SALUTE E VELENO ACQUE VELENOSE A NAPOLI

Voi cosa ne pensate?

Noi ci limitiamo a constatare che in un Paese dove i rifiuti più pericolosi vengono interrati da decenni (anche nell’ecologico Trentino), vedi al link:

https://www.donnecultura.eu/?p=3213

non ci sembra strano che anche la potabilità dell’acqua possa essere “discutibile”.

-Vogliamo aggiungere che le acque potabili sono controllate da società che devono fare utili per i soci e che le sostanze per depurare l’acqua, per esempio, dai metalli pesanti, sono costosissime. 

Ci domandiamo non è che a qualcuno sia venuto in mente di risparmiare sulla salute dei cittadini?

In un Paese dove la moralità non è proprio una consuetudine, ci viene da pensare che forse…l’acqua è molto più inquinata di quanto ci dicono anche in altre città, magari usano le sopraddette sostanze costosissime solo quando arriva la ASL per i prelievi?  …..!

 

Riportiamo uno stralcio della disputa inerente alla potabilità, anzi ai veleni, dell’acqua di Napoli.

da  | 14 novembre 2013

Napoli: “Ricerca choc su inquinamento dell’acqua”. Comune: “Procurato allarme”

“Bevi Napoli e poi muori”, è il titolo dell’inchiesta in edicola con il settimanale L’Espresso dove sono pubblicati i dati inediti dello studio del comando Us Navy sui pericoli del vivere in Campania.

Il consigliere regionale della Campania Corrado Gabriele ha chiesto l’intervento della magistratura: “Ritirare il prossimo numero de l’Espresso dalle edicole: è procurato allarme“.

-In questione l’inchiesta “Bevi Napoli e poi muori“, in edicola venerdì 15 novembre e che racconta la situazione ambientale del territorio di mille chilometri quadrati. All’interno i risultati inediti dello studio realizzato dal comando dell’Us Navy di Napoli e costato 30 milioni di dollari: per due anni ha esaminato il territorio per capire i pericoli del vivere in Campania per i militari americani e famiglie.

“Il rapporto conclusivo”, fanno sapere da l’Espresso, “è stato trasmesso da diversi mesi alle autorità italiane, ma finora mai reso pubblico. Pensiamo che far finta di niente, prendersela con chi fa informazione invece che con chi dovrebbe impedire il traffico di rifiuti tossici gestito dalla criminalità organizzata può solo peggiorare la vita di chi vive in quelle zone e da anni sopporta le terribili conseguenze dell’inquinamento“.

L’amministrazione di Napoli è subito intervenuta per placare ogni preoccupazione: ”Vogliamo rassicurare le cittadine e i cittadini sulla qualità dell’acqua erogata a Napoli, la quale risulta controllata e potabile. L’Abc (società che gestisce l’acquedotto, ndr) infatti effettua quotidiani e numerosi controlli in diversi punti di prelievo del nostro sistema idrico nelle diverse zone della città (oltre 50 punti). Tali controlli avvengono parallelamente ai controlli effettuati dalla Asl Napoli 1. I prelievi compiuti dall’Asl vengono poi analizzati nei laboratori dell’Arpac che restituisce le informazioni alla Asl per la valutazione della potabilità. Nel contempo Abc effettua le analisi nel proprio laboratorio”. Lo rende noto l’ufficio stampa del Comune di Napoli dopo le anticipazione del servizio che sarà pubblicato su l’Espresso annunciando che “qualora fosse opportuno” dopo la valutazione dei contenuti, si valuteranno “le possibili azioni a tutela dell’immagine della città”. I contatti tra Abc e Asl, proseguono al Comune di Napoli,

“garantiscono quindi le cittadine e i cittadini in merito alla potabilità dell’acqua erogata nella città, rilasciando anche un “giudizio di potabilità”.

Italia: “…dove la cultura, l’educazione e i beni culturali sono abbandonati, come Cenerentola…”

 L’Accademia dei Licei è stata fondata nel 1603, ed è la più antica accademia scientifica del mondo e massima

istituzione culturale italiana.

Durante l’ inaugurazione dell’anno accademico  2013-14 il presidente Prof. Lamberto Maffei ha posto l’accento

sull’attuale situazione italiana in relazione all’importanza della cultura nel significato più ampio del termine.

In questi anni oltre che diventare poveri siamo diventati ignoranti” con queste parole il presidente dell’Accademia dei Lincei Prof. Lamberto Maffei ha descritto, inaugurando il 411m  (quattrocentoundicesimo) anno di attività dell’Accademia, la situazione del

nostro paese “dove la cultura, l’educazione e i beni culturali sono abbandonati, come Cenerentola, in un angolo dimenticato delle stanze decisionali”.

Il nostro paese è noto nel mondo oltre che per la sua bellezza per la sua grande tradizione culturale, ma – ha ricordato Maffei – nell’ultima classifica stilata dall’Ocse (l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico), sulle competenze principali degli adulti il nostro Paese figura all’ultimo posto.

“Oggi – ha aggiunto – c’è la ferma convinzione che l’unica forma utile di conoscenza sia quella che ha ricadute economiche e che  il sapere da trasmettere sia  quello  che  dà i mezzi tecnici per il successo.

Il sapere utile è certamente utilissimo e senza di quello non potremmo, ad esempio,  godere dei benefici della tecnologia.

-Ma io voglio spezzare una lancia per il sapere inutile contro l’eccesso delle specializzazioni che limitano in fondo la libertà del pensiero.

Tutte le espressioni del sapere  umano  concorrono alla costruzione del cittadino e quindi alla dinamica del vivere civile e in definitiva al benessere personale e sociale.

L’uomo non è il suo conto in banca!” “L’Accademia rappresenta significativamente la cultura italiana: è nostro dovere, quindi – ha proseguito il Presidente – farci carico di questa vergogna nazionale e di mobilitare le risorse ancora numerose ma non valorizzate per il risveglio dei cervelli.

La civiltà di un paese non può essere solo il suo PIL, ma anche la sua maniera di vivere, di guardare i tesori del suo paesaggio, che abbiamo in abbondanza, della sua storia anche perché questi valori sono investimento e possono essere il PIL di domani.

Ogni popolo deve usare con intelligenza le sue risorse  per aumentare la propria ricchezza spirituale e materiale. Non si può continuare a investire sull’ignoranza.

