Giornalismo e verità – morti ? – Mercanti di verità

Mercanti di verità

Il business delle notizie e la grande guerra dell’informazione

Sul web e in digitale – nuove realtà che hanno cambiato per sempre la cronaca dei fatti e delle notizie

Oggi sono molto ricercate le notizie strane e sconcertanti, i video di ogni tipo ma soprattutto di animali (gattini in testa): veri e propri snack d’in-trattenimento …

 

Il vero giornalismo deve puntare alla verità e non servire nessun padrone – richiede molte conoscenze – sia culturali che personali e tanto coraggio 

Oggi la maggioranza di giornalisti e scrittori di successo sono chiaramente schierati; ovvero difendono solo una sola parte politico / economica.

Nessuno ignora questo aspetto della comunicazione, ma la maggioranza continua a seguire solo chi scrive e parla come lui vuol pensa; pochi si degnano di ascoltare anche chi non la pensa come loro. Con le migliaia di informazioni a disposizione è anche poi sempre più difficile capire e distinguere; soprattutto per chi non è del mestiere.

Oggi tutto è specializzazione; ovvero chi non ha i titoli del caso non è ascoltato (professore, dottore, meglio se con master), ma chi ha i titoli può benissimo lavorare per qualcuno e difendere una linea che combacia solo con il suo borsellino o banale punto di vista. Una buona logica mentale non appartiene  a tutti; tanto più a chi ha studiato solo un piccolo settore e solo quello; l’eccesso di specializzazione porta ad un punto di vista estremamente concentrato e incapace di capire eventuali rischi nelle relazioni con il contesto circostante.

Esempio: un cardiologo consiglia una formidabile medicina che cura benissimo una certa malattia; peccato che non è informato, o non si è ancora ben studiato, che quella medicina sia dannosissima se presa insieme ad un’altra nuovissima consigliata dal pneumologo.

Tutto quanto sopra, compresi gli effetti di internet,  è ben spiegato nel libro:

MERCANTI DI VERITA’

di

Jll Abramson ( la prima donna a diventare direttrice esecutiva del New York Times )

Il presente e il futuro dell’informazione:

la carta contro il digitale, la televisione contro il web, la voce stentorea dell’editoria tradizionale contro il coro dissonante dei social.

«Un libro ricchissimo di storie e aneddoti avvincenti e illuminanti. Di quelli che improvvisamente aiutano a unire tutti i puntini, e a capire le cose» – Gianni Barlassina, il Post

«Mercanti di verità, scritto benissimo e ricco di ritratti affascinanti, è un saggio importante uscito in un momento cruciale» – Gay Talese

Nel corso degli ultimi venti anni una vera e propria rivoluzione ha scosso e radicalmente alterato il mondo del giornalismo e dell’informazione.

I quotidiani tradizionali, le riviste, le testate televisive e radiofoniche hanno visto sgretolarsi il proprio pubblico, il prestigio e l’autorevolezza, e soprattutto il potere di influenzare i lettori e la società.

Nel frattempo nascevano rapidissime, sul web e in digitale, nuove realtà che hanno cambiato per sempre la cronaca dei fatti e delle notizie, minacciando di travolgere ogni abitudine fi-no al concetto stesso di verità giornalistica.

Come in una guerra che non è ancora finita, vediamo gli eserciti che si affrontano: «old versus new media», i vecchi mezzi di informazione contro i nuovi.

Jill Abramson, la prima donna a diventare direttrice esecutiva del New York Times, descrive in modo avvincente la crisi e la trasformazione del «quinto potere» concentrandosi su due importanti quotidiani, il New York Times e il Washington Post, roccaforti della tradizione e dell’etica del giornalismo con un pubblico consolidato ma sempre più vecchio e limitato, e due siti online di informazione di immenso successo, Vice e BuzzFeed, che hanno stravolto ogni regola rivolgendosi ai lettori con le loro liste ormai onnipresenti («21 foto che ti ridaranno fiducia nell’umanità», «10 bevande per tenervi idratati»), le notizie strane e sconcertanti, i video di ogni tipo ma soprattutto di animali (gattini in testa): sono i nuovi contenuti per quelli che vengono chiamati gli «annoiati al lavoro», veri e propri snack d’in-trattenimento in grado di rapirci per un minuto o due.

Mercanti di verità non ha solo l’ambizione di analizzare e comprendere quanto sta accadendo ma anche di trasformarlo in un’esperienza narrativa appassionante.

Le vicende dei protagonisti, le testimonianze, la cronaca drammatica dei fallimenti, l’adrenalina inarrestabile del successo fulminante, danno vita a un reportage coinvolgente e a un racconto rivelatore. Capace di farci comprendere una trasformazione epocale che si sta svolgendo davanti ai nostri occhi.

MERCANTI DI VERITA’, Jll Abramson, Sellerio, pp. 904, 24 euro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*