Moda e pubblicita’ – incantare le masse – il passato e la storia per capire cosa sta succedendo oggi in Italia e nel mondo

L’ ARTE E LA SUA CAPACITA’ DI INCANTARE LE MASSE

MA NON ERAVAMO UOMINI PENSANTI ?

O NON LO SIAMO MAI STATI PIU’ DI TANTO ?

Il popolo da sempre è ingannato da abili politici: Augusto professava umiltà, ma viveva con la sua famiglia nel lusso e nella corruzione …

Da Dario ad Alessandro Magno ai romani … breve storia che ci aiuta a capire quello che accade oggi e forse accadrà domani …

 OGGI: L’ARTE E’ PASSATA DALLA SUGGESTIONE POLITICA ALLA SUGGESTIONE DI MASSA.

 TUTTO QUESTO CI CONDIZIONA, TANTO PROFONDAMENTE DA INFLUIRE SU DI NOI ANCHE SE NE CONOSCIAMO I MECCANISMI.

 TRASFORMARE LA MENZOGNA IN VERITA’ – La pubblicità ci vende prima di tutto un sogno: il bianco più bianco, la nostra magrezza e salute in un bicchiere d’acqua, di una certa marca !…; una schiera di artisti-grafici-pubblicitari-registi sono al servizio dell’IMMAGINE che farà il successo del prodotto

DARIO ARCHEOLOGIA 300px-Bisotun_Iran_Relief_Achamenid_Period

A ROMA 40 ANNI PRIMA DI CRISTO, 

-ROMA ERA VICINA ALLA CATASTROFE A CAUSA DELLA GUERRA CIVILE PER LE DIVISIONI TRA POLITICI E NOBILI CHE RAPPRESENTAVANO LA CULTURA; gli uni erano diffidenti rispetto agli altri, come, ormai ieri,  in Italia tra destra e sinistra.

-ANCHE NELL’ANTICA ROMA CI SI VESTIVA IN MODI DIVERSI SECONDO LA FAZIONE ALLA QUALE SI APPARTENEVA.

L’appartenenza politica era visibile anche solo dall’abbigliamento.

-Due campi opposti; ognuno con una propria “divisa”.

I repubblicani volevano il potere delle grandi famiglie ed avevano  abiti austeri e tradizionali: oggi si definirebbero classici o conformisti alla moda.

Gli anticonformisti erano i monarchici; indossavano abiti sgargianti per ostentare tendenze esotiche, senso di libertà e fantasia.

-Ed ecco che appare, consapevole del potere dell’immagine, Ottaviano, passato alla storia come Cesare Augusto appartenente al campo monarchico.

-La Roma repubblicana era molto sospettosa e Ottaviano la doveva rassicurare; garantendo che non avrebbe minacciato il potere tradizionale dei repubblicani.

OTTAVIANO, IL FUTURO CESARE AUGUSTO, DEVE REINVENTARE LA SUA IMMAGINE PER CONQUISTARE IL POTERE – un caso non isolato nella storia della politica ...

-Ottaviano deve conquistare i repubblicani; per farlo decide di reinventare se stesso con un’immagine discreta capelli corti.  Riproduce l’immagine in centinaia di copie e la fa distribuire in tutto l’impero.

Così crebbe la fama di Augusto nell’Impero, ma non a Roma, sospettato di voler emarginare il patriziato e accentrare in sé tutte le cariche.

Nella capitale Augusto  doveva disarmare i nemici con la sua immagine.

-Doveva convincere repubblicani.

Ecco come Augusto usa l‘arte come strumento politico – Arma raffinata per un periodo di pace, ma il cui successo avrà sinistre conseguenze.

CON UNA STAUTA RISOLVE IL PROBLEMA DELLA SUA IMMAGINE

L’immagine è una statua in apparenza di un  generale vittorioso,

ma inoltre indossa la corazza militare,

ma non deve apparire lo spirito battagliero e si mostra con un un gesto di serena autorità,

non ha i sandali del legionario, ma i piedi sono nudi.

Un capolavoro di arte política o immagine pubblica.

-Tutto questo per significare: unità più che potenza.

-Per persuadere.

– Il suo potere militare viene presentato da quella immagine come attraente anche per i repubblicani .

-Appare forte ma non  arrogante; così propone (impone) una  nuova età dell’oro con la pax augustea.

-Riunifica Roma e il mondo intorno con il potere dell‘arte  dell’apparenza !

-Augusto si pone come eroe inviato dagli dei per salvare Roma : per un futuro di pace.

-Tutto questo basato sulla menzogna; il popolo è stato  ingannato:

Augusto professava umiltà, infatti viveva con la sua famiglia nel lusso e nella corruzione.

-Augusto crea così un sistema dittatoriale che durerà  4 secoli.