L’Accademia dei Lincei, lo dico con orgoglio, si è adoperata con i suoi soci per promuovere l’educazione nelle scuole primarie e secondarie con lo scopo di educare a ragionare, a criticare e a “non seguire” –

lo scriveva già Seneca –“pecorum ritu antecedentium gregem”(de vita beata), finendo nella moltitudine di coloro che addormentano il cervello per 4 ore davanti alla televisione (rapporto Ocse)”. Il Presidente ha quindi ricordato le attività che l’Accademia svolge per le scuole e in particolare il progetto ‘I Lincei per una  nuova didattica nella scuola: una rete nazionale’, nato in collaborazione con il MIUR che opera in varie città d’Italia.

-Per la diffusione della cultura è stato anche siglato proprio in questi giorni un Protocollo d’Intesa con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che si aggiunge agli accordi in essere con il Ministero degli Esteri, con il MIUR e con il CNR. Maffei ha quindi illustrato il lavoro svolto nell’ultimo anno dall’Accademia ed i programmi futuri, ringraziando per il sostegno ricevuto nella realizzazione delle attività dalla Associazione Amici dell’Accademia dei Lincei, Presieduta dal Prof. Pierluigi Ridolfi.

In chiusura del suo intervento il Prof. Maffei ha ringraziato tutti coloro che collaborano al buon successo dell’Accademia, in primo luogo il  Vicepresidente Alberto Quadrio Curzio per le sue preziose iniziative e consigli  e tutti i componenti del Consiglio di Presidenza. Uno speciale ringraziamento è stato rivolto al personale che, con cura e professionalità, opera con impegno e alla Dott.ssa Ada Baccari, Cancelliere dell’Accademia.

E’ seguita la consegna dei Premi Feltrinelli che per il 2013 sono stati assegnati a: Michel Jeanneret per la Cultura letteraria del Rinascimento; Manolis Korres per il Restauro; Giorgetto Giugiaro per il Design; Carlo Cecchi per la Regia e Recitazione; Gianni Carlo Sciolla per la Critica dell’Arte; Fabio Nieder per la Composizione Musicale. Il Premio per una impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario è andato al Progetto Ortopedico della Croce Rossa Internazionale in Afghanistan, diretto da Alberto Cairo, grazie al quale oltre 125.000 persone amputate dalle mine, tra cui moltissimi bambini vittime della guerra, hanno avuto finora assistenza e cure riabilitative. Molto apprezzata é stata la relazione che il Dr. Cairo ha fatto delle attività svolte in Afghanistan, ringraziando l’Accademia per il Premio, di 250.000 euro che contribuirà significativamente alla prosecuzione delle attività in favore della martoriata popolazione Afghana.

-La cerimonia si è conclusa con la consegna dei distintivi con la lince, simbolo degli accademici, ai nuovi soci eletti nel 2013.

Spa ed eccellenza: Six Senses dello Sharq Village & SPA a Doha in Qatar.

aerei 672 qatar airways gba

VOLA QATAR  AIRWAYS: GLI AEREI PIU’ MODERNI DEL MONDO

Spafinder  Wellness 365

(il portale del  benessere più autorevole del mondo)

http://www.spafinder.com/rewards

ha dichiarato la Spa Six Senses dello  Sharq Village & SPA a Doha

vincitrice  dei  Reader’s Choice Awards 2013 per la sezione Medio Oriente.

Sharq 450 CHIARA Village_and_Spa_reception_area_hr

Spafinder è il portale del benessere più autorevole al mondo, che pubblica ogni anno, sulla base dell’indice di gradimento espresso dai consumatori, i Readers’ Choice Awards,  premiando le migliori mete SPA in ogni continente, nazione e regione.

La selezione ha coinvolto le SPA dei migliori hotel e resort  in 44 paesi e regioni. Questo è il primo anno in cui sono stati assegnati premi anche per  i programmi di fitness, yoga e nutrizione. L’aumento delle categorie premiate riflette la mission dell’azienda di rendere il benessere ogni giorno più accessibile.

Siamo convinti che mantenersi in forma e in salute non sia un lusso ma una necessità per l’individuo affinché possa vivere la propria vita nel miglior modo possibile”, afferma Mia Kyricos, Amministratore Delegato di Spafinder Wellness. “Attraverso  i nostri Reader’s Choice Awards diamo ai nostri utenti la possibilità di premiare ed esprimere apprezzamento per le loro mete benessere preferite”.

-La Spa Six Senses si trova all’interno dello lo Sharq Village & SPA, resort gestito da Carlton Ritz immerso nella lussureggiante vegetazione delle coste del Qatar, affacciato sulla baia di Doha.

La SPA è composta da quattro edifici bassi, intrecciati in un labirinto di vicoli pittoreschi, adorni di fontane zampillanti che ricreano l’emozionante atmosfera esotica dei tradizionali villaggi del Qatar.

L’ambiente Six Senses unisce l’autentica architettura araba con i comfort moderni per soddisfare le aspettative anche del viaggiatore più esigente: dotata di confortevoli e lussuosi spazi per il relax e i trattamenti, vasche di acqua calda e fredda e una palestra riservata alle donne, la Spa Six Senses offre rituali ispirati alla cultura locale e servizi personalizzati.

spa 450 Treatment_Room_sss_sharq_village_doha_hr

Ogni mese rinomati specialisti si alternano per consigliare agli ospiti i trattamenti di benessere più adatti alle loro esigenze. 

Le SPA del gruppo sono un elemento chiave di tutte le proprietà Six Senses.

-Le SPA offrono una vasta gamma di pratiche fondate sul principio del benessere olistico, e trattamenti dedicati alla bellezza e al ringiovanimento che sono somministrati da esperti terapisti di fama internazionale.

-Le SPA Six Senses sono ospitate da prestigiosi hotel e resort in molte  località del mondo.

Da You Tube uno scandalo ambientale; nella splendida Sardegna!

ORRORE AL CIANURO IN SARDEGNA UN INTERO LAGO;  CON I SOLDI PUBBLICI !

DA: https://www.facebook.com/note.php?note_id=10150235646782648&comments

I veleni di Furtei, il Klondike sardo

11 luglio 2011 alle ore 11.45

www.sardegna24.net

UN LAGO DI CIANURO !

Oggi dell’Eldorado sardo sono rimasti una collina sventrata e un lago di cianuro.

-Più quarantuno minatori in mobilità e oltre quattro milioni e mezzo di euro messi sul piatto dalla Regione per tamponare il disastro ambientale. Che non basteranno: secondo le previsioni ne serviranno almeno trenta, di milioni, per evitare che l’acqua contaminata finisca nelle falde del Campidano.

