Archivi categoria: “LA STANZA DELL’AMBRA”

racconto storico-rosa-giallo

” LA STANZA DELL’AMBRA ” ULTIMA REVISIONE CAPITOLO 3°

San Pietroburgo notti bianche 3

San Pietroburgo, nelle notti bianche dalla cattedrale di Sant'Isacco.
San Pietroburgo, nelle notti bianche dalla cattedrale di Sant’Isacco.

” LA STANZA DELL’AMBRA “

Il titolo è stato ispirato dal più prezioso manufatto artigianale del mondo: la Stanza dell’Ambra ( o Camera dell’Ambra ); chiamata anche l’ottava meraviglia del mondo.

Nel libro si parla di quanto realmente accaduto a Leningrado ( oggi San Pietroburgo ) durante la Seconda Guerra Mondiale, ma anche di una ironica, ” fantastica ” favola dei giorni nostri e di come i fatti della vita possano cambiare il nostro modo di pensare e vivere; con un sorprendente finale.

Altre informazioni e puntate precedenti ai seguenti link:

Capitolo 1° https://www.donnecultura.eu/?p=27888

Capitolo 2° https://www.donnecultura.eu/?p=27999

———–

LA STANZA DELL’AMBRA

Ultima versione, capitolo 3°

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà
intellettuale appartiene a Grazia Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

———

S Pietroburgo firmata 500 casa museo di Puskin

 

Primavera-estate 1941.

Richard Sorge, giornalista e agente segreto sovietico, già il 20 maggio 1941, essendo venuto a conoscenza di documenti sicuri e riservatissimi, trasmise a Mosca il seguente messaggio: «…l’attacco inizierà il 20 giugno, è possibile un giorno o due di ritardo, ma i preparativi sono ormai completi. Alla frontiera orientale della Germania sono ammassate dalle 170 alle 190 divisioni tedesche. Non ci saranno né ultimatum né dichiarazioni di guerra. L’esercito russo dovrà crollare ed il regime sovietico cadrà entro due mesi”.

L’ATTACCO NAZISTA TROVO’ LA RUSSIA IN QUESTE CONDIZIONI:
STALIN ERA SULL’ORLO DI UN COLLASSO NERVOSO.
ZHDONOV FU NOMINATO CAPO DEL COMITATO DEL PARTITO E SPEDITO A LENINGRADO PER LEGARLO ALLA FINE DELLA CITTA’; DATA PER CERTA A MOSCA.
LENINGRADO VIVE IL SUO TERRIFICATE E TRAGICO ASSEDIO DALL’ 8 SETTEMBRE 1941, AL 18 GENNAIO 1944. I LIBRI DI STORIA NE PARLANO COME DI UNA DELLE PIU’ GRANDI TRAGEDIE VISSUTE DA UNA CITTA’ IN TUTTA LA STORIA DELL’UOMO. Ufficialmente si parla di 1.250.000 tra morti e dispersi; tra i civili e i militari sovietici.
“LE TRUPPE TEDESCHE TRAVOLGONO LA DEBOLISSIMA RESISTENZA RUSSA E AVANZANO SU LENINGRADO MENTRE I TESORI DELL’HERMITAGE ATTRAVRESANO LA PROSPETTIVA NEVSKIJ, ALLA LUCE CREPUSCOLARE DELLE NOTTI BIANCHE, PRIMA DI ESSERE SPEDITI LONTANO DAI TEATRI DI GUERRA”.

Dai libri letti, la bella Jaqueline apprese come, mentre i panzer tedeschi entravano nel paese di Stalin lui, secondo il giornalista americano H.Salisbury, era nella sua stanza con un collasso nervoso.
Probabilmente Malankov e Beria avevano deliberatamente permesso l’entrata in Russia delle truppe di Hitler.
Questi ultimi, infatti, non permisero che le forze sovietiche venissero messe in stato di allerta; pur essendo informati dell’imminente attacco.
Contemporaneamente vi fu un’esclusione troppo vistosa, per passare inosservata: Zhdonov fu spedito a Leningrado quando a Mosca, forse, si era già deciso di abbandonare la città di Leningrado per concentrare tutte le difese sulla capitale. Non dimentichiamo che Zhdonov, il 19 giugno, era partito per una vacanza e prese le redini di Leningrado solo il 27 giugno.

Questo episodio, colpì molto Jaqueline, come la descrizione del salvataggio delle opere d’arte dell’Hermitage.
Quando il treno carico dei maggiori valori dell’Hermitage partì da Leningrado, le notti bianche non erano ancora terminate.
Chi è stato nell’attuale San Pietroburgo in giugno può comprendere la “tragica bellezza” di una simile scenografia.

San Pietroburgo, Ermitage
San Pietroburgo, Ermitage.

Sam Pietroburgo Ermitage e piazza 500

Museo Ermitage; dalla piazza.

“ … Per essere caricate sul treno, le opere dovettero attraversare la Prospettiva Nevskij. Nella luce del crepuscolo sfilarono le Madonne di Leonardo e Raffaello, la “sacra Famiglia” di Rembrandt, i Tiziano, i Giorgine, i Rubens… le collezioni di brillanti, ori e pietre preziose… Mai tanti capolavori furono trasportati contemporaneamente e, fortunatamente, tutto rimase intatto. Grazie anche alla solerzia e al duro lavoro di Joseph Orbeli, il direttore del museo, e dei suoi aiutanti.
A noi piace immaginare Orbeli commosso alla vista della partenza di cotanto carico e con il pensiero rivolto al carico successivo in partenza per il venti luglio ”.
Più o meno questo è quanto Jaqueline, lesse, con ammirata partecipazione.

LA VELOCE AVANZATA TEDESCA

La veloce avanzata tedesca fu dovuta al ben congegnato, e già nominato, piano “Barbarossa.
Non meno importanza ebbe la minoranza tedesca, arrivata in terra Russa ai tempi di Pietro il Grande e di Caterina, minoranza che fu costretta a subire il comunismo. In loro il “Piano Barbarossa” trovò degli entusiasti alleati.
Si trattava di una minoranza da sempre importante nella storia della Russia, anche ai tempi del crollo dei Romanov; data la grande influenza tedesca dovuta ai vari matrimoni con nobili tedeschi. La stessa moglie dell’ultimo zar, Aleksandra Fëdorovna, era tedesca.

60.000 PERSONE FANATICHE FILO NAZISTE, NELLA SOLA LITUANIA, CONTATTATI DAI NAZISTI, AIUTARONO I RUSSI NELLA REALIZZAZIONE DEL FAMOSO “PIANO BARBAROSSA”; PER L’INVASIONE DELLA RUSSIA .
In Lituania, sessanta mila persone erano fanatici filo-nazisti. Inoltre, in tutti i Paesi Baltici, esistevano organizzazioni clandestine anti-socialiste.
L’invasione, come spesso accade, fu preceduta da atti di sabotaggio perpetrati verso ponti, gallerie e fortificazioni.
A partire dal 17 giugno, gruppi di ufficiali tedeschi in automobile zizzagavano sul confine”.

Così lesse una sempre più sbalordita Jaqueline, lei che non aveva mai studiato la storia durante gli anni di scuola, ora ne comprendeva la grande lezione.

“In quel momento il grosso dell’armata russa era nei campi estivi, senza alcuna direttiva sui comportamenti da assumere in caso di combattimento sul territorio. E pensare che era in atto una guerra!
L’ingresso delle truppe naziste fu, anche, preceduto da una fitta distribuzione di volantini, invitanti alla rivolta, da parte di aerei nazisti.
Zhdonov, capo del Comitato del Partito, lavorò sodo, consumando anche i pasti in ufficio, ma nulla fece per predisporre le necessarie scorte in vista di una resistenza ad oltranza.
Quando si decise di evacuare donne e bambini, furono dati loro grandi scorte di cibo. Un grave errore tattico nei confronti della città di Leningrado.
Anche l’impiantistica industriale venne allontanata dalla città sino al 29 luglio, quando, finalmente!, si comprese quanto sarebbe stata indispensabile per la sopravvivenza a lungo termine. Solo allora se ne vietò l’allontanamento insieme alle scorte, ormai tragicamente ridotte, di acciaio e metalli in genere”.
Questo è quanto Jaqueline apprendeva e ricordava delle letture che ormai riempivano molta parte del suo tempo; quando era a palazzo o nelle varie biblioteche.

LA BELLA STRANIERA CHE TUTTI AMMIRAVANO E DESIDERAVANO E LE SUE VISITE AI CIMITERI DI GUERRA.

La bella straniera dallo sguardo fiero, che tutti ammiravano nelle più importanti occasioni mondane della “rinata” Lenigrando, ora rinominata San Pietroburgo, era molto orgogliosa di come stesse risolvendo i propri problemi. La ricca biblioteca del suo palazzo, quelle della città, i musei, il Palazzo di Caterina a Tsarskoe Selo ed ora un grande amore, le avevano spalancato un nuovo mondo e lei voleva approfittarne a piene mani.
Era sempre stata ingorda di novità e segreti, e pochi segreti furono mai tanto ben celati come quello della stanza dell’ambra e della magica scintilla che si chiama Amore con la a maiuscola: lei li stava scoprendo…

San Pietroburgo, Monumento agli "Eroici difensori di Leningrado", ingresso.
San Pietroburgo, Monumento agli “Eroici difensori di Leningrado”, ingresso.
San Pietroburgo, monumento agli "Eroici difensori di Leningrado", statue all'interno del monumento.
San Pietroburgo, monumento agli “Eroici difensori di Leningrado”, statue all’interno del monumento.
San Pietroburgo, Monumento agli "Eroici difensori di Leningrado", statue all'interno del monumento.
San Pietroburgo, Monumento agli “Eroici difensori di Leningrado”, statue all’interno del monumento.

Una sua meta fissa era anche il Monumento agli Eroici Difensori di Lenigrado, con i periodici incontri organizzati tra i giovani cittadini ed i veterani, e il Cimitero Piskarevskoe dove trovava sempre qualche sopravvissuto alla guerra con cui parlare e chiedere informazioni sui racconti di come sparì la stanza dell’ambra.
Nel vederla così dimessa e generosa, nessuno avrebbe mai potuto immaginare il suo frivolo passato.

San Pietroburgo, Piskarevskoe, cimiterio della memoria; qui riposano migliaia di vittime dell'assedio durato 900 giorni.
San Pietroburgo, Piskarevskoe, cimiterio della memoria; qui riposano migliaia di vittime dell’assedio durato 900 giorni.

EMANUEL CONTINUA LA SUA VITA INCAPACE DI COMPRENDERE QUANTO JAQUELINE SIA, REALMENTE, CAMBIATA. ANCORA PROBLEMI ECONOMICI PER EMANUEL.

L’aereo stava volando sopra un banco di nubi, nessun paesaggio da guardare. Emanuel distese le gambe, orgoglioso di godere delle comodità della prima fila nella prima classe; ma ancora per quanto?
La sua situazione finanziaria si stava rapidamente aggravando. Il denaro ricevuto dal padre di Jaqueline il giorno del matrimonio era stato male investito da quello stronzo di Jorge, l’amico d’infanzia che aveva approfittato della sua fiducia per rifilargli i suoi personali investimenti che stavano per crollare insieme all’economia dell’intera Islanda! Era stato proprio un figlio di puttana quel Jorge, eppure Emanuel lo aveva sempre saputo, come aveva potuto credergli ? Lui, che si riteneva così furbo anche con gli amici ! C’era cascato come un pollo, ed era stato spennato a dovere.
L’unica soddisfazione era che quel figlio di puttana era morto di cancro, o forse aveva chiesto aiuto ad un amico farmacista per non affrontare la lunga malattia. Brutta fine, anche per uno che aveva passato molta delle sua vita a rubare soldi ovunque e comunque.
Anche gli investimenti immobiliari di Emanuel in Cina stavano andando male e, comunque, il loro valore si era talmente ridotto che non rappresentavano più un piccolo tesoretto; come gli aveva sibilato un suo “caro” amico. E poi c’era il processo contro quel figlio di … che era stato l’amministratore dei beni di suo padre. Un leccaculo spaventoso che aveva ridotto la società farmaceutica al fallimento; dopo essersi intascato stipendi milionari. Il tribunale non prometteva niente di buono; avvocati legati da interessi comuni, una vera fogna di mafiosi e i pochi onesti dovevano tacere e acconsentire. A proposito, quegli avvocati stavano costando un sacco di soldi e gli investimenti nelle materie prime erano crollati spaventosamente, come avrebbe potuto pagare quelle sanguisughe?
La disgrazia più grave era stato il blocco dei versamenti da parte del padre di Jaqueline, giustificato con un tracollo economico dovuto alle scarse vendite dell’ultimo film di cui era stato regista. Per fortuna, Marx Le Roy aveva promesso di rimborsarlo non appena si fosse ripreso con il prossimo lavoro che, a suo dire, sarebbe stato un successo planetario.
Non ultimo, aveva anche il problema di quella moglie, forse completamente pazza, ma che era riuscita a sfuggire a quel sequestro che lo avrebbe arricchito per sempre e poi questa novità del viaggio improvviso…
Il tutto accadeva nel suo palazzo, no questo capriccio sarebbe stato l’ultimo! Lui sapeva come fare…

L’arrivo della hostess con il carrello lo allontanò da quei brutti pensieri. Un viso dolcissimo, incorniciato da luminosi capelli di un biondo quasi bianco, trattenuti da un cerchietto di capelli intrecciati, due occhi grigi spalancati su di lui e una pelle bianchissima, una statura giunonica e un enorme seno, forse ampliato ad hoc… se la immaginò completamente nuda: meravigliosa !
“Cosa desidera sir Hannover?”. Dovette ripetere la domanda tre volte, prima che il “signor” Emanuel si destasse dal suo sogno erotico.
Sfoderando uno dei suoi infallibili sorrisi Emanuel rispose: “Quali sono i migliori vini di questo bar ?”.
“Per il signore abbiamo: dei francesi della Côtes du Rhône, il paese dei  « grandi Hermitage », dalle cave nel cuore della Drôme. Questi vini invecchiano nelle gallerie sotterranee di tre grotte di dimensioni ed epoche diverse, ben protetti nelle circa milleduecento barriques di legno”. “Grazie mi serva pure un Chevalier de Sterimberg, poi, se vuole finiamo la bottiglia insieme quando lei ha terminato il suo turno di servizio, ok?”. Rispose prontamente Emanuel, mentre la hostess gli sorrideva in modo apparentemente accondiscendente.

IL VIAGGIO DI JAQUELINE CON ANTON SULL’ISOLA DESERTA AL SIX SENSES CON DAO IN VIETNAM.

SIX SENSES Beaches007_ridotta

Contemporaneamente Jaq era in viaggio, mille miglia lontana da Emanuel.
Le luci dell’aeroporto scintillavano attraverso le vetrate perfettamente linde.
“Per fortuna che esiste il “Lounge club”, dove tutto è ovattato e funzionale! Voglio provare anche la loro s.p.a.”. Affermò una Jaqueline ormai innamorata persa di Anton.
Dopo tutti quegli sconvolgimenti emotivi e il rocambolesco ritrovamento di altri indizi sulla stanza dell’ambra, Jaq era stata presa da una irrefrenabile nostalgia per i suoi amati viaggi e così se ne era andata all’insaputa dei camerieri rimasti fedeli al marito, al quale, poi, aveva spedito una lettera informandolo di un suo viaggio di piacere in Vietnam.
“Anton non trovi sia stata una buona idea prenotare due viaggi, uno ufficiale e l’altro solo di facciata che farà una mia amica a nome mio?”.
“Su come imbrogliare le carte sei insuperabile!” rispose il bellissimo Anton.
“Dopo questo scalo, ci fermeremo a per due notti, il tempo giusto per confondere le idee a chi volesse rintracciarmi. Comunque io risulto partita dall’aeroporto di San Pietroburgo assolutamente sola”. Continuò Jaqueline: “Ti amo e voglio godermi ogni momento di questa breve libertà, dopodomani noi due partiremo per quell’isola che molti definiscono come uno dei più bei luoghi al mondo”.

CIBO 672 VINO MARE  pesce IMG_0038
A Ho Chi Minh, non uscirono mai dall’albergo, dando sfogo a tutta la loro passione, alternando il letto con la s.p.a. annessa alla camera.
“Finalmente soli ! Possiamo fare tutto quello che vogliamo senza limiti di tempo! Cosa ne dici di tutti questi ristoranti dell’albergo? Da quale ordiniamo? Io opterei per il giapponese, così la mia linea rimarrà perfetta anche se abbonderò un poco nelle portate”. Sussurrò Jaq all’orecchio di un ormai esausto Anton, il quale assai affamato, rispose: “Scegli tu il ristorante, per quanto mi riguarda voglio ordinare: aragosta, papaia, mango, avocado e quel vino che mi avevi nominato come tra i tuoi preferiti: « La Chapelle » della Maison Paul Jaboulet Ainé, invecchiato in quelle famose cave dove il tasso di umidità non supera l’80%. Un luogo conosciuto da molto tempo. I Romani estrassero le prime pietre da questa cava nel 121 a .C. . Pietre di particolare qualità, utilizzate poi anche per costruire le più belle cattedrali. Come quelle di  Strasburgo, Marsiglia, Valence, Lione o Romans. Le cave di Châteauneuf non sono mai state abbandonate, anche la  Luftwaffe le usò durante la seconda guerra mondiale. Vi coltivarono anche gli champignon, ma è da quando la Maison Jaboulet le ha riscoperte che hanno ritrovato la loro vera nobile destinazione”.
Finalmente Jaqueline aveva trovato un uomo che di vini ne sapeva anche più di lei e di suo marito e li apprezzava al meglio. Infatti Anton non beveva mai oltre un certo limite; adorava il magico stato di leggera ebbrezza.
Un impeccabile cameriere, completamente vestito di bianco, portò il carrello delle pietanze che vennero adeguatamente degustate insieme al vino.
“Una splendida colazione tra le lenzuola di lino è il meglio per rimettersi in forma, non trovi? La mia tempura di verdure e pesce era perfetta; croccante fuori, morbida dentro e leggerissima, ma il mio piatto preferito rimane l’anguilla affumicata preparata come solo i bravi chef giapponesi sanno fare. Anche la zuppa di alghe era un incanto di sapori; potessi avere a casa un cuoco di questo calibro! Peccato che tutti quelli che vengono in Russia lo facciano solo per aprire ristoranti; vogliono soldi, fama e subito.
Ora che ci troviamo in questo meraviglioso stato di grazia cosa ne dici di utilizzare le chele dell’aragosta per farmi quel simpatico solletico che mi fa impazzire?”. Domandò una assai eccitata Jaqueline.
“Credo proprio che questa esaltazione del gusto dobbiamo ampliarla ad altri sensi, mi rassegno piacevolmente alla tua volontà, mia regina! Anzi ho una proposta migliore, cosa ne dici di chiamare anche quella tua amica che ti sei portata come alter ego; pensi che accetterà?”.
Ora Jequeline si sentiva benissimo, il suo corpo e il suo spirito erano stati stimolati al massimo e tutti i suoi problemi si erano sciolti come neve al sole. I suoi occhi avevano ritrovato la luminosità dei momenti migliori e lei si sentiva meravigliosamente bene.
Se non fosse stato per la gentile telefonata del portiere, che li avvisava del taxi prenotato, avrebbero perso l’aereo.

aereo 672 mare ok ok blu
Arrivati a bordo Jaq e Anton allungarono piacevolmente le gambe nelle comode poltrone della prima classe bevendosi un vino svizzero, un ottimo Fendant del Vallese.
“Sapevi che nel Vallese si trova il più maestoso ghiacciaio delle Alpi, il ghiacciaio dell’Aletsch, che fa parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco? E che altri 680 ghiacciai, rappresentanti i due terzi dei ghiacciai presenti in Svizzera e un terzo di tutti i ghiacciai delle Alpi, si trovano in Vallese ?”. “Dopo quello che mi hai detto sarai costretta a mostrarmi personalmente questa magnifica zona della Svizzera, pena il mio totale disinteresse nei tuoi confronti”. Rispose Antony sorridendo, e si addormentarono.
Al risveglio Anty, come ogni tanto lo chiamava Jaqueline, alzata la tendina del finestrino, rimase stupefatto: “Ho visto tante barriere coralline isole tropicali, ma ne rimango sempre stupito. Questo spettacolo è indescrivibile, tutte le sfumature del blu-azzurro-verde insieme, altro che un quadro di arte moderna. A casa mia voglio un proiettore che riproduca sulle pareti questo spettacolo. Se il paradiso dovesse esistere non potrebbe essere che così. Grazie tesoro, questo viaggio è stata una magnifica decisone”. Disse Antony baciando Jaq. “Lo sapevo che saresti rimasto incantato, come tutti, del resto. Sai che l’idea di riprodurre questo spettacolo sulle pareti di casa è fantastica? Quando verrai nella mia “casetta” sull’Atlantico troverai tutto questo già realizzato. La persona che ne ha cura è una mia amica artista. Non avrà alcun problema a realizzare quello che mi hai suggerito. Fammi solo ricordare di telefonarle; per lei sarà solo un gioco divertente. Faremo delle foto dall’elicottero che ci porterà all’isola e io le spedirò via mail in modo che lei possa occuparsi della realizzazione di questa bellissima idea. Pensa, entrare in casa e vederti di fronte una parete che riproduce questa magia. Idem sul soffitto della camera da letto e sulla grande parete del mio bagno. Non mi dispiace affatto dover togliere i quadri per sostituirli con questa bellezza naturale. In fondo sono solo pochi quelli che realmente mi piacciono, anzi io salverei solo quelli di Peter Doig. A proposito penso ti piacerebbe incontrarlo, vive a Trinidad, una meravigliosa isola dei Carabi. Se vuoi, ci andremo per il prossimo carnevale e conoscerai il vero spirito caraibico. Io preferisco il loro carnevale a quello di Rio, è più vero. E poi andremo nella vicina Tobago, dove il tempo si è quasi fermato, almeno nella maggior parte dell’isola. Qui potrai vedere depositare le uova le tartarughe di settecento chili. Questi animali vivono sulla terra da centocinquanta milioni di anni. Vederli, nel buio della notte, scavare le loro buche è come tornare all’epoca dei dinosauri”. Disse un’infervorata Jaqueline.
“Con te la vita sembra sempre un sogno, ma quando potremo viverlo quotidianamente, senza nasconderci?”. Buttò lì Anton. “Devo prima risolvere due grandi problemi e tu lo sai bene quanto sappia essere inflessibile”. “Ok, ok come non detto, non ne parliamo più, promesso, ma ricorda che un uomo al tuo fianco potrebbe anche rappresentare un’ulteriore sicurezza per la tua persona”.
Un solerte maggiordomo, elegantemente vestito di seta blu notte, trasportò i loro bagagli sull’elicottero.

Jaq ed Anton dopo avere ammirato il panorama e fatto molte foto dall’alto, appena sbarcati si avviarono subito verso la spiaggia, rincorrendosi e rotolandosi come bambini, quindi si buttarono in acqua completamente vestiti, togliendosi solo le scarpe.
“Anche senza maschera qui sotto è un paradiso di colori, mi ricordano i colori abbaglianti dei coralli delle Maldive prima che il turismo di massa, l’inquinamento, il riscaldamento delle acque e lo tsunami cambiassero tutto; almeno sino alla profondità di diciassette metri!”. Disse un incantato Anton.
“E’ un errore chiamarli coralli, queste sono madrepore; ma guarda che bei colori vivaci ha questo pesce Pappagallo! Gira la testa, lì, alla tua destra, quei tentacoli rosa brillante appartengono ad un’ Attinia e guarda come sono belli i pesciolini neri e arancione che vi sguazzano in mezzo, si chiamano Pesci Pagliaccio. L’ attinia, che sembra un fiore con morbidi petali, è urticante per tutti i pesci, ma non per i pagliaccio che mangiando la tengono libera dai parassiti. Si tratta di una forma di mutuo-soccorso, detta simbiosi mutualistica. Non toccare nulla, tra le madrepore si possono nascondere i Pesci Pietra, mortali per il veleno che ti iniettano appena li tocchi… guarda quel pesce con i pallini bianchi sulla pancia, si tratta di un raro Pesce Balestra. Ormai è quasi impossibile incontrarlo a causa della terribile caccia a cui è stato sottoposto per rifornire gli acquari di tutto il mondo. E pensare che la maggioranza dei pesci catturati ha poca speranza di sopravvivere a lungo. Molti muoiono durante il trasporto, inoltre i proprietari degli acquari sono frequentemente degli ignoranti in materia e non sanno come trattare questi pesci che necessitano di spazi ben definiti e di un impianto sempre al massimo dell’efficienza. Questi pesci vengono comperati, anche a 1.5000 euro l’uno, solo per far meravigliare gli ospiti, e trattati come un giocattolo. Quando il giocattolo si rompe se ne acquista un altro. Ecco perché ne sono rimasti così pochi”. “Quello che mi dici è criminale, perché dovremmo privare l’umanità intera di tanta bellezza per una felicità così breve?”. “Ti confesso che conosco bene il problema solo perché anche mio padre trattava come un gioco il suo acquario. Poi, un giorno, è venuto a trovarci un regista che era anche un appassionato subacqueo e ci ha consigliato di leggere un libro di Konrand Lorenz. Questo etologo ha osservato e studiato, per anni, anche la vita dei pesci della barriera corallina… Pensa, la maggioranza di loro vive in coppia per tutta la vita e ogni specie necessita di un certo spazio per sopravvivere. Insomma se non ne capiamo nulla è meglio rinunciare all’acquario”. “E … brava la mia Jaqueline, non conoscevo questo aspetto naturalistico del tuo carattere”, fu la risposta di Anton.
Dopo la nuotata la fame li spinse verso il loro alloggio. “Ma guarda che meraviglia, una casa costruita solo utilizzando le palme, sarà freschissima con questi silenziosi ventilatori a soffitto”. Disse Anton. “E poi che meraviglia questo arredo essenziale; è tanto elegante che ci vedo la mano di un design italiano”. Aggiunse Jaq. “Che ne dici dell’idea di non mettere televisione ed aria condizionata? Di solito in questi “rifugi” chic c’è tutto, ma ben nascosto tanto che se non lo cerchi, puoi non vederlo”.
Il letto costruito, come i mobili, utilizzando solo alberi di palma, era ricoperto da disegni ben augurali fatti con i petali colorati e profumati del Frangipane. Altri fiori di Frangipane galleggiavano nella grande Jaccuzzi della sala da bagno, a cielo aperto. Per la prima cena sull’isola Jaqueline aveva deciso di indossare un elegante, semplice, ma aderente tunica di lino turchese che metteva meravigliosamente in risalto i suoi occhi. Uscì dalla sua camera da letto muovendo il capo in modo da scompigliare i lunghi capelli che la avvolsero come un velo. “Sei bellissima, anche senza un filo di trucco”. Declamò Anton, realmente incantato dalla bellezza di Jaqueline.
Arrivò il maggiordomo, giacca e pantaloni neri con bottoni in madreperla scura che, alla luce delle candele, brillavano di mille bagliori. Il menù venne consegnato con un inchino.
Anton lesse con cura la carta dei vini e, ricordando l’ottimo vino bevuto sull’aereo, fece una domanda per saggiare le conoscenze enologiche del maggiordomo, il quale rispose in perfetto inglese: “Signore, lo Chasselas è il vitigno bianco tipico della Svizzera Romanda. In Vallese prende il nome di Fendant. Il Fendant è, comunque e sempre, un vino da aperitivo per eccellenza e lo straordinario compagno di formaggi stagionati, ottimo anche con il pesce di lago o un pesce delicato di mare come un giovanissimo squalo. Questo Fendant Les Murettes, di Robert Gilliard, è un’ottima scelta, signore”. Intanto l’esperta Jaq recitò: “Uva: Chasselas, alcool: 12%, al naso rivela delicati fiori bianchi e tiglio e al palato un attacco fruttato con note minerali; con un finale intenso. Sai che è prodotto da più di 60 anni? E che va benissimo anche con il sushi?”. “Ne sai una più del diavolo o sei il diavolo in persona?”. Scherzò Anton, mentre il cameriere tornava con la bottiglia.
“A questo viaggio e ai mille che ne seguiranno”. Brindò Anton, senza tralasciare di aggiungere: “Ma soprattutto brindo alla meravigliosa donna che mi sta accanto”.
“Grazie, sei sempre galante con me”. Rispose una soddisfatta Jaqueline.
Bevvero all’aperto sulla spiaggia, mentre il sole si annullava nel mare ed apparivano le prime stelle nel cielo color viola. Anche la sabbia aveva assunto una sfumatura viola e un airone solitario stagliava le sue forme sinuose contro il mare.
Il sushi, servito come accompagnamento dell’aperitivo, su richiesta di Jaqueline, venne adeguatamente apprezzato. Il riso era della migliore qualità, preparato secondo le regole tradizionali e il Wasabi era appena stato grattugiato; non quella salsa verde in tubo che viene quasi sempre utilizzata per comodità ed economia e che contiene poco, o niente, vero Wasabi e tanto rafano o altre radici più economiche. Ovviamente, anche pesce e salsa di soya erano all’altezza.
“Per fortuna che non sei tra quelli che non sopportano il sapore del Wasabi. Molti occidentali lo odiano; è così diverso dai sapori ai quali siamo abituati ! Partendo da piccolissime quantità, qualunque palato si abituerebbe e lo apprezzerebbe. Sai che ha proprietà formidabili? Le donne giapponesi ne mettono pochissimo sotto la lingua diverse volte al giorno, perché aiuta a mantenere la pelle bella, ma non solo. Il Wasabi ha proprietà antibatteriche e addirittura previene le intossicazioni; forse il suo utilizzo con il pesce crudo nasce proprio da questa sua particolarità, inoltre il Wasabi è anche un ottimo digestivo”. Precisò Jaqueline, facendo sfoggio delle sue conoscenze gastronomiche e salutistiche.
“Ora dobbiamo scegliere il menu, caro”. Disse una deliziata Jaqueline.
“Perché non partiamo dal vino? Suggerisci tu cosa bere, poi decideremo il menù per quel vino, ti va?”. “Ottima idea. Ecco, io vorrei un rosso, rimaniamo pure nella zona e con la stessa casa produttrice.
Ci porti un Dôle Des Monts, Robert Gilliard”. Rispose con aria saccente Jaq, aggiungendo: -“Dôle è un’appellazione protetta, esclusivamente vallesana. E’ creato con uve Pinot Noir e Gamay, alcool: 12.5%, ha sentore di frutti rossi, fragole, ciliegie e al palato offre un attacco fruttato con sentori di tannini morbidi e segosi: è prodotto da più di 120 anni. Si abbina con carni bianche e rosse, charcuterie e formaggi. Quindi benissimo per ordinare il pollo al curry che, secondo il maggiordomo, è la specialità del nostro chef”.
Mangiarono con gusto e appetito, apprezzando l’ottimo sapore del pollo al curry.
I vini avevano fatto la loro parte, mentre la magica atmosfera della notte rifletteva la luna appena sorta all’orizzonte, le palme mosse dalla brezza marina bisbigliavano le loro poesie e nel mare il plancton luccicava come fossero mille cristalli; Jaqueline si buttò in acqua vestita. “Lo so che può essere una pazzia, di notte le razze dormono vicino alla riva e se le sorprendi possono alzare l’aculeo e forarti la pancia. Non so se l’elicottero sarebbe tanto veloce da salvarmi. Comunque non potevo resistere”. Disse ritornando sulla spiaggia.
La tunica bagnata le aderiva al corpo che la luce della luna rivelava in tutta la sua eleganza.
Anton prese dall’acqua diverse manciate di luminoso plancton e le depose su tutto il corpo di Jaqueline, che ora risplendeva come un’apparizione extra-terrestre.
“Ferma per tre secondi, vado a prendere la macchina fotografica a raggi infrarossi, voglio farti una foto così, per non dimenticare mai questo momento”. “Ok, ma fai presto; ho dei brividi…-. Rispose un’ormai eccitatissima Jaq.
“Eccomi, devi solo assumere la posa della Venere di Milo, proprio così, due foto e sono tutto per te”. Furono le parole di un affannato Anton. Il quale, appena finite le foto, cominciò a leccare il plancton dal corpo di Jaqueline che, alla fine, si tolse la tunica. Allora Anton la sollevò come fosse un fuscello e la fece ruotare intorno a sé, quindi la depositò sulla sabbia coprendola non solo di baci.
Si addormentarono sulla spiaggia ed al risveglio fecero il bagno, più volte mentre i colori dell’alba srotolavano la loro tavolozza dall’orizzonte. Quindi si addormentarono sulla spiaggia.
Il sole aveva rigato l’orizzonte di fasce rosa, poi le aveva trasformate in arancioni, alternate a sottili strisce di nuvole, mentre il solito airone impertinente avanzava verso di loro; abbracciati e immobili nel sonno.
Quando l’inserviente arrivò con la barca per portare la colazione, li vide distesi sulla sabbia e silenziosamente, come solo gli orientali sanno fare, piantò una tenda sopra di loro, in modo da proteggerli dai raggi del sole.

“Oddio il sole è già basso nel cielo, ma quanto abbiamo dormito? Per fortuna che hanno messo questa tenda altrimenti ci saremmo bruciati! E mi hanno anche lasciato un pareo per coprirmi”. Disse Jaqueline ad un ancora assonnato Anton.
Su di un tavolino trovarono in un thermos del caffé caldo e lo bevvero avidamente. Mentre una caraffa termica conteneva una deliziosa e freschissima spremuta di mango; dopo tante ore di sonno avevano più sete che fame.
Arrivò il cameriere che chiese loro dove servire la cena. “Io propongo di rimanere qui sulla spiaggia cosa ne dici Ant, non trovi sia una magnifica idea?”. “Hai proprio ragione. Ci porti due bicchieri di Champagne in bagno e apparecchi pure qui, torniamo entro venti minuti, intanto prepari la carta dei vini e il menù”. Soggiunse Anton ormai sveglio, dopo il buon caffé.
Mentre andavano in camera a rinfrescarsi camminavano avvinghiati, e sbandavano ridendo ad ogni passo.
“Non trovi che la vita insieme potrebbe essere magnifica?”. Azzardò Anton, ma Jaqueline lo bloccò con un bacio.
Fecero il bagno nella vasca Jaccuzzi sorseggiando la coppa di Champagne, sotto un albero di Frangipane zeppo di profumatissimi fiori.
“Non ho mai capito perché delle semplici bollicine possano essere considerate tanto afrodisiache, ma funziona!”. “E’ solo uno dei macroscopici effetti dell’influenza che la tradizione, la pubblicità e tutti i media hanno su di noi… e poi l’alcool fa sempre la sua parte, se non ne abusiamo, e tu lo sai meglio di me!”. Furono le parole dell’alquanto allegra Jaqueline
Dopo il bagno, come la sera precedente Jaqueline indossò una semplice tunica, questa volta color corallo, in puro chiffon di seta che lasciava intravedere proprio tutto. Niente gioielli, niente trucco. Era comunque bellissima e guardandola stagliarsi contro il cielo arancio Anton ebbe un sussulto.

“Domani, per espresso desiderio della signora, è stata organizzata un’ escursione all’isola delle mante”. Informò il maggiordomo non appena si sedettero a tavola. “Grazie Jahid, ora ci mandi pure il cameriere”. Disse Antony.
“Vediamo un po’, cosa ordiniamo questa sera?” Continuò Anton non appena ebbe il menù in mano. E si ripeté la scenografia della sera precedente, ricerca dei vini, dei piatti e conclusione con bagno. Ma questa volta raggiunsero il letto abbastanza presto, per le loro abitudini; il giorno dopo la barca li avrebbe aspettati di buon ora, come suggerito da Jaq, che voleva fare il bagno evitando le ore di maggior insolazione. Lei pensava sempre alla sua bellezza e sapeva bene come l’eccesso di esposizione al sole sarebbe stato un danno irrimediabile e come l’abuso dei filtri solari non fosse la miglior soluzione all’invecchiamento cutaneo.

VALENCIA 700 MANTA animali

Le mante solcavano l’acqua come giganteschi uccelli primordiali, creando una grande ombra sul sottostante fondale tanto trasparente da sembrare vicinissimo. Tutto era così calmo, così irreale che Jaqueline sentì quello stesso brivido che gli poteva procurare la promessa di una notte d’amore. Si allontanò da Anton con un guizzo potente di pinne e si mise a rotolare nell’acqua circondata da quei magnifici esemplari della natura.
All’improvviso si ricordò della neve, del ghiaccio di San Pietroburgo e della sua vendetta che doveva ancora consumare e sentì un brivido di freddo, ma tutto era così lontano che non fu difficile scacciare quel pensiero.

“Perché scappi? A volte sei strana, non sei forse felice di condividere con me tanta bellezza?”. Disse Anton raggiungendola: “Perché non mi parli di questi magnifici animali, è la prima volta che li vedo e poi mi piace tanto ascoltare le tue lezioni di biologia marina”.
“Vuoi una lezione di biologia marina? Io vorrei godermi in pace quello che ci circonda?”. Rispose Jaqueline un poco stizzita.
“Veramente, se non ci fosse quel tipo sulla barca potrei chiederti altro, ma dobbiamo rimandare a dopo. Spero che il nocchiere si allontani dopo averci servito il pranzo”. Fu la risposta di Anton.

