CULTI MILANO celebra la rosa di Brera

CULTI MILANO celebra la rosa di Brera con una fragranza dedicata

ABOUT la rosa di Brera

La rosa di Brera appartiene al gruppo dei rosai a cespuglio a mazzi, vegetazione folta e lucida, assai resistente alle malattie. I fiori, prodotti in abbondanza da maggio fino all’autunno inoltrato, mostrano in boccio una tonalità bicolore rossa e gialla che durante l’apertura evolve in un color magenta con risvolti crema nella parte inferiore del petalo. Questa varietà si presta bene alla formazione di aiuole mono- o poli-cromatiche, per conferire effetti massivi di colore, ma si accosta bene anche ad altre essenze perenni o arbustive.

 – In accordo con la Pinacoteca di Brera, CULTI MILANO marchio storico nel mondo dei profumi d’ambiente, leader per ricerca e qualità delle materie prime, dedica una fragranza alla rosa di Brera.

ROSA DI BRERA è un profumo che esalta i sensi con note antiche di cassis, osmanthus, rosa del Marocco e un sottofondo boisée di vetiver.

Nel luglio 2016 il direttore della Pinacoteca di Brera James Bradburne ha visitato il vivaio Barni e selezionato una rosa cluster, creata da uno specialista francese, che è stata successivamente protetta da copyright come “rosa di Brera”.

Annunciata nel maggio 2017 nell’ambito della manifestazione Orticola, la rosa di Brera è anche il simbolo del premio promosso da Brera e assegnato annualmente durante il Ballo di Brera (21 giugno 2017).

In occasione della presentazione ufficiale del nuovo ibrido all’Orto Botanico di Brera il 19 giugno 2017, CULTI MILANO ha preso parte alla cerimonia del battesimo svelando in anteprima questo inaspettato connubio con la prestigiosa istituzione milanese.

Ambasciatore del lusso negli spazi privati e nel mondo dell’interior design, CULTI MILANO crea fragranze riconoscibili per la loro delicatezza e l’originalità delle alchimie olfattive che sprigionano. Immergersi nel giardino incantato di ROSA DI BRERA, significa risvegliare ogni giorno sensazioni di benessere e serenità.

www.culti.com

 

Arte a Milano ingresso gratuito – GRATTACIELO PIRELLI – PAESAGGI LOMBARDI LUOGHI DELLO SPIRITO

GRATTACIELO PIRELLI
Spazio Eventi di Regione Lombardia, 1° piano
Milano, via Fabio Filzi 22
PAESAGGI LOMBARDI LUOGHI DELLO SPIRITO
a cura di Daniele Lotti e Lauretta Scicchitano
11 – 29 luglio 2017
inaugurazione martedì 11 luglio, ore 13
alla presenza di Philippe Daverio

https://webmail32e.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=28d43d31d33d124&uid=71045&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=20d76d144d62d10&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=0

Betto Lotti, Le mondine , 1952

La prestigiosa sede Spazio Eventi di Regione Lombardia del Grattacielo Pirelli a Milano ospita dall’11 al 29 luglio la mostra personale di Betto Lotti “Paesaggi lombardi luoghi dello spirito”, a cura di Daniele Lotti e Lauretta Scicchitano, con presentazione di Philippe Daverio .
Nel ricco percorso espositivo viene descritta l’attività artistica di Betto Lotti (1894 – 1977) attraverso oltre 70 lavori , opere pittoriche, acquerelli, carboncini, incisioni, datati fra il 1911 e il 1973, che evidenziano come nella sua pittura abbia privilegiato il tema del paesaggio, degli spazi aperti e descritto con una visione poetica i luoghi a lui molto cari, i paesaggi lombardi .
La mostra si apre con un nucleo di opere realizzate fra il 1911 e 1914, prevalentemente a carboncino, oltre a Le anime (1913) unico dipinto a olio rimasto del suddetto periodo. Sono questi gli anni in cui l’artista nel corso dell’Accademia, stringe una forte amicizia con Ottone Rosai, con il quale al termine degli studi realizza diverse esposizioni. Lo spazio successivo è incentrato sull’attività incisoria, a cui Lotti si dedica per molto tempo, e che vede l’artista soffermarsi su temi e soggetti differenti, sia su scene di vita quotidiana legata al lavoro come Nel cantiere (1918) o La Grande Fornace (1913), sia su situazioni disimpegnate come La Taverna (1913). Che si tratti di acqueforti o di litografie, il segno è netto, secco, molto preciso e nitido, i volumi sono robusti, le linee eleganti e l’uso del chiaroscuro estremamente armonico. Accanto a questi lavori sono inoltre esposti alcuni bozzetti disegnati in trincea e durante la reclusione nel campo di concentramento austriaco di Sigmundsheberg, nel corso della prima guerra mondiale.
La sezione seguente è riservata agli anni ’20 e ’30, in questo lasso di tempo emerge la forte vena di illustratore e cartellonista, che vede Lotti coinvolto in collaborazioni in Italia e all’estero. Con rimandi al simbolismo e all’espressionismo, molto originali e di impatto, anche grazie alle cromie vivaci oltre al tratto ben definito sono La dame poussé par le vent (1925), l’illustrazione per la casa musicale Saporetti e Cappelli (1925) e Lotti Clown (1925) il poster che gli ha conferito notorietà internazionale.
Il percorso prosegue con un avvenimento importante nella vita dell’artista, il trasferimento di cattedra in Lombardia, inizialmente a Stradella e poi a Como, con le prime testimonianze legate a soggetti della realtà regionale fra cui si ricordano gli acquerelli In risaia(1934), Lago di Como (1940) e Barche sul lago di Garda (1957); temi che ritornano anche nei disegni e nelle chine di quegli anni come in Cantieri a Milano (1952) e in La Portatrice (1961).
Queste opere preannunciano il cuore dell’esposizione, ovvero la sala dedicata alle tele dei paesaggi lombardi tutte realizzate ad olio. Caratterizzati da una forte legame con la natura, con la realtà che lo circonda e in stretta connessione con il movimento del Novecento, che prediligeva purezza delle forme e armonia nella composizione, questi lavori sono anche carichi di spiritualità e pervasi da un’atmosfera malinconica, legata al ricordo di un passato vissuto in Liguria e in Toscana. Dell’area lombarda vengono descritti i luoghi nelle differenti sfaccettature, ma anche i colori, il mutare della luce nelle varie ore del giorno, le persone, i lavori e le abitudini e ne emerge un racconto completo ed esaustivo. Nelle sue vedute, in cui si scorge un costante equilibrio compositivo, emergono, immersi in un’atmosfera silenziosa e solenne, gli elementi essenziali del paesaggio, raffigurati con colori tenui e luci soffuse.
Pennellate morbide e sfumate, toni delicati descrivono una scena di vita quotidiana, legata alla vita semplice e rurale nella tela Le Mondine (1952), dove quattro donne sono chine nella naturale gestualità del loro lavoro nelle risaie. L’essenzialità delle rappresentazioni, degli elementi architettonici e naturalistici come si può osservare in Rustici al sole (1957), Autunno (1962), Brianza(1963) e Periferia (1967) mettono in luce gli stretti legami di Lotti con i maestri Carrà, Soffici, Rosai, De Pisis. Tuttavia la sua opera si contraddistingue per un timbro personale, con una grande attenzione volta a scandire gli spazi, a studiare i volumi e alla stesura del colore. I suoi paesaggi, pregni di lirismo romantico, descritti in maniera nitida e reale traducono sulla tela bellezze e vibrazioni naturali celate e svelano inoltre il vissuto dell’artista, l’aspetto emotivo, mentale e la forte spiritualità.
Conclude la mostra una sezione legata ai lavori degli anni ’70, caratterizzati da una pittura più asciutta ed essenziale, influenzata dai canoni dell’astrattismo geometrico e dall’amicizia con il gruppo degli astrattisti comaschi e milanesi.
Accompagna l’esposizione un catalogo in italiano e inglese con testo critico di Philippe Daverio.
Cenni biografici . Betto Lotti (1894 – 1977) nasce a Taggia (Imperia), frequenta il Liceo Artistico a Venezia e si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Firenze dove stringe amicizia con Ottone Rosai. Ultimati gli studi, prosegue l’attività artistica: carboncino, pittura a olio, acquerello e incisione sono le tecniche che predilige. Frequenta artisti come Carrà, Soffici, Papini, Campana con i quali condivide anni di grande fervore culturale ed artistico.
Lotti già dalle prime collettive di acqueforti mostra una precoce inclinazione naturale a questa tecnica e ottiene importanti riconoscimenti; nel 1913 a Firenze, in occasione della prima mostra personale con Rosai, i due artisti ricevono grandi apprezzamenti da parte di Marinetti, Boccioni, Carrà, Papini e Soffici.
Durante la Prima Guerra Mondiale viene internato in un campo di concentramento in Austria dove continua a dipingere. Nel 1918 torna a Firenze e frequenta il vivace ambiente artistico dello storico caffè delle Giubbe Rosse. In questi anni Lotti avvia una proficua attività di giornalista, illustratore e cartellonista in Italia e all’estero. Nel 1936 vince la cattedra di disegno a Como dove si trasferisce con la famiglia. Dal 1940 Lotti conferma la sua adesione al movimento artistico italiano del Novecento e si dedica prevalentemente alla pittura ad olio.
Partecipa a mostre collettive e personali in sedi istituzionali e private ed è considerato una personalità di rilievo nel panorama artistico.
Nella sua carriera ottiene riconoscimenti e premi, le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private. Su di lui sono stati pubblicati numerosi articoli, cataloghi e testi critici, fra cui si ricordano quelli di Luciano Caramel, Raffaele De Grada e Elena Pontiggia.
Coordinate mostra
Titolo Paesaggi lombardi luoghi dello spirito
A cura di Daniele Lotti e Lauretta Scicchitano
Sede Spazio Eventi di Regione Lombardia – Grattacielo Pirelli – Via Fabio Filzi 22 – Milano
Date 11 – 29 luglio 2017
Inaugurazione martedì 11 luglio, ore 13
alla presenza di Philippe Daverio
Orari dal lunedì al giovedì ore 9-12.30 e 14-17.30 | venerdì ore 9-13
Ingresso libero
Info al pubblico info@lottiart.it – mob. 338 7276041

