TELEVISIONE e ONLUS – VERGOGNOSE PUBBLICITA’ CON BAMBINI SOFFERENTI

Vorremmo conscere gli stipendi e i benefit dei dirigenti delle più grandi onlus del mondo per capire se i responsabili sono i primi a rinunciare ad alti compensi per donare all’associazione …

UN MARKETING ASSAI POCO UMANITARIO , MA CHE SEMBRA PUNTARE, SENZA FARSI SCRUPOLI, ALL’INCASSO… !!!

Gli obblighi di legge SULLA TUTELA DELL’IMMAGINE DEI MINORI? Dove sono finiti ?

Siamo stanchi di vedere immagini di bambini ammalati e in procinto di morire di fame, sbattute in televisione, con sempre maggiore  frequenza e insistenza in alcuni canali, TV.

Giocando sull’  emotività, anche di persone povere e anziane, si cerca di commuovere senza porsi scrupolo nel porre bimbi in condizioni penose in primo piano sullo schermo … chiedenso  “solo” 9 euro al mese; ma si tratta di quasi 100 euro all’anno.

Una cifra importante per coloro che hanno una pensione inferiore dai 500 a meno di 1.000 euro al mese!

E NON SI PRECISA PER QUANTO TEMPO… come si potrà terminare questa sottoscrizione ? Ci saranno dei problemi per cancellare la donazione che non ha termine di tempo? 

PERCHE’ NON USATE I SOLDI DELLA PUBBLICITA’ PER DARE INFORMAZIONI SU QUANTO GUADAGNANO I PRESIDENTI DIRETTORI E AMMINISTRATORI DELEGATI DELLA SOCIETA’ SENZA SCOPO DI LUCRO ovvero ONLUS ?

Sarebbe interessante, anzi fondamentale, sapere per capire se i responsabili sono i primi a rinunciare ad alti compensi per donare all’associazione …

lo dice anche, e per la seconda volta, il giornalista PIETRO VERONESE sul “Venerdì” ( rubrica fissa: “Follow the people” 7 agosto 2015) e noi condividiamo in pieno !

L’ attento articolista scrive (riportiamo solo alcune righe e abbiamo arbitrariamente messo il maiuscolo, per evidenziare la nostra approvazione): 

“Non è la prima volta che ci occupiamo della Comunicazione di ” SAVE THE CHILDREN …. Per la precisione la terza. La prima fu per dissentire. La seconda per encomiare. QUESTA VOLTA IL DISSENSO NON BASTA. QUESTO SPOT E’ IGNOBILE, INDEGNO DI UNA GRANDE ONG CHE PROCLAMA DI STARE….”

“SI VEDE UN PICCOLO AFRICANO VENTRE GONFIO, COSTOLE SPORGENTI SI CHIAM JOHN, ci informa la voce fuoricampo…non ha mangiato dice la voce…La mamma non ha i mezzi per nutrirlo. Nove euro al mese e lo salverai…

Non sappiamo né dove, né come, né perché…

PUBBLICITA’ ROZZA PORTA DENARO INCONSAPEVOLE PER PROGRAMMI SBAGLIATI. INCASSERETE OGGI, MA CI PERDERETE DOMANI”.

Grazie a Pietro Veronese per avere trovato le giuste parole per spiegare il rigetto che anche noi sentiamo davanti a questa pubblicità che sembra dettata SOLO DA UN MARKETING ASSAI POCO UMANITARIO , MA CHE SEMBRA PUNTARE, SENZA FARSI SCRUPOLI, ALL’INCASSO… !!!

2 commenti su “TELEVISIONE e ONLUS – VERGOGNOSE PUBBLICITA’ CON BAMBINI SOFFERENTI”

  1. Gentile Redazione,
    abbiamo letto con interesse e attenzione il vostro articolo e quello di Pietro Veronese sul Venerdi di Repubblica, densi di considerazioni che ci interpellano, come organizzazione e come individui. Ci sembra tuttavia doveroso fare alcune precisazioni che possono contribuire a fare maggiore chiarezza sull’argomento e che crediamo possano essere utili a comprendere anche il nostro punto di vista.

    Save the Children dal 1919 lotta per i diritti dei bambini e per migliorare le loro condizioni di vita in tutto il mondo. La nostra missione è dunque anche quella di sensibilizzare le persone sulle terribili condizioni di vita in cui tuttora vivono milioni di bambini, cercando di stimolare una reazione fattiva, di aiuto concreto. Troppo spesso si chiudono gli occhi su situazioni intollerabili: ancora oggi, per esempio, oltre 6 milioni di bambini muoiono prima di aver compiuto 5 anni per malattie curabili e prevenibili come la dissenteria e la malaria e la malnutrizione continua ad essere la principale concausa della mortalità infantile in molti paesi.

