Weekend autunnale a Bergamo – Lago di Iseo e Castello di Malpaga

Bergamo Santa Maria Maggiore 

 

Bergamo Santa Maria Maggiore interno

 

Bergamo Cappella Colleoni

WEEKEND A BERGAMO E DINTORNI

Il bello della città alta è che si cammina senza auto e si può salire con la funicolare o il bus; che si prende di fronte alla stazione dei treni. La discesa è scenografica e bella da fare a piedi.

 La zona più antica, chiamata Città Alta ha mantenuto le strade lastricate.

La piazza principale fa da cornice alla posteriore piazza dove si trovano il Duomo, il battistero e la bellissima basilica romanica di Santa Maria Maggiore con l’imponente Cappella Colleoni, con affreschi settecenteschi di Tiepolo (da visitare con una guida o dopo avere letto un poco di informazioni a riguardo).

Bergamo è circondata da mura veneziane.

L’ideale è visitare la città di Bergamo il sabato mattina, quando non c’è la folla, il pomeriggio dedicarlo ai musei o ad un giro di shopping nella Bergamo bassa. Poi spostarsi al castello di Colleoni la domenica o per mangiare e dormire nei dintorni.

 

Volendo, il sabato pomeriggio, se si è in auto, si può raggiungere il lago di Iseo (famoso grazie all’opera artistica di Christo: la passerella sull’acqua – The Floating Piers) e visitare la romantica isola al centro del lago: Montisola.

In questo caso consigliamo di fermarsi a cena e, magari anche a dormire, in zona.

A Pisogne vicino a Lovere noi conosciamo il ristorante  “osteria” il CUCU’, dove abbiamo sempre mangiato bene. Da non perdere anche la pregevole chiesa della Madonna delle Nevi con opere del Romanino, la Torre del Vescovo ed il piccolo centro medioevale.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Nella visita a Bergamo da non perdere:

Santa Maria Maggiore e la Cappella con le spoglie di Colleoni a Bergamo

La Cappella Colleoni è sicuramente è uno degli edifici più belli e maestosi di città alta; la facciata  è decorata da marmi rossi e bianchi ed all’interno si incontrano tantissime opere d’arte. Famosissima e scintillante  la statua equestre del Colleoni (grandiosa statua d’oro che sovrasta la sua tomba), vicino anche  la tomba dedicata alla figlia Medea.

Bartolomeo Colleoni, nato a Bergamo, fu uno dei più celebri capitani di ventura d’Italia; prestò principalmente il suo servizio per la  Repubblica di Venezia.

Colleoni volle collocarsi nel grande progetto di ristrutturazione di Bergamo, e fece costruire la sua cappella sepolcrale nel centro della piazza principale di Bergamo.

Mandò i soldati per distruggere la sacrestia della chiesa; che ufficialmente gli avevano impedito di toccare e così, con la forza militare, creò lo spazio per costruire la sua cappella funebre.

Lunga e complessa è poi stata la sua sepoltura; osteggiata anche da una grande autorità ecclesiastica del tempo.

Le rifiniture militari, stendardi e altro voluti dal Colleoni, vennero fatti rimuovere dalla cappella; in quanto poco consoni ad una struttura religiosa.

Giovanni Antonio Amadeo, architetto e scultore, progettò la cappella sepolcrale del Colleoni.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Castello di Malpaga

di Bartolomeo Colleoni; di famiglia nobile e guelfa fu uomo di cultura e armi

Un’idea per ripassare un piccolo frammento di storia locale con i nostri figli, la persona cara,  gli amici o, perché no, in solitudine …

il Castello di Malpaga è una delle costruzioni più tipiche della Lombardia, per l’interesse architettonico, per le vicende storiche che vi si collegano e per i richiami dell’antica vita di corte che evocano una grande figura del quattrocento: il condottiero bergamasco Bartolomeo Colleoni.

Per i più festaioli, qui è possibile rivivere gli antichi fasti di corte: dalle rievocazioni storiche alle cene medievali, grazie a speciali eventi.

Meraviglioso scorcio di vita bucolica.

La rocca, con la sua cinta muraria merlata e l’imponente torre domina la pianura.

Il castello è ben integrato in un paesaggio incontaminato, gioiello di creatività e di ospitalità; fu costruito per opera di un ghibellino verso la metà del ‘300, certamente prima della scoperta della polvere da sparo.

Bartolomeo Colleoni (1395-1475) fu nominato  Capitano Generale di tutte le milizie della Repubblica di Venezia, dal Senato della Serenissima il 24 giugno 1455, con la facoltà di scegliere come dimora un castello sul confine per difendere la Repubblica dalle invasioni provenienti dal Ducato di Milano.

Il 29 aprile 1456 Bartolomeo Colleoni preferì acquistare il Castello di Malpaga dal Comune di Bergamo per 100 ducati d’oro.

Con una grande opera muraria lo rese difendibile da attacchi con polvere da sparo.

Colleoni, con la sua ristrutturazione, rese  il complesso una cittadella altamente inaccessibile, con al centro un “bellissimo palagio”, frequentato da personaggi di alto rango e di grande cultura.

Magnifiche le pitture che decorano le stanze di rappresentanza e private.

Nel 1458 il Colleoni si stabilisce nel castello, divenuto una vera e propria reggia, con la moglie Tisbe Martinengo. Ospitando artisti e ricevendo i Grandi del tempo. Sotorica la visita di Cristiano I°, Re di Danimarca (12 e 13 marzo 1474) in viaggio come pellegrino per Roma con il Duca di Sassonia e 200 cavalieri.

Nel castello si organizzavano:  cacce, tornei, giochi culminanti con  pantagruelici banchetti.

GOTICO CORTESE

Bartolomeo Colleoni abbellì il castello con la collaborazione di valenti artisti del’epoca, alcuni dei quali dalla Borgogna ed altri da territori vicini.

Lo stile delle pitture è classificabile come: Gotico internazioanle o Gotico cortese. Stile,  che non era solo di pittura, ma stile di vita; come il ben parlare, meglio a volte, ben sapere tacere (per evitare di mettere in pericolo la propria vita).

Bartolomeo Colleoni non ebbe eredi maschi; ecco i nomi delle figlie: Ursina, Isotta, Caterina, Medea, Dorotina, Riccadonna, Cassandra, Polissena.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::

DORMIRE A MALPAGA

Vita bucolica, sensazioni di pace e tranquillità, panorama mozzafiato delle montagne all’ orizzonte, la pianura verde circostante, la vista sul magnifico Castello di Malpaga e la magia di un cielo stellato.

Locanda dei Nobili Viaggiatori; Via Marconi, 6, 24050 Cavernago BG. Telefono: 035 449 8341- Da 75 euro su internet.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*