VACANZE SICURE – ZONE A RISCHIO TERRORISMO – PAESI DA EVITARE

DOVE VADO IN VACANZA ???

Breve riassunto degli ultimi attentati

Per prevenire impariamo dagli israeliani che hanno anni di esperienza alle spalle …

I PAESI SICURI ESISTONO ???

Purtroppo – non possiamo mai escludere l’azione di un solitario … e questo può avvenire ovunque …

Dopo Lo Sry Lanka, Pasqua 2019, l’Egitto subisce un nuovo attentato; per fortuna con conseguenze contenute.

L’Egitto è un paese ben organizzato contro il terrorismo, ma anche paese di terroristi. Particolare pericolosità era sempre stata segnalata nel nord, vicino al Sinai e dintorni.

Ovviamente i terroristi si spostano e hanno affiliati in varie zone.

Le più pericolose rimangono quelle al nord, ma nessuno può prevedere l’imprevedibile.

In questo momento noi stessi conosciamo turisti che si trovano sulle coste del Mar Rosso; ognuno fa le sue scelte in base alla sua esperienza ed ai suoi  valori.

L’Egitto, se abbandonato dal turismo, precipiterà sempre più in una crisi eocnomica e il terrorismo avrà la meglio facilmente.

:::::::::::::::::::

aprile 2019

COLPITO LO SRI LANKA – LA META TURISTICA  RACCOMANDATA AI CITTADINI USA COME PIU’ SICURA DELL’EUROPA

Dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio … all’erta quando siamo in luoghi superaffollati …

Paesini di montagna, sperduti sulle Alpi o sui Pirenei,  danno più tranquillità di una grande città … e così Paesi come il Vietnam, il Centro America (sino ad ora), il Butan … i loro apparati di polizia sono tali che ogni fondamentalismo viene stroncato dall’inizio

PIU’ SOTTO I PAESI MENO A RISCHIO

Rimane il rischio aeroporto … ma anche vivere è un rischio continuo … ci sono più incidenti in casa che fuori ….

 

21 aprile 2019: attentato a Sri Lanka contro hotel di lusso e chiese cristiane

Polemiche  e rabbia per le infomazioni dall’ 4 aprile 2019 e diffusi l’11; ignorate da chi doveva prendere provvedimenti.

Lo Sry Lanka NON era tra le mete considerate pericolose, negli USA era  anzi considerata meta più sicura dell’Europa !

Oltre 70 attacchi nel 2018 di origine religiosa nello Sry Lanka; denuciati all’ONU e ignorati.

SI PUO’ SUPPORRE CHE IL TERRORISMO STIA CONTINUANDO IL SUO DISEGNO MACABRO DI PORTARE UN IDEALE ESTREMISTA RELIGIOSO NEL MONDO

IN REALTA’ DIETRO ALLE MOTIVAZIONI RELIGIOSE, CHE SERVONO PER TROVARE NUOVI ADEPTI, CI SONO SEMPRE E SOLO MOTIVAZIONI DI POTERE ED ECONOMICHE

COME IN TUTTE LE GUERRE

::::::::::::::::::::::::::::

14 marzo 2019 Nuova Zelanda;  un attentato contro i mussulmani – Brenton Tarrant, australiano bianco di 28 anni ha attaccato due moschee, Sui caricatori delle armi usate per la strage era segnalato anche Sebastiano Venier, il Doge veneziano che sconfisse i turchi nella battaglia di Lepanto nel 1571. La Nuova Zelanda è un Paese sempre considerato sicuro, ma questo attentato ci dimostra che se c’è un piano per creare un clima di odio tra le religioni, il passo necessario che anticipa sempre qualunque guerra, questo piano sta dilagando … un vero pericolo a livello mondiale !

Kenya 15 gennaio 2017 : attentato all’ hotel Dusit D2 di Nairobi – vedi articolo al link : https://www.donnecultura.eu/?p=64996

Marocco – dicembre 2018 violentate e sgozzate due giovani turiste scandinave

Strasburgo dicembre 2018 – spari a mercatino di Natale

A proposito dell’attentato a New York dell’ 11.12.2017; finito con l’accensione accidentale della rudimentale bomba, ma senza la sua esplosione e senza morti.

