LA DEGENERAZIONE MACULARE ? SI PUÒ PREVENIRE – ANCHE CON UN COLLIRIO

Un nuovo collirio è in grado di proteggere la retina dai raggi UV-A e dalla luce blu di tablet – computer – telefonini – TV …

Proprio l’esposizione al sole come uno dei fattori ambientali in grado di favorire l’insorgenza della degenerazione maculare

La prima opzione è quella d’indossare un paio di occhiali da sole …

Una categoria di soggetti del tutto particolare: è quella soggetti pseudofachici, cioè che hanno subito l’operazione di cataratta …  che  riporta la retina a una esposizione alla radiazione visibile più energetica che non aveva più avuto da molti decenni …

Nei soggetti operati di cataratta nei quali l’asportazione del cristallino naturale opacizzato e la conseguente sostituzione con un cristallino artificiale trasparente rende la retina particolarmente vulnerabile all’insulto dovuto alla luce ed in particolare alla Luce Blu …

Protezioni quali occhiali da sole (solo con lenti di qualità e MAI chiare), cappellini e di non esporsi alla luce solare nelle ore di maggior incidenza di questa …

DRUSENoff collirio in modo da permettere ai suoi componenti di penetrare nello stroma corneale e di rimanervi a lungo formando una vera e propria lente filtrante …

Il resto lo fa la miscela di sostanze costituita da Vit B2 (riboflavina), atta ad assorbire la luce dannosa, e da sostanze quali la Vit E TPGE e il MSM (metilsulfulfonilmetano) ad alta efficienza antiossidante

Lampadine a led, schermi di smartphone, computer, tablet, televisori fanno parte ormai della nostra vita al pari di oggetti considerati da sempre indispensabil …

Un nuovo collirio è in grado di proteggere la retina dai raggi UV-A e dalla luce blu, le componenti della radiazione solare più dannose per l’occhio, fattori di rischio riconosciuti per le maculopatie.

Il nuovo presidio è disponibile in farmacia già da alcuni mesi, su prescrizione del medico oculista.

– L’arrivo della bella stagione invoglia molti di noi a uscire dal “letargo” invernale e a passare molto più tempo all’aria aperta.

Bisogna sempre però ricordare che l’esposizione alla radiazione solare diretta e per molte ore comporta diversi rischi per la salute, non ultimo quello di danneggiare la vista.

I raggi ultravioletti (UV)-A, non visibili dall’occhio umano, e la luce blu, visibile, rappresentano due delle porzioni più energetiche della radiazione solare e possono, a lungo andare, danneggiare la retina.

Dati epidemiologici recenti indicano proprio l’esposizione al sole come uno dei fattori ambientali in grado di favorire l’insorgenza della degenerazione maculare.

Questa patologia, che colpisce la macula (la regione centrale della retina) è responsabile del 22,9% dei casi di cecità e del 54,4% dei disturbi visivi nella popolazione bianca americana.

“Questa radiazione ad altissima energia che arriva sulla superficie oculare viene in parte schermata dalle lacrime, dalla cornea e dal cristallino ma in parte riesce a raggiunge la retina: nel caso dei raggi UV questo avviene nei soggetti giovani, mentre nel caso della luce blu a qualunque età”, ha esordito il professor Pasquale Troiano- Direttore Unità Operativa Complessa di Oculistica – Ospedale Fatebenefratelli di Erba, Consigliere SOI – Presidente del Comitato Tecnico Scientifico SOI.

E la luce blu è un fattore di rischio ormai identificato per l’insorgenza della degenerazione maculare”.

La correlazione tra luce blu e danno retinico si può capire con qualche nozione di fisiologia della visione.

Quest’ultima infatti si basa su una serie di meccanismi biochimici che implicano un notevole consumo energetico.

E come per ogni processo, il consumo energetico implica la produzione di materiale di scarto, che è alla base della formazione delle drusen.

Ora, la luce blu aumenta considerevolmente questo materiale di scarto, perché induce un fenomeno biochimico noto come fotoinversione dello sbiancamento.

“Finché l’organismo è giovane, cioè fino a trent’anni, questo materiale di scarto viene eliminato in modo molto efficiente dal sistema circolatorio”, ha chiarito il professor Troiano.