PESCE 672 CROSTACEI ARAGOSTE RISTORANTE CIBO

Quando raggiunsero la riva scoprirono che uno chef stava preparando il pesce sulla brace. Una tenda bianca copriva un angolo della piccola isola e un tavolo bianco con due semplici sedie ricoperte in lino era quanto di meglio si poteva ottenere in quei pochi metri quadri di isola.
“Mi sono permesso di scegliere un Pierre Ollaire come mi ha suggerito il maggiordomo, nella speranza di assecondare i vostri gusti. Questo vino è prodotto con uva Petite Arvine. E’ ottimo come aperitivo e con pesci di mare e conchiglie. Quindi l’ho ritenuto perfetto per il menù di oggi. Spero sia di vostro gradimento”, precisò il nocchiere, con funzioni anche di cameriere..
“Conosco bene questo vino da quando ero giovanissima, infatti è tra i preferiti di mio padre che dice di amarlo per come associa alla sua ricchezza di sapori delle note che giocano sul contrasto dolce/salato. Ottima scelta, sapremo apprezzarlo”. Rispose l’esperta Jaqueline.

Tramonto panorama 672 Maldive old  copy

Le giornate e le notti si susseguirono troppo velocemente e venne il giorno del ritorno. Jaqueline, sebbene felicissima della vacanza, ricominciò a pensare al marito ed a come sarebbe stato bello divorziare e vivere per sempre con il suo Anton. “E’ troppo presto”. Pensò: “Devo prima arrivare a fondo nella mia vendetta e trovare la stanza dell’ambra”.
Anton, che le era accanto disteso sull’amaca con lei, si accorse subito del cambiamento di umore di Jaq. “Cosa ti angusta?”, le chiese. “Il ritorno”, fu la laconica risposta. “Perché non prendi in considerazione l’idea di lasciare tuo marito e venire a vivere con me?” Suggerì, pronto, Anton. “Davvero lo vorresti?” Rispose una più allegra Jaqueline. “Sarà duro, per me, al ritorno aspettare le tue visite, è così bello averti sempre vicina!”. A queste parole Anton fece seguire un profondo bacio nella bocca di Jaqueline. “Conosci troppo bene l’effetto dei tuoi baci su di me. E ne approfitti da quando ti ho confessato che nessuno mi aveva mai baciato come fai tu. I tuoi sono baci “orientali”, dolci, lenti e sensualissimi. Davvero vorresti che io lasciassi mio marito per te? Ma non dimenticare che prima devo portare a termine il compito che mi sono prefissata, ma poi…perché no?”. Fu la risposta di Jaqueline.
Finalmente era di nuovo felice e passarono la notte camminando in riva al mare e ammirando le sconosciute costellazioni dell’emisfero australe. Prima dell’alba Anton spalmò per l’ultima volta sul corpo di Jaq manciate di plancton. “Sei come la Venere di Milo, ma luccicante!”. Constatò un ammirato Anton e fecero l’amore per l’ultima volta sull’isola.
“Cosa ne dici di queste nuove poltrone letto della first-class?”. Domandò Anton, una volta a bordo dell’aereo che li avrebbe riportati a San Pietroburgo. “Comode, ma nulla di paragonabile all’intimità dell’isola”. Rispose Jaq. “Non dimenticare che il meglio della nostra vita deve ancora arrivare, sposami e non ti pentirai!”. Disse Anton avvicinando i due bicchieri di Chateau La Fitte delle cantine Rotschild. Poi si addormentarono.

SIX SENSES 672 CUORE

” LA STANZA DELL’AMBRA ” ULTIMA REVISIONE CAPITOLO 2°

LA STANZA DELL’AMBRA

CAPITOLO 2°

AMBRA STANZA particolare 400 jm

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà
intellettuale appartiene a Grazia Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

———

Ambra stanza aquila degli zar

Il titolo è stato ispirato dal più prezioso manufatto artigianale-artistico del mondo: la Stanza dell’Ambra; chiamata anche l’ottava meraviglia del mondo.

La Stanza dell’Ambra fu donata dal Re di Prussia Federico Guglielmo I (1713-1740) al suo (allora) alleato Pietro il Grande e successivamente decorò il palazzo di Caterina la Grande a Carskoe Selo (nei pressi di San Pietroburgo). ALTRI PARTICOLARI E IL PRIMO CAPITOLO AL LINK : https://www.donnecultura.eu/?p=27888

——-

LA STANZA DELL’AMBRA

INIZIO 2° CAPITOLO

L’  “ASSEDIO” AL CUORE DI JAQUELINE.
La viziatissima Jaqueline, abituata a fare ed avere sempre tutto quello che voleva, arrivando a San Pietroburgo, non poteva presagire che il suo cuore avrebbe subito un assedio “devastante”. Anche lei avrebbe vissuto i suoi 900 giorni; pur in ben altro contesto.

Ambra stanza dell'ambra 672 g

San Pietroburgo Ermitage salone azzurro

QUESTA SARA’ LA TUA REGGIA
“Questa sarà la tua reggia”. Affermò Emanuel portando Jaqueline in braccio dentro il palazzo.
Le luci elettriche all’interno erano state spente. I vetri dei quadri e gli specchi riflettevano il luccichio multicolore dei grandi lampadari di cristallo illuminati dalle bianche candele strategicamente collocate sugli antichi candelabri d’argento.
“Tutto qui sembra una grande favola”. Disse Jaqueline, facendo sfavillare la vera nuziale intarsiata di diamanti mentre avvicinava le sue dita lunghe e sottili ad una candela.
La cena venne servita da un cameriere svizzero con i guanti bianchi nel salottino accanto alla camera da letto. I crostini caldi furono ignorati, Emanuel e Jaqueline mangiarono il caviale direttamente con i cucchiaini di madreperla, ingurgitando vodka come fosse acqua.
“E’ stato molto carino da parte tua ordinare questi squisiti gamberi di fiume”. Disse Jaqueline non appena il cameriere servì loro “riso pilaff con corona di crostacei di acqua dolce”. “Sapevo di farti felice, da ora sei la zarina del palazzo e ogni tuo desiderio sarà un ordine”. Rispose Emanuel. “Sarai sempre così carino con me per tutta la vita?”. “Certamente, se tu sarai altrettanto comprensiva nei miei riguardi”. “Vorresti dire che dovrò acconsentire ad ogni tua decisione?”; precisò Jaqueline alquanto perplessa. “Ovvio, tu qui sei la zarina, ma io sono lo zar e nessuno ha mai osato contraddirmi. In Russia le mogli hanno sempre obbedito al marito”. “La Russia degli zar non esiste più caro e spero tu stia scherzando e poi mi ricordo di una “certa” Caterina la Grande, alla quale nessuno osava dire di no. Sai bene quanto io sappia essere ribelle!”, rispose Jaqueline. “Smettiamola con i discorsi seri, questa è una delle nostre notti di follia e nulla deve oscurarla”; rispose Emanuel aprendo la cerniera dell’abito di Jaqueline. “Sei troppo bella per fare discorsi seri”. Prese la mano di lei e baciandola disse: “Ti vorrei nuda”. “Per ora accontentati di slacciare sino in fondo la cerniera”, rispose Jaqueline alzandosi e voltandogli le spalle.
L’aderente abito nero, alquanto scollato, scivolò posandosi sui fianchi. I suoi seni perfetti come quelli di una sedicenne erano avvolti solo dalla nuvola di voile di seta del reggiseno trasparente. I capezzoli si inturgidirono e Jaqueline abbandonò il suo corpo tra le braccia del neo marito. Dopo pochi passi di danza entrambi si sentirono avvolti da una vampata di fuoco.
“Dobbiamo ancora assaggiare la torta Sacher che ho fatto arrivare appositamente per te da Vienna”. Emanuel sapeva bene come prolungare l’eccitazione. “Lasciati rivestire, così possiamo chiamare il cameriere”.
Al suono del prezioso campanello di Fabergé, il cameriere entrò per servire la torta accompagnata da un raro Moscato di Mumiano, lo stesso che l’imperatore Francesco Giuseppe voleva per i suoi pranzi importanti.
Nel bicchiere di Jaqueline, mentre Emanuel la distraeva, furono versate delle strane gocce.”
Da questo momento non abbiamo più bisogno di te, puoi andare”, disse con la massima disinvoltura il novello sposo al domestico.
Emanuel si alzò ed aprì di nuovo la lampo del vestito della moglie mentre la baciava sul collo lasciando due, poco eleganti, lividi.
Jaqueline rispose voltandosi e baciandolo in bocca profondamente. “Voglio mangiare il dolce ammirando il turgore del tuo seno”, proseguì Emanuel slacciandole anche il reggiseno”.
“Sei bellissima. Brindo ai tuoi occhi, alle tue fossette, alle tue splendide mani, alla tua bocca che non si nega mai ed ai tuoi seni che desidero succhiare all’infinito”.
“Ed io brindo all’uomo che mi fa sentire sexy come nessun altro. Solo tu sei capace di farmi vedere la vita attraverso lenti rosate; anzi rosso fuoco…”. Rispose Jaqueline, mentre un brivido, che ben conosceva, le attraversava tutto il corpo.
Altre due fette di torta accompagnarono la fine della bottiglia.
A questo punto Emanuel si alzò, un poco barcollando, raggiunse la bella moglie e la baciò, “Sembri una dea. Devi ballare con me!”. “Non devo, ma voglio”, rispose Jaqueline, sentendosi pervadere da un fuoco che le bruciava tutta la pelle.

cibo ristoranti pietroburgo ristorante strogonoff grnachio gigante 2
LA VERITA’ SULLA VITA DI EMANUEL.
Qualcuno aveva sussurrato che un pro-zio di Emanuel fosse riuscito, rocambolescamente, a murare nel palazzo di famiglia durante la seconda guerra mondiale, la famosa Stanza dell’Ambra, sparita, senza lasciare alcuna traccia, dopo che i tedeschi l’avevano “messa al sicuro” dalle bombe.
Sentite queste voci, Emanuel aveva organizzato una accuratissima ricerca, rivelatasi infruttuosa e così il tutto era stato accantonato come stupida diceria.
“Dalla vita ho avuto tutto”, era solito dire Emanuel, e l’affermazione corrispondeva al vero, almeno per quello che lo interessava.
Aveva sempre pilotato personalmente il suo aereo e viaggiava pernottando in case private. Il resto per lui non valeva nulla, salvo i soldi e le belle donne; anzi bellissime. Tutte storie finite male, compresa un’ex fidanzata rinchiusa in un lussuoso ospedale psichiatrico.
Secondo gli intimi la colpa sarebbe stata di una strana pillola che lui le aveva somministrato per calmarne la, più che giustificata, gelosia.
Gli psichiatri lo conoscevano bene, alcuni dei più noti avevano cercato di curarlo, ma la sua salute mentale era peggiorata con la maturità, senza che nessuno fosse riuscito a comprenderne a fondo la pericolosa personalità.
Brillante e spregiudicato, lucido e freddo, sapeva come ingannare; quasi tutti.
In un Paese del terzo mondo si trovò nella lista dei ricercati per l’omicidio di una delle tante “fidanzate”, ma gli bastò stare alla larga da quel Paese sino a che il delitto non cadde in prescrizione e dichiarare alla stampa che era stato vittima di una persecuzione giudiziaria.
Per il resto l’aveva sempre fatta franca. Fuggito diverse volte dopo incidenti automobilistici che lui stesso aveva causato per ubriachezza, non solo si era salvato grazie alla sua prontezza di riflessi nel rispondere alle domande degli inquirenti, ma anche corrompendo o minacciando quando era il caso.
Vigili, poliziotti e “bravi cittadini” dall’Australia agli USA avevano dovuto o voluto arrendersi alle sue pretese e la sua fedina penale era immacolata, almeno nei paesi dove aveva posseduto una casa. Le impronte digitali di Emanuel non erano mai state segnalate e questo era un bel vantaggio sugli altri; che chiamava stupidi delinquentelli.
“Mi manda Ravin, ti devo segnalare i magazzini Unker, all’una di notte avrai un’ora a disposizione senza le guardie. Entra dall’ingresso laterale sulla via Martin Luther King, in fondo a destra, dietro i pallets con la scritta “Pasta italiana”, troverai i contenitori che ti interessano. Tutti hanno un piccolo bollino verde fosforescente”.
In questo modo era riuscito anche a vendere del materiale radioattivo ad un certo gruppo terroristico, semplicemente segnalando dove e come rubarlo. La percentuale ricevuta era stata usata per largheggiare qualche mese nelle sue spese personali.
Utilizzava le sue “risorse intellettuali e pratiche” anche per manomettere auto e moto di amici con affascinanti fidanzate. Una volta messo ko l’uomo, in ospedale o all’obitorio, lui interveniva per consolare la fanciulla di turno. Era un vero esperto, infaticabile inventore di trucchi che facevano sempre sembrare accidentale l’accaduto.
Nella vita aveva anche provato a lavorare “onestamente”. Sfruttando la sua laurea in legge, con specializzazione in diritto internazionale, esercitando la professione come associato presso un notissimo ufficio a Londra. Il tutto terminò bruscamente con la laconica frase dell’avvocato più anziano dello studio: “Lei ha indebitamente intascato buona parte dei pagamenti dovuti, dalle assicurazioni, ad alcuni nostri clienti. Nel nome di suo padre nulla sarà ufficializzato. Da questo momento la diffido dal cercare lavoro in alcun studio legale, fosse anche nell’Antartico”.
L’altra esperienza lavorativa, nel settore bancario, aveva dato risultati altrettanto disastrosi; sempre per quel suo vizio di intascare soldi altrui. I suoi trucchi, infatti, non erano passati inosservati agli gnomi della banca svizzera presso la quale lavorava. Anche qui fu licenziato con poche parole: “Per il buon nome del suo defunto padre e della banca si tenga ben lontano da ogni tipo di attività finanziaria. I nostri segugi sono già informati, sappia che noi non dimentichiamo mai”.
A cinquant’anni suonati, ma ancora in perfetta forma fisica, aveva deciso di mettere la testa a posto; leggi trovare una bella e ricca moglie che lo mantenesse.
Nonostante la sua esperienza, la cosa non fu facile.
Le nuove generazioni, laureate presso le più prestigiose università, si rivelarono un osso duro; facevano troppe domande specifiche e lui, prima o poi cadeva in contraddizione. Sapeva ingannare bene, ma non quando si trovava di fronte a persone con una cultura ed una intelligenza superiore alla sua.
Inoltre la stampa gossip, in alcuni Paesi, lo aveva screditato.
Comunque, alla fine i suoi sforzi furono premiati; di lui si era invaghita la giovane figlia del noto produttore cinematografico Le Roy, l’attuale moglie Jaqueline.

San Pietroburgo dalla chiesa di S Isacco
DUE SECOLI PRIMA. NEL MEDESIMO [?] PALAZZO DOVE VIVEVA JAQUELINE. UN NOBILUOMO E UNA, NON INSOLITA, STORIA CON LA SERVITU’. QUELLA SERA IL NOBILUOMO AVREBBE AVUTO MOLTO DA SCRIVERE NEL SUO DIARIO. UN INDIZIO?.
Prima che i comunisti sequestrassero il palazzo Andreijevic, Carl, Marcus, Claus… Andreijevic, von Guggheberg, un antenato di Emanuel, vi aveva scoperto un muro che risuonava come se dietro ci fosse il vuoto.
Una volta fatto demolire quel muro dalla sua guardia privata, che lo accompagnava sempre, il nobile Andreijevic incominciò a scendere i malconci e sporchi gradini. “Sembra che da qui non sia passato nessuno da qualche secolo”, disse alla sua guardia-cameriere che aveva avuto il “privilegio” di seguirlo.
Quest’ultimo doveva essere un discendente di quello speciale corpo di guardia che lo Zar Pietro I° il Grande, aveva regalato al re di Prussia Federico Guglielmo I° in cambio della Stanza dell’Ambra, o almeno ne aveva la medesima monumentalità fisica.
“Signore, io sento dei brividi e non di freddo! Perché non lasciamo ai posteri questa brutta scoperta?”. “Voi ignoranti credete ancora alle streghe ed ai fantasmi. La scienza ha da tempo dimostrato che non possono esistere. Al limite troveremo qualche scheletro o forse un “tesoro”, asserì seccamente il nobiluomo. All’improvviso le scale finirono, un lunghissimo passaggio sotterraneo basso, ed in parte allagato, si offrì alla loro vista. Al primo passo entrambi inciamparono in qualcosa sotto il livello dell’acqua, provocando un rumore metallico. “Passami la torcia”, disse con tono imperioso l’anziano nobile.
I resti di una grande armatura giacevano sul fondo del rigagnolo. “Da questo elmo spunta una massa che sembra un rimasuglio di capelli. Pare un’armatura di un antico guerriero! Il copricapo assomiglia a quelli dei mongoli dell’epoca di Gengis Kan”, e così dicendo illuminò il lato destro dell’elmo dove vide un grosso foro apparentemente procurato da una mazza. “Quel poveretto è sicuramente morto per quel colpo. Ma perché è stato ucciso ? Cosa faceva in questo cunicolo? Doveva forse sorvegliare qualcosa? Cosa, di preciso? O forse cercava qualcosa che non avrebbe dovuto trovare? “.
Il cameriere continuando a seguire i suoi pensieri rispose: “Quando non ci sono apparenti spiegazioni si tratta sempre di forze superiori. Io non ho paura di nessun umano, ma del mondo ultraterreno, che non ho mai conosciuto…padrone io preferirei tornare alla luce del sole. Dobbiamo recuperare del cavolo nero farlo a pezzi e dell’acqua fresca di fonte, tornando qui li butteremo nove volte dietro le spalle, senza voltarci e diremo -gettando questi cavoli libero me e chi mi è caro dalle forze che vivono in questo luogo-. Poi, lavandoci due volte le mani con l’acqua della fonte vicino al palazzo, cacceremo sicuramente questi fantasmi”.
“Taci Junker e cammina, io non ho alcun timore e tu sembri una donnicciuola che crede alle streghe ed ai maghi”, tagliò corto Carl Andreijevic.
A queste parole la guardia, si sentì punta nel suo amor proprio e zittì immediatamente.
Junker era alto due metri e quindici centimetri, per un peso di centoventi chili di soli muscoli e ossa e nessuno lo poteva spaventare fisicamente, ma le paure ancestrali, si sa, sono un’altra cosa.
“Ora sono certo che questo viaggio sarà interessante, il mio fiuto aveva sentito bene, e tu Junker devi stare tranquillo. Vedrai che alla fine di questa “incursione” sarò in grado di spiegarti ogni cosa in modo razionale”; lo rassicurò il padrone.
Più avanti scoprirono un’altra armatura, sempre con un grande foro sull’elmo. -Può essere che qualcuno abbia avuto interesse a lasciare delle guardie armate nel sottosuolo, ma perché poi sono state uccise?-; si domandò l’anziano nobile.
Finalmente arrivarono alla fine del lungo passaggio. Ora il cunicolo si allargava in una grande sala dove altre armature, squarciate con delle lance, si presentavano sparse ovunque, così come alcune ossa umane molto mal ridotte.
Ma fu una indecifrabile scritta e la parola: “Mitra” (vedi nota n.° 2) che attirarono l’attenzione dell’anziano padrone.
“Padrone qui non c’è altro che ferro vecchio e fantasmi! Andiamocene”.
“Tu vedi solo ferro e immagini fantasmi; io vedo pezzi di storia e cerco spiegazioni”. Ribadì Carl Andreijevic.
“Qui tutto finisce non c’è nulla di interessante; non vedo nulla oltre questa spaventosa stanza!”; rispose il presunto discendente delle guardie dello zar.
“Picchiamo lungo tutte le pareti e vedrai che scopriremo dell’altro”.
Junker si mise diligentemente, ma sempre spaventato, al lavoro, continuando ad imprecare dentro di se: – Questi nobili sono più pazzi dei pazzi e la loro presunzione li porterà alla rovina! -.
“Abbiamo praticamente sentito tutte le pareti e lei ha potuto verificare che mai hanno suonato a vuoto. Padrone andiamocene ora che siamo ancora vivi”.
“Aspetta, fammi salire sulle tue spalle, voglio provare a battere sul soffitto”. In questo modo ispezionarono ogni parte del soffitto, senza alcun risultato.
Ma proprio quando ogni speranza stava per essere abbandonata, picchiando contro un angolo del soffitto, il nobiluomo sentì un rimbombo.
—————
Nota N° 2 -Mitra era un dio raffigurato dai romani nell’atto di sgozzare un toro. Fu dio molto popolare tra le truppe, il suo culto si diffuse ovunque ci fosse un esercito romano: dall’Inghilterra al Danubio. Il culto di Mitra fu “assorbito” dai cristiani, egli decideva chi dovesse andare in paradiso o all’inferno. Numerosi furono i santuari detti “mitrei”, luoghi bui e sotterranei, trovati oggi dagli archeologi.

“Ecco ci siamo, la nostra ricerca deve continuare da questo angolo, passami il martello e tienimi ben salde le gambe sulle tue spalle mentre lavoro; l’emozione mi sta facendo dimenticare la stanchezza e il freddo, mi sento vicino ad una grande scoperta”.
E mentre cercava di allargare il più possibile il piccolo buco, che era riuscito a creare nel soffitto, l’anziano padrone si afflosciò tra le braccia di Junker che riuscì a non farlo cadere.
Il volto del vecchio era biancastro come quello di un cadavere, ma il cuore pulsava ancora. Junker pensò subito: “Ecco che si avvera la maledizione della quale avevo sentito parlare”.
Posò il suo padrone sul suolo, si tolse la giacca cercò di coprirlo al meglio. Arrotolò la sua giacca e ne fece un improvvisato cuscino. All’improvviso si ricordò di aver sentito dire che comprimendo nella zona del centro del torace si potevano “resuscitare i morti”.
Così cominciò a fare delle pressioni al centro del torace del suo padrone.
Faceva questi movimenti per istinto, mentre sentiva il suo animo paralizzato dalla paura della grande maledizione.
– Non deve morire, mi ha promesso che avrebbe aggiunto il mio nome al suo testamento! -. Pensò Junker, appena fu in grado di pensare, continuando il rudimentale tentativo di rianimazione.
L’uomo sembrava sempre più cadaverico, il suo cuore aveva smesso di battere e non dava segni di ripresa..Junker si sentì preso dal panico.
– Qualcuno potrebbe dire che sono stato io ad uccidere il mio padrone. Tanto più ora che ho cominciato a raccontare in giro che mi avrebbe nominato nel suo testamento! Lo avevo ben detto che qui non si tratta di scoperte di segreti, ma di smuovere ciò che deve essere lasciato come è da secoli – continuava a rimuginare la guardia-cameriere.
AVVIENE IL “MIRACOLO” !
E avvenne il miracolo. Il cuore ricominciò a battere, i muscoli di un occhio del vecchio cominciarono a lavorare, piano piano anche i muscoli dell’altra palpebra si mossero nel tentativo di sollevarla. Gli occhi del padrone si aprirono, seppur parzialmente, anche la bocca si aprì, ma non riuscì ad emettere alcun suono. La forte voce di Junker interruppe il glaciale silenzio: “Padrone dica qualcosa”.
Intanto cominciò, con rinnovata energia a massaggiare tutto il corpo dell’uomo nel tentativo di riscaldarlo e riattivarne la circolazione.
Passarono alcuni lunghi minuti nei quali l’orecchio acuto del servitore percepì il lontano suono di gocce d’acqua cadenti e gli parve di percepire anche la presenza di qualcosa che si muoveva.
“Padrone si svegli, dobbiamo scappare”; disse Junker.
La ripresa dell’uomo era troppo lenta, decise così di caricarselo sulle spalle e, con quel fardello, rifece tutto il cammino alla rovescia al massimo della velocità che gli fu possibile, mormorando formule magiche che ricordava appena: “Spiriti maledetti andatevene da questo posto so chi chiamare per distruggervi. Maledetti, scappate o vi manderò chi vi distruggerà per sempre…”.
Gridare e correre gli toglieva energie; così continuò camminando velocemente, ma in silenzio. Senza tuttavia smettere di mandare le maledizioni mentalmente.

RIENTRO NELLE STANZE DEL PALAZZO
Una volta arrivati al piano terra del palazzo, al centro delle grandi scalinate, chiamò la cameriera: “Irina, vieni subito il signore sta male! Irina corri e porta la cassetta del pronto soccorso”.
Le sue urla risalirono l’ampia rampa delle scale e attraversarono i grandi saloni. Irina si precipitò scendendo gli scalini due a due, fermandosi solo per raccogliere la cassetta del pronto soccorso nel ripostiglio del primo piano. Una volta arrivata al piano terra, la povera ragazza faticava a respirare e lo spettacolo del padrone quasi cadavere la fece crollare al suolo.
– Ecco la maledizione che si ingigantisce; il male porta male -, pensò Junker.
In quel momento dalla porta principale entrò il guardiacaccia Vladimir che rimase di stucco nel vedere i due, quasi cadaveri, riversi uno a terra e l’altro sul divano. “Cosa sta succedendo?”, disse.
“Il signore è svenuto mentre eravamo nel bosco e la cameriera si è sentita male appena lo ha visto in queste condizioni”. Rispose Junker.
“Presto mi passi la cassetta del pronto soccorso, sono veterinario e credo di poter far qualcosa”; sollecitò il guardiacaccia.
Non si sa se il merito fu della calda coperta, che Junker aveva posto sul corpo del suo padrone, del massaggio al cuore del guardiacaccia o di quanto fece il guardiacaccia-veterinario, ma l’effetto fu rapido ed efficace.
Il vecchio padrone si rizzò seduto, guardandosi intorno stupito e riconoscente.
“Grazie amici”, disse. Non aveva mai rivolto tale appellativo alla sua servitù, ma questa volta le parole venivano dall’inconscio che parlava senza la censura culturale.
Appena Carl aveva aperto gli occhi, tentando di parlare e muoversi senza riuscirci aveva temuto di essere stato colpito da una paralisi, ma ora percepiva benissimo ogni parte del suo corpo e poteva muoverla. Aveva appena superato un rischio mortale e le parve di rivivere una seconda volta.
Dopo il padrone anche la domestica Janje venne prontamente ed adeguatamente soccorsa da Vladimir ed anche per lei l’effetto fu rapido. Janje spalancò i suoi splendidi occhi scuri, che molti trovavano identici a quelli che Carl Andreijevic aveva ereditato dalla madre, figlia del re di Spagna. Quegli occhi scurissimi contrastavano meravigliosamente sulla chiara carnagione nordica ed i biondissimi capelli ereditati dalla madre.
Jane era veramente una bella donna, pensò il giovane guardiacaccia, chissà se quel positivo intervento lo avrebbe aiutato nei suoi tentativi goffi, ma sinceri, di attirare l’attenzione di lei. A lui non importava nulla di quello che raccontavano i soliti maligni. Il sentimento che Vladimir provava, da molto tempo, era sincero e profondo, ma la sua timidezza non gli aveva mai permesso il coraggio di un approccio.
Ora lei era lì, così vicino a lui…, piena di riconoscenza e aveva appena schiuso le labbra carnose per dirgli: “Vladimir! Non so cosa lei abbia fatto, ma ora mi sento molto meglio, come posso ringraziarla?”.
“Domani venga a cena con me; andremo nella miglior trattoria a mangiare selvaggina”, rispose il guardiacaccia tutto d’un fiato, trattenendo il respiro.
“Sarà un piacere, anche se devo avvisarla che, se mi sta invitando con altre intenzioni oltre il semplice chiacchierare insieme, la consiglio di desistere”.
“No, no, non mi fraintenda io desidero solo il piacere della sua compagnia”, rispose pronto il guardiacaccia.
Janje si alzò e corse accanto al divano dove riposava il conte: “Padrone come sta? Per un attimo ho temuto per la sua vita!”.

IL CONTE PROVA UN SENTIMENTO DA SEMPRE NASCOSTO.
“Janje bambina mia! Dunque a qualcuno dispiacerà della mia morte?”. Le parole gli erano uscite dalla bocca senza dargli il tempo di pensare; quel -bambina mia- non era proprio nel suo stile, stava forse rimbambendo? O forse aveva finalmente lasciato parlare il cuore?.
“Padrone lei non riesce ad immaginare come mi sono sentita quando l’ho vista, sembrava un cadavere, disteso su questo divano. Sono una serva, ma anch’io ho un cuore e dei sentimenti”. Avrebbe voluto aggiungere: -Come mia madre che fu sua amante per tutta la vita, senza aver mai chiesto nulla in cambio, se non l’assicurazione di un lavoro onesto per la sua bambina-, ma ritenne che non fosse ancora il momento, attendeva un segno dal cielo, dalla sua adorata mamma; lei avrebbe fatto accadere tutto. Un giorno sarebbe stata fatta giustizia di tutte le loro sofferenze; per questo pregava tutte le sere la Madonna.
Il guardiacaccia se ne stava andando: “Ho fatto quello che potevo, ora ho dato ordini perché arrivi il suo medico personale, sono felice di essere stato utile, ma è tardi devo portare i cani nel bosco per l’allenamento quotidiano. Buona serata padrone ci vediamo domani mattina. Salve Junker, buona sera Janje e non dimentichi la promessa della cena !”; e si allontanò.
Il vecchio nobile rimase così solo con il suo servo-guardia-del-corpo in attesa del medico.
“Spero tu non abbia parlato con nessuno delle nostre scoperte sotterranee”. Disse a bassa voce il nobiluomo a Junker, non appena Janje si fu allontanata. “Assolutamente no, mio signore”, rispose con deferenza il servo. “Ma se mi permette un suggerimento, dopo quello che è successo, mi sembra evidente che a qualcuno di molto potente la nostra incursione non sia piaciuta. La prego non torni mai più laggiù io, comunque, mi rifiuto di accompagnarla”. “Sei rimasto ai pregiudizi medioevali, sbagli, ma non riesci a rendertene conto. Io mi sono sentito male per il freddo e lo sforzo. E’ chiaro che tu non vuoi aiutarmi, ma te ne pentirai”. Disse il nobiluomo alludendo alla promessa modifica del testamento.

San Pietroburgo Luigi Premazzi Museo dell'Ermitage

NUOVI PENSIERI FRULLANO NELLA TESTA DEL NOBILE ANDREIJEVIC
Per i suoi ultimi anni di vita aveva solo bisogno di una persona di fiducia, ed ora che aveva intuito quanto affetto nascosto potevano celare i modi freddi di quella povera cameriera, le era venuta un’idea.
Probabilmente la madre aveva informato Janje di quanto era accaduto tra loro, ma quella gente era forte e orgogliosa; volevano ottenere chiedendo il meno possibile. Sarebbe stato molto piacevole poter aprire il suo vecchio cuore alla fanciulla che tanto gli ricordava la madre; ma questa volta solo per puro affetto paterno.
E poi a chi mai avrebbe lasciato i suoi averi ? Quel Junker non meritava nulla, nemmeno le briciole, era solo stupido e superstizioso. Oppure si, giusto le briciole per assicurarsi la sua assistenza sino alla fine.
Sto diventando vecchio e debole.

Questi erano i pensieri del vecchio Carl; mai da giovane avrebbe ceduto le sue sostanze ad una “servetta”; seppure fosse stata sua figlia.
-Mi sto adeguando ai tempi, sto arrendendomi alla rivoluzione francese? Ho ancora dei dubbi, ma non ho figli, dalla famiglia mi sono allontanato per sempre dopo essere stato costretto a studiare per divenire cardinale. E ora come prelato che ha lasciato la toga non sarò mai riaccettato e il mio cuore mi suggerisce di seguire il mio istinto; anche contro i principi dei miei avi-. Questo era quanto vorticava nel cervello del vecchio nobiluomo; mentre aspettava il medico.
Il dottore entrò nel palazzo proprio in quel momento, interrompendo quei pensieri “scandalosi”.
Dopo una visita accurata il dottore, anche compagno di caccia del nobiluomo, espresse il suo parere: “Carl devi rassegnarti al fatto che non sei più giovane, non so quale sforzo sia stata la causa del tuo malore, ma è evidente che il tuo vecchio cuore non può più permettersi di sopportare certe fatiche. Promettimi che da oggi limiterai la tua attività fisica alle passeggiate in giardino senza più lavorare nella serra quando fa caldo o seguire l’addestramento dei cani. Se mi ascolti abbandoni anche la caccia, ormai è troppo faticosa per te”.
“Certo la fate facile voi, dottori, basta non bere, basta mangiare brodini, basta donne e, adesso, anche basta caccia. Ma non è forse meglio morire prima, mangiando a piacere e gozzovigliando anche con il sesso?. Meglio morire contento che vivere sempre scontento!”.
Ma mentre diceva queste parole a voce alta, dentro di se stava pensando: -E se rinunciassi a tutto e mi guadagnassi l’affetto di quella figlia mai riconosciuta? Forse la vita non è fatta solo di tradizioni, apparenze e ricchezza, forse gli affetti non sono solo un racconto per donnicciole…-. E con questi pensieri per la testa si avviò nelle sue stanze.

San Pietroburgo, Monumento agli "Eroici difensori di Leningrado", ingresso.
San Pietroburgo, Monumento agli “Eroici difensori di Leningrado”, ingresso..

DUE SECOLI DOPO. NEL “MEDESIMO [?]” PALAZZO LA NEO SPOSA INCONTRA LA SUA STALINGRADO.
Superati oltre due secoli, eccoci ai giorni nostri all’interno di uno dei fastosi palazzi di San Pietroburgo, forse quello di fianco o il medesimo di quello nominato sopra?
Passò poco tempo e la neo sposa Jaqueline cominciò a dubitare seriamente del fatto che Emanuel fosse l’uomo premuroso ed attento che aveva conosciuto prima del matrimonio. Un mese dopo la fine della luna di miele il marito si era rivelato distratto e occupato in quelli che lui chiamava affari in giro per il mondo. Jaqueline lo minacciò di riferire tutto a suo padre, ma Emanuel sapeva bene quanto poco suo suocero volesse occuparsi della figlia, così pensò che sarebbe bastato isolarla nella lussuosa residenza di S. Pietroburgo.
Ora Jaqueline poteva parlare con l’esterno solo alla presenza del marito a causa di un presunto terribile esaurimento nervoso. Emanuel aveva scelto medici e servitori adeguati, tutti personaggi legati in qualche modo ad una totale fedeltà nei suoi confronti.
IL GHIACCIO ENTRA NELL’ANIMA DI JAQUELINE
L’anima di Jaqueline si era ghiacciata come il lunghissimo inverno di San Pietroburgo. Non riusciva ad intravedere alcuna via di scampo. Il padre non aveva risposto alle sue commuoventi lettere; forse non le aveva mai ricevute e, stranamente, non rispondeva nemmeno alle telefonate. Forse le aveva mandato un messaggio , che non le era mai arrivato, sul cambio di numero?
Nemmeno l’immenso albero di Natale, addobbato con cristalli Swarovski nel suggestivo giardino del palazzo, riusciva a placare il terrore che si era impadronito di lei soprattutto nelle lunghe notti insonni.
Aveva letto su Vogue, che la donna più scandalosa di Russia, la ballerina che fu amante di Nicola II, usava addobbare il suo albero di Natale con decorazioni dorate, pere di cristallo e, nella parti più basse i balocchi acquistati presso le bancarelle del Campo di Marte. Così aveva ordinato a Swarovski di creare per il suo gigantesco albero le medesime decorazioni.
Voleva stupire tutti quelli che fossero passati nei dintorni, ma l’albero si vedeva anche dall’altro lato della Neva.

Tornando alla nostra Jaq, abituata alla luce dei riflettori ed a vedere accontentato ogni suo capriccio, la sua autostima pretendeva ben altro di un albero di Natale unico.
All’improvviso la sua autostima crollò drasticamente. Non aveva nessuno con cui confidarsi e di cui fidarsi. Le poche “quasi” vere amiche raggiunte al telefono, dopo avere sentito solo raffiche di lamentele concitate, si erano convinte che Emanuel avesse ragione; Jaqueline era improvvisamente impazzita.

GHIACCIO 672 INVERNO ACQUA

LE TRINCEE NEL TERRENO GHIACCIATO, LE DONNE CHE LE DIFESERO SINO ALLA MORTE E LA REAZIONE DI JAQUELINE QUANDO LESSE QUESTI FATTI.
Conoscendo il russo, Jaqueline era in grado di leggere tutti i libri della preziosa e rara biblioteca di famiglia. Alcune frasi ebbero un grande impatto psicologico sulla donna abituata a una vita di agiatezze e smossero l’orgoglio, calpestato, di Jaqueline.
Tra le tante, queste frasi rimasero impresse nella sua mente: “La città di Leningrado resistette ad un esercito di proporzioni enormemente superiori, anche come munizioni, senza avere nessuna fortificazione, ma solo con la forza e l’eroismo dei suoi abitanti e soldati. Impossibile tralasciare una particolare menzione in ricordo dei soldati siberiani che dopo dure marce di avvicinamento scavarono nel terreno ghiacciato trincee, combattendo e vincendo la terribile battaglia che vide i tedeschi tanto vicini all’ultimo confine rappresentato dal fiume. I più morirono, durante tre giorni di incessanti bombardamenti e cannoneggiamenti, insieme alle donne delle fabbriche che lasciavano la loro postazione solo quando morivano, sempre rimpiazzate da altre…”.
JAQUELINE CAPISCE CHE LA VITA E’ FATTA ANCHE DI LOTTE
Superati i primi terribili mesi nei quali aveva orribilmente sofferto, Jaqueline prese coscienza della cruda e dura realtà e decise di fingere di adattarsi a quel momentaneo stato di prigionia.
Si convinse, quindi, ad ingannare se stessa per vivere una favola immaginaria. Aggirandosi nei saloni si fingeva l’erede diretta dello zar e così, in questa veste, cominciò a scrivere le sue “memorie” basandosi sui libri che leggeva in biblioteca. In realtà quello che scriveva, se letto con un codice da lei ideato, narrava quanto le stava accadendo.
La sua improvvisa calma, riferita puntualmente al marito, insospettì Emanuel che immediatamente telefonò al suo cameriere: “Devi far mettere venti gocce di quel medicinale che sai nella tisana serale di Jaqueline”.
Forse la sua cameriera sbagliò la dose e fu così che lei si accorse dello strano sapore della bevanda, ma finse di berla.
La sera seguente seguì la cameriera e la vide mentre aggiungeva le gocce alla sua tisana. Non disse nulla, si mostrò assonnata, stanca e addormentata sui libri. In realtà proseguiva i suoi studi in biblioteca. Scoprì così che il palazzo aveva un passaggio segreto verso l’esterno.