Lago di Como – 24 e 25 giugno Sagra di San Giovanni 2017

Rievocazione storica di grande impatto per i fuochi sul lago, che ricordano un’incendio nella disputa dell’Isola tra Como e Milano; un gruppo di figuranti si reca sull’isola in costume.

Moltissimi gli eventi.

Programma Sagra di San Giovanni 2017

Domenica 18/06/2017

dalle ore 10:00 alle 18:00
Evento all’Isola Comacina “Segreta Isola”, estemporanea di pittura e poesia en plain air

Martedì 20/06/2017

dalle ore 18:00 alle 19:00 a Lenno, nel giardino parrocchiale
Tabga, la moltiplicazione dei pani

Mercoledì 21/06/2017

dalle ore 18:00 alle 19:00 a Sala Comacina, nel giardino della Pro Loco
Betsaida, la chiamata dei primi discepoli

Giovedì 22/06/2017

dalle ore 21:00 alle 22:00 a Ossuccio, nel parco a lago – Ospedaletto
Magdala, le donne che seguono Gesù

Gli eventi del 20, 21, 22 giugno, in caso di pioggia, si svolgeranno nelle relative chiese parrocchiali.
Venerdì 23/06/2017

ore 18:00 – C.R.A. loc. Ossuccio
Teatro: Profumi e Sapori dell’Estate, a cura dell’Assoc. Culturale “Cumball”

Sabato 24/06/2017

Ore 19:00 – Ossuccio
Serata gastronomico – danzante.
Ore 22:30 – Ossuccio – Isola Comacina
Grande spettacolo pirotecnico – musicale con simbolico incendio dell’Isola ed illuminazione della “Zoca de l’oli” antistante l’Isola.

Domenica 25/06/2017

Ore 09:30 – Ossuccio
Dalla Chiesa Parrocchiale di Isola Corteo Storico seguito dalla Solenne Processione per l’Isola Comacina su battello con gruppi folkloristici e figuranti in costume d’epoca accompagnati dal corpo musicale Vittorio Veneto.
Imbarco sul battello in partenza dal Pontile di Campo, con figuranti in costume d’epoca.
Ore 11:00 – Isola Comacina
Celebrazione della Santa Messa tra le rovine dell’antica Basilica di Sant’Eufemia.
Ore 19:00 – Ossuccio
Serata gastronomico-danzante.

Lotteria

Nell’ambito della Sagra di San Giovanni 2017, l’Associazione Promozione Isola Comacina, organizzatore dell’evento, ha previsto una LOTTERIA.
Per info su acquisto biglietti, estrazione e premi clicca qui.

Per maggiori dettagli si prega di consultare my.tremezzina.co

Info Utili

Strada Statale – La Strada Statale Regina sarà chiusa al traffico il 24/06/2017 dalle ore 20:00 alle ore 24:00 nel tratto Argegno – Lenno
Percorso alternativo: Argegno » San Fedele » Laino » Porlezza » Menaggio » Lenno.

Strade Comunali – Il transito sarà concesso ai residenti.
Per i non residenti l’accesso con autoveicoli e motoveicoli sarà regolamentato con apposito Pass:

  • Pass ROSSO: per coloro che hanno la possibilità di parcheggiare all’interno di proprietà private.
  • Pass BLU: per coloro che intendono parcheggiare nelle apposite Aree Riservate dall’Associazione Promozione Isola Comacina (Contributo minimo € 5,00 per vettura o moto).

I Pass verranno distribuiti esclusivamente presso l’ANTIQUARIUM dell’Isola Comacina, in Via Somalvico, loc. Ossuccio (Tremezzina).
Orari Ritiro Pass:
Lunedì: 8.30 – 14.00
Martedì: 8.30 -17.00
Mercoledì: 8.30 – 17.00
Giovedì: 8.30 – 14 e 17.30- 19.00
Venerdì: 8.30 – 17.00
Sabato 8.30 – 15.00

Sede Operativa della Sagra
L’ANTIQUARIUM funzionerà come Sede Operativa della Sagra e nella giornata di sabato 24/06/2017 gli uffici rimarranno aperti con orario continuato sino alle ore 2:00.
Tel. +39 0344 56369 / Cell. +39 320 4637782

NOTA: la stradaRegina chiude il 24 giugno alle ore 20 sino alle ore 24; da Argegno a Lenno. Strada alternativa: Argegno – Laino – Porlezza – Menaggio – Lenno. Aspettatei molto molto traffico.

Per informazioni su Como , il suo lago e la storia dell’Isola Comacina, vedi qui sotto:

COMO LAGO E DINTORNI WEEK-END ANCHE ALLA BELLISSIMA VILLA LITTA (al ritorno verso Milano).

Biennale di Venezia 2017 – Il meglio ? Forse

Casa ci è piaciuto di più della Biennale di Venezia 2017:

Kishio-Suga-1944-Law-of-situation-visitabile-alle-Gaggiandre-

Pietre in “galleggiamento”, bellezza e tensione perfettamente ambientate nell’archeologia industriale dell’Arsenale. Semplicemente arte, eleganza e stile.

:::::::::::::

FRANCIA

Il padiglione francese è trasformato in un grande studio musicale.  Una fantasiosa sala per performance musicali aspetta i visitatori e propone interventi dal vivo da parte di musicisti di tutto il mondo: dal rock alla musica classica; passando per l’elettronica.

:::::::::::

RUSSIA

Biennale Ve 2017 Russia Grisha Bruskin Scene change
Biennale Ve 2017 Russia Grisha Bruskin Scene change

:::::::::::::

GIAPPONE

Giappone-Takahiro-Iwasaki-Reflection-model

:::::::::::::::

Sheila-Hicks-balle-di-fibre-e-tessuti.
Luis-Vitton-Venezia-biennale-2017
Mongolia–chimeddorj_shagdarjav_i_am_a_bird
Mark-Brandford-Spoiled-Foot-particolare. UNA MASSA COLORATA INCOMBE SUI VISITATORI.

