Viaggi da programmare – Storia e bellezze di Lampedusa e Linosa

Natura incontaminata e mare trasparente su due isole tutte italiane

Lampedusa e Linosa

:::::::::::::::::::::::

LAMPEDUSA

BREVE STORIA

Fu abitata, dalla preistoria, da piccole comunità che vivevano di pesca e agricoltura. Volendo si possono visitare i resti delle loro capanne a forma circolare che corrispondono all’età del bronzo.

Qui arrivarono anche i Fenici; commerciando con la vicina Cartagine.

Intorno al 500 a.C. vi giunsero i greci, che vi fondarono una colonia con una sua moneta dove Zeus appariva su di un lato e un tonno sull’altro.

Seguirono i romani, e Lampedusa divenne il centro della produzione della famosa salsa GARUM; pesce azzurro stagionato e colato, dal sapore molto pungente.

I vandali raggiunsero l’isola in cerca di una “terra promessa” dove alloggiare la numerosa stirpe, come pure arrivò il dominio dei Bizantini e poi quello arabo.  Nel 994 vivevano a Lampedusa ben 1.000 persone di fede mussulmana.

Da questa terra non mancò nemmeno la presenza di normanni, angioini e aragonesi.

Nel 1254  il re di Francia Luigi XII, di ritorno dalla VII crociata, la trovò disabitata.

Alfonso V d’Aragona concesse l’isola  in feudo alla famiglia siciliana dei De Carlo e da loro passò, per matrimonio, ai Tomasi che non misero mai piede sull’isola e tentarono ripetutamente di venderla ad inglesi, francesi e russi.

Da ricordare che Ludovico Ariosto ambienta qui l’epico scontro tra Orlando e il re saraceno Agramante.

Nel 1800 i Tomasi, avendo anche avuto rifiuto dai Borboni di vendere l’isola, la concessero in affitto ad una famiglia maltese. A questo primo gruppo di coloni, si aggiunsero gli inglesi; la cui presenza preoccupò i Borboni che così decisero di acquistare l’isola dai Tomasi.

I Borboni, mandarono sull’isola molti contadini dalla Sicilia per svilupparne l’agricoltura; donando loro una casa e un piccolo sussidio. In quest’ epoca, si costruirono i famosi Sette Palazzi che facevano parte di un ben strutturato piano urbanistico. Vennero costruiti mulini, cisterne per l’acqua e si rassodarono terreni, separando le terre agricole da quelle per il pascolo.

Antica foto dei Sette Palazzi

Il re di Napoli Ferdinando II, visitò l’isola per ben due volte durante questa colonizzazione; dotando l’isola di norme e denaro necessari al suo sviluppo.

Dopo alcuni anni di siccità, l’entusiamo inziale venne meno.

Intanto stava nascendo l’Unità d’Italia.

L’assegnazione delle terre a contadini e pastori venne revocata.

I coloni che non erano fuggiti, non avendo più alcun aiuto dall’esterno, furono costretti a disboscare l’isola per fare carbone e avere di che cucinare, costruire e riscaldarsi in inverno.

IN QUESTO PERIODO LAMPEDUSA DIVENNE COLONIA PENALE E NESSUNO VI INVESTI’ PIU’ PER LUNGO TEMPO.

Solo nella seconda metà dell’800, a Lampedusa tornò il denaro con la vendita delle spugne. Tutto finito in fretta; con la quasi distruzione della specie.

Lampedusa, si convertì poi alla lavorazione del pesce azzurro.

Solo la costruzione dell’aeroporto nel 1968 fece uscire l’isola dal suo seconlare isolamento.

::::::::::::::::::::::::::::::::::

PANTELLERIA

ISOLA DESERTICA

Pantelleria è un’sola desertica, con un mare da sogno; sembra un pezzo d’Africa che qui è vicinissima.

In questo mare bellissimo, trasparente e con una vita subacquea indimenticabile, purtroppo non mancheranno gli incontri con plastiche, di vario tipo. Il problema delle discariche a mare è ormai mondiale ….ma le grotte e una maschera con boccaglio vi faranno accantonare, ma speriamo non dimenticare, questi problemi.

