Weekend a – Lione – Marsiglia – Alsazia – Mentone – cultura e gastronomia

OGGI CHI VA A LIONE LO FA ANCHE PER LA SUA CUCINA E IL SUO MERCATO GASTRONOMICO

IL MERCATO DEL CIBO PIU’ RICCO D’EUROPA – FREQENTATO QUOTIDIANAMENTE DA MOLTI CHEF STELLATI

LIONE ARTE LUCI 2

Lione – rovine romane e grande architettura

LIONE LUCI ARTE OK0_un air du large-place de la republique-marie jeanne gauthe-md-67

LIONE LUCI ARTE OK-95dc933ac42f405f93edbe10270656808e98f42b

QUANDO ANDARE ?

LIONE A INIZIO DICEMBRE PER IL FESTIVAL DELLE LUCI – SEMPRE PER GLI ACQUISTI GASTRONOMICI AL SUO MERCATO, IL PIU’ GRANDE E FORNITO D’EUROPA E I SUOI RISTORANTI –  Per i bambini ristoranti dedicati a loro!

MARSIGLIA PER LA SUA ARCHITETTURA INNOVATIVA e LA STRAORDINARIA CUCINA 

ALZAZIA PER I SUOI VINI E IL LIBERTY

MENTONE – SEMPRE PRIMAVERA – GRAZIE ALLA PECULIARITA’ DEL SUO CLIMA

Ente Nazionale Francese per il Turismo, https://it.france.fr/it

::::::::::::::::::::

NOTA SE ANDATE IN AUTO:

  • il bollino Crit’Air è un bollino anti inquinamento necessario per circolare nelle Zone a Circolazione Ridotta in Francia. Anche le auto con targa straniera devono essere in possesso del bollino Crit’Air per accedere alle ZCR – Gli automobilisti stranieri potranno ordinare il proprio bollino sul seguente sito: www.certificat-air.gouv.fr (Link esterno) Il bollino verrà recapitato entro 5 giorni

———-

LIONE

www.rhonealpes-tourisme.comwww.lyon-france.com

LIONE: il più grande mercato gastronomico d’Europa, una enorme concentrazione di ristoranti stellati, ma si mangia bene anche nelle modeste brasserie, tanta cultura e, la seconda settimana di dicembre, il FESTIVAL DELLE LUCI più famoso al mondo: indimenticabile!  www.france-voyage.com/it/

Questo video del Festival delle Luci  merita di essere visto:  http://www.youtube.com/watch?v=IiAfCc1oZjc

Lione. Festival delle Luci.
Lione. Festival delle Luci.

Ogni anno durante la seconda settimana di dicembre Lione  si svolge il FESTIVAL DELLE LUCI; il più importante e spettacolare del mondo. Qui convergono i lavori dei più farmosi architetti della luce del mondo. Ma la gastronomia non è da meno!

Lione dal ristorante dell'albergo Sofitel, in centro città. Albergo moderno ed efficientissimo.
Lione dal ristorante dell’albergo Sofitel, in centro città. Albergo moderno ed efficientissimo.

FESTIVAL DELLE LUCI.

LE LUCI DI LIONE VI REGALERANNO EMOZIONI CHE DIFFICILMENTE DIMENTICHERETE  

www.lyon-france.com 

info@lyon-france.com  tel 0033(0) 472 77 69 69

Storia del Festival delle Luci: da altre 150 anni, Lione è adornata spontaneamente dai propri cittadini di lumini alle finestre, ma negli ultimi anni questo rito è stato ampliato ed è riconosciuto a livello mondiale, come il più spettacolare, sofisticato e professionale.

I migliori artisti e creativi di tutto il mondo sono invitati dalla città di Lione a realizzare opere effimere che interpretino la ricchezza e la varietà della creazione contemporanea legata alla luce.

SHOPPING GASTRONIMICO.

Lo shopping a Lione si fa al mercato: qui alcuni degli chef più prestigiosi di Francia fanno la spesa personalmente il mattino assai presto.

Lione mercato banco di foie gras

Tutto è di eccellente qualità: la carne proviene dagli allevamenti che garantiscono il tipo di mangime, i formaggi presentano un’infinita varietà, tutti i più gradi produttori di Francia, e non solo, qui hanno un punto vendita. Foie Gras, tartufi, ogni varietà di pesce, eccellenti verdure e frutta…e la miglior pasticceria.

