Arte – Cultura – Natura – Biella e Fondazione Zegna

Mostra alla Fondazione Zegna

Bandiere a strisce di Daniel Buren sui tetti della fabbrica Zegna.

OASI ZEGNA: Chalet-Bielmonte, un weekend tra aria buona e natura 

Oasi Zegna: chiesa di Rosazza (Località Rosazza: a partire dal 1870 il senatore-filantropo del Regno d’Italia Fedrico Rosazza Pistolet (1813-1899), membro della Giovane Italia mazziniana e Gran Maestro Venerabile della massoneria biellese, finanziò e fece costruire su progetto dell’artista Enrico Maffei: palazzi, ville, giardini, la Parrocchiale, il cimitero, strade, fontane, acquedotti e una galleria).

Molte foto, informazioni e indirizzi per l’Oasi Zegna al link: https://www.donnecultura.eu/?tag=rosazza-e-maffei-nelloasi-zegna

::::::::::::::::

Biella medioevale.

UN WEEKEND NELLA NATURA E NELLA CULTURA

BIELLA

Le mostre di SELVATICA e i suoi palazzi

FONDAZIONE ZEGNA – Trivero -Biella e OASI ZEGNA – Un tuffo nella natura incontaminata e nella cultura

Mecenatismo ambientale e sociale, ancora oggi ad uso delle comunità locali e non solo

La Fondazione Zegna nasce nel 2000 per volontà della quarta generazione Zegna con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita di comunità e individui in diverse parti del mondo.

Una missione le cui origini derivano dallo spirito del fondatore del gruppo, Ermenegildo, per il quale etica, imprenditorialità ed estetica convivono collegati.

Negli anni ’30, Ermenegildo, lungimirante visionario, attraverso la riforestazione dell’area montana intorno all’omonimo lanificio e la creazione di strutture socio-assistenziali, realizzò uno dei primi esempi industriali italiani di mecenatismo ambientale e sociale, ancora oggi ad uso delle comunità locali e non solo.

Oasi Zegna: fiori, prati e boschi.

Con questo spirito la Fondazione Zegna ha supportato e finanziato – anche nel territorio di origine – progetti sostenibili in cooperazione con organizzazioni non-profit attive in vari campi in Italia e in diverse parti del mondo.

La Fondazione Zegna ha individuato quattro aree di attività entro le quali raggruppa e coordina le iniziative umanitarie internazionali:

– Conservazione e valorizzazione delle risorse ambientali.

– Promozione dello sviluppo sostenibile nelle comunità locali, in Italia e all’estero.

– Salute e Benessere

– Cultura ed educazione per i giovani.

La Fondazione Zegna ha sede a Trivero, in provincia di Biella, dove si trovano anche CASA ZEGNA, archivio storico e polo di aggregazione culturale, e OASI ZEGNA, ”laboratorio all’aria aperta” che copre un’area di 100 km2 e valorizza la relazione tra uomo, cultura di montagna e natura. Qui si può visitare una parte della mostra “ SELVATICA “ 2017

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

UN WEEKEND NELLA NATURA E NELLA CULTURA:

BIELLA E OASI ZEGNA

La città di Biella merita la nostra attenzione per la sua architettura e l’antica parte alta; comodamente raggiungibile.

Se amate l’arte non perdete l’attuale rassegna “Selvatica”; un’occasione unica per una visita ai bei palazzi della città e ai suoi giardini. Una splendida mostra dalle mille sfaccettature, dalla fotografia di grade livello alla pittura di artisti degni di questo nome.

Sempre a Biella, pure la Fondazione Pistoletto – Cittadellarte, merita la visita; sia per ammirare un grande esempio di archeologia industriale, sia per vedere l’arte italiana contemporanea, in una delle sue più note sfaccettature.

Fuori Biella, a Trivero. Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese.
La mostra “Soft life” è presentata negli spazi della Fondazione Zegna. Qui farete un viaggio nelle origini dei vari, sofisticatissimi, filati naturali che servono per produrre i tessuti; poi acquistati dai più facoltosi uomini e donne del mondo.

Un cappotto di preziosa lana pregiata, può costare anche 30.000 euro.

Le misure del Principe Carlo d’Inghilterra; cliente Zegna.

Eleganza Zegna

Tra le migliaia di tessuti a disposizione dei clienti, una seta lavorata con effetto cashmere (nome inglese) o cachemire (in francese) ; fantastica !!!

Sottosci in pregiatissime lane.