Leggendo il libro di Arienne Sharp “La ballerina dello zar”, Jaq ebbe anche l’occasione di darsi una seria infarinatura dei fatti storici russi precedenti la rivoluzione. La storia della ballerina Mathilde Kschessinka, figlia del grande Felix Kschessinsky, che danzò per quarant’anni per gli zar, è libro ricco di pettegolezzi sulla vita controcorrente e scandalosa della ballerina, ma anche generoso di particolari storici. Nel leggerlo, a Jaueline, non fu difficile immedesimarsi nella protagonista e nei suoi scandali, ma rimase anche impressionata dalle sue sofferenze.

ACQUA GOCCIA 672 VARIO BLU K
JAQUELINE RICONQUISTA LA LIBERTA’
Aveva riconquistato la libertà, ma finse che tutto fosse come prima. Ora sarebbe stata in grado di mettere a punto la sua vendetta.
Dormiva molto durante il giorno e poi, dopo essersi ritirata presto la sera nelle sue stanze, usciva.
Il travestimento era perfetto: parrucca e trucco la rendevano irriconoscibile. Cominciò a frequentare i salotti che contavano in città facendosi passare per una stravagante ereditiera.

All’arrivo del marito, una delle rare volte che tornava a palazzo e in Russia, lo accolse una donna irriconoscibile: “Bentornato caro, scusami, ma il dovere mi chiama non posso più stare lontano dai miei libri, se hai bisogno di me chiama la cameriera, se non dormo mi avviserà”. Queste furono le uniche parole che gli rivolse. Continuò a mostrarsi stanca, assonnata e disinteressata a tutto ciò che era estraneo agli studi in biblioteca; tanto che Emanuel non fece altro che compiacersi con se stesso.

LA LETTERA AL PADRE
Durante una delle sue uscite segrete Jaqueline riuscì a spedire personalmente, l’ennesima lettera al padre spiegando tutto e pregandolo di non intervenire direttamente, ma di appostare sempre due guardie fuori dall’ingresso segreto del palazzo. Il padre finalmente ricevette e credette alle lettere, si commosse e l’accontentò; come sempre era accaduto in passato.

Finalmente Jauqeline aveva trovato qualcosa che la assorbiva completamente, assecondava la sua fervida fantasia e soddisfaceva la sua ambizione di forti emozioni; preparare una crudele vendetta contro suo marito e ritrovare la Stanza dell’Ambra.
Aveva letto le versioni ufficiali inerenti la Stanza dell’Ambra e la sua misteriosa sparizione ed era decisa a svelarne il segreto e farsi giustizia da sola; da brava discendente dei cow-boy americani.

AMBRA 672 collane Ermitage

LA STORIA DELLA STANZA DELL’AMBRA.
Lo zar Pietro I° il Grande ricevette in dono la Stanza dell’Ambra dal re di Prussia Federico Guglielmo I° e ricambiò con un intero corpo di guardia formato da soldati russi di statura gigantesca.
Il valore commerciale attuale di questo capolavoro, eseguito nel 1709 da artigiani di Königsberg, può essere valutato intorno ai 60.000 milioni di euro c.a.. Si tratta di pezzi d’ambra finemente lavorati e montati su telai di metallo progettati per rivestire un’intera stanza. Oggi, purtroppo se ne può solo ammirare la copia; rifatta secondo le poche foto rimaste dell’originale. La Stanza dell’Ambra è, a ragione, considerata l’ottava meraviglia del mondo e la testimonianza del favoloso e terribile passato della storia russa.
I fortunati turisti moderni possono vedere la preziosa Stanza nel Palazzo d’estate di Caterina, a Pšhkin (oggi: Tsarskoye Selo località vicino a San Pietroburgo), circondato da grandi parchi e dalla frescura di vecchi tigli. Qui passeggiarono Tolstoj, Aleksandr Blok, il compositore Gavriil Popov e la moglie, Boris Asafjev e probabilmente anche tutti i grandi della vicina Leningrado.
Pšhkin fu occupata durante l’assedio di Leningrado, quando le truppe tedesche arrivarono sino ai sobborghi meridionali della città; nel settembre del 1944.
Le SS rimossero La Stanza dell’Ambra dal Gran Palazzo di Caterina e la portarono, secondo numerose testimonianze, nel castello di Königsberg, dove molti sostennero fosse bruciata.
Al contempo, testimoni altrettanto credibili, parlarono di un altro nascondiglio prima che il castello fosse bruciato, per la seconda volta dai russi; poco tempo prima lo fu, parzialmente, per mano tedesca.
A questo proposito il curatore d’arte dei palazzi zaristi A.Kurchumov affermò che tra i resti dell’incendio non vi era traccia d’ambra. Di fatto l’ambra bruciata poteva avere lasciato solo tracce praticamente invisibili tra i rimasugli dell’incendio.
Altri sostennero la tesi di un rocambolesco viaggio verso una lontana meta prima dell’assedio al castello.
Sta di fatto che la stanza scomparve, numerosi libri sono stati scritti e centinaia di testimonianze vagliate; non mancano nemmeno morti sospette, testimonianze negate o di fantasia.
Numerosi abitanti del luogo, sostennero di aver visto affondare, con la protezione delle SS, decine di casse misteriose nelle acque del lago Toplitz, in Austria; a 100 chilometri da Bertechsgaden, il “Nido d’aquila” che fu residenza estiva del Fürer.
Tra le tante ipotesi non si è mai scartata la possibilità che le casse contenenti la Stanza dell’Ambra fossero state affondate da una nave russa per non lasciarle cadere in mano tedesca.
Altri parlarono di una miniera vicino a Göttimgen, quale ultimo rifugio, fatta saltare deliberatamente.
I più fantasiosi sostengono la tesi che, ancora oggi, si trovi in un sotterraneo di miliardari texani.
Il giornale italiano La Repubblica del 17 maggio 1997 riportò che uno dei soldati tedeschi addetti allo smantellamento della Stanza nel Palazzo d’Estate di Caterina aveva lasciato in eredità i mosaici di pietra dura fiorentini che decoravano la stanza dell’Ambra; rubati durante il trasporto verso il castello di Königsberg.
Nel 2008 il governo di Mosca denunciò ufficialmente la sparizione di 50 mila “pezzi” dai propri musei: gioielli della corona, preziosissime icone, medaglie della Seconda Guerra Mondiale e argenteria; il tutto per un valore di diversi milioni di dollari, ma nemmeno un indizio riguardo alla Stanza dell’Ambra. Le opere, secondo Mosca, furono trafugate o perse durante i trasferimenti alla fine dell’era sovietica. Pare che la mancata informatizzazione, ed una catalogazione antiquata, siano i motivi di tanto ritardo nella scoperta dei fatti.
Ovviamente viene il dubbio che i ritardi abbiano fatto comodo a qualcuno.
I musei che hanno subito i furti, sono i più importanti: dall’Hermitage al museo Etnografico di San Pietroburgo, ai musei dell’Altaj e della città di Novokuznetsk. A questo riguardo solo due uomini sono stati arrestati, padre e figlio parenti della curatrice dell’Hermitage di San Pietroburgo che, secondo le cronache, per il dolore sarebbe morta d’infarto.
Gli oggetti trafugati, del valore di cinque milioni di dollari, furono venduti al Monte dei Pegni.
Queste sono le deboli tracce lasciate dalla Stanza dell’Ambra e da altri preziosissimi reperti di grande valore storico e artistico.

Vario 672 rosa ok arte vb
JAQUELINE DOPO LE LETTURE SULLA STORIA DELLA STANZA DELL’AMBRA. UNA DONNA NUOVA.
Tutte le ipotesi formulate sui vari testi, riguardo la Stanza dell’Ambra, stimolarono la fervida fantasia di Jaqueline che decise di approfondire l’argomento: lei l’avrebbe trovata e se ne sarebbe impossessata.
La Stanza era divenuta la sua ossessione; un presentimento le diceva che la Stanza dell’Ambra non era stata distrutta e che lei l’avrebbe avrebbe scoperto il nascondiglio.
Ora era lei che addormentava la servitù di notte, dopo essersi fatta “amica” di una cameriera della quale aveva scoperto un amante segreto.

EMANUEL A HOLLYWOOD
Emanuel aveva come base la villa che Jaqueline possedeva a Hollywood, con il beneplacito del padre di lei, circondato da numerose starlette e sempre più raramente affrontava il viaggio a San Pietroburgo.

IN UNA GELIDA NOTTE NELLA BIBLIOTECA DEL PALAZZO DI SAN PIETROBURGO
Fu durante una freddissima notte, del suo primo inverno russo, che Jaqueline trovò una parte di quello che cercava: uno strano testamento, scritto su pergamena, probabilmente appartenuto ad un pro-zio di suo marito. Parlava di quando le truppe tedesche entrarono nel Palazzo di Caterina a Pšhkin e di come la Stanza dell’Ambra fosse stata imballata, insieme ad altri grandi capolavori, e spedita altrove.
Si accennava ad un furto; una sostituzione e un enigma che doveva essere risolto. Seguiva un racconto di fantasmi e streghe che popolavano il palazzo, i parchi di San Pietroburgo e della vicina Pšhkin, di uscite segrete e morti che parlavano attraverso le pareti dove erano stati murati vivi perché non rivelassero un segreto.

TORNA EMANUEL
Una notte Emanuel tornò all’improvviso: “Sei impazzita perché picchi il muro della tua stanza? E che ci fanno qui queste guardie armate?”. Prontamente Jaqueline spiegò: “Queste guardie sono pagate da me perché mi devono aiutare nella ricerca dei fantasmi che abitarono il palazzo”.
Emanuel, ormai certo che la moglie delirasse a causa della lunga cura di tranquillanti, accettò di buon grado questa spiegazione. Comunque lui aveva già fatto accurate ricerche riguardo la stanza dell’ambra ed era certo che la moglie non avrebbe avuto nulla da scoprire. Ammesso che ne fosse a conoscenza.
Da allora anche le guardie di Jaqueline accettarono, apparentemente, di riferire sempre a Emanuel le mosse della moglie.
Emanuel, come sempre, si stancò presto della monotonia della vita in quel palazzo e tornò presto negli Stati Uniti.

Ora Jaqueline si sentiva molto sicura e poteva raddoppiare l’intensità delle sue ricerche. Contemporaneamente cercava di mettere a punto la sua vendetta.
Cominciava anche ad apprezzare il fascino del lungo inverno russo, se ne stava seduta sulla panca all’interno di un monumentale camino nella sua stanza preferita; leggendo e scrivendo. Sempre alla ricerca di nuovi chiarimenti per raggiungere il suo scopo.
Indubbiamente aveva anche un poco di nostalgia dei miti inverni californiani, ma aveva deciso di risolvere, a modo suo, il mistero e portare a termine la sua vendetta; e questo suo nuovo modo di vivere la intrigava moltissimo.

varie 672 ghiaccio neutro  j
IL GHIACCIO SULLA NEVA SI SCIOGLIE; COME IL CUORE DI JAQUELINE
All’arrivo della primavera, la magia del ghiaccio lasciò il posto ai primi, timidi, fili d’erba. Dagli alberi spuntarono le foglioline verde chiaro e quando sbocciarono i primi fiori nei giardini, il medico di fiducia di Jaqueline, completamente conquistato non tanto dal suo fascino, ma dai luccicanti Rolex d’oro regalatigli, era diventato il suo amante.
Passarono notti di fuoco, facendo l’amore anche con belle turiste ed aitanti guardie del corpo; in città per accompagnare qualche neo-ricco in trasferta; incontrati nei più esclusivi locali della città.
A Jaqueline piaceva molto e non avrebbe mai pensato di essere gelosa dei compagni e delle compagne amorevolmente condivisi per puro divertimento, ma non aveva mai sopportato che un suo fidanzato non la facesse partecipe delle proprie stravaganze sessuali.
Intanto la “neo-zarina-Jaqueline”, in incognito e irriconoscibile, continuava a frequentare le feste nei salotti buoni della città e fu così che conobbe un nobile giovane, bello, sensibile e intelligente che subito cancellò ogni ricordo dell’interessato medico; il quale si consolò, prontamente, con una nobildonna più anziana, ma ancora più generosa di Jaqueline.
Ora la bellissima Jaq non si sentiva più sola, forse aveva trovato qualcuno con cui condividere i suoi progetti, ma per il momento decise di tacere.

JAQUELINE CONTINUA A LEGGERE CERCANDO INDIZI.
“L’improvvisa aggressione tedesca sorprese le truppe russe negli accampamenti e molti aerei furono distrutti negli aerodromi”. Jaqueline più leggeva e rileggeva, più desiderava approfondire l’argomento, per lei così tanto lontano dalla sua realtà.
Del libro “L’epopea di Leningrado” ricordava, ormai quasi a memoria, alcuni tratti: “Nonostante tutto…il generale delle SS Halder scrisse: -Le notizie dal fronte confermano che i russi si battono dappertutto fino all’ultimo uomo..-, ma a due settimane e mezzo dall’inizio della dichiarazione di guerra le SS si erano impossessate di quasi tutti i Paesi Baltici e si trovavano già nella regione di Leningrado dove le fortificazioni, a suo tempo approvate, erano lontane dall’essere terminate… dal 30 giugno al 6 luglio 1941, 97 mila cittadini, su 200 mila, si offrirono volontari, furono arruolati come milizie popolari…La città venne mimetizzata per confondere gli aerei nemici…dall’alto i tetti apparivano giardini e parchi… i tetti vennero rivestiti di materiale ignifugo… vennero costruite fortificazioni, ricoveri blindati, fossi anticarro. Tutto venne utilizzato: cemento armato, tubi… e anche le fognature.
In luglio e agosto i tedeschi attaccarono la città con 1.600 bombardieri, ma solo 28 raggiunsero Leningrado; gli altri furono abbattuti.
Agosto e settembre videro anche un massiccio attacco via terra. Nonostante l’inferiorità russa, il nemico riuscì ad avanzare solo -molto lentamente e con gravissime perdite-.
Nel frattempo la città venne trasformata in un forte inespugnabile. Da settembre a novembre vi caddero 3.000 bombe dirompenti e 2.063 persone morirono.
Tutto avvenne mentre il compositore Dmitrij Dmitrievič Šostakovič (1906-1975) incominciava a scrivere la sua “Settima sinfonia”, interrompendo il lavoro, ad ogni allarme aereo, con due A sullo spartito.
A proposito di queste dure offensive, sempre respinte, il generale Tippelskirch disse: -…a causa di una accanitissima resistenza dei difensori rafforzati dai fanatici operai di Leningrado, l’atteso successo venne meno-“.

San pietroburgo Ermitage di notte blu
OGNI SERA JAQUELINE…SI TRASFORMAVA IN UNA MISTERIOSA BRUNA STRANIERA
Ogni sera, una volta chiusasi nelle sue stanze, Jaqueline cominciava una lunga vestizione preceduta da un bagno caldo nella spaziosa vasca Jacuzzi immersa in acqua arricchita da uno speciale olio da bagno proveniente dalla sua spa preferita: il Grand Hotel Sonoma Inn a Sonoma Valley a nord di San Francisco.
Terminato il bagno, Jaqueline si avvolgeva in un accappatoio con l’interno in morbida spugna e l’esterno di luccicante ciniglia di seta verde-acqua che metteva in risalto il colore dei suoi occhi.
A Hollywood la sua stilista personale le aveva insegnato anche i segreti dei grandi truccatori; nozioni che divennero utili per modificare completamente il suo aspetto: una parrucca nera a caschetto era il primo, efficace, trucco. Con un apposito pennellino rendeva folte e scure le sopracciglia bionde, con una grossa linea di eye-liner scuro allungava modificando la forma degli occhi che scuriva con le lenti a contatto. La bocca era resa più evidente con una matita water-proof rosso squillante e relativo rossetto.
Gli abiti che indossava erano quelli acquistati per puro divertimento, durante i suoi shopping compulsivi americani.
Tallieurs neri molto aderenti, con spacchi vertiginosi nella gonna e calze di seta nera, la rendevano ulteriormente irriconoscibile. L’alternativa erano tubini neri molto accollati, ma con spacchi provocanti su calze a rete o pizzo; rigorosamente nere.
Il tutto veniva accuratamente coperto da splendidi mantelli di leggerissimo zibellino: erano abiti e pellicce acquistati a Los Angeles nell’ingenua idea di stupire un marito innamorato.
Ormai conosceva tutta la San Pietroburgo che “contava”, non i nobili che aveva sognato, ma uomini d’affari, senza scrupoli, disposti a tutto pur di avvicinare una donna tanto affascinante e misteriosa.
Questo tipo di vita appagava l’irrequieta Jaqueline.

0 672 soldi-ARTE-PIATTO-SANGUE-SOLDI500X300

UNO STRANO EPISODIO
Solo uno strano episodio le tolse, per poco, la serenità raggiunta.
Una sera, davanti ad un ristorante, mentre la guardia del corpo andava a parcheggiare l’auto, Jaqueline decise di fare due passi da sola; la neve e il ghiaccio coprivano tutto, attraversato il grandioso viale, la grande cupola illuminata della Cattedrale di Sant’Isacco e il fiume Nieva gelato, le regalarono un momento di solitudine e libertà; un brivido di felicità la pervase.
Nel cielo nero, nonostante le luci della strada, si intravedevano le stelle e lei si soffermò a cercare il grade carro; una delle poche costellazioni che conosceva.
All’improvviso due tipi alti e vestiti di nero la bloccarono e tentarono di infilarla in un’auto con il motore acceso. Per fortuna, proprio in quel momento, apparve un gruppo di amici che si stava avviando al ristorante. Le loro guardie del corpo udirono le sue grida soffocate e intervennero immediatamente bloccando gli assalitori ma, deliberatamente, li lasciarono poi fuggire.
Jaqueline spaventata, anzi sconvolta, ringraziò i suoi salvatori e li invitò al suo tavolo. Fu una bella serata; i nuovi amici simpatizzarono subito con gli altri che attendevano Jaqueline la quale, dopo i primi due bicchierini di vodka, dimenticò ogni paura.
La cena al ristorante Stroganoff Steak House, uno dei più famosi di San Pietroburgo per alcune sue specialità, fu di ottimo livello.
Iniziarono tutti con il King Crub della regione di Kamchatka; servito con caldi blinis e caviale; poi ognuno ordinò il suo piatto preferito tra quelli in menù e finirono con degli strepitosi babà pieni di forte rum della Giamaica (preparati appositamente secondo le indicazioni che Jaqueline dava ogni volta che prenotava quel ristorante).
Fu l’ultima volta che Jaqueline mangiò il King Crub; anche se quello del ristorante proveniva da pesca legale. Proprio il giorno dopo, la golosa Jaqueline, lesse su internet alcune notizie sulla pesca pirata di questo meraviglioso, e buonissimo, granchio a rischio estinzione.
Da quella sera Jaqueline si fece sempre accompagnare, sino all’interno dei vari locali, da una delle guardie private e piano, piano dimenticò il brutto episodio.Ma rimase il dubbio se dietro quell’aggressione non ci fosse qualche conoscenza di suo marito.

0 672 varie blu ok arte ghiaccioconsfoviolaOK
ESISTONO CONFINI TRA LA NOSTRA ASSURDA ABBONDANZA E L’ASSURDA MISERIA MORALE DI MOLTA PARTE DELL’UMANITA’? 200 CHILOMETRI DI STRADA COSTRUITA TRA TEMPESTE DI NEVE E BOMBARDAMENTI E POI IL LAGO LADOGA GELATO…UNA STARDA PER LASCIARE ANCORA UN POCO DI SPERANZA AD UNA LENINGRADO ALLO STREMO.
Esistono confini per la nostra assurda abbondanza o per l’assurda miseria morale dell’umanità? Comunque non dobbiamo smettere di sperare che l’uomo, con le infinite risorse che ha ben dimostrato di possedere nei momenti più bui della storia, sappia andare oltre l’immaginabile, anche nei suoi comportamenti positivi! I 900 giorni della resistenza di Lenigrado ne sono la prova.
Già nell’antichità durante la battaglia delle Termopili, un piccolo esercito di eroi, coraggiosi e ben motivati riuscì a tenere in scacco i persiani, il più grande esercito dell’epoca!
Jaqueline continuava a ripensare a queste ed altre frasi, lette nei libri della biblioteca, che l’avevano particolarmente colpita.

La primavera e l’estate erano ormai un lontano ricordo e l’inverno si presentava più lungo e più freddo del solito. Proprio come quello del 1942-43 quando i sovietici costruirono, tra l’altro, una strada di comunicazione sul ghiaccio del Lago Ladoga, nonostante i continui bombardamenti nemici. Chi conosce i particolari di questa vicenda la annovera tra le grandi opere umane al limite del possibile. Anche bambini, donne, uomini e merci vennero bersagliati dal fuoco nemico mentre erano trasportati lontano dall’assedio di Leningrado ma, a dispetto delle SS, molti giunsero salvi alla meta.
I 200 chilometri di strada costruita tra tempeste di neve e bombardamenti, attraverso boschi e paludi si prolungavano sul lago Ladoga gelato. Tutto ciò permise, a fine novembre, di portare nella città ormai priva di tutto, materiale per il riscaldamento, scorte di cibo superiori alle necessità previste e munizioni.
La primavera che seguì fu brevissima.
E venne l’estate con le sue meravigliose notti bianche e gli stratosferici colori dell’aurora boreale. La magia che il grande nord regala ai suoi abitanti; quasi voglia farsi perdonare la durezza dell’inverno.
Persino durante il grande assedio di Leningrado la bella stagione donò momenti magici ai suoi abitanti; descrizioni che Jaqueline leggeva e memorizzava assai facilmente:
“…una primavera di calma e distensione. Nei Giardini d’Estate campi di cavoli sostituivano le distese erbose. Tra le batterie contraeree sul Campo di Marte, crescevano appezzamenti di patate. Qua e là spuntavano piccoli cartelli “Orto di Kozin”, “Orto di Aleksandr Prokofjev”… Sulla scalinata della cattedrale di Kazan bolliva un samovar di rame e le donne bevevano tè fatto di chissà quali erbe. Tutti si confezionavano sigarette con pezzi di carta strappata da vecchie copie della Pravda. Le accendevano sfruttando il riflesso del sole in una lente. I tram… spesso si fermavano per i cannoneggiamenti..[ma] la morte era meno frequente… Luknitkij…vide soltanto due cadaveri [!]. Certo, la gente era magra e tesa… molti avevano le guance arrossate dal sole estivo… Troppi erano morti… Ai muri delle case erano affissi elenchi di piante selvatiche commestibili, con tanto di disegno… La casa degli scrittori… era di nuovo pulita, non più cadaveri nei ripostigli”.
La città e la sua storia avevano tanto affascinato Jaquelne, che lo studio di quest’ultima era divenuto, per la ex regina del gossip, una vera ossessione ed i suoi punti di riferimento stavano coambiando.
NOTA N° 3:
Le frasi tra virgolette sono tratte dal libro “L’epopea di Leningrado”; già tradotto da Bompiani, successivamente riproposto in Italia da Salisbury.

CH 672 varie inverno  ghiaccio montagna neve ghiacciaio-della-Jungfrau-682x1024
LE DOMADE DI JAQUELINE SULLA STANZA DELL’AMBRA. JAQUELINE NON E’ PIU’ SOLO LA DONNA FRIVOLA DI UN TEMPO.
Se di notte Jaqueline rimaneva la donna frivola e capricciosa, di giorno quando non dormiva o leggeva, aveva cominciato a girare per la città con un paio di jeans stracciati ed una semplice t-shirt bianca; interrogando le poche persone sopravvissute ai fatidici 900 giorni ed alla vecchiaia. Registrava le loro storie e le trascriveva.
Ovviamente faceva molte domande sulla sparizione della Stanza dell’Ambra, ma le risposte o erano negative o parevano frutto di una interminabile fantasia.
Secondo qualcuno la Stanza dell’Ambra era stata rubata alle SS e sotterrata in una delle tante fosse comuni.
Un’anziana babushka di Pushkin, assai rotondeggiante, ma con le guance “divorate” dagli anni e dalle fatiche, raccontò di avere visto, la notte prima del presunto trasporto del tesoro da parte delle SS, degli uomini incappucciati scaricare grandi contenitori in un magazzino di fronte a casa sua.
Un uomo raccontò che la Stanza era stata portata in salvo dai compagni che erano riusciti a sottrarre il tesoro, già imballato, con un aereo da guerra oltre le linee nemiche verso Irkutsk, in Siberia, dove era stato seppellito sulle sponde del lago Baikal. La medesima persona sosteneva anche che i tedeschi quando si accorsero del furto, per non subire le punizioni dei superiori, prepararono casse identiche, riempite di legna.
Altri ritenevano di aver visto le casse salire verso il cielo nella notte stellata che precedette la loro spedizione ufficiale, chi gridava al miracolo divino, chi alla magia di una strega del luogo.
Alcuni parlavano di un mago che aveva predetto, molti anni prima, il furto di un bene preziosissimo e legato ad una maledizione.
Molti concordavano sul fatto che le casse si erano misteriosamente duplicate e che solo quelle riempite con assi di legno fossero state regolarmente spedite dai tedeschi il giorno dopo.
La teoria più comune era che qualcuno avesse trafugato le casse, che quelle spedite dai tedeschi, in treno, contenessero solo strutture di metallo e legno.
I successivi trasferimenti della Stanza dell’Ambra, in castelli e cave, sarebbero stati solo considerati necessari per deviare le indagini.
Alla fine delle sue ricerche Jaqueline concluse che, sia i russi che i tedeschi, dimostravano di voler più complicare che favorire le ricerche. Forse, erano entrambi complici della sparizione. Si erano spartiti il bottino? Qualcuno, minacciando, era sempre riuscito ad evitare che la verità emergesse?
Se era sopravvissuta dove si trovava oggi la Stanza dell’Ambra?
Jaqueline si ripromise, ancora una volta, che il ritrovamento della Stanza dell’Ambra, o almeno di qualche sua parte, sarebbe divenuto il suo obbiettivo principale, insieme alla vendetta verso suo marito.
“LA DIFESA DI LENINGRADO 1941-44” Di: N.Baliasnikov.
Jaqueline continuava a leggere; “La difesa di Lenigrado1941-44” di N.Baliasnikov: “Nonostante le privazioni i cittadini lavorarono e continuarono a produrre negli stabilimenti, molti sino alla morte.”.
“…lavoravano sino all’ultimo respiro e morirono al posto di lavoro”.
“Il nostro campo di battaglia è il reparto”. “…gli operai decuplicarono le produzioni…”.
La sua lettura continuava, a volte, a notte fonda sino a che si addormentava direttamente con il capo sul libro e mentre dormiva nella sua mente si fissavano le frasi che l’avevano più colpita: “nel dicembre del 1941 le truppe sovietiche avanzarono da 100 a 120 chilometri riportando il nemico sulle linee di metà ottobre”.
La situazione fu descritta così da un generale: “…inizio della prima grave crisi che investì tutta l’armata tedesca dell’est. I sogni di una rapida vittoria si dissolsero come fumo”.
“Nel frattempo a Leningrado si formarono delle squadre di tiratori scelti e per questo venne creata una scuola utilizzando fucili muniti di cannocchiali. I nuovi esperti si avvicinavano alle linee del nemico costringendolo nelle trincee e scoprendo la localizzazione dell’artiglieria nemica, con il risultato che i cannoneggiamenti sulla città diminuirono”.
DIARIO DA TENERE NEL NASCONDIGLIO SEGRETO.
Oggi ho scoperto la sua passione per il balletto e la musica: “Sai che sono orgoglioso di sapere che stiamo camminando sul suolo dove Serge Djagilev portò sul palco i ballerini Anna Pavlova e Vaslav Fomich Nijinsky ? Era il 19 maggio 1909 e nascevano i Ballets Russes. Successivamente Serge Djagilev scoprì Igor’ StravinskiJ, cui commissionò “ L’Uccello di fuoco “ e sai che durante l’assedio dei 900 gioni, Dmitrij Šostakovič compose la fiabesca “ Sinfonia di Leningrado, scrivendo delle A sullo spartito ogni volta che era interrotto a causa degli allarmi anti-bombardamento ? ”.
Mentre parla mi guarda e pare che mi voglia mangiare con gli occhi! Tutto ciò mi fa sentire bella e importante.
Si chiama Alex è bruno con gli occhi scuri, ha disperso le mie tenebre come un dio greco, sempre elegante, percepisce il mio umore come se mi conoscesse da tempo, non sono attirata tanto dal suo bellissimo corpo, quanto dalle sue attenzioni e dalla forza e sicurezza che emana.
Il suo sorriso è contagioso, la sua risata sempre squillante. E, pare, sia pazzo di me, come io di lui. Per la prima volta in vita mia ho capito cosa voglia dire essere innamorati.
Ora mi è chiaro che mio marito è stato solo uno dei tanti miei capricci; volevo dimostrare a me stessa che sarei riuscita a conquistare l’uomo più ambito dalle donne del jet-set. O forse, fu lui a decidere di volermi come moglie per i miei soldi, per le mie amiche e quelle di mio padre e io ci cascai da brava stupida qual’ ero allora.
Lui si faceva desiderare con le sue numerose assenze e io andavo in paranoia e soffrivo per la sua mancanza. Più ci soffrivo, più lui si divertiva ad assentarsi. Uno stupido gioco, che funziona sempre con donne che non conoscono questo genere di biechi trucchetti.
Con Alex tutto è diverso, lui non finge, lui non si fa desiderare, lui è sempre disponibile, cerca di capirmi; per quello che io gli permetto. Non chiede mai nulla, mai una spiegazione, mai una domanda imbarazzante. Forse tutto questo è un’abilità acquisita con il suo lavoro di importanti pubbliche relazioni? Dice di essere un collezionista d’arte; sarà vero?
Gli ho chiesto se è giusto essere così felici: “Per ora godiamoci i colori delle aurore boreali sulla Neva, mentre i ponti si sollevano ed abbassano lentamente quando guardiamo passare le grandi navi dalla cima della cattedrale di Sant’Isacco. Il prossimo anno partiremo anche noi su una di quelle navi da crociera ed io farò in modo che non te ne possa mai dimenticare”. Questa è la sua risposta.
La sera ci ritroviamo al fresco sotto la folta chioma secolare degli alberi dell’isola di Krestovsky ed io sono la donna più felice del mondo. Mi chiede sempre di come è andata la mia giornata ed io racconto volentieri: “Oggi sono stata a passeggiare in jeans, maglietta e una vecchia giacca a vento attraverso i parchi cittadini. Mi piace passare ore sulle panchine ammirando il trascorrere delle stagioni ed i grandiosi e edifici rispecchiati nella Neva. Per me questa città è come un’orchestra, dove tutto è splendida armonia; qui le stagioni si susseguono elegantemente come nelle Quattro Stagioni di Vivaldi. Ecco cosa penso di San Pietroburgo”. Lui sorride, mi ascolta e mi bacia.
Dopo il bacio, proseguo nel mio racconto giornaliero: “Ma lo sai che la mia vera passione, quando piove, è andare al Chocolate Museum? Oggi ho comprato questi cioccolatini al peperoncino, devi provarli sono veramente speciali e non guardare quel sacchetto, non è per te. Se proprio sei tanto geloso devo confessarti che si tratta dei cioccolatini riservati ai miei amici; vecchi e poveri.
Domani vado al Museo Etnografico, devo fotografare gli antichi abiti confezionati con pelle di pesce; ne voglio uno simile per il carnevale del prossimo anno.
Appena pioverà mi devi promettere che verrai con me al Museo Imperiale della Porcellana, all’interno dell’Hermitage, così mi aiuterai a trovare, tra i suoi 35.000 pezzi, un disegno che voglio far riportare sulle tazze della nostra colazione; cosa ne dici?”.
Mentre la nostra Jaqueline si occupa di porcellane e del suo nuovo amore, nella biblioteca del palazzo, continua a leggere la storia di Leningrado.

Grazie per la lettura e alla prossima puntata.

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà
intellettuale appartiene a Grazia Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

LA STANZA DELL’AMBRA ULTIMA REVISIONE CAPITOLO 1°

LA STANZA DELL’AMBRA

( detta anche Camera dell’Ambra ).

La stanza dell'ambra foto ricostruzione San Pietroburgo

Antica foto della stanza dell’ambra; colorata, l’originale è in bianco e nero.

AMBRA 672 collane Ermitage

Ambra di vari colori e valori, al museo Ermitage.

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà
intellettuale appartiene a Grazia Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

———

Il titolo è stato ispirato dal  più prezioso manufatto artigianale-artistico del mondo: la Stanza dell’Ambra ( o Camera dell’Ambra ); chiamata anche l’ottava meraviglia del mondo.

La Stanza dell’Ambra fu donata dal Re di Prussia Federico Guglielmo I (1713-1740) al suo (allora) alleato Pietro il Grande e successivamente decorò il palazzo di Caterina la Grande a Carskoe Selo (nei pressi di San Pietroburgo).
Il preziosissimo manufatto, un’intera stanza di 55mq. in pura ambra intarsiata da abilissimi artigiani, scomparve misteriosamente durante la Seconda Guerra mondiale e, dopo strane morti che colpirono i ricercatori, non se ne sa più nulla.
Il libro, dopo una serie di romantiche, felici e infelici avventure, darà una risposta, di fantasia, sul ritrovamento della stanza.
In questo  libro, scritto da una donna, storia e moderne vanità si intrecciano con lo scopo di dimostrare che tutti possiamo cambiare, anche in meglio.
Nella speranza che il mondo si renda conto di quanta superficialità e quanti valori veri l’umanità abbia ancora a sua disposizione; basterà saper scegliere.

—–

San Pietroburgo 672 scritta veduta notturna dell'isola SS pietro e paolo

San pietroburgo Ermitage di notte blu

 San Pietroburgo

672 scritta  SAN PIETROBURGOjpg

Sam Pietroburgo Ermitage e piazza 500

Ermitage e la grande piazza antistante.

San Pietroburgo firma chiesa di S Salvatore
LA STANZA DELL’AMBRA

“I SEGNI”

“Ora ci aspetta solo la morte! Nessuno potrà scappare! Sono finito” così scriveva il comandante Mannu-Ki-Libbali di Tushan città assira, oggi Ziyaret Tepe nella zona curda della Turchia. Questo fatto avveniva intorno al 630 a.C. quando l’impero assiro, impreparato allo scontro, poté offrire solo una debole resistenza allo strapotere babilonese che avanzava. Così la civiltà di Tushan e Ninive dovette chinare il capo.
«Ora ci aspetta solo la morte! Nessuno potrà scappare! Sono finito!»
Questo messaggio di trenta righe incise con caratteri cuneiformi , è stato ritrovato dagli archeologi inciso su una tavoletta d’ argilla di circa didici centimetri, durante gli scavi nella città assira di Tushan, l’ odierna Ziyaret Tepe, nella zona curda della Turchia, e firmata firma del comandante cittadino Mannu-ki-Libbali.
Tushan, all’epoca, era la città più importante dell’alta valle del fiume Tigri.
In questo frammento troviamo scritta la fine di un impero che dominò tra il 900 e il 600 avanti Cristo i territori che vanno dall’ odierna Turchia a tutto l’ Iraq, sino all’ Egitto e all’ Iran.
Anche nel nel 52 avanti Cristo ritroviamo la medesima disperazione nei messaggi di Vergigetorige, alle popolazioni della Gallia, prima dell’annessione delle Gallie all’Impero Romano.

La storia ci racconta di molti crudeli assedi, finiti con la fine di importanti culture o, comunque, la sconfitta: da Troia a Masada sino alla più recente Srebrenica e altre città mussulmane che l’ONU abbandonò alle violenze inaudite dei serbobosniaci.

Ma non sempre gli assedi violenti e crudeli ebbero la sconfitta come finale. L’assedio di Pskow, da parte del re di Polonia che aveva invaso la Russia nel XVI secolo, terminò con una vittoria.
Altrettanto avvenne a Leningrado, ma nulla, forse, fu mai tanto atroce e la difesa tanto tenace, quanto per la città che oggi abbiamo rinominato San Pietroburgo. L’allora Leningrado non aveva nemmeno delle mura difensive.

Leningrado e Pskow insieme, comunque, lasciano alla storia un messaggio triste per gli orrori subiti, ma anche la speranza della loro vittoria finale.

Ben meno eroica è la storia, che riportiamo qui di seguito, e che riguarda una coppia dei giorni nostri; protagonista e vittima dell’apoteosi di un mondo dove tutto sembra possibile, senza limiti né frontiere.

“Le tracce sono sotto gli occhi di tutti, il tempo può averle intorbidite, ma noi non possiamo permettere che vengano oscurate”. Così lesse Jaqueline sul testamento di Nikolajev Mikoloij morto per una bronchite nel 2002, uno dei pochi sopravvissuti ai 900 giorni dell’assedio di Leningrado, oggi San Pietroburgo, durante la seconda guerra mondiale.

