Archivi categoria: ECOLOGIA

ecologia, ecology,

Abbigliamento sportivo e non senza PFC e sostenibile – No al PFC dannoso per la nostra salute

PFC – per l’eliminazione di queste sostanze pericolose dai capi di abbigliamento sportivo

Purtroppo, i più resistenti ed efficaci trattamenti impermeabilizzanti (vedi anche tutto l’abbigliamento sposrtivo) contengono sostanze chimiche conosciute come PFC (DANNOSI ALLA SALUTE) e impiegate in particolar modo nei prodotti destinati all’outdoor.

——————–

Be Nordic a Milano

EVENTO CHE RIGUARDA TUTTO IL MONDO DEL NORD EUROPA: dal cibo all’abbigliamento al turismo ecc…

Dal 24 al 26 marzo 2017 presso UniCredit Pavilion, piazza Gae Aulenti – Milano!  #BENORDIC17

———————-

ABBIGLIAMENTO SENZA PFC E SOSTENIBILE: se ne parla sabato 25 marzo alle 14.45
a Be Nordic con Fjällräven

In occasione di Be Nordic, l’evento organizzato da Visit Denmark, Visit Finland, Visit Norway e Visit Sweden all’Unicredit Pavillion a Milano, il marchio svedese Fjällräven presenterà la conferenza “The Fjällräven Way – in viaggio con la sostenibilità” a cura di Aiko Bode, capo della sostenibilità dell’azienda svedese.

In una giacca shell, vi siete chiesti come mai l’acqua si raggruppa in perle e poi scivola via velocemente?

È l’impermeabilizzazione che rende questo possibile.

Purtroppo, però, i più resistenti ed efficaci trattamenti per le superfici contengono sostanze chimiche conosciute come PFC e impiegate in particolar modo nei prodotti destinati all’outdoor.

Il marchio svedese Fjällräven, specializzato nella produzione e fornitura di capi di abbigliamento, accessori e attrezzature outdoor nel rispetto dell’uomo, degli animali e dell’ambiente, già nel 2012 si è profondamente attivato per l’eliminazione di queste sostanze pericolose. Ma è nel 2015 che si è reso protagonista della svolta, bandendo completamente dalla sua produzione l’utilizzo di nocivi PFC.

Decidere di non utilizzare quest’impregnante così efficace, ma gravemente dannoso per l’ambiente, impone la necessità di re-impregnare l’indumento con un trattamento privo di fluorocarburi ogni volta che lo si lava; un compromesso ragionevole che non intacca l’efficienza del prodotto, ma evita la diffusione di tossine nocive nell’ambiente e nel nostro organismo.

Per scoprire di più su questo tema e sulla via della sostenibilità tracciata da Fjällräven per consentire ai viaggiatori di tutto il mondo di fare escursioni in qualunque luogo e in ogni condizione climatica senza lasciare tracce del proprio passaggio, l’appuntamento è fissato per sabato 25 marzo alle ore 14.45 presso l’Unicredit Pavillion a Milano.

A presentare l’impegno dell’azienda svedese ai fini della diffusione di una cultura aperta alla vita outdoor, ma con l’impegno di agire rispettosamente nei confronti dell’uomo, della natura e degli animali, sarà Aiko Bode, direttore della sostenibilità di Fjällräven.

La presentazione si inserisce all’interno di Be Nordic, la manifestazione unica in Italia dedicata al grande Nord e organizzata da Visit Denmark, Visit Finland, Visit Norway e Visit Sweden. Dal 24 al 26 marzo Milano sarà infatti protagonista di eventi, workshop ed esperienze rigorosamente nordiche, per portare i visitatori, grandi e piccoli, in viaggio verso queste meravigliose mete alla scoperta di usi e costumi, tradizioni e innovazioni.

Fjällräven – www.fjallraven.com
Nel 1960, Ake Nordin fonda Fjällräven nello scantinato di casa a Örnsköldsvik, nel nord della Svezia.

Oggi i capi outdoor dell’azienda – intramontabili, funzionali e robusti – sono apprezzati in tutto il mondo e distribuiti in oltre trenta Paesi.

La gamma di prodotti Fjällräven propone capi di abbigliamento e accessori outdoor per uomo e donna, zaini, tende e sacchi a pelo.