OASI ZEGNA

Riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 conifere, molte centinaia di rododendri ed ortensie e la costruzione di una strada, “la Panoramica Zegna”, per consentire alla popolazione locale ed ai turisti di godere dell’ambiente naturale montano.

La storia
Le radici dell’Oasi Zegna risalgono agli anni ’30 quando Ermenegildo Zegna, dopo aver creato a Trivero, in provincia di Biella, un’azienda – il Lanificio Ermenegildo Zegna – in grado di affermarsi sui principali mercati internazionali grazie al grande pregio dei suoi tessuti, si dedicò a dare nuova vita al suo paese natale, Trivero, nelle Alpi biellesi.

Oltre alla costruzione di case per i dipendenti e di un Centro dedicato alla salute, alla formazione, allo sport e al tempo libero dei suoi concittadini, il suo progetto ha compreso la riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 conifere, molte centinaia di rododendri ed ortensie e la costruzione di una strada, “la Panoramica Zegna”, per consentire alla popolazione locale ed ai turisti di godere dell’ambiente naturale montano.

Il Progetto
Partendo da questo grande patrimonio di idee e realizzazioni concrete, le nuove generazioni della famiglia nel 1993 hanno dato vita al progetto Oasi Zegna che interessa il territorio montano esteso attorno i primi 26 Km della strada “Panoramica”, per un’area di circa 100 Km2. Primo esempio italiano di mecenatismo ambientale, l’Oasi Zegna ha come obiettivo il mantenimento della presenza dell’uomo in montagna e lo studio, la tutela e la valorizzazione dell’area interessata, comunicando con i visitatori attraverso un sistema segnaletico di “alfabeto visivo” che descrive animali, piante e minerali che popolano la montagna e illustra la storia locale, trasmettendo ai visitatori le conoscenze per sensibilizzarli al rispetto per l’ambiente.

Il progetto dell’Oasi Zegna come ambiente comunicante si è sviluppato su due piani strettamente collegati tra loro: l’individuazione di attività a contatto diretto con la natura (sport ecologici e soft tourism) e la promozione dell’educazione ambientale.

Grazie alle peculiarità del territorio e alla notevole presenza di infrastrutture eco-compatibili, l’Oasi Zegna è un “laboratorio dal vivo” per gli amanti della natura e per i giovani, e gli sportivi è un luogo ideale dove praticare attività all’aria aperta, rispettose della natura – escursionismo, trekking d’altura, mountain bike, equitazione, arrampicata su palestre di roccia, percorsi avventura sugli alberi (treeclimbing), aquilonismo, sport invernali etc.

L’accoglienza è garantita da numerose strutture: alberghi, ristoranti e aziende agrituristiche, offrono l’ospitalità tipica della montagna.
L’Oasi Zegna è inoltre una delle cellule dell’Ecomuseo del Biellese, istituito per raccogliere e testimoniare il patrimonio di tradizioni, storia, cultura ed economie tipiche del territorio montano.

Il 20 settembre 2014 l’Oasi Zegna ha ricevuto, unico in Italia, il patrocinio del FAI Fondo Ambiente Italiano, come esempio di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio ambientale e culturale.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

I PROGETTI IN CORSO
FONDAZIONE ZEGNA

– CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE AMBIENTALI

FAI – FONDO AMBIENTE ITALIANO
Italia: salvaguardare il patrimonio culturale e l’ambiente naturale e il paesaggio.
Fondazione Zegna e FAI condividono da sempre il rispetto della cultura, della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni, a tutela di un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità. Negli anni sono stati avviati progetti per la salvaguardia e valorizzazione di importanti luoghi come Villa della Porta Bozzolo a Casalzuigno, il Castello di Masino a Caravino e il Bosco di San Francesco ad Assisi. Nel 2013 la collaborazione si è ulteriormente intensificata con un importante progetto di messa in sicurezza e valorizzazione di un’ampia porzione di territorio delle Cinque Terre attorno a Punta Mesco, tra Levanto e Monterosso a forte rischio di dissesto idrogeologico. Con un piano triennale di messa in sicurezza e recupero di Podere Case Lovara – 45 ettari di macchia mediterranea con vecchie tracce di coltivazioni e 3 fabbricati in forte stato di degrado, nel giugno 2016, dopo attenti e impegnativi lavori, è stato inaugurato un compendio agricolo che servirà come modello per interventi futuri e assicurerà stabilità al terreno e un punto di ristoro e contemplazione per chi passeggerà sugli splendidi sentieri di questa incantevole porzione d’Italia.
Nel 2014, proprio per gli intenti comuni, l’Oasi Zegna ha ottenuto – unico esempio in Italia – il Patrocinio FAI e, sempre dal 2014, FAI e Fondazione Zegna hanno istituito la Giornata del Panorama, per sensibilizzare all’osservazione consapevole dei paesaggi più belli d’Italia e comprenderne le trasformazioni.
Dal 2009 Anna Zegna è membro del Consiglio di Amministrazione del Fondo Ambiente Italiano.

