Vergognose pubblicita’ di bambini … anche molto sofferenti

LE ONLUS PER LEGGE NON DEVONO PUBBLICARE BILANCI E GUADAGNI DEI DIPENDENTI

Vi sembra giusto e serio ?

Sarebbe interessante capire se i responsabili (presidenti ecc…) delle ONLUS, di tutto il mondo, siano i primi a rinunciare ad alti compensi per donare all’associazione …

FOTO DI BAMBINI SOFFERENTI O MORIBONDI NELLE PUBBLICITA’ CHE CHIEDONO SOLDI

LA PUBBLICITA’ SUGGERISCE ANCHE DI LASCIARE L’EREDITA’ ALLE ONLUS PER ESSERE RICORDATI … che effetto può avere questa pubblicità su persone anziane con problemi cognitivi vari …? I parenti cosa ne dicono ?

Premesso che sino a qualche anno fa era proibito utilizzare foto di bambini che suscitassero compassione …

ECCO COSA SUCCEDE OGGI: pubblicità di H&M: bambino nero indossa umiliante felpa con scritta “La scimmia della giungla”

UN MARKETING ASSAI POCO UMANITARIO , MA CHE SEMBRA PUNTARE, SENZA FARSI SCRUPOLI, ALL’INCASSO… !!!

Gli obblighi di legge SULLA TUTELA DELL’IMMAGINE DEI MINORI ? Dove sono finiti ?

Siamo stanchi di vedere immagini di bambini ammalati e in procinto di morire di fame, sbattute in televisione, con sempre maggiore  frequenza e insistenza in alcuni canali, TV.

Giocando sull’  emotività, anche di persone povere e anziane, si cerca di commuovere senza porsi scrupolo nel porre bimbi in condizioni penose in primo piano sullo schermo … chiedendo  “solo” 9 euro al mese; ma si tratta di quasi 100 euro all’anno… una cifra importante per coloro che hanno una pensione dai 500 a  1.000 euro al mese!

E NON SI PRECISA PER QUANTO TEMPO… come si potrà terminare questa sottoscrizione ? Ci saranno dei problemi per cancellare la donazione che non ha termine di tempo? 

lo dice anche, e per la seconda volta, il giornalista PIETRO VERONESE sul “Venerdì” ( rubrica fissa: “Follow the people” 7 agosto 2015) e noi condividiamo in pieno !

L’ attento articolista scrive (riportiamo solo alcune righe e abbiamo arbitrariamente messo il maiuscolo, per evidenziare la nostra approvazione): 

“Non è la prima volta che ci occupiamo della Comunicazione di ” SAVE THE CHILDREN …. Per la precisione la terza. La prima fu per dissentire. La seconda per encomiare. QUESTA VOLTA IL DISSENSO NON BASTA. QUESTO SPOT E’ IGNOBILE, INDEGNO DI UNA GRANDE ONG CHE PROCLAMA DI STARE….”

“SI VEDE UN PICCOLO AFRICANO VENTRE GONFIO, COSTOLE SPORGENTI SI CHIAM JOHN, ci informa la voce fuoricampo…non ha mangiato dice la voce…La mamma non ha i mezzi per nutrirlo. Nove euro al mese e lo salverai…

Non sappiamo né dove, né come, né perché…

PUBBLICITA’ ROZZA PORTA DENARO INCONSAPEVOLE PER PROGRAMMI SBAGLIATI. INCASSERETE OGGI, MA CI PERDERETE DOMANI”.

Grazie a Pietro Veronese per avere trovato le giuste parole per spiegare il rigetto che anche noi sentiamo davanti a questa pubblicità che sembra dettata SOLO DA UN MARKETING ASSAI POCO UMANITARIO , MA CHE SEMBRA PUNTARE, SENZA FARSI SCRUPOLI, ALL’INCASSO… !!!

20 comments

  1. Gentile Redazione,
    abbiamo letto con interesse e attenzione il vostro articolo e quello di Pietro Veronese sul Venerdi di Repubblica, densi di considerazioni che ci interpellano, come organizzazione e come individui. Ci sembra tuttavia doveroso fare alcune precisazioni che possono contribuire a fare maggiore chiarezza sull’argomento e che crediamo possano essere utili a comprendere anche il nostro punto di vista.