Per Fjällräven è prioritario agire responsabilmente nei confronti delle persone, degli animali e della natura, incoraggiare e sostenere l’interesse per le attività all’aria aperta.

L’azienda è promotrice di due famosi eventi outdoor, Fjällräven Classic e Fjällräven Polar, che ogni anno attirano migliaia di partecipanti.

OGGI MOLTI MUNICIPI E PRIVATI ABBASSERANNO LE LUCI – “M’illumino di meno”

“M’illumino di meno” è lo slogan, divulgato egregiamente dalla trasmissione radiofonica Caterpillar
Limitiamo l’uso inutile della luce

Giornata per il risparmio luminoso – Troppa luce danneggia la visione di stelle e pianeti nel cielo, a volte la luce viene lasciata inutilmente accesa; sprecando soldi e petrolio (che serve con carbone altro, per produrre energia elettrica)

Oggi chi vuole spegnerà le luci, o le abbasserà il più possibile, dalle 18 alle 19. hanno aderito numerosi comuni (che abbasseranno o spegneranno quanto possibile), ma è importante che anche il cittadino comune campanella l’utilità del progetto; fosse solo per educare figli e nipoti che erediteranno TUTTI I DANNI CHE NOI STIAMO COMMETTENDO CONTRO IL NOSTRO PIANETA: INQUINAMENTO DELLE ACQUE,, DELL’ARIA, DISTRUZIONE DELLE FORESTE ecc..

Semplici consigli:

1. spegnete le luci quando non servono
2. spegnete e non lasciate in stand by gli apparecchi elettronici
3. sbrinate sovente il frigorifero; pulire spesso la serpentina, perché la polvere riduce la sua efficienza e tenerla a una certa distanza dal muro in modo che possa circolare l’aria
4. mettete il coperchio sulle pentole quando si porta l’acqua a ebollizione; evitate che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola perché di lato non scalda; fate bollire al minimo, tanto la temperatura di ebollizione non cambia
5. abbassate i termosifoni e non aprite le finestre se avete troppo caldo
6. riducete gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria
7. utilizzate le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne
8. non lasciate tende chiuse davanti ai termosifoni
9. inserite apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni

Potete aumentante l’efficienza energetica con eletrodomestici di classe alta (A, A+ e A++) ed ecolampadine.

il 16 febbraio di un anno fa entrava in vigore il protocollo di Kyoto, un impegno importante finalizzato ad evitare il riscaldamento globale.

SALUTE – RENDIAMO L’ARIA PIU’ PULITA – Tutti possono basta impegnarsi per un futuro migliore per figli e nipoti

Oramai lo hanno capito tutti, anche i non ecoclogisti, che l’aria inquinata fa male, anzi malissimo;

-soprattutto a bambini ed anziani.

In moltissimi, negli ultimi anni, hanno smesso di fumare, ma i casi di cancro continuano ad aumentare in modo esponenziale; questa è la più gradiosa prova di quanto l’aria che respiriamo e quello che mangiamo determina molte delle malattie più diffuse.

Inutile ripetere che chi paga di più sono i più deboli:

-bambini

-anziani.

Basterebbe che tutti noi decidessimo, quando dobbiamo cambiare l’auto, di sceglierne una più eoclogica.

All’improvviso nelle strade i livelli di inquinamento si abbasserebbero e tutti godremmo di una migliore slaute !!!

Perché nessuno ci pensa ?

L’uso del metano al posto die carburanti tradizionali poterebbe ad una diminuzioen del 40% di anidride carbonica CO2.

Diminuzine del 94% di NANO PARTICELLE (che entrano direttamente nel sangue,  causando cancro e altre malattie pericolose; sono prodotte soprattuto dai diesel EURO3).

DIMINUZIONE DEL 95% DEL PM (particolato, causa di cancro).

I dati di cui sopra sono stati pubblicati da SNAM.

Veicoli elettrici al posto delle vecchie auto – Investiti in tre anni oltre 14 milioni di euro

Dismettere 800 veicoli alimentati a benzina o diesel, inquinanti e spesso obsoleti, delle flotte aziendali degli Enti pubblici del Friuli Venezia Giulia e sostituirli con 560 vetture elettriche

E’ l’obiettivo del progetto NeMo FriuliVeneziaGiulia finanziato con 900.000 euro del programma Horizon 2020.