Questo attentato ci ricorda che la fine della guerra in Siria non è la fine dei gruppi terroristici, che continuano a colpire seguendo incitazioni di capi religiosi estremisti o ad organizzarsi su internet tra loro.

DA NON DIMENTICARE ANCHE CHE : ogni volta che un occidentale, cambia i propri programmi per paura degli attentati, fa un regalo ai terroristi.

Non volgiono solo uccidere, ma distruggere la nostra civiltà.

:::::::::::::::::::::::::::::::::

DA SAPERE PRIMA DI PARTIRE –  SEMPRE

ISCRIVETEVI SEMPRE SU VIAGGAIRESICURI DELLA FARNESINA

www.viaggiresicuri.it

Unità di crisi della Farnesina

In una situazione difficile in vacanza è confortante ricevere una chiamata da chi sa dove siamo e in che situazione ci troviamo

Alluvioni e varie catastrofi naturali – terrorismo terremoti – incendi …

IN UNA SPECIALE APP CON UN CLIC SI TROVANO TUTTE LE INFORMAZIONI …

06 36 225 questo è il telefono dell’unità di crisi

I tempi cambiano e le situazioni di pericolo anche. La Farnesina si è aggiornata e ha capito che la massa di turisti e viaggiatori all’estero è molto alta e quindi si è sentita in dovere di aggiornare i suoi metodi di comportamento nei casi difficili.

Meglio consultare anche il sito della Svizzera che scrive  in italiano https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae/rappresentanze-e-consigli-di-viaggio/consigli-viaggio/consigli-viaggio-in-breve.html

DEL SITO CITATO QUI SOPRA, RIPORTIAMO Il BRANO SUGLI ATTENTATI

Attentati

I terroristi colpiscono di sorpresa. Agiscono di preferenza mediante attacchi dinamitardi e attacchi armati difficilmente prevedibili, malgrado qualche sporadico avviso più o meno concreto. Tra i possibili obiettivi di un attacco terroristico vi sono impianti pubblici o turistici, assembramenti, come ad esempio mercati affollati, centri commerciali, mezzi di trasporto pubblici (bus, treni, aerei e battelli), manifestazioni sportive, eventi culturali, locali notturni, alberghi internazionali rinomati o ristoranti molto frequentati. Per questo occorre:

  • evitare grandi manifestazioni e assembramenti;
  • mostrarsi vigili in luoghi di incontro e centri di svago;
  • rispettare in ogni caso gli avvertimenti e le misure di sicurezza delle autorità locali.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ritiene che non vi sia motivo per sconsigliare in generale i viaggi in zone a rischio attentati. Una tale misura sarebbe sproporzionata tenuto conto che è impossibile prevedere gli attacchi. Inoltre, un simile provvedimento non farebbe che fomentare l’insicurezza e la paura, proprio uno degli obiettivi dei terroristi.

Oggi è possibile ricevere informazioni e consigli preziosi sul proprio telefonino, se ci troviamo in una zona dove è successo qualche fatto allarmante o qualche disastro particolarmente importante.

::::::::::::::::::::

Per i viaggiatori italiani

SE TUTTI I VIAGGIATORI SI REGISTRERANNO SUL SITO: viaggiaresicuri.it

PER L’UNITA’ DI CRISI DELLA FARNESINA SARA’ PIU’ FACILE INTERVENIRE IN LORO AIUTO IN TEMPI BREVI.

Nessun problema per la privacy; alla fine del viaggio (che si segnala sul sito), ogni dato viene automaticamente cancellato.

IN UNA SPECIALE APP CON UN CLIC SI TROVANO TUTTE LE INFORMAZIONI: dal numero del consolato e ambasciata alle disposizioni sanitarie ecc …

:::::::::::::::::::

VACANZE SICURE DOVE ???

Non lasciamoci terrorizzare, purtroppo l’attacco a Sri Lanka ci ha dimostrato che anche il paese considerato molto più sicuro dell’Europa, dalle autorità americane, può essere pericoloso.

