CAMBIARE VITA LAVORO E NAZIONE, DOVE E COME? VALE LA PENA?

Le persone che hanno cambiato la nazione dove vivere sono oltre 50 milioni.

In comune hanno alcune parole: nostalgia, lingua, collegamenti Skype ecc…

Commissionato dalla banca inglese HSBC, Expat Explorer è uno dei più completi monitoraggi permanenti di persone che vivono e lavorano all’estero.

Lontano dalla sicurezza di una cultura e relazioni create in anni di vita, l’incertezza è l’unico termine che accomuna gli espatriati.

Nel 2014 il sondaggio di HSBC Expat Explorer ha dimostrato che il 35% degli intervistati riconosce nella mancanza di sicurezza di un lavoro la più grave preoccupazione, e il 30% sostiene di essere ansioso nei confronti dello stato dell’economia locale.

Qualcuno di loro ha paragonato la sensazione che prova ad essere espatriato, alla sensazione che si prova in vacanza; “lo stesso senso di libertà”.

Una delle condizioni di essere un espatriato è il sentirsi ovunque a casa ma, per alcuni, anche la nostalgia per quello che si è lasciato.

Quanto segue è anche frutto della nostra personale esperienza di contatti diretti con persone espatriate in tutto il mondo.

Uno dei paesi che accolgono al meglio gli immigrati potrebbe essere il Canada.
Qui un numero enorme di professionisti provenienti dai più diversi paesi del mondo solidarizza molto più velocemente che altrove. Rimane il grande problema dell’adattamento climatico.

Adattamento ancora più doloroso, per i coraggiosi che si sono spinti in Norvegia: scuole eccellenti come ospedali, burocrazia, natura circostante, niente inquinamenti ecc…ma alcuni si rifugiano nei bagni, all’interno dei posti di lavoro, per dare libero sfogo al pianto.
Il buio dura tutto il lungo inverno.
E’ dura, ma daranno un futuro migliore ai loro figli !

Qualcuno si è trovato ad affrontare gravi, concreti problemi come la mancanza di: acqua, elettricità intermittente, di scarafaggi, ma anche altri animali come serpenti in casa…dipende da dove si espatria.

Ovviamente anche le più grosse compagnie internazionali non possono risolvere, per i loro dipendenti, tutti i problemi legati al territorio dove operano; vedi pozzi petroliferi sperduti in Paesi arretrati.

Gli espatriati comunque, nella maggior parte dei casi, vivono in una specie di limbo totalmente al di fuori del contesto locale: scuole internazionali, club privati, ristoranti di buon livello…e ignorano quello che li circonda.

Qualcuno si inserisce in organizzazioni locali per aiuti di vario genere, in questo caso l’esperienza viene di molto approfondita, ma non tutti sentono questa necessità; dipende dalle persone e dalle loro scelte di vita.

Spesso l’unico modo per inserirsi nella comunità locale è quello di imparare la lingua locale.

Muoversi all’estero, vuol dire un beneficio finanziario anche molto alto, ma spesso compensato dalle costose scuole internazionali per i figli, gli affitti alle stelle e molto altro.

Un esempio è la città di Singapore, che offre un livello di vita tra i migliori al mondo, ma anche spese che lievitano ogni anno sempre più in alto, mentre le società internazionali tendono a pagare sempre meno “benefit” come auto, assicurazioni, affitti ecc…

Una affidabile conoscenza, ci ha rivelato un mondo di dirigenti di alto livello, nel mondo della finanza, che vivono in città come Shanghai e dispongono di un livello economico altrimenti inimmaginabile, ma anche schiavi di questo mondo fatto di solo lusso… relativi vizi e nessun contatto con la realtà del quotidiano.

A Pechino poche persone parlano inglese è un limite che può pesare molto e poi ci si deve adattare ad indossare una maschera durante tutto l’anno, mentre si va in bicicletta e spendere più di 1.000 euro solo per i depuratori dell’aria.

Abbiamo anche conosciuto espatriati che hanno impiantato aziende perfettamente funzionanti, ma appena sono arrivati gli alti guadagni auspicati, i funzionari di dogana hanno cominciato a chiedere sempre più tangenti, sino a sminuire considerevolmente il vantaggio economico. Alla fine qualcuno del Paese ospitante ha creato un’azienda simile e in assoluta concorrenza, poiché non paga le tangenti ai funzionari di dogana…

In molti Paesi è difficile integrarsi con la, pur civilissima, popolazione locale e si rischia di rimanere per sempre degli “immigrati”.

PAESI DOVE SI VIVE MEGLIO NEL MONDO

Classifica, secondo il Sustainable Development Solutions Network delle NAZIONI UNITE.

1° classificato: Danimarca

2° classificato: Norvegia

3° classificato: Svizzera

4°: Olanda

5°: Svezia

6°: Canada

7°: Finlandia

8°: Austria

9°: Islanda

10°: Australia

Se potete permettervi di trovare lavoro altrove e avete un buon spirito di adattamento, fateci un pensiero.

ARTE : CHIUDE ART BASEL HONG KONG CON UN BILANCIO POSITIVO

Art Basel di Hong Kong ha attratto importanti gallerie, collezionisti privati ​​e istituzioni artistiche provenienti da tutto il mondo; molti i presenti alla mostra per la prima volta.

Le gallerie di tutto il mondo presenti, hanno segnalato forti vendite a tutti i livelli di mercato.

Con questa terza edizione Art Basel a Hong Kong ha ulteriormente confermato la sua posizione come fiera d’arte internazionale in Asia e ha segnato il debutto del nuovo direttore di Art Basel Asia; Adeline Ooi.

Lo show di Art Basel a Hong Kong, il cui partner principale è UBS, ha presentato 233 gallerie in rappresentanza di ​​37 Paesi.

La metà delle gallerie partecipanti provenivano da zone dell’ ​​Asia e dalle nazioni dell’Oceano Pacifico.

Attraverso i suoi settori, la mostra ha fornito una panoramica approfondita dell’ arte asiatica; sia per il materiale storico esposto che per le opere d’avanguardia di artisti emergenti di tutta la regione Asiatica e Pacifica.

Lo spettacolo ha visto la partecipazione di quasi 60.000 visitatori (leggermente inferiore rispetto all’anno precedente, quando lo spettacolo fu aperto al pubblico un giorno in più).

La fiera è stata caratterizzata dalla presenza di grandi collezionisti, direttori di musei e curatori di istituzioni artistiche internazionali.

Gli amministratori, i curatori, i fiduciari e i mecenati provenienti da musei e istituzioni di primo piano erano numerosi; tra i tanti: 4A Centre for Contemporary Asian Art, Sydney; Art Gallery of New South Wales, Sydney; Art Gallery of South Australia, Adelaide; Museo CAFA, Pechino; Centro per l’Arte Contemporanea, Singapore; Museo Ian Potter of Art, Melbourne; Institute of Contemporary Arts, Londra; Kaohsiung Museum of Fine Arts, Kaohsiung; Leeum Samsung Museum of Art, Seoul; Museo M Woods, Pechino; Museo Min Sheng, Shanghai; Modern Art Oxford, Oxford; M +, Hong Kong; MoMA, New York; MoMA PS1, New York; Museo d’Arte Contemporanea, Taipei; Museo di Arte Contemporanea e Design Manila; National Art Gallery, Singapore; Ottobre Contemporary Art Terminal, Shenzhen; Museum Rockbund Art, Shanghai; Serpentine Gallery, Londra; Sharjah Art Foundation, Sharjah; Solomon R. Guggenheim Museum, New York; Museo Tan Guobin Art, Hunan; Tate, London; Il Consiglio in Australia Arts for the Arts, Sydney; Il Museo Hirshhorn and Sculpture Garden, Washington, DC; La Royal Academy, Londra; Ullens Center for Contemporary Art, Pechino; e Art Museum Yuz, Shanghai.

David Zwirner, proprietario, David Zwirner Gallery (New York, Londra), ha dichiarato: ‘Sono stato ben impressionato nel vedere tanti nuovi giovani collezionisti di questa regione interessati al nostro programma, e soprattutto ai nostri pittori figurativi. Questa fiera è la fiera dell’ Asia; energizzante per tutti noi. Le vendite hanno superato le nostre aspettative. ‘

‘Un altro anno eccellente! Art Basel continua a superare se stessa come  fiera più importante per l’arte contemporanea in Asia. Abbiamo avuto un successo eccezionale, con vendite record nelle prime 48 ore’. Ha detto Neil Wenman, Senior Director, Hauser & Wirth (Zurigo, Londra, New York, Los Angeles)

Un certo numero di gallerie presenti in Scoperte o Insights, negli ultimi anni, si è accreditato nel settore principale della mostra.
Tra le tante:: The Drawing Room (Manila, Singapore), Sullivan + Strumpf (Sydney), e Edouard Malingue Gallery (Hong Kong), che in precedenza esposto all’interno Insights, e Aike-Dellarco (Shanghai), Carl Freedman Gallery (Londra), Karma Internazionale (Zurigo), Tankstation della madre (di Dublino), Take Ninagawa (Tokyo) e Leo Xu Projects (Shanghai), che si sono laureati da Scoperte.

Per l’elenco completo delle gallerie, si prega di visitare il sito artbasel.com/hongkong/galleries.

Il settore Insights  ha dimostrato di essere un punto culminante della manifestazione; dedicato ai progetti curatoriali di 34 gallerie con spazi in Asia e nella regione Asia-Pacifico, e caratterizzato da mostre personali, materiale storico eccezionale, e notevoli mostre collettive tematiche.

Insights ha fornito una panoramica dettagliata dell’ arte proveniente da tutta la regione, con artisti provenienti da Australia, Azerbaijan, Cambogia, India, Giappone, Cina, Arabia Saudita, Corea del Sud, Palestina, Filippine, Taiwan, Tailandia, Turchia e gli Emirati Arabi Uniti.

Punti salienti del settore Insights, includono un numero record di mostre personali:

—Artinformal (Mandaluyong City) presentando Nilo Ilarde; Misa Shin Gallery (Tokyo) che mostra Tadashi Kawamata; un focus da Rossi & Rossi (Londra, Hong Kong) su Leang Seckon, uno dei membri più importanti della scena emergente dell’arte contemporanea cambogiana; Galerie di Ora-Ora (Hong Kong), che mostra opere di protégé Ink contemporaneo di Zhang Yanzi, creando un’esperienza quadrimensionale senza precedenti; progetti storico-artistici o dell’artista indigena australiana Yhonnie; in galleria: progetti di Dianne Tanzer (Melbourne) e dell’artista malese Anurendra Jegadeva a Wei-Ling Gallery (Kuala Lumpur, Penang); una performance di Nezaket Ekici a Pi Opere (Istanbul, Londra); una mostra dell’ artista Thai Yuree Kensaku 100 Tonson Gallery (Bangkok), guardando la recente situazione politica in Thailandia; e una selezione di fotografie in bianco e nero dell’artista giapponese Noritoshi Hirakawa a 55 (Shanghai).

Per l’elenco completo delle gallerie e artisti, si prega di visitare il sito artbasel.com/hongkong/insights.

Il settore Scoperte ha presentato una forte vetrina di artisti emergenti provenienti da tutto il mondo (con mostre personali o di due autori in contemporanea) provenienti da 20 gallerie; sette dei quali erano nuovi.

Per l’elenco completo delle gallerie e artisti, si prega di visitare il sito artbasel.com/hongkong/discoveries.

Quest’anno, Art Basel e la BMW hanno presentato la prima iterazione della BMW Art Viaggio, un’iniziativa congiunta per riconoscere e sostenere gli artisti emergenti di tutto il mondo.

Come uno studio mobile, la BMW Art viaggio cerca artisti quasi ovunque nel mondo, per sviluppare nuove idee e immaginare nuovi progetti creativi.

Durante lo spettacolo, una giuria internazionale ha selezionato una rosa di tre artisti che si sono esibiti in Scoperte: Mika Tajima con Eleven Rivington (New York), Trevor Yeung con Blindspot Gallery (Hong Kong) e Samson Giovane con am spazio (Hong Kong).

Il vincitore del BMW Art Journey sarà annunciato all’inizio dell’estate 2015.

Per ulteriori informazioni, si prega di visitare il sito artbasel.com/partners.

Oltre a Trevor Yeung e Samson Young lo spettacolo è stato caratterizzato da talenti più nostrani in tutti i settori, tra cui Au Hoi Lam, Chow Chun Fai, Frog King, Hung Fai, Koon Wai Pong, Lee Kit, Leung Mee Ping, Wai Pongyu, Chui chee Pui-, Sara Tse e più.

Curata per la prima volta da Alexie Glass-Kantor, direttore esecutivo di Artspace di Sydney, l’edizione di quest’anno di Incontri ha trasformato le sale espositive; creando una nuova esperienza per il visitatore.

Nel settore del cinema, che ha debuttato a Hong Kong lo scorso anno, sono state presentato 38 opere di 36 artisti, esplorando sette temi diversi, a cura dello zurighese, artista e produttore multimediale Li Zhenhua, con la partecipazione di oltre 300 ospiti in quattro giorni.

Punti salienti del programma hanno incluso opere dal 1960 e ’70 di Marina Abramović e Michael Craig-Martin, insieme a importanti lavori video di Yu Cheng-ta, Cheng Ran e Yan Xing, e molti altri. Nuove opere di Chen Tianzhuo, Lu Yang Kun e Song sono stati in anteprima all’interno del settore.

