Frutta e verdura alle stelle, miglior antidoto contro il cancro. Ferite ambientali per frutta “via aereo”.

COVER RISTORANTI VERDURE OK9

Frutta e verdura, il miglior antidoto contro il cancro, secondo il prof. Veronesi, sono diventate un lusso. Le ferite ambientali della frutta “via aereo”. Dai campi alle bancarelle i prezzi subiscono aumenti dal 400 al 1.000 %.

Assolutamente deprecabili !

Assolutamente deprecabili, in termini di eco-ambiente, frutta e verdura fuori stagione o esotica che necessitano di trasporto aereo e quindi producono immense quantità di CO2; solo perché noi possiamo mangiare ciliege e uva a Natale, mango, ananas, papaya… tutto l’anno.

O toglierci lo sfizio di una pera in estate!

-Dai campi alle bancarelle  del mercato o del supermercato i prezzi aumentano anche il 1000% , AVETE LETTO BENE DEL MILLE PER CENTO!!

Ne consegue che il consumatore sia  allarmato.

Nessuno ci pensa?

Purtroppo ci si limita alle solite lamentele, mentre le azioni delle casalinghe americane dovrebbero averci insegnato che:

se un prezzo è troppo alto, basterebbe non acquistare quella merce sino a che non diminuisca, secondo le leggi del mercato !

 Sicuramente sono troppo pochi coloro i quali abbiano tentato una tale saggia soluzione e le numerosissime associazioni dei consumatori non si sono date molto da fare in proposito, visti gli aumenti degli ultimi tempi!

-Tanto che verrebbe da domandarsi perché esistono tante associazioni di consumatori se non ottengono i veri risultati importanti: abbassare i prezzi, migliorare la qualità, non con le parole o sporadiche azioni “fumo-negli-occhi”.

Contemporaneamente ai rialzi di frutta e verdura,  alcuni prodotti costano sempre meno.

Per fare un esempio:

-vacanze last-minute,  voli aerei, abbigliamento firmato negli oulet, telefonini, computer… ecc.

Purtroppo questi ultimi poco hanno a che fare con il budget  quotidiano sempre più ristretto di chi ha un reddito basso o medio-basso, per il pensionato o per chi  soffre per il mutuo-casa.

I DATI INSTAT CORRISPONDONO AL VERO AUMENTO DEL COSTO DELLA VITA? 

La televisione e i giornali quando riportano i dati INSTAT (ovvero quello che si vuole ufficializzare come aumento del costo della vita), per fare un esempio, ci ricordano che il rasoio elettrico è diminuito dell’11,5%, ma la pista delle automobiline, il bambolotto, le costruzioni in plastica, le auto radiocomandate, la tastiera elettronica musicale e il peluche, sono aumentati rispettivamente del 20%, 9%,7% e 10 % c.a., non c’è di che stare allegri.

Le vacanze al caldo in inverno, diminuite del 9,5%, non possono interessare le numerose famiglie a reddito fisso o il pensionato alle prese con 500,00 euro al mese, quando le lenticchie nel libero mercato raggiungono il 55,5% di aumento.

LA SPESA AI MERCATI GENERALI DI MILANO, MA VALE IN PARTE, ANCHE  PER I MERCATI DI PROVINCIA.

Se il risparmio sulla spesa alimentare è sempre stato un obbiettivo da tenere presente per una buona gestione delle spese familiari, oggi più che mai è divenuto imprescindibile per molti, senza mai dimenticare il rapporto qualità-prezzo.

Abbiamo visitato i Mercati all’Ingrosso di Milano, ma anche nei mercati di provincia  possiamo trovare discrete alternative ai prezzi di alcuni supermercati, purché si sappia cercare e scegliere.

-In questo caso la spesa richiede attenzione e tempo; soprattutto controllare pesi e prezzi (molti imbrogliano in vari modi, cariando anche parte della spesa di altri sulla bilancia dove calcolano la nostra spesa…) Il segreto può essere acquistare un solo prodotto per ogni bancarella, così è più facile il controllo.

-Ottimo investimento per i pensionali, meno interessante per chi lavora tutta la settimana, ma il sabato potrebbe essere una valida alternativa soprattutto perché al mercato è più facile trovare la freschezza del prodotto; sempre che si sappia scegliere e si conoscano i prezzi dei supermercati che, a volte, fanno offerte veramente convenienti..