    Save the Children dal 1919 lotta per i diritti dei bambini e per migliorare le loro condizioni di vita in tutto il mondo. La nostra missione è dunque anche quella di sensibilizzare le persone sulle terribili condizioni di vita in cui tuttora vivono milioni di bambini, cercando di stimolare una reazione fattiva, di aiuto concreto. Troppo spesso si chiudono gli occhi su situazioni intollerabili: ancora oggi, per esempio, oltre 6 milioni di bambini muoiono prima di aver compiuto 5 anni per malattie curabili e prevenibili come la dissenteria e la malaria e la malnutrizione continua ad essere la principale concausa della mortalità infantile in molti paesi.

    La storia di Jon, il protagonista dello spot, è una delle tante che quotidianamente incontrano i nostri operatori e che rappresenta la condizione di molti bambini che ogni giorno muoiono a causa di quelle malattie o della malnutrizione. Ma la storia di Jon è anche la storia di un bambino che ha avuto la possibilità di essere curato. Una donazione di 9 euro mensili, come quella che viene promossa nello spot, per lui e per altri bambini come lui, può fare la differenza tra la vita e la morte: è infatti con quella cifra che è stato possibile somministrare a Jon cibo altamente proteico per 3 settimane, in grado di salvare la sua vita. Nel 2013, anche grazie ai nuovi sostenitori raggiunti attraverso questo spot, Save the Children Italia ha portato aiuto a 3 milioni di bambini e ha risposto a 44 emergenze, soccorrendo 300.000 fra adulti e bambini.

    Tutte le immagini dello spot, sono state girate all’interno dei progetti di Save the Children e, prima di realizzarle, abbiamo spiegato ai genitori dei bambini come sarebbe stato utilizzato il materiale video raccolto e abbiamo ottenuto il loro consenso, abbiamo messo al corrente le comunità presso le quali operiamo su come vengono documentate le loro esperienze e loro condizioni di vita. La maggior parte delle famiglie ha molta voglia di far sentire la propria voce, desidera che la propria storia sia conosciuta e spera che attraverso la raccolta fondi si possano aiutare altre famiglie in situazioni analoghe.

    Lo spot in questione, infine, non si rivolge a persone povere e anziane, ma a tutto il pubblico televisivo, che viene invitato a telefonare spontaneamente ad un numero verde per fare una donazione volontaria di 9 euro al mese, che in un anno sono 108 euro e non 1000, come erroneamente riportato nel vostro articolo. Pur essendo consapevoli che anche 9 euro al mese siano una cifra significativa per molte persone che affrontano grandi difficoltà economiche, ciascun telespettatore può liberamente decidere se effettuare o meno la donazione e contribuire a cambiare la vita di tanti bambini come Jon.

    1. Dopo avere visitato lo Sry Lanka un anno dallo tzunami ho verificato di persona che nessuno dei poveri contadini e pescatori aveva ricevuto soldi per rifare la casa.. e ne ho sentiti tanti in luoghi diversi, insomma non ho parlato con nessuno che mi abbia detto e mostrato una casa rifatta con soldi ricevuti…anzi gente locale con soldi a disposizione aveva acquistato i loro terreni per un prezzo vergognosamente basso e stava per costruirvi alberghi… Ho fatto un tour del Paese e ho partecipato anche a diversi matrimoni, quindi ho parlato con moltissime persone.

      Perché dopo i vari pietosi e numerosissimi appelli di raccolte di denaro del dopo tzunami, non ho visto altrettante trasmissioni che parlassero di dati sul numero delle case rifatte, sulla cifra data a ogni pescatore per ricostruirsi la barca..

      Ha considerato un vero tradimento il non avere dedicato altrettanto tempo, in TV e sui vari media, a precisare, doverosamente, con puntuali filmati, quanto era stato fatto nei vari Paesi; visto che la gente comune aveva dato tanto generosamente..

      Si sarebbe dovuto parlare e scrivere in modo che tutti potessero verificare, come e dove era finita quella immensa montagna di soldi.. ho visto solo sporadiche e scarse informazioni al riguardo.. questo non fa onore a chi deve occuparsi di comunicazione per le grandi Onlus.

      Ovviamente non sto parlando per voi, sto parlando di tutte le grandi e piccole Onlus; a proposito quante sono ? Quanto spendono per servizi, stipendi, pubblicità e quanto spendono per gli aiuti concreti ? Tutte le ONLUS dovrebbero diffondere questi dati, anche con le percentuali in TV e attraverso tutti media ogni anno..