Il programma di film di Art Basel è stato mostrato al agnès b. CINEMA, presso il Centro di Hong Kong Arts; per maggiori informazioni si prega di visitare il sito artbasel.com/hongkong/film.

Conversazioni e Salon, il programma di Art Basel, ha attirato oltre 1.200 visitatori in tre giorni e presentato personalità culturali di fama provenienti da Asia e da tutto il mondo dell’arte internazionale.

Quest’anno, il Premiere Artist Talk, è stato caratterizzato dall’artista cinese Cao Fei in conversazione con Hans Ulrich Obrist, co-direttore della Serpentine Gallery, Londra.

Inoltre, Art Basel ha lavorato a stretto contatto con le organizzazioni culturali importanti della città su un programma associato di eventi in loco e in tutta l’area metropolitana.

Per gli ultimi aggiornamenti su Art Basel, visitare artbasel.com, trovarci su Facebook a facebook.com/artbasel o seguireartbasel su Instagram, Google+, Twitter, Weibo e WeChat.

FINNAIR NUOVE OFFERTE VOLI VERSO ASIA E FINLANDIA

Finnair riparte verso l’Asia: al via le nuove offerte per volare in Oriente.

Finnair ha anche vinto il World Airline Award come Miglior Compagnia del Nord Europa negli ultimi cinque anni consecutivi.

FINNAIR: PIONIERE DEL VOLO ECOSOSTENIBILE

UNA COMPAGNIA CHE OFFRE UNA QUALITA’ DI SERVIZIO CHE NON VI ASPETTATE.

Finnair aereo 450 Sedili reclinabili

PECHINO: Il collegamento Finnair via Helsinki da Milano e Roma è proposto a partire da 489 € a/r** in Economy e da 1.799 € a/r** in Business.

Offerte per l’Asia, con voli da Milano e Roma via Helsinki:

ECONOMY:
Delhi a partire da 489 € a/r**
Chongqing e Bangkok a partire da 509 € a/r**
Shanghai a partire da 519 € a/r**
Xi’an, a partire da 529 € a/r**
Seoul e Singapore a partire da 539 € a/r**

BUSINESS
Delhi a partire da 1.299 € a/r**
Bangkok a partire da 1.499 € a/r**
Chongqing a partire da 1.599 € a/r**
Xi’an, a partire da 1.699 € a/r**
Seoul e Singapore a partire da 1.799 € a/r**

INOLTRE:

Helsinki, da Milano: a partire da 209 € a/r**.
Rovaniemi, da Milano: a partire da 289 € a/r**.
Helsinki, da Roma: a partire da 219 € a/r**.
Rovaniemi, da Roma: a partire da 299 € a/r**.

I biglietti scontati sono in vendita fino al 9 aprile, per viaggiare dal 25 marzo al 30 giugno 2015 (dall’1 al 31 maggio 2015 per Bangkok). In Business Class il periodo di viaggio consentito si protrae fino al 31 agosto 2015.

 – Finnair è ormai da tempo sinonimo di Asia e, pur mantenendo radici ben salde nella penisola scandinava, continua a far sognare chi vuole scoprire la magia delle terre orientali.

Per la primavera in arrivo la compagnia finlandese offre tariffe scontate in Economy e Business verso quasi tutte le sue destinazioni asiatiche, ma anche per raggiungere Helsinki e Rovaniemi.

Pechino è senza dubbio una delle mete più interessanti per i prossimi mesi: la primavera è il periodo migliore per visitare la capitale cinese.

Nella vorticosa metropoli asiatica l’incessante evoluzione di strutture urbanistiche e stile di vita apre al visitatore una vera e propria finestra sul futuro.

I giochi olimpici del 2008 hanno dato un nuovo volto alla città, con diverse perle architettoniche come lo Stadio Olimpico Nido d’uccello, ma una volta a Pechino non può mancare una visita alle attrazioni storiche: la Città proibita, piazza Tienanmen e la Grande muraglia, poco distante dal centro.
Il collegamento Finnair via Helsinki da Milano e Roma è proposto a partire da 489 € a/r** in Economy e da 1.799 € a/r** in Business.

 Le offerte Finnair non si fermano alle capitali asiatiche: la linea aerea di Babbo Natale non manca di proporre a prezzi speciali anche le classiche destinazioni finlandesi, dove la neve e l’atmosfera natalizia sono protagoniste fino alla primavera inoltrata.

Helsinki, da Milano: a partire da 209 € a/r**.
Rovaniemi, da Milano: a partire da 289 € a/r**.
Helsinki, da Roma: a partire da 219 € a/r**.
Rovaniemi, da Roma: a partire da 299 € a/r**.

Biglietti in vendita fino al 9 aprile per voli dal 25 marzo al 31 luglio 2015 per Helsinki e dal 10 aprile al 31 luglio 2015 per Rovaniemi.

*Per maggiori dettagli sulle condizioni, le destinazioni e sui periodi di validità delle offerte visitare il sito www.finnair.it.
**Tariffe tasse incluse, soggette a restrizioni e disponibilità, posti limitati. La compagnia si riserva di modificare i termini dell’offerta senza preavviso.

Finnair
Finnair vola attraverso Asia, Europa e Nord America con rapidi collegamenti via Helsinki, trasportando oltre nove milioni di passeggeri all’anno e connettendo 15 città asiatiche con più di 60 destinazioni in Europa.

Pioniere del volo ecosostenibile, Finnair sarà il primo vettore europeo a operare con gli ecologici Airbus A350 XWB di ultima generazione e ha i punteggi più alti a livello mondiale nel Carbon Disclosure Project. Unica compagnia aerea nordica a poter vantare un punteggio Skytrax di 4 stelle, Finnair ha anche vinto il World Airline Award come Miglior Compagnia del Nord Europa negli ultimi cinque anni consecutivi. Finnair è membro oneworld, l’alleanza delle compagnie leader a livello mondiale nel garantire ai viaggiatori internazionali i più elevati standard di servizio e di comfort.

DANIMARCA COPENAGHEN : SCONTI OFFERTE PER LE DONNE SINO A SETTEMBRE

TUTTO E’ POSSIBILE A COPENAGHEN.

PRIMO: tranquillità e sicurezza, ma anche uno spuntino gourmet e veloce al mercato coperto Torvehallerne: 60 bancarelle  offrono dal pesce e carne freschi al cioccolato per intenditori e spezie…

In occasione del centenario dell’emendamento alla costituzione danese che nel 1915 sancì il diritto al voto e l’eleggibilità delle donne, fino al 1 settembre le donne che prenoteranno un weekend presso il più blasonato dei 2 alberghi, Hotel Kong Arthur riceveranno non solo l’ingresso all’annesso centro benessere Ni’mat SPA, ma anche il noleggio gratuito di 2 biciclette per l’intero soggiorno, in maniera da poter girare liberamente la città come fanno le copenaghensi.

La capitale danese ha molto da offrire al pubblico femminile, dalla tranquillità e sicurezza di una cittadina provinciale, alla ricca vita culturale e notturna vivace di una metropoli cosmopolita, dai negozi eleganti e sfiziosi allo shopping più curioso.
Per le amanti dello shopping consigliamo di non fermarsi solo allo Strøget, il corso pedonale che attraversa il centro da Rådhuspladsen a Kongens Nytorv. Dopo aver visitato e fatto shopping da Illum percorrete le strade laterali. Noi, infatti le amiamo tutte le strade di Copenaghen. Con il loro fascino e gusto deciso. Nel centro della città ci piace passeggiare lungo Stræderne con la sua atmosfera rilassata, piccoli negozi e case storiche.

Per lo shopping artistico o un calice di vino o un cocktail andiamo a Vesterbro. Il Meatpacking District è ottimo sia per pranzo sia per una serata in allegria. Immaginatevi una zona artistoide, creativa con molti giovani e di grande atmosfera. Lo stesso si può dire per Istedgade, una volta zona a luci rosse, dove ora si trovano negozi particolari. Non perdetevi Nørrebro.

Quartiere colorato e rilassato. Fate acquisti nei negozietti degli artigiani locali a Elmegade e Jægersborggade, e non dimenticate di provare i ristoranti di qui.

Se cercate qualcosa di più elegante le vostre vie sono Østerbrogade e Gammel Kongevej. Qui vi attendono gastronomie, meravigliosi abiti e tante prelibatezze.

Al seguente link trovate ulteriori informazioni e suggerimenti per fare dell’ottimo shopping a Copenaghen: http://www….

Il quartiere di Nørrebro, dove si trovano sia l’Hotel Kong Arthur sia l’Ibsens Hotel, originariamente un quartiere operaio e multi-culturale, oggi, grazie al rinnovamento urbano, alle migliorate condizioni economiche e alle nuove linee di pensiero tendenti al recupero, si è trasformato in un luogo di tendenza pulsante di vita e cultura.

Qui è possibile fare lo shopping più curioso e trascorrere anche qualche ora piacevole sedute a uno dei tanti locali della zona.

Anche se l’area è oggi una delle zone più cool di Copenaghen, il quartiere non ha perso la sua autenticità – è ancora diversa, colorata e alla moda.

Per uno spuntino veloce fate un salto al mercato coperto Torvehallerne, dove troverete oltre 60 bancarelle che offrono dal pesce e carne freschi al cioccolato per intenditori e spezie di tutti i tipi, come anche posti dove poter mangiare un boccone preparato al momento.

Dopo una giornata intensa fra shopping e giri per le strade della capitale alla scoperta dell’anima della città vi suggeriamo di rilassarvi nella lobby del vostro Hotel Kong Arthur, dove tutti i giorni tra le ore 17 e le 18 per la cosiddetta “cozy hour” servono un stuzzichino come aperitivo per distendervi e prepararvi alla serata che vi attende a Copenaghen.

OFFERTA speciale: all inclusive a partire da DKK 561 per persona al giorno in camera doppia
• 2 pernottamenti
• ricca colazione a buffet con ingredienti prevalentemente biologici
• Un buono all’annesso centro benessere Ni’mat Spa
• 2 biciclette a noleggio per l’intero soggiorno

Codice di prenotazione: WE4WOMEN

Per prenotazioni e maggiori informazioni
Arthur Hotels

Hotel Kong Arthur
Nørre Søgade 11
1370 Copenaghen K kongarthur@arthurhotels.dk

VIAGGIO IN TAILANDIA

Aorchidee ok6jpg

 VACANZE IN ECONOMIA?   TAILANDIA:  SORRISI, BUONA CUCINA, ARTE

MILLENARIA, SPIAGGE E FORESTA VERGINE.

PIU’ SOTTO NUOVE INFO SULE ISOLE PIU’ INCONTAMINATE.

Bangkok non è solo templi e un traffico terribile, ma anche il meglio dello street food(a Chinatown). Il consiglio è di usare le barche per i trasferimenti, così si evita il caos del traffico.

Per un giro in barca rivolgetevi a Chao Phraya Express, uno dei più efficienti modi per esplorare la città, vedere le case sui canali e i templi. www.chaophrayaexpressboat.com

DORMIRE: Nuovo City Hotel, www.nuovocityhotel.com , da 58 euro la doppia con colazione thai o europea,Si trova sulla sponda opposta del canale rispetto alla via: Khao San Road. A piedi per i ristoranti, ma abbastanza lontano per non sentirne i rumori.

Per mangiare spendendo pochissimo; Collettivo agricolo Or Tor Kor market; è il regno dei fanatici del cibo, con tonnellate di pece, carne, frutta e vegetali. Eccellenti i succhi di frutta. Eccellente il cibo pronto, indirizzo: Th Kamphaeng Phet.

—–

Bangkok per mangiare in uno dei migliori ristoranti al mondo: 

-Nahm di Bangkok conquista il premio come miglior  ristorante asiatico e si posiziona in 13° posizione 2014 nel The World’s 50 Best Restaurants

Gaggan,  Bangkok, è 17°  nella The World’s 50 Best Restaurants e ottiene The Highest New Entry Award, riconoscimento che premia la migliore new entry in classifica.

—–

 A Chinatown fermatevi da Nay Mong per la hoi tortostriche fritte co uova per poco più di 2 euro, poi andate da Khruna Phornlamai per gli spaghetti di riso con pesce (a circa 2 euro Th Plaeng Nam).

Se volete “spendere”, la vista vertiginosa dal Red Sky, al 55° piano del Centara Grand Hotel è indimenticabile. Vi è anche un Top-restaurant e sala cocktail, drinks da 10 euro. www.centarahotelsresorts.com

Un indirizzo lussuoso per mangiare: Bo.lan, il ristorante dedicato allo slow food in un paese dello street food è quasi una rarità.  Cucina classica Thai piatti da 7 euro in su. www.bolan.co.th

Potete dormire al Nuovo City Hotel: camere  moderne, fantastica colazione Thai ed Europea, posizione centrale, sul canale di fronte a Khoa San Road (abbastanza vicino per raggiungere a piedi i ristoranti, ma abbastanza lontano per non essere disturbati di notte dai frastuoni della città. c.a. 50 euro per 2 persone: www.nuovocityhotel.com

Un indirizzo economico per dormire: Lamphu Tree Hause, le camere sono pannellate di legno, eccellente e quieto, situato nella zona dei canali, un rilassante roof-top bar aggiunge valore alla scelta. Camere da 10 euro; indirizzo: Th Kamphaeng Phet.

