Archivi categoria: ECOLOGIA

ecologia, ecology,

LE BARRIERE CORALLINE RISCHIANO DI SPARIRE !

RIFLESSIONI SULLO STATO MONDIALE DELLE BARRIERE CORALLINE.

Quello che le agenzie di viaggio non vi dicono.

E’ con vero dolore che mi accingo a scrivere le mie personali  e recenti esperienze di viaggio su diverse barriere coralline e relativo inquinamento delle acque: dai Caraibi all’isola di Mauritius, alle Maldive, sino a Sry Lanka, Bali, Isole Gili e Lombok, comprese.

A differenza di quanto scritto, dallo stesso Corriere della Sera, le Isole Gili, ad esempio, non sono affatto da paragonare a quello che furono le Maldive 35 anni fa, quando il mare, anche a riva, era un solo immenso acquario.

Certamente per i sub, che vanno in profondità, non mancano grandi possibilità di soddisfazione anche oggi.

Rimane il dolore e la preoccupazione di una persona che è cresciuta leggendo i libri di Jaques Cousteau e facendo foto alla barriera corallina, soprattutto in apnea.

Come Cousteau aveva previsto, molte barriere coralline, in tutto il mondo, sono già quasi totalmente morte a causa di vari fattori.

-Inquinamento umano dovuto, in parte, semplicemente all’aumento della popolazione; anche turistica e acidificazione delle acque (porta alla dissoluzione dei gusci calcarei delle conchiglie di molluschi, echinodermi, alghe, coralli e plancton calcareo)

-Distruzione fisica dovuta al camminamento sopra la barriera, ancoraggio e passaggio delle barche.

-Distruzione totale dovuta alle sostanze chimiche utilizzate per ottenere, per esempio,  banane perfette senza macchie o marcescenza e parassiti;

queste sostanze, in Costa Rica, furono distribuite con gli aerei e causarono anche sterilità nel sesso maschile dei lavoratori.

Inoltre,  le stelle marine che divorano velocemente le madrepore, mentre queste ultime hanno una crescita lentissima, si stanno spaventosamente moltiplicando e crescendo di volume, non solo perché indifferenti all’inquinamento, ma addirittura in quanto ne traggono vantaggio; esattamente come aveva previsto Jaques Cousteau.

MARE STELLA MARINA VARIO JN

L’ultimo grande innalzamento della temperatura dell’acqua, nell’Oceano Indiano, a causa del fenomeno climatico chiamato El Niño ha lasciato tracce molto evidenti: i coralli, anche alle Maldive, sono morti sino a 17 metri di profondità.

Chi non ha mai visto una barriera corallina in ottima salute  si emoziona egualmente ammirando i pochi pesci colorati sopravvissuti e magari qualche chiazza colorata di madrepora ancora viva o appena rinata, ma vi assicuriamo che si tratta di scenografie completamente differenti.

Va detto, però, che negli ultimi tempi si registra un leggerissimo recupero, ma i tempi di crescita del corallo sono centenari; sempre nella speranza che i cambiamenti climatici non ci “regalino” altri passaggi del Niño per i prossimi anni.

Alcuni esempi di quello che abbiamo verificato personalmente negli ultimi 5-10 anni:

-le madrepore di superficie, che erano ancora vive all’isola di Tobago 21 anni fa, ora sono completamente morte e distrutte dal passaggio dei turisti e barche;

-anche nel Costa Rica abbiamo trovato abbondanza di inquinamento nelle acque; almeno nelle zone dove sorgono i centri turistici più noti della costa occidentale;

-nel parco protetto di Sharm, sul Mar Rosso, una breve apnea ha permesso di verificare che, pur continuando una notevole vita della barriera, la situazione attuale, che entusiasta tutti i turisti, è solo un pallido ricordo di quello che c’era quando la zona era sconosciuta al turismo;

-per onor del vero va precisato che in Egitto, in  generale, si può ancora ammirare una delle barriere più ricche che esistano sulla terra; ed è anche facilmente raggiungibile da riva;

alle Maldive, sino a 17 metri di profondità,  abbiamo trovato il corallo tutto grigio, con qualche pallido tentativo di ricrescita; parliamo sempre di madrepore in superficie;

-Sry Lanka, dopo 35 anni, ci è apparsa un’isola diversa; arricchita dal turismo, con intere colline di foresta vergine distrutte, prima dai venditori di legnami ormai rari e poi per far spazio ad un popolazione che cresce vertiginosamente a causa di una parvenza di benessere;

-sempre a Sry Lanka abbiamo constatato un visibile inquinamento delle acque nella parte sud ed est, anche se totalmente ignorato dalla maggioranza dei turisti assai distratti al riguardo;

non esistono impianti fognari, la popolazione cresce a dismisura insieme ai turisti, intanto il mare non riesce più a smaltire quanto prodotto dai  numerosi esseri umani presenti;

-a proposito di Sry Lanka non si può ignorare il grande inquinamento che ha investito e investe, da anni, tutta la costa occidentale

-al momento della nostra visita, era prevista un’enorme crescita di alberghi sulla zona dove si è abbattuto l’ultimo tsunami…alla faccia della sicurezza. I locali emigrati e arricchiti hanno acquistato quasi per nulla i terreni abbandonati dalle povere donne vedove che avevano visto mariti pescatori e figli morire a causa dell’onda di Tzunami e non volevano più rimanere sulla costa;

-comuni a moltissimi luoghi, ch efurono incontaminati, sono gli incendi quotidiani per smaltire i rifiuti e/o l’uso della plastica per ravvivare il fuoco dove la legna è bene prezioso e di faticoso e/o costoso reperimento;

le Maldive dispongono di un’intera isola di solo rifiuti che aversano nel mare ogni genere di prodotto introdotto dai facoltosi turisti, dalle pile esauste ai frigoriferi e apparecchi per aria condizionata rotti, computer e tutto il materiale di scarto dai lussuosi resort; torrentelli di liquidi putrescenti e assolutamente maleodoranti attraversano l’isola/pattumiera, situata di fronte alla  capitale Male;

-va precisato che il Governo Maldiviano dice di avere intenzione di prendere provvedimenti a breve da ormai 20 anni ; aspettiamo!