San Pietroburgo monumento a Pietro il Grande a cavallo

“IO NON HO CONFINI”
“Io non ho confini”. Emanuel lo diceva sempre, ed a ragione, almeno dal punto di vista geografico e come stile di vita. Nato e cresciuto negli Stati Uniti tra l’appartamento di New York a Central Park e la villa sulle colline di San Francisco, aveva sempre avuto l’impressione che il mondo fosse ai suoi piedi.
Dopo la morte del padre e della petulante, aprofittatrice ed insopportabile madre, si era trasferito nel meraviglioso palazzo di famiglia a San Pietroburgo. Unico bene immobile riacquistato, dopo la caduta del muro di Berlino, e mantenuto con i soldi rimasti in anni di spese spropositate e amministrazioni disastrose del patrimonio di famiglia.
Viziato, fanatico, egoista; questi era, in breve, Emanuel o Em; così si faceva chiamare dagli amici. In realtà nei documenti ufficiali risultava essere anche: Emanuel, Alexeij, Adolf, Gragorian, Ferdinando, Leopoldo, Andrej… ed altri nomi che la famiglia gli aveva donato insieme agli illustrissimi cognomi.
Emanuel era figlio del ben più conosciuto padre Alexander, Nikolaj, Petrović, Adolf, Fransisco, Frederic… Dolgorukij, Šeremetev, Nikolaevič, Hanover, Voznitsky, Szlachta, Dulgorukov, Woolf, von Guggherberg; discendente dalle più note dinastie europee ed, anche, proprietario di una delle più importanti case farmaceutiche svizzere.
Alto, capelli scuri, colpiva sempre per quegli occhi azzurro-ghiaccio, penetranti come due stalattiti appuntite e per quel largo disarmante sorriso che aveva imparato a sfoderare al momento opportuno. Mentre la grande bocca, contornata da sottilissime labbra e la frequente espressione sarcastica, ai più, passavano inosservate.

San Pietroburgo firma ermitage salone 3

UNA PROPOSTA DI MATRIMONIO

“Come potrei dire di no ad una proposta di matrimonio da parte dello scapolo ambito da molte delle donne più belle al mondo?”. Rispose Jaqueline Le Rey; viziatissima figlia del noto regista hollywoodiano Max Le Rey; una vera regina del gossip.

Anche lei, a modo suo, non aveva frontiere. Parlava cinque lingue, russo compreso; apprese poco a scuola e tanto viaggiando.
All’apparenza Jaqueline era una delle tante belle ragazze americane cresciute a bistecche e sport. In realtà, la doppia fossetta sul lato sinistro del suo sorriso e due vivaci occhi verde-smeraldo sulla luminosa carnagione, sempre dorata, la rendevano unica. Come unica, secondo lei, era stata la sua sofferenza per essere cresciuta senza la madre: morta “spiaccicata” sul marciapiede per una “accidentale caduta” dal terrazzo del suo super-attico in uno dei recenti palazzi di vetro e acciaio di Singapore. Sicuramente la spinse laggiù il fallimento del suo matrimonio, o forse fu lo stesso marito, come molti parenti, figlia e amici, avevano sempre sostenuto.

“Non ti impressionano i carati e la luce azzurra del diamante dell’anello di fidanzamento?”. Domandò Emanuel.
“Sai bene che potrei comprarmene anche di più grandi, se solo volessi! Il diamante servirà solo a tranquillizzare mio padre sulle tue capacità finanziarie”, fu la risposta di Jaqueline.
Lei non poteva immaginare che, dopo la morte del padre di Emanuel, i capitali di famiglia si fossero sciolti come neve al sole. In pochi anni i vari amministratori, non più sorvegliati, avevano affondato i loro artigli nelle varie società, mentre Emanuel continuava il suo costosissimo tenore di vita. I creditori cominciavano ad inseguirlo e il matrimonio con la ricca ereditiera americana era la sua ultima speranza.
“Non trovi che qui si mangino squisiti babà al rhum come a Napoli e soprattutto si trovi il miglior Sauternes Chateau Lamothe-Guignard come a Parigi?”; chiese Jaqueline infilandosi il diamante al dito; mentre Emanuel pensava: -Finalmente!-, ma diceva, a voce alta: “Ti ho portato al “Four Seasons” perché so che è il tuo ristorante preferito e io vado pazzo per la loro croccante anatra alla Formosa, eccellente !”.
“Penso che tu ami questo ristorante soprattutto per la sua cantina e non voglio nemmeno tentare di immaginare quanto ti sia costata questa cena. In ogni caso anche lo Chateau Lafite dei Rothschild è stata un’esperienza mistica”; disse Jaqueline che aveva imparato ad apprezzare il buon vino.
“Sai perché sopporto di spendere oltre duemila dollari per 375 decilitri del Sauternes che ti piace tanto? La verità è che anch’io adoro il fungo Botrytis Cinerea che gli conferisce quel suo sentore di ananas, pesca, albicocca e il fresco legno di Allier che ne esalta il sapore di vaniglia ed infine il sapore di miele e spezie dolci; un cocktail simile al sapore della tua pelle. Ritieni che tuo padre accetterà di buon grado il nostro fidanzamento?” Domandò Emanuel; fingendo di non aver mai discusso dell’argomento con il padre di lei.
“Se mi sposo a mio padre resteranno molto più tempo e soldi per dedicarsi alle sue amanti e ne sarà felicissimo”, rispose Jaqueline.
In realtà Emanuel aveva già parlato con il padre di Jaqueline ed erano arrivati ad un accordo che accontentava entrambi: “Mi sono informato e so bene quali siano le tue reali condizioni finanziarie, sposandola ti sistemi economicamente, per quanto mi riguarda devi solo continuare a passarmi le più belle pollastrelle che ti girano intorno. In questo modo non perderò più tempo e soldi a rincorrere e pagare, profumatamente, i direttori dei giornali per evitare la pubblicazione dell’ultimo scandalo con mia figlia protagonista”; aveva chiarito Marx Le Roy, il padre di Jaqueline, a Emanuel.
IL NOBILE PALAZZO DI SAN PIETROBURGO
L’idea di andare a vivere nella storica residenza appartenuta alla famiglia di Emanuel a San Pietroburgo, soddisfaceva appieno le aspirazioni romantico-sociali di Jaqueline. Il matrimonio le avrebbe permesso di superare l’unica frontiera che conoscesse: l’accesso alla cerchia della nobiltà europea. Era convinta che non avrebbe mai fatto fare alcuna brutta figura al marito. Le due università private, mai terminate, l’avevano comunque messa nelle condizioni di poter sostenere conversazioni di arte, storia e musica e questo, secondo lei, bastava.
In realtà San Pietroburgo era molto cambiata e più che dalla vecchia nobiltà era ora frequentata da una massa di nuovi arricchiti che poco sapevano di cultura e molto di come arricchirsi velocemente.

Usciti dal ristorante, li aspettava una decappottabile a due posti del 1932 che suscitava sempre l’ammirazione dei loro amici e non solo; un prestito, mai restituito, del padre della futura sposa.
Jaqueline era un’esperta autista: “Il corso anti-rapimento che ho seguito in Svizzera, mi fa sentire padrona dell’auto come un pilota professionista. Ora posso finalmente affrontare con sicurezza anche le manovre più adrenaliniche”. Emanuel si divertiva come un pazzo quando seminavano gli amici lungo i grandi viali di New York prima dell’alba. Le multe non erano un problema; pagava papà.
La città illuminata dalle luci notturne era sempre uno spettacolo e, con la luna piena che si rispecchiava nel fiume Hudson, il ponte di Brooklin ricordava una ragnatela magica dietro la quale sfavillavano pietre preziose incastonate in ogni finestra illuminata nei grandi grattacieli.
“Mi baci?” Chiese Jaqueline frenando.
All’improvviso videro un’auto che veniva verso di loro con i fari abbaglianti. Chi poteva essere? Un ficcanaso, un’auto della polizia, qualcuno con cattive intenzioni? Subito Jaqueline riprese il volante schizzando via dopo una rapidissima inversione di marcia. Il conducente dell’auto pensò: “Ricchi e irraggiungibili; meglio aspettare qualcuno più sprovveduto”.

San Pietroburgo  firma Ermitage particolare di mobile intarsiato

I mobili degli zar.

“LE TRACCE”

Superando le frontiere del tempo e dello spazio, un secolo prima, dall’altra parte dell’oceano ben altra realtà era quotidianità storica.
Daniel Leonidovic Andrejev, figlio del grande Leonid Andrejev, visse per intero l’assedio di Leningrado. A proposito dell’apocalisse di Leningrado scrisse, più o meno, queste parole:
“Abbiamo conosciuto ogni cosa…
… in russo non esiste
parola per quel folle inverno di guerra…
quando l’Ermitage tremava sotto le bombe…
le case diventavano di ghiaccio e le tubature scoppiavano per il gelo…
la razione-100 grammi…
…sulla Nevskij, cadaveri.
E abbiamo saputo, anche, di cannibalismo.
Vedevamo quelli con le gote rosse e piene…
Abbiamo conosciuto ogni cosa…”.

S Pietroburgo  firmata ok cattedrale di  Sant'Isacco

LA FAMIGLIA LE ROY.

Da dove veniva la straordinaria ricchezza dei Le Roy? La famiglia di Jaqueline vantava origini francesi; il che faceva sempre il suo effetto, soprattutto tra gli intellettuali di Boston e New York, ma anche a San Francisco e Los Angeles.
Di certo un antenato del padre di Jaqueline aveva partecipato alla corsa all’oro e ne aveva investito i proventi in ranch texani. Successivamente i figli si erano trovati padroni di diversi pozzi petroliferi.
Nessuno in famiglia approvò la scelta di Max Le Roy di andarsene a Los Angeles a giocarsi la sua parte di eredità facendo il regista. Solo quando vinse il primo Oscar tutti lo chiamarono al telefono, ma Max non si fece mai trovare.
Il padre di Jaqueline era tanto geniale nel suo lavoro, quanto dissoluto e arrogante nella vita privata.

Dopo una lunghissima serie di fidanzate, più o meno ufficiali, fu incantato dalla bellezza, dolcezza e innocenza della madre di Jaqueline, Catherine. Peccato che lui la trattò sempre come un bel giocattolo anche quando nacque l’ agognato erede; che avrebbe dovuto essere maschio; secondo gli ideali del buon “machio texano”.
Alla nascita di Jaqueline, Marx non fece nulla per nascondere la sua delusione alla già provata Catherine e se ne andò in vacanza alle Hawaii; con la sua amante preferita.
Lei non resse il colpo e cadde in un grave stato di depressione che si concluse con un assai “dubbio” suicidio.
Catherine aveva amato moltissimo la figlia e chi la conosceva bene non poté dimenticare le ultime sue parole prima del fatidico viaggio a Singapore: “Soffro molto, ma devo rimettermi al più presto per amore di mia figlia”.
Al contrario Jaqueline non aveva mai provato alcun sentimento per la madre, sicuramente sempre depressa e offesa dai continui sfacciati tradimenti del marito.
Appena adolescente Jaqueline preferì vivere lontana da sua madre; coltivando un forte rancore per non avere mai conosciuto il calore di una famiglia.

San Pietroburgo Ermitage salone azzurro

FABERGE'uova-di-fabergé-in-mostra-a-san-pietroburgo

Preziosissime uova che il gioielliere francese Fabergé confezionava per le importanti ricorrenze degli zar.

LE NOZZE E LA LUNA DI MIELE

Le nozze vennero celebrate a Hollywood, nella villa del padre di Jaqueline con il maggior sfarzo possibile; senza che mancasse quel tocco pensate di kitsch; tipico di una certa parte americani arricchitisi velocemente.

“Ho vissuto la nostra luna di miele come un grande sogno. Mi hai fatto conoscere e apprezzare anche quella piccola parte del mondo che era sfuggita alle mie peregrinazioni mondane. Non ero mai stata alle isole Figi, né su di un panfilo regale. Come hai fatto ad ottenere il permesso di attraccare il batiscafo, anche di notte, presso l’isola Molokini delle Hawai ? E non dimenticherò mai quella foca che dormiva sulla spiaggia vicino alla nostra casa, quando soggiornammo nell’isola di Kauai di fronte a Poipu Beach.
Ho un meraviglioso ricordo anche delle cene al lume di candela, accanto a quell’immenso camino nella villa di Frederich, a Lech in Austria. Non conoscevo Lech, ma voglio tornarvi in estate per fotografare le numerose specie di orchidee di montagna che, secondo il filmato dell’ufficio del turismo, in inverno vengono protette da neve artificiale, senza additivi, per difenderle dagli sciatori! E la cantina di Frederich? Mi ha permesso di apprezzare dei vini poco noti. Chi avrebbe mai immaginato di trovare un tale tesoro tra le montagne austriache? Ho copiato i nomi dei vini e dei produttori più interessanti e mi devi promettere che li comprerai per noi”. Aveva commentato Jaqueline. “Forse, come ospiti, non avremmo dovuto approfittare tanto, ma si è trattato di una vera iniziazione a vini che anch’io non conoscevo.” Era stata la risposta di Emanuel.

Nonostante tutto, Jaqueline non riusciva a dimenticare un fatto che la lasciava alquanto perplessa. Visitando un vulcano durante il viaggio di nozze era stata invitata da Emanuel ad indietreggiare, per una foto, proprio sul bordo di un piccolo lago dove affioravano minuscole bolle e un grosso cartello, alle sue spalle, avvertiva del pericolo. Per fortuna si era fermata in tempo. Ma certamente si trattava di una distrazione di Emanuel, tutto preso dalla sua nuova mania di fotografare e spedire subito a tutti gli amici.
SAN PIETROBURGO COME UNA VENEZIA CONGELATA.
La città era un’immensa Venezia congelata. Tutte le vie brillavano, tanto da poter essere scambiate con i canali. I brividi dei passanti forse non erano dovuti solo ai 35 gradi sotto zero, ma anche alla bellezza del paesaggio. La luce riflessa dalla neve gelata accentuava le decorazioni architettoniche. Le luci dei lampioni che si riflettevano sul ghiaccio della Neva, sui canali, nelle strade, nei bianchi giardini, sembravano gialle onici immerse nel ghiaccio.
Il silenzio totale poteva trasportare agli occhi del viandante più attento, l’immagine di un miraggio: avrebbe potuto intravedere il protagonista del “Cappotto” di Gogol’ con la sua “marsina” nuova; orgoglioso di avere raggiunto, dopo tanti sacrifici, cotanto confortevole lusso, ma poi si sarebbe sovrapposto qualcosa di totalmente differente. Un uomo le cui molecole cerebrali erano state devastate come dopo una deflagrazione nucleare; semi-congelato dal freddo e disperato per il furto del cappotto subito.

San Pietroburgo firma Cattedrale Smolnyj di Rastrelli

Cattedrale-Smolnyj-di-Rastrelli.

San  Pietroburgo 500 cattedrale di san nicola parte posteriore

CHI PERDEVA LA TESSERA MORIVA DI FAME.

Davanti al grande incanto degli edifici di San Pietroburgo sommersi tra ghiaccio e neve, non si comprende quale follia portò i tedeschi, durante la seconda guerra mondiale, al drammatico assedio della città di Leningrado.

“In quei giorni perdere la tessera del pane voleva dire morire. Subito qualcuno l’avrebbe rubata; impossibile averne una copia. Chi perdeva facilmente la tessera? I vecchi con scarsa memoria, i numerosi bambini ormai soli al mondo …quanti morirono solo per aver smarrito quella preziosissima tessera!
Dove siete oggi voi che avevate le guance ancora rotonde, mentre tutti soffrivano la fame? Noi sapevamo cosa mangiavate … i nostri sguardi erano di disprezzo e le nostre guance incavate dalla fatica e dalla fame. Il cannibalismo rappresentò il livello più abbietto di quei giorni che non devono essere dimenticati…per non ripeterli”. Anche questo scoprirà, la nostra bella Jaqueline, nel diario di Vladimir Bukorovick, ma quasi le medesime parole le lesse anche in un altro libro del quale non ricordava il nome; certamente, quanto descritto, corrispondeva al vero.

San Pietroburgo monumento agli eroici difensori di leningrado satua

COVER ristoranti pietroburgo ristorante strogonoff grnachio gigante 2

DALL’ORRENDO PASSATO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE ALLE INGIOIELLATISSIME MODELLE DI OGGI.

Poco nella città, risorta dopo il lungo assedio della seconda guerra mondiale, ricorda oggi quegli orrendi novecento giorni. Lussuosi panfili sfrecciano sulla Neva. “Chi sono quelle ingioiellatissime splendide e giovani donne che vivono tra un party e l’altro come nelle favole? quale è la loro vera storia?”

Oggi ci sarà un party nel Palazzo d’Inverno, la tavola sarà decorata con ortensie incastonate in cubi di ghiaccio rischiarati da luci nascoste ed ogni ospite riceverà in dono un orologio d’oro massiccio in edizione speciale.
Domani alla Fortezza di San Pietroburgo, per il ricevimento ufficiale dell’Ambasciata del Qatar, splendide rose blu, decorate con cascate di piccoli cristalli, accoglieranno gli invitati insieme a molte altre sorprese.
Questa è la città che la nostra Jaqueline si accinge a “conquistare”.

San Pietroburgo, Piskarevskoe, cimiterio della memoria; qui riposano migliaia di vittime dell'assedio durato 900 giorni.
San Pietroburgo, Piskarevskoe, cimiterio della memoria; qui riposano migliaia di vittime dell’assedio durato 900 giorni.

I “SEGNI” E LE MEMORIE CHE NON DOVREMMO DIMENTICARE PER UN FUTURO, SI PUO’ SOLO SPERARE, MIGLIORE.

La memoria dei rari sopravvissuti all’assedio di Leningrado (oggi San Pietroburgo) e la Storia, dovrebbero aiutare gli europei, ma non solo, a non dimenticare perché non si ripeta quello che qui accadde durante la seconda guerra mondiale e in tutte le altre simili tragedie, purtroppo ancora tanto attuali nel mondo. Ricordare per dire basta, ma quanti lo vogliono veramente? L’egoismo, l’ingordigia, l’indifferenza, l’ignoranza e la superficialità non sono mai morte!
QUESTA E’ LA STORIA
Prima di sconfiggere: Polonia, Danimarca, Belgio, Olanda e Norvegia, verso la fine del 1940, Hitler programmò il piano “Barbarossa”; convinto di poter annientare rapidamente la Russia.
L’esercito tedesco, per aggredire l’Unione Sovietica, mise in campo ben 5,5 milioni di soldati e ufficiali, 4.300 carri armati, 47.200 cannoni e mortai, 4.980 aerei da combattimento e 192 navi da guerra. Inoltre, anticipatamente, svolse un’accurata opera di spionaggio preventivo tra la Germania e Leningrado; proponendosi come salvatore dell’oppressore comunista e trovando molti dissidenti ben disposti a tradire la patria. I nobili tedeschi si erano imparentati con i nobili russi, ma non avevano dimenticato la loro patria, né la vita agiata che il comunismo gli aveva tolto.
“Alle quattro del mattino del 22 giugno del 1940 la Germania, violando i reciproci accordi di non belligeranza, aggredì la Russia sganciando bombe su città e villaggi immersi nel sonno. Ungheria, Romania, Finlandia ed Italia entrarono in guerra in appoggio alla Germania. A mezzogiorno dello stesso giorno le stazioni radio dell’URSS informarono la popolazione che la responsabilità dell’aggressione doveva ricadere solo sui dirigenti militari tedeschi”. Questo è il riassunto di quanto Jaqueline imparerà leggendo uno dei tanti libri disponibili nella biblioteca del palazzo di San Pietroburgo.
In un altro testo, più precisamente nel libro “I 900 giorni dell’assedio di Leningrado”, dell’americano Harrison Salsbury“, Jaqueline leggerà un’interpretazione dei fatti totalmente in contrasto con il libro “L’epopea di Leningrado” scritta da militari russi. Questi ultimi, qualunque sia stata la verità, non avrebbero mai potuto scrivere sull’impreparazione dei vertici dell’URSS ad affrontare l’improvvisa aggressione delle SS. I concetti espressi dal testo che, in un non lontano futuro, Jauqeline leggerà, rimarranno così impressi nella sua memoria e l’aiuteranno a vedere il mondo con occhi diversi: “La situazione non lasciava presumere alcunché di buono. Di fatto, il tragico assedio a Leningrado fu la conseguenza di molti errori strategici e di disinteresse.

L’attacco nazista aveva trovato Stalin assolutamente impreparato e questo lo fece precipitare in un grave stato di collasso psichico. Se ne stava chiuso nella sua stanza, incapace di partecipare attivamente al governo del paese. Zhdanov, il vero artefice della politica russa nei confronti del governo nazista, nel 1930 aveva detto della Germania: “Non può e non sarà disposta a combattere su due fronti”. Zhdanov aveva anche fatto scrivere il 29 giugno del 1939 sulla Pravda, come opinione personale, che l’Inghilterra e la Francia non avrebbero mai stretto un’alleanza con la Russia; anzi erano intenzionate ad intrappolarla per coinvolgerla nella guerra contro Hitler. Tuttavia, ammise anche che: “Amici erano di opinione contraria”.
Zhdanov era il delfino di Stalin e fu certo determinante per il patto nazi-sovietico del 23 giugno 1939. Forse fu proprio per questi fatti che, allo scoppio della guerra tra Russia e Germania, egli era irreperibile sia a Leningrado che a Mosca: si trovava in vacanza in Crimea.

Il grande stato sovietico i primi giorni dell’attacco nazista era completamente alla deriva, senza una guida.

Questo fu uno dei grandi errori che “prepararono” la tragedia dei 900 giorni di assedio a Leningrado.

Prima dell’attacco, le spie tedesche avevano, da tempo, superato le frontiere dell’URSS e si erano accordati con i dissidenti per la facile resa di alcune città importanti e le forze schierate erano assolutamente impari. Oltre al vantaggio della sorpresa, i tedeschi avevano dalla loro parte milioni di soldati e ufficiali, mezzi corazzati ed aerei decisamente superiori, oltre al ben congegnato piano “Barbarossa”.
Nessuno il 22 giugno poteva immaginare cosa sarebbe accaduto; a Leningrado si viveva come sempre, quasi increduli dell’attacco tedesco alle frontiere sovietiche”.

Come già accennato sopra, ben diversa è la versione nel libro “L’epopea di Leningrado” (1985), del generale russo N.Kislizyn e del colonnello V.Zubakov, che fu accusato da Salisbury di essere “partigiano” e di non avere sufficientemente evidenziato i giochi di potere ai quali veniva sacrificato il bene della città e, soprattutto, di non avere abbastanza chiarito la prima decisione di Mosca di abbandonare Leningrado al suo destino per salvare la capitale.
A questo proposito i russi Kislizyn e Zubakov scrissero: “…i sacrifici…non furono vani, come cercarono di presentarli alcuni storici e giornalisti occidentali. Il libro “I 900 giorni dell’assedio di Leningrado” è chiaramente esplicativo. L’autore era il giornalista americano Harrison Salisbury, che si trovava nell’URSS durante la guerra; in veste di corrispondente dell’agenzia “United Press”.

Egli (Harrison Salisbury), rivisitò Leningrado anche nel 1944 Leningrado; quando era già stata liberata dall’assedio.

Nel suo libro troviamo esempi di coraggio e di eroismo; riportati (secondo la versione russa dei fatti) soltanto per creare l’apparenza di un’esposizione obbiettiva, mettendone in risalto gli episodi più scabrosi e i fatti più foschi e penosi”.

Secondo i russi, Salisbury scrive di Leningrado come di una città condannata, sostiene come il successo nella sua difesa sia un fatto più dovuto al caso che alla capacità di resistenza dei russi. “..in questo libro…si riflette l’aspirazione…a ridurre l’importanza delle gesta eroiche del popolo sovietico…”; questa è la tesi sostenuta dalla Russia.

Ovviamente ognuno parla dei fatti secondo il proprio punto di vista politico, ma le sofferenze, l’eroismo dei combattenti e dei comuni abitanti della città martire è bene che rimangano come monito per le generazioni future.

Nel 2008 il settimanale Der Spiegel ha pubblicato alcuni documenti inediti, rinvenuti negli archivi di Mosca. Da essi si evince che Stalin fu diffidente nei confronti dei rapporti dei propri agenti, relativi alla possibilità di intervento del Terzo Reich contro la Russia, perché già in passato si erano rivelati non affidabili. Infatti, nel 1936 gli fu erroneamente riferito che Hitler soffriva di un cancro non operabile e che i medici gli avevano dato, come massimo, un anno di vita. Addirittura si parlò della designazione di un successore.
Secondo le ultime rivelazioni fu per questo che Stalin non accettò come possibilmente vera la notizia della imminente aggressione da parte delle SS.

[NOTA n.1:
N.Kislizyn, V.Zubakov, L’epopea di Leningrado, Mosca, 1985.
H.Salisbury, The 900 days. The Siege of Leningrad, New York, 1969.]

LIBRI ” LA STANZA DELL’AMBRA ” CHI HA TRAFUGATO LA STANZA DELL’AMBRA ?

lungo disegno Lory

“CHI HA TRAFUGATO LA STANZA DELL’AMBRA? UN GIALLO TINTO DI ROSA-DARK”

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà
intellettuale appartiene a Grazia Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

PRIMA STESURA

In questo medesimo giornale / blog troverete tutte le successive revisioni e stesure divise in capitoli

vedi ai link:

1° capitolo https://www.donnecultura.eu/?p=23913

2° capitolo https://www.donnecultura.eu/?p=24411

3° capitolo https://www.donnecultura.eu/?p=24490

4° capitolo https://www.donnecultura.eu/?p=27729

5° capitolo https://www.donnecultura.eu/?p=6252

———–

LA STANZA DELL’AMBRA

Anteprima: “ASSEDI”

 

“Ora ci aspetta solo la morte! Nessuno potrà scappare! Sono finito.”, così scriveva il comandante Mannu-Ki-Libbali di Tushan città assira, oggi Ziyaret Tepe nella zona curda della Turchia. Questo fatto avveniva intorno al 630 a.C. quando l’impero assiro, impreparato allo scontro, poté offrire solo una debole resistenza allo strapotere babilonese che avanzava. Così la civiltà di Tushan e Ninive dovette  chinare il capo.

La storia ci racconta di molti crudeli assedi, finiti con la fine di importanti culture o la sconfitta: da Troia a Masada sino alla più recente Sebrenica.

L’assedio di Pskow, da parte del re di Polonia che aveva invaso la Russia nel XVI secolo, terminò con una vittoria come avvenne a Leningrado, ma nulla, forse, fu  mai tanto atroce e la difesa tanto estenuante quanto per quest’ultima. Leningrado non aveva nemmeno delle mura difensive. Leningrado e Pskow insieme, comunque, lasciano alla storia un messaggio triste per gli orrori subiti, ma anche la speranza per la loro vittoria finale.

“Le tracce sono sotto gli occhi di tutti, il tempo può averle intorbidite, ma noi non possiamo permettere che vengano oscurate”. Così lesse Jaqueline, la protagonista della nostra storia, sul testamento di Nikolajev Mikoloij morto per una bronchite nel 2002, uno dei pochi sopravvissuti ai 900 giorni dell’assedio di Leningrado, oggi San Pietroburgo, durante la seconda guerra mondiale.

Jaqueline voleva sapere molto di più e ci riuscirà.

“IO NON HO CONFINI”

“Io non ho confini”. Emanuel lo diceva sempre, ed a ragione almeno dal punto di vista geografico e come stile di vita. Nato e cresciuto negli Stati Uniti tra l’appartamento di New York a Central Park e la villa sulle colline di San Francisco aveva sempre avuto l’impressione che il mondo fosse ai suoi piedi. Dopo la morte del padre e della petulante, approfittatrice ed insopportabile madre, si era trasferito nel meraviglioso palazzo di famiglia a San Pietroburgo. Unico bene immobile riacquistato, dopo la caduta del muro di Berlino, con i soldi rimasti in anni di spese spropositate e amministrazioni disastrose.

Viziato, fanatico, egoista; questi era, in breve, Emanuel o Em; così si faceva chiamare dagli amici. In realtà nei documenti ufficiali risultava essere anche: Alexeij, Adolf, Gragorian, Ferdinando, Leopoldo, Andrej ed altri che la famiglia gli aveva donato insieme agli illustrissimi cognomi. Emanuel era figlio del ben più conosciuto padre Alexander, Adolf, Fransisco, Frederic, Hanover, Michajilovič, Voznitsky, Szlachta, Dulgorukov, Woolf, von Guggherberg, discendente dalle più note dinastie europee ed, anche, proprietario di una delle più importanti case farmaceutiche svizzere.

Alto, capelli scuri, colpiva sempre per quegli occhi azzurro-ghiaccio, penetranti come due stalattiti di ghiaccio e per quel largo disarmante sorriso che aveva imparato a sfoderare al momento opportuno. Così la grande bocca contornata da sottilissime labbra e la frequente espressione sarcastica, ai più, passavano inosservate.

“Come potrei dire di no ad una proposta di matrimonio da parte dello scapolo ambito da molte delle donne più belle al mondo?”. Rispose Jaqueline Le Rey, viziatissima figlia del noto regista hollywoodiano Max Le Rey, una vera regina del gossip.

Anche lei a modo suo non aveva frontiere. Parlava cinque lingue, russo compreso, apprese a scuola, ma soprattutto viaggiando. All’apparenza Jaqueline era una delle tante belle ragazze americane cresciute a bistecche e sport. In realtà, la doppia fossetta sul lato sinistro del suo sorriso e due vivaci occhi verde-smeraldo sulla luminosa carnagione sempre dorata la rendevano unica. Come unica, secondo lei, era stata la sua sofferenza per essere cresciuta senza la madre:  morta “spiaccicata” sul marciapiede per una “accidentale caduta” dal terrazzo del suo super-attico in uno dei recenti palazzi di vetro e acciaio di Singapore. Sicuramente la spinse laggiù il fallimento del suo matrimonio, o forse fu lo stesso marito, come molti parenti, figlia e amici, avevano sempre sostenuto.

“Non ti impressiona il diametro del diamante dell’anello di fidanzamento?”. Domandò Emanuel. “Sai bene che potrei comprarmene anche di più grandi, se solo volessi!  Il diametro del diamante servirà solo a tranquillizzare mio padre sulle tue capacità finanziarie”.

Jaqueline non poteva immaginare che, dopo la morte del padre di Emanuel, i capitali di famiglia si fossero sciolti come neve al sole. In pochi anni i vari amministratori, non più sorvegliati, avevano affondato i loro artigli nelle varie società, mentre Emanuel continuava il suo costosissimo tenore di vita. I creditori cominciavano ad inseguirlo e il matrimonio con la ricca ereditiera americana era la sua ultima speranza.

“Non trovi che qui si mangino squisiti babà al rhum come a Napoli e soprattutto si trovi il miglior Sauternes Chateau Lamothe-Guignard come a Parigi?”; disse Jaqueline infilandosi il diamante al dito; mentre Emanuel pensava: -Finalmente!-, ma diceva, a voce alta: “Ti ho portato al “Four Seasons” perché so che è il tuo ristorante preferito e io vado pazzo per il petto d’anatra muta al foie gras e tartufo del loro chef”, rispose Emanuel. “Penso che tu ami questo ristorante soprattutto per la sua cantina e non voglio nemmeno tentare di immaginare quanto ti sia costata questa cena. In ogni caso anche lo Chateau Lafite dei Rothschild è stata un’esperienza mistica”. “Sai perché sopporto di spendere oltre duemila dollari per 375 decilitri del Sauternes che ti piace tanto? La verità è che anch’io adoro il fungo Botrytis Cinerea che gli conferisce quel suo sentore di ananas, pesca, albicocca, fresco legno di Allier che ne esalta il sapore di vaniglia ed infine il sapore di miele e spezie dolci; un cocktail simile al sapore della tua pelle. Ritieni che tuo padre accetterà di buon grado il nostro fidanzamento?” Domandò un adulante Emanuel, fingendo di non aver mai discusso  dell’argomento con il padre di lei.

“Se mi sposo a mio padre resteranno molto più tempo e soldi per dedicarsi alle sue amanti e ne sarà felicissimo”, rispose Jaqueline.

In realtà Emanuel aveva già parlato con il padre di Jaqueline ed erano arrivati ad un accordo che accontentava entrambi: “Mi sono informato e so bene quali siano le tue reali condizioni finanziarie, sposandola ti sistemi economicamente,  per quanto mi riguarda devi solo continuare a passarmi le più belle pollastrelle che ti girano intorno. In questo modo non perderò più tempo e soldi a rincorrere e pagare, profumatamente, i direttori dei giornali per evitare la pubblicazione dell’ultimo scandalo con mia figlia come protagonista”. Aveva detto Marx Le Roy, il padre di Jaqueline, a Emanuel.

L’idea di andare a vivere nella storica residenza appartenuta alla famiglia di Emanuel a San Pietroburgo soddisfaceva appieno le aspirazioni romantico-sociali di Jaqueline. Il matrimonio le avrebbe permesso di superare l’unica frontiera che conoscesse: l’accesso alla cerchia della nobiltà europea. Era convinta che non avrebbe mai fatto fare alcuna brutta figura al marito.  Le due università private, mai terminate, l’avevano comunque messa nelle condizioni di poter sostenere conversazioni  di arte e storia e questo, secondo lei, bastava.

Usciti dal ristorante, li aspettava una decappottabile a due posti del 1932 che suscitava sempre l’ammirazione dei loro amici e non solo; un prestito, mai restituito, del padre della futura sposa.

Jaqueline era un’esperta autista: “Il corso anti-rapimento che ho seguito in Svizzera, mi  fa sentire padrona dell’auto come un pilota professionista. Ora posso finalmente affrontare con sicurezza anche le manovre più adrenaliniche”. Emanuel si divertiva come un pazzo quando seminavano gli amici lungo i grandi viali di New York prima dell’alba. Le multe non erano un problema: pagava papà.

La città illuminata dalle luci notturne era sempre uno spettacolo e, con la luna piena che si rispecchiava nel fiume Hudson, il ponte di Brooklin ricordava una ragnatela magica dietro la quale sfavillavano pietre preziose incastonate in ogni finestra illuminata.

“Mi baci?” Chiese Jaqueline frenando.

All’improvviso videro un’auto che veniva verso di loro con i fari abbaglianti. Chi poteva essere? Un ficcanaso, un’auto della polizia, qualcuno con cattive intenzioni? Subito Jaqueline  riprese il volante schizzando via dopo una rapidissima inversione di marcia. Il conducente dell’auto che li aveva abbagliati pensò: “Ricchi e irraggiungibili; meglio aspettare qualcuno più sprovveduto”.

“DA NON DIMENTICARE PER IL FUTURO…?”

Superando le frontiere del tempo e dello spazio, un secolo prima, dall’altra parte dell’oceano ben altra  realtà era quotidianità storica.

Daniel Leonidovic Andrejev, figlio del grande Leonid Andrejev, visse per intero l’assedio di Leningrado. A proposito dell’apocalisse di Leningrado scrisse:

“Abbiamo conosciuto ogni cosa…

che in russo non esiste

parola per quel folle inverno di guerra…

quando l’Ermitage tremava sotto le bombe…

le case diventavano di ghiaccio e le tubature scoppiavano per il gelo…

la razione-100 grammi…sulla Nevskij, cadaveri.

E abbiamo saputo, anche, di cannibalismo.

Abbiamo conosciuto ogni cosa…”.

LA STANZA DELL’AMBRA.

Il più prezioso dei tesori d’arte nel mondo.

 Breva storia.

Il valore commerciale attuale di questo capolavoro, eseguito nel 1709 da artigiani di Königsberg, può essere valutato intorno ai 60.000 milioni di euro c.a.. Si tratta di pezzi d’ambra finemente lavorati e montati su telai di metallo progettati per rivestire un’intera stanza.

La Stanza dell’Ambra è, a ragione, considerata un “gioiello” a testimonianza del favoloso e terribile passato della storia russa.

Oggi, purtroppo se ne può solo ammirare la copia rifatta secondo le poche foto rimaste dell’originale. I fortunati turisti moderni possono vedere la preziosa Stanza nel Palazzo d’estate di Caterina a Pušhkin (oggi: Tsarskoye Selo, località vicino a San Pietroburgo), circondato da grandi parchi e dalla frescura di vecchi tigli. Qui passeggiarono Tolstoj, Aleksandr Blok, il compositore Gavriil Popov e la moglie, Boris Asafjev  e probabilmente anche tutti i grandi della vicina Leningrado.

Circa trecento anni fa, Andreas Schlüter, scultore alla corte prussiana, volendo rivalersi per un torto subito nella carriera, intese creare qualcosa di speciale. Quando scoprì decine di bauli pieni di granuli di ambra nei depositi del Palazzo Reale di Berlino, concepì l’idea di farne una intera stanza. Per la sua realizzazione chiamò Gottfried Wolfram, maestro artigiano della corte danese. L’intera stanza richiedeva la creazione di centinaia di migliaia di tasselli che si sarebbero poi dovuti lavorare alla temperatura di 140-200° C  e quindi assemblare; un lavoro immane.

Le pareti di ambra sarebbero state sostenute da tavole in legno e sottilissime foglie di oro e argento e il tutto montato su dodici grandi pannelli alti 3,5 mt., e dieci alti un metro, più ventiquattro zoccolature. Alla luce delle candele il risultato doveva essere fantasmagorico!

Federico Guglielmo I, succeduto nel frattempo a Federico I che finanzianziò la Stanza dell’Ambra, non fu disponibile a continuare quelle enormi spese; era troppo assorbito dai suoi compiti di conquista.

La Stanza dell’Ambra fu abbandonata, ancora a pezzi, nei sotterranei della Zeughaus.

Nel 1716 Federico Guglielmo I  incontrò lo zar Pietro I e durante l’incontro si promisero amicizia reciproca; il che comportava uno scambio di doni preziosi.

Non intendendo spendere per questi regali, Federico Guglielmo I decise per un’imbarcazione del padre e per la Sala dell’Ambra; conoscendo il grande interesse dello zar per quest’ultima. Lo zar ricambiò, tra l’altro, con cinquantacinque soldati russi giganti.