Mediamente caro per gli standard tailandesi l’hotel The Eugenia, ambiente coloniale, le stanze sono arredati con pezzi di antiquariato. Camere da 120 euro. www.theeugenia.com

Lusso al AryasomVilla, un albergo del 1940 perfettamente ristrutturato, camere in stile classico-Thai-designo,  spa, piscina, da 150 euro. www.ariyasom.com

Il cibo nella cultura tailandese è un importante rito fatto di contrasti e profumi. Se siete curiosi qui è possibile avere esperienze gastronomiche molto interessanti, numerose le scuole di cucina; il tutto anche a buon prezzo.

Il cibo di strada può sembrare poco sicuro dal punto di vista igienico, in realtà dovete pensare che la cottura è il miglior disinfettante. L’importante è che mangiate cibo ben cotto, mai semi-crudo, soprattutto per pesce e carni di pollo. Qui alcune famiglie cucinano da intere generazioni.

 Se amate la storia e la natura non perdetevi SUKHOTHAI, l’antica capitale a 450 km a  nord di  Bankok, attraversando le  risaie della Tailandia centrale.

Al centro di un Parco Nazionale, un Budda con un’unghia ricoperta da chili di oro offerti dai credenti. Intorno. un museo, 200 templi e stagni ricoperti di fiori di loto. Ottimo un giro in bici, che costa c.a. 17,50 euro al giorno. (Più sotto, verso la fine dell’articolo, trovate altre precisazioni)

DORMIRE: Legendha Sukhothai www.legendhasukhothai.com bungalow in legno sul canale, 47 euro la doppia con colazione, dotati di ogni confort, piscina compresa.

——————————-

NUOVA ESPERIENZA CERCANDO ISOLE O PARTI DI ISOLE-SOIAGGE , PIU’ INCONTAMINATE.

TAILANDIA PERCHE’ IL VOLO COSTA MENO DI ALTRE DESTINAZIONI VICINE E SI POSSONO ABBINARE MARE E CULTURA; FANTASTICA LA CUCINA !
Hua Hin è una località balneare di 85,000 abitanti, Golfo della Thailandia nord-occidentale, a c.a.200km a sud di Bangkok: è definita la spiaggia della capitale e non mancano i grandi grattacieli sulla spiaggia.
Hua Hin e Cha-am: grandi e belle spiagge.
Alcuni preferiscono questa destinazione a Bali.
L’atmosfera anche qui è molto rilassata l’offerta di servizi è molto grande.
Hua Hin è un buon punto di partenza per le escursioni alla volta dei parchi nazionali della provincia di Prachuap Khiri Khan, come: Sam Roi Yot National Park e il Kui Buri National Park.
Abitata dal 1834 da alcune famiglie contadine che vi fondarono un piccolo villaggio sulla spiaggia, chiamandolo Samore Riang.
All’inizio del ‘900 la linea ferroviaria la collegava a Bangkok con e al sud del Regno.
Nel 1921, il Principe Purachatra vi costruì il primo hotel di lusso, il Railway Hotel, direttamente sulla spiaggia, ma non lontano dalla stazione (oggi si chiama Centara Grand Beach Resort & Villas Hua Hin): il successo fu immediato.
Re Prajadhipok (Rama VII) decise di costruire a Hua Hin la propria residenza estiva, chiamata poi Wang Klai Kang Won.
Il palazzo è ancora oggi la residenza preferita da Re Bhumibol Adulyadej (Rama IX).
Hua Hin gode di un clima tropicale, le temperature variano da 21°C a max. 33°C; le stagioni sono 4:
-la stagione più calda va da marzo a maggio (con temperature diurne anche oltre i 33°C);
– la stagione umida: giugno-settembre (temperature diurne: 31-32°C con temporali nelle ore serali);
-la stagione delle piogge: ottobre e novembre con piogge anche molto violente (15 giorni piovosi al mese anche con fortissimi temporali).
DICEMBRE-FEBBRAIO, IL MEGIO: la stagione fresca: dicembre, (temperature medie più basse) – febbraio (minime di 20-21°C, massime 31).

DA BANGKOK: Hua Hin la si raggiunge con un minibus: partenza da Victory Monument Square; durata di circa 2 ore (180km); partenza al Southern Buses Terminal

ATTENZIONE ABBIAMO AVUTO SEGNALAZIONI DI GAS SOPORIFERI INSERITI NELL’ARIA CONDIZIONATA DEI BUS IN ALCUNE DESTINAZIONI, TENETE SOLDI E PASSAPORTI NELLE CINTURE PORTA DOCUMENTI O COMUNQUE SOTTO I VESTITI. CHIUDETE I BAGAGLI CON UN LUCCHETTO SICURO.

IN TRENO; partenza: stazione ferroviaria Hua Lumphong si deve prenotare la la tratta Bangkok-Hua Hin, circa 190km lungo la Southern Line; (la linea ferroviaria prosegue fino a Butterworth in Malesia). Il tragitto in treno dura 4 ore.

TAXI: in taxi dall’aeroporto alla stazione di bus ad Ekkamai per prendere il bus classe C per HUA-HIN.Viaggio molto rumoroso di 4 ore.
Guest house Fat Cat Guest House; dal sito huahinafterdark.com; pulizia e camera ok.

ESCURSIONI: Kao Takiab Mont e villaggio di pescatori con bel monastero fronte oceano e visita al parco di SamRoyYot.
Phra Nakhon Khiri Park, residenza museo dei re e l’immenso parco.
Piccolo tour di un giorno: Khao Luang Cave monastero , cascate di Pala U , Lat Patou temple e Khao Thao Temple.

SEMPRE: Barattate il prezzo.

Khao Yay National Park, riserva naturale di 2540 Km, comprende 4 province, con oltre 350 specie di uccelli e rettili, e animali allo stato libero: macaki, gibboni,tucani ed elefanti, si può campeggiare o dormire nei lodge, bellissimi.

KOH KOOD; ecco la Thailandia di 30 anni fa. : foresta intatta mare pulito con piccole e grandi spiagge, un sistema di strade comode attraversa l’isola. A VOLTE LA STRADA PUO’ ESSERE IMPERVIA: GUIDARE CON CAUTELA, IL TRAFFICO E’ POCO.
www.thebeachkohkood.com, 2000bath bungalow ben tenuto e pulito, personale molto gentile
La possibilità di alloggi, qualità prezzo,, rinunciandoalla prima linea sul mare si trova dai 500bath in su in nuove strutture.
Bang bao beach è una bellissima baia: mare calmo e trasparente, ma ci si arriva con uno sterrato attraverso la foresta; comunque giorno e di notte non ci sono problemi di spostamenti.
Motorino 300bath; 400nei resort, al centro dell’isola: 250.
Granchio al curry, i tiger prowns … dai 200 ai 400 bath in duecon a la birra.
Le spiagge sono sul lato occidentale e a sud dell’isola: ao prao beach è la più a sud; si raggiunge dopo un lungo tratto sterrato, presenti gruppi di russi.
Baia grande e deserta al di là dei resort
Altre baie grandi :Klong chao e Haad ta pho, bellissime.
Calette si raggiungono tutte attraverso la strada in cemento.
Le cascate possono non avere l’acqua dipende dalla stagione.
KOH MAK; mal tenuta.
ATTENZIONE SECONDO LA STAGIONE: l’acqua verdastra è una questione di venti e correnti, dipende dalle stagioni
www.kohmakresort.com, bungalow fan 1200bath a due passi dal mare, non ben tenuto, bella l’area massaggi e piscina; personale cordiale e disponibile. Spiaggia molto lunga per passeggiate
Dopo il Cococape resort si trova la white sand beach, baia deserta, ma le mareggiate si depositano rifiuti di ogni genere vetro rotto ovunque.
OTTIMO: Cinnamon resort, FANTASTICI I COLORI DELLA BAIA !!!
Esiste anche un locale ottimo sulla strada che porta al porto grande per le merci.
ATTENZIONE: SENZA OLIO DICOOCO SARETE ASSALITI DALLE TERRIBILI SANDFLY ….pungono…

KOH WAY: molto piccola migliore resort: Coral beach.
Escursione giornaliera o soggiornarvi. Solo per relax e bagni in un bel mare.
Ottimi collegamenti su Trat ma solo con speed boat, prezzi dai 400 ai 700 bath.
Dalla Cambogia, ci si arriva velocemente in barca o in aereo da Bangkok(aeroporto circa 26 km dall’imbarco).
Novembre , purtroppo, non è un gran mese! Si può essere molto fortunati e prendere sole sempre ma….Novembre , purtroppo, non è un gran mese! Si può essere molto fortunati e prendere sole sempre ma….
—-
MARE ADAMANNE
ISOLA: koh jum piccola ma bella
L’isola di Jum si trova a circa 25 km da Krabi, in pieno mare delle Andamane.
Spiagge non fantastiche ma gente meravigliosa .
KO JUM ma non c’è luce e acqua calda; portare PILA !!! paradisiaca,a mezz’ora di barca da KO LANTA ( KO LANTA : SI ARRIVA CON VOLO INTERNO e si sbarca a KRABI, poi 2 ore di barca per Ko Lanta; con Thai si fa prezzo tutto insieme). WHiFi Ok no luce sulla spiaggia.

A KO LANTA ottimo Joy Bungalow vedi www.Kohjumonline.com

Fine novembre è considerata bella stagione(lato Andamane) ma può riservare sorprese; a Lipe è quasi sempre bel tempo. Bellissimo il tempo a febbraio.

koh lipe bella ; snorkeling dalle spiagge ma anche sulle isole circostanti, il meglio dello snorkeling è sulle piccole isola appena fuori Sunrise Beach: Koh Kra (di fronte alla scuola) e Koh Usen (davanti a bellissimo Resort).
-Sunrise Beach snorkeling ovunque.
Il periodo migliore per andare è l’alta marea, attenzione alle madrepore portare scarpette e pinne per correnti anche forti.
Sunset Beach
Spiaggia Sunset: snorkeling meglio con l’alta marea, per le madrepore affioranti
SOLO IN ALTA STAGIONE BARCHE DA KOH LIPE DA KOH LANTA, PHI PHI ISLAND, PUKET E ALTRE ISOLE MINORI
Da maggio a novembre le barche arrivano sulla spiaggia vicino alla scuola su Sunrise Beach (Hat Chao Ley). I conducenti di moto taxi sono ovunque.
Alcuni resort forniscono pickup agli ospiti, controllare sul il voucher di prenotazione.
Jum Island, conosciuta anche come Pu (Crab) Island è situata a circa 25 chilometri a sud di Krabi (Thailandia) : Mare delle Andamane.
Parte settentrionale montagnosa ( Koh Pu) piantagioni di gomma e quello giungla ; la parte meridionale (Koh Jum) abbastanza piatta con vegetazione: casuarina e palme.

Koh Jum: accogliente, tranquilla
Jum : alcune capanne molto semplici e bungalow di lusso.

Sul lato occidentale 6 bellissimi alloggi e spiagge poco affollate; tramonti mozzafiato.

TRAGHETTI stagione: 2013-2014 CONTROLLATE SU INTERNET EL VARIAZIONI.

I traghetti tra Krabi / Koh Jum / Koh Lanta solo lata stagione.

Le barche partono dalla principale Krabi Terminal appena fuori dal centro di Krabi.

 Lv. KLanta Arr. Ko Jum Arr. Krabi
08.30 9:15 10.30
Lv. Krabi Arr. Ko Jum Arr. KLanta
11:30 00:45 13:30

Traghetto da PHI PHI ISLAND DI KOH JUM Contattare il sig Non @ 084 850 6108 o il signor Tan @ 089 471 4851

 Lv. Koh Jum Arr. PP Isola
08:30 11.00
Lv. PP Isola Arr. Koh Jum
14:00 16:00
————-

ISOLA DI Ko Kut

Ko Kut è un’isola della Thailandia situata nell’arcipelago al confine con la Cambogia; il tempo è bello tutto l’anno, con rovesci di pioggia durante i mesi estivi. Koh Kood è influenzata dai monsoni nord-est e sud-ovest.
Il periodo migliore per una visita a Koh Kood è sicuramente: inizio novembre-fine di aprile.
Relativamente fresco, asciutto e abbastanza soleggiato.
Durante la stagione dei monsoni, Koh Kood merita una visita: non piove tutti i giorni e non tutto il giorno.
E’ tra le isole meno turistiche e più belle della Tailandia, si raggiunge con 2 ore di barca da  Laem Sok, pochi turisti.

Klong Chao: è considerata la più bella cascata di Koh Kood, grande piscina d’acqua dolce. Nascosta nella giungla è raggiungibile in barca da Resort Away e “The Hub” Activity Center.

Il villaggio di pescatori si trova a Ao Salad. Qui trovate: vita tradizionale e bellezze naturali. Tutti sono cordiali e felici di darvi il benvenuto. È possibile acquistare pesce fresco e soggiornare in alcune delle loro case per 300 baht / notte.

