Archivi categoria: ECOLOGIA

ecologia, ecology,

RICICLARE CONVIENE ; VESTITI USATI IN CAMBIO DI SCONTI. DOVE FINISCONO ? QUANO SI GUADAGNA ?

A Natale spendiamo di più e cambiamo parte dle guardaroba ? Meglio non buttare, ma riciclare …

H&M, Ovs, Calzedonia, Intimissimi; in cambio di abbigliamento usato danno sconti.

Tutti questi marchi, sono affiliati alla I:CO, società svizzera, parte della grande Soex.

I:CO trasferisce tutti i capi usati a Wolfe in Germania che si occupa di separare i capi ancora utilizzabili (trasferiti in Africa, Medioriente ed Europa dell’Est), dagli altri.

Quanto non è più riutilizzabile diventa materiale utilizzabile in altri settori:
-copertoni delle auto ecc…

Quanto è il guadagno di queste mega società?
Nessuno lo conosce, e questo fa pensare a grandi introiti; visto che la società svizzera considera il proprio bilancio come “dato riservato”.

H&M DONA I GUADAGNI DELLA RACCOLTA A Save the Children, così pure OVS dona in beneficenza.

Nel 2013 H&M ha donato a Save the Children 18.378. euro.

Anche Humana raccoglie abiti usati e gestisce 5.000 contenitori in tutta Italia.

——

DA: http://www.ideegreen.it/abiti-usati-hm-38886.html

Come funziona la raccolta abiti usati H&M?

Portate nei negozi H&M abiti usati di qualsiasi marca e in qualsiasi stato di usura. In alternativa agli abiti è possibile conferire prodotti tessili domestici.

Consegnando un sacchetto di abiti usati a H&M si avrà diritto a un buono sconto di 5 euro da investire su un acquisto minimo di 40 euro, per un massimo di 2 buoni spesa al giorno.
Per ogni kg di abiti usati raccolti, H&M dona 0,02 euro all’organizzazione locale del progetto Charity Star, Save the Children nel caso dell’Italia.
La raccolta degli abiti usati con la campagna “La moda non merita di finire nei rifiuti” non è l’unica azione etica dell’H&M. Solo lo scorso anno, la H&M ha riciclato 9,5 milioni di bottiglie in PET impiegando il poliestere recuperato per la produzione di vestiti, l’H&M è il più grande consumatore mondiale di cotone biologico e oltre il 15 per cento di cotone bio impiegato da H&M proviene da fonti sostenibili.

Nonostante i suoi sforzi, l’H&M è fortemente criticata perché è leader globale di quella che è definita “moda usa e getta”. I suoi capi hanno un ciclo di vita molto breve e la sua utenza può fare “la differenza” partecipando alla campagna di raccolta degli abiti usati.

CASE ecologiche – antisismiche – ignifughe – altamente isolanti – ” Wikkelhouse ” IN ITALIA DAL 2018 MODELLO BASE 25 MILA EURO

I dodici esemplari di Wikkelhouse, case di cartone costruite ogni anno, vanno a ruba.
Fiction Factory è lo studio, di designer e architetti olandesi, che ha ideato la Wikkelhouse.

ANTISISMOCA E RICICLABILE AL 100%

Un robusto supporto in legno isola la casa dal terreno e dall’umidità.
Secondo gli inventori questo tipo di casa è ignifugo, a prova di uragani e altamente isolante. La durata è garantita per almeno 50 anni di vita.

A dispetto del nome; letteralmente casa di cartone, la Wikkelhouse è una elegante abitazione modulare, con facciata a vetri e diverse sezioni, secondo le esigenze del committente.

Ogni sezione è composta da 24 strati di cartone fortemente compresso e molto più resistente di quanto ci si possa immaginare.

Gli strati sono impermeabilizzati e coperti con eleganti listelli di legno.

Ci sono anche altre sezioni, oltre a quella di base, per contenere stufe, armadi, muri interni, cucina e bagno.

Da tre sezioni in poi, le varianti sono quasi infinite e ognuno si modula la casa come vuole.

Si può mettere questa casa ovunque.

Ogni mese l’attesa, per farsele fabbricare, cresce un poco di più.

La vendita, per ora, è limitata a Olanda, Belgio, Lussemburgo Francia, Inghilterra e Danimarca, ma dal 2018 sarà possibile acquistarle anche in Italia.

VEDI ALTRO AL LINK: http://www.wikkelhouse.com

LE BARRIERE CORALLINE RISCHIANO DI SPARIRE !

RIFLESSIONI SULLO STATO MONDIALE DELLE BARRIERE CORALLINE.

Quello che le agenzie di viaggio non vi dicono.

E’ con vero dolore che mi accingo a scrivere le mie personali  e recenti esperienze di viaggio su diverse barriere coralline e relativo inquinamento delle acque: dai Caraibi all’isola di Mauritius, alle Maldive, sino a Sry Lanka, Bali, Isole Gili e Lombok, comprese.

A differenza di quanto scritto, dallo stesso Corriere della Sera, le Isole Gili, ad esempio, non sono affatto da paragonare a quello che furono le Maldive 35 anni fa, quando il mare, anche a riva, era un solo immenso acquario.