Ovviamente, nel calcolo delle probabilità, il fatto che capiti proprio a noi, è una probabilità molto più remota che andare in auto sull’Autostrada del Sole in alta stagione; ovviamente i fatti non si negano, ma non dobbiamo lasciarci terrorizzare.

Gli attacchi di Strasburgo … Madrid, Parigi,  Manchester, Istambul, Nizza e Bruxelles ecc… ci ricordano che tutti i luoghi di ritrovo e divertimento, ma anche ogni assembramento di persone come un aeroporto o una stazione ecc.. sono i preferiti dai terroristi, perché possono colpire più persone contemporaneamente.

Gli ultimi sviluppi ci dimostrano che ogni città Europea, ma non solo, può essere oggetto di attentato. Anche se ogni luogo è potenzialmente a rischio, per questo non dobbiamo cadere nella trappola di vivere nel terrore e modificare esageratamente la nostra vita normale.

Tra i luoghi considerati più a rischio vi sono la bellissima città di Istambul,  Parigi, Bruxelles …   o ogni grande città con grandi assembramenti di persone.

Purtroppo non possiamo mai escludere l’azione di un solitario … e questo può avvenire ovunque.

ISTAMBUL – Ora è stato revocato lo stato di emergenza e quindi il rischio di finire arrestati per un errore, rischio sempre comunque remoto, ora non esiste più. I prezzi sono bassi e vi si trova arte, cultura, street food, ottimo cibo e un paanorama unico al mondo, ma la città non è mai stata esclusa dal rischio attentati.

Mentre il nord dell’Egitto, vicino al Sinai, è sicuramente da evitare, le pesanti misure di sicurezza messe in atto nel Paese, potrebbero dare una certa tranquillità per alcune destinazioni sul Mar Rosso; magari le meno frequentate dalle masse del turismo come Port Galib e Berenice – non sono raccomandazioni di assoluta sicurezza; diciamo solo che, noi ci siamo stati, e se il posto vi piace (il Mar Rosso è unico per tanti motivi; dalla barriera corallina al buon clima nella media stagione, ai prezzi molto convenienti). Anche qui nessuno può escludere il rischio terrorismo che però, ormai, esiste in quasi tutto il mondo.

Alla luce dei fatti, nessuno può dare garanzie per nessuna destinazione.

IMPARIAMO DAGLI ISRAELIANI

Dopo gli ultimi sviluppi della situazione internazionale, dovremmo sempre più imparare a comportarci e pensare come gli israeliani che, da moltissimi anni convivono con il terrorismo, ma continuano a vivere una vita normale.

Gli israeliani, sanno dalla prima infanzia che si devono adottare molte piccole cautele e un minimo livello di attenzione, dopo di che pensare di capitare nel mezzo di un attentato è, nel calcolo delle probabilità, molto più basso di avere un incidente statale.

Dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

Non dimentichiamo che, a differenza di quanto molti pensano, per i turisti Israele è più sicura di qualunque città europea. Nessun attentato ha mai coinvolto gruppi di turisti (così dichiarano le autorità israeliane).

:::::::::::::::::::::::::::::::::

QUANTO AVEVAMO SCRITTO NEL 2016 E’ ANCORA VALIDO

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata; numerosi gli arresti e gli attentati evitati grazie alle polizie di vari Paesi. In primis: Francia e Inghilterra.

Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono Daesh (Isis): Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, USA, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro o un  momento della vita, nel quale si può essere certi che nulla di brutto accada; ci si può fare molto male anche stando in casa …guidare sull’autostrada del sole è più rischioso, nel calcolo delle probabilità, di viaggiare nel mondo in aereo.

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

Farnesina: 

http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta,  buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre  dai dati in nostro possesso.

E’ anche evidente che alcuni Paesi sono, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri.

Sicuramente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi o sui Pirenei,  danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

Questo dicevano le autorità USA, prima degli ultimi attentati del 2015 – 2016 in Europa: NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI.

Non si possono escludere attacchi di individui isolati, ci sono già stati, che si sono radicalizzati anche recentemente e che mettono in atto quanto imparato nei siti internet dell’Isis o Daesh.