-alle famose isole Gili di Bali, non abbiamo trovato il paradiso acquatico che ci aspettavamo, l’isola più piccola e lontana che abbiamo visitato aveva le acque contaminate dal mercurio proveniente dalla vicina costa dalla quale per anni hanno estratto l’oro, scaricando enormi quantità di questo pericolosissimo minerale (usato nel processo dell’estrazione dell’oro) che vien assorbito dai pesci, mangiati dagli abitanti e quindi diventa un veleno per tutta la popolazione circostante.

-a Gili Travangan, paragonabile ormai a Ibiza, e sulle altre più tranquille isole, si vede ancora qualche tartaruga e pesce colorato, ma la barriera rimane grigia, almeno in superficie;

-la vicina isola di Lombok non è totalmente incontaminata come ci si aspetterebbe;

-noi abbiamo verificato acque non pulite anche sull’isola di Gili Nango, a sud ovest di Lombok;

FOTO DI COPERTINA DI Lill-Haugen- Sub e fotografa professionista.

RICICLARE – Non buttarlo riparalo – Un succeso in Europa – Sfida dei restailer

Riparano tutto – dai lettori MP3 ai frullatori

IFIXT la più grande comunità on line di riparatori del mondo

LA LORO GUIDA DI RIPARAZIONI GRATUITA: https://it.ifixit.com

In Francia e Germania una legge vieta l’obsolescenza programmata (obsolescenza programmata = dopo un tot di tempo l’oggetto non funziona più e va ricomprato).

In Italia la legge  è IMPANTANATA IN PARLAMENTO !!!

Per contrasto è tutto italiano il merito del Restart Project di Londra.

Le multinazionali non hanno alcun interesse a produrre oggetti riparabili, ma ora con la crisi economica e con la maggiore consapevolezza ecologica, un gruppo sempre più numeroso di persone ha deciso di spingere verso il riutilizzo di tutto quello che è possibile. Compreso l’acquisto indirizzato verso prodotti riparabili.

Aiutano la diffusione di questa filosofia i Restart Party  ed i Repair Cafè, ora diffusi in tutta Europa; meno in Italia !!

I Restarter point in ITALIA:

AOSTA

FIRENZE

LANGHE- ROERO

MILANO

TORINO

Obama a Milano – Fiera Milano Rho – Seeds&Chips – Tutta la settimana: Tutto Food Seeds&Chips Milano

Oggi eravamo presenti alla conferenza di Barak Obama a Seeds&Chips – Tutto Food Milano

Con

Tuttofood e Seed&Chips: Milano vuol diventare l’Hub dell’agro-rivoluzione globale

Alla fiera MILANO RHO:

Seeds and Chips con Ttutto Food è un’occasione unica per conoscere da vicino quanto, oggi, il mondo del cibo sia variegato, complesso, affascinante e internazionale.

Dalle produzioni di nicchia locali, una particolare attenzione meritano le aziende sopravvissute al recente terremoto del centro Italia, sino al pesce che proviene da pesca sostenibile, alle acque minerali più pure, ai consigli degli chef  degli show cooking.

::::::::

OGGI CONFERENZA DI OBAMA

Ecco cosa è emerso dal discorso di Obama durante la sua conferenza.

Quali sono i fatti più importanti per il futuro dell ‘uomo ?

Il 99% degli scienziati dicono che  il surriscaldamento globale sarebbe incontrovertibile.
Ma la velocità di riscaldamento è  contenibile con seri interventi ed il progresso velocissimo della scienza ci fa ben sperare.

I FATTI:

-oggi e previsto aumento di innalzamento di almeno un metro nei livelli degli oceani.

-le città più importanti sono costiere.

-pensiamo ai monsoni in India; oggi centinaia di milioni di persone si trovano di fronte a situazioni al limite della sopravvivenza; per non parlare della desertificazione che porta a canenza non solo di cibo, ma anche di acqua.

PER MIGLIORARE LA SITUAZIONE:

-per sopravvivere al meglio, noi dobbiamo mantenere nel range minimo tutti i parametri.

Se non ci impegnamo a controllare questi problemi, se non prendiamo provvedimenti, abbiamo davanti problemi anche irrisolvibili.

Ma la scienza sta facendo passi da gigante, oggi la produzione di energie alternative aumenta, e prossimamente si arriverà anche ad uno stoccaggio di energia; prodotta in modo alternativo.

È importante che USA, Europa, Cina, siano di esempio ai paesi in pieno sviluppo per cercare di risolvere il problema energetico.

È importantissima la sensibilizzazione ai problemi: quali sono i migliori cibi per evitare sprechi e sfruttamento ? Tutti devono porsi questo problema.

CONTRADDIZIONI

Contraddizione del secolo: paesi con eccesso di cibo e relative malattie e paesi che non hanno cibo a sufficienza.

Sappiamo che è possibile risolvere i problemi che ci aspettano. Le sfide partono dai cambiamenti climatici, gli USA affrontano terribili tempeste devastanti che distruggono case e aziende, questo è un buon motivo per darsi da fare nel contenere le produzioni di veleni.; dal cibo all’ energia.

Combattere malnutrizione e fame nel mondo.

Centinaia di milioni di persone oggi sono uscite dalla povertà con piccoli aiuti economico-solidali.

Non c’è niente che la scienza non possa fare.
Anche il cambiamento climatico si può invertire.

Non si può mai dire che è troppo tardi.

Per la prima volta in 30 anni, abbiamo invertito la crescita del numero di obesi negli USA.

OBAMA HA ANCHEE RICORDATO CHE: sta scrivendo il suo terzo libro e un’ istituzione, negli USA, per formare  una nuova classe di leader.

I giovani non sono ascoltati abbastanza.

Obama vuole creare una rete globale di giovani giornalisti e studiosi, imprenditori ecc..

HA DETTO OBAMA: “La cosa più bella che posso dare è aiutare i giovani di 20 25 anni ad arrivare più in alto a livello internazionale…

Tutto dipenderà dalle generazioni future…

Da giovane non sono sempre stato il migliore studente…

Quando sono andato a Chicago ho imparato che il buon leader e capace di dare potere ai sottoposti.

Ora Obama si impegna ad insegnare come acquisire leadership.

I politici possono guidare, ma il cambiamento verrà dalla gente da imprenditori illuminati da studiosi geniali…

La gente ha la  tendenza a dare la colpa ai politici, ma si hanno i politici che si meritano.

Ecologia e ricerca scientifica – Airbank – Dai frigoriferi usati la polvere assorbente ecologica

Assorbe l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95%

Economia circolare:

dai frigoriferi usati la polvere assorbente ecologica che rispetta l’ambiente.

