ART BASEL MIAMI BEACH 5-8 DICEMBRE 2013.

ARTE Ai WeiWei LISSON GALLERYA dam_3

ARTE ANISH KAPOOR LISSON GALLERYKapo

arte Natalie Djurberg & Hans BergDjurberg_once5_web

Natalie-Djurberg-Hans-BergDjurberg.

arte 350 Shirazeh HoushiaryThe East Window, by artist Shirazeh Houshiary

Shirazeh-HoushiaryThe-East-Window-

arte Cory Arcangelspectrum28r_web_629

Cory-Arcangelspectrum

arte Haroon Mirzala-Biennale-di-Venezia-in-pictures-yatzer-35

Haroon Mirzala Biennale-di-Venezia in pictures yatzer.

Arte Art Basel Miami Beach Stand J01 Hall BLISSON GALLER Daniel Buren MAdam_5

Benvenuti nel  luogo più mondano, di incontro invernale, per il mondo dell’arte internazionale.

-Tra il Nord America e l’America Latina, Art Basel mette in evidenza le opere d’arte contemporanea più prestigiose di tutto il mondo. 

-Vi partecipano oltre 250 gallerie; le più importanti del mondo 

-Oltre 50.000 visitatori ogni anno.

Con chilometri di spiagge sabbiose calde, soleggiate, arredata con la classica architettura Art Deco, musei d’arte di fama mondiale, e una vita notturna scintillante, Miami Beach è tra le città più iconiche d’ America.

-Durante Art Basel, Miami abbraccia il mondo dell’arte attraverso mostre speciali in musei e gallerie in tutta la città, trasformando la settimana in un evento culturale denso e dinamico.

-Le principali gallerie provenienti da Nord America, America Latina, Europa, Asia e Africa portano a Art Basel Miami Beach 2013 i lavori storici dei maestri dell’arte moderna e contemporanea e pezzi di nuova creazione per stelle emergenti nel mondo dell’arte internazionale.

-Dipinti, sculture, disegni, installazioni, fotografie, film e opere editioned di altissima qualità sono in mostra presso la sala espositiva principale, mentre le opere ambiziose e spettacoli diventano parte del paesaggio vicino alle spiagge, Collins Park e SoundScape Park.

I diversi settori della nostra mostra consentono ai visitatori di esplorare le molteplici dimensioni dell’ arte moderna e contemporanea, tra questi:

– dipinti di calibro museale, sculture e fotografia classica, ed opere di grandi dimensioni, progetti curati con precisione, e opere site-specific che sfruttano l’esclusivo paesaggio di Miami Beach.

KABINETT, la novità dell’anno; mostre tematiche di gruppo, mostre personali di nuovi artisti ecc..all’interno delle gallerie.

I partecipanti del settore Kabinett sono scelti dal settore Galleries per presentare le mostre curate in uno spazio delimitato separatamente all’interno del loro stand.

-I concetti curatoriali per Kabinett sono diverse, tra cui mostre tematiche di gruppo, vetrine storico-artistiche e mostre personali di stelle nascenti.

LISSON GALLERY.

In occasione dell’Art Basel Miami Beach, la prestigiosa Lisson Gallery, una delle più famose al mondo, presenta lavori di:

Allora & Calzadilla, Natalie Djurberg & Hans Berg, Marina Abramović, Cory Arcangel, Daniel Buren, James Casebere, Tony Cragg, Spencer Finch, Ryan Gander, Dan Graham, Rodney Graham, Carmen Herrera, Shirazeh Houshiary, Anish Kapoor, John Latham, Jason Martin, Haroon Mirza e molti altri.

Guardare i lavori di questi autori , anche con una semplice ricerca su internet per i molti che non possono andare personalmente a Miami, è un poco come dare un’occhiata generale a dove sta andando il mondo dell’arte.

Indubbiamente alla fiera saranno presenti molte altre importanti gallerie d’arte; noi riteniamo che la Lisson Gallery possa essere assunta come eccellente esempio.

L’ARTISTA ALESSANDRA ANGELINI partecipa a COREOGRAFIE D’ARTE 2013.

Alessandra Angelini

partecipa a:

COREOGRAFIA D’ARTE 2013
Festival e mostra

Angelini 450 ok _MG_6730
Spazio Tadini
via Jommelli, 24 – Milano

inaugurazione, venerdì 29 novembre, ore 20.30

29 novembre – 21 dicembre 2013

Lo Spazio Tadini in occasione della IV edizione del Festival “Coreografia D’arte 2013”, apre al pubblico una mostra con artisti di fama internazionale:Man RayPablo PicassoAlighiero Boetti  e sette artisti contemporanei: Patrizio VellucciLucio PernaLaura ZeniIsa Locatelli,Alessandra AngeliniPier ToffolettiMaria Cristina Carlini. Questi ultimi, a seguito di un’intensa di ideazione e progettazione, hanno collaborato con i coreografi alla realizzazione degli spettacoli di teatro danza, in un’interazione fra diverse espressioni artistiche.

Sito di Alessandra Angelini : http://www.alessandraangelini.org

Egitto, la più grande razzia d’arte dopo Baghdad.

La notizia è dello scorso agosto, ma ci è sembrato importante riferire egualmente.

A MINIA IL SACCHEGGIO È DURATO 8 ORE; VIOLATA LA PORTA DELLA BIBLIOTECA DI ALESSANDIA E IL MUSEO DLE CAIRO.