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo e perché crede nella vendetta religiosa; propagandata dai terroristi internazionali.  Ovviamente i grandi assembramenti di persone fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa diceva il comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

——–

ULTIMA INFORMAZIONE RIGUARDA IL VIRUS ZIKA:

Sconsigliati dal nostro Ministero degli Esteri i viaggi nei Paesi colpiti, per evitare la diffusione del virus in Europa; poiché già da Marzo, in alcuni Paesi della fascia tropicale, inizia la diffusione della zanzara tigre, uno dei trasmettitori del virus. Ora è stata dimostrata anche la trasmissione per via sessuale.

Paesi sconsigliati:

1° il BRASILE dove il virus si  è diffuso a macchia d’olio, tanto che nel 2016, alcuni carnevali sono addirittura stati cancellati; molto si sta facendo, ma il rischio rimane

-ANCHE IN ALCUNE PARTI DELLA FLORIDA E’ STATO DATO L’ALLARME VIRUS ZIKA

Per precisazioni sul virus ZIKA vedi anche al link https://www.donnecultura.eu/?p=28505


::::::::::::::::

PAESI DOVE SI POSSONO INCONTRARE PROBLEMI DI VARIO GENERE, DALLA SALUTE AL TERRORISMO

Premesso che l’industria turistica è una delle più importanti, in molti Paesi del mondo e che smettendo di viaggiare e lasciandoci prendere dal panico, contribuiamo al crollo della nostra economia turistica; che è quello che i terroristi vogliono…

vi riportiamo i dati relativi ai Paesi più a rischio.

Vedi anche ulteriori recenti precisazioni al link: https://www.donnecultura.eu/?p=25860

PER SERI E COSTANTI AGGIORNAMENTI VEDI https://www.gov.uk/foreign-travel-advice , in inglese, l’UNICA vera fonte di informazioni  precise per veri viaggiatori. IN INGLESE, ma si può usare Google traduttore.

VIAGGI E  PERICOLI DA EVITARE :

RICORDATE SEMPRE CHE OGNI GRANDE ASSEMBRAMENTO DI PERSONE E’ UNA TENTAZIONE PER I TERRORISTI: GRANDI EVENTI ECC …

Premesso che nessuno, di questi tempi, può fare previsioni sicure al 100% :

-tra i pochi Paesi dove il terrorismo, a oggi, non ha possibilità di svilupparsi, troviamo: Islanda e Vietnam;

-relativamente sicura anche la Svizzera e ogni località di montagna, italiana e non, fuori dalle mete più famose e affollate

-con più la località è piccola e poco rinomata, più è difficile che diventi oggetto di interesse per i terroristi; si tratta di un calcolo delle probabilità, non di una certezza.

————

SECONDO IL QUOTIDIANO THE WEEK I PAESI PIU’ PERICOLOSI NEL MONDO SONO:
Syria
Iraq
Afghanistan
South Sudan
Central African Republic
Somalia
Sudan
Democratic Republic of Congo
Pakistan
North Korea

—-

In questo momento, in particolare, è poco sicuro il Venezuela; paese comunque da sempre DIFFICILE COME SICUREZZA.

—–

ANCHE HAITI RIMANE UN PAESE PERICOLOSO; secondo le informazioni del governo USA; vedi al link (IN  INGLESE;  ma potete usare Google traduttore per avere una discreta traduzione immediata) https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html

Nessun problema per chi viaggia con i gruppi organizzati, ma il MESSICO, se si viaggia da soli, richiede molte precauzioni; come ben sanno i veri viaggiatori; anche per molti altri Paesi.

—-

I PAESI, INDICATIVAMENTE, PIU’SICURI ( ma alla luce degli ultimi fatti, anche gli aeroporti potrebbero essere a rischio ):

-VIETNAM 

-ISLANDA

-SVEZIA

-AUSTRIA

-NUOVA ZELANDA

-FINLANDIA

-SVIZZERA-

-CANADA

-GIAPPONE

-REPUBBLICA CECA

Ma nessuno può garantire nulla in questo momento di dilagante terrorismo.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA DELLA SITUAZIONE ATTUALE

La Francia aveva avvisato da mesi, segnalando le zone sconsigliabili per i turisti, dopo l’ultimo attentato a Parigi:

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul

——-

EGITTO

SCONSIGLIABILE in generale, ma ci sono zone meno rinomate e più sicure.

