Vacanze in Portogallo – Lisbona – dove andare e cosa visitare ? – Alcune idee

Noi ci siamo stati e questi sono i nostri suggerimenti e breve presentazione della storia locale

LISBONA – la si può annoverare tra le più belle città d’Europa

Jeronimos-II

Foto: Uffcio del Turismo

Monastero dos Jeronimos.

Portogallo chiesa gb

Alfama-I

Foto: Uffcio del Turismo

Quartiere Alfama.

Gastronomy_450 CIBO Portogallo

Foto: Uffcio del Turismo

– La zona più famosa e ricca di fascino è certamente la parte medioevale denominata Alfama, arroccata verso est, ma anche il Restelo, a ovest e antica zona portuale, meriterebbe una visita.

  • Nel centro della città, si dovrebbe sostare in almeno uno dei famosi bar che hanno il fascino del passato:

Martinho da Arcada, Britisch Bar e il Pavillhao Chines. Il grande fascino della città comunque è dovuto, in primis, al

Lisbona è da ammirare anche per il carattere unitario della sua architettura, del clima dolce e della particolare luminosità del cielo.

Belem-III

Foto: Uffcio del Turismo

Baixa-I

Foto: Uffcio del Turismo

Sul quartiere Alfama è stato scritto moltissimo e la fama che lo precede non delude nessun viaggiatore.

Costruito intorno al castello, tra il mare e la chiesa Sâo Vicente, fu risparmiato dal terremoto del 1755.

  • Qui le case sono quasi tutte del XVI secolo con alzi a sporto inclinati fino a toccarsi alla sommità, viuzze strette, rampe e scalinate nascondono minuscoli giardini e piazzette.
  • Nel “barrio” di Belem, vicino al mare, sorge la famosa e omonima Torre che fa parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco e fu balurdo inattaccabile a difesa della città, oggi la visitiamo soprattutto perché gioiello di pietra lavorato in puro stile manuelito.
  • Nei pressi si incontra il Monastero dos Jeronimos, nel medesimo stile della Torre di Belem dove si possono ammirare decori in pietra ispirati al mare: conchiglie, corde e pesci scolpiti nella pietra sembrano delicati intarsi di filigrana.

Portogallo Lisbona Jerónimus Lis0630_o

Foto: Uffcio del Turismo

  • Recentemente anche Lisbona, come Barcellona, offre un lato assolutamente moderno e architettonicamente all’avanguardia costruito in occasione dell’Esposizione Universale del 1998.

Un poco discosto dal centro storico, e quindi raggiungibile in taxi, con una delle numerose visite guidate dalla nave o con i mezzi pubblici, questa “nuova città” si fa apprezzare per i grandi spazi dove passeggiare tra fontane e sculture, un moderno oceanario, centri commerciali e futuribili quartieri residenziali.

Parque das Nacoes

Foto: Uffcio del Turismo

Ufficialmente il centro della città corrisponde a Piazza Don Pedro IV, aperta alla fine del ‘700, che si trova all’incontro delle grandi arterie, al centro tra due fontane è posta la statua del re Pietro IV, imperatore del Brasile (1822-31)

  • Intorno si possono ammirare il Teatro Nazionale D.Maria II, la chiesa barocca Sâo Domingos, rifatta dopo ilterremoto del 1755 ed un incendio del 1959, sul retro il rosso Palazzo dell’Indipendenza. Da qui sino alla enorme piazza do Comércio, quest’ultima di fronte al mare, ai lati della larga rua Augusta , si estende un elegante quartiere settecentesco progettato dal Marchese Pombal.

Nel passato Lisbona fu colonia fenicia e, dal 205 a.C., colonia romana (Felicitas Julia, in onore di Giulio Cesare). I barbari poi ne fecero anche una roccaforte visigota nel V secolo.

Gli Arabi, dal 714, la fecero capitale di un piccolo regno e splendido emporio commerciale.

