Baja California – Balene – Ogni inverno centinaia di balene grigie

 

Il paradiso delle balene

la laguna di San Ignacio – che fa parte della Riserva della Biosfera di Vizcaino – Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco – è una sorta di santuario per le balene – per i delfini – le tartarughe e i leoni marini …

Baja California: il lungo dito desertico che si protende nell’Oceano Pacifico – la seconda penisola del mondo con 1200 chilometri di pura metafisica. Sabbia – montagne e mare color cobalto.

Nell’Oceano che si infrange sulle coste nord occidentali del Messico, al confine con la California, c’è un luogo dove ogni anno si ripete, magico e inesorabile, l’incantesimo della vita animale

Ogni inverno centinaia di balene grigie, giganti che pesano oltre 40 tonnellate, partono per un viaggio di 15.000 km, un’epica immersione che le porta dall’Artico fino alle acque calde della Baja California.

Dopo essersi nutrite per tutta l’estate di piccoli crostacei marini nelle gelide acque del Circolo Polare, le balene raggiungono la Baja California per dare alla luce i loro piccoli:

lo spettacolo, che si ripete immutato da millenni, non è solo la migrazione più lunga compiuta da un mammifero sulla terra, ma è anche una delle immagini più emozionanti che un viaggiatore possa ammirare.

Con le sue acque calde e poco profonde, delimitate da vaste distese di deserto disabitato, la laguna di San Ignacio – che fa parte della Riserva della Biosfera di Vizcaino, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco – è una sorta di santuario per le balene, per i delfini, le tartarughe e i leoni marini, oltre che per una moltitudine di uccelli migratori che trovano rifugio fra le foreste di mangrovie che punteggiano le coste.

Un luogo incantato e prezioso che solo pochi anni fa ha rischiato di essere distrutto dalla costruzione di un impianto per la produzione di sale, che ne avrebbe danneggiato irrimediabilmente il fragile equilibrio.

Le proteste degli ambientalisti, dei pescatori e dei residenti locali hanno scongiurato il disastro e consentito alla natura di continuare a celebrare l’antico rito della migrazione delle balene grigie.

Oggi l’ecosistema della laguna è tutelato e protetto anche dal lavoro incessante di biologi del Laguna San Ignacio Ecosystem Science Program per la tutela dell’ecosistema, che si riuniscono in Baja California ogni inverno per studiare i grandi cetacei, monitorare il numero di nascite, produrre materiale fotografico utile a identificare le singole balene e registrareanche il loro celebrecanto, un richiamo che ricorda talvolta il suono delle congas, le fusa del gatto o il gracidare delle rane, e che serve per orientarsi e comunicare

(il canto si può ascoltare qui https://www.sanignaciograywhales.org/project/acoustics/).

I grandi cetacei hanno sviluppato infatti la capacità di utilizzare il suono subacqueo per navigare quando non possono vedere e per comunicare tra loro anche a grandi distanze:

la visibilità sott’acqua è infatti molto limitata, mentre il suono è in grado di viaggiare velocemente e di spingersi molto più lontano (grazie alla maggiore densità dell’acqua, il suono si diffonde 5 volte più velocemente che nell’aria!).

Per un appassionato di natura, la possibilità di stare accanto ai biologi del Laguna San Ignacio Ecosystem Science Program e seguirli durante le uscite in barca a “caccia” di balenottere rappresenta quindi un sogno divenuto realtà:

conoscere tutti i segreti delle balene grigie e della loro leggendaria migrazione, vedere le grandi code che schiaffeggiano le onde, avvistare gli sbuffi a pelo d’acqua, accarezzare il dorso rugoso dei grandi cetacei.

Sì, ACCAREZZARLI:

perché qui, dove le balene grigie sono protette e tutelate, non temono l’uomo e si avvicinano con fiducia alle imbarcazioni, fino a farsi toccare.

Un vero miracolo della natura a portata di mano.

Inoltre….
… Forse neppure Cortes, quando la scoprì nel 1533, aveva mai visto un posto come la Baja California: il lungo dito desertico che si protende nell’Oceano Pacifico, la seconda penisola del mondo con 1200 chilometri di pura metafisica. Sabbia, montagne e mare color cobalto.

I cardones si stagliano contro la sierra, pungenti sentinelle vegetali a custodia di un paese dalla luce accecante e dalle acque turchesi.

Le dune sabbiose che si stendono bianche e infinite fino all’orizzonte, conducono a un mare in cui sono ancora possibili incontri senza tempo.

I leoni marini guizzano veloci e inoffensivi presso la scogliera di Los Islotes.

Scivolano accanto a voi, vi osservano incuriositi, poi si tuffano nelle acque cristalline verso il blu e, per chi se la sente, è possibile notare con loro.

E le missioni gesuitiche nel cuore della sierra, raggiungibile attraversano distese di palme da dattero con il sole che si tuffa nel Pacifico.

Siete in mezzo al nulla e non immaginavate quanto sia bello!

Earth Cultura e Natura vi porta al cospetto dei grandi cetacei e dei loro cuccioli in Baja California:

SE VOLETE IL VIAGGO ORGANIZZATO:

Baja California – Incontro con le balene
Partenze: 14 febbraio, 11 e 30 marzo 2019 – 11 giorni
Quote a partire da 3.300 €
Tutte le info: www.earthviaggi.it/tour/baja-california-avvistamento-balene-partenza-14-febbraio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*