    La storia di Jon, il protagonista dello spot, è una delle tante che quotidianamente incontrano i nostri operatori e che rappresenta la condizione di molti bambini che ogni giorno muoiono a causa di quelle malattie o della malnutrizione. Ma la storia di Jon è anche la storia di un bambino che ha avuto la possibilità di essere curato. Una donazione di 9 euro mensili, come quella che viene promossa nello spot, per lui e per altri bambini come lui, può fare la differenza tra la vita e la morte: è infatti con quella cifra che è stato possibile somministrare a Jon cibo altamente proteico per 3 settimane, in grado di salvare la sua vita. Nel 2013, anche grazie ai nuovi sostenitori raggiunti attraverso questo spot, Save the Children Italia ha portato aiuto a 3 milioni di bambini e ha risposto a 44 emergenze, soccorrendo 300.000 fra adulti e bambini.

    Tutte le immagini dello spot, sono state girate all’interno dei progetti di Save the Children e, prima di realizzarle, abbiamo spiegato ai genitori dei bambini come sarebbe stato utilizzato il materiale video raccolto e abbiamo ottenuto il loro consenso, abbiamo messo al corrente le comunità presso le quali operiamo su come vengono documentate le loro esperienze e loro condizioni di vita. La maggior parte delle famiglie ha molta voglia di far sentire la propria voce, desidera che la propria storia sia conosciuta e spera che attraverso la raccolta fondi si possano aiutare altre famiglie in situazioni analoghe.

    Lo spot in questione, infine, non si rivolge a persone povere e anziane, ma a tutto il pubblico televisivo, che viene invitato a telefonare spontaneamente ad un numero verde per fare una donazione volontaria di 9 euro al mese, che in un anno sono 108 euro e non 1000, come erroneamente riportato nel vostro articolo. Pur essendo consapevoli che anche 9 euro al mese siano una cifra significativa per molte persone che affrontano grandi difficoltà economiche, ciascun telespettatore può liberamente decidere se effettuare o meno la donazione e contribuire a cambiare la vita di tanti bambini come Jon.

    1. Dopo avere visitato lo Sry Lanka un anno dallo tzunami ho verificato di persona che nessuno dei poveri contadini e pescatori aveva ricevuto soldi per rifare la casa.. e ne ho sentiti tanti in luoghi diversi, insomma non ho parlato con nessuno che mi abbia detto e mostrato una casa rifatta con soldi ricevuti…anzi gente locale con soldi a disposizione aveva acquistato i loro terreni per un prezzo vergognosamente basso e stava per costruirvi alberghi… Ho fatto un tour del Paese e ho partecipato anche a diversi matrimoni, quindi ho parlato con moltissime persone.

      Perché dopo i vari pietosi e numerosissimi appelli di raccolte di denaro del dopo tzunami, non ho visto altrettante trasmissioni che parlassero di dati sul numero delle case rifatte, sulla cifra data a ogni pescatore per ricostruirsi la barca..

      Ha considerato un vero tradimento il non avere dedicato altrettanto tempo, in TV e sui vari media, a precisare, doverosamente, con puntuali filmati, quanto era stato fatto nei vari Paesi; visto che la gente comune aveva dato tanto generosamente..

      Si sarebbe dovuto parlare e scrivere in modo che tutti potessero verificare, come e dove era finita quella immensa montagna di soldi.. ho visto solo sporadiche e scarse informazioni al riguardo.. questo non fa onore a chi deve occuparsi di comunicazione per le grandi Onlus.

      Ovviamente non sto parlando per voi, sto parlando di tutte le grandi e piccole Onlus; a proposito quante sono ? Quanto spendono per servizi, stipendi, pubblicità e quanto spendono per gli aiuti concreti ? Tutte le ONLUS dovrebbero diffondere questi dati, anche con le percentuali in TV e attraverso tutti media ogni anno..

      Voi siete una potenza e potete invitare tutte le Onlus, dare e pretendere dati da comunicare ai cittadini; invece di mostrare facce di bimbi che soffrono…le onlus quanto raccolgono ogni anno ? Quanto spendono, in percentuale solo per aiuti?
      Quanto spendono per stipendi, a quanto ammontano gli stipendi annuali dei dipendenti? Quanti viaggiano in aereo in prima classe a spese delle Onlus?

      Se spendeste il 90% di quello che incassate per aiuti concreti avrete molti sostenitori…

      Ora rispondo direttamente alle parole della vostra mail:

      Spiacente, ma non posso che ribadire quanto il pubblico televisivo sia ormai limitato soprattutto a persone di una certa età; i giovani guardano soprattutto internet.

      Perché non dite che i “pochi” soldi che chiedete mensilmente corrispondono a oltre 1.000 euro all’anno? E per giunta è un contratto non a termine; quindi si deve seguire una procedura per chiuderlo… quanti sono in grado di conoscere la procedura… voi non la precisate in televisione; ci si deve rivolgere ad internet per conoscerla? ? Quante sono le persone in grado di seguire tale procedure; quanti gli anziani ? E quelli che si trovano licenziati da un giorno all’altro ? Devono anche farsi carico di seguire la procedura per non perdere altri soldi ?

