Puglia vacanze 2019 – Mare – gastronomia – cultura – sole

Cosa ha la Puglia che la rende oggi una destinazione dove fare una esperienza di viaggio?

Con un occhio – quest’ anno inevitabile – a Matera Capitale europea della cultura …

Dopo essere stata inserita dal New York Times fra le 52 destinazioni da visitare nel 2019,

  • la Puglia alla Bit (Borsa Internazioanle del Turismo) fa il punto sugli aspetti che la rendono unica, attraente e intrigante per i viaggiatori italiani e stranieri.
  • Il giornalista della prestigiosa testata americana, Daniel Scheffler, ha puntato sulle masserie fortificate che si trovano solo in Puglia, dove gli ospiti possono prendere lezioni di cucina.
  • E poi “la vinificazione in Puglia ha oltre mille anni da quando i Greci piantarono qui le viti che portarono attraversando il mare Adriatico”.

Le nostre esperienze in Puglia ai link:

PUGLIA – Il meglio delle vacanze e weekend autunnali – DALLA PUGLIA CON TANTO DIVERTIMENTO

Puglia – Quinto e sesto giorno a Porto Cesareo – si avvicina il rientro … peccato !

PUGLIA – Ieri e oggi a Porto Cesareo – peccato che oggi sia l’ultimo giorno … ci sarei rimasta ancora

 

Come sarà la primavera turistica in Puglia?

Tutto è pronto per il programma di iniziative innovative e gratuite, rigorosamente slow, secondo il life style pugliese, promosso da InPuglia365:

  • laboratori di cucina e artigianato, performance artistiche, escursioni e attività sportive en plein air, degustazioni e cooking show, itinerari di fruizione e conoscenza nelle città d’arte, aperture straordinarie di luoghi di cultura, organizzati nei weekend dal 2 marzo al 26 maggio (Pasqua e Primo maggio compresi).
  • Le proposte – selezionate con l’avviso pubblico di Pugliapromozione che ha stanziato 721 mila 454 euro per il progetto – presentano a turisti, ma anche agli stessi pugliesi, un calendario che abbraccia tutta la regione dal Gargano al Salento, dalla costa all’entroterra.
  • Con un occhio – quest’ anno inevitabile – a Matera Capitale europea della cultura, dove sarà fatta una intensa attività di promozione delle iniziative. In totale in 13 week end sono previsti 464 appuntamenti, in 92 località della Puglia, 34 i fornitori di servizi, 403 gli stakeholder coinvolti nelle filiere turistiche: 92 Comuni, 89 produttori locali, 75 operatori culturali, 71 operatori turistici, 17 aziende di comunicazione, 13 proloco, 12 tour operator, 13 enti religiosi, 12 enti sportivi, 7 GAL, 2 DUC.
    Il Ranking: arte e cultura 44%; enogastronomia 41%; sport e natura 15%. I servizi offerti prevedono attività specifiche rivolte a bambini, famiglie e utenti con intolleranze alimentari oltre che disabilità motorie e sensoriali. Tutto sarà gratuito. Il mix dei colori e della luce della primavera, con l’enorme patrimonio enogastronomico e lo stile di vita sano, genuino e autentico della Puglia, rappresenta una formula vincente.

Le novità rispetto all’edizione autunno/inverno:
“Le 100 masserie di Crispiano” e laboratori circensi

“Archeologia sperimentale”, pranzo preistorico per adulti e bambini: riproposizione dei pasti che gli uomini consumavano6000 anni fa, preparati utilizzando le strutture di cottura neolitiche e serviti in stoviglie preistoriche, il tutto ricostruito attraverso le tecniche

“Lungo le antiche vie della transumanza”, alla scoperta delle bioarchitetture rurali

“Pastori per un giorno”, un’esperienza a tu per tu con gli animali della masseria effettuando il pascolo del gregge di pecore o capre, eseguire la cagliatura fino alla realizzazione dei prodotti tipici caseari, con degustazione finale in una masseria didattica ai piedi di Castel del Monte

“Il rito della petresciata”, storia, aneddoti e racconti presso l’antico Museo del Confetto “Giovanni Mucci” di Andria