L’allarme è già scattato circa un anno fa, quando una pompa di rilancio si era bloccata e sono stati proprio gli operai in cassa integrazione – che da volontari hanno continuato a vegliare la miniera – ad intervenire per evitare che la diga tracimasse, avvelenando i campi. Loro soli, perché i manager della società mineraria, primi gli australiani della Sardinia Gold Mining, poi i canadesi della Buffalo Gold, erano fuggiti a gambe levate dichiarando fallimento e lasciando in eredità all’ isola una bomba a orologeria difficile da disinnescare.

Ma quella della miniera di Santu Miali, a Furtei, non è la storia di un Klondike abortito.

-È la cronaca di una morte annunciata che vede comparire, insieme ad anonime sigle di investitori stranieri, anche nomi di primo piano della politica locale. Come Ugo Cappellacci, che fra il 2001 e il 2003, quando era ancora un semplice commercialista cagliaritano, funominato presidente della Sardinia Gold Mining, la società per azioni concessionaria della miniera. O Giampiero Pinna, ex Ds passato ai Verdi, che da presidente della Progemisa, il braccio operativo dell’Ente Minerario Sardo, sostenne con entusiasmo il miraggio aureo in Sardegna. E’ la storia di uno sfregio paesaggistico, di una rapina ambientale e di una speculazione sapientemente architettata in cui sono cascati in molti ed in pochi, invece, hanno fatto affari.

A rivelarlo è Giuseppe Pipino, geologo a cui sul finire degli anni Ottanta l’Agip miniere chiese di effettuare uno studio per verificare se in Sardegna fosse presente l’oro.

«Io indicai che sì, l’oro c’era, ma in quantità così scarsa da risultare un investimento antieconomico». Perché allora si procedette comunque con l’estrazione?

«Per speculazione – spiega Pipino –. Funziona così: la società mineraria lancia la notizia di aver scoperto un giacimento redditizio, si quota in borsa ed attira i capitali dei piccoli, ingenui investitori: nel caso di Santu Miali, abboccarono molti emigrati sardi in Australia. In realtà i ricavi andavano a coprire nient’ altro che i lauti stipendi dei manager, più le spese di gestione, con una buona iniezione di soldi pubblici».

Soldi arrivati principalmente tramite la legge 221 del 90, finalizzata a sostenere lo start up nelle regioni in difficoltà economica (dalla relazione annuale del 2000 della Sgm risultano 7,6 miliardi di vecchie lire) e tramite la 752 del 1982, per promuovere la ricerca dell’ oro a Furtei (2,9 miliardi di lire) e a Osilo (2,5 miliardi), dove il progetto non passerà anche per il successivo veto della giunta Soru.

Tutto legale, intendiamoci. «Ma affari veri non ne sono stati fatti – spiega Pipino – era una macchina che alimentava se stessa». Per essere redditizia, la coltivazione dell’oro sarebbe dovuta durare due o al massimo tre anni: «I piani iniziali – conferma l’ex direttore dei lavori Sandro Broi – prevedevano 42 mesi di lavoro». Oltre, l’operazione diventava eccessivamente costosa.

-Ma allungare i tempi, secondo il geologo permetteva di continuare a fare speculazione in borsa.

Infatti il gruppo australiano aveva nel frattempo tentato di rastrellare soldi sulla piazza di Londra, senza successo, per poi approdare a quella di Vancouver, in Canada, intossicata da centinaia di piccole società minerarie che promettono nuovi Klondike. E quando il vero giacimento – i soldi pubblici – si è esaurito, i cercatori d’oro stranieri hanno abbandonato Santu Miali. Il ripristino del territorio, 510 ettari fra Furtei, Serrenti e Segariu, di cui 75 seriamente compromessi, è rimasto a carico dell’unico azionista che non poteva fuggire all’estero: la Regione Sardegna. Con solo il 10 per cento delle quote, l’ente pubblico è oggi l’unico sopravvissuto alla partita che si dovrà accollare gli oneri della bonifica.

«In oltre dieci anni di attività della miniera, che ha partorito il suo primo lingotto nel ’97, sono state estratte sei tonnellate e mezzo di oro, 22 mila tonnellate di rame e 6.000 chili d’argento» fa il conto Broi. In compenso, sono stati erosi almeno due milioni di tonnellate di roccia, macinata, passata nel cianuro e trattata con lo zinco per ottenere il precipitato d’oro. Gli sterili, ovvero i materiali che non contenevano preziosi, sono stati venduti alle aziende impegnate nel nuovo tracciato della statale 131. Con il sospetto che anche l’arsenico sia finito nell’asfalto. La società australiana ha così ottenuto il diritto a sventrare una montagna e realizzare un invaso al cianuro guadagnandoci sopra almeno 10 milioni di euro e versando, di contro, alla Regione Sardegna la simbolica cifra di 20.000 euro annui e neanche un soldo ai Comuni della zona, quelli che stanno vivendo sulla propria pelle i costi ambientali dell’operazione.

Peccato che a pagare la bonifica, ora che gli investitori stranieri si sono volatilizzati, saranno i contribuenti sardi: dal palazzo di via Roma sono già stati stanziati 4 milioni e mezzo, con cui l’Igea (Interventi geoambientali), società in house della Regione, ha messo in piedi il piano di caratterizzazione, approvato pochi giorni fa dall’Assessorato all’Ambiente.

Quanto ai minatori, passati dai settanta degli anni d’oro ai quarantuno attuali, hanno dovuto condurre una piccola, epica battaglia insieme alle istituzioni locali per far sì che la loro storia e quella di Santu Miali non fossero dimenticati: «Abbiamo occupato la Regione e presidiato la miniera per oltre due mesi» racconta Emanuele Madeddu, rappresentante rsu, una delle anime della lotta operaia. Ora, dopo aver concluso i corsi di riqualificazione, saranno loro a doversi occupare della bonifica, sotterrando il sogno del Klondike sardo.

11 luglio 2011

http://www.sardegna24.net/regione/i-veleni-di-furtei-il-klondike-sardo-1.3108

MOSTRA: “UN MONDO IN TRASFORMAZIONE”, Rancate (Mendrisio-Canton Ticino).

“L’OTTOCENTO TRA POESIA RURALE E REALTA’ URBANA”.

