Cambiamenti climatici: perché l’umanità non reagisce prontamente ?

Perché l’umanità non reagisce prontamente a una minaccia che non appare un pericolo immediato.

La nostra mente è fatta per reagire a minacce vicine come il morso di un serpente. Questo ci ha insegnato l’evoluzione.

Per capire l’importanza di un pericolo remoto, dobbiamo ricorrere alla parte più piccola del nostro cervello, che è la parte razionale; si tratta di un’azione più faticosa che richiede un certo allenamento.

E’ lo stesso motivo per cui ci è più facile dire che non siamo dotati per la matematica, piuttosto che sforzarci di capirla.

E’ anche più semplice, per il nostro cervello, dire che la colpa di una situazione economica negativa sia da attribuirsi ad un nemico, ad un partito, ad un gruppo di persone.

Infatti i nazisti dettero la colpa, della loro disastrosa situazione economica anteriore alla seconda Guerra Mondiale, agli ebrei; così è tutto più facile; bastava sterminarli per risolvere il “problema”.

Anche studiare richiede una forte dose di volontà, mantenere la casa in ordine anche (a meno che non siamo dei maniaci dell’ordine), non lasciarci sopraffare da odio e violenza verso chi ci fa del male, pure.
Ma non dimentichiamo che è la forza di volontà che ci può portare avanti nella vita, che ci fa superare brillantemente anche ostacoli difficili.

L’uomo, purtroppo, non sempre è in grado di agire in modo razionale perché l’irrazionalità costa meno fatica.

Tornando al tema del clima, a peggiorare le cose, ci hanno pensato la disputa ideologico-politica, la scienza venduta alle lobby del petrolio come numerosi giornalisti, TV ecc…

Ma non dobbiamo disperare, anche la Cina sta introducendo, lentamente, delle leggi per combattere l’inquinamento ed è il maggior investitore mondiale in energie alternative. Speriamo !

SALVIAMO LE API. E GLI USA STANZIANO 8 MILIARDI DI DOLLARI.

Il presidente Barak Obama, ha deciso di affrontare  il problema della enorme diminuzione della popolazione delle api.

Siamo è passati da una popolazione di 6 milioni nel 1947, ai 2 milioni attuali.

Una decrescita evidente e preoccupante, anche economicamente parlando.

Infatti, api, farfalle, pipistrelli e altri piccoli animali contribuiscono al Pil totale americano per oltre 24 miliardi di dollari.

L’agricoltura riveste un ruolo importante nell’economia del nord America e l’impollinazione è un affare che rende più di quanto si era pensato sino a ieri.

Il vero nemico delle api ha un nome: neonicotinoidi, una sostanza chimica usata in agricoltura come pesticida chimico; non basterebbe vietarne la vendita? Ma le lobby sono sempre le più forti…

Articolo precedente: MICHELLE OBAMA AMA LE API

E’ riuscita a coinvolgere anche l’impegnatissimo marito, che le api sono importanti per il futuro del nostro pianeta.

Brava Michelle !

Infatti il danno potrebbe essere di 15 miliardi di dollari l’anno, solo per la mancata impollinazione negli USA.

Ora una speciale task-force e 50 milioni di dollari dovrebbero aiutare a comprendere le vere motivazioni e le soluzioni della continua moria delle api.

Per ora si conoscono queste cause:

-eccesso di pesticidi

-virus portati da acari e loro parassiti

-costante diminuzione della flora della quale si nutrono.

Michelle Obama, non solo ha messo delle arnie nel giardino della Casa Bianca, ma ha anche piantato parte della loro vegetazione preferita:

-mirto

-lavanda

-finocchio selvatico

-papaveri

-caprifoglio

-girasoli

-issopo

-magnolia

-tiglio

-prato di fiori selvatici.

PERCHE’ NON COPIARE ANCHE NOI L’IDEA?

BANCHE E IMBROGLI, TRUFFE E USUSRA: NON LASCIATEVI INTIMIDIRE.

Attenzione quando chiedete un prestito, fatevi stampare anno per anno tutte le cifre esatte, comprese le tasse, che dovrete pagare nei prossimi anni;

lo faranno piuttosto che perdere un cliente (sempre che non abbiate accettato un prestito a tasso variabile; cosa assai rischiosa se avete uno stipendio fisso).

Attenzione anche al fatto che tenteranno di affibiarvi, legandolo all’assenso al mutuo, una polizza assicurativa, acquisto di diamanti, biciclette, televisori e altro.

Non accettate, la banca ha degli interessi vertiginosi e voi avrete un prodotto che non vale quello che pagate.

Alla frase il direttore preferisce…alzate le orecchie è un ricatto.

Altro trucco è quello di comunicare solo alla fine del trimestre l’aumento del tasso di interesse, sempre che controlliate con cura l’estratto conto; altrimenti non ve ne accorgerete neppure; salvo il rischio di andare in rosso e pagarne profumatamente le conseguenze.

RICORDATE SEMPRE: che le banche temono il danno di reputazione, quando scoprite qualcosa che non va, minacciate di denunciarlo alla magistratura; oggi le cose sono cambiate e le banche la temono.

Meglio ancora dite che siete decisi ad andare sino alla Corte di giustizia europea; farà loro ancora più paura.

Conservate sempre tutte le carte, pretendete che mettano per iscritto tutto quello che dicono.
Quando il tasso di interesse supera quello stabilito trimestralmente dalla Banca d’Italia potete denunciare la banca e nessuno vi darà torto.

MODA. Givenchy a Madrid: Museo Thyssen-Bornemisza.

La prima grande mostra sul lavoro e le ispirazioni di Hubert de Givenchy, a Madrid.

