Viaggi – Viaggiare – STORIA DEL VIAGGIO “Il grande racconto dei viaggi di esplorazione “

UN VIAGGIO NELLA GEOGRAFIA E NEL TEMPO

Un libro storico, ma che ogni viaggiatore o curioso dovrebbe conoscere, per imparare a vedere e capire i Paesi lontani; attraverso la loro vera storia.

Il turista prende un aereo e si ritrova dall’altra parte del mondo in un albergo dove vive e mangia come a casa; questo libro potrebbe stimolarlo a guardare fuori, con occhi diversi perché il suo viaggio sia anche fonte di miglioramento del proprio io; un arricchimento reale, compresa la soddisfazione di capire qualcosa di sconosciuto.

Solo così il viaggio, fosse anche unicamente mentale, è un passo avanti della nostra conoscenza; un’apertura per la nostra mente.

A partire dal 1200, curiosi, avventurieri e mercanti raggiungono luoghi mai visti dagli Europei.

Sulla conoscenza di nuove civiltà e la loro comprensione, ben presto prevalgono gli interessi economici e uomini senza scrupoli sono pronti a tutto; anche ai massacri.

Ma rimane il velo pietoso della diffusione della cultura, quasi sempre solo come scusante per violenze e soprusi.

Quella raccontata da questo libro è la cruda realtà storica, che può anche infastidire, ma rimane l’unica verità che ha sempre qualcosa da insegnare.

Alcuni temerari vollero portare il verbo di Cristo e la nostra civiltà oltre le frontiere conosciute, ma presto prevalsero mercanti sapienti, coraggiosi e molto astuti.

Per finire in una violenta conquista coloniale da parte di predatori e sfruttatori.

Oggi ci ritroviamo di fronte ad una cultura omogeneizzata e appiattita al ribasso.

Viaggi di vera scoperta, sono solo riservati a pochi antropologi e specialisti.

Ma quello che conta è sempre la nostra disponibilità mentale a capire e scoprire.

“Il grande racconto dei viaggi di esplorazione ” DI Attilio Brilli, autorevole specialista del settore, editoreIl Mulino, pp. 564, 40 euro.

Possono aiutare la nostra fantasia,  anche alcuni libri del passato come: ” Voyage d’outre mer “, di John Mandeville; nome immaginario di un viaggiatore inglese, ma il vero autore sarebbe il medico Jean de Bourgogne (m. Liegi 1372). Il libro è stato tradotto in  numerose lingue.

Secondo la Treccani. ” … ebbe larghissima fortuna: fu tradotto in latino, in tedesco, in italiano (con ben 27 edizioni nel solo sec. 15º: 1a ed. it. 1480) ed esiste in inglese in tre diverse redazioni (The buke of John Maundeuill being the travels of Sir J. Mandeville knight 1322-56; o, con altro titolo, The voiage and travaile of Sir J. M. knight). L’opera fu nota a Leonardo (che la cita in un foglio del Codice Atlantico tra i libri posseduti: Giovan di Mandinilla) e a C. Colombo (secondo alcuni avrebbe fatto parte delle letture in base alle quali Colombo concepì la sua impresa).

Un lungo viaggio in Oriente e nei luoghi Santi, dei quali racconta quello che ai lettori piaceva sentirsi dire:

-portentose meraviglie

-sfingi, sirene, grifoni …  esseri mostruosi donne-drago … uomo-capra …

Mandeville racconta di essere arrivato, ai piedi del monte del Paradiso Terrestre…

E per continuare a leggere di viaggi e sognare, non dimentichiamo Ariosto, Torquato Tasso, Cervantes, Shakespeare … rileggendoli, lontano dalla scuola, ci sveleranno un mondo affascinante che, forse, sui banchi di scuola ci era sfuggito … o non sono stati capaci di spiegarcelo adeguatamente per la nostra età giovanile. Ma si sa la comunicazione NON BANALE  è di pochi …

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*