Una mostra per gli amanti del romantico Ottocento, un’occasione per vedere la bella Pinacoteca di Rancate e anche per visitare la vicina mostra del Carrà a Mendrisio; della quale pure parliamo in questo giornale.

arte 450  Angelo Morbelli, Giardiniera, 1912-1915, olio su tela, 72 x 60 cm, collezione privata 16M

Angelo-Morbelli-Giardiniera-1912-1915-olio-su-tela.

ARTE 450 Angelo Morbelli, La Stazione Centrale di Milano, 1889, olio su tela, Ferrovie dello Stato Italiane

Angelo-Morbelli-La-Stazione-Centrale-di-Milano-1889-olio-su-tela.

ARTE 450 Ludovico Cavaleri, Dalle montagne del lago Maggiore, 1898, olio su tela, ARTE 70 x 141,5 cm, courtesy Galleria Bottegantica, Milano-Bologna

Ludovico-Cavaleri-Dalle-montagne-del-lago-Maggiore-1898-olio-su-tela.

ARTE 450  Filippo Carcano, In Autunno, 1883, olio su tela, 100 x 200 cm, Milano, Collezione Touring Club Italiano

Filippo-Carcano-In-Autunno-1883-olio-su-tela.

-Dal 1830 al 1915 si possono racchiudere le immagini dei cambiamenti della società, sia contadina che urbana, fissati sulla tela dai maggiori artisti attivi in area lombarda e ticinese in quei decenni.

-Questo è l’affascinante racconto che la Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate (Mendrisio) propone dal 13 ottobre 2013 al 12 gennaio 2014 con la grande mostra “Un mondo in trasformazione. L’Ottocento tra poesia rurale e realtà urbana” a cura di Giovanni Anzani ed Elisabetta Chiodini.

La rassegna ripercorre i cambiamenti intervenuti in questo momento storico cruciale.
-Una novantina di capolavori eseguiti dai maggiori protagonisti della cultura figurativa ottocentesca lombarda e ticinese.

-L’oculata scelta delle opere si prefigge d’illustrare l’evoluzione della pittura di paesaggio, rurale e urbano, tra il 1830 e il 1915 con le conseguenti implicazioni sulla società. Non solo paesaggi quindi, ma anche scene di vita quotidiana.

-Lungo il percorso della mostra il visitatore avrà modo di immergersi nell’ambiente cittadino ottocentesco attraverso le suggestive vedute di Lugano e Milano, dipinte da artisti quali Giovanni Migliara, Giuseppe Canella e Carlo Bossoli, che testimoniano le significative modifiche dell’assetto urbano.

-Da queste vedute tipiche dell’epoca romantica si passa a una visione della città più attenta ai mutamenti della modernità: irrompono infatti la presenza della ferrovia, dell’industria e del disagio sociale, ma anche nuovi momenti ricreativi, dedicati allo svago collettivo e privato.

-Tra i principali interpreti di questo mondo in trasformazione troviamo Carcano, Franzoni, Feragutti Visconti e Mosè Bianchi che con Corso di Porta Ticinese tratteggia i contorni di una Milano fumosa e brulicante di vita, mentre con Lavandaie immortala la fatica di umili donne iscritte in un paesaggio che conserva ancora cadenze bucoliche.

Quadri in cui la denuncia sociale si fa più esplicita sono ad esempio Alveare di Luigi Rossi, Ritorno dal lavoro e L’abbruttito di Pietro Chiesa, Venduta! di Angelo Morbelli, dipinto che ritrae l’annichilente realtà della prostituzione minorile. A quest’ultimo artista, portavoce delle diverse declinazioni del suo tempo, la mostra dedica un’intera sala.

-I mutamenti delle abitudini e dei costumi della società strettamente connessi al nuovo paesaggio, inteso come luogo abitato e vissuto, compongono l’universo artistico di numerosi pittori.

-Accanto alla fatica della vita contadina e alla miseria che alberga nelle zone suburbane, trovano spazio i lussi e i sollazzi della borghesia descritti in quadri che trasmettono la spensieratezza delle classi sociali più agiate.

Alla trasfigurazione della città si affiancano i paesaggi della campagna ticinese e lombarda che paiono cristallizzati in una visione idealizzata dai toni lirici.

Profondi mutamenti stilistici stravolgono l’arte del XIX secolo: una diversificazione di linguaggi che spazia da influenze scapigliate a ricerche più schiettamente veriste per approdare al divisionismo di Segantini, Longoni, Pellizza da Volpedo, Berta e Sottocornola e aprire una finestra sulla prima fase del Novecento con le opere prefuturiste di Boccioni.

I vari nodi della mostra verranno sottolineati da testi poetici e in prosa, coevi ai dipinti e a loro legati per tematiche o atmosfere, al fine di evocare in maniera ancor più vibrante lo spirito dell’epoca.

Mostra a cura di: Giovanni Anzani ed Elisabetta Chiodini
Coordinamento scientifico e organizzativo: Mariangela Agliati Ruggia e Alessandra Brambilla
Allestimento: Nomadesigners

Informazioni:
Pinacoteca cantonale Giovanni Züst
CH-6862 Rancate (Mendrisio), Canton Ticino, Svizzera
Tel. +41 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch; www.ti.ch/zuest

Orari, prezzi e servizi:
Da martedì a venerdì: 09.00-12.00 / 14.00-18.00
Sabato, domenica e festivi: 10.00-12.00 / 14.00-18.00
Chiuso: il lunedì; 24,25,31/12 e 1/01. Altri festivi aperto.
Ingresso: CHF 10.-/€8,70; ridotto (pensionati, studenti, gruppi): CHF 8.-/€6,50; gratuito per le scuole ticinesi. Visite guidate su prenotazione anche fuori orario; bookshop; audioguide; parcheggi nelle vicinanze.

Ufficio stampa
per la Svizzera:
Pinacoteca Züst – Rancate (Mendrisio), Canton Ticino, Svizzera
Tel. +41 (0)91 816.47.91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch; www.ti.ch/zuest
per l’Italia:
Studio ESSECI – Sergio Campagnolo – Padova, Italia
Tel. +39 049.663.499; info@studioesseci.net; www.studioesseci.net

COME RAGGIUNGERE LA PINACOTECA ZÜST
Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con l’ausilio della segnaletica.

Chi non avesse il bollino autostradale svizzero può utilizzare la normale strada da Chiasso verso Lugano; Mendrisio si trova a 8,8 km da Chiasso.