Tutte le foto sono di di Giuseppe Acconcia.

mummia_minia_450 coverGIUSEPPE ACCONCIA

mummia_minia OKGIUSEPPE ACCONCIA FOTO

chiesa_minia_okGIUSEPPE ACCONCIA FOTO

Anche se  forse è un poco azzardato il paragone del Museo di Minia con l’importanza mondiale del Museo di Bagdad; sicuramente si tratta di danni importanti e  deplorevoli ad un museo che ha comunque la sua importanza nella storia dell’archeologia.

I vari telegiornali avevano riferito di un furto nel Museo Egizio del Cairo, ma vale la pena leggere più sotto anche quanto è accaduto in molti altri luoghi archeologici egiziani e dell’attacco all’ingresso della nuova Biblioteca di Alessandria d’Egitto.

Inoltre,  in ogni caso, un furto ad un museo è un oltraggio alla cultura dell’uomo e alla sua civiltà e come tale deve essere considerato e condannato.

Leggiamo e riportiamo da: http://www.linkiesta.it/saccheggio-musei-egitto;

Egitto, la più grande razzia d’arte dopo Baghdad.

Mummie ridotte in cenere, pezzi trafugati e sale incendiate. Ecco cosa resta del Museo di Minia

22/08/2013 Articolo di  Giuseppe Acconcia (autore anche delle foto del servizio qui riportato).

IL CAIRO – All’alba del 14 agosto scorso, dopo lo sgombero di Rabaa al-Adaweya, un’ondata di violenze ha toccato tutte le province egiziane. Ma le conseguenze più devastanti hanno interessato il museo egizio Mallawi di Minia.

-E così anche il direttore generale dell’Unesco, Irina Bokova ha espresso ieri preoccupazione per la «devastazione» di alcuni monumenti, durante gli scontri tra le forze di sicurezza e i sostenitori del deposto presidente, Mohamed Morsi.

Il saccheggio del museo Mallawi di Minia

«È un furto comparabile al saccheggio del Museo di Baghdad: il più grave incidente della storia museale egiziana», inizia così la sua denuncia Emad Adly, l’archeologo dell’Istituto francese di archeologia orientale del Cairo. «Si è trattato di un’opera dei sostenitori di Morsi. Hanno lasciato il museo in uno stato di distruzione quasi totale: circa mille pezzi sono stati trafugati, mentre gli oggetti voluminosi che non potevano essere trasportati, sono stati fatti a pezzi e le sale sono state incendiate».

Secondo la ricostruzione dell’archeologo, il saccheggio è durato otto ore, anche gli uffici amministrativi sono stati depredati, tutte le vetrine sono in frantumi, svuotate del loro contenuto. «Non restano che descrizioni in inglese e arabo a terra. Le mummie sono ridotte in cenere all’interno dei loro sarcofagi, perché i predoni cercavano eventuali monili», continua Adly dopo un sopralluogo a Minia. Nell’attacco al museo è stato ucciso anche l’impiegato Salama al-Hafez, mentre il direttore del museo, Ahmad al-Sabur è stato ferito.
Il ministero per gli affari archeologici ha elaborato un rapporto dettagliato sullo stato in cui è stato ridotto il museo Mallawi. «L’inventario sugli oggetti rubati sarà consegnato all’Interpol, alle autorità doganali e ai principali centri museali del mondo. Mentre il governatorato di Minia ha chiesto a tutti i cittadini in possesso di informazioni sui beni trafugati di riferire alla polizia», prosegue l’archeologo.

Il museo Mallawi venne inaugurato da Gamal Abdel Nasser nel 1962, custodisce in particolare oggetti ritrovati tra il 1930 e il 1940 dall’archeologo Sami Gabra nel sito Tuna al-Gabal. La collezione è composta da statue di bronzo, maschere d’epoca greca, sarcofagi in pietra e legno, e poi papiri, vasi, monete di bronzo e d’argento.

Ma come se non bastasse, ora l’edificio è completamente abbandonato e in preda a ulteriori furti. I dieci guardiani e gli otto agenti della polizia del Turismo se la sono data a gambe. In assenza di polizia, ora i bambini giocano tra gli oggetti rimasti nel cortile. Un giornalista locale del Masry al-Youm, racconta di partite di calcio tra i papiri. «Non ci sono barriere né controlli, da anni erano stati presentati progetti di riqualificazione e ristrutturazione mai portati a termine», spiega Emad. E così, il museo Mallawi era obiettivo relativamente facile per predoni, tombaroli e islamisti inferociti.

-Ma anche la magnifica e innovativa biblioteca di Alessandria è stata presa di mira nella stessa notte. «In quel caso, gli assalitori hanno distrutto l’ingresso esterno, ma i comitati popolari hanno impedito l’ingresso dei criminali», ci spiega Adly.

LEGGI ANCHE: L’Egitto senza grano né turismo è rimasto in ginocchio

Il museo Mallawi si trova nel posto sbagliato, tra il Comune e il commissariato di Minia. Secondo alcuni politici locali, sono in corso transazioni nei vicoli del centro della città sul Nilo per rivendere gli oggetti trafugati. Mina Thabit, del partito dell’Iniziativa popolare ha chiesto ai suoi concittadini di non lasciarsi tentare da contrattazioni illegali. Ma nell’occhio del ciclone è ora il ministro dell’Archeologia, Mohammed Ibrahim, già incaricato negli ultimi due governi Ganzuri-Qandil, che ha minimizzato la portata del saccheggio…

L’attacco al museo egizio del Cairo

Era il 28 gennaio 2011 quando i grandi musei del Cairo (egizio, islamico e copto), il museo greco-romano di Alessandria e i siti archeologici di Giza, Sakkara e Asswan hanno subito attacchi indiscriminati. Le ultime stime, fornite dal direttore del museo egizio, Tarek El Awady, parlavano di almeno 70 milioni di euro di danni e di 54 pezzi rubati dal solo museo egizio. Mentre in seguito sono state ritrovate dall’esercito le statue trafugate, dal tempio di Amenotep III a Luxor. 

