Montagna le Alpi più belle – Interlaken per sportivi e gourmet

Il treno più famoso d’Europa per… entrare nel ghiacciaio e poi gastronomia, sport estremi, impressionanti cascate…

INTERLAKEN è la comodità di un treno per raggiungere i panorami più spettacolari, un treno a vapore per i nostalgici, sport estremi e prezzi abbordabili per i giovanissimi, cascate impressionanti, hotel di lusso con spa da sogno, golf, deltaplano, gite sul lago, squisita e nostrana cucina abbordabile o stellata…il tutto perfetto come un orologio svizzero.

00G32

Una volta scesi all’ultima stazione della ferrovia si ammira il ghiacciaio, ma si può anche entrare nelle sue viscere. 

Lo spettacolo del ghiacciaio dell’Alectsh, il più ampio delle Alpi, visto dall’ultima stazione della ferrovia.

JUNGFRAU 4118 mt. e  partimonio UNESCO.

JUNGFRAU: il Palazzo del Ghiaccio, all’interno del ghiaccio perenne, con tanto di bar e sculture di ghiaccio, sci estivo, Snowfun  Park, terrazza panoramica e passeggiata a piedi o con gli sci per raggiungere l’inizio dei 23 chilometri del ghiacciaio Aletch, il più ampio delle Alpi e patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Jungfrau: www.myjungfrau.chwww.jungfraubahn.ch

Ghiacciaio dell'Aletch.
Ghiacciaio dell’Aletsch.

TURISMO INTERNAZIONALE.

FERROVIA DELLA JUNGFRAU: da sempre una sosta importante del turismo internazionale; uno spettacolo indimenticabile.

00G9 copia

-Con il treno spettacolo e tecnologia d’avanguardia

00G7 copia

 

SCENDERE SUL GHIACCIAIO CON UNA FUNE.

-Tutto è moderno, sicuro ed ecologico, ma non manca la possibilità di salire con un treno a vapore !                        

00G29

 

CASCATE IMPRESSIONANTI, VISITATE ANCHE DA GÖETHE.

Cascate di Trümmelbach, raggiungibili da Interlaken con il treno sino a Lauterbrunnen e poi con il bus postale : www.truemmelbachfaelle.ch

 cascate nei pressi di Interlaken da un antica stampa del Turistik-Museum di Interlaken

STORIA DI INTERLAKEN  

LORD BYRON A INTERLAKEN ancora ricordato nell’albergo storico.

-nei secoli fu apprezzata anche dai grandi viaggiatori quali Lord Bayron; una targa sulla facciata dell’hotel Interlaken lo ricorda ancora oggi, ma anche politici e star fecero e fanno di Interlaken un luogo di riposo dallo stress dell’essere famosi; qui sono certi di non essere disturbati.

00G11Casacate glaciali di Trummelbach copia

72 cascate !

In tema di cascate non si può prescindere da una visita a Lauterbrunner, sull’itinerario da Interlaken a Vengen, situata in una impressionante valle circondata da rocce e 72 cascate. Lo stesso Göethe visitò questa valle nel lontano 1779 e ne fu inspirato per la stesura del poema “Song, spirito sopra le acque”.

00G30

ADOLF GUYER-ZELLER L’IDEATORE DELLA FERROVIA DELLA JUNGFRAU HA POSTO LE BASI DI UNA BRILLANTE ECONOMIA DELLA QUALE, DA UN SECOLO, SI AVVANTAGGIA UN’INTERA REGIONE DELLA SVIZZERA. 

-Il genio vede sempre nel futuro è questa la frase che meglio definisce la ferrovia che Adolf Guyer-Zeller ideò nel lontano 1893. L’arditissima idea di rendere accessibile a tutti, attraverso un collegamento ferroviario, l’incredibile panorama visibile dalle cime più alte delle Alpi fu il fondamento di un sicuro futuro economico per tutte la zona intorno ad Interlaken.

00G15FIRMA Turistik-Museum

GIARDINO BOTANICO.

Qui tutto è possibile: dalla visita alla famosa Jungfraujoch a 3.454 m s.l.m., alle cascate glaciali del Trümmelbach, al giardino botanico alpino sulla Schynige Platte, dove è aperto da poco un ristorante-albergo a 2.000 mt. lo Schynige Platte; un luogo dove d’estate non si soffre il caldo, nemmeno nei giorni più afosi  !!

FIORIOK

 

FIRST 100KM. DI SENTIERI E IL FOTOGRAFATISSIMO LAGO DI BACHALP DOVE SI SPECCHIA LA MONTAGNA …

-Da Grindelwald si raggiunge, con una funivia, First, dove si incontrano 100 km. di sentieri circondati da rododendri, mirtilli, e dal famosissimo lago di Bachalp, utilizzato dai fotografi di tutto il mondo per immortalare l’appuntita cima che vi si rispecchia, e divenuto simbolo internazionale della Svizzera.

LAGO DI BRIENZ.

