MOSTRE INDIMENTICABILI 2014 – Mostra: Edvard Munch – non è solo un “URLO” – a Genova.

Cominciamo con oggi per una carellata di mostre del passato – che meritano di essere riviste – almeno secondo noi

– per questo vi proponiamo una serie di carrellate sulle mostre più significative e relative note sui loro protagonisti

arte

A GENOVA CENTO CAPOLAVORI DI MUNCH, PER NON FAR PARLARE SOLO DEL SUO “URLO”.

Nota: AGGIUNTE ALTRE FOTO DEI CAPOLAVORI DI MUNCH.

Dal 6 novembre 2013 al 27 aprile 2014. Palazzo Ducale. Genova. www.mostramunch.it  tel. 010.98 68 057.

Altre informazioni sui musei norvegesi dove vedere le opere di Munch a questo link: http://www.donnecultura.eu/?p=4535

E.Munch; Madonna (1896) particolare IMG_0075

NORVEGIA BERGEN MUNCH 1

NORVEGIA ARTE BERGEN MUNCHlitografia

NORVEGIA BERGER ARTE MUNCH4

NORVEGIA ARTE MUNCH NELLO STUDIO DI BERLINO BERGEN

Norvegia Munch museo Oslo l urlo

E.Munch; Hyeronimus Heyerdahl (1917) particolare.IMG_0080

In occasione dei 150 anni della nascita del pittore norvegese Edvard Munch,  una ricca retrospettiva delle sue opere provenienti da collezioni private.

-Munch fu un genio che rifuggì le convenzioni artistiche della sua epoca.

-L’intento del curatore Marc Restellini, direttore della Pinacothèque de Paris, è quello di presentare l’artista in tutti i suoi aspetti ricordandoci che l'”Urlo” rappresenta solo un marginale aspetto della sua produzione.

-A proposito dell’ “Urlo” lo stesso Munch raccontò che l’opera nacque come conseguenza di un attacco di panico mentre passeggiava, al tramonto, con amici a Oslo.

-Munch fu certamente influenzato nel suo lavoro dal suo carattere di depresso-angoscioso-alcolista. Vide morire la madre da adolescente e poi la sorella di Tbc. Personalmente sopravvisse alla tubercolosi, quasi miracolosamente, e ciò lo influenzò per sempre.

-Munch raggiunse Parigi nel 1885 dove conobbe Van Gogh, Gauguin e Toulouse-Lautrec. Non si legò mai a loro come artista, ma riuscì a scandalizzare Parigi con una prima mostra intitolata Madonna; presentata come sensuale donna bruna, a seno scoperto. Ne fece pure una litografia circondandola di spermatozoi!

-Nel 1892 fu pure stroncato dalla critica a Berlino come autore di lavori con: “mancanza di forma, brutalità della pittura, rozzezza e infamia del sentimento”.

-Solo alla fine degli anni Novanta arrivarono i primi riconoscimenti e le mostre alla Secessione di Vienna.

-Nel 1909 venne colto dall’ennesima crisi nervosa a Copenaghen e fu costretto a curarsi in una clinica dove alternò l’arte del dipingere con la scrittura e i lavori a maglia.

-Munch fu l’espressione di ogni contrasto con il comune senso del sentire: anarchico e anti tutte le correnti dell’epoca: impressionismo, espressionismo, simbolismo, naturalismo.

-Usava lasciare i lavori quasi terminati alle intemperie, perché solo quelle che resistevano Munch le riteneva degne di sopravvivere; continuando a lavorare solo su quelle  e buttando tutte le altre.

-Il curatore Restellini sostiene che Munch possa essere iscritto nella linea di William Turner e Gustave Coubert  e sia l’anello mancante della catena che unisce Pablo Picasso, Georges Braque, Jean Dubuffet e Jackson Pollock.

-Ci aspettano 100 opere colorate e serene; così sostiene il curatore della mostra.

Andremo a vedere.

 

One comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*