La Russia di Vladimir Putin aiuta il regime di Nicolas Maduro in Venezuela?

La Russia di Vladimir Putin, attraverso la controllata statale Rosneft, pare stia aiutando il regime di Nicolas Maduro in Venezuela.

Il Venezuela, in questo momento, ha un bisogno DISPERATO di denaro per sopravvivere.

Ovviamente Mosca non aiuterebbe senza una grossa ricompensa:

— negli ultimi mesi, importanti contratti di sfruttamento  delle risorse naturali venezuelane in cambio di prestiti  hanno permesso a Caracas di non dichiarare bancarotta.

La Cina,  avrebbe chiuso i rubinetti dei pagamenti per i  ritardi nei pagamenti e per i problemi  con la corruzione endemica  che riduce i profitti.

Il Cremlino si trova in una posizione di forza; è l’unico che sta dando denaro e quindi ne approfitta al massimo.

In realtà, dal 2013,  la Russia è un alleato privilegiato del chavismo, ma riesce a vendere petrolio venezuelano perfino agli Stati Uniti.

Rosneft, in questo momento sta trattando circa 225.000 barili di greggio venezuelano al giorno; il parlamento, controllato dall’opposizione, ma senza potere in questo momento, non ha mai riconosciuto il valore di questi contratti, ma l’Assemblea costituente intende rispettarli.

Nel 2006 la Russia aveva firmato contratti per 4 miliardi di dollari e per la fornitura di armi al Venezuela.

Oggi, il presidente Maduro chiede aiuto a Mosca attraverso l’azienda petrolifera di Stato PDVSA che avrebbe incassato dalla russa Rosneft 6 miliardi di dollari.

Dal 2006 i miliardi arrivati in Venezuela sono stati almeno 17; così Mosca si è ASSICURATA la sua presenza in Venezuela e Maduro continua a contarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*