Salute – Da SANA a Bologna – Conferenze su cibo – salute – oncologia

il 30-40% dei tumori può essere evitato con una dieta più sana

Il che significa che non è mai troppo tardi per modificare al meglio la propria alimentazione …

il sovrappeso aumenta il rischio di cancro del colon, della mammella in post menopausa, dell’endometrio, del rene e degli adenocarcinomi dell’esofago …

Soprattutto per i bambini – NO a snack salati, merendine, cibi pronti, hamburgher, wurstel (di dubbia provenienza e contenuto) e dolciumi – gelati – biscotti ecc…

Diete vegetariane e vegane correttamente bilanciate sono salutari – MA DEVONO ESSERE BEN BILANCIATE E PUO’ NON ESSERE FACILE PER CHI NON E’ ABITUATO O NON SI AFFIDA A UNO SPECIALISTA !

COMUNQUE LA PREVALENZA DI CIBI VEGETALI RISPETTO A QUELLI DI ORIGINE ANIMALE E’ UN GRANDE  AIUTO PER LA SALUTE; quindi tanta fritta verdura e legumi (lenticchie ecc…) – riso e/o pasta in quantità BEN adeguate allo stile di vita 

Qunato sotto è derivato dagli interventi di specialisti medici, della conferenza organizzata al SANA da Natur, azienda leader in Italia nel campo della floriterapia e un punto di riferimento unico e fondamentale per la PNEI, dal titolo

“Prevenzione in oncologia con l’aiuto dell’alimentazione e della fitoterapia”.

Curarsi anche con il cibo

Sono sempre più numerosi gli studi scientifici che denunciano come un’alimentazione basata su cibi animali ricchi di colesterolo, grassi saturi, proteine acide e sale sia uno dei più potenti fattori di rischio per lo sviluppo di patologie cronico-degenerative come sovrappeso, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, infarti, ictus, diabete mellito, osteoporosi, gotta, demenza, tumori; per contro,

una dieta vegetale, sana e bilanciata migliora lo stato di benessere psico-fisico del soggetto e aumenta gli anni di vita in buona salute.

Il CHIP Coronary Health Improvment Project ( www.chipusa.org) e il McDougall Program (www.drmcdougall.com ) ci dicono che:

“La dieta che sembra meglio essere in grado di prevenire, arrestare ed invertire il decorso delle principali malattie cronico-degenerative è quella a base di cibi vegetali, consumati il più possibile vicino al loro stato naturale, senza aggiunta di condimenti (grassi e sale) e di zuccheri.

E ancora:

Qualunque dieta, anche se onnivora, deve basarsi principalmente sui cibi vegetali.”
In termini di salute pubblica i vantaggi di una dieta vegetariana/vegana (plant-based diet) superano quelli riferibili ad una dieta onnivora (meat-based diet).

La dieta vegetariana/vegana dovrebbe essere sempre incoraggiata nella popolazione generale. (Food, nutrition, physical activity and the prevention of cancer: a global prospective. WCRF 2007)

I vegetariani/vegani rispetto agli onnivori presentano:

– inferiore indice di massa corporea (sono più magri)
– livelli minori di colesterolo plasmatico
– valori più bassi di pressione arteriosa
– meno casi di morte per cardiopatia ischemica
ridotta incidenza di ipertensione arteriosa, diabete mellito di tipo 2, tumore della prostata e del colon
(Position of the American Dietetic Association: Vegetarian Diets. J Am Diet Assoc. 2009; 109: 1266-1282)

L’American Dietetic Association afferma che: “Diete vegetariane e vegane correttamente bilanciate sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e comportano benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di numerose patologie.

Inoltre, diete vegetariane/vegane adeguatamente pianificate risultano appropriate per tutti gli stadi del ciclo vitale perchè in grado di soddisfare tutte le esigenze nutrizionali in età adulta, ma anche in gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia, adolescenza, nell’anziano e nello sportivo.

La completa esclusione dalla dieta di cibi animali (scelta vegana) o l’utilizzo dei soli derivati (scelta vegetariana) offre molteplici vantaggi per la salute come la riduzione dell’introito di acidi grassi saturi, colesterolo e proteine animali acide a fronte di un apporto più elevato di fibre, acido folico, magnesio, potassio, vitamina C, carotenoidi, flavonoidi ed altri fitocomposti.” (ADA Report 2009)

In più, seguire una corretta dieta a base vegetale già dall’infanzia è d’aiuto nello stabilire sani schemi alimentari:

“I bambini vegetariani/vegani presentano più bassi introiti di colesterolo, grassi saturi e grassi totali con consumi maggiori di frutta, verdura e fibre rispetto ai coetanei onnivori (Neumark-Sztainer D et al. Adolescent vegetarians: A behavioural profile. Arch Pediatr Adolesc Med 1997; 151: 833-838) a discapito di snack salati, merendine, cibi pronti e dolciumi con un aumento complessivo dell’assunzione di fibre, ferro, vitamina A, vitamina C ed acido folico (Donovan UM, Gibson RS. Iron and Zinc status in young womens aged 14 to 19 years consuming vegetarian and omnivorous diets. J Am Coll Nutr 195; 14: 463-472)”.