 

-Per chi proviene dall’autostrada Milano-Lugano l’uscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate.

La Pinacoteca è all’inizio della piazza della chiesa parrocchiale, sulla sinistra della strada.

-Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi con la navetta “CittàBus” linea 3 – corse ogni mezzora – o a piedi, in 10 minuti.

MOSTRA. I PAESAGGI DI CARRA’ a Mendrisio (8 km. da Chiasso), Svizzera.

Nel piccolo borgo di Mendrisio, presso il bel Museo d’arte Mendrisio, la mostra dedicata a Carrà merita certamente la visita.

Quattro buoni motivi per andare sino in Svizzera:

1°  vedere questa interessante mostra di Carrà che riunisce i suoi lavori più significativi

2°  visitare un’altra mostra a pochi chilometri di distanza presso la Pinacotaca ZVST di Rancate (Mendrisio) “Un mondo in trasformazione. L’Ottocento tra poesia rurale e realtà urbana”, della quale parliamo in un altro articolo; sempre  su questo giornale

3° fare un pieno di benzina a prezzo svizzero e quindi annullare le spese di trasporto

4° prendere l’occasione  per visitare un angolo del Canton Ticino: Lugano, Locarno, Bellinzona o una gita sulle montagne vicine.

450 carrà arte 1_21m

Pino sul mare. Carrà.

carrà arte 450 11_26m

L’attesa.

carrà 450 arte 20-32m

Nuotatori.

carrà  450 arte  3_26m

Alcuni dei capolavori che costellano la mostra sui paesaggi di Carlo Carrà al Museo d’arte di Mendrisio:

Pino sul mare 1921, Crepuscolo 1922, L’attesa 1926, L’estate 1930 (Museo del Novecento di Milano), I nuotatori 1932 (MART Museo di arte moderna e contemporanea, Trento e Rovereto), Capanni al mare 1927 (GAM, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino), Canale a Venezia 1926 (Kunsthaus di Zurigo), Lo Squero di San Trovaso 1938, I contadini della Versilia 1938

Curata da Elena Pontiggia e da Simone Soldini, in collaborazione con Chiara Gatti e Luca Carrà, si tratta della prima ampia retrospettiva allestita da un museo svizzero sull’opera di questo grande protagonista della pittura moderna europea.

Figura di importanza capitale nella storia dell’arte moderna italiana, Carrà fu tra i fondatori del movimento futurista nei primissimi anni del ‘900.

I viaggi nelle capitali europee, ma soprattutto a Parigi, dove frequentò tra gli altri Apollinaire e Picasso, lo misero in contatto con le altre avanguardie europee, facendolo conoscere internazionalmente.

La prima guerra mondiale sancì la fine del Futurismo e determinò l’inizio di un breve, fecondo periodo metafisico in cui Carrà entrò in stretti rapporti con i fratelli De Chirico.

Gli anni tra il 1915 e il 1920 furono un momento decisivo, di svolta, per l’uomo e per l’artista.

Legatosi d’amicizia con Soffici e Papini, Carrà cominciò un intenso periodo di meditazione sulla pittura italiana del ‘300 e del ‘400 che sfociò nei sorprendenti scritti su Giotto, Paolo Uccello, Piero della Francesca e Masaccio.

Il recupero in chiave moderna dei “primitivi”, e in primo luogo di Giotto, lo condusse a una pittura – come ebbe a dire – di «forme primordiali», dove la natura si rivela in tutta la sua essenza spirituale. Sintesi, forza plastica, spazialità, architettura accordata a colori tonali: cominciava su queste basi la terza, più lunga e più intensa stagione, quella del «realismo mitico».

-Essa si aprì con un capolavoro assoluto della storia dell’arte europea del ‘900, presente nella mostra di Mendrisio: Pino sul mare del 1921, dipinto da Carrà appena quarantenne e che venne acquistato dal compositore Alfredo Casella, amico del pittore e figura di primo piano nella cultura europea del ‘900.

Con questo dipinto – scrisse Carrà nella sua autobiografia – io cercavo di ricreare una rappresentazione mitica della natura».

Al capolavoro del ’21 ne seguirono altri, una stretti lunga serie di opere che scaturì in gran parte da un’immersione totale nel paesaggio: i monti della Valsesia, le marine di Forte dei Marmi, la laguna veneziana, le campagne e i laghi lombardi, le alpi apuane.

Il paesaggio fu spunto continuo di sperimentazione; da una pittura di sintesi Carrà poteva passare a una forma mediata di impressionismo, da un’immagine realista a una visione onirica e surreale, sempre ottenendo risultati di straordinaria intensità.

In questo concetto di rappresentazione mitica della natura rientrò a partire dalle grandi composizioni d’inizio anni ‘30 anche la figura: Estate, I nuotatori, I contadini della Versilia sono alcuni capolavori di questo genere, ben documentato in mostra.

Grazie ai contributi dell’Archivio Carrà, degli Archivi del ‘900 del MART e del Gabinetto Vieusseux di Firenze si è potuto allestire per l’occasione una sezione dedicata alla figura – importantissima – del Carrà teorico e pubblicista (si ricordino solo i contributi a “Valori plastici” e “l’Ambrosiano”) attraverso un vasto e prezioso materiale documentario.

-A margine della retrospettiva viene presentata una selezione di opere di autori ticinesi, dipinte tra il 1920 e il 1950, che intende gettare un po’ di luce sulla grande influenza esercitata da Carrà su un contesto locale, di provincia italiana del Nord come il Ticino; cioè, sul suo determinante ruolo nel passaggio da un’arte ancora ottocentesca ad una moderna.

Mostra a cura di Simone Soldini e di Elena Pontiggia

comitato scientifico Elena Pontiggia, Luca Carrà, Chiara Gatti, e Simone Soldini (direttore Museo)

– L’esaustivo  catalogo è edito dal Museo d’arte Mendrisio, circa 150 pagine di testi e apparati e riproduzione delle opere in mostra

RAGGIUNGERE MENDRISIO:

-in autostrada se avete il bollino già pagato.

-da Como-Chiasso per la strada statale

-seguire le indicazioni per il centro di Mendrisio; una volta in centro parcheggiare (a pagamento durante la settimana) e camminare per la zona pedonale sino alla piazza San Giovanni.

