SALUTE OCCHI – PREVENZIONE MACULOPATIA LEGATA ALL’ETA’

Entro una trentina d’anni la maculopatia della popolazione mondiale triplicherà

Si chiama OCT e dovete chiederlo al vostro medico, per avere l’esame che è mutuabile, ma importantissimo

LA MACULOPATIA NON PORTA ALLA TOTALE CECITA’ MA PEGGIORA GRAVEMENTE LA QUALITA’ DELLA VITA

La tempistica della diagnosi è determinante per la cura

A febbraio 2018 è prevista la possibilità di fare un esame gratuito nel giorno dedicato alla prevenzione della MACULOPATIA negli ospedali che aderiranno

Solo l’11% deli italiani conosce il vero significato della parola  maculopatia e i suoi rischi.

L’OCT è un esame solitamente IGNORATO,  ma importantisssimo per evitare di ritrovarsi con gravi problemi visivi, quando è troppo tardi per curarsi al meglio.

In Australia, per curare in tempo la maculopatia, sono stati disegnati dei reticoli geometrici sugli autobus.  Chiunque dovesse vedervi delle righe storte, deve immediatamente richiedere l’esame OCT per curare la maculopatia quando è ancora in tempo per avere soddisfacenti risultati.

Chiunque può fare la prova con un quaderno a quadretti grandi.

LE CAUSE DELLA MACULOPATIA:

-il processo di invecchiameno e cattivi stili di vita (mangiare troppo, camminare poco, obesità, ipertensione..)  comportano  una riduzione di apporto di sangue e di elementi nutritivi all’occhio e quindi un accumulo di “scorie” al di sotto della macula; poi la visione comuncia a peggiorare.

Ci sono varie forme di maculopatia e diversi metodi  per curarla; secondo ilcaso aprticolare.

NEL MONDO

L’OMS (Organizzazione Mondiale Sanità) ritiene che, nel mondo, ben 101 milioni di persone di 60 anni ed oltre, dipendono da cure mediche; un ruolo cruciale è riferibile a errati stili di vita che causano malattie croniche come il diabete.

Maculopatia diabetica; da complicanza della retinopatia diabetica a sua volta causata dal diabete.

Uno studio pubblicato da Lancet, evidenzia come la maculopatia possa gravemente danneggiare lo stile di vita delle persone che ne sono affette (non porta alla cecità completa, ma impedisce di svolgere molti dei compiti quotidiani che rendono l’anziano indipendente).

Inoltre, sempre Lancet Public Health,ha evidenziato un aumento, quasi esponenziale,  di cecità e difetti visivi i cui pazienti passeranno da 200 a 550 milioni di persone colpite nel mondo nel prossimo futuro.

In Italia si denunciano 80.000 nuovi casi all’anno di Degenerazione Maculare Legata all’Età.

La diffusione della malattia, riguarda il 10% dei 65-75 enni, ma arriva al 30% dopo i 75 anni, per raggiungere il 40-50% tra le persone con più di 80 anni.

ESAME DELLA VISTA CHE SALVA DALLA CECITA’

Si chiama OCT e dovete chiederlo al vostro medico, per avere l’esame che è mutuabile, ma importantissimo per eventualmente curare preventivamente la maculopatia.

I dati riportati qui sopra sono stati forniti dalla conferenza stampa tenuta il 30 ottobre 2017, ore 11, presso il Four Seasons Hotel –  via Gesù 6 Milano.

RELATORI:

Prof. Francesco Bandello, Professore Ordinario di Oftalmologia, Direttore della Clinica Oculistica dell’Università Vita-Salute, Istituto Scientifico San Raffaele, Milano.

Dott. Lucio Buratto, Direttore scientifico Centro Ambrosiano Oftalmico Milano; 40 anni di esperienza diretta, decine di migliaia di interventi chirurgici e  centinaia di migliaia di pazienti visitati.

Dott. Matteo Cereda, Dirigente Medico presso Ospedale Sacco Milano.

::::::::::::::::::

Scoprire la maculopatia legata all’età, un disturbo visivo poco conosciuto.

I PROBLEMI GENERATI DALLA MACULOPATIA AL PAZIENTE E ALLA SUA FAMIGLIA.

COSA E’ LA MACULOPATIA DEGENERATIVA LEGATA ALL’ETA’?

La maculopatia si può manifestare con visione alterata e distorta delle immagini, una riduzione della acuità visiva centrale o visione di una “macchia” al centro del campo visivo.

– In Italia, quasi il 50% dei malati di maculopatia degenerativa legata all’età non conosce il proprio disturbo visivo e lo sottovaluta o non ammette il problema (29%) nonostante si tratti di una malattia diffusa che colpisce circa un milione di persone nel nostro Paese.

Coloro i quali decidono invece di rivolgersi con tempestività ad un medico oculista del territorio nel 29% hanno riscontrato criticità nell’accesso alle cure: liste d’attesa (29%), mancata diagnosi (17%), errata terapia (7%), disservizi (11%) ecc.

Tre aspetti chiave del problema:

-la scarsa consapevolezza che il paziente ha della propria patologia, la difficile qualità di vita di chi convive con la maculopatia degenerativa, la speranza che si basa sull’efficacia delle terapie nel preservare o migliorare la vista.

L’impatto sulla qualità della vita e sulle proprie abitudini è forte; il 77% ha ridotto o cessato di svolgere attività quotidiane a causa della malattia.

Il 40% ha smesso di leggere o lo trova difficoltoso e il 16% non guarda più la televisione, ma si limita ad ascoltarla.

L’ambiente esterno alla propria casa è vissuto come più ostico, privo di quelle certezze che invece l’ambiente domestico offre.

-Tra gli aspetti critici maggiormente sottolineati: la guida dell’automobile, cui ha rinunciato il 26% di rispondenti, riconoscere per strada le persone, fare la spesa ecc.

La maculopatia ha un costo per le famiglie: il 34% dichiara di spendere fino a 3.816 euro l’anno dovuti alla maculopatia, in particolare per visite private, esami diagnostici, costi di spostamento, acquisto di nuove lenti ed ausili visivi.

COSA E’ LA MACULOPATIA DEGENERATIVA LEGATA ALL’ETA’?

La maculopatia degenerativa legata all’età si caratterizza per il progressivo deterioramento della macula (regione centrale della retina), con la compromissione della funzione visiva centrale: colpisce le persone a partire dai 55 anni, rappresentando una delle prime cause di cecità nei Paesi industrializzati.

La maculopatia si può manifestare con visione alterata e distorta delle immagini, una riduzione della acuità visiva centrale o visione di una “macchia” al centro del campo visivo.

Questa malattia ha un forte impatto sulla qualità di vita: studi presenti in letteratura evidenziano come la qualità della vita nelle persone malate di maculopatia degenerativa legata all’età in fase avanzata possa ridursi del 17% rispetto a coetanei sani – valori paragonabili a quelli di pazienti affetti da malattie come il cancro, oppure in condizioni successive a cardiopatia ischemica o ictus.

Riconoscere precocemente la malattia, accedere al centro di cura che eroga le terapie efficaci significa migliorare e sostenere la qualità di vita della persone con maculopatia e del suo nucleo familiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*