Lione è la capitale europea della buona cucina. Gli amanti della “Gastronomia” qui hanno a disposizione ben 3 mercati dove trovare tutte le migliori specialità francesi: Halle de Lyon, 102 cours Lafayette-autobus 3, aperto tutti i giorni; Boulevard de la Croix-Rousse, M° Cx-Rousse, da martedì a domenica, la mattina; Quai St Antonie-Célestins, M° Bellecour da martedì a domenica, la mattina.

Da comperare e assaggiare: “rosette” il salame di Lione, i formaggi Saint-Marcellin e Saint Félicien con il vino “Pot de Côte”, le frittelle “bugnes” e poi quenelles, salami vari, coussins cocons (dolci)…

Senza titolo-1

Ma Lione è anche molto altro la basilica di Fourvière e l’anfiteatro gallo romano, i quartieri rinascimentali del centro storico, la piazza Bellecour ed i suoi palazzi, il Museo della Civiltà Gallo-Romana, l’Istitut Lumière, il Museo dei Tessuti e delle Arti Decorative, i “murales”, la “ville lumiere”, ovvero un percorso notturno per ammirare i 100 ponti e monumenti della città illuminati, il Museo delle Belle Arti (Beaux-Arts), il Museo Africano di Lione, il Museo dell’Automobile, il Planetario, l’Acquario, parchi e giardini e molto altro.

BREVE STORIA DI LIONE.

Festival delle Luci.
Festival delle Luci.

Lo sviluppo di Lione fu favorito dalla sua posizione, sulla via d’ accesso all’Italia e situata alla confluenza della Saonae del Rodano.

Nel 27 a.C., Lione divenne capitale della “Gallia Lugdunense”. Ogni anno, sulle pendici della collina di Croix-Rousse dove si innalzò un santuario federale delle tre province galliche, i delegati delle  tribù  galliche si incontravano per celebrare il culto di Roma e dell’imperatore regnante.

Nel 58 Lugdunum (ovvero l’attuale Lione), in un sol giorno, venne distrutta dalle fiamme.

La cristianizzazione di Lione fu molto precoce, infatti avvenne nel 177.

In breve: nel Medio Evo passò a Carlo Magno, poi al Sacro Romano Impero e quindi venne annessa al Regno di Francia.

Nel secolo XVI Lione conobbe il suo massimo sviluppo grazie all’arrivo dei banchieri fiorentini, attirati dalle importanti fiere Lione che poi videro l’affermarsi della produzione della seta.

Di questa produttiva epoca rinascimentale rimangono numerosi edifici.

Il periodo di prosperità terminò con le guerre  di religione.  Famosi e indimenticabili per la loro crudeltà sono i massacri della notte di San Bartolomeo nel 1572.

La città si riprese e il XVII secolo segnò un’epoca tranquilla e di grande fasto; vi regnava la tolleranza e la città si arricchì di  pregevoli edifici trai quali spicca l’ Hộtel de Ville (il Municipio).

Mentre la finanza veniva lasciata ai banchieri svizzeri, Lione continuava a prosperare con il commercio della seta.

Durante la rivoluzione ben 2.000 persone qui furono ghigliottinate o fucilate.

Nel XIX secolo Lione divenne importante città industriale nel settore tessile.

DORMIRE A LIONE

HOTEL d’ALSACE economico, Wi-Fi gratis, parcheggio privato, TV schermo piatto, 800 mt dalla stazione ferroviaria, camere da 48€, www.viamundis.com/hotel-dalsace-lyon.html

HOTEL SOFITEL LYON BELLECOUR centrale, lusso, splendida vista dal prestigioso ristorante all’ultimo piano dove è servita anche la prima colazione, eccellente servizio, offerte da 188€   www.sofitel.com/it/

Hotel di Renzo Piano, Hotel de la Cité Concorde, in occasione della Biennale d’Arte 180€,  doppia per notte con colazione, www.concorde-hotels.com

INTER HOTEL de la LOIRE da 48€, grandi camere insonorizzate,ottimo rapporto qualità prezzo, 5 minuti dalla stazione ferroviaria di Lione-Perrache www.viamundis.com/inter-hotel-de-la-loire.html

cuochi ok

RISTORANTI.