Dal recupero del poliuretano dei frigoriferi, Airbank ha creato OKO-PUR,  l’assorbente ecologico per oli e benzine più utilizzato in Europa.

Per produrne 1 Kg si evita l’emissione di 250 kg di CO2 nell’atmosfera, risparmiando su energia e materie prime.

OKO-PUR fornisce un importante contributo nelle situazioni di inquinamento idrico: è studiato per assorbire oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro ed è certificato come assorbente per sedi stradali trafficate.

Assorbe l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95%.

Recuperare RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) per ottenere un prodotto in grado di rispettare l’ambiente e assicurare l’assorbimento di oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro.

È quanto fa Airbank, azienda emiliana leader in Italia nel settore della sicurezza ambientale, con OKO-PUR, l’assorbente ecologico per oli e idrocarburi più utilizzato in Europa, realizzato dal riciclo del poliuretano, materiale ricavato dalla parte isolante dei frigoriferi in rottamazione.

In media ogni frigorifero contiene 4 kg di poliuretano, che corrisponde a circa il 15% del materiale di cui è composto l’elettrodomestico. In questo modo, OKO-PUR è l’unico assorbente che ha anche un effetto positivo sul clima: per produrne 1 Kg si evita infatti l’emissione di 250 kg di CO2 nell’atmosfera, risparmiando su energia e materie prime e contribuendo a proteggere l’ambiente.

Studiato appositamente per l’assorbimento di oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro, OKO-PUR è un prodotto di facile impiego, da utilizzare come comune segatura, ma con caratteristiche che lo rendono unico al mondo: è in grado di assorbire l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95% e formando grandi grumi che possono essere poi facilmente recuperati.

Disponibile sia in polvere che in granuli, OKO-PUR ha una capacità di assorbimento molto elevata, che va da 3,7 a 10 volte il proprio peso: con il contenuto di un sacco da 6,8 kg si assorbono 30/80 kg di liquidi.

Le possibilità di utilizzo del prodotto, inoltre, non si limitano agli ambienti di lavoro: OKO PUR può fornire un importante contributo nelle situazioni di inquinamento idrico confinato e in più è stato certificato come ottimo assorbente per sedi stradali trafficate.

“Idrorepellente, antiderapante, non produce fanghi e non solidifica, non assorbe l’acqua in caso di pioggia e ha un costo di smaltimento notevolmente ridotto:

OKO-PUR è un prodotto innovativo che esemplifica il concetto di economia circolare, pensa all’ambiente ed ha una serie di caratteristiche che lo rendono vantaggioso anche dal punto di vista economico”, sottolinea Gloria Mazzoni, presidente di Airbank.

Airbank
Airbank è l’azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, ma soprattutto un’azienda a bassissimo impatto ambientale. Grazie al suo impianto fotovoltaico, infatti, è autonoma dal punto  di vista energetico.
Da sempre percorre le vie della ricerca, dell’innovazione tecnologica e della qualità con l’unico obiettivo di produrre articoli in grado di elevare gli standard qualitativi del lavoro dell’uomo. Tra i suoi clienti la Protezione Civile, Enel, Erg, Parmalat, Amsa e Trenitalia.

Maggiori informazioni sul sito istituzionale www.airbank.it

Puglia – Salviamo il turismo in Italia; l’unica fonte sicura di denaro per il futuro o NO ?

 TAP E XYLELLA DISTRUGGERANNO UN TERRITORIO TRA I PIU’

BELLI D’ITALIA ?

Se non avrete la pazienza di leggere tutto quanto riportato, vi suggeriamo dopo avere letto i preamboli iniziali, di leggere almeno l’ultima parte, ovvero la dichiarazione di un giornalista che ha seguito il problema sin dall’inizio; da Bruxelles.

Puglia, Salento:

Tap (Trans Adriatic Pipeline), gasdotto che da Kipoi (Grecia), arriverà sulla costa incontaminata di San Foca e non lontano dalla famosa Melendugno (Lecce, caratterizzata da spiaggette, insenature, dune e calette, piatti isolotti e faraglioni; con presenza di grandi aree pinetate e macchia mediterranea).

-Xyllela: batterio che sta uccidendo i secolari ulivi di alcune zone della Puglia e che i POTERI FORTI (EUROPA COMPRESA) vorrebbero uccidere; per sostituirli con altri superproduttivi (ma forse, con minori valori nutritivi e organolettici ?) .

Ecco le origini del gasdotto “incriminato”:

-al principio vi erano due gasdotti in competizione: il TAP (sponsorizzato da Tony Blair e voluto dall’Unione Europea e USA) e il South Stream (voluto dall’agenzia energetica russa Gazprom e sospeso per i problemi creati dalla situazione in Ucraina).

Il Tap viene definito, ufficialmente, come: progetto fondamentale per garantire la sicurezza e la diversificazione dell’approvvigionamento energetico in Europa e quindi anche di importanza strategica per l’Italia.

Lo scopo della costruzione del Tap sarebbe, secondo i suoi costruttori, acquisire indipendenza dalle forniture di gas dalla GAZPROM: il colosso russo dei gasdotti. L’alternativo e precedente progetto della Gazprom è un’ opera, bloccata a causa dei contrasti tra Europa e Russia per la guerra in Ucraina.

Il Tap ha la sede centrale a Baar, in Svizzera. Gli azionisti attuali sono: l’italiana Snam (20%), l’inglese Bp (20%) l’azera Socar (20%), la belga Fluxys (19%), la spagnola Enagás (16%) e la svizzera Axpo (5%).

Il proprietario di questa risorsa di gas è il Consorzio Shah Deniz II, che gestisce il giacimento offshore azerbaigiano (i giacimenti offshore sono quelli in mare aperto), situato nel Mar Caspio a sud di Baku.

Il Ministero dell’Ambiente, nel settembre del 2014, firmò il decreto di compatibilità ambientale contro il parere negativo della Regione Puglia e del ministero dei Beni culturali.

Il TAP porterà ogni anno in Europa, per 50 anni, 10 miliardi di metri cubi di gas (raddoppiabili in caso di nuove infrastrutture) e tariffe più basse.

L’Italia ha un consumo di gas di circa 70 miliardi di metri cubi ogni anno, che proviene per quasi la sua totalità da Russia e Algeria.