Orari
ma-ve: 10.00 – 12.00 / 14.00 – 17.00
sa-do: 10.00 – 18.00
lunedì chiuso, tranne festivi

Entrata Fr 10.- ridotto Fr 8.-

Info
www.mendrisio.ch/museo
museo@mendrisio.ch

SALUTE. DALL’ITALIA UNA RICERCA INNOVATIVA NELLA PREVENZIONE DELL’ALZHEIMER.

A Milano il convegno sul ruolo del rame nella malattia neurodegenerativa.

24 MILIONI DI INDIVIDUI, NEL MONDO, SONO AFFETTI DA DEMENZA.

24 milioni di individui nel mondo sono affetti da demenza, il 70% dei quali dalla malattia di Alzheimer:

-dall’Italia arriva un ricerca innovativa. Venerdì 25 ottobre 2013, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, sono stati presentati e discussi

-i risultati di oltre 10 anni di studi sul ruolo del rame nello sviluppo della malattia di Alzheimer.

I Ricercatori dell’Associazione Fatebenefratelli per la Ricerca (AFaR) guidati dalla Dott.ssa Rosanna Squitti hanno progressivamente dimostrato che nella demenza di Alzheimer

esiste una relazione tra declino cognitivo e livelli di  rame “libero”  presente nel sangue, ossia quella quota di rame circolante non legato alla proteina che normalmente lo trasporta, la ceruloplasmina (rame Non-Ceruloplasminico).

-Livelli eccessivi di questo tipo di rame sono tossici e aumentano il rischio di ammalarsi di Malattia di Alzheimer.

Questo tipo di anomalia – se rilevata per tempo – aiuta anche a meglio identificare quei casi pre-sintomatici (i cosiddetti Mild Cognitive Impairment = MCI) che hanno un elevato rischio di sviluppare la malattia nei successivi 5-6 anni. Infatti, nel gruppo preso in esame e seguito per 6 anni, mentre gli MCI con rame normale  avevano circa il 20% di probabilità di progredire in Alzheimer, in quelli con rame elevato tale probabilità saliva oltre il 50%.

Il metodo messo a punto dalla Dott.ssa Squitti era però tipicamente un test di laboratorio, molto utile per la ricerca, ma poco utilizzabile come test clinico su larga scala.

Di recente, Canox4drug, in collaborazione con l’AFaR, ha sviluppato

-C4D, un test innovativo in grado di misurare la quantità di rame Non-ceruloplasminico in circolo con rapidità, altissima precisione e replicabilità.

-L’iter da seguire è semplice: è sufficiente sottoporsi ad un prelievo ematico. Il sangue prelevato viene analizzato per mezzo di una sonda fluorescente, che emette dei segnali; il cambiamento di emissione è proporzionale alla quantità di rame Non-ceruloplasminico presente nel campione.

Tale test è già pienamente operativo presso il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, ma sarà presto reso disponibile in molti altri ospedali e centri italiani che si occupano di Alzheimer.  L’interesse verso questo nuovo “killer” deriva anche dal fatto che – a differenza di altri fattori di rischio – può essere normalizzato grazie ad un intervento terapeutico che i Ricercatori stanno già mettendo a punto.

La riunione scientifica ha preso in esame lo stato dell’arte della ricerca per la diagnosi precoce di Alzheimer grazie ai più moderni mezzi (test neuropsicologici, neuroimaging, biomarcatori) ed ha discusso il ruolo delle recenti scoperte sul rame anche in un’ottica di prevenzione e cura.

Alla piena riuscita del convegno hanno contribuito alcuni tra i migliori ricercatori italiani di “settore” (Paolo Maria Rossini, Stefano Cappa, Alessandro Padovani, Giovanni Frisoni, Massimo Gennarelli oltre, ovviamente, a Rosanna Squitti).

A promuovere l’evento è la Canox4drug, società italiana di ricerca nel campo biomedico nata nel 2012, che vanta la collaborazione di esperti con un’esperienza ventennale nel settore.

-L’obiettivo degli imprenditori e professionisti selezionati che ne fanno parte è quello di realizzare strumenti innovativi per la diagnosi precoce e la cura di malattie neurodegenerative. Tra queste, la malattia di Alzheimer, la forma più comune di demenza, ad oggi ritenuta incurabile.

ARREDARE CASA: DESIGN, ORIGINALITA’ E BUON GUSTO.

Foto dell’arredo che più ci è piaciuto tra quelli recentemente visionati.
Le motivazioni sono:
-originalità, tranquilla eleganza, non banale; un cocktail raro a trovarsi.

ARREDO 450  design casa IMG_0968

ARREDO 300 ok design casa IMG_0972

Arredo 300 design casa IMG_0970

Il divano è disegnato da Patricia Urquiola per Lowland: http://www.moroso.it/catalogo/lowland-divano/,Il pavimento di resina è di Kerakoll.

I tappeti fanno parte della collezione Carpet Reloaded di Golran per Moroso:

http://www.carpetvista.com/eng/Patchwork_Vintage/page1.html?gclid=COTinab_ysECFQ7HtAodtSQAzw#S7QysaoutjK2UirOTFGyzrQytC4GCikVBEO5RkC_2BEVDWXwnIMLRSMgTRQOXpRflK1olAqepMKwOImgBDmAFAeUN3EyXr2loA

Le tele di sinistra sono del marito di Patricia Urquiola: Abdou Salam.

Sopra il mobile a destra, la lampada Rontonton di Edward van Vliet:
http://www.architonic.com/it/pmsht/rontonton-quasar/1140985

——

LAMPADA 450 ARREDO DESIGN CASA IMG_0966

LA LAMPADA CHE CI E’ PIACIUTA PER IL DISEGNO E PER GLI EFFETTI DI COLORE SUI MURI QUANDO SI ILLUMINA.

La parte inferiore è rosso carmino con splendidi effetti sulle a preti quando la luce è accesa.

ORU è il nome di questa lampada di Fabbrian fabbrian.it: il meglio della produzione attuale, sicuramente la più originale.

——
CARTE DA PARATI DI ELENA CAROZZI.
Ci sono piaciute per la loro capacità di creare una speciale atmosfera intima e incantata.

ARREDO 450 design casa carta da parati IMG_0953

ARREDO 450 design casa IMG_0959

ARREDO  450 design casa IMG_0958

ARREDO 450 DESIGN CASA ARTE IMG_0960

——–

Tavolino SHIMMER di Patricia Urquiola per Glasitalia, cambia colore secondo l’angolazione dalla quale la si guardi.