—–

-Con un’immagine si può anche spingere a odiare il nemico persuadendo il popolo, che il nemico è diverso, non degno di umana pietà.

-Questo è il potere di persuasione insito nell’arte.

L’arte è un’ arma potente per promuovere se stessi.

-Oggi facciamo le medesime cose che fecero Dario, Alessandro Magno, Augusto fino a Mao e tutti gli altri grandi della storia

-ma usando la   tecnologia digitale.

-Vedi, ad esempio, le guerre con i robot ed i droni; alle quali ci stanno abituando con le play staton  e tanti film ! !

-i twitt scritti con semplici parole che vengono facilmente ricordate e ripetute ...

 -TUTTI dovremmo riflettere un poco di più.

—————-

UN PASSO INDIETRO NELLA STORIA: RE DARIO

DARIO ARCHEOLOGIA DISEGNO 192px-DariusRE DARIO I

COMINCIAMO DA CHI PER PRIMO COMPRESE IL POTERE POLITICO NASCOSTO NELL’ARTE: RE DARIO I° DI PERSIA.

 DARIO (Dārayawuš in antico persiano, Colui che possiede il bene) fu capace di centralizzare e stabilizzare l’immenso impero persiano fondato da Ciro II il Grande; ne ampliò i confini rendendo così più sicuri i territori del suo impero; che si stava espandendo verso occidente.

Dario salì al trono nel 522 a.C., mentre re Cambise aveva lasciato la Persia per sottomettere l’Egitto e l’improvvisa e morte di Cambise, durante il ritorno in Persia, favorì non poco Dario che si trovò solo alla testa dell’Impero.

Gaumata, della casta sacerdotale dei magi, usurpò il trono di Persia approfittando dell’assenza di Cambise, allora impegnato nella campagna di conquista dell’Egitto (525 a. C.), facendosi passare  per Smerdi, il fratello e luogotenente del re fatto uccidere in segreto da questi.

Morto Cambise nel ritorno dalla campagna d’Egitto, l’inganno di Gaumata fu scoperto da sette nobili congiurati (fra i quali  vi era Dario), e l’usurpatore fu ucciso (522). Alcuni sostengono che sia stato lo stesso Dario a causare la morte di Gaumata.

-Noi preferiamo credere a quanto fatto incidere  dallo stesso Dario sul rilievo di Behistun (Bisutun: “con l’aiuto di altri sorprese Gautama in una delle sue fortezze”.

archeologia 200px-tomb_of_Darius_I

Erodoto stesso ci riporta i nomi dei commilitoni grazie ai quali DARIO riuscì ad “uccidere l’usurpatore Gaumata” e prendere quindi il trono.

Anche Dario è visto da alcuni storici come un usurpatore,  costretto a giustificare il suo potere con la discendenza da un ramo della dinastia degli Achemenidi, collegandosi così con la linea familiare di Ciro II il Grande. Altri sostengono che effettivamente era discendente degli Achemenidi.

Dario per consolidare il suo prestigio sposò Atossa, figlia del re Ciro II, padre di Cambise, e vedova di Gaumata.

Tra il 520 e il 519 Dario dovette far fronte a numerose rivolte di nuovi usurpatori nel suo immenso impero, ma ne uscì vittorioso; comandando un piccolo esercito composto da Persiani, da Medi e un ristretto numero di generali fedeli.

-Dario nelle sue iscrizioni appare come un fervente seguace della religione monoteistica di Zaratustra.

-Indubbiamente fu valentissimo statistae riorganizzò l’impero grazie a lungimiranti leggi civili e penali.

-Dario rivoluzionò le leggi relative al commercio degli schiavi; leggi sulle testimonianze e sui prestiti e la corruzione.

-Ogni sua provincia viveva secondo leggi e tradizioni proprie, mentre veniva mantenuta la nobiltà locale. In questo modo i sottomessi potevano continuare le loro tradizioni, anche religiose; al fine di ridurre il rischio di rivolte.

-Permise agli ebrei di riedificare il tempio di Gerusalemme.

-Il nome di Dario appare in Egitto nei templi di Menfi ed Edfu.

-All’epoca di Dario,  tributi venivano pagati in oro e argento e questo, probabilmente, fu uno dei motivi del declino di Babilonia.

-Moli storici sostengono che le guerre combattute da Dario (Grecia compresa: l’unione della Grecia all’Impero persiano avrebbe reso sicura la porzione più debole del confine occidentale) ebbero solamente lo scopo di garantire la stabilità dei confini dell’impero.

Le guerre persiane furono  la conseguenza dell’aiuto militare dato da Atene ed Eretria ai ribelli delle città ionie e carie.