Saranno investiti in tre anni oltre 14 milioni di euro.

Mobilità urbana: per le Pubblica Amministrazione  veicoli elettrici al posto delle vecchie auto

Mobilità urbana: per le P.A. del Friuli Venezia Giulia veicoli elettrici al posto delle vecchie auto

Dismettere 800 veicoli alimentati a benzina o diesel, inquinanti e spesso obsoleti, delle flotte aziendali degli Enti pubblici del Friuli Venezia Giulia e sostituirli con 560 vetture elettriche da acquistare o da utilizzare a noleggio o con la modalità del car sharing.

È quanto andrà a realizzare in tre anni il progetto NeMo FVG (New Mobility in Friuli Venezia Giulia) che punta a fare del Friuli Venezia Giulia una regione d’avanguardia a livello europeo nella transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, a partire dalla riduzione dell’inquinamento urbano causato dai veicoli a motore.

NeMo è infatti finanziato con 900.000 euro di fondi comunitari del Programma Horizon 2020, grazie ai quali, di qui al 2019, saranno attivati 14 milioni di euro di investimenti in partnership pubblico-privata , in buona parte destinati all’installazione di diverse colonnine di ricarica e alla sostituzione di vecchi veicoli di proprietà della PA con un servizio di mobilità basato su veicoli elettrici. L’intervento sarà preceduto da un’analisi dettagliata delle esigenze di mobilità e delle flotte di veicoli disponibili e da un piano per la razionalizzazione del numero di veicoli.

Il progetto NeMo mette insieme un pool composto da Regione FVG – Direzione centrale ambiente ed energia (lead partner), AREA Science Park, responsabile della progettazione e del coordinamento tecnico – scientifico, Università di Trieste per l’ analisi dei bisogni di mobilità della PA, BIT– Servizi per l’investimento sul territorio S.P.A. come partner tecnico finanziario, ANIASA – Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi come esperto di mobilità e Promoscience per gli aspetti di comunicazione e disseminazione

Ecologia – 31 esperti internazionali lanciano un appello – estinzione dei primati ?

31 esperti internazionali lanciano un appello per fronteggiare la crisi di estinzione dei primati

Uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances racconta perché questi animali sono importanti per l’uomo. Tra gli autori due ricercatori del MUSE.

Scimpanzé, gorilla e oranghi hanno vissuto per centinaia di migliaia di anni nelle loro foreste, vivendo vite meravigliose, senza mai sovrappopolarle o distruggerle. Direi che, in un certo senso, sono stati molto più abili di noi specialmente rimanendo in armonia con il loro ambiente naturale”
Jane Goodall

È di nuova pubblicazione sulla rivista Science Advances, un articolo che porta la firma di 31 esperti di fama internazionale – tra cui Claudia Barelli e Francesco Rovero del MUSE di Trento – e che invita urgentemente a un’azione di tutela delle popolazioni mondiali di primati, in forte diminuzione.

Dati sempre più allarmanti, infatti, ci riferiscono che il 60% delle oltre 500 specie di primati conosciute oggi nel mondo sono a rischio di estinzione e che il 75% presenta, inoltre, un numero di popolazioni in forte riduzione. Tramite questo studio gli autori si appellano a funzionari governativi, ricercatori, organizzazioni internazionali, ONG, imprese e alla cittadinanza per mobilitare e sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo alla situazione dei primati in tutto il mondo, ponendo l’accento sui costi della loro perdita per la salute dell’ecosistema, la cultura umana e la sopravvivenza stessa dell’uomo.

I primati non umani (lemuri, lorisidi, galagoni, tarsi, piccole e grandi scimmie) sono i nostri “parenti” più stretti, quelli a noi più vicini geneticamente, in grado di offrire spunti fondamentali per interpretare la nostra evoluzione, biologia, comportamento, ma anche il rischio sempre più consistente dell’aumento di nuove patologie in ambito sanitario.

I primati sono, inoltre, una componente importantissima per la tutela della diversità biologica tropicale.

Contribuiscono in primo luogo alla rigenerazione forestale, così come alla salute degli ecosistemi. Rivestono inoltre un ruolo importante in ambito sociale, basti pensare che trovano collocazione nella cultura e nella religione di molte etnie, così come fanno parte del loro sostentamento alimentare.