Certamente per i sub, che vanno in profondità, non mancano grandi possibilità di soddisfazione anche oggi.

Rimane il dolore e la preoccupazione di una persona che è cresciuta leggendo i libri di Jaques Cousteau e facendo foto alla barriera corallina, soprattutto in apnea.

Come Cousteau aveva previsto, molte barriere coralline, in tutto il mondo, sono già quasi totalmente morte a causa di vari fattori.

-Inquinamento umano dovuto, in parte, semplicemente all’aumento della popolazione; anche turistica e acidificazione delle acque (porta alla dissoluzione dei gusci calcarei delle conchiglie di molluschi, echinodermi, alghe, coralli e plancton calcareo)

-Distruzione fisica dovuta al camminamento sopra la barriera, ancoraggio e passaggio delle barche.

-Distruzione totale dovuta alle sostanze chimiche utilizzate per ottenere, per esempio,  banane perfette senza macchie o marcescenza e parassiti;

queste sostanze, in Costa Rica, furono distribuite con gli aerei e causarono anche sterilità nel sesso maschile dei lavoratori.

Inoltre,  le stelle marine che divorano velocemente le madrepore, mentre queste ultime hanno una crescita lentissima, si stanno spaventosamente moltiplicando e crescendo di volume, non solo perché indifferenti all’inquinamento, ma addirittura in quanto ne traggono vantaggio; esattamente come aveva previsto Jaques Cousteau.

MARE STELLA MARINA VARIO JN

L’ultimo grande innalzamento della temperatura dell’acqua, nell’Oceano Indiano, a causa del fenomeno climatico chiamato El Niño ha lasciato tracce molto evidenti: i coralli, anche alle Maldive, sono morti sino a 17 metri di profondità.

Chi non ha mai visto una barriera corallina in ottima salute  si emoziona egualmente ammirando i pochi pesci colorati sopravvissuti e magari qualche chiazza colorata di madrepora ancora viva o appena rinata, ma vi assicuriamo che si tratta di scenografie completamente differenti.

Va detto, però, che negli ultimi tempi si registra un leggerissimo recupero, ma i tempi di crescita del corallo sono centenari; sempre nella speranza che i cambiamenti climatici non ci “regalino” altri passaggi del Niño per i prossimi anni.

Alcuni esempi di quello che abbiamo verificato personalmente negli ultimi 5-10 anni:

-le madrepore di superficie, che erano ancora vive all’isola di Tobago 21 anni fa, ora sono completamente morte e distrutte dal passaggio dei turisti e barche;

-anche nel Costa Rica abbiamo trovato abbondanza di inquinamento nelle acque; almeno nelle zone dove sorgono i centri turistici più noti della costa occidentale;

-nel parco protetto di Sharm, sul Mar Rosso, una breve apnea ha permesso di verificare che, pur continuando una notevole vita della barriera, la situazione attuale, che entusiasta tutti i turisti, è solo un pallido ricordo di quello che c’era quando la zona era sconosciuta al turismo;

-per onor del vero va precisato che in Egitto, in  generale, si può ancora ammirare una delle barriere più ricche che esistano sulla terra; ed è anche facilmente raggiungibile da riva;

alle Maldive, sino a 17 metri di profondità,  abbiamo trovato il corallo tutto grigio, con qualche pallido tentativo di ricrescita; parliamo sempre di madrepore in superficie;

-Sry Lanka, dopo 35 anni, ci è apparsa un’isola diversa; arricchita dal turismo, con intere colline di foresta vergine distrutte, prima dai venditori di legnami ormai rari e poi per far spazio ad un popolazione che cresce vertiginosamente a causa di una parvenza di benessere;

-sempre a Sry Lanka abbiamo constatato un visibile inquinamento delle acque nella parte sud ed est, anche se totalmente ignorato dalla maggioranza dei turisti assai distratti al riguardo;

non esistono impianti fognari, la popolazione cresce a dismisura insieme ai turisti, intanto il mare non riesce più a smaltire quanto prodotto dai  numerosi esseri umani presenti;

-a proposito di Sry Lanka non si può ignorare il grande inquinamento che ha investito e investe, da anni, tutta la costa occidentale

-al momento della nostra visita, era prevista un’enorme crescita di alberghi sulla zona dove si è abbattuto l’ultimo tsunami…alla faccia della sicurezza. I locali emigrati e arricchiti hanno acquistato quasi per nulla i terreni abbandonati dalle povere donne vedove che avevano visto mariti pescatori e figli morire a causa dell’onda di Tzunami e non volevano più rimanere sulla costa;

-comuni a moltissimi luoghi, ch efurono incontaminati, sono gli incendi quotidiani per smaltire i rifiuti e/o l’uso della plastica per ravvivare il fuoco dove la legna è bene prezioso e di faticoso e/o costoso reperimento;

le Maldive dispongono di un’intera isola di solo rifiuti che aversano nel mare ogni genere di prodotto introdotto dai facoltosi turisti, dalle pile esauste ai frigoriferi e apparecchi per aria condizionata rotti, computer e tutto il materiale di scarto dai lussuosi resort; torrentelli di liquidi putrescenti e assolutamente maleodoranti attraversano l’isola/pattumiera, situata di fronte alla  capitale Male;

-va precisato che il Governo Maldiviano dice di avere intenzione di prendere provvedimenti a breve da ormai 20 anni ; aspettiamo!

