IL FUTURO DEL LAVORO: ROBOT AL POSTO DI UOMINI?

SCIENZE 500 ROBOT GE ROSSO

GIA’ IN CALIFORNIA (MA ANCHE  NELLA PIU’ VICINA GENOVA) LE MACCHINE STANNO SILENZIOSAMENTE SOSTITUENDO LE FUNZIONI SVOLTE DALL’UOMO.

BANCHE SOLO VIA INTERNET, NEGOZI SENZA COMMESSI, AUTO-BUS-TRENI-AEREI GUIDATI DA ROBOT, ANZIANI CURATI DA ROBOT-BADANTI…I FISIOTERAPISTI IN ALCUNI OSPEDALI (ITALIANI) SONO GIA’ SOSTITUITI DA MACCHINE; QUALE E’ IL FUTURO DELL’UOMO LAVORATORE?

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

Da leggere, per capire,   ” HOMO DEUS “; dello scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme.

In molti aeroporti già le macchine prevalgono sull’uomo nel servizio biglietteria. Si arriva e una serie di macchine attendono il passeggero per servire biglietti:

-denaro già cambiato nella moneta locale dai bancomat

-biglietti per il bus o il treno ( e non si può sbagliare altrimenti nessuno ti rimborsa sia il biglietto sbagliato sia la ricevuta non richiesta…prima bastava spiegarsi e il bigliettaio provvedeva!) Ma come fai a spiegare a una macchina che hai sbagliato a digitare?, MOLTO PIU’ DIFFICILE SE   si tratta di lingua straniera e in luoghi sconosciuti.

-anche i bed & breakfast più moderni hanno sostituito il portiere con un codice da digitare; e se perdi il codice?

-è vero che con internet puoi collegati e controllare e trovare quasi tutto, ma se non sei abile o non riesci a collegarti o hai il telefono energeticamente scarico o non hai la ricarica sufficiente?

-se per caso sporchi il pavimento un robot-inserviente provvede a ripulire (basta schiacciare un bottone), ma la cameriera disponibile ai piani ha perso il posto.

Non stiamo scrivendo sciocchezze,  e lo conferma il documentario del prof. Robert Reich, professore aBerkeley ed ex Ministro del Lavoro di Clinton “Inequality for all“, nel quale si dice: “Scegliere di non fare il biglietto alle macchinette è un atto politico”.

Mentre a Genova in ben due ospedali i robot sostituiscono i fisioterapisti, perché vi sono test scientifici che hanno dimostrato come il lavoro dei robot sia più efficiente di quello dei fisioterapisti ( e sai quanti stipendi risparmiati… e quanti posti di lavoro in meno!)

-A San Francisco all’University of California esiste già la farmacia più  robotizzata del mondo. All’University of California migliaia di dosi di medicinali per altrettanti pazienti vengono preparate, ogni giorno, da robot; e il robot non sbaglia.

Qui siamo già nel futuro con codici a barre, barre Qr ed etichette Rfid, come quelle antifurto degli abiti nei supermercati.

Il vanto dei tecnici è la riduzione di personale …  questo robot fa il lavoro di 6 tecnici  e 4 infermieri, ora ridotti a 1 + 1.

-A questo proposito il mensile “Fortune” scrive: “Una farmacia il cui unico personale è un robot“.

-Una compagnia di Chicago ha messo a punto un software che dai dati di base realizza un articolo completo = annullamento della redazione di giornalisti, altra gente che sarà, in parte lo è già, senza lavoro. E questo  vale  anche per  ottenere dati finanziari e chissà quanto altro in futuro.

-A noi questo fatti ricordano tanti i tempi, lontani…, quando i giornali ci assicuravano che l’arrivo dei computer non avrebbe tolto posti di lavoro, ma aumentato il tempo libero, settimane di 5 giorni per tutti e tanto tempo libero e tutti saremmo diventati almeno tecnici specializzati. Peccato che   ai disoccupati creati dai computer sia rimasto solo il tempo libero senza soldi per utilizzarlo al meglio..

-E che dire dei professori che già, non solo in Australia, sono sostituiti da web-video.

-A Silicon Valley,  Coursera, che ha appena raddoppiato i suoi uffici, offre lezioni universitarie a 4 milioni di persone.

-Già nel 1958 Isaac Asimov ci parlava di un futuro, remoto, dove le macchine avrebbero fatto tutto, anche la progettazione di altre macchine meglio di loro, mentre l’umanità  sarebbe regredita dimenticando tutto …

-Il pericolo è divenire, ma non lo siamo già, totalmente dipendenti da qualcosa (tecnologia) che divienti assolutamente nullo appena si stacca la spina (blackaut)!

-Secondo molti dopo l’auto che si guida da sola arriveranno i sostituti robotici di tassisti e  camionisti, proprio come è già avvenuto per molti agenti di viaggio e cassieri di banca: senza lavoro.

– Già esistono i robot-sommozzatori e si stanno progettando robot che sostituiranno la mani, a volte non fermissime, del chirurgo

-I robot manifatturieri sono arrivati alla perfezione e non necessitano nemmeno di essere riprogrammati.

-Le centraliniste virtuali rispondono alle chiamate senza bisogno di alcuna pausa e non hanno mai una voce stanca o nervosa!

-Qualcuno prevede che i medici in carne ed ossa visiteranno sono le persone molto abbienti, per gli altri ci sarà il dottore su internet.

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

2 commenti su “IL FUTURO DEL LAVORO: ROBOT AL POSTO DI UOMINI?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*