“La perdita di biodiversità – afferma Claudia Barelli, primatologa e ricercatrice del MUSE – è preoccupante a vari livelli. In primo luogo per la riduzione drastica del numero di individui. In secondo luogo, per lo stato di salute degli stessi, che risulta in parte compromesso, a causa dello sfruttamento non sostenibile delle risorse naturali da parte dell’uomo, che ha ripercussioni sulla loro dieta e quindi incide sul loro stato fisico.

Pertanto, le popolazioni di primati che vivono in habitat degradati – come ad esempio alcune delle foreste nei Monti Udzungwa in Tanzania dove il MUSE lavora da più di 10 anni – mettono a rischio la loro salute e quella di altri esseri viventi.

Questa situazione è il risultato dell’intenso impatto antropico e dello svolgimento di attività non sostenibili per l’ambiente e chi lo popola.

Esempi lampanti sono la perdita di foresta primaria, che avviene in risposta alle richieste del mercato globale, l’espansione delle agricolture industriali, degli allevamenti intensivi di bestiame, del taglio degli alberi, delle trivellazioni petrolifere, delle estrazioni, delle costruzioni di dighe e reti di nuove strade per l’estrazione delle risorse.

Tutto ciò avviene proprio nei paesi dove vive la stragrande maggioranza delle popolazioni di primati.

La crescita repentina di questa pressione anticipa solo scenari ben peggiori di quelli riscontrati fino ad ora, prevedendo un numero sempre maggiore di estinzioni nei prossimi 50 anni, a meno che non si adottino immediatamente misure di contenimento a livello globale, che sono ciò che i firmatari dello studio auspicano e che vanno dal miglioramento delle condizioni di salute degli abitanti delle zone coinvolte, all’accesso al sistema educativo, allo sviluppo di iniziative sostenibili dell’uso del suolo, con un’attenzione particolare alla tutela del sostentamento tradizionale.

Museo delle Scienze
Corso del Lavoro e della Scienza, 3
I – 38122 TRENTO (Italy)
www.muse.it

Como pericolo inquinamento ma vale per tutta la Pianura Padana … – INQUINAMENTO – PIU’ PERICOLOSO DELLE SIGARETTE !!!

Il 2017 inizia con i livelli record del Pm10; tre volte oltre i limiti di legge

In 25 giorni a gennaio, nove città lombarde, hanno già superato di ben 15 volte il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo (ma ricordiamo che quando il limite è a 49-45 ecc… microgrammi ... si tratta sempre di valori pericolosi per la salute).

Como  ha registrato 213 microgrammi !!!

Il quotidiano La Stampa, scrive che il superamento dei limiti di inquinamento nel 2012 ha causato morte prematura a 84.400 italiani (gli anni successivi non sono ancora contabilizzati .. ).

L’Unione europea, ha in corso due procedure di infrazione contro il nostro Paese, riguardanti i limiti di biossido di azoto (avviata nel 2015) e di Pm10 (in mora da anni). Se si arriverà alla Corte di Giustizia Ue, la condanna porterebbe a una multa che potrebbe arrivare ad un miliardo di euro

INQUINAMENTO DA TRAFFICO – RISCALDAMENTO – INDUSTRIA – SIGARETTE ???

E’ il traffico che fa ammalare, prima di tutto i bambini piccoli e gli anziani, e uccide con il cancro, ha il suo nemico peggiore nei Diesel euro 3, ma sopprimerli sarebbe IMPOPOLARE.

Come IMPOPOLARE sarebbe una decisione a livello regionale, vedi Regione Lombardia, che preferisce demandare ai sindaci che non vogliono farsi malvolere dai cittadini con misure drastiche …

SE TANTI HANNO SMESSO DI FUMARE

PERCHE’ IL CANCRO CONTINUA AD AUMENTARE ???

Lo avevamo scritto e riscritto; vedi i nostri articolo precedenti sull’argomento.

Finalmente, anche un allegato di un popolare quotidiano lo conferma con il titolo: “L’inquinamento uccide, più delle sigarette”.

-l’Organizzazione Mondiale per la Sanità sostiene che l’inquinamento abbia superato la sigaretta come pericolo per la salute.

-600.000 europei sono morti nel 2012 per esposizione ad agenti inquinanti !