      Voi siete una potenza e potete invitare tutte le Onlus, dare e pretendere dati da comunicare ai cittadini; invece di mostrare facce di bimbi che soffrono…le onlus quanto raccolgono ogni anno ? Quanto spendono, in percentuale solo per aiuti?
      Quanto spendono per stipendi, a quanto ammontano gli stipendi annuali dei dipendenti? Quanti viaggiano in aereo in prima classe a spese delle Onlus?

      Se spendeste il 90% di quello che incassate per aiuti concreti avrete molti sostenitori…

      Ora rispondo direttamente alle parole della vostra mail:

      Spiacente, ma non posso che ribadire quanto il pubblico televisivo sia ormai limitato soprattutto a persone di una certa età; i giovani guardano soprattutto internet.

      Perché non dite che i “pochi” soldi che chiedete mensilmente corrispondono a oltre 1.000 euro all’anno? E per giunta è un contratto non a termine; quindi si deve seguire una procedura per chiuderlo… quanti sono in grado di conoscere la procedura… voi non la precisate in televisione; ci si deve rivolgere ad internet per conoscerla? ? Quante sono le persone in grado di seguire tale procedure; quanti gli anziani ? E quelli che si trovano licenziati da un giorno all’altro ? Devono anche farsi carico di seguire la procedura per non perdere altri soldi ?

      Dall’alto delle vostre conoscenze forse non sapete come vanno le cose tra la povera gente; che non ha internet, non ha computer in casa…non sa nemmeno come usarli …sto parlando di Italia.. non del Benin !!!

      Forse voi, dati gli alti stipendi dei dirigenti; di cui sono al corrente, non capite che chi riceve una pensione o guadagna meno di 800/900 euro al mese, e sono tantissimi anche in Italia, ancora di più in Grecia ecc..NON mi risulta vengano aiutati da nessuna organizzazione Onlus, nessuno di quelli che consoco io ed è gente che si priva della carne e dei medicinali delle cure dentistiche… e ricordo che a Como, la mia città, ci sono circa 300 o più Onlus…
      .
      Tornando a voi, almeno chiarite bene nella pubblicità quanto si deve sborsare ALL’ANNO, SI SA CHE LA GENTE COMUNE, SOPRATTUTTO CHI E’ PRESO DA GENEROSITA’ E POCA ISTRUZIONE E MAGARI CON TUTTE LE CARENZE MENTALI DELL’ETA’ si lasci suggestionare dalla piccola cifra che moltiplicata solo per 5 anni diventa …. 5.000 euro QUANTI DI QUELLI CHE GUARDANO LA TV POSSONO TOLGLIERSI 5 MILA EURO SENZA DOVER AFFRONTARE LIMITAZIONI ANCHE GRAVISSIME ? ..il dentista può chiedere anche 4.000 euro per un’implantologia… il rifacimento del tetto condominiale compresi altri lavori, comportano 12.000 euro di spesa imprevista per una mia amica pensionata…che non sa come pagarli…sarebbe onesto almeno parlare di cifra annuale e precisare come bloccare i pagamenti; in modo semplicissimo…in caso di problemi economici…

      Inoltre la mia sensibilità è offesa dalle immagini mostrate, come madre non ammetto che un bimbo in certe condizioni venga mostrato così brutalmente; inoltre avendo viaggiato molto ed anche in paesi poverissimi; non ho bisogno di immagini umanamente spaventose per sapere la realtà del mondo. Ed ogni persona che è interessata agli altri sa che metà del mondo soffre la fame e di peggio…

      Non ho ancora visto in televisione i dirigenti di tutte le importanti o piccole ONLUS presenti sul posto dove si ammassano migliaia di migranti; nemmeno le migliaia di dipendenti…

      Da quello che vedo in TV sono i vari governi e la povera popolazione locale che sta dando da mangiare alle migliaia di immigrati che stanno arrivando…

      Vorrei vedere altrettante migliaia di persone, so che esistono, dipendenti delle varie ONLUS mondiali e locali; Como ha circa 300 onlus delle quali non ho visto un solo rappresentante presente dove gli immigrati sono assiepati come animali..

      Il numero delle ONLUS modale è sconosciuto perché voi, così importanti e potenti, non fate da traino da esempio dando dati e numeri di persone, stipendi, precisando mansioni e cosa hanno fatto ognuno di loro.

