più visibile sulle stime del 2014 con un impatto del 4,1% sul PIL totale.

Stanchi del freddo – Voliamo al caldo – Almeno con il pensiero – USA – Florida Sanibel Island

DCIM101GOPRO

Inverno al caldo – USA – Florida Sanibel Island – Spiagge da sogno e incontaminate – Tra Miami e Tampa sulla costa occidentale della Florida

Sanibel è l’isola “paradisiaca”, cantata da Crosby, Stills, Nash & Young.

Potete volare su Miami o su Tampa; secondo i vostri gusti, i prezzi e i tempi degli aerei che trovate.

L’isola di Sanibel, è caratterizzata da una bellissima spiaggia di conchiglie, disseminate ovunque, mare limpidissimo e caldo.

CAMMINANDO ALL’ALBA:
si possono incontrare esemplari di conchiglie di dimensioni veramente considerevoli, ma anche la concorrenza di altri raccoglitori è notevole.

SPLENDIDI I TRAMONTI

Non solo Sanibel, ma anche la vicina isola di Captiva, offre magnifiche spiagge di sabbia e tanta tranquillità.

Entrambe le isole sono collegate a Fort Myers da una strada di 5 km; molto bella da percorrere.

Captiva vanta due stazioni balneari ben strutturate e numerose gallerie d’arte, mentre Sanibel dispone di diverse possibilità di visite culturali e ricreative; il faro che risale al 1884, il Matthews Shell Museum, il Museo di Storia, il Parco di Tarpon Bay (noleggio di kayak e canoe)e la Riserva Nazionale di JN.

Ancora poco frequentate queste due isole offrono riparo a molti animali selvatici come: alligatori, aironi e egrette.

Sanibel e Captiva sono molto apprezzate dagli appassionati di birdwatching.

NOTA NEGATIVA PER CAPTIVIA: parcheggi inesistenti, solo sulla punta nord dell’isola.

VACANZE SICURE E ZONE A RICHIO TERRORISMO – PAESI DA EVITARE

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata; numerosi gli arresti e gli attentati evitati grazie alle polizie di vari Paesi. In primis. Francia e Inghilterra.

Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono Daesh (Isis): Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro; ci si può fare molto male anche stando in casa

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

Farnesina: 

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

Vedi http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Noi Europei non siamo abituati a convivere con la violenza sin da bambini, come succede da sempre agli israeliani.

Dobbiamo imparare a vivere senza avere terrore addosso, altrimenti, la nostra vita e di quelli che ci stanno vicino diventerebbe un inferno.

Per fare un esempio, i bambini israeliani, sono abituati a leggere, nelle loro scuole, i manifesti che danno le regole da seguire quotidianamente. Piccole attenzioni da mettere in atto, per essere vigili, ma non ossessionati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta,  buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre  dai dati in nostro possesso.

E’ anche evidente che alcuni Paesi sono, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri. Sicuramente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi o sui Pirenei,  danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

Questo dicevano le autorità USA, prima degli ultimi attentati in Europa: NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI.

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo e perché crede nella vendetta religiosa; propagandata dai terroristi internazionali.  Ovviamente i grandi assembramenti di persone fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa diceva il comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

——–

ULTIMA INFORMAZIONE RIGUARDA IL VIRUS ZIKA:

Sconsigliati dal nostro Ministero degli Esteri i viaggi nei Paesi colpiti, per evitare la diffusione del virus in Europa; poiché già da Marzo, in alcuni Paesi della fascia tropicale, inizia la diffusione della zanzara tigre, uno dei trasmettitori del virus. Ora è stata dimostrata anche la trasmissione per via sessuale.

Paesi sconsigliati:

1° il BRASILE dove il virus si  è diffuso a macchia d’olio, tanto che nel 2016, alcuni carnevali sono addirittura stati cancellati; molto si sta facendo, ma il rischio rimane

-ANCHE IN ALCUNE PARTI DELLA FLORIDA E’ STATO DATO L’ALLARME VIRUS ZIKA

Per precisazioni sul virus ZIKA vedi anche al link http://www.donnecultura.eu/?p=28505

—–

PAESI DOVE SI POSSONO INCONTRARE PROBLEMI DI VARIO GENERE, DALLA SALUTE AL TERRORISMO

Premesso che l’industria turistica è una delle più importanti, in molti Paesi del mondo e che smettendo di viaggiare e lasciandoci prendere dal panico, contribuiamo al crollo della nostra economia turistica; che è quello che i terroristi vogliono.