Pietro pensava alla sua Stanza dell’Ambra come alla sua personale Kunstkammer; una camera delle meraviglie per impressionare i suoi ospiti.

La Stanza arrivò, venti anni dopo, ancora incompiuta ed alquanto danneggiata, dopo un travagliato trasporto con otto carri distrutti e ricostruiti a causa delle orribili condizioni delle strade dell’epoca.

Nessun artigiano di Pietro il Grande fu in grado di rimontare la Stanza che finì, a pezzi, nei magazzini dell’Ermitage.

Pušhkin fu occupata durante l’assedio di Leningrado, nel settembre del 1944, quando le truppe tedesche arrivarono sino ai sobborghi meridionali della città.

Le autorità competenti decisero di nascondere la Stanza dell’Ambra sotto un’improvvisata tappezzeria; il trasporto era apparso troppo difficile e rischioso per la sua incolumità.

Le SS scoprirono e rimossero la Stanza dell’Ambra dal Gran Palazzo di Caterina e la portarono, secondo numerose testimonianze, nel castello di Königsberg dove molti sostennero fosse stata bruciata. Al contempo,  testimoni altrettanto credibili, parlarono di un altro nascondiglio prima che il castello andasse a fuoco per la seconda volta per mano dei russi: prima lo era stata, parzialmente, per mano tedesca.

A questo proposito il curatore d’arte dei palazzi zaristi A.Kurchumov  affermò che tra i resti dell’incendio non vi era traccia d’ambra. Di fatto l’ambra bruciata poteva avere lasciato solo tracce praticamente invisibili tra i rimasugli dell’incendio.

Altri sostennero la tesi di un rocambolesco viaggio verso una lontana meta, prima dell’assedio al castello.

Sta di fatto che la stanza scomparve, numerosi libri sono stati scritti e centinaia di testimonianze vagliate: non mancarno numerosissime morti sospette, testimonianze negate o di fantasia.

Molti locali sostennero di aver visto affondare, con la protezione delle SS, decine di casse misteriose nelle acque del lago Toplitz, in Austria; a 100 chilometri da Bertechsgaden; il “Nido d’aquila” che fu residenza estiva del Fürer.

Tra le tante ipotesi non si è mai scartata la possibilità che le casse contenenti la Stanza dell’Ambra fossero affondate da una nave russa per non lasciarle cadere in mano tedesca.

Altri parlarono di una miniera vicino a Göttimgen, quale ultimo rifugio, fatta saltare deliberatamente.

I più fantasiosi sostengono la tesi che, ancora oggi, si trovi in un sotterraneo di miliardari texani.

Il giornale italiano La Repubblica del 17 maggio 1997 riportò che uno dei soldati tedeschi addetti allo smantellamento della Stanza nel Palazzo d’Estate di Caterina aveva lasciato in eredità i mosaici di pietra dura, fiorentini, che decoravano la stanza dell’Ambra, rubati durante il trasporto verso il castello di Königsberg.

Nel 2008 il governo di Mosca denunciò ufficialmente la sparizione di 50 mila “pezzi” dai propri musei: gioielli della corona, preziosissime icone, medaglie della Seconda Guerra Mondiale e argenteria; il tutto per un valore di diversi milioni di dollari, ma nemmeno un indizio riguardo alla Stanza dell’Ambra. Le opere, secondo Mosca, furono trafugate o perse durante i trasferimenti alla fine dell’era sovietica. Pare che la mancata informatizzazione, ed una catalogazione antiquata siano stati i motivi di tanto ritardo nella scoperta dei fatti.

I musei colpiti sono i più importanti: dall’Hermitage al museo Etnografico di San Pietroburgo, ai musei dell’Altaj e della città di Novokuznetsk. A questo riguardo solo due uomini sono stati arrestati, padre e figlio parenti della curatrice dell’Hermitage di San Pietroburgo che, secondo le cronache, per il dolore è morta d’infarto, abbastanza recentemente.

Gli oggetti trafugati, del valore di cinque milioni di dollari, furono venduti al Monte dei Pegni.

Queste sono le deboli tracce lasciate dalla Stanza dell’Ambra e da altri tesori dell’ex Unione Sovietica.

George Stein il più famoso tedesco tra i cacciatori di tesori sostenne di avere scoperto le prove che la Sala dell’Ambra fosse stata spedita in America; morì di morte cruenta e come lui molti altre persone che si dedicarono a questo tipo di ricerca.

Secondo l’indagine di Anatolij Kučumov, uno dei più famosi curatori museali dell’Unione Sovietica,  la Stanza dell’Ambra sarebbe sopravvissuta alla guerra e si trova in un  nascondiglio nazista, mai scoperto.

Rudi Ringel, nome in codice di un informatore della Stasi e del KGB, ha sostenuto che suo padre evacuò la Stanza dell’Ambra dal Castello di  Könisberg in una segreta località nascosta sotto la sigla BSCH.

Alfred Rohde, specialista di ambra e direttore del Museo del Castello di  Könisberg sparì con la moglie nel 1945, poco dopo la sparizione della stanza medesima.

Numerosi sono i libri e le persone che, a vario  titolo, si sono occupate della storia della Stanza. Molti sono morti di morte violenta.

LA FAMIGLIA LE ROY.

Da dove veniva la straordinaria ricchezza dei Le Roy? La famiglia vantava origini francesi; il che faceva sempre il suo effetto, soprattutto tra gli intellettuali di Boston e  New York, ma anche a San Francisco e Los Angeles. Di certo un antenato del padre di Jaqueline aveva partecipato alla corsa all’oro e ne aveva investito i proventi in ranch texani. Successivamente i figli si erano trovati padroni di diversi pozzi petroliferi.

Nessuno in famiglia approvò la scelta di Marks Le Roy di andarsene a Los Angeles a giocarsi la sua parte di eredità facendo il regista. Solo quando vinse il primo Oscar tutti lo chiamarono al telefono, ma Marks non si fece mai trovare.

Il padre di Jaqueline era tanto geniale nel suo lavoro, quanto dissoluto e arrogante nella vita privata. Dopo una lunghissima serie di fidanzate, più o meno ufficiali, fu incantato dalla  bellezza, dolcezza e innocenza della madre di Jaqueline, Caterine. Peccato che lui la trattò sempre come un bel giocattolo anche quando nacque l’ agognato erede; che avrebbe dovuto essere maschio, secondo gli ideali del buon “macio texano”.

Alla nascita di Jaqueline, Marks non fece nulla per nascondere la sua delusione  alla già provata Caterine. Lei non resse il colpo e cadde in un grave stato di depressione che si concluse con un assai  “dubbio” suicidio.

In realtà Caterine amava moltissimo la figlia e chi la conosceva bene non poté dimenticare le sue ultime  parole prima del fatidico viaggio a Singapore: “Soffro molto, ma devo rimettermi al più presto per amore di mia figlia”.

LE NOZZE E LA LUNA DI MIELE

Le nozze vennero celebrate con il maggior sfarzo possibile.

“Ho vissuto la nostra luna di miele come grande sogno. Mi hai fatto conoscere e apprezzare anche quella piccola parte del mondo che era sfuggita alle mie peregrinazioni mondane. Non ero mai stata alle isole Figi né su di un panfilo regale. Come hai fatto ad ottenere il permesso di soggiornare nell’isola Molokini delle Hawaii? Non dimenticherò mai quella foca che dormiva sulla spiaggia vicino a noi. Ho un meraviglioso ricordo anche delle cene al lume di candela di fronte a quell’immenso camino nella villa di Frederich, a Lech in Austria. Non conoscevo Lech, ma voglio tornarvi in estate per fotografare le numerose specie di orchidee di montagna che, secondo il filmato dell’ufficio del turismo, in inverno vengono protette da neve artificiale, senza addittivi, per difenderle dagli sciatori! E la cantina di Frederich? Mi ha permesso di apprezzare dei vini poco noti. Chi avrebbe mai immaginato di trovare un tale tesoro tra le montagne austriache? Ho copiato i nomi dei vini e dei produttori più interessanti e mi devi promettere che li comprerai per noi”. Aveva commentato Jaqueline. “Forse, come ospiti, non avremmo dovuto approfittare tanto della cantina, ma si è trattato di una vera iniziazione a vini che anch’io non conoscevo.” Era stata la risposta di Emanuel.

Nonostante tutto,  Jaqueline non riusciva a dimenticare un fatto che la lasciava alquanto perplessa. Visitando un vulcano durante il viaggio di nozze era stata invitata da Emanuel ad avanzare davanti a lui, proprio sul bordo di un piccolo lago dove ribollivano minuscole bolle. Per fortuna si era fermata in tempo. Un cartello che lei non era riuscita a vedere avvisava di non avanzare verso il lago in quanto vi era pericolo di morte; sia per la velenosità delle acque, sia per le alte temperature.

 SAN PIETROBURGO COME UNA VENEZIA CONGELATA.

La città era un’immensa Venezia congelata. Tutte le vie brillavano, tanto da poter essere scambiate con dei canali. I brividi dei passanti forse non erano dovuti solo ai 35 gradi sotto zero, ma anche alla bellezza del paesaggio. La luce riflessa dalla neve gelata accentuava le decorazioni architettoniche. Le luci dei lampioni che si riflettevano sul ghiaccio della Neva, sui canali, nelle strade, nei bianchi giardini, sembravano onici immerse nel ghiaccio.

Il silenzio totale infieriva ulteriormente sull’anima del viandante attento e trasportava ai suoi occhi l’immagine di un miraggio: poteva vedere in fondo alla via spuntare il protagonista del “Cappotto” di Gogol’ con la sua “marsina” nuova; orgoglioso di avere raggiunto, dopo tanti  sacrifici, cotanto confortevole lusso. Poi a quella figura si sovrapponeva qualcosa di totalmente differente: un uomo le cui molecole cerebrali erano state devastate come dopo una deflagrazione nucleare, semi-congelato dal freddo e disperato per il furto del cappotto subito.

CHI PERDEVA LA TESSERA MORIVA DI FAME.

Davanti al grande incanto degli edifici di San Pietroburgo sommersi tra ghiaccio e neve, non si comprende quale follia portò i tedeschi, durante la seconda guerra mondiale, al drammatico assedio della città di Leningrado. “In quei giorni perdere la tessera del pane voleva dire morire. Subito qualcuno l’avrebbe rubata, impossibile averne una copia. Chi perdeva facilmente la tessera? I vecchi con scarsa memoria, i numerosi bambini ormai soli al mondo …quanti morirono solo per aver  smarrito quella preziosissima tessera!

Dove siete oggi voi che avevate le guance ancora rotonde, mentre tutti soffrivano la fame? Noi sapevamo che mangiavate … i nostri sguardi erano di disprezzo e le nostre guance incavate dalla fatica e dalla fame. Il cannibalismo rappresentò il livello più abbietto … di quei giorni che non devono essere dimenticati…per non ripeterli”.

“Un pezzetto di surrogato di pane divenne il principale mezzo di sussistenza dei leningradesi. Con questi pezzetti si facevano alcuni biscotti. Due o tre di questi biscotti e una tazza di acqua bollita costituivano la colazione, il pranzo e la cena degli abitanti della città assediata durante il periodo della più grande fame…facevano la minestra con colla di cuoio…[aggiungendo]glicerina, vaselina, olio di ricino…”.

NOTA:

[“L’epopea di Leningrado”, del generale russo N.Kislizyn e del colonnello V.Zubakov ed. Progress, 1985, pag. 97]

Questo ricorderà la nostra bella Jaqueline tra quanto le capiterà di leggere sulla storia della città di San Pietroburgo.

DALL’ORRENDO PASSATO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE ALLE INGIOIELLATISSIME MODELLE DI OGGI.

Poco nella città, risorta dopo il lungo assedio della seconda guerra mondiale, ricorda oggi il suo orrendo passato. Lussuosi panfili sfrecciano sulla Neva. “Chi sono quelle ingioiellatissime splendide e giovani donne che vivono tra un party e l’altro come nelle favole? quale è la loro vera storia?

Oggi ci sarà un party nel Palazzo d’Inverno, la tavola sarà decorata con ortensie incastonate in cubi di ghiaccio rischiarati da luci nascoste ed ogni ospite riceverà in dono un orologio d’oro massiccio in edizione speciale.

Domani alla Fortezza di San Pietroburgo, per il ricevimento ufficiale dell’Ambasciata del Qatar, splendide rose blu decorate con cascate di piccoli cristalli accoglieranno gli invitati insieme a molte altre sorprese.

Questa è la città che la nostra  Jaqueline si accinge a “conquistare”.

I “SEGNI” E LE MEMORIE.

Prima di sconfiggere Polonia, Danimarca, Belgio, Olanda e Norvegia, verso la fine del 1940, Hitler  programmò il piano “Barbarossa” convinto di poter annientare rapidamente la Russia.

L’esercito tedesco, per aggredire l’Unione Sovietica, mise in campo ben 5,5 milioni di soldati e ufficiali, 4.300 carri armati, 47.200 cannoni e mortai, 4.980 aerei da combattimento e 192 navi da guerra. Inoltre svolse un’accurata opera di spionaggio preventivo tra la Germania e Leningrado, proponendosi come salvatore dell’oppressore comunista e trovando molti dissidenti ben disposti a tradire.

“Alle quattro del mattino del 22 giugno del 1940 la Germania, violando i reciproci accordi di non belligeranza, aggredì la Russia sganciando bombe su città e villaggi immersi nel sonno. Ungheria, Romania, Finlandia ed Italia entrarono in guerra in appoggio alla Germania. A mezzogiorno dello stesso giorno le stazioni radio dell’URSS informarono la popolazione che la responsabilità dell’aggressione doveva ricadere solo sui dirigenti militari tedeschi”. Questo è il riassunto di quanto Jaqueline ricorderà di avere letto in uno dei tanti libri disponibili nella biblioteca del palazzo.

I concetti espressi nel testo nel libro “I 900 giorni dell’assedio di Leningrado”, dell’americano Harrison Salsbury rimasero così nella memoria di Jaqueline: “La situazione non lasciava presumere alcunché di buono. Di fatto, il tragico assedio a Leningrado fu la conseguenza di molti errori strategici e di disinteresse.

L’attacco nazista aveva trovato Stalin assolutamente impreparato e questo lo fece precipitare in un grave stato di collasso psichico. Se ne stava chiuso nella sua stanza, incapace di partecipare attivamente al governo del paese. Zhdanov, il vero artefice della politica russa nei confronti del governo nazista, nel 1930 aveva detto della Germania: “Non può e non sarà disposta a combattere su due fronti”. Zhdanov aveva anche fatto scrivere il 29 giugno del 1939 sulla Pravda, come opinione personale, che l’Inghilterra e la Francia non avrebbero mai stretto un’alleanza con la Russia; anzi erano intenzionate ad intrappolarla per coinvolgerla nella guerra contro Hitler. Tuttavia, ammise anche che: “Amici erano di opinione contraria”.

Zhdanov era il delfino di Stalin e fu certo determinante per il patto nazi-sovietico del 23 giugno 1939. Forse fu proprio per questi fatti che, allo scoppio della guerra tra Russia e Germania, egli era irreperibile sia a Leningrado che a Mosca: si trovava in vacanza in Crimea. Il grande stato sovietico i primi giorni dell’attacco nazista era completamente alla deriva, senza una guida.

Questo fu uno dei grandi errori che “prepararono” la tragedia dei 900 giorni di assedio a Leningrado.

Prima dell’attacco, le spie tedesche avevano, da tempo, superato le frontiere dell’URSS e si erano accordati con i dissidenti per la facile resa di alcune città importanti e le forze schierate  erano assolutamente impari. Oltre al vantaggio della sorpresa, i tedeschi avevano dalla loro parte milioni di soldati e ufficiali, mezzi corazzati ed aerei decisamente superiori oltre al ben congeniato piano “Barbarossa”.

Nessuno il 22 giugno poteva immaginare cosa sarebbe accaduto; a Leningrado si viveva come sempre, quasi increduli dell’attacco tedesco alle frontiere sovietiche”.

Come già accennato sopra, ben diversa è la versione nel libro “L’epopea di Leningrado” (1985), del generale russo N.Kislizyn e del colonnello V.Zubakov, che fu accusato da Salisbury di essere “partigiano” e di non avere sufficientemente evidenziato i giochi di potere ai quali veniva sacrificato il bene della città e, soprattutto, di non avere abbastanza chiarito la prima decisione di Mosca di abbandonare Leningrado al suo destino per salvare la capitale.

A questo proposito i russi Kislizyn e Zubakov scrissero: “…i  sacrifici…non furono vani, come cercarono di presentarli alcuni storici e giornalisti occidentali come Harrison Salisbury.

NOTA:

N.Kislizyn, V.Zubakov, L’epopea di Leningrado, Mosca, 1985.

H.Salisbury, The 900 days. The Siege of Leningrad, New York, 1969.

Quest’ultimo visitò nel 1944 Leningrado solo dopo che fu liberata dall’assedio. Nel suo libro gli esempi di coraggio e di eroismo, secondo N.Kislizyn e V.Zubakov, sono riportati solo per creare un’apparenza di obbiettività ma , in realtà, avrebbe cercato, soprattutto, di mettere in risalto solo gli episodi più trucidi e i fatti più foschi, descrivendo di Leningrado come una città condannata, sostenendo che tutto fu più dovuto al caso che all’abilità dei vincitori.

Tutto ciò sarebbe servito a far apparire inutili i sacrifici compiuti dai leningranesi e dalle truppe sminuendo l’importanza delle gesta eroiche di quella popolazione.

Ovviamente ognuno parla dei fatti secondo il proprio punto di vista politico, ma le sofferenze, l’eroismo dei combattenti e dei comuni abitanti della città martire è bene che rimangano come monito per le generazioni future.

Nel 2008 il settimanale Der Spiegel ha pubblicato alcuni documenti inediti, rinvenuti negli archivi di Mosca. Da essi si evince che Stalin fu diffidente nei confronti dei rapporti dei propri agenti, relativi alla possibilità di intervento del Terzo Reich contro la Russia, perché già in passato si erano rivelati non affidabili. Infatti nel 1936 gli fu erroneamente riferito che Hitler soffriva di un cancro non operabile e che i medici gli avevano dato, come massimo, un anno di vita. Addirittura si parlò della designazione di un successore. Secondo le ultime rivelazioni fu per questo che Stalin non accettò come possibilmente vera la notizia della imminente aggressione da parte delle SS.

La memoria dei rari sopravvissuti all’assedio di Leningrado e la Storia, potrebbero aiutare gli europei, ma non solo, a non dimenticare perché non si ripeta quello che qui accadde durante la seconda guerra mondiale e tutte le altre simili tragedie, purtroppo ancora tanto attuali, del mondo.

Ricordare per dire basta, ma quanti lo vogliono veramente? L’egoismo, l’ingordigia, l’indifferenza, l’ignoranza e la superficialità non sono mai morte!

L’ “ASSEDIO” AL CUORE DI JAQUELINE.

La viziatissima Jaqueline, abituata a fare ed avere sempre tutto quello che voleva, arrivando a San Pietroburgo, non poteva presagire che il suo cuore avrebbe subito un assedio “devastante”. Anche lei avrebbe vissuto i suoi 900 giorni, pur in ben altro contesto.

“Questa sarà la tua reggia”. Affermò Emanuel portando Jaqueline in braccio dentro il palazzo.

Le luci elettriche all’interno erano state spente. I vetri dei quadri e gli specchi riflettevano il luccichio multicolore dei grandi lampadari di cristallo illuminati dalle bianche candele strategicamente collocate anche sugli antichi candelabri d’argento.

“Tutto qui sembra una grande favola”. Disse Jaqueline, facendo sfavillare la vera nuziale intarsiata di diamanti mentre avvicinava le sue dita lunghe e sottili ad una candela.

La cena venne servita da un cameriere svizzero con i guanti bianchi nel salottino accanto alla camera da letto. I crostini caldi furono ignorati, Emanuel e Jaqueline mangiarono il caviale direttamente con i cucchiaini di madreperla ingurgitando vodka come fosse acqua. “E’ stato molto carino da parte tua ordinare questi squisiti gamberi di fiume”. Disse Jaqueline non appena il cameriere servì loro “riso pilaff  con corona di crostacei di  acqua dolce”. “Sapevo di farti felice, da ora sei la zarina del palazzo e ogni tuo desiderio sarà un ordine”. Rispose Emanuel. “Sarai sempre così carino con me per tutta la vita?”. “Certamente, se tu sarai altrettanto comprensiva nei miei riguardi”. “Vorresti dire che dovrò acconsentire ad ogni tua decisione?”, precisò Jaqueline alquanto perplessa. “Ovvio, tu qui sei la zarina, ma io sono lo zar e nessuno ha mai osato contraddirmi. In Russia le mogli hanno sempre obbedito al marito”. “La Russia degli zar non esiste più caro e spero tu stia scherzando. Sai bene quanto io sappia essere ribelle!”. “Smettiamola con i discorsi seri, questa è una delle nostre notti di follia e nulla deve oscurarla”. Rispose Emanuel aprendo la cerniera dell’abito di Jaqueline. “Sei troppo bella per fare discorsi seri”. Prese la mano di lei e disse baciandola: “Ti vorrei nuda”. “Per ora accontentati di slacciare sino in fondo la cerniera”, rispose Jaqueline alzandosi e voltandogli le spalle. L’aderente abito nero, alquanto scollato, scivolò posandosi sui fianchi. I suoi seni perfetti come quelli di una sedicenne erano avvolti solo dalla nuvola di voile di seta trasparente del reggiseno. I capezzoli si inturgidirono e Jaqueline abbandonò il suo corpo tra le braccia del neo marito. Dopo pochi passi di danza entrambi si sentirono avvolti da una vampata di fuoco. “Dobbiamo ancora assaggiare la torta Saker che ho fatto arrivare appositamente per te da Vienna”. Emanuel sapeva bene come prolungare l’eccitazione. “Lasciati rivestire, così possiamo richiamare il cameriere”.

Al suono del prezioso campanello di Fabergé il cameriere entrò per servire la torta accompagnata da un raro Moscato di Mumiano, lo stesso che l’imperatore Francesco Giuseppe voleva per i suoi pranzi importanti. Nel bicchiere di Jaqueline, mentre Emanuel la distraeva,furono versate delle strane gocce fornite al cameriere dal padrone di casa. “Da questo momento non abbiamo più bisogno di te, puoi andare”, disse con la massima disinvoltura il novello sposo al domestico.

Emanuel si alzò ed aprì di nuovo la lampo del vestito della moglie mentre la baciava sul collo lasciando due, poco eleganti, lividi. Jaqueline rispose voltandosi e baciandolo  in bocca profondamente. “Voglio mangiare il dolce ammirando il turgore del tuo seno”, proseguì Emanuel slacciandole anche il reggiseno”. “Sei bellissima. Brindo ai tuoi occhi, alle tue fossette, alle tue splendide mani, alla tua bocca che non si nega mai ed ai tuoi seni che desidero succhiare all’infinito”. “Ed io brindo all’uomo che mi fa sentire sexy come nessun altro. Solo tu sei capace di farmi produrre la giusta dose di adrenalina e rendermi la vita interessante.”. Rispose Jaqueline, mentre il brivido, che ben conosceva, le attraversava tutto il corpo.

Altre due fette di torta accompagnarono la fine della bottiglia. A questo punto Emanuel si alzò, un poco barcollando, raggiunse la bella moglie e la baciò toccandole sensualmente le spalle. “Sembri una dea. Devi ballare con me!”. “Non devo, ma voglio”, rispose Jaqueline.

LA VERITA’ SULLA VITA DI EMANUEL.

Emanuel sapeva di essere quello che dalle cameriere e commesse viene definito “un bel figo” ed era convinto di poter avere ai suoi piedi qualunque donna; grazie anche alla sua eleganza ed alle numerose e vistose auto, a partire dalle rosse Ferrari.

Qualcuno aveva vagheggiato che un suo pro-zio fosse riuscito, rocambolescamente, a murare nel palazzo di famiglia, durante la seconda guerra mondiale, la famosa Stanza dell’Ambra, sparita, senza lasciare alcuna traccia,  dopo che i tedeschi l’avevano “messa al sicuro” dalle bombe.   A questo proposito aveva organizzato una accuratissima ricerca, rivelatasi infruttuosa e così il tutto era stato accantonato come stupida diceria.

“Dalla vita ho avuto tutto”, era solito dire Emanuele. L’affermazione corrispondeva al vero,  almeno per quello che lo interessava.  Pilotava personalmente il suo aereo e  viaggiava sempre pernottando in case private. Il resto per lui non valeva nulla, salvo i soldi e le belle donne, anzi bellissime. Tutte storie finite male, compresa un’ex fidanzata rinchiusa in un lussuoso ospedale psichiatrico. Secondo gli intimi la colpa sarebbe stata di una strana pillola che lui le aveva somministrato per calmarne la, più che giustificata, gelosia.

Gli psichiatri lo conoscevano bene, alcuni dei più noti avevano cercato di curarlo, ma la sua salute mentale era peggiorata con la maturità senza che nessuno fosse riuscito a comprenderne a fondo la  pericolosa personalità.   Brillante e spregiudicato, lucido e freddo, sapeva ingannare i più. In un paese del terzo mondo era anche stato nella lista dei ricercati  per l’omicidio di una delle tante “fidanzate”, ma gli bastò stare alla larga da quel paese sino a che il delitto non cadde in prescrizione e dichiarare alla stampa che era vittima di una persecuzione giudiziaria.

Per il resto l’aveva sempre fatta franca, fuggito diverse volte dopo incidenti automobilistici che lui stesso aveva causato per ubriachezza, non solo si era salvato grazie alla sua prontezza di riflessi nel rispondere alle domande degli inquirenti, ma anche corrompendo o minacciando quando era il caso. Vigili, poliziotti e “bravi cittadini” dall’Australia agli USA avevano dovuto o voluto arrendersi alle sue pretese e la sua fedina penale era immacolata, almeno nei paesi dove aveva posseduto una casa. Le impronte digitali di Emanuel non erano mai state segnalate e questo era un bel vantaggio sugli altri che chiamava stupidi delinquenti.

“Mi manda Ravin, ti devo segnalare  i magazzini Unker, all’una di notte avrai un’ora a disposizione senza le guardie. Entra dall’ingresso laterale sulla via Martin Luter King, in fondo a destra, dietro i pallets con la scritta “Pasta italiana”, troverai i contenitori che ti interessano. Tutti hanno un piccolo bollino verde fosforescente”. In questo modo era riuscito anche a vendere del materiale radioattivo ad un certo gruppo terroristico, semplicemente segnalando dove e come rubarlo. La percentuale ricevuta era stata usata per largheggiare qualche mese nelle sue spese personali.

Di fatto utilizzava le sue “risorse” intellettuali  per manomettere auto e moto di amici con affascinanti fidanzate. Una volta messo ko l’uomo, in ospedale o all’obitorio, lui interveniva per consolare la fanciulla di turno. Era un vero esperto, infaticabile inventore di trucchi che facevano sempre sembrare accidentale l’accaduto.

Nella vita aveva anche provato a lavorare “onestamente”. Sfruttando la sua laurea in legge, con specializzazione in diritto internazionale, aveva esercitato la professione come associato presso un notissimo ufficio a Londra. Il tutto terminò bruscamente con la laconica frase dell’avvocato più anziano dello studio: “Lei ha indebitamente intascato buona parte dei pagamenti dovuti, dalle assicurazioni, ad alcuni nostri clienti. Nel nome di suo padre nulla sarà ufficializzato. Da questo momento la diffido dal cercare lavoro in alcun studio legale, fosse anche nell’Antartico”.

L’altra esperienza lavorativa, nel settore bancario, aveva dato risultati altrettanto disastrosi, sempre per quel suo vizio di intascare soldi altrui. I suoi trucchi, infatti, non erano passati inosservati agli gnomi della banca svizzera presso la quale lavorava. Anche qui fu licenziato con poche parole: “Per il buon nome del suo defunto padre e della banca si tenga ben lontano da ogni tipo di attività finanziaria. I nostri segugi sono già informati, sappia che noi non dimentichiamo mai”.

A cinquant’anni suonati aveva deciso di mettere la testa a posto; leggi trovare una bella e ricca moglie che lo mantenesse come era stato abituato da giovane. Nonostante la sua esperienza la cosa non fu facile. Le nuove generazioni, molte laureate presso le più prestigiose università, si rivelarono un osso duro, facevano troppe domande e lui prima o poi cadeva in contraddizione. Inoltre la stampa gossip, in alcuni Paesi, lo aveva screditato.

Comunque alla fine i suoi sforzi furono premiati, di lui si era invaghita la giovane figlia del noto produttore cinematografico Le Roy, l’attuale moglie Jaqueline.

DUE SECOLI PRIMA. NEL “MEDESIMO?” PALAZZO DOVE VIVEVA JAQUELINE. UN NOBILUOMO E LA SOLITA STORIA CON LA SERVITU’. QUELLA SERA IL NOBILUOMO AVREBBE AVUTO MOLTO DA SCRIVERE NEL SUO DIARIO. UN INDIZIO?.

Prima che i comunisti sequestrassero il palazzo Andreijevic, Carl, Marcus, Claus… Andreijevic, von Guggheberg, un antenato di Emanuel, vi aveva scoperto un muro che risuonava come se dietro ci fosse il vuoto. Una volta fatto demolire quel muro dalla sua guardia privata, che lo accompagnava sempre, il nobile Andreijevic incominciò a scendere i malconci e sporchi gradini. “Sembra che da qui non sia passato nessuno da qualche secolo”, disse alla sua guardia-cameriere che aveva avuto il “privilegio” di seguirlo. Quest’ultimo doveva essere un discendente di quello speciale corpo di guardia che lo Zar Pietro I° il Grande, aveva regalato al re di Prussia Federico Guglielmo I° in cambio della Stanza dell’Ambra, o almeno ne aveva la medesima struttura fisica.

“Signore, io sento dei brividi e non di freddo! Perché non lasciamo ai posteri questa brutta scoperta?”. “Voi ignoranti credete ancora alle streghe ed ai fantasmi. La scienza ha da tempo dimostrato che non possono esistere. Al limite troveremo qualche scheletro o forse un “tesoro”, asserì seccamente il nobiluomo. All’improvviso le scale finirono, un lunghissimo passaggio sotterraneo basso, ed in parte allagato, si offrì alla loro vista. Al primo passo entrambi inciamparono in qualcosa sotto il livello dell’acqua, provocando un rumore metallico. “Passami la torcia”, disse con tono imperioso l’anziano nobile.

I resti di una grande armatura giacevano sul fondo del rigagnolo. “Da questo elmo spunta una massa che sembra un rimasuglio di capelli. Pare un’armatura di un antico guerriero! Il copricapo assomiglia a quelli dei mongoli dell’epoca di Gengis Kan”, e così dicendo illuminò il lato destro dell’elmo dove vide un grosso foro apparentemente procurato da una mazza. “Quel poveretto è sicuramente morto per quel colpo, a meno che l’armatura non sia appartenuta ad altri precedentemente. Ma perché è stato ucciso ? Cosa faceva in questo cunicolo? Doveva forse sorvegliare qualcosa? Cosa, di preciso? O forse cercava qualcosa che non avrebbe dovuto trovare? “.

Il cameriere continuando a seguire i suoi pensieri rispose: “Quando non ci sono apparenti spiegazioni si tratta sempre di forze superiori. Io non ho paura di nessun umano, ma di quello che non posso vedere e non ho mai conosciuto…padrone io preferirei tornare alla luce. Dobbiamo  recuperare del cavolo nero e acqua fresca di fonte, tornando qui li butteremo nove volte dietro le spalle, senza voltarci e diremo -gettando questi cavoli libero me e i miei cari- poi lavandoci due volte le mani con l’acqua  cacceremo sicuramente i fantasmi”. “Taci Junker e cammina, io non ho alcun timore e tu sembri una donnicciola che crede alle streghe ed ai maghi”, tagliò corto Carl Andreijevic.

A queste parole la guardia, si sentì punta nel suo amor proprio e zittì immediatamente.   Junker era alto mt. 2,15 per un peso di centoventi chili di soli muscoli e ossa e nessuno lo poteva spaventare fisicamente, ma le paure ancestrali, si sa, sono un’altra cosa.

“Ora sono certo che questo viaggio sarà interessante, il mio fiuto aveva sentito bene, e tu Junker devi stare tranquillo. Vedrai che alla fine di questa “incursione” sarò in grado di spiegarti ogni cosa in modo razionale”. Lo rassicurò il padrone.

Più avanti scoprirono un’altra armatura, sempre con un grande foro sull’elmo. -Può essere che qualcuno abbia avuto interesse a lasciare delle guardie armate nel sottosuolo, ma perché poi sono state uccise?-. Si stava domandando l’anziano nobile.

Finalmente arrivarono alla fine del lungo passaggio. Ora il cunicolo si allargava in una grande sala dove altre armature, squarciate con delle lance, si presentavano sparse ovunque, così come alcune ossa umane molto mal ridotte. Ma fu una indecifrabile scritta e la parola: “Mitra” (vedi a fine testo nota 1) che attirarono l’attenzione dell’anziano padrone. “Padrone qui non c’è altro che ferro vecchio e fantasmi! Andiamocene”. “Tu vedi solo ferro e immagini fantasmi, io vedo pezzi di storia e cerco spiegazioni”. Ribadì Carl Andreijevic. “Ma qui tutto finisce non c’è nulla di interessante”. Rispose il presunto discendente delle guardie dello zar.

“Picchiamo lungo tutte le pareti e vedrai che scopriremo dell’altro”. Junker si mise diligentemente, ma svogliatamente, al lavoro continuando ad imprecare dentro di se. – Questi nobili sono più pazzi dei pazzi ricoverati nei manicomi e la loro presunzione li porterà alla rovina! -.

“Abbiamo praticamente sentito tutte le pareti e lei ha potuto verificare che mai hanno suonato a vuoto. Padrone andiamocene ora che siamo ancora vivi”.

“Aspetta, fammi salire sulle tue spalle, voglio provare a battere sul soffitto”.  In questo modo ispezionarono ogni parte del soffitto, senza alcun risultato. Ma proprio quando ogni speranza stava per essere abbandonata, picchiando contro un angolo del soffitto, il nobiluomo sentì un rimbombo. “Ecco ci siamo, la nostra ricerca deve continuare da questo angolo, passami il martello e tienimi ben salde le gambe mentre lavoro”. “L’emozione mi sta facendo dimenticare la stanchezza e il freddo, mi sento vicino ad una grande scoperta”. E mentre cercava di allargare il più possibile il piccolo buco che era riuscito a creare nel soffitto, l’anziano padrone si afflosciò tra le braccia di Junker che riuscì a non farlo cadere. Il volto del vecchio era biancastro come quello di un cadavere, ma il cuore pulsava ancora. Junker pensò subito: “Ecco che si avvera la maledizione della quale avevo sentito parlare”.

Posò il suo padrone sul suolo, si tolse la giacca cercò di coprirlo al meglio. Arrotolò il suo maglione e ne fece un improvvisato cuscino. All’improvviso si ricordò di aver sentito dire che massaggiando il cuore si potevano “resuscitare” i morti.  Così cominciò a massaggiare la zona toracica del suo padrone. Faceva questi movimenti per istinto, mentre sentiva il suo animo paralizzato dalla paura della grande maledizione.

– Non deve morire, mi ha promesso che avrebbe aggiunto il mio nome al suo testamento! -. Pensò Junker, appena fu in grado di pensare, continuando il rudimentale tentativo di rianimazione.

I risultati non si vedevano, l’uomo sembrava sempre più cadaverico, il suo cuore batteva sempre più debolmente…Junker si sentì preso dal panico.

– Qualcuno potrebbe dire che sono stato io ad uccidere il mio padrone. Tanto più ora che ho cominciato a raccontare in giro che mi avrebbe nominato nel suo testamento! Lo avevo ben detto che qui non si tratta di scoperte di segreti, ma di smuovere ciò che deve essere lasciato come è da secoli – continuava a pensare la guardia-cameriere.

E avvenne il miracolo, i muscoli di un occhio del vecchio cominciarono a lavorare, piano piano anche i muscoli dell’altra palpebra si mossero nel tentativo di sollevarla. Gli occhi del padrone si aprirono, seppur parzialmente, anche la bocca si aprì, ma non riuscì ad emettere alcun suono. La forte voce di Junker interruppe il glaciale silenzio: “Padrone dica qualcosa”. E cominciò, con rinnovata energia a massaggiare tutto il corpo dell’uomo nel tentativo di riscaldarlo e riattivare la circolazione.

Passarono alcuni lunghi minuti nei quali l’orecchio acuto del servitore percepì il lontano suono di gocce d’acqua cadenti e percepì presenza di qualcuno o qualcosa che si muoveva.

“Padrone si svegli, dobbiamo scappare”. La ripresa dell’uomo era troppo lenta, decise così di caricarselo sulle spalle e, con quel fardello, rifece tutto il cammino alla rovescia al massimo della velocità che gli fu possibile, mormorando formule magiche che ricordava appena: “Spiriti maledetti andatevene da questo posto o chiamerò chi sa distruggervi. Maledetti, scappate o vi manderò chi vi distruggerà per sempre…”. Gridare e correre gli toglieva energie, così continuò camminando velocemente, ma in silenzio. Senza tuttavia smettere di mandare mentalmente quelle maledizioni.

Una volta arrivati al piano terra della casa, al centro delle grandi scalinate, chiamò la cameriera: “Irina, vieni subito il signore sta male! Irina corri e porta la cassetta del pronto soccorso”. Le sue urla risalirono l’ampia rampa delle scale e attraversarono i grandi saloni. Irina si precipitò scendendo gli scalini due a due, fermandosi solo per raccogliere la cassetta del pronto soccorso nel ripostiglio del primo piano. Una volta arrivata al piano terra, la povera ragazza faticava a respirare e lo spettacolo del padrone quasi cadavere la fece crollare al suolo.