Sempre per motivi di difesa, secondo molti storici,  assoggettò le popolazioni delle zone montuose del Ponto e dell’ Armenia, estese il potere persiano fino al Caucaso, combatté contro gli Saka e le altre tribù delle steppe iraniane  che vivevano oltre il fiume Oxus.

Dario in campo militare svolse una profonda azione innovativa introducendo la coscrizione obbligatoria, la paga per i soldati, un addestramento codificato e rinnovò l’organizzazione dell’esercito e della marina.

Anche Dario usa l’arte per rafforzare il suo potere.

Dario ebbe comunque l’ingegno di rafforzare il suo prestigio ricorrendo all’arte: immagini spettacolari, rilievi, iscrizioni rupestri e regge sfarzose.

-Ne è un esempio il rilievo di Behistun (Bisutun), scolpito su una grande parete rocciosa, dove Dario è raffigurato mentre sconfigge i suoi nemici, concepiti come “il male”. L’iscrizione riporta il medesimo testo in tre lingue: antico persiano, elamico e babilonese (da quest’opera G.F.Grotefend decifrò la scrittura cuneiforme).

-Nell’iscrizione Dario è presentato come inviato dal dio Ahura Mazda con lo scopo di ordinare il mondo.

-La medesima monumentalità spettacolare sarà voluta da Dario anche per la sua sepoltura a Naqsh-e-Rostam, vicino a Persepoli, scavata nella roccia. Accanto si faranno seppellire anche i re Achemenidi che gli succedettero ed anche altre dinastie di re.

Tomba di Dario

Dario fece erigere spettacolari e splendidi palazzi in tutta la Persia: da Persepoli a Pasargade, da Susa a Ecbatana (storica capitale dei Medi).

Le mura di Persepoli erano alte 20 metri e larghe 11, questa costruzione rappresentò, per l’epoca, un enorme sforzo ingegneristico.

-Nelle varie province crebbe un’intensa attività edilizia per la realizzazione di nuove strade; al fine di collegare meglio l’Impero.

-Le strade, sotto il domino di Dario, disponevano di stazioni di posta e locande ed erano protette da guarnigioni militari per rendere sicuro il traffico, anche postale.

-In Egitto, Dario portò a compimento il progetto di allargamento del canale navigabile tra il Nilo e il Mar Rosso; un’iscrizione geroglifica ricorda le navi del re che dal Nilo arrivavano fino alla mitica Saba, passando per il Mar Rosso.

Tutti i palazzi avevano splendidi giardini (parola che in persiano deriva da paradiso).

-Dario ebbe la lungimiranza di chiamare i migliori artisti e far arrivare i materiali più pregiati da tutto l’impero.

-FECE TRASFERIRE LA CAPITALE DELL’IMPERO DA PASARGADE ALLA NUOVISSIMA  PERSEPOLI.

-La storia e l’archeologia ci tramandano un’immagine di Persepoli ricca di arte raffinata e amministrata con giustizia.

-Alcuni testi di storia sostengono che Dario soffocasse nel sangue le rivolte che, successivamente, scoppiarono in tutto l’impero (ogni storico sostiene la sua tesi).05

Dario comprese l’importanza di introdurre la moneta (coniandovi la propria immagine), usanza inventata in Lidia (piccola regione centro-occidentale dell’attuale Turchia). Fissò il valore, in peso, delle monete e coniò il Darico aureo,  per creare un sistema uniforme adatto alle transazioni commerciali per tutto l’impero.

-Dario introdusse anche un’unità di misura standardizzata (il cubito reale) che favorì i commerci e il loro sviluppo.

-La moneta serviva come “promozione” dell’immagine ed era importantissima per il pagamento dei tributi e per accentrare ulteriormente l’amministrazione dell’Impero.

-Istituì anche un efficientissimo sistema postale.

Dario si spinse sino in Europa fissando i confini sul Danubio; dopo la sconfitta subita da parte degli Sciti (popolazione seminomade a nord del Mar Nero).

Il tentativo di Dario di conquistare la Grecia fu affossato dall’eroismo della battaglia di Maratona da parte dei greci.

-Dario morì nel 486 a.C. mentre preparava una grande spedizione contro la Grecia.

 DARIO INTRODUSSE UN NUOVO STILE DI GOVERNO

– CREO’ IL PRIMO LOGO POLITICO DELLA STORIA 

– VEICOLO’ AI SUDDITI L’IMMAGINE DEL GRANDE RE RAFFIGURATO CON ARCO IN PUGNO, OVVERO  IL BRAVO ARCERE.

-Tutti i potenti sfrutteranno la sua intuizione: fino ad oggi con la  statua della Libertà di New York.

Dario aveva unificato un impero vastissimo sino al Mediterraneo e all’India, anche  per i 150 suoi successori che ne sfruttarono i simboli.   


ALESSANDRO MAGNO

ALESSANDRO MAGNO NON ERA CONOSCITORE DELL’ARTE; ma ne comprese il potere.