-di cui: 482.000 per inquinamento ambientale

117.000 per inquinamento domestico.

-La Direttrice del Dipartimento di Salute Pubblica ed Ambinetale dell’ONU, Maria Neira, sostiene come i rischi dell’inquinamento siano, oggi, di  molto superiori di quanto si stimasse; soprattutto per ictus e ischemie  cardiache.

-Seguono, in ordine di importanza, disturbi ostruttivi cronici ai polmoni (11 %),

infezioni respiratorie acute nei bambini: 3%

morti da tumore: 6%.

—————————

-Un recente studio dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc), ha definito

sicuramente cancerogeno il cocktail di combustioni da traffico, riscaldamento degli edifici ed emissioni industriali.

A livello mondiale, invece, l’inquinamento più pericoloso risulta essere quello domestico:

-a causa dei combustibili solidi come legna  e carbone;

noi ci permettiamo di ricordare che anche

il nostro gas domestico non  CI DA  affatto UNA MANO… come recitava un cero slogan, almeno dal punto di vista dei veleni prodotti (non a caso la legge impone cappe aspiranti e fori per il ricambio dell’aria!!!).

Anche le allergie aumentano con l’inquinamento: secondo l’Anses, Agenzia di Sicurezza Sanitaria  e Alimentare Francese,

le persone che soffrono oggi di allergie sono  raddoppiate nell’ultimo ventennio !

-30% degli adulti

-7-20% nei bambini

Anche il riscaldamento globale, aumentando il periodo di impollinazione, prolunga i tempi di esposizione agli allergeni.

I media, sino ad oggi, ci hanno spiegato che

-la sigaretta è il male assoluto, senza parlare mai di quanto respiriamo semplicemente vivendo in città inquinate come Milano.

Da tempo gli scienziati hanno calcolato che una giornata a Milano vale, in termini di sostanze dannose all’organismo,

-come il fumo di 80 sigarette….!!

-nel 2012, gli scienziati hanno calcolato che 7 milioni di morti sono legati alle combustioni tossiche e allo smog (che fa aumentare anche le allergie soprattutto nei bambini) !!

RICICLARE CONVIENE ; VESTITI USATI IN CAMBIO DI SCONTI. DOVE FINISCONO ? QUANO SI GUADAGNA ?

A Natale spendiamo di più e cambiamo parte dle guardaroba ? Meglio non buttare, ma riciclare …

H&M, Ovs, Calzedonia, Intimissimi; in cambio di abbigliamento usato danno sconti.

Tutti questi marchi, sono affiliati alla I:CO, società svizzera, parte della grande Soex.

I:CO trasferisce tutti i capi usati a Wolfe in Germania che si occupa di separare i capi ancora utilizzabili (trasferiti in Africa, Medioriente ed Europa dell’Est), dagli altri.

Quanto non è più riutilizzabile diventa materiale utilizzabile in altri settori:
-copertoni delle auto ecc…

Quanto è il guadagno di queste mega società?
Nessuno lo conosce, e questo fa pensare a grandi introiti; visto che la società svizzera considera il proprio bilancio come “dato riservato”.

H&M DONA I GUADAGNI DELLA RACCOLTA A Save the Children, così pure OVS dona in beneficenza.

Nel 2013 H&M ha donato a Save the Children 18.378. euro.

Anche Humana raccoglie abiti usati e gestisce 5.000 contenitori in tutta Italia.

——

DA: http://www.ideegreen.it/abiti-usati-hm-38886.html

Come funziona la raccolta abiti usati H&M?

Portate nei negozi H&M abiti usati di qualsiasi marca e in qualsiasi stato di usura. In alternativa agli abiti è possibile conferire prodotti tessili domestici.

Consegnando un sacchetto di abiti usati a H&M si avrà diritto a un buono sconto di 5 euro da investire su un acquisto minimo di 40 euro, per un massimo di 2 buoni spesa al giorno.
Per ogni kg di abiti usati raccolti, H&M dona 0,02 euro all’organizzazione locale del progetto Charity Star, Save the Children nel caso dell’Italia.
La raccolta degli abiti usati con la campagna “La moda non merita di finire nei rifiuti” non è l’unica azione etica dell’H&M. Solo lo scorso anno, la H&M ha riciclato 9,5 milioni di bottiglie in PET impiegando il poliestere recuperato per la produzione di vestiti, l’H&M è il più grande consumatore mondiale di cotone biologico e oltre il 15 per cento di cotone bio impiegato da H&M proviene da fonti sostenibili.

