VIAGGIO IN CINA : MONGAO UNA META DA NON DIMENTICARE

LE GROTTE DI MOGAO ( 莫高窟, mògāo kū); SI  TROVANO LUNGO L’ANTICA VIA DELLA SETA; NEL NORD OVEST DELLA CINA,
NON LONTANO DA DUNHUANG (25 KM. A SUD-EST, provincia di Gangsu).
492 templi scavati nella roccia sono inseriti in una rupe lunga ben 1.600 metri (“grotte” è il nome con cui sono conosciute dai locali).

UNA SERIE INTERMINABILE DI GROTTE CON AFFRESCHI, SCULTURE, BASSORILLIEVI, DIVERSISSIMI TRA LORO, MA TUTTI DI ALTISSIMO LIVELLO ARTISTICO, CHE LASCIANO INCANTATO QUALUNQUE SPETTATORE; SITO UNESCO.

ooo mong hao images

00 Mong Hao cina gh

Mong Hao Cina k

Queste grotte erano situate in un punto strategico lungo la via della seta, al crocevia di commerci e di influenze religiose, culturali e intellettuali

Le celle ei santuari rupestri di Mogao sono famosi per le loro statue e gli affreschi, che coprono 1000 anni di arte buddista.

Queste grotte sono state scavate nella scogliera sopra il fiume Dachuan e sono il più grande, più riccamente dotato tesoro di arte buddista nel mondo.

Fu costruito nel 366 a.C. e rappresenta la grande conquista dell’ arte buddista dal 4 al 14 ° secolo.

Le grotte ospitano circa 45.000 metri quadrati di pitture murali e più di 2.000 sculture dipinte.

La grotta 302, della dinastia Sui, contiene una delle scene più antiche e vivaci di scambi culturali lungo la Via della Seta, raffigurante un cammello che tira un carretto delle carovane commerciali di quel periodo.

Le grotte 23 e 156 della dinastia Tang, mostrano i lavoratori dei campi e una linea di guerrieri durante la dinastia Song.

La cava 61, contiene il disegno del celebre paesaggio del Monte Wutai; si tratta di uno dei primi esempi di cartografia artistica cinese: montagne , fiumi, città, templi, strade.

Le Grotte di Mogao sono di impareggiabile valore storico, ed offrono una grande varietà di materiali raffiguranti vari aspetti della politica medievale, ma anche di: economia, cultura, arte, religione, relazioni etniche e abiti quotidiani indossati, all’epoca, nella Cina occidentale.

Lo stile artistico di Dunhuang è unico, per la fusione di tradizione artistica cinese e stili assimilati da antiche usanze indiane e Gandharan, ma anche dalle arti turche, dell’antico Tibet e di altre minoranze etniche cinesi.

La scoperta della Biblioteca delle Cave, nel 1990, insieme alle decine di migliaia di manoscritti e cimeli che conteneva, è stata acclamato come il più grande scoperta del mondo per quanto riguarda l’ antica cultura orientale.

492 grotte su cinque livelli, più di 2.000 sculture dipinte e circa 45.000 metri quadrati di affreschi rappresentano molti dei più importanti capolavori dell’arte cinese.

Per 1000 anni, dal periodo della dinastia Wei del Nord (386-534) alla dinastia Yuan Mongol-led (1276-1386), le grotte di Mogao hanno giocato un ruolo decisivo nel scambi artistici tra la Cina, Asia centrale e India.

Le pitture a Mogao sono un’eccezionale testimonianza delle civiltà dell’antica Cina durante le dinastie Sui, Tang e Song.

Occupato dai monaci buddisti a partire dalla fine del secolo 19 ° fino al 1930, il Dunhuang Cultural Relics Research Institute, conserva l’esempio di un insediamento tradizionale monastico.

Le grotte sono fortemente legate alla storia delle relazioni transcontinentali e della diffusione del buddismo in tutta l’Asia.

Per secoli l’oasi Dunhuang, nei pressi della quale i due rami della Via della Seta si biforcavano, fu fulcro di commerci, ma anche di idee e cultura: dalla cinese, alla tibetana, sogdiana, Khotan, Uighur e, all’interno delle grotte, furono trovati anche manoscritti ebraici.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*