“Con l’avanzare dell’età invece questa efficienza si perde, e possono iniziare a formarsi accumuli di materiale di scarto denominati drusen che rappresentano il segno clinico iniziale di quella che potrebbe divenire una vera e propria maculopatia”.

Sfortunatamente, a oggi non è disponibile di una terapia per la degenerazione maculare, ma ci si limita a controllarne gli effetti. L’unico intervento veramente efficace è la prevenzione.

La degenerazione maculare è una malattia multifattoriale, la cui eziopatogenesi è da ricondurre, oltre che alla luce blu, anche a diverse condizioni tra cui l’ipertensione arteriosa, l’ipermetropia, il diabete e l’ipercolesterolemia”, ha aggiunto Troiano.

“Se si vuole quindi ridurre al minimo il rischio occorre intervenire su tutti i fattori eliminabili”.

Per filtrare la radiazione luminosa dannosa la prima opzione è quella d’indossare un paio di occhiali da sole.

Ma ora si è resa disponibile anche una nuova opzione per schermare i raggi UV-A e la luce blu in forma di collirio.

Si tratta di un’opzione molto interessante, disponibile in farmacia già da alcuni mesi su prescrizione del medico oculista, perché non dimentichiamo che le lacrime artificiali sono già un prodotto di larghissimo impiego nei soggetti che hanno superato i quarant’anni di età: la prevalenza di una condizione come l’occhio secchio secondo le stime epidemiologiche, è notevole”, ha sottolineato il professor Troiano.

Con una singola somministrazione di questo prodotto, si fornisce alla superficie oculare un efficiente sistema di lubrificazione e, contemporaneamente un altrettanto efficiente schermo per le radiazioni luminose”.

Ma quali sono i pazienti ideali per la prescrizione di questo nuovo presidio?

“Tutti i soggetti che presentano gli altri fattori di rischio per degenerazione maculare che abbiamo già elencato; poi tutti coloro che per motivi professionali si trovano esposti per lunghe ore alla radiazione blu, presente sia nella radiazione solare sia in quella artificiale: sappiamo bene che molti lavoratori non indossano occhiali da sole perché danno fastidio”, ha aggiunto il professor Troiano.

C’è poi una categoria di soggetti del tutto particolare: è quella soggetti pseudofachici, cioè che hanno subito l’operazione di cataratta.

Con l’avanzare degli anni tutta la porzione dell’apparato visivo destinata a trasmettere la radiazione luminosa alla retina diviene meno efficiente, la cornea e soprattutto il cristallino divengono meno trasparenti soprattutto alle basse lunghezze d’onda dello spettro luminoso come la luce blu, la pupilla si riduce di diametro.

Insomma il sistema diviene naturalmente molto protettivo nei confronti della retina.

Però a un certo punto interviene l’uomo che toglie da dentro l’occhio il cristallino e lo sostituisce con una lente artificiale che riporta la trasmissione della luce alla retina all’età di ventanni.

“Dopo l’intervento di cataratta, molti pazienti riferiscono la loro sorpresa nel poter rivedere proprio le tonalità del blu”, ha concluso il professor Troiano.

“Questo recupero del visus è sicuramente un fattore positivo per il soggetto, ma riporta la retina a una esposizione alla radiazione visibile più energetica che non aveva più avuto da molti decenni: questi soggetti sono quelli che più di tutti hanno bisogno di sistemi efficienti di filtrazione delle radiazioni luminose ad alta energia, come questo nuovo collirio”.

OCCHI: DA OGGI UN’ARMA IN PIU’ PER PROTEGGERLI DAL SOLE E DA FONTI LUMINOSE DANNOSE

DRUSEN off collirio è una soluzione brevettata, utile a filtrare i raggi UV e la Luce Blu ed è un Dispositivo di Protezione Individuale (DPI)

 Lunghezze d’onda della luce visibile (Blu) ed invisibile (UV) sono considerate tra le concause dell’insorgenza della Degenerazione Maculare Legata all’Età.

Questo aspetto sta diventando di particolare importanza anche nei soggetti operati di cataratta nei quali l’asportazione del cristallino naturale opacizzato e la conseguente sostituzione con un cristallino artificiale trasparente rende la retina particolarmente vulnerabile all’insulto dovuto alla luce ed in particolare alla Luce Blu.