Il sito del Tap promette l’utilizzo di una tecnologia che: “… permette di evitare lavori di scavo sulla spiaggia e la tutela di tutta la fascia costiera, in particolare delle praterie di posidonia in mare e della macchia mediterranea a terra. Il gasdotto sarà sempre interrato e quindi non sarà visibile dalla costa e per l’intero percorso del tracciato”.

I promotori della TAP, in sostanza, garantiscono che l’impatto su turismo e agricoltura non solo sarà nullo, ma la regione Puglia riceverà in cambio un notevole aiuto economico e di sviluppo. Ma molti pugliesi non sembrano d’accordo.

PERCHE’ GLI AMBIENTALISTI SONO CONTRO?

Innanzi tutto per la salvaguardia della posidonia oceanica (importante alga per la difesa delle coste dall’erosione e controllo dell’ecosistema).

Secondo motivo:
la salute dei cittadini nella zona terminale di ricezione del gas, tra i comuni di Vernole e Meledugno (dove si dovrebbe agire tecnicamente per “frenare” la velocità del gas); con conseguenti dispersioni di velenosi cancerogeni nell’ambiente. L’introduzione della direttiva di Seveso, salvaguarderebbe la salute dei cittadini e l’ambiente da possibili rischi industriali (perdite, inquinamento e altro ancora) e di conseguenza impedirebbe la realizzazione finale del gasdotto. Questa ultima richiesta non ha avuto risposta da parte del Ministero dell’Ambiente perché il gas non viene né manipolato, né stoccato, ma solo depressurizzato.

La popolazione in rivolta per difendere gli ulivi:

-gli abitanti della zona e molti altri, hanno manifestato per salvare i 215 ulivi secolari che dovrebbero essere rimossi, ma sarebbero ripiantati nel medesimo luogo. Questi ulivi impediscono la partenza dei lavori della tratta italiana del gasdotto Tap. I comitati di protesta bloccano la rimozione degli alberi dal comune di Melendugno, in provincia di Lecce. Ovviamente, non sarebbero solo 215 gli ultimi da rimuovere per l’intero tracciato, ma alcuni dicono migliaia.

:::::::::::::::::::

Cerchiamo di riportare i fatti.

C’E’ UNA RELAZIONE TRA TAP E XYLELLA ?
Ovviamente i pareri sono discordanti. Noi riportiamo alcune opinioni. Al lettore la sentenza.

Alcuni sostengono che per realizzare il tracciato del gasdotto si dovranno estirpare migliaia di ulivi.

Questa estirpazione, richiederebbe autorizzazioni complicate, in contrasto con gli interessi e i tempi del business internazionale.

Potrebbe essere proprio la Xylella ad aiutare a superare ogni autorizzazione, lasciando campo libero al TAP ?

Xylella

COSA E’ LA XILELLA – COSA FA AMMALARE GLI ULIVI ?

Il batterio si chiama Xylella ed è un insetto, la “ sputacchina ”, che trasporta il batterio che infetta gli ulivi della Puglia.

Philenus spumarius, è il nome dell’insetto chiamato localmente “sputacchina”, responsabile principale del trasporto e della diffusione del batterio Xylella.

COSA DICONO GLI SCIENZIATI ?

Dallo studio pubblicato il 6 marzo su “ Scientific Reports ”, di Giovanni Strona e Pieter Beck del Joint Research Centre della Commissione Europea (sede a Ispra-Varese), in collaborazione con Corrie Jacobien Carstens, matematica dell’Università di Melbourne; Australia.

Conclusioni: “ Per quanto ormai sia assodato che non è più possibile eliminare il batterio dal territorio e che, in qualche modo, bisognerà trovare il modo di conviverci, è “indispensabile evitare che il batterio si diffonda ad altre regioni italiane o a Paesi del Mediterraneo” e studi come questo possono essere uno strumento utile per “per chiarire le opportunità, le sfide e le priorità per le azioni di contenimento ”. Da Le scienze: http://www.lescienze.it/news/2017/03/10/news/xylella_nuovo_modello_paesaggio_puglia-3453787/

QUALI SONO GLI ESPERIMENTI CHE SEMBRANO RIUSCIRE MEGLIO:

Anche se: alcuni agricoltori non sono interessati a curare gli alberi malati, perché preferiscono SOSTITUIRE LE PIANTA AMMALATE CON CULTIVAR “ RESISTENTI ”; CHE BEN SI ADATTANO ALLA CULTURA INTENSIVA E SUPERINTENSIVA … ma la qualità dell’olio con queste nuove culture??? Anche la frutta californiana era più resistente, bella e grande di quella europea, ma senza sapore e con principi attivi DILUITI ! Oggi abbiamo questo tipo di frutta anche in Europa.

Tornando agli ulivi. Moltissime sono le soluzioni proposte, dalle più diverse fonti anche autorevoli, per guarire gli alberi di ulivo ammalati, ma una sembra più semplice e sicura di altre:

endoterapia

Cura di zinco e rame «Un farmaco israeliano per contrastare la Xylella»: da La Gazzetta del mezzogiorno.it

Gli alberi così curati da due anni, a oggi 2017, mostrano evidenti segni di ripresa vegetativa e produttiva.

Da: http://www.tagpress.it/ambiente/ulivi-positivo-a-xylella-rinascono-grazie-alla-cura-scortichini-20160412

12 aprie 2016
L’endoterapia consiste in una leggera e mirata potatura unita alla somministrazione di un prodotto brevettato in Israele a base di zinco, rame e acido citrico, utilizzabile anche in agricoltura biologica. Questo prodotto è stato sottoposto su 110 alberi d’ulivo compresi nei territori di Veglie, Galatina e Galatone e colpiti da CoDiRO.

Il Nuovo Quotidiano di Puglia ha reso noto il progresso della terapia e gli ottimi risultati. Prima di affermare con certezza di avere la cura contro il CoDiRO occorrerà aspettare un altro anno. Ma intanto tutti gli alberi sottoposti a trattamento hanno dimostrato chiari segni di miglioramento… ”.
::::::::::

A circa un anno di distanza, dall’inizio della sperimentazione:

“ … La loro sopravvivenza starebbe dimostrando che l’abbattimento degli alberi malati non rappresenta la soluzione e che gli ulivi possono sopravvivere all’attacco dei patogeni.

