Cancellazioni viaggi per coronavirus – Quali viaggi o vacanze cancellare ?

Cancellare la vacanza all’estero per paura del coronavirus ?

La prima cosa da sapere è:  come si può essere infettati ?

Anche se vi trovate vicino a qualcuno che ha il virus, per ammalarvi dovete trovarvi nel raggio di circa un metro e respirare l’aria contenente in un suo sternuto…

I batteri, una volta dispersi nell’aria muoiono in tempi brevissimi.

Dovreste bere dal medesimo bicchiere (che non sia stato lavato)  dove ha appena bevuto una persona contagiata: non è una situazione che accade normalmente.

Oppure dovreste entrare in contatto con saliva, sangue ecc della persona ammalata. Cosa che non può accadere se usate normali precauzioni.

Quindi, i veri rischi sono solo in caso di grande assembramento di persone; ed anche in questo caso dovete ricevere direttamente uno starnuto dall’ammalato … non può accadere facilmente in Italia e fuori dalle regioni a grande contagio.

La domanda ” dobbiamo cancellare i viaggi all’estero “ non può avere una risposta certa; per il semplice motivo che nessuno può sapere quanto e come questa nuova malattia si diffonderà nei prossimi giorni.

Le precauzioni prese a livello internazionali sono utilissime, ed è difficile che qualcuno che vada in vacanza sul Mar Rosso, alle Canarie, in montagna o ai Caraibi abbia modo di contrarre questo nuovo virus, ma nessuno può escluderlo a priori anche se le possibilità sono bassissime.

Ovviamente è saggio cancellare i viaggi nelle zone che sono state dichiarate a rischio ed essere cauti per le zone circostanti e dove sono segnalati focolai consistenti.

I rischi di chi viaggia nel mondo, nel calcolo delle probabilità, sono bassissimi, ma non si può dire che siano zero.

UN GRAZIE A TUTTI I CINESI CHE SI AUTO – IMPONGONO LA QUARANTENA

感谢所有自我的中国人-实施检疫
Gǎnxiè suǒyǒu zìwǒ de zhōngguó rén-shíshī jiǎnyì

Praticamente  tutti i cinesi che sono rientrati in Italia, dalle zone infette, si sono dati un lodevolissimo codice di auto-quarantena.

Sappiamo di casi in cui i parenti hanno portato due auto in aeroporto e il malato è tornato da solo su un’ auto e, una volta a casa, ha occupato una stanza dove i parenti passano solo il cibo, ma non convivono per il tempo della quarantena. Una regola dura, che solo un popolo abituato a dare importanza al bene pubblico può seriamente rispettare. Grazie !!!

LE CROCIERE – UN ESEMPIO

Le crociere: i contatti ravvicinati in una crociera sono molto facili, ma se la crociera è sul Mediterraneo, le possibilità di contagio sono veramente pochissime; quasi zero.

Soprattutto sulle navi frequentate da italiani.

Aumenta il rischio sulle crociere con tanti passeggeri che arrivano dall’estero; perché nessuno può garantire che qualcuno sia arrivato dalla Cina e non sappia di essere infetto, magari da regioni non ancora dichiarate contagiate.

 

Nuovo virus coronavirus = doppio danno all’Italia:

– perdita delle vendite nei negozi e nel settore viaggi in genere; a causa dei mancanti viaggiatori cinesi
– cancellazioni di viaggi da parte dei turisti italiani che fanno le vacanze all’estero; ci perdono le nostre agenzie e operatori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*