Mostra, ideata e curata da Hubert de Givenchy stesso.

moda Givency 300 Diamantes

Moda Givency cereza

Moda Dibujo3

Il Museo Thyssen-Bornemisza mette in scena oltre cento creazioni del geniale stilista francese.

Bonaveri è partner dell’iniziativa con speciali manichini pensati per esaltare gli abiti e i concetti della maison

Dal 22 ottobre 2014 al 18 gennaio il 2015, il Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid presenterà la prima grande retrospettiva sul lavoro dello stilista francese Hubert de Givenchy, figura chiave della moda del 20esimo secolo e leggenda vivente nella storia della haute couture.

La mostra, ideata e curata da Hubert de Givenchy stesso, ripercorre mezzo secolo di storia, dall’apertura della Maison Givenchy nel 1952 al suo ritiro dalle scene nel 1996.

Lo stilista ha selezionato circa un centinaio delle sue più belle creazioni, in prestito da musei e collezioni private di tutto il mondo, molte delle quali per la prima volta esposte in pubblico.

Partner dell’iniziativa è Bonaveri, che ha messo a punto i 90 manichini su cui sono presentati gli abiti, pensati per esaltare la natura iconica, l’eleganza senza tempo e assicurare la perfetta vestibilità agli abiti.

-Givenchy è stato il primo stilista a presentare, nel 1954, una linea prêt-à-porter di lusso; i suoi abiti hanno vestito alcune delle personalità più iconiche del 20esimo secolo, tra cui Jacqueline Kennedy, Wallis Simpson, Carolina di Monaco, oltre alla sua grande amica e musa Audrey Hepburn.

La mostra mette in scena le eccezionali abilità artigianali degli abiti, con ricami, garze, e mussole. Rivela l’influenza sullo stilista dei grandi pittori del passato.
Queste connessioni sono evidenti nelle sale in cui gli abiti sono esposti in dialogo diretto con dipinti di Miró, Rothko, Ernst, Fontana e Van Doesburg.

—————————
DETTAGLI DELLA MOSTRA
Titolo: Hubert de Givenchy
Organizzatore: Museo Thyssen-Bornemisza
Con il Patrocinio di: Maison Givenchy
Date e luogo: Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza, 22 ottobre – 18 Gennaio il 2015 un progetto di: Hubert de Givenchy

BABY SQUILLO SCANDALOSO FINALE ALL’ITALIANA

Come è andato a finire quello scandalo che aveva colpito molti italiani; donne e uomini con ancora un minimo di coscienza?

Male. Ecco i fatti.

Più sotto l’articolo scritto al momento dello scandalo; quando nomi eminentissimi furono scoperti frequentare di un giro di prostituzione di minorenni.

Accusa e difese hanno patteggiato un anno di carcere, sospeso con la condizionale e mille euro di multa (che per questi accusati di alto rango, sono come 10 centesimi per un cittadino medio).

L’orrore sta nel fatto che, a tutti questi personaggi, è stato riconosciuto il diritto all’anonimato.

Quindi oltre che dalla condanna, gli è pure stata salvata la faccia ( di…).

Se ai giardini pubblici togliete il guinzaglio al vostro cane, che magari pesa meno di 10 chilogrammi e non potrebbe mai danneggiare gravemente qualcuno, la multa può arrivare a 500 euro.

Non vi sembra che ci sia una grossa sproporzione di pena? Sempre a svantaggio del cittadino qualunque?

Ecco l’articolo precedente che denunciava il fatto:

 Baby squillo, trovata la lista dei clienti vip

Imprenditori, notai e commercialisti nel mirino

Saranno indagati per violenza sessuale. Insospettabili professionisti anche da altre città per gli incontri nella casa ai Parioli

Da “LA REPUBBLICA” ROMA

di FEDERICA ANGELI

Imprenditori, notai, commercialisti

Nella lista dei clienti delle Lolite dei Parioli è finita la “crema” della Roma bene.

Professioni e personaggi insospettabili, i cui nomi al momento sono top secret.

AGGIUNGIAMO NOI : [ una vergogna che i nomi siano top secret   !!!  !!]

Erano disposti a pagare anche duemila euro per trascorrere una giornata intera con le ragazzine.

Ed è davvero difficile credere che, malgrado l’avvenenza delle adolescenti, a nessuno sia mai venuto il dubbio che non avessero raggiunto la maggiore età. Al contrario, forse erano proprio quei giovanissimi corpi l’incentivo a pagare fior di quattrini pur di levarsi sfizi e perversioni.

Solo che ora i facoltosi uomini d’affari rischiano davvero grosso: non soltanto favoreggiamento della prostituzione minorile ma anche violenza sessuale su minore di 16 anni. Oltre ai cinque clienti già indagati e ai cinque aguzzini arrestati che gestivano il business delle quindicenni, dunque nuovi nomi finiranno nel registro degli indagati. Perché il giro messo in piedi e scoperto dai militari era davvero molto molto grosso. I carabinieri del nucleo investigativo di via In Selci, su disposizione del procuratore aggiunto Maria Monteleone, stanno passando al setaccio i telefonini delle ragazzine e dei loro sfruttatori e associando numero a nominativo. Molti li hanno già trovati, altri sono ancora da decifrare. Che la clientela fosse di livello lo dimostra anche il prezzario: dalle intercettazioni contenute nell’ordinanza firmata dal gip Maddalena Cipriani emergono cifre enormi. “Prestazioni a costi di circa 1000/2000 euro per l’intera giornata”, 300 euro per un rapporto orale, cinquecento euro per un’ora con entrambe le adolescenti, “150/120 solo con una”, prezzo che lievitava se l’incontro avveniva senza l’uso del profilattico. E poi viaggi all’estero  –  uno di questi era Cannes  –  di settimane full optional: 1000 euro al giorno a ragazzina più vitto e alloggio. E sul prezzo non si transigeva.