ARTE A CHICAGO – Takashi Murakami -The octopus eats its own leg

Takashi Murakami -The octopus eats its own leg

Mca Museum of Contemporary Art

Sino al 24 settembre 2017

Le relazioni tra Murakami, il folclore e pittura del Giappone; suo paese di nascita.

Lavori d’arte che affondano nel passato della tradizionale grafica giapponese e alta cultura e cura per i materiali.

Fang-Zhaolin-Milano-Permanente-Signora-del-Celeste-Impero-2017.
Takashi-Murakami-Mca-Chicago-The-octopus-eats-its-own-leg-2017-sino-al-24-settembre-mcachicago.org (particolare).
Takashi-Murakami-Mca-Chicago-The-octopus-eats-its-own-leg-2017-

Vedi anche: www.mcachicago.org

PETRA: VIAGGIATORI E FOTOGRAFI ANCHE DILETTANTI; INDIMENTICABILE !

Una delle meraviglie più stupefacenti create dalla natura e dall’uomo.

PER APPREZZARE A FONDO IL FASCINO DI PETRA E’ NECESSARIO VISITARLA !

Può bastare anche un solo weekend.

Digital Camera

Digital Camera

Petra IMG_0070

Digital Camera

Foto  d’epoca.

Petra IMG_0060

Digital Camera

Digital Camera

Digital Camera

Digital Camera

Digital Camera

Digital Camera

Digital Camera

Foto: sfumature della pietra di Petra.

Descritta come una delle otto meraviglie del mondo antico, Petra è un prezioso tesoro della Giordania.

Fu fondata dai Nabatei, popolazione araba insediatasi oltre 2000 anni fa, una tribù nomade la quale, con il commercio, fondò le basi di un impero che si estenderà sino alla  Siria.

Petra è tutta scavata nella nuda roccia ed è divenuta snodo cruciale delle rotte commerciali della seta e delle spezie.

Qui transitavano merci dalla Cina, India e Arabia del Sud, che venivano scambiate  con altre merci provenienti da: Egitto, Siria, Grecia e Roma.

Il Siq è una gola lunga più di un chilometro, circondata da alte pareti rosse e rocciose alte anche ottanta metri.

Digital Camera

Alla fine del Siq si vede, come in un miraggio tra le rocce e il buio,  una costruzione scolpita nella roccia chiamata il Khazneh (il Tesoro).

Il Khazneh ha una facciata larga 30 metri e alta 43 color rosso-arancio pallido  e fu scavato nel I° secolo per divenire la tomba di un importante re nabateo.

Il Tesoro è la prima delle numerosissime sorprese  che Petra riserva al viaggiatore che giunga sin qui.

Vi attendono centinaia di tombe scavate nella roccia con eleganti incisioni.

Le tombe furono scavate per durare in eterno; mentre le case degli abitanti sono state distrutti dal passare del tempo.

Incontrerete: un teatro in stile romano, costruito per 3000 spettatori, inoltre:  obelischi, templi, altari, strade colonnate.

La vallata è dominata dall’imponente Monastero di Ad-Deir; indimenticabile la salita lungo la  scalinata di 800 gradini, ricavati nella roccia.

Da visitare anche i due musei:

– il Museo archeologico di Petra e

-il Museo nabateo di Petra.

Se avete tempo a sufficienza, non potete  perdervi il Santuario del XIII Secolo, commemorativo della morte di Aronne (fratello di Mosè) e costruito dal sultano mamelucco Al-Nasir Muhammed; sul Monte Aronne (Jabal Haroun).

Non mancano gli alberghi di buon livello come : Moevenpick Resort Petra, e il Petra Marriott Hotel.

PERU’ UN VIAGGIO CHE VALE …UN PERU’.

Il Perù è un paese che lascia il segno; un viaggio che non si dimentica.

Perù QHACER_TOP_011752

Costruzioni sul Machu Picchu.

Perù lima Unknown

Lima-

Perù museo de oror medio_oro

Museo de Oro, Lima.

perù museo de oro thumb-3 Perù Museo de Oro thumb-5 Perù Museo de Orothumb-12

Museo Nazionale di Archeologia, Antropologia e Storia …4images Museo Nazionale di Archeologia, Antropologia e Storia …5 images

Museo Nazionale di Archeologia, Antropologia e Storia ...images

Museo Nazionale di Archeologia, Antropologia e Storia …1images

Migliaia di manufatti in oro.

Perù Museo Nazionale di Antropologia Unknown

PERU profilo montagne Machu Pichu IMG_0542

Il profilo delle montagne vicino al Machu Picchu è stato riprodotto in una grande  pietra nella città medesima.

Perù Paracas images

Paracas.

Il Perù non si dimentica per la sua

-natura affascinate,

-i suoi  panorami,

-la sua gente,

-i suoi colori,

-i suoi contrasti,

-l’eccellente gastronomia,

-ma sopratutto la sua storia.

La strada che porta dall’aeroporto alla capitale Lima, colpisce per quella periferia di case arroccate sulla collina, dall’aspetto assai precario e per le luci dei casinò; ideale punto di riciclo per il denaro sporco, proveniente dai fiorentissimi mercati della coca; triste primato peruviano.

Lima poi stupisce per il suo centro storico ben  conservato e la modernissima zona a mare con eccellenti ristoranti che hanno saputo ben valorizzare i prodotti locali dalle verdure ai pesci; qui anche i fondi di carciofo sono “immensi” e indimenticabili.

Andando nella zona del Museo di Antropologia e Archeologia  si scopre una Lima con giardini verdi e perfettamente irrigati; sono i quartieri “alti”, dove vivono professionisti, diplomatici, funzionari ecc…

Se subite il fascino dei gioielli e della lavorazione dell’oro, non tralasciate il Museo de Oro che racchiude la collezione privata della Fondazione Miguel Mújhica Gallo Il. Questo museo ospita una raccolta di: oggetti in oro, argento e pietre preziose, ceramiche appartenenti alle differenti culture precolombiane fiorite in Perù oltre 3.000 anni fa.Inoltre comprende anche l’esposizione di preziose armi e un piano interamente dedicato ai tessuti.: http://www.museoroperu.com.pe  info@museoroperu.com.pe Aperto tutti i giorni Alonso de Molina 1100 – Monterrico – Surco (entre cdra 18 y 19 Av. Primavera) Lima 33 Chiuso 1 gennaio, 1 maggio, 22 luglio e 25 dicembre; orari 10,30-18.

Numerose foto del Museo de Oro al link: https://www.flickr.com/photos/ojos-deagua/4282427045/lightbox/

Impossibile visitare Lima senza vedere almeno il Museo Nazionale di Antropologia  e Storia del Perù; è il primo impatto chiarificatore di cosa andremo a vedere nei vari spostamenti. Impressionanti i manufatti in oro e i manti di piume che ornavano gli antichi re inca.

Questo museo è stato fondato nel 1882 e raduna nella plaza Bolivar, quartiere Pueblo Libre, oltre 100.000 reperti culturali e storici della civilizzazione peruviana: pregiati tessili risalenti al 2.500 a.C., pezzi rappresentativi dell’archeologia peruviana quali il Dio felino della Stele di Raimondi e l’Obelisco Tello, entrambi capolavori dell’antica cultura Chavin. La famosa sala Inca mostra, attraverso numerosi modellini dei più importanti siti archeologici del Perù, la storia del popolo peruviano.

Da leggere, prima di partire, i romanzi di Mario Vergas Llosa, per capire come il Perù fu teatro di violente dittature e terra fertile per lo sviluppo dell’organizzazione Sendero Luminoso con i conseguenti atti di guerriglia degli anni 1970-80.

Oggi il Perù vive un boom economico dovuto alle ricchezze minerarie: rame, oro, argento.

Anche se la disoccupazione è quasi inesistente, secondo i dati ufficiali, attenzione alla delinquenza assai diffusa ovunque.

Lo stesso sindaco di Arequipa è stato derubato da rapinatori travestiti da taxisti. Chiunque qui può improvvisarsi tassista, ma anche il furto per strada è molto comune.