E’ proprio il professor Scortichini ad affermare che le evidenze finora disponibili dimostrano che si può convivere con la malattia evitando i tagli. …

Occorre però trattare adeguatamente queste piante e aiutarle con il ripristino delle buone pratiche agricole, con recupero fertilità del suolo.

La sperimentazione è iniziata due anni fa e al momento manca l’ufficialità sull’efficacia di questa cura. Per questo occorrerà attendere qualche mese. Ma gli alberi mostrano evidenti segni di ripresa vegetativa e produttiva.
La cura Scortichini non è però l’unica.

Il 24 gennaio 2017, a Nociglia, sono stati presentati i risultati preliminari della cura sperimentale con Micosat F® Olivo, un brevetto della CCS-Aosta), condotta su alberi di olivo affetti da disseccamento, presumibilmente infetti da Xylella fastidiosa.
Il progetto, denominato Bi.C.C. – Bio-Contrasto al CoDiro, si basa sull’agricoltura simbiotica ed in particolare sull’impiego delle micorrize, ossia delle relazione simbiotiche tra microorganismi e la pianta, dove i primi difendono la seconda dall’attacco di insetti e altri microorganismi nocivi.
Sono 41 le aziende coinvolte in 23 Comuni della provincia di Lecce. Anche qui i risultati sono molto incoraggianti.
Da: http://www.tagpress.it/ambiente/xylella-codiro-le-cure-promettono-bene-ce-preferisce-reimpianto-20170127

:::::::::::::

Dice la stampa:

“ Continua ad avanzare il batterio Xylella fastidiosa in Puglia: dalla provincia di Lecce si sta spostando nel Brindisino. Ad Oria, in pochi mesi si è passati da un piccolo focolaio ad un problema preoccupante. ”.
“ La mancata attuazione del piano Siletti – che prevedeva l’estirpazione di oltre tremila piante infette per abbassare il livello dell’inoculo presente nelle campagne pugliesi – è stata la causa principale [del problema diffusione Xylella]”.

Frasi tra virgolette da: http://www.italiafruit.net/DettaglioNews/39258/lapprofondimento/xylella-avanza-allarme-in-puglia

COME SI EVITA, UFFICIALMENTE, LA DIFFUSIONE DELLA XILELLA

Dipartimento Agricoltura, Sezione Osservatorio Fitosanitario: “ Dalla prima decade di  marzo al 30 aprile sono obbligatori gli interventi di lotta agli stadi giovanili del vettore della xylella (sputacchina) nella zona infetta, di contenimento e cuscinetto. ”.

“… controllo meccanico degli stadi giovanili del vettore è obbligatorio nei terreni agricoli, extra-agricoli, aree urbane sia privati che pubblici, attraverso lavorazioni superficiali del terreno o trinciatura e successivo interramento della vegetazione spontanea. ”.
OVVERO: tenere puliti i terreno sotto gli ulivi, dove si annida l’insetto portatore della Xylella; un lavoro che può essere molto costoso su terreni sconnessi e sassosi.

La scienza sta studiando anche molte altre soluzioni; alcune sono già date come praticamente già utilizzabili.

:::::::::::::::::::
QUELLO CHE DICONO I CONTRARI ALLA TAP:

La costruzione del TAP, contrariamente al South Stream russo che sarebbe passato tutto via terra, prevede la posa in opera di tubi sotto l’Adriatico e l’arrivo in Puglia, sotto numerosi terreni agricoli.

Dopo le lamentele degli agricoltori pugliesi per il prospettato spostamento degli ulivi per i lavori del gasdotto:

– si diffonde, nello medesimo anno, un nuovo batterio: la Xylella fastidiosa, che contamina un’ampia zona di uliveti nella parte sud della Puglia.
Per frenare il contagio, l’Unione Europea, ordina il totale abbattimento delle piante infette, nella medesima zona dove si prevede il passaggio del gasdotto TAP (parte sud della Puglia).

:::::::::::::::::

Conclusione

L’OPINIONE di un professionista che segue il problema dall’inizio:

-scrive il giornalista italiano, che lavora a Bruxelles, Lorenzo Consoli, e ha seguito dal primo momento la questione dell’infezione Xylella:
“ …nella vicenda Xylella ci sono così tanti punti oscuri, ambiguità e interessi inconfessati…

È davvero difficile non credere che qualcuno abbia effettivamente, se non creato l’emergenza con azioni proditorie (la diffusione deliberata di agenti fitopatogeni), almeno cercato di trarre vantaggio dalla situazione, drammatizzandola, quando poteva invece essere gestita in modo da minimizzare il danno e trovare soluzioni efficaci… Non credo, ad esempio, alla teoria delle piante Ogm già pronte per sostituire i nostri ulivi, un complotto dietro cui ci sarebbero Monsanto e altre oscure forze basate in Israele… Questo non vuol dire che Monsanto non c’entri nulla: il suo erbicida Roundup (il famigerato Glifosato) è uno dei pesticidi di cui è previsto un uso massiccio nel piano contro la Xylella per pulire i campi dalle erbe in cui si annida la Sputacchina, vettore del batterio. Qualche interesse, tutto da provare, la multinazionale americana o i suoi agenti locali potrebbero anche averlo.

Non credo neanche alla teoria che lega la Xyella al gasdotto che dovrebbe passare per il Salento: un gasdotto è solo un tubo di circa un metro di diametro, non vedo sfracelli agricoli, turistici e ambientali legati a questo progetto, anche se è scandaloso che lo si voglia far arrivare a San Foca… Si può discutere, invece, degli altri interessi che sono venuti fuori in modo più o meno esplicito durante la vicenda: innanzi tutto gli ulivicoltori – a volte poveracci, a volte figli di vecchi latifondisti che sono molto meno legati dei padri alla terra, all’agricoltura e alle tradizioni – che preferiscono avere i soldi pubblici del cosiddetto “ristoro” per l’espianto, pochi maledetti e subito, piuttosto che salvare i loro alberi.

Poi gli interessi di chi non vede l’ora di radere al suolo gli ulivi per fare speculazione edilizia e impianti turistici (edifici e villaggi, discoteche, campi da golf, o anche strade) o impianti fotovoltaici (che però sono ormai vietati sui terreni agricoli, che io sappia).

Ed è certamente sospetta l’insistenza di certi esponenti di organizzazioni agricole nel promuovere gli impianti “innovativi” (paroletta magica) di uliveti intensivi ad alto rendimento: sostituirebbero i nostri patriarchi che, poverini, producono troppo poco e sono visti come un peso del passato di cui bisognerebbe sbarazzarsi al più presto.

