SAN PIETROBURGO: DOVE ARTE E STORIA SONO NELL’ARIA.

NULLA DI MEGLIO DELLE PAROLE DI UN POETA RUSSO PER INTRODURRE LA CITTA’ DI SAN PIETROBURGO

Incontrarsi a Pietroburgo di Osip Mandel’stam

A Pietroburgo ci incontreremo di nuovo
come se vi avessimo sepolto il sole,
e una beata insensata parola
per la prima volta pronunceremo.

Nel nero velluto della notte sovietica,
nel velluto del vuoto universale,
cantano sempre i cari occhi di donne beate,
sempre fioriscono fiori immortali.

Come una gatta selvatica s’inarca la capitale,
sul ponte sta una pattuglia,
soltanto un cattivo motore corre nella nebbia
e grida dannatamente, come un cuculo.

Io non ho bisogno del lasciapassare notturno,
non ho paura delle sentinelle:
per una beata insensata parola
io pregherò nella notte sovietica.

Sento un leggero fruscio teatrale
e un ah! di fanciulle –
e un mucchio enorme di rose immortali
sta tra le braccia di Ciprigna.

Ad un falò noi ci riscaldiamo dalla noia,
forse i secoli trascorreranno,
e le leggiadre braccia di donne beate
raccoglieranno la leggera cenere.

Chissà dove, le aiuole rosse della platea,
fastosamente rigonfi gli stipi dei palchi,
la bambola a molla di un ufficiale;
non per le anime nere e per i vili santoni…

Ebbene, spegni, ti prego, le nostre candele
nel nero velluto del vuoto universale,
cantano sempre le sode spalle di donne beate,
ma non ti accorgerai del sole notturno.

SAN PIETROBURGO non è solo i quadri dell’ Ermitage , ma anche:

San Pietroburgo, chiesa del salvatore sul Sangue Versato.
San Pietroburgo, chiesa del salvatore sul Sangue Versato.

 

a s pietroburgo cuopola monastero

 

San Pietroburgo, cattedrale di San Nicola.
San Pietroburgo, cattedrale di San Nicola.

San Pietroburgo, Ermitage; salone delle feste.

San Pietroburgo, Ermitage; salone delle feste.

-il Tesoro dell’Ermitage,  rigorosamente con guida e ad orari fissati dalla biglietteria; la più straordinaria collezione di oreficerie e gioiellerie DEL MONDO: ricche suppellettili dalle necropoli greche del Mar Nero,  dalle tombe principesche scitiche e sarmatiche e ritrovamenti siberiani !!

San Pietroburgo, notti bianche.
San Pietroburgo, notti bianche.

-il suo panorama nelle notti bianche (dopo la mezzanotte ) dalla  cupola della cattedrale di S. Isacco; un incanto ! o durante il gelo invernale con le luci della notte,

IMG_6393

-il Dvordovyj most è un ponte che, all’1 e 30′ di notte, si apre sino alle 4 del mattino. Splendido da fotografare con le luci che si rispecchiano nel fiume ! il Dvordovyj most (ponte del palazzo), il più famoso della città, o Ponte della Trinità, il ponte si apre  per far passare le numerose navi. ATTENZIONE: se volete fotografarlo, l’isola della fortezza di Pietro e Paolo è il miglior punto, vi troverete di fronte tutta la città illuminata.Ricordatevi che farà molto freddo, anche in piena estate, rimarrete isolati dalla città sino alle 4 del mattino senza alcun bar a disposizione.

San Pietroburgo, casa di Puskin, oggi museo.
San Pietroburgo, casa di Puskin, oggi museo.

-il museo  A. S. Puškin,  il quale visse a San Pietroburgo alla fine della sua vita; vi morì nel 1837,  a causa delle ferite riportate in un duello; la sua bella casa nei pressi del fiume Moyka è oggi  museo.

San Pietroburgo, Museo di Antropologia.
San Pietroburgo, Museo di Antropologia.

 

San Pietroburgo, Museo di Antropologia.
San Pietroburgo, Museo di Antropologia.