ALESSANDRO MAGNO SCONFISSE E CONQUISTO’ POESEPOLI, mettendo a ferro e fuoco UN ESEMPIO DI CULTURA DELLA QUALE NON ERA IN GRADO DI RICONOSCERNE IL VALORE, ALESSANDRO(barbaro rispetto alla cultura raffinata della corte di Persepoli) AVEVA IMPARATO DAL PADRE CHE AVREBBE DOVUTO  UNIFICARE L’IMPERO PERSIANO SOTTO DI SE PER AVERE IL POTERE MONDIALE (del mondo allora conosciuto).

ALESSANDRO aveva compreso  la  manipolazione delle immagini inventata da Dario, ma aveva bisogno di creare un’ immagine tutta sua.

-come riuscì  Alessandro Magno a consolidare la pace; dove prese quell’immagine?

Dalla Macedonia: nel nord della Grecia oggi, ma allora regno indipendente di spietati guerrieri

-Del palazzo di Alessandro ci rimangono poche rovine; tombe di re macedoni,  scoperte e razziate da ladri e profanatori.

-Nel 1978 gli  archeologi greci trovarono una tomba intatta che portava a un cunicolo a grande profondità e all’ingresso di una cripta ancora intatta.

-Questa era la Tomba segreta di Filippo il Macedone (padre di Alessandro Magno) con un’enorme sala del tesoro dove erano depositati molto oro lavorato e un enorme sarcofago dorato con il simbolo dei re macedoni:  il sole.

-Incredibili ricchezze furono trovate nel il corredo funebre;  tra la polvere del pavimento si scoprì una scultura d’avorio di fattezze delicate, piccoli frammenti ricomposti formavano scena di caccia, un volto spiccava su tutti: era apparso su busti e dipinti in tutta l’area mediterranea. Si trattava del volto reale di Alessandro Magno; immagine non idealizzata, prima raffigurazione realistica di un re.

-Quel ritratto cattura il potere di Alessandro e la sua capacità di suggestione.

-Quella immagine fu scolpita prima che Alessandro diventasse re quindi il suo potere fu accuratamente preparato, anche attraverso l’immagine, era stata studiata dagli artisti come vincente per che avrebbe dominato il mondo.

I ROMANI, SOTTO IL VESUVIO

-Sotto il Vesuvio i romani amavano l’arte greca; qui si trova un mosaico dell’epoca di Alessandro, oggi al museo archeologa di Napoli, che raffigura la  battaglia dove Alessandro sconfigge l’ armata persiana. Alessandro fissa lo sguardo sul mortale nemico, sul re persiano raffigurato già perdente, Alessandro ha i capelli scompigliati di chi rappresenta un popolo di conquistatori, di vitalità e forza fisica.

-Il re persiano,invece, è rappresentato come pietrificato, come cattivo, come  codardo.

Alessandro e suo padre, avevano capito che l’immagine  convinceva i sudditi del  valore del capo.

-Poteva anticipare la vittoria sul re di Persia semplicemente con un’ immagine di vincente; ancora prima di vincere.

-Doveva  poi fare arrivare l’immagine ai nuovi sudditi; come?

-VOLEVA E DOVEVA ricordare ogni giorno ai sudditi chi comandava; come? La risposta è: il volto su una moneta con un’immagine quanto più possibile simile alla sua; per generazioni i successori coniarono monete con il suo volto.

– Idea geniale usata da tutti i leader successivi, sino a oggi.

-Il volto umano rimane ancora oggi una potente  arma nell’arena della politica.

-Dario e Alessandro Magno compresero  quanto la mente umana fosse disponibile a ricevere e accettare le immagini come ideale.

-Vedi la propaganda di Hitler e di Mussolini, di Mao e oggi lo stesso dello stesso Putin, ma non solo…

ARMANI, PRADA, ROBERTO CAVALLI, DOLCE E GABBANA, LACOSTE, MONCLER, BMW, AUDI …MA ANCHE COCA COLA, MAC DONALD, ADIDAS, BOSS, NESTLE’, EBAY… molti di noi acquistano, anche magari a rate, pur di dimostrare agli altri che possono permettersi quella marca che per loro è simbolo di quello che vorrebbero essere …è la triste storia della persona non abbiente  che lavora di più  per acquistare le scarpe NIKE per il figlio, (fabbricate  con immensi sacrifici da persone e, non solo qualche volta anche da bambini,  in altre parti del mondo; ai quali noi non amiamo pensare), figlio che altrimenti non sarebbe accettato dai compagni….ECCO IL POTERE DELL’IMMMAGINE

MA NON ERAVAMO UOMINI PENSANTI ?

O NON LO SIAMO MAI STATI PIU’ DI TANTO ?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*