Aspirina – un farmaco prezioso per molte patologie

I vecchi farmaci, in genere, sono molto affidabili, perché testati per decenni, e sempre meno costosi dei più nuovi che, non sempre sono meglio, ma costando molto di più e sono un affare certo per le case farmaceutiche (senza nulla togliere alle vere grandi innovazioni che aiutano l’uomo a vivere meglio).

Istituto di Farmacologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Aspirina come farmaco antitrombotico.

Prevenzione cardiovascolare, ha dimostrato una ridotta incidenza e mortalità da CRC (e altri tumori) nei soggetti trattati con aspirina.

Ridurre il rischio di complicanze trombotiche (sia a livello cardiaco che cerebrale) del processo aterosclerotico (aterotrombosi) con l’aspirina.

L’acido acetilsalicilico, sintetizzato in ambiente industriale nel 1897, è stato commercializzato come Aspirina® nel 1899.

Per i primi 70 anni della sua vita commerciale l’aspirina è stata impiegata come

-farmaco analgesico, antipiretico e anti-infiammatorio, fornendo il modello per lo sviluppo – a partire dagli anni ‘60 del XX secolo – dei farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Le scoperte relative al meccanismo d’azione dell’aspirina negli anni ’70, e successivamente gli studi di farmacologia clinica sulla biosintesi piastrinica di trombossano (TX)A2 e sulla produzione endoteliale di prostaciclina (PGI2), con la dimostrazione della inibizione selettiva del TXA2 con basse dosi di aspirina, hanno fornito un solido razionale per il disegno di numerosi trial clinici in decine di migliaia di pazienti ad alto rischio cardiovascolare a partire dalla seconda metà degli anni ’80.1

Questi studi, condotti per lo più in maniera indipendente dalla comunità medico-scientifica con fondi pubblici, hanno dimostrato -l’efficacia e la sicurezza dell’aspirina a basse dosi (30-100 mg/die) nel

-ridurre il rischio di complicanze trombotiche (sia a livello cardiaco che cerebrale)1 del

-processo aterosclerotico (aterotrombosi).2 Tuttavia, laddove il rapporto beneficio (riduzione di eventi vascolari maggiori)/rischio (aumento di complicanze emorragiche) è decisamente favorevole (>10:1) nel trattamento acuto delle sindromi ischemiche coronariche e cerebrali  e nella loro prevenzione secondaria,3 questo rapporto è sostanzialmente incerto (≤2:1) nella cosiddetta prevenzione primaria in soggetti asintomatici e senza una precedente complicanza aterotrombotica.4

Nel corso degli ultimi 10 anni, sono emerse nuove conoscenze circa un possibile effetto chemiopreventivo dell’aspirina nei confronti de cancro colo-rettale (CRC).

In realtà, un’associazione tra uso prolungato di aspirina o altri FANS e ridotta incidenza e mortalità da CRC era già stata documentata da numerosi studi osservazionali in passato.5 I nuovi dati sono emersi da quattro trial clinici randomizzati, controllati con placebo,

-in  soggetti con adenoma colo-rettale sporadico, nei quali il rischio di ricorrenza di un adenoma – dopo asportazione chirurgica – era ridotto dall’aspirina (a dosi giornaliere di 81-325 mg). Risultati analoghi sono stati ottenuti nello stesso modello clinico con l’impiego di coxib, una classe di FANS inibitori selettivi di COX-2.6 Tuttavia, la cardiotossicità dei coxib ne limita l’utilizzo a lungo termine.7  Inoltre, una serie di analisi post-hoc condotte sul follow-up a lungo termine dei soggetti randomizzati nei trial clinici di

prevenzione cardiovascolare, ha dimostrato una ridotta incidenza e mortalità da CRC (e altri tumori) nei soggetti trattati con aspirina per 4-5 anni rispetto ai controlli.8

Le “impronte digitali” dell’effetto chemiopreventivo dell’aspirina includono le seguenti osservazioni:

-1) l’apparente protezione nei confronti del CRC è dimostrabile a dosi giornaliere di 75 mg;

-2) questo effetto è saturabile a basse dosi, cioè dosi fino a 16 volte superiori non risultano più efficaci;

-3) nelle donne apparentemente sane, l’effetto chemiopreventivo è stato documentato anche con un regime posologico di somministrazione di 100 mg a giorni alterni;

-4) l’effetto è dimostrabile con una formulazione a rilascio controllato di 75 mg, sviluppata per massimizzare l’inibizione della COX-1 piastrinica nella circolazione portale e minimizzare l’inibizione di COX-2 nella circolazione sistemica.8

-Queste insolite caratteristiche farmacodinamiche sono virtualmente identiche alle “impronte digitali” dell’

aspirina come farmaco antitrombotico, e suggeriscono un meccanismo d’azione condiviso.8,9

 Bibliografia

 Patrono C. Aspirin as an antiplatelet drug. N Engl J Med 330: 1287-1294; 1994.

Davì G, Patrono C. Platelet activation and atherothrombosis. N Engl J Med 357:2482-2494, 2007.

Patrono C, Garcìa Rodrìguez LA, Landolfi R, Baigent C. Low-dose aspirin for the prevention of atherothrombosis. N  Engl J Med 353: 2373-2383, 2005.

Patrono C. Low-dose aspirin in primary prevention: cardioprotection, chemoprevention, both or neither? Eur Heart J 34:2403-2411, 2013.

Thun MJ, Henly SJ, Patrono C. Nonsteroidal antiinflammatory drugs as anticancer agents: mechanistic, pharmacological and clinical issues. J Natl Cancer Inst 94: 252-262, 2002.

FitzGerald GA, Patrono C. The coxibs, selective inhibitors of cyclooxygenase-2. N Engl J Med 345:433-442, 2001.

Coxib and traditional NSAID Trialists’ (CNT) Collaboration.  HYPERLINK “http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23726390” Vascular and upper gastrointestinal effects of non-steroidal anti-inflammatory drugs: meta-analyses of individual participant data from randomised trials. Lancet 382:769-79, 2013.

Thun MJ, Jacobs EJ, Patrono C. The role of aspirin in cancer prevention. Nature Rev Clin Oncol 9:259-267, 2012.

Patrono C, Patrignani P, Garcìa Rodrìguez LA. Cyclooxygenase-selective inhibition of prostanoid formation: transducing biochemical selectivity into clinical read-outs. J Clin Invest 108:7-13, 2001.

 

One comment

  1. Thаnkѕ for another informative site. The place else could I am ǥetting that kind of info written in such
    an ideal manner? I’ve a undertaking that I’m simply now running on, and I ɦave been at the look out for such
    info.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*