Nonostante i suoi sforzi, l’H&M è fortemente criticata perché è leader globale di quella che è definita “moda usa e getta”. I suoi capi hanno un ciclo di vita molto breve e la sua utenza può fare “la differenza” partecipando alla campagna di raccolta degli abiti usati.

CASE ecologiche – antisismiche – ignifughe – altamente isolanti – ” Wikkelhouse ” IN ITALIA DAL 2018 MODELLO BASE 25 MILA EURO

I dodici esemplari di Wikkelhouse, case di cartone costruite ogni anno, vanno a ruba.
Fiction Factory è lo studio, di designer e architetti olandesi, che ha ideato la Wikkelhouse.

ANTISISMOCA E RICICLABILE AL 100%

Un robusto supporto in legno isola la casa dal terreno e dall’umidità.
Secondo gli inventori questo tipo di casa è ignifugo, a prova di uragani e altamente isolante. La durata è garantita per almeno 50 anni di vita.

A dispetto del nome; letteralmente casa di cartone, la Wikkelhouse è una elegante abitazione modulare, con facciata a vetri e diverse sezioni, secondo le esigenze del committente.

Ogni sezione è composta da 24 strati di cartone fortemente compresso e molto più resistente di quanto ci si possa immaginare.

Gli strati sono impermeabilizzati e coperti con eleganti listelli di legno.

Ci sono anche altre sezioni, oltre a quella di base, per contenere stufe, armadi, muri interni, cucina e bagno.

Da tre sezioni in poi, le varianti sono quasi infinite e ognuno si modula la casa come vuole.

Si può mettere questa casa ovunque.

Ogni mese l’attesa, per farsele fabbricare, cresce un poco di più.

La vendita, per ora, è limitata a Olanda, Belgio, Lussemburgo Francia, Inghilterra e Danimarca, ma dal 2018 sarà possibile acquistarle anche in Italia.

VEDI ALTRO AL LINK: http://www.wikkelhouse.com

LE BARRIERE CORALLINE RISCHIANO DI SPARIRE !

RIFLESSIONI SULLO STATO MONDIALE DELLE BARRIERE CORALLINE.

Quello che le agenzie di viaggio non vi dicono.

E’ con vero dolore che mi accingo a scrivere le mie personali  e recenti esperienze di viaggio su diverse barriere coralline e relativo inquinamento delle acque: dai Caraibi all’isola di Mauritius, alle Maldive, sino a Sry Lanka, Bali, Isole Gili e Lombok, comprese.

A differenza di quanto scritto, dallo stesso Corriere della Sera, le Isole Gili, ad esempio, non sono affatto da paragonare a quello che furono le Maldive 35 anni fa, quando il mare, anche a riva, era un solo immenso acquario.

Certamente per i sub, che vanno in profondità, non mancano grandi possibilità di soddisfazione anche oggi.

Rimane il dolore e la preoccupazione di una persona che è cresciuta leggendo i libri di Jaques Cousteau e facendo foto alla barriera corallina, soprattutto in apnea.

Come Cousteau aveva previsto, molte barriere coralline, in tutto il mondo, sono già quasi totalmente morte a causa di vari fattori.

-Inquinamento umano dovuto, in parte, semplicemente all’aumento della popolazione; anche turistica e acidificazione delle acque (porta alla dissoluzione dei gusci calcarei delle conchiglie di molluschi, echinodermi, alghe, coralli e plancton calcareo)

-Distruzione fisica dovuta al camminamento sopra la barriera, ancoraggio e passaggio delle barche.

-Distruzione totale dovuta alle sostanze chimiche utilizzate per ottenere, per esempio,  banane perfette senza macchie o marcescenza e parassiti;

queste sostanze, in Costa Rica, furono distribuite con gli aerei e causarono anche sterilità nel sesso maschile dei lavoratori.

Inoltre,  le stelle marine che divorano velocemente le madrepore, mentre queste ultime hanno una crescita lentissima, si stanno spaventosamente moltiplicando e crescendo di volume, non solo perché indifferenti all’inquinamento, ma addirittura in quanto ne traggono vantaggio; esattamente come aveva previsto Jaques Cousteau.