OVVIAMENTE GLI APPASSIONATI DEL GENERE, CHE POSSONO SPENDERE CIFRE ,ANCHE ASTRONOMICHE, SANNO GIA’ DOVE ANDARE E HANNO GIA’ PRENOTATO.

Il nostro suggerimento si rivolge al turista medio che cerca qualcosa di caratteristico: LE PASSAGE, restaurant@le-passage.com rue du plâtre 8, tel. 04.78 28 11 16 ottimo rapporto qualità prezzo, un ristorante tradizionale che ha mantenuto anche l’arredamento originale.

Altri buoni ristoranti, frequentati dai lionesi, si trovano nelle vie vicine a rue du Plâtre, mentre la vecchia Lione è ricca di ristoranti solo per turisti di passaggio.

PER I BAMBINI: Restaurant l’Ilot Corsaire, 64 av des Frères Lumière, mètro Monplasir,tel 0033(0)478 75 00 00

BABY BRUNCH, Raddisson SAS Hotel Lyon, buffet, animazione,regali per i bambini inferiori agli 11 anni, tel 0033(0)478 63 55 00

————-

MARSIGLIA

Tramonto dal mare a Marsiglia.
Tramonto dal mare a Marsiglia.

MARSIGLIA, www.marseille-tourisme.com

 

Marsiglia offre: un porto completamente rinnovato e modernissimo ricco di divertenti locali, una enorme serie di manifestazioni culturali irripetibili, buona cucina di mare, musei, mostre, talleri d’arte e tanta architettura moderna.

Tutto su http://www.mp2013.fr/

Villa Méditerranée.
Villa Méditerranée. Foto fornita dall’Ufficio del Turismo.

Da visitare: il waterfront e l’area del progetto Cité de la Méditerranée. Il nuovo centro direzionale e residenziale Joliette. Il polo Culturale della Belle de Mai (edifici industriali trasformati in luoghi di produzione culturale e mediatica. Saint Charles ospita la stazione ferroviaria. Rue de la Républic, la via centrale, unisce Place de la Joliette con il porto antico e la Canabiére.

Stefano Boeri è l’autore della Villa Méditerranée, una prorompente costruzione che si sviluppa sopra e sotto il mare.  Il tutto si rivela come un edificio a sbalzo sospeso a 14 metri dal livello del mare. Questo Centre International pour le dialogue et les échanges en Méditerranée vuole anche essere luogo d’incontro polivalente e interattivo con sale per conferenze.  Soprattutto sarà un luogo di scambio culturale attraverso le sponde artistiche del Mediterraneo.

 Nei pressi della Villa Méditerranée sorge il MuCEM, Museo delle Civiltà dell’Europa e del Mediterraneo, progetto dello Studio Ricciotti. Collezioni permanenti, esposizioni, incontri, teatro, cinema, musica, feste per un totale di 40000 m².  Un perfetto cubo perfetto affacciato su una piazza quadrata caratterizzato da una trama sottile color ruggine come una trina. Il MuCEM è città culturale per discipline scientifiche ed umane e si collega al vicino Fort Saint-Jean attraverso una passerella quale unione ideale delle due sponde del Mediterraneo.

Frac. Foto fornita dall'Uff. del Turismo.
Frac. Foto fornita dall’Uff. del Turismo.

Da visitare anche il Frac, “Fonds Régional d’Art Contemporain”,  nuovo museo firmato dall’architetto giapponese Kengo Kuma; l’edificio del Fondo Regionale per l’Arte Contemporanea a Marsiglia si incontra nel quartiere di Joliette. Una costruzione che merita la visita sia per i contenuti che per il contenitore.

La riqualificazione del Vieux Port di Marsiglia.

Marsiglia è stato ed è uno dei più grandi porti del Mediterraneo; la riqualificazione è di  Norman Foster. Riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità si degradò nei secoli e divenne inaccessibile ai pedoni per motivi di sicurezza. Il progetto prevede  la rimozione del traffico, ampliare lo spazio pedonale. Lo spazio è previsto che comprenda piccoli padiglioni per eventi, mercati e speciali occasioni. Al Quai des Belges una lama riflettente, in movimento,sarà riparo per il mercato ed un padiglione per eventi. Aperto su tutti i lati presenta una superficie a specchio immedesimandosi perfettamente nell’architettura circostante.

