Arte low cost – Ma di livello ad ArtFair a Milano

FORMULA VINCENTE DA ANNI

E’ LARTE LOW COST DI AFFORDABLE ART FAIR

Aperta a Milano sino al 28 febbraio 2018

www.affordableartfair.com

86 gallerie con pezzi di autori emergenti e costi da 100 a 6.000 euro.

Un evento che attira, da anni, un pubblico variegato; dagli specialisti, agli appassinati d’arte, ai curiosi, ai neofiti.

DA VISITARE !

NOVITA’ 2018

GALLERIA Blu di Singapore e la GALLERIA Kikai Kikatu di Tokyo.

 

Cinema che diverte – I PRIMITIVI DALL’ 8 FEBBBRAIO 2018

DA VEDERE PER TORNARE A SPERARE COME I BAMBINI E PER RIFLETTERE SUL PRESENTE-FUTURO

I PRIMITIVI – uscirà nelle sale l’8 febbraio 2018

Siamo stanche dei soliti film fatti di violenza e sesso gratuiti, di grandi nomi e solite storie, ma qualch’cosa di buono viene ancora prodotto, non lasciamocelo scappare !

A noi piace il cinema che ci fa sognare; pur suggerendo anche qualcosa di intellettualmente valido.

Il regista ha l’animo di un bambino: Nick Park,  già vincitore di quattro oscar.

Nick Park è il maestro, per eccellenza, dei kolossal di animazione in plastilina: Galline in fuga, Vita da pecora…

I PRIMITIVI – UN KOLOSSAL TRA CAVERNICOLI IN PLASTILINA

Che stupirà soprattutto gli adulti …

I Primitivi, è il frutto di otto anni di lavoro, 300 pupazzi impegnati e 40 set.

La trama in breve: simpatici cavernicoli devono difendersi da presuntuosi uomini dell’età del bronzo. Un giovane di nome Dag è pronto a tutto per salvare la sua casa e la sua tribù.

Dopo tante rovinose ed esilaranti sconfitte, i giovani più svegli imparano ad usare i vulcani ribollenti, i geyser fumanti e le rocce dei canyon, per superare i propri limiti e a credere in sé stessi.

 

 

 

LIBRO – Il diavolo nel cassetto – Paolo Maurensing

 Il diavolo nel cassetto  di Paolo Maurensing

Esce il 30 gennaio 2018

Una “cruda” parabola sul mondo letterario.

Questo libro è un apologo letterario raffinatissimo e coinvolgente su narcisismo e vanagloria.

Lo scrittore rischia sempre di vendere l’anima al diavolo; pur di vendere.

Il libro in breve:

-un borgo svizzero  soffocato dalle montagne dove, si dice, Goethe trascorse una notte per via di un guasto alla carrozza su cui stava viaggiando.

-in questo villaggio tutti scrivono e si danno da fare per trovare un editore

-ed ecco che appare il diavolo; vuole aprire qui una filiale  della sua prestigosa casa editrice …

-solo padre Cornelius  sembra in grado di capire la pericolosità della situazione

Il diavolo nel cassetto, Paolo Maurensing, Einaudi, 13,50 euro.

Sabah – NATURA E’ ANCORA INCONTAMINA


DOVE LA NATURA E’ ANCORA INCONTAMINATA
Da poco tempo qui è stata vietata la caccia alle teste (umane), ma oggi non ci sonopiù pericoli
Sabah è uno stato malese che occupa la parte settentrionale dell’isola del Borneo.
Il monte più alto del paese, il Kinabalu, 4095 m di altezza,  è circondato da caratteristiche guglie granitiche.
Il Paese è noto ai viaggiatori  per le spiagge, le foreste pluviali, le barriere coralline e la ricca fauna selvatica.
Al largo dalla costa, le isole di Sipadan e Mabul sono note agli amanti delle immersioni.
Qui vive i  rinoceronte di Sumatra; molto piccolo.
Purtroppo l’entrata al parco costa ben 400 euro …, ma si può soggiornare nei dintorni e godere del panorama e delle bellezze naturali.