“Se vi volete divertire  –  dice al telefono Nunzio Pizzicalla, ora in carcere, a un cliente  –  le cifre sono quelle: mille a persona più le spese di viaggio. Tu già inizi a fà duemila e cinque più que… compreso… cioè non ci siamo proprio. O mi vuoi fare perdere tempo o dimmi tu”. Il facoltoso “Paolo” dall’altro capo del filo, lo rassicura dicendo che ha sentito gli altri e che “no no… va bene come mi avevi detto tu”. La conversazione prosegue: Paolo porterà altre due persone. Tremila euro al giorno in totale, dunque. Poi salta fuori un quarto invitato. “Quindi siete in quattro non in tre”, ribatte Pizzacalla. “Ma aspetta… quattro… lui (il quarto, ndr) vuole solo una cosa orale”. E per un rapporto orale mille sono troppi, a detta di Paolo. Pizzicalla perde la pazienza:

“Guarda se non paga mille è inutile che viene: cioè o è una gang con tre persone o con quattro, cioè non è che tre più uno che si accontenta”. Raggiunto l’accordo non resta che ribadire le modalità di pagamento: “Allora fai il pagamento del biglietto aereo e poi il resto ce lo dai in contanti appena arriviamo”. Non solo Roma però: i facoltosi clienti arrivano anche da Bologna, Milano, Firenze pur di trascorrere un’ora con le Lolite dei Parioli.

MILIONI LE BAMBINE VIOLATE NEL MODO !

LA NOSTRA INDIFFERENZA E’ COLPEVOLE.

Cotone transgenico; solo per le piccole mani di undicenni schiavi.

-68 milioni e 200 mila è la stima ufficiale del numero delle bambine, tra i 5 e i 17 anni, costrette a lavorare; e molti ritengono questa cifra sottostimata.

-Quando l’età sale tra i 12 e i 14 anni, le bambine sfruttate raggiungono il 58% del totale, superando i maschi (bambini).

-515 milioni di ragazzine vivono in condizioni di povertà.

-14 milioni sono le baby spose al di sotto dei 18 anni.

-60.000 minori; maschi e femmine, sono costretti a prostituirsi on line nelle Filippine.

-125 milioni di bambine e donne sono le vittime di mutilazioni genitali.

-In EUROPA: una bambina su 3 ha subito una qualche forma di violenza fisica, sessuale o psicologica.

-Terre des Hommes chiede fondi con un sms solidale da 2 a 5 euro da rete fissa Telecom o Fastweb.

Inoltre chiede di sostenere a distanza le bambine Tamil e Nadu costrette ad impollinare i fiori del cotone genetico (vedi articolo Strasburgo dice che prevale sempre interesse pubblicopiù sotto), che richiede dita piccolissime; alzandosi prima dell’alba e dormendo e vivendo promiscuamente in condizioni disumane.
www.terredeshommes.it

NESSUNO LO SCRIVE O LO EVIDENZIA, MA IL COTONE TRANSGENICO PER L’IMPOLLINAZIONE HA BISOGNO DELLE PICCOLE MANI DEI BAMBINI DI 10-14 ANNI.

Il guadagno è di 100 rupie, ovvero meno di due dollari al giorno.

Insetti, pesticidi  e serpenti velenosi sono all’ordine del giorno.

UNA VERGOGNA PLANETARIA !

Si parla tanto di transgenico (Monsanto) si o transgenico no, ma nessuno dice l’orrenda verità: il cotone transgenico, per sopravvivere, ha bisogno delle piccole mani di bambini di 10 e 14 anni obbligati a lavorare prima dell’alba per poterlo impollinare.

Trascinati via dai loro poverissimi villaggi, i giovani bambini della povera etnia Bhil, India Rajastan meridionale,

— lavorano dalle 4 del mattino alle 8 di sera e dormono tutti insieme in stanze-forno nell’implacabile calura della zona dal Rajastan al Gujarat, all’Andra Pradesh e al Karnataka.

Dormono tutti insieme bambini e bambine che hanno solo la colpa di appartenere ad una casta inferiore di fede animista.

400 mila sono i “fuoricasta” trattati come schiavi e sottratti ai loro genitori per debiti contratti con i loro datori di lavoro, costretti a lavorare tra bastonate (con bastoni di ferro se tralasciano di impollinare qualche fiore) e umiliazioni, senza acqua corrente né  servizi igienici  e spesso anche senza luce.

Il guadagno è di 100 rupie, ovvero meno di due dollari al giorno.

Ma non possiamo nemmeno dimenticare che in

— Guatemala i bambini lavorano A PARTIRE DA 4 ANNI ! nelle fabbriche di fuochi artificiali, con incidenti frequenti.

E che i

— palloni pregiati da calcio e darugby sono sempre cuciti a mano dai bambini pachistani.

100 mila è il numero dei bambini che

— nell’Africa occidentale sono venduti dai genitori e deportati per raccogliere i semi del cacao.

Un minore su cinque

— nel Burundi, lavora come schiavo nella capitale al servizio dei “ricchi”.

EBOLA COSA SIGNIFICA? QUALI PERICOLI? COME AVVIENE IL CONTAGIO ?

PRIMO: ATTENZIONE AI FACILI ALLARMISMI, NON CI SI AMMALA SE NON SI VIENE IN CONTATTO DIRETTO CON: MUCO, FECI, LACRIME, SALIVA, VOMITO, SANGUE.