– Ecco la maledizione che si ingigantisce; il male porta male -, pensò Junker.

In quel momento dalla porta principale entrò il guardiacaccia Vladimir che rimase di stucco nel vedere i due, quasi cadaveri, riversi uno a terra e l’altro sul divano. “Cosa sta succedendo?”, disse. “Il signore è svenuto mentre eravamo nel bosco e la cameriera si è sentita male appena lo ha visto in queste condizioni”. Rispose Junker. “Presto mi passi la cassetta del pronto soccorso, sono veterinario e credo di poter far qualcosa”, sollecitò il guardiacaccia.

Non si sa se il merito fu della calda coperta, che Junker aveva posto sul corpo del suo padrone, del massaggio al cuore professionale o dell’iniezione di adrenalina, ma l’effetto fu rapido ed efficace. Il vecchio padrone si rizzò seduto, guardandosi intorno stupito e riconoscente. “Grazie amici”, disse. Non aveva mai rivolto tale appellativo alla sua servitù, ma questa volta le parole venivano dall’inconscio che parlava senza la censura culturale. Quando Carl aveva aperto gli occhi, tentando di parlare e muoversi senza riuscirci aveva temuto di essere stato colpito da una paralisi, ma ora percepiva benissimo ogni parte del suo corpo e poteva muoverla; aveva appena superato una grande paura,

Dopo il padrone anche la domestica Janje venne prontamente ed adeguatamente soccorsa da Vladimir ed anche per lei l’effetto fu rapido. Janje spalancò i suoi splendidi occhi scuri, che molti trovavano identici a quelli che Carl Andreijevic aveva ereditato dalla madre, figlia del re di Spagna. Quegli occhi contrastavano meravigliosamente sulla chiara carnagione nordica ed i biondissimi capelli ereditati dalla madre.  Jane era veramente una bella donna, pensò il giovane guardiacaccia, chissà se quel positivo intervento lo avrebbe aiutato nei suoi tentativi goffi, ma sinceri, di attirare l’attenzione di lei. A lui non importava nulla di quello che raccontavano i soliti maligni. Il sentimento che Vladimir provava, da molto tempo,  era sincero e profondo, ma la sua timidezza non gli aveva mai permesso il coraggio di un approccio. Ora lei era lì, così vicino a lui…, piena di riconoscenza e aveva appena schiuso le labbra carnose per dirgli: “Vladimir! Non so cosa lei abbia fatto, ma ora mi sento molto meglio, come posso ringraziarla?”. “Domani venga a cena con me”, rispose il guardiacaccia tutto d’un fiato, trattenendo il respiro. “Sarà un piacere, anche se devo avvisarla che, se mi sta invitando con altre intenzioni oltre il semplice chiacchierare insieme davanti ad un buon bicchiere di vodka, la consiglio di desistere”. “No, no, non mi fraintenda io desidero solo il piacere della sua compagnia”, rispose il guardiacaccia. Janje si alzò e corse accanto al divano dove riposava il conte: “Padrone come sta? Per un attimo ho temuto per la sua vita!”. “Janje bambina mia! Dunque a qualcuno dispiacerà della mia morte?”. Le parole gli erano uscite dalla bocca senza dargli il tempo di pensare; quel -bambina mia- non era proprio nel suo stile, stava forse rimbambendo? O forse aveva finalmente lasciato parlare il cuore?. “Padrone lei non riesce ad immaginare come mi sono sentita quando l’ho vista, sembrava un cadavere, disteso su questo divano. Sono una serva, ma anch’io ho un cuore e dei sentimenti”. Avrebbe voluto aggiungere: -Come mia madre che fu sua amante per tutta la vita, senza aver mai chiesto nulla in cambio, se non l’assicurazione di un lavoro onesto per la sua bambina-, ma ritenne che non fosse ancora il momento, attendeva un segno dal cielo, dalla sua adorata mamma, lei avrebbe fatto accadere tutto. Un giorno sarebbe stata fatta giustizia di tutte le loro sofferenze, per questo pregava tutte le sere la Madonna.

Il guardiacaccia se ne stava andando: “Ho fatto quello che potevo, ora tocca ad un vero medico verificare il mio modesto contributo, sono felice di essere stato utile, ma è tardi devo portare i cani nel bosco per l’allenamento quotidiano. Buona serata padrone ci vediamo domani mattina. Ciao Junker, buona sera Janje”. E si allontanò.

Il vecchio nobile rimase così solo con il suo servo-guardia-del-corpo in attesa del medico che, al telefono, aveva promesso a Junker di arrivare il più rapidamente possibile.

“Spero tu non abbia parlato con nessuno delle nostre scoperte sotterranee”. “Assolutamente no, mio signore”, rispose con deferenza il servo. “Ma se mi permette un suggerimento, dopo quello che è successo, mi sembra evidente che a qualcuno di molto potente non è piaciuta  la nostra incursione. La prego non torni mai più laggiù io, comunque, mi rifiuto di accompagnarla”. “Sei rimasto ai pregiudizi medioevali, sbagli, ma non riesci a rendertene conto. Io mi sono sentito male per il freddo e lo sforzo. E’ chiaro che tu non vuoi aiutarmi, ma te ne pentirai”. Disse il nobiluomo alludendo alla promessa modifica del testamento. Per i suoi ultimi anni aveva solo bisogno di una persona di fiducia ed ora aveva intuito quanto affetto nascosto potevano celare i modi freddi di quella povera cameriera svenuta appena lo aveva intuito morente. Probabilmente la madre l’aveva informata di quanto era accaduto tra loro, ma quella gente era forte e orgogliosa; volevano ottenere chiedendo il meno possibile. Sarebbe stato molto piacevole poter aprire il suo vecchio cuore a quella bella fanciulla che tanto gli ricordava la madre quando lui l’aveva voluta per la prima volta. E poi a chi mai avrebbe lasciato i suoi averi?. Quel Junker non meritava nulla, nemmeno le briciole, era solo stupido e superstizioso. Oppure si, giusto le briciole per assicurarsi la sua assistenza sino alla fine. Sto diventando vecchio e debole.

Questi erano i pensieri  del vecchio Carl; mai da giovane avrebbe ceduto le sue sostanze ad una servetta, seppure fosse stata sua figlia. -Mi sto adeguando ai tempi, sto arrendendomi alla rivoluzione francese? Ho ancora dei dubbi, ma non ho figli, dalla famiglia mi sono allontanato per sempre dopo essere stato costretto a studiare per divenire cardinale. E ora come prelato che ha lasciato la toga non sarò mai riaccettato, ma soprattutto è il mio cuore  che mi suggerisce di seguire,  finalmente, il mio istinto anche contro i principi dei miei avi-.

Questi erano i pensieri che vorticavano nel cervello del vecchio mentre aspettava.

Il dottore entrò nel palazzo proprio in quel momento, interrompendo quei pensieri “scandalosi”.

Dopo una visita accurata il medico, compagno di caccia del nobiluomo, espresse il suo parere: “Carl devi rassegnarti al fatto che non sei più giovane, non so quale sforzo sia stata la causa del tuo malore, ma è evidente che il tuo vecchio cuore non può più permettersi di sopportare certe fatiche. Promettimi che da oggi limiterai la tua attività fisica alle passeggiate in giardino senza più lavorare nella serra quando fa caldo o seguire l’addestramento dei cani. Se mi ascolti abbandoni anche la caccia, ormai è troppo faticosa per te”.

“Certo la fate facile voi, dottori, basta fumare, basta mangiare bene, basta donne e, adesso, anche basta caccia. Ma forse è meglio morire prima, ma mangiando a piacere, fumando e gozzovigliando anche con il sesso.

Meglio morire contento che vivere sempre scontento!”. Ma mentre diceva queste parole a voce alta, dentro di se stava pensando: -E se rinunciassi a tutto, ma mi guadagnassi l’affetto di quella figlia mai riconosciuta? Forse la vita non è fatta solo di tradizioni, apparenze e ricchezza, forse gli affetti non sono solo un racconto per donnicciole…-. E con questi pensieri per la testa si avviò nelle sue stanze.

DUE SECOLI DOPO. NEL “MEDESIMO?” PALAZZO

LA NEO SPOSA INCONTRA LA SUA “STALINGRADO”.

Superati oltre due secoli, eccoci ai giorni nostri all’interno del palazzo, forse quello di fianco o il medesimo di quello nominato sopra? Oggi comunque di proprietà del marito di Jaqueline.

Passò poco tempo e la neo sposa Jaqueline cominciò a dubitare seriamente sul fatto che Emanuel fosse l’uomo premuroso ed attento che aveva conosciuto prima del matrimonio. Un mese dopo la fine della luna di miele il marito si era rivelato distratto e occupato in quelli che lui chiamava affari in giro per il mondo. Jaqueline lo minacciò di riferire tutto a suo padre, ma Emanuel sapeva bene quanto poco suo suocero volesse occuparsi della figlia, così pensò che sarebbe bastato isolarla nella lussuosa residenza di S. Pietroburgo.

Ora Jaqueline poteva parlare con l’esterno solo alla presenza del marito a causa di un presunto terribile esaurimento nervoso. Emanuel aveva scelto medici e servitori adeguati, tutti personaggi legati in qualche modo ad una totale fedeltà nei suoi confronti.

L’anima di Jaqueline si era ghiacciata come il lunghissimo inverno di San Pietroburgo. Non riusciva ad intravedere alcuna via di scampo. Il padre non aveva risposto alle sue commuoventi lettere, forse non le aveva mai ricevute. Nemmeno l’immenso albero di Natale, addobbato con cristalli Swarovsky nel suggestivo giardino del palazzo, riusciva a placare il terrore che si era impadronito di lei soprattutto nelle lunghe notti insonni.

Abituata alla luce dei riflettori, abituata a vedere accontentato ogni suo capriccio, la sua autostima all’improvviso crollò drasticamente. Non aveva nessuno con cui confidarsi e di cui fidarsi. Le poche “quasi” vere amiche raggiunte al telefono, dopo avere sentito solo raffiche di lamentele concitate, si erano convinte che Emanuel avesse ragione; Jaqueline era improvvisamente impazzita.

SECONDA PARTE

“La città di Leningrado resistette ad un esercito di proporzioni enormemente superiori anche come munizioni senza avere nessuna fortificazione, ma solo con la forza e l’eroismo dei suoi abitanti e soldati. Impossibile tralasciare una particolare menzione in ricordo dei soldati siberiani che dopo dure marce di avvicinamento scavarono nel terreno ghiacciato trincee, combattendo e vincendo la terribile battaglia che vide i tedeschi tanto vicini all’ultimo confine rappresentato dal fiume. I più morirono, durante tre giorni di incessanti bombardamenti e cannoneggiamenti, insieme alle donne delle fabbriche che lasciavano la loro postazione solo quando morivano, sempre rimpiazzate da altre”.

Queste parole, lette in uno dei tanti libri della biblioteca ebbero l’effetto di smuovere l’orgoglio, calpestato, di Jaqueline.

Per sua fortuna Jaqueline non era certo una donna priva di risorse.  Superati i primi terribili mesi nei quali aveva terribilmente sofferto, prese coscienza della cruda e dura realtà e decise di fingere di adattarsi a quel momentaneo stato di prigionia. Conoscendo il russo, era in grado di leggere tutti i libri della preziosa e rara biblioteca di famiglia. Decise quindi di ingannare se stessa e vivere una favola immaginaria. Si aggirava nei saloni fingendosi l’erede diretta dello zar

e così, in questa veste, cominciò a scrivere le sue “memorie” basandosi sui libri che leggeva in biblioteca. In  realtà quello che scriveva, se letto con un codice da lei ideato, narrava quanto le stava accadendo.

La sua improvvisa calma, riferita puntualmente al marito, insospettì Emanuel che immediatamente telefonò al suo cameriere: “Devi far mettere venti gocce di quel medicinale che sai nella tisana serale di Jaqueline”. Forse la cameriera sbagliò la dose tanto che lei si accorse dello strano sapore della bevanda, ma finse di berla. La sera seguente seguì la cameriera e la vide mentre aggiungeva le  gocce alla sua tisana. Non disse nulla, si mostrò assonnata, stanca e addormentata sui libri. In realtà proseguiva i suoi studi in biblioteca. Scoprì così che il palazzo aveva un passaggio segreto verso l’esterno.

Aveva riconquistato la libertà, ma finse che tutto fosse come prima. Ora sarebbe stata in grado di mettere a punto la sua vendetta.

Dormiva molto durante il giorno e poi, dopo essersi ritirata presto la sera nelle sue stanze, usciva.

Il travestimento era perfetto: parrucca e trucco la rendevano irriconoscibile. Cominciò a frequentare i salotti che contavano in città facendosi passare per una stravagante ereditiera. All’arrivo del marito, una delle rare volte che tornava a palazzo, lo accolse una donna irriconoscibile: “Bentornato caro, scusami ma il dovere mi chiama non posso più stare lontano dai miei libri, se hai bisogno di me chiama la cameriera, se non dormo mi avviserà”. Queste furono le uniche parole che gli rivolse all’arrivo. Continuò a  mostrarsi stanca, assonnata e disinteressata a tutto ciò che era estraneo agli studi in biblioteca, tanto che Emanuel non fece altro che compiacersi con se stesso.

Durante una delle sue uscite segrete Jaqueline riuscì a spedire personalmente, l’ennesima lettera al padre spiegando tutto e pregandolo di non intervenire direttamente, ma di appostare sempre due guardie fuori dall’ingresso segreto del palazzo. Il padre credette alle lettere, si commosse e l’accontentò, come sempre era accaduto in passato.

Jauqeline aveva trovato qualcosa che la assorbiva completamente, assecondava la sua fervida fantasia e soddisfaceva la sua ambizione di forti emozioni : preparare una crudele vendetta contro suo marito. Aveva letto le versioni ufficiali inerenti la Stanza dell’Ambra e la sua misteriosa sparizione.

Lo zar Pietro il Grande.

Lo zar Pietro I° il Grande ricevette in dono la Stanza dal re di Prussia Federico Guglielmo I° e ricambiò con un intero corpo di guardia formato da soldati russi di statura gigantesca.

Il valore commerciale attuale di questo capolavoro, eseguito nel 1709 da artigiani di Königsberg, può essere valutato intorno ai 60.000 milioni di euro c.a.. Si tratta di pezzi d’ambra finemente lavorati e montati su telai di metallo progettati per rivestire un’intera stanza. Oggi, purtroppo se ne può solo ammirare la copia rifatta secondo le poche foto rimaste dell’originale. La Stanza dell’Ambra è, a ragione, considerata un “gioiello” a testimonianza del favoloso e terribile passato della storia russa. I fortunati turisti moderni possono ammirare la preziosa Stanza nel Palazzo d’estate di Caterina a Pšhkin (oggi: Tsarskoye Selo località vicino a San Pietroburgo) circondato da grandi parchi e dalla frescura di vecchi tigli. Qui passeggiarono Tolstoj, Aleksandr Blok, Puskin, il compositore Gavriil Popov e la moglie, Boris Asafjev  e probabilmente anche tutti i grandi della vicina Leningrado.

La stanza scomparve durante la seconda guerra mondiale quando le SS la rimossero dal Gran Palazzo di Caterina e la portarono, secondo numerose testimonianze, nel castello di Königsberg dove molti sostennero fosse bruciata; al contempo,  testimoni altrettanto credibili, parlarono di un altro nascondiglio prima che il castello fosse bruciato per la seconda volta dai russi: prima lo fu, parzialmente, per mano tedesca. A questo proposito il curatore d’arte dei palazzi zaristi A.Kurchumov  affermò che tra i resti dell’incendio non vi era traccia d’ambra. Altri ancora sostennero la tesi di un rocambolesco viaggio verso un’altra meta prima dell’assedio al castello. Sta di fatto che la stanza scomparve, numerosi libri sono stati scritti e centinaia di testimonianze vagliate: non mancano morti sospette, testimonianze negate o di fantasia. Numerosi locali sostennero di aver visto affondare, con la protezione delle SS, decine di casse misteriose nelle acque del lago Toplitz, in Austria; a 100 chilometri da Bertechsgaden, il “Nido d’aquila” che fu residenza estiva del Fürer.  Tra le tante ipotesi non si è mai scartata la possibilità che le casse contenenti la Stanza dell’Ambra furono affondate da una nave russa per non lasciarle cadere in mano tedesca.

Altri parlarono di una miniera vicino a Göttimgen, quale ultimo rifugio, fatta saltare deliberatamente. I più fantasiosi sostengono la tesi che, ancora oggi, si trovi in un sotterraneo di miliardari texani. Il giornale italiano La Repubblica del 17 maggio 1997 riportò che uno dei soldati tedeschi addetti allo smantellamento della Stanza nel Palazzo d’Estate di Caterina aveva lasciato in eredità i mosaici di pietra dura fiorentini che decoravano la stanza dell’Ambra, rubati durante il trasporto verso il castello di Königsberg.

Nel 2008 il governo di Mosca denunciò ufficialmente la sparizione di 50 mila “pezzi” dai propri musei: gioielli della corona, preziosissime icone, medaglie della Seconda Guerra Mondiale e argenteria; il tutto per un valore di diversi milioni di dollari, ma nemmeno un indizio riguardo alla Stanza dell’Ambra. Le opere, secondo Mosca, furono trafugate o perse durante i trasferimenti alla fine dell’era sovietica. Pare che la mancata informatizzazione, ed una catalogazione antiquata siano i motivi di tanto ritardo nella scoperta dei fatti. I musei colpiti sono i più importanti: dall’Hermitage al museo Etnografico di San Pietroburgo, ai musei dell’Altaj e della città di Novokuznetsk. A questo riguardo solo due uomini sono stati arrestati, padre e figlio parenti della curatrice dell’Hermitage di San Pietroburgo che, secondo le cronache, per il dolore è morta d’infarto. Gli oggetti trafugati, del valore di cinque milioni di dollari, furono venduti al Monte dei Pegni.

Jaqueline e la stanza.

Tutte queste ipotesi stimolarono la fervida fantasia di Jaqueline che decise di approfondire l’argomento: lei avrebbe trovato il nascondiglio e se ne sarebbe impossessata. Ormai la Stanza era divenuta la sua ossessione; un presentimento le diceva che la Stanza dell’Ambra non era stata distrutta e che lei l’avrebbe trovata. Quindi la “Stanza” sarebbe stata nascosta, di nuovo, in mobili antichi da un falegname, pagato adeguatamente. Con la Stanza avrebbe arredato il suo studio privato nella villa a Cape Cod, dove nessuno aveva mai  avuto il permesso di entrare, ma prima avrebbe trovaro il modo di fare incolpare suo marito per la sparizione.

Ora era lei che addormentava la servitù di notte, dopo essersi fatta “amica” una cameriera della quale aveva scoperto un amante segreto. Nel frattempo utilizzava le guardie mandate dal padre per le sue varie necessità.

Emanuel ormai viveva nella casa che Jaqueline aveva a Hollywood, con il beneplacito del padre di lei, circondato da numerose “starlette” e sempre più raramente affrontava il viaggio a San Pietroburgo.

Fu durante una freddissima notte del suo primo inverno russo che Jaqueline trovò una parte di quello che cercava: uno strano testamento, scritto su pergamena, probabilmente appartenuto ad un pro-zio di suo marito. Parlava di quando le truppe tedesche erano entrate nel Palazzo di Caterina a Pušhkin. e di come la sala fosse stata imballata, insieme ad altri grandi capolavori, e spedita altrove. Si parlava di un furto, di una sostituzione e di un enigma che doveva essere risolto. Seguiva un racconto di fantasmi e streghe che popolavano i palazzi, i parchi di San Pietroburgo e dintorni, di uscite segrete e morti che parlavano attraverso le pareti dove erano stati murati vivi perché non rivelassero il segreto della “Sala”.

Una notte Emanuel tornò all’improvviso: “Sei impazzita perché picchi il muro della tua stanza? E che ci fanno qui queste guardie armate?”. Prontamente Jaqueline spiegò: “Queste guardie sono pagate da me perché mi devono aiutare nella ricerca dei fantasmi che abitarono il palazzo”.

Emanuel, ormai certo che la moglie delirasse a causa della lunga cura di tranquillanti, accettò di buon grado questa spiegazione. Da allora anche le guardie di Jaqueline accettarono, apparentemente, di riferire sempre a Emanuel le mosse della moglie. Fu così che lei ottenne il permesso di averle sempre a palazzo.

Ora Jaqueline si sentiva molto sicura e poteva raddoppiare l’intensità delle sue ricerche. Contemporaneamente cercava di mettere a punto la sua vendetta.

Cominciava anche ad apprezzare il fascino del lungo inverno russo, se ne stava seduta sulla panca di marmo all’interno di un monumentale camino nella sua stanza preferita, leggendo e scrivendo. Sempre alla ricerca di nuovi chiarimenti per raggiungere il suo scopo. Certo aveva nostalgia dei miti inverni californiani, ma sapeva che rammaricarsi non sarebbe servito a nulla e questo nuovo modo di vivere la intrigava moltissimo.

E venne la primavera, la magia del ghiaccio lasciò il posto ai primi, timidi, fili d’erba. Dagli alberi spuntarono le foglioline verde chiaro e quando sbocciarono i primi fiori nei giardini, il medico di fiducia di Jaqueline, completamente conquistato non tanto dal suo fascino, ma dai luccicanti Rolex d’oro regalatigli, era diventato il suo amante.

Passarono notti di fuoco, facendo l’amore anche con belle turiste ed aitanti guardie del corpo in città per accompagnare qualche neo-ricco in trasferta e “reclutate” nei più esclusivi locali della città. A Jaqueline piaceva molto e non avrebbe mai pensato di essere gelosa dei compagni e delle compagne “amorevolmente” condivisi per puro divertimento.

Intanto la “neo-zarina” continuava a frequentare le feste nei salotti buoni della città e fu così che conobbe un nobile giovane, bello, sensibile e intelligente che subito cancellò ogni ricordo dell’interessato medico; il quale si consolò, prontamente, con una nobildonna più anziana, ma ancora più generosa di Jaqueline.

Ora la bellissima Jaq non si sentiva più sola, forse aveva trovato qualcuno con cui condividere i suoi progetti, ma per il momento decise di tacere.

QUI NELLE FORTIFICAZIONI.. DURANTE I RIVESTRIMENTI DEI TETTI …

“L’improvvisa aggressione tedesca sorprese le truppe russe negli accampamenti e molti aerei furono distrutti negli aerodromi”. Jaqueline continuava a leggere tutto quanto trovava nella grande biblioteca a proposito dei 900 giorni, e più leggeva più desiderava approfondire l’argomento sperando, sempre,  di trovare qualche notizia che la potesse illuminare sul segreto della “Stanza”. “Nonostante tutto…il generale delle SS Halder scrisse: -Le notizie dal fronte confermano che i russi si battono dappertutto fino all’ultimo uomo..- ma a due settimane e mezzo dall’inizio della dichiarazione di guerra le SS si erano impossessate di quasi tutti i Paesi Baltici e si trovavano già nella regione di Leningrado dove le fortificazioni decise erano lontane dall’essere terminate…dal 30 giugno al 6 luglio 1941, 97 mila cittadini, su 200 mila, si offrirono volontari, furono arruolati come milizie popolari…La città venne mimetizzata per confondere gli aerei nemici…dall’alto i tetti apparivano giardini e parchi…i tetti vennero rivestiti di materiale ignifugo…vennero costruite fortificazioni, ricoveri blindati, fossi anticarro. Tutto venne utilizzato: cemento armato, tubi…e anche le fognature.

In luglio e agosto i tedeschi attaccarono la città con 1.600 bombardieri, ma solo 28 raggiunsero Leningrado, gli altri furono abbattuti. Agosto e settembre videro anche un massiccio attacco via terra. Nonostante l’inferiorità russa il nemico riuscì ad avanzare solo -molto lentamente e con gravissime perdite-.

Nel frattempo la città venne trasformata in un forte inespugnabile. Da settembre a novembre vi caddero 3.000 bombe dirompenti e morirono 2.063 persone.

Tutto avvenne mentre il compositore D. Sciostakovič incominciava a scrivere la sua “Settima sinfonia”, interrompendo il lavoro con due A sullo spartito, ad ogni allarme aereo.

A proposito di queste dure offensive, sempre respinte, il generale Tippelskirch disse: -…a causa di una accanitissima resistenza dei difensori rafforzati dai fanatici operai di Leningrado, l’atteso successo venne meno-.”

Ogni sera, una volta chiusasi nelle sue stanze, Jaqueline cominciava una lunga vestizione preceduta da un bagno caldo nella spaziosa vasca Jacuzzi immersa in acqua arricchita da uno speciale olio da bagno proveniente dalla sua spa preferita: il Grand Hotel Sonoma  Inn a Sonoma Valley a nord di San Francisco. Terminato il bagno si faceva avvolgere da un accappatoio con l’interno in morbidissima spugna e l’esterno di luccicante ciniglia verde che metteva in risalto il colore dei suoi occhi.

A Hollywood la sua stilista personale le aveva insegnato anche i segreti dei grandi truccatori;  nozioni che divennero utili per modificare completamente il suo aspetto: una parrucca nera a caschetto era il primo, efficacissimo, trucco. Con un apposito pennellino rendeva folte e scure le sopracciglia bionde, con una grossa linea di eye-liner scuro allungava modificando la forma degli occhi che scuriva con le lenti a contatto. La bocca era resa più evidente con una matita water-proof rosso squillante e relativo rossetto.

Gli abiti che indossava erano di uno stile completamente opposto a quello snob-sportivo cui era abituata. Tallieurs neri aderentissimi, molto scollati portati con spacchi vertiginosi e calze di seta nera la rendevano irriconoscibile. L’alternativa erano tubini neri molto scollati e sempre con spacchi provocanti su calze a rete, rigorosamente nere. Il tutto veniva accuratamente coperto da splendidi mantelli di leggerissimo zibellino: erano abiti e pellicce acquistati a Los Angeles nell’ingenua idea di stupire un marito innamorato.

Ormai conosceva tutta la San Pietroburgo che “contava”, non i nobili che aveva sognato, ma uomini d’affari, senza scrupoli, disposti a tutto pur di avvicinare una donna tanto affascinante e misteriosa.

Esistono confini?

Esistono confini per la nostra assurda abbondanza o per l’assurda miseria morale dell’umanità? Comunque non dobbiamo smettere di sperare che l’uomo, con le infinite risorse che ha ben dimostrato di possedere nei momenti più bui della storia, sappia andare oltre l’immaginabile, anche nei suoi comportamenti positivi! I 900 giorni della resistenza di Lenigrado ne sono la prova. Già nell’antichità durante la battaglia delle Termopili, un piccolo esercito di eroi, coraggiosi e ben motivati riuscì a tenere in scacco i persiani, il più grande esercito dell’epoca!

L’inverno era stato più lungo e più freddo del solito. Proprio come quello del 1942-43 quando i sovietici costruirono, tra l’altro, una strada di comunicazione sul ghiaccio del Lago Ladoga, nonostante i continui bombardamenti nemici. Chi conosce i particolari di questa vicenda la annovera tra le grandi opere al limite del possibile. Anche bambini, donne, uomini e merci vennero bersagliati dal fuoco nemico mentre erano trasportati lontano dall’assedio di S.Pietroburgo ma, a dispetto delle SS, molti giunsero salvi alla meta.

I 200 chilometri di strada costruita tra tempeste di neve e bombardamenti, attraverso boschi e paludi si prolungavano sul lago Ladoga gelato. Tutto ciò permise, a fine novembre, di portare nella città ormai priva di tutto, materiale per il riscaldamento, scorte di cibo superiori alle necessità previste e munizioni.

La primavera che seguì fu brevissima.

E venne l’estate con le sue meravigliose notti bianche e gli stratosferici colori dell’aurora boreale. La magia che il grande nord regala ai suoi abitanti, quasi voglia farsi perdonare la durezza dell’inverno.

Persino durante il grande assedio di Leningrado la bella stagione donò momenti magici ai suoi abitanti,

“…una primavera di calma e distensione. Nei Giardini d’Estate campi di cavoli sostituivano le distese erbose. Tra le batterie contraeree sul Campo di Marte, crescevano appezzamenti di patate. Qua e là spuntavano piccoli cartelli “Orto di Kozin”, “Orto di Aleksandr Prokofjev”…Sulla scalinata della cattedrale di Kazan bolliva un samovar di rame e le donne bevevano tè fatto di chissà quali erbe. Tutti si confezionavano sigarette con pezzi di carta strappata da vecchie copie della Pravda. Le accendevano sfruttando il riflesso del sole in una lente. I tram…spesso si fermavano per i cannoneggiamenti..[ma] la morte era meno frequente…Luknitkij…vide soltanto due cadaveri [!]. Certo, la gente era magra e tesa…molti avevano le guance arrossate dal sole estivo…Troppi erano morti…Ai muri delle case erano affissi elenchi di piante selvatiche commestibili, con tanto di disegno illustrativo…La casa degli scrittori…era di nuovo pulita, non più cadaveri nei ripostigli”.

Questo leggeva avidamente la nostra Jaqueline. La città e la sua storia l’avevano tanto affascinata che lo studio di quest’ultima era divenuto, per la ex regina del gossip,  una vera ossessione che le stava cambiando i punti di riferimento.

Se di notte Jaqueline rimaneva la donna frivola e capricciosa, di giorno quando non dormiva, aveva cominciato a girare per la città con un paio di jeans stracciati ed una t-shirt bianca interrogando le poche persone sopravvissute ai fatidici 900 giorni ed alla vecchiaia. Registrava le loro storie e le trascriveva. Ovviamente faceva molte domande sulla sparizione della Stanza dell’Ambra, ma le risposte o erano negative o parevano frutto di una interminabile fantasia. Secondo qualcuno la Stanza era stata rubata alle SS e sotterrata in una delle tante fosse comuni. Un’anziana di Pushkin, sottile come un’acciuga, “divorata” dagli anni e dalle fatiche, raccontò di avere visto, la notte prima del presunto trasporto del tesoro da parte delle SS, degli uomini incappucciati scaricare grandi contenitori in un magazzino di fronte a casa sua. Un uomo raccontò che la Stanza era stata portata in salvo dai compagni che erano riusciti a sottrarre il tesoro, già imballato, con un aereo da guerra oltre le linee nemiche verso Irkutsk, in Siberia, dove era stato seppellito sulle sponde del non lontano lago Baikal. La medesima persona sosteneva anche che i tedeschi quando si accorsero del furto, per non subire le punizioni dei superiori prepararono casse identiche che spostarono altrove.

Altri ritenevano di aver visto le casse salire verso il cielo nella notte stellata che precedette la loro spedizione ufficiale, chi gridava al miracolo divino, chi alla magia di una strega del luogo. Alcuni parlavano di un mago che aveva predetto, molti anni prima, il furto di un bene preziosissimo e legato ad una maledizione. Molti concordavano sul fatto che le casse si erano misteriosamente duplicate e che solo quelle vuote fossero state regolarmente spedite dai tedeschi il giorno dopo.

La maggioranza, comunque, concordava sul fatto che qualcuno avesse trafugato le casse, che quelle spedite dai tedeschi contenessero solo le strutture di metallo e che le successive varie segnalazioni  di trasferimento del Tesoro dell’Ambra in castelli  e cave corrisponderebbero solo a precise e magistrali volontà di deviare le indagini.

Alla fine delle sue ricerche Jaqueline concluse che, sia i russi che i tedeschi, dimostravano di voler più complicare che favorire le ricerche pertanto forse, erano entrambi  complici della sparizione. Si erano spartiti il bottino? Forse qualcuno, minacciando, era sempre riuscito ad evitare che la verità emergesse? Se era sopravvissuta dove si trovava oggi la Stanza dell’Ambra? Jaqueline promise a se stessa che il ritrovamento della Stanza dell’Ambra sarebbe divenuto il suo obbiettivo principale, oltre alla vendetta contro suo marito.

Jaqueline continuava a leggere; “La difesa di Lenigrado1941-44” N.Baliasnikov, pag 519: “Nonostante le privazioni i cittadini lavorarono e continuarono a produrre negli stabilimenti, molti sino alla morte.”.

“…lavoravano sino all’ultimo respiro e morirono al posto di lavoro”.

“Il nostro campo di battaglia è il reparto” gli operai decuplicarono le produzioni…”.

La sua lettura continuava, a volte, a notte fonda sino a che si addormentava direttamente con il capo sul libro e mentre dormiva nella sua mente si fissavano le frasi che l’avevano più colpita: “nel dicembre del 1941 le truppe sovietiche avanzarono da 100 a 120 chilometri riportando il nemico sulle linee di metà ottobre. Questa situazione fu descritta dal generale tedesco Tikhvin: -inizio della prima grave crisi che investì tutta l’armata tedesca dell’est. I sogni di una rapida vittoria si dissolsero come fumo”.

“Nel frattempo a Leningrado si formarono delle squadre di tiratori scelti e per questo venne creata una scuola utilizzando fucili muniti di cannocchiali. I nuovi esperti si avvicinavano alle linee del nemico costringendolo nelle trincee e scoprendo la localizzazione dell’artiglieria nemica, con il risultato che i cannoneggiamenti sulla città diminuirono”.

Diario da tenere nel nascondiglio segreto.

Si chiama Alex è bruno con gli occhi scuri, bello come l’”Apollo di Mantiklos’’, sempre elegante, percepisce il mio umore come se mi conoscesse da tempo, non sono attirata tanto il suo bellissimo corpo, quanto dalle sue attenzioni. Il suo sorriso è contagioso, la sua risata sempre squillante. E, pare, sia pazzo di me, come io di lui. Per la prima volta in vita mia ho capito cosa voglia dire essere innamorati. Ora mi è chiaro che mio marito è stato solo uno dei tanti miei capricci; volevo dimostrare a me stessa che sarei riuscita a conquistare l’uomo più ambito dalle donne del jet-set. In realtà fu lui a decidere di volermi come moglie per i miei soldi, per le mie  amiche e quelle di mio padre e io ci sono cascata come una novellina. Lui si faceva desiderare con le sue numerose assenze e io andavo in paranoia e soffrivo per la sua mancanza. Più ci soffrivo, più lui si divertiva ad assentarsi.

Con Alex tutto è diverso, lui non finge, lui non si fa desiderare, lui è sempre disponibile, cerca di capirmi, per quello che io gli permetto. Non chiede mai nulla, mai una spiegazione, mai una domanda imbarazzante. Forse tutto questo fa parte del suo lavoro? Dice di essere un collezionista d’arte, ma sarà vero?

Oggi gli ho chiesto se è giusto essere così felici: “Per ora godiamoci i colori delle aurore boreali sulla Neva, mentre i ponti si sollevano ed abbassano lentamente e passano le grandi navi. Il prossimo anno partiremo anche noi su una di quelle navi da crociera ed io farò in modo che non te ne possa mai dimenticare”. Questa è stata la sua risposta.

La sera ci ritroviamo al fresco sotto la folta chioma secolare degli alberi dell’isola di Krestovsky ed io sono la donna più felice del mondo. Mi chiede sempre di come è andata la mia giornata ed io racconto volentieri: “Oggi sono stata a passeggiare in jeans, maglietta e una vecchia giacca a vento senza la parrucca scura né trucco pesante, attraverso i parchi cittadini.  Mi piace passare ore sulle panchine ammirando il trascorrere delle stagioni ed i grandiosi e edifici rispecchiati nella Neva. Per me questa città è come un’orchestra le cui stagioni si susseguono eleganti come nelle Quattro Stagioni  di Vivaldi, onnipresenti nella sua immensa fluidità, questo penso di San Pitroburgo”. Lui sorride, mi ascolta e mi bacia.

“Ma lo sai che la mia vera passione quando piove è  andare al Chocolate Mueum? Questi sono il frutto del mio acquisto odierno, devi provarli sono veramente speciali. E non guardare quel sacchetto, non è per te, se proprio sei tanto geloso devo confessarti che si tratta dei cioccolatini riservati ai miei amici vecchi e poveri. Domani vado al Museo Etnografico devo fotografare gli abiti confezionati con pelle di pesce perché ne farò confezionare uno simile per il carnevale del prossimo anno. Appena pioverà mi devi promettere che verrai con me al Museo Imperiale della Porcellana, all’interno dell’Hermitage,  così mi aiuterai a trovare, tra i 35.000 pezzi, un disegno che voglio far riportare sulle tazze della nostra colazione, cosa ne dici?”. Oggi ho scoperto la sua passione per il balletto e la musica: “Sai che sono orgoglioso di sapere che stiamo camminando sul suolo dove Serge Djagilev portò sul palco i ballerini Anna Pavlova e Vaclav Nižinskij? Era il 19 maggio 1909 e nascevano i Ballets Russes, quindi scoprì Igor’ StravinskiJ, cui commissionò “L’Uccello di fuoco”? E sai che durante l’assedio Šostacovič compose la fiabesca “Sinfonia di Leningrado”? ”.

Mentre parla mi guarda e pare che mi voglia mangiare con gli occhi! Tutto ciò mi fa sentire bella e importante.

La bella straniera bruna dallo sguardo fiero, che tutti ammiravano nelle più importanti occasioni mondane della “rinata” San Pietroburgo, era molto orgogliosa di come stesse risolvendo i propri problemi. La ricca biblioteca del suo palazzo, quelle della città, i musei, il Palazzo di Caterina a Tsarskoe Selo ed ora un grande amore, le avevano spalancato un nuovo mondo e lei voleva approfittarne a piene mani.