ARTE FIERA – 2 – 5 febbraio 2018 – Bologna

DA NON PERDERE SE AMATE L’ARTE CONTEMPORANEA

ARTE FIERA

2 – 5 febbraio 2018, Bologna

Vernissage 1 febbraio ore 17.00-21.00 (su invito e stampa)

 www.artefiera.it

Arte Fiera

photo courtesy Arte Fiera

Arte Fiera, la fiera d’arte moderna e contemporanea di più lunga tradizione in Italia, da 42 anni autorevole fulcro del mercato dell’arte nazionale, sarà aperta dal 2 al 5 febbraio con preview il primo febbraio.

 

Sono 152 le importanti gallerie chiamate a trasformare i padiglioni 25 e 26 di BolognaFiere in grande piattaforma di arte e dibattito su moderno e contemporaneo, numero volutamente ponderato nell’ottica di mantenere alta la qualità della manifestazione, a cui si aggiungono 30 espositori legati a editoria, grafica e creatività, per un totale di 182 presenze.

Angela Vettese, al suo secondo anno di direzione artistica della manifestazione, mantiene il taglio curatoriale della fiera proseguendo la svolta avviata nel 2017, arricchendo al contempo la kermesse di fondamentali momenti di approfondimento dedicati sia ai singoli artisti che alla riflessione teorica.

 

Con grande attenzione rivolta specificamente al panorama delle gallerie italiane, Arte Fiera 2018 mantiene il suo ruolo di fiera nazionale per eccellenza, puntando a rafforzare il proprio posizionamento “colto”, che si inserisce perfettamente nel tessuto cittadino di Bologna valorizzandone così la sua migliore tradizione di città “dotta”, capace di focus critici così come di momenti sperimentali.

Arte Fiera diventa quindi un magnete inclusivo, che attiva realtà quali FICO, Cineteca, Teatro Comunale, i musei e le fondazioni cittadine, l’Università e moltissimi soggetti privati; tra questi Fondazione Golinelli che proporrà in fiera un’esperienza immersiva in 3D sui temi della mostra ‘IMPREVEDIBILE, essere pronti per il futuro senza sapere come sarà’ (in esposizione al Centro Arti e Scienze Golinelli fino al 4 febbraio).

La veste grafica è affidata anche quest’anno allo Studio Andrea Lancellotti, con cui si è scelto lo sguardo come tema portante: sta agli occhi del visitatore costruire il proprio itinerario di elezione, oltrepassando generi, tecniche e tendenze.

 LE NOVITA’

Arte Fiera 2018 arricchisce l’architettura costruita lo scorso anno con alcune importanti novità.

In programma il 2 e il 3 febbraio il convegno internazionale a cura di Angela Vettese con Clarissa Ricci, intitolato Tra mostra e fiera: entre chien et loup, organizzato in collaborazione con l’Università IUAV di Venezia con il patrocinio dell’Università di Bologna, sul tema della crescente ibridazione tra mostre e fiere: un argomento hot, ma fino a ora poco indagato forse a causa della persistente resistenza di storici, curatori, teorici a mettere in relazione arte e mercato.

Gli incontri saranno a cura di Clarissa Ricci, Cristina Baldacci e Camilla Salvaneschi e vi partecipano accademici, artisti, critici, curatori, editor e altri attori dell’art system. Tra i relatori di spicco anticipiamo la presenza di Terry Smith, Bruce Altshuler e John Rajchman.

La Main Section della fiera vedrà gli approfondimenti della nuova sezione Modernity, il cui concept si rintraccia nell’etimologia del termine: Modernitynon come arte moderna, correntemente intesa come arte del primo Novecento, ma come attualità, dalla radice latina modo.

All’interno di 11 stand i visitatori potranno ammirare piccole mostre personali di artisti meritevoli di uno sguardo più attento.

L’intento è quello di creare un percorso tra artisti diversi per epoca, nazionalità e movimento di afferenza, accomunati dal fil rouge della peculiare rilevanza che distingue il loro lavoro e dal coraggio dei galleristi che hanno deciso di presentarli.