I contatti sociali, come stare vicini, persino darsi la mano, NON sono occasioni di trasmissione del virus.

Sino a poco tempo fa i casi di contagio con il virus dell’Ebola erano “solo” 1.400, per giunta limitati a zone africane molto arretrate e quindi economicamente non interessanti perché il marketing delle case farmaceutiche si muovesse con adeguati investimenti.

Ecco il vero motivo per il quale oggi ci troviamo farmologicamente impreparati ad affrontare l’Ebola.

Ora che il virus ha raggiunto l’occidente è partita la corsa, da parte delle grandi case farmaceutiche, per produrre un vaccino.

Il virus Ebola si è sviluppato più velocemente di quanto le autorità avessero previsto ed è fuori controllo.

Al momento il paziente, negli USA, è stato curato con un siero messo a punto dagli anticorpi dei sopravvissuti, il cosiddetto siero Zmapp, dall’azienda californiana che lo produce.

Purtroppo la medicina internazionale non ha ancora messo a punto studi clinici che chiariscano quali siano i possibili effetti a lungo termine.

Comunque ci risulta che, al momento, le cure possibili, siano tutte derivate dagli anticorpi dei pazienti sopravvissuti.

COME AVVIENE IL CONTAGIO?

Per essere contagiati dall’Ebola si deve entrare in contatto diretto con i fluidi corporei di una persona visibilmente infetta. I fluidi che contengono il virus sono: muco, sangue, lacrime, saliva, vomito e feci.

QUANTO DURA L’INCUBAZIONE DLE VIRUS?

L’incubazione che può arrivare fino a 21 giorni tra il momento del contagio e la visibilità dei sintomi, min genere è di molto inferiore.

QUALI SONO I SINTOMI DELLA MALATTIA?

Febbre, mal di testa, senso di debolezza, dolori alle ossa e ai muscoli.

ATTENZIONE perché questi sintomi sono anche riscontrabili con altre malattie, molto meno pericolose dell’Ebola; solo gli esami possono dare un risultato certo.

SUCCESSIVAMENTE compaiono diarrea (talvolta con presenza di sangue), vomito, perdita di appetito e mal di stomaco.

————————————————————

PERCHE’ IN AFRICA CONTINUANO I CONTAGI?

-1a causa: la diffidenza da parte della popolazione locale verso la medicina occidentale

-La gente preferisce affidarsi alla medicina tradizionale

-Si cerca di nascondere i casi di persone infettate o si ricorre ai presidi medici solo quando il malato sta già molto male ed è ormai tardi per curarlo.

-I malati vengono curati in famiglia, per tradizione e uso locale,  ciò, purtroppo, aumenta il diffondersi dell’epidemia”.

-Momento di contagio è anche il funerale: per tradizione, il lavaggio del cadavere è un aspetto importante, purtroppo  ciò causa un contatto diretto con i fluidi corporei.

A PROPOSITO DI EBOLA ABBIAMO RICEVUTO QUESTO MESSAGGIO, MOLTO INTERESSANTE, DA PARTE DI UNA SERISSIMA ASSOCIAZIONE FRANCESE CHE SI OCCUPA DELLA DIFESA DEI DIRITTI DIE CITTADINI.

Un invito ad aiutare l’umanità, accettando di assumere rischi per gli altri esseri umani.

Cari amici, cari amici di Avaaz,

L’Ebola potrebbe presto minacciare tutti noi.

Per fermare l’epidemia, abbiamo urgente bisogno di volontari.

Se solo si trovassero 120 medici tra noi come volontari, questo raddoppierebbe  il numero di medici attualmente in Sierra Leone.

Altre giurisdizioni – in materia di salute, igiene e la logistica – potrebbero anche aiutarci.

Questo messaggio è un invito ad aiutare l’umanità, accettando di assumere rischi per gli altri esseri umani. 

In tre settimane abbiamo avuto mail da centinaia di migliaia di persone  che hanno dimostrato quanto gli stia  a cuore la lotta contro il cambiamento climatico offline. L’azione offline è un’altra volta il metodo che useremo questa settimana per frenare Ebola.

Ogni 2 o 3 settimane, il numero di casi di contaminazione è doppio nell’Africa occidentale, e secondo le ultime stime, 1,4 milioni di persone potrebbero aver contratto il virus da metà gennaio. A questo ritmo, questo mostro minaccia il mondo intero.

I precedenti focolai di Ebola sono stati tutti contenuti e limitati ad un piccolo numero di casi, ma i sistemi sanitari dei paesi dell’Africa occidentale sono stati sopraffatti dalla virulenza e ampiezza dell’epidemia.

La Liberia ha meno di un medico per 100.000 persone.

I governi potrebbero fornire fondi, MA mancano ancora i professionisti sanitari adeguatamente formati per affrontare il flagello.

E questo è dove operiamo.

39 milioni di persone riceveranno questo messaggio.

I nostri sondaggi mostrano che il 6% di noi sono operatori sanitari – medici o infermiere (s) – 2 milioni di membri di Avaaz.

Se solo 120 medici si offrissero volontari, raddoppierebbero il numero di medici in Sierra Leone.

Altri volontari possono anche aiutarci – tecnici di laboratorio, logisti, esperti di igiene e professionisti del trasporto.

Volontariato, questo significa ovviamente tempo che donate all’umanità..

Ci sono rischi. Il virus Ebola è altamente contagioso. Molti operatori sanitari sono già morti dopo aver lottato contro il virus.