-uno splendido e interessantissimo museo antropologico,

San Pietroburgo, Museo di Antropologia.
San Pietroburgo, Museo di Antropologia.

 

San Pietroburgo, Museo di Antropologia; copricapo.
San Pietroburgo, Museo di Antropologia; copricapo.

-il giardino botanico anche e per la sua storia,

San Pietroburgo, Monumento agli "Eroici difensori di Leningrado", statue all'interno del monumento.
San Pietroburgo, Monumento agli “Eroici difensori di Leningrado”, statue all’interno del monumento.

-un pellegrinaggio nei cimiteri dell’assedio dei 90 giorni durante la Seconda Guerra Mondiale (anche per vedere dietro la facciata lussuosa della nuova San Pietroburgo e riviverne la storia)

San Pietroburgo, Piskarevskoe, cimiterio della memoria; qui riposano migliaia di vittime dell'assedio durato 900 giorni.
San Pietroburgo, Piskarevskoe, cimiterio della memoria; qui riposano migliaia di vittime dell’assedio durato 900 giorni.

-una visita al mercato, dove assaggiare, ed acquistare,  i mieli delle foreste russe,

-Petrodvoretz: palazzo e del parco delle fontane a Petrodvoretz, la “Versailles di Pietro il Grande”. Ssul Golfo di Finlandia, il parco è famoso per i suoi giochi d’acqua, con cascate e fontane (attive solo da maggio a ottobre)

-i suoi ristoranti etnici, una visita a Helsinki; oppure visitare San Pietroburgo partendo da Helsinki senza visto (vedi più sotto) e molto altro….

NOTA:  notti bianche (in estate, giugno-luglio), quando il sole tramonta tardissimo e solo per poche ore).

IMG_6398

 

San Pietroburgo, Nevskij prospect, la via più importante della città.
San Pietroburgo, Nevskij prospect, la via più importante della città.

DA LEGGERE PRIMA DI PARTIRE:

San Pietroburgo.
San Pietroburgo.

Dostoevskij : Le notti bianche / Nikolaj Vasil’evic Gogol : Racconti di San Pietroburgo e, in particolare,  Il cappotto / 

San Pietroburgo, notti bianche.
San Pietroburgo, notti bianche.

SUGGERIMENTI:

San Pietroburgo, nelle notti bianche dalla cattedrale di Sant'Isacco.
San Pietroburgo, nelle notti bianche dalla cattedrale di Sant’Isacco.

-si tratta di una città difficile e faticosa da visitare; se si vuole andare fuori dalle mete più note o uscire fuori dalla città.

-è possibile, comunque, utilizzare i mezzi pubblici (buona la metro, ma lascia a volte lontano dalla destinazione) se si è abbastanza abituati a fare da soli e si parla inglese; comunque è bene calcolare lunghi tempi di spostamento.

-dall’aeroporto, con il bus e il metro in centro città per 4 euro: ovvero l’autobus fino alla metro, cambio e in pochissimo tempo si arriva in centro.

San Pietroburgo, nelle notti bianche dalla cattedrale di Sant'Isacco.
San Pietroburgo, nelle notti bianche dalla cattedrale di Sant’Isacco.

Ufficio di informazioni turistiche:

non molto efficiente, ma i dipendenti sono disponibili a dare una mano, parlano inglese. Se arrivate durante una festività lo troverete chiuso.
Sadovaya ul 14/52, tel.: 812 310 8262 (info), Orario: 10:00 – 19:00 da lunedì a sabato, tourism@gov.spb.ru / Un’altra sede, in un chiosco, si trova di fronte all’Ermitage.

—-

San Pietroburgo, chiesa dei SS. Pietro e Paolo.
San Pietroburgo, chiesa dei SS. Pietro e Paolo.

Primo giorno:

Visita della città:

San Pietroburgo, la Fortezza dell'isola corrispondente al primo nucleo della città.
San Pietroburgo, la Fortezza dell’isola corrispondente al primo nucleo della città.