Sono stati pertanto selezionati:

Galleria Alessandra Bonomo • Joan Jonas (USA 1936)

Galleria Maurizio Corraini• Giosetta Fioroni (Italia 1932)

Galleria De’ Foscherari • Gianni Piacentino (Italia 1945)

Galleria Umberto di Marino • Eugenio Spinoza (Venezuela 1950)

Galleria Six • Terry Atkinson (Gran Bretagna, 1939)

Guastalla Centro Arte • Marino Marini (Italia 1901-1980)

Galleria Guidi & Schoen • Olivo Barbieri (Italia 1954)

Galleria Michela Rizzo • Martino Genchi (Italia 1982)

Nuova Galleria Morone • Maria Lai (Italia 1919-2013)

Prometeogallery • Regina José Galindo (Guatemala, 1974)

Studio Guastalla • Emilio Isgrò (Italia 1937)

E ancora, si rafforza ulteriormente il legame con la città e la sezione POLISquest’anno si arricchisce con nuove declinazioni.

POLIS / ARTWORKS comprende installazioni in suggestivi e imprevisti spazi in città, a cura di Angela Vettese con il coordinamento di Nicolas Ballario e in collaborazione con alcune gallerie che partecipano ad Arte Fiera.

In mostra durante i giorni della fiera opere di:

Vito Acconci (USA, 1940-2017) • Osart, Milano

Orto Botanico ed Erbario di Bologna

 

Andreco (Italia, 1978) • Traffic, Bergamo

Palazzo Poggi

 

Valerio Berruti (Italia 1977) • Marcorossi, Milano, Pietrasanta (LU), Verona

Palazzo D’Accursio

 

Alik Cavaliere (Italia 1926-98) • Niccoli, Parma

Orto Botanico ed Erbario di Bologna

 

Mario Cresci (Italia 1942) • MLB Maria Livia Brunelli, Ferrara

Palazzo D’Accursio

 

Giuseppe De Mattia (Italia 1980) • Matèria, Roma

Spazio Carbonesi

 

Sanna Kannisto (Finlandia 1974) • Metronom, Modena

Spazio Carbonesi

 

Luigi Mainolfi (Italia 1948) • Paola Verrengia, Salerno

Biblioteca Universitaria di Bologna

 

Rachele Maistrello (Italia 1986) • Metronom, Modena

Spazio Carbonesi

 

Dennis Oppenheim (USA, 1938-2011) • Montrasio Arte / KM Ø, Milano, Monza (MB)

Museo di Palazzo Poggi

 

Luigi Veronesi (Italia 1908-1998) • 10 A.M. ART, Milano

Museo di Palazzo Poggi

Arte Fiera

photo courtesy Arte Fiera

POLIS / CINEMA, La comunità che viene, a cura di Mark Nash, è una rassegna di film che si tiene sia in fiera che al MAMbo e che riflette sull’identità comunista e postcomunista di una gran parte della cultura sia bolognese che italiana. Assumendo Pierpaolo Pasolini come trait d’union con l’esposizione che lo stesso Nash curò lo scorso anno presso il Museo Archeologico, si pone come un’indagine di immagini del passato che ancora hanno ripercussioni irrisolte o inconsapevoli sul presente.

POLIS / SPECIAL PROJECTS: PERFORMING THE GALLERY, progetto a cura di Chiara Vecchiarelli che esplora le potenzialità operative della performance nel contesto culturale, politico ed economico del contemporaneo. Il progetto è realizzato in collaborazione con Galerie, una galleria immateriale che tratta esclusivamente opere d’arte immateriali. Galerie sarà presente in fiera con la versione performativa dello stand My Body is My Booth, in cui le opere rappresentate vengono performate dai galleristi per la durata della fiera.
Parallelamente, presenterà The Intensive Curses, una serie di workshop aperti al pubblico e tenuti da artisti scelti tra quelli rappresentati, a rendere tangibile lo stretto legame tra la produzione di sapere e di valore. Il programma The Intensive Curses avrà luogo in fiera e presso la Fondazione Collegio Artistico Venturoli dove è prodotto in collaborazione con Art City. Come la galleria, così il workshop si rivela un potenziale mezzo artistico.

POLIS / BBQ, coordinato da Mia D. Suppiej, progetto che connette il lavoro di artist run space e spazi no profit sorti negli ultimi anni a Bologna e offre uno scorcio sulla scena indipendente dell’arte contemporanea in città, con un calendario di mostre, performance e opening.

