A Venezia un posto speciale – per cercare le mie radici

A Venezia per dialogare con il passato

Ho scelto una guida, Le pietre di Venezia  e sono andata a Venezia in bassa stagione, quando pioveva.

Ho pensato a Marco Polo, al suo grande, coraggioso e faticoso viaggio e ho immaginato l’inizio del mio viaggio seduta a bere un tè in una tazza di porcellana; la stessa di cui parlò nel suo ” Il Milione”.

“una città che ha nome Tinuguise … vi si fa le più belle scodelle di porcellana del mondo”; così scriveva Marco Polo della città cinese dove si produceva la preziosa porcellana. Prima citazione della porcellana in Occidente.

Il Polo tornerà a Venezia con un piccolo vaso di questo materiale sconosciuto e io andrò a vedere quel vaso. In fondo alla basilica di San Marco, fino alla piccola Sala del Tesoro. Qui respiro l’aria di Bisanzio; oro… oro e oro … e cristalli di rocca e calcedonio, agata, calici e pietre preziose … Il vaso che cerco  è in una vetrinetta, tra due portaincensi, non più alto di 10 cm; un simbolo della Venezia che fu.

Prendo il traghetto che va sull’isola più lontana, così continuo il mio viaggio. Alla ricerca di antenati che non conosco, ma che mi hanno regalato gli occhi a mandorla…

Tutto quello che ho visitato al link: https://www.donnecultura.eu/?p=5103

 

Mi fermo in una libreria e compro ” Le città invisibili ” di Italo Calvino.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Le città invisibili, Italo Calvino, Mondadori, 12 euro.

Città reali scomposte e trasformate in chiave onirica, e città simboliche e surreali che diventano archetipi moderni in un testo narrativo che raggiunge i vertici della poeticità. Postfazione di Pier Paolo Pasolini.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Le pietre di Venezia, John Ruskin, Bur, 11 euro.

(Londra 1819 – Coniston, Lancashire, 1900) critico d’arte inglese.

Studiò a Oxford, dove fu nominato professore di storia dell’arte.

Scrisse:  –

  • Modern painters, 1843-60
  • The seven lamps of architecture, 1849)
  • Le pietre di Venezia (The stones of Venice, 1851-53).
  • Ruskin, mosse critiche sempre più drastiche alla civiltà industriale.

“Le pietre di Venezia” di John Ruskin; un  breviario per chi vuole capire la  civiltà e l’arte della Serenissima.

“Le pietre di Venezia” rappresentano, anche,  il massimo livello di prosa ottocentesca; avvolgente, coinvolgente opera di alto livello nella storia dell’architettura.

 Ruskin scrive di Venezia;  “prima che vada perduta per sempre”.

Compresi anche; capitoli dedicati all’arte bizantina e a quella gotica.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*