MARE STELLA MARINA VARIO JN

L’ultimo grande innalzamento della temperatura dell’acqua, nell’Oceano Indiano, a causa del fenomeno climatico chiamato El Niño ha lasciato tracce molto evidenti: i coralli, anche alle Maldive, sono morti sino a 17 metri di profondità.

Chi non ha mai visto una barriera corallina in ottima salute  si emoziona egualmente ammirando i pochi pesci colorati sopravvissuti e magari qualche chiazza colorata di madrepora ancora viva o appena rinata, ma vi assicuriamo che si tratta di scenografie completamente differenti.

Va detto, però, che negli ultimi tempi si registra un leggerissimo recupero, ma i tempi di crescita del corallo sono centenari; sempre nella speranza che i cambiamenti climatici non ci “regalino” altri passaggi del Niño per i prossimi anni.

Alcuni esempi di quello che abbiamo verificato personalmente negli ultimi 5-10 anni:

-le madrepore di superficie, che erano ancora vive all’isola di Tobago 21 anni fa, ora sono completamente morte e distrutte dal passaggio dei turisti e barche;

-anche nel Costa Rica abbiamo trovato abbondanza di inquinamento nelle acque; almeno nelle zone dove sorgono i centri turistici più noti della costa occidentale;

-nel parco protetto di Sharm, sul Mar Rosso, una breve apnea ha permesso di verificare che, pur continuando una notevole vita della barriera, la situazione attuale, che entusiasta tutti i turisti, è solo un pallido ricordo di quello che c’era quando la zona era sconosciuta al turismo;

-per onor del vero va precisato che in Egitto, in  generale, si può ancora ammirare una delle barriere più ricche che esistano sulla terra; ed è anche facilmente raggiungibile da riva;

alle Maldive, sino a 17 metri di profondità,  abbiamo trovato il corallo tutto grigio, con qualche pallido tentativo di ricrescita; parliamo sempre di madrepore in superficie;

-Sry Lanka, dopo 35 anni, ci è apparsa un’isola diversa; arricchita dal turismo, con intere colline di foresta vergine distrutte, prima dai venditori di legnami ormai rari e poi per far spazio ad un popolazione che cresce vertiginosamente a causa di una parvenza di benessere;

-sempre a Sry Lanka abbiamo constatato un visibile inquinamento delle acque nella parte sud ed est, anche se totalmente ignorato dalla maggioranza dei turisti assai distratti al riguardo;

non esistono impianti fognari, la popolazione cresce a dismisura insieme ai turisti, intanto il mare non riesce più a smaltire quanto prodotto dai  numerosi esseri umani presenti;

-a proposito di Sry Lanka non si può ignorare il grande inquinamento che ha investito e investe, da anni, tutta la costa occidentale

-al momento della nostra visita, era prevista un’enorme crescita di alberghi sulla zona dove si è abbattuto l’ultimo tsunami…alla faccia della sicurezza. I locali emigrati e arricchiti hanno acquistato quasi per nulla i terreni abbandonati dalle povere donne vedove che avevano visto mariti pescatori e figli morire a causa dell’onda di Tzunami e non volevano più rimanere sulla costa;

-comuni a moltissimi luoghi, ch efurono incontaminati, sono gli incendi quotidiani per smaltire i rifiuti e/o l’uso della plastica per ravvivare il fuoco dove la legna è bene prezioso e di faticoso e/o costoso reperimento;

le Maldive dispongono di un’intera isola di solo rifiuti che aversano nel mare ogni genere di prodotto introdotto dai facoltosi turisti, dalle pile esauste ai frigoriferi e apparecchi per aria condizionata rotti, computer e tutto il materiale di scarto dai lussuosi resort; torrentelli di liquidi putrescenti e assolutamente maleodoranti attraversano l’isola/pattumiera, situata di fronte alla  capitale Male;

-va precisato che il Governo Maldiviano dice di avere intenzione di prendere provvedimenti a breve da ormai 20 anni ; aspettiamo!