Ma se c’è un gruppo di persone che possono prendere il rischio per gli altri esseri umani, è la nostra comunità. Io e alcuni membri del team di Avaaz, siamo disposti a condividere il rischio con voi e vi accompagneremo  in prima linea di questa crisi.

 Se sei un operatore sanitario, o hai altre abilità per intervenire in Africa occidentale, ti chiedo di dedicarci un momento per ascoltare  dentro te stesso e seguire la tua ispirazione.

Il link sottostante ti serve se vuoi impegnarti come volontariato, visualizzazione di messaggi da altri volontari o semplicemente lasciare loro una nota di incoraggiamento:

https://secure.avaaz.org/fr/ebola_volunteers_thank_you_3/?bLTjkib&v=47389

Per essere volontario dovrai padroneggiare la lingua inglese o francese, e dovrai ricevere e fornire un sacco di informazioni, PER SVOLGERE AL MEGLIO il lavoro.

Probabilmente avrai bisogno di discutere la tua decisione con la famiglia SAPPI CHE CI SI PUO’ RITIRARE dal processo di selezione in qualsiasi momento.

Avaaz sta lavorando con Partners in Health, Save the Children e la International Medical Corps, tre organizzazioni in prima linea nella lotta contro questa malattia mortale. Siamo anche in contatto con i governi di Liberia, Sierra Leone e la Guinea e l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

 Il virus Ebola si trasmette attraverso il contatto fisico, il che significa che se questi contatti sono gestiti con grande meticolosità, il rischio di contaminazione può essere minimizzato.

Ad oggi, più di 94 operatori sanitari sono morti dopo aver contratto il virus in Liberia, ma era per quasi tutti i lavoratori locali.

Purtroppo, essi sono meno attrezzati dei volontari internazionali. Le probabilità di sopravvivenza di un paziente infetto sono il 50% con il trattamento adeguato.

Molti di noi fanno un lavoro che ci fa rischiare la nostra vita per il nostro Paese: la polizia, attivisti, militare …

E ‘l’espressione più sincera di ciò per cui vale la pena vivere. Rischiare la sua vita per combattere contro Ebola, è la stessa cosa: questo equivale a dire che gli altri esseri umani come sono, meritano IL TUO IMPEGNO

https://secure.avaaz.org/fr/ebola_volunteers_thank_you_3/?bLTjkib&v=47389

Se il virus Ebola continua a crescere fuori controllo, potremmo presto essere tutti minacciati.

A causa del sistema sanitario fragile di un paese povero, questo mostro è stato in grado di espandersi per minacciare il mondo.

Ciò dimostra come siamo tutti interdipendenti.

Ma questa interdipendenza va ben oltre gli interessi solo privati​​.

Siamo tutti collegati all’interno di una comunità di esseri viventi.

Tutte le bugie che ci dividono – sulla nazionalità, la religione o la sessualità – vengono ridimensionate, e noi a poco a poco ci rendiamo conto che tutti siamo veramente un unico popolo.,

Una giovane madre e sua figlia in Liberia hanno paura e amano le stesse cose che una giovane madre e sua figlia in Brasile o nei Paesi Bassi.

 Dal buio più profondo scaturisce la luce più luminosa.

Con speranza e determinazione,

Ricken, John, Alice, Danny e tutto il team Avaaz

Informazioni

Secondo il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie Infettive, 1,4 milioni di persone avrebbero potuto essere infettati con il virus Ebola entro gennaio (The Guardian, inglese)
http://www.theguardian.com/society/2014/sep/23/ebola-cdc-millions-infected-quarantine-africa-epidemic

Cronologia di nota e crescente epidemia di casi di Ebola (Centro di controllo e prevenzione delle malattie infettive, in inglese)
http://www.cdc.gov/vhf/ebola/outbreaks/history/chronology.html

Ebola divora tutto sul suo cammino ‘(Al Jazeera English)
http://www.aljazeera.com/news/africa/2014/09/ebola-divora-tutto-percorso-201499161646914388.html

Il tasso di mortalità di Ebola è stato del 70% – studio dell’OMS (BBC – English)
http://www.bbc.com/news/world-africa-29327741

Il numero di operatori sanitari infettati con il virus Ebola ha raggiunto il picco (OMS, in inglese)
http://www.who.int/mediacentre/news/ebola/25-agosto-2014/en/

Il mondo intensifica gli sforzi contro Ebola (BBC)
http://sante.lefigaro.fr/actualite/2014/10/08/22882 loro-sforzi-contro-ebola mondo-intensifica-

La diffusione di Ebola fuori dell’Africa mostra l’importanza di sradicare i focolai, ha detto che la Croce Rossa (CBC)
http://m.radio-canada.ca/nouvelles/International/2014/10/08/006-ebola-croix-rouge-victime-occident-agir.shtml

Ebola: Cronologia di un’epidemia (Spedizione Internazionale Express)
http://www.courrierinternational.com/article/2014/10/08/ebola-cronologia-di-un-epidemia

NOTA: Avaaz è una rete cittadino globale di 38 milioni di membri che conduce campagne per garantire che le opinioni e i valori dei popoli influenzino decisioni globali. (“Avaaz” significa “voce” in molte lingue).

I nostri membri provengono da tutto il mondo; il nostro team è sparso in 18 paesi e 6 continenti, ed opera in 17 lingue. Per vedere alcuni dei nostri più grandi campagne, clicca qui o seguici su Facebook o Twitter.

MODA SCI 2014-2015 TECNICA E QUALITA’

PRODOTTI DI ALTA QUALITA’ PER SCIARE CON STILE.

Più caldo, più fresco, più leggero.

Calore ed eleganza.

