EGITTO – Barriera corallina – Port Galib

PORT GALIB (vicino alla nota stazione turistica di Mars Salam)

2017 marzo

Siamo appena arrivati da Port Galib; Mar Rosso, Egitto.
Sappiamo bene che l’Egitto oggi, non è una delle mete più raccomandabili a causa del rischio terrorismo.

Al di là delle considerazioni ufficiali, per vari motivi, che poi elencheremo, molti italiani continuano a frequentare questa parte del mondo.

Port Galib,  meta vicina all’aeroporto (15 minuti di bus) e isolata nel deserto, nonché strettissimamente sorvegliata e di proprietà araba, dà molte più garanzie di altre destinazioni con molto più turismo come Sharm, Hurgada o la stessa vicina Mars Salam.

Altri motivi che hanno determinato la nostra scelta:
vedere la barriera corallina; anzi quello che nel mondo ne rimane …
-questo è il luogo più vicino all’Italia, anche come fuso orario, dove si possa già fare il bagno in marzo
-le temperature qui raggiungono già i 30°, anche se qualche volta è abbastanza ventoso, ma si può prendere il sole tranquillamente
-le strutture turistiche sono nuove ed offrono un buon confort
-l’Egitto è un Paese che vogliamo (nel nostro piccolo) aiutare; se crollasse completamente il turismo, il Paese entrerebbe nel buio della povertà più estrema, favorendo così la crescita dei fondamentalisti (che qui comunque sono sempre stati combattuti).

Purtroppo, come dicevamo sopra, la barriera corallina, anche qui subisce le devastanti conseguenze del riscaldamento globale; rimangono ancora poche madrepore (dette comunemente coralli) vive e colorate, il resto è GRIGIO ! Parliamo di quanto visibile nei primi metri di profondità; ovvero quanto si vede facendo snorkeling.

Barriera corallina morta; lo si vede dal colore grigio delle madrepore.

SOPRAVVIVONO anche solo pochi dei numerosissimi pesci che abitano la barriera corallina; molti sono stati pescati e mangiati, i più belli e rari sono stati sterminati per venderli ai proprietari di acquari (molti) incapaci di tenerli vivi (ma molti sono morti nel trasporto).

Comunque noi, che avevamo fotografato le barriere coralline di diversi oceani quando erano ancora vive, non riusciamo a dimenticare, né a privarci della visione di quello che comunque ci appassiona ancora.

VOGLIAMO COMUNQUE PRECISARE CHE, per chi non ha mai visto la barriera corallina completamente viva, anche oggi gode di quanto rimane (qualche bel pesce colorato, una o due taratrughe, delfini …) e torna assai contento dalla vacanza. 

CHI FA IMMERSIONI GODE APPIENO della barriera in profondità  che non è stata uccisa dall’aumento delle temperature dell’acqua superficiale.

DURANTE LA VACANZA ABBIAMO SCRITTO:

Esequie ironico-serie alla barriera corallina

Cara barriera e cari pesciolini, tartarughe e dugonghi,

siete stati sempre i miei compagni preferiti, la tavolozza dei vostri colori e la vostra compagnia mi hanno rallegrato durante tutti gli anni più belli della mia vita.

Vi ho inseguito nei vari oceani e sempre vi ho trovato allegri e vivaci compagni delle mie nuotate.

Avevo letto sui libri del grande pioniere oceanografo Jaques Cousteau, che la vostra vita era appesa ad un filo, quello della devastazione umana: inquinamento, uccisioni per diletto e per portarvi negli acquari .

Purtroppo tutto si è avverato ancora più in fretta di quanto avevo potuto immaginare.

Oggi fate ancora la felicità di chi, non avendovi visto nel vostro splendore, si accontenta di qualche sprazzo di madrepora ancora viva e dei pochissimi pesci, tartarughe ed altri sopravvissuti, nel grigiore generale.

Grazie a questi pochi reietti, posso ancora godere del ricordo di quel brulichio di vita che ho tanto ammirato.

Pace all’anima di tutti i morti immolati da un’umanità sempre più aggressiva e devastante.

E’ stato bellissimo passare ore in acqua guardando i gialli, i rossi, i viola, gli azzurri, i verdi e tutte le loro sfumature possibili.

Come un appassionato d’arte guarda un grande capolavoro dell’uomo artista, io guardavo a voi come ad uno dei più gradi capolavori della natura.

Che la pace sia con voi; amen !!!

P.S. Quest’anno, la corrente fredda dell’Oceano pacifico che doveva formarsi lungo le coste del Perù è caldissima … una temperatura assassina che si disperderà nell’oceano causando altri danni. Ma c’è ancora chi sostiene che il cambiamento climatico è solo una fissazione della mente malata degli ecologisti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*