Qui nidificano le tartarughe carretta-carretta e non è difficile incontrare i delfini e, raramente, le megattere.

Isola è abbastanza grande da richiedere dei mezzi di spostamento sia per visitarla che per fare il bagno nelle famose cale e calette.

Lo scooter è la soluzione più economica e utile; per quando il parcheggio dell’auto diventa un problema. L’alternativa sono i mezzi pubblici, scomodi soprattutto quando fa molto caldo e poco affidabili, rimane l’auto a noleggio. Molti turisti noleggiano una vecchia Mehari scoperta in gruppo; per dividere la spesa.

Per raggiungere le cale più belle e isolate il meglio è la barca. Numerose le offerte, sul posto, per gite in giornata o di poche ore.

La costa nord  è scenografica e ricca di stupende falesie, ma non raggiungibile per fare il bagno.

La parte est dell’isola di Lampedusa è occupata dall’aeroporto e dalle installazioni militari, ma la costa è raggiungibile e vi troverete: anfratti e grotte di origine vulcanica.

All’estremo ovest trovate cale sabbiose stupende, ma molto difficili da raggiungere se non avete la barca.

Il sud è la zona più frequentata, piena di hotel e ristoranti, non mancano le spiagge.

FAMOSISSIMA – ci si arriva a piedi – anche per chi non sa nuotare; profondità del tragitto un metro.

Una gita all’isola dei Conigli, una delle più belle spiagge del Mediterraneo; da non perdere.

Qui le tartarughe depositano le loro uova; attenzione ai cartelli.

:::::::::::::

LE CALE

La costa sul versante nord e in quello ovest è alta e solo per le barche,  nel versante est e sud-est presenta tante spiagge sabbiose da quelle più affollate, in alta stagione, a quelle piccole e meno frequentate.
Le cale più famose:  Pisana e Uccello, bella ampia la cala Spugna o Maluk, piccolissima cala Greca,  frequentatissima cala Galera, se andate alla cala Mare Morto visitate anche l’omonima grotta, poco frequentate cala Francese, famosa Guitgia; vicina a numerosi alberghi.
Da cala Guitigia si arriva a Cala Croce ed alle spiagge di cala Madonna e Porto N’Tone(bellissima), all’estremo sud dell’isola si trova cala Pulcino, vicina a tante grotte visitabili.

:::::::::::::::::::::::::::::::

LINOSA

COME ARRIVARE E COSA SI DEVE SAPERE:

Da Lampedusa il servizio aliscafo prevede due corse giornaliere, con un tragitto di circa 45 minuti. Per informazioni ci si può rivolgere alla USTICA LINES o alla SIREMAR di Lampedusa o Linosa.

Per evitare di rimanere bloccati sull’isola: a Porto Empedocle o a Lampedusa consultate preventivamente le previsioni meteo relative alle isole Pelagie.
Usufruendo delle navi traghetto della SIREMAR, è opportuno informarsi preventivamente sui giorni in cui la nave effettua il trasporto carburanti o di bombole del gas: in quei giorni è vietato l’imbarco dei passeggeri.

Linosa è collegata alla Sicilia dalla nave della linea SIREMAR (partenza tutti i giorni alle ore 23.00 dal porto di Porto Empedocle, si arriva a Linosa alle ore 6.30 del mattino successivo).
E’ prevista una sosta di riposo nella giornata del Sabato (è annullata la partenza del Venerdì alle ore 24.00). Per informazioni – Biglietterie di Porto Empedocle tel. 0922.636683 – 0922.636685 o di Linosa tel. 0922.972062. – Servizio aliscafi della USTICA LINES sia per il collegamento dalla Sicilia (da Porto Empedocle) che da Lampedusa per Linosa.

Dal 1 giugno al 30 settembre, è vietato sbarcare sull’isola con qualunque automezzo. In ogni caso a Porto Empedocle è facile trovare autorimesse e garage custoditi.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Linosa è un’ isola vulcanica.

Qui il tempo si è fermato. La natura è incontaminata e il mare è da sogno.

L’isola fu abitata da greci, romani, saraceni, pirati, pescatori. I romani erano sicuramente presenti al tempo delle Guerre Puniche (246-146 a.C.), perché l’isola fu usata come punto strategico.