-fortezza dei SS Pietro e Paolo (carcere politico, dove fu rinchiuso tra gli altri lo scrittore Dostoevskij),

– piazzale delle Colonne Rostrate, prospettiva Nevskij,  Campo di Marte,

San Pietroburgo, Ermitage o Palazzo d'Inverno.
San Pietroburgo, Ermitage o Palazzo d’Inverno.

-un occhio dall’esterno al Palazzo d’Inverno (Hermitage),

San Pietroburgo, cattedrale di Sant' Isacco.
San Pietroburgo, cattedrale di Sant’ Isacco.

-la Piazza dei Decabristi e la imponente cattedrale di S. Isacco ,

San Pietroburgo, chiesa del salvatore sul Sangue Versato.
San Pietroburgo, chiesa del salvatore sul Sangue Versato.

-la Chiesa del Sangue Versato, bellissima chiesa in Stile russo, facciata tutta decorata e colorata, lambita da un tipico canale. All’interno è completamente ricoperta da preziosi mosaici blu, raffiguranti i principali episodi del Vangelo.

San Pietroburgo, cattedrale di San Nicola.
San Pietroburgo, cattedrale di San Nicola.
San Pietroburgo, cattedrale di San Nicola, parte posteriore.

-il Monastero Nevskij.

Pomeriggio dedicato al Museo di antropologia  o altri musei, shopping…relax,  secondo i gusti personali.

 

San Pietroburgo, Ermitage
San Pietroburgo, Ermitage

Secondo giorno:

Bus pubblico e privato, secondo le capacità organizzative individuali (dovete essere abbastanza “scafati” se volete organizzarvi da soli), escursione al palazzo di Pushkin. ATTENZIONE CHIUSO IL MARTEDI’, comunque informarsi bene. A 27 km a sud della città

Non tralasciate di visitare la “STANZA DELL’AMBRA”, ricostruzione perfetta del capolavoro derubato durante la Seconda Guerra Mondiale, e mai ritrovato, che fu valutato come il più costoso dei capolavori d’arte al mondo.

-Nota: in questo giornale trovate anche la prima puntata del libro giallo-rosa  “Chi ha trafugato la stanza dell’Ambra?”, scritto ispirandosi anche a questo capolavoro.

Il Parco e il Palazzo di Caterina II.

-Il Parco,: 600 ettari, due laghi artificiali,  ricco di padiglioni, grotte, chioschi alla maniera dei giardini di fine ‘700; è bellissimo da fotografare, se non piove!

SPLENDIDO ! il palazzo, con una  lunghissima facciata, in stile barocco russo / rococò, dipinto in turchese con colonne bianche, tetti, stucchi, capitelli e fregi dorati.

San Pietroburgo, Ermitage.
San Pietroburgo, Ermitage.
San Pietroburgo, cancello-pizzo dell'Ermitage.
San Pietroburgo, cancello-pizzo dell’Ermitage.

Terzo giorno.

San Pietroburgo,Ermitage.
San Pietroburgo,Ermitage.

 

San Pietroburgo, Ermitage.
San Pietroburgo, Ermitage.

Per la visita dell’Ermitage dovete considerare la lunga attesa per i biglietti all’aperto.

-Anche se è piena estate e fa caldo, il tempo può cambiare rapidamente e potreste trovarvi sotto una pioggia gelida, organizzatevi adeguatamente.

L’Ermitage risale alla fine del XVII secolo, l’edificio fu eretto da Caterina II  a due piani, con la facciata sul Lungo Neva,  e chiamato piccolo Ermitage.

-Culture primitive (sale 11-33). Da non perdere, tra l’altro,  gli oggetti rinvenuti nei celebri kurgan, tombe dei capi,  sciiti di Pazyryk (il tappeto più antico del mondo), Soloha e di Certomlik, splendidi: carro e tappeti con fregi di cavalieri (V-IV secolo a.C.).

San Pietroburgo, Ermitage; antico Iran.
San Pietroburgo, Ermitage; antico Iran.