Oggi Helly Hansen fornisce le uniformi per gli operatori e le guide di montagna di oltre 60 comprensori sciistici nel mondo e 33000 operatorie della montagna.

La collezione, pur essendo pensata per una donna attenta alle tendenze moda, è comunque altamente performante e permette di sciare in perfetta libertà.

Leggera e bella da vedere, nasconde le più avanzate tecnologie, inclusa la PrimaLoft® insulation e la tecnologia vincente di Helly Hansens H2Flow™ che permette la regolazione della temperatura in modo meccanico.

Più caldo, più fresco, più leggero: il sistema di regolazione della temperature avanguardistico dona calore mentre i canali di ventilazione fanno uscire velocemente l’eccesso di calore dalla giacca man mano che il livello di attività diventa più intenso.

W Silverqueen Jacket (62181_695)

La W Silverqueen Jacket ha un design che permette un livello superiore di confort per le sciatrici che esplorano l’intero mondo delle attività in montagna. Questo grazie al tessuto esterno in Helly Tech Professional®, quadristretch che provvede a dare una completa protezione dal vento e dalla neve senza impedire i movimenti. La giacca dal fit femminile è valorizzata dall’interno in PrimaLoft® stretch dalla consistenza differente a seconda della parte del corpo. L’innovativa tecnologia dell’H2Flow™ permette inoltre la regolazione della temperature e assicura confort per l’intera giornata anche se il tempo varia. Più caldo, più fresco, più leggero: H2Flow™ permette con le sue parti negative e positive di regolare la temperature in modo meccanico attraverso una serie di cerniere da aprire e chiudere a seconda delle condizioni metereologiche. Altri dettagli come la gonnella staccabile che protegge dalla neve fresca, i riflettori RECCO® Advanced Rescue System e tasche super calde sono soltanto alcuni tra i plus della giacca Silverqueen di Helly Hansen.
Helly Tech® Professional
· Waterproof, antivento e traspirante

· Costruzione del tessuto a 2 strati

· Tessuto quadristretch

· Cuciture termosaldate

· Trattamento Durable Water Repellency (DWR)

· PrimaLoft® Black Hi-Loft 120 grammi che isola il corpo

· PrimaLoft® Black Hi-Loft 100 grammi che isola le maniche

· Completamente isolato

· Regolazione della temperature con la tecnologia H2Flow™ con ventilazione meccanica per un confort ottimale

· RECCO® Advanced Rescue System

· Articolazione delle braccia e dei gomiti per un fit superiore

· Gonnella che si stacca con Bottoni automatici per andare nella neve fresca senza bagnarsi

· Cappuccio che si stacca e si regola compatibile con la misura del casco

· Doppie tasche super calde

· Ghette ai polsi

· Tasca interna per maschera e oggetti elettronici

· Tasca per ski pass

· YKK® cerniera resistente all’acqua

In vendita a 600 euro.

W Stella Storm Jacket (62193_576)

La W Stella Storm Jacket è una giacca realizzata con un interno in PrimaLoft®. Lo stylish esterno bicolor in tessuto stretch, nasconde l’innovativa tecnologia H2Flow™ che permette la regolazione della temperatura e che migliora considerevolmente il confort e la traspirabilità tramite cuscinetti che portano calore e tra c’e lo scambio tra il calore del corpo e il freddo che arriva dall’esterno. Altre peculiarità della giacca sono una gonnella che collega i pantaloni in modo che non entri la neve fresca, una tasca per la maschera e il sistema RECCO® Advanced Rescue System incorporato.

Helly Tech® Performance
· Impermeabile, antivento e traspirante

· Costruzione del tessuto a 2 strati

· Tessuto doublestretch

· Cuciture termosaldate

· Trattamento Durable Water Repellency (DWR)

· PrimaLoft® Silver Hi-Loft 100 grammi che isola il corpo

· Completamente isolato

· Regolazione della temperature con la tecnologia H2Flow™ con ventilazione meccanica per un confort ottimale

· RECCO® Advanced Rescue System

· Articolazione delle braccia e dei gomiti per un fit superiore

· Gonnella che protegge dalla neve fresca attaccata con Bottoni automatici

· Cappuccio che si stacca e si regola compatibile con la misura del casco

· Doppie tasche super calde

· Tasca sul petto

· Ghette ai polsi

· Tasca interna per maschera e oggetti elettronici

· Tasca per ski pass

· YKK® cerniera resistente all’acqua

In vendita a euro 350

Helly Hansen

Fondata a Moss, in Norvegia, nel 1877, da allora Helly Hansen continua a proteggere i professionisti che lavorano nei mari e sulle montagne in ogni parte del globo.
I prodotti Helly Hansen, connubio tra il design scandinavo e l’esperienza nelle condizioni più estreme, aiutano quotidianamente chi affronta gli elementi della natura a svolgere con fiducia la propria attività. Helly Hansen ha inventato i primi indumenti da lavoro impermeabili oltre 130 anni fa, il primo tessuto in pile nel 1960 e il primo intimo tecnico nel 1970, con la Lifa® Stay Dry Technology™. Oggi Helly Hansen fornisce le uniformi per gli operatori e le guide di montagna di oltre 60 comprensori sciistici nel mondo e 33000 operatorie della montagna. L’abbigliamento protettivo, l’intimo tecnico, lo sportswear e il footwear Helly Hansen per gli sport invernali, l’outdoor e la vela sono venduti in oltre 40 nazioni. Per approfondire la conoscenza delle più recenti collezioni Helly Hansen visitate: www.hellyhansen.com.

vendita a 600 euro.

