Nuova era – non solo Pil ma anche Ic Index che valuta le “Intelligent communities”

Nuova era – non solo Pil ma anche Ic Index che valuta le “Intelligent communities”

E’ urgente parlare e prepararsi per la connettività veloce ?

L’arrivo del computer ci era stato presentato come un miglioramento della qualità della vita di tutti …

Cosa sta facendo l’Italia ? Noi non abbiamo notizie positive al riguardo; abbiamo l’impressione che chi dovrebbe oraganizzare il nostro futuro, non abbia nemmeno la capacità e la cultura per capire come si sta sviluppando il mondo intorno a noi.

Esiste già un Intelligent Community Forum che, dal 2002, lavora ad una visione più business delle comunità intelligenti mondiali …

BANDA ULTRALARGA VORRA’ DIRE LAVORARE ALLA VELOCITA’ DELLA LUCE?

I nuovi servizi offerti da internet non possono prescindere dalla

-“banda larga”; ovvero dalla possibilità di far viaggiare i nostri dati alla velocità della luce.

E’ previsto l’uso di una sofisticata piattaforma;

ovvero, da strumenti che migliorano l’efficienza e la competitività delle industrie, al tele-lavoro, alla domotica (un computer che regola tutto nelle case; dalla spesa all’apertura del portone, a quella delle finestre, all’accensione delle luci).

I media ci stanno prospettando tutto questo come un miglioramento della vita del cittadino: sicurezza, semplificazione della burocrazia, e-government, e-commerce ecc…

Per comprendere al portata di questa innovazione prevista dalla ricerca più avanzata, possiamo paragonare la banda larga e la futura ultra-larga, alla rivoluzione economica creata, nel 1800, dall’arrivo del treno, più avanti nel 1900 dalle autostrade, nel XXI secolo parliamo di trasporto dati, secondo gli scienziati è qui che si giocherà il progresso delle nazioni.

Oggi, ci dicono i media, bloccare la banda larga vuole dire disincentivare l’innovazione, bloccare sul nascere il telelavoro e non frenare lo spopolamento delle aree lontane dalle affollatissime città, sempre più megalopoli.

Stiamo entrando in una nuova era dove non saranno più solo il Pil e i vari indicatori economici dell’Ocse, a valutare il nostro livello di sviluppo, ma anche l’Ic Index che valuta le “Intelligent communities”: classifica che si basa sull’economia e sul business innovativo generato dalle città che sono state lungimiranti ed hanno adottato, prima di altre, la connettività veloce assicurata solo dalla banda larga, oggi, e da quella ultra-larga domani.

Esiste già un Intelligent Community Forum che, dal 2002, lavora ad una visione più business delle comunità intelligenti mondiali.

La prima in questa classifica è la città di Taichung a Taiwan; in Europa un ottimo piazzamento lo hanno avuto Eindhoven (Olanda), Stoccolma, Edimburgo, Glasgow e, un poco più indietro nella classifica Héracliton (Grecia), Oulu (Finlandia), Tallin (Estonia), ma l’Italia non è presente.

Non eravamo il paese della sregolatezza, ma anche del genio?

DATI SUL TELELAVORO

-Negli USA , entro il prossimo anno, 4 su 10 lavoratori saranno teleworking.
Anche su queste scelte i media ci stanno dipingendo un futuro dorato:
-niente più inquinamento per gli spostamenti giornalieri negli uffici
-più libertà di scelta degli orari di lavoro e quindi un grande vantaggio anche per le neo-mamme

In India il 57% del lavoro intellettuale è a distanza, in Indonesia il 34 %, in Messico il 30%.

Un recente sondaggio ha dimostrato che, se ne avessero la possibilità, anche i lavoratori intellettuali di Russia, Sud-Africa e Argentina vorrebbero il telelavoro.

L’Europa in questo settore si segnala per il suo ritardo dovuto alla scarsa diffusione della banda larga.

Sempre secondo dati ufficiali 4 telelavoratori su 5 si dichiarano meno stressati.

MA E’ CORRETTO ANCHE PARLARE DEI LATI NEGATIVI …

Noi personalmente abbiamo provato il telelavoro e non ne siamo esattamente entusiasti: in casa ci si impigrisce; meno movimento, meno cura di se stessi…, si perdono i contatti fisici con i colleghi (poco umano lavorare otto o più ore da soli con un computer!), si hanno, almeno come donne, tutte le sollecitazioni da figli, telefonate, richieste varie perché sei a casa … Ma riconosciamo il vantaggio di non spendere tempo, soldi e inquinamento negli spostamenti; mal bilanciati con le alte spese di manutenzione di linea internet, computer, stampanti, tecnici per i guasti, nuovi software a nostre spese …

E’ ovvio che il librero professionista affermato, che stabilisce il numero dei clienti e il costo del suo lavoro non potrà che trarne vantaggio, ma i dipendenti, i piccolissimi lavoratori ??

Premesso che le statistiche andrebbero giudicate anche da come vengono poste le domande per poterle valutare seriamente, a noi risulta che stare in casa, senza vedere nessuno, nemmeno nella pausa pranzo, magari con un bambino che piange o grida mentre si è al telefono per lavoro, con la suocera che chiama perché si sente sola, e con una media di guadagno all’ora bassissima rispetto all’impiegato di 20 anni fa; ore notturne di lavoro per poterlo fare senza telefono, campanello che suona e cibo sul fuoco che brucia…non ci entusiasmano.

Senza dimenticare la situazione abitativa delle famiglie moderne, senza spazi divisori e corridoi tra le camere da letto e il salotto che spesso confina con la cucina e i suoi odori.
La tendenza a dare in appalto esterno il lavoro e rendere così indipendente il lavoratore, lontano da un punto di possibile aggregazione sindacale, non fa che renderlo sempre più vulnerabile e ricattabile.

Inoltre noi non abbiamo dimenticato che

-l’arrivo del computer ci era stato presentato come un miglioramento della qualità della vita di tutti, lavoro per pochi giorni la settimana e poi tanto tempo libero per gli hobbies…

In realtà oggi avere un posto di lavoro è quasi un piccolo miracolo

-gli stipendi medi si sono abbassati tanto da non permettere più alla famiglia di spendere in extra (almeno in molte nazioni europee e negli USA) e, con l’avvento massiccio dei robot la certezza di tanti posti di lavoro in meno !

-Oggi già alcuni ospedali hanno sostituito i fisioterapisti con robot programmati da un computer che, secondo severi esami scientifici, sono più efficienti del personale umano !

Che progresso ! ?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*