ERMENEGILDO ZEGNA
Italia e Cina: progetto Baby Forest
Per ogni nuovo nato dai 7.000 dipendenti del Gruppo Zegna, la Fondazione Zegna pianta ogni anno un nuovo albero nell’Oasi Zegna per i nuovi nati in Europa e in Cina per i dipendenti che lavorano in oriente. In rappresentaza dei neonati degli anni precedenti, nell’Oasi Zegna, sono stati messi a dimora 180 alberi nel 2011, 190 nel 2012 e così via fino ai giorni nostri. L’opera di rimboschimento ha già aiutato il territorio a contrastare il dissesto idrogeologico e le slavine nella stagione invernale.

WWF
Cina: progetto Corridoio del Panda
Il Progetto Corridoio del Panda è il più grande di WWF Cina e richiede un ampio sforzo per proteggere i panda nelle montagne del Qinling (fonte del Fiume Giallo e del Yangtze) una delle aree con la maggiore biodiversità della Cina. Il turismo smisurato degli ultimi anni ha minacciato l’equilibrio ecologico del territorio e non ha dato alcun beneficio alla popolazione locale. Il Progetto Corridoio del Panda promuove una combinazione di eco-turismo e conservazione, per sviluppare attività che siano sostenibili sia dal punto di vista ambientale, sia sociale ed economico. Fondazione Zegna ha contribuito con il sostegno al Progetto Corridoio del Panda WWF Cina a portare a termine il programma di conservazione e valorizzazione dell’area del Qinling, a supporto della sopravvivenza del panda e delle comunità locali. E’ di questi giorni la notizia che il Panda, grazie proprio alle opere di rimboschimento e salvaguardia del suo habitat, è una specie non più in via di estinzione.

– PROMOZIONE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NELLE COMUNITA’ LOCALI

CARE & SHARE
India: nutrizione/educazione per i bambini.
Grazie al finanziamento continuativo dal 2004, la Fondazione Zegna supporta Care&Share in India, nello Stato di Andrha Pradesh. Gli obiettivi principali del progetto sono:
– migliorare la qualità di vita delle persone nelle comunità indiane svantaggiate attraverso progetti che incoraggino l’auto-sostentamento.
– garantire educazione e cure per i bambini indiani bisognosi, spesso orfani o abbandonati, soprattutto nelle aree rurali e nei sub-quartieri urbani, dove le condizioni risultano peggiori, come il Distretto di Krishna e lo Stato di Andhra Pradesh.

CESVI
Italia: formazione e inserimento professionale per minori non accompagnati.
La collaborazione tra Cesvi, la onlus siracusana AccoglieRete e Fondazione Zegna, accoglie un piccolo numero di giovani immigrati che attraverso il progetto “Un tutore per ogni minore” garantisce velocemente una formazione in grado di dotarli di capacità comportamentali e relazionali, competenze linguistiche, formative e professionali.

OXFAM
Palestina: un aiuto concreto alle comunità beduine.
Fondazione Zegna promuove le attività tradizionali legate alla lavorazione della lana presso le comunità beduine nei Territori Palestinesi al fianco di Oxfam, storico partner con il quale sono stati realizzati in passato altri progetti nelle Filippine, nelle isole Vanuatu e in Nepal. L’iniziativa, definita “cronica” e di “emergenza”, vuole fornire un aiuto concreto alle comunità beduine attraverso attività volte a differenziarne le fonti di reddito, mantenendo allo stesso tempo vive le tradizioni locali.

SAN PATRIGNANO
Italia: insieme per rinascere.
La tessitura a mano è praticata a San Patrignano da oltre trent’anni e fa parte di quei mestieri artigiani antichi che si sono sempre insegnati nella Comunità. Attraverso la manualità, i ragazzi si confrontano con valori importanti: il saper fare, la disciplina richiesta per raggiungere l’obiettivo, la ricerca della perfezione nella realizzazione e la conseguente abitudine al bello, che li aiuta a recuperare la loro bellezza interiore e l’amore per se stessi. Nel settore tessitura di San Patrignano, 30 ragazze quotidianamente tessono e cuciono i prodotti destinati al mondo esterno e, quindi, a supportare l’indipendenza economica della Comunità. Da quattro anni, Fondazione Zegna sostiene il laboratorio della comunità con l’obiettivo di valorizzare questo mestiere artigianale antico, attualizzandolo secondo i gusti del mercato, della moda e del design.