W Stella Storm Jacket (62193_576)

La W Stella Storm Jacket è una giacca realizzata con un interno in PrimaLoft®. Lo stylish esterno bicolor in tessuto stretch, nasconde l’innovativa tecnologia H2Flow™ che permette la regolazione della temperatura e che migliora considerevolmente il confort e la traspirabilità tramite cuscinetti che portano calore e tra c’e lo scambio tra il calore del corpo e il freddo che arriva dall’esterno. Altre peculiarità della giacca sono una gonnella che collega i pantaloni in modo che non entri la neve fresca, una tasca per la maschera e il sistema RECCO® Advanced Rescue System incorporato.

Helly Tech® Performance
· Impermeabile, antivento e traspirante

· Costruzione del tessuto a 2 strati

· Tessuto doublestretch

· Cuciture termosaldate

· Trattamento Durable Water Repellency (DWR)

· PrimaLoft® Silver Hi-Loft 100 grammi che isola il corpo

· Completamente isolato

· Regolazione della temperature con la tecnologia H2Flow™ con ventilazione meccanica per un confort ottimale

· RECCO® Advanced Rescue System

· Articolazione delle braccia e dei gomiti per un fit superiore

· Gonnella che protegge dalla neve fresca attaccata con Bottoni automatici

· Cappuccio che si stacca e si regola compatibile con la misura del casco

· Doppie tasche super calde

· Tasca sul petto

· Ghette ai polsi

· Tasca interna per maschera e oggetti elettronici

· Tasca per ski pass

· YKK® cerniera resistente all’acqua

In vendita a euro 350

Helly Hansen

Fondata a Moss, in Norvegia, nel 1877, da allora Helly Hansen continua a proteggere i professionisti che lavorano nei mari e sulle montagne in ogni parte del globo.

I prodotti Helly Hansen, connubio tra il design scandinavo e l’esperienza nelle condizioni più estreme, aiutano quotidianamente chi affronta gli elementi della natura a svolgere con fiducia la propria attività. Helly Hansen ha inventato i primi indumenti da lavoro impermeabili oltre 130 anni fa, il primo tessuto in pile nel 1960 e il primo intimo tecnico nel 1970, con la Lifa® Stay Dry Technology™.

Oggi Helly Hansen fornisce le uniformi per gli operatori e le guide di montagna di oltre 60 comprensori sciistici nel mondo e 33000 operatorie della montagna. L’abbigliamento protettivo, l’intimo tecnico, lo sportswear e il footwear Helly Hansen per gli sport invernali, l’outdoor e la vela sono venduti in oltre 40 nazioni. Per approfondire la conoscenza delle più recenti collezioni Helly Hansen visitate: www.hellyhansen.com.

ARTE MOSTRE: GIACOMETTI ALLA GAM DI MILANO

ALBERTO GIACOMETTI
A cura di Catherine Grenier
Dall’8 ottobre 2014 al 1 febbraio 2015
GAM – Galleria d’Arte Moderna di Milano

ARTE Giacometti 01_Tetedupere

Particolare.

ARTE Giacometti 08_Annetteassisedanslatelier_HD

Particolare.

ARTE giacometti 10_GrandefemmeIV

ARTE Giacometti 04_FemmequimarcheI

ARTE Giacometti 03_LeCouple

E’ aperta dall’8 ottobre 2014 alla GAM Galleria d’Arte Moderna di Milano la mostra “Alberto Giacometti”, realizzata in collaborazione con la Fondazione ‘Alberto e Annette Giacometti’ di Parigi e curata da Catherine Grenier, Chief Curator e Direttore della Fondazione.

La mostra, promossa dal Comune di Milano|Cultura, organizzata e prodotta dalla GAM e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE,propone l’intero percorso artistico di uno dei più significativi scultori del Novecento, proponendo capolavori assoluti come Boule suspendue, Femme qui marche, La cage, Quatre femmes sur socle, Buste d’Annette o ancora la monumentale Grande femme IV.

L’esposizione inaugura il “nuovo corso” della GAM di Milano quale polo espositivo internazionale dedicato alla scultura moderna, dopo il recente riallestimento degli spazi e dei percorsi espositivi.

“La GAM, che conserva e propone ai suoi visitatori le sue preziose collezioni di dipinti e sculture che vanno dal neoclassicismo al XX secolo, ospiterà in futuro nei suoi straordinari spazi una serie di mostre dedicate al linguaggio della scultura, realizzate in collaborazione con alcune importanti istituzioni museali internazionali – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno –.

Prosegue così il percorso di questa Amministrazione per dare un’identità definita e una precisa funzione a tutti gli spazi espositivi milanesi, consolidando così l’identità di un museo che dalla sua nascita accoglie ed espone permanentemente capolavori assoluti come la Ebe del Canova, il nucleo più importante in Italia delle opere di Medardo Rosso, molti lavori di Vincenzo Gemito e alcune splendide opere di Wildt”.

Il visitatore potrà seguire, attraverso le sculture, i dipinti e i disegni realizzati tra gli anni Venti e Sessanta, l’evoluzione artistica di Giacometti, dai suoi inizi in Svizzera alla maturità, trascorsa perlopiù nell’atelier di rue Hippolyte-Maindron a Parigi.

Un percorso cronologico che si articola in cinque sezioni, costituite a loro volta da diversi gruppi tematici, permettendo di ripercorrere tutta la carriera dell’artista: dall’esordio a contatto con il Post-cubismo e il Surrealismo, alla fase più matura.

A corredo e integrazione del percorso di visita saranno esposte una selezione di disegni e schizzi, immagini d’archivio, foto intime e d’autore, che aiuteranno il visitatore a meglio contestualizzare il procedimento artistico di Giacometti, dal periodo Surrealista agli ultimi anni.