 

San Pietroburgo, Ermitage, antica scrittura, con rullo utilizzato per realizzarla.
San Pietroburgo, Ermitage, antica scrittura, con rullo utilizzato per realizzarla.

Cultura e arte dell’Oriente (sale 34-100). Famosissimo il fregio di Airtam, trovato nel 1932 sul fiume Amu-Daria, presso la città di Termes, (Uzbekistan): un rilievo in pietra del I secolo d.C., rappresentante alcuni musicanti a mezzo busto. La sala 36, detta anche Sala degli elefanti per i bellissimi affreschi di cacciatori su elefanti che lottano contro tigri, pantere e grifoni (VII-VIII secolo d.C.), merita anch’essa una visita.

San Pietroburgo, Ermitage; antico Iran, coccio.
San Pietroburgo, Ermitage; antico Iran, coccio.

 

San Pietroburgo, Ermitage; loggia di Raffaello, realizzata da Quarenghi dove il simbolo dei Romanov sostituisce l'emblema del Vaticano.
San Pietroburgo, Ermitage; loggia di Raffaello, realizzata da Quarenghi dove il simbolo dei Romanov sostituisce l’emblema del Vaticano.

Pinacoteca (sale 200-350). La parte più famosa e visitata del museo: arte europea occidentale. Sala del Padiglione o delle feste (dalle finestre si ammira il Giardino pensile) qui è custodito il famosissimo orologio del pavone. Riveste grande interesse architettonico: la Sala di Alessandro. La Sala Dorata: offre una  preziosa collezione di pietre intagliate. Le sale 207-224 e 229-238, dedicate alla pittura italiana dal XIII al XVIII secolo, i più importanti capolavori  sono:  Madonna Benois e la Madonna Litta, entrambe di Leonardo. Meritano uno sguardo anche le pitture spagnole del XVI e XVII secolo sono esposte nelle sale 239 e 240. La pittura fiamminga del secolo XVII è da vedere almeno  le cinque grandiose scene di mercato di Frans Snyders.

-”La Galleria del Tesoro” dell’Ermitage si divide in due parti, entrambe molto interessanti: le Stanze dell’Oro  ( opere d’arte dall’Eurasia“Litorale del Mar Nero” e dall’Estremo Oriente; 1500 manufatti d’oro di artigianato dell’antica Grecia e dei popoli nomadi (in un  periodo che va dal VII secolo A.C. al XIX secolo D.C) e le Stanze dei Diamanti ( gioielli del periodo dal III millennio A.C.  all’inizio del XX secolo.  Antichi capolavori dell’arte gioielliera  europea,  dell’est-europa e della Russia; da chiese, collezioni private e collezione della famiglia Reale dei Romanov, regali per gli  zar, ed  opere d’arte di Faberge !!!

Tesoro dell’Ermitage,  detto anche Gallerie, (sale 115 e 117):  il Tesoro degli sciiti/sarmati  (celebre la pantera e il cervo in oro, il pettine di Soloha ecc.).Da prenotare assolutamente, con prezzo extra, la visita (attenzione agli orari che impongono loro)  sia ai gioielli sia agli ori con guida obbligatoria.Da prenotare assolutamente, con prezzo extra, la visita (attenzione agli orari che impongono loro)  sia ai gioielli sia agli ori con guida obbligatoria.

Tra l’altro vi trovate: il tesoro di Priamo è un insieme di oggetti in metalli preziosi che H.Schiemann scoprì nel sito dell’antica Troiae che egli attribuì al re  Priamo. Gli oggetti, ritrovati nel livello denominato Troia II, appartengono in realtà alla seconda metà del 3° millennio a.C., dunque molto più antichi degli avvenimenti narrati nell’Iliade (questi ultimi,  secondo la tradizione, risalgono all’inizio del XII a.C.).

Schliemann esportò gli oggetti rinvenuti senza permesso, l’ufficiale ottomano incaricato di sorvegliare gli scavi fu imprigionato e costretto a una lauta multa. Schliemann spedì alcuni degli oggetti al governo ottomano, in cambio del permesso di riscavare a Troia: scavi conservati a Istambul, Museo Archeologico. La parte rimasta  fu invece acquistata nel 1880 dai “Musei Imperiali di Berlino” e fu esposta al Pergamon Museuml. 