Si dilata con ulteriori proposte PRINTVILLE, a cura di Amedeo Martegani di A+Mbookstore, la innovativa sezione dedicata alla stampa e alle opere multiple, che come lo scorso anno accoglie i visitatori all’inizio del percorso espositivo.

Novità anche sul fronte digitale: Arte Fiera lancia quest’anno la sua prima App per iOS e Android, rivolta al pubblico italiano e internazionale, che permette un’esperienza di visita ancora più completa, sia per la fiera che per gli eventi città. E’ previsto anche un concorso rivolto agli utenti che utilizzeranno la App e caricheranno una foto scattata durante la fiera. Info su www.artefiera.it

Infine, alcune importanti acquisizioni: la Fondazione Carisbo stanzia il “Fondo Arte Fiera”, fino a 50.000 euro destinati all’acquisizione di una o più opere che andranno ad arricchire le Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, e la Fondazione MASTsceglierà ad Arte Fiera delle opere fotografiche sul tema industria e lavoro per la propria collezione.

LE METE PIU’ SUGGESTIVE PER VIAGGI ROMANTICI.

Ecco come stupire il proprio partner in un viaggio romantico attraverso continenti

Berkeley International, agenzia leader nel settore del matchmaking internazionale,  ha stilato la classifica delle location più romantiche ed esclusive, unite ad il gusto dell’esotico e alla bellezza dei paesaggi tropicali sono gli ingredienti per la perfetta meta romantica secondo Inga Verbeeck, Managing Director di Berkeley International.

10) Al decimo posto della classifica troviamo Bali che, con i suoi scenari pittoreschi e le sue tradizioni, è la soluzione ideale per rilassarsi in spiaggia bagnati dall’acqua cristallina dell’oceano, affrontare altissime onde su tavole da surf o immergersi in splendidi paesaggi sottomarini. Tra sole, divertimento, paesaggi spettacolari ed un romanticismo dai sapori esotici, l’isola di Bali è un sogno diventato realtà.

9) Dall’Asia all’Africa… Fez, vero cuore del Marocco e la più antica delle città imperiali, con la misteriosa ed affascinante Medina, la parte più vecchia della città, permette di perdersi e di lasciarsi inebriare dal fascino, dagli odori, sapori e colori di una bellezza appartenente ad un’altra epoca.

8) Acqua cristallina, sole accecante, barchette colorate attraccate sulle spiagge: Santorini, grazie alla limpidezza dell’azzurro mar Egeo e all’eleganza delle sue tradizionali casette bianche, è considerata la più suggestiva delle isole greche. Niente di più romantico di una vacanza da sogno in un’isola che unisce storia, bellezza, eleganza e mondanità.

7) Kyoto, il luogo perfetto per chi preferisce il fascino orientale delle tradizioni giapponesi alla solita città europea. Adatto a chiunque ami la cucina raffinata e la saggezza di una cultura antica. Con i suoi bellissimi templi buddisti e magnifici palazzi, l’atmosfera di Kyoto è intrisa di pace e serenità. Per vivere un’esperienza davvero romantica si consiglia di fare un giro in barca lungo il canale Okazaki, incorniciato dalla bellezza dei fiori di ciliegio.

6) Tra le isole più affascinanti delle Hawaii, Maui spicca per essere la più romantica con le sue lunghe spiagge di sabbia bianca. Non è da meno Kauai, conosciuta anche come “The Garden Island” e collocata in pieno Oceano Pacifico: con i suoi paesaggi incontaminati, spiagge e cascate è perfetta per chi ama godersi le vacanze lontano dalle folle e per chi vuole dedicarsi completamente al proprio partner.

5) In questa speciale classifica non poteva mancare la Nuova Zelanda che è sinonimo di romanticismo. La meta adatta per amori non convenzionali, con la natura selvaggia a farla da padrona tra montagne, foreste pluviali e ghiacciai, fino alla spiaggia di Tunnel Beach, una delle più belle del mondo, completamente incontaminata e raggiungibile solo attraverso un tunnel di roccia.