TUTTE LE ZONE INTORNO ALLE aree CONQUISTATE DA Daesh   (SI CONSIGLIA SEMPRE DI SCRIVERE DAESH E NON ISIS; che sarebbe un riconoscimento ufficiale per lo Stato Islamico) DOVREBBERO ESSERE CONSIDERATE PERICOLOSE (zone del nord), VISTO CHE HANNO INIZIATO AD UTILIZZARE ANCHE RAZZI CHE COLPISCONO GLI AEREI .

L’attentato a Marsa Alam del 2017, prova che anche al centro-sud dell’Egitto esiste un pericolo.

Comunque, noi stessi abbiamo soggiornato, tranqillamente, nel vicino Port Galib; sono scelte personali.

——————

La società britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha  stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista:

USA

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio negli Usa, dovrà sapere che una volta arrivati a destinazione, si troverà davanti a continui ed incisivi controlli, soprattutto nelle zone sensibili.

FRANCIA -BELGIO- GRAN BRETAGNA 

Con la Gran Bretagna, ANCHE LA FRANCIA E IL BELGIO , DOPO GLI ULTIMI EPISODI, RIMANGONO PESI NEL MIRINO DEI TERRORISTI.

ORA ANCHE LA GERMANIA POTREBBE DIVENTARE UN BERSAGLIO (lo è stato negli accerchiamenti e violenze verso le donne, durante il Capodanno 2015-2016 e lo è diventato anche il 23.7.16, nel dicembre 2016 una donna è stata spinta e fatta cadere, di proposito, dalle scale della metropolitana; mentre il gruppo di uomini, da cui è partito l’aggressore, stava a guardare)

COMUNQUE E IN QUALUNQUE LUOGO, A NOSTRO PARERE, LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E’ SEMPRE UN ATTO;  la situazione rischia di peggiorare con l’aumento di CULTURE E MASCHILISTI (anche in casa nostra) ostili alla LIBERTA’ DELLE DONNE.

-Il rischio violenza, obbliga le donne a vivere nella paura ogni volta che si ritrovano sole, anche andando al lavoro in orari di poco traffico o, da ora, in ogni assembramento per festeggiamenti. QUESTO E’ UN MODO DI TOGLIERE ALLE DONNE LA TRANQUILLITA’ E LA LIBERTA’.

—————

AGGIUNGIAMO COME  DESTINAZIONI ALTAMENTE PERICOLOSE:

ISTANBUL

Bellissima città, ricca di storia e arte; senza tralasciare gli indimenticabili colori e suggestioni dei tramonti sul Bosforo. Qui l’ Oriente incontra l’ Occidente, ne sono testimonianza le bellezze architettoniche, ma anche l’eccellente cucina, Istanbul è meravigliosa, ma purtroppo sempre più pericolosa, soprattutto per donne sole.

KENYA

Bellissimo Paese, purtroppo ultimamente oggetto di diversi attacchi terroristici.

ZANZIBAR

In passato non sono mancati episodi di violenza contro i turisti occidentali. E’ stato anche buttato dell’acido contro una turista donna (anni fa).

LA SITUAZIONE MONDIALE SUGGERISCE CHE ORMAI A RISCHIO SONO TUTTI GLI OBBIETTIVI TURISTICI; GRANDI CITTA’ CHE ATTIRANO GRANDI NUMERI DI TURISTI, PER DARE AGLI ATTACCHI TERRORISTICI UN GRANDE IMPATTO MEDIATICO.

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti dove non è assolutamente consigliato recarsi.