Se avrete un contatto diretto con la popolazione, potrete comprendere come qui ci sia una netta distinzione tra persone dalla pelle scura-contadini-discendenti dagli Inca e i bianchi, discendenti dai conquistatori spagnoli. Comunque i turisti sono ben visti, anche perché tutti sanno che portano soldi.

Molto scenografiche sono tutte le processioni religiose, che ricalcano ancora le celebrazioni dei fasti antichi. Molto famosa quella di Cuzco; eccellente fonte di splendide foto per i turisti.

Oggi il cardinale Cipriani, forte del suo prestigio, conduce una durissima battaglia contro l’aborto. Il Paese non ha ancora dimenticato la sterilizzazione forzata dell’ex presidente Fujimori, che coinvolse più di 300.000 donne. Rimangono i problemi della povertà delle classi sociali più basse, che sono quelle che generano più figli.

Lima ha oltre 10 milioni di abitanti e occupa un’estensione di ben 50 chilometri; un ammasso umano di scandalosi contrasti economici.

AREQUPA

Una delle mete imperdibili è la città di Arequipa situata a poco meno di 2.000 metri. Un milione e duecentomila abitanti.

Qui nacque il premio Nobel Mario Vargas Llosa e qui si viene per visitare il monastero di Santa Catalina, fondato nel 1570  costruito in tufo lavico. La franco-peruviana Flora Tristàn scrisse “Le peregrinazioni di un paria” sotto l’antico albero di araucaria, vecchio di 150 anni.

La città vecchia sembra un quartiere andaluso. Qui nel XVI secolo arrivarono, non solo gli spagnoli, ma anche gli arabi.

Plaza de Armas rappresenta il centro della città con la bella cattedrale che vantava due campanili; uno distrutto dall’ultimo terremoto (2001).

Ma il Perù vanta molte altre ricchezze che richiedono almeno 17 giorni per visitarle, utilizzando anche gli aerei come spostamenti.

La foresta amazzonica offre incredibili esperienze agli amanti della natura.

Il Machu Picchu è forse il luogo più emblematico e conosciuto del Perù. Magicamente costruito tra picchi montuosi molto scenografici, nasconde una capacità ingegneristica di livello impressionante anche per i nostri tecnici moderni.

Il National Geografic vi ha girato un memorabile filmato nel quale si spiegano tutte le difficoltà che i costruttori dovettero affrontare e che risolsero tanto brillantemente da resistere ancora oggi in un territorio dove i terremoti sono di casa.

Per dare solo un’indicazione i costruttori del Machu Picchu dovettero rinforzare la montagna prima di costruire. Diversi starti di roccia furono posti a fondamento anche per favorire la penetrazione dell’acqua nel terreno, evitando frane in un terreno estremamente ripido.

Secondo gli studiosi la localizzazione fu scelta in quanto dominante di tutta la pianura sottostante. Tutti i sudditi, alzando gli occhi al cielo potevano vedere questa costruzione vicino al cielo e rimanerne impressionati. Esattamente come si era voluto nella costruzione delle altissime cattedrali gotiche poste in piazze assai anguste per obbligare il comune mortale a guardare dal basso e sentirsi piccolo, indifeso, impotente, davanti a tanta mole e altezza. Una classica  manifestazione di potere.

Il mercato più affascinante del Paese si trova a Puno?????

????

???

???

la domenica. I contadini, vestiti die loro abiti tradizionali, vi vendono i loro prodotti agricoli ed artigianali.

Non meno impressionanti sono le linee di Natzca; messaggi per il cielo ancora da chiarire.

Cuzco, che significa l’ombelico del mondo, è un’altra meta imperdibile con il suo centro storico coloniale costruito sulle inamovibili pietre perfettamente incastrate dagli antichi inca e ancora visibili girando per le viuzze.

Ma il Perù è anche altro: la lunga monotona e affascinate Panamericana che andrebbe percorsa per ammirare la potenza e ricchezza del Pacifico con lo scontro delle due correnti di Humboldt (molto fredda e ricca di plancton) e quella del Niño, tanto calda da poterci fare il bagno; uno sperduto ristorante genovese con un’ottima cucina, che avevamo incontrato in un viaggio di diversi anni fa e la schiera di croci all’uscita dalle gallerie. Quest’ultima triste segno dei colpi di sonno dei camionisti che percorrono la Panamericana dagli USA sino al Cile.

Da segnalare la possibilità di fare il bagno a riva ammirando l’isola di fronte abitata dai pinguini, grazie alle diverse temperature delle correnti che sfiorano la cittadina di Paracas; luogo di vacanza per gli abitanti di Lima più abbienti di fronte alle isole Ballestas.

Paracas, piccolissima cittadina merita due parole: qui si mangia dell’ottimo pesce: cevice (gamberi cotti nel limone), zuppa di pesce o di frutti di mare, risotto ai frutti di mare, pesce fritto, al forno…per pochi soldi (meno di 5 euro) e freschissimo. Inoltre durante il nostro inverno, qui è estate, si fanno i bagni. Per raggiungere Paracas: aeroporto Capitàn FAP Renàn Elías Olivera a 11 chilometri di distanza; oppure via terra, ma non prendete il bus Cruz del Sur. Da Lima alla Panamericana, da qui prendete un collectivo per Pisco e spiegare all’autista che si vuole raggiungere Paracas, lui vi segnalerà quando dovete fermarvi prima di Pisco, quindi prendete un altro collettivo per Huacachina; con 30′ di taxi siete a Paracas.

Paracas Backpackers’ House: ostello a 100 mt dalla spiaggia, wi-fi gratis e cucina comune, alcune camere con bagno privato: in camera doppia 6 notti 100 dollari in Novembre, 5 euro a notte nella stanza comune con Booking.com.

Sempre su Booking.com: Icthus Paracas la doppia per 9 notti costa 135 dollari.più 10% di tasse.

Ovviamente non mancano alberghi di livello con prezzi adeguati.

Ma il Perù è anche: gli scavi di Truillo e l’incanto della foresta amazzonica.

AUTISMO : SAPERNE DI PIU’ – Cosa è l’autismo ? – Come curare l’autismo ?

PIU’ SOTTO UNA SERIA ANALISI SULL’AUTISMO.

POCHI I CENTRI SPECIALIZZATI IN ITALIA.

L’AUTISMO NON DEVE ESSERE CURATO DA PSICHIATRI E PSICOLOGI CHE NON SIANO SPECIALIZZATI NEL SETTORE.

Si chiama prof. Temple Granding e insegna alla Colorado University.

E’ riuscito a dimostrare a tutto il mondo che anche se si nasce autistici  , ma si ha la fortuna di essere trattati e valorizzati al massimo si possono raggiungere vette impensabili.

Quando aveva due anni gli venne diagnosticato un danno cerebrale, ma oggi è famosa per i suoi studi sul linguaggio degli animali, progetta attrezzature per gli allevamenti ed è una buona musicista.

Il libro da lei scritto spiega le ultime tecniche per curare l’autismo e suggerisce come  valorizzare i punti di forza di ciascun malato.

La prova che l’autismo può permettere una autonomia anche economica sta nel fatto che gli autisti con la sindrome di Asperger son richiesti dalle aziende per testare i software.

In Italia non si fa a sufficienza per introdurre al mondo del lavoro i malati di autismo, ma le famiglie devono imparare a non arrendersi, non fermarsi al primo problema, cercare la cura migliore, i medici migliori che faranno la differenza nella cura del loro caro.

Purtroppo in molti casi la missione non è quella di curare al meglio, ma solo tranquillizzare i genitori; far credere loro che non esiste cura migliore.

Comunque non dimentichiamo mai che la prima e più efficace cura è l’arma dell’amore che non vuole dire compassione, ma una costante volontà  di capire, valorizzare  e aiutare.

“Il cervello autistico” di Temple Grandin, ed. Adelphi, 22  euro.

AUTISMO E INTERNET.

INTERNET CONFONDE LE IDEE.