4) Isole dell’amore sono anche le Seychelles. Considerate fra le più belle dell’Oceano Indiano e tra le più affascinanti del mondo, Le Seychelles sono un vero e proprio paradiso tropicale dove potersi godere un tête à tête durante un’immersione alla ricerca di pesci colorati o durante una passeggiata nell’entroterra, tra piante rare e montagne spettacolari.

3) Sale sul podio di questa speciale classifica dell’amore Venezia, la città dove gli innamorati possono passeggiare sognanti tra eleganti palazzi rispecchiati nell’acqua dei canali. Non c’è nulla di più romantico di un giro in gondola tra i suggestivi canali di Venezia e di più dolce di un “ti amo” sul famoso Ponte dei Sospiri mentre cala il sole.

2) Il Rajasthan, l’India dei Maharajia ed il più antico ed esotico stato indiano, è sede di alcune tra le città più affascinanti del mondo: dalla labirintica antica città di Jodhpur fino alla magica città deserta Jaisalmer e a Udaipur, la città ideale per i cuori romantici. Tra cammelli, elefanti e storie di principi coraggiosi, questa terra è il luogo ideale per passare mille e una notte in un camp lussuoso sotto il cielo ricco di stelle.

1) Parigi, capitale dell’amore per eccellenza, non può che essere incoronata come la regina delle location romantiche. Non c’è una coppia al mondo che non sogni di camminare mano nella mano sulla riva della Senna o di cenare a lume di candela in uno dei ristoranti più chic della città. Ricevere un bacio sull’alto della torre Eiffel è il sogno nel cassetto di qualsiasi fanciulla.

Ma se si desidera qualcosa di davvero speciale e spettacolare basterà salire su un elicottero e volare tra le nuvole verso la Grande Barriera Corallina del Queensland, Australia. Dall’alto del cielo si riuscirà a delineare uno strano disegno ed in mezzo al mare apparirà, come per magia, un cuore: l’ “Hearth reef Queensland”. È in quel momento che l’amore della vostra vita cadrà ai vostri piedi in un istante.

Salute anziani al Palacongressi di Rimini, 9 e 10 marzo

II Convegno internazionale Erickson
L’ASSISTENZA AGLI ANZIANI
Metodi e strumenti relazionali

Gli approcci non farmacologici per prendersi cura degli anziani fragili
nel rispetto della dignità della persona

Palacongressi di Rimini, 9 e 10 marzo 2018

Oggi gli anziani nel mondo sono 900 milioni,

-nel 2050 saranno 2 miliardi.

In questo contesto, l’Italia si inserisce come il Paese più vecchio d’Europa e secondo al mondo, dietro al Giappone.

Di fronte a questi dati il tema dell’assistenza agli anziani non autosufficienti sta assumendo, a livello globale, un ruolo sempre più centrale.

Il dibattito, però, tende a concentrarsi principalmente su aspetti medici, economici, manageriali.

Spesso i farmaci vengono usati come mezzo di contenzione, in alternativa a quella fisica, sia nelle strutture residenziali sia a casa.

Minore attenzione è attribuita alla necessità di innovazione verso una metodologia esistenziale: come rispettare l’umanità e i diritti profondi degli anziani fragili e come coinvolgere le famiglie nel prendersi cura?

Come evitare che si sentano solamente l’oggetto di pratiche assistenziali?

E allo stesso tempo, come favorire il benessere degli operatori?

Anche a questo tema sono dedicate le due giornate del II Convegno internazionale organizzate dal Centro Studi Erickson – in programma venerdì 9 e sabato 10 marzo al Palacongressi di Rimini – che vogliono porsi come luogo d’incontro e di dialogo, offrendo spunti concreti e approcci innovativi che mettano al centro la relazione.

Esperti di fama internazionale svilupperanno una riflessione sugli approcci non farmacologici per prendersi cura delle persone anziane con deterioramento cognitivo o demenza.

Ciò che accomuna i differenti approcci non farmacologici, più umani e ottimisti, è il porre la persona con demenza al centro della relazione, mantenendo intatta l’integrità e la dignità dell’anziano. Solamente agendo in questo modo, costruendo un rapporto di fiducia tra professionisti, anziani e familiari, si può parlare davvero di relazione di cura.