ELENCO DEI PIÙ PERICOLOSI…SECONDO L’AUTOREVOLE QUOTIDIANO THE GUARDIAN

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla, ma è fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro, mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica: i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nella periferia e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia; ora le tensioni sono rientrate da tempo

8) Colombia si spera che la riconciliazione con le bande delal droga porti a un periodo di pace (Sino a ieri: rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali a causa anche dei campi minati, crimine organizzato e traffico di droga rimangono i problemi più seri)

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericolosi oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia: qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla, per l’alto tasso di crimini armati e le dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui è in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai, ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo COME IL PERICOLO DI VIOLENZE CONTRO LE DONNE.  Nessun rischio per i viaggi organizzati da T.O.  esperti o per le donne che sanno dove andare e come comportarsi per evitare il più possibile i rischi.

18) Messico: NESSUN PERICOLO PER I VIAGGI ORGANIZZATI, mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici.

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… TUTTAVIA LE VIOLENZE NON SONO QUASI MAI CONTRO I TURISTI CHE SONO MOLTO PROTETTI DALLA SICUREZZA LOCALE

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

21) INDONESIA: il grande numero di mussulmani estremisti, fa considerare questo Paese ad alto rischio terrorismo; anche se le autorità sono molto severe al riguardo. Personalmente siamo stati a bali per ben 6 mesi senza avere nessun sentore di rischiare alcunché; ma non abbiamo mai frequentato discoteche o grandi assembramenti.

Bali rimane il luogo più sicuro dove vigono controlli molto seri da parte delle autorità locali PER PROTEGGERE I TURISTI – ma nessuno può escludere assolutamente un attentato a causa delle possibili infiltrazioni dalle isole vicine e l’odio degi terroristi verso i turisti australiani che vivono a Bali tra night club e musica. 

Il turismo a Bali; base dell’economia; ma non si può escludere che facinorosi sbarchino dalle isole vicine per ripetere un attentato dopo quello che avvenne, anni fa, in una discoteca per ” vendicare ” i costumi  ” dissoluti ” (per gli estremisti islamici) dei turisti australiani, in particolare; ma a rischio sono sempre i grandi assembramenti, molto meno la quotidianità del turista che viaggia e sta in spiaggia.

Dobbiamo segnalare un attentato a Jakarta, la capitale sulla costa nordoccidentale dell’isola di Giava.

Idem nel  BANGLADESH.

Ecco cosa riporta la Farnesina (tutto estremamente generico):

Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili. Oggi, più che in passato, appare dunque necessario verificare e comprendere preventivamente il contesto nel quale ogni cittadino verrà a trovarsi nel corso della sua permanenza all’estero, utilizzando le fonti d’informazione disponibili e, soprattutto, quelle messe a disposizione dalla Farnesina, frutto di un qualificato lavoro di analisi volto a favorire scelte di viaggio consapevoli e responsabili. Tra le fattispecie di rischio che possono coinvolgere i cittadini italiani fuori dai confini nazionali, la più pericolosa oggi è certamente quella della crescente aggressività di nuovi gruppi terroristici che compiono attentati o sequestri di persona anche in aree considerate sinora sicure. Le azioni delle formazioni terroristiche non colpiscono solo obiettivi istituzionali ma anche i c.d. “soft target” (come eventi sportivi, teatri, ristoranti, hotel, club, scuole, centri commerciali e installazioni turistiche, oltre che mezzi di trasporto aerei, marittimi e terrestri) in particolare quelli con elevata presenza di cittadini stranieri. Questi attacchi, seppur effettuati in maggior misura in Paesi e aree in situazioni belliche o notevole criticità come Siria, Libia, Iraq o Afghanistan, non hanno tuttavia risparmiato capitali europee e di altri Paesi. Anche a fronte dell’intenso lavoro di monitoraggio e analisi degli organi preposti è molto difficile prevedere tali eventi, come dimostrano recenti tragici episodi. E’ in ogni caso opportuno che prima di ogni spostamento all’estero i connazionali tengano conto delle indicazioni messe a loro disposizione, valutando attentamente la situazione del Paese che intendono visitare. Una volta assunta responsabilmente la decisione di intraprendere un viaggio, si raccomanda ai connazionali di mantenere comunque un atteggiamento vigile e un comportamento adeguato alle località visitate, soprattutto laddove la situazione è precaria.