Nel 1147, dopo un lungo assedio, venne liberata dai Crociati e da re Alfonso I, inoltre Lisbona nel 1255 tolse il titolo di capitale a Coimbra.

Dal XV al XVI secolo Lisbona divenne il punto di partenza delle più importanti scoperte e conquiste in Africa ed in America. Quasi totalmente distrutta da: terremoto, incendio e maremoto nel 1755, la “Regina del Tago” venne ricostruita, per un intero secolo, per volontà del marchese di Pompal. Nel 1938 Lisbona fu resa ancora più bella da un grandioso piano di riconversione.

Il film “Sostiene Pereira”, capolavoro di Mastroianni, è certamente un ottimo incentivo per un viaggio alla ricerca della storia del Portogallo.

Chi arriva a Lisbona si trova di fronte a due diverse città: una moderna, quella delle grandi costruzioni in occasione dell’Expo Universale del 1998, ed una antica racchiusa soprattutto nel quartiere di Alfama fatto di viuzze arroccate sulla collina, tutte con “vista oceano”!

La storia di Lisbona dal 1700 ad oggi la possiamo incontrare anche visitando i suoi

-bar storici:Martinho de Arcada, British Bar, Pavilaho Chines, rispettivamente in Piazza Do Comercio, via Do Arsenal, via Do Pedro V.

La città, in realtà, è costituita da un patrimonio di 850 anni di storia fatta anche di incontri con civiltà lontane.

Se partiamo dalla Torre di Belem incontreremo anche il Monastero dos Jeronimos, iniziato nel 1502 in stile “manuelito” così tipicamente portoghese. Di fronte guardano il mare i personaggi del Monumento alle scoperte.

Al lato opposto della città, dopo aver ammirato Alfama, ci aspetta il nuovo Portogallo: una stazione ferroviaria tra le più avveniristiche del mondo, un modernissimo vicino centro commerciale, le strutture della EXPO disegnate dai migliori architetti e uno stupefacente oceanario.

Cavalluccio marino – Foto G.Seregni.

Per cenare uno dei migliori indirizzi è la rua Jardim do Regedor dove si trovano tanto pesce fresco e molluschi.

CIBO Gastronomy_Portogallo CIBO

PER GOURMET – alcuni suggerimenti, ma il settore è in continua evoluzione …

Ufficio turistico del Portogallo: tel 02. 795228, Largo Augusto 3, Milano, www.portugal-insite.pt

nella centralissima piazza do Comercio si trova il Vica no Chāo, ovvero il regno di Lisor Claro, considerato il Ferran Adriá   di Lisbona; qui si incontra una cucina altamente creativa, PREZZI ALTI.

-sotto le volte del Terreiro do Parco si trova il ristorante di Vitor Sobral, il quale dopo aver passato la vita nelle cucine più prestigiose di mezza Europa offre al cliente una varietà di affettati unica al mondo insieme ad una cucina regionale a base di pesce, maiale e formaggi (Tenente Ferreira Durăo 55-A)

-da segnalare la cucina dell’albergo York House, ricavato da un convento seicentesco, il cui ristorante si chiama a Confraria ed è considerato il migliore della città; www.yorkhouselisboa.com prezzi adeguati al livello del ristorante.

LA COMPAGNIA DI BANDIERA TAP.

I voli della compagnia di bandiera TAP partono da Milano e Roma e hanno prezzi concorrenziali; controllate sempre le offerte anche della concorrenza. Oppure volate su Porto, costa meno, e poi affittate un’auto.

Volendo, Lisbona può essere anche un piacevole intervallo per poi volare verso altre destinazioni come alcune piccole isole di Capo Verde (a sud delle Canarie) che non sono raggiungibili direttamente dall’Italia.

Tap Collega Lisbona con centinaia di altre destinazioni come il centro-sud America

A NORD DI LISBONA

Proseguendo verso nord, dopo Lisbona, si incontra la bellissima e storica Sintra che nell’antichità classica veniva chiamata Monte della Luna.