-alle famose isole Gili di Bali, non abbiamo trovato il paradiso acquatico che ci aspettavamo, l’isola più piccola e lontana che abbiamo visitato aveva le acque contaminate dal mercurio proveniente dalla vicina costa dalla quale per anni hanno estratto l’oro, scaricando enormi quantità di questo pericolosissimo minerale (usato nel processo dell’estrazione dell’oro) che vien assorbito dai pesci, mangiati dagli abitanti e quindi diventa un veleno per tutta la popolazione circostante.

-a Gili Travangan, paragonabile ormai a Ibiza, e sulle altre più tranquille isole, si vede ancora qualche tartaruga e pesce colorato, ma la barriera rimane grigia, almeno in superficie;

-la vicina isola di Lombok non è totalmente incontaminata come ci si aspetterebbe;

-noi abbiamo verificato acque non pulite anche sull’isola di Gili Nango, a sud ovest di Lombok;

FOTO DI COPERTINA DI Lill-Haugen- Sub e fotografa professionista.

Trentino – Qui si lavora per il futuro di tutti e per la popolazione – Dove ? Sul territorio trentino è più conveniente installare le pompe di calore geotermiche ?

resa_geotermica_trentino

E’ online la mappa geotermica del Trentino.

Il lavoro è stato presentato durante un convegno tecnico alla Fondazione Bruno Kessler (FBK) di Trento, è frutto del progetto GEOTERM ed è ora consultabile in modalità WebGIS alla pagina:

http://www.protezionecivile.tn.it/territorio/geologia/Geotermia/-studi_approfondimenti/pagina17.html

In sintesi è possibile valutare dove sul territorio trentino è più conveniente installare le pompe di calore geotermiche, sistemi che consentono di soddisfare interamente e in ogni stagione dell’anno i fabbisogni di riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria degli edifici.

Il risultato è stato raggiunto grazie alla collaborazione fra l’Unità ARES (Applied Research on Energy Systems) della Fondazione Bruno Kessler, il Dipartimento di Geoscienze dell’Università di Padova e il Servizio Geologico della Provincia autonoma di Trento.

“Con il progetto GEOTERM”, spiega il responsabile di ARES (FBK), Luigi Crema ”la Fondazione Bruno Kessler ha fornito un contributo alla valutazione del potenziale della geotermia nel contesto della provincia di Trento, sia dal punto di vista della risorsa energetica del sottosuolo sia per quanto riguarda le tecnologie più interessanti e adatte ai casi specifici”.

“Nel corso dei lavori”, sottolinea il ricercatore di ARES (FBK) Diego Viesi “per l’intera provincia di Trento sono stati analizzati e cartografati l’assetto microclimatico, i fabbisogni di riscaldamento, le caratteristiche idrogeologiche e termofisiche del sottosuolo e il potenziale di geoscambio. Il tutto al fine di una efficiente progettazione”.

– Lo studio è consultabile alla pagina: https://www.fbk.eu/sites/www.fbk.eu/files/geoterm_geoscambio_nella_provincia_autonoma_di_trento.pdf

– Nella foto più sopra, la mappa in cui è visibile la resa (espressa in W/m) di sonde geotermiche verticali per l’intero territorio provinciale (con una griglia di 20m x 20m). In rosso le aree con maggior potenziale per impianti di geoscambio a sonde geotermiche verticali.

Il progetto GEOTERM

Il progetto GEOTERM si propone di valutare l’idoneità e le potenzialità della Provincia di Trento ad ospitare diffusamente impianti di geoscambio a pompa di calore per la climatizzazione e di fornire, in forma cartografica, i risultati del lavoro. La nuova cartografia geotermica provinciale, disponibile in modalità WebGIS, rappresenta un valido strumento progettuale, nonché per lo sviluppo responsabile e sostenibile di questa tecnologia.

Normative sempre più stringenti stanno indirizzando la progettazione energetica degli edifici nuovi o sottoposti a ristrutturazioni rilevanti verso il progressivo incremento nell’integrazione delle fonti rinnovabili. In base al Dlgs 28/2011 dal 1° gennaio 2017 gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento. Per gli edifici pubblici gli obblighi di integrazione sono incrementati del 10%.

Le pompe di calore geotermiche rappresentano una soluzione economicamente attrattiva e possono essere applicate pressoché ovunque, consentendo il trasferimento di calore da e verso il sottosuolo, con elevata efficienza energetica e in modo da soddisfare interamente, in ogni stagione dell’anno, i fabbisogni di riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria.

Una speranza per il futuro – Ue lancia la rivoluzione “energia pulita”

La rivoluzione a base di energia “pulita” è in grado di generare investimenti per 177 miliardi di euro l’anno, creare oltre 900mila posti di lavoro e dare una spinta alla crescita del Pil in tutta l’Europa Unita.

Questa è la prova che l’energia pulita, può generare tanti posti di lavoro e aiutare considerevolmente a risolvere l’attuale crisi economica.

E’ SOLO QUESTIONE DI SCELTE DI COME INVESTIRE IL DENARO:  

-se volgiamo un mondo sempre più povero e inquinato o se vogliamo un mondo più pulito e con tanti posti di lavoro nuovi !!!