Gli approcci non farmacologici si sviluppano attraverso alcuni punti fondamentali:

Coinvolgere la persona anziana nelle situazioni e nelle decisioni che la riguardano il più possibile, evitando azioni e atteggiamenti che ledano la sua dignità e valorizzando le capacità e le sue competenze residue.
Accettare la persona con tutte le sue caratteristiche e sfaccettature. È necessario essere consapevoli del fatto che una persona non può cambiare se non è lei a volerlo, quindi è importante focalizzarsi su quello che una persona è e non su quello che vorremmo fosse.
Adattare spazi e attività rispettando esigenze, preferenze e tempi della persona. Se si mette l’anziano al centro, sarà più facile agire e porsi in modo propositivo. Ascoltarlo, “mettersi nei suoi panni” è fondamentale per relazionarsi con lui in modo efficace.
Valorizzare il background culturale e la storia di vita della persona tenendo ben presente che ognuno di noi, compreso l’anziano fragile e disorientato, è unico e irripetibile.

E ancora si parlerà di come riconoscere i maltrattamenti e ripensare le relazioni nelle istituzioni (ad esempio RSA, centri diurni, reparti di ospedale); di come comprendere e gestire i disturbi comportamentali nell’anziano affetto da demenza; della soggettività dell’anziano nelle relazioni di cura; del sostegno agli anziani a domicilio; degli ambienti “su misura”.

Tra i relatori del Convegno segnaliamo la docente di Studi sulla Demenza presso il Centro di Studi Applicati sulla Demenza dell’Università di Bradford Murna Downs sull’eredità di Tom Kitwood; l’antropologo e scrittore Marco Aime sui pregiudizi dell’età anziana; la testimonianza di Kathy Ryan sull’Alzheimer precoce, Rabih Chattat, professore associato presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna, sull’ascolto e le attitudini alla cura; Fabio Folgheraiter, professore di Metodologia del lavoro sociale all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e co-fondatore del Centro Studi Erickson, sull’importanza della relazione; e il sociologo Pierpaolo Donati.

 

La Repubblica Dominicana alla BIT – Mare e natura

11 al 13 febbraio alla fiera BIT 2018 a Milano-fiera

L’Ente del Turismo dominicano presenta le novità e i piani di promozione per il 2018

ACQUE INCONTAMINATE, PARCHI NAZIONALI SUPER-PROTETTI, ANGOLI DEI CARAIBI DI UN TEMPO

PER TUTTI LUNGHE SPIAGGE E DIVERTIMENTO

 La Repubblica Dominicana conferma la sua presenza dall’11 al 13 febbraio alla BIT – Borsa Internazionale del Turismo c/o Fiera Milano City (Stand. E121-F122 Pad. 4).

Continua quindi la volontà dell’Ente di differenziare l’offerta sul mercato, mettendo in evidenza la grande varietà di prodotti ed esperienze:

partendo dalla costa a sud-est dell’isola, rinomata per la presenza di voli diretti e di resort all inclusive dotati di ogni comfort per la vacanza in famiglia;

passando dalla vivace capitale Santo Domingo, ricca di storia e cultura; fino alla aree di Barahona a sud ovest, Puerto Plata al nord e Samanà al nord est ideali per l’eco-turismo, Cabarete e Sosua mete per gli sportivi o ancora il cuore verde del paese ricco di montagne, parchi naturali e villaggi autentici dove poter assaporare la vera anima della destinazione.

Per il 2018 il focus dell’Ente sarà sul segmento lusso, al fine di promuovere l’offerta di alta gamma della destinazione: esperienze uniche, campi da golf firmati e boutique hotel esclusivi.

Tra le più recenti aperture: Casas del XVI, la lussuosa collezione di dimore coloniali affiliata a Small Luxury Hotels of The World™ nel cuore di Santo Domingo, ha aggiunto al suo portfolio a novembre, Casa Antillana, una nuova e preziosa casa che si aggiunge alle altre quattro case già esistenti.

Il Paese si distingue anche nel settore crocieristico che ha chiuso un 2017 senza precedenti, registrando un vero e proprio record con 1.546.444 presenze da gennaio a dicembre e una crescita del 37.45% rispetto al 2016. Tra tutti, Amber Cove di Puerto Plata, sulla costa nord, si è confermato il principale terminal con 659.622 arrivi.