La mostra fa parte di Milano Cuore d’Europa, il palinsesto culturale multidisciplinare dedicato all’identità europea della nostra città anche attraverso le figure e i movimenti che, con la propria storia e la propria produzione artistica, hanno contribuito a costruirne la cittadinanza europea e la dimensione culturale.

LE SEZIONI DELLA MOSTRA

Nella prima sezione il visitatore sarà introdotto prima nell’universo intimo di Giacometti, con le sculture che rappresentano i ritratti del padre, della madre Annetta, del fratello Diego e della sorella Ottilia, e poi direttamente a Parigi, dove si era trasferito su consiglio paterno, dopo il 1922, e dove realizzò lavori che sono il frutto del clima artistico cubista di quegli anni.

Nel 1931 Giacometti aderisce al Surrealismo, cui era stato avvicinato da Cocteau, Masson e dai coniugi Noailles: la seconda sezione presenta i lavori nati da questa parentesi di breve durata (lascerà il movimento nel 1935), veri e propri capolavori quali Femme qui marche, concepita come manichino per l’Esposizione Surrealista del 1933, Le Couple, che ben mostra il suo interesse per l’arte africana e, ancor più celebre, Boule Supendue, definita da Dalì come il prototipo degli “oggetti a funzionamento simbolico”, punto saliente del pensiero surrealista.
La terza sezione testimonia la nuova ricerca artistica di Giacometti, che ha al suo centro il lavoro dal vero: i ritratti si fanno a scala ridotta, misurando solo una decina di centimetri e la testa diventa presto il fulcro del suo interesse artistico (in mostra sono presenti le due Tête de femme, rispettivamente del 1935 e del 1938) preannunciando quelle realizzate in pittura e scultura negli anni ’50 e ’60.
In questa sezione si darà conto anche della ripresa del lavoro di Giacometti, avvenuta dopo il suo rientro a Parigi nel 1945 alla fine della guerra, quando nascono i suoi personaggi filiformi, figure ieratiche e immobili, distribuite rigidamente su alti piedistalli o all’interno di gabbie che ne determinano i limiti spaziali, rappresentate in mostra da Quatre femmes sur socle del 1950 o, dello stesso anno, La Clairière e La Cage.
La quarta sezione illustra la ricerca artistica sulla rappresentazione della testa, preannunciata dai ritratti di Rita e Diego, e ben visibile nei dipinti e nelle sculture della maturità. I modelli scelti sono quelli a lui più vicini come la moglie Annette (Buste d’Annette, 1962), il fratello Diego (Buste de Diego, 1964), il filosofo giapponese Yanaihara (Buste de Yanaihara, 1961), l’amante Caroline. Sia in pittura, che in scultura il lavoro di Giacometti sulla testa è intenso al fine di raggiungere il suo principale obiettivo: la somiglianza.

La quinta e ultima sezione chiude il percorso espositivo con le opere più mature dell’artista. Nel 1958 Alberto Giacometti lavora alle sculture monumentali della Grande tête (1960-1966) e della Grande femme IV (1960-61), le più grandi mai realizzate dall’artista, la cui superficie rugosa accresce l’aspetto drammatico. Queste sculture sono presentate in mostra accanto ai due ritratti seduti di uomo e donna, frontali e ieratiche e con le braccia posate sulle gambe alla maniera delle sculture antiche: elemento comune l’intensità dello sguardo, rivolto dritto davanti a sé e perso in una sorta di aldilà quasi profetico.

TECNOLOGIA E FUTURO.

Leggere i pensieri degli altri, pacemaker per i ricordi…una questione di ingegneria.

Connettersi a Internet con il pensiero, vivere per sempre disancorati dal nostro corpo, leggere il pensiero, registrare i sogni per rivederli e inviarli agli amici…questo pare sarà il futuro che ci aspetta.

Non è fantascienza, ma già parte della ricerca universitaria e nei più importanti centri di ricerca mondiali.

La stessa Google ha dichiarato di avere finanziato, con cifre da capogiro, ricerche super-avveniristiche.

E’ ormai più una questione di ingegneria che di fantascienza.

Nella Via Lattea ci sono 100 miliardi di stelle, un numero assai simile alle cellule del nostro cervello.

I recenti progressi nella risonanza magnetica, nell’elettroencefalogramma, nella Tac e nella tomografia a emissione di positroni, hanno permesso ai fisici di entrare nei misteri della mente.

Telepatia e telecinesi significano leggere nel pensiero e muovere gli oggetti con la mente, 15 anni fa nessuno avrebbe immaginato fosse possibile qualcosa del genere; oggi la scienza ci dice che è tutto credibile.

Oggi, usando la fisica, possiamo già leggere le immagini che si formano nel cervello, quando vediamo qualcosa.
Lo stanno già facendo, all’Università della California, Jack Gallant e Brian Pasley.

Miguel Nicolelis è già riuscito a trasmettere segnali neutrali tra topi dagli USA al Brasile; si tratta di trasmissione di pensiero.
Quando, nel 1993, un membro del Congresso americano chiese ad un fisico se troveremo Dio, la risposta fu: “Troveremo il bosone di Higgs”.

Tutto quanto sopra lo sostiene Michio Kaku, fisico teorico alla City University di New York, cofondatore della teoria di campo delle stringhe e notissimo divulgatore scientifico; ora in libreria con il libro Il futuro della mente.

Il futuro della mente di Michio Kaku, editore Codice, 20 euro, 448 pagine.

Foto di copertina: Lugano–museo-culture-arte-aborigena-australia-

DonnE…Cultura