DINTORNI: Isole Koh Rang: “Koh Rang” o Rang Island è al largo della costa di Trad a circa 30 minuti di barca da Koh Kood.
L’area è comprende 6 isole; cioè Koh Tien, Koh Kra, Koh Thong Lang, Koh Rang Yai e Koh Rang Lek.
Molte sono popolari per lo snorkeling. Solo Koh Rang Yai e Koh Kra hanno una spiaggia adatta per il nuoto. Parco a Had Ao Cho Koh Rang Yai. L’ufficio del parco fornisce l’approvvigionamento idrico e servizi igienici per i campeggiatori.
La spiaggia migliore di Koh Rang Yai è San Chao Beach. Alla fine del lato orientale dell’isola, San Chao Beach ha sabbia fine e l’acqua è molto chiara. Da qui, si può andare a Koh Rang Lek, che è un altro punto buono per lo snorkeling.
Koh Mak: la terza isola più grande di Trad, Koh Mak: superficie: 13 chilometri quadrati, circondata da 8 isole minori.
————-
Terraferma sud ovest non lontano da Bankok Golden Pearl Beach Resort; bella spiaggia ventilatore direttamente sul mare 2.400.000 rupie tali per 10 notti dal 5 dicembre
308 Moo 5 T.Sriboya, Nuaklong, Koh Jum, 81130 Ko Jum, Thailandia

ALTERNATIVE IN TAILANDIA:
– PHUKET solo il sud est della penisola (a sud di Bangkok): una delle spiaggia più belle all’ora del tramonto è la spiaggia di Bang Thao; lunga 8 km, non affollata, in alcuni punti selvaggia, mare calmo. La zona è molto interessante; meriterebbe un soggiorno di DIVERSI giorni
-Phi Phi island: Phi Phi Relax Beach Resort : bungalow sulla spiaggia, fronte mare, piuttosto isolato, ottimo per relax.
KO TAO PICCOLA ROMANTICA BEL MARE; ISOLA A SUD DI BANGKOK: Beach Club by Haadtien 19/9 Moo 3, Haadtien (Shark Bay), Suratthani, Ao Thian Og, 84360 Ko Tao, Thailandia; mese di marzo 30gg Rp 40.059.105
—————–
PATTAYA
Pattaya: MOLTO TURISTICA, ma con qualche punto interessante: il mercato galleggiante , spettacolo al Tiffany cabaret show , shopping fra i vari centri commerciali e ottime mangiate economiche, sempre all’interno dei centri commerciali .
Comodi gli spostamenti in città usando i sorng-taa-ou taxi-comuni, 10 bath a persona e per tragitti più lunghi : 20bath; un’inezia !
Dall’aeroporto ottimo e economico l’ autobus dall’aeroporto: prenotabile in internet al sito www.belltravelservice.com, si pagano alla partenza del bus 200bath compreso transfer all’albergo da voi indicato.
PER PRENOTARE ALMENO LE PRIME 2-3 NOTTI: www.summerspringhotel.com
A Pattaya: tantissime agenzie per vari transfer. Per andare a Koh Samet con minivan e barca 350bath. Purtroppo qui GLI AUTISTI GUIDANO IN MODO SCONSIDERATO!

KOH SAMET
KOH SAMET: bel mare e belle spiagge.
Il soggiorno è ottimo per il relax , ma è anche una meta del fine settimana locale, quindi attenzione ai porti in albergo !
Dovete scegliere bene l’albergo e la spiaggia, altrimenti vi trovar invischiati in noiosi spostamenti quotidiani; le strade sono molto dissestate e scomode.
SOLO SE CAMMINATE VOLENTIERI: la spiaggia di ao thian ha dei sentieri per raggiungerla dal paese.
La spiaggia di ao phrao sul lato occidentale, si raggiunge con una passeggiata di30minuti ; bellissima !
SE NOLEGGIATE UN MOTORINO: attenzione e prudenza. ATTENTI AL PREZZO: costi motorino;  in albergo 400 bath una giornata, in paese 200.
DA EVITARE : le spiagge troppo a sud: costosi i trasferimenti sino a 500bath a tratta (normalmente sono 200) con strada dissestata; MA OTTIMA SCELTA PER CHI VUOLE ISOLAMENTO E TRANQUILLITA’
200bath : una specie di dazio di entrata nell’isola.(per la preservazione dell’ambiente, ma TROVERETE ANCHE: sporcizia e strade in pessime condizioni.
Cercate una barca che attracchi in paese se volete avere tutto a portata di mano quando arrivate.
Una buona sistemazione potete trovarla su www.vongdeuan.com, resort per soggiorni lunghi buono sconto; nella parte più tranquilla della spiaggia.
ATTENZIONE AI RISTORANTI SONO UNA FREGATURA: pesce vecchio e caro
Ottimo un piccolo baracchino con alcuni tavoli, a fianco alla sede della guardia forestale, qui mangiano i locali ; aperto solo: colazione e pranzo, NON per la cena.
Tansfer per Koh Chang: barca più minivan circa 400bath.
KOH CHANG: foresta incredibile ma mare deludente !!
ATTENZIONE: presenza di giovani alla vacanza da alcool, droga e music party serali, la spiaggia come cumulo di spazzatura !!!
Invasione di : plastica e bottiglie di birra vuote.
White sand beach: presenza predominante di russi e nord europei, acqua si presentava dal colore verdastro. TUTTE LE SPIAGGE RISERVANO SORPRESE NEGATIVE.
SE VOLETE FARE I TURISTI: cascate, trekking, ed escursioni a dorso di elefante.
www.bailanbeachresort.com, struttura nuova, piscina, buon rapporto qualità prezzo.
All’arrivo a Koh Chang trovate i sorng-taa-ou comuni che vi portano alle varie spiagge.
Koh Kood speedboat Kaibaie hut 900bath i passeggeri sono lasciati nel resort o nell’isola prescelta.

——————————-

AL NORD LE ANTICHE TRADIZIONI E GLI ABITI PIU’ COLORATI.  (Più sotto, verso la fine dell’articolo, trovate altre precisazioni)

PANG DAENG NAI: qui vive la tribù dei Palong.

813 km da Sukhothai verso nord. All’alba il sole fatica a penetrare la nebbia che avvolge le piotante di tek nella foresta.

La tribù dei Palong si sveglia sulle palafitte vicino al fiume a 80 km a nord di Chang Mai.

I Palong sono solo una delle numerose tribù che ancora vivono in centinaia di villaggi, ma sono di etnia nomade. I loro antenati hanno sempre vagato tra Birmania, Cina e India senza fissa dimora. A causa delle varie guerre si sono ritirati in questa zona ch soffre bambù rigoglioso, frutti spontanei del mango, banani, frutti della passione e terre fertili.

Qui le donne indossano ancora i costumi locali e tessono trame coloratissime e di grande pregio artistico-artigianale.

DORMIRE:

HMONG HILLTRIBE LODGE; www.hilltribelodge.com  65  euro la doppia in case di legno su palafitte. Qui organizzano anche trekking nella foresta.

Con TIGER TRAIL THAILAND www.tigertrailthailand.com organizza l’escursione da Chang Mai a 120 euro, a testa,  per 2 giorni (1 notte) tutto compreso.

NATURA ALLO STATO PRIMITIVO: KHAO SOK  (Più sotto, verso la fine dell’articolo, trovate altre precisazioni)

Sicuramente un viaggio impegnativo, ma che ben ripaga con la foresta ancora intonsa come doveva apparire ai primi uomini vissuti sulla terra.

cascata seych

Prima nuova destinazione: Grotta del Paradiso

Si tratta di uno straordinario sistema di grotte scoperto nel 2005 da una spedizione di speleologi e, finalmente!,  aperto al pubblico.

-Al suo interno si possono ammirare spettacolari formazioni rocciose. Situata nel cuore del Parco Nazionale di Phong Nha-Ke Bang, nel Vietnam centro-settentrionale e dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2003, è considerata la caverna asciutta più lunga del mondo (31 km), ma solo alcune centinaia di metri sono accessibili ai visitatori.

FIORI ORCHIDIMG_1396

TRAT: seconda nuova destinazione.

ESOTICO ridotto spiaggia oceano palme

La provincia di Trat, sud est, al confine con la Camboglia, diverse ore di bus da Bankok; visitabile in giornata.

ESOTICO PANORAMI TRAMONTO PALMA H

VIETNAM FORESTE MONTI IMG_5372

Koh Chang: periodo migliore da dicembre a marzo, la stagione secca va da novembre a maggio (aprile e maggio sono mesi molto caldi).

Qui la malaria esiste tuttora: ottimo l’ OLIO DI COCCO COME REPELLENTE.

KOH KUT; bellezza naturale, intatta, con spiagge stupende, fitta foresta e belle cascate.

Da Ao Khlong Phrao alle ISOLE PIU’ LONTANE:  fantastiche  per lo SNORKELLYNG

Koh Chang: spiaggia di Hat Sai Kaew qui itrovate sentieri per la foresta, abbigliamento adeguato; non è raro incontrare serpenti velenosi.  Domandare agli abitanti del luogo o al personale del bungalow per  una guida. Koh Chang è una grande isola:  buon metodo per vederne una discreta parte sono una moto o una bicicletta. Bagno in acqua dolce:  una buona soluzione è quella di visitare una delle molte cascate dell’isola.

Koh Wai fa parte del parco marino di Koh Chang. Isola molto piccola a sud di Koh Chang, circondata dalla barriera corallina e da una fauna sottomarina che è la migliore di tutto il litorale orientale. Perfetta se cercate un’isola per la  contemplazione della natura, l’acqua turchese e belle spiagge contornate da palme. Koh Wai è molto frequentata nell’alta stagione; può essere difficile trovarvi un bungalow libero.

Koh Mak. Uno dei maggiori problemi dell’isola sono le mosche della sabbia, e’ consigliabile dormire su un amaca piuttosto che sulla spiaggia. Le zanzare non sono un grosso problema, ma il rischio di contrarre la malaria non può venire sottovalutato.

ESOTICO RIDOTTO fior

La provincia di Trat.

La provincia di Trat si trova all’estremo est della regione orientale della Thailandia, include numerose belle isole al largo della costa occidentale del Golfo di Thailandia.

-Confina con la provincia di Chantaburi ad ovest ed a nord e con la Cambogia ad est.

-La catena montuosa di Khao Banthat si estende lungo molta parte del lato orientale creando un confine naturale, comunque non invalicabile:  migliaia di rifugiati fuggirono da qui dal terrore e dai massacri durante il regime di Pol Pot nella vicina Cambogia.

-La regione sul lato cambogiano del confine fu per lungo tempo una roccaforte dei Khmer Rossi per le vaste risorse naturali in gemme e legname; poi contrabbandate in Thailandia.

Il valico di frontiera tra Hat Lek (Tailandia) e Ko Kong (Cambogia) è ufficialmente chiuso ai i turisti stranieri, ma lo si può attraversare per sia per escursioni giornaliere sia per viaggi più lunghi in territorio cambogiano.

spiaggia e mare

TRAT
Situata a circa 315 chilometri da Bangkok, Trat è raggiungibile con i bus che la collegano alla capitale in circa 5 ore e mezza.
La provincia di Trat ha un’area di 2800 kmq. ed è suddivisa nei distretti di Muang, Khao Saming, Leam Ngop, Khlong Yai, Bo Rai, e nei sottodistretti di Koh Chang e di Koh Kut.

LONDRA FIORI ORCHIDEE gIMG_6912

Trat è in forte sviluppo turistico, in passato fu molto nota per i suoi prodotti ittici e per le coltivazioni di frutta tropicale, rambutan, durian, krathon, ananas and sweet salak; la cui stagione di raccolto va da aprile a giugno.
In questi ultimi anni Trat è molto cresciuta turisticamente; soprattutto le decine di isole sparse nel mare del Golfo di Thailandia.
In città e nelle sue immediate vicinanze si trovano diversi punti di interesse turistico
La Residanggamport o Gamport Residence in Lak Muang Road: costruzione usata dai funzionari francesi quando occuparono Trat nel 1904, rimanendovi fino al 1907. Ristrutturata nel 1928 divenne un centro medico, ora abbandonato e pericolante.

Il Wat Buppharam: due chilometri dal centro di Trat; costruzione di oltre 200 anni, il wat contiene parti del periodo tardo di Ayutthaya. Merita di essere visitato se avete anche solo un paio d’ore da spendere.

Le cascate di Namtok Saphan Hin: 32 chilometri dal capoluogo; una valida alternativa al mare ed alle spiagge. Abbandonare la strada principale ed superare una base dell’esercito, quindi raggiungere, dopo 500 metri, l’area di parcheggio dove potrete trovare bancarelle con cibo e souvenir.

Le cascate si trovano risalendo il fiume per circa 500 metri. Zona aperta ai turisti dal 1989, dopo essere stata bonificata dalle numerose mine disseminate dall’esercito cambogiano.

Lombok 450 panorama esotico vb

Molte spiagge lungo il litorale di Trat non sono particolarmente belle, ma saranno quasi sempre tutte per voi; luogo ideale per accamparsi (portare con voi tutto ciò di cui avrete bisogno).

-Seguendo la strada che collega Trat con Khlong Yai, al chilometro 31, incontrate Hat Lan Sai. Il resort  su questa bella spiaggia offre bungalows con ventilatore a 300 THB e con aria condizionata a 700 THB = 22 dollari !!!.

Bungalows: piccoli, ma confortevoli. Il ristorante è discreto; menu da 50 THB a 100 THB.

Hat Sai Kaew, subito dopo il resort, ha ormai perso molto della sua originaria bellezza.

-Chilometro 41 si incontra Hat Sai Ngam, circa 500 metri dalla strada principale. Spiaggia non particolarmente bella, ma offre una buona vista panoramica delle isole al largo.
-Chilometro 43, si incontra Hat Paddodeng; primo segno della potenzialità dello sviluppo turistico della costa.  Bungalows a buon mercato costano 1200 THB: quattro persone.