“Le vie del formaggio”, scoprire i prodotti caseari tipici locali all’interno di un caseificio artigianale a conduzione familiare del territorio di Andria, patria della celeberrima “burrata”

“Dalla tradizione artigiana al design creativo made in Puglia”, Tour sull’INNOVAZIONE tra le realtà manifatturiere di Bari e Ruvo Laboratorio di creazione di iconografie di San Nicola in stampa 3D. Laboratorio di creazione di oggetti luminosi in 3D

Laboratori di pratica e conoscenza sulla lavorazione della pietra leccese e sulla realizzazione delle luminarie

Lecce Street Art tour. Un week-end di visite guidate gratuite alla scoperta di periferie urbane e suburbane di Lecce trasformate in musei a cielo aperto dagli Street Artist di fama internazionale

“L’emozione del Giro d’Italia 2019”, seguendo l’arrivo della 6^ tappa fra le vie di San Giovanni Rotondo

LA PUGLIA PERCHE’ ??? 

  • La Puglia vanta oggi vini di altissimo livello, grazie all’impegno di produttori appassionati.
  • A motivare la scelta del New York Times, anche la novità dello spaceport di Grottaglie, primo in Europa, con la promessa di inviare i primi passeggeri nello spazio già nel 2020,
  • il grande sviluppo di collegamenti aerei che rendono più facile oggi raggiungere la Puglia.
  • E’ allora questo mix di tradizione, autenticità e insieme innovazione a fare della Puglia una destinazione interessante.
  • Un mix che si esprime molto bene proprio nell’enorme patrimonio enogastronomico pugliese.
  • Ed è interessante che l’accento sulla tavola pugliese arrivi anche dagli Usa, visto che, da una indagine di SWG svolta nel 2018 per Pugliapromozione, l’enogastronomia non risulta fra le prime voci a cui solitamente i turisti stranieri associano la Puglia. Dall’indagine emerge infatti che mentre per i viaggiatori italiani le prime due voci sono la qualità dell’olio e del vino (valore 100) e le acque cristalline e le sabbie bianche (92 su 100), i viaggiatori stranieri associano la Puglia soprattutto ai borghi (valore 100), all’artigianato e alle produzioni locali e alla possibilità di vivere le tradizioni (valore 85 su 100 per entrambi).
  • “Storia, cultura e tradizioni, ma anche innovazione trovano una sintesi perfetta proprio nel grande patrimonio enogastronomico della Puglia sul quale vogliamo puntare per costruire un prodotto turistico di qualità, capace di attrarre viaggiatori italiani e soprattutto stranieri che sono quelli che consentono di allungare la stagione – afferma l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone – Qualità e turismo slow legato all’enogastronomia tutto l’anno perché destagionalizzare resta un nostro obiettivo strategico. …
  • D’altronde il trend del turismo enogastronomico è in crescita: un turista italiano su due viaggia per enogastronomia.
  • Questa quota – misurata dal Rapporto su questo mercato elaborato dall’Università di Bergamo e da World Food Travel Association – è praticamente raddoppiata negli ultimi anni visto che nel 2016 risultava pari al 21%. La Coldiretti da parte sua annuncia un record per la spesa turistica a tavola nel 2018 con un impatto economico che supera per la prima volta i 30 miliardi di euro, divisi tra turisti italiani e stranieri che scelgono l’Italia come meta delle vacanze anche per i primati enogastronomici.
  • La tavola pugliese, sia in un grande ristorante che in una piccola trattoria, mostra sempre cura, amore e materie prime eccellenti a km zero tutto l’anno. “Clima, masserie, tradizioni, borghi che custodiscono tesori di arte e tradizioni culinarie sono allora gli ingredienti del successo della Puglia e del suo sviluppo turistico in Italia e all’estero – afferma Luca Scandale, Responsabile del Piano Strategico Puglia365 – E la Puglia non delude le aspettative ed anzi spesso vi si trovano durante un viaggio anche molte sorprese che non ci si aspetterebbe. E questo il senso della nuova campagna di comunicazione, “La Puglia che non ti aspetti”, rivolta al mercato italiano che viene lanciata proprio alla Bit”.Links:
    www.pugliatraveltest.it
    www.puglia.expedia.com
    video

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*