Secondo molti archeologi, aggressioni e trafugamenti di pezzi di valore rientravano in una strategia precisa di ladri professionisti. Oppure sono riconducibili a furti isolati operati dai guardiani, incaricati della sicurezza in assenza di polizia. Ma la verità  è ancora lontana. A nuove sparizioni hanno fatto seguito decine di denunce di ritrovamenti. Secondo Maher Hassan, giornalista di Masry Al Youm, responsabile della pagina cultura e patrimonio: «Nel giorno della battaglia dei cammelli i ladri sono saliti sulle mura alle spalle del museo, hanno rotto le finestre e sono passati attraverso una presa d’aria calandosi con corde dal soffitto. Io credo si tratti di ladri specializzati. L’Egitto è pieno di tombaroli. Non mi stupirei se fossero gli stessi che hanno trafugato il quadro di Van Gogh qualche mese fa».

In quel momento a essere considerato responsabile dei trafugamenti era l’allora responsabile per le antichità Zaki Hawas che appariva in pubblico continuamente in lacrime. Aveva dovuto affrontare varie ondate di scioperi dei lavoratori del settore archeologico e le proteste degli impiegati nei servizi di antichità, scesi in piazza contro disoccupazione, precarietà  e bassi salari. In assenza di polizia, Hawas aveva chiesto ai giovani rivoluzionari, di partecipare a una campagna massiccia di protezione dei beni archeologici. Nel frattempo, a Giza, ladri si impadronivano di una serie di statuette di valore inestimabile. Mentre alcuni archeologi tedeschi riuscivano a fermare i saccheggiatori del colosso del re Ramses II a Asswan. Negli stessi giorni, proprio nei siti di Sakkara, Giza e Aswan, i ladri hanno trafugato beni dai magazzini, oltre ai 200 reperti che sarebbero stati rubati e sostituiti con falsi nel deposito di Kom Owashim, nell’oasi di Fayoum. I trafficanti di beni archeologici in Egitto godono di una rete di relazioni che permetterebbe loro di vendere questi oggetti a collezionisti privati. Mentre sarebbe ancora più semplice disporre di beni non inventariati.

Lo scontro tra pro e anti-Morsi dal Cairo si sposta nelle province egiziane che diventano sempre più insicure. Le responsabilità in questo momento ricadono sugli islamisti, ma forse sono soprattutto il frutto del clima di odio che è stato diffuso in questi giorni tra egiziani, dopo gli sgomberi forzati di Rabaa el-Adaweya che hanno causato 700 morti e la conseguenza della completa assenza delle forze di polizia.

BANKSY; UN’OPERA 60 DOLLARI DA UN AMBULANTE IN CENTRO N.Y.

BANKSY E’ L’ARTISTA DI STRADA CHE SI DIVERTE A SFUGGIRE AI PIU’ RICCHI COLLEZIONISTI I QUALI SAREBBERO DISPOSTI A TUTTO PUR DI AVERE UNA SUA OPERA.

BANSKY 450 SIZED-FIRST-PICTURE-TIGHT-LEO-VER-02

Street art.

BANSKY 450 2sized-coney-island-wide-2

544px-Banksy_450 Napoli copy

Bansky a Napoli.

800px-450 Banksy.on.the.thekla.arp

Banksy.

BANSKY 450day1

Graffiti is a crime. Banksy.

400px-450 Banksy_-_Grin_Reaper_With_Tag

Opera firmata Banksy.

BANSKY 450 4sphinx-wide-copy-popup-private

Sfinge di cemento riciclato…opera di Banksy.

Banksy è un artista e writer inglese; uno dei maggiori esponenti della street art. Di lui  si dice sia cresciuto a Bristol in Inghilterra una quarantina di anni fa, ma la sua vera identità è tenuta nascosta. Alcuni suppongono si tratti di un gruppo di artisti e non di una sola persona.

Di fatto Banksy si fa beffe di tutti, anche degli altri writer che mal sopportano la sua notorietà.

-Ultimamente a N.Y., i suoi “colleghi”, hanno cancellato e imbrattato alcune sue opere, mentre lui metteva in vendita alcuni suoi lavori in una bancarella anonima in centro città per soli 60 dollari.

Banksy è famoso anche per la sua abilità ad entrare nei musei più importanti del mondo dove appende le sue opere dipinte in perfetto stile settecentesco, con particolari assolutamente anacronistici ( nobili del ‘700 con bombolette spray ecc…)

Banksy ha lasciato in tutta Londra sue tracce con disegni di topi, animali odiati da tutti, ma capaci di sopravvivere nonostante i numerosi tentativi di sterminio [tra l’altro: rat (topo) è anacromino di art (arte), ma lui dice che si tratta di coincidenza]. Dei ratti dice: “Se sei piccolo, insignificante e poco amato allora i topi sono il modello definitivo da seguire”.