Qui i palazzi parlano un linguaggio lussuoso e vacanziero insieme ai loro immensi giardini.

Palazzo de Pena, Palazzo Nazionale, quest’ultimo definito: “la più affascinante costruzione regale del Portogallo”.

Palazzo Nazionale di Sintra Portogallo 450 dfc

Palazzo Nazionale di Sintra.

Portogallo colonna

Sempre a nord di Lisbona (120 Km c.a.), si incontra Alcobaca il cui monastero detto De Alcobaca, è parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

Il rosone dell’abside racconta la tragica storia d’amore tra D.Pedro e D. Ines, uccisa dal padre di lui perché non di sangue reale, ma vendicata ed incoronata  dallo stesso marito dopo la morte. Bellissimo il tumulo di Ines de Castro contrapposto a quello del suo amato Pedro.

Portogallo dintorni regina sepolcro m

D. Ines, uccisa dal padre del marito,  perché non di sangue reale e amante svergognata.

Per chi vuole conoscere tutta la tragica storia: 

Don Pedro, primogenito del re del Portogallo Don Alfonso IV, a vent’anni sposò, per volere del padre, Costanza di Castiglia; una donna assolutamente insignificante e priva di ogni fascino. Quando Don Pedro conobbe Ines de Castro, una delle dame  di compagnia della sposa,  fu amore a prima vista. La relazione, invece di essere vissuta segretamente, fu ostentata.

Questo comportamento fece infuriare il re del Portogallo e i suoi consiglieri. L’ira di Don Alfonso IV arrivò quindici anni dopo, quando Pedro e Ines avevano anche messo al mondo tre figli.

In un momento di lontananza  del figlio, il re in persona si presentò alla villa di Ines e la uccise davanti ai bambini.

Quando Don Pedro seppe la notizia, divenne furibondo.

Causò una rivolta popolare, il Paese in breve tempo visse una tremenda crisi, sono a che la madre, la regina Beatrice, non riuscì a calmare il figlio. La pace durò fino alla morte di Alfonso IV.

Quando alla fine  don Pedro divenne sovrano assoluto del Portogallo. fecei imprigionare e uccidere con tremende torture i principali responsabili del complotto contro Ines.

Non contento, in un tragico atto di follia fece disseppellire Ines, e la volle accanto a sé come la nuova regina del Portogallo, adagiandole sul teschio la corona che non aveva potuto portare in vita.

Portogallo ok 672 vb

Monastero di Batalha, fatto di “merletti di pietra”.

Portogallo decori ok b

Da Alcobaca a Batalha sono sufficienti 60′. Qui si ammira uno dei più affascinanti monumenti gotici della penisola Iberica: il Monastero di Batalha, fatto di “merletti di pietra”, l’interno della chiesa è maestoso e sobrio come può esserlo una chiesa gotica, le belle vetrate sono indimenticabili come il monastero annesso e la Sala Capitolina con l’enorme cupola priva di alcun supporto centrale.

Non dimenticate di visitare anche Tomar e il castello.

Hotel Lisboa Plaza, 4 stelle, av. Lebertade 1269, Lisbona, tel (01) 213. 218.218.

Hotel Ibis Lisboa , 2 stelle, av. Casal Ribeiro 23/25 , lisbona, tel (01) 319.16 90

Residence Delta, semplice e accogliente, R.Ilha do Pico 3, Lisbona, tel. (01) 352. 13 00

Sintra: Hotel Central, 2 stelle, affascinante solo per veri viaggiatori, Praca da Republica 35, cod postale:2710-616 Siantra; tel (019 923. 00. 63-09.63

Tomar: Hotel Dos Templarios , 2300 Tomar, tel (01) 249. 321.730, ottimo 5 stelle, con piscina esterna e interna.