      Perché invitate, ufficialmente con messaggi televisivi pubblicitari, le varie onlus a mettere chiaramente nella home page quanto incassano, quanto guadagnano i vari dipendenti e il loro C.V, compreso quanti bambini hanno slavato .. quanti pensionati sono stati aiutati.. Se tutti scrivono, e voi potete invitare la concorrenza a fare questo, chi non lo farà vuol dire che ha qualcosa da nascondere allora sapremo a chi dare i soldi, se abbiamo la possibilità di darli… e se li meritano…

      Anche la più piccola ONLUS deve esser da voi invitata a scrivere, ben chiaro sulla home page, il riassunto del bilancio gli stipendi e le mansioni, il numero dei viaggi il tempo di permanenza e cosa hanno fatto di concreto, le qualifiche il C.V. di chi è stipendiato o i vari bonus, i nomi di chi viaggia in prima classe e la loro qualifica..

      Perché non diffondete i dati e i numeri delle persone, compresi i loro stipendi, che stanno aiutando gli immigrati che spingono alle frontiere ?

      Perché non parlate di cosa state facendo nei vari paesi come la Libia.. nel deserto sahariano per arginare o impedire le violenze quotidiane sulle donne che tentano di emigrare, perché in quei posti, pericolosi, anche in Italia si parla di tratta di bambini immigrati perché non mostrate cosa state facendo; i numeri di quanti ne avete scoperti e salvati di pedofili che approfittano dei bambini che rimangono soli tra i migranti…o dei “cacciatori” di organi…freschi.. e giovani ..

      Vi auguro tutta la serenità che merita chi lavora onestamente per un nobile scopo.

      donnecultura.eu

      Currenti calamo

    2. Perche donare 9 euro al mese per poi dover accoglierli in italia obbligatoriamente dandone 1000 a testa ? Perche non si fa educazione sessuale agli africani evitando cosi un numero cosi grande di figli che non vivranno? Perche non si fa niente per limitarli ma si fa di tutto per far sentire in colpa le persone? Sara’ una causa nobile la vostra,ma senza capo ne coda, che non portera a nessun miglioramento…anzi..portera ad un aumento di espatri, un aumento del razzismo e un aumento di morti.

  2. Buongirno
    io sono uno che oer gli scorsi 9 anni ho donato 25 sterline al mese a Save the Children UK. Visto che ho Sky itaiano, mi devo sorbire i vostri “messaggi promozionali” tre-quattro volte algiorno. Per le ragioni esposte sopra, alla fine ho detto basta. Ho chuso il mio direct debit, ho spostato la mia beneficianza su una altra organizzazione (Oxfam), ed ho fatto sapere a STC UK che ho chiuso per via delle incessanti grossolane immagini che usa STC Italia. Loro mi hanno scritto che non lo fanno.

    Quindi la vostra politica televisiva non vi porta solo introiti ma ve li fa anche perdere.

    FDG

  3. Belle parole signora Donneculture, penso che dietro tutte queste Onlus ci sia qualcosa di poco chiaro. Ha ragione di chiedere conto pubblicamente di quanto incassano e di quanto spendono, ma non è nelle loro intenzioni dare troppe informazioni se no nel bilancio che omette voci specifiche come la pubblicità che oramai in certe reti è diventata martellante non non certamente invitante. Quando parle la pubblicità mi dispiace dirlo ma si beccano da parte mia mille maledizioni, perche penso che con i soldi spesi in un minuto , finendo nelle tasche degli amici, si potrebbe fare veramente qualcosa di meglio. Giocano sui sentimenti delle persone sensibili e questo a loro basta per incassare milioni di euro che gestiranno a loro uso e consumo. Ho letto che il presidente è Montezemolo, bhe la dice tutta….Oramai la pelle di chi è in difficoltà è un business per certe persone….Grazie per quanto ha risposto al rappresentante della Onlus è stata chiara mettendo in mostra in certi casi la meschinità di tanti lucratori. Saluti.

  4. Sarebbe ora di diminuire tutta la pubblicità..sia Real time che Spike ne sono colme…ad ogni stacco pubblicitario sono presenti…e basta…fanno venire la nausea!!! Mio figlio che guarda i canali con me mi chiede di cambiare canale ogni volta.. va bene informare ma lo stolker mi sembra eccessivo…e caspita!!!

  5. Io personalmente, quando vedo alla tv la pubblicità di teleton, filo doro,save the children, ecc. O cambio carnale o tolgo l’audio, ma non perché mi diano fastidio le immagini, perché mi fa oltremodo incazzare il cinismo di queste onlus, che puntano spudoratamente a raccogliere soldi per intascarseli, sfruttando ancor più le sofferenze di quei poveri disgraziati, che oltre ad essere sfortunati sono anche sfruttati per impietosire le persone sensibili e generose.
    Mi danno il vomito!!