Caratteristici sono gli scogli lavici, molto frastagliati.

Unica spiaggia dell’isola è Cala Pozzolana.

Da Giugno a Settembre, qui si trova ospitalità soprattutto nelle case private dei linosani; comunque esistono anche, poche, strutture alberghiere.

OFFERTA PER I TURISTI: scuole di immersione subacquea, la possibilità di noleggiare barche, macchine, motorini e biciclette.

DA NON PERDERE: la circumnavigazione dell’isola; per ammirare la spiaggia di Pozzolana di Ponente, unico sito di ovodeposizione della tartaruga “Caretta caretta”, i Faraglioni, la Grotta del Greco, i Fili.

PER I SUB: immersioni subacquee alla scoperta di un fondale eccezionalmente ricco di flora e fauna marina e di reperti archeologici.

Le case hanno colori sgargianti e le piante, anche in vaso, abbelliscono ovunque balconi ed entrate.

Palme e oleandri costeggiano le strade.

Qui si beve un caffè speciale, aromatizzato alla cannella.

Sono famosi i biscotti farciti con fichi secchi, le fave, le piccole lenticchie. A fine agosto, ovunque si pigia l’uva. Si pescano aragoste, cernie, orate, dentici, tonnetti e colorati pesci pappagallo (importati dal Mar Rosso, “grazie” alle correnti e al riscaldamento dei mari).

Esempio di prezzo trovato su internet lo scorso anno, da sabato 1 a sabato 8 giugno; offerta 372  euro (camera singola) per 1 settimana al Lampedusa Hotel, 3 stelle. Stesso periodo; a 420 euro Hotel La Salina. Casa Vacanze Jerimar a 420 euro; periodo 1 – 8 giugno, 1 letto matrimoniale, classificato eccellente da Booking.com; a 600 m dalla spiaggia di Cala Croce e a 800 m dalla spiaggia di Cala Madonna.

MANGIARE A LINOSA: ovviamente, qui si mangia dell’ottimo pesce fresco, ma anche cucina siciliana con influenze arabe.

::::::::::::::::::::::::::::::::

NOTA: cercando su internet, trovate ogni prezzo aggiornato al momento ed anche molte più informazioni di quelle da noi precisate qui sotto.

COSA MANGIARE A LAMPEDUSA 

Mangiare buon pesce al ristorante costa mediamente almeno 35 euro a persona; in trattoria anche 25 euro.

Cous cous di pesce, piatto africano, ma comune nella cucina siciliana, qui con gamberetti, aragosta e frutti di mare.Ottimi i vini bianchi siciliani.

Ottimo piatto i calamari ripieni; li trovate in una buona trattoria pugliese a Lampedusa.

Il top è il ristorante (anche hotel) Caciuccco Marino: dista 3,4 km dall’Aeroporto di Lampedusa e 1,3 km dalla spiaggia di Cala Croce. Indirizzo: Contrada Cala Croce, 3, 92010 Lampedusa AG  Telefono: 0922 970053

:::::::::

VOLI PER LAMPEDUSA

ESEMPIO DI PREZZO: Voli con Bluepanorama – trovato lo scorso anno – 259 euro andata e ritorno per sabato 1 giugno ritorno 8 giugno, bagaglio a mano compreso da Bergamo a Lampedusa.

In bassa stagione, sarebbe meglio; prezzi e servizi sono migliori.

::::::::::::::::::

 DORMIRE A LAMPEDUSA

B&B La Casa di Giò: vicino alla spiaggia di Guitgia, con aria condizionata.

Da 70 euro a notte la camera con colazione, a giugno 90 euro.

Vicino non manca un buon ristorante.

www.lacasadigiolampedusa.it

::::::::

Casa Vacanze Jerimar

Villette Jerimar . Vicine a due punti dove fare il bagno, a 300 mt. da spiaggia Cala Madonna e altre diverse spiagge più lontane.

I Damusi Jerimar godono di posizione panoramica sulla baia detta Mar Morto vicino a Capo grecale. Grandi spazi esterni, docce esterne e barbecue attrezzati.

Tel. 339 491 3014 www.jerimarlampedusa.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*