———–

Setúbal:Tróia CostaDaCaparica01

Foto: Uffcio del Turismo

Portogallo  un viaggio insolito lungo il fiume DOURO partendo da PORTO.

Si parte da Porto: viaggio sul fiume Douro, tra natura incontaminata, belle ville e spettacolari paesaggi terrazzati di viti che producono il famoso Porto  e si arriva,volendo,  a Salamanca in Spagna.

Nella valle del Douro si va per assaporare l’ambiente nostalgico, contemplare gli impressionanti paesaggi  terrazzati dei vigneti, si ascolta il sussurrare del vento nelle vigne e ci si delizia con gli odori e gli aromi che provengono da: terra, monti e valli. Si sperimentano le vecchie tradizioni che  mostrano l’importante simbiosi tra il Douro, terra e vino. Nella prima o seconda parte del  viaggio si può visitare la città di Porto,  famosa a livello mondiale per il Vinho do Porto.

Da non perdere sul Douro:

-Pinhão: è una delle strade più incantevoli del Portogallo,  corre lungo il fiume Douro  sempre alla  sinistra, per chi lo naviga da Porto. Nella piccola località di Pinhão si deve visitare l’antica stazione dei treni che fu convertita in un negozio e museo con pezzi unici, quale testimonianza di un passato vitivinicolo ricco di tradizioni. L’attuale stazione dei treni, che ancor oggi resta situata a lato, è conosciuta per i suoi 24 pannelli di azulejos che ritraggono paesaggi del Douro e aspetti della vendemmia. Visitiamo le Quintas dove si produce il vino, così da poter comprendere lo stile di vita di questa gente

città di S. João da Pesqueira: è considerata “il cuore della Regione vinicola del Douro” e probabilmente offre il panorama più impressionante di tutta la regione del Douro, chiamato São Salvador do Mundo.

-a Foz Côa si visita la Quinta de Ervamoira: dentro il Parco Archeologico di Vale do Côa, in un territorio classificato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Un museo privato di reperti archeologici permette di conoscere la storia della Quinta e i rispettivi vini.

-meritano una visita anche le incisioni rupestri di Vale do Côa: rara concentrazione di arte rupestre composta da incisioni su pietra risalenti al Paleolitico Superiore (22000 – 10000 AC),  costituiscono uno dei più antichi reperti di attività umana registrati al mondo. Da questo punto si può tornare a  Régua

-intorno a Regua: aironi cinerini  e natura intatta

Cascinal da Balé: zona di rocce incantevoli

-villa Mateus: bellissima

-con un trenino si viaggia nella zona  e si arriva alla stazione di Figinale con splendidi azulehos

-Quinta do Vesuvio: villa così chiamata dalla nobildonna che la creò con il nome del lugo del suo viaggio di nozze. Costei fu grande dama, 30 fattorie producono vino Porto per questa proprietà

-la produzione del Porto è nella valle dell’alto Douro, zona al riparo dai venti atlantici, fredda d’inverno e caldissima d’estate

PORTO

La città si trova in una magnifica posizione sulla foce del fiume Douro e possiede un insieme architettonico di valore eccezionale. Il centro storico di Porto è stato dichiarato nel 1996 dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

-A Porto la funicolare  porta verso la parte alta della città. Per salire si deve fare una tessera ricaricabile come quella che si fa a  Lisbona. Arrivati in alto si attraversa il ponte fino ad arrivare quasi al Mosteiro da Serra do Pilar di Gaia, da qui si gode una vista mozzafiato sulle anse create dal fiume Douro e sui vari ponti che lo attraversano.

