“LA FARFALLA AVVELENATA”: il problema delle discariche in una regione “modello”.

“LA FARFALLA AVVELENATA”: un libro da leggere perché mette in evidenza la

brutalità messa in atto verso

l’ambiente e i cittadini pur di fare quattrini.

IL TRENTINO UNA REGIONE ALLA QUALE DOBBIAMO RICONOSCERE DI ESSERE

ANCHE  STATA PIONIERA IN TANTE  “BATTAGLIE” ECOLOGICHE, A PARTIRE

DALLA COCCINELLA DELLA MELA “MELINDA”.

http://www.melinda.it

“Melinda, è più di una mela: è il frutto dell’unione tra la Natura della Val di Non, e  la passione di oltre 4.000 famiglie del Consorzio.

Nel 2005, l’Unione Europea ha conferito il marchio D.O.P. alle mele della Val di Non. Così i prodotti del Consorzio Melinda diventano anche a Denominazione d’Origine Protetta.

-È una notizia che ci riempie d’orgoglio: è la prima volta che un marchio così prestigioso viene associato ad una mela italiana”.

Il Trentino, si sa,  rappresenta anche una grande ricchezza per il suo turismo: enologico-sciistico-gastronomico-culturale-paesaggistico…

Purtroppo anche nelle migliori famiglie qualche cosa va storto e, senza togliere nulla ai meriti/pregi di questa regione, che sussistono, dobbiamo tuttavia, per amore della verità, segnalare anche la “mela marcia” della situazione:

Dal libro inchiesta sull’ambiente in una valle del  Trentino.

Come si danneggia l’immagine di una regione  con la mal gestione dei rifiuti a fronte di ingenti guadagni.

“LA FARFALLA AVVELENATA” – il Trentino che non ti aspetti

Articolo di Pia Bassi.

Due donne coraggiose e determinate: Alessandra Liverani, Pubblico Ministero e Maria Principe, Vicequestore del Nipaf, Nucleo investigativo Corpo forestale dello Stato, hanno condotto per anni le inchieste sull’inquinamento ambientale in Valsugana. Queste sono le radici di un libro di 158 pagine di denuncie uscito nel novembre 2012  e che ha avuto difficoltà di presentazione e recensione sui grandi giornali.

L’argomento è scottante: i due giornalisti trentini, Andrea Tomasi e Jacopo Valenti descrivono con documenti alla mano il pesante inquinamento ambientale della Valsugana causato da alcune discariche definite ambientali perché negli anni 2007-2008 hanno stoccato previe autorizzazioni comunali nella cava di Monte Zaccon ben 400 mila tonnellate abusive di materiali altamente inquinanti e nella discarica comunale di Fastro 2 mila in più di scorie non trattate.

E’ recente la notizia che il Trentino Alto Adige, regione autonoma, ha ricevuto la bandiera blu per la purezza della sue acque.

-Forse la Valsugana per coloro che distribuiscono le bandierine non è in Trentino!

I cittadini del comune di Roncegno Terme, Valsugana, avevano registrato un andirivieni di camion a ogni ora del giorno e della notte  che andavano a scaricare nella cava di Monte Zaccon, una cava che era stata destinata a ripristino ambientale, da riempirsi quindi  con materiali inerti. E allora perché puzzano, emanando odori forti soprattutto di notte, se sono inerti? I cittadini si allertano, fanno esposti e denunce agli enti predisposti e ai giornali, ma non succede nulla.

I primi ad allarmarsi, scrivono i due colleghi giornalisti trentini, sono proprio i residenti  che hanno le abitazioni vicine alla cava Zaccon;  sono il geologo Stefano Capisani e Laura Stefancich, insegnante. Oltre al rumore e puzza, rilevano che i loro cani da qualche tempo non vanno più in calore, sono pieni di cisti ovariche e le devono sterilizzare. I gatti non figliano più, abortiscono spontaneamente e quelli nati non si sviluppano. La gente parla di bambini  che si ammalano. A Roncegno i medici danno vita a un comitato per valutare e rischi ambientali. Le denuncie inoltrate non davano frutti. Come mai? Proprio il Trentino che fa dell’ambiente il fiore all’occhiello per attirare turisti e la farfalla (lepidottero sensibile agli inquinanti) ne è il simbolo? Perché non si risolve la penosa situazione per i cittadini di Roncegno Terme e dintorni? Qualcosa non funziona, pensano gli sfortunati abitanti che subiscono la sopraffazione dell’inquinamento ambientale.