Un suo famoso murales con gli attori di Pulp Fiction che hanno in mano banane al posto di pistole è stato cancellato dalle autorità; valore stimato 400.000 euro.

Ha ridicolizzato Paris Hilton facendo circolare delle copie-parodia dell’album Paris, della Hilton, presentandola con il volto del suo cane.

Bansky ha stampato delle false sterline mettendo Lady Diana al posto della Regina Elisabetta, l’idea era di gettarle da un palazzo, ma compreso il rischio le tiene nel suo studio.

Slave Labur, un murales di Bansky, è stato venduto a 750 mila sterline.

Nessuno sa chi sia veramente, ma la sua avventura continua. Certamente è un artista che sa disegnare molto bene e velocemente, lo ha dimostrato in molte occasioni quando i suoi lavori sono stati scoperti perfettamente finiti sui muri dopo poche ore; inoltre è dotato di una fantasia irrefrenabile.  Carismatico e sprezzante verso le contraddizioni della società è un abilissimo cane sciolto che nessuno è mai riuscito ad afferrare.

Forse tutti noi del mondo dell’arte vorremmo, in fondo, essere un po’ Banksy.

Ha vinto l’ Independent Spirit Award per il miglior documentario.

Nomination:

-Oscar al miglior documentario

-BAFTA al miglior esordio britannico da regista, sceneggiatore o produttore.

BANKSY scrive: Io, detentore del copyright su quest’opera, la rilascio nel pubblico dominio. Questa norma si applica in tutto il mondo.
In alcuni paesi questo potrebbe non essere legalmente possibile. In tal caso:
Garantisco a chiunque il diritto di utilizzare quest’opera per qualsiasi scopo, senza alcuna condizione, a meno che tali condizioni siano richieste dalla legge.

TONNO ALLO ZENZERO CON CONTORNO DI PATATE AL FORNO.

TONNO TAGLIARE

 

QUESTO PIATTO PUO’ ESSERE PREPARATO SIA CON IL TONNO A GRANDI FETTE SIA CON UN TONNETTO (assai più economico).

Il piatto è adatto anche a una dieta dimagrante, sostituendo le patate con un’isalata.

Ingredienti.

1 tonnetto di almeno un chilogrammo (pulito e senza testa; lo preparano su richiesta) o 4 fette; per 4 persone

zenzero fresco o secco, secondo disponibilità

4 grosse patate a pezzetti

rosmarino tritato, 2 rametti.

sale

olio di ottima qualità

due teglie da forno.

TONNO A FETTE CON ZENZERO CRUDO

 

Preparazione.

Scaldare il forno a 180°.

Affettare il tonno e metterlo nella teglia da forno con poco olio e una tritata abbondante di zenzero fresco o secco.

Infornare a 180° e lasciarlo 15′ poi  4′ a 200°.

Intanto avete spezzettato le patate, mescolate con sale, rosmarino tritato, olio abbondante e  messe in forno insieme al tonno, toglierle quando sono dorate.

Il tonno, coperto,  rimarrà caldo nella teglia mentre le patate finiscono di cuocere.

Servire.

TONNO IMPIATTATO OK

COSA STA SUCCEDENDO INTORNO A NOI ? – “Il Paese del Male, 152 giorni in ostaggio in Siria”

Riportiamo questo articolo,  pubblicato il  24 novembre 2013, perché ci pare contenga la spiegazione a molti fatti che ora stanno accadendo vicino a casa nostra.

DOMENICO QUIRICO, IL GIORNALISTA RAPITO IN SIRIA, HA SCRITTO UN LIBRO CHE TUTTI DOVREBBERO LEGGERE PER CAPIRE IL FUTURO CHE CI ASPETTA.

 Sequestrati, trasferiti in continuazione, due volte la pistola alla tempia per simulare l’esecuzione da parte dei rivoluzionari islamici che hanno dimenticato da tempo ogni motivazione rivoluzionaria, ora sono solo dei banditi e si comportano come tali; avendo come unico scopo l’avidità, ovvero il guadagno massimo ottenibile dal sequestro.

 La Siria viene definita come il Paese del Male, una terra di odio che genera altro odio, “parla o ti diamo la scossa elettrica”, settimane senza lavarsi in un clima torrido, scarafaggi e cibo raccolto da terra…nei bagni-latrine i prigionieri andavano curati a vista dai carcerieri…l’umiliazione corporale alla quale nessun occidentale è più abituato, dopo i lager nazisti.

 Comunque Domenico Quirico tiene a precisare che con il suo libro e relative riflessioni, non vuole affatto difendere il regime siriano di Bashar Assad, ma mettere in evidenza quanto la rivoluzione, non aiutata in tempo da noi (lui aveva scritto: “Bisogna dare ai ribelli delle armi antiaeree”), ormai sia totalmente degenerata.

 Nel libro si parla addirittura del fanatico sogno di creare un califfato in Occidente e, quindi,  di una nuova possibile riconquista dell’Europa, come fu nella Spagna mussulmana.

– Noi ci limitiamo a ricordare che solo chi ha vissuto da vicino questa guerra può capire e spiegarci  dove sta andando questa parte del mondo. Gli atteggiamenti dei popoli possono cambiare in breve o in lungo tempo e così dovrebbero cambiare anche i giudizi e le decisioni.

 Con ciò nessuno vuole negare che continui ad esistere un islam moderato ma, si sa, che fanno notizia sono sempre quelli che fanno più rumore, o forse, una fetta dell’Islam tollerante, che abbiamo conosciuto negli anni passati,  ha cambiato bandiera e la religione viene confusa con il fanatismo e l’odio.