Crociera di 2 ore a partire da Pinhão:

Partenza di sabato da Orio al Serio, volo Ryanair (www.ryanair.com, (biglietto 33 euro a testa A/R tasse incluse), arrivo a Oporto alle ore 18:45 locali (19:45 ora italiana: 3 ore di volo!). L’aeroporto di Oporto è dedicato a Francisco Sa Carneiro (uomo politico molto amato, morto in un incidente aereo) ed è lontano 19 km dal centro cittadino di  PORTO (Oporto). L’aeroporto è collegato con il centro città dalla metropolitana (Metro Ligero www.metrodoporto.pt), il biglietto costa 1,40 euro: 25 minuti per arrivare in centro.

– l’hotel Ibis Porto Centro (www.ibishotel.com): camera doppia da 55 euro/notte (6,5 euro la colazione, con grande possibilità di scelta). L’hotel è nel centro storico vicino all’ Avenida Dos Alliados: il cuore pulsante della città. Per raggiungere l’albergo basta prendere la metro (direzione Estadio do Dragao), si scende alla fermata Bolhao ( qualche centinaio di metri a piedi). L’albergo si trova all’interno di un centro commerciale e la reception è al primo piano. Le camere sono accettabili, complete di tv satellitare, frigobar, bagno con doccia, camera con letto matrimoniale, divanetto e scrivania, tutto molto pulito.

La guida Lonely Planet consiglia un ristorante che si chiama Pedros dos Frangos (Rua do Bonjardim 219, vicino a Avenida Dos Alliados), specialità  il pollo allo spiedo (Frango no espeto), ma qualsiasi carne grigliata è eccezionale. Un’antrecote alla griglia con patate, un litro di vino, uno di acqua, due fette di torta (esagerate!) e caffè espresso e costano: 26 euro.

Dalla Stazione Centrale si imbocca la strada che porta al ponte Dom Luis I che collega Oporto con Vila Nova de Gaia, in pratica è un altro comune, ma in realtà è annesso alla città di Oporto. Questo fantasmagorico ponte è stato progettato da Teophile Seryng, storico collaboratore di Eiffel, nel 1886. Il suo vano è alto ben 172 metri, la parte inferiore aperta al traffico e la parte superiore è pedonale e riservata alla metro. Da questo punto si gode di uno spettacolo mozzafiato, il fiume Douro  appare immenso, mentre ci troviamo a poche centinaia di metri dall’oceano Atlantico. Guardando verso ovest a destra si vede Oporto, per l’esattezza il quartiere della Ribeira aggrappato a una delle cinque colline che formano Oporto, dalla parte opposta si vede Vila Nova de Gaia dove si trovano tutte le cantine del vino Porto, una piccola Las Vegas illuminata e in miniatura.

Domenica, si può visitare Aveidas Dos Alliados. Edifici barocchi e Liberty, la modernità è rappresentata dalla Camara Municipal: unico edificio in stile fiammingo del Portogallo.  Oltre la Camara Municipal si trova una chiesa neoclassica: da Trinidade che ricorda la Brianza o l’ Irlanda-Inghilterra.  All’interno un pannello rappresenta il battesimo di Cristo, l’autore è Josè de Brito. Poche decine di metri e si incontra il Mercado do Bolhao, il mercato coperto più importante di Oporto, ma la domenica è chiuso. Prendendo Rua Santa Catarina, fino al Coliseu do Porto (un centro culturale destinato agli spettacoli) e poi arriviamo  in Praca da Batalha dove si incontra la splendida facciata della chiesa di San Idelfonso. Tutta la parete è rivestita di azulejos (piastrelle colorate azzurre e decorate a mano) che raccontano la vita del santo. Tornando alla Avenida Dos Alliados, ma  procedendo senza soste verso sud: direzione stazione dei treni Saò Bento. Le pareti della sala d’aspetto di questa stazione sono composte con 20 mila azulejos di Jorge Colaco, 1930, e raccontano le battaglie storiche:  la conquista di Ceuta da parte di Henrique il Navigatore e la storia dei trasporti…

All’esterno della stazione si incontra, proprio di fronte, la Cattedrale, ma per raggiungerla si deve superare un terreno tipo sali-scendo, e così è tutta Oporto, costruita su cinque colline La Cattedrale,  XII°- XIII° secolo, fu originariamente romanica, ma ha subito notevoli restauri in epoca barocca. Pregiatissimi e imponenti sono: l’altare d’argento, il chiostro gotico, il vecchio chiostro, la cappella di San Vincenzo e il Tesoro della cattedrale.