Il progetto “energia pulita” è in grado di generare investimenti per 177 miliardi di euro l’anno, creare oltre 900mila posti di lavoro e dare una spinta alla crescita del Pil dell’Ue (Unione Europea) dell’1%.

Nelle oltre mille pagine, del progetto UE,  si ridefiniscono il mercato elettrico, quello delle bollette, le rinnovabili, il ruolo dei consumatori e si alza al 30% l’obiettivo dell’efficienza energetica.

Inoltre:

-revisione delle norme sull’ecodesign per gli elettrodomestici in modo che consumino meno energia,

-un piano per trasformare gli edifici da consumatori a produttori, gestori e centri di stoccaggio di energia,

-anciata anche una strategia per i trasporti puliti ... e molto altro.

I buoni propositi sono realizzabili; anche se altre parti del mondo le hanno bocciate (vedi Trump negli USA).

I ricercatori hanno messo nelle mani dell’uomo la possibilità di un futuro migliore; chi avrà la prevalenza ?

La UE sta dimostrando tanta buona volontà; speriamo diventi realtà al più presto e trascini altre parti del mondo; invece di essere subordinata dalle scelte altrui.

Nonostante i dati di cui sopra, gli ambintalisti non concordano … !

Efficienza energetica – In un anno meno 62 tonnellate di Co2 fotovoltaico Airbank

Efficienza energetica: in un anno evitate 62 tonnellate di Co2 con l’impianto fotovoltaico di Airbank

Completamente indipendente dal punto di vista energetico e ad emissioni zero: grazie al suo impianto fotovoltaico, Airbank ha evitato l’emissione di 62,03 tonnellate di CO2. Dal 2010 il fotovoltaico dell’azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale ha permesso di abbattere le emissioni di CO2 di oltre 430 tonnellate.

Sono 62,03 le tonnellate di CO2 evitate in atmosfera nel 2016 grazie all’impianto fotovoltaico aziendale di Airbank: un dato che si può quantificare anche con un numero di alberi equivalente pari a 155, considerando che durante la propria vita una pianta fissa mediamente 400 kg di CO2.

Quindi l’azienda, leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, non soltanto propone soluzioni ecologiche e sostenibili per un minor impatto ambientale, ma offre anche un esempio concreto e tangibile dal punto di vista dell’efficienza energetica.

Dal 2010 Airbank è autonoma dal punto di vista energetico grazie all’impianto fotovoltaico realizzato sulla propria struttura in grado di produrre oltre 100.000 KW/h annui di energia elettrica da fonte rinnovabile, abbattendo le emissioni di CO2 e riducendo a zero l’impatto ambientale.

Considerando che per produrre 1 kWh elettrico vengono bruciati mediamente l’equivalente di 2,56 kWh sotto forma di combustibili fossili e di conseguenza emessi nell’aria circa 0,5 kg di anidride carbonica, per ogni kilowattora prodotto dal sistema fotovoltaico Airbank evita l’emissione di 0,5 kg di anidride carbonica, tra i principali responsabili dell’effetto serra.

Il calcolo dei vantaggi ambientali derivanti da questa scelta è costantemente aggiornato sul sito Airbank.

Nell’ultimo anno sono stati prodotti 124.061 kWh, con un picco nel mese di agosto quando si sono raggiunti i 17.790,00 kWh. Dal 2010 ad oggi l’energia totale da installazione dell’impianto è pari a 864.642 kWh.

Lavoriamo ogni giorno per un mondo più verde” ha dichiarato Gloria Mazzoni, presidente di Airbank “e non possiamo non essere prima di tutto noi sostenibili. L’investimento fatto nel 2010 ci ha permesso di contenere le spese energetiche dell’azienda, ma soprattutto di esercitare ogni giorno il rispetto per l’ambiente”.

Airbank ha inoltre ottenuto la certificazione inerente la norma UNI CEI 11352 che stabilisce i requisiti minimi per le società che intendono svolgere il ruolo di Energy Service Company (ESCo): grazie alla certificazione, Airbank può operare nell’efficientamento energetico proponendo ai propri clienti diagnosi energetiche e successivi interventi di riqualificazione per avere impianti più efficienti e meno energivori.

Chi è Airbank
Airbank è l’azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, ma soprattutto un’azienda a bassissimo impatto ambientale. Grazie al suo impianto fotovoltaico, infatti, è autonoma dal punto di vista energetico.
Da sempre percorre le vie della ricerca, dell’innovazione tecnologica e della qualità con l’unico obiettivo di produrre articoli in grado di elevare gli standard qualitativi del lavoro dell’uomo.
Tra i suoi clienti la Protezione Civile, Enel, Erg, Parmalat, Amsa e Trenitalia.

Maggiori informazioni sul sito istituzionale www.airbank.it

RISCHI ALLUVIONALI PREVENZIONE – MUSE MUSEO DELLE SCIENZE DI TRENTO

DAL MUSE MUSEO DELLE SCIENZE DI TRENTO UN PROGETTO PER DIFFONDERE LA CULTURA DELL’ANTICIPAZIONE E PREVENZIONE
DEI RISCHI ALLUVIONALI

Il tema del rischio idrogeologico in ambiente alpino ein Trentino, affrontato attraverso un progetto europeo che mira a diffondere la crescita della cultura dell’anticipazione e la prevenzione dei fenomeni alluvionali. All’incontro di lancio hanno partecipato anche i rappresentanti del Ministero dell’Ambiente.

