LUSSO . UN’ISOLA PER POCHI FORTUNATI: SYLT .

www.sylt.de

SYLT nm

Sylt dc

Sylt dc

Sylt n

CIBO 672 PESCE CROSTACEI RISTORANTI

Spiagge bianche;

-2.000 ore di sole all’anno, le più lunghe di tutta la Germania, natura incontaminata,

-dune dove in estate fa caldo come sul mediterraneo,

-ristoranti a tre stelle, ma anche bistrot sulla spiaggia e

-club di golf esclusivi.

Sylt sta ai tedeschi come la Toscana sta agli Italiani, Saint-Tropetz ai francesi, Martha’s Vineyard agli americani e le zone più sconosciute delle Baleari agli spagnoli.

L’isola fu scoperta dai facoltosi mercanti di Amburgo a metà Ottocento e nel Novecento fu meta del meglio della cultura tedesca.

La maggior parte dell’isola è parco naturale e le autorità locali sorvegliano molto scrupolosamente l’edilizia e l’urbanistica.

-Sylt: ricchissima  di sentieri per le passeggiate e di piste ciclabili.

-Syl: rinomata anche per la talassoterapia.

-Sylt: l’isola scelta da Roman Polansky per  ambientare “The Ghostwriter” e da Thomas Mann per ambientarvi il suo più famoso romanzo.

Dall’ aereo, in una soleggiata giornata estiva, l’isola ha i medesimi colori delle isole tropicali, ma con acque ben più fredde.

Qui si sono tenuti i campionati mondiali di wind-surf e i viaggiatori (tanti) o turisti (meno), prendono il sole e trascorrono il tempo in spiaggia avvolti dalla protezione dei mitici sofà di vimini con la tettoia in  tela a strisce bianche e blu.

Qui si viene anche per mangiare dell’ottimo pesce, ostriche e aragoste, ma anche fantastiche aringhe ben cucinate o affumicate.

Ovunque troverete conigli selvatici che corrono lungo le distese di erica.

Nella parte più a nord dell’isola; la più esclusiva, le ville antiche hanno ancora i tetti di paglia; un  vero lusso e tanto romanticissimo.

Solo la capitale Westerland ha l’aspetto della tipica città frequentata da turisti; il resto dell’isola è frequentata più da viaggiatori che da turisti.

Chi vuole raggiungere Sylt in macchina deve caricare la macchina sul treno (sulla terraferma, a Niebüll) che, attraverso la diga, arriva  fino al centro dell’isola; a Westerland.

VIAGGIO:

-in aereo con Air Berlin volo diretto, minimo  250 euro a/r; oppure con scalo ad Amburgo con Easy Jet , Ryan Air…(da 45 euro)

-da Amburgo in treno o traghetto.

DORMIRE:

-THE A-ROSA www.resort.a-rosa.de da 250 euro, sulla spiaggia, spa con talassoterapia; un ristorante  due stelle Michelin per gustare frutti di mare e crostacei. Il secondo ristorante, giapponese,  vanta una stella.

MANGIARE:

-BUHNE 16, pesce pescato al mattino, tavoli sulla spiaggia.

-GOSCH, si ordina al banco e si paga secondo il peso: scampi, aragoste, sogliole, tonno, aringhe ecc..

-SANSIBAR, 45 mila etichette da tutto il mondo in cantina, sulla spiaggia, tutto freschissimo.

SYLT INFORMAZIONI: 

-nord-sud: 38 km

-est-ovest: 12,5 km max larghezza

-abitanti: 21.200

-turisti:   780.000 c.a.

-pecore:  3.000

-capoluogo: Westerland (9.000 abitanti)

-lunghezza della diga che collega l’isola alla terraferma: 11 km

-la duna più alta: 53 m

-da Sylt ad Amburgo: 235 km

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*