 –E’ bene seguire queste evoluzioni, per non trovarci di fronte a pericolose realtà che ci coinvolgeranno nostro malgrado.

 -Un esempio lampante è la rivoluzione egiziana, certamente nata da un gruppo di intellettuali NON fanatici religiosi, ma liberali, ed ora, pare, contagiata dalle frange più estreme che dicono  di rappresentare la maggioranza dei voti. 

 Io che scrivo ho vissuto personalmente le trasformazioni dell’Egitto moderno, dalle mamme che portavano, orgogliose, la minigonna e studiavano all’università, alle figlie che mi spiegavano come il velo fosse per loro una liberissima scelta. E non posso tralasciare di raccontare come, una serie di suggerimenti subliminali e non, attraverso televisione e giornali, habbiano riportato le donne al velo.

Le contraddizioni delle religioni sono storiche: anche questa volta Quirico ci racconta come dopo avere minacciato i prigionieri, i carcerieri si inginocchiassero a baciare il Corano che rappresenta l’islamismo e come tutte le religioni, non è nata predicando l’odio, ma l’amore.

 Due terzi di umanità  vivono nella fame e nella tirannide.

Merita una nota di elogio la precisazione che riguarda il pericolo, per gli italiani, di continuare a “rosolarci” nelle nostre beghe interne e di ignorare come stia veramente andando il mondo con i suoi due terzi di umanità che vivono nella fame e nella tirannide.

 Un giorno, probabilmente,  succederà qualcosa e gli italiani non sapranno nemmeno il perché…e non si tratta di essere pessimisti; si tratta solo di essere informati e avere la “fortuna” di viaggiare molto e verificare di persona come sta andando il mondo.

 Domenico Quirico è stato un Siria ben 5 volte dopo lo scoppio della rivoluzione e quindi merita credibilità.

L’aspetto più inquietante che deriva dal libro è la precisazione che la rivoluzione ha finito di essere tale già da molto tempo. I rivoluzionari idealisti sono ormai pochissimi, prevalgono i fanatici; molti dei quali si sono trasformati in banditi.

Il libro è stata scritto da Quirico e dal politologo belga Pierre Piccinin De Prata, la persona con la quale Domenico Quirico ha condiviso il viaggio e la prigionia.

Il Paese del Male, 152 giorni in ostaggio in Siria“, editore Neri Pozza, 15 euro.

Noi ora aspettiamo che Quirico si rimetta in viaggio, come vorrebbe fare, per scrivere di problemi, pericoli, torture, maltrattamenti, rischi ecc…per vivere e raccontare da cittadino italiano che si mette in viaggio con i profughi; dal Niger a Lampedusa.

SALUTE E VELENO ACQUE VELENOSE A NAPOLI

Voi cosa ne pensate?

Noi ci limitiamo a constatare che in un Paese dove i rifiuti più pericolosi vengono interrati da decenni (anche nell’ecologico Trentino), vedi al link:

http://www.donnecultura.eu/?p=3213

non ci sembra strano che anche la potabilità dell’acqua possa essere “discutibile”.

-Vogliamo aggiungere che le acque potabili sono controllate da società che devono fare utili per i soci e che le sostanze per depurare l’acqua, per esempio, dai metalli pesanti, sono costosissime. 

Ci domandiamo non è che a qualcuno sia venuto in mente di risparmiare sulla salute dei cittadini?

In un Paese dove la moralità non è proprio una consuetudine, ci viene da pensare che forse…l’acqua è molto più inquinata di quanto ci dicono anche in altre città, magari usano le sopraddette sostanze costosissime solo quando arriva la ASL per i prelievi?  …..!

 

Riportiamo uno stralcio della disputa inerente alla potabilità, anzi ai veleni, dell’acqua di Napoli.

da  | 14 novembre 2013

Napoli: “Ricerca choc su inquinamento dell’acqua”. Comune: “Procurato allarme”

“Bevi Napoli e poi muori”, è il titolo dell’inchiesta in edicola con il settimanale L’Espresso dove sono pubblicati i dati inediti dello studio del comando Us Navy sui pericoli del vivere in Campania.

Il consigliere regionale della Campania Corrado Gabriele ha chiesto l’intervento della magistratura: “Ritirare il prossimo numero de l’Espresso dalle edicole: è procurato allarme“.

-In questione l’inchiesta “Bevi Napoli e poi muori“, in edicola venerdì 15 novembre e che racconta la situazione ambientale del territorio di mille chilometri quadrati. All’interno i risultati inediti dello studio realizzato dal comando dell’Us Navy di Napoli e costato 30 milioni di dollari: per due anni ha esaminato il territorio per capire i pericoli del vivere in Campania per i militari americani e famiglie.

“Il rapporto conclusivo”, fanno sapere da l’Espresso, “è stato trasmesso da diversi mesi alle autorità italiane, ma finora mai reso pubblico. Pensiamo che far finta di niente, prendersela con chi fa informazione invece che con chi dovrebbe impedire il traffico di rifiuti tossici gestito dalla criminalità organizzata può solo peggiorare la vita di chi vive in quelle zone e da anni sopporta le terribili conseguenze dell’inquinamento“.