Siamo nel 2007, ben prima dello scandalo ILVA di Taranto, del quale parlano tutti i media. Spesso il diavolo fa le pentole senza i coperchi e la verità viene a galla. Il caso vuole che in Valsugana abiti un ispettore superiore del Corpo Forestale dello Stato di Vicenza, Veneto. L’ispettore è Nicola Pierotti che ascolta con attenzione la storia e non perde tempo, si butta nell’indagine. Fa alcune verifiche sul posto e ci torna con i colleghi del NIPAF, una squadra specializzata nel contrasto al traffico dei rifiuti e ai reati di stampo ambientale. I forestali dello Stato – coordinati dal vicequestore Maria Principe (ironia della sorte, “Principe” è anche il nome di Lorenzo Dellai, all’epoca dei fatti potentissimo governatore dell’autonoma provincia di Trento)  collaborano anche con il personale della stazione di Enego, che si trova a pochi chilometri oltre il confine del Trentino, in Veneto. Partono le verifiche: seguiranno undici mesi di intenso lavoro per gli investigatori i quali portano in Procura i primi risultati delle indagini e ottengono il via libera. Il pubblico ministero Alessandra Liverani affida al Nipaf il compito di effettuare le indagini.

Queste portano a scoprire un mondo di rifiuti eterogenei scaricati, mescolati al terreno e spianati. Viene sotterrato buono e cattivo. I rifiuti arrivano da ovunque, tal era la cupidigia di fare denaro in barba alla salute dei cittadini e all’ambiente. Il Tam-Tam che nel nord-est era disponibile  una facile pattumiera,  aveva evidentemente fatto il giro delle industrie che avevano rifiuti da smaltire e senza troppi riguardi. Inutile dire che il business dei rifiuti industriali è enorme e si creano apposite società per lo scopo, spesso l’industria che li produce non sa che fine fanno perché da l’incarico a queste aziende “specializzate”. Il Corpo forestale dello Stato scopre un lungo elenco di industrie che conferiscono i rifiuti alla Ripristini Valsugana. Sono le Acciaierie Venete di Sarezzo, Acciaierie Venete di Padova, Acciaierie Venete Arvedi di Cremona, Alfa Acciai di Brescia, Stefana spa di Ospitaletto, Brescia, Cartiere Romanello, Cartiere di Carbonera, Cartiere del Garda, Fedrigoni Cartiere (Verona, Arco, Varone) Cartiere Val Posina, Dasty, Metalcam spa di Breno, Acciaierie Valsugana e il cantiere di bonifica ex Star Oil di Trento. Ecco i materiali impropri trovati nella cava di Monte Zaccon dagli agenti del Nipaf: rifiuti derivati dalla fusione di metalli ferrosi, scorie di acciaieria, rifiuti della produzione e della lavorazione di polpa, carta e cartone, fanghi di cartiera, rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi, terreni con idrocarburi, ed altri ancora.

E’ un libro da leggere perché mette in evidenza la brutalità messa in atto verso l’ambiente e i cittadini pur di fare quattrini. Ecco un titolo mutuato da un’intercettazione: La scoria bianca? “La metto anche nel pane”. Un consiglio ai turisti: prima di scegliere un luogo dove trascorrere le vacanze in posti ameni, controllate su Google come vengono gestiti depuratori e discariche dei rifiuti.

Ma “Cosa resta?” dopo anni di denuncie, processi, sentenze? Riportiamo le prime righe del capitolo: “Cosa resta ai cittadini di Roncegno e a quelli di Sardagna, che vivono con due discariche a pochi passi dalle loro abitazioni? Ad oltre quattro anni di distanza dai fatti – con un processo d’appello che, mentre scriviamo, è alle porte – i due siti sono ancora lì, come le indagini li avevano lasciate o quasi. Nessuno ci ha messo mano, nessuna bonifica è stata avviata. I rifiuti smaltiti sono ancora tutti lì……….”

Il libro è stato presentato a Milano presso la Libreria della Natura, Corso Magenta, 48. Città del Sole Editore, prefazione di Claudio Sabelli Fioretti. Euro 15.

Pia Bassi

 

 

 

3 comments

  1. Che questi responsabili vengano condannati ai lavori forzati per ripristinare il territorio ambientale rovinato per i loro malefici interessi. Nessuna detenzione, lavori forzati per ridare dignità all’ecosistema. Questa mentalità va estirpata con punizioni esemplari. Nessun essere umano si deve permettere di sovvertire gli ecosistemi in modo così diabolico.

    1. Gentile David; credo che siano in molti a condividere i tuoi pensieri.
      C’è gente che non capisce che quando ha avvelenato le ergenti ha avvelenato tutti i suoi discendenti, anche i nipoti che magari abbraccia ogni giorno !!!!

      Purtroppo la mente umana non sempre riesce a vedere oltre il suo naso..
      Continua a leggermi; il mio è un blog, ma soprattutto è un giornale, molti articoli sono assai complessi.
      Sono giornalista e ho fatto personalmente questo giornale per poter pubblicare quello che voglio. Viaggio, fotografo, mi informo e scrivo anche lunghi articoli, vedi l’ultimo sull’Umbria.
      Ma l’ambiente è un argomento che tratterò sempre, anche se a singhiozzo.
      Ciao G.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*