Weekend a Palermo – Cultura – buon cibo e bagni in mare

Palermo Teatro Massimo

Alla scoperta di Palermo
Nel capoluogo siciliano, tra arancine, storia, cultura …

Se si pensa alla Sicilia si immagina il mare di un azzurro limpido, le immense spiagge e il solleone, ma quest’isola ha una grande potenziale, che va ben al di là del turismo stagionale.

Palermo-Camera-delle-meraviglie Via Porta di Castro, 239

Mare, il buon cibo, la grande ospitalità, gli arancini o meglio le arancine (per dirlo alla palermitana), ma anche per la sua arte, storia e cultura.

Palermo-Monumento-ai-caduti-per-la-mafia

Itinerario arabo-normanno (Monreale, Palermo, Cefalù), dichiarato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Tra le tante attrazioni: la Biblioteca comunale e l’archivio storico,  il Museo Pitré per l’antropologia e il Palazzo Tarallo.

Bellissimi: il Teatro Massimo, il Palazzo Sant’Elia, il Loggiato San Bartolomeo, lo Spasimo, il Palazzo Branciforte, il Complesso di Sant’Anna alla Misericordia e il Museo Civico di Castelbuono.

Visitare Palermo;  città-mosaico dalle diverse sfaccettature in cui le culture europee continuamente dialogano con il mondo arabo creando commistioni affascinanti e ponendosi come chiave di lettura per interpretare e superare le differenze culturali.

La multiculturalità palermitana si esprime su più livelli, a partire da quello linguistico per arrivare a quello gastronomico, passando per una varietà di monumenti che sembrano raccontare storie sempre diverse ma che nel capoluogo siciliano armoniosamente convivono.

cliccare per ingrandire le foto

 

Emblema di tale multiculturalità è la Lapide Quadrilingue, custodita nel Palazzo della Zisa, una lapide funeraria redatta in giudaico, latino, greco e arabo, che mostra i variegati sistemi di datazione del mondo, dando uno spaccato di una realtà multietnica già dai tempi di Ruggero II.

Un altro segno indicativo di una simile tendenza è la convivenza del culto di Santa Rosalia, patrona della città, e del Santo Nero Benedetto il Moro.

Per assaporare l’autenticità di Palermo, i suoi colori, la sua essenza e perdersi nel suo cuore pulsante, tappe obbligate sono i mercati locali: tra i banchi e i sapori della Vucciria e di Ballarò si possono scorgere le atmosfere e le suggestioni della cultura di questa incredibile isola.

Per un viaggio che coniughi paesaggi unici nel loro genere, cultura, arte, eleganza e un clima che ricorda l’estate anche in pieno autunno, la Sicilia è sempre la scelta giusta.

PER ORGANIZZARVI POTETE ANCHE GUARDARE:

https://www.paesionline.it/italia/guida-palermo”  

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*