Nel 1945 il tesoro scomparve dal bunker nel quale era stato  custodito: a causa della guerra fu poi sottratto dalll’Armata Rossa. Oggi sono conservati nel Museo Puskin di Mosca e all’Ermitage. Sono stati tenuti in Russia  come compenso dei danni di guerra da parte della Germania invasore.

 

La collezione degli ori comprende 1.500 opere in oro, dal 7 ° secolo a.C. al 19 ° secolo d.C . La galleria d’oro comprende opere sciite dal settimo al quarto secolo a.C., gioielli greci del 4 ° secolo a.C. , rarissime antichità del tempo della grande migrazione, e inoltre, preziosi  da Bisanzio, antica Russia ed Europa medievale. DA NON PERDERE !

Se non siete stacanovisti avrete bisogno di un poco di riposo.

 

San Pietroburgo, Ermitage
San Pietroburgo, Ermitage

Quarto giorno.

Escursione a Petrodvoretz. Il palazzo e il parco delle fontane sono considerati la “Versailles di Pietro il Grande”. Affacciato sul Golfo di Finlandia, il parco è famosissimo per i suoi suggestivi giochi d’acqua, con cascate e fontane (funzionanti solo da maggio a ottobre).

 Peterhof

Offre uno spettacolo davvero incantevole; da non perdere !

Raggiungere Peterhof e’ piuttosto facile perche’ si puo’ andare in aliscafo e si ariva proprio all’ingresso del parco del palazzo.

 

San Pietroburgo, monumento a Pietro il Grande..
San Pietroburgo, monumento a Pietro il Grande..

UNA PUNTATA ALLA/DALLA  (senza visto) VICINISSIMA HELSINKI.

San Pietroburgo, particolare del doppio arco di trionfo in commemorazione della vittoria su Napoleone.
San Pietroburgo, particolare del doppio arco di trionfo in commemorazione della vittoria su Napoleone.

Il collegamento alta velocita’ fra San Pietroburgo (Finlandskij Voksal) ed Helsinki (stazione centrale, l’unica abbastanza grande).
3 ore e mezza , controlli passaporti a bordo, frequenza abbastanza elevata.

COSTOSO: in alta stagione, solo andata II classe 90 euro. L’aereo e’ concorrenziale come prezzi, ma non per i  tempi, a causa del  percorso da/per aeroporti, arrivo preimbarco di 2 ore, ecc.

Ottimo il traghetto con 50 euro in cabina da 4, romantica ed economica, così si risparmia una notte in albergo, inoltre :

-permette di entrare a San Pietroburgo (e non Russia) senza visto per un massimo di 72 ore con biglietto a/r.

 

San Pietroburgo, cattedrale della Madonna di Kazan sulla Nevskij prospect.
San Pietroburgo, cattedrale della Madonna di Kazan sulla Nevskij prospect.

AGENZIA DI VIAGGIO, PER QUALUNQUE NECESSITA’ ANCHE VISTI ECC…, SUGGERITA DA LONELY PLANET E VERAMENTE EFFICIENTE.

La sede di San Pietroburgo di questa efficiente agenzia di viaggi può darvi aiutarvi per:  visti, lettere di invito e registrazione del visto. Il personale parla inglese, può anche prenotarvi i biglietti ferroviari e aerei (e persino consegnarveli a domicilio se non avete tempo di andare a ritirarli).  www.infinity.ru
Angleterre Hotel, Bolshaya Morskaya ul 39, tel.: 812 313 5085 (info).

a S Pietroburgo canale

INTERNET; qui è presente quasi ovunque.