MOLTI MEDICI ITALIANI NON CONOSCONO BENE L’INGLESE E NON POSSONO CONOSCERE LE ULTIME RICERCHE SCIENTIFICHE RIPORTATE SEMPRE  E SOLO IN INGLESE.

NESSUNO DICHIARA LA PROPRIA IGNORANZA, MA I DANNI CHE FA SONO MOLTI  E GRAVI.

Una nuova “carboneria scientifica”?

Articolo del  Dott. Maurizio Brighenti.
UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE E PSICOLOGIA ETà EVOLUTIVA; Via Salvo d’Acquisto n.7, 37122 Verona. Tel: 045 807 5010 – Fax: 045 807 5065. E-mail: neuropsichiatria1@ulss20.verona.it Resp: Dott. Maurizio Brighenti

L’Autismo è un Disturbo Generalizzato dello Sviluppo che compare entro i primi 30 mesi di vita, sia dopo un periodo di sviluppo normale per i primi 14 mesi circa, sia in epoca precoce, già nei primi 6 mesi di vita.

Si presenta nei maschi 4 volte più che nelle femmine e non se ne conoscono realmente le cause.

 Vi sono molte tipologie cliniche di autismo, per cui possiamo trovare bambini od adolescenti- adulti che hanno sviluppato un linguaggio, hanno abilità esecutive di buon livello e possono essere autonomi e partecipi alla vita sociale, altri, invece, non hanno queste abilità e restano schiavi di un cervello che percepisce e governa affetti e sensazioni a modo suo.

Un mondo diverso da ciò che la maggior parte delle persone normalmente conosce della realtà

Una realtà che non è convenzionale e che non può essere compresa da chi invece la percepisce “normalmente”.

È una condizione clinica che pone in risalto, fin dai primi tempi della sua comparsa, un grave disturbo della comunicazione e della interazione che diventa il segno classico di queste persone. Bambini che non rispondono se chiamati, non tendono le braccia alla mamma, non sorridono, sfuggono con lo sguardo.

Il gioco è povero e ripetitivo e non sviluppano, nella maggior parte dei casi, un linguaggio verbale o dei segni comunicativi come l’indicare.

Questi comportamenti non sono “voluti” dal bambino, ma sono la conseguenza di una organizzazione cerebrale alterata che non integra le funzioni di relazione in senso comunicativo ed interattivo.

Questa condizione porta, nel tempo, ad una

— forte sofferenza psicologica nei bambini / adolescenti / adulti che riconoscono i propri limiti, per cui cercano di trovare un modo per parlare, per partecipare alla realtà dei coetanei, con la frustrazione di non riuscire a realizzare questi comuni desideri.

Le cause non sono conosciute e le ipotesi si moltiplicano molto celermente, ma nessuna è così prevalente da essere un’unica causa.

 Sicuramente sono lontani i tempi in cui si accusava la madre di essere la causa di questo grave problema, per cui oggi si cercano strade in ambito biologico, genetico, immunologico.

 L’autismo sta emergendo come

— un disturbo più frequente di quello che si pensava, tanto che oggi si stima la sua prevalenza nella popolazione nel dato diffuso dal CDC, il centro più importante di controllo delle malattie negli USA,  di 1 su 101. (Catherine Rice,2009- CDC- Atlanta), nonché una incidenza di 2-3 casi per 1.000 nati.

La problematica autistica coinvolge molte funzioni dello sviluppo infantile per cui richiede

— un intervento precoce in più aree ed un team di lavoro che deve dedicarsi in particolare modo a questo disturbo.

In realtà, oggi in Italia, sono ancora

–pochi i centri che se ne occupano in modo specifico, con operatori e strumenti adeguati, per cui le famiglie sono poco rassicurate da

— interventi limitati nel tempo e da Neuropsichiatri o Psicologi che non siano specialisti del settore.

I genitori, cercano molte riposte attraverso Internet, confrontandosi tra loro e con chi propone nuove opportunità di cura.

In questo mondo virtuale, vi sono proposte scientificamente corrette ed altre meno, o perlomeno vi si propagano delle ipotesi non sempre accertate sul piano scientifico, anche se in molti casi, i risultati dichiarati sono diffusi da gruppi di ricercatori conosciuti, Universitari o dei Centri di ricerca.

Quello che incuriosisce, però, è perché

— alcuni Centri Universitari pubblicano dei dati “scientifici “ ed altri Centri, altrettanto importanti sul piano scientifico, e della ricerca, pubblicano sullo stesso argomento dei dati contrari ? Come è possibile ?

Gli Stati Uniti e il Regno Unito, hanno fondi per la ricerca, superiori ai nostri, per cui

— giungono a noi, sempre con maggior frequenza, informazioni di nuove ipotesi e di nuove terapie tramite Internet, come dalle riviste di settore.

Poniamoci però alcune domande:

I risultati pubblicati sono l’effetto di studi controllati da un punto di vista metodologico ?

Le risposte riguardano un numero di casi sufficiente ?

Vi sono sponsor collegati o che sostengono la ricerca ?

Quale tipo di sponsor ?

Insomma chi paga le spese ?

Sono sponsor dichiarati e quali interessi nascondono certe affermazioni, anche quando è lo stesso Stato a diffonderle

— Il lettore o il genitore non sanno filtrare, differenziare molte di queste domande e alla fine non sanno scegliere quale di queste informazioni sia più attendibile di altre.

 Il fenomeno delle

–informazioni su internet è dirompente e nessuno le verifica  e forse giustamente, proprio per il timore che l’analisi dei dati immessi, diventi un modo di orientare le persone verso le idee di chi controlla.

Ma il cittadino che cosa può fare ?

Quando poi parliamo della salute dei figli chi non ha cercato almeno una volta una informazione in internet per cercare aiuto ? Quando poi le cause e le cure non si conoscono, come nell’autismo, ogni nuova ipotesi è accolta come una nuova speranza, a cui nessun genitore rinuncia, in attesa di dati più scientifici che saranno diffusi nel tempo.

 Quindi molti genitori cercano di sperimentare le nuove proposte, viaggiando fino negli Stati Uniti, oppure cercando in Italia chi vi aderisce.

 E gli specialisti ? Le società scientifiche ? L’Università Italiana?

La tendenza è quella di non abbracciare alcuna ipotesi fino a quando l’Università non dà il proprio parere favorevole.

L’Università Italiana dovrebbe, infatti, garantire la ricerca, ma in realtà non avendo fondi, non ne fa molta e pertanto non è in grado di analizzare i dati ricevuti.

— Non ha nemmeno la cultura di avere rapporti più di tanto intensi con centri di ricerca internazionali a cui associarsi in uno studio.

Le aziende farmaceutiche non ricercano nulla se non in funzione di vantaggi economici e le Associazioni di Genitori non hanno ancora quella capacità di raccogliere fondi che hanno i genitori americani od inglesi.

—- Il genitore italiano, quindi, si trova solo nel doversi confrontare con medici che lo sconsigliano di provare nuove terapie perché non ci sono dati scientifici, e quando arriveranno non si sa….medici che non lo seguono nelle sue personali iniziative, anzi entrano per primi in conflitto minacciando di non redigere più i certificati. “Sigh !!! “

 Altri medici non impediscono le scelte dei genitori, ma non li seguono qualora ci fossero problemi in quello che il bambino assume.

Alcuni medici sarebbero interessati a cercare anche nuove terapie, ma è quasi impossibile collaborare con i centri stranieri per difficoltà di contatti e di fondi.

Alcuni assumono posizioni di interesse per le nuove ipotesi di cura, ma rischiano di essere licenziati o perlomeno sono messi al bando dalla comunità scientifica nazionale, qualora le diffondessero pubblicamente.

Questi medici trasmettono le loro informazioni a pochi colleghi che si riconoscono da alcune frasi-chiave che inducono a pensare che l’altro abbia in realtà la stessa opinione, anche se non la può dichiarare apertamente perché non ha prove scientifiche, ma solo delle evidenze cliniche che ovviamente non bastano.

Ciò avviene perché dichiarare certi dati porterebbe a modificare molte delle idee oggi diffuse sull’autismo che non si rivelano più esatte, coinvolgendo molti altri argomenti ad esso correlati.