Ma c’è una cosa che mi ha sempre lasciato perplesso più di ogni altra considerazione, da quando mi occupo di questa vicenda: il fatto che i ricercatori “ufficiali” di Bari, Valenzano e Locorotondo – quelli che hanno scoperto la Xylellla e si stanno sbattendo da anni per trovare le prove scientifiche della sua patogenicità e del legame causa-effetto fra la sua presenza e la sindrome del disseccamento rapido degli ulivi, senza ancora riuscire a farlo in modo convincente e definitivo – siano così apodittici, determinati e sicuri nelle loro conclusioni.

Conclusioni secondo cui: 1) gli alberi in cui c’è la Xylella sono irrimediabilmente condannati a morire perché non c’è modo di resistere al batterio; 2) diverse migliaia di ulivi (se non decine di migliaia) dovranno comunque essere estirpati e distrutti per eradicare il batterio.

Questa troppa fretta nel condannare  a morte alberi plurisecolari, che bisognerebbe salvare e curare prima di tutto, non mi convince.

E non convince, visibilmente, neanche i magistrati inquirenti di Lecce, che stanno indagando.

Al centro delle indagini ci sono proprio i ricercatori e gli amministratori coinvolti nelle decisioni che hanno portato al Piano Silletti. Un piano che è la risposta logica e conseguente a quelle conclusioni poco convincenti dei ricercatori, dopo che sono state trasmesse all’Ue (Efsa, Commissione, Comitato fitosanitario permanente) e dall’Ue accettate e legittimate.
Sono giunto alla fine. Per i miei pochi lettori che hanno avuto la pazienza di arrivare fin qui, concludo con un dubbio, un sospetto.

Una domanda che non ha (ancora) risposta.

I ricercatori cercano prove, dovrebbero cercare la verità e spesso lo fanno onestamente e obiettivamente, per quanto è possibile. Ma a volte si innamorano delle proprie teorie.

A volte hanno interesse a promuovere dei progetti di ricerca che promettono finanziamenti e successo.

E questo può portarli molto lontano dalla ricerca disinteressata della verità e dall’azione a favore dell’interesse pubblico.

Ad esempio, questo progetto sulle nanoparticelle “per fermare la peste degli ulivi” che ruolo ha svolto nella vicenda Xylella? ”.
DA: http://www.eunews.it/2015/12/22/vicenda-xylella-tra-punti-oscuri-ambiguita-interessi-inconfessati/47376

ECOLOGIA – Plastica riciclata come bitume – La scienza moderna lo permette, le leggi italiane sono in ritardo ….

UNA STRADA FATTA DI PALSTICA

In Cumbria (Contea inglese) la McRebur ( start-up ) realizza asfalto dall’immondizia della plastica.

La start-up MacRebur è di un ingenere scozzese, ed ha avviato la produzione di polimeri per asfalto.

Ora le strade si possono asfaltare usando le plastica riciclata (la plastica sostituisce gran parte del bitume richiesto per l’asfalto).

Il prof. Mario Malinconico, dell’Istituto per i polimeri e biomateriali del CNR di Napoli, parla, per l’Italia di “ impedimenti normativi “.

La complessità delle nostre leggi, fatte per la gioia degli avvocati AZZECCAGARBUGLI, l’ignoranza scientifica, l’incompetenza e la colpevole disattenzione, di chi deve prendere decisioni !!!, impedisce anche alle ottime idee e innovazioni di essere messe in pratica velocemente; come invece accade in Paesi più efficienti ( vedi paesi anglosassoni ).

Già in passato le leggi italiane impedirono al premio Nobel Carlo Rubbia di realizzare un’innovativo sitema di sfruttamento dell’energia solare; dopo l’attesa di un anno, andò in Spagna; accolto a braccia aperte (avevano modificato la legge con grande velocità per permettergli di lavorare sul suolo spagnolo).

In molti Paesi Europei, c’è più elasticità che in Italia; è così possibile rendere subito disponibile le novità tecnologiche o scientifiche.

Le imprese italiane sono terrorizzate di entrare in conflitto con la complessità delle norme statali e quindi preferiscono non innovare; continuare lo status quo, protegge da guai che possono danneggiare l’azienda, ma non porta al successo in un mondo tecnologico e globalizzato.

Barriera corallina – Cosa rimane ? E’ ancora viva ??

Foto di Lill-Haugen; donna fotografa sub grande professionista.

GUSCIO DI TARTARUGA; ARROSTITA DAGLI UOMINI… a Boa Vista.

LA STELLA MARINA CHE UCCIDE LA BARRIERA CORALLINA: QUESTA STELLA MARINA CRESCE PIU’  VELOCEMENTE CON LE ACQUE CALDE E INQUINATE
Qui c’era la barriera corallina, ma lo TZUNAMI l’ha spazzata via.

Digital Camera

PORT GALIB, Egitto, Mar Rosso, in superficie sopravvivono le Tridacne (i molluschi che possono raggiungere dimensioni impressionanti e usati come acquasantiere nelle chiese del Medioevo) e qualche madrepora rosa. Il resto delle madrepore è morto.
Mar Rosso, PORT GALIB (vicino a Mars Salam), qualche madrepora (rosa) sopravvive in superficie pe rla gioia dei nuotatori.
Barriera corallina morta senza colore, con qualche pesce sopravvissuto; ormai è così in tutto il mondo.

 

Gli splendidi panorami dellle zone dove la barriera corallina ancora vive sotto i 17 metri, ma è quasi oviunque morta in superficie.

Barriera corallina vista dal cielo; uno spettacolo meraviglioso.

ANCHE IL NATIONAL GEOGRAPHIC HA ANNUNCIATO UFFICIALMENTE LA MORTE DI GRANDE PARTE DELLE BARRIERE CORALLINE IN TUTTO IL MONDO

Immaginate un quadro vivente con chiazze di giallo e vicino uno squillante rosa che “confina” con un bellissimo tono di viola e poi verde smeraldo, blu cobalto … e via di seguito ….

Tra questi meravigliosi colori, formati da strutture rigide ( le madrepore con all’interno migliaia di piccolissimi polipetti ) ed altri mossi dall’acqua, ecco dispiegarsi una flotta di pesci bellissimi dalle forme più svariate. Anche qui i colori non mancano, anzi raggiungono splendide sfumature.