Era sempre stata ingorda di novità e segreti, e pochi segreti furono mai tanto ben celati come quello della stanza dell’ambra e della magica scintilla che si chiama Amore con la a maiuscola: lei li stava scoprendo…

Una sua meta fissa era anche il Monumento agli Eroici Difensori di Lenigrado, con i periodici incontri organizzati tra i giovani cittadini ed i veterani, e il Cimitero Piskarevskoe dove trovava sempre qualche sopravvissuto alla guerra con cui parlare.

Nel vederla così dimessa e generosa, nessuno avrebbe mai potuto immaginare il suo frivolo passato.

NOTA:1-Mitra era un dio raffigurato dai romani nell’atto di sgozzare un toro, fu dio molto popolare tra le truppe, il suo culto si diffuse ovunque ci fosse un esercito romano: dall’Inghilterra al Danubio. Il culto di Mitra fu “assorbito” dai cristiani, egli decideva chi dovesse andare in paradiso o all’inferno. Numerosi furono i santuari detti “mitrei”, luoghi bui e sotterranei, trovati oggi dagli archeologi.

Il viaggio.

L’aereo stava volando sopra un banco di nubi, nessun paesaggio da guardare; E distese le gambe, ancora una volta orgoglioso di essere nella prima fila della prima classe, ma ancora per quanto? La sua situazione finanziaria si stava rapidamente aggravando. Il denaro ricevuto dal padre di Jaqueline il giorno del matrimonio era stato male investito da quello stronzo di Jorge, l’amico che aveva approfittato della loro lunga amicizia per rifilargli i suoi personali investimenti che stavano per crollare insieme all’economia dell’intera Islanda! Era stato proprio un figlio di puttana quel Giorgio, e poi lui lo aveva sempre saputo, come aveva potuto credergli ? Lui, Emanuel, che si riteneva così furbo con gli amici ! C’era cascato come un pollo, ed era stato spennato a dovere.

L’unica soddisfazione era che quel figlio di puttana era morto di cancro, anzi, forse suicida per non affrontare la lunga malattia. Brutta fine, anche per uno che aveva passato molta delle sua vita a fregare soldi ovunque e comunque.

Anche gli investimenti immobiliari in Cina stavano andando male e, comunque, il loro valore si era talmente ridotto che non rappresentavano più un piccolo tesoretto, come gli aveva sibilato il bancario di Zurigo dove aveva depositato quel denaro.

E poi c’era il processo contro quel figlio di vacca che era stato l’amministratore dei beni di suo padre. Un leccaculo spaventoso che aveva ridotto la società al fallimento dopo essersi intascati stipendi milionari. Il tribunale di San Pietroburgo non prometteva niente di buono, tutti legati insieme dal partito dello “Zar”, una vera fogna di mafiosi e i pochi onesti dovevano tacere e acconsentire. A proposito, quegli avvocati stavano costando un sacco di soldi e gli investimenti nelle materie prime erano crollati spaventosamente, come li avrebbe pagati in futuro?

La disgrazia più grave era stato il blocco dei versamenti da parte del padre di Jaqueline, giustificati con un presunto tracollo delle vendite dell’ultimo film di cui era stato regista. Ma, almeno, aveva promesso di rimborsarlo non appena si fosse ripreso con il prossimo lavoro, che, secondo lui, sarebbe stato un successo planetario.

Non ultimo, aveva anche il problema di quella moglie pazza che aveva voluto adottare quel moccioso!

L’arrivo della hostess con il carrello lo tolse da quei brutti pensieri.

Un viso dolcissimo, incorniciato da luminosi capelli di un biondo quasi bianco e trattenuti da un cerchietto di capelli intrecciati, due occhi grigi spalancati su di lui e una pelle bianchissima, una statura giunonica e un enorme seno, forse ampliato ad hoc…se la immaginò completamente nuda: meravigliosa !

-Cosa desidera il signore?- Dovette ripetere la domanda tre volte, prima che il “signor” Emanuel si destasse dal suo sogno erotico.

Sfoderando uno dei suoi infallibili sorrisi Emanuel rispose: -Quali sono i migliori vini di questo bar ?-

– Per il signore abbiamo: dei francesi della Côtes du Rhône, il paese dei  « grandi Hermitage », della famosa Maison Paul Jaboulet Ainé, invecchiati nelle cave nel cuore della Drôme, può scegliere tra: « La Chapelle » e « Chevalier de Sterimberg ».  Questi vini invecchiano nelle gallerie sotterranee di tre grotte di dimensioni ed epoche diverse, ben protetti nelle circa milleduecento barriques di legno-. –Grazie mi serva pure un Chevalier de Sterimberg, poi, se vuole finiamo la bottiglia insieme quando lei ha terminato il suo turno di servizio, ok?-. Rispose prontamente Emanuel, mentre la hostess gli sorrideva in modo chiaramente accondiscendente.

Contemporaneamente Jaq era in viaggio, mille miglia lontana da Emanuel.

Le luci dell’aeroporto scintillavano attraverso le vetrate perfettamente linde.

-Per fortuna che esiste la “Privilegi room”, dove tutto è ovattato e funzionale! Voglio provare anche la loro s.p.a.- disse una Jaqueline innamorata persa di Anton.

Dopo tutti quegli sconvolgimenti emotivi e il rocambolesco ritrovamento di altri indizi sulla stanza dell’ambra, la Nostra era stata presa da una irrefrenabile nostalgia per i suoi amati viaggi e così, partito Emanuel per uno dei suoi tanti viaggi “di lavoro”, lei se ne era andata all’insaputa dei camerieri rimasti fedeli al marito, al quale aveva spedito una lettera informandolo di un  suo viaggio di piacere a Sry Lanka.

-Anton non trovi sia stata una buona idea prenotare due viaggi, uno ufficiale e l’altro solo di facciata che farà una mia amica a nome mio?-

-Su come imbrogliare le carte sei insuperabile!- rispose il bellissimo Anton.

-A Sry Lanka rimarremo solo due notti, il tempo giusto per confondere le idde a chi volesse rintracciarmi, comunque io risulto partita dall’aeroporto di San Pietroburgo assolutamente sola- continuò Jaqueline –Ti amo e voglio godermi ogni momento di questa breve libertà, dopodomani noi partiremo per un’isola aperta solo per noi alle Maldive.

A  Colombo non uscirono mai dall’albergo, dando sfogo a tutta la loro passione, alternando la camera da letto con la s.p.a. annessa alla camera.

-Finalmente soli possiamo fare tutto quello che vogliamo senza limiti di tempo! Cosa ne dicidi tutti questi ristoranti dell’albergo? Da quale ordiniamo? Io opterei per il giapponese, così la mia linea rimarrà perfetta anche se abbonderò un poco nelle portate- Sussurrò all’orecchio di un ormai esausto Anton, il quale aveva una fame nera e disse: -Scegli tu il ristorante per me io voglio ordinare: aragosta, papaia, mango, avocado e quel vino che mi avevi nominato come tra i tuoi preferiti: « La Chapelle » della Maison Paul Jaboulet Ainé, invecchiato in quelle fanose cave dove il tasso di umidità non supera l’80%. Un luogo conosciuto da molto tempo. E’ infatti nel 121 a .C. che i Romani hanno estratto le prime pietre da questa cava. Pietre di particolare qualità, utilizzate per costruire le più belle cattedrali. Come quelle di  Strasburgo, Marsiglia, Valence, Lione o Romans. Divino utilizzo…   Le cave di Châteauneuf sono state sempre utilizzate, anche dalla  Luftwaffe, durante la seconda guerra mondiale e ampiamente persino per coltivarci gli champignon, ma è da quando la Maison Jaboulet le ha riscoperte che hanno ritrovato una vera nobile destinazione- Finalmente Jaqueline aveva trovato un uomo che di vini ne sapeva anche più di suo marito e li sapeva anche apprezzare al meglio. Infatti, cosa abbastanza rara non bevevo mai oltre un certo limite, insomma sapeva trarre il meglio, anche sessualmente, da quel magico stato di leggera ebbrezza.

Un impeccabile cameriere e splendido cameriere cingalese, completamente vestito di bianco, portò il carrello delle pietanze che vennero adeguatamente degustate.

-Una splendida colazione tra le lenzuola di lino è il meglio per rimettersi in forma, non trovi? La mia tempura di verdure e pesce era perfetta e leggerissima, ma il mio piatto preferito rimane l’anguilla affumicata preparata come solo i bravi chef giapponesi sanno fare. Anche la zuppa di alghe era un incanto di sapori, potessi avere a casa uno chef di questo calibro! Ma tutti quelli che vengono in Russia lo fanno solo per aprire ristoranti, vogliono i soldi, ma anche la fama. Ora che ci troviamo in questo meraviglioso stato di grazia cosa ne dici di utilizzare le chele dell’aragosta per farmi quel simpatico solletico che mi fa impazzire?- domandò una assai eccitata Jaqueline.

-Credo proprio che questa esaltazione del gusto dobbiamo ampliarla ad altri sensi, mi rassegno piacevolmente alla tua volontà, mia regina! Anzi ho una proposta migliore, cosa ne dici di chiamare anche quella tua amica che ti sei portata come alter ego, pensi che accetterà? – Charlotte non è una bigotta e forse la troverà una buona idea.

Anton, come aveva sospettato, scoprì con piacere che Charlotte era solo un’apparenza al femminile per poter sostituire Jaqueline nel viaggio, ma in realtà si rivelò meraviglioso in tutta la sua mascolinità e Jaq lo seppe ben apprezzare.

-Ci siamo drogati con il sesso, molto meglio che quelle stupide altre droghe che rovinano anche la salute, non trovate?- Affermò una allegrissima Jaq, e gli altri due assentirono entusiasti. Ora Jequeline si sentiva anche bellissima, il suo corpo e il suo spirito erano stati stimolati al massimo e tutti suoi problemi si erano sciolti come neve al sole. I suoi occhi brillavano di una luce intensissima e lei si sentiva meravigliosamente nella sua pelle nuda, mentre gli altri due la guardavano esibirsi in una danza del ventre non professionale, ma sensualissima.

Se non fosse stato per la gentile telefonata del portiere, che li avvisava del taxi prenotato, avrebbero perso l’aereo per le Maldive.

Arrivati a bordo entrambi allungarono piacevolmente le loro gambe nelle comode poltrone della prima classe bevendosi un vino svizzero, un ottimo Fendant del Vallese.

– Sapevi che .  Nel Vallese è situato il più grande e più lungo ghiacciaio d’Europa, il ghiacciaio dell’Aletsch, che fa parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Altri 680 ghiacciai, rappresentanti i due terzi dei ghiacciai presenti in Svizzera e un terzo di tutti i ghiacciai delle Alpi, si trovano in Vallese ?-.  –Dopo quello che mi hai detto sarai costretta a mostrarmi personalmente questa magnifica zona della Svizzera, pena il mio totale disinteresse nei tuoi confronti- rispose Antony sorridendo, e si addormentarono.

Al risveglio Antony, alzato il finestrino, rimase stupefatto: -Ho visto tante foto delle Maldive, ma non potevo immaginare quello che sto vedendo. Questo spettacolo è indescrivibile, tutte le sfumature del blu-azzurro-verde insieme, altro che un quadro di arte moderna, a casa mia voglio un proiettore che riproduca sulle pareti questo spettacolo. Se il paradiso dovesse esistere non potrebbe essere che così. Grazie tesoro – disse Antony baciando Jaq. –Lo sapevo che saresti rimasto incantato, come tutti, del resto. Sai che l’idea di riprodurre questo spettacolo sulle pareti di una casa moderna è fantastica? Quando verrai nella mia “casetta” sull’Atlantico troverai tutto questo già realizzato. La persona che ne ha cura è una mia amica artista la quale non avrà alcun problema a realizzare quello che mi hai suggerito. Fammi solo ricordare di telefonarle; per lei sarà solo un gioco divertente. Faremo delle foto dall’elicottero che ci porterà all’isola e io le spedirò via mail in modo che lei possa occuparsi della realizzazione di questa bellissima idea. Pensa, entrare in casa e vederti di fronte una parete che riproduce questa magia. Idem sul soffitto della camera da letto e sulla grande parete del mio bagno. Non mi dispiace affatto il dover togliere i quadri che ingombrano queste pareti; in fondo sono solo pochi quelli che realmente mi piacciono, anzi io salverei solo Peter Doig. A proposito penso ti piacerebbe anche andare a trovarlo, vive a Trinidad, una meravigliosa isola dei Carabi, ci andremo per il prossimo carnevale e vivrai il vero spirito caraibico. Io preferisco il loro carnevale a quello di Rio, è più vero. E poi andremo nella vicina Tobago, dove il tempo si è quasi fermato, almeno nella maggior  parte dell’isola. Qui potrai vedere, depositare le uova, le tartarughe di 700 chili, che vivono sulla terra da 150 milioni di anni. E come tornare, per una notte,  all’epoca dei dinosauri- Disse un’infervorata Jaqueline. -Caspita con te la vita sembra sempre un sogno, ma quando potremo viverlo quotidianamente, senza nasconderci?- Buttò lì Anton. –Devo  prima risolvere un grande problema e tu lo sai bene, su questo sono inflessibile, nessun uomo mi potrà mai distrarre dalla mia personale vendetta, per me è diventata un’ossessione, e questo viaggio doveva essere un modo per allontanarmici per un poco e tornare a vivere come piace a me, dovresti averlo capito da tempo-. –Ok, ok come non detto, non ne parliamo più, promesso-.

Un solerte maggiordomo, elegantemente vestito di bianco, si occupò dei loro bagagli.

Jaq ed Anton si avviarono subito verso la spiaggia, rincorrendosi e  rotolandosi come bambini, quindi si buttarono in acqua.

-Anche senza maschera qui sotto è un paradiso di colori, non sapevo che i coralli potessero avere così tanti colori e così abbaglianti- disse un incantato Anton.

-E’ un errore chiamarli coralli, queste sono madrepore,; ma guarda che bei colori vivaci ha questo pesce Pappagallo! Guarda lì, alla tua destra, quei tentacoli rosa brillante appartengono ad un’Attinia e guarda come sono belli i pesciolini neri e arancione che vi sguazzano in mezzo, il loro nome è Pesci Pagliaccio. L’Attinia è urticante per tutti i pesci, ma non per loro che mangiando, la tengono libera dai parassiti. Si tratta di una forma di mutuo-soccorso, che si chiama simbiosi mutualistica. Non toccare nulla, tra le madrepore si possono nascondere i Pesci Pietra che possono essere mortali a causa del veleno che iniettano con un aculeo sul dorso. Guarda quello con i pallini bianchi sulla pancia, si tratta di un raro Pesce Balestra. Ormai è quasi impossibile incontrarlo a causa della terribile caccia a cui è stato sottoposto per rifornire gli acquari di tutto il mondo. E pensare che la maggioranza dei pesci catturati ha poca speranza di sopravvivere a lungo. I proprietari degli acquari sono frequentemente degli ignoranti in materia e non sanno come trattare questi pesci che necessitano di spazi ben definiti e di un impianto sempre al massimo dell’efficienza. Questi pesci vengono comperati, a ben 1.5000 euro l’uno, solo per fare meravigliare gli ospiti, e trattati come un giocattolo. Quando il giocattolo si rompe se ne acquista un altro. Ecco perché ne sono rimasti così pochi- .- Quello che mi dici è criminale, perché dovremmo privare l’umanità intera di tanta bellezza per una felicità così breve?- -Ti confesso che conosco bene il problema solo perché anche mio padre trattava come un gioco il suo acquario. Poi, un giorno, è venuto a trovarci un regista che era anche un appassionato subacqueo e ci ha consigliato di leggere un libro di Konrand Lorenz. Uno studioso che ha osservato e studiato, per anni, anche la vita dei pesci della barriera corallina. Pensa che la maggioranza di loro vive in coppia per tutta la vita e che ogni specie necessita di un certo spazio per sopravvivere. Insomma se non ne capiamo nulla è meglio rinunciare all’acquario-. – E brava la mia Jaqueline, non conoscevo questo aspetto naturalistico del tuo carattere-.

Dopo la nuotata la fame li spinse verso il loro alloggio. –Ma guarda che meraviglia, una casa costruita solo utilizzando le palme, sarà freschissima, ma non hanno dimenticato il ventilatore-. Disse Anton. –E poi che meraviglia questo arredo essenziale, è tanto elegante che ci vedo la mano di un design italiano-. Aggiunse Jaq. – E poi che ne dici del buon gusto di non mettere televisione ed aria condizionata?-. Soggiunse Anton. – Di solito in questi rifugi speciali c?è tutto, ma ben nascosto tanto che se non lo cerchi, puoi non vederlo-. Rispose una Jaqueline molto a suo agio in questo tipo di ambienti.

Il letto costruito, come i mobili, utilizzando solo alberi di palma, era rivestito dai petali colorati e profumati di Frangipane che formavano un disegno ben augurale. Altri fiori di Frangipane galleggiavano nella grande Jaccuzzi della sala da bagno, a cielo aperto. Per la prima cena sull’isola Jaqueline aveva deciso di indossare  un’ elegante, semplice, ma aderente tunica di lino turchese che metteva meravigliosamente in risalto i suoi occhi. Uscì dalla sua camera da letto muovendo il capo in modo da scompigliare i lunghi capelli che la avvolsero come un velo. –Sei bellissima, anche senza un filo di trucco-. Declamò un, realmente incantato, Anton.

Arrivò un cameriere, abbigliato di bianco con profili in blu scurissimo, che consegnò il menù.

Anton lesse con cura la carta dei vini e chiese un chiarimento al cameriere, che rispose in un perfetto inglese: -Signore, lo Chasselas è il vitigno bianco tipico della Svizzera Romanda. In Vallese prende il nome di Fendant. Il Fendant è, comunque e sempre, il vino per aperitivo per eccellenza e lo straordinario compagno di piatti di formaggi stagionati, oppure pesce di lago o un pesce delicato di mare come un giovanissimo squalo. Questo Fendant Les Murettes, di Robert Gilliard, è un’ottima scelta come aperitivo, signore-. Intanto l’esperta Jaq recitò: -Uva: Chasselas, alcool: 12%, al naso rivela delicati fiori bianchi e tiglio e al palato un attacco fruttato con note minerali; con un finale intenso. Sai che è  prodotto da più di 60 anni? E che va benissimo con il sushi?-. –Ne sai una più del diavolo, diavolo di  una donna che non sei altro-. Ammise Anton mentre il cameriere tornava con la bottiglia.

-A questo viaggio e ai mille che ne seguiranno-. Brindò Anton, senza tralasciare di aggiungere: -Ma soprattutto brindo alla meravigliosa donna che mi sta accanto-.

-Grazie, sei sempre carino con me-. Rispose una soddisfatta Jaqueline.

Bevvero di fronte a quel mare indimenticabile, mentre il sole si annullava nel mare e comparivano le prime stelle nel cielo color viola.

Il sushi, servito come accompagnamento dell’aperitivo, come aveva richiesto Jaqueline, venne divorato con gusto.

-Ora dobbiamo scegliere il menu caro-. Disse una deliziata Jaqueline.

-Perché non partiamo dal vino? Visto che sei così brava, suggerisci tu il vino per il pasto poi decidiamo cosa mangiare con quel vino, ti va?-. –Ottima idea. Ecco, io vorrei un rosso, rimaniamo pure nella zona e con la stessa casa produttrice. Cameriere ci porti un Dôle Des Monts, Robert Gilliard-. Rispose con aria saccente Jaq, aggiungendo : – Dôle è un’appellazione protetta, esclusivamente vallesana. E’ creato con uve Pinot Noir e Gamay, alcool: 12.5%, ha sentore di  frutti rossi, fragole, ciliegie e al palato offre un attacco fruttato con sentori di tannini morbidi e segosi: è prodotto da più di 120 anni. Si abbina con carni bianche e rosse, charcuterie e formaggi. Quindi benissimo per ordinare il pollo al curry, che pare sia la specialità del nostro chef.

Mangiarono con gusto e appetito, apprezzando l’ottimo sapore del pollo al curry, che tanto si differenziava da quelli serviti nel continente.

I vini avevano fatto la loro parte e la magica atmosfera della notte che rifletteva luna e le palme nel mare luccicante di plancton come  cristalli Swarovsky, fecero la loro.

Tornarono in spiaggia e Jaqueline si buttò in acqua vestita. -Lo so che può essere una pazzia, di notte le razze dormono vicino alla riva e se le sorprendi loro possono alzare l’aculeo e forarti la pancia. Non so se l’elicottero sarebbe tanto veloce da salvarmi. Comunque non potevo resistere-. Disse uscendo dall’acqua.

La tunica le aderiva al corpo che la luce della luna rivelava in tutta la sua eleganza.

Anton prese dall’acqua diverse  manciate di luminoso plancton e le depose con gesti delicati, ma sensuali, su tutto il corpo di Jaqueline, che ora risplendeva come un’apparizione extra-terrestre.

-Ferma tre secondi che vado a prendere la macchina fotografica a raggi infrarossi, voglio farti una foto così, per non dimenticare mai questo momento-. –Ok, ma fai presto; ho dei brividi…-. Rispose un’ormai eccitatissima Jaq.

-Sono già qui devi solo assumere la posa della Venere di Milo, ecco proprio così, due foto e sono tutto per te-. Rispose un affannato Anton. Il quale, appena finite le foto, cominciò a leccare il plancton dal corpo di Jaqueline che, alla fine, si tolse la tunica. Allora Anton la sollevò come fosse un fuscello e la fece ruotare intorno a sé, quindi la depositò sulla sabbia e gli fu sopra.

Fecero e rifecero, il bagno, più volte sino all’apparizione dell’alba, poi si addormentarono direttamente sulla spiaggia. Intanto il sole rigava l’orizzonte di fasce rosa che poi si trasformarono in arancioni, alternate a sottili strisce di nuvole. Mentre un airone impertinente avanzava verso di loro, impossibilitati a vederlo.

Quando l’inserviente arrivò con la barca per portare la colazione, li vide distesi sulla sabbia e silenziosamente, come solo gli orientali sanno esserlo, piantò una tenda sopra di loro, in modo da proteggerli dai raggi del sole.

-Oddio il sole è già basso nel cielo, ma quanto abbiamo dormito? Per fortuna che hanno messo questa tenda altrimenti ci saremmo bruciati al sole! E mi hanno anche lasciato un pareo per coprirmi.- Disse Jaqueline ad un ancora assonnato Anton.

Su di un tavolino trovarono del caffé caldo e lo bevvero avidamente. Una caraffa conteneva una deliziosa e freschissima spremuta di mango ed anche questa venne assai apprezzata dopo tante ore avevano più sete che fame.

Arrivò il cameriere che chiese prontamente dove volevano che apparecchiasse la cena. –Io propongo di rimanere qui sulla spiaggia cosa ne dici Ant, non trovi sia una magnifica idea?-. -Hai proprio ragione, apparecchi pure qui e mi porti la carta dei vini e il menù-. Soggiunse Anton ormai sveglio, dopo il buon caffé.

Mentre andavano in camera a rinfrescarsi camminavano avvinghiati tanto da sbandare a ogni passo.

-Non trovi che la vita insieme potrebbe essere magnifica?-. Azzardò Anton e Jaqueline  lo bloccò con un asserivo bacio.

Fecero il bagno nella vasca Jaccuzzi sotto un sole che aveva quasi terminato la sua semisfera, ripetendo i medesimi gesti della notte precedente. –Non ho mai capito perché delle semplici bollicine possano essere considerate afrodisiache, ma funziona-. –E’ solo uno dei macroscopici effetti dell’influenza che la pubblicità e tutti i media hanno su di noi-. Rispose una disincantata Jaqueline.

Come la sera precedente Jaqueline indossò una semplice tunica, questa volta color corallo, in di puro chiffon seta che lasciava intravedere proprio tutto. Niente gioielli, niente trucco. Era comunque bellissima e guardandola stagliarsi contro il cielo arancio Anton ebbe un sussulto.

-Domani escursione all’isola delle mante-. Informò il cameriere non appena si sedettero a tavola. –Ed ecco carta dei vini e menù come da lei richiesto, signore-.

-Vediamo un po’, cosa ordiniamo questa sera?- Disse Anton. E si ripeté la scenografia della sera precedente, ricerca dei vini, dei piatti e conclusione con bagno. Ma questa volta raggiunsero il letto abbastanza presto, per le loro abitudini; il giorno dopo la barca li aspettava di buon ora. Come suggerito da Jaq che voleva fare il bagno evitando le ore di maggior insolazione. Lei pensava sempre alla sua bellezza e sapeva bene come l’eccesso di esposizione al sole sia un danno irrimediabile e come l’uso dei filtri solari non fosse la giusta soluzione all’invecchiamento della pelle.

Le mante solcavano l’acqua come giganteschi uccelli primordiali, creando una grande ombra sol sottostante fondale tanto trasparente da sembrare vicinissimo. Tutto era così calmo, così irreale che Jaqueline sentì quello stesso brivido che gli poteva procurare un uomo. Si allontanò da Anton con un guizzo potente di pinne e si mise a rotolarsi nell’acqua circondata da quei magnifici esemplari della natura.

All’improvviso si ricordò della neve, del ghiaccio di San Pietroburgo e della sua vendetta che doveva ancora consumare e sentì un brivido di freddo, ma tutto era così lontano che non fu difficile scacciare quel pensiero.

-Perché scappi? A volte sei strana, non sei forse felice di condividere con me tanta bellezza?- Disse Anton raggiungendola, perché non mi parli di questi magnifici animali, è la prima volta che li vedo e sono ammirato da contano spettacolo!-

-Vuoi che ti tenga una lezione di biologia marina o vuoi goderti in pace quello che ci circonda?-. Rispose Jaqueline un poco stizzita.

-Veramente, se non ci fosse quel tipo sulla barca saprei come tenerti vicino a me, ma dobbiamo rimandare a dopo. Spero che il nocchiero si allontanerà dopo averci servito il pranzo-. Ribattè Anton.

Quando raggiunsero la riva scoprirono che uno chef stata preparando del pesce sulla brace. Una tenda bianca copriva un angolo della piccola isola e un tavolo bianco con due bianche sedie era apparecchiato per loro.

-Mi sono permesso di scegliere un Pierre Ollaire, di Robert Gilliard. Prodotto con uva Petite Arvine. E’ ottimo come aperitivo e con pesci di mare e conchiglie. Quindi l’ho ritenuto perfetto per questo menù. Spero sia di vostro gradimento-.

-Conosco bene questo vino, era tra i preferiti da mio padre che diceva sempre di amarlo per come associa alla sua ricchezza di sapori delle note che giocano sul contrasto dolce/salato. Ottima scelta sapremo apprezzarlo-. Rispose un’esperta Jaqueline.

Le giornate e le notti si susseguirono troppo velocemente e venne il giorno del ritorno. E Jaqueline, sebbene felicissima della vacanza, ricominciò a pensare al marito ed a come sarebbe stato bello divorziare e vivere per sempre con il suo Anton. –E’ troppo  presto- pensò –devo prima arrivare a fondo nella mia vendetta-.

NUOVA PARTE DELLA STANZA DELL’AMBRA

“E’ troppo  presto”. Pensò: “Devo prima arrivare a fondo nella mia vendetta e trovare la stanza dell’ambra”.

Anton, che le era accanto disteso sull’amaca con lei, si accorse subito del cambiamento di umore di Jaq. “Cosa ti angusta?”, le chiese. “Il ritorno”. Fu la laconica risposta. “Perché non prendi in considerazione l’idea di lasciare tuo marito e venire a vivere con me?” Suggerì, pronto, Anton. “Davvero lo vorresti?” Rispose una più allegra Jaqueline. “Sarà duro, per me, al ritorno aspettare le tue visite, è così bello averti sempre vicina!”. A queste parole Anton fece seguire un profondo bacio nella bocca di Jaqueline. “Conosci troppo bene l’effetto dei tuoi baci su di me. E ne approfitti da quando ti ho confessato che nessuno mi aveva mai baciato come fai tu. I tuoi sono baci “orientali”, dolci, lenti e sensualissimi. Davvero vorresti che io lasciassi mio marito per te? Ma non dimenticare che prima devo portare a termine il compito che mi sono prefissata, ma poi…perché no?”. Rispose una assai eccitata Jaqueline, finalmente  era di nuovo felice e passarono la notte camminando in riva al mare e ammirando le sconosciute costellazioni. Prima dell’alba Anton spalmò per l’ultima volta sul corpo di Jaq manciate di luminoso plancton. “Sei come la Venere di Milo, ma luccicante!”. Constatò un ammirato Anton. E fecero l’amore per l’ultima volta sull’isola.

“Cosa ne dici di queste nuove poltrone letto della first-class?”. Domandò Anton, una volta a bordo dell’aereo. “Comode, ma nulla di paragonabile all’intimità dell’isola”. Rispose Jaq. “Non dimenticare che il meglio della nostra vita deve ancora arrivare, sposami e non ti pentirai!”. Disse Anton avvicinando i due bicchieri di Chateau La Fitte delle cantine Rotschild. Poi si addormentarono.

Quando Jaqueline si svegliò Anton non c’era, -sarà alla toilette-, fu il primo pensiero. Aveva sognato di vivere nella sua bella casa di Long Island con Anton insieme a tre bellissimi bambini. -Ecco forse questa è la vera felicità della vita- pensò sorridendo mentre si incamminava verso la toilette. I corridoi erano semi oscuri, tutti ancora dormivano.

All’improvviso sentì una risata soffocata che gli parve la voce di Anton. Scostò la vicina tenda che separava il personale a riposo dai passeggeri e vide Anton avvinghiato a due bellissime hostess.

In un primo momento rimase senza parole, poi sbottò, senza preoccuparsi del tono acuto della sua voce: “Sei anche tu come tutti gli altri uomini. E io che credevo di avere trovato l’amore, che stupida sono stata! Mi fai schifo, trovati un altro posto sull’aereo e non farti mai più vedere da me”. Anton cercò le solite parole: “Ho sempre pensato che, per una donna di mondo come te,  un piccolo diversivo non avesse alcuna importanza. Non volevo ferirti, scusami. Mi hanno dato da bere; non riesco nemmeno a capire cosa ci faccio qui. Io ti amo, non distruggere tutto per una stupidaggine, perdonami. Non potevo immaginare che una donna come te potesse essere gelosa, e poi di cosa? Tra noi non è cambiato nulla. Perdonami!”. E si mise in ginocchio, ma Jaq gli aveva già voltato le spalle e si era chiusa nella toilette a piangere.

Ancora una volta si era innamorata, e si era illusa o la sua era davvero stupida gelosia? No, dopo tutto erano insieme da pochissimo tempo e se già ora lui necessitava di diversivi…e poi dopo una così bella vacanza, dopo averle chiesto di sposarla. Oltretutto era anche una questione di cattivo gusto, non era disposta ad accettare un uomo a queste condizioni, sarebbe stato tutto come con suo marito. Ma anche questa volta, si promise, lei sarebbe stata capace di dimenticare; doveva dimenticare. Intanto Antony batteva sulla porta della toilette scongiurandola di aprire, mentre il comandante in persona si prodigava per fare abbassare i toni da operetta che la faccenda aveva assunto.

Piano, piano,  Jaq riuscì a calmarsi; ora rifletteva freddamente: “Ho perso, ma per fortuna me ne sono accorta in tempo! Non devo sprecare altra energia in questa storia. La mia vera vita devo ancora scoprirla”. E si lavò il viso con un delizioso latte detergente che si sciolse subito a contatto con l’acqua, lasciandole una piacevole sensazione di freschezza. Continuò a spruzzarsi il viso con l’acqua fredda, sino a che le palpebre persero il gonfiore del pianto. Si truccò ed uscì dalla toilette, mentre tutti la guardavano, ma lei era abituata ad essere osservata dal pubblico e la cosa la lasciò indifferente.

Dietro la porta della toilette si era fatta promettere dal comandante che Anton non l’avrebbe più disturbata e così fu. Il posto accanto a lei era vuoto e lo rimase per tutto il viaggio. Anton era stato evidentemente trattenuto tra la cabina di comando e la zona riservata a hostess e steward.

Appena scesa dall’aereo a Doha, Jaqueline se ne andò tutta sola verso l’aereo che l’avrebbe riportata a San Pietroburgo. Si sentiva molto triste e non riusciva, nonostante tutto, a dimenticare il loro ultimo lungo e romantico bacio.

Tornata a palazzo, trovò un furibondo marito che l’accolse nel peggiore dei modi.

Lei si rinchiuse nelle sue stanze e non ne uscì per parecchi giorni, sino a che una guardia riuscì a farsi aprire la porta.

“Mi scusi tanto signora, ma sono stato incaricato da una sua conoscenza di comunicarle un fatto molto grave”.

“Quale fatto può essere tanto grave per potermi disturbare quando ho dato ordini contrari?” Urlò una seccatissima Jaqueline.

“Sono veramente dispiaciuto signora, e mi creda fatico a parlare… ma devo comunicarle che il sig. Anton è in punto di morte dopo un gravissimo incidente d’auto”.

Jaqueline rimase impietrita per qualche secondo, poi disse alla guardia di preparare l’auto per una partenza immediata verso la clinica dove Anton era ricoverato. I suoi sforzi per dimenticare il loro amore erano falliti miseramente.

Nascondendo le lacrime sotto scuri e grandi occhiali neri, Jaqueline uscì senza nemmeno cambiarsi d’abito.

Entrata in auto i singulti ebbero il sopravvento e la guardia-autista,  preoccupata per il suo stato le disse: “Signora posso fare qualcosa per lei?” La risposta fu quasi difficile da comprendere, ma alla guardia parve di capire: “Non perda tempo e guidi alla maggior velocità possibile”.

Arrivati alla clinica Jaqueline uscì come una furia dall’auto e si diresse verso la sala di rianimazione inseguita da una infermiera che pretendeva di registrare le sue generalità e che Jaq bellamente ignorò.

Jaqueline aprì la porta della sala di rianimazione e subito individuò parenti e amici di Anton che stavano davanti ad una porta chiusa. Appena la videro le si avvicinarono spiegandole che nessuno era autorizzato ad entrare. Lei non badò a nulla e spalancò la porta buttandosi verso quel letto che era quasi interamente ricoperto da attrezzature mediche; tubicini di ogni genere e colore fuoriuscivano da buste di plastica appese vicino al letto e finivano sul corpo del moribondo.

Anton respirava a fatica nella maschera ad ossigeno, ma la riconobbe e i suoi occhi ebbero un lampo. “Ti perdono, ti perdono, ma non morire” urlò Jaqueline, e le palpebre di Anton si chiusero e si riaprirono  velocemente, tanto che lei vi lesse un: -Ho capito, grazie-.

Il ticchettio dell’apparecchio che registrava i battiti cardiaci fu sovrastato dalle parole del personale paramedico che voleva allontanare Jaqueline.

Lei, impietrita guardava il suo Anton e non voleva saperne di andarsene. Passò parecchio tempo prima che riuscissero ad allontanarla.

Jaqueline, fatta uscire con la forza, trascorse l’intera notte di fronte al finestrino che permetteva la visione all’interno della stanza.

La mattina un’infermiera riuscì a convincerla a fare un riposino nella stanza accanto.

Al risveglio Jaqueline si trovò di fronte una dottoressa che, con tutta le delicatezza possibile, dovette informarla della morte di Anton.

Ma il peggio fu quando Jauqeline seppe che la morte era da addebitarsi ad un distacco di una flebo a carico di un estraneo che era entrato nella stanza vestito da medico.

Jaqueline vide il mondo crollarle addosso e i medici dovettero intervenire per collasso cardiaco.

RITORNO A SAN PIETROBURGO E IL FATALE INCONTRO DI JAQUELINE.

Dopo il funerale, Jaqueline si rinchiuse nelle sue stanze, non aveva voglia di uscire, ma riprese freneticamente i suoi studi e le sue ricerche. La San Pietroburgo “bene” notò presto la mancanza della bella e misteriosa signora bruna. -Aveva parlato di un lungo viaggio, forse ha deciso di non tornare-; era l’opinione corrente.

-Una feroce concorrente in meno, meglio così-; pensò la maggior parte delle giovani “presenzialiste” della San Pietroburgo più esclusiva.

Il marito, nel frattempo, l’aveva minacciata di voler divorziare, ma Jaq sapeva bene che si trattava solo di parole. In caso di divorzio Emanuel avrebbe avuto solo da perdere, la sua situazione finanziaria si era ulteriormente aggravata a causa di un improvviso crollo del settore in cui lui aveva investito il suo, ormai,  piccolissimo capitale.

Ormai per Jaqueline, Emanuel era solo un uomo molto pericoloso, ma ci avrebbero pensato le sue guardie private a proteggerla, o non sarebbe bastato? Quanto avrebbe potuto veramente guadagnare Emanuel dalla morte di Jaqueline?

JAQUELINE TENTA DI DIMENTICARE.

Ancora una volta  gli amati studi aiutarono Jaqueline a dimenticare.

Dopo mesi di letture e ricerche, finalmente si accorse del timido arrivo della primavera. La morsa del gelo stava per abbandonare la città, il grande giardino, bianco per la neve ghiacciata, si stava macchiando di verde. Jaq riprese ad uscire. Prima furono brevi passeggiate, poi si spinse sino ai cimiteri, dove ricominciò a parlare con i pochissimi sopravvissuti e con i loro figli che le riportavano i racconti dei padri.

Riprese anche a frequentare il Mercato Kuznechny, lì poteva acquistare i diversi prodotti della madre terra. I banchi del miele erano i suoi preferiti. Chiacchierava con le prosperose produttrici-venditrici, mentre assaggiava quel ben di Dio che, ormai, conosceva benissimo, ma a ogni stagione i sapori erano leggermente diversi e questo la incuriosiva.

Una di quelle mattine si era attardata al mercato ed aveva proprio fame.  Il palazzo distava venti minuti di buon cammino. Da tempo aveva smesso di usare l’auto e si faceva accompagnare a piedi dall’autista-guardia del corpo. Per accelerare il ritorno decise di prendere una scorciatoia; una strada piuttosto malconcia.