Lo studio 5+1AA di Alfonso Femia e Gianluca Peluffo è responsabile della riconversione degli storici Docks di Marsiglia che saranno trasformati completamente. Si prevede la rinascita di quattro corti che dall’interno dei Docks si estenderanno su due piazze; una la storica Place de la Joliette,  l’altra si chiamerà Place de la Mediterranèe. L’ austerità degli edifici di fine Ottocento sarà trasformata in luoghi di aggregazione.

Il J1, situato  sulle banchine del porto di Marsiglia, è l’emblema di Marsiglia Capitale della Cultura.Si tratta di un immenso hangar aperto al pubblico nel cuore dell’attività portuale. Questo è il luogo  di imbarchi e arrivi da tutto il Mediterraneo. L’edificio è stato allestito dall’Architetto Catherine Bontee ospita uno spazio espositivo di 2500 m2. Sazio per un pubblico giovane e luogo dedicato a:conferenze, letture, teatro, musica,  punto informazioni, boutique-libreria e bar-ristorante con vista mozzafiato.

PESCATO DEL GIORNO: La Boîte à Sardine, 2, Bvd. de La Liberation, tipica osteria di pesce. Tutto freschissimo il menù è secondo il pescato. Due Persone costo 50 euro con due portate.

IN COLLINA: SEPIA Le chalet du jardin, 2 Rue Vauvenargues, Marseille, tavoli all’aperto per la meravigliosa vista sulla città. Dal trancio di sgombro affumicato agli spaghetti con la rapa rossa …tutto freschissimo ! Tre portate anche solo 39 euro; dipende da cosa scegliete.

Le Corbusier. Questo edificio segna la storia dell'architettura. Foto fornita dall'Uff. dl Turismo.
Le Corbusier. Questo edificio segna la storia dell’architettura. Foto fornita dall’Uff. dl Turismo.

Marsiglia non si può dimenticare un omaggio a Le Corbusier e alla sua utopica Citè Radieuse (costruita negli anni Cinquanta) da poco ristrutturata. Questa costruzione è una delle più importanti della storia dell’architettura moderna. Le Corbusier ha voluto creare un posto stupendo circondato da  verde, aria, sole, luce e con la felice intuizione dell’isolamento acustico.Tutto qui è stato studiato per il massimo confort degli abitanti: box, asilo, scuola, sport, camere per ospiti, infermeria. assistenza medica e farmaceutica, ristoranti, negozi e molto altro.

LA MARSIGLIA TRADIZIONALE, DA NON PERDERE !

 –Il Forte di Saint Jean è il meglio per un panorama indimenticabile di fronte all’isola dove Dumas ambientò “Il conte di Montecristo”, ma anchde Notre Dame de la Garde è un punto alto dove ammirare il paesaggio di Marsiglia, curiosi i vari ex-voto dei marinai; il quartiere intorno è la zona dello shopping, Savonnerie de la Licorne è un buon indirizzo: vero sapone di Marsiglia dal 100 annwww.savon-de-marseille-licorne.com

  • PANIER l’antico quartiere che fu degli immigrati, dei senza tetto, oggi è ancora il luogo dei vecchi ber dove gli anziani marsigliesi passano il tempo al bar bevendo il Pastis, dove si trovano i ristorantini vintage che sanno di bouilabaisse, la zuppa di pesce locale
  • con il bus numero 20 si possono visitare le meravigliose baie intorno a Marsiglia
  • www.marseilleprovencegreeters.com per farsi accompagnare da giovani volontari alla scoperta della città
  • se volete un alloggio speciale andate da Mama Shelter www.mamashelter.com arredato dal famoso architetto Philippe Starck: il suo bar è il meeting point più di moda a Marsiglia; si fa tardi bevendo kir e si parla in almeno tre lingue.
  • da visitare il vicino borgo di Baux-de-Provence: borgo medioevale su di uno sperone roccioso

DORMIRE VICINO A MARSIGLIA IN UN HOTEL DI GLOBI TRASPARENTI PER VEDERE LE STELLE.