-In realtà moltissime altre sono le possibilità offerte da Interlaken al turista-viaggiatore, le numerose brevi crociere sul lago di Brienz offrono lo straordinario paesaggio delle rumorose cascate di Giessbach, la crociera del Castello sul lago di Thun e pranzi a bordo a temi vari e, non ultimo per importanza, il museo di Schweizer Holzbildhauerei di Brienz con splendide sculture in legno.

 00G2 copia

dalle vetrate della stazione intermedia del treno della Jungfrau

-Per chi punta alle vette sempre innevate la ferrovia della Jungfrau, con partenza da Interlaken, offre un’esperienza che da un secolo attrae una media di 750.000 turisti all’anno da tutto il mondo.

curling presso il bar all'interno del ghiacciaio della Jungfrau

entrata al ristorante-bar e futuro albergo a Schynige Platte

Sport e avventura: www.outdoor-interlaken.ch; www.interlaken-adventure.com

Parapendio: www.MySwitzerland.com (ricerca: 325322)

Giardino Botanico Alpino: www.alpengarden.ch

 

Alpenblick ristorante-albergo Winderswil-InterlakenHotel-ristorante Alpenblick; tra i migliori 30, 3 stelle svizzeri, 17 punti Guida Gault Millau, Guida Rossa Michelin, camere da € 60 c.a. con colazione, www.hotel-alpenblick.ch, info@hotel-alpenblick.ch, Wilderwil/Interlaken. Per i più curiosi e golosi il ristorante Alpenblick, guida Michelin e Gault Millau, offre anche la possibilità di facili corsi in cucina con il proprietario-chef sig. Rchard Stöckli: un’esperienza indimenticabile come il soggiorno o un pasto nel suo albergo-ristorante.                                               Alpenblick una cucina segnalata nelle migliori guide gastronomiche e un buon albergoWilderswill-Interlaken ingresso

00G16FIRMAHAlpenblick- Winderswil-Interlapsd

Hotel a 2.000 m. c.a.: Schynige Platte www.jungfrau.ch, marketing@jungfrau.ch

00G21MUSEOMuseo di sculture in legno: Schweizer Holzbildhauerei, Brienz: www.museum-holzibildhauerei.ch

Il SUCCESSO INTERNAZIONALE DI INTERLAKEN  

Il successo di Interlaken è certamente dovuto, oltre agli indiscutibili panorami tra i più affascinanti delle Alpi e  alla grande differenziazione dei servizi offerti.

-Esclusivi hotel 5 stelle


Lindner Grand Hote Beau Rivage, il 5 stelle più antico di Interlaken:

il fascino del Liberty e i servizi più moderni, compresa piscina interna e spa, www.lindnerhotels.ch 

Ma anche campi tentati e ostelli per i più sportivi.

-Campi tendati e ostelli frequentatissimi anche dagli appassionati di: mountain bike, downhill, freeride, deltaplano e altre attività sportive.

-Gli ospiti di Interlaken possono trascorrere il loro tempo tra il relax delle spa dei grandi alberghi, casinò, golf o farsi accompagnare in carrozza presso i ristoranti segnalati dalle principali guide internazionali.

00G23

CHI NON AMA IL LUSSO TROVA MILLE ALTERNATIVE.

-Chi non ama il lusso trova un’offerta altrettanto vasta: numerosi bar e ristorantini tradizionali dove l’ottima birra locale è un “obbligo” e la fonduta di formaggio si alterna ai “rösti” e alla raclette: golosissimi piatto tipicamente svizzero.

SPECIALE ALBERGHI PER CHI SI VUOLE COCCOLARE:

-HOTEL BELALP: DA 100 FRANCHI LA SINGOLA, VISTA GHIACCIAIO! www.hotel-belhalp.ch 

-BRIENZ: GRANDHOTEL GIESSBACH, lusso, tra i boschi e alle spalle di una cascata, meravigliosa vista sul lago di Brienz.CH-3855 BrienzT +41 (0)33 952 25 25 grandhotel@giessbach.ch www.giessbach.ch

 

00G20CUCU

Harder Kulm una delle funivie di Interlaken

ADOLF GUYER-ZELLER L’IDEATORE DELLA FERROVIA DELLA JUNGFRAU, UN UOMO CHE VEDEVA AVANTI!LA FERROVIA DELLA JUNGFRAU, UN’IMPRESA AL LIMITE DELLE POSSIBILITA’ UMANE: QUANDO L’UOMO RIESCE A CONCRETIZZARE I SUOI SOGNI.

antica carrozza del treno della Jungfrau

 

STORIA EPICA DI UNA FERROVIA E DI UN GENIO CHE LA REALIZZO’.