Queste considerazioni hanno da sempre portato gli oculisti a consigliare, nei soggetti a rischio e negli pseudofachici, protezioni quali occhiali da sole, cappellini e di non esporsi alla luce solare nelle ore di maggior incidenza di questa.

Tali consigli però, oltre ad essere spesso elusi dal paziente per la scarsa praticità degli strumenti di protezione consigliati, si rivelano sovente insufficienti. Inoltre, come conseguenza dell’evoluzione dei costumi di vita e dell’avanzare della tecnologia, le fonti di luce blu si stanno diffondendo sempre più nella vita di tutti i giorni.

Lampadine a led, schermi di smartphone, computer, tablet, televisori fanno parte ormai della nostra vita al pari di oggetti considerati da sempre indispensabili.In questa ottica un collirio che possa contrastare tale rischio è da considerarsi una soluzione pratica ed efficace.

Perché DRUSENoff collirio è un prodotto da considerare innovativo?

I colliri in generale sono caratterizzati da una presenza fugace sulla superficie oculare, tale aspetto per un prodotto che si pone come obiettivo quello di proteggere la retina filtrando le lunghezze d’onda pericolose, è sicuramente un grosso limite.

La grande innovazione in tal senso è proprio nella tecnica farmaceutica che ha permesso di formulare DRUSENoff collirio in modo da permettere ai suoi componenti di penetrare nello stroma corneale e di rimanervi a lungo formando una vera e propria lente filtrante.

Il resto lo fa la miscela di sostanze costituita da Vit B2 (riboflavina), atta ad assorbire la luce dannosa, e da sostanze quali la Vit E TPGE e il MSM (metilsulfulfonilmetano) ad alta efficienza antiossidante, formulazione che dati sperimentali hanno rivelato essere la sola a proteggere efficacemente dal danno fotossidativo (esperienze effettuate su formulazioni contenenti uno o due dei componenti sopra riportati, hanno dato esito negativo).

Un altro aspetto di pari importanza è la durata che tale protezione può avere.

Tale effetto dipende dal consumo dei principi attivi che si sono accumulati nello stroma corneale ed è inversamente proporzionale all’entità dell’insulto luminoso subito.

Prendendo ad esempio una condizione di luce naturale di entità media UVI 5 (UVI: indice ultravioletto o indice UV è una misura standard internazionale della forza delle radiazioni ultraviolette (UV) che producono le radiazioni solari in un particolare luogo e momento), a queste condizioni la durata della protezione si attesta intorno alle 4 ore.

Facendo una valutazione delle condizioni medie di vita normali, possiamo prendere come riferimento standard proprio UVI 5 (approssimazione per eccesso); a questo valore di UVI possiamo affermare, considerando la durata della protezione sopra riportata, che una efficace protezione la si ottiene con un’istillazione di 1 o 2 gocce di DRUSENoff collirio al mattino ed una ad ora di pranzo (ore 9/ore13).

Ciò non toglie che in condizioni più stressanti la posologia possa essere modulata a seconda dell’ambiente in cui ci si trova: neve, spiaggia, barca a vela, collina o altro.

PREMIO GIORNALISTICO SOI EDIZIONE 2017

E’ tutto rosa il 14° Premio Giornalistico SOI.
Assegnati i Premi a 3 giornaliste della carta stampata.

La Società Oftalmologica Italiana (SOI) ha indetto ormai da oltre 15 anni un Premio giornalistico, istituito con l’intento di stimolare l’impegno di coloro che contribuiscono alla diffusione e allo sviluppo della corretta divulgazione medica-oculistica con completezza di contenuti e ricchezza di linguaggio.

Il Premio realizzato con il patrocinio di UNAMSI – Unione Nazionale Medico Scientifica Italiana e di Fondazione Insieme per la Vista Onlus intende contribuire all’evoluzione di una società correttamente informata in campo oftalmologico- spiega Matteo Piovella e siamo lieti di potrelo organizzare ormai da 15 anni.

Nel corso della Cerimonia organizzata l’8 maggio 2018 sono stati assegnati i tre premi rispettivamente a Chiara Caretoni per il periodico OK Salute e Benessere, a Ida Macchi per Starbene ed a Mariateresa Truncellito per il settimanale OGGI.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*