Fare ricerca non è facile, ma chi aiuta quei medici che vorrebbero farla perché vedono migliaia di casi l’anno, ma non sono all’Università ?

Molti di più dei venti, trenta casi che vanno nei centri universitari, ma su cui però si stabiliscono le risposte ufficiali sulle cure ?

Purtroppo siamo ancora in questa situazione che credo sia solo italiana e dalla quale non abbiamo mai avuto molti risultati, se non in pochi casi.

  Chi conosce i pazienti e ne vede i risultati rispetto ai nuovi tentativi di cura che i genitori sperimentano autonomamente, raccolgono molti dati clinici, con delle evidenze documentabili dal punto di vista della evoluzione del bambino in ambito fisico, psicologico, comportamentale.

Questi dati però non possono essere diffusi perché sono dati clinici solo osservati e non dimostrabili da un progetto di studio metodologicamente standardizzato.

E’ la nascita di una nuova “carboneria scientifica” che si scontra con un “autismo istituzionale” ancora più difficile da curare di quello clinico dei bambini.

 Un “autismo istituzionale” che nasce dalle società scientifiche che non stimolano la ricerca, ma codificano solo ciò che è la conoscenza attuale e cioè molto poco.

Ricercare significa, infatti, cercare nuove strade che diano nuove soluzioni ai bisogni delle persone, in ogni ambito della scienza, economia  o della società.

Linee guida che non dicono nulla di nuovo rispetto a venti anni fa, se non per indicare delle tecniche obsolete che non portano a reali cambiamenti né stimolano nuove iniziative di studio, pur sapendo come alcune tecniche portino a dei risultati interessanti per il paziente.

Pochi argomenti di studio che siano pubblicati e orientati a ricercare collaborazioni tra ambito universitario e ambito clinico. In Italia c’è ancora una grande distanza nella reale collaborazione scientifica tra la ricerca e la esperienza clinica, a causa di una specie di assurda sudditanza tra gli uni e gli altri che porta a non valorizzare le esperienze reciproche. Una chiusura comunicativa che si trasforma in un isolamento istituzionale di un ambito e dell’altro. Gli stessi fondi nazionali sono accreditati alle università od agli istituti scientifici ad alta specializzazione ed in pochi casi questi si avvalgono della esperienza dei clinici che lavorano negli ospedali o sul territorio.

Le Associazioni di genitori sono l’una contro l’altra, ed alcune hanno posizioni di totale apertura a tutto ciò che arriva dagli Stati Uniti, ma senza circondarsi di specialisti che controllino queste ricerche. Altre associazioni sono contrarie su tutto ciò che c’è di nuovo e non sia accettato dalla comunità scientifica, per cui lasciano soli quei genitori che cercano nuove risposte, allontanandoli addirittura dalla Associazione con una dichiarata espulsione. Associazioni che si assottigliano perché nella presunzione di voler difendere la “verità”, utilizzano internet ed i media per continuare questa loro opera di annullamento di ogni nuova ipotesi, senza proporre nulla che abbia a che fare con la ricerca o con il bisogno di speranza dei genitori.

 Nascono, perciò, nuove Associazioni, meno integraliste e più accoglienti.

 Nel mondo internet e pertanto sempre più lontano dalla componente clinica che dovrebbe sostenere ogni intervento medico, si osservano numerosi episodi di informazione “scientifica” che dovrebbero allarmare chi vuole seriamente aiutare e condividere il cammino della ricerca scientifica per la cura dell’Autismo.

Ultimamente, in internet, si hanno dichiarazioni di una scoperta nell’ambito dell’autismo da parte di un gruppo di ricercatori, a cui ne segue un’altra esattamente contraria.

        Alcune ricerche ad esempio ne addebitano la causa ai vaccini, altre ricerche sono assolutamente contrarie. Ogni gruppo porta le proprie ricerche  “scientifiche”.

Naturalmente nel primo caso si teme la messa in crisi di tutto un sistema sanitario che per anni si è basato sulla somministrazione dei vaccini alla popolazione e che ha debellato sicuramente molte malattie come la poliomielite.

 Di conseguenza la reazione istituzionale prevedibile è che si portino ricerche scientifiche che neghino la validità di questi studi ed in breve tempo si accavallano “botta e risposta” l’una opposta all’altra, su ogni tema che mette in dubbio il sistema di comunicazioni.

Un genitore che cosa può pensare? Quale delle due informazioni è valida essendo entrambe dichiarate scientifiche ?

“Tanto va la gatta al lardo che poi ci lascia lo zampino“ dice un vecchio ritornello.

        Nel corso del 2009 fu denunciato il medico olandese che alterò i risultati della ricerca sulla influenza “suina”, inducendo gli Stati europei ad acquistare enormi quantità di vaccini, oggi inutilizzati. In questo caso i dati “scientifici” non furono analizzati e nemmeno furono diffusi dal Ministero della Salute i rischi connessi alla assunzione del vaccino che i ricercatori australiani avevano già individuato.

Critiche ulteriori provengono da una prestigiosa rivista inglese, il British Medical Journal (BMJ) e dall’Agenzia di Giornalismo Investigativo di Londra (BIJ), che segnala che alcuni esperti che avevano partecipato alla redazione delle linee guida dell’Oms per le pandemie, erano sul libro paga di industrie farmaceutiche.

Ciò che viene imputato all’Oms non è tanto il fatto di aver utilizzato consulenti “interessati” perché è quasi impossibile trovare esperti di alto livello che non siano mai stati coinvolti nello sviluppo di un farmaco, ma per non averlo dichiarato.

Sul tema dei vaccini dei primi anni di vita, ad esempio, occorre anche dire che in alcune Regioni Italiane, sono obbligatori, mentre in Veneto non lo sono più da qualche anno.

     Un medico inglese, il dr. Andrew Wakefield, accusato alcuni anni or sono di eccessivo allarmismo per aver messo in connessione il vaccino contro il morbillo, la parotite e la rosolia, con i casi di autismo, è stato ufficialmente privato della licenza di medico dalle istituzioni britanniche.

Oggi, nel 2010, la rivista medica Lancet, tra le più prestigiose al mondo, dopo aver pubblicato l’articolo della ricerca del dr. Wakefield nel 1998, decide di ritirarlo perché non “scientifico”. Le motivazioni, non dichiarate, sono state attribuite alla mancanza di una firma del Presidente del comitato etico, non tanto dalla validità dei risultati.

       Da tempo si hanno dati sulla presenza, in un certo gruppo di bambini con Autismo, di disturbi gastroenterici che influiscono sullo sviluppo del comportamento e di conseguenza su quello cognitivo.

A ciò seguono interventi di tipo dietetico privi di glutine e caseina che portano a evidenti miglioramenti  clinici nei casi in cui vi sono le dovute indicazioni, MA NON E’ UNA CURA PER L’AUTISMO]

 A questi dati seguono immediatamente altri gruppi di ricercatori che  dichiarano inutili questi trattamenti, negando, in certi studi, la presenza clinica di danni intestinali, accertati da altri con dati endoscopici.

 Tutti questi dati sono immediatamente disponibili ogni giorno su internet.

Come può un genitore od un medico orientarsi in questa grande confusione e contraddizione di dati, tutti dichiarati autorevolmente “scientifici” ?

 La lotta dei genitori contro l’autismo non può essere vinta se “l’autismo istituzionale” impera sulle relazioni.

Un “autismo istituzionale ” che porta i medici a non comunicare, a non considerare i dati dell’uno o dell’altro.

Ancora un “autismo istituzionale” che porta i genitori a mettersi l’uno contro altro, invece di cercare di coinvolgere il mondo economico e politico ad investire sulla ricerca che non dia risposte scontate, ma sia collegata alle nuove ipotesi di studio.

—- Abbiamo una Università immodesta che vive di ricordi scientifici, perché non ha più l’esperienza clinica che nasce dal contatto con il paziente, dalla sua cura che, in questi casi, è quasi quotidiana e porta all’evidenza scientifica di un intervento od alla sua inutilità. Una conoscenza che dovrebbe essere lo spirito guida di ogni medico, spinto dalla propria curiosità fino a mettere in dubbio ciò che ha appreso, se le evidenze cliniche gli propongono nuove condizioni.