A 12 km da Marsiglia segnaliamo un hotel indimenticabile:

 Attrap’Révers Hotel, per soggiornare in stanze con finestre a bolla ricolte al cielo. Solo 5 camere con telescopio e ogni confort.www.attrap-revers.com

————-

MENTONE

G calette6

MENTONE: avvenimenti culturali, tanto sole e splendidi giardini.

ANCHE QUANDO IN LIGURIA PIOVE QUI MOLTE VOLTE BRILLA IL SOLE !!!

ACQUA PULITA – BELLE SPIAGGE

A NATALE  SULLE SPIAGGE SI PRENDE IL SOLE E A CARNEVALE LA GRANDE SFILATA DI CARRI RIEMPIE DI AGRUMI LA CITTA’ ED IN PRIMAVERA-ESTATE SI GODE IL MARE

IMG_0465

Il principale motivo del successo di Mentone come stazione amata dai turisti è certamente il suo particolare microclima a tendenza subtropicale. Infatti è protetta dai venti provenienti da ovest dal Monte-Agel e gli ultimi contrafforti delle Alpi la riparano da nord e da nord-est. Gli inverni sono miti e soleggiati, raramente il termometro scende sotto gli 0° centigradi, la temperatura media più bassa è di 11,3° C in gennaio. Le estati sono calde, ma mitigate dalla brezza marina e le giornate di sole all’anno sono 316, un vero record.

ORIGINI

Si sa poco sulle vere origini di Mentone, molti parlano di origini romane. Le informazioni più sicure ci riportano ad una piccola città fortificata nata alla fine del secolo XI e denominata Pinum o Puypin, proprietà dei conti di Ventimiglia che si elevava in cima ad una collina dove oggi si trova il monastero dell’Annunziata. Successivamente un nuovo borgo si impiantò più vicino al mare lungo l’antica via romana proveniente dall’Italia. Qui oggi si trovano la chiesa di San Michele, il castello e l’attuale città vecchia. Successivamente nel XII secolo si insediò la signoria di Mentone, allora appartenente alla famiglia genovese dei Vento. Divenne poi proprietà di Charles Grimaldi, Signore di Monaco nel 1346; dal 1860 la città fa parte dello stato francese.

Blasco Ibañez, Katherine Mansfield, Robert Stevenson, Guy de Maupassant, Gustave Flaubert e poi l’imperatrice Eugenia e la regina Vittoria, storia e letteratura si fondono nel passato di Mentone e la memoria dei famosi personaggi aleggia ancora tra le fragranze degli splendidi, e unici, giardini e nell’intimità di antiche dimore e palazzi che sono la memoria della città. La cui parte vecchia, immortalata da tanti artisti, non ha perso nulla del suo fascino anche perché estranea a scempi speculativi fortunatamente sorti altrove.

Un pregevole piano di salvaguardia e di messa in valore, ha permesso dal 1993 di iniziare il  restauro di 600 immobili nella città vecchia , di accogliervi gli abitanti ridando vita ai quartieri storici. Meritano una visita anche l’albergo “Adhémar de Lantagnac”, la cappella dei Penitenti-Bianchi, quella dei Penitenti-Neri e i mercati municipali (1898) ricchissimi di golosità locali: formaggi, anatre, pesce, pathé, tartufi e frutta e verdura della vicina Provenza .

Formata da un vero labirinto di strette strade, che scendono in forte pendenza dalla collina verso il mare, è dominata dal cimitero del Vecchio Castello, ultima dimora dei numerosi aristocratici russi e britannici. La Basilica di San Michele Arcangelo, sempre nella città vecchia, con il suo campanile detto “Campanin”, fa parte con la piazza della Concezione della “Strada del Barocco Ligure Nizzardo” ed è certamente uno dei migliori esempi di questa architettura della Costa Azzurra.

 Dei fasti della Belle Epoque sono rimasti alcuni gioielli architettonici che si affacciano sulla Promenade du Soleil di fronte al mare. Nei pressi anche la Chiesa Russa voluta dalla numerosa colonia russa, presente sulla Costa Azzurra, alla fine dell’800. Edificata nel 1892 su iniziativa della granduchessa Anastasia, nipote dell’imperatore Nicola I, è dedicata alla Vergine ed a San Nicola. All’epoca comunicava direttamente con la casa di riposo l’Hermitage, fondata da Anastasia a beneficio dei giovani tisici del suo paese.