Con questo scopo siamo andati a visitare i Mercati Ortofrutticoli all’Ingrosso di Milano. Da tali mercati, che sono attivi in tutta Italia, passa il 60% della frutta e verdura in commercio.

-Milano è la sede più importante con 1 milione di tonnellate di merce, ovvero 40 mila quintali al giorno trattati da 145 grossisti e 162 produttori diretti.

-Di ogni merce qui viene garantita la “tracciabilità” (cioè l’intera catena dei vari passaggi dalla produzione) e assicurato il rispetto di tutte le norme igieniche di legge, oltre ad altri controlli di laboratorio sugli eventuali residui di pesticidi. Di questi ultimi se ne fanno carico gli stessi grossisti i quali, con i dettaglianti, sono direttamente responsabili di fronte alla legge per eventuali inosservanze.

-Ma quest’ultimo fatto dovrebbe essere bollato come conflitto di interessi: il controllore coincide con il controllato!

-Il cittadino che vuole risparmiare, ma anche disporre di prodotti assolutamente freschi, può acquistare direttamente nella sede milanese di via Lombroso il sabato dalle 9 alle 12.

-Per chi volesse entrare con l’auto è prevista una spesa di 1,50 euro per il parcheggio che, all’esterno, è gratuito.

-Questa mattina abbiamo intervistato il sig. Nicola, abituale frequentatore di questi mercati, il quale ci ha detto: “Come vede i prezzi sono molto convenienti, soprattutto se si ha una famiglia di almeno quattro persone come la mia, io non compero quello che costa meno, ma i prodotti più freschi così restano freschi  per tutta la settimana, mangiamo bene e spendiamo abbastanza poco, anche grazie al contributo che mia moglie da in cucina”. Capita anche di incontrare chi chiede se si è disposti a dividere a metà una cassetta. L’atmosfera è proprio quella tipica del mercato, si scambiano battute e  tutti sono dotati di un grosso carrello. I più affaccendati e carichi di merce sembrano essere i cinesi, forse proprietari di ristoranti. L’impressione è che tutti siano contenti di aver fatto un buon affare.

I prezzi possono essere interessanti, sempre che si sappiano ben valutare le merci, sia come punto di maturazione anche al momento della raccolta, e quindi di tempi di consumo e qualità del prodotto, sia come valore a seconda del tipo di provenienza (in alcuni casi via aereo o via nave)  ovvero di freschezza del prodotto e ricchezza in vitamine.

-Il prezzo può variare notevolmente anche a seconda del tipo di trattamento al quale il prodotto viene sottoposto: lotta integrata ai parassiti, e quindi meno pesticidi e meno concimi chimici, coltivazioni bio ecc…

-Anche la denominazione di origine ha un costo, ma garantisce  un alto standard di qualità. Ciò non toglie che si possono trovare frutta e verdure più piccole, ma a volte addirittura più saporite.

-Ovviamente chi volesse, per esempio, le famose ciliege di Vignola avrà il piacere di assaggiarne, a prezzo molto alto, l’eccellente qualità insieme al piacere, anche visivo, della grande pezzatura.

-Punto determinante di questo tipo di acquisto, poiché tutto è venduto solo a cassette, deve essere la certezza di poterlo utilizzare senza sprechi, altrimenti è meglio il mercato rionale che, per frutta e verdura, costa mediamente meno del supermercato.

-Recentemente, alla luce della necessità di risparmiare ormai generalizzata, anche in Italia si comincia ad organizzarsi tra amici, condomini, famiglie amiche e parenti perché in questo caso la convenienza dell’acquisto ai mercati all’ingrosso è certamente assicurata.

-Chi acquista deve avere quel minimo di conoscenza del prodotto e dei prezzi che gli permetta di valutarne la reale convenienza. In questa pagina, oggi e prossimamente, sarà riportata una serie di indicazioni pratiche.

-Come regola generale, in ogni caso, ribadiamo che il prezzo può variare anche a seconda del grado di maturazione al momento della raccolta del prodotto: un prodotto raccolto molto acerbo permette tempi di stoccaggio lunghi, ma è di qualità enormemente inferiore a quello raccolto maturo,

-mentre il prodotto che deve essere consumato in brevissimo tempo, a causa dell’avanzato grado di maturazione, può essere estremamente conveniente come prezzo.

 

One comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*