Non solo:

il 30-40% dei tumori può essere evitato con una dieta più sana. (Food, nutrition, physical activity and the prevention of cancer: a global prospective. WCRF 2007)

il sovrappeso aumenta il rischio di cancro del colon, della mammella in post menopausa, dell’endometrio, del rene e degli adenocarcinomi dell’esofago; mentre l’attività fisica riduce l’incidenza di cancro all’intestino, al seno, all’utero ed alla prostata” (IARC handbook for cancer prevention, Vol 6, 2002 – Weight reduction and physical activity).
Stili dietetici a rischio peggiorano la prognosi di malattie già conclamate.(Pasanisi, Berrino et al. Metabolic syndrom as a prognostic factor for breast cancer recurrences. Int J Cancer, 2006)

Il che significa che non è mai troppo tardi per modificare al meglio la propria alimentazione: passando al veg riusciamo a migliorare la nostra salute, tutelare gli animali e ridurre l’ impatto sul pianeta!

Per il WCRF la dieta più efficace per la prevenzione e la terapia delle patologie cronico-degenerative è quella basata su prodotti vegetali, integrali, freschi e crudi o cucinati in modo semplice.
E l’ADA (acronimo di American Dietetic Association), puntualizza: “La responsabilità dei professionisti della nutrizione è di sostenere tutti coloro che si mostrino interessati ad indirizzarsi verso un regime vegetariano/vegano (ADA Report 2009) e aggiunge “E’ fondamentale incoraggiare pratiche ecologicamente responsabili nelle scelte alimentari dei cittadini (ADA Position Paper 2007).

Dott.ssa Michela De Petris
Medico Chirurgo
Specialista in Scienza dell’Alimentazione
Esperta in alimentazione vegetariana, vegana, macrobiotica, crudista e nella terapia nutrizionale del paziente oncologico

::::::::::::::::::::::::::::::::::::

TERAPIA BIOLOGICA ANTI-TUMORALE

Per terapia biologica anti-tumorale si intende l’utilizzo di sostanze presenti in natura (nel mondo vegetale o nello stesso corpo umano), il cui meccanismo d’azione sia primariamente rivolto alla modulazione della risposta biologica immunopsicoendocrina del paziente e solo di conseguenza alla crescita della massa tumorale.

A sua volta, per “risposta biologica” non si deve intendere una aspecifica reattività bioenergetica, bensì il comportamento di quei sistemi biologici, dalla cui corretta funzionalità dipende il controllo della proliferazione e differenziazione cellulare e la reattività immunitaria, vale a dire il sistema immunitario ed il sistema neuroendocrino, che la moderna Scienza della Psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) ha dimostrato non esistere nel vivente indipendenti l’uno dall’altro, bensì costituire una sola unità funzionale.

Ed è stato appunto grazie alle conoscenze della PNEI che si è potuti giungere a quella che può venire certamente considerata come la più rivoluzionaria delle verità antropologiche degli ultimi secoli, quella cioè della mediazione chimica psicoimmunologica delle emozioni e degli stati di coscienza, tale per cui oggi è da ritenere errore scientifico qualunque atteggiamento che mantenga separati fra loro lo stato psicologico e quello psicochimico del paziente.

Ne consegue che l’elaborazione scientifica di una terapia biologica antitumorale non può fondarsi che su una perfetta conoscenza della condizione psiconeuroimmunologica caratterizzante lo stato di salute, dal momento che la finalità delle terapie biologiche in definitiva non è che quella del ripristino della chimica dello stato di salute.

Per quanto riguarda le sostanze endogene, vanno menzionate le varie citochine antitumorali prodotte dalle cellule del sistema immunitario (in particolare IL-2 ed IL-12) ed i diversi neuro-ormoni o neuropeptidi provvisti di attività immunomodulante in senso antineoplastico, in particolare gli ormoni prodotti dalla ghiandola pineale, di cui il più noto è la melatonina.

Per quanto riguarda invece le sostanze esogene fitoterapiche, fra quelle delle quali si abbia sufficiente conferma scientifica sulla loro effettiva azione antitumorale, vanno citate in prima istanza l’aloe e la mirra.

Dott. Paolo Lissoni
Specialista in Medicina Interna,
Endocrinologia e Oncologia
International Institute of Pnei

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

TUMORI e caratteristiche psicologiche

Alcuni studi dimostrano che la principale caratteristica psicologica riscontrata nel paziente colpito da tumore è l’anedonia, cioè la progressiva perdita della capacità di provare piacere: con l’avanzare della malattia il paziente non prova più interesse verso la vita, perde il senso del gusto, del bello, sia in senso materiale (mangiare, divertirsi…) sia in senso spirituale.

È interessante infatti che a una repressione del senso del piacere non corrisponda una crescita nella fede.

E questo si associa ad un’alterazione dell’immunità, come dimostrato dall’aumentata concentrazione nel sangue di IL-10, la più potente interleuchina immunosoppressiva per il cancro.

Un altro aspetto studiato recentemente riguarda l’auto-punizione inconscia:

— il cancro viene simbolizzato dal paziente come il tentativo ultimo ed estremo di consegnare il proprio corpo alla distruzione, non reagendo, ma anzi attivando un sottotipo di linfociti (T-reg) che stimolano la diffusione tumorale attraverso la soppressione dell’immunità anticancro. Lo studio suggerisce che un sentimento di punizione inconscia si associa a indebolimento delle difese immunitarie, inibendo un’effettiva risposta anticancro.

E’ stato da tempo dimostrato che l’utilizzo delle benzodiazepine in oncologia porta ad un’immunodepressione perciò è consigliabile almeno all’inizio proporre al paziente un aiuto naturale per rieducarlo alla gioia e al piacere.

Dott.ssa GIUSY MESSINA
Psicologa Psicoterapeuta
Specialista in Psiconeuroendocrinoimmunologia
Università degli Studi di Bergamo

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*