 Non si tratta di mettere in crisi in modo semplicistico un sistema, come quello dei vaccini, si tratta di ascoltare chi ha opinioni diverse ed accettare l’idea di poter cambiare punto di vista, perché ciò rappresenta un momento di crescita e di chiarezza, quali ne siano le conclusioni

 Non si tratta solo di portare dati scientifici che solo la ricerca può definire, bensì osservazioni su casi clinici che hanno avuto risposte positive a certi interventi, così da stimolare nuove idee in quei gruppi scientifici che ascoltano con la curiosità di chi vuole apprendere, per trovare nuove soluzioni ad un problema così complesso ed oscuro come l’autismo.

Il sintomo più grave in un mondo di comunicazione è la sua reale mancanza  tra le parti coinvolte sul tema Autismo, a cui si aggiungono pregiudizi e “verità” da “prime donne”, proprio in un ambito, dove nessuno ha verità certe.

Una mancanza di comunicazione resa ancora più grave nell’abbandonare le famiglie in un territorio rischioso per loro e per i loro figli che sono anche i nostri pazienti.

Un territorio in cui solo i medici possono accompagnare le persone anche quando non ne condividono le scelte.

L’Autismo è la mancanza – non voluta – di comunicazione.

Chi può comunicare non lo fa-volutamente.

 Anzi aggredisce, disaggrega, si chiude in una “fortezza vuota”, come si diceva un tempo: quella istituzionale delle presunte “verità”.

Quale è l’autismo che dobbiamo curare ? Quello istituzionale o quello dei bambini ?

 Direi che la riposta è semplice, ma è anche vero che se il primo ambito non trova soluzione, tutto sarà molto rallentata.

Oggi, come sempre in passato, solo la Ragione, fatta di comunicazione, di ricerca, condivisione delle conoscenze e rispetto dei vari punti di vista può favorire il raggiungimento di una “nuova scienza” sull’autismo, così da iniziare finalmente la sua cura.

Scrisse Voltaire nel suo trattato sulla Tolleranza: Io posso anche non condividere o dissentire dai tuoi punti di vista, ma Io mi batterò fratello fino alla morte, affinché tu abbia il diritto e la possibilità di esprimerli.

Sempre !!!

Maurizio Brighenti

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE E PSICOLOGIA ETà EVOLUTIVA

Via Salvo d’Acquisto n.7
37122 Verona
Tel: 045 807 5010 – Fax: 045 807 5065
Resp: Dott. Maurizio Brighenti

Weekend da veri golosi intenditori – MANTOVA GOLOSA – Dal tortello al lambrusco a Matilde di Canossa

MANTOVA GOLOSA 

Fiera Millenaria di Gonzaga

https://www.fieramillenaria.it

Storica manifestazione agricola che si terrà a Gonzaga

dal 2 al 10 settembre 2017

da non perdere !

Abbiamo assistito all’ anteprima presso la Factory House del famoso chef toscano  Simone Rugiati

Abbiamo visto preparare  alcuni cibi mantovani e li abbiamo assaggiati insieme a  salumi, formaggi, mostarde, salse e vini; non li dimenticheremo !

Siamo riusciti anche ad apprendere molto, anche per la nostra salute.

Ora è anche possibile viaggiare nella cultura mantovana, con tour organizzati o magari seguire le strade del Parmigiano (www.parmigiano-reggiano.it), ma anche quelle del riso, del vino ….  e scoprire perché i Gonzaga furono amanti dell’arte, ma anche della buona tavola.

APPUNTAMENTO A MANTOVA DAL 2 SETTEMBRE 2017; da segnare subito in agenda

::::::::::::::::::::::::

Risotto alla zucca amntovana con zenzero, spuma di Parmigiano Reggiano e spalla cotta; ricetta ed esecuzione di Simone Rugiati

Ecco lo chef Simone Rugiati, che mescola il riso nella pentola facendolo “volare”.

::::::::::::::::::::::::

TORTELLI DI ZUCCA

Pasta e sfoglia lavorati a mano !

1 uovo per ogni 100 gr. di farina è la regola base.

Un maestro pastaio con mani esperte impasta rapidamente.

La sfoglia di pasta si può colorare con verdura varia.

:::::::::::::::::::

PANE – PANE – PANE – VERO – VERO – VERO -VERO !!

Il pane fatto  con il lievito madre, la lunga lievitazione e una farna senza adittivi, è un pane che ci aiuta a vivere sani.

NON sono solo le modifiche delle spighe (per adattarle alle nuove trebbiatrici), NEMMENO solo l’eccesso di glutine (sempre per adattarlo alle macchine che preparano la pasta industriale), ma è anche IL LIEVITO DI BIRRA il COLPEVOLE di tutte quelle “intolleranze”, gonfiori, ma anche salute cagionevole …

Perché il lievito di Birra? E’ l’unico modo per poter preparare il pane il giorno prima e poi cuocerlo la notte per servirlo fresco al mattino.

Il lievito madre, invece, obbliga a lunghissimi tempi di preparazione.

Il maestro del pane presente alla manifestazione ci ha spiegato che il Lievito di Birra contiene quantità di lievito enormemente superiori rispetto al lievito madre.

Il Lievito di Birra nello stomaco e nell’intestino distrugge tutta la flora batterica presente (la flora serve per digerire e ben assimilare i cibi); da qui problemi digestivi e intestinali, ma anche di salute in generale.

Nello stomaco, la giusta quantità di succo gastrico, composto dall’enzima pepsina, acido cloridrico e muco; digerisce bene se le sostanze addette alla digestione NON vengono DISTRUTTE (come fa il lievito di birra).

Nell’intestino umano SANO dovrebbero albergare infatti circa 400 specie batteriche. Inoltre, nel nostro intestino sono presenti miceti, clostridi e virus che non sono affatto pericolosi; se tutto funziona come dovrebbe. Se la flora batterica e l’organismo vivono in armonia si può anche parlare di buona salute e facile digestione e assorbimento dei primncipi nutrienti, con conseguente sana e regolare espulsione di quanto non serve.

Vedi e acquista farina e pane da: http://molinomagri.com

IL SEGRETO PER MIGLIORARE LA DIGESTIONE: mangiare sano !

Molino Magri S.r.l. Strada Mantova 13, Marmirolo MN, 46045 Marmirolo MN

Produzione e Vendita Farine

Tel. +39 0376 466022 – Fax +39 0376 467981

::::::::::::::::::::::

I SALUMI …

Ciccioli

La cipolla di Sermide e il suo museo

www.prodottoinfattoria.it

www.agriturismomantova.it

::::::::::::::::::::::::

VINO – LAMBRUSCO – LAMBRISCO – VINO 

Da troppo tempo sottovalutato e non conosciuto nelle sue qualità migliori

Durante la manifestazione abbiamo bevuto un Lambrisco di alta qualità e lo stesso chef  Simone Rugiati ha auspicato che tutti i ristoranti conoscano e propongano il Lambrusco di qualità. Un vino dal prezzo non alto; peccato non servirlo. Invece di propore Lambrischi scadenti; come spesso accade !!!

Lambruschi di alta qualità.

Consorzio vini mantovani, www.vinimantovani.it

Cantine di Quistello (MN), www.cantinasocialequistello.it

::::::::::::::::::

DELIZIOSI FORMAGGI e MOSTRADE

Di capra, di pecora, di mucca, stagionati, freschi e “speciali”, ma sempre sicuri della alta qualità; vera!

Proposti da COSE BUONE; un luogo dove assaggiare e comprare specialità e formaggi; non solo per l’aperitivo, Piazza  Mazzini 13, Polesine (Mantova).

I formaggi da noi assaggiati si trovano da: allevamentocaprino@invind.it

:::::::::::::::::::::::

WEEKEND ORGANIZZATI  

Due o più girorni guidati nella cultura e nella gastronomia mantovane.

