Salute – digestione difficile – gonfiori – meteorismo

Bruciori di stomaco – digestione difficile – pancia gonfia e dolente – stitichezza – meteorismo

l 40% degli adulti – nel mondo – soffre di una patologia funzionale gastrointestinale (colon irritabile, dispepsia ecc.. )

 

E’ stato condotto uno studio 73 mila persone in 33 paesi nel mondo, pubblicato su Gastroenterology – https://www.journals.elsevier.com/gastroenterology

Ne è emerso che il 40% degli adulti, in tutto il mondo, soffre di una qualche patologia funzionale gastrointestinale (colon irritabile, dispepsia ecc.. ).

Lo studio sopra citato, precisa che non ci sono riscontri diagnostici oggettivi e quindi si parla di malattia organica non riconoscibile con effetti resistenti e fastidiosi.

Si tratta di un alto numero di persone che va spesso dal medico; a causa del disturbo persistente, senza trovare un valido riscontro diagnostico.

Secondo quanto dice il dott. Antonio Craxi, docente di Gastroenterologia all’Università di Palermo (come riportato dal Corriere della Sera – Salute 10.9.2020 pag.4), la pandemia Covid ha aumentato questi casi. Si tratta di una patologia funzionale; quindi si tratta soprattutto di una reazione  a disagi psicologici, evidentemente aumentati dal Covid-19.

Le motivazioni possono essere molto diverse:

  • la forzata convivenza conflittuale con alcuni familiari o partner
  • le incertezze o le tensioni del lavoro
  • l’obbligo di stare in casa e non poter ” sfogare ” le proprie tensioni interne e fisiche.

STRESS

L’origine delle patologie funzionali è spiegata dalla stretta connessione tra cervello e intestino (fu una delle dimostrazioni che portò al Premio Nobel la nostra Rita Levi Montalcini).

Vivere sotto stress vuol dire che il cervello continua a modificare i messaggi all’intestino e ne deriva una barriera intestinale più permeabile; che permette il passaggio al sangue dei microbi patogeni della flora intestinale.

Si genera così una microninfiammazione, fino alla possbile patologia autoimmune.

Il grado dell’infiammazione è la base che differenzia la “semplice” e fastidiosa microinfiammazione da una patologia autoimmune.

Qualunque persona può avere avuto episodi, occasionali, di difficoltà digestive o dolori addominali, ma è la frequenza che fa la differenza.

La maggioranza delle persone affronta questo fastidio con il fai-da-te in farmacia.

Ovviamente il ricorso al medico o allo specialista, va riservato ai casi che cambiano la qualità delal vita; qui sta la capacità del curante, una volta esclusi i rischi più gravi, di percepire quale sia la migliore cura per quel paziente. Le esperienze di vita del paziente possono avere influto, anche grandemente, nel causare questo problema.

PREVENZIONE

Può apparire banale, ma i consigli sono sempre i medesimi, dettati dal buonsenso (che oggi sembra dimenticato in favore della “pillola ch erisolve tutto”):

  • evitare di esagerare nei quantitativi di cibo e alcolici ingeriti
  • mangiare cibi sani
  • orari regolari nei pasti.

Lo specialsita nominato sopra, conclude dicendo che è un falso credere che eliminando certi cibi si risolva il problema (magari si ha una sensazione di miglioramento, solo perché sta passando la fase acuta e comunque il solo mangaire più attento fa diminuire i disturbi).

Aggiungo io che scrivo:

Il rischio di eliminare certi cibi è quello di favorire il mercato di prodotti alternativi; che quasi mai sono migliori come qualità di quelli sostituiti (vedi le bavande a base di soya, mandorle … che contengono enormi quantità di acqua e zucchero, con solo poche parti di quanto dichiarato nelle confezione).

Inoltre esiste il grande rischio di eliminare dalla dieta alcuni elementi che sono contenuti in pochi cibi e che sono indispensabili per l’equilibrio degli scambi inter-cellulari.

In breve; siamo cresicuti con una certa dieta, cambiare può portare a delle carenze. A meno che non ci si rivolga a specialisti seri e si abbia la costanza di prepararsi il cibo come consigliato e non saltare alcuni cibi, perchè richiedono tempo o non si hanno a disposizione.

La dieta varia e di prodotti il più possbile sani è sempre stata la base della salute; come alzarsi da tavola con ancora un poco di languorino. Il resto sono mode del momento, che rendono molti soldi a pochi. Salvo vere e gravissime allergie o altre patologie.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*