L’amministrazione di Napoli è subito intervenuta per placare ogni preoccupazione: ”Vogliamo rassicurare le cittadine e i cittadini sulla qualità dell’acqua erogata a Napoli, la quale risulta controllata e potabile. L’Abc (società che gestisce l’acquedotto, ndr) infatti effettua quotidiani e numerosi controlli in diversi punti di prelievo del nostro sistema idrico nelle diverse zone della città (oltre 50 punti). Tali controlli avvengono parallelamente ai controlli effettuati dalla Asl Napoli 1. I prelievi compiuti dall’Asl vengono poi analizzati nei laboratori dell’Arpac che restituisce le informazioni alla Asl per la valutazione della potabilità. Nel contempo Abc effettua le analisi nel proprio laboratorio”. Lo rende noto l’ufficio stampa del Comune di Napoli dopo le anticipazione del servizio che sarà pubblicato su l’Espresso annunciando che “qualora fosse opportuno” dopo la valutazione dei contenuti, si valuteranno “le possibili azioni a tutela dell’immagine della città”. I contatti tra Abc e Asl, proseguono al Comune di Napoli,

“garantiscono quindi le cittadine e i cittadini in merito alla potabilità dell’acqua erogata nella città, rilasciando anche un “giudizio di potabilità”.

Italia: “…dove la cultura, l’educazione e i beni culturali sono abbandonati, come Cenerentola…”

 L’Accademia dei Licei è stata fondata nel 1603, ed è la più antica accademia scientifica del mondo e massima

istituzione culturale italiana.

Durante l’ inaugurazione dell’anno accademico  2013-14 il presidente Prof. Lamberto Maffei ha posto l’accento

sull’attuale situazione italiana in relazione all’importanza della cultura nel significato più ampio del termine.

In questi anni oltre che diventare poveri siamo diventati ignoranti” con queste parole il presidente dell’Accademia dei Lincei Prof. Lamberto Maffei ha descritto, inaugurando il 411m  (quattrocentoundicesimo) anno di attività dell’Accademia, la situazione del

nostro paese “dove la cultura, l’educazione e i beni culturali sono abbandonati, come Cenerentola, in un angolo dimenticato delle stanze decisionali”.

Il nostro paese è noto nel mondo oltre che per la sua bellezza per la sua grande tradizione culturale, ma – ha ricordato Maffei – nell’ultima classifica stilata dall’Ocse (l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico), sulle competenze principali degli adulti il nostro Paese figura all’ultimo posto.

“Oggi – ha aggiunto – c’è la ferma convinzione che l’unica forma utile di conoscenza sia quella che ha ricadute economiche e che  il sapere da trasmettere sia  quello  che  dà i mezzi tecnici per il successo.

Il sapere utile è certamente utilissimo e senza di quello non potremmo, ad esempio,  godere dei benefici della tecnologia.

-Ma io voglio spezzare una lancia per il sapere inutile contro l’eccesso delle specializzazioni che limitano in fondo la libertà del pensiero.

Tutte le espressioni del sapere  umano  concorrono alla costruzione del cittadino e quindi alla dinamica del vivere civile e in definitiva al benessere personale e sociale.

L’uomo non è il suo conto in banca!” “L’Accademia rappresenta significativamente la cultura italiana: è nostro dovere, quindi – ha proseguito il Presidente – farci carico di questa vergogna nazionale e di mobilitare le risorse ancora numerose ma non valorizzate per il risveglio dei cervelli.

La civiltà di un paese non può essere solo il suo PIL, ma anche la sua maniera di vivere, di guardare i tesori del suo paesaggio, che abbiamo in abbondanza, della sua storia anche perché questi valori sono investimento e possono essere il PIL di domani.

Ogni popolo deve usare con intelligenza le sue risorse  per aumentare la propria ricchezza spirituale e materiale. Non si può continuare a investire sull’ignoranza.

L’Accademia dei Lincei, lo dico con orgoglio, si è adoperata con i suoi soci per promuovere l’educazione nelle scuole primarie e secondarie con lo scopo di educare a ragionare, a criticare e a “non seguire” –

lo scriveva già Seneca –“pecorum ritu antecedentium gregem”(de vita beata), finendo nella moltitudine di coloro che addormentano il cervello per 4 ore davanti alla televisione (rapporto Ocse)”. Il Presidente ha quindi ricordato le attività che l’Accademia svolge per le scuole e in particolare il progetto ‘I Lincei per una  nuova didattica nella scuola: una rete nazionale’, nato in collaborazione con il MIUR che opera in varie città d’Italia.

-Per la diffusione della cultura è stato anche siglato proprio in questi giorni un Protocollo d’Intesa con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che si aggiunge agli accordi in essere con il Ministero degli Esteri, con il MIUR e con il CNR. Maffei ha quindi illustrato il lavoro svolto nell’ultimo anno dall’Accademia ed i programmi futuri, ringraziando per il sostegno ricevuto nella realizzazione delle attività dalla Associazione Amici dell’Accademia dei Lincei, Presieduta dal Prof. Pierluigi Ridolfi.

In chiusura del suo intervento il Prof. Maffei ha ringraziato tutti coloro che collaborano al buon successo dell’Accademia, in primo luogo il  Vicepresidente Alberto Quadrio Curzio per le sue preziose iniziative e consigli  e tutti i componenti del Consiglio di Presidenza. Uno speciale ringraziamento è stato rivolto al personale che, con cura e professionalità, opera con impegno e alla Dott.ssa Ada Baccari, Cancelliere dell’Accademia.