-Questa impresa oggi, se consideriamo la differenza di tecnologie disponibili un secolo fa, potrebbe avere un paragone solo con la costruzione di una ferrovia sul Monte Everest. Le avversità incontrate durante la costruzione di questa ferrovia furono enormi, dal reperimento dei fondi necessari, lo stesso ideatore vi investì personalmente 100.000 franchi svizzeri, sino alla necessità di prolungare i lavori dai 7 anni previsti a 16. Il costo finale fu di 15 milioni di franchi, a fronte di una spesa programmata di 10 milioni.  

00G33Aconitum napellus sulla Scinye Platte

LA FERROVIA DELLA JUNGFRAU: UNA STORIA GENIALE.

MASSIMA TECNOLOGIA NEL RISPETTO DELLE TRADIZIONI: una storia che ha dell’incredibile!

-Le idee che determinarono il successo del progetto di Guyer-Zeller furono tre. Innanzitutto la costruzione poteva partire già ad una certa altitudine usufruendo di una ferrovia già esistente, secondariamente le gallerie garantivano protezione da valanghe e intemperie. La terza buona idea furono le stazioni di sosta intermediarie, con vista panoramica, che permisero di usufruire della ferrovia man mano che veniva costruita: ottima idea per recuperare, parzialmente, le enormi spese.

Il primo agosto 1912 venne inaugurato l’ultimo troncone della ferrovia; purtroppo l’ideatore non vide la fine dell’opera: era morto nel 1899.

-Da allora il semplice “Tourist Lodge” della vetta con una sola sala-ristorante è stato ampliato e rifatto completamente negli anni ’70 dopo uno spaventoso incendio che non causò alcuna vittima.

-L’attuale struttura, inaugurata nel 1987 e successivamente ampliata, dispone di diversi ristoranti, bar, ufficio postale, terrazza panoramica, uscite per sciatori e snowboarder, una sala per mostre e l’ascensore più rapido d’Europa. Quest’ultimo permette di smaltire velocemente i numerosi gruppi di persone che desiderano salire alla piattaforma da dove ammirare la spettacolare vista dell’Aletsch, il più lungo ghiacciaio d’Europa.

-Ora la stazione di arrivo dell’antica ferrovia è un concentrato di avanzatissime tecnologie che permettono di gestire una enorme serie di problemi creati dall’altitudine; alcuni inimmaginabili dal normale utente.

-Le acque di scolo dai tetti della struttura, che sono stati creati in materiali eco-compatibili, divengono parte dell’enorme scorta di acqua necessaria per soddisfare anche i ristoranti; mentre i rifiuti e le acque scure sono convogliati a valle per essere trattati. Nulla di inquinante rimane sul luogo.

-Interessantissimo è poi il sistema di isolamento e circolazione dell’aria che garantisce, senza alcun impianto di riscaldamento, una temperatura accettabilissima anche in condizioni estreme. 

Gli speciali vetri, a quattro strati e con un buon assorbimento dei raggi solari, sono tutti rivolti a sud e permettono di incamerare calore.

Tutto è stato disegnato e creato seguendo le più avanzate tecnologie; il design delle finestre permette una ampia e continua visuale dell’esterno, importante soprattutto quando è impossibile uscire per le condizioni climatiche. Il complesso funziona senza uso di combustibili fossili, nonostante le temperature medie siano fluttuanti tra i -30° e i +7° e garantisce una temperatura costante minima di 18°.. La velocità del vento qui raggiunge i 260 kph (160mph), ma il sole brilla per ben 1700 ore all’anno. Il peso della neve sul tetto dell’edificio può arrivare a 7,5 metri (circa 3,5 tonnellate per mq.), tutto è stato calcolato senza tralasciare i problemi derivati dal rischio di gelo di strutture e meccanismi.

-L’impianto antincendio della ferrovia può contare su di un acciaio strutturale resistente sino a 90 minuti alle massime temperature.

-Le stanze sono separate da porte frangi-fiamma e protette da uscite di sicurezza. L’impianto anti-incendio può erogare  1.200 litri di acqua al minuto, contando su una riserva di 140.000 litri più 24.000 litri localizzati sullo Sphinx.

– Tutti i dipendenti della ferrovia sono anche pompieri. Gli allarmi vengono testati tutti gli anni in collaborazione con i vigili del fuoco delle località a valle.

Tutto è preparato per un’evacuazione generale in massimo 30 minuti. Due generatori diesel extra sono sempre pronti ad entrare in azione in caso di problemi al rifornimento elettrico.

Un generatore supplementare garantisce sempre il funzionamento del più veloce ascensore d’Europa: lo Sphinx-lift. L’altitudine comporta anche alti rischi di fulmine a causa del forte elettromagnetismo: sulla terrazza la gabbia di Faraday protegge tutta la struttura.

Un sofisticatissimo sistema di sicurezza coordina tutte le attività e protezioni, un allarme segnala ogni piccolo problema.

Dipendenti e astronomi che lavorano all’Osservatorio Astronomico di Sphinx e diversi studiosi possono tranquillamente vivere confortevolmente in questo spazio dove tutti gli inquinanti sono regolarmente allontanati e riciclati.

One comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*