Salute – raffreddore – tosse – febbre- influenza – Tutte le medicine tradizionali dicono che … migliorano con un brodo

 

FINALMENTE A MEDICINA TRADIZIONALE RACCOMANDA DI USARE GLI ANTIBIOTICI SOLO SE VERAMENTE NECESSARIO

OGGI – PER AVERE PER DECENNI ABUSATO DI ANTIBIOTICI – CI TROVIAMO DI FORNTE A BATTERI ANTIBIOTICO – RESISTENTI … e rischiamo che in futuro peggiori …

Ovviamente se la febbre persiste o è molto alta è chiaro che serve un medico …

Ma potete anche imbottirvi di tutti i nuovi ritrovati della farmaceutica, la febbre e i sintomi scompariranno molto più in fretta …

Forse non è un caso se, la maggioranza delle medicine tradizionali nel mondo, suggeriscono di bere un brodo di pollo quando si soffre di malattie da raffreddamento: influenza, tosse, raffreddore, mal di gola ecc…

Ovviamente se la febbre persiste o è molto alta è chiaro che serve un medico, ma se non ci sono sospetti di polmonite o broncopolmonite o altre complicanze pericolose, il vecchio rimedio di stare a riposo al caldo è sicuramente la strada più saggia; almeno per chi può permetterselo.

Ma perché, proprio  il brodo di pollo può aiutarci ?

Bere qualcosa di caldo quando si deve combattere una malattia da raffreddamento è la cosa più normale; scalda.

Inoltre il brodo di pollo contiene sali minerali e proteine che aiutano l’organismo a favorire la guarigione. Non va dimenticata l’azione idratante, necessaria soprattutto se si ha anche la febbre.

Il consiglio è quello di fare un buon brodo di pollo con aggiunta di carote, sedano e cipolla. Meglio anche anche rosmarino e salvia.

Una volta cotto il brodo, raffreddarlo e metterlo in frigorifero.

I grassi si solidificano in superficie e li potete facilmente asportare.

Ora riscaldate il vostro brodo e buon appetito ( si consiglia di berlo in più volte tenendolo in frigorifero) e buona guarigione. Ovviamente non bevete solo brodo aggiungete frutta, verdura, pesce, la carne del pollo ecc… secondo come vi sentite.

Anche un bel cucchiaio di miele, di ottima qualità, vi farà molto bene; è come un’aspirina naturale.

Ma state al caldo e a riposo sino a che vi sentite di nuovo in forma.

Altrimenti potete imbottirvi di tutti i nuovi ritrovati della farmaceutica, la febbre e i sintomi scompariranno molto più in fretta, ma il vostro organismo avrò subito una violenza, ingerito anche sostanze che il fegato dovrà smaltire e avrà accumulato stress e tossine …

————————–

L’articolo è stato scritto dalla giornalista Grazia Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano, 1974, sul tema “Alimentazione dello sportivo”; la tesi fu firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*