Kazuo Ishiguro – Premio Nobel letteratura

Kazuo Ishiguro

Premio Nobel per la Letteratura 2017; “Scoperchiando l’abisso sotto il nostro illusorio senso di connessione con il mondo”, come precisa la motivazione dell’Accademia di Svezia.

Uno stile letterario visionario tutto personale.

Umile. Mai autoreferente ! Mai didascalico, mai moralistico.

“Spero solo che ricevere questo grande onore, anche se nel mio piccolo, possa incoraggiare le forze del bene e della pace in questo momento” ha detto  Ishiguro, dopo l’annuncio del Nobel.

Nei suoi romanzi e racconti, ha l’abilità dei pochi che riescono sempre a spiazzare, a stupire anche il più navigato dei lettori. E non è facile.

Kazuo Ishiguro, celebra l’inafferabilità del rapporto con se e con gli altri.

Con ‘Quel che resta del giorno’ vinse il Booker Prize.

Nato nel 1954 a Nagasaki,  trasferitosi in Inghilterra con la famiglia a cinque anni, Ishiguro,  62 anni, vive a Londra. Qui si è laureato in inglese e filosofia. Ha studiato Creative Writing all’Universita’ dell’East Anglia, dove era uno degli studenti di Angela Carter. In Giappone e’ tornato solo da adulto.

A Nagasaki, pochi anni dopo la Seconda Guerra Mondiale, ha ambientato il suo romanzo d’esordio ‘Un pallido orizzonte di colline (1982) e il secondo “Un artista del mondo fluttuante” (1986), per cui gli venne assegnato il premio Withbread.

Kazuo Ishiguro, sale alla notorietà con una storia su di un maggiordomo ossessionato dal dovere, abilissimo nel nascondere i propri sentimenti; si tratta del libro: “Quel che resta del giorno”, diventato un film di James Ivory con Anthony Hopkins e Emma Thompson.

Anche il libro “Non lasciarmi” del 2005, dove parla di  fantascienza e immagina un mondo di cloni (creati solo per estirpargli gli organi), diventa un film con la regia di Mark Romanek con Andrew Garfield, Carey Mulligan e Keira Knightley.  Questo bestseller viene inserito da Time nella lista dei 100 migliori romanzi in lingua inglese pubblicati dal 1923 al 2005.

“Il gigante sepolto” è l’ultimo, discusso, romanzo; un Fantasy alla Tolkien. Rimembranze e vendetta, tra la bruma dell’Inghilterra medioevale. Sanguinarie apocalissi, orchi e draghi, hanno sconvolto i lettori abituati ai testi di Kazuo Ishiguro più intimi e poetici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

*