– SALUTE E BENESSERE

AMREF
Africa: Acqua e Sanità e prevenzione delle morti materne
In Africa, quattro morti su cinque sono legate alle malattie dovute alla contaminazione dell’acqua. Il Progetto Acqua e Sanità Amref / Fondazione Zegna ha consentito di costruire pozzi e cisterne d’acqua per i villaggi rurali nell’Africa Orientale e proteggerne la qualità, garantendo alla popolazione locale una fornitura costante. L’accesso a questa risorsa ha ridotto significativamente i rischi sanitari, soprattutto per i bambini, ed ha contributio allo sviluppo sociale ed economico delle comunità locali.
In Mozambico, la Fondazione Zegna, per contrastare la mortalità materna, ha avviato un processo di formazione professionale di giovani ostetriche che, nell’ottica più ampia del raggiungimento della propria emancipazione sociale, sono destinate a diventare le attrici principali del cambiamento. Due le principali attività previste:
– erogazione di corsi di formazione e aggiornamento per ostetriche, e programmi di educazione di qualità a 275 giovani studentesse
– rafforzamento delle competenze degli istituti di formazione sanitaria statali impegnati nell’erogazione dei corsi, attraverso la dotazione di materiale e attrezzature, e la formazione diretta di 180 formatori di ostetriche.
– CULTURA ED EDUCAZIONE PER I GIOVANI

FONDAZIONE PISTOLETTO – CITTADELLARTE
Italia: Università delle idee UNIDEE e progetto VISIBLE
Fondazione Zegna ha intrapreso da diversi anni una collaborazione creativa con Cittadellarte – Fondazione Pistoletto. Ne è nato un innovativo modello di investimento culturale basato su un impegno condiviso di creatività responsabile, tra arte e business. Il lavoro creativo di Cittadellarte e la strategia di Zegna, un’impresa responsabile per natura, impegno, tradizione e visione, sono complementari e basati su obiettivi condivisi. Ogni anno, Ermenegildo Zegna inoltre finanzia una borsa di studio tramite UNIDEE – Università delle Idee di Cittadellarte, che ospita giovani creativi da tutte le parti del mondo.

ALL’APERTO
Italia: progetto di arte contemporanea in situ
Il progetto ALL’APERTO (a cura di Andrea Zegna e Barbara Casavecchia) nasce con l’intento di rendere più fruibile l’accesso all’arte contemporanea e ai suoi valori. Dal 2008 il Progetto sviluppa, nell’area attorno a Trivero, una serie di opere permanenti site specific di pubblica fruizione, realizzate “su misura” da autori di calibro internazionale. Per il debutto, la scelta è caduta sul francese Daniel Buren (Boulogne-Billancourt, 1938), che ha incorniciato il perimetro delle terrazze panoramiche del Lanificio Zegna con l’installazione “Le banderuole colorate, lavoro in situ, 2007, Trivero”: un arcobaleno di 135 bandiere, fluttuante tra verdi e azzurri di sette tonalità diverse, che sembrano fondersi in un unico colore, inedito e variabile a seconda delle condizioni di luce. Le edizioni successive hanno visto interventi di Alberto Garutti, Stefano Arienti, Roman Signer, Marcello Maloberti, Dan Graham, Liliana Moro.

TEATRO REGIO DI TORINO
Italia: promuovere la musica, i messaggi, i valori e le eccellenze
Fondazione Zegna è impegnata a sostenere lo sviluppo artistico dell’Orchestra del Regio attraverso un contributo per il sostegno del vincitore del Concorso per Prima viola. Nato nel 2012, il progetto vuole offrire un contributo concreto a quel percorso di costante miglioramento che, grazie al lavoro e alla passione del Direttore musicale Gianandrea Noseda, ha permesso al Teatro Regio di ottenere numerosi riconoscimenti in campo internazionale, diventando un vero e proprio ambasciatore nel mondo dell’eccellenza italiana. Una formula già diffusa nel mondo anglosassone ma del tutto nuova per il mondo musicale italiano, che nel 2012 ha portato al sostegno del vincitore del “Concorso per Prima viola dell’Orchestra del Teatro Regio”, Enrico Carraro.

Per maggiori informazioni www.fondazionezegna.org
+39 0289077394

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*