Per accedere a internet è comodo il Café Max, Nevsky pr 90/9

San Pietroburgo,edifico Art Decò
San Pietroburgo,edifico Art Decò

ARCHITETTURA

San Pietroburgo, colonna di Alessandro nella piazza dell'Ermitage.
San Pietroburgo, colonna di Alessandro nella piazza dell’Ermitage.
San Pietroburgo, cattedrale di San Nicola, parte posteriore.
San Pietroburgo, cattedrale di San Nicola, parte posteriore.

Barocco sobrio per  il primo terzo del sec. XVIII, semplici facciate lisce o scompartite da pilastri.

-Maggiori architetti di Pietro il Grande furono:  lo svizzero D.Trezzini (Palazzo d’Estate, 1710-14; cattedrale dei Santissimi Pietro e Paolo nella fortezza, 1712-33; collegio dei Dodici, ora Università: isola Vasilevskij, 1722-32), gli italianiG.M.Fontana, N.Micheletti, G.Chiaveri, il francese A:J:B:Leblond, i tedeschi A.Shluter e G.Schädel  (Kunstkamera di Chiaveri e altri, 1718-34; palazzo Menšikov di Fontana e Schädel, 1710). In questo primo periodo sorsero vicino alla  città parchi ed edifici residenziali: Strelna di A.-J.-B. Le Blond e altri, 1711-26; Peterhof ; Carskow Selo ; Oranienbaum(Lomonosov, di Fontana e Schädel, 1711-20).

-Verso lla metà del secolo (ca. 1740-60) dominò l’architetto italianoB:F:Rastelli, che diffuse uno stile rococò (colorito /fastoso),simile al tedesco meridionale (palazzo d’Inverno, 1754-64). Intanto venne anche in auge la basilica a pianta centrale con cinque cupole (cattedrale del monastero di Smolny, di Rastrelli, 1748-54; cattedrale di San Nicola, diS:I:Čevakinskij , 1753-62). I giardini e i parchi della città e dei dintorni si ornarono di padiglioni cinesi, statue, fontane (giardini d’Estate, parco di Peterhof).

-Dal 1760  le forme si fecero più semplici, pur con una grande eleganza (Accademia di Belle Arti di A. F. Kokorinov e J. B. M. Vallin de la Mothe, 1765-72; Palazzo di Marmo diA.Rinaldi, 1768-85).

-Successivamente al 1780 si parla di neoclassico. Questa è  l’epoca,  tra i due secoli, del grande italiano Quarenghi, attivo per Caterina II (Accademia delle Scienze, 1783-89; Teatro dell’Ermitage, 1783-87) e dei russi  I.E.Strarov(cattedrale della Trinità nella Lavra Aleksandr Nevskij, 1776-90) eV.I:Bazenov  (castello Michajlovskij, iniz. 1792).

-Nel primo Ottocento l’architettura diviene molto monumentale e severa e caratterizzata da una importante attenzione urbanistica: gli edifici sono concepiti in relazione tra loro ed anche con le vie e le piazze circostanti (questo concetto è stato ripreso dall’arch. Mario Botta al tempo della presentazione dell’allora nuova Università di Architettura di Mendrisio, CH; ma, nostro parere, rimasto, purtroppo,  solo come ideale) la strelka dell’isola Vasilevskij, con la Borsa valori , il complesso della piazza dei Decabristi con il Senato, il sinodo, il palazzo del granduca Michele, il teatro Aleksandrinskij, di C.Rossi, 1827-32).

Maggiori architetti russi dei primi del 1800 furono: A.D.Zacharov  (rifacimento dell’Ammiragliato, 1806-23) eA.N.Voronichin (cattedrale della Vergine di Kazan, 1801-11).

-Dal 1830 si affermano: irevival ed clettismo (Ermitage, diLeo von Kleze  1839-49).

-Dalla fine del secolo, accanto al classicismo dominante, apparvero alcuni esempi diArt Noveau (edifici di F. I. Lidval e N. V. Vasilev).

-La ricostruzione del dopoguerra e successiva ha rispettato le caratteristiche storiche degli edifici (si parla di indirizzo storicistico detto “stile San Pietroburgo”, max artefice l’arch.  Oleg Kharchenko.

a S Pietroburgo aquila

SALUTE

FARMACIA; la nota è estrapolata dalla Lonely Planet perché ci è sembrata molto utile.

