“MORANDI. L’ESSENZA DEL PAESAGGIO”: la sua arte non fu solo nature morte.

MORANDI E’ UN ARTISTA SEMPRE ATTUALE, SOPRATTUTTO QUANDO DICE: “MI MANCA LA TRANQUILLITA’ “.

 Una splendida mostra del 2011 è lo spunto per parlare del grande artista che fu Morandi.

Colori spenti, polverosi…l’essenziale.

MORANDI IMG_1522

MORANDI IMG_1518

MORANDI IMG_1525

MORANDI IMG_1527

MORANDI IMG_1529

MORANDI IMG_1530

MORANDI IMG_1541

MORANDI  CASA IMG_1542

MORANDI PAESAGGIO IMG_1540

MORANDI IMG_1562

MORANDI IMG_1538

MORANDI IMG_1521

MORANDI IMG_1566

MORANDI IMG_1564

Unica natura morta presente alla mostra di cui sotto si parla.

2010-201: una prestigiosa e autorevole sede, la Fondazione Ferrero a Cuneo; una curatrice di rara modestia e grandi capacità come Maria Cristina Bandera per la più completa mostra italiana dedicata, finalmente, al grande Morandi. Una mostra che, come tutto il meglio, è leggibile da chiunque; universalmente comprensibile.

Un giusto omaggio ad un autore a suo tempo sottovalutato.

Il tema scelto è quello del paesaggio, quello che lo stesso autore Morandi preferiva chiamare: -La pittura dei “paesi”- inoltre, paragonandola alle nature morte che furono tanto presenti nel suo lavoro, sosteneva: –e dire che i paesaggi li amavo di più-.

Quindi un Morandi meno stereotipo, che rivela il suo intimo, più che nelle nature morte: la sua vita attraverso i vari paesaggi o “paesi”, come lui preferiva chiamarli, dove aveva scelto di vivere.

Morandi cambia a decenni” ha detto la curatrice e ben lo si vede visitando la mostra.

La prima sala ci avvicina alla prima opera datata dell’autore: un quadro che normalmente possiamo vedere alla Pinacoteca di Brera. Nella medesima sala oli rarissimi degli anni ‘10, mai riuniti in numero tanto elevato. Se ne deduce l’ammirazione e il grande studio che dedicò alla pittura francese: Cézanne in primis, che sfocerà nella successiva sintesi, degli anni ’20, derivata dalla conoscenza di Pietro della Francesca.

Visitando la seconda sala si possono ascoltare le sue parole: –Per noi la villa…ci faceva pensare alla Torre Eifell  a Renoire a Degas. Successivamente si incontreranno le opere degli anni ’30 che segnano la sua maturità e autonomia.

Il colore, più scuro, definisce molti dei lavori degli anni della guerra, quando si ritirò a Grizzana per sfuggire ai bombardamenti, in questi anni infatti disse: “Mi manca la tranquillità…ogni giorno gli aerei passano di qui e si mitragliano tra loro”.

Nel ’44 rientra a Bologna dove rimane per 10 anni, in questo periodo abbandona il tema del paesaggio a favore delle più famose nature morte delle quali ricorda: “gli stessi titoli…sono convenzionali”. In questo tempo si limita al lavoro in casa e in giardino, del quale dice:”nel tardo autunno e in inverno la vista si spinge…sino a…”. Anche se lavorava alle nature morte aveva bisogno del “paese” che lo circondava.

Le opere, presentate su pareti e con luci che non distraggono dai quadri, a volte sono avvicinate per far cogliere meglio gli effetti finali tra paesaggi simili, ma con sfumature di colore differenti.

Tornando agli spostamenti di Morandi, dopo il ’59 torna a Grizzana dove le sorelle fanno costruire una nuova casa. Qui abbandona le volumetrie chiuse e sostiene: “Di nuovo al mondo non c’è nulla, l’importante è la posizione dell’artista”.

Riprende le caratteristiche del paesaggio di Giotto, ma lo riduce alle sue linee. “Sappiamo che tutto quello che riusciamo a vedere…in realtà non esiste…ritengo non vi sia nulla di più surreale e astratto della realtà– e. sempre Morandi: – “Quello che conta è toccare il fondo…l’essenza del fondo…Sapremo cogliere la lacerazione, l’essenza?”. E mostra questo pensiero nella sua essenzialità di linee e colori.

Maria Cristina Bandiera nel presentare questa mostra ha giustamente evidenziato come il tema scelto del paesaggio permetta di avvicinare un pubblico più vasto, rispetto ad una mostra di sole nature morte; e questo pensiero ben si allinea con gli intenti della Fondazione Ferrero.

Inoltre pone l’accento sulla difficoltà incontrata, nella riproduzione dei sofisticati colori dell’artista per le foto del catalogo e gli ottimi risultati ottenuti. M.C. Bandiera ricorda anche come la prima curatrice di una mostra di Morandi, Barbara Cinelli, abbia cercato, lodevolmente, di “svecchiare” l’opera di Morandi dall’idea di cultura di strapaese; e noi diciamo che in questa mostra ben si completa questa opera.

E ci permettiamo di suggerire uno sguardo anche all’articolo, di questo giornale/blog su Chardin come è stato presentato, in contemporanea, alla mostra di Ferrara, presso Palazzo Diamanti.

Chardin è il “pittore del silenzio”.  Sarà sorprendente, per i non addetti ai lavori, incontrare punti di contatto con Morandi. La mostra rimase aperta sino all’30 gennaio 2011.

22 pensieri su ““MORANDI. L’ESSENZA DEL PAESAGGIO”: la sua arte non fu solo nature morte.”

  1. Pretty section of content. I just stumbled upon your website and in
    accession capital to assert that I get in fact enjoyed account your blog posts.

    Anyway I’ll be subscribing to your feeds and even I achievement you
    access consistently fast.

  2. I seriously love your website.. Very nice colors & theme.

    Did you create this amazing site yourself? Please reply back as I’m
    wanting to create my very own blog and want to find out where you got this
    from or exactly what the theme is named. Cheers!

    1. Many people are asking me how to make a good blog.

      This is a professional blog, I’m a journalist and a design-artist.

      The law protects the work of this blog: all rights are reserved

      I use Word Press a professional one and I appreciate it a lot.

      For have a blog like this you need experience and knowledge about: design, art, photo, journalism ecc.

      But everybody can do a good work.

      First you have to be able to write in a good way.
      And for this you have to read a lot good books.

      Than you have to know the arguments.

      But you have also to know more than a bit about internet and blogs.

      All rights of my blog are protected by the low.

      Good luck ! Let me see how are you doing G.

  3. I’m extremely inspired along with your writing talents and also with the layout for your weblog.
    Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up the excellent quality writing, it is uncommon to
    look a nice blog like this one these days..

  4. I do not even know how I ended up here, but I thought this submit was once great.

    I do not recognize who you might be but definitely you’re
    going to a well-known blogger should you are not already. Cheers!

    1. I’m really sorry; It doesn’t depend of me.
I asked a solution from technicians, nothing happens?
I receive comments automatically, I pay a lot of money for a professional web site by Word Press.
I receive 200 / 300 comments any day, if they send me double messages I lost my time, but I don’t know how to solve the problem.

  5. I was very happy to uncover this website. I want to to thank you for your time for this wonderful read!!

    I definitely loved every part of it and I have you bookmarked to see
    new things on your website.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*