Quest’anno, sarà presente in fiera anche l’Assessore Marketing, Magaly Toribio in qualità di rappresentante del Ministero del Turismo. Tra i partner presenti allo stand, ci saranno il gruppo Viva Wyndham Resorts e Colonial tours & travel, operatore incoming.

Per maggiori informazioni:
Ente del Turismo della Repubblica Dominicana
Piazza Castello, 25 20121 Milano / Tel. 02 8057781
www.godominicanrepublic.com

L’Ente sarà in fiera, assieme ai partner per incontrare operatori, media, pubblico e promuovere le novità per il 2018. Oltre alla Direttrice Neyda Garcia e al team dell’Ufficio del Turismo di Milano parteciperà a questa edizione anche un rappresentante del Ministero: l’Assessore Marketing, Magaly Toribio.

“Il 2017 è stato un anno di crescita per la destinazione, che ha accolto oltre 6 milioni di arrivi totali di cui 5.354.017 turisti non residenti con un incremento del 4,3% rispetto all’anno precedente – afferma la Direttrice del’Ente del Turismo in Italia, Neyda García – L’Europa ha contribuito con 1.386.466 arrivi (+13,7) e in particolare l’Italia ha registrato 78.747 arrivi (+2,7%).” Continua Neyda Garcia – “Siamo soddisfatti di questo trend positivo dall’Italia che si conferma un mercato importante per la Repubblica Domicana. Anche per il 2018 le strategie di marketing dell’Ente prevedono attività specifiche sui diversi segmenti, leisure e business, con sempre maggiore attenzione ai viaggiatori di alta gamma”.

Arte a Napoli – Mario Merz

ARTISTA, ARCHEOLIGO, FILOSOFO E SCULTORE:

MARIO MERZ

CASAMADRE

Sino al 10 febbraio 2018 a

QUANTO VALE MERZ SUL MERCATO DELL’ARTE ?

I suoilavori d’arte variano da 8 mila euro a 500 mila (per gli igloo di maggiori dimensioni).

Alla metà degli anni Sessanta, Mario Merz ((Mailand 1925 – Torino 2003) ) realizza i primi lavori al neon: la luce è usata per trapassare oggetti di uso quotidiano.

L’arte è l’unica cosa che permette di attraversare le cose. È un processo di attraversamento, non di arrivo”, Sostiene Mario Merz.

Poi Merz “scopre” l’igloo: realizzati con materiali diversi, privilegiando la fusione tra organico e inorganico, naturale e industriale.

Strutture primitive, potenzialmente abitabili, nuclei arcaici e primordiali; siamo alla nascita dell’Arte Povera che include Merz tra gli artisti che provano un nuovo tipo di approccio verso lo spazio-tempo e la materia.

Dal 1970 il lavoro di Merz si avvicina alle sequenze di Fibonacci: adotta la sequenza aritmetica elaborata dal matematico italiano vissuto tra il XII e il XII secolo, utilizzandolo come strumento di misura armonica.

Alla fine degli anni settanta, Merz tornò all’arte figurativa, delineando grandi immagini di animali arcaici (come coccodrilli, rinoceronti e iguane), su tele non incorniciate di grandi dimensioni.

MUSEO MADRE

Casamadre

Piazza dei Martiri – Palazzo Partanna, 58 • Napoli

NAPOLI

Lunedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato 10.00 ⋅ 19.30 — Domenica 10.00 ⋅ 20.00
La biglietteria chiude un’ora prima / Martedì chiuso / Lunedì ingresso gratuito

Arte a Roma – Giovedì 1 febbraio MNA XXI secolo e al MAXXI dal 2 febbraio 2018

Giovedì 1 febbraio al Museo nazionale delle arti del XXI sec di Roma avrà luogo il vernissage della mostra:

Nanda Vigo. Arch-arcology

a cura di Domitilla Dardi

al MAXXI dal 2 – 25 Febbraio 2018

 Per il programma Studio Visit, con Arch-arcology Nanda Vigo porta al MAXXI uno spazio in cui i visitatori potranno entrare e muoversi, che nasce come omaggio al visionario architetto Paolo Soleri, i cui lavori sono conservati nella collezione del MAXXI Architettura.

DonnE…Cultura