      Dall’alto delle vostre conoscenze forse non sapete come vanno le cose tra la povera gente; che non ha internet, non ha computer in casa…non sa nemmeno come usarli …sto parlando di Italia.. non del Benin !!!

      Forse voi, dati gli alti stipendi dei dirigenti; di cui sono al corrente, non capite che chi riceve una pensione o guadagna meno di 800/900 euro al mese, e sono tantissimi anche in Italia, ancora di più in Grecia ecc..NON mi risulta vengano aiutati da nessuna organizzazione Onlus, nessuno di quelli che consoco io ed è gente che si priva della carne e dei medicinali delle cure dentistiche… e ricordo che a Como, la mia città, ci sono circa 300 o più Onlus…
      .
      Tornando a voi, almeno chiarite bene nella pubblicità quanto si deve sborsare ALL’ANNO, SI SA CHE LA GENTE COMUNE, SOPRATTUTTO CHI E’ PRESO DA GENEROSITA’ E POCA ISTRUZIONE E MAGARI CON TUTTE LE CARENZE MENTALI DELL’ETA’ si lasci suggestionare dalla piccola cifra che moltiplicata solo per 5 anni diventa …. 5.000 euro QUANTI DI QUELLI CHE GUARDANO LA TV POSSONO TOLGLIERSI 5 MILA EURO SENZA DOVER AFFRONTARE LIMITAZIONI ANCHE GRAVISSIME ? ..il dentista può chiedere anche 4.000 euro per un’implantologia… il rifacimento del tetto condominiale compresi altri lavori, comportano 12.000 euro di spesa imprevista per una mia amica pensionata…che non sa come pagarli…sarebbe onesto almeno parlare di cifra annuale e precisare come bloccare i pagamenti; in modo semplicissimo…in caso di problemi economici…

      Inoltre la mia sensibilità è offesa dalle immagini mostrate, come madre non ammetto che un bimbo in certe condizioni venga mostrato così brutalmente; inoltre avendo viaggiato molto ed anche in paesi poverissimi; non ho bisogno di immagini umanamente spaventose per sapere la realtà del mondo. Ed ogni persona che è interessata agli altri sa che metà del mondo soffre la fame e di peggio…

      Non ho ancora visto in televisione i dirigenti di tutte le importanti o piccole ONLUS presenti sul posto dove si ammassano migliaia di migranti; nemmeno le migliaia di dipendenti…

      Da quello che vedo in TV sono i vari governi e la povera popolazione locale che sta dando da mangiare alle migliaia di immigrati che stanno arrivando…

      Vorrei vedere altrettante migliaia di persone, so che esistono, dipendenti delle varie ONLUS mondiali e locali; Como ha circa 300 onlus delle quali non ho visto un solo rappresentante presente dove gli immigrati sono assiepati come animali..

      Il numero delle ONLUS modale è sconosciuto perché voi, così importanti e potenti, non fate da traino da esempio dando dati e numeri di persone, stipendi, precisando mansioni e cosa hanno fatto ognuno di loro.

      Perché invitate, ufficialmente con messaggi televisivi pubblicitari, le varie onlus a mettere chiaramente nella home page quanto incassano, quanto guadagnano i vari dipendenti e il loro C.V, compreso quanti bambini hanno slavato .. quanti pensionati sono stati aiutati.. Se tutti scrivono, e voi potete invitare la concorrenza a fare questo, chi non lo farà vuol dire che ha qualcosa da nascondere allora sapremo a chi dare i soldi, se abbiamo la possibilità di darli… e se li meritano…

      Anche la più piccola ONLUS deve esser da voi invitata a scrivere, ben chiaro sulla home page, il riassunto del bilancio gli stipendi e le mansioni, il numero dei viaggi il tempo di permanenza e cosa hanno fatto di concreto, le qualifiche il C.V. di chi è stipendiato o i vari bonus, i nomi di chi viaggia in prima classe e la loro qualifica..

      Perché non diffondete i dati e i numeri delle persone, compresi i loro stipendi, che stanno aiutando gli immigrati che spingono alle frontiere ?

      Perché non parlate di cosa state facendo nei vari paesi come la Libia.. nel deserto sahariano per arginare o impedire le violenze quotidiane sulle donne che tentano di emigrare, perché in quei posti, pericolosi, anche in Italia si parla di tratta di bambini immigrati perché non mostrate cosa state facendo; i numeri di quanti ne avete scoperti e salvati di pedofili che approfittano dei bambini che rimangono soli tra i migranti…o dei “cacciatori” di organi…freschi.. e giovani ..

      Vi auguro tutta la serenità che merita chi lavora onestamente per un nobile scopo.

      donnecultura.eu

      Currenti calamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*