Coloratissimi i becchi dei pesci pappagalli, mentre il pesce “ scorpione” (Pterois Volitans) si pavoneggia con le sue grandi piume mosse dalla corrente marina e poi pois sulle pance dei pesci più belli e tante tante sfumature di ogni colore e dalla grafica dalla fantasia inesauribile … Tanto belle da non poterle raccontare; nessun filmato può trasmettere la gioia e il piacere di trovarsi circondati da tanta bellezza.

Quando la temperatura dell’acqua supera i 27°, le madrepore della barriera corallina (chiamate comunemente coralli) muoiono.

Purtroppo, in tutto il mondo questo accade da troppo tempo e il colore grigio (colore delle madrepore morte) regna sovrano; almeno in superficie.

Chi non ha visto la bellezza delle barriere completamente vive non se ne accorge e torna raccontando delle poche tartarughe avvistate (quando le vedono) e del colore dei pochi pesci e madrepore sopravvissuti.

Jaques Cousteau lo aveva previsto nel secolo scorso, i suoi libri furono letti da pochi appassionati e tutto proseguì come questo illustre oceanografo aveva previsto. Compresa l’indifferenza della maggioranza dell’umanità; occupata a raggiungere, non sempre una migliore qualità di vita, ma solo una ricchezza sufficiente solo per rendersi conto che si dovrà “ correre ” di più e lavorare di più, per raggiungere un risultato che apparirà sempre più lontano.

Oggi, purtroppo, la barriera corallina, in tutto il mondo subisce le devastanti conseguenze di riscaldamento e inquinamento globale; in superficie ormai rimangono ancora, in pochi luoghi, un 35% di madrepore (dette comunemente coralli) vive e colorate, il resto è GRIGIO !

SOPRAVVIVONO solo pochi dei numerosissimi pesci che abitano la barriera corallina; molti sono stati pescati e mangiati, i più belli e rari sono stati sterminati per venderli ai proprietari di acquari incapaci di tenerli vivi (molti sono morti nei viaggi di trasferimento).

Comunque noi che avevamo fotografato le barriere coralline di diversi oceani, quando erano ancora vive, non riusciamo a dimenticare, né a privarci della visione di quello che, comunque, ci appassiona ancora.

DURANTE L’ULTIMA VISITA ALLA BARRIERA CORALLINA DEL MAR ROSSO ABBIAMO SCRITTO QUANTO SEGUE:

Esequie alla barriera corallina

Cara barriera e cari pesciolini, tartarughe e dugonghi,

siete stati sempre i miei compagni preferiti, la tavolozza dei vostri colori e la vostra compagnia mi hanno rallegrato durante tutti gli anni più belli della mia vita.

Vi ho inseguito nei vari oceani e sempre vi ho trovato allegri e vivaci compagni delle mie nuotate.

Avevo letto sui libri del grande pioniere oceanografo Jaques Cousteau che la vostra vita era appesa ad un filo, quello della devastazione umana: inquinamento, uccisioni per diletto e per portarvi negli acquari dove una manutenzione di incapaci vi avrebbe presto ucciso; quando non morivate nel viaggio di trasferimento.

Purtroppo tutto si è avverato ancora più in fretta di quanto avevo potuto immaginare.

Oggi fate ancora la felicità di chi, non avendovi visto nel vostro splendore, si accontenta di qualche sprazzo di madrepora ancora viva e dei pochissimi pesci, tartarughe ed altri sopravvissuti, nel grigiore generale ( più facile vedere la barriera viva sotto i 17 metri, dove il calore superficiale non arriva ancora; gioia riservata ai sub ).

Io, ora semplice nuotatrice apneista, posso posso solo godere del ricordo di quel brulichio di vita che ho tanto ammirato.

Pace all’anima di tutti i morti immolati da un’umanità sempre più aggressiva e devastante.

E’ stato bellissimo passare ore in acqua guardando i gialli, i rossi, i viola, gli azzurri, i verdi e tutte le loro sfumature possibili.

Come un appassionato d’arte guarda un grande capolavoro dell’artista, io guardavo a voi come ad uno dei più gradi capolavori della natura; superiore, per me, ad ogni artista.

Che la pace sia con voi; amen !!!

P.S. Quest’anno, la corrente fredda dell’Oceano Pacifico, che avrebbe dovuto formarsi lungo le coste del Perù è caldissima … una temperatura assassina che si disperderà nell’oceano causando altri danni. Ma c’è ancora chi sostiene che il cambiamento climatico è solo una fissazione della mente malata degli ecologisti.

Ricordate che bastano pochi gradi per bloccare le correnti marine che ci danno la vita; se si bloccasse il giro di correnti dell’Atlantico, l’Europa sprofonderebbe in un clima glaciale …e non sono storielle di pessimisti.

 

Abbigliamento sportivo e non senza PFC e sostenibile – No al PFC dannoso per la nostra salute

PFC – per l’eliminazione di queste sostanze pericolose dai capi di abbigliamento sportivo

Purtroppo, i più resistenti ed efficaci trattamenti impermeabilizzanti (vedi anche tutto l’abbigliamento sposrtivo) contengono sostanze chimiche conosciute come PFC (DANNOSI ALLA SALUTE) e impiegate in particolar modo nei prodotti destinati all’outdoor.

——————–

Be Nordic a Milano

EVENTO CHE RIGUARDA TUTTO IL MONDO DEL NORD EUROPA: dal cibo all’abbigliamento al turismo ecc…

Dal 24 al 26 marzo 2017 presso UniCredit Pavilion, piazza Gae Aulenti – Milano!  #BENORDIC17

———————-

ABBIGLIAMENTO SENZA PFC E SOSTENIBILE: se ne parla sabato 25 marzo alle 14.45
a Be Nordic con Fjällräven

In occasione di Be Nordic, l’evento organizzato da Visit Denmark, Visit Finland, Visit Norway e Visit Sweden all’Unicredit Pavillion a Milano, il marchio svedese Fjällräven presenterà la conferenza “The Fjällräven Way – in viaggio con la sostenibilità” a cura di Aiko Bode, capo della sostenibilità dell’azienda svedese.

In una giacca shell, vi siete chiesti come mai l’acqua si raggruppa in perle e poi scivola via velocemente?

È l’impermeabilizzazione che rende questo possibile.