  6. l’ho sempre pensata cosi anch’io. mi fa male vedere sbattute in televisione le facce sofferenti di bambini ammalati con le loro mamme e papà che raccomandano di fare le offerte per lo studio di certe malattie.ma non ci pensano le case farmaceutiche e lo stato italiano ?.sarebbe ora che la gente venisse a sapere cosa c’e sotto a questo business?succede lo stesso per le offerte fatte per i teremotati, per le vittime di innondazioni e per altri eventi: dove vanno i soldi raccolti ? vanno a finire nelle tasche di chiunque all’infuori dell’UNICEF come ultimamente è successo?sono una lettrice indignata.

  7. Buongiorno,
    mi chiedo quante quote da 9 euro si realizzerebbero con il denaro dei vari passaggi televisivi dello spot su networks nazionali, ogni passaggio ha un costo e la frequenza degli stessi è martellante.
    Se si volesse introdurre il discorso che le società televisive offrono gratuitamente la campagna pubblicitaria, per via di eventuali sgravi fiscali, allora le società medesime occupino quegli spazi con inserzionisti paganti, se li hanno, e detratte le tasse donino gli introiti di detti spazi.
    Forse i networks nazionali interessati, pur essendo emittenti nazionali ma comunque di secondo rilievo, non dispongono di sufficienti inserzionisti e così mettono a disposizione gratuitamente quegli spazi altrimenti vuoti, non perdendo quindi nessun introito, e godendo comunque di sgravi fiscali che sono comunque un costo per la comunità? Quindi l’emittente no perde nulla e guadagna lo sgravio, la società che promuove lo spot non spende nulla e incassa denaro e l’unico che ci rimette e non guadagna nulla è lo Stato italiano che non incassa delle imposte senza nulla ottenere in cambio?
    Ora quanto sopra non è scritto contro le associazioni di beneficenza, o pseudo tali, senza alcun motivo.
    Ho voluto scrivere queste considerazioni perché lo spot è estremamente scorretto. E’ infame tentare di turbare profondamente l’emotività di persone sensibili per estorcere i pochi o tanti soldi che chiedete.
    Soprattutto quando a rimanere scosse e sconvolte sono persone, magari come il sottoscritto, che pur essendo cosciente della situazione di quei bambini, e pure volendoli aiutare, non hanno proprio la possibilità economica di donare nemmeno la piccola somma che chiedete. Per chi, a causa di difficoltà economiche, rinuncia alle cure mediche, alle visite specialistiche ed ad acquistare i farmaci, nove euro ogni sacrosanto mese sono una cifra molto consistente.
    Personalmente nutro molti dubbi riguardo l’effettivo utilizzo delle somme donate, o di una cospicua percentuale di esse, ma non intendo promuovere nessuna polemica e nessuna accusa. Piuttosto pretendo che la mia sensibilità non sia profondamente turbata come continuamente accade dalla trasmissione dello spot che è, ripeto, scorrettamente confezionato appositamente per turbare gli spettatori.
    Lo pretendo perché non essere scosso ogni volta che vedo quello spot è un mio diritto e, ora mi rivolgo alle società che incassano i proventi di quegli annunci, Voi tentando di fare cassa toccando quelle leve vi dimostrate persone ignobili.
    Voglio anche aggiungere una considerazione che ritengo possa essere per Voi un consiglio prezioso: nella attuale condizione economica della società questo genere di campagna pubblicitaria, oltre a farvi apparire spregevoli, riesce solamente ad ottenere l’effetto contrario di quello che desiderate in quanto costringete gli spettatori a divenire indifferenti agli appelli di aiuto anche quando veritieri. La gente di oggi non è stupida è capisce che spot come quello di cui stiamo discutendo è un basso tentativo di estorsione tramite manipolazione emotiva, di conseguenza etichetta la pubblicità e l’ente di beneficenza quanto meno come truffaldino e di conseguenza diviene insensibili ad entrambe ed ancor peggio insensibile al vero problema.
    Spero vogliate sinceramente considerare quanto sopra che ovviamente ed evidentemente è scritto senza tornaconto alcuno.
    Infine se io fossi l’autore di quello spot, colui che ne richiede la messa in onda, colui che la autorizza e coloro che ne beneficiano, mi vergognerei per volontà di sdoganare una schifezza di simile tentativo di estorsione emotiva; ma questa è una considerazione personale e tale rimane senza voler essere condivisa od accolta.
    Grazie per la cortese attenzione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*