-Chilometro 47: alcuni piccoli esercizi vendono bevande durante la stagione secca, molto frequentato da giovani thai per il campeggio.

-Circa un chilometro più avanti si trova il Museo della Croce Rossa di Khao Lan (Sala Ratchakarun). Questo era uno degli accampamenti dei rifugiati cambogiani ed ha ospitato fino a 10.000 persone.
LAEM NGOP: a 17 chilometri da Trat.
Laem Ngop: qui parte il traghetto per Koh Chang, Koh Mak e Koh Wai.
In città all’ ufficio di immigrazione  potrete facilmente estendere il vostro visto.

Il luogo offre poco, tranne alcuni seafood restaurants vicini al porto.
Il Koh Chang Yutthanawi Memorial commemora la battaglia navale contro i Francesi del 17 gennaio 1941. Qui si  vede anche una statua del Principe Chumphon, fondatore della Marina Militare Thailandese, e un museo delle attrezzature navali ed armamenti utilizzati nella battaglia navale di Koh Chang.

Gili Travangan spiaggia esotico 1c

I traghetti con trasporto auto partono da Ao Thammachat o dal Koh Chang Centre Point Landings per Ao Sapparot, nella parte nord di Koh Chang, dalle 7,30 alle 16,30: raggiungono l’isola in circa 30 minuti.

Sul traghetto possono venire imbarcate auto, moto… Se volete  noleggiare un veicolo e dirigervi verso Koh Chang, rivolgetevi ad un fuoristrada 4×4 a causa dello stato delle strade dell’isola.

I battelli per il trasporto dei soli passeggeri partono normalmente da Laem Ngop per Tha Dan Kao ogni ora dalle 08,00 alle 17,00. La traversata dura 45 minuti e la tariffa è di 50 THB per persona.

Sull’isola, è possibile proseguire con bus locali alla volta di Hat Sai Khao e di hat Kai Bae pagando 30 THB a persona.
Nell’alta stagione il battello continua la corsa fino a Hat Sai Khao (1,5 ore), Khlong Phrao (2 ore) ed Hat Kai Bae (2,5 ore).

Sia gli orari che i prezzi possono variare, quindi consigliamo di interpellare l’ufficio della Tourist Authority of Thailand (TAT) di Trat (Tel: 039-59725960 Fax: 039-597225).

Ban Nam Chieo si trova circa 8 chilometri dalla città lungo la strada Trat-Laem Ngop. Questo villaggio è conosciuto  per il Ngop Nam Chieo, un cappello tradizionale molto diffuso;  fatto con foglie di un particolare tipo di palma che cresce nelle mangrovie; tutt’ora usato dalla popolazione locale.

DCIM100GOPRO

KOH CHANG

Koh Chang fa parte del Laem Ngop – Koh Chang Marine National Park che si estende per 651 kmq. e che comprede ben 52 isole.
Koh Chang: il periodo migliore per visitare l’isola va da dicembre a marzo, mentre la stagione secca va da novembre a maggio.

Si Tratta della più grande isola della zona e seconda isola della Thailandia per dimensioni. Lunga circa 30 chilometri, ricoperta per il 70% di fitta foresta pluviale. Nel Parco Marino  si trovano anche le attività degli abitanti, la parte del nord dell’isola ed alcune isole più piccole sono usate per l’agricoltura e vi abbondano le coltivazioni dell’albero della gomma e della noce di cocco.

Quasi tutti i bungalows sono posizionati dietro la fila di alberi lungo la spiaggia; praticamente al limite della spiaggia.

Koh Chang è piuttosto montuosa; la vetta più alta raggiunge i 744 metri s.l.m..

Questi monti offrono panorami ineguagliabili e contribuiscono a frenare le perturbazioni in arrivo da sud lasciando parzialmente protette le spiagge più frequentate della costa occidentale dell’isola nella stagione invernale. Nei mesi estivi i temporali e gli acquazzoni sono molto frequenti.Il periodo migliore per visitare l’isola va da dicembre a marzo, mentre la stagione secca va da novembre a maggio.

Koh Chang era tranquilla e poco visitata, ma dopo alcune promozioni delle agenzie di viaggio di Khao San Road l’Hanno trasformata ed ora, nell’alta stagione, molte persone dormono sulla spiaggia a causa della mancanza di alloggio.

Koh Chang è un posto molto piacevole e facilmente visitabile da Bangkok in quanto è raggiungibile in un solo giorno. Tenete presente che nella bassa stagione molti resort e ristoranti sono chiusi e può  risultare difficile trovare una valida sistemazione.

ATTENZIONE:
A Koh Chang il rischio di contrarre la malaria esiste. Prendete le precauzioni necessarie: profilassi e vestiario adatto nelle ore notturne. Ottima precauzione, da adottarsi specialmente quando si e’ in spiaggia, è l’uso di olio di cocco.

Lungo la costa occidentale dell’isola si trovano diverse spiagge  strutture turistiche:
Ban Khlomg Son: piccolo villaggio di pescatori lungo la costa a nord-ovest dell’isola valido solo se volete stare lontano dagli altri turisti e se volete osservare le attività dei pescatori locali. Non vi è spiaggia, solo una grande baia con una grande casa costruita sopra l’acqua.

Per raggiungerlo:  girate a ovest all’incrocio tra Ao Sapparot e Hat Sai Kaew.

La spiaggia di Hat Sai Kaew: la sua sabbia è piuttosto scura, ma è una buona meta se cercate con poca fatica una buona sistemazione o un buon ristorante. Essendo la più grande spiaggia dell’isola, si trova disseminata di molti bungalows che costeggiano il mare per quasi tutta la lunghezza della spiaggia.

Ao Khlong Phrao è una spiaggia sottile e lunga: i resorts sono abbastanza distanziati l’uno dall’altro; generalmente più costosa rispetto alle altre parti dell’isola.

Le  isole vicine alla punta del sud della baia sono abbastanza buone per lo snorkelling. L’inizio della baia è a circa 4 chilometri di sud di Hat Sai Kaew. La baia e la spiaggia sono divise da un’insenatura non molto larga e profonda che può essere attraversata con una piccola barca.

La baia di Hat Kai Bae è la più piccola: con una stupenda vista panoramica delle piccole isole che si trovano di fronte. Rovinata dalle costruzioni, anche se meno di Hat Sai Kaew.

Qui è possibile trovare alloggi per ogni fascia di prezzo. Da qui si arriva alla stupenda punta sud dell’isola, il percorso è stretto e difficile, ma ben attrezzato con corde e ferrate.
E’ possibile praticare lo snorkelling intorno a tutta l’isola, ma i luoghi migliori sono intorno alle piccole isole più al largo. Quasi tutti i resort organizzano gite in barca verso le isolette più belle.

La  foresta pluviale di Koh Chang è ancora incontaminata, anche se molto accessibile. Con soli due minuti di cammino dalla spiaggia di Hat Sai Kaew potrete addentrarvi. Ci sono sentieri nella foresta e lungo le creste, ma la maggior parte di questi sono ricoperti dalla vegetazione a causa dello scarso utilizzo.
Raccomandiamo l’utilizzo di abbigliamento adeguato; non è raro incontrare serpenti velenosi. Potete chiedere agli abitanti del luogo o al personale del bungalow  indicazioni per i percorsi più vicini e più sicuri o una guida.

Koh Chang è una grande isola; meglio visitarla con una moto o una bicicletta.
La strada è chiusa tra Ban Khlong Son e Hat Sai Kaew ed asfaltata a Hat Kae Bae.
A sud di Kae Bae la strada diventa molto difficile, mentre uno stretto e più impegnativo percorso conduce a Ban Bang Bao.
Sul litorale orientale la strada è, in genere, molto buona fino a Ban Salek Phet, anche se, in caso di forti piogge,  si trasformano in pozze.
Il noleggio di una moto costa 400 THB al giorno o 60 THB all’ora.
Ottima la  mountain bike per la valle interna di Ban Khlong Son. Per arrivarci caricate la bici su di un songtheaw fino al passo a nord di Hat Sai Kaew, quindi girate a destra a Ban Khlong Son.
La valle offre dei bei panorami delle montagne e delle coltivazioni interne dell’isola. Il percorso dura 5 chilometri: un sentiero non molto largo ed abbastanza pianeggiante.

Presso l’ingresso delle cascate di Khlong Phlu, potrete salire sul dorso di un elefante e visitare tutta l’area delle cascate. Il tour dura circa 40 minuti e costa circa 250 YHB a persona.

Per un buon bagno in acqua dolce una buona soluzione è quella di visitare una delle molte cascate dell’isola.
Alcune di esse sono particolarmente accessibili:
Namtok Khlong Phlu, l’accesso a questa cascata si trova nel lato orientale della strada a metà da Khlong Phrao Bay (cercare l’indicazione vicino ad un negozio o ad un “noleggio” di elefanti) a circa 4 chilometri dal Hat Sai Kaew.
Dall’entrata del parco necessiterete di 30 minuti di cammino, ed altri 10 minuti per raggiungere il vero saltio alto delle cascate; è possibile andarvi in motocicletta dall’entrata del parco, ma dovrete attraversare piccoli ruscelli ed evitare gli elefanti.
La cascata è molto suggestiva; circa 40 metri in un grande laghetto, perfetta per nuotare ed è anche una fresca alternativa alla calda acqua del mare.
Namtok Che Mayom è una delle  più grandi cascate situate sul litorale orientale dalla strada che da qui conduce alla cima della montagna sovrastante da dove ammirerete uno splendido panorama. Qui si vedono  le iniziali dei Re Rama VI e VII che hanno lasciato  dopo una loro visita.
Poco più a nord di questa cascata, poco dopo il piccolo villaggio di Dan Mai, la strada conduce alla cascata di Namtok Nonsi. Questa cascata è seminascosta, è consigliabile  chiedere indicazioni in loco su come raggiungerla. A 3 chilometri da Ban Salakphet si itrovano le cascate di Khiriphet e di Khlong Nung: molto belle.

KOH WAI
Conosciuta come isola di corallo, Koh Wai fa parte del parco marino di Koh Chang.

L’isola è molto piccola, a sud di Koh Chang, è circondata da corallo e da fauna sottomarina migliore di tutto il litorale orientale. È un posto perfetto se cercate un’isola per la  contemplazione delle bellezze naturali ,dell’acqua turchese e delle belle spiagge contornate da palme.
L’isola è completamente priva di ogni forma di “vita notturna”, quindi le uniche attività praticabili sono nuotare, prendere il sole e raccogliere conchiglie, le stesse che possono venire praticate anche nelle altre piccole isole al largo di Koh Chang: la piccolissima Koh Lao Ya la più vicina, Koh Ngam a destra di Koh Chang ed infine Ko Mai un po’ più lontana.
L’isola è gestita privatamente da due famiglie, in questo modo il suo limitato sviluppo non ha alterato la sua immagine naturale.
Koh Wai è molto frequentata nell’alta stagione e può quindi essere difficile trovare un bungalow libero.

KOH MAK; uno dei maggiori problemi dell’isola sono le mosche della sabbia.
Koh Mak è una piccola isola (ma grande se confrontata con la maggior parte delle altre isole della zona) situata poco più a sud del confine del Parco Nazionale Marino di Koh Chang.
È quasi tutta di proprietà privata ed i suoi abitanti discendono tutti quanti da uno stessa stirpe. L’isola è molto pianeggiante e la maggior parte è occupata da piantagioni dell’albero della gomma o della noce di cocco. Le spiagge dal lato di sud-ovest e di ovest sono molto lunghe ed abbastanza tranquille. Nelle immediate vicinanze di Koh Mak si incontrano altre isole molto piccole delle quali solo due possono offrire qualche sistemazione per i turisti. L’isola è molto frequentata nell’alta stagione, per questo, vista anche la scarsità dell’offerta, può essere difficile trovare un alloggio nei mesi di maggior afflusso. Uno dei maggiori problemi dell’isola sono le mosche della sabbia, quindi e’ consigliabile dormire su un amaca piuttosto che direttamente sulla spiaggia. Le zanzare non sono un grosso problema, ma il rischio di contrarre la malaria non può venire sottovalutato, per questo vi raccomandiamo di prendere tutte le precauzioni del caso.
Gli alloggi sull’isola sono generalmente più cari rispetto alla media della zona, tuttavia esistono alcune sistemazioni adatte a viaggiatori con un budget limitato.

Lungo la costa sud-orientale vi sono un paio di guesthouses vicine all’imbarcadero.
La baia è abbastanza piacevole, ma spesso affollata e non ci sono spiagge degne di nota.
Nella costa occidentale vi è sicuramente la spiaggia più bella dell’intera isola; situata all’interno di un’ampia baia poco profonda che guarda verso Koh Kham. Appena oltre l’estremità meridionale della baia si trova Koh Pee, detta anche l’Isola dei Fantasmi in quanto antico luogo di sepoltura.
Il litorale sud-occidentale comprende la spiaggia più grande dell’isola che si estende per oltre 3 chilometri nell’ampia e bella Kathung Bay.
Buona parte della spiaggia è di natura corallina e nuotare in mare aperto può talvolta essere pericoloso.
Laem Tookata è la punta più occidentale dell’isola.

Un battello passeggeri parte tutti i giorni da Laem Ngop (Trat) alle 15 e riparte da Koh Mak alle 07:00. Il diaggio dura all’incirca 3 ore e mezza.