Premesso che il rischio terrorismo, per il viaggiatore, è enormemente inferiore, nel calcolo matematico delle probabilità,  del mettersi in auto e attraversare le autostrade italiane; soprattutto in tempo di grande traffico, vi riportiamo i dati relativi ai Paesi più a rischio.

Vedi anche ulteriori recenti precisazioni al link: http://www.donnecultura.eu/?p=25860

PER SERI E COSTANTI AGGIORNAMENTI VEDI https://www.gov.uk/foreign-travel-advice , in inglese, l’UNICA vera fonte di informazioni  precise per veri viaggiatori. IN INGLESE, ma si può usare Google traduttore.

VIAGGI E  PERICOLI DA EVITARE :

RICORDATE SEMPRE CHE OGNI GRANDE ASSEMBRAMENTO DI PERSONE E’ UNA TENTAZIONE PER I TERRORISTI: GRANDI EVENTI ECC …

Premesso che nessuno, di questi tempi, può fare previsioni sicure al 100% :

-tra i pochi Paesi dove il terrorismo, a oggi, non ha possibilità di svilupparsi, troviamo: Islanda e Vietnam;

-relativamente sicura anche la Svizzera e ogni località di montagna, italiana e non, fuori dalle mete più famose e affollate

-con più la località è piccola e poco rinomata, più è difficile che diventi oggetto di interesse per i terroristi; si tratta di un calcolo delle probabilità, non di una certezza.

————

SECONDO IL QUOTIDIANO THE WEEK I PAESI PIU’ PERICOLOSI NEL MONDO SONO:
Syria
Iraq
Afghanistan
South Sudan
Central African Republic
Somalia
Sudan
Democratic Republic of Congo
Pakistan
North Korea

—-

In questo momento, in particolare, è poco sicuro il Venezuela; paese comunque da sempre DIFFICILE COME SICUREZZA.

—–

ANCHE HAITI RIMANE UN PAESE PERICOLOSO; secondo le informazioni del governo USA; vedi al link (IN  INGLESE;  ma potete usare Google traduttore per avere una discreta traduzione immediata) https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html

Nessun problema per chi viaggia con i gruppi organizzati, ma il MESSICO, se si viaggia da soli, richiede molte precauzioni; come ben sanno i veri viaggiatori; anche per molti altri Paesi.

—-

I PAESI, INDICATIVAMENTE, PIU’SICURI ( ma alla luce degli ultimi fatti, anche gli aeroporti potrebbero essere a rischio ):

-VIETNAM 

-ISLANDA

-SVEZIA

-AUSTRIA

-NUOVA ZELANDA

-FINLANDIA

-SVIZZERA-

-CANADA

-GIAPPONE

-AUSTRALIA

-REPUBBLICA CECA

Ma nessuno può garantire nulla in questo momento di dilagante terrorismo.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA DELLA SITUAZIONE ATTUALE

La Francia aveva avvisato da mesi, segnalando le zone sconsigliabili per i turisti, dopo l’ultimo attentato a Parigi:

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul

——-

EGITTO

SCONSIGLIABILE in generale, ma ci sono zone meno rinomate e più sicure.

TUTTE LE ZONE INTORNO ALLE aree CONQUISTATE DA Daesh   (SI CONSIGLIA SEMPRE DI SCRIVERE DAESH E NON ISIS; che sarebbe un riconoscimento ufficiale per lo Stato Islamico) DOVREBBERO ESSERE CONSIDERATE PERICOLOSE (al nord), VISTO CHE HANNO INIZIATO AD UTILIZZARE ANCHE RAZZI CHE COLPISCONO GLI AEREI .

——————

La società britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha  stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista:

USA

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio negli Usa, dovrà sapere che una volta arrivati a destinazione, si troverà davanti a continui ed incisivi controlli, soprattutto nelle zone sensibili.

FRANCIA -BELGIO- GRAN BRETAGNA 

Con la Gran Bretagna, ANCHE LA FRANCIA E IL BELGIO , DOPO GLI ULTIMI EPISODI, RIMANGONO PESI NEL MIRINO DEI TERRORISTI.