DESIGN 300 tavolino casa arredo IMG_0963

——————-

——

Altre idee di arredo; stili diversi, ma sempre con un tocco di personalità.

DESIGN D’EPOCA:

ARTE ARREDO ATTACCAPANNI M IMAG1202

ARTE ARREDO BOCCA IMAG1206

Natale 672 luci anzani ok

ARTE ARREDO POLTRONE PUNTINI IMAG1205

PICCOLA CUCINA  ROSSA CON UN MOBILE ANTICO IN RADICA, IL GRANDE FRIGORIFERO E’ PIENO DI MAGNETI-RICORDO DEI VIAGGI DEI PADRONI DI CASA, PORTA FINESTRA CON PITTURA SU VETRO CHE RICHIAMA IL ROSSO DELLA CUCINA.

CASA CUCINA OK IMG_8316

CUCINA BORDEAUX, GRANITO E UN LAMPADARIO CHE RIFLETTE I COLORI DELL’ARCOBALENO SULLE APRETI

casa rota arcob2 scuro copy

SALOTTO LUMINOSO CON GRANDI FINESTRE E DUE DIVANI VERDI, UNO MODERNO E UNO ANTICO, PAVIMENTO IN LEGNO E UN GRANDE SPECCHIO CHE AUMENTA OTTICAMENTE  LE DIMENSIONI DELLA STANZA. IL LAMPADARIO RIFLETTE I COLORI DELL’ARCOBALENO SULLE PARETI, OGNI VOLTA CHE IL SOLE LO COLPISCE, QUI AL MATTINO E LA SERA.

CASA ANZANI SALOTT IMG_8314

case 1e

IL LAMPADARIO ANTICO DI MURANO DA UN TOCCO SPECIALE A QUESTO BAGNO CON VASCA JACUZZI E PIASTRELLE DISEGNATE  A MANO.

CASE IMG_8317

QUESTO LAVELLO DA UNO STILE SPECIALISSIMO ALLA CUCINA.

ARREDO CUCINA LAVELLO V

LA LUCE CHE ILLUMINA IL VETRO DECORATO A MANO RENDE SPECIALE QUESTO BAGNO, ANNI ’20,  CON PARETI DI MARMO E UNA MODERNA VASCA JACUZZI

casa rota vetro copy

case IMG_8276

QUESTO MOBILE SPAGNOLO ANTICO DA UN’IMPRONTA SPECIALE ALL’ARREDO MODERNO DEL SALOTTO.

CASA ANZ PARTICOLARE IMG_8018

IL TAVOLO ANTICO, CON PIANO IN CRISTALLO MOLATO, DONA PERSONALITA’ AD UNA CUCINA MODERNA.

case IMG_8020

CASE MG_8309

case IMG_0250

BAGNO ROMANTICO PER UNA SIGNORA, PARETI IN MARMO E RUBINETTI D’EPOCA.

casa rota bagno rosa copy

CUCINA ANNI ’70 IN LEGNO MASSELLO CHIARO E TAVOLO IN FORMICA  ANNI ’40, I LAMPADARI ACCENTUANO LO STILE CAMPAGNA.

trecallo cucina  1 copy

UN CLASSICO INGRESSO SCENOGRAFICO ED ELEGANTE; MOBILI ANTICHI DI PREGIO, DRAPPEGGI E OGGETTI PREZIOSI.

ARREDO CORRIDOIO  dcm

CLASSICO E SEMPRE ELEGANTE: TAVOLO IN CRISTALLO QUADRI IMPORTANTI, ANTICO LAMPADARIO E SEDIE DI DESIGN.

ARREDO  sala pranzo kj

UNA BELLA LAMPADA ORIGINALE DI DESIGN, DA UN TOCCO DI  MODERNITA’ ALLA CASA CLASSICA, RICCA DI DETTAGLI PREZIOSI.

Arredo corridoio dc

UNA CUCINA SEMPLICE NASCOSTA DIETRO UNA PARETE CON GRANDE SPECCHIO ILLUMINATO DA UNA LAMPADA DI DESIGN D’EPOCA. IL FRIGORIFERO E’ STATO RIVESTITO DI SUGHERO, AL PICCOLO TAVOLO ANTICO E’ STATA ACCOSTATA UNA SEDIA DI DESIGN.

trecallo casa (4)

SE VOLETE ARREDARE CON GUSTO E NON POTETE PAGARE UN ARCHITETTO, RICORDATE CHE.

-cercate la semplicità; gli accostamenti sbagliati sono sempre orrendi

-decidete uno stile per tutta la casa e rimanetevi fedeli, gli errori saltano sempre all’occhio

-semplicità, semplicità e semplicità…risparmierete e farete bella figura con gli amici !

-non comprate per impulso, non acquistate separatamente…fate un piano decidete a tavolino .. acquistate solo dopo avere  pensato a lungo

-se la casa vi sembrerà vuota, non pensateci, al primo viaggio incontrerete certamente qualcosa per personalizzarla, ma pesateci bene prima dell’acquisto, pensate che dovrà stare bene con lo stile che  avete scelto

-anche all’IKEA potete trovare l’arredo per una casa piacevole, ma non riempitela di mobili, lasciate anche un poco di spazio per muoversi…e per eventuali acquisti futuri

-non riempite la casa di soprammobili, soprattutto se non sono dello stile dell’arredo !

-non riempite la casa  di quadri, meglio una bella foto che un brutto quadro

-comunque un bel quadro ha bisogno delle spazio per essere apprezzato, riempire le pareti di quadri è una scelta ormai superata

-solo poche persone possono permettersi dei bei quadri, gli altri credono solo di averli…meglio un poster Ikea o una buona copia di un quadro famoso, che un orrendo dipinto…

-trovate un colore e cercate di fare in modo che domini la stanza senza altre invadenze

-guardate tante  riviste di arredo  DI BUON LIVELLO prima di scegliere, anche se non avete molti soldi il buon gusto vi farà creare una casa più bella di molte altre più costose…e ricche di pacchianate  o ridondanti di orribili copie di vecchi stili

If you like this way to decorate your home, for a really italian style call: 0039.3478930097.

Se vi piacciono questi arredi potete chiedere suggerimenti per  arredare la vostra casa al cell. 0039. 3478930097.