Sempre nell’800 alcuni botanici, in particolare inglesi, hanno creato a Mentone dei giardini eccezionali.

Il giardino botanico di Van Rahmeh (Avenue Saint-Jacques)è, dal 1966, parte del Museo Nazionale di Storia Naturale. Quest’ultimo raccoglie 700 specie tropicali e subtropicali, in particolare le Labiate e le Solanacee ed un grande numero di piante commestibili come kiwi, avocadi e banani. Qui si trova l’albero mitico dell’Isola di Pasqua:  Sofora toromiro, ed altre quaranta specie di cui altrove non si conoscono altre piantagioni.

Importante per la sua collezione di essenze rare importate dall’Asia dall’inglese Hidcote Manor, lo stesso creatore del giardino, la Serra della Madonna (La Serre de la Madone, Rue de Garbo, 74) che è stata progettata tra il 1919 ed il 1939 dal maggiore Lawrence Johnston su una superficie di sette ettari abbelliti con una successione di pergolati, grotte, bacini idrici e fontane.

Per chi non volesse limitarsi alla città ed alle sue attrazioni Mentone offre affascinanti dintorni, dai più famosi come il Principato di Monaco, Nizza, Antibes e la Provenza ai cinque villaggi appollaiati sulle colline della Riviera Mentonese.

Roquebrune rappresenta il tipico villaggio medioevale annidato sulle alture di Cap Martin. Sainte-Agnès è il villaggio del litorale più alto d’Europa ed il forte militare ne ricorda la posizione strategica. Gorbio offre agli appassionati della montagna vie ferrate e numerosi sentieri. Castellar conserva le vestigia della sua gloriosa storia collegata alla famiglia Lascaris-Vintimille. Castllon è stata interamente ricostruita in stile provenzale; oggi qui vivono numerosi artisti ed artigiani che attirano migliaia di visitatori.


 

PERCHE’ VISITARE L’ ALSAZIA 

L’ Alzazia la si visita per i suoi eccellenti vini e relativo acquisto, per la sua gastronomia, per i suoi paesaggi naturali e per le belle città con reminiscenze Liberty.

Non ultimo le sue case medioevali a graticcio: sempre uno spettacolo.

Strasburgo e Colmar sono città affascinanti in tutte le stagioni; anche in pieno inverno con la neve hanno un fascino speciale. Per chi non vuole soffrire il freddo, meglio in altre stagioni.

casa a graticcio

NUOVO MUSEO dedicato a RENE’ LALIQUEwww.musee-lalique.com il maestro dello stile LIBERTY a WINGEN-SUR-MODER, in Alsazia. Il museo è localizzato in una vecchia vetreria recuperata a gioiello dell’architettura contemporanea. Dedicato a chi ama il BELLO; la bellezza e l’eleganza di quanto vedrete in questo museo vi lascerà incantati. L’abilità di Lalique fu riconosciuta da Emile Gallé che lo definì l’inventore del bijou moderno e  nel 1898 dal celebre creatore di bijou Henrì Vever. Lalique fu sensibile all’Estetica dell’Art Noveau (Liberty), all’evanescenza del Simbolismo e alle composizioni dei Preraffaelliti. Egli ricrea il mondo della natura con la precisione di uno studioso della materia.

Il Liberty.

Strasburgo; tra le tante mete non perdete le pasticcerie e La Cattedrale di Notre Dame; meraviglia di arte gotica, una facciata ricca di statue eimponenti vetrate dal 1439. Decantata per la sua bellezza anche da Victor Hugo.

Il centro storico è totalmente pedonale. Da non perdere un giro in  battello:  per i canali avrete un punto di vista privilegiato.

Colmar; innumerevoli le costruzioni a graticcio, inoltre non mancano meravigliosi esempi di arte gotica.

Maison Pfister;  edificio eretto nella prima metà del 1500, conaffres chi e balconi in legno

Maison des Tetes;  la facciata con oltre 106 animali raffigurati.

