Salute – Parmigiano fa male alla salute ? !!! Alimentazione quanti problemi ! Risolvibili con il buon senso

INVECCHIAMENTO E CURE ANCHE CON L’ALIMENTAZIONE

Articolo scritto dopo un corso presso Società di Umanitaria (Corso formazione per giornalisti);  riportiamo un breve sunto degli interventi della Prof. Matilde Ferretto, Università di Milano Bicocca “La Riforma della Politica Agricola Comune europea e la Casa dell’Agricoltura – evoluzione della sicurezza alimentare applicata al territorio” e del dott. Antonino Frustaglia,   geriatra e cardiologo, direttore medico dell’Istituto Redaelli, ASP “Golgi – Redaelli”.

:::::::::::

CONTRADDIZIONI E NOTIZIA DEL GIORNO – MA CON IL BUON SENSO L’ALIMENTAZIONE CURA E PREVIENE …

Cominciamo con una notizia di questi giorni:

Lotta Onu a grassi e sale –  “Nuociono gravemente alla salute”

Prosciutto di Parma e Parmigiano Reggiano paragonati alle sigarette … !!!

Onu e dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità, agenzia speciale dell’ONU per la salute), contro gli alimenti ricchi di grassi saturi, sale, zuccheri, l’alcool ed il fumo; per ridurre il consumo e prevenire le malattie più comuni: obesità, probelmi cardiologici, diabete …

OMS: i formaggi italiani come il Parmigiano sono accusati di non essere sani perché contengono sale  e colesterolo … ma invece sono di origine naturale senza conservanti e altri veleni,

  • ALLORA COSA DIRE DEGLI HAMBURGER O DEI WÜRSTEL ???

::::::::

Prof. Matilde Ferretto, Università di Milano Bicocca “La Riforma della Politica Agricola Comune europea e la Casa dell’Agricoltura – evoluzione della sicurezza alimentare applicata al territorio”

IN BREVE : notizie sulle ultime regole europee per l’alimentazione

Nei sacchi farina: solo 1%di origine OGM. Questo viene accettato in Europa.

Nuovi prodotti. sempre più  verso integratori.

Agar agar: nuovi prodotti che sono importati in Europa, proibiti altrove:  NON SI HA MAI LA CERTEZZA DEI COMPONENTI E DEL TIPO DI CONSERVAZIONE E COLTIVAZIONE
Unione Europea  formaggi ; la direttiva è tarata su formaggi industriali come quelli olandesi.
::::::::::::::
INVECCHIAMENTO E CURE ANCHE CON L’ALIMENTAZIONE
(Dott.Antonino Frustaglia,   geriatra e cardiologo, direttore medico dell’Istituto Redaelli, ASP “Golgi – Redaelli”)
Invecchiamento: come geriatri e cardiologi, sino ad oggi abbiamo curato gli anziani  solo per criticità (= malattie in atto) ..
Da oggi non  si lavora più solo su ciò  che produce la criticità.
Si deve lavorare su una vera prevenzione.
Non solo con gli anziani.
QUESTO NUOVO PUNTO DI VISTA E’ MOLTO IMPORTANTE, E’ UN PASSO AVANTI VERSO LA VERA SALUTE CON LA PREVENZIONE
Associazione Golgi-Redaelli antica istituzione.
Oggi assiste pazienti con criticità.
Le malattie hanno un legame cronologicamente creato.
Ricerche su centinaia di casi per una migliore statistica.
Qui si è stidiato il caso del Giappone e le sue Isole Okinawa: dove si vive più a lungo
 Sino ad oggi si è detto che gli americani hanno creato una società migliore … ma con quello che mangiano  e le malattie che hanno a partire da obesità e problemi cardiovascolarinon ci sono dubbi che non sono un esempio da seguire.

Okinawa (Giappone) molto meno malati di Parkinson e non solo …

Casa mangiano a Okinawa ?
Legumi, riso, verdure, frutta, alghe, cetrioli di mare  …prodotti caseari solo il 2%.
Il formaggio NOn fa male, è importante, ma non se ne deve mangiare più di 40/ 60 gr.  due volte la settimana.
Risultato dela dieta di Okinawa : abbattimento malattie croniche degenerative.
STATI UNITI DIETA MEDIA A BASE DI :  carne, formaggi, bibite gasate e zuccherate molto acide  ..
Mortalità  cardio vascolari enormi differenze tra Usa e Giappone – Okinawa; idem  per CANCRO.
Okinawa stile di vita:  10 km ogni giorno si femano a pregare meditare nella natura.
Oggi anche noi italiani abbiamo abbandonato la vera dieta mediterranea, dopo la Seconda Guerra  Mondiale e ci siamo convertiti agli usi americani.
Più siamo fedeli alla dieta mediterranea, più si abbassano i rischi di malattia.
Camminare, quando possibile, anche per 90 e 160 minuti, risultato:  meno problemi di salute.
Chi va per ore in bici, magari quando fa caldo o nel traffico (credendo di mantenersi in forma) : non è  salutare come camminare all’aria buona.
Centenari non sino olimpionici in genere e sono magri.