E’ seguita la consegna dei Premi Feltrinelli che per il 2013 sono stati assegnati a: Michel Jeanneret per la Cultura letteraria del Rinascimento; Manolis Korres per il Restauro; Giorgetto Giugiaro per il Design; Carlo Cecchi per la Regia e Recitazione; Gianni Carlo Sciolla per la Critica dell’Arte; Fabio Nieder per la Composizione Musicale. Il Premio per una impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario è andato al Progetto Ortopedico della Croce Rossa Internazionale in Afghanistan, diretto da Alberto Cairo, grazie al quale oltre 125.000 persone amputate dalle mine, tra cui moltissimi bambini vittime della guerra, hanno avuto finora assistenza e cure riabilitative. Molto apprezzata é stata la relazione che il Dr. Cairo ha fatto delle attività svolte in Afghanistan, ringraziando l’Accademia per il Premio, di 250.000 euro che contribuirà significativamente alla prosecuzione delle attività in favore della martoriata popolazione Afghana.

-La cerimonia si è conclusa con la consegna dei distintivi con la lince, simbolo degli accademici, ai nuovi soci eletti nel 2013.

Spa ed eccellenza: Six Senses dello Sharq Village & SPA a Doha in Qatar.

aerei 672 qatar airways gba

VOLA QATAR  AIRWAYS: GLI AEREI PIU’ MODERNI DEL MONDO

Spafinder  Wellness 365

(il portale del  benessere più autorevole del mondo)

http://www.spafinder.com/rewards

ha dichiarato la Spa Six Senses dello  Sharq Village & SPA a Doha

vincitrice  dei  Reader’s Choice Awards 2013 per la sezione Medio Oriente.

Sharq 450 CHIARA Village_and_Spa_reception_area_hr

Spafinder è il portale del benessere più autorevole al mondo, che pubblica ogni anno, sulla base dell’indice di gradimento espresso dai consumatori, i Readers’ Choice Awards,  premiando le migliori mete SPA in ogni continente, nazione e regione.

La selezione ha coinvolto le SPA dei migliori hotel e resort  in 44 paesi e regioni. Questo è il primo anno in cui sono stati assegnati premi anche per  i programmi di fitness, yoga e nutrizione. L’aumento delle categorie premiate riflette la mission dell’azienda di rendere il benessere ogni giorno più accessibile.

Siamo convinti che mantenersi in forma e in salute non sia un lusso ma una necessità per l’individuo affinché possa vivere la propria vita nel miglior modo possibile”, afferma Mia Kyricos, Amministratore Delegato di Spafinder Wellness. “Attraverso  i nostri Reader’s Choice Awards diamo ai nostri utenti la possibilità di premiare ed esprimere apprezzamento per le loro mete benessere preferite”.

-La Spa Six Senses si trova all’interno dello lo Sharq Village & SPA, resort gestito da Carlton Ritz immerso nella lussureggiante vegetazione delle coste del Qatar, affacciato sulla baia di Doha.

La SPA è composta da quattro edifici bassi, intrecciati in un labirinto di vicoli pittoreschi, adorni di fontane zampillanti che ricreano l’emozionante atmosfera esotica dei tradizionali villaggi del Qatar.

L’ambiente Six Senses unisce l’autentica architettura araba con i comfort moderni per soddisfare le aspettative anche del viaggiatore più esigente: dotata di confortevoli e lussuosi spazi per il relax e i trattamenti, vasche di acqua calda e fredda e una palestra riservata alle donne, la Spa Six Senses offre rituali ispirati alla cultura locale e servizi personalizzati.

spa 450 Treatment_Room_sss_sharq_village_doha_hr

Ogni mese rinomati specialisti si alternano per consigliare agli ospiti i trattamenti di benessere più adatti alle loro esigenze. 

Le SPA del gruppo sono un elemento chiave di tutte le proprietà Six Senses.

-Le SPA offrono una vasta gamma di pratiche fondate sul principio del benessere olistico, e trattamenti dedicati alla bellezza e al ringiovanimento che sono somministrati da esperti terapisti di fama internazionale.

-Le SPA Six Senses sono ospitate da prestigiosi hotel e resort in molte  località del mondo.

Da You Tube uno scandalo ambientale; nella splendida Sardegna!

ORRORE AL CIANURO IN SARDEGNA UN INTERO LAGO;  CON I SOLDI PUBBLICI !

DA: https://www.facebook.com/note.php?note_id=10150235646782648&comments

I veleni di Furtei, il Klondike sardo

11 luglio 2011 alle ore 11.45

www.sardegna24.net

UN LAGO DI CIANURO !

Oggi dell’Eldorado sardo sono rimasti una collina sventrata e un lago di cianuro.

-Più quarantuno minatori in mobilità e oltre quattro milioni e mezzo di euro messi sul piatto dalla Regione per tamponare il disastro ambientale. Che non basteranno: secondo le previsioni ne serviranno almeno trenta, di milioni, per evitare che l’acqua contaminata finisca nelle falde del Campidano.

L’allarme è già scattato circa un anno fa, quando una pompa di rilancio si era bloccata e sono stati proprio gli operai in cassa integrazione – che da volontari hanno continuato a vegliare la miniera – ad intervenire per evitare che la diga tracimasse, avvelenando i campi. Loro soli, perché i manager della società mineraria, primi gli australiani della Sardinia Gold Mining, poi i canadesi della Buffalo Gold, erano fuggiti a gambe levate dichiarando fallimento e lasciando in eredità all’ isola una bomba a orologeria difficile da disinnescare.

Ma quella della miniera di Santu Miali, a Furtei, non è la storia di un Klondike abortito.