Purtroppo, però, i più resistenti ed efficaci trattamenti per le superfici contengono sostanze chimiche conosciute come PFC e impiegate in particolar modo nei prodotti destinati all’outdoor.

Il marchio svedese Fjällräven, specializzato nella produzione e fornitura di capi di abbigliamento, accessori e attrezzature outdoor nel rispetto dell’uomo, degli animali e dell’ambiente, già nel 2012 si è profondamente attivato per l’eliminazione di queste sostanze pericolose. Ma è nel 2015 che si è reso protagonista della svolta, bandendo completamente dalla sua produzione l’utilizzo di nocivi PFC.

Decidere di non utilizzare quest’impregnante così efficace, ma gravemente dannoso per l’ambiente, impone la necessità di re-impregnare l’indumento con un trattamento privo di fluorocarburi ogni volta che lo si lava; un compromesso ragionevole che non intacca l’efficienza del prodotto, ma evita la diffusione di tossine nocive nell’ambiente e nel nostro organismo.

Per scoprire di più su questo tema e sulla via della sostenibilità tracciata da Fjällräven per consentire ai viaggiatori di tutto il mondo di fare escursioni in qualunque luogo e in ogni condizione climatica senza lasciare tracce del proprio passaggio, l’appuntamento è fissato per sabato 25 marzo alle ore 14.45 presso l’Unicredit Pavillion a Milano.

A presentare l’impegno dell’azienda svedese ai fini della diffusione di una cultura aperta alla vita outdoor, ma con l’impegno di agire rispettosamente nei confronti dell’uomo, della natura e degli animali, sarà Aiko Bode, direttore della sostenibilità di Fjällräven.

La presentazione si inserisce all’interno di Be Nordic, la manifestazione unica in Italia dedicata al grande Nord e organizzata da Visit Denmark, Visit Finland, Visit Norway e Visit Sweden. Dal 24 al 26 marzo Milano sarà infatti protagonista di eventi, workshop ed esperienze rigorosamente nordiche, per portare i visitatori, grandi e piccoli, in viaggio verso queste meravigliose mete alla scoperta di usi e costumi, tradizioni e innovazioni.

Fjällräven – www.fjallraven.com
Nel 1960, Ake Nordin fonda Fjällräven nello scantinato di casa a Örnsköldsvik, nel nord della Svezia.

Oggi i capi outdoor dell’azienda – intramontabili, funzionali e robusti – sono apprezzati in tutto il mondo e distribuiti in oltre trenta Paesi.

La gamma di prodotti Fjällräven propone capi di abbigliamento e accessori outdoor per uomo e donna, zaini, tende e sacchi a pelo.

Per Fjällräven è prioritario agire responsabilmente nei confronti delle persone, degli animali e della natura, incoraggiare e sostenere l’interesse per le attività all’aria aperta.

L’azienda è promotrice di due famosi eventi outdoor, Fjällräven Classic e Fjällräven Polar, che ogni anno attirano migliaia di partecipanti.

OGGI MOLTI MUNICIPI E PRIVATI ABBASSERANNO LE LUCI – “M’illumino di meno”

“M’illumino di meno” è lo slogan, divulgato egregiamente dalla trasmissione radiofonica Caterpillar
Limitiamo l’uso inutile della luce

Giornata per il risparmio luminoso – Troppa luce danneggia la visione di stelle e pianeti nel cielo, a volte la luce viene lasciata inutilmente accesa; sprecando soldi e petrolio (che serve con carbone altro, per produrre energia elettrica)

Oggi chi vuole spegnerà le luci, o le abbasserà il più possibile, dalle 18 alle 19. hanno aderito numerosi comuni (che abbasseranno o spegneranno quanto possibile), ma è importante che anche il cittadino comune campanella l’utilità del progetto; fosse solo per educare figli e nipoti che erediteranno TUTTI I DANNI CHE NOI STIAMO COMMETTENDO CONTRO IL NOSTRO PIANETA: INQUINAMENTO DELLE ACQUE,, DELL’ARIA, DISTRUZIONE DELLE FORESTE ecc..

Semplici consigli:

1. spegnete le luci quando non servono
2. spegnete e non lasciate in stand by gli apparecchi elettronici
3. sbrinate sovente il frigorifero; pulire spesso la serpentina, perché la polvere riduce la sua efficienza e tenerla a una certa distanza dal muro in modo che possa circolare l’aria
4. mettete il coperchio sulle pentole quando si porta l’acqua a ebollizione; evitate che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola perché di lato non scalda; fate bollire al minimo, tanto la temperatura di ebollizione non cambia
5. abbassate i termosifoni e non aprite le finestre se avete troppo caldo
6. riducete gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria
7. utilizzate le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne
8. non lasciate tende chiuse davanti ai termosifoni
9. inserite apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni

Potete aumentante l’efficienza energetica con eletrodomestici di classe alta (A, A+ e A++) ed ecolampadine.

il 16 febbraio di un anno fa entrava in vigore il protocollo di Kyoto, un impegno importante finalizzato ad evitare il riscaldamento globale.

SALUTE – RENDIAMO L’ARIA PIU’ PULITA – Tutti possono basta impegnarsi per un futuro migliore per figli e nipoti

Oramai lo hanno capito tutti, anche i non ecoclogisti, che l’aria inquinata fa male, anzi malissimo;

-soprattutto a bambini ed anziani.

In moltissimi, negli ultimi anni, hanno smesso di fumare, ma i casi di cancro continuano ad aumentare in modo esponenziale; questa è la più gradiosa prova di quanto l’aria che respiriamo e quello che mangiamo determina molte delle malattie più diffuse.

Inutile ripetere che chi paga di più sono i più deboli:

-bambini

-anziani.

Basterebbe che tutti noi decidessimo, quando dobbiamo cambiare l’auto, di sceglierne una più eoclogica.

All’improvviso nelle strade i livelli di inquinamento si abbasserebbero e tutti godremmo di una migliore slaute !!!

Perché nessuno ci pensa ?

L’uso del metano al posto die carburanti tradizionali poterebbe ad una diminuzioen del 40% di anidride carbonica CO2.

Diminuzine del 94% di NANO PARTICELLE (che entrano direttamente nel sangue,  causando cancro e altre malattie pericolose; sono prodotte soprattuto dai diesel EURO3).

DIMINUZIONE DEL 95% DEL PM (particolato, causa di cancro).

I dati di cui sopra sono stati pubblicati da SNAM.