Le condizioni di rischio idrogeologico, in Italia, sono legate sia alle caratteristiche geomorfologiche, idrografiche e climatiche del territorio, sia al forte incremento delle aree urbanizzate, avvenuto spesso in assenza di una corretta pianificazione territoriale.

In questo contesto, il territorio trentino presenta un reticolo idrografico fitto e complesso, con numerosi piccoli bacini montani e grandi corsi d’acqua di fondovalle. La geomorfologia del territorio, l’uso del suolo e gli eventi meteorologici scatenanti rendono questa regione vulnerabile rispetto ai fenomeni alluvionali, basti pensare che gli eventi di piena in Trentino sono tutt’altro che rari (15 nel solo 2015).

Per aumentare la consapevolezza, oggi ancora scarsa, della pericolosità alluvionale che riguarda la nostra regione è stato avviato LIFE FRANCA, progetto di comunicazione del rischio alluvionale in ambiente alpino che coinvolge l’Università degli Studi di Trento, l’Università degli Studi di Padova, il Servizio Bacini Montani della Provincia autonoma di Trento, l’Autorità di Bacino del fiume Adige, il MUSE, Museo delle Scienze di Trento e l’azienda Trilogis. Il progetto ha l’obiettivo di sviluppare una cultura del rischio alluvionale attraverso un processo partecipato tra i soggetti interessati: cittadini, tecnici e amministrazioni.

LIFE FRANCA, acronimo di Flood Risk Anticipation and Communication in the Alps, è un progetto triennale focalizzato sulla comunicazione del rischio alluvionale e sull’applicazione delle tecniche di anticipazione agli eventi calamitosi.

L’obiettivo che si pone è di favorire la crescita di una cultura dell’anticipazione e prevenzione dei fenomeni alluvionali nella realtà alpina del Trentino, attraverso l’analisi e la modifica mirata dei comportamenti socioculturali collettivi, delle modalità decisionali e della visione della popolazione nei confronti dei rischi ambientali del proprio territorio. Nella consapevolezza che la sicurezza totale non può essere garantita.

Il progetto è coordinato dal prof. Roberto Poli, Cattedra UNESCO sui sistemi anticipanti e direttore del master in previsione sociale. Gli enti partner del progetto sono: Università degli Studi di Trento – Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale e Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica; Università degli Studi di Padova – Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-forestali; Servizio Bacini Montani della Provincia Autonoma di Trento; Autorità di Bacino del Fiume Adige; MUSE, Museo delle Scienze di Trento e Trilogis Srl, azienda italiana specializzata in geografia informatica.

Il progetto è focalizzato sull’ambiente alpino. I “casi studio” sono localizzati nella Provincia di Trento e sono individuati in base alla pericolosità alluvionale, alla vulnerabilità del territorio e alle attività economiche prevalenti (industria, agricoltura, turismo).
Alcune azioni di LIFE FRANCA interesseranno inoltre l’intero distretto dell’Alto Adriatico (dal Friuli Venezia Giulia al Trentino). I risultati ottenuti potranno essere applicati anche ad altri rischi naturali connessi ai cambiamenti climatici, così come ad altre aree del territorio nazionale.

La prospettiva adottata dal progetto sarà quella dell’anticipazione, ossia la capacità di interpretare e aggregare informazioni da diversi contesti, con lo scopo di ‘anticipare’ futuri possibili e quindi migliorare il processo decisionale. Questo processo include la ricostruzione del passato, la costruzione condivisa di visioni del futuro e l’elaborazione di trasformazioni da attuare nel presente. L’approccio anticipante risulta essere particolarmente utile per proiettare le comunità nelle condizioni previste dai modelli climatici.

LIFE FRANCA è realizzato grazie al contributo LIFE, lo strumento finanziario dell’Unione Europea che supporta le azioni di conservazione della natura, di protezione dell’ambiente e di mitigazione del cambiamento climatico. Il budget totale del progetto è pari a 1,058,242 €, di cui circa il 60% è finanziato dalla Comunità Europea.