Apteka Petrofarm è un’ottima farmacia che resta aperta tutta la notte. Dopo l’orario di chiusura si utilizza l’ingresso secondario in Bolshaya Konyushennaya ulitsa (sotto il portico della casa al n. 14 e a destra). Leapteka (farmacie) sono sparse per tutta la città e in genere sono ben fornite di farmaci e articoli da toletta occidentali. San Pietroburgo centro; Nevsky pr 22. 

 

San Pietroburgo, dietro ai grandi palazzi ristrutturati..
San Pietroburgo, dietro ai grandi palazzi ristrutturati..

OTTIME CURE DA: American Medical Center, i prezzi sono elevatissimi.

Assistenza medica a livello occidentale: American Medical Center, gestione statunitense, offre una gamma completa di servizi come cure: ginecologiche, pediatriche e odontoiatriche, pronto soccorso 24/ 24, ambulanze, visite a domicilio e trasferimenti di pazienti gravi.   San Pietroburgo centro,  Serpuhovskaya ul 10.

tel.: 812 3261730 (info)

San Pietroburgo,arredo di un B&B.
San Pietroburgo,arredo di un B&B.

DORMIRE A SAN PIETROBURGO

-Se volete risparmiare trovate molte soluzioni di affitto sulle pagine apposite della Lonely Planet

-Sulla Prosp. Nevskij ci sono diversi B&B in stabili antichi dove respirerete vera aria locale e sarete a contatto con il padrone/a che vi servirà una vera colazione russa o ve la preparerete voi secondo i vs. gusti.

-Per chi vuole l’albergo a ogni costo:  il W ST. PETERSBURG, accoglie in camera con un cuore di petali rossi sul letto, un soffitto tempestato di palloncini rossi, torta al cioccolato e spumante rigorosamente italiano!  Vicino ai  i giardini Alexander.

 

San Pietroburgo, Casa dei Soviet, monumento a Lenin visto dalla fontana.
San Pietroburgo, Casa dei Soviet, monumento a Lenin visto dalla fontana.

 

San Pietroburgo, Casa dei Soviet.
San Pietroburgo, Casa dei Soviet.

 

San Pietroburgo, Casa dei Soviet, monumento a Lenin
San Pietroburgo, Casa dei Soviet, monumento a Lenin

 

 

San Pietroburgo, Casa dei Soviet, monumento a Lenin
San Pietroburgo, Casa dei Soviet, monumento a Lenin

 

San Pietroburgo, palazzo con i segni della Seconda Guerra Mondiale.
San Pietroburgo, palazzo con i segni della Seconda Guerra Mondiale.

 

San Pietroburgo, case popolari del regime sovietico, oggi fatiscenti, ma ancora utilizzate dagli strati più poveri della popolazione.
San Pietroburgo, case popolari del regime sovietico, oggi fatiscenti, ma ancora utilizzate dagli strati più poveri della popolazione.

 

San Pietroburgo, Nevskij prospect, la via più importante della città.
San Pietroburgo, Nevskij prospect, la via più importante della città.

 

San Pietroburgo, monumento agli "Eroici difensori di Leningrado", statue all'interno del monumento.
San Pietroburgo, monumento agli “Eroici difensori di Leningrado”, statue all’interno del monumento.
San Pietroburgo, Monumento agli "Eroici difensori di Leningrado", ingresso.
San Pietroburgo, Monumento agli “Eroici difensori di Leningrado”, ingresso.

 

San Pietroburgo, Museo di Antropologia.
San Pietroburgo, Museo di Antropologia.

 

San Pietroburgo, Museo di Antropologia.
San Pietroburgo, Museo di Antropologia.

 

4 comments

  1. When I’ll arrived at the end I’ll published the book so everybody can see, but I need time for finish a book is not a Blog, it needs time to write to read to change, sometimes, and to read another time if it is necessary.

    I think I need all the summer for finish the book.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*