Cosa serve davvero agli anziani

Negli ospedali si mangia da schifo.
Anche a malati di cancro, ipertesti, problemi cardiaci cronici…danno crescenza, prosciutto cotto …
Indagine scientifica su 500.000 persone:  in 10 anni si ammala meno di chi fa dieta Mediterranea.
Regole italiane già  scritte da tempo nella legge, ma mai seguite:
la legge spiega che in ospedale si deve educare con l’ alimentazione ?! Ma non lo si mette in pratica.
Il paziente dell’ospedale  Golfi Redaelli può  scegliere dieta normale ospedale o mediterranea.
Il paziente si autovaluta e viene studiato nell’ospedale e seguito dopo l’uscita dall’ ospedale.

Cibi consigliati:

riso e lenticchie pasta e fagioli
2 bicchieri di vino buono al giorno.
2 volte alla settimana carne.
Verdura legumi, olio oliva
Moderato il pesce; 2 o 3 volte la settimana.
Pesce: meglio pesci piccoli,  ancheil  fritto una volta ogni 15gg. Fatto con olio sano.
2 volte settimana formaggio.

COME SI COMPORTANO MEDIAMENTE (erroneamente) GLI ANZIANI

Cosa mangiano in media anziani:
poca frutta – tanto formaggio 3 o 4 volte o 7 porzioni formaggio a settimana…
Legumi, sarebbero consigliate 4 razioni settimana. Non la mangiano.
Invece, gli anziani e non solo,  bevono e mangiano erroneamente: bibite zuccherate, gelati …dolci 
La lattina di Coca Cola contiene tanti carboidrati come un piatto di pasta.
Metà anziani non mangia pesce.
Tutti i giorni dolci.
Frutta secca semi rappresentava la base nutrizione sino al ‘700.
OGGI ne consumiamo poca, troppo poca !!! (ultimamente i prezzi hanno subito un aumento ingiustificato; da quando si dice che fa molto bene).
Gli anziani non sanno mangiare, sono retrocessi negli anni sulla qualità  del cibo.
50% anziani mal nutriti; soprattutto per eccesso di peso.
Alimenti che portano a infiammazione = malattia:
eccesso di zuccheri, carne, formaggi…  poca frutta e verdura.
Glicemia solo il 10% degli anziani risulta iponutrito (non nnutrito a sufficienza).
Diabetici: hanno mangiato e/o bevuto troppo.
Albumina (proteine) : 88% degli anziani è sotto la norma e non è  detto che tutte le proteine animali vadano a destinazione.
Carenza vitaminica : generale.

L’ASP “Golgi – Redaelli” ha un progetto per l’educazione alimentare che CONTINUA nel tempo.

EDUCARE LE PERSONE.
Vivere di più da malati non è  accettabile.
La natura ci offre la possibilità di essere sani da anziani.
Esempio della vecchia dieta mediterranea che sussiste ancora in alcuni angoli più remoti dle nostro Paese: una signora centenaria, faceva il pane senza avere mai fatto palestra ginnastica; ed era in ottima forma.
EDULCORANTI (= dolcificanti) E DANNI ALLA SALUTE
Il pancreas passa il picco glicemico con l’edulcorante come con lo zucchero vero  e si stressa ancora di più nel caso del diabetico.
::::::::::::::::

L’ASP “Golgi – Redaelli”

Istituto Geriatrico “Piero Redaelli”
via Bartolomeo d’Alviano, 78
20146 Milano
Centralino 02 413151
FAX 02 4120871

L’ASP “Golgi – Redaelli” è un’Azienda pubblica e pertanto non ha scopo di lucro; le sue origini risalgono al 1300 e la sua attuale configurazione è il risultato di una evoluzione sostenuta nei secoli dalla generosità e dalla dedizione ambrosiana. Essa oggi costituisce un centro di eccellenza nella fornitura di servizi assistenziali, sanitari e riabilitativi.

I servizi assistenziali sono rivolti alla popolazione anziana, non autosufficiente e a rischio di perdita di autonomia.
Dove e quando la famiglia e/o gli altri servizi del territorio non sono più in grado di rispondere ai bisogni delle persone anziane inizia il nostro lavoro: offriamo servizi residenziali (RSA – Residenza sanitaria-assistenziale) e semiresidenziali (CDI – Centro Diurno Integrato), che comprendono nuclei specializzati, rivolti ad utenti con esigenze specifiche dettate da situazioni patologiche particolari (malati di Alzheimer, malati terminali, persone in stato vegetativo permanente).

I servizi riabilitativi sono in grado di accogliere persone adulte e anziane e comprendono:

  • servizi residenziali (Degenza specialistica, Generale-geriatrica e di Mantenimento)
  • semiresidenziali (Day hospital; Ciclo diurno continuo)
  • ambulatoriali (trattamenti individuali e di gruppo)

I servizi sanitari sono aperti a tutti e comprendono:

  • Laboratorio di analisi cliniche
  • Poliambulatorio di Medicina Fisica e di Fisiopatologia Respiratoria
  • Servizio di Radiologia e Diagnostica per Immagini
  • Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata – ADI.

I servizi vengono erogati in tre diverse sedi:

  • Istituto “P.Redaelli” di Milano
  • Istituto “P.Redaelli” di Vimodrone
  • Istituto “C.Golgi” di Abbiategrasso

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*