Bellomo – Espulso dalla Magistratura

DEVE LASCIARE LA MAGISTRATURA

UNA VITTORIA PER LE DONNE !!!

Voleva, per contratto nella sua scuola privata per magistrati (con una percentuale di vincitori del concorso del 75%, mentre la media è bassissima) le allieve con

-tacchi a spillo

-minigonne

-non potevano sposarsi   … !!!!!!!!!!!!!

AVEVAMO GIA’ PUBBLICATO:

18 Dic, 2017

Bellomo magistrato vuole tacchi a spillo e mini – Continuiamo a denunciare

SCUOLA DI FORMAZIONE PER MAGISTRATI (scuola privata e si auspica che diventi solo una cosa pubblica)

le donne dovevano PRESENTARSI AI CORSI IN MINIGONNA, TACCHI A SPILLO E CON TRUCCO MARCATO E ADDIRITTURA  NON SPOSATE.

Se ne  parla troppo poco, quasi niente, alla televisione e sui giornali italiani; soprattutto se pensiamo allo spazio dedicato a simili scandali in America e Inghilterra.

Forse perché è coinvolta un’alta istituzione dello stato italiano: IL CONSIGLIO DI STATO.

Infatti, finalmente, per salvaguardare il nome dell’istituzione, il 10 gennaio è convocata un’ adunanza del Consiglio di Stato sulla  destituzione di Bellomo.

La Procura, aveva aperto un fascicolo d’indagine senza ipotesi di reato, ma oggi basandosi su alcuni elementi acquisiti  la Procura di Bari, ipotizza che il magistrato amministrativo abbia obbligato alcune sue allieve della Scuola di formazione per magistrati a presentarsi ai corsi in minigonna, tacchi a spillo e con trucco marcato e addirittura preteso che non fossero sposate.

Il padre di una studentessa aveva da tempo denunciato il fatto che la figlia aveva sofferto notevolmente a causa della situazione di cui sopra.

Ecco cosa ha detto il padre, dopo la denuncia, i carabinieri “sono venuti più volte, chiedevano a mia figlia di firmare un atto di conciliazione. Sono venuti a maggio, e poi a ottobre, ma lei era in ospedale”. La denuncia risale alla fine del 2016 .

Il consigliere di Stato Francesco Bellomo è oggi indagato a Bari per estorsione.

GLI ANTEFATTI:

Anche in Italia escono, a fatica, i nomi degli uomini che hanno molestato ripetutamente e approfittato della loro posizione per pretendere attenzioni da allieve e altre donne.

La denuncia, di qualche anno fa, da parte del padre di una allieva del magistrato Bellomo, riferisce che la ragazza doveva sottoscrivere una dichiarazione che le imponeva di presentarsi ai corsi con tacchi alti e minigonna ….

Bellomo, il cui nome è uscito su TV e giornali, sino a ieri promeva battaglia legale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*