Ad ovest di Koh Mak sono degne di una visita le isole del Koh Kra group e di Koh Rang dove si possono ammirare splendide barriere coralline sia vicino alla costa che in acque più profonde.

WEBLondra-Kew-Gardens-fiore-arancio

KOH KUT;

bellezza naturale è intatta, con spiagge stupende, fitta foresta e cascate degne di essere visitate. Vi sono già diversi bungalows e molti operatori turistici, principalmente di Bangkok, hanno intenzione di costruire diverse strutture ricettive trasformeranno così l’isola, oggi intatta, in una copia di Koh Chang o di Koh Samet.
-Questa isola è considerata come l’ultima propaggine della provincia di Trat e dell’intera Thailandia.
Benché sia la seconda isola della zona in ordine di grandezza, la relativa mancanza di infrastrutture l’ha mantenuta quasi nel suo stato originale.
Pertanto la bellezza naturale è intatta, con spiagge stupende, fitta foresta e cascate degne di essere visitate.
Namtok Klong Chao è bellissimo camminare al suo interno sarà come essere in un vero paradiso naturale.
Purtroppo costruttori ed agricoltori stanno cercando di accaparrarsi grandi appezzamenti di terreno ed una vasta parte meridionale dell’isola è riservata alla Marina Militare.
Se desiderate vedere un’isola praticamente ancora perfettamente mantenuta e conservata vi consigliamo di visitarla al più presto.

Koh Kut ha un potenziale turistico enorme e, proprio per questo, sono molti coloro che intravedono cospicui e facili guadagni a scapito della bellezza e naturalezza dell’isola.

Normalmente le escursioni su quest’isola comprendono sia il trasporto che l’alloggio, così come accade per le altre isole di Koh Lao Ya e di Koh Ngam.
Alcune imbarcazioni possono essere affittate presso l’imbarcadero di Laem Ngop o contattando il Koh Chang Centre Point (Tel.: 039-538055, 039-538059).

             OKfiori-orchidea-verde

 images2

1 spiaggia a sud di Tangalle

COVER-ORCHIDEA-ROSA-VIOLA

ppppp

IL MEGLIO DELL’ARCHEOLOGIA TAILANDESE

Dopo aver visitato i templi di Bankok e fatto un giro con  la barca per vedere la città dall’acqua, suggeriamo di trasferirsi a Sukhothai, raggiungibile in 6 ore di viaggio in auto (482 chilometri).

Qui trovate il meglio delle rovine archeologiche della Tailandia.

Sukhothai   fu fondata nel 1238 e rimase capitale per 140 anni.

Lo stile delle pagode e dei templi è unico.

Potete visitare lo Sukothai Historical Park, diviso in 5 zone, anche con una bicicletta www.cycling-sukhothai.com , c.a. 18 euro per 1 giorno, l’entrata per ogni zona costa poco più di 2 euro. I templi sono più di 200, è molto impressionante il Buddha con le dita dei piedi grandi quanto un uomo.

Prima del parco è consigliabile visitare il Ramkhamhaeng National Museum, entrata a poco  meno di 3 euro.

Per dormire consigliamo il Legendha Sukothai; una serie di bungalow in legno, con camere sulla piscina e vicino al canale, bagni molto ampi. Da 50 euro la doppia, www.legendhasukothai.co

                                                                                                      IL MEGLIO DELLE TRADIZIONI LOCALI

Ibiscus-rosso-frastagliato

Chi fosse interessato a visitare le tribù delle colline scoprirà un mondo antico di usi e costumi fuori dal tempo. La distanza da percorrere in auto è di 800 chilometri per raggiungere Pang Daeng Nai. Vi si arriva attraversando foreste di teak e bambù, terrazzamenti coltivati a riso. Qui la vita procede tranquilla e serena secondo i ritmi della natura.

Su queste colline si incontrano tribù che furono, per secoli, nomadi attraverso la Cina, l’India e Il

Dopo aver visitato i templi di Bankok e fatto un giro con  la barca per vedere la città dall’acqua, suggeriamo di trasferirsi a Sukhothai, raggiungibile in 6 ore di viaggio in auto (482 chilometri).

Qui trovate il meglio delle rovine archeologiche della Tailandia.

Sukhothai   fu fondata nel 1238 e rimase capitale per 140 anni.

Lo stile delle pagode e dei templi è unico.

Potete visitare lo Sukothai Historical Park, diviso in 5 zone, anche con una bicicletta www.cycling-sukhothai.com , c.a. 18 euro per 1 giorno, l’entrata per ogni zona costa poco più di 2 euro. I templi sono più di 200, è molto impressionante il Buddha con le dita dei piedi grandi quanto un uomo.

Prima del parco è consigliabile visitare il Ramkhamhaeng National Museum, entrata a poco  meno di 3 euro.

Per dormire consigliamo il Legendha Sukothai; una serie di bungalow in legno, con camere sulla piscina e vicino al canale, bagni molto ampi. Da 50 euro la doppia, www.legendhasukothai.co

images

                                                                                       IL MEGLIO DELLE TRADIZIONI LOCALI: ANTICHI USI E COSTUMI.

La distanza da percorrere in auto è di 800 chilometri per raggiungere Pang Daeng Nai. Vi si arriva attraversando foreste di teak e bambù, terrazzamenti coltivati a riso. Qui la vita procede tranquilla e serena secondo i ritmi della natura.

Su queste colline si incontrano tribù che furono, per secoli, nomadi attraverso la Cina, l’India e Il

Dopo aver visitato i templi di Bankok e fatto un giro con  la barca per vedere la città dall’acqua, suggeriamo di trasferirsi a Sukhothai, raggiungibile in 6 ore di viaggio in auto (482 chilometri).

Qui trovate il meglio delle rovine archeologiche della Tailandia.

Sukhothai   fu fondata nel 1238 e rimase capitale per 140 anni.

Lo stile delle pagode e dei templi è unico.

Potete visitare lo Sukothai Historical Park, diviso in 5 zone, anche con una bicicletta www.cycling-sukhothai.com , c.a. 18 euro per 1 giorno, l’entrata per ogni zona costa poco più di 2 euro. I templi sono più di 200, è molto impressionante il Buddha con le dita dei piedi grandi quanto un uomo.

Prima del parco è consigliabile visitare il Ramkhamhaeng National Museum, entrata a poco  meno di 3 euro.

Per dormire consigliamo il Legendha Sukothai; una serie di bungalow in legno, con camere sulla piscina e vicino al canale, bagni molto ampi. Da 50 euro la doppia, www.legendhasukothai.co

 IL MEGLIO DELLA NATURA E DELL’AVVENTURA  IN TAILANDIA

COVER ANIMALI TARTARUGA OKOK

Khao Sok National Park; 2.200 chilometri da Chang Mai.

Kao Sok si trova a 2 ore di volo da Chang Mai con arrivo all’aeroporto di Phuket, poi altre 2 ore di auto verso nord, sulla strada 402 e 415 verso il sud all’interno della giungla.

Ci troviamo in una zona di caldo umido tropicale, il cui pesante clima è controbilanciato dal fascino della natura e dagli straordinari scenari panoramici.

La foresta è intatta da 160 milioni di anni, salvo le  zone dedicate alle piantagioni, e ci mostra come doveva apparire  il mondo all’uomo primitivo.

Ogni pianta è gigante, compresi i bambù.

Le orchidee nascono spontanee ovunque insieme ad altri bellissimi fiori,

oooo

Uccelli, anche molto rari, insetti, serpenti, scimmie, leopardi ed elefanti selvaggi vivono in un equilibrio naturale.

L’orchestra dei suoni della giungla è presente ovunque e ad ogni ora del giorno e della notte.

Qui vive Sak Chai Paelee,  il ranger del Cheow Lan Lake, un lago creatosi dopo la costruzione della diga Ratchaprapha, nel sud del Khao Sok National Park.

Sak Chai Paelee vive solo in una capanna su di una delle isole calcaree del lago con solo una radio come connessione al mondo. Con una gita in barca lo si può incontrare.  Ammette di soffrire, solo ogni tanto, di solitudine, ma dice anche di non sopportare il caos delle città e di volere vivere in questo luogo sino alla morte.

L’entrata al Khao Sok National Park si trova un miglio dalla strada 401, al 109° km.  L’ingresso costa 6 euro. www.khaosok.com

La diga Ratchaprapha Dam si trova ad un’ora a est dall’entrata del parco. E’ possibile affittare barche per visitare il lago o raggiungere un resort sull’acqua.

Dove dormire e mangiare: On The Lake, piccolo resort direttamente sull’acqua del lago. Per poterci dormire dovete essere accompagnati da una guida locale.  La via più semplice per questo genere di visite è un Tour Operator che organizzano da 90 euro per persona a notte. www.limestonelaketours.com

L’alternativa è dormire al Morning Mist Resort, una serie di bungalow di legno subito fuori dal parco, ma ancora nella giungla; camere da 20 euro, www.khaosokmomingmistresort.com

IL MEGLIO DELLE SPIAGGE, FUORI DALLE GRANDI ISOLE: KO HONG

Vulcani spenti di Lanzarote da una spiaggia dell'isola La Graciosa.

Ko Hong è una piccola isola di fronte a Krabi, nel Mar delle Adamanne.

Krabi ha un clima tropicale, caldo umido tutto l’anno, diviso sostanzialmente in due stagioni. Stagione calda:  gennaio-aprile, con temperature che arrivano a 33-34° in marzo-aprile. Stagione delle piogge:  maggio-dicembre,  piove quasi tutti i giorni, soprattutto la sera (fenomeni temporaleschi, anche molto intensi, della durata di un’ora).

Il meglio per visitare  Krabi va  dalla seconda meta di dicembre alla fine di maggio, ricordando il gran caldo di marzo e aprile.

Brasile-Pousada-da-Espera-Itacimin

Ko Hong si trova a 2373 chilometri dal Khao Sok National Park, le città di Karabi e di Nag Are sono a 2 ore di guida a sud di Khao Sok. Da qui l’arcipelago di Ko Hong è a un’ora e mezzo di barca.

AEREO:
Dal 1999 Krabi è dotata di un proprio aereoporto: l’Aereoporto Internazionale di Krabi (KBV); situato a 15 km. da Krabi Town, 40 km. da Ao Nang e 23 km. da Had Yao.
Krabi è raggiungibile da Bankok (BKK) in circa un’ora di volo; oltre alla capitale, Krabi è collegata con voli diretti da e per Kho Samui (USM), Kuala Lumpur (KUL) e Singapore (SIN). Compagnie aeree: Thai AirwaysAir AsiaBangkok Airways e Tiger Airways .

Krabi è raggiungibile da Bankok anche con autobus di linea. Partenza al Southern Line Buses Terminal a Bangkok, nel distretto di Taling Chan (nord Thonburi). Il viaggio ha una durata di circa 12-13 ore, si consiglia  di effettuare il viaggio con autobus dotati di aria condizionata (VIP con 24 o 32 posti a sedere).

Andando a Krabi, via terra per avvicinarsi alle  isole Andamane, ci si può fermare a Cha Am (pernottamento al Veranda Resort, Thai Style, piccolo moderno, sul mare del golfo della Thailandia),  Hua Hin è una città vicina e solo per turisti che cercano souvenir. Al mattino presto, da qui, si può partire  per un’escursione nel parco nazionale di Sam Roy Yot. Ci si imbarca da un villaggio di pescatori per  un promontorio e si deve camminare, quasi come scalare,  sino alla  grotta dove si incontra un tempio dedicato al Re Rama. L’atmosfera è magica, pare di essere all’interno di un vulcano, ma  tutto è verde e la luce, dall’alto, illumina il tempio creando un’atmosfera speciale.

Krabi ha molti ristoranti, i migliori si trovano sulla strada da Krabi ad Ao Nang; al Boat Noodle Restaurant chiedete la zuppa di spaghetti della barca (boat), piatti da 2 euro, Ao Nang Road n° 4203.

Ad Ao Nang si può dormire al Phu Pha Ao Nang Resort, chalet di legno, belle terrazze con vista sulle montagne. Il ristorante serve eccellenti piatti Thai e cucina orientale. Vi è un bus.shuttle per raccolgiere i clienti in città e portarli alle spiagge. Camere da 65 euro. www.phuphaaonangresort.com

Da Krabi con la barca si raggiunge Ko Hong. Ao Bo Lae è la spiaggia più bellacircondata dalla foresta vergine, purtroppo è molto conosciuta e molte barche di turisti vi approdano, ma ciò non intacca il suo splendore.

Il miglior modo per visitare le isole intorno è affittare una barca “long tail”, c.a. 50 euro al giorno, compreso il nocchiero. Da Ao Nahg (sulla terraferma) le barche veloci costano c.a. 250 euro al giorno.

Railay  (Rai Leh) è una delle isole a 40 minuti di barca veloce, con una splendida spiaggia con una caverna nascosta dalle scogliere. Questa caverna è sempre omaggiata dai locali con candele accese e fiori. E’ situata a sud di Ao Nang ed è famosa anche per gli appassionati di Rock Climbing (arrampicate sulle pareti rocciose); infatti dispone di vertiginose pareti alte sino a 200 mt sul mare. Ha anche due belle baie una a est e una a ovest, entrambe sono raggiungibili solo via mare dalla spiaggia di Ao Nangin in 20 minuti di barca”long tail” e dal nuovo Krabi Passenger Pier di Krabi Town.