ORA ANCHE LA GERMANIA POTREBBE DIVENTARE UN BERSAGLIO (lo è stato negli accerchiamenti e violenze verso le donne, durante il Capodanno 2015-2016 e lo è diventato anche il 23.7.16, nel dicembre 2016 una donna è stata spinta e fatta cadere, di proposito, dalle scale della metropolitana; mentre il gruppo di uomini, da cui è partito l’aggressore, stava a guardare)

COMUNQUE E IN QUALUNQUE LUOGO, A NOSTRO PARERE, LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E’ SEMPRE UN ATTO;  la situazione rischia di peggiorare con l’aumento di CULTURE E MASCHILISTI (anche in casa nostra) ostili alla LIBERTA’ DELLE DONNE.

-Il rischio violenza, obbliga le donne a vivere nella paura ogni volta che si ritrovano sole, anche andando al lavoro in orari di poco traffico o, da ora, in ogni assembramento per festeggiamenti. QUESTO E’ UN MODO DI TOGLIERE ALLE DONNE LA TRANQUILLITA’ E LA LIBERTA’.

—————

AGGIUNGIAMO COME  DESTINAZIONI ALTAMENTE PERICOLOSE:

ISTANBUL

Bellissima città, ricca di storia e arte; senza tralasciare gli indimenticabili colori e suggestioni dei tramonti sul Bosforo. Qui l’ Oriente incontra l’ Occidente, ne sono testimonianza le bellezze architettoniche, ma anche l’eccellente cucina, Istanbul è meravigliosa, ma purtroppo sempre più pericolosa, soprattutto per donne sole.

KENYA

Bellissimo Paese, purtroppo ultimamente oggetto di diversi attacchi terroristici.

ZANZIBAR

In passato non sono mancati episodi di violenza contro i turisti occidentali. E’ stato anche buttato dell’acido contro una turista donna (anni fa).

LA SITUAZIONE MONDIALE SUGGERISCE CHE ORMAI A RISCHIO SONO TUTTI GLI OBBIETTIVI TURISTICI; GRANDI CITTA’ CHE ATTIRANO GRANDI NUMERI DI TURISTI, PER DARE AGLI ATTACCHI TERRORISTICI UN GRANDE IMPATTO MEDIATICO.

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti dove non è assolutamente consigliato recarsi.

ELENCO DEI PIÙ PERICOLOSI…SECONDO L’AUTOREVOLE QUOTIDIANO THE GUARDIAN

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla, ma è fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro, mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica: i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nella periferia e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia; ora le tensioni sono rientrate

8) Colombia si spera che la riconciliazione con le bande delal droga porti a un periodo di pace (Sino a ieri: rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali a causa anche dei campi minati, crimine organizzato e traffico di droga rimangono i problemi più seri)

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericolosi oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia: qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla, per l’alto tasso di crimini armati e le dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui è in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai, ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo COME IL PERICOLO DI VIOLENZE CONTRO LE DONNE.  Nessun rischio per i viaggi organizzati da T.O.  esperti.

18) Messico: NESSUN PERICOLO PER I VIAGGI ORGANIZZATI, mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici.

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… TUTTAVIA LE VIOLENZE NON SONO QUASI MAI CONTRO I TURISTI CHE SONO MOLTO PROTETTI DALLA SICUREZZA LOCALE

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

21) INDONESIA: il grande numero di mussulmani estremisti, fa considerare questo Paese ad alto rischio terrorismo; anche se le autorità sono molto severe al riguardo.

Bali rimane il luogo più sicuro dove vigono controlli molto seri da parte delle autorità locali PER PROTEGGERE I TURISTI 

Il turismo a Bali; base dell’economia; ma non si può escludere che facinorosi sbarchino dalle isole vicine per ripetere un attentato dopo quello che avvenne, anni fa, in una discoteca per ” vendicare ” i costumi  ” dissoluti ” (per gli estremisti islamici) dei turisti australiani, in particolare; ma a rischio sono sempre i grandi assembramenti, molto meno la quotidianità del turista che viaggia e sta in spiaggia.

Dobbiamo segnalare un RECENTE attentato a Jakarta, la capitale sulla costa nordoccidentale dell’isola di Giava.