Si suggerisce di comunicare gli spostamenti attraverso il sito www.dovesiamonelmondo.it (QUESTA E’ L’UNICA NOTA VERAMENTE SERIA E SPECIFICA) del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Questo sito  ci è apparso chiaro solo ricco di GIA’ NOTISSIMI dati generici. ASSOLUTAMENTE VAGO,  per dati specifici e aggiornamento in tempo reale.

— DECISAMENTE MEGLIO IL SITO https://www.gov.uk/foreign-travel-advice ; aggiornato, chiaro  e ben fatto; solo in inglese, ma potete usare Google traduttore con copia e incolla. Entrate nel sito e cliccate il Paese che vi interessa; troverete SERIE AGGIORNATE INFORMAZIONI.

Ottimo anche il sito USA : https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html IN INGLESE (usate Google traslator per leggere in italiano).

Le zone più a rischio, secondo la nostra Farnesina:

  • dopo gli episodi della Pasqua 2019 – anche lo Sry Lanka vive una forte tensione che potrebbe sfociare in episodi di violenza/terrorismo per vendette tra cattolici e mussulmani

– Libia

– Israele il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

-Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell’Alto Egitto e in quelle del Mar Mediterraneo (qui anche le zone turistiche potrebbero essere a rischio).

-Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica

– Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina solo la parte vicina alle zone di annessione alla Russia

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

-IL PERICOLO Ebola sconsiglia i viaggi in Sierra Leone, ( NOSTRO AGGIORNAMENTO: dopo la Liberia, anche la Sierra Leone, è ‘Ebola free’: l’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato la fine della trasmissione del virus Ebola nel paese ),

-Kenya ha da poco subito attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu per il progressivo aumento del rischio per il crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali particolarmente attivi nella contea di Lamu

-Indonesia resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti. BALI: un nuovo attacco terroristico è sempre possibile.

-Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danni di turisti

-Taiwan rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale

—————

SALVADOR :

481 omicidi nel mese di marzo 2015, con una media di 15 al giorno: questo è il, poco invidiabile, record del Salvador.

Il Paese stava cercando di introdursi nel business mondiale del turismo, un Paese che avrebbe molto da offrire anche al viaggiatore più attento ed esigente; peccato che con questo record si sia mangiato questa allettante possibilità.  Anche se, è bene precisare, le zone pericolose sono abbastanza circoscritte.

La causa di tanta violenza è da attribuirsi alla rottura della tregua tra le gang locali.

Con questo “record” il Salvador ha superato l’Honduras quale paese, senza guerre, più letale del mondo.

——-

5 comments

  1. Buon Giorno
    stiamo organizzando le ferie e vorremmo andare a Dubai nel mese di Novembre 2016, volevo sapere se c’è qualche rischio.
    Sono conscia che non si puo prevedere con esattezza, ma probabilità?
    Ringrazio anticipatamente
    Silvia

    1. Carissima Silvia; esistono dei seri dati statistici sui quali si basano le informazioni dei vari ministeri degli affari esteri di tutto il mondo. E questo è un fatto che nulla ha a che vedere con la capacità di indovinare cosa succederà domani o dopo, a Roma o New York.

      Ma tu pensi veramente che una persona possa prevedere dove avverrà il prossimo attentato ? O sei un buontempone che ama scherzare ?

      Le possibilità di un incidente del genere di cui tu parli sono inferiori, statisticamente parlando, alle possibilità di avere un incidente d’auto.

      Comunque, se andrai, buone vacanze !

  2. Ciao,
    dovrei partire per il Marocco la prossima settimana, trattasi di un viaggio organizzato per la visita città imperiali.
    Cosa mi consigliate ?

    1. Ciao Luca,
      io non sono un mago, io scrivo i dati che ricevo dai vari comunicati che leggo, ma è impossibile prevedere il futuro.

      Nella vita ognuno deve responsabilizzarsi e prendere le sue decisioni; non affidare mai ad altri le decisioni che ritieni importanti.

      Buona decisione
      Admin

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*