Fu così che si trovò di fronte una babushka (vecchia signora con il caratteristico foulard), piuttosto malmessa. Il suo viso era una fitta rete di rughe, i capelli radi, ma  due piccoli occhi luminosi; di un azzurro chiarissimo, lasciavano immaginare una bellezza sfumata, un’intelligenza ancora viva e un profondo dolore.

“Bella signora, la mia casa è stata venduta e io sono stata buttata fuori, ho perso tutto. Hanno cambiato la chiave prima che io potessi raccogliere i miei ultimi stracci. Sono dei porci, crudeli e insensibili come quelli che durante l’assedio mangiarono carne umana! Questi preferiscono lasciarci morire di fame e freddo. Nulla è cambiato, quelli uccidevano, questi ti condannano a sicura tortura: morte per fame e freddo”.

All’improvviso Jaqueline sentì come impellente il desiderio di salvare quella donna; la abbracciò e le disse: “Non pianga più e venga con me. L’aiuterò io la terrò nella mia casa”.

La donna congiunse le mani, baciò Jaq e riprese a piangere, ma questa volta di gioia. “Che Dio la benedica signora, io sono povera, ma colta. Saprò ricompensarla con la mia compagnia ed il mio modesto lavoro. Farò qualunque cosa lei mi ordini, lei mi sta salvando la vita. Grazie, grazie, grazie, grazie…e continuò sino a che Jaqueline la interruppe. “Non dovrà mai più dire grazie a nessuno, nella mia casa. Sarà la mia dama di compagnia e non dovrà mai più lavorare. Credo che la vita sia stata abbastanza crudele sino ad ora con lei.

Io mi vergogno davanti a lei, ho avuto tutto dalla vita e, sino ad ora non sono stata capace di fare nulla di buono, ma voglio cambiare e lei sarà la mia compagna di questo cambiamento. Lei non riesce nemmeno ad immaginare quanto la sua esperienza potrebbe essere utile per la mia nuova vita. Piuttosto mi dica quale è il suo nome?”.

“Alexandra”, fu la risposta. “Alexandra le prometto che da oggi la sua vita non sarà più la stessa. Avrà una stanza tutta sua e tutto quanto le servirà per vivere dignitosamente. A me basterà ascoltare i suoi ricordi, sento che ho molto da apprendere da una donna come lei”.

Nessuno avrebbe potuto riconoscere in quelle parole la Jaqueline dei tempi del gossip e del jet-set, stava forse superando definitivamente i confini che separano due vite e due modi di pensare completamente opposti tra di loro?.

“Ecco questa è la mia casa”. Disse Jaq una volta arrivate di fronte al palazzo. La babushka non voleva credere ai propri occhi.

“Ma perché una bella e ricca signora come lei vuole prendersi cura di una vecchia malandata come sono io?”, sospirò Alexandra.

“Non si preoccupi, io sento che lei vale molto di più di quanto creda. E, come le ho già detto, sento anche che ha tanto da insegnarmi. Lei potrebbe divenire la mamma che non ho mai avuto”. E questa volta fu Jaqueline a piangere, mentre i ricordi della sua triste infanzia le avvolgevano la mente.

“A me basterebbe essere la sua domestica, signora. E poi la prego mi dia del tu e non del lei, io non sono nessuno”. Sospirò una confusa Alexandra.

“No Alexandra, qui ci sono domestici a sufficienza; tu sarai trattata come avrei trattato mia madre. E visto che ti do del tu anche tu devi parlarmi allo stesso modo tra noi non esistono differenze, siamo solo due donne con due storie molto diverse, ma che hanno molto da dirsi”. Tagliò corto una determinata Jaq, con la voce tornata sicura e decisa.

Ad Alexandra fu assegnata una camera accanto a quella di Jaqueline. Nella stanza dominava un grande camino acceso che suscitò gridolini di gioia da parte di Alexandra la quale, ormai, si era convinta di sognare. Ma quando si vide davanti al grande specchio con i nuovi vestiti, stivali, borsetta e cappello, dovette arrendersi all’evidenza, era tutto vero!.

“Jaq, non ho mai visto in vita mia tanto ben di Dio. Io che sino a poche ore fa non avevo nemmeno i soldi per mangiare!”.

“Da oggi sei anche tu una signora, quindi devi abituarti anche a questi piccoli lussi. Ora vieni a mangiare, poi ti mostrerò tutto il palazzo e il giardino e tu mi racconterai un po’ della tua vita”. Affermò una entusiasta Jaqueline.

Ogni giorno Jaq era sempre più orgogliosa della scelta di avere invitato a vivere con lei Alexandra. Quest’ultima si era rivelata una donna di grande saggezza ed esperienza, inoltre conosceva molte delle persone sopravvissute all’assedio di Leningrado e buona parte dei loro figli.

Fu così che insieme ripresero le ricerche sulla vera storia della Stanza dell’Ambra. Ogni giorno Jauqeline scopriva nuovi racconti e nuove informazioni, ma le era sempre più difficile distinguere tra fantasia e realtà. Jaq continuava ad ascoltare, registrare e scrivere tutto. Ora aveva un nuovo diario, un sofisticato quaderno in carta riciclata, con la copertina nera, semplice ed elegantissimo.

“Un giorno scopriremo insieme la verità sulla stanza dell’ambra, te lo prometto sui miei figli che sono tutti morti”.  Affermò solennemente Alexandra a Jaq.

Con la Jeep di Jaqueline fecero diversi viaggi per andare a trovare le amicizie di Alexandra.

A Sveti Stelo, visitarono il Palazzo d’Estate di Caterina La Grande e la ricostruita stanza dell’ambra che suscitò in Jaqueline una fortissima emozione.

Ogni viaggio per Alexy, come ormai la chiamava regolarmente Jaqueline, era l’occasione per incontrare vecchie amicizie e Jaq rimaneva sempre sorpresa dalla sincera cordialità con la quale veniva accolta. Jaqueline fece anche diverse donazioni e tutti la chiamavano benefattrice. Alexandra era sempre più orgogliosa nel presentare Jaqueline alle sue vecchie conoscenze.

Una volta raccolte tutte le notizie, Jaqueline iniziò a segnare dei punti fermi, e ne parlò con Alexandra: “Secondo me non si può scartare la possibilità che la Stanza dell’Ambra fosse nelle casse portate sul treno dalle SS verso il castello di Königsberg. Comunque potrebbe essere un errore ignorare le tante voci che parlano di una sostituzione. Personalmente non credo nelle voci sui maghi, streghe, folletti e al volo delle casse piene verso il cielo, ma dietro ad ogni leggenda c’è sempre del vero. Ora è fondamentale riuscire a dividere la fantasia dal reale e posso farlo solo se mi aiuti con il tuo intuito e con quello dei tuoi  amici  più credibili. Tu personalmente cosa ne pensi?”. Domandò Jaqueline. “Io posso solo dirti quello che so e presentarti persone che ti possono aiutare, ma non chiedermi altro, non sono a conoscenza di tutti quei fatti o indizi che tu hai potuto leggere e raccogliere in questi ultimi tempi. Comunque sappi che ti starò sempre vicina e vedrai che riusciremo a trovare la Stanza”. Rispose Alexandra, sempre prudente.

“Ok, d’accordo, ma aiutami ad inventare qualcosa per far stare lontano mio marito. Al telefono minaccia ritorsioni contro di me per questo mio stile di vita, ma in realtà hai già capito anche tu che forse vuole eliminarmi fisicamente.

Con te al mio fianco ha compreso che sono più forte di quello che poteva immaginare e ti detesta.

Non so cosa possa pensare realmente, ma è un uomo pericoloso. Ti ho già raccontato quello che ho saputo su di una sua fidanzata finita in manicomio e dell’altra sparita nel nulla. Tempo fa non avrei creduto a queste storie, ma ora mi sembra tutto possibile”. Disse Jauqeline, assai preoccupata.

“Puoi sempre partire per un altro viaggio e informandolo su di una falsa meta come hai fatto per l’altro. Prendi tempo, informa tuo padre, lui ti potrebbe aiutare a trovare una soluzione che accontenti Emanuel. In fondo lui vuole solo dei soldi e tuo padre sospetto sappia di lui molto di più di quello che tu possa immaginare”. Rispose Alexandra soggiungendo: “Ti propongo un viaggio insolito. Il nostro Pope ci parla sempre di un orfanotrofio in Romania, lui raccoglie soldi per aiutare questi bimbi sfortunati. Tu sei una donna ricca e generosa che sta vivendo una grande svolta della propria vita, visitare un mondo che forse non hai mai immaginato esistesse ti aiuterà nella ricerca della vera Jaqueline, più saggia, più vera”.

Queste parole entusiasmarono Jaq: “Sarò come l’Araba Fenice, rinascerò dalle mie ceneri più forte, saggia e serena di prima. Ok, deciso, informiamoci sull’indirizzo di quell’orfanotrofio, sento che questa idea sarà proprio l’inizio di una nuova Jaqueline. E poi mio marito non verrà mai a cercarmi in Romania nei pressi di un orfanotrofio! E ti dirò di più, torneremo con un piccolo bimbo sfortunato al quale cambierò la vita e farò una generosa offerta per tutti quelli che rimarranno. Alexy sei grande, solo tu potevi suggerirmi un’idea tanto brillante! Hai cambiato la mia vita e ora cambieremo quella di un bimbo”.

“Non fare la modesta, hai avuto il coraggio di rivoluzionare la tua vita in un tempo brevissimo. Sei più generosa, forte e coraggiosa di quanto immagini”. Fu l’ammirata affermazione di Alexandra.

“Tu sei una perfetta adulatrice, ma veramente mi sento già un’altra. Riempiremo il palazzo di urla e capricci  ed Emanuel starà certo lontano per un bel po’ di tempo. Sarai tu ad adottare quel bimbo, così io non dovrò chiedere nessuna firma a mio marito”. “Forse siamo un po’ pazze tutte e due, ma stare con te mi ha già ringiovanito di trenta anni, mi ritornano alla mente tutti i ricordi di quando insegnavo nella scuola elementare. Grazie ancora Jaq, non so come esprimere la grande riconoscenza che ti dovrò per sempre”. Rispose una sincera Alexandra, con un dolcissimo e aperto sorriso che Jaqueline notò per la prima volta su quel viso dove le rughe si susseguivano molto più velocemente delle onde che ispirarono Beethowen nella composizione del Chiaro di Luna.

“Un bambino darà un senso vero alla mia vita, soprattutto ora che ho deciso di abbandonare tutto quel mondo di lussi e lussurie. Un mondo che conosco a fondo e, proprio per questo, posso comprendere quanto sia lontano da una vita serena e soddisfacente”. Affermò Jaqueline, sempre più entusiasta.

“Non dimenticare che sei una bellissima e giovane donna, non devi e non puoi vivere i tanti anni che hai davanti senza accettare la possibilità di un futuro incontro che sconvolgerà ancora la tua vita. Ma sono certa che allora sarà qualcosa di ben diverso da quelle pazzie che hai vissuto sino ad ora. Ti chiedo solo di non escludere nulla. Ormai sei definitivamente cambiata, in meglio, e non potrai mai più essere la Jaqueline del passato”. Suggerì Alexandra.

“Alessandra, tu parli bene, tu hai intuito quanto questo mondo moderno sia pieno di persone disposte a tutto pur di arricchirsi, ma che non sanno nulla della felicità. Alcuni di loro sono abili e consumati attori, si tratta solo di adulatori, ma a volte è assai difficile riconoscerli. Noi uomini siamo così pieni di vana gloria! Comunque sento che la mia personale esperienza mi sarà molto utile in futuro!”. Rispose Jaq, continuando: “E ora decidiamo quali saranno le stanze del bambino e mettiamo un annuncio per scoprire quale sia la migliore tata di San Pietroburgo”.

“Ma come, non sarò io ad occuparmi del bimbo? Lasciami almeno questa incombenza, devo sentirmi utile”. Affermò decisa Alexandra. “No cara Alexy, tu sorveglierai la tata, ma il compito è troppo faticoso per la tua età. Tu avrai, insieme a me, ogni potere decisionale su come allevare questo bambino, o sarà una bambina? Lasciamo fare al destino”.

A queste determinate parole di Jaq, Alexandra rispose rassegnata: “Forse questa volta hai proprio ragione tu. Io mi sento ancora forte, ma un bambino piccolo è fisicamente faticoso da accudire e questa mia povera colonna vertebrale si è tanto piegata negli ultimi anni…! Ecco, vedi, insieme saremo una ottima mamma e una dolce nonnina, oh come mi sento felice! Ma ora dobbiamo trovare ancora il bimbo e poi sarà faticoso e lungo superare tutta la burocrazia di questi due paesi. Non dimenticare che qui non siamo in America!”.

“Potremo trascorrere questo tempo dedicandoci alla ricerca delle stanze, dell’arredamento e di tutto quanto dovrà essere pronto all’arrivo del bambino o della bambina”. Rispose una entusiasta Jaq.

“Sei testarda come un mulo, ma questo ti porterà lontano. Ed oggi sono certa che tu sia sulla strada migliore. Anch’io apprezzo questa scelta. Mi stai dando una famiglia, un futuro che meriti di essere vissuto. E non dirmi sempre che sono una perfetta adulatrice; quello che dico è tutto vero”. Fu la risposta di Alexandra.

PREPARATIVI PER UNA NUOVA VITA

Il giorno successivo Jaqueline prese i dovuti contatti per concretizzare quanto deciso e con Alexandra andò dal Pope per conoscere l’indirizzo dell’orfanotrofio e prenotare aereo e alloggio.

“Cosa ne dici Alexandra se giustificherò questo viaggio con una mia improvvisa conversione religiosa? Così non sarà difficile far  credere a mio marito che questo spostamento è solo un modo per occupare il mio tempo libero ed andare a donare personalmente dei soldi all’orfanotrofio. Lui sa bene quanto io sia sempre stata diffidente nei confronti delle varie organizzazioni che dicono di esistere per il bene del terzo mondo. Del resto come mai continuano a sorgere, come funghi, nuove organizzazioni? Se qualcuno volesse veramente fare del bene, ne esistono già abbastanza, basta collaborare o donare a queste. Tutta questa proliferazione di buone opere mi fa pensare a tanti grossi “affari”, anche  di “immagine”.

Ho visto con i miei occhi tanti presidenti di queste organizzazioni benefiche volare in prima classe per portare i soldi della beneficenza altrui… e amici sicuri mi hanno informato degli acquisti di caviale e Champagne per festeggiare il Natale nel Benin ed in altri paesi poverissimi. Alla faccia della beneficenza. Anche il saggio Cicerone, me lo hai insegnato tu, nel trattato “De amicizia” diceva: “…la coerenza è ciò che ci aiuta a distinguere chi agisce bene e chi si limita a parlare bene”.

Al ché Alexandra ribatté subito: “Caspita impari proprio in fretta. Sei la migliore allieva che abbia mai avuto”. “Il merito è alla fonte e quindi è sempre tuo cara Alex. Anzi cosa ne dici se da oggi ti chiamassi mamy? Mi farebbe molto piacere e sarebbe una costante conferma che finalmente anch’io ho avuto una vera mamma. Non di sangue, ma di fatto”.

“Cara Jaq, chiamarti la mia bambina sarà per me un grandissimo onore”. “E smettila una volta per tutte con questo onore! Sono io che ti devo tutto!”. Si schernì Jaq, scoccandole un grosso bacio sulla fronte.

Prima di partire riuscirono anche ad organizzare l’arredo per le stanze del bimbo che sarebbe arrivato.

“Mamy,  mi sto rendendo conto che, come avevi detto tu e come ha confermato il Pope, ci vorranno tempo e diversi viaggi per concludere tutta la trafila burocratica necessaria per avere fisicamente il bimbo qui nel palazzo. Ma ho già promesso cospicue mance a chi mi aiuterà ad accelerare i tempi”. Subito “mamma” Alex rispose: “Eccoti di nuovo nei panni della signora –io posso tutto- perché non provi ad assoggettarti a tutti i problemi che incontrano i normali esseri umani?”. “Hai ragione, ma potrai sopportare qualche piccolo difetto rimastomi dell’ex ragazza-capriccio? In fondo sono molto cambiata, lo dici sempre!”. “Va bene per questa volta ti perdono visto che è tutto a fine di bene”. Rispose una rassegnata Alex, fingendosi più seccata di quanto fosse in realtà.

A tavola brindarono alla loro nuova vita con della semplice acqua, quale segno di un profondo cambiamento anche nello stile di vita di Jaqueline.

“Salute! Ma non intendo abbandonare completamente il buon bere e il buon cibo, questo brindisi è solo un simbolo”. Disse una Jaq allegra come se avesse bevuto il miglior Sauternes, e proseguì: “Mio padre ha accettato bene quest’idea di adottare un bambino, anche e ne ha parlato come -quello che io spero sia il tuo ultimo capriccio-“.

“Sarai una buona madre. Questa notte ho fatto un sogno nel quale tu cullavi un bimbo cantando la medesima ninna-nanna che mi cantava mia madre e prima di svegliarmi ho sentito come un forte alito di vento. I vecchi hanno sempre sostenuto che questo è il segno che si è sulla buona strada. So che tu non credi a queste cose, ma una forte convinzione è sempre fondamentale per un buon esito; di qualunque cosa si tratti”.

“In ogni modo un punto di vista positivo, non può che essere un favorevole inizio. Buona notte cara mamy, ci vediamo domattina e, come dici tu, “ad maiora!” ”.  Fu la conciliante risposta di Jaqueline.

In poche settimane Jaqueline riuscì ad organizzare il primo viaggio verso l’orfanotrofio. Niente prima classe, niente vini pregiati a bordo, voleva provare a vivere il più possibile la vita di una persona normale per avvicinarsi di più alla psicologia del bambino che voleva adottare. Proprio come le avevano suggerito i vari specialisti con i quali avevano dovuto sostenere numerosi colloqui.

L’aeroporto e il volo furono per Alexandra un’esperienza sconvolgente, si adattò abbastanza bene anche se continuava a stupirsi per tutto quanto veniva servito a bordo “gratuitamente”.

Un taxi assai mal messo accompagnò le due donne all’albergo.

Mai Jaqueline aveva visto tanto squallore: “Per fortuna che l’agenzia di viaggi ha insistito perché prenotassi un albergo quattro stelle! Non voglio fare la super-donna viziata, ma questo albergo in America sarebbe qualificato con meno di una stella”. Disse un poco spaventata. Per fortuna la buona Alexandra sapeva sempre rincuorarla, ma la sera a tavola Jaqueline sbottò di nuovo: “Questa minestra è veramente immangiabile e le verdure del self-service mi sembrano scolate direttamente dalla scatola. Chiederò due uova sode, almeno quelle riuscirò a mangiarle”. Peccato che le uova una volta tagliate a metà rivelarono un tuorlo grigio-nero.

“Jaqueline tu non puoi cambiare così repentinamente le tue abitudini, chiunque ha bisogno di tempo. Dammi retta vediamo se riusciamo a trovare un albergo più adatto a te. Io capisco il tuo spirito di sacrificio, ma credimi non sarai una madre migliore perché sei riuscita a farti venire una bella dissenteria per cibo avariato”.

“Hai ragione, chiedo subito al portiere se esiste un albergo cinque stelle nei dintorni. Cara Alexandra cosa farei senza di te, tu si che hai buon senso”.

Fu così che le due donne si fecero trasportare in taxi nel migliore ristorante della città e poi nell’hotel cinque stelle vicino all’aeroporto. “Non è certo un cinque stelle americano, ma ora mi sento molto meglio. Qui almeno funzionano sia l’acqua calda che quella fredda, ho un bagno decente pulito e disinfettato, il cibo è mangiabile, anzi buono, e c’è l’aria condizionata funzionante”.

All’indomani, dopo una abbondante colazione a base di spremuta di arancio, pane, burro, marmellata, uova, pancetta e tè, le due donne chiamarono il taxi per essere trasportate all’orfanotrofio.

Attraversarono una periferia di vie  mai asfaltate, né pulite, ridotte a putride pozzanghere. Gli abitanti di questi luoghi erano subito riconoscibili, anche in centro città, per quelle loro scarpe eternamente sporche di fango, quando pioveva e di polvere terrosa nella stagione asciutta.

Le vecchie case popolari del regime comunista si stavano sfaldando. La manutenzione era un vocabolo dimenticato da prima della caduta del muro di Berlino. Quando qualcosa si rompeva mancavano i soldi per ripararla. Le grandi stazioni di vecchi bus, se non fosse stato per la gente che li affollava, avrebbero potuto sembrare depositi abbandonati.

Finalmente arrivarono all’agognato orfanotrofio. L’edificio aveva perso grossi pezzi di cemento in tutte le sue parti e le strutture in ferro arrugginito fungevano da squallido “decoro”. All’intorno prati abbandonati pieni di sterpaglie e avanzi in plastica di un discutibile progresso. Il panorama non era certo il migliore per crescere in armonia con l’ambiente.

“Poveri bambini, sono discriminati anche nella loro prima visione del mondo”. Disse Jaqueline guardandosi attorno angosciata.

Una volta scese dal taxi, le due donne furono accolte con grande deferenza dalla direttrice in persona.

“Benvenute in questa modestissima dimora e grazie per avere scelto il nostro orfanotrofio. Io sono la direttrice e il mio nome è Lucilla Pedrovick. Padre Dvar mi ha parlato molto di lei Lady Le Roy e delle sue sofferenze e della sua ferma volontà di aiutare qualcuno dei nostri sfortunati bambini, anche se per interposta persona. Qui la ammiriamo tutti e siamo disponibili ad aiutarla.

Immagino che lei sia Lady Alexandra Pteloy, la persona che adotterà con il proprio cognome il bambino scelto. Prego, venite in biblioteca dove abbiamo preparato una piccola festa in occasione del vostro arrivo”. Così si presentò la direttrice con un inglese dall’accento assai “esotico”.

Le tre donne attraversarono lunghissimi corridoi sui quali si affacciavano enormi stanzoni sovraccarichi di letti a castello. Gli stanzoni aperti erano ben puliti e con i letti perfettamente rifatti. Purtroppo sopra tutto aleggiava uno forte odore di candeggina che non riusciva a coprire un fondo di fognature mal funzionanti.

“Qui un esercito di donne disoccupate e senza casa ha trovato lavoro.  Si occupano di tutto, dalle grandi cucine alla lavanderia, dalla pulizia al riordino delle camere. Alcune di loro sono ex insegnati  senza pensione e qui continuano ad esercitare la loro professione in cambio di vitto e alloggio.” Continuò Lucilla Pedrovick. “Potete entrare in qualunque stanza dove volete e verificare il nostro lavoro. Ma eccoci arrivate alla biblioteca”. Un dolce suono di violino accolse le ospiti.

“Vi abbiamo volto dare il benvenuto con il suono del violino della nostra migliore allieva. Si tratta di una ragazza molto dotata secondo quanto afferma la sua insegnante, ma avrebbe bisogno di poter frequentare un conservatorio. Noi non abbiamo abbastanza soldi per questo tipo di aiuti”. Continuò la direttrice.

“Non sono un’esperta di musica classica, ma questa bambina mi sembra suoni divinamente e poi è bellissima, mi sono già innamorata di lei. Ecco chi adotterò”. Intervenne Jaqueline.

“Aspetti a decidere Lady Le Roy, ne conoscerà molti altri e le assicuro che sarà difficile scegliere. Capita a tutte le persone di buona volontà che passano da questo luogo”. Rispose la direttrice. “Prego accomodatevi alla nostra modesta tavola, provate questo vino prodotto con le uve locali. Tutto quanto qui è stato preparato dalle donne in cucina con l’aiuto dei bambini. Insegnamo loro anche  a cucinare. Si tratta di cibi semplici, ma sani, fatti solo con i prodotti locali”.

Con un sorriso sulle labbra Jaqueline avvicinò il bicchiere di plastica alla bocca e assaggiò il vino, ma con fatica mantenne il sorriso dopo il primo sorso. Si trattava di un vino assai acido, privo di qualunque criterio di buona vinificazione. Quindi abbandonò il bicchiere ancora colmo con tutta la nonchalance di cui era capace.

“Provi anche questi salatini con il pesce affumicato, la maionese è stata fatta dai ragazzi, fresca per voi e con le uova della fattoria qui accanto”. Continuò la direttrice, fingendo di non avere visto l’abbandono del bicchiere da parte di Jaqueline.

Con cautela, ma sempre sorridendo, Jaqueline avvicinò alla bocca il pane nero guarnito con pesce e maionese. “Ma è fantastico, io adoro il pesce affumicato, la maionese fatta in casa e questo pane sono squisiti. Bravissimi”. Fu l’entusiastica affermazione di Jaqueline.

“Il nostro pane è fatto in casa fresco tutti i giorni e sono molto orgogliosa di tutta la nostra panificazione, provi queste brioche salate al formaggio. Quest’ultimo ci è fornito da una donna che cura le su pecore in un campo non lontano dal nostro edificio”. Interloquì la Pedrovick.  “Veramente ottime, e che buon formaggio!” Fu la risposta di Jaq, mentre Alexandra si era allontanata per cercare qualcuno che parlasse russo e poter sapere qualcosa al di fuori dell’ufficialità.

Continuarono così a parlare del più e del meno, mentre si alternavano suoni di violino e di pianoforte. “Anche chi suona il pianoforte mi sembra molto bravo”. Disse Jaqueline alla direttrice. “Aspettavo proprio questa sua affermazione. Dovete sapere che il bimbo che suona il pianoforte pensiamo sia il fratellino della fanciulla che avete sentito suonare il violino. Si tratta di due orfani dei quali, in realtà, non sappiamo nulla, li abbiamo trovati qui fuori infreddoliti, ma ben coperti. Personalmente sono convinta che debbano essere figli di qualche artista, penso siano bimbi nati ascoltando della buona musica, altrimenti non si spiegherebbe la facilità con la quale hanno appreso i rudimenti dei due strumenti e la loro, seppur minima, conoscenza della lingua inglese. Purtroppo non abbiamo soldi per fare loro l’esame del DNA.

Non siamo mai riusciti a farli parlare dei loro ricordi, se li interroghiamo si chiudono entrambi in un feroce mutismo. Devo essere molto chiara a proposito di questi bambini; ho sempre pensato che sarebbe solo un atto di atroce crudeltà dividerli dato che passano tutto il tempo libero insieme”. Rispose la direttrice con tono deciso.

“Dov’è? Alexandra? Vorrei consultarmi con lei”. Domandò Jaqueline. “Lady Alexandra sta parlando con una maestra che conosce il russo, ma la faccio chiamare subito”. Fu la solerte risposta della direttrice.

Jaqueline e Alexandra tornarono all’orfanotrofio ogni giorno per sette giorno consecutivi. Ogni volta facendo più domande, ogni volta con la pena nel cuore per dover scegliere e quindi abbandonare tutti gli altri bambini al loro destino.

Ogni sera discutevano tra loro sulle impressioni della giornata, ma alla fine prevalse l’istinto che le aveva fatte avvicinare, sin dal primo giorno, ai due orfanelli musicisti.

“Sono tanto felice che anche tu Alexandra sia convinta che adottando i due fratellini corrisponda a salvare un’intera famiglia”. Concluse Jaqueline. E così iniziò la seconda settimana occupata solo dalle pratiche burocratiche e dall’elargizione, anche forzata, di abbondanti mance.

Alla fine le due donne se ne tornarono a San Pietroburgo con la gioia di essere sulla buona strada per ottenere il permesso di adottare i due fratellini, ma con la tristezza di doverli lasciare ancora per parecchio tempo in quell’orfanotrofio.

Jaq e Alessandra trascorsero l’estate e un intero inverno, intervallati da altri tre viaggi per vedere i bambini e per adempiere alla cieca burocrazia, in attesa che tutto si risolvesse per il meglio.

 Dopo le lunghe notti bianche estive, la Neva, come tutto ciò che gli stava intorno, era gelata e rifletteva i colori del cielo. Grigio nebbioso nelle brevi e frequenti giornate nuvolose, bianco brillante durante le pochissime giornate di pallido sole, ma lo spettacolo che Jaqueline preferiva era quello notturno, quando era possibile vedere la luna. A volte la nebbia diradava lasciando intravedere i suoi raggi che giocavano sul manto nevoso come i raggi all’alba attraverso le gocce di rugiada. “Vorrei essere un pesce della Neva e guardare la pallida luce della luna attraverso lo strato di ghiaccio”. Disse una sera Jaqueline ad Alexandra. Intanto le giornate dietro le finestre del palazzo trascorrevano in fervidi preparativi e progetti.

Al ritorno a San Pietroburgo, per prima cosa Jaqueline si era informata sui migliori insegnati privati di violino e pianoforte della città, poi aveva visitato le più prestigiose scuole e il Conservatorio. Sapeva bene di trovarsi in una città ideale per questo tipo di ricerca.

L’inverno, per le due donne, fu lunghissimo, sia metereologicamente che psicologicamente. Comunque con i primi ciuffi d’erba arrivò anche il sospirato documento; potevano adottare i due bimbi.

Emanuel non si era mai fatto vedere a palazzo e Jaqueline era certa che stesse affogando la sua rabbia in qualche nuova storia “d’amore” e, forse anche, alla ricerca dei soldi per assoldare qualcuno per fare molto male a quelle che ormai considerava gli intrusi di palazzo. Nonostante questi pensieri le due donne erano abbastanza serene, le guardie private di Jaqueline si erano rivelate molto affidabili e poi entrambe non intendevano stare per sempre in quel luogo, anzi stavano già programmando qualcosa che avrebbe modificato l’insignificante vita di Emanuel e l’avrebbe per sempre reso innocuo.

Quella sera Jaqueline e Alexandra festeggiarono vicino al camino mangiando quello che, per la seconda, era diventato il suo cibo preferito: spaghetti aglio olio e peperoncino. “E’ proprio bravo il nostro cuoco, è capace di dare la giusta viscosità al piatto, che è poi la sua vera essenza”. Disse una Jaqueline che non aveva dimenticato la buona tavola; anche se non era più la fanatica di un tempo. Ora cercava, per quanto le era possibile, di limitarsi ad una cucina quasi chilometro zero. Per questo motivo continuava ad essere una accanita frequentatrice del mercato più vicino a palazzo.

Passò un’altra estate e solo a fine novembre riuscirono a sbrigare tutti i  problemi burocratici e molti imprevisti. artenza per portare i due bambini in quella che sarebbe divenuta la loro casa.

Una grande festa accolse le due donne in orfanotrofio e le loro guance si rigarono di lacrime per i bimbi rimasti, ma presto la gioia ebbe il sopravvento.

Ormai i due fratellini conoscevano bene le loro nuove mamme e lasciarono senza alcuna esitazione quella che era stata negli ultimi anni la loro casa.

L’aeroporto e l’aereo stupirono e un po’ anche spaventarono i due bambini, ma l’affetto e le parole delle due donne li rincuorò presto anche con l’aiuto dei giocattolini che l’hostess regalò loro appena terminato il decollo; una possibilità assai rara per qualunque viaggiatore.

Lo stupore dei due fratellini, Lizanika e Ivanov, continuò quando furono introdotti nella cabina di comando per osservare da vicino come funziona un aereo e, ancora di più appena videro le innumerevoli luci della grande San Pietroburgo avvicinarsi sempre più durante l’atterraggio.

Il grande albero al centro del giardino era stato addobbato come a Natale, i cristalli brillavano nella notte illuminati da luci nascoste. “Ohhh che bello!” Dissero quasi in coro i due fratellini utilizzando quel poco di russo che avevano imparato all’orfanotrofio negli ultimi mesi, ma normalmente preferivano parlare utilizzando l’inglese stentato che avevano continuato a studiare a scuola.

Durante i primi giorni a palazzo i due bambini non fecero altro che dire “Ohhh che bello!” Poi in modo sorprendentemente veloce, come capita solo ai bambini, incominciarono a percepire quasi tutto ciò che li circondava come normale; anche se la loro vita era cambiata integralmente.

L’inverno, quell’anno, si dileguò più velocemente della norma e arrivarono i primi calori che facevano presagire l’arrivo di un’estate assi precoce.

Jaqueline e Alexandra erano sedute su di una panca secolare in ferro battuto, resa comoda da morbidi cuscini rivestiti in lino bianco. “Adoro questi bambini ogni giorno di più sono intelligenti, e obbedienti quanto basta.” Disse Jaqueline un pomeriggio ad Alexandra mentre bevevano il tè in giardino.  Le acque della Neva sciabordavano contro il fitto manto d’erba che cresceva anche sul limitare del fiume.

Lizanika e Ivanov si arrampicavano sui giochi in legno disegnati da Jaqueline per loro e si tuffavano nella piccola piscina riscaldata e appositamente allestita.

MANCA L’ETA’ DEI BAMBINI.

Una biondissima cameriera, con un bianco grembiule guarnito con pizzi verde-azzurro, portò dei sandwich salati, mentre un pallido sole si rifletteva nell’acqua creando argentei lampi.

-Manca solo un accompagnamento musicale- pensò Jaqueline, mentre un turbinio di tristi pensieri prendevano definitivamente posto nella sua mente. “E se mio marito riuscisse davvero ad uccidermi, o se facesse uccidere i ragazzi o te, cara Alexandra?” Domandò all’improvviso all’amica che le stava accanto.

“Calmati Jaqueline, non dimenticare che per lui sei l’unica fonte di guadagno”. Rispose calma Alexandra a Jaqueline.

“Mamma, ti ricordi che ieri ai giardini pubblici abbiamo incontrato i bambini che abitano nel palazzo accanto? E che domani ci hanno invitato a giocare nella loro bellissima piscina con il trampolino alto tre metri? La loro mamma ti telefonerà questa sera ci darai il permesso?” Fu Lizanika a fare la domanda, ma Ivanov le stava vicino pronto ad intervenire per difendere la richiesta della sorella, ma non fu necessario. “Certamente vi lascio andare, ma spiegherò che sia più opportuna anche la presenza di Alexandra e delle guardie del corpo. Promettetemi solo di uscire dall’acqua appena avrete freddo”. Rispose una ormai tranquillizzata Jaqueline.

La sera, dopo cena, una gentile voce femminile telefonava per invitare i bambini, la mamma e la nonna per una merenda nel giardino accanto. “E non si preoccupi signora Le Roy anche le sue guardie saranno le benvenute”. Era stata la frase che aveva definitivamente fatto accettare l’invito a Jaqueline.

Fu così che, non solo Lizanika e Ivanov , scoprirono di avere dei simpatici amici nella dimora accanto, ma anche Jaqueline e Alexandra incontrarono una amica preziosa. Si chiamava Janie e, dopo alcuni scambi di inviti, Jaqueline e Alessandra vennero a sapere che era la discendente di quella Janie descritta in uno dei diari che avevano trovato nella biblioteca privata del palazzo dove  vivevano.

“Io sono proprio la bisnipote di quella Janie che ereditò questo palazzo dal nobile Alendrejevic e poi sposò il suo guardiacaccia”. Purtroppo mio marito è morto di infarto da tempo ed io e i bambini continuiamo a sentirci molto soli. Il loro padre era un uomo delizioso, sempre attento alle nostre anche più piccole necessità e ci colmava di attenzioni.

E’ stata una vera fortuna conoscervi, anche per i miei figli”. “Anch’io penso la medesima cosa”. Soggiunse Jaqueline. “E’ merito dei nostri rispettivi figli se ci siamo incontrate”. Dissero entrambe quasi all’unisono e una squillante risata uscì dalle loro labbra ed anche Alexandra condivideva pienamente questo pensiero, ma stava addentando uno squisito spiedino di tre tipi di carni differenti e non voleva parlare con la bocca piena. Si trovavano tutti nel giardino del palazzo dove viveva Jaqueline, mentre veniva servito un semplice, ma squisito barbecue fatto con le carni prodotte dalle fattorie non lontane dalla città. L’unica nota “esotica” era la salsa: un semplice ciumiciurri, ovvero la più conosciuta salsa dei barbecue argentini: basilico, prezzemolo, aglio, olio, sale e mille varianti secondo gli usi familiari.

Era una di quelle magiche notti bianche che San Pietroburgo regala in estate. Il sole sembrava fisso appena sotto l’orizzonte e illuminava le nuvole con tutte le tonalità dell’arancione che si sarebbero presto trasformate in sfumature di viola.

“Queste notti d’estate sono proprio speciali, perché domani non andiamo tutti insieme sulla cupola della cattedrale di Sant’Isacco ad ammirare la città intera avvolta dai colori del tramonto?” Disse Jaqueline e la risposta fu un coro di “Siiii che bello!!”. “Ma voi bambini dovete prometterci che terrete sempre qualcuno per mano. Sia durante la salita verso la cupola che, soprattutto durante la discesa; sono due percorsi molto pericolosi a causa di quei piccoli e ripidi gradini” Precisò Alexandra.

GRAZIE PER LA LETTURA…SE QUANTO LETTO VI E’ PIACIUTO, CONSIGLIATELO AI VOSTRI AMICI SU FACEBOOK…scusatemi, non sono riuscita ancora a terminare questo libro, ma mi riprometto di farlo durante il prossimo mese di marzo 2014 quando prenderò una vacanza.

P.S.: Quella che avete letto è solo una  parte a presto seguirà il sorprendente finale.

In questo giornale trovate anche AMBRA”: TANTE INFORMAZIONI SU QUESTO PREZIOSISSIMO MINERALE E LA SUA IMPORTANZA NELLA STORIA DELL’UOMO.

Bibliografia: “Il mistero della stanza dell’Ambra” di Catherine Scott-Clark e Adrian Levy, ed. TEA, Milano, 2006 …..da completarsi.