Come pure nel  BANGLADESH.

Ecco cosa riporta la Farnesina (tutto estremamente generico):

Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili. Oggi, più che in passato, appare dunque necessario verificare e comprendere preventivamente il contesto nel quale ogni cittadino verrà a trovarsi nel corso della sua permanenza all’estero, utilizzando le fonti d’informazione disponibili e, soprattutto, quelle messe a disposizione dalla Farnesina, frutto di un qualificato lavoro di analisi volto a favorire scelte di viaggio consapevoli e responsabili. Tra le fattispecie di rischio che possono coinvolgere i cittadini italiani fuori dai confini nazionali, la più pericolosa oggi è certamente quella della crescente aggressività di nuovi gruppi terroristici che compiono attentati o sequestri di persona anche in aree considerate sinora sicure. Le azioni delle formazioni terroristiche non colpiscono solo obiettivi istituzionali ma anche i c.d. “soft target” (come eventi sportivi, teatri, ristoranti, hotel, club, scuole, centri commerciali e installazioni turistiche, oltre che mezzi di trasporto aerei, marittimi e terrestri) in particolare quelli con elevata presenza di cittadini stranieri. Questi attacchi, seppur effettuati in maggior misura in Paesi e aree in situazioni belliche o notevole criticità come Siria, Libia, Iraq o Afghanistan, non hanno tuttavia risparmiato capitali europee e di altri Paesi. Anche a fronte dell’intenso lavoro di monitoraggio e analisi degli organi preposti è molto difficile prevedere tali eventi, come dimostrano recenti tragici episodi. E’ in ogni caso opportuno che prima di ogni spostamento all’estero i connazionali tengano conto delle indicazioni messe a loro disposizione, valutando attentamente la situazione del Paese che intendono visitare. Una volta assunta responsabilmente la decisione di intraprendere un viaggio, si raccomanda ai connazionali di mantenere comunque un atteggiamento vigile e un comportamento adeguato alle località visitate, soprattutto laddove la situazione è precaria.

Si suggerisce di comunicare gli spostamenti attraverso il sito www.dovesiamonelmondo.it (QUESTA E’ L’UNICA NOTA VERAMENTE SERIA E SPECIFICA) del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Questo sito  ci è apparso chiaro solo ricco di GIA’ NOTISSIMI dati generici. ASSOLUTAMENTE VAGO,  per dati specifici e aggiornamento in tempo reale.

— DECISAMENTE MEGLIO IL SITO https://www.gov.uk/foreign-travel-advice ; aggiornato, chiaro  e ben fatto; solo in inglese, ma potete usare Google traduttore con copia e incolla. Entrate nel sito e cliccate il Paese che vi interessa; troverete SERIE AGGIORNATE INFORMAZIONI.

Ottimo anche il sito USA : https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html IN INGLESE (usate Google traslator per leggere in italiano).

Le zone più a rischio, secondo la nostra Farnesina:

– Libia

– Israele il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

-Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheik, sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell’Alto Egitto e in quelle del Mar Mediterraneo (dopo il recente attacco a Hurgada, anche le zone turistiche sono a rischio).

-Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica

– Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

-IL PERICOLO Ebola sconsiglia i viaggi in Sierra Leone, ( NOSTRO AGGIORNAMENTO: dopo la Liberia, anche la Sierra Leone, è ‘Ebola free’: l’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato la fine della trasmissione del virus Ebola nel paese ),

-Kenya ha da poco subito attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu per il progressivo aumento del rischio per il crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali particolarmente attivi nella contea di Lamu

-Indonesia resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti. BALI: un nuovo attacco terroristico è sempre possibile.

-Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danni di turisti

-Taiwan rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale

—————

SALVADOR :

481 omicidi nel mese di marzo 2015, con una media di 15 al giorno: questo è il, poco invidiabile, record del Salvador.

Il Paese stava cercando di introdursi nel business mondiale del turismo, un Paese che avrebbe molto da offrire anche al viaggiatore più attento ed esigente; peccato che con questo record si sia mangiato questa allettante possibilità.  Anche se, è bene precisare, le zone pericolose sono abbastanza circoscritte.

La causa di tanta violenza è da attribuirsi alla rottura della tregua tra le gang locali.

Con questo “record” il Salvador ha superato l’Honduras quale paese, senza guerre, più letale del mondo.