Comunque se vi trovate a Krabi dovete fare almeno l’escursione di un giorno alle isole Ko Hong,  con il motoscafo veloce si possono visitare alcune  isole dell’arcipelago di  Ko Hong dove  il mare è sempre verde smeraldo, ci sono anche i varani, ma non è facile incontrarli.

Da Krabi può essere interessante il tour nella foresta vergine, anche se i 1257 gradini del Tiger Temple non sono adatti a tutti. Tutti, invece, possono apprezzare le rigeneranti sorgenti di acqua calda di Spring Water e L’Emerald Garden (la piscina nella foresta per i locali) dove si può percorrere un bel sentiero nella vegetazione.

Prima di arrivare a Bankok può essere interessante  fare una sosta a Singapore (volando con Singapore Airlines), una città che ha moltissimo da offrire, sicura e pulita come la Svizzera.EREO:
Dal 1999 Krabi è dotata di un proprio aereoporto: l’Aereoporto Internazionale di Krabi (KBV); situato a 15 km. da Krabi Town, 40 km. da Ao Nang e 23 km. da Had Yao.
Krabi è raggiungibile da Bankok (BKK) in circa un’ora di volo; oltre alla capitale, Krabi è collegata con voli diretti da e per Kho Samui (USM), Kuala Lumpur (KUL) e Singapore (SIN). Compagnie aeree: Thai AirwaysAir AsiaBangkok Airways e Tiger Airways .

Andando a Krabi, via terra per avvicinarsi alle  isole Andamane, ci si può fermare a Cha Am (pernottamento al Veranda Resort, Thai Style, piccolo moderno, sul mare del golfo della Thailandia),  Hua Hin è una città vicina e solo per turisti che cercano souvenir. Al mattino presto, da qui, si può partire  per un’escursione nel parco nazionale di Sam Roy Yot. Ci si imbarca da un villaggio di pescatori per  un promontorio e si deve camminare, quasi come scalare,  sino alla  grotta dove si incontra un tempio dedicato al Re Rama. L’atmosfera è magica, pare di essere all’interno di un vulcano, ma  tutto è verde e la luce, dall’alto, illumina il tempio creando un’atmosfera speciale.

Krabi ha molti ristoranti, i migliori si trovano sulla strada da Krabi ad Ao Nang; al Boat Noodle Restaurant chiedete la zuppa di spaghetti della barca (boat), piatti da 2 euro, Ao Nang Road n° 4203.

Ad Ao Nang si può dormire al Phu Pha Ao Nang Resort, chalet di legno, belle terrazze con vista sulle montagne. Il ristorante serve eccellenti piatti Thai e cucina orientale. Vi è un bus.shuttle per raccolgiere i clienti in città e portarli alle spiagge. Camere da 65 euro. www.phuphaaonangresort.com

Da Krabi con la barca si raggiunge Ko Hong. Ao Bo Lae è la spiaggia più bella, circondata dalla foresta vergine, purtroppo è molto conosciuta e molte barche di turisti vi approdano, ma ciò non intacca il suo splendore.

Il miglior modo per visitare le isole intorno è affittare una barca “long tail”, c.a. 50 euro al giorno, compreso il nocchiero. Da Ao Nahg (sulla terraferma) le barche veloci costano c.a. 250 euro al giorno.

Railay  (Rai Leh) è una delle isole a 40 minuti di barca veloce, con una splendida spiaggia con una caverna nascosta dalle scogliere. Questa caverna è sempre omaggiata dai locali con candele accese e fiori. E’ situata a sud di Ao Nang ed è famosa anche per gli appassionati di Rock Climbing (arrampicate sulle pareti rocciose); infatti dispone di vertiginose pareti alte sino a 200 mt sul mare. Ha anche due belle baie una a est e una a ovest, entrambe sono raggiungibili solo via mare dalla spiaggia di Ao Nangin in 20 minuti di barca”long tail” e dal nuovo Krabi Passenger Pier di Krabi Town.

Comunque se vi trovate a Krabi dovete fare almeno l’escursione di un giorno alle isole Ko Hong,  con il motoscafo veloce si possono visitare alcune  isole dell’arcipelago di  Ko Hong dove  il mare è sempre verde smeraldo, ci sono anche i varani, ma non è facile incontrarli.

Da Krabi può essere interessante il tour nella foresta vergine, anche se i 1257 gradini del Tiger Temple non sono adatti a tutti. Tutti, invece, possono apprezzare le rigeneranti sorgenti di acqua calda di Spring Water e L’Emerald Garden (la piscina nella foresta per i locali) dove si può percorrere un bel sentiero nella vegetazione.

ok più grande alba egitto

ALTRE ISOLE

Da Krabi e da Phuket si possono raggiungere diverse isole con i ferry, le barche longtail , o barche veloci.

Ko Lanta: una delle più grandi isole della zona, ha splendide spiagge sulla costa occidentale. Ban Ko Lanta è la città principale sul lato orientale, molte le case centenarie, ottimo il pesce nei ristoranti lungo il molo. Le spiagge più tranquille si trovano verso il sud. Da questa

ALTRE ISOLE

ok piccola pesci kenia

Da Krabi e da Phuket si possono raggiungere diverse isole con i ferry, le barche longtail , o barche veloci.

Ko Lanta: una delle più grandi isole della zona, ha splendide spiagge sulla costa occidentale. Ban Ko Lanta è la città principale sul lato orientale, molte le case centenarie, ottimo il pesce nei ristoranti lungo il molo. Le spiagge più tranquille si trovano verso il sud. Da questa isola  si può partire per la visita alle 15 isole del Ko Lanta Marine National Park.

Relax Bay: dove dormire a Ko Lanta, in bungalow di legno, vista mare, vicino a Hat Phra Ae (da 30 euro). www.ralaxbay.com Per raggiungere l’isola il meglio è l’aeroporto di Krabi da 10 euro, volo di 1 1/2 ora.

Ko Phi-Phi Don: qui si viene per seguire corsi di cucina Thai alla Pum Thai Cooking Schoool, da 10 euro al corso, www.pumthaifoodchain.com

Dove dormire: Mama Beach Residence, camere moderne, yoga, da 80 euro, www.mama-beach.com

Ko Hae: a poche miglia a sud di Phuket, è conosciuta come l’isola dei coralli per i  fantastici reef .

L’unico alloggio è il Coral Island Resort, semplici bungalows, qui il lusso è serenità e tranquillità, da 30 euro www.coralislandresort.com

Tour Operator: www.intrepidtravel.com da 1300 euro per 16gg Da Bankok,ChangMai, Isole Adamane viaggi in carrizze letto, pasti.

————

Prima di arrivare a Bankok può essere interessante  fare una sosta a Singapore (volando con Singapore Airlines), una città che ha moltissimo da offrire, sicura e pulita come la Svizzera.

ARTE MOSTRA A TORINO : Tamara de Lempicka

TAMARA DE LEMPICKA

Tamara de Lempicka arte viso f Tamara de Lempicka nudo arte Tamara de Lempicka viso colore bianco e bege TAMARA LEMPICKA

Torino, Palazzo Chiablese 19 marzo – 30 agosto 2015

La mostra dedicata a Tamara de Lempicka – dal 19 marzo a Torino presso lo Spazio mostre del Polo Reale – Palazzo Chiablese – presenta oltre 80 opere dell’artista, in un percorso tematico che presenterà al pubblico le opere più iconiche e note della Lempicka, ma anche di conoscere nuovi aspetti della sua vita e del suo percorso artistico.

L’esposizione è curata da Gioia Mori, promossa dal Comune di Torino ‐ Assessorato alla Cultura, dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dal Polo Reale di Torino e prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore e Arthemisia Group.

Come scrive la curatrice Gioia Mori: “Diversi sono gli aspetti evidenziati in questa nuova esposizione, dal taglio inedito, che presenta una Lempicka più intima e segreta, con alcune sorprese ancora custodite nei “mondi” di Tamara, una mostra da esplorare come se si viaggiasse in universi paralleli”, e dove è evidenziato il rapporto con i grandi fotografi della sua epoca, e lo studio costante dell’arte del passato, creando così attraverso la commistione di “antico” e “moderno” uno stile unico e inimitabile.

Ad accogliere il visitatore è la Ragazza in verde, eccezionale prestito del Pompidou di Parigi, il quadro che decreta il pieno riconoscimento ufficiale, acquistato nel 1932 dallo Stato francese per essere esposto nella sezione polacca del rinnovato Jeu de Paume.

Il percorso si apre con la sezione I mondi di Tamara de Lempicka: un’esplorazione attraverso tutte le case in cui ha vissuto tra il 1916 e il 1980, tra l’anno del suo matrimonio a San Pietroburgo e l’anno della morte a Cuernavaca.

I luoghi sono messi in relazione con la sua evoluzione artistica: dagli acquerelli del periodo russo, alla ritrattistica degli anni Venti realizzata nei suoi ateliers parigini, alle opere dipinte a Beverly Hills nella grande villa coloniale di King Vidor progettata dall’architetto Wallace Neff, a quelle degli anni Quaranta che rispecchiano gli arredamenti e il gusto della casa di New York.

Questo sguardo nell’intimità delle sue stanze esplora anche i mondi culturali di riferimento, facendo emergere inediti rapporti, come quello tra il dipinto Strada nella notte e le foto di Kertész e Brassaï, che restituiscono la medesima stupefazione di questi rifugiati dall’Europa dell’Est nella città “delle luci”, per tutti loro luogo di elezione.

La seconda sezione, Madame la Baroness, Modern medievalist, prende il titolo da un articolo dei primi anni Quaranta uscito negli Stati Uniti, dove si parlava del suo virtuosismo tecnico espresso soprattutto nelle nature morte, primo genere in cui l’artista si cimenta fin dall’età adolescenziale e che raggiunge livelli eccelsi negli anni Quaranta.

Tra le opere esposte, La conchiglia uno straordinario trompe‐l’oeil del 1941, e alcuni dipinti dedicati alle mani, in cui la Lempicka riprende un soggetto al quale alcuni fotografi – Kertész, Kollar, Dora Maar ‐ avevano dedicato particolare attenzione negli anni Venti‐Trenta, qui messi a confronto con i quadri.

La terza sezione, The Artist’s Daughter (titolo di un articolo americano del 1929), presenta quei dipinti dedicati alla figlia Kizette che le portarono i maggiori riconoscimenti: tra le opere esposte, Kizette al balcone, premiato nel 1927, e La comunicanda, premiato nel 1929, prestiti del Pompidou e del museo di Roubaix.

Donna dalla natura ambivalente, a una condotta trasgressiva coincide un’insospettabile attenzione per la pittura “devozionale”:

— Madonne e santi, sono i dipinti riuniti nella quarta sezione, Sacre visioni: dalla Vergine col Bambino del 1931, del Musée des Beaux‐Arts di Beauvais, alla Vergine blu del 1934 di collezione privata, a un d’après della Sibilla libica, sacra figura pagana, ripresa dalla Cappella Sistina di Michelangelo, al quadro preferito dalla Lempicka, La madre superiora del museo di Nantes.

La quinta sezione, Dandy déco, racconta il costante rapporto della Lempicka con il mondo della moda, nato già nel 1921 quando faceva l’illustratrice per alcune prestigiose riviste.

Qui si trovano molte delle più note icone della Lempicka, da Le confidenze del 1928, alla Sciarpa blu del 1930, allo straordinario Ritratto di Madame Perrot con calle del 1931‐1932: tutti gli abiti indossati dalle modelle di queste opere sono stati identificati da Gioia Mori come desunti da vere creazioni di moda, realizzate dagli stilisti preferiti della Lempicka, da Lucien Lelong a Marcel Rochas alla Maison Blanche Lebouvier.

La ricchissima sezione della moda presenta anche le foto realizzate per un’attività parallela svolta dall’artista fin dagli anni Trenta: quella d’indossatrice, immortalata dai massimi fotografi di moda, da d’Ora a Joffé a Maywald. Inoltre, la sua “cultura dell’apparenza” ‐ che ne fa la massima espressione di dandysmo declinato al femminile dell’epoca déco ‐ è riassunta in uno spazio allestito come una “vetrina del lusso” anni Trenta, un tripudio di cappelli firmati Descat, Schiaparelli e altri stilisti, e gioielli di Cartier, Van Cleef & Arpels, Mauboussin: ovvero, quegli “accessori” indispensabili per l’eleganza di allora, provenienti da importanti collezioni private.

Nella sesta sezione, Scandalosa Tamara, si affronta il tema della Coppia: da quella eterosessuale ripresa dal Bacio di Hayez, qui esposto in una versione ad acquerello prestata dalla Veneranda biblioteca ambrosiana di Milano, messa a confronto con un d’après della Lempicka, alle coppie lesbiche messe in relazione con alcuni documenti fotografici di Brassaï e Harlingue sui locali per sole donne dell’epoca.

Campeggia in questa sezione il dipinto La prospettiva del 1923, prestito del Petit Palais di Ginevra, primo quadro apprezzato e citato dalla critica del tempo.

La settima sezione – Le visioni amorose – racconta attraverso eccezionali nudi la delicata attenzione riservata a uomini e donne da lei amati: in mostra, l’unico Nudo maschile da lei dipinto, e poi tutte le donne desiderate, con capolavori come La sottoveste rosa, La bella Rafaëla, Nudo con edifici, Nudo con vele.