-alle famose isole Gili di Bali, non abbiamo trovato il paradiso acquatico che ci aspettavamo, l’isola più piccola e lontana che abbiamo visitato aveva le acque contaminate dal mercurio proveniente dalla vicina costa dalla quale per anni hanno estratto l’oro, scaricando enormi quantità di questo pericolosissimo minerale (usato nel processo dell’estrazione dell’oro) che vien assorbito dai pesci, mangiati dagli abitanti e quindi diventa un veleno per tutta la popolazione circostante.

-a Gili Travangan, paragonabile ormai a Ibiza, e sulle altre più tranquille isole, si vede ancora qualche tartaruga e pesce colorato, ma la barriera rimane grigia, almeno in superficie;

-la vicina isola di Lombok non è totalmente incontaminata come ci si aspetterebbe;

-noi abbiamo verificato acque non pulite anche sull’isola di Gili Nango, a sud ovest di Lombok;

FOTO DI COPERTINA DI Lill-Haugen- Sub e fotografa professionista.

Trentino – Qui si lavora per il futuro di tutti e per la popolazione – Dove ? Sul territorio trentino è più conveniente installare le pompe di calore geotermiche ?

resa_geotermica_trentino

E’ online la mappa geotermica del Trentino.

Il lavoro è stato presentato durante un convegno tecnico alla Fondazione Bruno Kessler (FBK) di Trento, è frutto del progetto GEOTERM ed è ora consultabile in modalità WebGIS alla pagina:

http://www.protezionecivile.tn.it/territorio/geologia/Geotermia/-studi_approfondimenti/pagina17.html

In sintesi è possibile valutare dove sul territorio trentino è più conveniente installare le pompe di calore geotermiche, sistemi che consentono di soddisfare interamente e in ogni stagione dell’anno i fabbisogni di riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria degli edifici.

Il risultato è stato raggiunto grazie alla collaborazione fra l’Unità ARES (Applied Research on Energy Systems) della Fondazione Bruno Kessler, il Dipartimento di Geoscienze dell’Università di Padova e il Servizio Geologico della Provincia autonoma di Trento.

“Con il progetto GEOTERM”, spiega il responsabile di ARES (FBK), Luigi Crema ”la Fondazione Bruno Kessler ha fornito un contributo alla valutazione del potenziale della geotermia nel contesto della provincia di Trento, sia dal punto di vista della risorsa energetica del sottosuolo sia per quanto riguarda le tecnologie più interessanti e adatte ai casi specifici”.

“Nel corso dei lavori”, sottolinea il ricercatore di ARES (FBK) Diego Viesi “per l’intera provincia di Trento sono stati analizzati e cartografati l’assetto microclimatico, i fabbisogni di riscaldamento, le caratteristiche idrogeologiche e termofisiche del sottosuolo e il potenziale di geoscambio. Il tutto al fine di una efficiente progettazione”.

– Lo studio è consultabile alla pagina: https://www.fbk.eu/sites/www.fbk.eu/files/geoterm_geoscambio_nella_provincia_autonoma_di_trento.pdf

– Nella foto più sopra, la mappa in cui è visibile la resa (espressa in W/m) di sonde geotermiche verticali per l’intero territorio provinciale (con una griglia di 20m x 20m). In rosso le aree con maggior potenziale per impianti di geoscambio a sonde geotermiche verticali.

Il progetto GEOTERM

Il progetto GEOTERM si propone di valutare l’idoneità e le potenzialità della Provincia di Trento ad ospitare diffusamente impianti di geoscambio a pompa di calore per la climatizzazione e di fornire, in forma cartografica, i risultati del lavoro. La nuova cartografia geotermica provinciale, disponibile in modalità WebGIS, rappresenta un valido strumento progettuale, nonché per lo sviluppo responsabile e sostenibile di questa tecnologia.

Normative sempre più stringenti stanno indirizzando la progettazione energetica degli edifici nuovi o sottoposti a ristrutturazioni rilevanti verso il progressivo incremento nell’integrazione delle fonti rinnovabili. In base al Dlgs 28/2011 dal 1° gennaio 2017 gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento. Per gli edifici pubblici gli obblighi di integrazione sono incrementati del 10%.

Le pompe di calore geotermiche rappresentano una soluzione economicamente attrattiva e possono essere applicate pressoché ovunque, consentendo il trasferimento di calore da e verso il sottosuolo, con elevata efficienza energetica e in modo da soddisfare interamente, in ogni stagione dell’anno, i fabbisogni di riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria.