MARRAKECH MARRAKECH …MAROCCO !

photographe

QUI E’ POSSIBILE QUASI TUTTO ANCHE:

-passare dal caldo della valle all’aria pura delle cime.

-Un vero lusso: lasciare la piscina del vostro hotel, andare a sciare in montagna per tutta la giornata.

VEDI ANCHE AL LINK: https://www.donnecultura.eu/?p=8871

Marocco. La-citta-blu

Marocco scarpe b

Marocco cibo

Il-grand-tour-del-Marocco

Marocco Rabat A-l-abri-des-murailles   Marocco rabat A-l-abri-des-murailles

 

Festa Marocco 2014

Un giro nella medina o una passeggiata nella piazza Jemaa El Fna sono irrinunciabili. Il vero viaggio inizia adesso. Come

andare indietro nel tempo, i riferimenti cambiano, non è più una questione di chilometri percorsi. In un istante è

il passato che ritorna con i narratori e gli artisti di strada, gli incantatori di serpenti e i maghi che preparano pozioni e cure segrete.

-A due passi, sulla fontana Chrob ou Chouf, nei pressi della moschea Ben Youssef, una delle iscrizioni cesellate invita il passante a “bere e a vedere ciò che succede” (chrob ou chouf).

Marrakech custodisce innumerevoli tesori e fra questi i famosi riad (“giardino” in arabo), dimore completamente chiuse all’esterno e articolate intorno a un patio centrale.

-Spesso trasformate in hotel o ristoranti, sono uno dei simboli dell’arte di vivere marocchina.

Sciare sull’acqua o sulla neve

 A soli venti minuti da Marrakech, il lago di Lalla Takerkoust offre sette chilometri di esplorazioni in pedalò, in barca o in scooter d’acqua!

-Non lontano da qui, una delle stazioni invernali più grandi di tutta l’Africa vi aspetta a Oukaimeden, nell’Atlante.

-Immaginate il panorama che si presenterà ai vostri occhi a 3 300 metri di altitudine! A sud di Oukaimeden, potrete dedicarvi alle escursioni inerpicandovi sul monte Toubkal (4 167 m).

-Una valida organizzazione, una guida certificata e una buona forma fisica vi permetteranno di realizzare questa ascensione senza grandi difficoltà.

-Così, in pochi istanti, potrete passare dal caldo della valle all’aria pura delle cime. Un vero lusso: lasciare la piscina del vostro hotel, andare a sciare in montagna per tutta la giornata e infine ritrovare la dolcezza delle serate di Marrakech.

-JARDIN MAJORELLE RUE YVES SAINT LAURENT www.jardinemajorelle.com Y.St Laurent acquistò il giardino botanico Pierre Bergé, creato dal pittore Jaques Majorelle: oggi un paradiso in città.

-THE’ ALLA MENTA: Dar Cherifa, 8 derb Cherfa Lakbir, ingresso libero, caffé letterario e pasticcini o cus-cus di verdure; eventi e mostre

BELLEZZA i migliori rituali LA MAMOUNIA SPA, mamounia.com ; nel leggendario albergo

-LA MAMOUNIA; tra giardini e alcove principesche, la cerimonia dell’Hammam, tutto con prodotti naturali come l’olio di Argan e il sapone nero

-CASA BOTANICA FLOWER POWER: appena fuori città per un caffé alternativo con prodotti a Km. 0 e succhi fatti in casa www.flower-power-cafe.com

OASI LA PAUSE: lusso nel deserto fuori Marrakech, www.lapause-marrakech.com almeno per 1 notte, solo candele, stelle e nessun rumore.

 TANGERI

Henri Matisse fu stregato dal bagliore accecante e magico di questo luogo e vi dipinse diversi quadri.

 -Eugène Delacroix chiama Tangeri la Ville Blanche, riprendendone i riflessi tremolanti della grande calura, come in un miraggio

 -gli odori sono di spezie, frutta e semi; ma  non ha nulla di turisticizzato come le inevitabili bottegucce di souvenir internazionali; veri negozi di barbiere in miniatura o sartoria, ma anche alimentari a prezzi “africani”, se saprete contrattare

 –il Museo della Kasbah è difficile da trovare, ma è anche un angolo di paradisiaco frescume e grandi mosaici, un trionfo di Venere circondata da ninfe e ancelle…nella kasbah ha vissuto lo scrittore Paul Bowels, vi arrivò per consiglio di Gertrude Stein

 -il giardino pensile del sultano, foresta di rose, melograni, banane…mandarini (tagerine in inglese)

 –Tangeri è la città dei due mari: Mediterraneo e Atlantico, dove ammirare una sfumata Gibilterra.

l’Hotel Continental

 -l’Hotel Continental si trova nella Medina,  ed ha una meravigliosa vista sui mari ed il porto vecchio, un albergo da veri viaggiatori; foto antiche testimoniano la presenza di Hanphrey Bogart, altre di Bertolucci (Tè nel deserto), Ford Coppola, Irene di Grecia… nulla a che vedere con i modernissimi della zona Cap Malabata!

DOVE ANDARE:

GRAN CAFE’ DE PARIS

-14 km. verso il faro di Cap Spartel, nella Vielle Montagne si ammirano le ville kitch del principe del Kuwait, del sovrano dell’Arabia Saudita…e Villa Joséphine, ora trasformata in un hotel di lusso da sogno; più avanti i gruppi di turisti visitano le Grotte d’Ercole, leggendaria alcova e sede di trascorse feste trasgressive; interessanti per il clima fresco che vi si respira.

-oggi la città è una continua caotica espansione..

Le autostrade sono sicure e ben segnalate, si può noleggiare un’auto in aeroporto e raggiungere la costa senza problemi Essajuira e altre località marine sull’oceano offrono anche tanto pesce a buon prezzo.

-Fuori dai soliti itinerari, con un bel clima

ESSAJUIRA

-soprattutto nelle mezze stagioni ESSAJUIRA merita un soggiorno. Anche se non è più la meta agognata solo da una ristretta elite di ricchi vagabondi, amanti dell’arte, il fascino delle sue mura a picco sul mare è invariato, come le spiagge e il vento per i surfisti. Sul lungomare si mangia pesce appena pescato e cucinato ancora a prezzi ragionevoli, ma non ovunque.

EL JADIDA SAFI, sempre sull’Oceano Atlantico, ma ancora incontaminata dal turismo.

Se pretendete una meta sconosciuta allora dovete puntare su EL JADIDA SAFI, sempre sull’Oceano Atlantico, ma ancora intatta. Qui troverete il fascino di Essajuira degli anni ’70. Prezzi molto buoni.

 Dichiarata Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco, l’antica Mazagan diventò El Jadida (la nuova) nel 1815 .

-Molto ben conservata, El Jadida offre uno

-scenario storico e romantico perfetto per bighellonare e godersi il mare.. I Portoghesi edificarono questa città fortificata che inizialmente era dotata di cinque bastioni. Oggi ne rimangono solo quattro. Li scoprirete percorrendo il percorso della ronda perfettamente conservato. Il bastione dell’Angelo offre una bella vista sulla città, il porto e il mare. Il bastione San Sebastiano conserva un’inquietante cappella dell’Inquisizione. Una rampa permette di scendere alla Porta del Mare. Questo deposito che si affaccia sull’acqua permise la fuga dei Portoghesi nel 1769.

-Risalendo la via principale troverete la cisterna portoghese. Caduta nell’oblio, fu riscoperta per caso nel 1916. Un pozzo di luce illumina il centro di questa sala sotterranea sostenuta da cinque file di colonne.

Un magnifico scenario dove sono stati girati film quali Otello di Orson Welles o Harem di Arthur Joffé.

-Proseguendo la passeggiata incontrerete la chiesa dell’Assunzione accanto a una moschea con un minareto unico nel suo genere. E’ probabilmente l’unico minareto al mondo di forma pentagonale.

 Dintorni: Oltre alle belle, gradevoli e tranquille spiagge della costa nord e sud di El Jadida, a 17 km da Azemmour si trova l’antica capitale del paese, Doukkala, posta alla foce del fiume Oum Errabia, rinomato per le sue succulenti alose (simili alle sardine). Godetevi una simpatica passeggiata tra le antiche vie della medina.

—-

Una puntata al di là delle dune di Mogador vi condurrà a Essaouira e al suo retaggio storico.

Dall’alto dei bastioni osserverete la fierezza dell’Atlantico e al porto saluterete i pescatori che rientrano con le barche cariche di pesce. Attraversando la porta Bab El Marse penetrerete nella medina, dichiarata Patrimonio mondiale dall’Unesco, per incontrare gli intarsiatori e gli ebanisti più famosi del Regno. A pochi minuti dal vivace fermento di questo luogo ritroverete rapidamente la pace del vostro giardino dell’Eden: il resort Mogador.

Rabat 

 Oceano, medina e casbah degli Oudayas sono il cuore pulsante della capitale marocchina.

Una medina sorprendente

La muraglia degli Andalusi, costruita in argilla compressa nel XVII secolo, protegge la zona sud della medina. La vecchia città sorprende per il suo tracciato rettilineo, molto diverso dall’abituale dedalo di viuzze. L’accesso è possibile dalla porta Bab El Had dove la domenica si tiene il mercato.

Qui inizia la rue Souika, la via più grande e probabilmente più animata della medina. Essa conduce alla Grande Moschea e termina nel suq Es Sebat, il mercato delle calzature, coperto di stuoie di giunco e traboccante di centinaia di babbucce, di articoli di pelletteria e di artigianato, oltre che di gioielli in oro e argento.

Poi ecco la rue des Consuls, la via dei Consoli, parzialmente coperta da vetrate, dove gli artigiani lavorano sotto i vostri occhi e realizzano tappeti di lana a pelo lungo, stoffe e oggetti in rame. Risalendo verso nord, ci si avvicina alla porta degli Oudayas.

 La casbah degli Oudayas

Questo quartiere fortezza ha conservato i suoi antichi cannoni posizionati su un bastione.

La sua porta, bella e massiccia, è interamente scolpita e una delle torri ospita tre gallerie d’arte.

Le facciate bianche e blu creano un’atmosfera molto mediterranea. Le sue vie lastricate conducono alla moschea El Atiqa, la più antica della città, poi al belvedere chiamato Plateforme du Sémaphore.

Da qui, così come dalla terrazza del Café Maure che si trova proprio accanto, la vista su Rabat, la vicina Salé e l’incontro dell’uadi Bouregreg con l’oceano è semplicemente splendida.

Su in alto, il palazzo degli Oudayas, che oggi ospita il museo nazionale, ha conservato le sue decorazioni originali, simboli di sobrietà ed equilibrio. Il giardino andaluso ai suoi piedi è un’oasi ricca di alberi da frutto, oleandri e cascate di bouganville.

 Ufficio del Turismo http://www.visitmorocco.com/index.php/ita/content/view/full/2

LUSSO A MARRAKECH:

MAROCCO Marrakech riad lusso DarDarma_02

UN SOGGIORNO A DAR DARMA IN UNA STAGIONE RICCA DI EVENTI

Numerosi gli eventi in Marocco nei mesi di maggio e giugno, 

dal festival delle Rose agli eventi musicali della Gnaoua e delle Musiche Sacre

 – Gli ospiti che soggiorneranno a riad  http://www.dardarma.com/Dar Darma, dimora privata nel cuore della Medina a Marrakech, durante i mesi di maggio e giugno, avranno la possibilità di partecipare a suggestivi eventi della tradizione marocchina e a interessanti manifestazioni musicali, dal Festival delle Rose al Festival della Gnaoua a quello delle Musiche Sacre, tutti fuori città ma facilmente raggiungibili con escursioni di 2 giorni.

 A maggio anche la città Marrakech si anima per lo storico Festival delle Rose, uno fra gli eventi più caratteristici del Marocco che festeggia la raccolta della rosa damaschina nei roseti che si estendono a perdita d’occhio per la valle del fiume Dadès e nel vicino villaggio di El Kelaa M’gouna. La valle si tinge di rosa dando vita a uno spettacolo molto suggestivo e che sprigiona un intenso profumo che i venti del deserto portano fino in città. Il villaggio invece si anima di vivaci celebrazioni interamente dedicate a questo fiore con danze, musica a cui partecipano vari gruppi etnici con costumi originali provenienti da tutto il paese e parate floreali.

 Nel mese di giugno il Marocco ospita anche altri due importanti eventi culturali dedicati alla musica: la 17° edizione del  HYPERLINK “http://www.festival-gnaoua.net/en/” Festival della Gnaoua, una manifestazione di musica contemporanea con artisti africani noti a livello internazionale, che dal 12 al 15 giugno anima la città di Essaouira a due ore da Marrakech e il Festival delle Musiche Sacre, festa spirituale che si tiene ogni anno a Fez dal 13 al 21 giugno.

 In occasione di questi eventi Dar Darma organizzerà

-su richiesta i trasferimenti dei suoi ospiti sui luoghi coinvolti dalle manifestazioni. Il calendario della stagione, ricco di eventi, è una ragione in più per una breve sosta nel caratteristico Riad Dar Darma, per tutti coloro che desiderano

-una pausa rilassante immersi nella calda atmosfera delle sue suite o sulle terrazze sorseggiando del buon tè, alla scoperta delle tradizioni del Marocco.

Il riad, da sempre molto sensibile e ricettivo in materia di eventi culturali, offre agli ospiti la possibilità di godere della bellezza della tradizioni marocchine già a partire dai momenti di soggiorno all’interno della struttura.

 – Il Dar Darma ( HYPERLINK “http://www.dardarma.com” ) è un

-lussuoso Riad del XVIII secolo situato nel cuore della Medina, a pochi passi dal Museo di Marrakech. Le 4 lussuose suite (2 Patio suite, la suite degli Specchi e la Orange suite) e i 2 appartamenti (Blu e Rosso) sono superbamente arredati e ricercati nei decori.

-Offrono sale con camino, una o due camere da letto e servizi. Le aree dining, le terrazze con salotti ombreggiati, zone sole e piscina completano l’esclusiva offerta della maison.

Dar Darma accoglie gli ospiti con ampi spazi, un’atmosfera elegante e di assoluta privacy, un servizio personalizzato e al tempo stesso informale. Lo Chef propone piatti tipici della cucina marocchina realizzati tutti i giorni con prodotti freschi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*