Un tavolino fai da te, che costa pochissimo, da mettere vicino al divano o alla poltrona preferita; createlo con:

-due pacchi di vecchie riviste e sopra un vetro infrangibile

-avvicinare in orizzontale e verticale (ai bordi) delle semplici cassette della frutta (quelle alte in legno), che possono essere colorate a piacere; sopra tutto un vetro infrangibile

-create il tavolo con le piastrelle di vetrocemento (le vendono anche di bellissimi colori) appoggiate su un piano di plexiglass (potete mettere all’interno una luce a basso consumo, o con una pila o il tavolo deve essere vicino al muro per nascondere il filo della luce. L’effetto è spettacolare, meglio se l’arredo è monocolore e il colore del vetrocemento è ripreso, identico, solo da piccoli particolari come cuscini, oggettivistica varia ecc..

RIDURRE LA CO2. Un’opportunità per l’Italia; speriamo di non “perdere il treno”.

TECNICHE PER RIDURRE LA CO2
Esperti a confronto a Roma e Milano. 

Lo stoccaggio geologico della CO2, cioè l’iniezione dell’anidride carbonica prodotta dalle attività industriali in strati geologici profondi, viene riconosciuto quale strumento innovativo e strategico in chiave internazionale per ridurre le emissioni di anidride carbonica in atmosfera e contribuire a contrastare l’aumento della temperatura a livello globale.

E’ stato questo l’argomento dibattuto in occasione di due seminari organizzati dal    Network di Eccellenza Europeo CO2GeoNet e dall’Unione Italiana Giornalisti Scientifici (U.G.I.S.), in collaborazione con l’ENEA e la Federazione Italiana delle Associazioni Scientifiche e Tecnologiche (F.A.S.T.), svoltisi a Roma presso l’Enea e alla Fast di Milano l’8 e l’11 ottobre scorso.

-Lo sviluppo delle tecnologie CCS per la cattura e lo stoccaggio della CO2 (CCS) può offrire all’industria italiana l’opportunità di svilupparsi e di competere nel settore delle grandi infrastrutture energetiche e dei processi industriali fortemente emettitori di CO2.

 Infatti, in occasione dei seminari, è stato presentato un importante progetto che può portare l’Italia all’avanguardia nelle soluzioni impiantistiche per la CCS, da realizzarsi nell’area del Sulcis, in Sardegna.

Un’iniziativa che ha tutti i requisiti per poter essere sostenuta anche dalla Comunità Europea offrendo un contributo sostanziale per limitare drasticamente le emissioni di CO2 prodotte da impianti termoelettrici e da altre industrie alimentate a combustibili fossili (carbone, olio e gas).

Ne hanno discusso Samuela Vercelli e Salvatore Lombardi del centro di ricerca CERI dell’Università “La Sapienza” di Roma, Sergio Persoglia, dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (O.G.S.) di Trieste e Giuseppe Girardi dell’ENEA, coordinati dal vicepresidente dell’UGIS Giovanni Anzidei a Roma e dal presidente UGIS Giovanni Caprara a Milano.

Ci auguriamo che possano essere  superati i soliti problemi burocratici, tipici della nostra nazione, che ha perso già troppe opportunità, offerte dai nostri scienziati, di migliorarsi in un momento tanto buio !

MOSTRA: RENOIR Dalle Collezioni del Musée d’Orsay e dell’Orangerie, a Torino.

COVER Renoir; Madame Georges Charpentier (1876-77)

RENOIR AL MUSEO GAM DI TORINO.

Dal 23 ottobre 2013 al 23 febbraio 2014.

Info tel 011.44 29 518   www.gamtorino.it 

Ronoir; La Balançoire (1876) particolare

Renoir-La-Balançoire-1876-particolare.

Renoir; Madame Georges Charpentier (1876-77)

Renoir-Madame-Georges-Charpentier-1876-77.

– Un ventaglio di attività elaborate e condotte dal Dipartimento Educazione GAM permetterà di conoscere e interpretare in modo creativo le molteplici suggestioni offerte dalle opere esposte e dalla biografia dell’artista.

-Pierre-Auguste Renoir (1841-1919) è stato tra i protagonisti dell’impressionismo francese con Monet, Manet,Degas,Pisarro,Sisley e Cezanne. La mostra documenta lo sviluppo della su attività pittorica evidenziando le tappe più significative e le importanti svolte della sua ricerca nell’arte.

l Musée d’Orsay e il Musée de l’Orangerie, che dispongono della collezione più completa al mondo dell’opera di Renoir, hanno permesso a una sessantina di capolavori di raggiungere il Museo Gam di torino, per  una straordinaria rassegna che documenta tutta l’attività di questo grandissimo pittore, mostrandone i momenti più significativi e le svolte che hanno portato l’artista a un progressivo allontanamento dall’Impressionismo.

-La curatela della mostra è affidata a Sylvie Patry, Conservatore Capo presso il Musée d’Orsay e grande specialista di Renoir, e a Riccardo Passoni, Vice Direttore della GAM di Torino.

RENOIR.

Un uomo timido, magro e assai nervoso, così ci raccontano sia stato Renoir mentre scriveva la storia dell’arte moderna con il suo fantastico pennello.

Sfuggì al destino, il padre lo voleva decoratore di porcellane, e riuscì ad iscriversi all’Êrcole de Beaux-Arts a Parigi.

La sua produzione fu caratterizzata dall’irregolarità; egli era sempre alla ricerca di “altro”.

-60 opere raccontano tutta la storia di Renoir

-La storia di Monet parte dal lavoro “en plein air” insieme a Monet e Chailly.

-La visione dei lavori di Raffaello in Italia, sconvolgono il suo pensiero sull’arte.

-Continua a lavorare con Monet, Manet, Dagas, Fantin-Latour; al caffè Guerbois essi pongono le basi dell’arte moderna.

-Renoir era un tipo taciturno, forse anche perché meno preparato degli altri amici artisti. Un’insicurezza che non è mai apparsa nella sua pittura.

-Lavorava all’aperto nel giardino di casa sua, in rue Cortot a Monmartre e poi finiva i lavori nel suo studio di Rue St. Georges.

-Nonostante il nervosismo e la timidezza si parla anche del suo buonumore che, di fatto,  trapela nei suoi lavori.

-Finalmente arriva il successo e quindi il denaro.

-Pur soffrendo di artrite reumatoide pare non si lamentasse mai dei dolori.

-Comunque si trasferisce al sud a Cagnes-sur-Mer e dipinge su di una sedia a rotelle, ma non smette mai pur lavorando con i pennelli legati al polso.

-Muore il 2 dicembre 1919.

Catalogo SKIRA.

DonnE…Cultura