——-

A TOKYO SOLO PER ASSAGGIARE – Innamorati della cucina giapponese ? Il massimo per voi è un volo …. un lusso per pochi

UNA PAZZIA PER SOLI INTENDITORI

Con circa 450 euro potete trovare, se vi informate per tempo, un volo dall’Italia a Tokyo.

Quello che vi proponiamo non è per tutti, ma per pochi appassionati che sinao in grado di apprezzare questo vaiggio  culturale nella cucina giapponese.

——–

SIAMO A TOKYO E COMINCIAMO DALL’ APERITIVO

Bar Higt Five:

– uno dei migliori bar-cocktail del mondo; fantastica la pina colada, ma non solo. Qui i cocktail non sono serviti con ombrellini; sono solo per seri intenditori.

L’eccentrico capo-barman, Hidetsugu Ueno San, ha reso il Bar Higt Five uno dei bar in stile classico più apprezzati e popolari di Tokyo.

Non chiedere un menu, non esiste;  vi chiederanno i vostri gusti, fidatevi.

Bar Higt Five: Efflore Ginza5 Bldg. BF, 5-4-15 Ginza Chuo-ku, Tokyo, Tokyo (situato nelle avenue del quartiere bilionario di Ginza, ma non cercate l’indirizzo su google maps) – Telefono: +81 3-3571-5815 – controllate orari di apertura (di solito dalle 17 alla 1 di notte).



” nagi “ in zona:  Golden Gai

PER MANGIARE IL RAMEN

” nagi “; il Ramen che servono è davvero unico.

Se siete apapssionati di rame potreste pensare che: varrebbe la pena di fare un viaggio Italia- Tokyo solo per mangiare questi favolosi ramen di ” nagi “

Consigliato: super Ramen ai frutti di mare.

Il Golden Gai era una zona riservata ai giapponesi; ora è molto cambiata e i bar (anche con solo 3 posti- 4) li trovate lungo la strada, ma anche al primo piano; non c’è più l’atmosfera di una volta (ai tempi era anche una zona di prostituzione); ma può essere una buona idea alla ricerca del vero Giappone; anche di come sta cambiando).

Indirizzo ” nagi ” : Giappone, 〒160-0021 Tokyo, 新宿区Kabukicho, 1−1−10 – Orari: Aperto 24 ore su 24- Telefono: +81 3-3205-1925


AL MERCATO PER COMPRARE IL KOMBU, il Kombu non è un’alga, ma è molto simile e serve pe rfare il brodo; IL KOMBU CHE PROVIENE DA HOKKAIDO è il  migliore del mondo.

Alga NORI; indispensabile per il Ramen (quello coreano è condito; più saporito), lo potete trovare ottimo anche a Tokyo.


UNA PUNTATA A KYOTO CON IL TRENO SUPER-VELOCE

Siamo qui anche per l’alta cucina giapppnese; qui a Kyoto è presente uno dei ristoranti più raffinati e migliori del mondo (ovviamente il costo è adeguato).

Ma prima andiamo al mercato Nishiki Market; tutto è super: coltelli, cibo … Qui trovate ogni specialità, anche a base di uova biologiche.

Non perdete il negozio che vende solo verdure sott’aceto; provate.


KIKUNOI

” Al Kikunoi trattiamo ognuno dei nostri piatti come espressione della vita stessa, senza mai dimenticare quanto dobbiamo natura.

Evoluzione della cucina vegetariana-buddsita. Qui la natura viene esaltata al massimo. Ogni tavolo è in una stanza riservata. Locale raffinato; come i piatti serviti da cameriere in kimono.

Esiste da 300 anni.

Uno dei migliori ristoranti al mondo

Spesa media 850 euro in due persone.

Esperienza mistica.

Indirizzo: Giappone, 〒605-0825 Kyoto Prefecture, Kyoto, 東山区 下河原通八坂鳥居前下る下河原町459
Telefono: +81 75-561-0015
Orari: Oggi aperto · 11:30–13, 17–20

E’ possibile prenotare direttamente online: https://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&prev=search&rurl=translate.google.it&sl=en&sp=nmt4&u=https://kikunoi.jp/reserve/en/agree&usg=ALkJrhjeU0JiA_x9ytmtU6C_IhqsFsW-6g