LE AZIONI PREVISTE
Per raggiungere l’obiettivo, LIFE FRANCA agirà su diversi fronti, coinvolgendo pubbliche amministrazioni, cittadini e categorie professionali che operano nel campo del rischio alluvionale come geologi, ingegneri, architetti, ma anche giornalisti o assicuratori. I partner del progetto saranno impegnati su più fronti per concorrere a sviluppare una cultura del rischio alluvionale e migliori strumenti di comunicazione.
Il progetto prevede una prima fase di analisi e riorganizzazione di tutti i dati disponibili sul rischio alluvionale a livello trentino condotta da parte dell’Università di Padova.
I dati raccolti verranno utilizzati per la produzione di unset di scenari strategici, utili a valutare gli impatti dei possibili fenomeni alluvionali in chiave futura. Per costruire questi scenari il Dipartimento di Sociologia e di ricerca sociale dell’Università di Trento realizzerà degli incontri che coinvolgeranno i soggetti interessati nelle tre aree di studio selezionate in provincia di Trento. Per promuovere un approccio anticipatorio nei confronti del rischio alluvionale, i cittadini verranno coinvolti in un esercizio sociale detto dei “Tre orizzonti” che li spingerà a proiettarsi negli scenari futuri.
Il partner Trilogis realizzerà un geo-portale che diventerà il punto di riferimento per chiunque voglia avere informazioni aggiornate e corrette sulla situazione idrogeologica della provincia di Trento. Questo strumento servirà a garantire un’ampia diffusione e comprensione dei fenomeni alluvionali e dei rischi connessi. Il portale verrà realizzato utilizzando le banche dati definite e fornite dalla Provincia Autonoma di Trento (Bacini Montani) e sarà diverso da altre piattaforme dedicate tradizionali (ad esempio quelle per le simulazioni idrodinamiche), in quanto non sarà creata un’interfaccia per raggiungere solamente gli esperti, ma diversi gruppi di utenti (amministratori, tecnici, cittadini, giornalisti ecc.). Il geo-portale sarà continuamente aggiornato con dati forniti dai servizi tecnici della Provincia, ma anche dai cittadini (che potranno segnalare anomalie, ad esempio delle opere di difesa idraulica o simili).
Al fine di diffondere un più elevato livello di competenza nel comunicare i rischi del territorio, particolare attenzione sarà dedicata alla formazione e aggiornamento di professionisti, amministratori e giornalisti. Il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica dell’Università di Trento coordinerà quindi una serie di corsi di aggiornamento, differenziati nei contenuti a seconda del target: tecnici, giornalisti, amministratori. Questa formazione mira a creare una rete di professionisti in grado di interpretare e comunicare in maniera corretta a cittadini e stakeholder i diversi aspetti collegati al rischio alluvionale.
Pari importanza verrà data all’educazione e divulgazione nei confronti del mondo scolastico. Il MUSE infatti progetterà attività laboratoriali, escursioni per studenti e un corso di aggiornamento per docenti. Verranno inoltre realizzate mostre itineranti e una serie di incontri per il pubblico con gli esperti, nel contesto informale dei Science Café e di altri eventi ad hoc.

LIFE FRANCA è anche un progetto pilota nell’individuazione di strumenti e metodologie generali che sviluppino una cultura del rischio alluvionale e promuovano l’anticipazione come approccio alla sua gestione. I risultati ottenuti potranno essere applicati anche ad altri rischi naturali connessi ai cambiamenti climatici, così come ad altre aree del territorio nazionale. Per tutta la durata di LIFE FRANCA l’Autorità di Bacino del Fiume Adige si occuperà di istaurare relazioni e collaborazioni con altri stakeholder, enti o associazioni che non sono tra i partner di progetto, ma che sono interessati ai suoi risultati, come le regioni vicine o le diverse Autorità di Bacino.

BRESCIA – Vighizzolo e Montichiari capitali della puzza – Bambini intossicati

LE ULTIME NOTIZIE:

Vighizzolo e Montichiari sono risaliti alla soglia della cronaca per orrendi motivi: i bambini sono stati molto male dopo avere respiranto l’aria che puzzava violentemente.

Le famiglie di Vighizzolo, in televisione, hanno dichiarato che NON hanno ancora avuto risposta alle loro domande sull’origine di tanti malori.

A Montichiari un genitore ha calcolato che l’aria inquinata corrisponde a far fumare un pacchetto di sigarette al giorno a suo figlio di 9 anni !!!

——–

GLI INQUINANTI ENTRANO NEL SANGUE, SI FISSANO NEL GRASSO DELLE GHIANDOLE, MA NESSUNO LI VEDE…POI SI MUORE DI CANCRO…ECC…

Ne avevamo già parlato nel 2013, ma ancora oggi 2017 i recenti dati riportati da TV e giornali rendono attualissimo questo tema e noi lo riproponiamo ….

Giardini chiazzati di rosso, blu ciano e giallo, ma non sono fiori, bensì i colori dell’inquinamento da Pcb.

I cartelli rossi del Comune segnalano che questi giardini sono talmente inquinati di Pcb e diossine che non ci si può entrare ! Siamo nella “civilissima” Brescia.

Altri cartelli di colore giallo, segnalano una contaminazione media: vietato toccare terra e rotolarvisi.

Anche i cartelli blu segnalano inquinamento;  però “nei limiti della NORMA !!”

E’ stata definita la Nuova Seveso, ma si tratta di Brescia e pochi ne parlano.

Gli inquinanti sono altamente tossici, mutageni (ovvero potranno causare bambini deformi !!!!), cancerogeni; si infiltrano nella falda acquifera e tutti, ma proprio tutti li ingeriranno anche  se si beve acqua minerale: l’acqua si introdurrà sotto forma di frutta, verdura, acqua per la pasta, tè, caffè…latte, prodotti del latte: formaggi, yogurt ecc…

Marino Ruzzenenti è l’ambientalista che ha funto da detonatore confrontando la situazione di Brescia con quella del Vietnam, inquinato dalle diossine americane. 

Un giorno le mucche del signor Pierino Antonioli, zona Rose di Brescia, sono state tutte bruciate perché pericolosamente inquinate.