La Cattedrale è situata su di una collina alla cui basi si incontra il fiume Douro e la Ribeira ovvero il quartiere più famoso di Oporto.

La Ribeira è il quartiere storico di Oporto: vicoli stretti, case addossate, piccolissime porte e finestre, colori sgargianti, profumi esotici. Il saliscendi di vicoli acciottolati e strettissimi, scale… Qui si visita la Casa Do Infante dove, sostengono, sia nato Henrique il Navigatore (oggi sede del museo della dogana € 2 ) e la straordinaria Igreja de Saò Francisco, edificio gotico esternamente, ma internamente  opulentemente barocco.

Arrivati al lungofiume del Douro si scoprono i Barcos Rabelos, ovvero velieri in miniatura carichi di botti che in passato trasportavano il vino Porto sino alle cantine  provenendo dall’alta valle del Douro, mentre ora sono usate dai turisti per escursioni giornaliere sul fiume  da 8 a 15 euro). Lungo questa escursione si vedono edifici coloratissimi, ex case di pescatori, trasformate in bar, ristoranti e i soliti banali negozi di souvenir. Alla fine si ammira l’ imponenza del ponte Dom Luis I che non stride col paesaggio circostante ma lo caratterizza.

Il servizio Sightseeing serve per visitare velocemente e comodamente il resto della città. 2 compagnie offrono questo servizio in città(euro 15 per un giorno) oppure si può accoppiare questo servizio con una gita in barca sul Douro (25 euro 1 giorno).

Con questo autobus si passa tra i vicoli stretti della città accompagnati da una musica dolce e malinconica che ben si sposa  con l’atmosfera di “orgogliosa decadenza” del luogo.  Il percorso blu  porta  anche Vila Nova de Gaia e alle famose cantine di Porto. La parte più spettacolare è l’oceano Atlantico.

FANTASTICA MINICROCIERA !

Serena Tourist Service tour operator dal 1987

minicrociera da Milano 560€-690 cab singola 115€ compreso volo linea Tap

http://www.serenatourist.it/Portogallo%20crociere%20fluviali%20crociera%20Douro%20e%20Guadiana.htm

 sul Douro di 8 giorni oppure mini crociera sul Douro di 4 , 3 o 2  giorni, più 2 notti a Oporto, per un week-end nel cuore pulsante de Nord del Portogallo . Tutte le crociere sul Douro sono abbinabili ad altre proposte ed itinerari di viaggio o vacanza in Portogallo.

La crociera fluviale sul Douro   consente di visitare il nord Portogallo  navigando sul fiume ,  a bordo di  una   nave  albergo di ottimo livello e di dimensioni contenute che, partendo da Porto, risale il fiume Douro , lungamente navigabile grazie ad un sofisticato sistema di dighe e chiuse, fino a raggiungere la Spagna. La crociera sul Douro   è un viaggio appassionante, un itinerario con un  susseguirsi di paesaggi verdi, ed escursioni per conoscere la regione del fiume Douro e godere di una vacanza con ritmi rilassanti. La Mini-crociera da un piccolo assaggio dell’atmosfera e delle bellezze della valle del Douro .

La compagnia di navigazione , leader del turismo di qualità sul fiume Douro , opera questa crociera con  imbarcazioni di ottimo livello ideali per la navigazione sul Douro e ponendo particolare attenzione al servizio ed alla sicurezza. Sono  presenti a bordo delle  tutti i più moderni strumenti e tutti  gli apparati di sicurezza previsti dalla legge. Il personale di bordo è qualificato ed addestrato al soccorso ed  alle emergenze anche se la navigazione sul fiume non pone problemi sia per la placidità delle acque che per la vicinanza alla terraferma.