L’Ancienne Douane, Antica Dogana, palazzo del 1480, Monumento Nazionale di Francia, ; vero esempio di arte rinascimentale e cuore centro economico dell’antica città.

Da non perdere il museo Unterlinden; fra le opere il capolavoro di Grunewald: l’altare di Issenheim, pannelli dipinti risalenti al 1500.

Nell’antico quartiere di Krutenau sorge la Petit Venice, la Piccola Venezia; qui i celebri edifici a graticcio si affacciano sui canali. A Natale con le luci e i canali qui è tutto una grande magia, ma fa freddo !

Da non perdere la  Collegiata di San Martino, detta anche Cattedrale di San Martino, esempio di arte gotica; metà del1200.

Il paese delle favole?

A solo 15 minuti da Colmar, sorge Riquewhir:  piccolo villaggio di poco più di 1000 abitanti, eletto fra i più belli di Francia con tutte case a graticcio colorate, risalenti al 1200-1300 e balconi fioriti.

Fu fonte d’ispirazione per il regista Hayao Miyazaki per il Castello errante di Howl e per il film Disney La Bella e la Bestia.

 

95 comments

  1. Pingback: URL
  2. 223928 282016Hello there, I discovered your blog by way of Google at the same time as searching for a comparable topic, your website got here up, it seems to be fantastic. I

    1. Many thanks.
      This blog is made by only one person for design, texts and photos.
      I put articles when I have photo and texts, it depends also of how much time I have for do it.
      I speak about many arguments, frequently about travel; minimum once a week.
      Best G.

  3. 574102 24703I ran into this page accidentally, surprisingly, this is a great website. The site owner has done a great job writing/collecting articles to post, the info here is really insightful. You just secured yourself a guarenteed reader. 225147

  4. 452971 844790hi!,I like your writing so a great deal! share we communicate far much more about your write-up on AOL? I require a specialist on this region to solve my issue. Might be that

  5. 799446 309178Soon after examine a couple of with the weblog posts on your internet internet site now, and I genuinely like your manner of blogging. I bookmarked it to my bookmark internet site record and will probably be checking back soon. Pls take a appear at my internet page as effectively and let me know what you feel. 439623

  6. 889154 629181It is not that I want to duplicate your site, but I actually like the style. Could you tell me which style are you making use of? Or was it custom created? 187375

  7. 653990 191746I discovered your weblog web site web site on the search engines and check several of your early posts. Always sustain up the really excellent operate. I lately additional increase Rss to my MSN News Reader. Seeking for toward reading significantly a lot more on your part later on!

  8. It’s a pity you don’t have a donate button! I’d most certainly donate to this superb blog!
    I suppose for now i’ll settle for bookmarking and adding your RSS
    feed to my Google account. I look forward to fresh updates and will talk about this website with my Facebook group.

    Talk soon!

  9. Hello there, I believe your site might be
    having browser compatibility issues. Whenever I look at your web site in
    Safari, it looks fine however, if opening in Internet Explorer, it’s got some overlapping issues.
    I merely wanted to give you a quick heads up! Other than
    that, great site!

    1. If you put the link of my blog is ok
      if you only copy is not ok
      This is a professional blog, I’m a journalist and a design-artist.
      I’m part of a big and strog organism of Journalist we have lawyers and any all kinds of necessary protection, who robs us of the content has to do with an international organization that pursued anywhere in the world via the various associations of journalists.

  10. Hello there, I believe your blog could be having browser compatibility issues.
    Whenever I take a look at your blog in Safari, it looks fine but when opening
    in I.E., it’s got some overlapping issues. I just wanted
    to give you a quick heads up! Apart from that, fantastic blog!

  11. I’m really impressed with your writing skills and also with the layout on your blog.
    Is this a paid theme or did you customize it yourself? Either way keep up the nice quality writing, it’s
    rare to see a nice blog like this one these days.

    1. This is a professional blog.
      All rights of this blog are protected by the low.
We are part of a big and strog organism of journalist .
      We have lawyers who defend our work., those who steal our content photos or texts will have to deal with an organization that has branches all over the world.

  12. Attractive section of content. I just stumbled upon your web
    site and in accession capital to assert that I get in fact enjoyed account your blog posts.
    Any way I’ll be subscribing to your augment and even I achievement you access consistently quickly.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*