Per i politici è sempre stato meglio ignorare i pericoli di tutti gli inquinamenti che  spaventano e irritano i cittadini,  le  industrie. Non portava voti proibire le coltivazioni nelle zone inquinate e  vietare la vendita di prodotti inquinati…

Oggi hanno proibito i picnic in certe zone e le coltivazioni anche di tipo familiare, ma non è certo una soluzione al problema e non tutti seguono queste sagge indicazioni.

Si sono stanziati dei soldi per disinquinare, ma è meno di una goccia nell’oceano.

Decontaminare è costosissimo, quindi sino a poco tempo fa si era deciso di fare  come gli struzzi e poi…i tumori, ma anche oggi se ne parla troppo poco.

All’inizio la Caffaro produceva solo soda caustica, poi passò al Pcb usato nei trasformatori, lubrificanti, pesticidi, vernici e adesivi.

Sostanza tanto pericolosa che, dopo Seveso, ne venne proibita la produzione, ma intanto ha avvelenato la città di Brescia per mezzo secolo e ora tutto è ancora lì nei terreni, nell’acqua, nei prodotti agricoli, anche nelle verdure coltivate secondo i principi del “biologico”, se nella zona…

Cosa abbiamo riversato nel fiume Po nell’ultimo secolo !

Ma quante zone dell’Italia sono inquinate come Brescia; sicuramente molte più di quanto possiamo immaginare. Basti pensare a cosa abbiamo riversato nel fiume Po nell’ultimo secolo ! E quindi nel mare Adriatico, e poi ne mangiamo i pesci… i crostacei i molluschi…

 

 

MORBO DI PARKINSON: CAUSE E CURE

RICERCATORI ITALIANI FANNO RISALIRE A IDROCARBURI, SOLVENTI E PESTICIDI LA CAUSA DEL MORBO DI PARKINSON.

Articolo di Pia Bassi.

Quel corpo che a una certa età non riesce più a coordinare i suoi movimenti perché assalito da scariche di movimenti involontari può dare un nome alla sua malattia:

-il Parkinson, che non colpisce più in tarda età ma anche da giovani.

-Ora un gruppo di ricercatori italiani formato dal Dr. Emanuele  Cereda, medico nutrizionista, ricercatore presso la Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia e collaboratore della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e dal prof. Gianni Pezzoli, Direttore del centro Parkinson e Presidente della Associazione Italiana Parkinsoniani, AIP,

-hanno scoperto le cause che inducono il morbo, che negli ultimi decenni è cresciuto in modo esponenziale. Il lavoro è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista americana “Neurology” ed è consistito in una metanalisi di 104 studi che dimostra che

l’esposizione ad IDROCARBURI SOLVENTI o a PESTICIDI, è associata ad un aumento del 60% del rischio di sviluppare la malattia di Parkinson.

Gli idrocarburi solventi si trovano in molti prodotti, anche di uso quotidiano, che vengono a contatto con la popolazione, dalla casalinga al direttore d’azienda. Essi sono contenuti nel petrolio e suoi derivati:

-benzina, vernice, colle e trielina mentre i pesticidi comprendono composti organo clorurati e organo fosfati. Come si è giunti a queste conclusioni, lo racconta il Prof. Gianni Pezzoli: “E’ dagli anni ‘90 che osserviamo casi di Parkinson e parkinsonismo in pazienti che hanno lavorato a contatto di idrocarburi solventi senza alcuna protezione. La Fondazione Grigioni sponsorizzò uno studi per valutare il ruolo di questi fattori tossici ambientali. I risultati vennero pubblicati  su Neurology nel 2000. Abbiamo potuto documentare che un’esposizione prolungata agli idrocarburi solventi è correlata ad un’anticipazione dell’insorgenza della malattia ed ad una maggiore gravità dei sintomi. Molte di queste sostanze non sono più utilizzate nel mondo occidentale ma lo sono, purtroppo, nei paesi in via di sviluppo”.

Ecco i RISULTATI del lavoro promosso dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson:

“L’Esposizione ad idrocarburi solventi e pesticidi è associato al rischio più elevato del 60% di sviluppare la malattia, mentre i fungicidi non sono associati ad un aumento del rischio. Questo vale anche per il famoso DDT. Gli erbicidi sono associati ad un aumento del rischio del 36% (che aumenta fino al 72% nel caso dell’erbicida paraquat) e gli insetticidi in generale ad un aumento del 24%. La ricerca si è anche occupata del contesto dell’esposizione ed ha confermato che i contadini e le persone che vivono in campagna presentano un rischio lievemente aumentato di sviluppare il Parkinson (rispettivamente del 18% e del 14%), presumibilmente perché possono essere esposti a pesticidi e erbicidi.

Immaginatevi i danni sugli altri essere viventi, soprattutto mammiferi, quando questi prodotti finiscono nei corsi d’acqua dolce e poi nel mare e finiscono nella catena alimentare umana ed animale. Ma questa è un’altra storia che richiede un articolo a parte che sarà presto pubblicato su questo giornale.

CURE

-La Fondazioni Grigioni che ha promosso questo lavoro citato da tutti i media americani compresa la CNN,  è un ente morale che raccoglie fondi per la ricerca sul Parkinson.