1° giorno – sabato:

Partenza con volo di linea TAP per Porto. Arrivo e trasferimento privato all’ Imbarco a bordo della nave. Cena e pernottamento a Porto.

2° giorno – domenica:

Dopo la prima colazione visita della città di Porto e dei suoi principali monumenti storici. Dopo pranzo si comincia la crociera verso Bitetos . Breve sosta a Caldas de Aregos. La cena è prevista in un suggestivo monastero  Dove verrà offerta una cena tradizionale. Pernottamento a bordo.

3° giorno – lunedì :

Prima colazione a bordo. Partenza per Regua. ..Escursione all’antica città di Lamego ed al Santuario della Madonna dei Rimedi Rientro a bordo per il pranzo Dopo un pomeriggio di piacevole navigazione lungo il Douro nel pomeriggio la nave arriva a Regua. Cena con spettacolo   e pernottamento a bordo.

4° giorno martedì :

Prima colazione quindi tempo libero a disposizione.  Visita dell’Accademia del Vino. Navigazione verso la Spagna.  Pranzo a bordo.   Cena  ” Capitain’s Dinner”  e pernottamento a bordo

5° giorno – mercoledì :

Prima colazione a bordo, la navigazione sul Douro continua . Escursione a terra per la visita della bella città di Salamanca con pranzo tipico e visita guidata.  La nave arriva a Vega Terron in Spagna, dove  sosta per la notte. Cena e pernottamento a bordo.

6° giorno -giovedì :

Prima colazione a bordo, la navigazione sul Douro continua discendendo il fiume verso Pinhao. Pranzo a bordo.  Proseguimento per Pinhao e cena in una lussuosa country house.  Pernottamento a bordo

7° giorno – venerdì :

Prima colazione a bordo navigazione verso Regua.   Sbarco per l’escursione a Vila Real con visita della antica cattedrale e dei giardini di Palazzo Mateus Pranzo a bordo. Si prosegue poi la navigazione lungo l’ultimo tratto del Douro per far rientro a Porto. Cena e pernottamento a bordo.

8° giorno – sabato:

Prima colazione a bordo, quindi sbarco. Per chi rientra in Italia, trasferimento privato all’aeroporto e volo di linea per la destinazione d’origine. E’ possibile prolungare il soggiorno in Portogallo o nelle sue isole con tour individuali o di gruppo e soggiorni in città o località balneari. Richiedeteci le varie possibilità

image002.gifMini Crociera  pernottamento in hotel Partenze tutte le domeniche – martedì – venerdì  da marzo a ottobre – in luglio e agosto anche di sabato

 4 giorni / 3 notti

 1° giorno

Partenza con volo di linea TAP per Porto. Arrivo e trasferimento privato in hotel. Pernottamento.

2° giorno

Trasferimento libero al punto d’imbarco della nave alle 9.00. Prima colazione. Inizio della navigazione. Durante il percorso un susseguirsi di scorci panoramici ed appassionanti che da terra sarebbe impossibile avere. Pranzo a bordo. A metà pomeriggio arrivo a Regua. Trasferimento in hotel. Tempo a disposizione. Cena e pernottamento in albergo.

3° giorno –

Prima colazione. Partenza in nave per Pinhao e Pocinho. Seconda colazione servita a bordo..  Arrivo nel tardo pomeriggio alla stazione di Pochino e partenza in treno per in rientro a Porto in tarda serata.

Rientro libero in hotel a Porto. Pernottamento

4° giorno

Tempo a disposizione fino al trasferimento privato all’aeroporto per il volo di rientro in Italia. E’ possibile prolungare il soggiorno in Portogallo o nelle sue isole con tour individuali o di gruppo e soggiorni in città o località balneari. Richiedeteci le varie possibilità.