Per la prima volta si espone anche la principale fonte pittorica dei suoi nudi: il dipinto Venere e Amore di Pontormo, in una versione cinquecentesca di manierista fiorentino. Dalla ripresa dell’antico la Lempicka approda allo studio della moderna fotografia di nudo: gli scatti di Laure Albin Guillot e Brassaï rendono evidente la sua ricerca sulle pose e sull’illuminazione da studio fotografico.

Un viaggio dunque articolato, approfondito, affascinante, suggestivo: tutto questo propone la nuova mostra dedicata a Tamara de Lempicka, simbolo di eleganza e trasgressione, indipendenza e modernità.

 

ORARI e INFOLINE

LUN 14.30 ‐ 19.30 | MAR, MER, VEN, SAB, DOM 9.30 ‐ 19.30 | GIO 9.30 ‐ 22.30
Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura.
Informazioni e prenotazioni 011.0240113 | http://www.mostratamara.it | http://www.ticket.it/tamara

INGRESSO ALLA MOSTRA

€ 13,00 INTERO (audioguida esclusa) € 11,00 RIDOTTO (audioguida esclusa)

Catalogo 24 ORE Cultura

Uffici stampa
24 ORE CULTURA ‐ GRUPPO 24 ORE
Stefania Coltro | s.coltro@gmail.com | M. +39 349 6108183 Michela Beretta | michipress.mb@gmail.com | M. +39 333 1749021

ARTHEMISIA GROUP

Adele Della Sala | ads@arthemisia.it | M. +39 345 7503572 Anastasia Marsella | am@arthemisia.it | M. +39 06 69380306

Barbara Notaro Dietrich | b.notarodietrich@gmail.com | M. +39 348 7946585

Comune di Torino

Luisa Cicero | luisa.cicero@comune.torino.it | M. +39 346 2356935

Segretariato Regionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per il Piemonte

Paola Cremilli, Maria D’Amuri | dr‐pie.comunicazione@beniculturali.it | T. +39 011 5220409

CORSA AL FEMMINILE : THE COLOR RUN ASUS – SHINE 2015 Otto le tappe italiane

RITORNA THE COLOR RUN by ASUS – SHINE 2015
Otto le tappe italiane della corsa più allegra del pianeta!
Fiona May testimonial d’eccezione

Tutto pronto per l’edizione 2015 di THE COLOR RUN oggi presentata in via Solferino dalle dj di Radio 105, Kris&Kris.

Per il terzo anno consecutivo RCS Sport – RCS Active Team, in media partnership con La Gazzetta dello Sport, organizza l’edizione italiana di una delle più famose funrace al mondo. Otto le tappe previste per la corsa non competitiva su un percorso di 5km: Torino il 16 maggio, Firenze il 23 maggio, Trento il 6 giugno, Trieste il 20 giugno, Genova il 27 giugno, Bari a luglio, Rimini il 1 agosto e Milano il 12 settembre.

Nata negli Stati Uniti nel 2012 come un evento per promuovere il benessere psicofisico e una certa idea di felicità, ispirata alla festa indiana dei colori “Holi”, oggi THE COLOR RUN è presente in oltre 30 Paesi nel mondo, con più di 320 eventi, e ha raccolto la partecipazione di 1,9 milioni di persone nel solo 2014.

“Al di là dei numeri, sono le emozioni e i colori a rendere unica questa corsa. – introduce Andrea Trabuio responsabile dei Mass Event per RCS Sport – Un evento che si svolge in un contesto ricco di musica e allegria; 5 chilometri di vera e propria festa, in cui non è necessario realizzare la massima performance sportiva, il miglior tempo, ma ottenere il più alto livello di divertimento.

In un’epoca caratterizzata da dinamiche di socializzazione virtuali e così <<social>>, il successo di questa formula così aggregante nasce dal bisogno di condividere un’esperienza positiva.

RCS Sport continua a puntare con grande soddisfazione su questa tipologia di eventi, a metà strada tra lo sport e l’entertainment, impegnando le sue risorse e il suo entusiasmo nella loro organizzazione e comunicazione”.

Da sx: Andrea Trabuio, Kris Reichert, Fiona May, Kris Grove, Matteo Mursia, Manuela Lavezzari – © Ansa
Madrina d’eccezione la ex campionessa mondiale di salto in lungo Fiona May, simbolo dello sport sano e del benessere psicofisico: valori positivi, che stanno alla base del buon vivere come THE COLOR RUN. Fiona, entusiasta per il suo coinvolgimento, parteciperà molto probabilmente alla tappa fiorentina in compagnia delle sue due figlie:

-“Una corsa al femminile con tante donne che la corrono. Un’unione tra tutti i partecipanti che hanno voglia di fare sport divertendosi, senza distinzione di razza e di colore.

Si parte, infatti, allo stesso modo, tutti vestiti di bianco e si arriva tutti colorati al traguardo, senza distinzioni di sorta, insomma saremo tutti uguali. Un messaggio molto positivo, di cui tutti abbiamo bisogno, che THE COLOR RUN diffonde tra le persone proprio in questo momento così particolare”.

La novità del 2015, oltre ad avere due tappe in più rispetto all’anno precedente, sarà il tema Shine: i partecipanti non saranno solo colorati ma anche luccicanti. Ai quattro classici “punti colore” ne sarà aggiunto un quinto e ultimo: il glitter.

Qui i color runner saranno cosparsi da una pioggia di colori e luccicanti brillantini. Anche il Race Kit è stato completamente rinnovato. La t-shirt, la fascetta, gli happy tatoo e la borsa saranno ispirati proprio al nuovo mood Shine.

Le iscrizioni alle prime 2 tappe sono già state aperte, e in sole 2 settimane Torino ha fatto registrare un primo record, con oltre 12.000 iscritti. Una redemption attesa, visto il grande successo del 2014 che ha contato 60 mila partecipanti in 6 tappe e il sold out a Torino, Trieste, Rimini e Milano.

Matteo Mursia, responsabile commerciale di RCS Sport, conclude: “Risultati importanti grazie ai quali abbiamo potuto sviluppare un programma intenso a supporto di tutti i Partner, che hanno individuato in THE COLOR RUN uno strumento di marketing vincente in grado di colpire un target di grande appealing. Un format con caratteristiche specifiche che ben si adatta alle attivazioni on field da parte di ogni azienda coinvolta con ottimi risultati in linea con le loro previsioni di business e con i valori e il posizionamento dei singoli brand”.

Occasioni uniche di comunicazione per gli sponsor del 2015: ASUS (Presenting Sponsor), COMPASS (Top Sponsor), BROOKS (Official Partner), Radio 105 (Official Radio) e con tutti gli Official Supporter quali Europ Assistance, ALGIDA, RIO Mare e SAN Benedetto.
E con la preziosa collaborazione di Podisti da Marte (www.podistidamarte.it), responsabili di tutti i volontari e coordinatori dei punti colore lungo il percorso.

INFO su ISCRIZIONI: www.thecolorrun.it

www.facebook.com/TheColorRunItalia

COSTRUIRE CASA CON 25.000 EURO ? CASE LOW COST IN EUROPA

NUOVI CONCETTI DI CASA PER I CAMBIAMENTI CLIMATICI E DI VITA
La popolazione aumenta, l’economia è traballante in molti Paesi, i continui cambiamenti di lavoro e abitudini di vita hanno causato una carenza di alloggi nel Regno Unito.

L’Europa studia nuovi progetti innovativi che potrebbero offrire soluzioni ai diversi problemi di alloggio.

Nella rurale Irlanda, l’architetto Domenico Stevens ha progettato e costruito la sua casa ideale nell’antico stile del graticcio; in soli 50 giorni, con un costo di appena 25.000 €.

Dopo questo progetto, Domenico Stevens è divenuto un esempio ideale per il movimento di auto-costruzione definito: “irlandese vernacolare”.

In Olanda, Beatrice Galilee sviluppa la casa galleggiante a Ijburg Amsterdam.
Avendo vissuto per secoli con rischi di inondazioni, gli olandesi si sono rivelati formidabili nel risolvere i problemi degli allagamenti dovuti a forti tempeste. Sono i migliori nella nuova ‘aqua-tecture’.

A Berlino,potenziali acquirenti di case si stanno unendo come gruppi collettivi, con lo scopo di progettare gestire e costruire case insieme; questo fenomeno è noto come: Baugruppe.

MODA : NOVITA’ UN TESSUTO SANO E TRASPIRANTE OTTIMO PER L’ESTATE

TESSUTO SPECIALE IN BAMBU’ SANO E NON DANNOSO ALL’AMBIENTE.

Dal 12 al 14 marzo alla spring edition del temporary store “Appuntamento da Sophie” che sarà ospitato dallo spazio “Circo Solferino” (Milano, via Solferino 11, dalle ore 10 alle 20).

Leggero, morbido, versatile, resistente e traspirante perché evita la tendenza ad accumulare umidità e sudore sulla pelle.

Ideale anche per la danza o lo sport.

IN PRIMAVERA…

La natura sulla pelle con
WEARESSENTIAL

HYPERLINK “http://www.WEARESSENTIAL.com/”www.wearessential.com

La primavera risveglia la voglia di natura e di energia, la voglia di stare all’aria aperta e con WEARESSENTIAL il ‘green’ si può indossare: il brand d’abbigliamento creato da Elena Vitale propone infatti la linea Bamboo realizzata con le fibre ricavate da questa pianta che riduce le emissioni di gas serra e produce il 35% in più di ossigeno rispetto alle altre piante.

La stoffa è quindi ecosostenibile e biodegradabile.

Oltre a rispettare l’ambiente, il bamboo è anche un filato poliedrico dalle numerose prestazioni: leggero, morbido, versatile, resistente e traspirante perché evita la tendenza ad accumulare umidità e sudore sulla pelle.

Tessuto fresco, è ideale per le giornate via via più calde; inoltre contiene la pectina del miele, salutare per la pelle e impermeabile ai raggi U.V.

Con la pregiate trame di bamboo, WEARESSENTIAL ha realizzato diversi capi: top multiuso, da indossare nei diversi momenti della giornata;

canotta “Flow Yoga”,

— ideale anche per la pratica dello Yoga; stola/pareo multiuso che, da stola elegante per il giorno o la sera, si trasforma in un avvolgente pareo da spiaggia; abito copricostume che, può essere indossato al mare come può trasformarsi in un comodo complemento d’abbigliamento nightwear; lo scaldacuore incrociato sul davanti a manica lunga dal taglio sobrio e lineare e la t-shirt di media lunghezza con manica corta e scollatura arrotondata a V.

Tutti i capi sono impreziositi dal logo WEARESSENTIAL ricamato con filo ton sur ton sul retro o sul fianco e sono racchiusi nelle eleganti pochette multiuso realizzate nello stesso materiale.

La collezione è proposta nei colori bianco, nero, verde salvia, écru, e orchidea “Radiant Orchid”, un inno alle infinite variazioni del fucsia, del viola, del rosa che richiama la ricchezza dei colori dei prati in questa stagione.

Tutti i capi sono disponibili nelle taglie dalla XS alla XL.

WEARESSENTIAL, ispirata ai valori di sostenibilità ambientale, porta avanti la causa del benessere comune insieme a Oxfam Italia.

Parte del ricavato dalla vendita dei capi Bamboo andrà dunque a sostegno di programmi di sviluppo, interventi di emergenza e campagne di opinione e sensibilizzazione della famosa Ong.
I prossimi appuntamenti con le Exclusive Sales di WEARESSENTIALI a Milano sono:

-dal 12 al 14 marzo alla spring edition del temporary store “Appuntamento da Sophie” che sarà ospitato dallo spazio “Circo Solferino” (Milano, via Solferino 11, dalle ore 10 alle 20);
per tutto il mese di marzo allo Showroom di Coontemporarymood in via Belfiore 5, all’interno dello Spazio Belfiore.

WEARESSENTIAL è il nuovo concept di abbigliamento multiuso per la donna dinamica, sportiva e pratica, attenta all’armonia e al benessere del corpo e della mente.

Sono capi che possono diventare eleganti a seconda delle combinazioni e degli accessori. Sono soluzioni senza tempo, adatti a ogni occasione e in qualsiasi momento della giornata.

Modelli passe-partout che diventano un prezioso alleato nel guardaroba della donna moderna, che ha spesso poco tempo per decidere cosa indossare e vuole sentirsi a proprio agio in ogni situazione, rimanendo fedele al proprio stile di vita, rigorosamente non fashion victim.

Oltre al bamboo, WEARESSENTIAL utilizza altri pregiati tessuti naturali quali cotone, viscosa e cashmere. Stoffe che sono il risultato di una costante attività di ricerca e sviluppo. La confezione è affidata a laboratori di lunga tradizione artigianale. Ogni indumento viene cucito con cura e controllato nei minimi dettagli, consentendo a WEARESSENTIAL di proporre un prodotto veramente ‘a regola d’arte’ e ‘Made in Italy’.

Da WEARESSENTIAL è nata anche la linea YogaEssential per la pratica dell’antica disciplina, ma anche della danza o dello sport. Tutti i capi sono acquistabili sul sito di e-commerce: HYPERLINK “http://www.wearessential.com/”www.wearessential.com.

Ufficio stampa
Gruppo Areté Srl
Via Albani 21 – 20149 Milano
tel 02 33004397 – mob 349 4330142
HYPERLINK “mailto:info@gruppoarete.it”info@gruppoarete.it
www.gruppoarete.it

DonnE…Cultura