-È la cronaca di una morte annunciata che vede comparire, insieme ad anonime sigle di investitori stranieri, anche nomi di primo piano della politica locale. Come Ugo Cappellacci, che fra il 2001 e il 2003, quando era ancora un semplice commercialista cagliaritano, funominato presidente della Sardinia Gold Mining, la società per azioni concessionaria della miniera. O Giampiero Pinna, ex Ds passato ai Verdi, che da presidente della Progemisa, il braccio operativo dell’Ente Minerario Sardo, sostenne con entusiasmo il miraggio aureo in Sardegna. E’ la storia di uno sfregio paesaggistico, di una rapina ambientale e di una speculazione sapientemente architettata in cui sono cascati in molti ed in pochi, invece, hanno fatto affari.

A rivelarlo è Giuseppe Pipino, geologo a cui sul finire degli anni Ottanta l’Agip miniere chiese di effettuare uno studio per verificare se in Sardegna fosse presente l’oro.

«Io indicai che sì, l’oro c’era, ma in quantità così scarsa da risultare un investimento antieconomico». Perché allora si procedette comunque con l’estrazione?

«Per speculazione – spiega Pipino –. Funziona così: la società mineraria lancia la notizia di aver scoperto un giacimento redditizio, si quota in borsa ed attira i capitali dei piccoli, ingenui investitori: nel caso di Santu Miali, abboccarono molti emigrati sardi in Australia. In realtà i ricavi andavano a coprire nient’ altro che i lauti stipendi dei manager, più le spese di gestione, con una buona iniezione di soldi pubblici».

Soldi arrivati principalmente tramite la legge 221 del 90, finalizzata a sostenere lo start up nelle regioni in difficoltà economica (dalla relazione annuale del 2000 della Sgm risultano 7,6 miliardi di vecchie lire) e tramite la 752 del 1982, per promuovere la ricerca dell’ oro a Furtei (2,9 miliardi di lire) e a Osilo (2,5 miliardi), dove il progetto non passerà anche per il successivo veto della giunta Soru.

Tutto legale, intendiamoci. «Ma affari veri non ne sono stati fatti – spiega Pipino – era una macchina che alimentava se stessa». Per essere redditizia, la coltivazione dell’oro sarebbe dovuta durare due o al massimo tre anni: «I piani iniziali – conferma l’ex direttore dei lavori Sandro Broi – prevedevano 42 mesi di lavoro». Oltre, l’operazione diventava eccessivamente costosa.

-Ma allungare i tempi, secondo il geologo permetteva di continuare a fare speculazione in borsa.

Infatti il gruppo australiano aveva nel frattempo tentato di rastrellare soldi sulla piazza di Londra, senza successo, per poi approdare a quella di Vancouver, in Canada, intossicata da centinaia di piccole società minerarie che promettono nuovi Klondike. E quando il vero giacimento – i soldi pubblici – si è esaurito, i cercatori d’oro stranieri hanno abbandonato Santu Miali. Il ripristino del territorio, 510 ettari fra Furtei, Serrenti e Segariu, di cui 75 seriamente compromessi, è rimasto a carico dell’unico azionista che non poteva fuggire all’estero: la Regione Sardegna. Con solo il 10 per cento delle quote, l’ente pubblico è oggi l’unico sopravvissuto alla partita che si dovrà accollare gli oneri della bonifica.

«In oltre dieci anni di attività della miniera, che ha partorito il suo primo lingotto nel ’97, sono state estratte sei tonnellate e mezzo di oro, 22 mila tonnellate di rame e 6.000 chili d’argento» fa il conto Broi. In compenso, sono stati erosi almeno due milioni di tonnellate di roccia, macinata, passata nel cianuro e trattata con lo zinco per ottenere il precipitato d’oro. Gli sterili, ovvero i materiali che non contenevano preziosi, sono stati venduti alle aziende impegnate nel nuovo tracciato della statale 131. Con il sospetto che anche l’arsenico sia finito nell’asfalto. La società australiana ha così ottenuto il diritto a sventrare una montagna e realizzare un invaso al cianuro guadagnandoci sopra almeno 10 milioni di euro e versando, di contro, alla Regione Sardegna la simbolica cifra di 20.000 euro annui e neanche un soldo ai Comuni della zona, quelli che stanno vivendo sulla propria pelle i costi ambientali dell’operazione.

Peccato che a pagare la bonifica, ora che gli investitori stranieri si sono volatilizzati, saranno i contribuenti sardi: dal palazzo di via Roma sono già stati stanziati 4 milioni e mezzo, con cui l’Igea (Interventi geoambientali), società in house della Regione, ha messo in piedi il piano di caratterizzazione, approvato pochi giorni fa dall’Assessorato all’Ambiente.

Quanto ai minatori, passati dai settanta degli anni d’oro ai quarantuno attuali, hanno dovuto condurre una piccola, epica battaglia insieme alle istituzioni locali per far sì che la loro storia e quella di Santu Miali non fossero dimenticati: «Abbiamo occupato la Regione e presidiato la miniera per oltre due mesi» racconta Emanuele Madeddu, rappresentante rsu, una delle anime della lotta operaia. Ora, dopo aver concluso i corsi di riqualificazione, saranno loro a doversi occupare della bonifica, sotterrando il sogno del Klondike sardo.

11 luglio 2011

http://www.sardegna24.net/regione/i-veleni-di-furtei-il-klondike-sardo-1.3108

DonnE…Cultura