Tutto il progetto idrocarburi-solventi si può consultare sul sito della Fondazione Grigioni :  HYPERLINK “http://www.parkinson.it” www.parkinson.it

 PIA BASSI

Risparmiare concretamente sulla tassa rifiuti – Ecologia pratica in Veneto – “ Equaazione – Tu ricicli – io ti pago ”

Per la prima volta a livello nazionale

Chi più ricicla paga meno tasse

Tassa rifiuti pagata e sconti sulla bolletta della luce

Cosa sono i Riciclatori Incentivanti

Al via in Veneto il progetto “Equaazione – Tu ricicli, io ti pago” realizzato da EverGreen Recycle, Savno, Consorzio Servizi di Igiene Territorio TV1 e Ascotrade.

Conferendo i rifiuti nei riciclatori incentivanti installati nei comuni di Conegliano, Vittorio Veneto e Oderzo, per la prima volta a livello nazionale sarà possibile risparmiare concretamente sulla tassa rifiuti semplicemente facendo bene la raccolta differenziata.

Savno riconoscerà 1 centesimo per ogni bottiglia inserita negli eco-compattatori e ogni mese al cittadino che più riciclerà nei 3 comuni partecipanti al progetto sarà pagata la TARI annuale a partire da Gennaio 2017.

Chi più ricicla paga meno tasse: questo lo scopo del progetto “Equaazione – Tu ricicli, io ti pago”, unico nel suo genere a livello nazionale, che ha preso il via nel Veneto nei comuni di Conegliano, Vittorio Veneto e Oderzo.

Realizzato in collaborazione con Savno srl, Consorzio Servizi di Igiene Territorio TV1 e Ascotrade srl, Equaazione punta a premiare i cittadini virtuosi che conferiscono i loro rifiuti (bottiglie di plastica PET) nei riciclatori incentivanti, dispositivi automatizzati per la raccolta e la compattazione di bottiglie di plastica.

Questi macchinari consentono di rilasciare ai cittadini, in cambio di ogni bottiglia PET conferita, un bonus in euro, da utilizzare in negozi o attività convenzionate, o soldi veri, reali e spendibili tramite 2Pay, l’app su smartphone che permette di semplificare il processo di pagamento abbattendo i costi delle transazioni.

Tassa rifiuti pagata e sconti sulla bolletta della luce

Ma la principale novità dell’iniziativa Equaazione sta nel fatto che, per la prima volta in Italia, i cittadini più virtuosi potranno risparmiare concretamente sulle tasse: Savno srl riconoscerà un centesimo per ogni bottiglia inserita e da gennaio 2017 ogni mese il cittadino che più riciclerà nei 3 comuni partecipanti al progetto potrà considerare pagata la sua TARI annuale. Ascotrade, sempre da gennaio 2017, scalerà invece ai propri clienti i centesimi accumulati con il riciclo direttamente dalla bolletta della luce.

Il primo eco-compattatore del progetto Equaazione, ideato da EverGreen Recycle, è stato inaugurato a Conegliano, in Via Cristoforo Colombo 84, sabato 19 novembre alla presenza del Sindaco Zambon, dell’Assessore Toppan, del Presidente del Consorzio Servizi di Igiene Territorio TV1 Giampaolo Vallardi, del presidente di Ascotrade Spa Stefano Busolin, del Presidente di Savno srl Giacomo De Luca e del Presidente Ascom Conegliano Luca Da Ros. Dal Presidente della Regione Veneto Luca Zaia sono giunti i saluti e gli auguri per la lodevole iniziativa, nata da tecnologia e innovazione di aziende venete, apprezzata da un folto pubblico di presenti.

Cosa sono i Riciclatori Incentivanti

Un sistema incentivante che ha come scopo principale quello di invogliare i cittadini a compiere la corretta raccolta differenziata e che allo stesso tempo consente di salvaguardare l’ambiente, migliorare l’arredo urbano, stimolare l’economia locale grazie agli accordi tra amministrazioni ed esercizi commerciali. Il progetto permette inoltre di realizzare una raccolta differenziata di qualità: gli eco-compattatori prodotti da Eurven srl, azienda del territorio, sono infatti predisposti per differenziare la tipologia di rifiuto materiale raccolto, riducendo fino al 90% il volume iniziale.

Il macchinario è programmabile da qualsiasi dispositivo connesso ad internet, come ad esempio uno smartphone, e, attraverso una app dedicata, il gestore può monitorare tutta una serie di elementi: i dati di raccolta, la CO2 risparmiata, quanti pezzi sono stati conferiti, capire quando il macchinario è pieno, quanti coupon emessi e raccogliere i dati dei cittadini attraverso anche la lettura della loro tessera sanitaria o codice fiscale. Da remoto, inoltre, può programmare gli sconti da assegnare al singolo conferimento a seconda della scelta dell’attività merceologica.

Chi è Eurven

Eurven è leader nei sistemi a monte di raccolta differenziata, compattazione e riciclo rifiuti. Tra i suoi clienti Coca Cola, Ikea, San Benedetto, Despar, Conad, Coop, Pam, Panorama, Autogrill, Unes, Gardaland, Mirabilandia, Leroy Merlin e molti altri.
Maggiori informazioni su: www.eurven.com