I VIAGGI DEL GUSTO

Dalla strada del riso, alla splendida Sabbioneta, da Castel Goffredo, ma sempre passando dalla splendida e golosa MANTOVA.

Prenotazioni: www.ontheroadtravel.it 

MANTOVA GOLOSA

AMERICAN AIRLINES “AIRLINE OF THE YEAR” 2017

AIR TRANSPORT WORLD ASSEGNA IL PREMIO “AIRLINE OF THE YEAR” AD AMERICAN AIRLINES

RINNOVAMENTO CON L’INTRODUZIONE DELLA PREMIUM ECONOMY

una via di mezzo fra la Business Class e la Main Cabin

AMERICAN AIRLINES compagnia aerea più grande del mondo

Air Transport World (ATW), testata leader nel settore dell’aviazione, ha annunciato la vittoria di American Airlines del premio Airline of the Year per l’anno 2017.

American è stata scelta dal gruppo editoriale di ATW per i risultati eccezionali ottenuti dalla direzione e dai dipendenti nell’anno passato.

La fusione di American con US Airways è stata praticamente impeccabile, nonostante sia stata la più grande e più complessa della storia.

Durante tutto il processo di fusione American è stata sempre attenta a generare profitti e distribuire i rendimenti agli azionisti investendo allo stesso tempo oltre 3 miliardi di dollari in nuovi prodotti e servizi per i clienti come il miglioramento della connessione internet in volo, nuove scelte per l’intrattenimento e per i ristoranti, lounge rinnovate e nuovi servizi nell’ambito del programma city pair. American ha inoltre investito miliardi di dollari per incrementare la flotta con centinaia di nuovi aeromobili.

Il 2017 Airline of the Year è stato presentato come massima onorificenza al 43esimo ATW Airline Industry Achievement Awards, nel corso della cena di gala che si è svolta il 28 marzo 2017 al J.W. Marriott Essex House di New York City.

Gli ATW Airline Industry Achievement Awards premiano ogni anno l’eccellenza tra le compagnie aeree e sono considerati come i premi più ambiti nel settore del trasporto aereo.

Per maggiori informazioni riguardo i premi, la cerimonia di premiazione e gli sponsor, visitare il sito http://award.atwonline.com.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni si prega di visitare il sito www.americanairlines.it

AMERICAN AIRLINES PROSEGUE IL SUO PIANO DI RINNOVAMENTO CON L’INTRODUZIONE DELLA PREMIUM ECONOMY – una via di mezzo fra la Business Class e la Main Cabin

– American Airlines offre ai suoi passeggeri un’ancor più ampia possibilità di scelta con l’introduzione della Premium Economy sulla sua flotta widebody per i voli internazionali a lungo raggio.

La Premium Economy, disponibile dalla fine del 2016, offre una nuova classe di servizio, situata subito dopo la Business Class, fornendo così un prodotto più curato rispetto alla Main Cabin. Questo prodotto offrirà una nuova tipologia di poltrona che gode di alcuni benefit tra cui:

più spazio per le gambe
poltrone più ampie
intrattenimento on-demand personalizzato
cuffie per la riduzione dei rumori
check-in e boarding prioritari
franchigia bagaglio
kit da viaggio
un migliore servizio ristorazione
superalcolici, birra e vino

“I passeggeri vogliono avere sempre più scelta quando viaggiano e hanno preferenze particolari a seconda del tipo di viaggio. I nostri clienti hanno espresso il desiderio di avere una classe che fosse una via di mezzo fra la Business Class e la Main Cabin, e questo feedback ha dato vita al nuovo servizio di Premium Economy” ha dichiarato Andrew Nocella, Chief Marketing Officer di American. “La Premium Economy è oggi un servizio offerto dalle principali compagnie aeree al mondo. Noi l’abbiamo studiato per offrire un prodotto di classe superiore che assicurasse poltrone più ampie, un maggiore spazio per le gambe, un intrattenimento di alto livello, cuffie e kit da viaggio di lusso, giusto per citare alcuni dei particolari di questo nuovo servizio. In qualità di compagnia aerea più grande del mondo, siamo davvero emozionati nel poter offrire questo prodotto ai nostri ospiti.”

Nuovi aeromobili e piani di rinnovamento
Il primo vettore American che dispone delle poltrone Premium Economy è il Boeing 787-9, entrato in servizio alla fine del 2016. Il 787-9 è composto da Business Class, tre file di Premium Economy nella configurazione 2-3-2, Main Cabin Extra che offre ai passeggeri fino a 6pollici (ca 15cm) di spazio aggiuntivo per le gambe e infine le poltrone di Main Cabin.
La Premium Economy sarà inoltre disponibile sull’Airbus A350 che entrerà in servizio nel 2017.

American provvederà ad aggiungere la Premium Economy su tutti i Boeing 777-300ERs, 777-200ERs, 787-8s e sull’Airbus A330s nel corso del prossimo anno.

Il 777-300ER sarà caratterizzato dall’ampio assortimento di poltrone fra le quali scegliere: First Class, Business Class, Premium Economy, Main Cabin Extra e Main Cabin. Tutti gli altri aeromobili rinnovati continueranno ad offrire l’accesso al corridoio per tutte le poltrone, poltrone totalmente reclinabili in Business Class così come in Main Cabin Extra e in Main Cabin.

I Boeing 767-300s non saranno rinnovati con la Premium Economy dato che nei prossimi anni è previsto il loro ritiro dal servizio.

Premium Comfort
I passeggeri che viaggiano in Premium Economy posso apprezzare poltrone in pelle che offrono loro 38 pollici (ca 1m) di spazio per le gambe, un sistema d’intrattenimento on-demand personalizzato, monitor touchscreen più ampi con selezione di film, programmi televisivi, musica, giochi e cuffie per la riduzione dei rumori.
A terra i passeggeri possono effettuare il check in di due valige senza costi aggiuntivi e imbarcarsi prima con il servizio priority boarding. Durante il volo, possono gustare pasti sempre più raffinati, hanno accesso alla connessione Wi-Fi globale, ore di intrattenimento on-demand e possono richiedere vino, birra o superalcolici gratuiti.

Per maggiori informazioni visitare il sito aa.com/premiumeconomy, per uno sguardo interattivo al nuovo prodotto premium economy visitare il sito explorethenewamerican.com/premiumeconomy.

Su American Airlines Group
American Airlines e American Eagle offrono una media di quasi 6.700 voli al giorno verso circa 350 destinazioni in oltre 50 paesi. American dispone di hub a Charlotte, Chicago, Dallas/Fort Worth, Los Angeles, Miami, New York, Philadelphia, Phoenix e Washington, D.C. American è tra i fondatori di oneworld®, l’alleanza che con i suoi membri serve oltre 1.000 destinazioni e opera circa 14.250 voli quotidiani verso oltre 150 paesi. Le azioni di American Airlines Group Inc. sono quotate al Nasdaq con la sigla di negoziazione AAL. Nel 2015 sono entrate nell’indice S&P 500. American Airlines è su Twitter @AmericanAir e Facebook Facebook.com/AmericanAirlines

Per ulteriori informazioni stampa:
Cinzia Martinengo/Lorenzo Martinengo

Via Vincenzo Monti, 9 – 20123 Milano
Tel. (+39) 02 4953 6650 r.a.
E-mail: martinengo@martinengocommunication.com
Web: www.martinengocommunication.com

Su American Airlines Group
American Airlines e American Eagle offrono una media di quasi 6.700 voli al giorno verso circa 350 destinazioni in oltre 50 paesi. American dispone di hub a Charlotte, Chicago, Dallas/Fort Worth, Los Angeles, Miami, New York, Philadelphia, Phoenix e Washington, D.C. American è tra i fondatori di oneworld®, l’alleanza che con i suoi membri serve oltre 1.000 destinazioni e opera circa 14.250 voli quotidiani verso oltre 150 paesi. Le azioni di American Airlines Group Inc. sono quotate al Nasdaq con la sigla di negoziazione AAL. Nel 2015 sono entrate nell’indice S&P 500. American Airlines è su Twitter @AmericanAir e Facebook Facebook.com/AmericanAirlines

DonnE…Cultura