Prezzi approssimaticvi, da aggiornare secondo la stagione

Quote individuali di partecipazione da MI – RM – VE – BO :

crociere con pernottamento a bordo

Classico Douro (*)

 da € 1.065 a 1.440

suppl. cabina singola da € 445 a 585

  suppl. ponte superiore € 80-115

Autentico Douro da € 945

  suppl. cabina singola € 365

———-

Mini Douro – € 620 725

  suppl. cabina singola 250 250

  suppl. ponte superiore 35 35

 (*) Pacchetto 5  escursioni a terra: € 245,00 –

Diritto fisso crociera, a persona : € 50,00 per tutte le partenze –

Supplemento aereo a persona:  dal 23.07 al 23.08.  € 60,00 – partenze da altri aeroporti in Italia: supplementi alla pagina Portogallo Voli

La quota individuale di partecipazione comprende: voli di linea a/r TAP in classi tariffarie dedicate – trasferimenti privati da/per l’aeroporto di Porto all’imbarco – sistemazione a bordo in cabina doppia ponte principale – trattamento di pensione completa a bordo – navigazione lungo il fiume Douro per 8 giorni / 7 notti. – percentuali di servizio- NON comprende: tasse aeroportuali – spese personali – escursioni e visite a terra – tutto quanto non espressamente citato come compreso in ”la quota comprende”.

Cibo vino Portogallo

Foto: Uffcio del Turismo

VINO PORTO

Il Porto è un vino liquoroso conosciuto in tutto il mondo. Le viti che crescono lungo la valle del Douro in ambienti estremi, siccità, caldo torrido e periodi di grande pioggia formano il bouquet di ogni annata. Pare siano stati gli inglesi nel XVIII secolo a “scoprirlo” durante la guerra scoppiata  tra Francia e Inghilterra. In questo periodo gli inglesi interruppero ogni tipo di commercio con la Francia,compreso il vino Bordeaux ed  cercarono un vino che avesse le medesime caratteristiche simili scoprirono così il vino qui prodotto. Lo addolcirono anche per poterlo conservare durante il trasporto, mescolandolo con il brandy. Forse questi processi di vinificazione erano già conosciuti nella valle del Douro, ma agli inglesi rimane il merito di averli perfezionati.

I tipi di Porto:

1 Ruby: prodotto con uve di media qualità e invecchiato almeno due anni in botte

2 Tawny: stesse uve del Ruby, ma invecchiato in botte da 2 a 7 anni

3 Aged Tawny: prodotte con uve di qualità più elevata rispetto al Ruby e invecchiato in botti da 2-5 anni

4 Late Bottled Vintage (LBV): prodotto con uve selezionate di un’unica vendemmia, invecchiato 5 anni in botte e poi imbottigliato.

5 Vintdge: prodotto con uve di altissimo livello (non tutti gli anni sono accettati per la produzione del Vintage), invecchiato in botte per almeno 2 anni e in bottiglia per altri 10 ( pezzi rari hanno 100 anni).

Il prezzo varia tantissimo tra un Ruby e un Vintage. Da 7-8 euro a bottiglia per un Ruby, a 14-20 euro per un LBV, a svariate decine di euro per un Vintage (in Italia almeno 30% in più).

  • Attenzione: comprate il vino solo in aeroporto o fatelo spedire, non potete trasportare bottiglie in aereo che non siano sigillate dai negozi in aeroporto.

NOTA: le foto sono di G.Seregni e la riproduzione è vietata a norma di legge. Quelle segnalate, sono dell’Uffcio del Turismo.

2 comments

  1. Good luck ! Let me see how are you doing G.
    This is a professional blog, we are journalists and design-artists.
All rights of this blog are protected by the low.
We are part of a big and strong organism of journalist .
    We have lawyers who defend our work., those who steal our content photos or texts will have to deal with an organization that has branches all over the world.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*